Agile Project Management. Ing. Roberto Chiavaccini Ordine degli Ingegneri di Livorno Seminario 18/12/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agile Project Management. Ing. Roberto Chiavaccini Ordine degli Ingegneri di Livorno Seminario 18/12/2014"

Transcript

1 Agile Project Management Ing. Roberto Chiavaccini Ordine degli Ingegneri di Livorno Seminario 18/12/2014

2 Cos'è? Un aiutino: è stato ideato nel 1902 dall'ingegnere tedesco Max Rietz

3 Il Regolo calcolatore Il Regolo calcolatore era il simbolo degli ingegneri! All'Università ve l'hanno insegnato? Lo utilizzate?

4 Cos'è?

5 Un aiutino è stato ideato nel 1917 dall'ingegnere americano H. Gantt, collaboratore del più famoso ingegnere F. W. Taylor

6 Il Gantt È il simbolo del metodo progettuale classico definito, dal PMI (Project Management Institute), Predittivo!

7 Il Gantt A Ingegneria vi hanno insegnato il Gantt ed il Metodo Predittivo? Li utilizzate?

8 Il Metodo predittivo Di seguito alcune considerazioni sul Metodo Predittivo basandole sul PMBOK5 del PMI, principale referente mondiale di Project Management

9 PMBOK5 Nei cicli di vita predittivi si determinano (si prevedono) il prima possibile Ambito (il perimetro del progetto ovvero le cose da fare, chi le farà,..),tempi e Costi per realizzare il progetto (Concept Paper)

10 Metodo Predittivo Questi tipi di progetto passano attraverso una serie di fasi sequenziali o sovrapposte.

11 Sa lm W at er fa ll on i?

12 Problemi Nella progettazione a cascata sono necessari continui feedback informativi (effetto salmone) che, purtroppo, dilatano tempi e costi

13 Metodo Predittivo Il lavoro svolto in una fase è generalmente di natura diversa da quello della fase precedente o successiva quindi la composizione e le capacità (le specializzazioni) richieste al Team di progetto (di Sviluppo) possono variare di fase in fase

14 Le Specializzazioni creano Problemi Silos Tayloristici Silos

15 Metodo Predittivo Il Metodo predittivo dovrebbe essere preferito quando il prodotto da fornire è noto, quando esiste una base sostanziale di prassi del settore (delle Best Practices) o laddove un prodotto debba essere integralmente realizzato prima di avere Valore per i clienti e/o per altri Stakeholders

16 Dubbi Vi possono essere alcuni dubbi sulla prima e sulla seconda affermazione (presuppongono delle certezze che, vedremo, sono oggi molto difficili) ma è soprattutto sull'ultima che vi invito a riflettere

17 Dubbi La realizzazione integrale al buio (prima cioè di avere Valore per i clienti ovvero per chi pagherà) presuppone infatti: O un grande azzardo proviamo comunque a sviluppare il prodotto ed... io speriamo che me la cavo!

18 Dubbi O stabilire preliminarmente, magari con un'analisi di Marketing, ciò che vogliono i clienti imponendo loro, con un Contratto, di non cambiare mai più idea

19 Metodo Predittivo Purtroppo, data l'attuale dinamica ambientale, i Bisogni dei Clienti evolvono molto rapidamente e non si può impedir loro di cambiare idea trincerandosi dietro un Contratto!

20 Gestione adattiva È evidente infatti che, contratto o non contratto, se per il cliente la colpa della sua insoddisfazione è del fornitore in seguito non comprerà più e magari. renderà difficili gli attuali pagamenti!

21 Metodo Predittivo Purtroppo oggi Incertezza e Complessità regnano sovrane

22 Metodo Predittivo Il nostro (degli ingegneri più anziani ) bel Mondo Razional Meccanicistico (tutto è e deve essere noto a priori, il prima possibile) è scomparso

23 Metodo Predittivo Ed il metodo predittivo non è più sufficiente!

24 Metodo Predittivo Le statistiche internazionali ce lo confermano: nei progetti complessi ed incerti gestiti in modo predittivo, le previsioni di Tempo sono rispettate solo nel 10% dei casi

25 Metodo Predittivo Ma il peggio è che anche l'ambito ed i Costi sono rispettati solo nel 10% dei casi

26 Metodo Predittivo Il che vuole dire che le previsioni sono rispettate. nel 1/1000 dei casi: è un po' poco per essere solo sfortuna!

27 Metodo Predittivo Molti poi sono scoraggiati dal tempo e dai costi di implementazione del Metodo

28 Metodo Predittivo In tal caso si rinuncia e si ricorre al classico Just do It (empirismo manageriale)

29 Just Do It Purtroppo con l'empirismo manageriale le cose vanno anche peggio!

30 Just Do It In Italia poi, per carenze di insegnamento di Project Management da parte delle Università, l'empirismo la fa decisamente da padrone

31 Taylor & Gantt In fin dei conti però, Taylor e Gantt una qualche ragione l'avevano: è il metodo scientifico sperimentale e non l'empirismo che dovrebbe essere alla base del Management e, quindi, anche del Project Management!

32 Taylor & Gantt Perché allora, se il Principio è valido, le soluzioni del Taylor e del Gantt oggigiorno danno risultati non troppo brillanti?

33 Taylor & Gantt È ovvio, i due ingegneri avevano formulate le loro proposte 100 anni fa in un mondo ben diverso dall'attuale e ormai sono,... come il Regolo, un po' obsolete!

34 Ohno & Shingo Fortunatamente altri ingegneri (bene o male il Management operativo ha una grossa base ingegneristica ), in particolare i giapponesi Taichi Ohno e Shigeo Shingo (ve ne hanno mai parlato?), hanno aggiornato le soluzioni del Taylor e del Gantt

35 Ohno & Shingo Gli ingegneri giapponesi hanno sviluppato tali nuove soluzioni manageriali ancora scientifiche ma post Taylor, universalmente conosciute come Lean Thinking, applicandole alla Toyota con ottimi risultati sperimentali!

36

37 Agile Project Management Oggi il Lean Thinking, sulla scia di Toyota, è applicato anche allo Sviluppo e prende vari nomi: Agile Project Managerment è uno di questi

38 Agile Generalmente con Agile ci si riferisce allo sviluppo di prodotti SW con specifici metodi Lean emersi a partire dai primi anni 2000

39 Agile Tali metodi sono basati sui princìpi del "Manifesto Agile" pubblicato nel 2001 ad opera di 17 professionisti dello sviluppo SW

40 Lean Oltre ad Agile altri nomi che potreste sentire sono: Lean Product Development per l'industria manifatturiera Lean Costruction/Last Planner per l'edilizia Lean Government (per la pubblica amministrazione) Lean Healthcare (per la sanità) ---

41 Agile Io preferisco parlare genericamente di Lean Project Management riferendolo così a tutte le tipologie di progetti lasciando il termine Agile per lo sviluppo SW

42 Agile Purtroppo per me il PMI definisce Agile il Metodo Adattivo che vedremo subito dopo e se lo dice il PMI ubi maior.

43 Agile Di recente il PMI ha addirittura introdotto una specifica certificazione (PMI-ACP)SM - PMI Agile Certified Practitioner

44 Lean Project Management Perchè Lean? Se ci pensate bene nella maggior parte dei casi il problema centrale nello Sviluppo di quasi tutti i prodotti è, soprattutto oggi, la mancanza di Conoscenza che hanno sia i Clienti che i Progettisti

45 Lean Project Management Oggi il mondo cambia molto rapidamente e, quindi, per competere, si deve puntare sempre di più sull'innovazione cioè su cose che, per definizione, né i clienti né gli sviluppatori conoscono

46 Un assioma famoso Se fossi stato a sentire i miei clienti avrei prodotto una carrozza più veloce! H. Ford

47 Lean Project Management Ed è proprio la mancanza di Conoscenza che rende velleitario il metodo predittivo

48 Lean Project Management Se infatti manca la conoscenza è impossibile pretendere di restare nella comfort zone, quella zona dove siamo, dove sappiamo cosa fare e dove possiamo prevedere esattamente e a priori cosa fare, magari pianificandolo con un Gantt

49 Lean Project Management In un mondo che cambia rapidamente si deve uscire volontariamente dal comfort per entrare nella zona dell'apprendimento

50

51 Lean Project Management Se infatti il rimettere sempre tutto in discussione (il sano dubbio galileiano eppur si muove!) e l'apprendimento continuo non entrano nel nostro DNA rischiamo il fallimento da panico in presenza delle inevitabili situazioni nuove

52 Lean Project Management Panico perché, se ci adagiamo nella comfort zone e non impariamo a reagire ai cambiamenti ambientali, non solo non sapremo come risolvere i problemi dell'innovazione ma non sapremo neppure come affrontarli

53 Conoscenza & Sviluppo Fortunati allora quei tecnici che possono gestire processi ongoing relativamente Well Structured

54 Conoscenza & Sviluppo Tali processi possono infatti essere mappati e, quindi, ottimizzati (per il Lean in ottica del Valore per il cliente ed ilvsm Value Stream Mapping è una delle tecniche di base del Lean Manufacturing)

55 Well Structured Un processo è mappabile quando le sue attività, la loro sequenza ed i processi di controllo associati sono stabili e possono a priori essere descritti (abbastanza) accuratamente

56 Conoscenza & Sviluppo È quello che si fa anche nello Sviluppo con il metodo Predittivo utilizzando i reticoli di pianificazione (ad esempio il CPM-Critical Path Method), il Gantt e l'earned Value

57 Conoscenza & Sviluppo La Progettazione purtroppo è oggi (non ai tempi del Gantt) un Processo di ricerca e apprendimento a prova ed errore nello spazio della Conoscenza

58 Conoscenza & Sviluppo Oltretutto, per complicare la vita, i progetti devono avere ben definite date di inizio e di termine: non c'è quindi molto tempo per recuperare gli errori

59 Conoscenza & Sviluppo La progettazione è, bene che vada, un processo Semi-Structured (ancora mappabile ma con molti If/Then)

60 Semi-Structured Solo una parte di un processo semi-strutturato può essere definita in anticipo mentre un'altra parte non può essere completamente specificata sia per tipo e sequenza delle attività che per le modalità di controllo

61 Conoscenza & Sviluppo Più spesso è però un Processo Knowledge-Based, assolutamente non mappabile e, quindi, non ottimizzabile e predicibile

62 Knowledge-based I processi knowledge based sono difficili da definire in anticipo e non possono avere transazioni fisse e strutture rigide in quanto le loro attività nascono da continue interazioni fra attori diversi e sinergici (a partire dai clienti)

63 Knowledge-based A priori, nei Processi Knowledge- based, si possono solo definire i Partecipanti e l'elenco delle Cose ancora da Fare (in gergo Agile il Backlog) con l'ovvia necessità che tempi e costi dell'apprendimento siano i più bassi possibile

64 Oltre la gestione classica Per muoversi meglio nello Spazio della Conoscenza, il Lean spinge a utilizzare una gestione incrementale ed iterativa o, meglio, adattiva (PMBOK /.4)

65 PMBOK5 I cicli di vita incrementali ed iterativi sono quelli in cui le fasi ripetono intenzionalmente (si ripete per capire meglio e per migliorare) una o più attività del progetto mentre aumenta la comprensione del prodotto da parte del team di progettazione

66 Oltre la Cascata Una gestione Lean incrementale ed iterativa richiede di svolgere lo Sviluppo con modalità: Knowledge Based Front Loaded (metodo 3P della Toyota) Pull

67 Knowledge Based Sviluppo Knowledge Based vuol dire che, per muoversi nello spazio ignoto della Conoscenza, sono necessari, come detto, adeguati e continui (veloci) cicli di Apprendimento convalidati da sperimentazione

68 Knowledge Based Tali cicli, basati sul metodo scientifico-sperimentale, sono i classici PDCA (Plan, Do, Check, Act) Almeno il ciclo PDCA di apprendimento ve l'hanno insegnato (dico ai più giovani) all'università?

69 Knowledge Based Una banale conseguenza: se per migliorare i risultati e per ridurre i rischi si deve Apprendere, è necessario poter cambiare le cose e non scriverle a priori sulla pietra

70 Knowledge Based È allora sbagliato scegliere da subito, in fase Plan, la prima soluzione che si ritiene (o che il capo per fretta e pregiudizio ritiene) la migliore per soddisfare le specifiche iniziali (Point Based Engineering)

71 Knowledge Based È molto più ragionevole ipotizzare molte soluzioni, in comune però, in quanto più occhi. vedono meglio di pochi, fra tutti gli attori del ciclo di vita

72 Knowledge Based Questo lo si fa utilizzando il Brainstrorming che rende il Plan una fase creativa a imbuto divergente

73 Knowledge Based Una volta trovate molte soluzioni si devono, dopo adeguate prove sperimentali (Do e Check), selezionare (Act) quelle migliori!

74 Knowledge Based Tali prove, generalmente grezze e veloci (dirty & quickly), serviranno a scartare (metodo incrementale a imbuto convergente) le soluzioni peggiori

75 Knowledge Based Si manderanno avanti le soluzioni potenzialmente migliori da sottoporre ad analisi più accurate (metodo del Set Based Engineering definito anche Toyota Paradox)

76 Knowledge Based Per poi congelare le soluzioni prescelte o, se necessario od opportuno, cambiarle ancora, mano a mano che migliora la conoscenza!

77 Front Loaded Front Loaded vuol dire collaborazione fra tutti gli attori del Ciclo di vita in tutte le fasi dello Sviluppo, per evitare l'effetto salmone

78 Front Loaded Alcuni prevedono di farlo solo nella fase del Concept Paper previsionale ma, secondo me, questo è sbagliato

79 Front Loaded Si devono continuamente Coinvolgere nel Team di sviluppo anche gli specialisti di Marketing, Produzione, Montaggio,, rompendo i tradizionali Silos Tayloristici!

80 Concurrent Engineering

81 Pull Pull vuol dire far pianificare il lavoro, a ciclo breve, dagli stessi sviluppatori delegando a loro le scelte delle attività da svolgere (sono loro gli Owners del Processo)

82 Pull Ed il coinvolgimento motiverà gli sviluppatori molto meglio che non la tradizionale gerarchia

83 Pull Per il Lean la ripianificazione pull deve essere frequente (pochi giorni) durante bervissimi Stand up meeting utilizzando strumenti visuali (Visual Project Board)

84 Visual Workflow Management

85 Per riassumere Di seguito vi propongo uno schema riassuntivo dello Sviluppo Incrementale ed Iterativo

86 Steering Committee Gates Business Case Preliminary Processes

87 Cicli Adattivi - PMBOK5 I cicli di vita adattivi, noti anche come metodologia Agile, sono volti a rispondere agli alti livelli di modifiche e al continuo coinvolgimento degli Stakeholders (in particolare dei clienti)

88 Gestione adattiva La gestione adattiva, nota anche come Scrum, è un'estremizzazione di quella incrementale ed iterativa

89 Gestione adattiva Scrum spinge ad aggiornare ad ogni Sprint (brevi intervalli iterativi di tempo, da 2 a 4 settimane) anche i Requisiti in base all'aumento della Conoscenza che non solo gli Sviluppatori ma che gli stessi Clienti (e gli altri Stakeholders) avranno durante lo Sviluppo

90 Gestione adattiva Nella gestione adattiva gli Sprint devono portare a dei Risultati, parziali ma concreti (i classici Deliverables), che però i Clienti e gli altri Stakeholders possano provare e approvare, magari tramite Deliverables ad hoc (MVP Minimum Viable Products)

91 Gestione adattiva In Scrum il Controllo a maglia stretta viene svolto ad ogni Sprint dal Product Owner (il PO rappresenta i Clienti e gli altri Stakeholders), un nuovo Ruolo, diverso dai classici Product Manager e Project Manager

92 Il PO Il PO è lo Zar del prodotto (non del processo che è, come detto, di proprietà del team di sviluppo) in quanto durante il ciclo di vita, rappresentando i clienti, ha tutti i poteri sullo stesso

93 Gestione adattiva La gestione adattiva è sicuramente necessaria nello sviluppo del SW e dei Servizi (generalmente i clienti si rendono conto delle vere funzionalità solo dopo averle effettivamente provate)

94 Gestione adattiva Oggi è però opportuna anche nello Sviluppo dei Prodotti manifatturieri

95 Gestione adattiva Si tenga presente oltretutto che oggi i prodotti manifatturieri: possono essere simulati tramite SW per costruire degli MVP la maggior parte ha una sostanziale componente SW che ne definisce le funzionalità

96 Gestione adattiva In sintesi la metodologia adattativa è la successiva

97 Gestione adattiva Steering Committee Sprint Preliminari per Gate valutare il Business Case Sprint 1 Sprint i 2-4 settimane PO Committee PO Committee Events Events Steering Committee Gate Sviluppo Incrementale e Adattivo del Prodotto Sprint n PO Committee Events Sprint n+1 PO Committee Events PO Committee Events

98 Gestione adattiva Sprint iterazione a periodo fisso (2-4 settimane) Scope (Ambito) Event: Requirements Sprint Planning Event Visual Workflow Management (Stand-up Meeting) Attributes Configuration Risk 3P PO Committee Events Design Review & Freeze Event Retrospective Event

99 Conclusioni Avendo detto che sono un po' obsoleti, quale strumento (Lean) vi propongo al posto del Gantt e del Earned Value?

100 Conclusioni Ma è ovvio lo Scrum Board con la sua Burndown Chart!

101 To do Ongoing Done Sprint Goal

102 Conclusioni Ma c'è uno strumento ancora più Lean, magari utilizzabile anche individualmente, per programmare le proprie attività?

103 Conclusioni Ma certo: il Kanban Board!

104 Kanban Board Limiti Kanban (WiP)

105 Bibliografia essenziale PMBOK5 Lean Thinking, J. P. Womack e D. T. Jones, Guerini e Associati Essential Scrum, K. S. Rubin, AddisonWesley Series Agile Estimating and Planning, M. Cohn, Prentice Hall Innovazione Lean, L. Attolico, Hoepli

106

Agile Project Management

Agile Project Management Agile Project Management Ing. Roberto Chiavaccini già docente Facoltà di Ingegneria di Pisa Seminario del 15 Maggio 2015 Cos'è? Un aiutino: è stato ideato nel 1902 dall'ingegnere tedesco Max Rietz Quando

Dettagli

Lean Project Management

Lean Project Management Perchè Toyota e il Sistema Lean Andrea Pinnola Socio PMI-NIC, Project Manager Telecom Italia Milano, 22 febbraio 2008 Indice della presentazione Perche` Toyota Il Lean Thinking Introduzione al Lean Thinking

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Makers

Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Makers Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Gestire la complessità, adattarsi al cambiamento. Velocemente. Questa è la sfida quotidiana di ogni manager, sia in campo IT che in tutti

Dettagli

Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it. Ing.Ezio MIOZZO

Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it. Ing.Ezio MIOZZO Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it 1 Indice Il contesto Metodologie Agili L extreme Project Management Lean Thinking o pensiero Snello Convergenza dei vari approcci 2 Contesto Da

Dettagli

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi Un team agile allo sprint 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi una questione di leggerezza COMPLESSITÀ VARIABILITÀ SPRECHI SOVRA-ALLOCAZIONI COLLI DI BOTTIGLIA DEBITO BUSINESS/TECNICO RIDURRE TEMPI ATTESA RIDURRE

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

Gli strumenti del project management

Gli strumenti del project management Gli strumenti del project management Il ciclo di pianificazione e controllo dei progetti Pianificazione e controllo è il processo mediante il quale si governa lo svolgimento di un attività. In sostanza

Dettagli

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami Echi da Amsterdam Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009 Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile Relatore: Bruna Bergami PMI NIC - Tutti i diritti riservati Milano, 19 Giugno

Dettagli

Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software

Sviluppo Agile. Prof. Filippo Lanubile. Processo software Sviluppo Agile I processi (di sviluppo) del software bisogni nuovi o modificati Processo software Prodotto software nuovo o modificato Un processo software descrive quali sono le attività che concorrono

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015

INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015 INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015 INTRODUZIONE Il Project Management è una competenza manageriale di base, trasversale a tutti i settori. Anche in Italia si sta affermando

Dettagli

Certified ScrumMaster

Certified ScrumMaster Obiettivo del corso L obiettivo del corso è quello di imparare Scrum utilizzandolo all interno di un corso organizzato con Scrum! Con questo corso ufficiale di 2 giorni sarà possibile sostenere l esame

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Dalla Lean Manufacturing alla Lean Strategy passando per il Kata: Un diverso approccio al Lean Thinking. Roberto Chiavaccini

Dalla Lean Manufacturing alla Lean Strategy passando per il Kata: Un diverso approccio al Lean Thinking. Roberto Chiavaccini Dalla Lean Manufacturing alla Lean Strategy passando per il Kata: Un diverso approccio al Lean Thinking Roberto Chiavaccini Nel 1937 la durata della vita di successo delle principali imprese USA (Fortune

Dettagli

PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM.

PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM. PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PER AGENTI DEL CAMBIAMENTO LEAN: IMPARARE A TRASFORMARE LA SANITÀ ATTRAVERSO IL TOYOTA MANAGEMENT SYSTEM. 26-29 SETTEMBRE 2013 LAGO DI GARDA CREDITI ECM LEAN HEALTHCARE MANAGEMENT

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Webinar: Questo Matrimonio s ha da fare!

Webinar: Questo Matrimonio s ha da fare! The Swirl logo is a trade mark of AXELOS Limited The PRINCE2 Accredited Training Organization logo is a trade mark of AXELOS Limited Webinar: Questo Matrimonio s ha da fare! 19 Settembre / 13.00-14.00

Dettagli

RANDY RICE ROMA 15-17 GIUGNO 2009 ROMA 18-19 GIUGNO 2009 ARESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

RANDY RICE ROMA 15-17 GIUGNO 2009 ROMA 18-19 GIUGNO 2009 ARESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA RANDY RICE STRUCTURED USER ACCEPTANCE TESTING APPROCCI INNOVATIVI AL SOFTWARE TESTING ROMA 15-17 GIUGNO 2009 ROMA 18-19 GIUGNO 2009 ARESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ

METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ Francesca Ciarpella Fermo 14 e 15 novembre 2013 SPENDING REVIEW TAGLI ALLA SANITÀ AUMENTO DELLA DURATA DELLA VITA MEDIA

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1 Scrum Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 1.0 Pag. 1 Scrum è uno dei processi agili (www.agilealliance.com) il termine è derivato dal Rugby, dove viene chiamato Scrum il pacchetto

Dettagli

Valore per il cliente

Valore per il cliente CULTURA LEAN PER LE IMPRESE www.cspmi.it Valore per il cliente ed efficienza dei processi Progetto di formazione in Lean Management Forlì, febbraio - giugno 2014 In partnership con: Sempre un passo avanti.

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

lean startup a cura di Irene Cassarino e Cosimo Panetta

lean startup a cura di Irene Cassarino e Cosimo Panetta COS E IL METODO lean startup a cura di Irene Cassarino e Cosimo Panetta Il metodo Lean Startup si fonda sui principi del Lean Manufacturing, e li trasferisce, li adatta e li applica al contesto dell imprenditoria,

Dettagli

STIMA E RETICOLO DI PROGETTO

STIMA E RETICOLO DI PROGETTO STIMA E RETICOLO DI PROGETTO 1 Sindrome dello Studente Accade che le persone inizino ad applicare pienamente se stesse a un compito, solo all'ultimo momento possibile prima della scadenza. Eliyahu M. Goldratt

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ARIE VAN AGILE PROJECT MANAGEMENT CON CERTIFICAZIONE

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ARIE VAN AGILE PROJECT MANAGEMENT CON CERTIFICAZIONE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ARIE VAN BENNEKUM AGILE PROJECT MANAGEMENT CON CERTIFICAZIONE ROMA 16-17 NOVEMBRE 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

Quali passi per introdurre l Agile in azienda?

Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Garantire reattività e prontezza in uno scenario sempre più dinamico Quali passi per introdurre l Agile in azienda? White Paper Nell attuale contesto di mercato,

Dettagli

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96

Sommario. 3.1 Introduzione... 91 3.2 I fondamenti del Six Sigma... 92 3.3 Perché il Lean Six Sigma nei servizi?... 96 1. Il Lean Thinking Nelle Aziende Di Servizi 1.1 Introduzione... 27 1.2 Significato di azienda di servizi... 28 1.2.1 Intangibilità dei servizi... 29 1.2.2 Contestualità tra produzione e consumo... 29

Dettagli

Maturità delle organizzazioni PMI & PMI L approccio al Project management nelle Piccole e Medie Imprese

Maturità delle organizzazioni PMI & PMI L approccio al Project management nelle Piccole e Medie Imprese Maturità delle organizzazioni PMI & PMI L approccio al Project management nelle Piccole e Medie Imprese Stefano Setti PMP Blulink srl ssetti@blulink.com PMI & PMI Piemmeì? Piemai? (Piccole Medie Imprese

Dettagli

Corso di Specializzazione LEAN DESIGN EXPERIENCE WORKSHOP Progettare nuovi prodotti in modo snello

Corso di Specializzazione LEAN DESIGN EXPERIENCE WORKSHOP Progettare nuovi prodotti in modo snello Corso di Specializzazione LEAN DESIGN EXPERIENCE WORKSHOP Progettare nuovi prodotti in modo snello OBIETTIVI Il Lean è una filosofia che sta cambiando il modo di operare delle imprese e che può portare

Dettagli

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland The Scrum Guide La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco Ottobre 2011 Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland Indice Scopo della Guida Scrum... 3 Overview di Scrum... 3 Scrum Framework...

Dettagli

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Firenze, 6 marzo 2013 Consiglio Regionale della Toscana Evento organizzato dal Branch Toscana-Umbria del PMI NIC Walter Ginevri, PMP, PgMP, PMI-ACP

Dettagli

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Un percorso dedicato Riduzione costi Qualità Oobeya Room Product Development Value Stream Map

Dettagli

I Sistemi di produzione PULL

I Sistemi di produzione PULL I Sistemi di produzione PULL Sistema Push Il sistema push pianifica e schedula la produzione basandosi sulla previsione di domanda o sull acquisizione di ordini dei clienti. Quindi si controlla il rilascio

Dettagli

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi metodologie a.a. 2003-2004 1 metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi più formalmente: un processo da seguire documenti o altri elaborati da produrre usando linguaggi più o

Dettagli

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma 2 ISIPM

Dettagli

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA?

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? VISIONE UMILTA LEAN LEADERSHIP? INCORAGGIAMENTO CORAGGIO VISIONE Il Compito di un Leader è portare il proprio popolo da dove si trova a dove non è mai stato - Henry Kissinger

Dettagli

oggi Già, perché in Italia, come nelle altre nazioni Giappone compreso, abbiamo:

oggi Già, perché in Italia, come nelle altre nazioni Giappone compreso, abbiamo: oggi Da oltre dieci anni i guru dell organizzazione, italiani e stranieri, supportati dalla stampa tecnica ed economica ci martellano con il meraviglioso esempio della Toyota: Lean Production Lean Manufacturing

Dettagli

La leva della LEAN TECHNOLOGY per aumentare competitività, produttività ed efficienza. Flavio Tonetto - 4 maggio 2015

La leva della LEAN TECHNOLOGY per aumentare competitività, produttività ed efficienza. Flavio Tonetto - 4 maggio 2015 La leva della LEAN TECHNOLOGY per aumentare competitività, produttività ed efficienza Flavio Tonetto - 4 maggio 2015 METODO SINERGIA: PASSIONE, COMPETENZA, CONCRETEZZA Gli obiettivi del convegno In questo

Dettagli

ALTEN ITALIA ACADEMY

ALTEN ITALIA ACADEMY Catalogo Corsi ALTEN ITALIA ACADEMY 1/17 ALTEN Italia S.p.A. Società Unipersonale Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 Sede Legale e Amm.va: Via G. Crespi, 12-20134 Milano - Altre sedi: Bologna,

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. Project Management Introduzione 2. Project Management Corso avanzato 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma Project

Dettagli

Dalla storia antica ai tempi moderni

Dalla storia antica ai tempi moderni Dalla storia antica ai tempi moderni Il termine project management oggi ampiamente diffuso nel mondo dell ICT (Information and Communication Technologies) fa, da sempre, riferimento alla organizzazione

Dettagli

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3 Domanda: 1 In un gruppo di progetto si ha uno stato di crisi allorché Esiste una situazione di conflitto in cui non riescono ad essere utili e durature logiche di win-win Esiste una situazione di conflitto

Dettagli

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC di più con meno Lean Lean Manufacturing Lean Production Lean Factory Fabbrica Snella Produzione Snella Fabbrica Integrata.. Toyota Production System (TPS)

Dettagli

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al.

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello Code and fix Processo parte III Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello iniziale Iterazione di due passi scrittura del codice correzione degli errori Problemi: dopo una serie di cambiamenti, la

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management FORMAZIONE AVANZATA Corso di introduzione al Project Management 1 1. Scenario di riferimento La costante diminuzione delle risorse di bilancio e dei trasferimenti pubblici, da un lato, e la necessità di

Dettagli

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Indice

Dettagli

Lean Services. Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation?

Lean Services. Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation? Lean Services Are you R.E.A.D.Y. for the Lean Transformation? L approccio JMAC per il mondo dei servizi La nostra proposta Il nostro modello di riferimento: lo schema S2P Mercato / Voice of the Customer

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it Modelli di Processo Il Modello del Processo Il modello del processo stabilisce i principi di base su cui si fonda lo sviluppo del software (e a cui è dovuto il successo o l insuccesso) Non esiste un unico

Dettagli

Presentazione di Edoardo Cosenza

Presentazione di Edoardo Cosenza Presentazione di Edoardo Cosenza La realizzazione delle commesse nel settore delle Opere Civili costituisce un sistema complesso con una serie di peculiarità organizzative, tecniche ed economiche (quali

Dettagli

Tailoring e WBS: strumenti o tecniche?

Tailoring e WBS: strumenti o tecniche? Tailoring e WBS: strumenti o tecniche? Patricia Gamberini, PMP Direzione Ingegneria dell'offerta Sanità Engineering Ingegneria Informatica SpA PMI-NIC - Tutti i diritti riservati Gli Standard (1) A Guide

Dettagli

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza I Sistemi di Gestione per la Sicurezza OHSAS 18001, Rischi Rilevanti, Antincendio, Sistemi di Gestione Integrati Luca Fiorentini TECSA Sommario Presentazione... 9 1. INTRODUZIONE 15 2. SCOPO E CAMPO DI

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Agile Practitioner Curriculum 2015

Agile Practitioner Curriculum 2015 Agile Practitioner Curriculum 2015 Certificato da: PMI Project Management Institute e The George Washington University 8 corsi specialistici di Agile Project Management I CORSI FONDAMENTALI Agile Project

Dettagli

Domenico Clerici Luigi Petruzzelli La gestione quantitativa di progetti software

Domenico Clerici Luigi Petruzzelli La gestione quantitativa di progetti software Domenico Clerici Luigi Petruzzelli La gestione quantitativa di progetti software Edizioni Della Vigna Indice PREFAZIONE... XIII RICHIAMI DI PROJECT MANAGEMENT... 19 1.1 - Introduzione al project management...

Dettagli

Principi del Lean Thinking per la sostenibilità in ambito sanitario

Principi del Lean Thinking per la sostenibilità in ambito sanitario Principi del Lean Thinking per la sostenibilità in ambito sanitario Dott. Ing. Paolo Abundo Dott. Ing. Luca Armisi Servizio di Ingegneria Medica Fondazione PTV Policlinico Tor Vergata di Roma Napoli, 12/04/2013

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

PRESENTAZIONE. In collaborazione con: E un iniziativa della:

PRESENTAZIONE. In collaborazione con: E un iniziativa della: E un iniziativa della: In collaborazione con: LEAN COMMUNITY Laboratorio di approfondimento e diffusione di concetti, metodologie e buone pratiche di Lean Transformation a favore delle PMI Padovane PRESENTAZIONE

Dettagli

Performance Management Pec Performance Management Pec

Performance Management Pec Performance Management Pec Performance Management Pec Performance Management Pec Relatore: Cristina Collalti Consulente Pec Pharma Education Center è presente nel mercato della formazione in ambito farmaceutico con una formazione

Dettagli

PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT

PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT L' della in collaborazione con l Associazione Ingegneri della e KWANTIS organizza il seguente CORSO DI AGGIORNAMENTO: PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT MODULO UNICO DI 24 ORE 21-28 Ottobre 2015 e 3 Novembre

Dettagli

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt

Corso di Specializzazione. LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Corso di Specializzazione LEAN SEI SIGMA SPECIALIST Green Belt Meno sprechi in azienda! La globalizzazione dei mercati ha imposto alle aziende standard qualitativi del prodotto/servizio offerto sempre

Dettagli

PROJECT RISK MANAGEMENT e PROJECT SCHEDULING MANAGEMENT Credentials

PROJECT RISK MANAGEMENT e PROJECT SCHEDULING MANAGEMENT Credentials PROJECT RISK MANAGEMENT e PROJECT SCHEDULING MANAGEMENT Credentials Le nuove certificazioni del PMI a cura di Antonella Tantalo, PMP febbraio 2008 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks

Dettagli

Evoluzione in atto in ambito MCAD e PLM nelle aziende italiane. Sergio Terzi Università di Bergamo Politecnico di Milano

Evoluzione in atto in ambito MCAD e PLM nelle aziende italiane. Sergio Terzi Università di Bergamo Politecnico di Milano Evoluzione in atto in ambito MCAD e PLM nelle aziende italiane Sergio Terzi Università di Bergamo Politecnico di Milano Evoluzione in atto in ambito Osservatorio GeCo Gestione dei Processi Collaborativi

Dettagli

DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI

DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI 2006-10-31 TICLE Srl - www.ticle.it Pag. 1/9 Dalla IV di copertina... Knowledge Based Project Management - Presentazione Questo libro nasce da un esperienza ventennale

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

International Independent Board for Lean Certification

International Independent Board for Lean Certification PROGRAMMI IIBLC International Independent Board for Lean Certification EXECUTIVE MASTER LEAN BLACK BELT PER LA CERTIFICAZIONE INTERNAZIONALE CBBL Certified Black Belt in Lean Executive Master Lean BLACK

Dettagli

SESSIONE PARALLELA 2 Dall Handbook al progetto pilota

SESSIONE PARALLELA 2 Dall Handbook al progetto pilota SESSIONE PARALLELA 2 Dall Handbook al progetto pilota Annalisa Malgieri Direzione delle Professioni Sanitarie e delle Risorse Umane del SSN Ministero della Salute WP5 team Roma, 5 Dicembre 2014 La determinazione

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA LARISSA. al Data Warehousing e alla Business Intelligence

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA LARISSA. al Data Warehousing e alla Business Intelligence LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA LARISSA MOSS EXTREME SCOPING TM Approcci Agili al Data Warehousing e alla Business Intelligence ROMA 26-27 APRILE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Lean innovation Gestire in modo snello Lo sviluppo di nuovi prodotti

Lean innovation Gestire in modo snello Lo sviluppo di nuovi prodotti Lean innovation Gestire in modo snello Lo sviluppo di nuovi prodotti Stefano biazzo Stefano.biazzo@unipd.it Università di padova LEAN THINKING Modello mentale di progettazione organizzativa e di management

Dettagli

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto)

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it 1 Il processo di

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Lean Society Summit. Lean Management. Eliminare lo spreco. Generare valore. VICENZA 11-12 NOVEMBRE 2009

Lean Society Summit. Lean Management. Eliminare lo spreco. Generare valore. VICENZA 11-12 NOVEMBRE 2009 Lean Society Summit Lean Management. Eliminare lo spreco. Generare valore. VICENZA 11-12 NOVEMBRE 2009 In collaborazione con Partner Facciamo nostra la lezione che la crisi post-bellica impartì a Toyota:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza

Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza Relatore Ercole Colonese Roma, 29 novembre 2010 Organizzazione del test Temi trattati nel libro Il gruppo di test Competenze e specializzazione

Dettagli

Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management!

Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management! easypoli Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management / / Lagestionedeiprogetticonil metododmaic www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Continuous(Improvement(and$Project$Management$

Dettagli

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it COMPANY PROFILE A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it 1 1 Il valore che offriamo FORMAZIONE IN AZIENDA - Personalizzazione - Applicazione sul

Dettagli

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Quaderno N. 25 Ercole Colonese ercole@colonese.it Roma, 17 dicembre 2007 Argomenti trattati Valutazione del rischio

Dettagli

Lean Leadership. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. 26 Marzo 2015 Alberto Portioli. alberto.portioli@polimi.

Lean Leadership. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. 26 Marzo 2015 Alberto Portioli. alberto.portioli@polimi. Lean Leadership Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it E il momento di decidere di sopravvivere e reagire

Dettagli

Project(s) Management PMO 3. Paolo Lubrano, PMP lubrano@fbk.eu May 21 st, 2014

Project(s) Management PMO 3. Paolo Lubrano, PMP lubrano@fbk.eu May 21 st, 2014 Project(s) Management PMO 3 Paolo Lubrano, PMP lubrano@fbk.eu May 21 st, 2014 Agenda Progetti complessi Kanban PMO Project Management Office Attività di progetto (traditional) Initiate Project Charter

Dettagli

Ciclo di vita del software

Ciclo di vita del software Ciclo di vita del software Nel corso degli anni, nel passaggio dalla visione artigianale alla visione industriale del software, si è compreso che il processo andava formalizzato attraverso: un insieme

Dettagli

Practice Standard for Earned Value Management Earned Value Nascita ed evoluzione

Practice Standard for Earned Value Management Earned Value Nascita ed evoluzione Practice Standard for Earned Value Management Earned Value Nascita ed evoluzione Bassi Antonio, PMP Antonio_bassi@yahoo.it L origine dell earned value 1890 nascita del concetto di earned value Concepito

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

PERCORSO di ECCELLENZA in LEAN MANUFACTURING

PERCORSO di ECCELLENZA in LEAN MANUFACTURING PERCORSO di ECCELLENZA in LEAN MANUFACTURING Corso N90323 Lean in progettazione di prodotto Lezione 1 Il processo e l organizzazione di sviluppo Lean dei prodotti Prof. Luigi Battezzati Ph.D. 1 Il Lean

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della Gestione dei Progetti»

Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della Gestione dei Progetti» Università del SALENTO - Facoltà di INGEGNERIA CdL Ingegneria Civile (Lecce) & CdL Ingegneria Industriale (Brindisi) A.A. 2014/2015 Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della

Dettagli

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A4_3 V1.1 Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

L INDUSTRIA MANIFATTURIERA

L INDUSTRIA MANIFATTURIERA COME? RILANCIARE L INDUSTRIA MANIFATTURIERA DAL LEAN THINKING AL WORD CLASS MANUFACTURING AL NEW LEAN THINKING, UNA EVOLUZIONE CONTINUA DELLE METODOLOGIE ORGANIZZATIVE PER FARE DI PIÙ E SPENDERE MENO Dott.

Dettagli

EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016

EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016 Business School since 1967 EXECUTIVE EDUCATION 2015 2016 LIVING OPERATIONS BUSINESS IN ACTION TECNOLOGIE E MANAGEMENT DELL INNOVAZIONE MARKETING & COMMERCIAL MANAGEMENT 2 PERCHÉ ISTAO STORIA E FUTURO Fondata

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli