COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2"

Transcript

1 COMUNE di S. STEFANO BELBO Provincia di CUNEO Proprietà: - signor GATTI LUIGI residente in S. Stefano Belbo (CN) Via Moncucco n. 5 - signora CHIRIOTTI GIOVANNA residente in Abbazia n. 2 - signor TEALDO TIZIANO residente in Vesime (AT) Via Romita n signora LAVAGNINO SIMONA residente in Vesime (AT) Via Romita n. 34 Oggetto: PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO DI LIBERA INIZIATIVA ai sensi dell Art. 43 L.U.R. n. 56/77 - AREA DI P.R.G. 2.1.b COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2 NORME DI ATTUAZIONE Alba, lì 18/03/2015 Il Tecnico (Dott. Ing. Giorgio Domini)

2 NORME DI ATTUAZIONE 1.) NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto delle Norme di Attuazione. L attuazione del Piano Esecutivo Convenzionato Ambito 2.1.b comparti ZCR 6.1 e ZCR 6.2 in località Civetta, oltre che dalle disposizioni di legge in materia urbanistica a livello nazionale, regionale, e dalle norme del vigente P.R.G.C., è normata dalle prescrizioni e norme seguenti. Art. 2 - Oggetto del P.E.C. Il P.E.C., che si inquadra nelle previsioni della variante parziale n. 10 al vigente P.R.G.C. del Comune di S. Stefano Belbo, ha per oggetto l utilizzazione a scopo urbanistico ed edilizio delle seguenti aree: - ZCR 6.1 distinta al Catasto Terreni al Foglio n. 17 part. nn di mq ; - ZCR 6.2 distinta al Catasto Terreni al Foglio n. 17 part. nn parte di mq ; aventi superficie complessiva di mq Art. 3 - Elaborati Tecnici In attuazione del piano si sono prodotti i seguenti elaborati tecnici: A - allegati: 1) relazione tecnico - illustrativa; 2) documentazione fotografica; 3) relazione geologica; 2

3 4) relazione di verifica della compatibilità paesaggistica ed ambientale; 5) documento tecnico di verifica di assoggettabilità alla V.A.S.; 6) norme di attuazione; 7) schema di convenzione; B - tavole di progetto e precisamente: 8) Estratti di C.T.R., di mappa e di P.R.G.C.; 9) Estratto di mappa catastale e individuazione dei lotti ambito di P.E.C. 1:1.000; 10) Planimetria 1:500 e sezioni di rilievo 1:200; 11) Planimetria e sezioni ambito di P.E.C. 1:200; 12) Planimetria generale opere di urbanizzazione 1:200, particolari 1:50 / 1:25 / 1:20 e sezione su condotta acquedotto 1:50; 13) Planimetria viabilità e profili stradali 1:200, sezione tipo su strada 1:50; 14) Schema tipo fabbricati residenziali 1:200 e verifica rapporto di copertura degli interventi; 15) Rilievo fotografico della situazione esistente e simulazione dello stato dei luoghi in progetto: planimetria, sezioni e prospetto 1:200. Art. 4 - Modalità di attuazione L attuazione del P.E.C., dopo l approvazione di legge, avverrà tramite Permesso di Costruire rilasciato per ogni singolo fabbricato, secondo le indicazioni progettuali esposte negli elaborati ad esso allegati. L istanza per il rilascio del Permesso di Costruire alle singole costruzioni potrà essere prodotta dal singolo firmatario della convenzione, o dai suoi aventi diritto a qualsiasi titolo, purché la richiesta sia ottemperabile ai disposti delle presenti norme, alle prescrizioni del P.E.C. e relativa convenzione, alle 3

4 norme del vigente P.R.G.C., nonché alle disposizioni generali contenute nella legislazione urbanistica. Le richieste di Permesso di Costruire dovranno essere inoltre corredate da tutti gli elementi previsti dal P.R.G.C. e dalle leggi in materia igienicosanitaria. Gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria ed il contributo commisurato al costo di costruzione saranno a carico dei richiedenti il Permesso di Costruire, secondo le disposizioni vigenti all atto della domanda di rilascio del permesso stesso e secondo le prescrizioni della convenzione allegata. 4

5 2.) NORME EDILIZIE Art. 5 - Destinazione d uso dei fabbricati. Le destinazioni d uso degli edifici saranno esclusivamente a carattere residenziale. Saranno inoltre ammesse quelle destinazioni non in contrasto con le norme specifiche del vigente Strumento Urbanistico. Art. 6 - Aree di pertinenza degli edifici. Come indicato nelle tavole di progetto, il P.E.C., individua nelle aree di pertinenza degli edifici: 1) Aree a verde privato: Tali aree saranno convenientemente sistemate a giardino e/o prato, con messa a dimora di alberi di medio fusto; potranno, inoltre, parzialmente essere adibite ad orto, con divieto di strutture fisse o mobili del tipo serra. 2) Aree di viabilità privata e parcheggio privato: I percorsi viabili privati, sia pedonali che veicolari, indicati sulle planimetrie di piano, saranno opportunamente sistemati dai singoli concessionari per gli usi privati; i parcheggi privati nella misura di almeno 1 mq/20 mc. dovranno essere pavimentati con blocchetti cementizi o in pietra naturale. Art. 7 - Norme edilizie. Il P.E.C., mediante le tavole di progetto, stabilisce vincoli planimetrici e di progettazione finalizzati a conferire all insieme la maggiore omogeneità tipologica e dei materiali utilizzati. 5

6 Il posizionamento plano-altimetrico dei fabbricati in progetto si intende vincolante per quanto riguarda: 1) orientamento; 2) distanze minime dai confini; 3) distanze minime dai fabbricati limitrofi; 4) distanza dalla nuova strada interna al P.E.C.; 5) altezza massima dei fabbricati; 6) posizione degli accessi. Le volumetrie e le superfici coperte realizzabili sui singoli lotti sono indicate nella relazione tecnica e nella convenzione allegate. Saranno ammesse modifiche di modesta entità al perimetro esterno al prospetto e alla quota di imposta dei fabbricati, nonché ai profili del terreno sistemato sempre nel rispetto delle volumetrie e delle superfici coperte previste su ogni singolo lotto. Saranno altresì consentiti spostamenti di cubatura e di superficie coperta da un lotto ad un altro non superiori al 10% dei valori competenti al singolo lotto. Art. 8 - Caratteristiche costruttive. Si prevede l impiego di elementi costruttivi e materiali di tipo tradizionale, propri della zona, quali: - copertura con manto in coppi o tegole a coppo, in laterizio; - cornicioni e porticati con orditura in legno naturale verniciato; - serramenti esterni in legno smaltato e persiane alla piemontese sempre in legno smaltato; - muri di tamponamento esterni rifiniti ad intonaco e tinteggiati con colori 6

7 caratteristici del luogo, comunque da definirsi con l Ufficio Tecnico Comunale; - ringhiere ed altri manufatti in ferro a disegno lineare di tipo tradizionale; - davanzali, soglie e zoccolatura in pietra di Luserna; - lattoneria in lamiera di rame; - recinzioni ad unica tipologia in ferro di semplice fattura, lungo la strada di P.E.C e di preferenza siepi in divisione di proprietà; - pavimentazione, marciapiedi, accessi, cortili in elementi autobloccanti in cls o in pietra naturale; - cordolo per delimitazione marciapiedi, area verde, ecc. in elementi trapezoidali di calcestruzzo; - chiusini e caditoie in ghisa sferoidale; - muretti di sostegno lungo la via pubblica con rivestimento in pietra di Langa. Ciascuna unità è dotata di accesso carrabile e pedonabile diretto su strada interna al lotto. Art. 9 - Termini di richiesta del Permesso di Costruire. I singoli Permessi di Costruire dovranno essere richiesti entro cinque anni dalla data di approvazione della Convenzione, ed ai sensi dell art. 15 del D.P.R. n. 380/2001 i lavori dovranno essere iniziati entro UN anno dalla data di rilascio del titolo ed ultimati entro TRE anni dall inizio dei lavori.. 7

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2 COMUNE di S. STEFANO BELBO Provincia di CUNEO Proprietà: - signor GATTI LUIGI residente in S. Stefano Belbo (CN) Via Moncucco n. 5 - signora CHIRIOTTI GIOVANNA residente in Abbazia n. 2 - signor TEALDO

Dettagli

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI COMUNE DI ANCONA Provincia di Ancona Regione Marche Piano di Recupero tav. scala: C 5 data: Luglio 2011 agg.: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE APPROVAZIONE PROPRIETA' : Sig.ra Maria Lodovica Cesaroni, Ancona

Dettagli

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO N. 14 2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - NORME GENERALI Le presenti

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Piano Attuativo

COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Piano Attuativo COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Piano Attuativo NORME TECNICHE D ATTUAZIONE ART. 1 OGGETTO DELLE PRESENTI NORME Le presenti norme tecniche di attuazione costituiscono parte integrante del piano attuativo

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

COMUNE DI CASALE SUL SILE

COMUNE DI CASALE SUL SILE COMUNE DI CASALE SUL SILE Provincia di Treviso PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DELLA ZTO C2/020 DI VIA BONISIOLO ATTUAZIONE DELLA ZTO C2/020 MEDIANTE P.U.A. Articolo 21 NTO P.I. Articoli 19 e 20 Legge Regionale

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 GENERALITA Il comparto edificabile Cver01 può essere utilizzato in conformità a quando previsto nel R.U. nonché delle norme di cui agli articoli seguenti. ART. 2 NORME

Dettagli

relazione TECNICA E ILLUSTRATIVA

relazione TECNICA E ILLUSTRATIVA Architetto ARNOLFO FEDERICA studio: via Maestra A. Sarti n 4 12030- Torre San Giorgio (CN) AIME COSTRUZIONI s.a.s. via Divisione Cuneense n 6 12030 - SANFRONT (CN) progettista proponente REGIONE PIEMONTE

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 0 Pagina 9 di 16 di una nuova rete lungo il tratto di via San Giuseppe prospiciente la lottizzazione. Rete Gas Metano La rete di distribuzione del Gas metano verrà realizzata secondo le prescrizioni espresse

Dettagli

Amministrazione per la realizzazione delle suddette opere e rilascio del Permesso di Costruire. Il Comparto risulta in aderenza con i lato Sud-Ovest

Amministrazione per la realizzazione delle suddette opere e rilascio del Permesso di Costruire. Il Comparto risulta in aderenza con i lato Sud-Ovest RELAZIONE L immobile in oggetto è situato in Loc. Borgatello, frazione del Comune di Colle di Val d Elsa, lato Sud-Ovest dell abitato esistente, all inizio della frazione stessa, provenendo dalla viabilità

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione Art. 1 Campo di applicazione Le presenti norme tecniche disciplinano l attuazione dell area oggetto del Programma Integrato d Intervento Variante di P.R.G. del Comune di Cisterna di Latina loc. L Annunziata,

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST CONSISTENZA (mq) 5.000 circa CONSISTENZA RAGGUAGLIATA 3.805

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica Cosio Valtellino, 05.06.2008 REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE ALLEGATO 1 Relazione tecnica COMMITTENTI: Sigg DEL NERO DAVIDE DEL NERO LAURA PROGETTO: geom. RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA *************

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI MEDOLLA (Provincia di Modena) UFFICIO TECNICO

COMUNE DI MEDOLLA (Provincia di Modena) UFFICIO TECNICO ALIENAZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA CONVENZIONATA DI UN TERRENO EDIFICABILE DI PROPRIETÀ COMUNALE INDIVIDUATO URBANISTICAMENTE IN ZONA RESIDENZIALE B3 CON ACCESSO DA VIA PERUGIA INDIVIDUATO AL NCT

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 Allegato B COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Committente: Favaretto Giorgio Progettista: Arch. Zia Ermanno Via Terraglio

Dettagli

Documentazione di progetto

Documentazione di progetto C O M U N E DI A S S E M I N I Provincia di Cagliari A r e a T e c n i c a Servizio Pianificazione Territoriale, Edilizia Privata e Pubblica, Vigilanza Edilizia, Condono SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A ETS0148 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ETS0148 Via Rota, 9 TRIESTE

Dettagli

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST CONSISTENZA (mq) 5.000 circa CONSISTENZA RAGGUAGLIATA 3.805

Dettagli

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00

FOGLIO PARTICELLA SUP. CATASTALE (mq) 18 410 3.080,00 18 434 45.083,00 18 436 21.370,00 AREA ASSOGGETTATA A PEC L area interessata dall intervento è posta nel Comune di Quattordio, in provincia di Alessandria, fuori dal centro storico principale. Attualmente la zona interessata dall intervento

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Tullio, 24 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 - Oltre ai contenuti prescrittivi delle Tavv. 3 e 4 tutti gli interventi compresi nel perimetro del Piano di Lottizzazione sono soggetti alle norme di cui ai successivi articoli. ART. 2 - Ai fini

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA. Premessa

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA. Premessa Premessa Il Piano Esecutivo Convenzionato che riguarda l area a tal fine assoggettata dal vigente Piano Regolatore Generale della Città di Biella in via Fratelli Rosselli è stato elaborato ai sensi e per

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Trento, 97 UDINE (UD) 1 Allegato

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Art.1)Elenco degli elaborati che compongono la variante 1 al Piano di Lottizzazione

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Art.1)Elenco degli elaborati che compongono la variante 1 al Piano di Lottizzazione NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art.1)Elenco degli elaborati che compongono la variante 1 al Piano di Lottizzazione 1. Relazione tecnica 2. Norme tecniche di attuazione 3. Considerazioni integrative sulla

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Generalità Il presente intervento ha interessato un lotto localizzato nel territorio del Comune di Calestano,

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via D Aronco, 9 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO RCHIDUE Associati x l'architettura Arch. Stefano NANNINI arch. Debora INNOCENTI via Castel de Toni, 1/A Casalguidi 51034 (PT) Tel./Fax. 0573.526389; e-mail: archidueassociati@tiscali.it Al Sig. Sindaco

Dettagli

SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI

SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI TRIBUNALE DI TREVISO SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI ESEC. IMMOB. N 432/2009 RELAZIONE DI CONSULENZA TECNICA D UFFICIO LOTTO UNICO N.C.E.U. - COMUNE DI MESER Sez. A - Foglio 2 - Mappale n. 475 sub. 144,

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA SERVIZIO URBANSITICA - EDILIZIA PRIVATA PROGETTO SCHEDA TECNICA. PRATICA EDILIZIA N. / Data: IL PROGETTISTA

PROVINCIA DI GORIZIA SERVIZIO URBANSITICA - EDILIZIA PRIVATA PROGETTO SCHEDA TECNICA. PRATICA EDILIZIA N. / Data: IL PROGETTISTA COMUNE DI CORMÄNS PROVINCIA DI GORIZIA SERVIZIO URBANSITICA - EDILIZIA PRIVATA PROGETTO SCHEDA TECNICA PRATICA EDILIZIA N. / Data: IL PROGETTISTA DATI GENERALI : Intestatari C.F. P.IVA residente a in via

Dettagli

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STAZIONE PER LA TELEFONIA MOBILE. Nome sito: CADONEGHE EST Codice sito: PDE2

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STAZIONE PER LA TELEFONIA MOBILE. Nome sito: CADONEGHE EST Codice sito: PDE2 PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STAZIONE PER LA TELEFONIA MOBILE Nome sito: CADONEGHE EST Codice sito: PDE2 Comune: Cadoneghe Provincia: Padova Data: Dicembre 2012 PROGETTAZIONE: Sede legale, operativa

Dettagli

COMUNE DI MONTECAROTTO

COMUNE DI MONTECAROTTO Ufficio Tecnico Allegato A REGOLAMENTO PERTINENZE Montecarotto, li 24.06.2010 IL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO COMUNALE Geom. Maurizio Novelli PREMESSA La installazione di piccoli manufatti a servizio

Dettagli

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante 1 Premessa 1.1 Incarico Con Deliberazione della Giunta Comunale del Comune di San Vito di Leguzzano N. Reg. 75 del 30/07/2012 si è deliberato di avviare la procedura per una variante al Piano Particolareggiato

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI UDINE C.C. 28/09/2015 2 OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE Visto il vigente Piano Regolatore Generale Comunale approvato

Dettagli

ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI

ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI Gli abachi degli elementi ricorsivi allegati raccoglie le norme ed il repertorio degli esempi a cui si dovrà fare riferimento nella progettazione dei singoli interventi sugli

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Oggetto: PIANO ATTUATIVO DI RISTRUTTURAZIONE URBANISTICA E RICONVERSIONE FUNZIONALE DI EDIFICIO ARTIGIANALE DISMESSO A RESIDENZIALE; SUBORDINATO ALLA REALIZZAZIONE E CESSIONE DEL PARCHEGGIO PREVISTO NELLA

Dettagli

DOMANDA DI CONCESSIONE PER L'ESECUZIONE DI OPERE EDILIZIE

DOMANDA DI CONCESSIONE PER L'ESECUZIONE DI OPERE EDILIZIE AL DIRIGENTE DEL SETTORE TECNICO c/o ufficio edilizia privata/urbanistica P.zza Gallura, 3 07029 Tempio Pausania DOMANDA DI CONCESSIONE PER L'ESECUZIONE DI OPERE EDILIZIE l sottoscritt ai sensi della L.R.

Dettagli

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA 1 Superficie Fondiaria relativa al lotto 2: mq. 1584,00 composto da Foglio 16 particella 925 di mq. 650 Foglio 16 particella

Dettagli

COMUNE PROVINCIA. Norme di Attuazione. Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese

COMUNE PROVINCIA. Norme di Attuazione. Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese COMUNE PROVINCIA DI CAVALESE DI TRENTO Norme di Attuazione Piano Attuativo PP6 Piazza Fiera su p.f. 168/5 C.C. Cavalese Cavalese, aprile 2014 Il Tecnico EDILSTUDIO Via Coronelle 9 38033 Cavalese Tel. 0462/342820

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLUNA

COMUNE DI MONTEBELLUNA Elaborato 47 Elaborati Approvati COMUNE DI MONTEBELLUNA ATTIVITA RICETTIVE Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano di Assetto del territorio PAT 2012 Adozione Approvazione Il Sindaco Prof. Marzio Favero

Dettagli

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria Città di Biella Provincia di Biella Regione Piemonte PIANO PARTICOLAREGGIATO DI COMPLETAMENTO DEL COMPARTO ZONA SUD COMPRESO TRA VIA PER CANDELO E LA STRADA TROSSI U.I.2 GARDENVILLE - STRADA TROSSI 27/A,

Dettagli

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004)

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004) Regione Piemonte Provincia di Cuneo CITTÀ DI SALUZZO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Anno 1996 : Approvato con DGR 26-7934 del 16.04.1996 Anno 2012 : Approvato con DGR 29-05-2012 n 16-3906 VARIANTE

Dettagli

Schema di convenzione di Lottizzazione

Schema di convenzione di Lottizzazione Schema di convenzione di Lottizzazione per piani con volumetria superiore a 10.000 mc approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 11.03.2002 modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

VERONA COMUNE DI. VALEGGIO s/m TERRITORIALE LOCALITA CAPOLUOGO SCALA 1:25000. Archistudio di Marisa Fantin e Irene Pangrazi architetti associati

VERONA COMUNE DI. VALEGGIO s/m TERRITORIALE LOCALITA CAPOLUOGO SCALA 1:25000. Archistudio di Marisa Fantin e Irene Pangrazi architetti associati INQUADRAMENTO PROVINCIA DI TERRITORIALE VERONA COMUNE DI VALEGGIO s/m LOCALITA CAPOLUOGO SCALA 1:25000 PROVINCIA DI COMUNE DI INQUADRAMENTO TERRITORIALE VERONA VALEGGIO s/m LOCALITA CAPOLUOGO Mappa Catastale

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala Comune di Villaricca Provincia di Napoli Progetto per la realizzazione di un'area parcheggio pubblico e completamento impianto sportivo al Corso Italia con struttura polifunzionale PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

Comune di Pavia. SCHEDA DI ACCETTAZIONE mod. 5

Comune di Pavia. SCHEDA DI ACCETTAZIONE mod. 5 Comune di Pavia SETTORE AMBIENTE E TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SCHEDA DI ACCETTAZIONE mod. 5 DOCUMENTAZIONE INDISPENSABILE PER LA PRESENTAZIONE DELLA PRATICA INTERVENTO EDILIZIO RECUPERO

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Adozione Piano di Lottizzazione della zona F4B2 PRUSST Via Ciccotti ed approvazione progetto preliminare strada di collegamento tra

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO DI ESPANSIONE C2.3 Via A.Costa - Via della Costituzione

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO DI ESPANSIONE C2.3 Via A.Costa - Via della Costituzione COMUNE DI MINERBIO (Provincia di Bologna) PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO DI ESPANSIONE C2.3 Via A.Costa - Via della Costituzione INDICE: NORME URBANISTICO EDILIZIE PER LA BUONA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Il progetto di Variante al Piano Urbanistico Particolareggiato PUA con l isolato "D2.1 2118" prevede l'adeguamento del P.P.E. già convenzionato alle previsioni urbanistiche

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

COMUNE DI LORO CIUFFENNA (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI LORO CIUFFENNA (Provincia di Arezzo) N Scheda: 45-F4 ANALISI DEL SISTEMA INSEDIATIVO DI MATRICE STORICA IN TERRITORIO APERTO SCHEDA DI RILEVAZIONE Toponimo Località CASA AL VENTO ZONA IL LAGO Via Civico Rif. catastali: Foglio 51 Particella

Dettagli

STUDIO BETA ASSOCIATI via Castiglione, 31 40124 BOLOGNA tel. 051 270290 fax 051 2915203 E-Mail: info@studiobeta.bo.it P.

STUDIO BETA ASSOCIATI via Castiglione, 31 40124 BOLOGNA tel. 051 270290 fax 051 2915203 E-Mail: info@studiobeta.bo.it P. STUDIO BETA ASSOCIATI via Castiglione, 31 40124 BOLOGNA tel. 051 270290 fax 051 2915203 E-Mail: info@studiobeta.bo.it P.IVA 01998241200 COMUNE DI CARPI MO OSSERVAZIONE ALLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE

COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE INTEGRAZIONI DELLE PRESCRIZIONI DI CARATTERE GEOLOGICO-GEOTECNICO CONTENUTE NELLA VALSAT E NELLA SCHEDA NORMATIVA D AMBITO DEL POC OPERE

Dettagli

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est.

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est. Rellaziione Tecniico IIllllusttrattiiva IInnt I t eeggrraazz iioonnee i aa lllaa rri iicchhi eesst taa ddi ii PPeerrmeessssoo ddi ii CCoosst trruui iirr ee ddeel ll 0055/ //0022/ 220011 33 pprroot t...00772233

Dettagli

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono:

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono: (C.E. per ristrutturazione) Istanza in bollo Al Responsabile di P.O. N. 4 Settore Urbanistica Del Comune di Casteltermini Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per ristrutturazione. Il sottoscritto..,

Dettagli

TITOLO I - GENERALITÀ E CONTENUTO DEL PIANO DI ZONA 167 IN LOCALITA MOLE

TITOLO I - GENERALITÀ E CONTENUTO DEL PIANO DI ZONA 167 IN LOCALITA MOLE TITOLO I - GENERALITÀ E CONTENUTO DEL PIANO DI ZONA 167 IN LOCALITA MOLE CAPO I Generalità Art.1 - Validità delle norme Le presenti Norme Tecniche si applicano per l'attuazione del presente Piano di Zona

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

COMUNE DI CARTIGLIANO

COMUNE DI CARTIGLIANO ALLEGATO B ALLA DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE/D.I.A./S.C.I.A. n COMUNE DI CARTIGLIANO ALLO SPORTELLO UNICO ELENCO DOCUMENTI ALLEGATI Sempre obbligatoria Dettagliata relazione tecnica-descrittiva, a

Dettagli

Al SETTORE EDILIZIA URBANISTICA SUAP Pratica n. / del COMUNE di CORNATE D ADDA

Al SETTORE EDILIZIA URBANISTICA SUAP Pratica n. / del COMUNE di CORNATE D ADDA Protocollo Marca da bollo Al SETTORE EDILIZIA URBANISTICA SUAP Pratica n. / del COMUNE di CORNATE D ADDA _I_ sottoscritt : RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE ai sensi dell art. 10 del D.P.R. 380/01 (Testo

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI. Unità Operativa Lavori Pubblici

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI. Unità Operativa Lavori Pubblici COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI Unità Operativa Lavori Pubblici Opera: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA CENTRO RACCOLTA RIFIUTI PRESSO AREA EX- MACELLO COMUNALE Oggetto: PROGETTO PRELIMINARE - DEFINITIVO

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO COMPARTO D1.02 DEL VIGENTE P.R.G ai sensi dell'art. 26 L.R. n. 16 del 22 dic. 2004 e s.m.i - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO COMPARTO D1.02 DEL VIGENTE P.R.G ai sensi dell'art. 26 L.R. n. 16 del 22 dic. 2004 e s.m.i - NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 Ambito di applicazione ed obiettivi del P.U.A.... 2 Art. 2 Riferimenti Legislativi... 2 Art. 3 Convenzione urbanistica di cui alla Legge 17/08/1942 n. 1150... 3 Art. 4 Elaborati del P.U.A.... 3

Dettagli

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona Urbanistica Edilizia privata Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori IL RESPONSABILE IV SETTORE Urbanistica - Edilizia Privata Ing. Ranieri

Dettagli

COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AMBITO ASP_2.3 NORME DI ATTUAZIONE E BUONA ESECUZIONE

COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AMBITO ASP_2.3 NORME DI ATTUAZIONE E BUONA ESECUZIONE COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AMBITO ASP_2.3 NORME DI ATTUAZIONE E BUONA ESECUZIONE Committente : CMRE s.r.l. via Farini n 11, BOLOGNA COSTRUZIONI EDILI

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 143 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI (APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 01.04.2014) INDICE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa

PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa COMUNE DI LONGARE PROVINCIA DI VICENZA PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SCHEDE NORMATIVE Committente: Donadello

Dettagli

PEC Via Omegna_Relazione Tecnico-Illustrativa

PEC Via Omegna_Relazione Tecnico-Illustrativa A PREMESSA L area delimitata da Via Omegna, Via Cumiana, Via Parma presenta attualmente una destinazione d uso artigianale (sono presenti capannoni e bassi fabbricati adibiti a differenti lavorazioni ed

Dettagli

PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli ALLEGATI 01: RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ECONOMICA

PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli ALLEGATI 01: RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ECONOMICA PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli Lottizzanti: Proprieta': Caprotti Emilia Procuratori Marina Strazzeri, Franco Flavio Strazzeri, ALLEGATI 01:

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SALERNO

TRIBUNALE CIVILE DI SALERNO 1 TRIBUNALE CIVILE DI SALERNO SEZIONE FALLIMENTARE Fallimento: n. 82/1998 G.D.: dr. Luigi Barrella. Curatore: avv. Cesare Napoli. Oggetto: Relazione di consulenza tecnica d'ufficio per stima immobiliare

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI SCARNAFIGI (Provincia di Cuneo) COMUNE DI SCARNAFIGI (Provincia di Cuneo) AREA URBANISTICA R 4.4 - parte Vicolo Campagna PROGETTO DI PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO (art. 43 Legge Regionale n 56/77 e s.m.i.) RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Dettagli

Istruzione per la raccolta dati di supporto alla schedatura del patrimonio edilizio esistente

Istruzione per la raccolta dati di supporto alla schedatura del patrimonio edilizio esistente Qualora per gli edifici e l area di pertinenza non sia già disponibile la schedatura all interno del Sistema Informativo Territoriale Comunale, le informazioni utili alla schedatura possono essere fornite

Dettagli

Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO. stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE. L area comprende i seguenti elementi:

Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO. stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE. L area comprende i seguenti elementi: Allegato A AREA DI PIAZZALE DONATELLO stralcio Aerofotogrammetrico dell area di piazzale Donatello DESCRIZIONE L area comprende i seguenti elementi: a) fabbricato, adiacente all area mercatale di quartiere,

Dettagli

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere COMUNE DI CURCURIS copia del documento comprovante il requisito per ottenere la concessione o dichiarazione ai sensi dell art. 4 della L. 15/68 modificata dalla L. 191/98; copia del certificato di destinazione

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA ZONA R2e VIA DEL POGGIO LOCALITA MONTE CALDERARO Approvato con delibera del C.C. n. 130 del 14/10/2004

Dettagli