Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09)"

Transcript

1 Professionisti Associati per l Impresa Genova - Milano Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Avv. Gian Enrico Barone PAI Sede di Genova Via XX Settembre 1/5 tel.: (+39) fax: (+39)

2 Premessa G/20 di Londra e O.C.S.E. art. 26-mod. 05 maggiore trasparenza bancaria su investimenti e depositi; più efficiente scambio di informazioni LEGISLATORE NAZIONALE D.L. 78/2009 convertito con modificazioni L. 141 del 3/10/09 Art. 12 Inasprisce: Presupposto impositivo per attività finanziarie NON monitorate, detenute in paesi black-list (REDDITO EVASO) Sanzioni per infedele/omessa dichiarazione (RADDOPPIO) Sanzioni per omesso monitoraggio-mod.rw (RADDOPPIO) Art. 13/bis Consente: DI SANARE l esportazione e detenzione all estero di consistenze al 31 dicembre 2008: - in violazione del monitoraggio fiscale (D.L. 167/90), - in evasione delle imposte (TUIR 917/86) TRAMITE: - Rimpatrio (art. 12 D.L 350/01) da tutti i Paesi. - Regolarizzazione (art. 15 D.L. 350/01) da Stati UE & OCSE (effettivo scambio informazioni) VERSAMENTO di imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali del 5% entro il 15 dicembre 2009

3 Ambito Soggettivo Soggetti obbligati al MONITORAGGIO FISCALE Persone fisiche Enti non commerciali Società semplici Associazioni Residenti in Italia nel periodo di imposta 2009 Società fiduciarie Società interposte - Es.: residente in territorio black list, senza contabilità (C.M. 99/E/01) Anche interponenti Eredi Comunioni Trust interposti: la dichiarazione di emersione è presentata alternativamente dal: - Disponente (trust revocabile) - Beneficiario (trust non discrezionale) - Disponente/Beneficiario (trust irrevocabile/discrezionale che, in sostanza attribuisce a detti soggetti le attività) Trustee (per il trust non fittiziamente interposto residente in Italia; che se trasparente riverbera a favore dei beneficiari)

4 Un caso particolare d interposizione le C.F.C. Le C.M. 43E/09 analizza l emersione dell attività finanziaria interposta tramite una C.F.C. Persona Fisica Residente (o soggetto monitorato) Partecipazione 51% art. 167 T.U.I.R. Interponente Persona Fisica Residente (o soggetto monitorato) Partecipazione 49% art. 168 T.U.I.R. Interponente Redditi conseguiti da C.F.C: Residente black list D.M. 21/11/2001 Interposto 1) E il legale rappresentante delle C.F.C. che presenta la dichiarazione di emersione; 2) I partecipanti in Italia si avvantaggiano degli effetti (co 7/bis) risultando coperti anche per i redditi conseguiti dalla C.F.C. e non dichiarati fino al 2008; 3) Le società in black list possono effettuare sia il rimpatrio che la regolarizzazione; 4) Da chiarire come gli effetti della dichiarazione si attribuiscono ai partecipanti visto che i dati anagrafici, in essa presenti, sono solo del dichiarante e rappresentante.

5 Ambito Oggettivo RIMPATRIO Denaro Altre attività finanziarie, emesse anche da soggetti residenti in Italia (partecipazione esterovestita) Attività patrimoniali REGOLARIZZAZIONE Detenuti all estero Denaro Altre attività finanziarie Investimenti di natura NON finanziaria (immobili/fabbricati gioielli/opere d arte yacht) Detenuti in Paesi europei o Paesi con effettivo scambio di informazioni fiscali ( i 36 Stati O.C.S.E.) IN VIOLAZIONE DEL MONITORAGGIO FISCALE PER ATTIVITA FINANZIARIE (che devono essere sempre indicate nel MOD RW fruttuosità ope legis) ESCLUSE: - Quelle in amm.ne e gestione (anche senza l opzione D.Lgs. 461/97) assoggettate a tassazione definitiva - Contratti su strumenti finanziari, conclusi attraverso intermediari residenti - Conti correnti e redditi riscossi tramite intermediari residenti PER INVESTIMENTI NON FINANZIARI (che devono essere sempre indicati nel MOD. RW dell anno in cui producono redditi imponibili) di cui per: - IMMOBILI che - indipendentemente dal regime fiscale dello Stato - vanno sempre dichiarati nel Mod. RW, per i relativi trasferimenti finanziari anche se tramite intermediari residenti

6 Intermediari abilitati e termini per l emersione INTERMEDIARI ABILITATI Banche Italiane S.I.M & S.G.R. Società Fiduciarie Agenti di Cambio TERMINI PER L EMERSIONE Entro il 15 dicembre 2009 deve essere: Oltre il 15 dicembre 2009 è possibile: presentata la dichiarazione di emersione; fornita la provvista per il pagamento d imposta (5%) ricevuta la copia dall intermediario concludere le operazioni di emersione (ingresso: nel territorio italiano/ nel deposito dell intermediario estero) - in ritardo per ragioni obiettive - entro un termine ragionevole.

7 Rimpatrio (solo evidenza) Per il DENARO e ALTRE ATTIVITA FINANZIARIE detenute in qualsiasi Paese; Tramite: - disposizione dell ingresso nel territorio e conferimento all intermediario di ricevere in deposito; - trasferimento al seguito (comunicazione UIF/Banca d Italia) - rimpatrio giuridico ( l intermediario assume formalmente in custodia, deposito, amm.ne o gestione le attività che rimangono all estero = Fiscal Agent ) Per le altre ATTIVITA PATRIMONIALI quadri, gioielli, (idonee a formare oggetto di un rapporto di custodia, deposito) Tramite: - contratto di amministrazione di beni per conto terzi con società fiduciaria residente (garante degli adempimenti fiscali); il bene è consegnato alla fiduciaria (apposito deposito) senza necessità del suo materiale afflusso (un tipo di rimpatrio giuridico ) - trasferimento al seguito - rimpatrio delle partecipazioni, ottenute per conferimento della attività in società ad hoc costituita nello stesso Paese (detenuta al 05/08/09) - vale anche per immobili (Svizzera)

8 Regolarizzazione (evidenza + comunicazione) Per le ATTIVITA FINANZIARIE e altri investimenti detenuti Paesi UE, SEE (Islanda, Norvegia) extra UE con i quali è in atto un effettivo scambio di informazioni (cioè i 36 Stati O.C.S.E.); Tramite: - Certificazione rilasciata dall intermediario estero, di data ragionevolmente ravvicinata,attestante il deposito (no cassetta di sicurezza). Ricorda che la responsabilità della veridicità è esclusivamente del contribuente e dell intermediario estero. Per le ATTIVITA PATRIMONIALI - documento di acquisto - perizia di stima

9 Determinazione Imposta Straordinaria L imposta straordinaria (comprensiva di sanzioni e interessi ) è pari al 50% del rendimento delle attività finanziarie estere, presunto nel 2% per i 5 anni precedenti. Il 5% va applicato all importo indicato nella dichiarazione riservata, delle attività (al 31/12/2008). Sui rendimenti conseguiti dal 1 gennaio 2009 si applicano le imposte dei redditi ordinarie. CONTENUTO DELLA DICHIARAZIONE RISERVATA La dichiarazione ricalca i dati e notizie richiesti nel Mod. RW Il valore è in secondo la lista cambi dell Agenzia delle Entrate e può essere: per le ATTIVITA FINANZIARIE: Costo di acquisto Valore corrente Valori intermedi per le ATTIVITA NON FINANZIARIE: Costo di acquisto Perizia di stima

10 Adempimenti degli Intermediari Raccogliere e Controfirmare le dichiarazioni di emissione senza essere tenuti a verificare: La congruità delle informazioni contenute: nella dichiarazione sostitutiva (ex art. 6 D.Lgs.461/97) e nella comunicazione di dettaglio dei valori (D.Lgs.461/97), La sussistenza dei requisiti soggettivi, I criteri di valorizzazione delle attività adottati dal contribuente, Nel caso di Regolarizzazione deve verificare la coincidenza delle certificazioni rilasciate dall intermediario estero con il soggetto scudante ) Assumere formalmente in custodia, deposito le attività rimpatriate o esistenti all estero Versare l imposta straordinaria Indicare nel Mod. /770 l ammontare complessivo dei valori e dell imposta Effettuare ai fini dell antiriciclaggio (D.Lgs. 231/07): - le identificazioni e registrazioni - le segnalazioni quando vi è il motivo ragionevole che le attività siano frutto di reati non fiscali

11 Effetti del Rimpatrio & Regolarizzazione - parte 1) INIBIZIONE per l Agenzia delle entrate: agli accertamenti tributari e previdenziali anche per i tributi diversi dalle imposte sui redditi (esclusa l IVA), all accertamento sintetico : o per tenore di vita o investimenti patrimoniali di periodi antecedenti e successivi allo scudo (ndr. dando prova dell utilizzo di proventi e/o del capitale rispettivamente detenuto nel conto estero e/o segretato), o lo scudo sterilizza l investimento patrimoniale fatto emergere e/o acquistato, quale reddito spalmabile nei 5 anni (non è utilizzabile a sfavore vedi anche C.M. 9/E/02 r. 1.29) La preclusione è automatica per gli imponibili accertati riconducibili astrattamente agli importi emersi (esempio: ricavi/compensi occultati) anche nei confronti: degli obbligati solidali (eredi), di quei comunisti che abbiano però scudato la loro quota. INEFFICACIA per il Contribuente della dichiarazione di emersione allorché: sia stata già contestata la violazione fiscale, siano stati notificati atti investigativi dell Agenzia delle entrate, vi sia stato l avvio del procedimento penale (iscrizione nel registro degli indagati),

12 Effetti del Rimpatrio & Regolarizzazione - parte 2) SEGRETAZIONE dei Conti di deposito Sono segretati per l Agenzia delle entrate: i dati e le notizie relativi alla dichiarazione riservata di rimpatrio, i dati e le notizie inerenti i conti di deposito e di sub-deposito di rimpatrio (vedi C.M. 18/E/07). RICORDA che: sui conti di deposito/sub-deposito possono affluire le attività rimpatriate e i successivi proventi (capitali & capital gain) se tassati alla fonte; l operazione di emersione consente di evitare, in caso di successivo accertamento di attività detenute in violazione del D.L. 167/90 in Paesi black-list, la pesante presunzione della loro redditività ex art. 12 D.L. 78/09 (vedi C.M. 43/E pg 39).

13 Effetti del Rimpatrio & Regolarizzazione - parte 3) L EMERSIONE NON E A SFAVORE del contribuente La dichiarazione di emersione non può essere utilizzata quale elemento di prova : contro il contribuente in altri procedimenti accertativi che lo interessano direttamente, contro altri soggetti riconducibili al contribuente (società di capitali & di persone) in quanto ne sia il dominus e cioè, ad esempio: o il socio di maggioranza assoluta, o l amministratore unico e socio di una società a ristretta base azionaria ; NON PUNIBILITA DEI REATI L effettivo pagamento (prima della iscrizione nel registro degli indagati ) dell imposta straordinaria sulle attività emerse, rende non punibili: tutti i reati tributari L. 74/2000 esclusi: - emissione di fatture false, - omesso versamento di ritenute, omesso versamento dell Iva, - indebita compensazione e sottrazione al pagamento delle imposte; i reati societari finalizzati a eseguire/occultare i reati tributari : - false comunicazioni sociali (2621 CC), false comunicazioni sociali in danno della società, dei soci e creditori (2622 CC).

14 Redditi dal 1 Gennaio 2009 delle Attività Rimpatriate parte 1) L opzione, in Dichiarazione riservata, dell applicazione dell art 14/co 8 D.L.350/01 consente: al contribuente di comunicare all intermediario i redditi percepiti dal 1 gennaio al 2009 (NO Unico/PF), all Intermediario di applicare il metodo di determinazione analitico o presuntivo del reddito. METODO ANALITICO L intermediario applica le ritenute e imposte sostitutive (come se depositario/incaricato) solo su i proventi assoggettabili: al regime amministrato e/o gestito, alle ritenute di acconto o di imposta, a imposta sostitutiva. ai proventi dei seguenti strumenti finanziari: o quote di OICR di diritto estero (non armonizzati europei = R. 12,50%; Extra = R. & aliquota marginale), o titoli atipici (R. 27%), o assicurazioni vita/capitalizzazione (S. 12,50%) Restano esclusi: - divid./plus. di partecipazioni qualificate nazionali & estere, - divid./plus. da black list (non quotate), -cessione/prelievo di valute, etc. Le minusvalenze del periodo sono rilevate nel quadro R/T di Unico PF. L intermediario comunica nel Mod. 770 redditi & R/A del contribuente.

15 Redditi dal 1 Gennaio 2009 delle Attività Rimpatriate parte 2) METODO PRESUNTIVO (art. 6 D.L. 167/90) Ricorda che questo criterio (come l analitico) non si applica ai redditi per i quali l intervento dell intermediario non è stabilito per legge (vedi esclusi). Una presunzione di redditività pari al TUR (medio/giornaliero c.a. 1,5%) delle attività finanziarie rimpatriate dal 1 gennaio al Applicazione dell imposta sostitutiva del 27%. Il criterio presuntivo può essere utilizzato anche per determinare: o i redditi derivanti da gestioni di patrimoni esteri, o i redditi assoggettabili a R/A (evita il Mod. 770). Il contribuente può quindi utilizzare contemporaneamente: o il metodo analitico (amministrato), o il metodo presuntivo, o il regime del risparmio gestito (Consob, art.7 co 7 Dlgs 461/97), o il regime della dichiarazione.

16 Redditi & Capital Gains dopo il Rimpatrio L opzione, in Dichiarazione riservata, dell applicazione dell art 14/ co 5/bis D.L.350/01 consente: di considerare l importo indicato per le attività finanziarie quale costo fiscalmente riconosciuto (in assenza di quello di acquisto), di poter arbitrare le aliquote del 5% e del 12,50% sulle plusvalenze da partecipazioni non qualificate In alternativa: al costo di acquisto documentato, al valore normale indicato nella dichiarazione sostitutiva di cui all art. 6/D.Lgs. 461/97 (in assenza del costo di acquisto)

17 Monitoraggio Fiscale SEZIONE II MODULO R/W Sez. Investimenti all estero e Attività finanziarie all estero Dal vanno indicati: tutti gli investimenti anche potenzialmente produttivi di redditi e quindi: - immobili, - imbarcazioni, - gioielli, - opere d arte, - etc.. tutte le attività finanziarie per la loro fruttuosità ope legis (eccetto le tassate dall intermediario) SANZIONI Mancata segnalazione delle consistenze di fine anno sanzione pecuniaria dal 10% al 50% degli importi non dichiarati, confisca di beni per l equivalente valore. Mancata segnalazione dei trasferimenti da, verso e sull estero Sanzione pecuniaria dal 10% al 50% degli importi non dichiarati.

18 Grazie per l attenzione Avv. Gian Enrico Barone PAI Sede di Genova Via XX Settembre 1/5 tel.: (+39) fax: (+39)

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009 Lo scudo fiscale III Paolo Ludovici Maisto e Associati Imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali estere a)attività detenute da soggetti

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 LO SCUDO FISCALE

Dettagli

Partecipazioni in società estere a scudo variabile

Partecipazioni in società estere a scudo variabile Focus di pratica professionale di Luca Miele Partecipazioni in società estere a scudo variabile Premessa Una delle fattispecie più frequenti di adesione allo Scudo fiscale riguarda l emersione di partecipazioni

Dettagli

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata Scudo fiscale ter: - nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata di Università di Genova - Professore aggregato di Diritto Commerciale Componente commissione Trust CNDCEC nell emersione

Dettagli

LO SCUDO FISCALE-TER, CASI PARTICOLARI, DUBBI RISOLTI DALLA CIRCOLARE 43 E DUBBI ANCORA DA RISOLVERE

LO SCUDO FISCALE-TER, CASI PARTICOLARI, DUBBI RISOLTI DALLA CIRCOLARE 43 E DUBBI ANCORA DA RISOLVERE LO SCUDO FISCALE-TER, CASI PARTICOLARI, DUBBI RISOLTI DALLA CIRCOLARE 43 E DUBBI ANCORA DA RISOLVERE Franco Dante A.N.T.I. SEZIONE PIEMONTE E VALLE D AOSTA 12 Novembre 2009 INDICE Slide n. 1: Finalità

Dettagli

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com Avv. Prof. Maurizio Leo VD INTERNAZIONALE I SOGGETTI SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche (anche se titolari di reddito di impresa o di lavoro autonomo o collaboratori dell impresa familiare); Titolari

Dettagli

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009 BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Enrico Cecchinato Consulente del Lavoro Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Massimo Coppola Padova, 25 settembre 2009 Ai Clienti dello

Dettagli

Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli

Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli Nell illustrare le modalità operative per effettuare il rimpatrio o la regolarizzazione delle attività irregolarmente

Dettagli

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità Voluntary disclosure Contenuti e opportunità BERGAMO, 23 marzo 2015 PREMESSA Scudo fiscale: sanatoria per omessa indicazione nel quadro RW delle attività detenute all estero (da ultimo D.L. 1 luglio 2009

Dettagli

QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE

QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Adempimenti dichiarativi per i beni e le attività finanziarie detenute all'estero QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE SANDRO BOTTICELLI

Dettagli

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi?

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi? 1 - RIMPATRIO GIURIDICO 1.1 D: Ai fini di poter effettuare un rimpatrio giuridico di titoli, gli stessi devono essere depositati/intestati alla fiduciaria. È possibile il deposito presso qualunque soggetto

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER Premessa Attraverso un emendamento al Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78 (i.e. Decreto anticrisi), introdotto dalla Legge 3 agosto 2009, n. 102, di conversione

Dettagli

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di adesione, gli effetti economici e penali dott. Valerio Stroppa 1 Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza

Dettagli

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano La tassazione delle attività finanziarie per le persone fisiche Adempimenti dichiarativi: dal quadro RW

Dettagli

CIRCOLARE N. / (BOZZA)

CIRCOLARE N. / (BOZZA) CIRCOLARE N. / (BOZZA) Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Settore Agevolazioni, Fiscalità internazionale e Finanziaria Ufficio Fiscalità Finanziaria Roma, xx/xx/20xx Prot.: 2009/116554 Alle Direzioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo.

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo. Modulo RW Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito soggettivo sono ricomprese

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

CIRCOLARE N. 43/E. Roma, 10 ottobre 2009

CIRCOLARE N. 43/E. Roma, 10 ottobre 2009 CIRCOLARE N. 43/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 ottobre 2009 OGGETTO: Emersione di attività detenute all estero. Articolo 13-bis del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito,

Dettagli

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO (Artt. 11-21 Decreto legge 25 settembre 2001, n. 350, convertito,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA NEWSLETTER n. 21 15 aprile 2014 GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA RIFERIMENTI: D.L. n. 167/1990 Legge n. 97/2013 ( Legge Europea ) Legge

Dettagli

Lo scudo fiscale ter Dl. 78 del 2009 aggiornato con il Dl 103 del 2009 e la circolare 43/E del 2009

Lo scudo fiscale ter Dl. 78 del 2009 aggiornato con il Dl 103 del 2009 e la circolare 43/E del 2009 Studio Associato Piazza Lo scudo fiscale ter Dl. 78 del 2009 aggiornato con il Dl 103 del 2009 e la circolare 43/E del 2009 Bergamo, 12 ottobre 2009 I soggetti interessati Possono aderire alla sanatoria

Dettagli

Modulo RW Aspetti generali

Modulo RW Aspetti generali Modulo RW Aspetti generali Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010. Dott. Duilio LIBURDI

IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010. Dott. Duilio LIBURDI IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010 Dott. Duilio LIBURDI Diretta 17 maggio 2010 I SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW Sono principalmente le persone fisiche residenti ai sensi dell articolo

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

Redditi di fonte estera e compilazione del quadro RW Casi pratici

Redditi di fonte estera e compilazione del quadro RW Casi pratici Redditi di fonte estera e compilazione del quadro RW Casi pratici SANDRO BOTTICELLI 8 LUGLIO 2011 SALA CONVEGNI-CORSO EUROPA 2 - MILANO SOMMARIO Operazioni in titoli detenuti all estero Stock Option Incasso

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso

Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso Pag. 3350 n. 39/2011 29/10/2011 Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso di Fabrizio Dominici SOMMARIO Pag. Le sezioni del quadro RW 3351 La prassi dell amministrazione

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali)

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Marco Abramo Lanza Dottore Commercialista Milano, 12 dicembre 2014 Variabili - Oggetto

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESONERATI SCADENZA COME SI COMPILA Il Quadro

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11

INDICE. Premessa... pag. 11 INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI NEL REDDITO DI IMPRESA 1. La cessione delle partecipazioni nel reddito d impresa... pag. 13 1.1 I diversi regimi fiscali applicabili

Dettagli

Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili

Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO BISCOZZI NOBILI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili Dott. Francesco Nobili Milano, 16 ottobre

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. Roma, 19/10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 8/2015 ARGOMENTO: VOLUNTARY DISCLOSURE - RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO - PROROGATI I Gentile Cliente, a ridosso della scadenza del termine ultimo per l invio

Dettagli

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 Monitoraggio fiscale Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 1 Principali aspetti soggettivi 2 Quadro RW Presupposto soggettivo: Persone fisiche,

Dettagli

La voluntary disclosure

La voluntary disclosure News per i Clienti dello studio N. 61 del 23 Aprile 2014 Ai gentili clienti Loro sedi La voluntary disclosure Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle Entrate, con la

Dettagli

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

La Voluntary Disclosure Internazionale

La Voluntary Disclosure Internazionale La Voluntary Disclosure Internazionale Analisi di convenienza tra calcolo analitico e calcolo forfettario Massimo Caldara Ordine dei Dottori Commercialisti Bergamo 28 maggio 2015 Dottori Commercialisti

Dettagli

CIRCOLARE 23 novembre 2009, n. 49/E

CIRCOLARE 23 novembre 2009, n. 49/E Circolare 23 novembre 2009, n. 49/E CIRCOLARE 23 novembre 2009, n. 49/E Emersione di attività detenute all estero. Articolo 13-bis del D.L. 1 luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla Legge

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di Il frontespizio Nel frontespizio dovrà essere indicata la tipologia di collaborazione richiesta (nazionale o internazionale) dando atto, eventualmente, anche della valore integrativo dell istanza. Nel

Dettagli

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo SUPPLEMENTO AL PROSPETTO COMPLETO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA INVESTITORI Investitori America

Dettagli

Ambito di applicazione oggettivo

Ambito di applicazione oggettivo 74 Ambito di applicazione oggettivo Sommario: 2.1 Identità delle attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero e determinazione dei corrispondenti valori 2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Voluntary Disclosure relativa alle attività detenute all estero (attività finanziarie, polizze, società, immobili ed altri beni): profili di tassabilità in

Dettagli

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi REGIME DELLA DICHIRAZIONE Dal punto di vista soggettivo il regime della dichiarazione, disciplinato

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista Firenze, 10 aprile 2015 Agenda 1. Introduzione 2. Polizze Vita 3. Società 4. Trust 5. Sintesi

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 La tassazione delle attività finanziarie 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile -

Dettagli

Voluntary disclosure. Accesso alla procedura in presenza di soggetti interposti e per i soggetti considerati «esterovestiti» Dott.

Voluntary disclosure. Accesso alla procedura in presenza di soggetti interposti e per i soggetti considerati «esterovestiti» Dott. Accesso alla procedura in presenza di soggetti interposti e per i soggetti considerati «esterovestiti» Dott. Salvatore Sanna POSSESSO DI ATTIVITÀ ESTERE PER INTERPOSTA PERSONA L adesione alla voluntary

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

DEPOSITO TITOLI SCUDO FISCALE

DEPOSITO TITOLI SCUDO FISCALE FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI SCUDO FISCALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Sistema S.p.A. Sede legale e amministrativa Corso Monforte, 20-20122 Milano Telefono +39 02 802801 - Fax +39 02 72093979

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi.

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Voluntary disclosure: profili operativi e prime riflessioni a seguito della Circolare 10E dell Agenzia delle Entrate Esame dei periodi da regolarizzare e

Dettagli

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Convegno IMMOBILI IN ITALIA ED ALL ESTERO: ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Roberto TAMBURELLI 1 Introduzione all RW FONTE NORMATIVA Gli Art. 2 e 4 del D.L. 167/1990 obbligano alcuni soggetti

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

Roma, 7 settembre 2015. A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142

Roma, 7 settembre 2015. A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142 Roma, 7 settembre 2015 A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142 Oggetto: Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Riferimento analitico: Legge 15 dicembre 2014, n. 186 - Voluntary disclosure

Dettagli

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE La collaborazione volontaria (detta anche voluntary disclosure, in seguito "VD") consente entro la data del 30 settembre 2015 la regolarizzazione:

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

OGGETTO: Soppressione di alcuni codici tributo utilizzati per il versamento tramite i modelli F24 e F24 Enti pubblici

OGGETTO: Soppressione di alcuni codici tributo utilizzati per il versamento tramite i modelli F24 e F24 Enti pubblici Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 37/E Roma, 10 aprile 2015 OGGETTO: Soppressione di alcuni codici tributo utilizzati per il versamento tramite i modelli F24 e F24 Enti pubblici

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

LO SCUDO FISCALE. Nextam Partners

LO SCUDO FISCALE. Nextam Partners LO SCUDO FISCALE LO SCUDO FISCALE quaderni L immagine nella pagina precedente riproduce una stampa d epoca, raffigurante l entrata di Casa Ponti, in Via Bigli, 11 a Milano, attuale sede di SGR. Il palazzo

Dettagli

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama SUPPLEMENTO AL PROSPETTO D OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FLEX APERTO DI DIRITTO ITALIANO

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

La dichiarazione per la regolarizzazione degli immobili detenuti all estero. di Luca Del Federico

La dichiarazione per la regolarizzazione degli immobili detenuti all estero. di Luca Del Federico La dichiarazione per la regolarizzazione degli immobili detenuti all estero di Luca Del Federico Con lo scudo fiscale, introdotto dal D.L. n. 78/2009, si va delineando un importante opportunità per regolarizzare

Dettagli

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino Il Quadro RW a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino PREMESSA METODOLOGICA NEL MODELLO UNICO CONVIVONO DUE MONDI DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO SEGNALAZIONE DELLE ATTIVITA DETENUTE

Dettagli

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 11/09/2015 1 Circolare 16/07/2015,

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista IL QUADRO RW a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista 1 modulo Gli obblighi legati al quadro RW MONITORAGGIO QUADRO RW l obbligo di monitoraggio in dichiarazione RW sussiste se: sono

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

ATTIVITÀ FINANZIARIE

ATTIVITÀ FINANZIARIE Università Commerciale Luigi Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze CLEACC classe 12 ATTIVITÀ FINANZIARIE Francesco Dal Santo ATTIVITÀ FINANZIARIE Ø Definizioni Ø Redditi di capitale Ø

Dettagli

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW a cura di Roberta De Pirro e Federica Lorusso- Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net; federica.lorusso@sciume.net

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

Autodichiarazione spontanea

Autodichiarazione spontanea Autodichiarazione spontanea Il ruolo della Fiduciaria Gli adempimenti del sostituto d imposta Torino, 20 novembre 2014 Andrea Ferraretti EOS Servizi Fiduciari SpA Amministratore Delegato Autodichiarazione

Dettagli

Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali.

Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali. Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali. 1 Attività estere: dove tenerle Le attività finanziarie o patrimoniali oggetto di voluntary disclosure, potranno: A) essere

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO SUPPLEMENTO per l aggiornamento dell informativa fiscale riportata nel Prospetto Completo relativo all offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione 13 Stefano Grilli Dottore commercialista, Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners, Milano Le ultime

Dettagli

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22 1. LA FIGURA DEL TRIBUTARISTA 1.1. La figura del Tributarista Pag. 9 1.1.1. Premessa Pag. 9 1.1.2. Le principali caratteristiche, obblighi ed attività del tributarista in sintesi Pag. 10 2. LA LEGGE N.

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE ENRICO MARIA BIGNAMI ANDREA BIGNAMI GAETANO PIGNATTI MORANO CESARE BEOLCHI ROGER OLIVIERI FEDERICO GENTILE CARLO GIROTTI DOMENICO BIANCHI dottore in economia e commercio ARIANNA VITALI dottoressa in economia

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA novembre 2007, n.231 circa il TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE O DI LIBRETTI DI DEPOSITO BANCARI O POSTALI AL PORTATORE O DI TITOLI AL PORTATORE A decorrere dal 6 dicembre 2011 è vietato il trasferimento

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 Indice Introduzione XV Parte prima PRINCIPI GENERALI 1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 2 Redditi diversi di natura

Dettagli

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio LA "DISCLOSURE" DEI CONTI NON SCUDATI Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio Lugano Fund Forum 25 e 26 novembre 2013 Studio Legale e Tributario Monti Studio Legale e Tributario

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

Autodichiarazione spontanea

Autodichiarazione spontanea Autodichiarazione spontanea Il ruolo della Fiduciaria Gli adempimenti del sostituto d imposta Vicenza, 26 febbraio 2015 Andrea Ferraretti EOS Servizi Fiduciari SpA Amministratore Delegato Autodichiarazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli