Indicazioni alla prescrizione dell attività fisica nell anziano diabetico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indicazioni alla prescrizione dell attività fisica nell anziano diabetico"

Transcript

1 Indicazioni alla prescrizione dell attività fisica nell anziano diabetico Pasquale Cardinale Antonio Luciano Capaccio

2 Indicazioni alla prescrizione dell attività fisica nell anziano diabetico Pasquale Cardinale Capaccio

3 PER CONVENZIONE SI DEFINISCE ANZIANA LA PERSONA DI ETA 65 ANNI

4 L età biologica, però, deve essere valutata anche in funzione dello stato di salute L invecchiamento è un processo individuale e condizionato da fattori genetici, ambientali, dietetici e sociali

5 Concetto relativo di anzianità Anziano chi, al momento della definizione, si suppone possa vivere 10 anni per il raggiungimento dell età dell aspettativa di vita, oppure Chi si trova nella fascia d età compresa tra i 65 e 75 anni e vecchio oltre i 75 anni.

6 L ISTAT definisce una persona anziana sulla base di indicatori demografici Anziani giovani : individui per i quali l età è solo un fatto anagrafico Anziani attivi : individui con disturbi ma attivi nella vita sociale Anziani ritirati : individui che si considerano vecchi e si autoescludono dal contesto sociale. Anziani emarginati : individui isolati dal contesto sociale e familiare e spesso disabili e con limitate disponibilità economiche.

7 L OMS definisce come anziani attivi Coloro i quali nel progressivo invecchiamento mantengono capacità funzionale di condurre una vita autonoma e senza disabilità.

8 SPORT E ATTIVITA FISICA per gli anziani l'esercizio fisico è particolarmente utile. Il movimento quotidiano ritarda l'invecchiamento, previene l'osteoporosi, contribuisce a prevenire la disabilità, la depressione e la riduzione delle facoltà mentali. Previene il rischio di cadute accidentali migliorando l'equilibrio e la coordinazione. Ministero della salute in coll. ISS

9 Dichiarazioni basate sull evidenza (Sistema SORT Strenght of Recommendation Taxonomy - ) Medicine & Science in Sports & Exercise 2009 (by the American College of Sports Medicine) L invecchiamento comporta cambiamenti fisiologici sfocianti in ridotte capacità funzionali e nell alterazione della composizione corporea (F.Ev. A) Un attività fisica regolare aumenta l aspettativa di vita, inibendo lo sviluppo di malattie croniche mediante la mitigazione delle alterazioni biologiche dovute all avanzare dell età e degli effetti correlati sulla salute e sul benessere e contribuendo a preservare la capacità funzionale (F.Ev.A) I soggetti anziani in salute sono in grado di svolgere esercizi aerobici e di resistenza, nonché di sperimentare adattamenti positivi all esercizio fisico (F. Ev.A) Un attività fisica regolare riduce il rischio di sviluppare un gran numero di malattie e condizioni croniche ed è utile nel trattamento di numerose patologie (F.Ev.A/B)

10 Dichiarazioni basate sull evidenza (Sistema SORT Strenght of Recommendation Taxonomy - ) Medicine & Science in Sports & Exercise 2009 (by the American College of Sports Medicine) Programmi di Attività Aerobica (AET) di sufficiente intensità (VO2 max 60% in preallenamento), frequenza e durata ( 3 gg/sett, 16 settimane) possono incrementare il VO2 max in soggetti sani di mezza età e in età senile. (F. Ev. A) Gli anziani possono aumentare la propria forza con la ginnastica di resistenza (RET) (F. Ev. A) Sugli anziani è stato dimostrato un sostanziale incremento di potenza muscolare in seguito a RET (F. Ev. A) Una regolare attività fisica si accompagna a miglioramenti significativi in termini di benessere psicologico generale. Sia la ginnastica sia l AET comportano un minor rischio di depressione clinica o ansia. Ginnastica e attività fisica sono consigliate per influire sul benessere psicologico, in virtù dei loro effetti moderatori e mediatori sulla costruzione dell autoconcetto e dell autostima (F. Ev. A/B)

11

12 In Italia il 30% degli adulti tra 18 e 69 anni svolge, nella vita quotidiana, meno attività fisica di quanto è raccomandato e può essere definito sedentario. In particolare, il rischio di sedentarietà aumenta con il progredire dell'età, ed è maggiore tra le persone con basso livello d'istruzione e difficoltà economiche. La situazione è migliore nelle regioni del nord Italia, ma peggiora nelle regioni meridionali (Rapporto PASSI 2011).

13 Ma se NON è possibile fare prevenzione nei confronti dell invecchiamento

14 sicuramente Il decadimento funzionale è suscettibile di rallentamento se si interviene sui fattori di rischio modificabili se si svolge operazione di prevenzione primaria nei confronti delle principali malattie cronicodegenerative.

15

16

17 INVESTIMENTI IN AF 1 dollaro investito in attività fisica in ambito lavorativi = 8 dollari guadagnati in produttività. (fonte camera di commercio dello Stato di California) 1 dollaro investito in AF in ambito di programmazione sanitaria = 3 dollari risparmiati di spesa sanitaria (fonte: NIH, JAMA (23): )

18 INVESTIMENTI IN AF (DATI ITALIANI) 90 min. di cammino 4 volte\sett per 3 mesi = risparmio di un 1\3 del fabbisogno di ipoglicemizanti orali G. Corigliano (Giornale Italiano di Diabetologia 1981) aumento del 20% della popolazione attiva = risparmio di 20mld di euro\anno G.F. Fumagalli (Panorama Diabete 2005) a fronte di un investimento di circa 100 per persona per interventi educativi e personal trainer vi è una riduzione di spesa sanitaria di circa 500 \ in NIDDM che praticavano un programma d attività motoria (P. De Feo Diabetes Care 2004)

19

20

21 Indicazioni alla prescrizione dell attività fisica nell anziano diabetico Antonio Luciano Capaccio

22 Cosa intendiamo per: Attività fisica : qualunque sforzo esercitato dal muscolo scheletrico che si traduce in un consumo energetico superiore a quello in condizioni di riposo. Esercizio Fisico : l insieme di movimenti ripetitivi programmati e strutturati in maniera specifica, volti al miglioramento della forma fisica e della salute. Attività sportiva : forma di attività praticata in situazioni competitive sistematiche e/o continuative, strutturate e sottoposte a regole. Attività fisica aerobica : è un attività che utilizza fonti energetiche (glucosio e NEFA) interamente ossidate, con elevata produzione di ATP e senza scorie tossiche (solo H 2 O e CO 2 ). L aerobiosi di qualunque attività fisica dipende dalla sua intensità, dal grado di allenamento e dall offerta muscolare di O 2. Physical activity and health in Europe: evidence for action.who, 2006, da: Capersen CJ, PowellKE, ChristensenGM. Physical activity, exercise and physical fitness: definition and distinctions for health related research.public Health reports, 1985

23 Cosa intendiamo per: Met : unità di equivalente metabolico utilizzato per stimare il costo metabolico di un attività fisica secondo la relazione 1MET=3,5 ml O 2 /Kg/min. 1MET/kg/min corrisponde a quello della condizione di assoluto riposo (metabolismo basale). VO 2 max : capacità aerobica massima e dipende, ovviamente, dal grado di allenamento e dalle capacità respiratoria e cardiovascolare. È una funzione ALLENABILE. Physical activity and health in Europe: evidence for action.who, 2006, da: Capersen CJ, PowellKE, ChristensenGM. Physical activity, exercise and physical fitness: definition and distinctions for health related research.public Health reports, 1985

24

25

26

27

28 Benefici dell attività fisica aerobica Riduzione della mortalità da tutte le cause Riduzione della Morbilità e Mortalità coronarica Assetto lipidico meno aterogeno ( aumento COL HDL, riduzione VLDL e LDL piccole e dense) Riduzione della incidenza di cancro del colon Miglioramento della composizione corporea Miglioramento della sensibilità insulinica e prevenzione NIDDM Miglioramento del compenso in NIDDM Riduzione della pressione arteriosa Incremento della densità ossea e ridotta incidenza delle fratture Riduzione della spesa sanitaria e aumento della produttività Miglioramento della qualità della vita Physical and Public Health: updated Recommendation for Adults from the American College of Sports Medicine and the American Heart Association, Med Sci Sports & Exercise, Vol. 39 n 8, 2007.

29 Quali sono gli esami di base preliminari per escludere la presenza di controindicazioni all attività fisica? VALUTAZIONE DIABETOLOGICA o o o o o o o o o HbA1c, profili glicemici a 6 punti, c.v. Vasculopatia periferica: indice caviglia-braccio Retinopatia diabetica proliferante e non: fondo oculare in midriasi Nefropatia diabetica incipiente o conclamata: microalbuminuria Neuropatia sensitivo-motoria periferica: ispezione dei piedi e dell appoggio plantare (podografia, podoscopia), valutazione sensibilità termo-tatto-dolorifica Neuropatia autonomica cardiovascolare: test di neuropatia Biotesiometria VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE Patologie cardiovascolari: ECG a riposo Riserva coronarica e sviluppo di aritmie: ECG da sforzo (cicloergometro, treadmill) obbligatorio >35aa o IDDM>15aa Physical Activity/ Exercise and Type 2 Diabetes, A consensus statement from the American Diabetes Association, Diabetes Care, Vol. 29 n 6, june 2006.

30 COME VALUTARE LA FORMA FISICA? Forma Fisica: abilità di compiere comuni attività quotidiane con vigore e prontezza, senza indurre fatica e capacità di rispondere ad imprevisti. CARDIORESPIRATORIA: Fc a riposo, VO2max (METs x3,5=mlo2/kg/min) Valutabile con Test da sforzo FORMA MUSCOLARE: FORZA MUSCOLARE RESISTENZA MUSCOLARE FLESSIBILITÀ: Sit and reach

31 QUALI INDICATORI? Parametri: Frequenza: volte/sett. Intensità: % VO 2 max,% FCmax, METS, RPE (scala di Borg),Talk Test Durata: minuti/sett. Tipo: attività prevalentemente aerobiche associate o meno ad esercizi contro resistenza Motivazione Monitoraggio: circonferenza vita, BMI, FC a riposo, n. passi, VO 2 max, dispendio energetico, Armband, diario glicemico, HbA1c, parametri lipidici, PA

32 FORMULA DI KARVONEN FREQUENZA CARDIACA DI RISERVA (di Allenamento) (220-età-FCR) x % desiderata + FCR Un uomo di 65 anni ha una frequenza cardiaca di riposo (FCR) di 70 bpm. Vuole allenarsi all 60% della sua capacità massima. Quale sarà la sua frequenza cardiaca di allenamento? 1) = 155 2) = 85 3) 85x0.6 = 51 4) = 121 bpm

33 BORG Scale Percezione soggettiva dello sforzo (RPE) % FC max %VO2max 6 Nessuno sforzo Stare seduti 20 7 Estremamente leggero Movimenti molto facili Molto leggero Normale camminata Leggero Intensità di riscaldamento leggero Abbastanza duro Di intensità percepita come leggermente impegnativa Duro Di intensità percepita come impegnativa Molto duro Di intensità percepita come molto impegnativa Estremamente duro Di intensità molto alta che non può essere mantenuta 20 Massimo sforzo Di intensità massima poco sostenibile 100 > 85

34 Classificazione dell intensità dell AF Suddivisa per fascia di età METs INTENSITÀ % VO 2 max % FC max Giovani (20-39) Mezza età (40-64) Anziani (65-79) Grandi vecchi (>80) Scala di Borg RPE Molto lieve < < 2.4 < 2.0 < 1.6 < Lieve Moderata Severa/vigorosa Molto elevata > 10.2 > 8.5 > 6.8 > Massima Modificata da Fletcher G.F. 2001

35 PROGRAMMA DI ATTIVITÀ FISICA PER DIABETICI DI TIPO 2 Attività consigliate Sports di tipo aerobico: podismo, ciclismo, marcia, ginnastica, nuoto, sci di fondo, canoa, danza. Intensità Durata Frequenza Precauzioni Consigli per perdere peso Adesione a lungo termine 40-60% ; la frequenza cardiaca in corso di attività fisica può essere calcolata con la formula: [ (FC massima* - FC basale) x 40-60%] + FC basale minuti, escluso il riscaldamento ed il defaticamento Almeno 3-4 volte alla settimana, preferibilmente tutti i giorni Scarpe adeguate, monitoraggio glicemico prima, durante e dopo l esercizio fisico (soprattutto per i pazienti in terapia con farmaci ipoglicemizzanti), ECG a riposo ed eventualmente sotto sforzo Associare una dieta con calorie derivanti per il 50-60% dai carboidrati, 10-15% dalle proteine e 25-30% dai grassi ed un deficit calorico giornaliero di circa 300 kcal/die, che sia ricca in fibre ed offra un adeguata integrazione idrico-salina Valutare con il paziente i benefici conseguenti all esercizio fisico, gratificarlo, favorire il supporto di persone che praticano la stessa attività ed offrire sports alternativi P. De Feo, G. Annuzzi, G. Corigliano, G. Riccardi Il Diabete, giugno 2003

36 DIABETE-COMPLICANZE-SPORT TIPO DI COMPLICANZA SPORT PERMESSI SPORT VIETATI RETINOPATIA BACKGROUND ED IPERTENSIONE RETINOPATIA PROLIFERANTE NEUROPATIA SENSITIVA DISTALE ALTERAZIONI ELETTROGRAFICHE DI TIPO ISCHEMICO SCOMPENSO GLICO- METABOLICO BICICLETTA FOOTING-JOGGING NUOTO CYCLETTE MARCIA CYCLETTE NUOTO CYCLETTE NUOTO MARCIA BODY-BUILDING MARCIA IN ALTITUDINE SOLLEVAMENTO PESI CANNOTTAGGIO SPORT CHE IMPLICANO SALTI E SCUOTAMENTO DEL CAPO GIOCHI DI SQUADRA MARCIA GIOCHI SULLA SPIAGGIA DANZA (SPECIE AEROBICA) NON FARE SPORT SE LA FC E AUMENTATA E SE VI SONO ALTERAZIONI DEL RITMO EVITARE OGNI TIPO DI SPORT FINO AL RIEQUILIBRIO Exercise and Type 2 diabetes: American College of Sports Medicine and the American Diabetes Association: Joint Position Statement MEDICINE & SCIENCE IN SPORTS & EXERCISE December 2010-Vol 42-Issue 12- pp

37 Per chi non ha tempo andare a lavorare o a scuola a piedi o in bicicletta quando si usano i mezzi pubblici, scendere una fermata prima e finire il tragitto a piedi non prendere la macchina per effettuare piccoli spostamenti e, quando la si usa, scegliere di parcheggiare un po' più lontano dalla destinazione finale fare le scale e non prendere l'ascensore portare a spasso il cane fare giardinaggio o i lavori domestici andare a ballare giocare con i bambini possibilmente all'aperto o attraverso attività che richiedono movimento fisico.

38

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 I l termine diabete mellito indica un insieme di malattie metaboliche, diverse fra loro per eziopatogenesi, caratterizzate da iperglicemia

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

Il diabetico e lo sport

Il diabetico e lo sport Il diabetico e lo sport S.S.D. Endocrinologia, Diabetologia e Malattie dl Metabolismo Dott.S.E.Oleandri Dott.ssa G. Comba Savigliano 23 ottobre 2012 La terapia del diabete Stile di vita alimentazione attività

Dettagli

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014 ESERCIZIO FISICO E DIABETE Prof. Nicola Candeloro Campobasso 9 Aprile 2014 Steve Redgrave 5 volte oro olimpico (1984,1988,1992,1996,2000) Diabete tipo 1 Effetti del training sul metabolismo energetico

Dettagli

L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI

L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI CONOSCENZE STORICHE Non si può mantenersi in salute basandosi soltanto sul tipo di alimentazione, ma a questo bisogna affiancare

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

Come fare attività fisica nella vita quotidiana

Come fare attività fisica nella vita quotidiana Come fare attività fisica nella vita quotidiana 1 OMS - Regional Office for Europe Cammino e bicicletta http://www.euro.who.int/eprise/main/who/progs/trt /modes/20021009_1 In Europa la maggior parte degli

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

Il nostro PDTA dell attività fisica. G. Corigliano Resp. Serv. Diabetologia AID Napoli

Il nostro PDTA dell attività fisica. G. Corigliano Resp. Serv. Diabetologia AID Napoli Il nostro PDTA dell attività fisica G. Corigliano Resp. Serv. Diabetologia AID Napoli Attività fisica Che intendiamo per: Qualunque sforzo esercitato dal muscolo scheletrico che si traduce in un consumo

Dettagli

MANGIA SANO E ATTIVITA FISICA CORRI LONTANO. Dipartimento di prevenzione- S.C.SISP Funzione di Medicina dello Sport. Dott.

MANGIA SANO E ATTIVITA FISICA CORRI LONTANO. Dipartimento di prevenzione- S.C.SISP Funzione di Medicina dello Sport. Dott. MANGIA SANO E CORRI LONTANO ATTIVITA FISICA Dott.GUERRIERO MAURO Dipartimento di prevenzione- S.C.SISP Funzione di Medicina dello Sport Borgomanero 06 maggio 2010 Novara 13 maggio 2010 Definizioni Attività

Dettagli

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo Effetti dell attivita fisica Dott. Pietro Palermo Perché fare attività fisica? Ad ognuno il proprio spazio Fare attività fisica non vuol dire solo evitare di ingrassare! Determinanti della Capacità di

Dettagli

Invecchiamento ed esercizio fisico

Invecchiamento ed esercizio fisico C.d.L. in Scienze Motorie Cattedra di Geriatria Prof. Gianluigi Vendemiale Invecchiamento ed esercizio fisico Dott. A.D. Romano ESERCIZIO FISICO E FISIOLOGIA DELL INVECCHIAMENTO 1 Cambiamenti fisiologici

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO CASO CLINICO P.M., uomo, 59 anni Anamnesi familiare Familiarità di primo grado per diabete mellito e

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

LINEE GUIDA A.D.A. SU DIABETE E ATTIVITA FISICA

LINEE GUIDA A.D.A. SU DIABETE E ATTIVITA FISICA LINEE GUIDA A.D.A. SU DIABETE E ATTIVITA FISICA Gerardo Corigliano, Jole Gaeta, Marco Corigliano Il seguente articolo è la traduzione fedele della Position Statement su Diabete Mellito ed Esercizio Fisico

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Dr. Marisa Conte MODIFICHE METABOLICHE DURANTE LA GRAVIDANZA Lattogeno placentare Compenso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2290 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Istituzione delle figure professionali di esperto in scienze delle

Dettagli

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Convegno Regionale Impegno per la Salute 3 Novembre 2013, Santa Maria di Sala Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Franco Giada M.Vettori, A.Cosma,

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

ATTIVITA FISICA e DIABETE TIPO 1!

ATTIVITA FISICA e DIABETE TIPO 1! Azienda Sanitaria Locale di Potenza Gruppo di lavoro per le endocrinopatie dell età evolutiva Medicina dello sport I pagina DI COPERTINA logo RIPED RIPed - Rete Interaziendale di Pediatria di Basilicata!!

Dettagli

MONITORAGGIO DELLO STILE DI VITA DEL MEDICO E DEI PROPRI PAZIENTI. Milano, II congresso nazionale Medico Cura te Stesso 4-5 Marzo 2010

MONITORAGGIO DELLO STILE DI VITA DEL MEDICO E DEI PROPRI PAZIENTI. Milano, II congresso nazionale Medico Cura te Stesso 4-5 Marzo 2010 MONITORAGGIO DELLO STILE DI VITA DEL MEDICO E DEI PROPRI PAZIENTI Milano, II congresso nazionale Medico Cura te Stesso 4-5 Marzo 2010 Roberto Perissin Amministratore Delegato Sensormedics Italia Srl, Terapista

Dettagli

Piano della Prevenzione 2010-2012 RER

Piano della Prevenzione 2010-2012 RER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO COME STRUMENTO DI PREVENZIONE E TERAPIA La realtà di Parma RELATORE: Alberto Anedda Responsabile ff Unità Operativa Complessa di Medicina dello Sport AUSL PARMA Piano

Dettagli

MANUALE PER L ISTRUTTORE DI FITNESS

MANUALE PER L ISTRUTTORE DI FITNESS MANUALE PER L ISTRUTTORE DI FITNESS Presentazione Introduzione PARTE I: ATTIVITÀ FISICA, FORMA FISICA E SALUTE Capitolo I: Attività fisica e salute I rapporti tra attività fisica e salute Cosa sappiamo

Dettagli

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana Le complicanze perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lilly Le cause delle complicanze Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da elevati valori di zucchero nel sangue, elevata glicemia,

Dettagli

Il cammino, come attività aerobica di moderata intensità, aumenta la densità minerale ossea nei pazienti in trattamento con c-art

Il cammino, come attività aerobica di moderata intensità, aumenta la densità minerale ossea nei pazienti in trattamento con c-art 6 workshop nazionale CISAI Genova, 8 febbraio 2013 Il cammino, come attività aerobica di moderata intensità, aumenta la densità minerale ossea nei pazienti in trattamento con c-art Bonato M, Bossolasco

Dettagli

Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico. Vincenzo Paciotti

Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico. Vincenzo Paciotti Autocontrollo e tecnologie nell esercizio fisico stru1urato: Calcolo del consumo calorico Vincenzo Paciotti L autocontrollo può perme1ere alla persona con DM2 di : a. affrontare modificazioni dell'alimentazione

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Università dell età libera 2014-2015 Conferenze di informazione salute e movimento Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Indice INTRODUZIONE 23 ore e mezzo L ATTIVITA FISICA IL NORDIC WALKING

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza.

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DIABETE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL DIABETICO ALLA GUIDA Con il termine diabete mellito viene descritto un disordine metabolico ad eziologia multipla caratterizzato

Dettagli

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE DIABETICO Il documento è finalizzato ad individuare modalità operative che consentano una più agevole integrazione tra assistenza

Dettagli

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG A cura di Marco Pietro Mazzi e Maria Chiara Cressoni (SIMG-FIMMG ASL 22) PREMESSA Nella gestione del paziente diabetico l obiettivo

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

La promozione dell attività fisica nella popolazione generale

La promozione dell attività fisica nella popolazione generale REGIONE VENETO Piano di lotta alla sedentarietà Promozione dell attività fisica per la prevenzione e la cura delle malattie croniche Rovigo, 7 novembre 2007 Trecenta, 5 dicembre 2007 La promozione dell

Dettagli

RUOLO DELL ATTIVITA FISICA

RUOLO DELL ATTIVITA FISICA CORSO DI FORMAZIONE PER MMG DIABETE MELLITO TRA MEDICO DI MEDICINA GENERALE E DIABETOLOGO. PROPOSTA PER UNA GESTIONE CONDIVISA RUOLO DELL ATTIVITA FISICA Dott. F. Giada F, Dott.ssa E. Brugin, ULSS 13,

Dettagli

Percorso educazionale e di counseling del paziente anziano diabetico. Punto 1. 1a.Anziano

Percorso educazionale e di counseling del paziente anziano diabetico. Punto 1. 1a.Anziano Percorso educazionale e di counseling del paziente anziano diabetico Punto 1 1a.Anziano Per convenzione si definisce anziana la persona di età 65 anni Anziano ovvero persona che è avanti con gli anni,

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

PROMOZIONE DELL ATTIVITÀ FISICA I GRUPPI DI CAMMINO. SANTO ALFONZO Direttore S.Pre.S.A.L. ASL CN1 CUNEO SAVIGLIANO MONDOVI

PROMOZIONE DELL ATTIVITÀ FISICA I GRUPPI DI CAMMINO. SANTO ALFONZO Direttore S.Pre.S.A.L. ASL CN1 CUNEO SAVIGLIANO MONDOVI PROMOZIONE DELL ATTIVITÀ FISICA I GRUPPI DI CAMMINO SANTO ALFONZO Direttore S.Pre.S.A.L. ASL CN1 CUNEO SAVIGLIANO MONDOVI Gli stili di vita rappresentano un fattore determinante della salute che può essere

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

Attività fisica nell'anziano. La prescrizione. dell. nella terza età. Appunti per il medico di medicina generale

Attività fisica nell'anziano. La prescrizione. dell. nella terza età. Appunti per il medico di medicina generale Attività fisica nell'anziano dell La prescrizione nella terza età Appunti per il medico di medicina generale Presentazione NELL AMBITO del proprio Programma di impegno sociale, denominato Salute & Società,

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014. Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale

Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014. Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014 Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale Medicina della complessita IL DIABETE MELLITO VA STUDIATO E GESTITO IN UN OTTICA COMPLESSA E SISTEMICA Medicina

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Premesse Nella ipotetica piramide a tre livelli( fig 1) il primo livello preventivo ( familiarità IFG ecc ma comunque glicemia inferiore a 126)

Dettagli

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRIMO REPORT ELABORAZIONE DATI NOVEMBRE 2007 dati aggregati DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RAPPRESENTATA, PER SESSO

Dettagli

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti Anziani f-+ m gamba L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti organizzata dalla Fondazione Veronesi nell 'ambito del programma "The Future qfscience

Dettagli

Casalecchio di Reno, 22 Febbraio 2014. Dr. Sergio Sgarzi AUSL di Bologna UOSD Medicina dello Sport

Casalecchio di Reno, 22 Febbraio 2014. Dr. Sergio Sgarzi AUSL di Bologna UOSD Medicina dello Sport Casalecchio di Reno, 22 Febbraio 2014 Dr. Sergio Sgarzi AUSL di Bologna UOSD Medicina dello Sport La prescrizione in Emilia-Romagna Viene messa in atto attraverso l integrazione Tre Progetti Gli Invianti:

Dettagli

Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE

Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE IGEA: dal progetto al sistema L'integrazione delle cure per le persone con malattie croniche 22 aprile 2013 Mariadonata Bellentani Giulia Dal Co Mariagrazia Marvulli

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON DIABETE MELLITO TIPO II Versione III Maggio 2013 1 FASE

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

DELL ATTIVITÁ FISICA

DELL ATTIVITÁ FISICA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA corso di laurea in educazione fisica e tecnica sportiva T. T. DIDATTICA ATTIVITÁ MOTORIA. RICREATIVA E DEL TEMPO LIBERO gianpiero.grassi@unimi.it gianpiero.grassi@unipv.it

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI

IL DIABETE MELLITO: CAUSE E RIMEDI Cosa è il Diabete Il Diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata - da una eccessiva concentrazione di glucosio nel sangue, - dalla insorgenza, nel suo decorso, di numerose complicanze e - da

Dettagli

Il «Progetto Diabete» della provincia di Modena risultati del progetto di gestione integrata

Il «Progetto Diabete» della provincia di Modena risultati del progetto di gestione integrata MEDICINA PRATICA < 57 Il «Progetto Diabete» della provincia di Modena risultati del progetto di gestione integrata Nella Provincia di Modena la Gestione Integrata del Diabete Mellito è in atto dal 1998

Dettagli

Attività fisica: strumenti per la

Attività fisica: strumenti per la Attività fisica: strumenti per la rilevazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre" 28

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

Liceo Scientifico G.Marconi Pesaro Progetto De Arte Gymnastica 2012

Liceo Scientifico G.Marconi Pesaro Progetto De Arte Gymnastica 2012 Liceo Scientifico G.Marconi Pesaro Progetto De Arte Gymnastica 2012 L attività motoria per la prevenzione e la salute e la salute Dott. Piero Benelli Docente Facoltà Scienze Motorie Università di Urbino

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA ASSOCIAZIONE PRO SENECTUTE DI PEIA-ONLUS via Don Brozzoni n 32 24020 Peia (BG) cod. fiscale 90017120164 (Iscritta nel Registro Generale Regionale del Volontariato al n. 26038 dal 24.10.2000) e-mail prosenectute_peia@virgilio.it

Dettagli

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili CENTRO DI RIABILITAZIONE VIA BOLZANO 1 B GENOVA TEL. 010 3203600 www.gruppofides.it Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili Dott.ssa Renata Carro Fisioterapista Cadute in casa delle

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Attivazione Gruppi di Cammino Solferino 4 novembre 2014

Attivazione Gruppi di Cammino Solferino 4 novembre 2014 Attivazione Gruppi di Cammino Solferino 4 novembre 2014 La promozione di stili di vita salutari Elena Bianchera Area Promozione salute elena.bianchera@aslmn.it Canneto sull Oglio 21 febbraio 2014 Il fare

Dettagli

Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona

Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona Quale attività motoria per gli anziani? Massimo Lanza Facoltà di Scienze Motorie Università di Verona 1 Le fonti A.C.S.M (American College of Sport Medicine); "Exercise and Physical Activity for Older

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

- MIGLIORA LA SICUREZZA DELLA TUA CASA - RICORDA PERIODICAMENTE AL TUO MEDICO I FARMACI CHE STAI PRENDENDO - ALTRI CONSIGLI PRATICI

- MIGLIORA LA SICUREZZA DELLA TUA CASA - RICORDA PERIODICAMENTE AL TUO MEDICO I FARMACI CHE STAI PRENDENDO - ALTRI CONSIGLI PRATICI 1 INDICE A CHI E RIVOLTO QUESTO OPUSCOLO? QUANTO GRAVE E IL PROBLEMA DELLE CADUTE? CHI SONO LE PERSONE A RISCHIO DICADERE? CHE COSA PUOI FARE PER PREVENIRE LE CADUTE? - MUOVITI, MANTIENITI ATTIVO - MIGLIORA

Dettagli

I GRUPPI DI CURE PRIMARIE

I GRUPPI DI CURE PRIMARIE I GRUPPI DI CURE PRIMARIE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE ASL Pavia Dr. Guido FONTANA - Dr.ssa Simonetta NIERI Milano, 21 settembre 2011 GRUPPI DI CURE PRIMARIE Struttura Nel giugno 2004 nell ASL della provincia

Dettagli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli 1 Congresso Card Umbria 2011 Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli Dipartimento del Territorio U.O. OSST dott.ssa Loredana Lazzara Il Territorio dell ASL 11 2 Società della Salute 180 MMG

Dettagli

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona L assistenza integrata alla persona con diabete tra Ospedale e Territorio: il punto di vista del diabetologo Valeria Manicardi UIMD

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI CORSO DI AGGIORNAMENTO LA SINDROME METABOLICA: ASPETTI NUTRIZIONALI, CLINICI, DIAGNOSTICI e STILI DI VITA Riferimento evento RES n. 15425 Crediti formativi 43,5 dal 14 ottobre

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

IL DIABETE GESTAZIONALE

IL DIABETE GESTAZIONALE IL DIABETE GESTAZIONALE dott.ssa Annamaria Nuzzi Ambulatorio Diabete e Gravidanza S.S.D. Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.S.L. CN2 sede di Alba e Canale Resp.. Dott.ssa A. Rosatello COS E IL DIABETE

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli