OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art c.c.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c."

Transcript

1 OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art c.c. 1

2 PARTI COMUNI 2

3 Art. 1 L'articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art (Parti comuni dell'edificio). Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, anche se aventi diritto a godimento periodico e se non risulta il contrario dal titolo: 1) tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune, come il suolo su cui sorge l'edificio, le fondazioni, i muri maestri, i pilastri e le travi portanti, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni di ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili e le facciate; 2) le aree destinate a parcheggio nonché i locali per i servizi in comune, come la portineria, incluso l'alloggio del portiere, la lavanderia, gli stenditoi e i sottotetti destinati, per le caratteristiche strutturali e funzionali, all'uso comune; 3) le opere, le installazioni, i manufatti di qualunque genere destinati all'uso comune, come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli impianti idrici e fognari, i sistemi centralizzati di distribuzione e di trasmissione per il gas, per l'energia elettrica, per il riscaldamento ed il condizionamento dell'aria, per la ricezione radiotelevisiva e per l'accesso a qualunque altro genere di flusso informativo, anche da satellite o via cavo, e i relativi collegamenti fino al punto di diramazione ai locali di proprietà individuale dei singoli condomini, ovvero, in caso di impianti unitari, fino al punto di utenza, salvo quanto disposto dalle normative di settore in materia di reti pubbliche». 3

4 MAGGIORANZE DELIBERATIVE 4

5 «Art (Costituzione dell'assemblea e validità delle deliberazioni). L'assemblea in prima convocazione è regolarmente costituita con l'intervento di tanti condomini che rappresentino i due terzi del valore dell'intero edificio e la maggioranza dei partecipanti al condominio. Sono valide le deliberazioni approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio. Se l'assemblea in prima convocazione non può deliberare per mancanza di numero legale, l'assemblea in seconda convocazione delibera in un giorno successivo a quello della prima e, in ogni caso, non oltre dieci giorni dalla medesima. L'assemblea in seconda convocazione è regolarmente costituita con l'intervento di tanti condomini che rappresentino almeno un terzo del valore dell'intero edificio e un terzo dei partecipanti al condominio. La deliberazione è valida se approvata dalla maggioranza degli intervenuti con un numero di voti che rappresenti almeno un terzo del valore dell'edificio. Le deliberazioni che concernono la nomina e la revoca dell'amministratore o le liti attive e passive relative a materie che esorbitano dalle attribuzioni dell'amministratore medesimo, le deliberazioni che concernono la ricostruzione dell'edificio o riparazioni straordinarie di notevole entità e le deliberazioni di cui agli articoli quater, 1120, secondo comma, 1122-ter nonché 1135, terzo comma, devono essere sempre approvate con la maggioranza stabilita dal secondo comma del presente articolo. Le deliberazioni di cui all'articolo 1120, primo comma, e all'articolo 1122-bis, terzo comma, devono essere approvate dall'assemblea con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti ed almeno i due terzi del valore dell'edificio. L'assemblea non può deliberare, se non consta che tutti gli aventi diritto sono stati regolarmente convocati. Delle riunioni dell'assemblea si redige processo verbale da trascrivere nel registro tenuto dall'amministratore». 5

6 Art. 2 Dopo l'articolo 1117 del codice civile sono inseriti i seguenti: Art ter. - (Modificazioni delle destinazioni d'uso). - Per soddisfare esigenze di interesse condominiale, l'assemblea, con un numero di voti che rappresenti i quattro quinti dei partecipanti al condominio e i quattro quinti del valore dell'edificio, può modificare la destinazione d'uso delle parti comuni. La convocazione dell'assemblea deve essere affissa per non meno di trenta giorni consecutivi nei locali di maggior uso comune o negli spazi a tal fine destinati e deve effettuarsi mediante lettera raccomandata o equipollenti mezzi telematici, in modo da pervenire almeno venti giorni prima della data di convocazione. La convocazione dell'assemblea, a pena di nullità, deve indicare le parti comuni oggetto della modificazione e la nuova destinazione d'uso. La deliberazione deve contenere la dichiarazione espressa che sono stati effettuati gli adempimenti di cui ai precedenti commi. Sono vietate le modificazioni delle destinazioni d'uso che possono recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato o che ne alterano il decoro architettonico. 6

7 RICHIESTA QUOTE Art (Attribuzioni dell'assemblea dei condomini) Oltre a quanto è stabilito dagli articoli precedenti, l'assemblea dei condomini provvede: 1) alla conferma dell'amministratore e dell'eventuale sua retribuzione; 2) all'approvazione del preventivo delle spese occorrenti durante l'anno e alla relativa ripartizione tra i condomini; 3) all'approvazione del rendiconto annuale dell'amministratore e all'impiego del residuo attivo della gestione; 4) alle opere di manutenzione straordinaria, costituendo, se occorre, un fondo speciale. L'amministratore non può ordinare lavori di manutenzione straordinaria, salvo che rivestano carattere urgente, ma in questo caso deve riferirne nella prima assemblea. All'articolo 1135 del codice civile sono apportate le seguenti modificazioni: a) al primo comma, il numero 4) è sostituito dal seguente: «4) alle opere di manutenzione straordinaria e alle innovazioni, costituendo obbligatoriamente un fondo speciale di importo pari all'ammontare dei lavori»; 7

8 Art. 13 L'articolo 1134 del codice civile e' sostituito dal seguente: «Art (Gestione di iniziativa individuale). - Il condomino che ha assunto la gestione delle parti comuni senza autorizzazione dell'amministratore o dell'assemblea non ha diritto al rimborso, salvo che si tratti di spesa urgente». 8

9 LASTRICI SOLARI ART (LASTRICI SOLARI DI USO ESCLUSIVO) Quando l'uso dei lastrici solari o di una parte di essi non è comune a tutti i condomini, quelli che ne hanno l'uso esclusivo sono tenuti a contribuire per un terzo nella spesa delle riparazioni o ricostruzioni del lastrico: gli altri due terzi sono a carico di tutti i condomini dell'edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve, in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno. 9

10 IL LASTRICO SOLARE, al pari del tetto, assolve la funzione di copertura dell'edificio, di cui forma parte integrante sia sotto il profilo meramente materiale, sia sotto il profilo giuridico LA TERRAZZA A LIVELLO è invece costituita da una superficie scoperta posta al sommo di alcuni vani e nel contempo è una superficie praticabile che può essere al servizio e di proprietà anche di un solo condomino oppure in comproprietà a più condomini o all intero condominio. A differenza dei lastrici solari, che hanno unicamente il compito di copertura di un edificio e pertanto facenti parte delle parti comuni, le terrazze a livello devono considerarsi come facenti parte, strutturalmente e funzionalmente, degli appartamenti da cui vi si accede, ed al cui uso esclusivo esse sono destinate, quali appartenenze degli stessi, salvo contrarie risultanze di un titolo" (Cass. civ., 26 febbraio 1959, n. 563) 10

11 RIPARTIZIONE SPESE DI RIPARAZIONE O RICOSTRUZIONE DEL LASTRICO SOLARE Chiarito che la funzione specifica del lastrico solare è quella di dare copertura al condominio, la relativa riparazione sarà pertinenza di tutti i condomini, in base ai rispettivi millesimi. RIPARAZIONE SPESE DI RIPARAZIONE O RICOSTRUZIONE DEL LASTRICO SOLARE AD USO ESCLUSIVO (terrazza) Quando il lastrico solare (terrazza) sia pertinenza esclusiva di un condominio, 1/3 della spese totale sarà a carico del proprietario della terrazza, ed il restante è a carico del condominio. 11

12 Il lastrico solare - anche se attribuito in uso esclusivo, o di proprietà esclusiva di uno dei condomini - svolge funzione di copertura del fabbricato e, perciò, l'obbligo di provvedere alla sua riparazione o ricostruzione, grava su tutti, con ripartizione delle spese secondo i criteri di cui all'art c.c. (Quando l'uso dei lastrici solari o di una parte di essi non è comune a tutti i condomini, quelli che ne hanno l'uso esclusivo sono tenuti a contribuire per un terzo nella spesa delle riparazioni o ricostruzioni del lastrico; gli altri due terzi sono a carico di tutti i condomini dell'edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve, in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno). 12

13 La terrazza a livello, anche se di proprietà esclusiva o di uso esclusivo di un singolo condomino, assolve alla stessa funzione di copertura del lastrico solare degli appartamenti sottostanti. Ne consegue che, anche se esso appartiene in proprietà e se è attribuito in uso esclusivo ad uno dei condomini, all'obbligo di provvedere alla sua riparazione o alla sua ricostruzione sono tenuti tutti i condomini, in concorso con il proprietario o con il titolare del diritto di uso esclusivo. Pertanto, dei danni cagionati all'appartamento sottostante per le infiltrazioni d'acqua provenienti dal lastrico, deteriorato per difetto di manutenzione, rispondono tutti gli obbligati inadempienti alla funzione di conservazione, secondo le proporzioni stabilite dall'art c.c., vale a dire i condomini ai quali il lastrico serve da copertura, in proporzione ai due terzi, ed il titolare della proprietà o dell'uso esclusivo, in ragione della altre utilità, nella misura del terzo residuo (Cass. civ., Sez. III, 13/12/2007, n.26239; Corte App. Roma, Sez. III, 24/07/2007) 13

14 SOGGETTI A CUI RICHIEDERE I DANNI Nell'ipotesi in cui dal lastrico solare, o dalla terrazza, derivino danni all'appartamento sottostante, o comunque ad altre parti esclusive dell'edificio, il proprietario di queste ultime può chiedere i danni sia al condomino che gode in via esclusiva della terrazza sia al condominio, in persona dell'amministratore. Il condomino è legittimato, ai sensi dell'art c.c., a chiedere i danni per infiltrazioni nel suo appartamento al proprietario della terrazza a livello sovrastante, che ha la custodia della stessa (unitamente al condominio per la parte che funge da lastrico solare), ed in quanto tale risponde dei danni a titolo di responsabilità oggettiva per il solo nesso causale esistente fra la cosa in custodia ed il danno arrecato, senza che rilevi la condotta del custode e l'osservanza o meno di un obbligo di vigilanza, imputandosi la responsabilità a chi, di fatto, si trova nella condizione di controllare i rischi inerenti alla cosa (Cass. civ., Sez. II, 25/09/2007, n.19933) 14

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) LE NUOVE COMPETENZE ATTRIBUITE ALL ASSEMBLEA

Dettagli

Riparto delle spese e rendicontazione dei lavori straordinari

Riparto delle spese e rendicontazione dei lavori straordinari Riparto delle spese e rendicontazione dei lavori straordinari Avv. Pietro Maria di Giovanni Pescara 28 novembre 2014 I^ Corso di qualificazione e avviamento per amministratori immobiliari Art. 1117 Sono

Dettagli

Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262

Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Libro Terzo - Della proprietà Titolo VII - Della comunione Capo II - Del condominio negli edifici Art. 1117 Parti comuni dell'edificio Sono oggetto

Dettagli

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole Breve guida pratica al Condominio Una micro società con le sue regole Quando nasce il condominio? Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti

Dettagli

Indice. Disposizioni di att. c.c. Articolo 63 137 Articolo 64 139

Indice. Disposizioni di att. c.c. Articolo 63 137 Articolo 64 139 Indice pag. Articolo 1117. Parti comuni dell edificio 1 Articolo 1117-bis. Ambito di applicabilità 5 Articolo 1117-ter. Modificazioni delle destinazioni d uso 7 Articolo 117-quater. Tutela delle destinazioni

Dettagli

MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA

MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA Convocazione Condomini Millesimi Prima maggioranza dei partecipanti al condominio 667/1.000 Seconda un terzo dei partecipanti al condominio

Dettagli

ANAGRAFE CONDOMINIALE

ANAGRAFE CONDOMINIALE ANAGRAFE CONDOMINIALE In base all art. 1130 c.c., così come modificato dalla L. 220/12, gli amministratori di condominio hanno l obbligo di curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente

Dettagli

Breve guida pratica al CONDOMINIO

Breve guida pratica al CONDOMINIO 1 Breve guida pratica al Una micro società con le sue regole. Quando nasce il condominio? 2 Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti almeno

Dettagli

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI:

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: IL PRINCIPIO ART. 1123 C.C. Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse

Dettagli

ART. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: ART. 1117.

ART. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: ART. 1117. ART. 1. ART. 1. Art. 1117. Parti comuni dell'edificio. Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari dei diversi piani o porzioni di piani di un edificio, se il contrario non risulta dal titolo: 1)

Dettagli

MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI

MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI Legge 11 dicembre 2012 n. 220 (in vigore dal 18 giugno 2013) (*) aggiornata con il Decreto Legge 23 dicembre 2013 n. 145 (in vigore dal 24 dicembre

Dettagli

VALIDITA' DELL'ASSEMBLEA

VALIDITA' DELL'ASSEMBLEA 1. DELIBERE A MAGGIORANZA ORDINARIA 2. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "A" 3. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "B" 4. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "C" 5. DELIBERE A MAGGIORANZA SPECIALE "D" 6. DELIBERE

Dettagli

Le principali maggioranze assembleari

Le principali maggioranze assembleari AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI Gestioni e consulenze condominiali Dott. Rag. Roberto Attisano - Codice Fiscale TTSRRT82H22L117H - Cell. 333 9784125 E-mail: amministrazioniattisano@gmail.com - www.amministrazioni.altervista.org

Dettagli

Amministrazione Condomini. Ripartizione spese. Balconi Chi paga Tipo di ripartizione. Frontalini: per usura o vetustà dell'edificio Condominio al 100%

Amministrazione Condomini. Ripartizione spese. Balconi Chi paga Tipo di ripartizione. Frontalini: per usura o vetustà dell'edificio Condominio al 100% Amministrazione Condomini Ripartizione spese Balconi Chi paga Tipo di ripartizione Balconi sporgenti: manutenzione ordinaria struttura, pavimentazione, parapetti e ringhiere Proprietario singolo Balconi

Dettagli

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi.

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum costitutivi dell assemblea Prima convocazione: - più del 50% dei condomini - almeno i 2/3 dei millesimi. Seconda convocazione: - almeno 1/3 dei condomini - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum deliberativi

Dettagli

ARES. Agenzia Regionale per. l Edilizia Sostenibile INCENTIVI FISCALI. Venerdì 8 novembre 2013 Tarcento. Relatore avv.

ARES. Agenzia Regionale per. l Edilizia Sostenibile INCENTIVI FISCALI. Venerdì 8 novembre 2013 Tarcento. Relatore avv. Agenzia Regionale per l Edilizia Sostenibile INCENTIVI FISCALI Venerdì 8 novembre 2013 Tarcento Relatore avv. Fabrizio Luches Le novità introdotte nel 2013 proroga fino al 31 dicembre 2013 la detrazione

Dettagli

N. 03/2014. 18 Ottobre 2014. RELATORE Avv. Simone Fadalti

N. 03/2014. 18 Ottobre 2014. RELATORE Avv. Simone Fadalti N. 03/2014 18 Ottobre 2014 RELATORE Avv. Simone Fadalti DEFINIZIONE Il lastrico solare è una struttura piana non circondata da soffitti o pareti, che non è situata a livello di altra porzione di piano

Dettagli

Codice Civile e Codice di Procedura Civile. Art. 1117. Parti comuni dell'edificio. Ambito di applicabilità. Modificazioni delle destinazioni d'uso

Codice Civile e Codice di Procedura Civile. Art. 1117. Parti comuni dell'edificio. Ambito di applicabilità. Modificazioni delle destinazioni d'uso Codice Civile e Codice di Procedura Civile Vecchio testo Art. 1117. Parti comuni dell'edificio. Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari dei diversi piani o porzioni di piani di un edificio, se

Dettagli

MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI Tavole sinottiche con il vecchio e il nuovo testo a confronto

MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI Tavole sinottiche con il vecchio e il nuovo testo a confronto LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220 MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI Tavole sinottiche con il vecchio e il nuovo testo a confronto Disegno di legge: testo definitivamente approvato 20

Dettagli

MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI

MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI Legge 11 dicembre 2012 n. 220 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17 dicembre 2012 a cura del Centro Studi Nazionale ANACI INDICE 4. Codice

Dettagli

NORME IN MATERIA DI COMUNIONE

NORME IN MATERIA DI COMUNIONE NORME IN MATERIA DI COMUNIONE Art. 1100 Quando la proprietà o altro diritto reale spetta in comune a più persone, se il titolo o la legge non dispone diversamente si applicano le norme seguenti. Art. 1101

Dettagli

Le (nuove)maggioranze in assemblea

Le (nuove)maggioranze in assemblea Le (nuove)maggioranze in assemblea Prima convocazione: è necessaria la presenza della maggioranza dei condomini che abbiano almeno 2/3 dei millesimi Seconda convocazione è necessaria la presenza di 1/3

Dettagli

( * ) Bologna 17 ottobre 2013 Seminario tecnico giuridico Palazzo Segni Masetti ----------------- ------------ -----

( * ) Bologna 17 ottobre 2013 Seminario tecnico giuridico Palazzo Segni Masetti ----------------- ------------ ----- 1 ASSOCIAZIONE LIBERI AMMINISTRATORI CONDOMINIALI SEDE DI BOLOGNA - GRUPPO ASCOM CASA- - ADERENTE A CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L ITALIA - alac@ascom.bo.it - www.alac.bo.it - Strada Maggiore 23 40125 Bologna

Dettagli

Studio Rag. De Blasio Giuseppe Alessandro

Studio Rag. De Blasio Giuseppe Alessandro CONDOMINIO: L ATTRIBUZIONE DELLE SPESE Tipo di parte comune e opere necessarie Chi paga Tipo di ripartizione Strutture Muri maestri: struttura, intonaco esterno, coperture esterne, colonne, archi portici

Dettagli

BREVE GUIDA AL CONDOMINIO

BREVE GUIDA AL CONDOMINIO BREVE GUIDA AL CONDOMINIO Quando nasce e quali sono le sue regole Guida aggiornata a seguito della riforma del condominio Legge n. 220/2012, entrata in vigore dal 18 giugno 2013. Quando nasce un condominio

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Codice Civile - Tutti i codici - Guide di diritto civile Cerca un articolo nel codice civile (inserisci il numero) Titolo VII - Della comunione

Codice Civile - Tutti i codici - Guide di diritto civile Cerca un articolo nel codice civile (inserisci il numero) Titolo VII - Della comunione Questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo maggiori informazioni Ok Della comunione Tw eet 0 0 48 Seguici: Codice Civile - Tutti i codici -

Dettagli

LE TABELLE MILLESIMALI LEZIONE N. 1

LE TABELLE MILLESIMALI LEZIONE N. 1 LE TABELLE MILLESIMALI LEZIONE N. 1 Pagina 1 Pagina 2 1.1 RIFERIMENTI ESSENZIALI STRALCIATI DAL CODICE CIVILE Libro Terzo - Della proprietà Titolo VII - Della comunione Capo II - Del condominio negli edifici

Dettagli

D A L C E N T R O S T U D I I M M O B I L I A R I p r e s s o A N A C I P a d o v a V i a R i s o r g i m e n t o, 3 6

D A L C E N T R O S T U D I I M M O B I L I A R I p r e s s o A N A C I P a d o v a V i a R i s o r g i m e n t o, 3 6 D A L C E N T R O S T U D I I M M O B I L I A R I p r e s s o A N A C I P a d o v a V i a R i s o r g i m e n t o, 3 6 Testo presentato all Ufficio Legislativo della Camera dall On. Mauro Fabris, Capogruppo

Dettagli

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI

MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI Legge 11 dicembre 2012 n. 220 (in vigore dal 18 giugno 2013) (*) aggiornata con il Decreto Legge 23 dicembre 2013 n. 145 (in vigore dal 24 dicembre

Dettagli

RIFORMA CONDOMINI. Di seguito trovate una sintesi ragionata delle novità introdotte dalla riforma condomini.

RIFORMA CONDOMINI. Di seguito trovate una sintesi ragionata delle novità introdotte dalla riforma condomini. RIFORMA CONDOMINI La cosiddetta riforma condominio (Legge n 220 del 11/12/2012) è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n 203 del 17/12/2012 e pertanto entrerà in vigore dal 18/06/2013. La riforma

Dettagli

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. 13 DEL 26.01.2000 TITOLO I PREMESSE Art 1. Ambito di applicazione Il presente regolamento trova applicazione

Dettagli

La Riforma del Condominio Guida alle novità

La Riforma del Condominio Guida alle novità Condo Free Il tuo o su Internet... Free! www.condofree.net La Riforma del Condominio Guida alle novità aggiornato alle modifiche del Decreto Destinazione Italia D.L. 23 dicembre 2013, n. 145 (convertito

Dettagli

LEGGE 11 DICEMBRE 2012, N. 220. Art. 1. Art. 2

LEGGE 11 DICEMBRE 2012, N. 220. Art. 1. Art. 2 LEGGE 11 DICEMBRE 2012, N. 220 Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici (G.U. n. 293 del 17 dicembre 2012 ) Entrata in vigore del provvedimento: 18/06/2013 Art. 1 1. L'articolo 1117 del codice

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido I comproprietari di una unità immobiliare sono responsabili in solido nei riguardi del condominio, indipendentemente

Dettagli

IL CONDOMINIO CONDOMINIO AMICO.NET ABBATTE I COSTI, FA RISPARMIARE MIGLIAIA DI EURO ALL ANNO

IL CONDOMINIO CONDOMINIO AMICO.NET ABBATTE I COSTI, FA RISPARMIARE MIGLIAIA DI EURO ALL ANNO CONDOMINIO AMICO.NET ti aiuta a capire il giusto comportamento da tenere all interno del tuo condominio, aiuta l amministratore nella contabilità e gli da modo di verificare eventuali errori prima che

Dettagli

1. INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA

1. INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA 1. INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA 1.1 La proroga al 31 dicembre 2013 riguarda tutte le tipologie di interventi di efficienza energetica di seguito indicati: - interventi di riqualificazione energetica

Dettagli

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE La termoregolazione e contabilizzazione del calore sono poco praticate La ripartizione dei costi del servizio riscaldamento deve essere eseguita rispettando

Dettagli

REGOLAMENTO CONDOMINIALE Regolamento di condominio

REGOLAMENTO CONDOMINIALE Regolamento di condominio Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI E PROPRIETA' COMUNI Art. 1. Oggetto del regolamento. - Forma oggetto del regolamento il fabbricato sito in (indicare oltre all'ubicazione, anche i dati catastali). Art. 2.

Dettagli

Raffronto vecchia normativa e nuova normativa in materia di condominio. Codice Civile e Codice di Procedura Civile

Raffronto vecchia normativa e nuova normativa in materia di condominio. Codice Civile e Codice di Procedura Civile Art. 1117. Parti comuni dell'edificio. Art. 1117. Parti comuni dell'edificio. Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari dei diversi piani o porzioni di piani di un edificio, se il contrario non

Dettagli

Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa)

Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento giustizia Modifiche alla disciplina del condominio negli

Dettagli

COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI. Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Millesimi di proprietà

COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI. Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Millesimi di proprietà COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI STRUTTURE CHI PAGA RIPARTIZIONE Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Antenna privata Proprietario Al 100% Antenna centralizzata In parti uguali

Dettagli

STUDIO GERMANI IL CODICE CIVILE DEL CONDOMINIO (con le modifiche apportate)

STUDIO GERMANI IL CODICE CIVILE DEL CONDOMINIO (con le modifiche apportate) STUDIO GERMANI IL CODICE CIVILE DEL CONDOMINIO (con le modifiche apportate) Art. 1117, Parti comuni dell'edificio Art. 1118, Diritti dei partecipanti sulle cose comuni Art. 1119, Indivisibilita' Art. 1120,

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Delibera condominiale: nomi favorevoli e contrari La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine perentorio di trenta giorni a decorrere dalla

Dettagli

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI Incontro del 11.04.2014 Avv. Monica Severin Viale Verdi n. 15/G int. 2-3 Treviso Mail: avvseverin@yahoo.it Tel.: 339 2017774 L ASSEMBLEA DEL CONDOMINIO

Dettagli

N. 01/2014 29 Marzo 2014

N. 01/2014 29 Marzo 2014 N. 01/2014 29 Marzo 2014 Avv. Simone Fadalti LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE CONDOMINIALI PRINCIPIO GENERALE Art. 1123 c.c. Criterio di tripartizione: Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento

Dettagli

Codice Civile: Disposizioni di Attuazione (artt. 61-72)

Codice Civile: Disposizioni di Attuazione (artt. 61-72) Codice Civile: Disposizioni di Attuazione (artt. 61-72) Sezione III Disposizioni relative al libro III Art. 61 Qualora un edificio o un gruppo di edifici appartenenti per piani o porzione di piano a proprietari

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Il creditore che individua beni riferibili al condominio può aggredirli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Il creditore che individua beni riferibili al condominio può aggredirli CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Creditore: condomini morosi Il creditore che individua beni riferibili al condominio può aggredirli direttamente, senza che occorra procedere all escussione dei singoli

Dettagli

Assemblea condominiale tabelle riepilogative sui quorum richiesti

Assemblea condominiale tabelle riepilogative sui quorum richiesti Assemblea condominiale tabelle riepilogative sui quorum richiesti QUORUM PER LA COSTITUZIONE DELL ASSEMBLEA: OGGETTO CONDOMINI MILLESIMI CONVOCAZIONE Costituzione dell Assemblea 2/3 del valore dell intero

Dettagli

CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici

CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari CONVEGNO CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici Spese straordinarie in condominio: la procedura

Dettagli

approvato dal Senato della Repubblica il 26 gennaio 2011, in un testo risultante dall unificazione dei disegni di legge

approvato dal Senato della Repubblica il 26 gennaio 2011, in un testo risultante dall unificazione dei disegni di legge Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE approvato dal Senato della Repubblica il 26 gennaio 2011, in un testo risultante dall unificazione dei disegni di legge (V. Stampati nn. 71, 355,

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Modifica del rendiconto consuntivo Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del consuntivo senza che abbiano prima analizzato la situazione finanziaria

Dettagli

Riforma dell Amministrazione del Condominio

Riforma dell Amministrazione del Condominio Riforma dell Amministrazione del Condominio * * * La recente sentenza della Corte Costituzionale n. 355/05, che ha dichiarato illegittima nel suo complesso la L.R. Abruzzo del 19 novembre 2003, n. 1, ci

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012

RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012 RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012 Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. (Parti comuni dell edificio). Sono oggetto

Dettagli

Le parti comuni dell'edificio

Le parti comuni dell'edificio Le parti comuni dell'edificio Il condominio non è un soggetto giuridico dotato di una propria personalità, distinta da quella di coloro che ne fanno parte, ma è un ente di gestione che opera in rappresentanza

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. Art. 1.

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. Art. 1. senato.it - Legislatura 16ª - Disegno di legge n. 71-355-399-1119-1283-B Mostra rif. normativi Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Art. 1. 1. L'articolo 1117 del codice civile è sostituito

Dettagli

L'Abc della riforma del condominio

L'Abc della riforma del condominio L'Abc della riforma del condominio di Claudio Tucci Assemblee, regolamenti, amministratori, si cambia. In 32 articoli vengono riscritte in larga parte le norme sul condominio contenute nel codice civile

Dettagli

Fabio Gelli. Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili

Fabio Gelli. Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili Fabio Gelli Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili Detrazioni fiscali per il risparmio energetico e le Ristrutturazioni Edilizie RISPARMIO ENERGETICO nel condominio bonus dal 50

Dettagli

LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA IN CONDOMINIO. 15/02/2011 ANACI - Relatore: ZERBATO geom. Renzo 1

LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA IN CONDOMINIO. 15/02/2011 ANACI - Relatore: ZERBATO geom. Renzo 1 LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA IN CONDOMINIO 15/02/2011 ANACI - Relatore: ZERBATO geom. Renzo 1 PRESCRIZIONI La seguente dispensa, seppur preparata con cura e attenzione, deve essere utilizzata per orientamento

Dettagli

LE INNOVAZIONI. a cura dell avv. Gennaro Guida gennaro.guida@email.it

LE INNOVAZIONI. a cura dell avv. Gennaro Guida gennaro.guida@email.it LE INNOVAZIONI a cura dell avv. Gennaro Guida gennaro.guida@email.it Art. 1120 c.c. (Innovazioni) Cosa sono le innovazioni? beni o servizi condominiali nuovi modificazioni materiali alterazione dell'entità

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La legittimazione passiva dell amministratore di condominio ha portata

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La legittimazione passiva dell amministratore di condominio ha portata CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Amministratore: legittimazione passiva La legittimazione passiva dell amministratore di condominio ha portata generale, in quanto estesa ad ogni interesse condominiale

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONDOMINIO

REGOLAMENTO DI CONDOMINIO REGOLAMENTO DI CONDOMINIO Art. 1 - Consistenza del Complesso Immobiliare Il presente regolamento si riferisce al condominio. ubicato nel Comune di Via/Piazza n.c. Art. 2 - Cose di proprietà comune e non

Dettagli

La Riforma del Condominio Guida alle novità

La Riforma del Condominio Guida alle novità Condo Free Il tuo o su Internet... Free! www.condofree.net La Riforma del Condominio Guida alle novità L amministratore I requisiti La nomina e la revoca La polizza assicurativa Il sito web Il conto corrente

Dettagli

Codice Civile in materia di condominio

Codice Civile in materia di condominio Codice Civile in materia di condominio (in grassetto gli articoli inderogabili) Art. 1100 C.C. (Norme regolatrici) Quando la proprietà o altro diritto reale spetta in comune a più persone, se il titolo

Dettagli

La riforma del condominio (legge 17.12.2012 n.220 entrata in vigore il 17.06.2013).

La riforma del condominio (legge 17.12.2012 n.220 entrata in vigore il 17.06.2013). La riforma del condominio (legge 17.12.2012 n.220 entrata in vigore il 17.06.2013). Art.1117 Codice Civile (Parti comuni dell edificio) Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P.

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Le norme contenute nel presente regolamento disciplinano le autogestioni dei servizi accessori, degli spazi

Dettagli

- Art. 1100 Norme regolatrici - Art. 1101 Quote dei partecipanti - Art. 1102 Uso della cosa comune - Art. 1103 Disposizione della quota

- Art. 1100 Norme regolatrici - Art. 1101 Quote dei partecipanti - Art. 1102 Uso della cosa comune - Art. 1103 Disposizione della quota - Art. 1100 Norme regolatrici Quando la proprietà o altro diritto reale spetta in comune a più persone, se il titolo o la legge non dispone diversamente, si applicano, le norme seguenti. Disposizioni correlative

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) ASSEMBLEA DI CONDOMINIO Camera di Commercio di Torino 11 novembre 2013

Dettagli

EPIGRAFE ARTICOLO N.1

EPIGRAFE ARTICOLO N.1 EPIGRAFE LEGGE 11 dicembre 2012 n. 220 (in Gazz. Uff., 17 dicembre 2012, n. 293). - Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. (RIFORMA DEL CONDOMINIO) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola DIRITTO DI PARABOLA Per installare una parabola non occorrono autorizzazioni La giurisprudenza ha affermato che il diritto alla installazione di antenne riconduce al diritto primario alla libera manifestazione

Dettagli

L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012

L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012 L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012 A cura di Marina Leogrande Manca ormai circa un mese al 18 giugno 2013, data di entrata in vigore della Legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Codice Civile dopo la riforma

Codice Civile dopo la riforma Codice Civile dopo la riforma Titolo VII Capo I artt. 1100 1116 Art. 1100 C.C. (Norme regolatrici) Quando la proprietà o altro diritto reale spetta in comune a più persone, se il titolo o la legge non

Dettagli

L assemblea di Condominio: convocazione, legittimati, quorum costitutivi e deliberativi.

L assemblea di Condominio: convocazione, legittimati, quorum costitutivi e deliberativi. L assemblea di Condominio: convocazione, legittimati, quorum costitutivi e deliberativi. Relazione tenuta dall Avv. Alessandra Alaimo al Convegno Proprietà, condominio e amministratori immobiliari alla

Dettagli

DISCIPLINA VIGENTE COME MODIFICATA DAL TESTO DI RIFORMA DEL CONDOMINIO

DISCIPLINA VIGENTE COME MODIFICATA DAL TESTO DI RIFORMA DEL CONDOMINIO DISCIPLINA VIGENTE COME MODIFICATA DAL TESTO DI RIFORMA DEL CONDOMINIO Avvertenza: in neretto sono riportate le norme sostituite, aggiunte o modificate dal testo di riforma CODICE CIVILE: LIBRO III - DELLA

Dettagli

La riforma del condominio LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220. Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. Entrata in vigore: 18/06/2013

La riforma del condominio LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220. Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. Entrata in vigore: 18/06/2013 La riforma del condominio LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220 Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. Entrata in vigore: 18/06/2013 Art. 1 L'articolo 1117 del codice civile è sostituito dal

Dettagli

Speciale Dossier Condominio

Speciale Dossier Condominio Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Codice civile e Legislazione speciale (Senato 26.1.2011; Camera 27.9.2012; Senato 20.11.2012) in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Speciale

Dettagli

Riforma del Condominio L.220/2012

Riforma del Condominio L.220/2012 Riforma del Condominio L.220/2012 IMPORTANTI NOVITA PER TUTTI PROPRIETARI, CONDUTTORI, AMMINISTRATORI ED ALTRI TITOLARI DI DIRITTI REALI E DI GODIMENTO LA RIFORMA DEL CONDOMINIO MODIFICA IL CODICE CIVILE,

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA

RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA NOVITA PER LE PARTI COMUNI E INNOVAZIONI manutenzione ascensori Ampliamento definizione parti comuni - parti comuni: tutte le parti dell edificio di uso

Dettagli

Avv. Matteo Peroni Foro di Brescia Elaborato del 07.01.2014. Riforma del condominio. Tavole Sinottiche

Avv. Matteo Peroni Foro di Brescia Elaborato del 07.01.2014. Riforma del condominio. Tavole Sinottiche Riforma del condominio Tavole Sinottiche Versione del 07.01.2014 1 2 3 Entrata in vigore La riforma del condominio (L. 220/2012) è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 17.12.2012; entrerà pertanto

Dettagli

Dr. Valter Patrizi Amministrazione Immobili.

Dr. Valter Patrizi Amministrazione Immobili. A Tutti i sigg. Condomini Loro sedi OGGETTO: la Riforma del condominio. Un cambiamento sostanziale. Gentile Condòmino, con la stesura del presente documento informativo intendo metterla a conoscenza che

Dettagli

IL NUOVO CONDOMINIO La legge di riforma n. 220/12

IL NUOVO CONDOMINIO La legge di riforma n. 220/12 COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI CUNEO 14 FEBBRAIO 2013 IL NUOVO CONDOMINIO La legge di riforma n. 220/12 Avv. Augusto Cirla Dott. Giacomo Rota Partner LS LexJus Sinacta Milano Magistrato Sez.

Dettagli

CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E IMMOBILI E SUE REGOLE DI EROGAZIONE

CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E IMMOBILI E SUE REGOLE DI EROGAZIONE CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E CONTENUTO DEL CORSO I materiali utilizzati nel corso, il corso stesso e le prove finali d esame devono avere riguardo alle materie indicate

Dettagli

Riforma del condominio Testo ricostruito

Riforma del condominio Testo ricostruito Riforma del condominio Testo ricostruito (Approvato definitivamente martedì 20 novembre 2012 in Commissione Giustizia del Senato, in sede deliberante) Art. 1. 1. L'articolo 1117 del codice civile è sostituito

Dettagli

LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220 Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici.(12g0241)

LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220 Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici.(12g0241) LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220 Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici.(12g0241) Pubblicata su: G.U. n. 293 del 17/12/2012 NOTE Testo il vigore dal 18/06/2013. TESTO La Camera dei deputati

Dettagli

Commento. (di Daniele Minussi)

Commento. (di Daniele Minussi) Cessione del lastrico solare da parte del precedente proprietario tale prima dell'istituzione del condominio e titolarità delle ulteriori sopraelevazioni. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 18822 del 31 ottobre

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una porzione di area condominiale Lo spostamento del muro perimetrale, durante i lavori di ristrutturazione

Dettagli

Articolo 1117. - (Parti comuni dell edificio)

Articolo 1117. - (Parti comuni dell edificio) 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: Articolo 1117. - (Parti comuni dell edificio) Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari dei diversi piani o porzioni di piano di un

Dettagli

LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220 Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. (12G0241) (GU n. 293 del 17-12-2012)

LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220 Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. (12G0241) (GU n. 293 del 17-12-2012) LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220 Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. (12G0241) (GU n. 293 del 17-12-2012) La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI

L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI 1 L INVALIDITÀ DELL AVVISO DI CONVOCAZIONE La questione... 1 Analisi dello scenario... 1 Inquadramento strategico... 2 Natura e funzioni dell avviso di convocazione...

Dettagli

Nuova guida breve al Condominio

Nuova guida breve al Condominio 2^ edizione! 1 Nuova guida breve al Condominio Una micro società con le sue regole. Guida aggiornata alla legge di riforma del condominio n. 220 dell 11 dicembre 2012, in vigore dal 18 giugno 2013. 2014

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO. Art. 1.

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO. Art. 1. LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. (Parti comuni dell edificio). Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole

Dettagli

Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera

Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera Il testo approvato alla Camera il 27 settembre 2012 Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal «Art. 1117. (Parti comuni

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI A CARATTERE GENERALE ED ELEMENTI COMUNI. Art. 1

CAPO I DISPOSIZIONI A CARATTERE GENERALE ED ELEMENTI COMUNI. Art. 1 CAPO I DISPOSIZIONI A CARATTERE GENERALE ED ELEMENTI COMUNI Art. 1 Le norme contenute nel presente Regolamento disciplinano il Condominio degli alloggi facenti parte dell'edificio sito in..... soggetti

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. È obbligatoria la canna fumaria esterna tanto per le caldaie individuali

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. È obbligatoria la canna fumaria esterna tanto per le caldaie individuali CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Caldaie È obbligatoria la canna fumaria esterna tanto per le caldaie individuali quanto per quelle centralizzate. L obbligo dello sbocco sopra il tetto è escluso soltanto

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it APPROVATO IL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DEL CONDOMINIO:

www.ildirittoamministrativo.it APPROVATO IL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DEL CONDOMINIO: APPROVATO IL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DEL CONDOMINIO: IN EVIDENZA LE NOVITÀ PIÙ IMPORTANTI. La Commissione Giustizia del Senato, in data 20 novembre, ha approvato definitivamente in sede deliberante

Dettagli

Corso Amministratore di Condominio

Corso Amministratore di Condominio Corso Amministratore di Condominio La materia condominiale, già disciplinata nel codice civile del 1942, è stata interessata da un recente intervento normativo (legge 11 dicembre 2012 n. 220) che ha modificato

Dettagli

REGOLAMENTO CONDOMINIALE TIPO PER I FABBRICATI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO CONDOMINIALE TIPO PER I FABBRICATI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ALLEGATO F REGOLAMENTO CONDOMINIALE TIPO PER I FABBRICATI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Capo I - Disposizioni generali ed elementi comuni Art. 1 Il presente Regolamento è redatto in ottemperanza ai

Dettagli

Corso di Formazione. per Amministratore di Condominio

Corso di Formazione. per Amministratore di Condominio *********** Dispensa per gli iscritti al Corso di Formazione per Amministratore di Condominio CON INTEGRAZIONE DELLE DIFFERENZE NORMATIVE APPORTATE DALLA RIFORMA ********************** AutorI : Prof. Giuseppe

Dettagli