PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE"

Transcript

1 ALLEGATO 5 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE ALLE NTA DEL RU PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I TITOLO I CARATTERI DEL REGOLAMENTO URBANISTICO 1 RU 2 RU PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE CON ADOZIONE Finalità e contenuti ed ambito d applicazione Elaborati costitutivi 3 3 Efficacia 4 4 Salvaguardie e norme transitorie 5 5 Poteri di deroga Beni sottoposti a vincolo espropriativo aggiornati riferimenti normativi (L.R. 1/05). Specificato rapporto Regolamento Urbanistico con altri regolamenti comunali aggiornato elenco elaborati riallineato contenuti articolo con nuova disciplina regionale (L.R. 1/05) definizione delle misure di salvaguardia aggiornati riferimenti normativi (L.R. 1/05) PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE A SEGUITO OSSERVAZIONI / Aggiornamento elenco elaborati Modifica comma 1 4 Modifica non rilevante Oss. 201 punto1 Oss. 201 punto 2 Oss. 201 punto 3 Oss. 201 punto 4 Oss. 201 punto 5 5 bis inserito articolo relativo alle aree sottoposte a vincolo espropriativo TITOLO I bis VALUTAZIONI Oss. 201 punto 6 5 ter Attività valutazione di inserito nuovo sulla base valutazioni contenute nel Rapporto Ambientale inserito nuovo sulla base Oss. 201 punto 7 5 valutazioni contenute nel Rapporto quater Monitoraggio Ambientale Titolo II TITOLO II PARAMETRI URBANISTICI ED INDICI EDILIZI Oss. 201 punto generali modifiche formali Elementi e parametri 7 7 urbanistici Superficie Oss. 201 punto territoriale (St) Superficie per spazi pubblici (Ssp) Superficie per Aggiornati contenuti Oss. 201 punto 10 opere di a normativa vigente urbanizzazione primaria (Sup) aggiornati riferimenti normativi (D.P.R. 380/01) Superficie per opere di urbanizzazione secondaria (Sus) Superficie fondiaria (Sf) Superficie coperta (Sc) aggiornati riferimenti normativi (D.P.R. 380/01) inserite specificazioni in merito alla definizione di Sc. Eliminata il caso in assenza di indice per scarsa e controversa applicazione Aggiornati contenuti a normativa vigente Indice di fabbricabilità territoriale (It) Indice di Oss. 201 punto 11 1

2 utilizzazione territoriale (Ut) Indice di fabbricabilità fondiaria (If) Indice di utilizzazione fondiaria (Uf) Rapporto di copertura fondiario (Rc) Indice di riequilibrio ecologico (Re) Superficie permeabile di pertinenza di un edificio (Sp) inserita possibilità di superamento del rapporto di copertura massimo del 35% per il reperimento dei parcheggi privati aggiornamento riferimenti normativi (D.P.G.R. n. 2/R del 9 febbraio 2007) Superficie minima d intervento (Smi) Elementi ed indici edilizi Piano di un edificio semplificazione modalità verifica piano terra semplificazione modalità verifica piano interrato Piano seminterrato Estesa possibilità anche a volumi tecnici Oss. 68 punto 9 Oss. 82 punto 1 Oss. 86 punto 2 Oss. 201 punto 12 Oss. 233 punto 2 Oss. 201 punto 13 Oss. 201 punto Oss. 201 punto Piano fuori terra Piano interrato Piano terra norma rivista in riferimento alla nuova Piano pilotis disciplina sul rischio idraulico Piano rialzato Piano ammezzato e soppalchi Piano sottotetto modifiche formali Piano sottotetto utilizzabile Altezza netta del piano Altezza lorda del piano Superficie totale I casi in cui il sottotetto non costituisce SUL è stato soppresso nel presente articolo e spostato nell'art inserito il rifrimento all'art. 11 della L. 115/2008 in merito all'esclusione dal calcolo dell'altezza lorda dello spessore necessario per il risparmio energetico lorda (Sl) Superficie utile lorda (Sul) modifiche formali Superficie utile netta (Su) 8.15 Superficie riscritte la lettere relative all'esclusione Inserita specifica in merito alle modalità di calcolo Oss. 45 punto 2 Oss. 262 punto 1 Modifica effettuata Oss. 45 punto 1 all art Inserita specifica in Oss. 19 punto 1 Oss. 20 punto 1 Oss. 2

3 accessoria dalla SUL dei sottotetti con altezza inferiore a 1,80 m e dei manufatti edilizi e porzioni di essi legittimamente esistenti alla data di entrata in vigore delle presenti norme, con altezza interna inferiore o uguale a 2,40 m Superficie di vendita Sagoma geometrica Sagoma urbanistica Volume utile lordo di un edificio 8.20 Volumi tecnici bis Altezza dei fabbricati (H) Distanze e allineamenti obbligati e fasce di rispetto Distanza minima dei fabbricati dai confini di proprietà e di zona Distanza minima dei fabbricati dalle strade e dalle ferrovie Distanza minima tra i fabbricati Salvaguardia e valorizzazione di aree di interesse inserita specifica relativa ad abbaini, gronde limitato il campo di applicazione al calcolo degli oneri concessori e delle verifiche previste dal RU; soppresso il riferimento al campo di applicazione in quanto, come tutti i parametri definiti dal RU, il VUL definito si applica sia ai nuovi edifici che agli interventi sul patrimonio edilizio esistente specificate le dimensioni degli abbaini; eliminate le limitazioni in merito alle modifiche ai volumi tecnici eliminata ripetizione in merito alla distanza dai confini dei balconi; richiesta la trascrizione per le scritture private di cui al comma 2. semplificato il richiamando il D.M senza riportarne il inserita specificazioni in merito al calcolo della distanza tra fabbricati; semplificato il richiamando il D.M senza riportarne il ; inserita normativa di salvaguardia in merito alle aree soggette a rischio archeologico merito ai maggiori spessori finalizzati all incremento delle prestazioni energetiche. Inserita esclusione sottotetti con altezza inferiore a 2,40 m 44 punto 1 Oss. 45 punto 9 Oss. 68 punto 4 Oss. 75 punto 1 Oss. 99 punto 1 Oss. 130 punto 1 Oss. 148 punto 1 Oss.189 punto 1 Oss. 198 punto 3 Oss. 201 punto 16 Oss. 204 punto 7 Oss. 208 punto 2 Oss. 230 punto 1 Oss. 278 punto 1 Oss. 281 punto 2 Inserita nuova Oss. 256 punto 1 formulazione sagoma geometrica Inserite specifiche in merito alle vasche di raccolta a cqua piovana e raccordo con art Inserita specifica in merito ai maggiori spessori finalizzati all incremento delle prestazioni energetiche e raccordo con art Inserito comma su edifici prospettanti aree pubbliche eliminazione penultimo comma Oss. 68 punto 16 Oss. 81 punto 1 Oss. 194 punto 2 Oss. 68 punto 3 Oss. 80 punto 1 Oss. 201 punto 18 Oss. 238 punto 1 Oss. 258 punto 1 Oss. 201 punto 19 Oss. 201 punto 20 Oss. 201 punto 21 3

4 o di rischio/potenziali tà archeologica Ambiti di rispetto dei cimiteri Distanze dai aggiornato il riferimento normativo (art. 338 T.U.L.S.); inserita specifica in merito alle serre stagionali corsi d acqua Distanze dagli elettrodotti aggiornati i riferimenti normativi Distanze dalle condotte di liquidi e di sostanze gassose Elementi primari di riferimento Organismo Edilizio Unità immobiliare Manufatto edilizio Volumetrie secondarie Volumetrie principali Edificio Lotto edificabile Lotto edificato Allineamento Isolato Confine stradale Accesso carrabile Parcheggio di pertinenza Parcheggio di relazione Parcheggio di scambio Elementi architettonici e di arredo Loggia Loggiato Porticato Balcone inserita definizione di organismo edilizio Precisazione campo applicazione Precisazione campo applicazione Precisazione campo applicazione Oss. 201 punto 22 Oss. 201 punto 23 Oss. 201 punto 24 Precisazione campo Oss. 201 punto 25 applicazione Precisazione campo applicazione 11.5 Ballatoio Oss. 201 punto 26 Oss. 255 punto 10 4

5 bis Terrazza 11.7 Gazebo 11.8 Pergolato 11.9 Pensilina Tettoia aggettante bi s Tettoia isolata Recinzioni Scala esterna Scala di sicurezza Vasca Piscina Piscine stagionali Arredi da giardino Campi da tennis Abbaini Vincoli sulla superficie fondiaria Utilizzazione degli indici fondiari Dotazioni di spazi pubblici nei Piani Urbanistici Attuativi (PUA) Dotazioni di parcheggi privati in relazione agli interventi Dotazioni di parcheggi in inserita possibilità di chiusura dei gazebo a servizio di pubblici esercizi specificati i casi in cui costituiscono SUL e superficie coperta VEDI NOTA PS in merito al conteggio dei piccoli forni per la verifica rischio idraulico OK eliminata prescrizione relativa all'illuminazione notturna aggiornamento riferimenti normativi (L.R. 1/05) inserite prescrizioni in merito al numero di posti auto per unità immobiliari residenziali; inserita specificazione in merito al calcolo dei 200 m per il reperimento dei posti auto; inserita possibilità di monetizzazione per frazionamenti e cambi uso Eliminato obbligo atto obbligo Estesa possibilità realizzazione anche a non residenziale Oss. 201 punto 27 Oss. 208 punto 3 Oss. 201 punto 28 Oss. 201 punto 29 Oss. 159 punto 1 realizzazione scale esterne tipo industriale a servizio unità immobiliari Inserito specifico Oss. 201 punto 30 riferimento a Codice Civile per distanze e stillicidio Inserito articolo su Oss. 201 punto 17 abbaini Inserite specificazioni in merito al campo di applicazione Eliminazione riferimento ad Oss. 86 punto 1 Oss. 201 punto 31 Oss. 233 punto 1 Oss. 68 punto 10 Oss. 201 punto 32 5

6 relazione alle utilizzazioni attrezzature cimiteriali (già disciplinato all art. 87) e inserita specifica in merito attività commerciali PARTE SECONDA ATTUAZIONE Titolo I TITOLO I TIPI DI INTERVENTO Capo I CAPO I DISPOSIZIONI IN MERITO ALLE CATEGORIE DI INTERVENTO bis 18.4 ter Categorie di intervento Definizioni delle categorie in merito agli interventi di Manutenzione ordinaria (MO) in merito agli interventi di Manutenzione straordinaria (MS) in merito agli interventi di Restauro e risanamento conservativo (RC) Restauro conservativo grado 1 (RC1) Restauro conservativo grado 2 (RC2) in merito agli interventi di Ristrutturazione edilizia (RE) Ristrutturazione edilizia grado 1 (RE1) Ristrutturazione edilizia grado 2 (RE2) Ristrutturazione edilizia grado 3 (RE3) Interventi pertinenziali Norme per il recupero dei sottotetti inserito divieto trasferimento SUL dai piani interrati e dai seminterrati ai piani fuori terra aggiornamento riferimenti normativi (D.P.R. 380/01, L.R. 1/05) inserite specifiche in merito agli interventi di MO inserite specifiche in merito agli interventi di MS inserite specifiche in merito agli interventi di RC le prescrizioni sono state spostate nel Capo II dedicato alla tutela degli edifici di valore le prescrizioni sono state spostate nel Capo II dedicato alla tutela degli edifici di valore inserite specifiche in merito agli interventi di demolizione con fedele ricostruzione, di demolizione parziale, di addizione funzionale, di realizzazione cordolo perimetrali le prescrizioni sono state spostate nel Capo II dedicato alla tutela degli edifici di valore le prescrizioni sono state spostate nel Capo II dedicato alla tutela degli edifici di valore le prescrizioni sono state spostate nel Capo II dedicato alla tutela degli edifici di valore inserite specifiche in merito alla realizzazione di manufatti edilizi, parcheggi pertinenziali, demolizioni di volumetrie secondarie inserite specifiche in merito al recupero a fini abitativi dei sottotetti Nuova formulazione ultimo comma Corretto riferimento normativo Nuova formulazione primo comma realizzazione scale interne removibili in mabineti privi di pregio architettonico Raccordato con art Raccordato con art Oss. 201 punto 33 Oss. 201 punto 34 Oss. 201 punto 35 Oss. 201 punto 36 Oss. 201 punto 37 Oss. 208 punto 5 Oss. 201 punto 38 Oss. 201 punto 39 6

7 bis Sostituzione edilizia (SE) Nuova costruzione (NC) 18.6 Ampliamenti (A) Capo II Sopraelevazioni (S) Ristrutturazione urbanistica Sistemazioni esterne (SSEE) modifiche formali non si introducono specifiche rispetto alla definizione di nuova edificazione contenuta nella L.R. 1/05 intervento ricompreso nella definizione di nuova edificazione, addizione volumetrica o addizione funzionale in relazione alle dimensioni dell'intervento intervento ricompreso nella definizione di nuova edificazione, addizione volumetrica o addizione funzionale in relazione alle dimensioni dell'intervento non si introducono specifiche rispetto alla definizione di nuova edificazione contenuta nella L.R. 1/05 CAPO II PRESCRIZIONI SPECIFICHE PER INTERVENTI SU EDIFICI E MANUFATTI DI INTERESSE STORICO, ARTISTICO, ARCHITETTONICO ED AMBIENTALE Gradi di individua gli immobili soggetti alle protezione prescrizioni del Capo II Grado di intervento RC1 contenuti dell'art integrati con specifica relativa ai frazionamenti Grado di intervento RC2 contenuti dell'art contenuti dell'art integrati con specifiche in merito alla modifica delle quote d'imposta degli orizzontamenti ed alla necessità di non modificare Grado di l'assetto tipologico distributivo intervento RE1 dell'edificio Inserita specifica in merito alla sostituzione di manufatti costituiti interamente da S accessoria realizzazione scale interne removibili in mabineti privi di pregio architettonico realizzazione balconi su fronti secondari Oss. 199 punto 1 Oss. 201 punto 40 Oss. 208 punto 7 Oss. 281 punto 3 Oss. 204 punto 11 Oss. 201 punto 41 Grado di contenuti dell'art integrati con specifica relativa alla realizzazione di intervento RE2 cordoli privi di valore Grado di contenuti dell'art adeguati alla intervento RE3 nuova normativa regionale (L.R. 1/05) Titolo II TITOLO II MODI DI INTERVENTO Strumenti di inserito il Progetto Unitario attuazione Convenzionato Oss. 201 punto bis Piani Urbanistici Attuativi (P.U.A.) Progetto Unitario Convenzionato (PUC) aggiornati riferimenti normativi (L.R. 1/05) Sostituisce l art. 21 bis. Oss. 68 punto 14 Oss. 84 punto 1 Oss. 192 punto 1 Oss. 201 punto 44 Oss. 231 punto1 7

8 bis Ambiti soggetti obbligatoriament e a Piani Urbanistici Attuativi Progetto Unitario Convenzionato Intervento edilizio diretto (IED) Elaborati costitutivi dei Piani Attuativi Destinazione d uso inserita disciplina Progetto Unitario Convenzionato aggiornati riferimenti normativi (L.R. 1/05); modifiche formali Inserita specifica in merito agli interventi di bonifica Eliminato Oss. 201 punto 43 Oss. 208 punto 8 Oss. 121 punto 1 Riscrittura articolo a Oss. 201 punto 44 seguito modifica disciplina PUC Inserita specifica in merito alle attrezzature ed ai servizi pubblici e di uso pubblico Inserita specifica in merito agli interventi di adeguamento richiesti dall ordinamento per il mantenimento dell attività esistente inserita disciplina interventi ammessi Destinazione d uso in atto su immobili con destinazione non compatibile PARTE TERZA PREVISIONI TITOLO I DISPOSIZIONI FINALIZZATE ALL INTEGRITA FISICA Titolo I DELLE RISORSE DEL TERRITORIO CAPO I FATTIBILITA GEOLOGICO - IDRAULICA DELLE AZIONI Capo I DI PIANO Classi Pericolosità geologica Classi fattibilità di di Fattibilità per aree omogenee sotto il profilo geologico tecnico Matrici fattibilità Ambiti salvaguardia idraulica di di al fine di evitare una duplicazione dei testi le disposizioni del presente Capo,opportunamente aggiornate ai nuovi riferimenti normativi, sono state spostate nella Relazione Geologica di Fattibilità al fine di evitare una duplicazione dei testi le disposizioni del presente Capo,opportunamente aggiornate ai nuovi riferimenti normativi, sono state spostate nella Relazione Geologica di Fattibilità al fine di evitare una duplicazione dei testi le disposizioni del presente Capo,opportunamente aggiornate ai nuovi riferimenti normativi, sono state spostate nella Relazione Geologica di Fattibilità al fine di evitare una duplicazione dei testi le disposizioni del presente Capo,opportunamente aggiornate ai nuovi riferimenti normativi, sono state spostate nella Relazione Geologica di Fattibilità al fine di evitare una duplicazione dei testi le disposizioni del presente Capo,opportunamente aggiornate ai nuovi riferimenti normativi, sono state Oss. 201 punto 45 Oss

9 31 32 Classi Pericolosità idraulica di Fattibilità per aree omogenee sotto il profilo idraulico spostate nella Relazione Geologica di Fattibilità al fine di evitare una duplicazione dei testi le disposizioni del presente Capo,opportunamente aggiornate ai nuovi riferimenti normativi, sono state spostate nella Relazione Geologica di Fattibilità al fine di evitare una duplicazione dei testi le disposizioni del presente Capo,opportunamente aggiornate ai nuovi riferimenti normativi, sono state spostate nella Relazione Geologica di Fattibilità Inserita specifiche in merito agli aspetti idraulici, sismici e geomorfologici Oss. 201 punto bis generali inserito articolo di carattere generale Capo II CAPO II REGOLE PER LA TUTELA AMBIENTALE 33 generali 34 Valutazione degli effetti ambientali delle trasformazioni disciplinate da Piani Urbanistici Attuativi e il contenuto, aggiornato a seguito delle applicazione di valutazioni contenute nel rapporto misure di ambientale, è stato spostato nell'art mitigazione ter Oss. 201 punto bis Regole per la tutela dell'aria Regole per l'inquinamento acustico Regole per la tutela dell'acqua Regole per il collettamento reflui e depurazione Regole per il rispermio energetico: efficienza energetica Impianti energetici da fonti rinnovabili e criteri localizzativi articolo aggiornato a seguito delle valutazioni contenute nel rapporto ambientale articolo aggiornato a seguito delle valutazioni contenute nel rapporto ambientale articolo aggiornato a seguito delle valutazioni contenute nel rapporto ambientale il contenuto, aggiornato a seguito delle valutazioni contenute nel rapporto ambientale, è stato spostato nell'art. 37 articolo aggiornato a seguito delle valutazioni contenute nel rapporto ambientale NUOVO ARTICOLO redatto sulla base delle valutazioni contenute nel Rapporto Ambientale articolo aggiornato a seguito delle valutazioni contenute nel rapporto ambientale Inserite specifiche in merito alla realizzazione degli interventi Riallineato contenuto alla disciplina vigente sovraordinata Oss. 201 punto 48 Oss. 68 punto 17 Oss. 79 punto 1 Oss. 194 punto 3 Oss. 102 punto 1 Oss. 237 punto 1 Oss. 68 punto 18 Oss. 94 punto 7 Oss. 102 punto 2 Raccolta Regole per la gestione dei rifiuti Regole per la articolo aggiornato a seguito delle Inserito specifico Oss. 68 punto 21 9

10 42 41 bis tutela dall'inquinament o elettromagnetico Tutela e riqualificazione ambientale delle abitazioni e del paesaggio rurale Regole per la tutela dall inquinament o luminoso Regole per la tutela del suolo e del sottosuolo valutazioni contenute nel rapporto ambientale NUOVO ARTICOLO redatto sulla base delle valutazioni contenute nel Rapporto Ambientale riferimento alla telefonia mobile Oss. 201 punto 49 NUOVO ARTICOLO redatto sulla base delle valutazioni contenute nel 41 ter Rapporto Ambientale Titolo II TITOLO II DISPOSIZIONI RELATIVE AI DIVERSI AMBITI Aggiornato l elenco dalle zone in cui è suddiviso il territorio comunale Divisione del territorio comunale inserite specifiche in merito al piano delle funzioni CAPO I AMBITI DELLA CONSERVAZIONE E DEL RESTAURO generali Classificazione del tessuto edificato compreso negli ambiti della conservazione e del restauro Modalità d intervento Tipologie Ambiti soggetti obbligatoriament e a Piano di Recupero aggiornati riferimenti normativi (D.Lgs. 42/2004, L.R. 1/05) aggiornamento riferimenti normativi (D.Lgs. 42/2004, L.R. 1/05); modifiche formali inserita specifica in merito agli interventi sugli edifici di valore modifica formale ; inserita precisazione su procedura per l'individuazione di ulteriori comparti soggetti a piano di recupero Oss. 201 punto 50 Oss. 201 punto 73 e 82, come conseguenza dell intervenuta modifica degli articoli di riferimento Inserito riferimento Oss. 201 punto 51 all esame della Soprintendenza per gli edifici vincolati Prescrizioni per la formazione inserita specifica in merito ai parametri dei Piani di di riferimento (SUL al posto del VUL) e Recupero alla monetizzazione Utilizzazioni modifica formale ; inserite specifiche in merito al taglio Migliore Oss. 201 punto 52 degli alloggi (taglio medio 50 mq di Su); inserita specifica in merito alla formulazione ultimo comma Ambiti a destinazione turistica ricettiva; destinazione eliminata prescrizione in merito alla d uso definita percentuale minima di residenza Mutamento di destinazione d uso aggiornati riferimenti normativi (SCIA al posto della DIA) CAPO II AMBITI URBANI SUSCETTIBILI DI COMPLETAMENTO generali 10

11 54 54 Modalità d intervento specificati i casi in cui gli interventi sono soggeti a Progetto Unitario Convenzionato e a Piano Urbanistico Attuativo; iserita specifica in merito alla disposibilità dei servizi a rete Riscrittura articolo a seguito modifica disciplina PUC Oss. 139 punto 1 Oss. 141 punto1 Oss. 201 punto 44 e punto 53 Oss. 208 punto 10 Oss. 226 punto 1 Oss. 255 punto 4 Oss. 269 punto1 Oss. 270 punto 1 Oss. 276 punto 1 Oss. 286 punto1 Oss. 289 punto1 Oss. 290 punto 1 Oss. 68 punto 22 Oss. 201 punto 54 e punto 86 Ambiti urbani Riscrittura articolo a seguito modifica disciplina PUC. Inserito specifico riferimento al dimensionamento. suscettibili di eliminate le limitazioni delle Inserito specifico limitati incrementi del destinazioni commerciali e direzionali; inserita disposizione in merito al taglio riferimento all art. 56 per gli immobili carico medio degli alloggi; inserita disciplina ricadenti all interno insediativo in merito alla sottozona B0 di PUA attuati Ambiti di rilocalizzazione degli edifici interessati dalla realizzazione di Art 55 infrastrutture, 55 bis bis zone (Brv) modifica formale ; Ambiti urbani Riallineamento dei Oss. 201 punto 54 discendenti da specificati gli interventi ammessi negli contenuti con l art. Piani Urbanistici ambiti derivanti da Piani Urbanistici Attuativi attuati Attuativi attuati Mutamento di destinazione aggiornati riferimenti normativi (SCIA d uso al posto della DIA) capo III CAPO III AMBITI DI TRASFORMAZIONE Oss. 201 punto generali Modalità Inserita specifica in Oss. 201 punto d intervento merito alla SUL Ambiti di espansione Ambiti di bis trasformazione con PUA vigenti o attuati (Ca) Ambiti recupero Verde complementare Prescrizioni per la formazione dei Piani di recupero e dei piani non disciplinati da modifica formale ; modifica formale ; inserita disciplina degli ambiti Br1 (ambiti di edificati individuati come PUA nel 1 RU non confermati) Inserita disciplina PUA del 1 RU non confermati inserita specifica in merito ai parametri di riferimento (SUL al posto del VUL) Eliminato e sostituito dall art. 108 bis Oss. 201 punto 56 Oss. 68 punto 24 e punto 45 Oss. 201 punto 57 11

12 capo IV scheda norma CAPO IV AMBITI URBANI A PREVALENTE DESTINAZIONE PRODUTTIVA generali aggiornati riferimenti normativi (SCIA al posto della DIA) Ambiti della produzione compatta (D1) inserita specifica in merito agli impianti di smaltimento e di recupero rifiuti Zone di espansione da attuare (D1/E) Zone di espansione in corso di attuazione (D1/A) modifica formale ; Zone di completamento (D1/C) modifica formale ; Zona di recupero (D1/R) Zone di completamento per impianti produttivi singoli (D1/S) modifica formale ; Ambiti della produzione promiscua consentita la destinazione direzionale fino ad un max 10% della SUL esistente Zone di espansione attuate (D2/A) Zone di completamento (D2/C) modifica formale ; 66.3 INSERIRE D2/R inserita disciplina zone recupero realizzazione alloggio custode. Eliminato riferimento a D. Lgs eliminato riferimento a lotto minimo realizzazione alloggio custode. Inserita nuova zona D2S. eliminata limitazione 10% per direzionale eliminato riferimento a lotto minimo Oss. 68 punto 26 Oss. 201 punto 58 Oss. 271 punto 1 Oss. 279 punto 1 Oss. 201 punto 59 Oss. 279 punto 1 Oss. 167 punto 1 Oss. 175 punto 1 Oss. 202 punto 2 Oss. 208 punto 13 Oss. 268 punto 2 Oss. 201 punto 60 Oss. 201 punto 61 Inserita disciplina Oss. 268 punto 2 zone completamento impianti singoli 66.4 INSERIRE D2/S Ambiti della produzione specializzata Zona per realizzazione rottamazione e alloggio custode. recupero Modificato (D3/RR) modifica formale ; parametro Rc Zona per il Oss. 279 punto 1 recupero di realizzazione rifiuti solidi non alloggio custode. pericolosi (D3/RC) modifica formale ; 67.3 Zone per attività modifica formale ; Oss. 13 punto 1 e punto 2 Oss. 279 punto 1 12

13 estrattive (D3/AE) Zone per industria alimentare D3/AL modifica formale ; Zone di servizio alle attività produttive D3/D modifica formale ; Ambiti del commercio Ambiti della grande inserita sottozona espansione in corso distribuzione attuazione Zona di Espansione D4/E Zona di Recupero D4/R Zona di completamento D4/C modifica formale ; Zona di espansione in corso di inserita disciplina zona di espansione in attuazione D4/A corso di attuazione Ambiti della media distribuzione D5 Ambito del parco tecnologico D6 Zona di Espansione D6/E Zona di completamento D6/C modifica formale ; realizzazione alloggio custode. Inserita destinazione ricettiva Oss. 279 punto 1 Oss. 266 punto 1 Oss. 201 punto 62 Oss. 201 punto CAPO V AMBITI DEL TERRITORIO APERTO generali Oss. 198 punto bis bis Modalità d intervento Programma miglioramento agricolo ambientale di incrementato a 600 mq il caso in cui il PMAA assume valore di PUA (sia nel caso di trasferimenti che di nuovi edifici) aggiornati riferimenti normativi Categorie d intervento Nuovi edifici rurali ad uso abitativo modifica formale ; Nuovi annessi agricoli Verifica capacità edificatoria 75.3 Manufatti modifica formale ; specificato il Inserita soglia 150 mq per nuove abitazioni rurali inserita specifica in merito alla superficie accessoria Oss. 198 punto 1 Oss. 198 punto 2 Inserito specifico Oss. 201 punto 86 riferimento al dimensionamento. Oss. 102 punto 6 Oss. 124 punto 1 13

14 precari per lo svolgimento delle attività delle aziende agricole Annessi agricoli non soggetti al rispetto delle superfici agrarie 75.3 bis minime Annessi agricoli destinati all agricoltura realizzabili da soggetti diversi 75.3 ter 75.3 quater 75.3 quinqu es 75.3 sexies 75.4 art art dagli imprenditori agricoli Detenzione e allevamento amatoriale cani e cavalli Maneggi, allevamenti e pensioni per animali da affezione Manufatti per la pesca sportiva e amatoriale Patrimonio edilizio esistente Autorimesse e locali interrati o seminterrati Scale esterne e porticati Tipologie edilizie Aree con esclusiva o prevalente funzione agricola Aree agricole d interesse primario campo di applicazione dell'articolo Oss. 201 punto 64 Oss. 211 punto 1 Oss. 254 punto 1 inserita disciplina relativa agli annessi agricoli la cui realizzazione non è soggetta al rispetto delle superfici agrarie minime inserita disciplina relativa alla realizzazione di annessi agricoli per le piccole produzioni e per l'agricoltura amatoriale inserita disciplina relativa alla detenzione e allevamento amatoriale di cani e di cavalli inserita disciplina relativa realizzazione di maneggi, allevamenti e pensioni per animali da affezione inserita disciplina relativa alla realizzazione di manufatti per la pesca sportiva e amatoriale inserite specifiche in merito alle sistemazioni ambientali, al taglio degli alloggi, agli interventi di sostituzione edilizia (modalità individuazione estensione massima unità intervento, presenza di fasce di rispetto) inserite specifiche in merito alla realizzazione di autorimesse inserite specifiche in merito alla realizzazione di scale esterne e porticati inserito riferimento alle architetture rurali inseriti parametri per interventi sul patrimonio edilizio esistente; inserite specifiche in merito alla realizzazione di recinzioni e perdita della destinazione d'uso agricola inseriti parametri per interventi sul patrimonio edilizio esistente; inserite specifiche in merito alla realizzazione di recinzioni, alla perdita della destinazione d'uso agricola e alla sostituzione edilizia in fasce di rispetto di conteggiare anche terreni non contermini Inserita specifica tecnica in merito alla realizzazione dei box cavalli Inserito obbligo rimozione al termine attività Inserito specifico riferimento al dimensionamento. Inserite specifiche in merito agli interventi di sostituzione edilizia Inserite specifiche in merito agli edifici colonici Inserite specifiche in merito alle recinzioni, alle attrezzature e servizi ed agli interventi di sostituzione edilizia Inserite specifiche in merito alle recinzioni, alle attrezzature e servizi ed agli interventi di sostituzione edilizia Oss. 69 punto 1 Oss. 201 punto 65 Oss. 179 punto 1 Oss. 102 punto 4 Oss. 201 punto 66 Oss. 67 punto 3 Oss. 94 punto 31 Oss. 114 punto 1 Oss. 201 punto 67 e punto 86 Oss. 201 punto 68 Oss. 94 punto 4 e punto 21 Oss. 102 punto 5 Oss. 201 punto 69 Oss. 208 punto 17 Oss. 248 punto 1 Oss. 12 punto 1 Oss. 68 punto 35 Oss. 94 punto 5 e punto 21 Oss. 102 punto 5 Oss. 111 punto 1 Oss. 201 punto 70 Oss. 208 punto 17 Oss. 217 punto 1 Oss. 248 punto 1 14

15 Aree agricole Inserite specifiche in merito alle attrezzature e servizi ed agli interventi di sostituzione edilizia realizzazione posti auto coperti con periurbane riorganizzazione del normativo pannelli fotovoltaici CAPO VI AMBITI DI ATTREZZATURE E SERVIZI generali inserità maggiore flessibilità nella localizzazione delle attrezzature e servizi Modalità d intervento Ambiti per attrezzature e servizi a scala territoriale modifica formale ; Aree per impianti sportivi e protezione civile Ambiti di attrezzature e servizi a scala comunale e di quartiere modifica formale ; Zone a verde pubblico e/o attrezzato Zone a verde sportivo Zone per attrezzature cimiteriali CAPO VII DISPOSIZIONI RELATIVE AL SISTEMA INFRASTRUTTURALE PER LA MOBILITA generali aggiornati gli interventi alla nuova Zone ferroviarie normativa (L.R. 1/05) inserita specifica in merito agli Zone per la interventi ammessi all'interno dei viabilità carrabile corridoi infrastrutturali Zone per parcheggi Oss. 284 punto 5 Oss. 68 punto 19 Oss. 78 punto 1 Oss. 94 punto 24 Oss. 194 punto 4 Oss. 201 punto 71 Oss. 234 punto 1 Oss. 248 punto 1 Inserita specifica in Oss. 201 punto 72 merito alle convenzioni Eliminazione refuso Oss. 201 punto 72 Inserite specifiche in Oss. 201 punto 73 merito alle varie tipologie di verde Piazze Percorsi ciclabili La strada mercato PARTE QUARTA DISPOSIZIONI PARTICOLARI TITOLO I LE TUTELE inserito riferimento al rischio Oss. 201 punto generali potenzialità archeologico 15

16 95 bis 95 ter 95 quater 95 quinqu es 95 sexies 95 septies bis 96.bis Aree di interesse o di rischio/potenziali tà archeologica Aree di alto rischio/potenziali tà archeologico e aree di attenzione Aree di medio rischio/potenziali tà archeologico Aree di basso rischio/potenziali tà archeologico Tutela delle UT lineari inerenti la struttura centuriata Tutela delle UT lineari inerenti l antica viabilità Aree a protezione paesistica e/o ambientale inserita disciplina relativa al rischio potenzialità archeologiche inserita disciplina relativa al rischio potenzialità archeologiche inserita disciplina relativa al rischio potenzialità archeologiche inserita disciplina relativa al rischio potenzialità archeologiche inserita disciplina relativa al rischio potenzialità archeologiche inserita disciplina relativa al rischio potenzialità archeologiche Fiumi torrenti e corsi d acqua Aree boschive e forestali Aree ad elevato valore naturalistico e rete ecologica Geotopo di aggiornati riferimenti normativi (SCIA Arnovecchio al posto della DIA) Siti e manufatti di rilevanza ambientale e/o aggiornati riferimenti normativi (D. storico culturale Lgs. 42/2004) Destinazione d uso Modalità d intervento Tipologie edilizie Infrastrutture storiche Le riserve fluviali ed il contenimento del rischio idraulico modifiche formali specificato che si tratta di aree soggette ad inedificabilità assoluta;inseriti interventi ammessi sugli edifici esisntenti Modifica formale Oss. 201 punto 75 Oss. 94 punto 29 Inserito riferimento Oss. 201 punto 76 all art. 106 Inserito riferimento Oss. 201 punto 77 ad esame Soprintendenza Inserite specifiche tecniche per interventi in tratti strada con accentuata pendenza Ambiti di tutela Aree di recupero Oss. 201 punto 78 Oss. 201 punto 79 16

17 bis ambientale Parco fluviale dell Arno Aree naturali protette di interesse locale (ANPIL) modifiche formali Ambiti reperimento articolo inserito in adeguamento parchi disciplina provinciale Aree di protezione delle risorse idriche Aree a verde privato modifiche formali Inserito riferimento ad art. 106 bis Inserita specifica in merito agli interventi di sostituzione edilizia, alla realizzazione manufatti precari e alle recinzioni Migliore formulazione della disposizione normativa Nuovo articolo in sostituzione dell art. 62 bis con migliore formulazione della disposizione normativa 108 Aree a verde bis complementare TITOLO II LE GUIDE CAPO I GUIDA AGLI INTERVENTI SUI SITI E MANUFATTI D INTERESSE STORICO E/O AMBIENTALE Prescrizioni comuni alle unità edilizie Intonaci e trattamento delle facciate Colori Serramenti esterni Pavimenti rivestimenti Strutture verticali orizzontali Coperture inserita specifica in merito a tettoie e precisato che il comma 1 si applica anche agli edifici con grado di tutela a) inserita specifica in merito alla tutela e delle volte, degli archi e dei solai in volttine di mattoni inserite specifiche in merito alle modifiche alla quota di imposta della copertura, al manto di copertura, ai lucernari, agli abbaini, materiale di isolamento realizzazione cappotto esterno realizzazione terrazze a tasca nei fronti secondari privi di valore Inserita specifica in merito alla realizzazione di impianti nella copertura Impianti tecnologici inserite specifiche in merito all'inserimento di condizionatori Prescrizioni relative ai fabbricati rurali Aia Oss. 201 punto 80 Oss. 3 punto 1 Oss. 12 punto 2 Oss. 124 punto 1 Oss. 171 punto 1 Oss. 201 punto 70 e punto 81 Oss. 211 punto 1 Oss. 284 punto 6 Oss. 68 punto 44 Oss. 94 punto 25 Oss. 201 punto 82 Oss. 68 punto 44 Oss. 94 punto 25 Oss. 201 punto 82 Oss. 284 punto 7 Oss. 68 punto 30 Oss. 142 punto 1 Oss. 145 punto 1 Oss. 201 punto 83 17

18 Cucina Scale Esterne ed Interne Sistemazione esterna Fienili separati a due piani eliminata prescrizione relativa alla previsione di un unico vano cucina soggiorno a piano terra consentito il cambio d'uso, nel rispetto delle caratteristiche architettoniche e costruttive Modifica effettuata all art. 116 Annessi rustici minori CAPO II GUIDA PER LA TUTELA DELLA RISORSA VERDE Contenuti Ambito applicazione Misure vietate ed di Misure prescritte Protezione degli alberi e procedure edilizie Vegetazione dei fossati e filari alberati in zona agricola Scelta delle specie arbustive ed arboree di nuovo impianto i contenuti del capo II saranno spostati in apposito Regolamento del Verde comunale i contenuti del capo II saranno spostati in apposito Regolamento del Verde comunale i contenuti del capo II saranno spostati in apposito Regolamento del Verde comunale i contenuti del capo II saranno spostati in apposito Regolamento del Verde comunale i contenuti del capo II saranno spostati in apposito Regolamento del Verde comunale Inserite specifiche in merito aal individuazione degli alberi protetti Oss. 56 punto 1, modifica effettuata all art. 116 Oss. 56 punto 2, Oss. 94 punto 26 e Oss. 201 punto 84 Inserita specifica in Oss. 94 punto 25 merito difesa fitosanitaria Inserire specifiche in Oss. 94 punto 25 merito all abbattimento degli alberi Inserite specifiche in merito agli elenci delle specie arboree e arbustive i contenuti del capo II saranno spostati in apposito Regolamento del Verde comunale TITOLO III PIANI E PROGRAMMI DI SETTORE CAPO I PIANO CARBURANTI aggiornata disciplinata al nuovo quadro generali normativo Individuazione aggiornata disciplinata al nuovo quadro delle zone normativo a seguito aggiornamento al nuovo 119 Tipologie quadro normativo Limitazioni di aggiornata disciplinata al nuovo quadro zona normativo Superficie a seguito aggiornamento al nuovo 121 minima impianti quadro normativo Istanze minime a seguito aggiornamento al nuovo 122 tra impianti quadro normativo Incompatibilità tra impianto e sito aggiornata disciplinata al nuovo quadro normativo Caratteristiche delle aree e degli impianti Disciplina per aggiornata disciplinata al nuovo quadro l inserimento di normativo Oss. 56 punto 5 Oss. 94 punto 27 18

19 impianti su aree pubbliche CAPO II DISCIPLINA ATTUATIVA DI URBANISTICA COMMERCIALE Campo di aggiornata disciplinata al nuovo quadro applicazione normativo aggiornata disciplinata al nuovo quadro Definizioni normativo Strumenti di programmazione urbanisticocommerciale per gli esercizi di vicinato le medie e grandi strutture di aggiornata disciplinata al nuovo quadro vendita normativo centri commerciali Dotazione, quantità e caratteristiche dei parcheggi e del verde alberato Criteri di definizione già contenuta in normativa di settore aggiornata disciplinata al nuovo quadro normativo realizzazione dei raccordi viari barriere architettoniche impermeabilizza zione aggiornati riferimenti normativi programmi valorizzazione centro storico rivitalizzazione rete distributiva aree vulnerabili soppresso a seguito modifica normativa sul commercio soppresso a seguito modifica normativa sul commercio soppresso a seguito modifica normativa sul commercio piano tempi e orati Attività commerciali: aumentato da 400 mq a 600 mq il limite per la deroga ai Tabella parcheggi commerciale parcheggi nel centro storico Inserita specifica su zona B0 Tavole e figure Oss. 201 punto 85 Oss. 201 punto 85 19

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Comune di Santa Croce sull Arno

Comune di Santa Croce sull Arno Comune di Santa Croce sull Arno Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO NORME DI ATTUAZIONE A cura degli estensori del piano Ing. Riccardo Ciuti Arch. Luca Tosi Parte prima - Norme generali Art. 1 Elaborati

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO EDILIZIO (Testo Unico dei Comuni della Bassa Val di Cecina) ANNO 2013 Bibbona, Gennaio 2013 Visto: Il Sindaco Fiorella Marini Il Responsabile Area Edilizia

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015 AREA TECNICA Responsabile dell Area: Dott. Urbanista Luigi Pucci ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA COSTO DI COSTRUZIONE DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI TIPOLOGIE RISORSE Entrate aventi destinazione vincolata per legge Entrate acquisite mediante contrazione di

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia)

CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia) CITTA DI PALAZZOLO SULL OGLIO (Provincia di Brescia) NUOVO REGOLAMENTO EDILIZIO (art. 4 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 articoli 28 e 29 legge regionale 11 marzo 2005, n. 12) Adottato con D.C.C. n. 33 del

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...3 CAPO I - GENERALITA'...3

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...3 CAPO I - GENERALITA'...3 SOMMARIO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...3 CAPO I - GENERALITA'...3 Art. 1 - Elementi costitutivi....3 Art. 2 - Portata della Variante...4 Art. 3 - Rapporto tra il Regolamento Edilizio e le norme di

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

REGOLAMENTO. Comune di FIRENZE

REGOLAMENTO. Comune di FIRENZE REGOLAMENTO EDILIZIO Comune di FIRENZE REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato con delibera C.C. n. 14 del 25/03/2014 INDICE SEZIONE I Disposizioni generali Capitolo I Natura e contenuti del regolamento edilizio

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita'

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Testo vigente LEGGE REGIONALE 20 aprile 2015, n. 17 Riordino e semplificazione della normativa regionale in materia di edilizia ( B.U. 30 aprile 2015, n. 37 ) La pubblicazione del testo non ha carattere

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO IL REGOLAMENTO EDILIZIO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.182/2000 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n.37/2007 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n.16/2008 I INDICE

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Contenuto ed ambito del Regolamento Edilizio 1. Ogni attività che comporta trasformazione, anche temporanea, urbanistica ed edilizia del territorio comunale, è disciplinata

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

RESIDENZIALE : CON ALTEZZA LORDA INTERPIANO DI M. 3

RESIDENZIALE : CON ALTEZZA LORDA INTERPIANO DI M. 3 Livorno, 19/04/2007 Oggetto : PROSPETTO DEI CONTRIBUTI CONCESSORI - INTERVENTI VIA MEYER L.R.1/05 ELEMENTI DI VALUTAZIONE: Il calcolo dei contributi concessori e stato effettuato sulla base della presumibile

Dettagli

Regol@mento edilizio ed urbanistico

Regol@mento edilizio ed urbanistico . Comune di Spoleto Direzione Pianificazione Urbanistica Regol@mento edilizio ed urbanistico.......... Il Regolamento edilizio ed urbanistico è stato adottato dal Consiglio comunale con la deliberazione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Comune di Borgo a Mozzano Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Responsabile Funzionario Direttivo (Geom. Alessandro Brunini) Istruttore Tecnico (Geom. Massimo Vergamini Borgo a Mozzano, Marzo

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI...

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... 2 PARTE I... 3 PIANI URBANISTICI ATTUATIVI... 3 PARTE II... 7 PROGRAMMI DI RICONVERSIONE E/O

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2 Mercoledì 15 Aprile 2015 Anno XLVI N. 12 PARTE PRIMA CONDIZIONI DI VENDITA: Ogni fascicolo 2,50. La vendita è effettuata esclusivamente in Genova presso la Libreria Giuridica- PARTE PRIMA 3 SOMMARIO LEGGE

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLO EDILIZIA

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLO EDILIZIA COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLO EDILIZIA REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato con deliberazione consiliare 25.5.2007 n.96/17008 P.G. Modificato con deliberazione consiliare 5.4.2013 n.42/23520 P.G. Modificato

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Comunicazione di inizio attività edilizia libera ai sensi del comma 2 dell art. 6 del DPR 380/2001

Comunicazione di inizio attività edilizia libera ai sensi del comma 2 dell art. 6 del DPR 380/2001 ORIGINALE/COPIA AL COMUNE DI MILANO SETTORE SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SERVIZIO INTERVENTI EDILIZI MINORI Via Pirelli, 39 20124 Milano 2 piano corpo basso ART.6 DPR. 380/2001 - competenza SUE N ATTI

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI NORMATIVA TECNICA RELATIVA ALLA COMPONENTE COMMERCIALE DEL PGT (L.R. 12/05 e smi) IN FUNZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013.

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/20 del 23.12.2014 Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Art. 1 Finalità

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20 #LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE ALLEGATO alla Delibera Consiglio Comunale n 47 del 21.12.2006 Comune di Vezzano Ligure Provincia della Spezia Area Pianificazione Territoriale Urbanistica Edilizia Privata REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PECETTO TORINESE VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI SINDACO SEGRETARIO PROGETTISTI arch. R. Gambino

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

Regolamento Edilizio

Regolamento Edilizio Regolamento Edilizio Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 13 del 27.02.2014 INDICE PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI...5 Articolo 1 Natura e finalità del Regolamento Edilizio... 5 Articolo 2 Oggetto

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE

DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE L'esecuzione di interventi edilizi è onerosa: il titolare del permesso abilitativo deve infatti versare alla pubblica amministrazione un contributo equivalente al costo

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli