Da vincolo a risorsa strategica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da vincolo a risorsa strategica"

Transcript

1 La gestione della tesoreria aziendale: Aspetti organizzativi, di previsione e di controllo della risorsa finanziaria Da vincolo a risorsa strategica Giuseppe Santoro 1

2 Finanza strategica Sotto questo aspetto diamo suggerimenti e consulenza in accordo con la direzione aziendale Politica finanziaria Scelte di funding Struttura finanziaria Sharehoder value Tecniche Strumenti vincoli/opportunità Giuseppe Santoro 3

3 Finanza operativa Diamo soluzioni a quest ambito di attività della gestione della tesoreria Figura del tesoriere Rapporto operativo Banche impresa Impresa - banche Gestione rischi di Liquidità tasso cambio Sistemi di regolamento, Incasso e pagamento, vincoli/opportunità Giuseppe Santoro 4

4 Fattori che hanno richiesto l evoluzione dell attività del tesoriere Globalizzazione Mercati emergenti Deregulation Disintermediazione Shareholders value Risk management Approccio quantitativo Tesoreria aziendale Euromercato Crisi di liquidità Bancaria Diminuzione fondi pubblici Electronic banking Treasury workstations Internet Giuseppe Santoro 5

5 l attività del tesoriere nelle micro e piccole imprese La funzione viene svolta da un persona di fiducia dell imprenditore o dallo stesso, le principali attività riguardano la gestione della cassa, gli incassi e i pagamenti I rapporti con il sistema creditizio viene gestito direttamente dall imprenditore Viene tenuto il libro banca, si cura poco il flusso delle entrate e delle uscite e generalmente il costo della gestione finanziaria è più alto rispetto ad altri operatori economici Giuseppe Santoro 6

6 ..nelle PMI Si intravede una figura che collabora o con il responsabile amministrativo e da cui dipende. La sua attività si esplica in una gestione dei rapporti con le banche e nella preparazione di report per il responsabile amministrativo che a sua volta riporta all amministratore delegato, ha poca autonomia decisionale, si intravede una tendenza a utilizzare strumenti per la gestione anticipata della tesoreria integrata con i sistemi di electronic banking, gestisce sia la tesoreria in che in valuta, sulla gestione del rischio cambio le attività non sono di tipo speculativo ma tendono a coprire il rischio. C è una gestione più professionale nella gestione dei rapporti con gli operatori finanziari e nella scelta degli strumenti di finanza operativa. Le maggiori prospettive di vantaggi apportati da una gestione della finanza aziendale potranno essere godute da questa fascia di aziende investendo in questa area in tecnologia e formazione Giuseppe Santoro 7

7 banche B C D F Il rapporto evoluto banca e Banca capofila informativo A dispositivo impresa T E S O R E R I A Nuovi movimenti O movimenti da certificare C O. G E Presentazione Riba, rid, mav Pagamenti forn. Stipendi, ecc Avviso pagamenti clienti Scadenziari fatture Giuseppe Santoro 15

8 Pochi ma buoni: la tipologia dei report di tesoreria Decisionali Reports di Tesoreria Previsionali Consuntivi e di controllo Operativi Giuseppe Santoro 17

9 Alcuni report di tesoreria.. Proiezione saldi di c/c per valuta Consuntivo di tesoreria in e in valute Situazioni finanziarie in e in valuta Previsione dei flussi di cassa in e valuta Analisi dell indebitamento Analisi finanziaria globale Analisi delle competenze Situazioni sul rischio cambio e interesse Consolidato di tesoreria Giuseppe Santoro 18

10 La tesoreria e le attività con l estero Gestione anticipo import Gestione anticipi export Gestione rischio cambio/tasso e relative copertura Gestione conti valutari Bilancia valutaria Giuseppe Santoro 19

11 Pianificazione finanziaria a breve e m/l termine L esigenza di una pianificazione e controllo della risorsa finanziaria è sentita dalle aziende, che oltre a controllare gli aspetti economici di gestione vogliono pianificare, vogliono conoscere e controllare l impatto finanziario ha sulla gestione aziendale. Il budget di tesoreria ha il fine di controllare e ottimizzare i flussi finanziari nati dalla gestione corrente il Piano finanziario da una rappresentazione finanziaria alle scelte di investimento. Il budget di tesoreria viene alimentato dai dati previsionali dei flussi finanziari a breve, il Piano finanziario si ottiene con strumenti che acquisendo dati dalle scelte economiche a medio - lungo termine, li trasformano in dati finanziari. Gli strumenti più utili per la costruzione di tali modelli sono: il tradizionale Excel o di Business Intelligence o strumenti di pianificazione finanziaria da adattare al modello aziendale Giuseppe Santoro 20

12 vantaggi e benefici aziendali nell utilizzo di un sistema di gestione della tesoreria anticipata Minori oneri finanziari e migliore utilizzo delle disponibilità Gestione anticipata per data valuta dei saldi di tutti i conti Ottimizzazione dei giroconti con l eliminazione delle giacenze di c/correnti Controllo sistematico di tutte le condizioni applicate dalle banche e degli interessi Utilizzo delle linee di credito con minore costo effettivo Confronto sulle condizioni e sui tassi e controllo dell operatività Politica attiva dei rinnovi, delle scadenze e delle divise di finanziamento Capacità di pianificare il lavoro bancario e di controllarne l effettiva assegnazione Previsione dei flussi finanziari nel breve termine con l inserimento di dati stimati e collegamento con lo scadenziario delle fatture attive e passive o con la gestione ordini o del budget. Proiezione dei saldi banca, utilizzi, disponibilità delle linee di fido Budget/consuntivo di cassa e relativi scostamenti Giuseppe Santoro 21

13 Gestione del rischio cambio e tasso Conoscenza dell esposizione valutaria in ciascuna divisa, delle differenze cambio future in base all andamento previsto dei cambi Simulazione su cambi e tassi d interesse e calcolo del cambio di break even Possibilità di effettuare con tempestività, arbitraggi, coperture a termine, finanziamenti, swaps, opzioni ecc. Integrazione tra gestione finanziaria e contabilità Integrazione tra tesoreria e sistema contabile Possibilità di acquisire da Co.Ge. i pagamenti e le presentazioni di portafoglio e gli scadenziari Eliminazione delle doppie scritture in Co.Ge. e Tesoreria Allineamento tra tesoreria e sistema contabile. Giuseppe Santoro 22

14 Migliore utilizzo delle risorse umane Unico inserimento dei dati finanziari sia ai fini gestionali che amministrativi Generazione automatica degli outputs di tesoreria Allineamento e riconciliazione dei saldi banca in Tesoreria e in contabilità Stampa automatica delle disposizione per le banche Specializzazione del personale che segue i rapporti con le banche Alimentazione automatica da Cash management bancario Possibilità di collegamento automaticamente a un sistema di Cash management e Remote Banking. Normalizzazione dei tracciati e decodifica delle causali Banche per il sistema di tesoreria Alimentazione automatica del sistema di tesoreria e relativa certificazione dei movimenti Riconciliazione giornaliera e periodica con gli e/c delle banche Giuseppe Santoro 23

15 Modelli organizzativi della tesoreria di gruppo: Tesoreria centralizzata (cash pooling) Tesoreria decentrata Tesoreria mista Giuseppe Santoro 24

16 I vantaggi di una gestione tesoreria di gruppo Possibilità di gestire le operazioni eseguite da parte della holding per conto delle Controllate Scritture intersocietarie automatiche sia sui conti delle holding che delle controllate Liquidazione interessi dei c/c intersocietario Consolidato di tesoreria per gestione della tesoreria disaggregata Giuseppe Santoro 26

17 Tesoreria di gruppo alcuni termini in uso: Per cash pooling si intende quella attività svolta all interno di una grande impresa, finalizzata alla gestione ottimale sei flussi di cassa generati dalle consociate o dalle divisioni a essa interne e al trasferimento di informazioni connesse alle differenti posizioni, attive o passive, generate dalle singole consociate e/o divisioni dell'impresa L'attività di netting invece, più specificamente legata ai flussi derivanti dall attività commerciale infragruppo. Si pensi, a titolo di esempio, alle fatture che le singole consociate e/o divisioni si indirizzano tra di loro per regolare gli acquisti o alle vendite che avvengono all'interno del gruppo relative a beni fisici (materie prime, semilavorati e prodotti finiti) o ai servizi Altra tecnica di primaria importanza è il clearing che rappresenta la compensazione di flussi intercompany di carattere squisitamente finanziario, quali interessi, dividendi etc e che sono da ricondurre alle strategie di politica aziendale le cui decisione sono assunte a livello di vertici aziendali Giuseppe Santoro 27

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA Brevi note per la direzione a cura di Giuseppe Santoro Centro di Consulenza Aziendale Queste brevi note vogliono essere un contributo per le Direzioni Aziendali

Dettagli

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA

BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA BUONE PRATICHE AZIENDALI DI GESTIONE FINANZIARIA Brevi note per la direzione a cura del prof. Giuseppe Santoro Centro di Consulenza Aziendale Queste brevi note vogliono essere un contributo per le Direzioni

Dettagli

Tesoreria.net per. Il programma produce situazioni immediatamente confrontabili con i documenti inviati dalle banche.

Tesoreria.net per. Il programma produce situazioni immediatamente confrontabili con i documenti inviati dalle banche. La Soluzione per la Gestione, la Programmazione e l Analisi della Finanza Aziendale 1 di 39 Tesoreria.net per TESORERIA. NET Tesoreria. NET L'attuale operatività delle aziende evidenzia in forma ricorrente,

Dettagli

PER INIZIARE. Flussi da ERP

PER INIZIARE. Flussi da ERP PER INIZIARE Il lavoro inizia con la raccolta delle condizioni bancarie tramite un questionario e/o tramite lo studio delle contabili e delle liquidazioni periodiche. Le condizioni possono essere condivise

Dettagli

Lo strumento indispensabile per il controllo dei flussi finanziari

Lo strumento indispensabile per il controllo dei flussi finanziari Lo strumento indispensabile per il controllo dei flussi finanziari Gli effetti della crisi che sta sconvolgendo i mercati internazionali, effetti che purtroppo dureranno anni, impongono ad ogni imprenditore

Dettagli

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria www.pwc.com/it Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria Reggio Emilia, 28 maggio 2013 Agenda Introduzione il rischio di liquidità e gli strumenti per la sua gestione 1. Gestione della liquidità

Dettagli

Sistemi amministrativi e gestionali Erp nazionali e internazionali

Sistemi amministrativi e gestionali Erp nazionali e internazionali la tua tesoreria Le banche Gli standard CBI (Corporate Banking Interbancario) del 1997 hanno uniformato i Lo Swift è lo strumento usato dalle banche di tutto il mondo per trasferire e standard SWIFT risale

Dettagli

L elaborazione avviene attraverso il caricamento automatico dei dati contabili direttamente dal programma gestionale installato in azienda.

L elaborazione avviene attraverso il caricamento automatico dei dati contabili direttamente dal programma gestionale installato in azienda. Il sistema FLUXUS consente l elaborazione ed il trattamento delle informazioni contabili residenti sul gestionale aziendale, traducendone i dati in chiave finanziaria. Attraverso una soluzione interfacciabile

Dettagli

Tesoreria. di Rupert Limentani (*)

Tesoreria. di Rupert Limentani (*) Tesoreria Tecniche Finanza aziendale, il ruolo del tesoriere di Rupert Limentani (*) Con questo contributo si vuole mettere in evidenza la strategicità della figura del tesoriere: i suoi compiti non si

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

GESTIONE TESORERIA. Le banche. DocFinance per Dynamics NAV contiene i servizi dei CBI e dello SWIFT Score

GESTIONE TESORERIA. Le banche. DocFinance per Dynamics NAV contiene i servizi dei CBI e dello SWIFT Score GESTIONE TESORERIA Le banche Gli standard CBI (Corporate Banking Interbancario) del 1997 hanno uniformato i flussi informativi che si sono aggiunti a quelli dispositivi. Lo Swift è lo strumento usato dalle

Dettagli

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE FIRENZE, 6 FEBBRAIO 2014 DOTT. EMILIO PASQUETTI IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE Sommario 1. Quadro macroeconomico

Dettagli

Come ti controllo l azienda

Come ti controllo l azienda Comprensione e valutazione Come ti controllo l azienda Le procedure di controllo possono essere uno strumento di potere notevole per il management interno all azienda soprattutto in tempo di automatizzazione

Dettagli

TESORERIA D IMPRESA ON LINE LA SOLUZIONE WEB PER LA GESTIONE FINANZIARIA

TESORERIA D IMPRESA ON LINE LA SOLUZIONE WEB PER LA GESTIONE FINANZIARIA TESORERIA D IMPRESA ON LINE LA SOLUZIONE WEB PER LA GESTIONE FINANZIARIA TESORERIA D IMPRESA ON LINE UNA SOLUZIONE INNOVATIVA E COMPLETA Tesoreria on line è l ambiente di lavoro che permette di convogliare

Dettagli

Contabilità. Scheda prodotti. Contabilità generale. Scritture contabili. Una gestione contabile conforme alle norme internazionali IAS/IFRS

Contabilità. Scheda prodotti. Contabilità generale. Scritture contabili. Una gestione contabile conforme alle norme internazionali IAS/IFRS CONTABILITA Contabilità Scheda prodotti La gestione contabile di GLevolution integra i moduli di Contabilità generale,tesoreria Base, Analitica, budgetaria e Cespiti. La gestione contabile di GLevolution

Dettagli

Il BUDGET di CASSA. (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti

Il BUDGET di CASSA. (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti Il BUDGET di CASSA (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA comprendente il complesso di analisi e valutazioni con le quali il management si prefigge di verificare scelte

Dettagli

La Tesoreria al passaggio obbligato: la gestione attiva della Supply Chain Finance. Andrea Guillermaz Piteco

La Tesoreria al passaggio obbligato: la gestione attiva della Supply Chain Finance. Andrea Guillermaz Piteco La Tesoreria al passaggio obbligato: la gestione attiva della Supply Chain Finance Andrea Guillermaz Piteco PITECO SpA PITECO PITECO nasce nel 1980. Con oltre 2500 Clienti, da 10 anni è il più importante

Dettagli

Il RAPPORTO BANCA-IMPRESA Spunti per la gestione efficiente della liquidità e la transizione a SEPA

Il RAPPORTO BANCA-IMPRESA Spunti per la gestione efficiente della liquidità e la transizione a SEPA Il RAPPORTO BANCA-IMPRESA Spunti per la gestione efficiente della liquidità e la transizione a SEPA ABI SPIN, Payment and Cash Management Napoli, 11/06/2013 Lidia Scarpelli Financial Banking Director DDway

Dettagli

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department LA GESTIONE DELL ESPOSIZIONE VALUTARIA MARIO ANTONIO VINZIA SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department Risk management Come si copre? Previsione dell esposizione esposizione aziendale al

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali AGENDA CARATTERI GENERALI DELLA FUNZIONE FINANZIARIA PERCHE L AZIENDA NECESSITA

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Relatore: Dott. Alessandro Milone

Relatore: Dott. Alessandro Milone Ottimizzare i flussi finanziari per prevenire crisi di liquidità Relatore: Dott. Alessandro Milone Assolombarda Sala Falck Milano, 27 Gennaio 2011 1 Indice Il sistema di tesoreria Focus sui flussi finanziari

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

ANALISI FINANZIARIA. di Giampaolo Calori. Amministrazione e finanza >> Finanza aziendale

ANALISI FINANZIARIA. di Giampaolo Calori. Amministrazione e finanza >> Finanza aziendale PROGETTARE I SISTEMI DI TESORERIA PER GESTIRE I FLUSSI MONETARI ANALISI FINANZIARIA di Giampaolo Calori Amministrazione e finanza >> Finanza aziendale I SISTEMI DI TESORERIA Le problematiche inerenti la

Dettagli

MODELLI OPERATIVI PER IL CASH MANAGEMENT e INDICATORI PER MONITORARE IL RISCHIO FINANZIARIO

MODELLI OPERATIVI PER IL CASH MANAGEMENT e INDICATORI PER MONITORARE IL RISCHIO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO MODELLI OPERATIVI PER IL CASH MANAGEMENT e INDICATORI PER MONITORARE IL RISCHIO FINANZIARIO RICCARDO CODA WWW.STUDIORICCARDOCODA.COM 16 ottobre 2012 Milano

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

LA TESORERIA PER PMI: migliorare la gestione dei flussi bancari di una piccola azienda imparando dai tesorieri professionisti

LA TESORERIA PER PMI: migliorare la gestione dei flussi bancari di una piccola azienda imparando dai tesorieri professionisti 06 GIUGNO 2014 La Tesoreria: che cosa e perché pianificare 11 GIUGNO 2014 La Gestione del Passivo: tipi di indebitamento Il cash management: pagamenti, incassi e ciclo previsivo LA TESORERIA PER PMI: migliorare

Dettagli

La necessità di controllare l evoluzione

La necessità di controllare l evoluzione METODI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI TESORERIA: L ESPERIENZA DI ALFA S.P.A. La necessità di controllare l evoluzione dell andamento finanziario in un ristretto arco di tempo viene soddisfatta dal budget

Dettagli

Prepared by GFT & Co srl

Prepared by GFT & Co srl 2012 Prepared by GFT & Co srl La GFT&Co. SrL è un centro servizi polifunzionale fondato da imprenditori, manager e professionisti di consolidata e concreta esperienza aziendale ed opera come azienda di

Dettagli

Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ]

Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ] Programma Cash flow Versione Associazione. [CASH FLOW EASY 5.0 - ] Il programma che ti aiuta a pianificare i flussi finanziari in modo semplice, veloce ed intuitivo. La flessibilità di MS Excel senza il

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEI NOVE MESI 2015

RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEI NOVE MESI 2015 COMUNICATO STAMPA RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEI NOVE MESI 2015 Principali risultati economici al 30 settembre 2015 (vs 30 settembre 2014 proforma 1 ): - Ricavi

Dettagli

RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Principali risultati economici al 30 giugno 2015 (vs 30 giugno 2014 pro-forma 1 ): - Ricavi

Dettagli

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rating Advisory e reporting finanziario del rischio d impresa Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità

Dettagli

Dario Piovera Responsabile Electronic Banking Direzione Generale Direzione Servizi e Prodotti Transazionali UniCredit Banca d Impresa

Dario Piovera Responsabile Electronic Banking Direzione Generale Direzione Servizi e Prodotti Transazionali UniCredit Banca d Impresa Dario Piovera Responsabile Electronic Banking Direzione Generale Direzione Servizi e Prodotti Transazionali UniCredit Banca d Impresa Milano, 9 febbraio 2005 www.unibanking.it Agenda UniWeb: uno strumento

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE Controllo di Gestione e Sistemi Base e Avanzati di Programmazione Strategica

CONTROLLO DI GESTIONE Controllo di Gestione e Sistemi Base e Avanzati di Programmazione Strategica Master experience in CONTROLLO DI GESTIONE Controllo di Gestione e Sistemi Base e Avanzati di Programmazione Strategica Esercitazioni in aula a ROMA e MILANO Pensato principalmente per coloro che già lavorano

Dettagli

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Sommario Introduzione 2 Le Caratteristiche 3 Il Funzionamento 4 Budget Economico 5 Flussi di Cassa 6 Budget Commerciale 7

Dettagli

SIGIC - Sistema Informativo Gestione Imprese di Costruzioni Un software gestionale integrato: la mossa giusta per la tua impresa

SIGIC - Sistema Informativo Gestione Imprese di Costruzioni Un software gestionale integrato: la mossa giusta per la tua impresa SIGIC - Sistema Informativo Gestione Imprese di Costruzioni Un software gestionale integrato: la mossa giusta per la tua impresa In 30 di esperienza sul campo maturata grazie alla stretta collaborazione

Dettagli

GESTIRE L IMPRESA COMETA SOFTWARE PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLA PMI

GESTIRE L IMPRESA COMETA SOFTWARE PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLA PMI GESTIRE L IMPRESA COMETA SOFTWARE PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLA PMI COMETA SOFTWARE PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLA PMI NESSUN AZIENDA È TROPPO PICCOLA PER UN GRANDE GESTIONALE. COMETA è la soluzione

Dettagli

Il Reporting Direzionale

Il Reporting Direzionale L offerta di consulenza di Professionisti per l Impresa www.piconsulenza.it A cosa serve il controllo individuare i fattori che determinano le performance misurare le performance informare i responsabili

Dettagli

di Maurizio Belli e Emanuele Facile Amministrazione e Finanza >> Finanza Aziendale

di Maurizio Belli e Emanuele Facile Amministrazione e Finanza >> Finanza Aziendale L OUTSOURCING DELLA TESORERIA COME NUOVA OPZIONE ORGANIZZATIVA di Maurizio Belli e Emanuele Facile Amministrazione e Finanza >> Finanza Aziendale Per molte PMI italiane l area Tesoreria presenta ancora

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche.

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche. soluzioni di business intelligence Revorg Business Intelligence Utilizza al meglio i dati aziendali per le tue decisioni di business Business Intelligence Revorg Roadmap Definizione degli obiettivi di

Dettagli

LEVE FINANZIARIE E NUOVI STRUMENTI PER GOVERNARE L IMPRESA Gli strumenti a supporto dello sviluppo: Impresa 24

LEVE FINANZIARIE E NUOVI STRUMENTI PER GOVERNARE L IMPRESA Gli strumenti a supporto dello sviluppo: Impresa 24 LEVE FINANZIARIE E NUOVI STRUMENTI PER GOVERNARE L IMPRESA Gli strumenti a supporto dello sviluppo: Impresa 24 Il Sole 24 ORE: molto più un quotiano 1.200.000 lettori al giorno Software per aziende e professionisti,

Dettagli

Internet: il Cliente assume il Ruolo di Attore attraverso la Rete. Convegno Spin 2003 Roma, 16-17 aprile 2003

Internet: il Cliente assume il Ruolo di Attore attraverso la Rete. Convegno Spin 2003 Roma, 16-17 aprile 2003 Internet: il Cliente assume il Ruolo di Attore attraverso la Rete Convegno Spin 2003 Roma, 16-17 aprile 2003 Caratteristiche dei Sistemi di BUSINESS Affidabili Easy to Use (Cliente/Banca) h 24 Implementabili

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria MUTINA CONSULTING L ANALISI FINANZIARIA Il management non deve controllare e pianificare solo gli aspetti economici della gestione ma dovrà soffermarsi anche sugli aspetti finanziari

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Amministrazione finanza e controllo di gestione_diagrammi di flusso. Dott.ssa D'Intino Ileana_anno 2010

Amministrazione finanza e controllo di gestione_diagrammi di flusso. Dott.ssa D'Intino Ileana_anno 2010 Amministrazione finanza e controllo di gestione_diagrammi di flusso _anno 2010 Amministrazione, finanza e controllo di gestione L'area amministrazione, finanza e controllo di gestione comprende la finanza

Dettagli

Si5 Amministrazione Finanza e controllo

Si5 Amministrazione Finanza e controllo Si5 Amministrazione Finanza e controllo oscar.polato@sorma.com pag. 1 Caratteristiche tecnologiche ed interfaccia Sistema Multi Piattaforma & Multi Data base 64 bit Java Web Application Interfaccia multi-browser

Dettagli

Teseo 7 Basic. L ERP Italiano scritto per le aziende italiane. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it

Teseo 7 Basic. L ERP Italiano scritto per le aziende italiane. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it Teseo 7 Basic L ERP Italiano scritto per le aziende italiane Z ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it tel. (+39) 055 91971 fax. (+39) 055 9197515 e mail: commerciale@centrosistemi.it Che cos

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO AL PORTATORE CON SALDO < 100,00 NON MOVIMENTATI DAL 2005 AL 2010

DEPOSITI A RISPARMIO AL PORTATORE CON SALDO < 100,00 NON MOVIMENTATI DAL 2005 AL 2010 DATA CONTABILE IMPORTO SEGNO CODICE DIVISA DESCRIZIONE CAUSALE 29/01/2015 0,01 A EUR giroconto per estinzioned'ufficio - 014/080077 29/01/2015 0,03 A EUR giroconto per estinzioned'ufficio - 005/060045

Dettagli

Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria

Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Logiche e strumenti di pianificazione finanziaria Capitolo 6 Indice degli argomenti 1. Perché è necessario prevedere le dimensioni dei

Dettagli

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con il mondo finanziario Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa Massimo Talone Milano, 26 maggio

Dettagli

Telecom Italia. Verso la SEPA. CeTIF 2006. Ernesto Simonetta GRUPPO TELECOM ITALIA

Telecom Italia. Verso la SEPA. CeTIF 2006. Ernesto Simonetta GRUPPO TELECOM ITALIA 2006 Milano, Giovedì 26 Ottobre 2006 Università Cattolica del Sacro Cuore Telecom Italia Verso la SEPA Agenda 1. Gruppo Telecom Italia: accentramento della tesoreria 2. Verso la SEPA 1 Il Gruppo Telecom

Dettagli

Geniale!SGR la soluzione contabile e gestionale per fondi immobiliari

Geniale!SGR la soluzione contabile e gestionale per fondi immobiliari Geniale!SGR la soluzione contabile e gestionale per fondi immobiliari Le caratteristiche del settore I fondi immobiliari, sia a sviluppo sia a reddito, sia riservati sia pubblici, sono caratterizzati da

Dettagli

CONSULENZA COSTO FUNDING

CONSULENZA COSTO FUNDING CONSULENZA COSTO FUNDING (compresa nell abbonamento ad entrambe le membership Tassi Imprese & Professionisti e Plus Tesorerie aziendali ). Il Cliente ha a disposizione il servizio di consulenza denominato

Dettagli

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

K Venture Corporate Finance. Self Control. Il futuro che vuoi. Sotto controllo! K Venture Corporate Finance Self Control K Venture Corporate Finance K Venture Corporate Finance è una società di consulenza direzionale specializzata nel controllo di gestione, nella contabilità industriale,

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

SIGTO - Sistema Informativo Gestione Tour Operator Un software gestionale modulare e integrato. La scelta giusta per fare viaggiare il tuo Business.

SIGTO - Sistema Informativo Gestione Tour Operator Un software gestionale modulare e integrato. La scelta giusta per fare viaggiare il tuo Business. SIGTO - Sistema Informativo Gestione Tour Operator Un software gestionale modulare e integrato. La scelta giusta per fare viaggiare il tuo Business. In un mercato sempre più competitivo e in evoluzione

Dettagli

«Revenue is vanity, profit is sanity, but cash is king»

«Revenue is vanity, profit is sanity, but cash is king» «Revenue is vanity, profit is sanity, but cash is king» La liquidità è una delle basi sulle quali si fonda un azienda, senza di essa non sarebbe possibile compiere nemmeno le operazioni economiche più

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

Finanza aziendale per non specialisti

Finanza aziendale per non specialisti Corso Formazione Obiettivo Finanza aziendale per non specialisti I fondamenti della finanza aziendale sono indispensabili per completare le competenze di ogni manager con responsabilità aziendali. Il corso

Dettagli

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere.

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere. I piccoli imprenditori hanno le stesse esigenze delle grandi aziende. Nel nostro Paese tutti se ne dimenticano, ma non i professionisti della nostra struttura. Chi ha avuto il coraggio di intraprendere

Dettagli

Foglio di lavoro: INPUT 1

Foglio di lavoro: INPUT 1 Foglio di lavoro: INPUT 1 - Scelta dei principi contabili utilizzati per la redazione del bilancio - Indicazione del numero di anni a consuntivo disponibili - Per attivare le versioni di bilancio c.c.

Dettagli

Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Liberare risorse per sviluppare il proprio business FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente

Dettagli

CALENDARIO DELLE LEZIONI IN AULA A seguire il calendario completo delle lezioni in aula di esercitazione con l uso di Excel. LEZ.

CALENDARIO DELLE LEZIONI IN AULA A seguire il calendario completo delle lezioni in aula di esercitazione con l uso di Excel. LEZ. Master experience in FINANZA AZIENDALE Analisi, Pianificazione e Programmazione Finanziaria, Treasury Management e Gestione della crisi finanziaria d'impresa Esercitazioni in aula a ROMA e MILANO Pensato

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

B.E.E. Team: il CDA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012

B.E.E. Team: il CDA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012 B.E.E. Team: il CDA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012 Valore della Produzione pari a Euro 39,69 milioni (Euro 44,52 milioni nel 1H 2011) EBITDA pari a Euro 4,34 milioni (Euro

Dettagli

Premessa la pianificazione

Premessa la pianificazione Premessa la pianificazione Nell attuale contesto competitivo e finanziario non è più sufficiente saper gestire un operazione di sviluppo immobiliare per trarne un adeguato margine imprenditoriale: il Credit

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2012 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha permesso unitamente ai benefici fiscali

Dettagli

LA COPERTURA DEI RISCHI

LA COPERTURA DEI RISCHI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO

Dettagli

Riclassificato.net per

Riclassificato.net per 1 di 11 Riclassificato.net per Programma di riclassificazione dei bilanci Funzionalità previste: Riclassificato di Bilancio.NET Programma per il Controllo di Gestione Acquisizione automatica dei dati contabili

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Canali e Core Banking Finanza Crediti Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Sistemi Direzionali

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali

SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali SIMPOL DUE Architettura e funzionalità generali Indice Obiettivi Architettura Rendiconto economico e Budget Personale Ammortamenti Break Even Point Cruscotto aziendale χ Budget Vendite χ Costi commerciali

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA

LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Percorso di Formazione Manageriale per le PMI 2015 LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE DELL IMPRESA Presentazione del percorso formativo Nell ambito delle attività necessarie alla buona conduzione

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE

IL CONTROLLO DI GESTIONE IL CONTROLLO DI GESTIONE CORSO BASE Milano, 20 e 21 maggio 2014 A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Il controllo di gestione ed Il ruolo del Controller Docente:

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

SINTESYS DRIVE YOUR BUSINESS

SINTESYS DRIVE YOUR BUSINESS SINTESYS DRIVE YOUR BUSINESS EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di

Dettagli

BASE CASH MANAGEMENT

BASE CASH MANAGEMENT BASE CASH MANAGEMENT Gestione, multisocietaria, multidivisa, multilingua, multidivisionale. Gestione dei conti correnti, e/c scalari, riepilogo interessi, calcolo antergati, e generazione automatica dei

Dettagli

I Sistemi di Tesoreria e il dialogo con il Sistema Bancario.

I Sistemi di Tesoreria e il dialogo con il Sistema Bancario. I Sistemi di Tesoreria e il dialogo con il Sistema Bancario. Supply Chain Finance e Payment Factory : il supporto delle Soluzioni Gestionali al Capitale Circolante e alla creazione di Valore Andrea Guillermaz,

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti.

Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. IL VALORE DELL AUTOFINANZIAMENTO. Il binomio Gestione dei Crediti Commerciali e Customer Care: strategia per produrre cassa e fidelizzare il portfolio clienti. L ultimo Bollettino Economico della Banca

Dettagli

Sistema Integrato Contabile

Sistema Integrato Contabile Sistema Integrato Contabile DETTAGLIO FUNZIONALITA PROGETTO S.I.C. Scenario di Riferimento Scenario di riferimento Sistema contabile 17/01/08 Pagina 2 di 26 AMBIENTE ESTERNO Altri strumenti Sezionali ENTE

Dettagli

LA TESORERIA PER PMI: migliorare la gestione dei flussi bancari di una piccola azienda imparando dai tesorieri professionisti

LA TESORERIA PER PMI: migliorare la gestione dei flussi bancari di una piccola azienda imparando dai tesorieri professionisti 06 GIUGNO 2014 La Tesoreria: che cosa e perché pianificare 11 GIUGNO 2014 La Gestione del Passivo: tipi di indebitamento Il cash management: pagamenti, incassi e ciclo previsivo LA TESORERIA PER PMI: migliorare

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

VOLETE SAPERE COME SARÀ IL TREASURY MANAGER DI DOMANI? GUARDATE AL CONTROLLER DI OGGI

VOLETE SAPERE COME SARÀ IL TREASURY MANAGER DI DOMANI? GUARDATE AL CONTROLLER DI OGGI VOLETE SAPERE COME SARÀ IL TREASURY MANAGER DI DOMANI? GUARDATE AL CONTROLLER DI OGGI 24 NELL ULTIMO DECENNIO IL CONTROLLER, COMPLICE L ENFASI SU COSTI E MARGINI, HA SAPUTO TRASFORMARE IL PROPRIO RUOLO

Dettagli