Prefazione. xxiv Prefazione ISBN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione. xxiv Prefazione ISBN 978-88-08-18500-6"

Transcript

1 Prefazione L edizione di NANDA International (NANDA-I), Diagnosi infermieristiche: definizioni e classificazione è costruita sul successo ottenuto dal nuovo aspetto e nuova atmosfera della precedente edizione del Quest ultima edizione include 16 nuove diagnosi e 10 diagnosi riviste, insieme a vari capitoli nuovi o aggiornati. Questi nuovi capitoli, di cui raccomando la lettura, riguardano le best practice per lo sviluppo, la sperimentazione e l utilizzo clinico infermieristiche e sono stati scritti da alcuni degli studiosi più affermati della disciplina infermieristica. Questi contributi eccezionali sono stati inclusi per assicurare a tutti noi infermieri l utilizzo infermieristiche in modo sicuro ed efficace nella pratica clinica infermieristica a livello mondiale. NANDA International è un organizzazione no profit. Ciò significa che, a eccezione del personale amministrativo interno, tutto il nostro lavoro è fatto da volontari. In effetti, alcuni dei migliori studiosi ed esperti infermieri sono o sono stati dei volontari NANDA International. Così, contrariamente a quanto si possa credere, non c è un ufficio da qualche parte negli Stati Uniti con schiere di infermieri ricercatori che lavorano sulle diagnosi infermieristiche. I nostri volontari sono persone come voi e come me, che offrono il loro tempo e le loro competenze ed esperienze a NANDA International, perché credono fortemente nel primato dell assistenza alla persona e nel contributo che l assistenza infermieristica e gli infermieri possono dare. Con la pubblicazione di ogni nuova edizione del nostro lavoro ci sono sempre maggiori traduzioni nel mondo. Sono orgoglioso che questa nuova edizione sia pubblicata in numerose lingue, come si addice a un organizzazione internazionale che si dedica alla sicurezza degli assistiti con un assistenza infermieristica di alta qualità e basata sulle prove di efficacia. Il già stretto ed efficace rapporto con il nostro editore, Wiley- Blackwell, si è particolarmente consolidato in questi ultimi 2 anni. Uno degli obiettivi dichiarati di questa collaborazione è quello di garantire che ogni traduzione sia accurata ed esatta. Insieme al nostro editore, ora abbiamo un solido meccanismo di garanzia di qualità per assicurare l accuratezza di ogni traduzione. Il documento originale per ogni traduzione è sempre nella versione inglese americana. Ciò può apparire dogma- xxiv Prefazione ISBN

2 tico, ma noi siamo profondamente impegnati a garantire l integrità del nostro lavoro in tutto il mondo e vi invitiamo a sostenerci in questa ricerca per migliorare la sicurezza delle persone e la coerenza dell assistenza infermieristica. Siccome siamo un organizzazione no-profit, abbiamo ovviamente bisogno di un reddito modesto al fine di mantenere l organizzazione e questo ci è possibile dalla vendita delle licenze per la pubblicazione e per l utilizzo del nostro lavoro in formato elettronico. Ogni anno, ricevo molte domande da parte di infermieri di ogni livello sull applicabilità culturale del nostro lavoro nei loro paesi o nelle loro legislazioni. Come organizzazione internazionale, crediamo al valore della diversità e alle differenti pratiche cliniche. Tuttavia, come provider di uno dei linguaggi diagnostici standardizzati di maggior successo, ho il dovere di offrire esattamente questo ovvero un linguaggio diagnostico infermieristico standardizzato. Noi non accettiamo la richiesta di modifica di una diagnosi da parte di traduttori o specialisti clinici per una singola edizione e per una lingua particolare, anche se la diagnosi in questione manca di applicabilità in quella particolare cultura. Ciò non solo perché siamo profondamente impegnati a capire i vantaggi che derivano dall uso di un linguaggio standardizzato, ma anche perché non crediamo che si debba sostenere la censura delle informazioni cliniche che voi trovate in questo testo. In qualità di infermiere* ciascuno è responsabile dell uso di una diagnosi che ha scelto di utilizzare nella propria pratica clinica. Chiaramente, potrebbe non essere opportuno utilizzare tutte le diagnosi di questa edizione, così come nessuno di noi può rivendicare una contemporanea competenza in ogni ambito della pratica infermieristica. Gli infermieri clinici sicuri sono professionisti riflessivi, e il modo migliore per essere sicuri nel proprio agire è quello di comprendere a fondo quale sia la propria competenza clinica. È molto probabile che numerose diagnosi in questa edizione non saranno mai usate da voi nella pratica clinica, mentre altre potrete usarle tutti i giorni. Questo si collega al tema dell applicabilità culturale, perché quando studierete questa edizione, potreste trovate una diagnosi che non è applicabile alla vostra pratica clinica o alla vostra cultura o che, semplicemente, non appartiene al repertorio che avete la possibilità di usare. Tuttavia, in base alla mia personale esperienza clinica come infermiere, vi prego di non ignorare completamente quelle diagno- * La nostra aspettativa è che gli studenti infermieri siano supervisionati nello sviluppo delle loro capacità diagnostiche da un infermiere tutor che ne rimane il responsabile. ISBN Prefazione xxv

3 si che all inizio possono sembrare culturalmente imbarazzanti. Viviamo in una società transculturale e altamente mobile, e l esplorazione di quelle diagnosi che potrebbero all inizio sembrare insolite, può cambiare il vostro pensiero e aprire nuove possibilità e nuove comprensioni. Tutto questo fa parte dell essere un infermiere clinico che continua a pensare in un modo critico e riflessivo per tutta la sua vita. Ogni diagnosi che è stata prodotta da uno dei nostri tanti volontari della NANDA International, è sostenuta da prove di efficacia. Ciascuna nuova diagnosi e ogni diagnosi rivista è stata analizzata e discussa in ogni dettaglio dal nostro (Diagnosis Development Commitee, DDC) e poi sottoposta ai soci di NAN- DA International per essere votata. Solo se i nostri soci hanno positivamente votato per l inclusione di ognuna di queste diagnosi nuove o riviste, le diagnosi sono state incluse e ce l hanno fatta a entrare nella nuova edizione. Quando sono entrato per la prima volta in NANDA International, sono stato attratto e colpito da questo livello di democrazia, e mi fa piacere che non abbiamo mai lasciato questi valori fondanti. Tuttavia, se ritenete che una particolare diagnosi sia errata e richieda una revisione, accoglieremo con favore il vostro punto di vista. Si consiglia di contattare il presidente del nostro, attraverso il nostro sito Internet, fornendo il maggior numero di prove di efficacia possibili per sostenere le vostre opinioni. Lavorando in questo modo, piuttosto che modificando una singola traduzione o edizione, possiamo garantire la costante integrità e coerenza della nostro linguaggio tassonomico a vantaggio dalla libertà e del lavoro di ogni singolo studioso. Noi, naturalmente, diamo il benvenuto e accogliamo coloro che ci inviano contributi per nuove diagnosi. Le linee guida per la proposta di nuove diagnosi sono descritte in questa edizione e possono essere reperite sul nostro sito. Uno dei principali sviluppi nei confronti dei soci negli ultimi anni è stato l avvio di gruppi virtuali (Membership Network Groups). Questi gruppi di soci di NANDA International, che si incontrano via internet per portare avanti l attività scientifica e per promuovere le diagnosi infermieristiche, sono un enorme successo. Attualmente abbiamo gruppi in Brasile, Perù, Ecuador, Nigeria-Ghana e un gruppo di lingua tedesca. Vorremmo nuove candidature per formare altri gruppi; a questo scopo sono disponibili ulteriori informazioni all indirizzo del nostro sito web Desidero elogiare il lavoro di tutti i volontari NANDA International, i membri dei comitati, i Presidenti e il Consiglio direttivo per il loro tem- xxvi Prefazione ISBN

4 po, impegno ed entusiasmo, e anche per il loro supporto. Desidero ringraziare anche il nostro staff, guidato dalla nostra ex presidente, la dott.ssa Heather Herdman, che è ora è la nostra direttrice esecutiva. Lo sviluppo della nostra partnership editoriale con Wiley-Blackwell è solo uno dei numerosi progressi che abbiamo messo in atto negli ultimi anni. Questi sviluppi sono posti in essere per fare in modo che la nostra resti un organizzazione attiva, moderna e ben gestita. Un ringraziamento particolare ai membri del e soprattutto ai presidenti, la dott.ssa Geralyn Meyers (fino al 2010) e il Dr. Shigemi Kamitsuru (dal 2010). Questo comitato è il centro nevralgico di NANDA International e io sono sempre profondamente grato e impressionato dalla straordinaria dedizione e dal lavoro di questi volontari. Infine, quando sono entrato per la prima volta in NANDA International, quasi 20 anni fa, non avrei mai immaginato che sarei stato eletto Presidente. Sono il primo Presidente non americano e il primo Presidente maschio! È veramente un onore lavorare come Presidente. Finché gli infermieri s impegneranno a garantire la massima qualità nel loro ruolo nell assistenza ai malati, NANDA International continuerà a svolgere il proprio compito. Infatti, il nostro lavoro è fondamentale per lo sviluppo e il futuro dell assistenza infermieristica. Professor Dickon Weir-Hughes Presidente, NANDA International ISBN Prefazione xxvii

5 Introduzione Questo libro è diviso in quattro parti. Parte 1 contiene l introduzione alla tassonomia NANDA International infermieristiche. La Tassonomia II organizza le diagnosi in domini e classi, e utilizza una struttura multiassiale per lo sviluppo del focus dei concetti diagnostici. Parte 2 comprende i capitoli sull accertamento e sul giudizio clinico, sull utilizzo infermieristica nella formazione, nella documentazione sanitaria elettronica (per l Italia FSE = fascicolo sanitario elettronico), nella ricerca infermieristica, nella Direzione dei Servizi infermieristici/direzione professioni sanitarie e nei criteri di valutazione delle classificazioni assistenziali. Questi capitoli sono stati scritti per gli studenti infermieri e per gli infermieri clinici, formatori, coordinatori e dirigenti. Il sito di NANDA International rende disponibile materiale didattico progettato per supportare studenti e docenti nella comprensione e nell insegnamento infermieristiche. Parte 3 provvede all aggiornamento dei tradizionali contenuti del testo NANDA International, Diagnosi infermieristiche: Definizioni e Classificazione. L aggiornamento a seconda dei casi parte dal titolo delle diagnosi stesse e può riguardare le definizioni, le caratteristiche definenti, i fattori di rischio e i fattori correlati. Le diagnosi sono elencate considerando per primo il dominio, quindi la classe e poi l ordine alfabetico (in lingua inglese) secondo il titolo diagnostico all interno di ogni classe. Si raccomanda di mantenere questa struttura per tutte le traduzioni al fine di facilitare la semplicità di discussione tra gruppi internazionali. Vengono inoltre fornite delle informazioni sulle diagnosi che sono state rimosse dalla Tassonomia nelle ultime 2 revisioni. Parte 4 include le informazioni che riguardano specificamente l associazione NANDA International. In particolare sono inclusi i risultati di una riunione di lavoro internazionale del Consiglio direttivo, insieme a due prese di posizione riguardanti il quadro concettuale di riferimento ai fini dell accertamento e la struttura infermieristiche. È stato rivisto il capitolo che descrive in dettaglio il xxviii Introduzione ISBN

6 processo di revisione o di presentazione di una nuova diagnosi infermieristica da sottoporre al (Diagnosis Development Committee, DDC). Inoltre sono descritti le procedure relative alla revisione NANDA International, i processi per l invio di una diagnosi nuova e i criteri per i livelli di evidenza scientifica (prove di efficacia). A questo scopo è fornito un glossario dei termini. E per finire sono riportati i nominativi dei membri dei comitati della NANDA International, nonché le informazioni specifiche per l adesione a NANDA International e i vantaggi per gli associati. Come usare questo libro Come segnalato in precedenza, la diagnosi infermieristiche sono elencate in ordine a partire dal dominio poi per classe ed infine per titolo diagnostico in stretto indice alfabetico (in lingua inglese). Per esempio, Latte materno carente fa parte del Dominio 2 (Nutrizione), Classe 1 (Ingestione): Dominio 2: Nutrizione Classe 1: Ingestione Latte materno carente (00216) Spero che l organizzazione di NANDA International, Diagnosi infermieristiche: Definizioni e Classificazione si dimostri efficace ed efficiente per tutti coloro che la utilizzeranno. Accolgo con favore i vostri commenti. Se avete suggerimenti, vi preghiamo di inviarli via a: Domande frequenti (FAQ) 1) Quando ho recensito i codici informatici forniti nel libro, mi sono accorto che ci sono dei codici mancanti vuol dire che mancano le diagnosi? No, i codici mancanti rappresentano codici che non sono stati assegnati, o diagnosi che, nel tempo, sono state accantonate o rimosse dalla tassonomia. Si rimanda all introduzione della Parte 1, Tabella I.1, a pagina 4 per vedere i codici che non sono mai stati assegnati o che non appaiono più nella tassonomia. I codici non vengono riutilizzati, ma sono ritirati assieme alle diagnosi corrispon- ISBN Introduzione xxix

7 denti. Allo stesso modo, i codici non assegnati non sono mai riassegnati successivamente, fuori sequenza, ma semplicemente rimangono permanentemente non assegnati. 2) Quando la diagnosi è rivista, come facciamo a sapere cosa è stato cambiato? Ho notato le modifiche di alcune diagnosi, ma non sono elencate come revisioni perché? È stata inclusa una tabella che evidenzia i cambiamenti apportati dal (Diagnosis Development Committee, DDC) che devono essere considerati revisioni rispetto alla precedente edizione (revisione della definizione, delle caratteristiche definenti aggiunte/rimosse, ecc.). Tuttavia il modo migliore per vedere ogni singola modifica è quello di confrontare l edizione corrente con l edizione precedente. Noi non consideriamo una modifica minore della diagnosi come una revisione. Se per esempio, una determinata caratteristica definente è specifica per due titoli diagnostici distinti, questa caratteristica definente può essere divisa in due caratteristiche definenti separate. Tuttavia, poiché non è cambiato il contenuto della caratteristica definente ma solo la presentazione di quel contenuto, questa modifica non è considerata una revisione. Queste revisioni possono essere effettuate per agevolare la codifica delle componenti (caratteristiche definenti, fattori correlati o fattori di rischio) all interno di cartelle cliniche elettroniche, o al fine di standardizzare i termini utilizzati per le componenti. In questi casi, non c è revisione formale e quindi non viene identificata una data di revisione. Un esempio di una modifica redazionale alle caratteristiche definenti è illustrato di seguito: Rischio di squilibrio elettrolitico (00195) edizione edizione Squilibrio idrico (per esempio, Volume di liquidi insufficiente disidratazione, intossicazione da acqua) Volume di liquidi eccessivo 3) Perché non tutte le diagnosi mostrano un livello di evidenza (LOE)? NANDA International ha iniziato a utilizzare i criteri LOE solo dal 2002, quindi le diagnosi che sono state inserite nella tassonomia prima di quella data non mostrano un criterio LOE, perché non indi- xxx Introduzione ISBN

8 viduato quando le diagnosi sono state presentate. Tutte le diagnosi che esistevano nella tassonomia prima del 2002 sono state acquisite nella tassonomia con criteri che non rispecchiano le attuali procedure (per esempio, non sono identificati i fattori correlati, mancano diverse descrizioni diagnostiche nell etichetta, ecc.). Nelle edizioni successive al 2002 si è provveduto alla loro revisione e alla eventuale rimozione. L ultima di queste diagnosi è stata rimossa in questa edizione. 4) Alcune diagnosi hanno una bibliografia, ma non tutte ce l hanno. Perché NANDA-I non stampa tutti i riferimenti bibliografici utilizzati per tutte le diagnosi? NANDA-I ha iniziato recentemente a pubblicare i riferimenti bibliografici. Abbiamo iniziato chiedendo ai presentatori di nuove diagnosi di identificare i loro tre riferimenti più importanti, e questi sono quelli che sono stati pubblicati. Solo nella nostra ultima edizione ( ) abbiamo cominciato a pubblicare l elenco completo dei riferimenti bibliografici e ciò è dovuto all aumento delle richieste che riceviamo da parte di persone interessate alla recensione della letteratura delle diverse diagnosi. Ovviamente, con il passare del tempo, anche i riferimenti bibliografici saranno rivisti. È probabile che ci fermeremo a pubblicare i riferimenti bibliografici dopo due o tre revisioni, ma li manterremo nella sezione del sito riservata ai soci di NANDA International, ai ricercatori e a tutti coloro che vorranno accedere a queste informazioni. ISBN Introduzione xxxi

9 Ringraziamenti A questa edizione sono state apportate modifiche sulla base dei feedback degli utenti, sia per rispondere alle esigenze degli studenti infermieri e degli infermieri clinici, sia per fornire ulteriore sostegno ai formatori dei corsi clinici, gestionali, di ricerca e di informatica. In questa edizione alcuni dei capitoli hanno subito revisioni significative, mentre altri sono completamente nuovi. Molti di questi capitoli sono correlati da presentazioni in PowerPoint, in lingua inglese, disponibili per docenti e studenti, che aumentano le informazioni che si trovano all interno dei capitoli; le risorse sono disponibili sul sito: nursingdiagnoses. Va da sé che il lavoro di miglioramento di questo testo è frutto dell impegno di molte persone che hanno collaborato con NANDA International dedicando il proprio tempo e il proprio lavoro. Questo testo è il culmine del lavoro volontario e instancabile di un gruppo molto coinvolto formato da persone di grande talento. Vorrei cogliere l occasione per dare l opportuno riconoscimento e ringraziare personalmente le seguenti persone per il loro contributo a questo testo. Autori dei capitoli Collaboratori alla tassonomia infermieristiche NANDA-I (nuovo) Betty Ackley, MSN, RN Tassonomia II di NANDA-I T. Heather Herdman, PhD, RN e Gunn Von Krogh, MNSc, RN (revisione) Accertamento infermieristico, giudizio clinico e diagnosi infermieristiche: come formulare diagnosi accurate (revisione) Margaret Lunney, PhD, RN La diagnosi infermieristica nella formazione (nuovo) Barbara Krainovich-Miller EdD, RN, PMHCNS-BC, ANEF, FAAN; Fritz Frauenfelder, MNS, EdN, RN; Maria Müller-Staub, PhD, RN Il valore infermieristiche nella documentazione sanitaria elettronica (nuovo) Jane M. Brokel, PhD, RN, Kay C. Avant, PhD, RN, FAAN e Matthais Odenbreit, MNS, RN Diagnosi infermieristiche e ricerca (nuovo) Margaret Lunney, PhD, RN e Maria Müller Staub, PhD, RN Giudizio clinico e diagnosi infermieristiche nella direzione dei servizi infermieristici (nuovo) T. Heather Herdman, PhD, RN e Marcelo Chanes, PhD(c), RN xxxii Ringraziamenti ISBN

10 Classificazioni infermieristiche: criteri e valutazione (nuovo) Matthias Odenbreit, MNS, RN, Maria Müller-Staub, PhD, RN, Jane M. Brokel, PhD, RN, Kay C. Avant, PhD, RN, FAAN e Gail Keenan, PhD, RN Il processo per lo sviluppo di una diagnosi infermieristica NANDA International (revisione) Leann Scroggins, MS, CRRN-A, APRN- BC, RN Revisori dei capitoli Processo di revisione NANDA-I DDC Shigemi Kamitsuru, PhD, RN Il processo per lo sviluppo di una diagnosi infermieristica NANDA International Gurin Von Krogh, MNSc, RN Ciò detto, gli eventuali errori che si possono trovare nel libro sono miei ed esclusivamente miei. Se avete domande su qualsiasi contenuto o se trovate errori, vi prego di contattare me, all indirizzo in modo che io li possa correggere per le future pubblicazioni e traduzioni. T. Heather Herdman, PhD, RN Editor Executive Director NANDA International Nuove diagnosi infermieristiche, Ai soci di NANDA International che si sono occupati di questo ciclo di revisione è stato sottoposto un lavoro corposo e significativo comprendente diagnosi infermieristiche nuove e riviste. NANDA International desidera cogliere l occasione per congratularsi con coloro che sono riusciti a soddisfare con le loro proposte e/o revisioni i livelli di evidenza scientifica richiesta. Le diagnosi sono elencate qui di seguito in ordine alfabetico (secondo la lingua inglese), in base al focus diagnostico. Diagnosi approvate (nuove) Rischio di autostima cronicamente scarsa (00224) Controllo degli impulsi inefficace (00222) Rischio di disturbo dell identità personale (00225) Proponenti Akira Nagata, MSN, RN Continua ISBN Ringraziamenti xxxiii

11 Diagnosi approvate (nuove) Rischio di ittero neonatale (00230) Latte materno carente (00216) Rischio di lesione termica (00220) Rischio di perfusione tissutale periferica inefficace (00228) Rischio di pianificazione delle attività inefficace (00226) Rischio di inefficace processo della gravidanza e della maternità (00227) Inefficace processo della gravidanza e della maternità (00221) Rischio di reazione allergica (00217) Rischio di reazione avversa ai mezzi di contrasto iodati (00218) Relazione inefficace (00223) Proponenti, basato sul lavoro del di: David Wilson, MS, RNC Iane Nogueira Vale, PhD, RN Geralyn Meyer, PhD, RN Rita de Cassia Gengo e Silva, PhD, RN; Dina de Almeida Lopes Monteiro da Cruz, PhD, RN; Fernanda Marciano Consolim-Colombo, PhD, RN, basato sul lavoro del di: Yasuko Aoki, RMW, RN; Mitsuko Katayama, PhD, RMW, RN; Atsuko Kikuchi, RMW, RN; Minayo Kumazawa, MEd, RMW, RN; Atsuko Koyama, RMW, RN; Masuko Saito, DrMS, RMW, RN; Toyo Yamazaki, RMW, RN; Mayumi Hamasaki, MPH, RMW, RN; Shigemi Kamitsuru, PhD, RN, basato sul lavoro del di: Yasuko Aoki, RMW, RN; Mitsuko Katayama, PhD, RMW, RN; Atsuko Kikuchi, RMW, RN; Minayo Kumazawa, MEd, RMW, RN; Atsuko Koyama, RMW, RN; Masuko Saito, DrMS, RMW, RN; Toyo Yamazaki, RMW, RN; Mayumi Hamasaki, MPH, RMW, RN; Shigemi Kamitsuru, PhD, RN Judy Carlson, EdD, RN, BCIA Beatriz Cavalcanti Juchem, MSc, RN, basato sul lavoro del di: Yasuko Aoki, RMW, RN; Mitsuko Katayama, PhD, RMW, RN; Atsuko Kikuchi, RMW, RN; Minayo Kumazawa, MEd, RMW, RN; Atsuko Koyama, RMW, RN; Masuko Saito, xxxiv Ringraziamenti ISBN

12 Diagnosi approvate (nuove) Rischio di Relazione inefficace (00229) Salute insufficiente della comunità (00215) Rischio di secchezza oculare (00219) Proponenti DrMS, RMW, RN; Toyo Yamazaki, RMW, RN; Mayumi Hamasaki, MPH, RMW, RN; Shigemi Kamitsuru, PhD, RN, basato sul lavoro del di: Yasuko Aoki, RMW, RN; Mitsuko Katayama, PhD, RMW, RN; Atsuko Kikuchi, RMW, RN; Minayo Kumazawa, MEd, RMW, RN; Atsuko Koyama, RMW, RN; Masuko Saito, DrMS, RMW, RN; Toyo Yamazaki, RMW, RN; Mayumi Hamasaki, MPH, RMW, RN; Shigemi Kamitsuru, PhD, RN Judy Carlson, EdD, RN, BCIA Elem Kocaçal Gu ler, MSc, RN; Ismet Eşer, PhD, RN Diagnosi infermieristiche revisionate, Diagnosi approvate (revisionate) Disponibilità a migliorare l allattamento al seno (00106) (prima era Allattamento al seno efficace) Disponibilità a migliorare l autogestione (00162) Benessere compromesso (00214) Revisione Variazione del titolo diagnostico e della definizione per riflettere il cambiamento del focus da benessere a promozione Aggiunta di due caratterisiche definenti Definizione revisionata, caratteristiche definenti revisionate: ciò è dovuto a un errore nella precedente edizione, che non ha recepito quanto valutato al momento dell accettazione Proponenti Continua ISBN Ringraziamenti xxxv

13 Diagnosi approvate (revisionate) Revisione Proponenti Rischio di infezione (00004) Integrità cutanea compromessa (00046) Ittero neonatale (00194) Inefficace modello di respirazione (00032) Nausea (00134) Perfusione tissutale periferica inefficace (00204) Senso di impotenza (00125) Rischio di senso di impotenza (00152) Revisione dei fattori di rischio Variazione della definizione per chiarirne il significato Rimozione di una caratteristica definente, aggiunta di una caratteristica definente Rimozione di due fattori correlati; aggiunta di un fattore correlato Revisionata la definizione, che ora comprende i riferimenti alla revisione attuale e a quella del 2002 Aggiunta di cinque caratterisiche definenti Revisionata la definizione, aggiunta di cinque caratterisiche definenti Rimozione di un fattore di rischio, aggiunta di otto fattori di rischio Mark R. Hunter, CRNI, VA-BC, RN Agueda Maria Ruiz Zimmer Cavalcante, MS, RN Gilmaikon Roela Pereira, RN, MSc e Lilian Guardian, RN Rita de Cassia Gengo e Silva, PhD, RN; Dina de Almeida Lopes Monteiro da Cruz, PhD, RN; Fernanda Marciano Consolim-Colombo, PhD, MD Tracy LaRock, D.O.M., RN Tracy LaRock, D.O.M., RN Diagnosi infermieristiche escluse dalla tassonomia NANDA-I Percezione sensoriale disturbata (00122) Questa diagnosi si trova nella quarta parte del libro e il comitato di NANDA-I che si occupa dello sviluppo esorta gli iscrit- xxxvi Ringraziamenti ISBN

14 ti e gli utilizzatori infermieristiche a lavorare su questa diagnosi e a formulare proposte per la sua reintroduzione nella tassonomia. Modifiche all inserimento attuali all interno della Tassonomia II di NANDA International, Una revisione della struttura tassonomica corrente e dell inserimento all interno di tale struttura ha portato ad alcuni cambiamenti nel modo in cui alcune diagnosi sono oggi classificate nella tassonomia NANDA-I. 20 diagnosi sono state riallocate all interno della tassonomia NANDA International: esse sono riportate nella tabella seguente, con l indicazione delle loro collocazioni precedenti e attuali nella Tassonomia. Codice Collocazione precedente Diagnosi infermieristica Dominio Classe Allattamento al seno inefficace Allattamento al seno interrotto Disponibilità a migliorare l allattamento al seno Attività diversive insufficienti Autonegligenza Comportamento relativo alla salute che può causare rischi Compromessa gestione della casa Guarigione chirurgica ritardata 7. Ruoli/ 7. Ruoli/ 7. Ruoli/ 4. Attività/ Riposo 1. Promozione 9. Coping/ Tolleranza allo stress 1. Promozione 4. Attività/ Riposo 3. Prestazioni di ruolo 3. Prestazioni di ruolo 3. Prestazioni di ruolo 2. Attività/ Esercizio 2. Lesioni fisiche 2. Risposta di coping 2. Gestione 2. Attività/ Esercizio Collocazione attuale Dominio Classe 7. Ruoli/ 7. Ruoli/ 7. Ruoli/ 1. Promozione 1. Promozione 1. Promozione 4. Attività/ Riposo 11. Sicurezza/ Protezione 1. Ruoli di caregiver 1. Ruoli di caregiver 1. Ruoli di caregiver 1. Consapevolezza della salute 2. Gestione 2. Gestione 5. Cura di sé 2. Lesioni fisiche Continua ISBN Ringraziamenti xxxvii

15 Codice Collocazione precedente Diagnosi infermieristica Dominio Classe Incapacità di sviluppo della persona adulta Disponibilità a migliorare la nutrizione Pianificazione delle attività inefficace Disponibilità a sviluppare il proprio potenziale Disponibilità a migliorare la presa di decisioni Protezione inefficace Rischio di sanguinamento Senso di impotenza Rischio di senso di impotenza Rischio di shock Stile di vita sedentario Wandering 13. Crescita/ Sviluppo 1. Promozione 5. Percezione/ Cognizione 6. Percezione di sé 5. Percezione/ Cognizione 11. Sicurezza/ Protezione 4. Attività/ riposo 6. Percezione di sé 6. Percezione di sé 4. Attività/ Riposo 4. Attività/ Riposo 5. Percezione/ Cognizione 1. Crescita 2. Gestione 4. Cognizione 1. Concetto di sé 4. Cognizione 2. Lesioni fisiche 4. Cardiovascolare/Polmonare 1. Concetto di sé 1. Concetto di sé 4. Risposte cardiovascolari/ Polmonari 2. Attività/ Esercizio 2. Orientamento Collocazione attuale Dominio Classe 9. Coping/ Tolleranza allo stress 2. Nutrizione 9. Coping/ Tolleranza allo stress 9. Coping/ Tolleranza allo stress 10. Principi di vita 1. Promozione 11. Sicurezza/ Protezione 9. Coping/ Tolleranza allo stress 9. Coping/ Tolleranza allo stress 11. Sicurezza/ Protezione 1. Promozione 4. Attività/ Riposo 2. Risposte di coping 1. Ingestione 2. Risposte di coping 2. Risposte di coping 3. Congruenza tra valori/ credenze/ azioni 2. Gestione 2. Lesioni fisiche 2. Risposte di coping 2. Risposte di coping 2. Lesioni fisiche 1. Consapevolezza della salute 3. Bilancio energetico Modifiche all inserimento attuali all interno della tassonomia NANDA-I/NOC/NIC Una revisione della struttura tassonomica corrente e il ricollocamento all interno di tale struttura hanno portato a cambiamenti nel modo in cui alcune diagnosi sono oggi classificate nella tassonomia NANDA-I/NOC/NIC (NNN). Sette diagnosi sono state rial- xxxviii Ringraziamenti ISBN

16 locate all interno della tassonomia NNN: esse sono riportate nella tabella seguente, con l indicazione delle loro collocazioni precedenti e attuali nella tassonomia. Codice Collocazione precedente Diagnosi infermieristica Dominio Classe Allattamento al seno inefficace Allattamento al seno interrotto Disponibilità a migliorare l allattamen to al seno I Funzionale I Funzionale I Funzionale 4. Nutrizione 4. Nutrizione 4. Nutrizione Comportamento III Psicosociale 3. Coping relativo alla salute che può causare rischi Incapacità di sviluppo della persona adulta Rischio di disturbo della diade madre/feto Wandering I Funzionale II Fisiologico II Fisiologico 3. Crescita e sviluppo Collocazione attuale Dominio Classe III Psicosociale III Psicosociale III Psicosociale III Psicosociale III Psicosociale 7. Riproduzione III Psicosociale 4. Neurocognitiva I Funzionale 6. Ruoli/ 6. Ruoli/ 6. Ruoli/ 1. Comportamento 3. Coping 6. Ruoli/ 1. Attività/ Esercizio Revisione contenute nella tassonomia NANDA-I Infine, sulla base delle richieste ricevute dopo la pubblicazione della precedente edizione, di seguito presentiamo la spiegazione delle modifiche apportate all edizione Una diagnosi era stata eliminata dalla tassonomia ed era stata omessa nell elenco ritirate di pagina xxviii e dal capitolo che elenca le diagnosi escluse (pp ). Questa diagnosi, Comportamenti volti a migliorare la salute (00084), è inserita in questa edizione insieme alla diagnosi ritirata nel corso di questo ciclo (si veda la Parte 3: Diagnosi infermieristiche escluse dalla tassonomia NANDA-I ). ISBN Ringraziamenti xxxix

17 Diagnosi approvate (revisionate) Rischio di attaccamento compromesso (00058) Autostima cronicamente scarsa (00119) Comportamento relativo alla salute che può causare rischi (00188) Coping difensivo (00071) Deficit nella cura di sé: bagno (00108) Deficit nella cura di sé: vestirsi (00109) Disturbo dell identità personale (00121) Rischio di funzionalità epatica compromessa (00178) Perfusione tissutale inefficace (specificare il tipo: renale, cerebrale, cardiopolmonare, Revisione Il titolo diagnostico è stato cambiato da rischio di compromissione dell attaccamento genitore/bambino a rischio di attaccamento compromesso perché la definizione chiarisce il senso della diagnosi Aggiunti i fattori correlati (la diagnosi era stata candidata per la rimozione dalla tassonomia a causa della mancanza dei fattori correlati) Modificata leggermente la definizione; aggiunte due caratteristiche definenti Aggiunta una caratteristica definente; aggiunti i fattori correlati (la diagnosi era stata candidata per la rimozione dalla tassonomia a causa della mancanza dei fattori correlati) Prima la diagnosi aveva titolo diagnostico Deficit nella cura di sé (bagno/igiene personale), che racchiudeva due focus diagnostici in un solo titolo. La revisione delle caratteristiche definenti ha mostrato il focus su bagno ; quindi il titolo è stato cambiato per riflettere il contenuto della diagnosi Prima la diagnosi aveva titolo diagnostico Deficit nella cura di sé (vestirsi-curare il proprio aspetto), che racchiudeva due focus diagnostici in un solo titolo. La revisione delle caratteristiche definenti ha mostrato il focus su vestirsi ; quindi il titolo è stato cambiato per riflettere il contenuto della diagnosi Modificata leggermente la definizione; aggiunte caratteristiche definenti e fattori correlati (la diagnosi era stata candidata per la rimozione dalla tassonomia a causa della mancanza dei fattori correlati) La diagnosi è stata aggiornata in base alla revisione della letteratura; aggiunti i riferimenti bibliografici La diagnosi è stata rivista per separare i focus diagnostici in cinque diagnosi distinte: Rischio di perfusione gastrointestinale inefficace Proponenti Céline Larouche Céline Larouche Heidi Bjorge, MNSc, RN; Céline Larouche; Francine Fiset, MA, RN Jennifer Hafner, BSN, RN xl Ringraziamenti ISBN

18 Diagnosi approvate (revisionate) gastrointestinale, periferica) (00024) Processi familiari disfunzionali (00063) Inefficace autogestione (00078) Rischio di volume di liquidi squilibrato (00025) Revisione (00202), Rischio di perfusione tissutale cardiaca ridotta (00200), Rischio di perfusione tissutale cerebrale inefficace (00201), Perfusione tissutale periferica inefficace (00204), Rischio di perfusione renale inefficace (00203) Il titolo diagnostico era cambiato da Processi familiari disfunzionali: alcolismo a quello corrente perché la definizione e le caratteristiche definenti risultavano più ampie rispetto al solo focus sull alcolismo Il titolo è stato cambiato da Ineffice gestione del regime terapeutico a Inefficace autogestione ; aggiunti i riferimenti bibliografici Rimosso un fattore di rischio, aggiunti otto fattori di rischio Proponenti Margaret Lunney, PhD, RN Louise Ritchie, MSc, RN; Geralyn Meyer, PhD, RN ISBN Ringraziamenti xli

Chi ha conosciuto qualcuna delle precedenti edizioni di Diagnosi infermieristiche:

Chi ha conosciuto qualcuna delle precedenti edizioni di Diagnosi infermieristiche: Presentazione dell edizione italiana Chi ha conosciuto qualcuna delle precedenti edizioni di Diagnosi infermieristiche: definizioni e classificazione, un libro che viene regolarmente aggiornato ogni due

Dettagli

PARTE 1 LA TASSONOMIA NANDA INTERNATIONAL 1 Introduzione 2 T. Heather Herdman

PARTE 1 LA TASSONOMIA NANDA INTERNATIONAL 1 Introduzione 2 T. Heather Herdman Indice Linee guida per il permesso di copyright Termini e condizioni per la traduzione Prefazione Introduzione Come usare questo libro Domande frequenti (FAQ) Ringraziamenti Autori dei capitoli Revisori

Dettagli

Indice. Linee guida NANDA International per il permesso di copyright Presentazione dell edizione italiana Nota terminologica.

Indice. Linee guida NANDA International per il permesso di copyright Presentazione dell edizione italiana Nota terminologica. Indice Linee guida NANDA International per il permesso di copyright Presentazione dell edizione italiana Nota terminologica Prefazione Introduzione xv xvii xx xxii xxix Parte 1 Introduzione alle diagnosi

Dettagli

SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON

SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON Diagnosi NANDA-I 2009-2011 o autonegligenza o Disponibilità a migliorare l autogestione della salute o Inefficace

Dettagli

Prefazione alla seconda edizione

Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla seconda edizione Noi siamo presenti per sempre in ciò che abbiamo Creduto con forza, Desiderato intensamente Amato con grande energia Realizzato con infinito coraggio. L.A. Rigon La seconda

Dettagli

Indice. Sezione 1 Il centro di interesse dell assistenza infermieristica 1. Sezione 2 Manuale delle diagnosi infermieristiche 59

Indice. Sezione 1 Il centro di interesse dell assistenza infermieristica 1. Sezione 2 Manuale delle diagnosi infermieristiche 59 Indice Sezione 1 Il centro di interesse dell assistenza infermieristica 1 Capitolo 1 Le diagnosi infermieristiche: temi e dibattito 2 Capitolo 2 Lo sviluppo delle diagnosi infermieristiche 8 Capitolo 3

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO. Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4

OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO. Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4 OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4 Contesto Tutor clinico Contatti e riferimenti Nome ANNALISA Cognome LOMBARDO Telefono O11/4395744 e-mail annalisa.lombardo@unito.it

Dettagli

L INFERMIERISTICA OGGI UN MODELLO TEORICO COME RIFERMENTO!!

L INFERMIERISTICA OGGI UN MODELLO TEORICO COME RIFERMENTO!! UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA AA 2009/2010 SEDE DI FIRENZE Corso Integrato A4 INFERMIERISTICA GENERALE E TEPRIA DEL NURSING DISCIPLINA

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING. Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING. Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PROCESSO DI NURSING Prof. Loreto Lancia A.A. 2012/2013 DM 739/94 Rabilitazione Palliazione CRONICITA ACUZIE Famiglia Residenze Country Hospital Hospice CASE MANAGEMENT

Dettagli

Prefazione. 2. la classificazione dei risultati infermieristici NOC (Nursing Outcomes Classification),

Prefazione. 2. la classificazione dei risultati infermieristici NOC (Nursing Outcomes Classification), Prefazione Questa edizione del libro si compone di quattro parti. La Parte I comprende tre capitoli che descrivono i linguaggi NNN e il loro uso. La Parte II fornisce i collegamenti tra le diagnosi NANDA-I,

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana Presentazione dell edizione italiana Il cambiamento nasce dalla consapevolezza. La ghianda sta nel buio della terra e sogna, lotta, vuole, desidera con tutta la sua energia esistenziale diventare una quercia.

Dettagli

INFERMIERISTICA CLINICA IN CHIRURGIA

INFERMIERISTICA CLINICA IN CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento discipline medico-chirurgiche, Scienze radiologiche e Sanità Pubblica CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA INFERMIERISTICA CLINICA IN CHIRURGIA 1. Riferimenti

Dettagli

Effetti di informazione ed educazione nella riduzione dell ansia: aspetti metodologici. gmoretto@units.it

Effetti di informazione ed educazione nella riduzione dell ansia: aspetti metodologici. gmoretto@units.it Effetti di informazione ed educazione nella riduzione dell ansia: aspetti metodologici Gorizia, 24/10/2011 Gloria Moretto gmoretto@units.it Il raggiungimento e il riconoscimento dello statuto scientifico

Dettagli

Indice SEZIONE I. La diagnosi infermieristica nel processo di assistenza 1

Indice SEZIONE I. La diagnosi infermieristica nel processo di assistenza 1 Indice SEZIONE I La diagnosi infermieristica nel processo di assistenza 1 Di cosa si occupa l infermieristica 2 1 Le diagnosi infermieristiche: temi e dibattito 3 Perché non continuare a usare i termini

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

FARE O ESSERE VOLONTARI?

FARE O ESSERE VOLONTARI? Corso di formazione FARE O ESSERE VOLONTARI? Il volontariato come manifestazione dell essere e dell operare a favore dell altro Caritas Ambrosiana Salone Mons. Bicchierai via San Bernardino 4 20122 Milano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri del Consiglio internazionale degli infermieri Il codice internazionale di deontologia per la professione infermieristica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENZO GASPARINI" NOVI DI MODENA

ISTITUTO COMPRENSIVO RENZO GASPARINI NOVI DI MODENA ISTITUTO COMPRENSIVO RENZO GASPARINI" NOVI DI MODENA E UNIONE DELLE TERRE D ARGINE I FATTORI DI PROTEZIONE SAPER VALORIZZARE E CREDERE NEI PROPRI FIGLI AUMENTARE LA FIDUCIA NEI FIGLI FAVORIRE LO DI RESILIENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE:

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE: NANDA International DIAGNOSI INFERMIERISTICHE: DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONE 2012-2014 Allegati all edizione italiana Copyright 2012 C.E.A. Casa Editrice Ambrosiana Testi a cura di Luisa Anna Rigon Prima

Dettagli

Analisi qualitativa e valutazione dell efficacia di un attività didattica con il paziente narratore per il potenziamento dell empatia: uno studio

Analisi qualitativa e valutazione dell efficacia di un attività didattica con il paziente narratore per il potenziamento dell empatia: uno studio Analisi qualitativa e valutazione dell efficacia di un attività didattica con il paziente narratore per il potenziamento dell empatia: uno studio quasi sperimentale con gli studenti infermieri Paola Montanari

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale!

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! Timeoutintensiva, N 18, Nurse Science, Ottobre 2011 Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! S. Giammona, S. Egman, M. Ziino Colanino, G. Cappello, R. Lombardo, F.

Dettagli

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione ICF-CY Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione Dott.ssa Marianna Piccioli Supervisore Scienze della Formazione Primaria Università degli Studi di Firenze Che cosa è l ICF? Si tratta della classificazione

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Promuovere Volontassociate attraverso internet

Promuovere Volontassociate attraverso internet Promuovere Volontassociate attraverso internet In occasione della sua edizione, Volontassociate ha pensato a nuove modalità di comunicazione per una promozione ecologica e sostenibile delle feste. Questo

Dettagli

PORTFOLIO DEGLI APPRENDIMENTI

PORTFOLIO DEGLI APPRENDIMENTI PORTFOLIO DEGLI APPRENDIMENTI - 1 - INTRODUZIONE Il «Portfolio degli apprendimenti» è uno degli strumenti di valutazione che saranno adoperati durante la formazione CINCO. È stato ideato per essere sostanzialmente

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Come vedono i daltonici

Come vedono i daltonici Come vedono i daltonici Visione e modi di pensare dei discromatopsici Senato della Repubblica Roma, 24 settembre 2013 Presentazioni Stefano De Pietro, deuteranope. Ci sono ottici, oftalmologi, oculisti,

Dettagli

MASTER DI 1 LIVELLO IN MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO. 3 modulo e 4 modulo. elaborate da Claudio De Pieri 1

MASTER DI 1 LIVELLO IN MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO. 3 modulo e 4 modulo. elaborate da Claudio De Pieri 1 MASTER DI 1 LIVELLO IN MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO 3 modulo e 4 modulo elaborate da Claudio De Pieri 1 Classificazione NANDA A partire dal 1975 negli U.S.A. è iniziato un

Dettagli

Indagine sui bisogni di informazione e formazione per la GI del diabete.

Indagine sui bisogni di informazione e formazione per la GI del diabete. Indagine sui bisogni di informazione e formazione per la GI del diabete. Angela Giusti e Marina Maggini Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO Descrizione Questa area introduce e contestualizza il percorso di costruzione del portfolio delle competenze. Attivata nel primo o secondo anno di formazione professionale,

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

Benvenuti. Da chi è condotto questo programma DAL PRINCIPIO. Strade in Transizione" 1.1 Introduzione

Benvenuti. Da chi è condotto questo programma DAL PRINCIPIO. Strade in Transizione 1.1 Introduzione 1. Introduzione 1 Strade in Transizione 1.1 Introduzione DAL PRINCIPIO Benvenuti State per imbarcarvi nel vostro viaggio verso uno stile di vita a basso consumo energetico. Questo vi aiuterà a risparmiare,

Dettagli

Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015

Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015 Prepararsi al Cambiamento Passaggio alla ISO 9001:2015 Come è ormai noto a quanti operano nel campo della qualità, è stata pubblicata la nuova revisione della ISO 9001. Le Norme ISO toccano numerosi ambiti

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

Casa di Riposo Maria Gaggia Lante Belluno. Guida all'uso della cartella infermieristica

Casa di Riposo Maria Gaggia Lante Belluno. Guida all'uso della cartella infermieristica Casa di Riposo Maria Gaggia Lante Belluno Guida all'uso della cartella infermieristica INDICE 1) La cartella infermieristica: motivazioni e percorso di sperimentazione 2) Teoria e metodo 3) Da cosa è composta

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici I nostri focus sono la persona, l occupazione, l ambiente, la partecipazione alle attività della nostra vita quotidiana: essi rappresentano gli ambiti nel

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli

Linee guida per i servizi bibliotecari per ragazzi

Linee guida per i servizi bibliotecari per ragazzi Libraries for Children and Young Adults Section Linee guida per i servizi bibliotecari per ragazzi *i servizi bibliotecari per ragazzi *oggi più importanti che mai per i bambini, i ragazzi e le loro famiglie

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Luigi Guerra, Università di Bologna Alessandro Colombi, Università di Bologna. (versione italiana)

Luigi Guerra, Università di Bologna Alessandro Colombi, Università di Bologna. (versione italiana) 1 A U T O R I Debbie Candau, Institute of Computer Technology Jennifer Doherty, Institute of Computer Technology Judy Yost, Institute of Computer Technology Paige Kuni, Intel Corporation C U R A T O R

Dettagli

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema ITALIA E SVIZZERA VERSO L EXPO 2015 IMPARARE SVILUPPARE DIFFONDERE Guida pratica per lo sviluppo di un concept di un APP: i passi fondamentali 1 Leggere attentamente la parte teorica Sapete cos è un APP,

Dettagli

Siamo piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo

Siamo piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo Siamo piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo RACCONTO PER LE SCUOLE 28 febbraio 2013 Malattie Rare senza Frontiere Dedicato a Luigi Pio Memeo Siamo Piccoli ma cresceremo... e ci sposeremo a cura dell

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

GUIDA PER L INSEGNANTE

GUIDA PER L INSEGNANTE LEGGO IO CONCORSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Progetto didattico: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis - Milano Illustrazioni: Archivio Piemme 2015 - Edizioni Piemme S.p.A., Milano

Dettagli

Il professionista allergologo: il management dell attività libero-professionale. 23-25 maggio 2013 Casali Santa Brigida via Braccianese km 11.

Il professionista allergologo: il management dell attività libero-professionale. 23-25 maggio 2013 Casali Santa Brigida via Braccianese km 11. Il professionista allergologo: il management dell attività libero-professionale 23-25 maggio 2013 Casali Santa Brigida via Braccianese km 11.100 Roma Il professionista allergologo: il management dell attività

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Il progetto TESEO ha lo scopo di sperimentare una modalità formativa per Medici di Medicina Generale (MMG) nell ambito della Terapia del Dolore e

Il progetto TESEO ha lo scopo di sperimentare una modalità formativa per Medici di Medicina Generale (MMG) nell ambito della Terapia del Dolore e Il progetto TESEO ha lo scopo di sperimentare una modalità formativa per Medici di Medicina Generale (MMG) nell ambito della Terapia del Dolore e delle Cure Palliative. Tale metodologia utilizza il supporto

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

L UNIVERSITA COME POSSIBILE SBOCCO, FUSARO- I.T.C.G. PAOLINI CLASSE 4AR

L UNIVERSITA COME POSSIBILE SBOCCO, FUSARO- I.T.C.G. PAOLINI CLASSE 4AR L UNIVERSITA COME POSSIBILE SBOCCO, FUSARO- I.T.C.G. PAOLINI CLASSE 4AR INTRODUZIONE La mia intenzione, riguardante gli studi universitari, è diretta verso la facoltà di psicologia, nella sede di Bologna.

Dettagli

Franco Daprà Coordinatore t.a. Distretto Sanitario S.Quirino/Gries Bolzano Mario Martignone Dirigente tecnico assistenziale Comprensorio di Bolzano

Franco Daprà Coordinatore t.a. Distretto Sanitario S.Quirino/Gries Bolzano Mario Martignone Dirigente tecnico assistenziale Comprensorio di Bolzano LA PESATURA DELLA COMPLESSITA ASSISTENZIALE INFERMIERISTICA A DOMICILIO: L ESPERIENZA NEL DISTRETTO SANITARIO S.QUIRINO/GRIES DI BOLZANO Franco Daprà Coordinatore t.a. Distretto Sanitario S.Quirino/Gries

Dettagli

Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di

Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di Helsinki - uno dei documenti cardine sui principi etici

Dettagli

1. Nome del corso. A TUTTO BENESSERE Il tuo benessere a 360 Mente Corpo Spirito. 2. Descrizione

1. Nome del corso. A TUTTO BENESSERE Il tuo benessere a 360 Mente Corpo Spirito. 2. Descrizione 1. Nome del corso A TUTTO BENESSERE Il tuo benessere a 360 Mente Corpo Spirito 2. Descrizione Cosa significa benessere a 360 gradi? Secondo la filosofia olistica, è necessario nutrire ed educare l'intero

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Studio dei casi Scuole medie superiori

Studio dei casi Scuole medie superiori Valutazione dei progetti: Valutazione formativa Studio dei casi Scuole medie superiori Allegorie in una classe di quinto superiore Gli studenti del quinto superiore nella classe della professoressa Marta

Dettagli

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi

I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi. Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Sara Lombardi I bambini adottati nei contesti sociali ed educativi Provincia Piacenza Piacenza, 9 settembre 2013 Capire per intervenire La spiegazione che ciascuno di noi si dà del comportamento altrui definisce gli

Dettagli

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.?

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.? Emozioni Consapevolezza sui propri problemi di studio Obiettivi.? Quali emozioni si provano nello studio? Come rilevato anche nel nostro gruppo di ricerca, le emozioni provate mentre si studia sono molteplici

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

Le diagnosi infermieristiche. Metodo NANDA. I.I.D. D.ssa Michela Casella

Le diagnosi infermieristiche. Metodo NANDA. I.I.D. D.ssa Michela Casella Le diagnosi infermieristiche Metodo NANDA I.I.D. D.ssa Michela Casella ARGOMENTI A. PARTE GENERALE B. PARTE SPECIFICA 1. La metodologia NANDA 2. Le diagnosi infermieristiche di ambito educativo 3. Gli

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE LE DIAGNOSI INDICAZIONI ALL UTILIZZO NELLA PRATICA ASSISTENZIALE DI ROSITA MORCELLINI E FLAVIA FORTUNATI La crescente informatizzazione dei dati delle persone assistite richiede una standardizzazione del

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

Prof. Tarcisio Niglio LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Troverete copia di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

INDICE GENERALE PARTE PRIMA IPNOLOGIA GENERALE

INDICE GENERALE PARTE PRIMA IPNOLOGIA GENERALE .qxd 12/07/2010 17.38 Pagina XXIX INDICE GENERALE PARTE PRIMA IPNOLOGIA GENERALE Capitolo I ASPETTI DELLA MENTE, DINAMICHE MENTALI E GENERALITÀ SULL IPNOSI....3 1. Introduzione.........................................................

Dettagli

I "Rischi" in ISO 9001:2015

I Rischi in ISO 9001:2015 I "Rischi" in ISO 9001:2015 1. Obiettivo di questo documento: - spiegare come il rischio è individuato nella ISO 9001 - spiegare quello che si è voluto dire attraverso il termine 'opportunità' in ISO 9001

Dettagli

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I GENNAIO 2005 eprocurement pubblico Clausola di esclusione della responsabilità Commissione europea Original document

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Questionario Service Standard CoC CTCY. Familiari

Questionario Service Standard CoC CTCY. Familiari Questionario Service Standard CoC CTCY Familiari QUESTIONARIO SUGLI STANDARD DELLE COMUNITA PER MINORI RIVOLTO AI FAMILIARI DEGLI UTENTI OSPITI Simone Bruschetta Catania, 2012 Versione ridotta per i familiari

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO PERCEPIRE IL PROBLEMA, AVENDO BEN CHIARA LA DIFFERENZA

Dettagli

(MALATI DI ALZHEIMER, MALATI DI MORBO DI PARKINSON E MALATTIE CRONICHE CON DISTURBI COGNITIVI E NON SOLO): ORGANIZZATO DA 4 ASSOCIAZIONI:

(MALATI DI ALZHEIMER, MALATI DI MORBO DI PARKINSON E MALATTIE CRONICHE CON DISTURBI COGNITIVI E NON SOLO): ORGANIZZATO DA 4 ASSOCIAZIONI: BOZZA CONVEGNO MULTIDISCIPLINARE 11.02.2012 PER AVVIARE E REALIZZARE UN PROGETTO X MIGLIORARE L ASSISTENZA AL PAZIENTE FRAGILE MEDIANTE LA COMPILAZIONE DI UN QUESTIONARIO - PERSONALIZZATO COMPRESO IL C.B.I.

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Promozione della Salute, del Benessere e della Serenità della Donna Progetto SBS 1 Donna Obiettivo Pensiamoci Prima Versione 10 febbraio 2011

Promozione della Salute, del Benessere e della Serenità della Donna Progetto SBS 1 Donna Obiettivo Pensiamoci Prima Versione 10 febbraio 2011 Promozione della Salute, del Benessere e della Serenità della Donna Progetto SBS 1 Donna Obiettivo Pensiamoci Prima Versione 10 febbraio 2011 Premessa Questo progetto ha come obiettivo la promozione della

Dettagli

PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO Relazione di tirocinio di Roberta Boffi matricola 046328 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Psicologia a.a. 2004/05

Dettagli

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd. Un modello organizzativo per la gestione dei volontari Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.it Decidere di avere volontari. Implica necessariamente:

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé Assertività Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi Presenza di Affinate Abilità interpersonali Assenza Di paure o Inibizioni sociali Buona immagine di sé Privata e professionale ESSERE

Dettagli

UNIVERSITA DIARIO DI BORDO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI I LIVELLO. Sede della Scuola. Dello studente Sig.

UNIVERSITA DIARIO DI BORDO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DI I LIVELLO. Sede della Scuola. Dello studente Sig. d insieme di quanto già fatto nel corso dei tuoi studi ed aiutando modo più facile ed efficace le attività future. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli