Organizzazione e applicazione di un intervento psicoeducazionale per la gestione della terapia farmacologica in una residenza di breve-medio degenza.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Organizzazione e applicazione di un intervento psicoeducazionale per la gestione della terapia farmacologica in una residenza di breve-medio degenza."

Transcript

1 Organizzazione e applicazione di un intervento psicoeducazionale per la gestione della terapia farmacologica in una residenza di breve-medio degenza. Luciana Marmai, Denis Rocchi, Silvia Gavioli, Fabrizia Pizzale, Cristina Mantoan, Maura Berlese, Enea Ronconi, Bruno Biancosino, Luigi Grassi. Sezione di Psichiatria, Università degli Studi di Ferrara INTRODUZIONE Le persone che soffrono di gravi disturbi psichiatrici necessitano in genere di terapia farmacologia per lunghi periodi di tempo e spesso per tutta la vita. Questi pazienti attraversano fasi diverse di decorso della malattia e quindi anche i loro bisogni terapeutici variano nel tempo (Harding et al. 1987). L aderenza al trattamento (compliance), anche con l utilizzo di nuovi psicofarmaci, continua a costituire uno dei problemi clinici più rilevanti specialmente nel trattamento farmacologico di lungo termine dei pazienti psichiatrici gravi. La non aderenza ai trattamenti farmacologici determina rilevanti conseguenze cliniche e sociali, in particolare un aumento delle visite psichiatriche, delle consultazioni urgenti in Pronto Soccorso, delle ricadute, della riospedalizzazione, un peggioramento del decorso e conseguentemente dei costi sanitari (Fenton et al, 1997; Rice 1999). Il rifiuto completo nei confronti dell assunzione dei farmaci (non-compliance completa), oppure modificazioni nel dosaggio o irregolarità nell assunzione delle terapie (non-compliance parziale), riguardano in genere tutte le patologie a decorso protratto e, nell ambito della psichiatria, sono ampiamente documentate sia nei disturbi schizofrenici (Serban e Thomas 1974; Weiden et al. 1996; Fenton et al1997), con percentuali di interruzione della terapia del 40% a un anno e del 70% a due anni (Perkins 1999) con gli antipsicotici tipici, e riscontrata, anche se in misura inferiore, anche nei confronti degli antipsicotici atipici (Dolder 2002), sia nei disturbi dell umore (Maddox et al. 1997; Dawson et al. 1998; Rush 1999; Pampalona et al 2002; Lingam et al. 2002; Scott e Pope 2002) con percentuali di interruzione verso gli antidepressivi (inclusi i nuovi) tra il 10 e il 60% nelle forme unipolari e il 20-66% nelle forme bipolari (Lingam e Scott 2002) e tra il 18 e il 52% verso gli stabilizzanti del tono dell umore (Scott e Pope 2002). Numerosi fattori condizionano il grado di compliance, come la diagnosi e il grado di insight, la presenza o meno di alleanza di lavoro, il tipo e la gravità degli effetti collaterali dei farmaci, la lunga durata del trattamento, il tipo di organizzazione del trattamento e condizionamenti culturali, familiari o sociali (Altamura 1996; Lingam e Scott 2002; Weiss et al. 2002) e, tra questi, un posto rilevante è stato riconosciuto alle attitudini negative verso ogni forma di medicamento (Scott e Pope 2002) e alla scarsità di corrette e complete informazioni, sia dei pazienti che dei loro familiari, riguardo al disturbo psichiatrico e alle strategie più efficaci di trattamento (Seltzer et al. 1980; Goldstein 1992; MacPherson et al. 1996; Lingam e Scott 2002). Queste premesse rendono evidente sia la rilevanza clinica del fenomeno compliance sia la necessità irrinunciabile di promuovere tutte le strategie più opportune per migliorarla. Il miglioramento del profilo degli effetti collaterali dei farmaci certamente permette una migliore aderenza al trattamento, ma uno spazio e una attenzione importane deve essere rivolta agli interventi psicosociali risultati efficaci nel migliorare l aderenza, per poter garantire costantemente una good clinical practice. Diversi studi hanno documentato l impatto del miglioramento delle informazioni nei pazienti psichiatrici gravi nel favorire la compliance (Seltzer et al. 1980; Eckman et al 1

2 1990; Myers e Calvert 1984), aumentare l insight (MacPherson et al. 1996), migliorare l atteggiamento di fiducia verso i farmaci e verso i medici e ridurre il timore negli effetti collaterali (Hornung et al. 1998), rendendo i pazienti sempre più attori partecipi, collaborativi e soddisfatti nella gestione della terapia. Uno studio condotto da Eckman et al. nel 1990 ha individuato alcune condizioni indispensabili per una corretta gestione della terapia farmacologia da parte dei pazienti schizofrenici, tra cui sono risultate particolarmente importanti l ottenere informazioni sui neurolettici, avere conoscenza sulla corretta autosomministrazione, identificare gli effetti collaterali della terapia e poter negoziare la somministrazione con i curanti e recentemente Lingam e Scott (2002) hanno incluso tra gli imperativi clinici da seguire nei programmi di cura, l incoraggiare una aperta e onesta discussione delle difficoltà col trattamento e il provvedere chiare e accessibili informazioni sulla malattia e sui trattamenti per affrontarla. La necessità di programmi tesi a migliorare i livelli di informazione sulle patologie psichiatriche e sul loro trattamento non è, d altra parte, solo un bisogno dei Servizi Psichiatrici ma risulta essere anche un bisogno specificamente espresso dagli stessi pazienti (Leese et al. 1998) a cui diventa opportuno rispondere. Scopo della seguente presentazione è di illustrare la nostra esperienza di organizzazione di un programma psicoeducazionale teso specificamente a incrementare il livello di informazione sui disturbi psichiatrici e sui trattamenti psicofarmacologici e migliorare la gestione della terapia, e descrivere i problemi clinicamente rilevanti incontrati durante la sua attuazione, al fine di stimolare una diffusione di tali esperienze nei più disparati setting di cura. L INTERVENTO EDUCAZIONALE IN PSICHIATRIA Esiste una mole importante di letteratura che riguarda l intervento psicoeducazionale in psichiatria; non avendo lo scopo di proporre una revisione sistematica della letteratura, in questo contesto ci limitiamo a riassumere brevemente alcuni aspetti clinicamente salienti. I modelli psicoeducativi sono nati dal filone di ricerche sull emotività espressa (E.E.). Questo concetto nato nei primi anni 70 sulla scia degli studi di Brown et al. (1962) e ripreso successivamente da Vaughn e Leff (1976), identificò alcuni fattori come i commenti critici, l ostilità, l empatia, l ipercoinvolgimento emotivo e l insoddisfazione, ricorrenti nei contesti familiari e che permisero di distinguere famiglie ad alta o bassa emotività espressa. La scoperta importante di queste ricerche risiedeva nel ruolo che l E. E. aveva nel decorso della patologia schizofrenica. Intorno agli inizi degli anni 80, a partire dalle indicazioni di queste ricerche si sviluppano tecniche di intervento familiare, generalmente note sotto il nome di interventi psicoeducazionali, tese a ridurre gli alti livelli di E. E. nei contesti familiari e di conseguenza i tassi di ricaduta dei pazienti psichiatrici (Vaughn e Leff 1976; Leff et al. 1982; Faloon et al. 1982; Hogarty et al. 1986). Questo tipo di programmi classicamente è stato rivolto ai nuclei familiari (con o senza la presenza del paziente); solo negli ultimi anni sono stati progettati e valutati interventi psicoeducazionali centrati su problematiche più specifiche e rivolti ai soli pazienti in gruppo o singolarmente, e tra di essi alcuni programmi hanno riguardato il miglioramento delle conoscenze e della gestione della terapia farmacologia. In questo senso sono stati condotti alcuni importanti studi sia sui pazienti schizofrenici sia sui pazienti affetti da disturbi dell umore. Per quanto riguarda i pazienti schizofrenici ci limitiamo a descrivere solo due studi, abbastanza recenti, per la loro importanza clinica. In uno studio del 1996, MacPherson et al. hanno reclutato 64 pazienti con diagnosi di schizofrenia, almeno sei mesi di esposizione a neurolettici e buona stabilità clinica e li hanno assegnati in modo random a tre gruppi, due di trattamento e uno di controllo. Il primo 2

3 gruppo ricevette una singola sessione psicoeducativa, il secondo tre sessioni psicoeducative a cadenza settimanale e il terzo, di controllo, non ricevette alcuna seduta educativa. La sessione psicoeducativa prevedeva un incoraggiamento alla partecipazione e alla discussione, una fase informativa didattica, esercitazioni pratiche con domande e risposte e tecniche di modeling. I risultati ottenuti al termine degli interventi mostrarono un significativo incremento del livello di conoscenze tanto nel primo che nel secondo gruppo rispetto al controllo. Al follow-up ad un mese il primo gruppo evidenziò, tuttavia, un calo del livello di conoscenze che invece, non si riscontrò nel secondo gruppo. Gli autori conclusero indicando come la diagnosi di schizofrenia di per sé non impediva un apprendimento significativo da parte dei pazienti, che le sessioni per essere maggiormente efficaci dovevano essere prolungate nel tempo e dovevano essere interative, individualizzate e incorporare tecniche come il modeling. Questo studio mostrò inoltre un incremento del livello di consapevolezza di malattia nel secondo gruppo mentre la compliance al trattamento non subì significative variazioni. Hornung et al. in un lavoro del 1998, hanno analizzato gli effetti di un training psicoeducazionale per la gestione dei farmaci, desumendone i dati da uno studio più ampio volto a valutare l efficacia di diverse forme di trattamento psicosociale nella prevenzione delle ospedalizzazioni (Buchkremer et al. 1997). Nello specifico, il training psicoeducazionale di gestione della terapia era costituito da 10 sessioni educative, 5 a cadenza settimanale e 5 a cadenza quindicinale, nelle quali venivano fornite dettagliate ed individualizzate informazioni sulla schizofrenia e sul suo trattamento e venivano promosse abilità di gestione della terapia. I risultati a un anno evidenziarono una migliore compliance, una maggiore capacità di gestione della terapia e di contrattazione con i curanti rispetto al gruppo di controllo. Questi importanti risultati confermavano l impatto positivo dei programmi psicoeducazionali nel migliorare la compliance dei pazienti schizofrenici come era emerso da precedenti ricerche (Seltzer et al. 1980; Eckman et al. 1990). Per quanto riguarda i disturbi depressivi, diversi studi hanno documentato come i pazienti informati avevano una migliore compliance al trattamento farmacologico sia per quanto riguarda gli stabilizzanti del tono dell umore che per gli antidepressivi (Fawcett e Krawitz 1985). Uno studio Randomizzato Controllato condotto su 120 pazienti affetti da depressione (Myers e Calvert 1984), suddivisi in gruppi di pazienti che ricevevano informazioni e pazienti non informati, confermava la migliore aderenza al trattamento del gruppo informato rispetto ai controlli, confermando l utilità di questa tipologia di intervento anche nell ambito dei disturbi depressivi. Si possono rapidamente riassumere le evidenze scientifiche più significative emerse: a)l impatto positivo di un programma psicoeducazionale nella gestione della terapia su un ampia tipologia di disturbi psichiatrici b)la necessità che tali programmi siano costituiti da un numero di sedute prolungato nel tempo e strutturato in modo interattivo e comprensivo di tecniche di modeling. Malgrado le evidenze positive disponibili, paradossalmente gli interventi psicoeducazionali risultano una pratica clinica ancora scarsamente utilizzata nei servizi psichiatrici per la maggior parte dei pazienti (Drake et al. ), e per questo abbiamo ritenuto utile illustrare in dettaglio l organizzazione di un programma di intervento psicoeducazionale mirato alla gestione della terapia farmacologia, applicato da noi routinariamente in un contesto psichiatrico di ricovero di breve-medio termine e riproducibile in contesti similari con relativa semplicità. UN PROGRAMMA DI INTERVENTO PSICOEDUCAZIONALE PER LA GESTIONE DELLA TERAPIA PSICOFARMACOLOGICA IN UNA RESIDENZA PSICHIATRICA Il programma di seguito descritto viene condotto presso la Residenza Sanitaria 3

4 Psichiatrica La luna, struttura dell Unità Operativa di Clinica Psichiatrica dell Università degli Studi di Ferrara e del Dipartimento di Salute Mentale dell AUSL di Ferrara. La Residenza La luna, come più dettagliatamente descritto altrove (24), è una struttura residenziale in cui vengono ricoverati pazienti psichiatrici con differenziate patologie (schizofrenia, disturbi dell umore, disturbi di personalità), bisognosi di ricovero e inviati da diversi punti operativi del DSM di Ferrara (CSM territoriali, Ospedale Generale, SPDC) per ricoveri di breve-medio termine e con programmi specificamente indirizzati al trattamento degli scompensi psicopatologici e non primariamente rivolti al trattamento della disabilità, come avviene in genere nelle Residenze Psichiatriche italiane De Girolamo et al. 2002). La nostra Residenza, per tanto, si propone come effettiva alternativa alla ospedalizzazione di un ampia categoria di pazienti psichiatrici, coniugando insieme i modelli di cura delle Comunità Terapeutiche con quelli, necessariamente più medicalizzati, di un reparto psichiatrico ospedaliero. La decisione di attivare un programma psicoeducazionale finalizzato a migliorare le conoscenze dei pazienti riguardo ai loro disturbi e la gestione della terapia farmacologia è nata da una rivalutazione della letteratura psichiatrica sull efficacia di questi interventi e dall accoglimento di una espressa richiesta dei pazienti di poter essere maggiormente informati sui loro disturbi e sulle terapie che assumevano, spesso da molto tempo. Durante la fase di progettazione vennero evidenziate alcune problematiche legate alle caratteristiche intrinseche della Residenza. Innanzi tutto, a causa delle diverse tipologie cliniche dei pazienti, non era possibile focalizzare l attenzione solo su uno specifico disturbo e per questo si decise di trattare in diverse sedute tutte le principali classi di disturbi psichiatrici (schizofrenia, disturbi dell umore, ecc.) e tutte le principali categorie di psicofarmaci (antidepressivi, stabilizzanti dell umore, ansiolitici e neurolettici). Ogni argomento prevedeva un incontro interattivo in cui dare informazioni relative ad uno specifico disturbo psichiatrico ed un incontro successivo riservato al trattamento farmacologico specifico per quel disturbo. Vennero programmati in questo modo 8 incontri a cadenza settimanale, della durata di 45 minuti ciascuno, tenendo conto anche della necessità segnalata dalla letteratura di strutturare un intervento prolungato nel tempo. Infine sono stati preparati lucidi e materiale didattico scritto da distribuire al gruppo, che vengono utilizzati nelle fasi più specificamente educative della sessione. Un secondo problema consistette nella durata della attività che veniva a ricoprire un ampio lasso di tempo (circa due mesi) poiché la residenza è caratterizzata da una degenza medio-breve (durata media del ricovero di circa 40 giorni) e quindi con un significativo turn-over di pazienti. La durata prolungata poteva non riuscire a garantire la frequenza dei pazienti a tutto il ciclo di sessioni educative; pertanto abbiamo deciso di invitare tutti i pazienti in dimissione a mantenere la frequenza settimanale agli incontri fino al termine del ciclo e di permettere a tutti i nuovi ingressi di partecipare alle sessioni educative anche a programma iniziato. Per quest ultima ragione, negli incontri successivi al primo, viene fatta all inizio dell incontro una rapida ricapitolazione degli argomenti illustrati negli incontri precedenti. Questo programma, dalla iniziale fase di progettazione, viene replicato periodicamente in modo da poter coinvolgere tutti i pazienti ricoverati annualmente. La strutturazione del programma è stata organizzata nei seguenti incontri: I incontro. Nel primo incontro non viene affrontato alcun argomento specifico, ma consiste essenzialmente in un incontro di presentazione.viene soprattutto incoraggiata la partecipazione attiva attraverso domande rivolte al gruppo. Innanzitutto vi è l autopresentazione degli operatori e di tutti i pazienti che partecipano alla sessione. Viene proposto sinteticamente il calendario e i contenuti degli incontri successivi. Viene chiesta e discussa l opinione del gruppo riguardo alla utilità 4

5 degli incontri e si propongono gli obiettivi del programma che consistono in un miglioramento delle conoscenze sui disturbi psichici, sulle varie terapie e sulla necessità della aderenza alle cure che aiuta a prevenire le ricadute, la migliore capacità di trattare attivamente con i curanti, ad esempio segnalando tempestivamente gli effetti collaterali delle cure, e l acquisizione della capacità di formulare correttamente altre richieste di informazione. Vengono illustrate alcune piccole regole (non fumare, non alzare la voce, cercare di prestare attenzione alle opinioni di tutti e parlare con ordine, uno per volta). II incontro. Nella seconda sessione si inizia la fase educativa vera e propria. Il primo argomento riguarda il disturbo depressivo. Si inizia raccogliendo l opinione dei pazienti proponendo la domanda Che cos è secondo voi la depressione?. Si inizia a chiarire la differenza tra i normali sentimenti di tristezza e la depressione vera e propria, caratterizzata da un malessere più intenso e prolungato e che compromette la vita quotidiana. Sempre partendo dalle opinioni del gruppo e possibilmente riprendendone gli stessi termini vengono elencate le più comuni manifestazioni sintomatologiche del disturbo depressivo e il decorso nel tempo. Al termine c è un breve riassunto dell incontro fatto da un operatore e una ulteriore breve fase di discussione. III incontro. Il terzo incontro è riservato alla informazione sui farmaci antidepressivi. Innanzitutto, come premessa, vengono presentate le due classi di farmaci (ansiolitici e antidepressivi) più comunemente utilizzati nella cura dei disturbi depressivi. Attraverso una serie di domande rivolte al gruppo si cerca di stabilire quali siano, per esperienza diretta dei pazienti, gli effetti positivi di questi farmaci, di individuarne i più comuni nomi commerciali, l importanza della regolare assunzione, quali siano i più comuni effetti collaterali e come comportarsi in caso di comparsa. Vengono quindi riassunti in una fase più didattica gli effetti degli antidepressivi sulle varie dimensioni sintomatologiche della depressione, le classi più utilizzate nella pratica clinica, la latenza di azione di circa due settimane, vengono elencati gli effetti collaterali più comuni e la loro utilità anche nella prevenzione delle ricadute. Al termine dell incontro c è un ultima breve discussione. IV incontro. Nel quarto incontro si ripuntualizzano le informazioni sugli antidepressivi e si tratta il tema degli stabilizzanti dell umore. Vengono discusse col gruppo quelle particolari forme di disturbi dell umore definiti bipolari, in cui si alternano fasi di tristezza profonda con fasi di immotivata e eccessiva euforia, sempre facendo riferimento il più possibile alle esperienze dirette dei pazienti. Vengono poi illustrati i farmaci impiegati per stabilizzare la ciclicità di queste forme morbose, i loro effetti collaterali e si puntualizza la necessità della loro regolare e monitorata assunzione perché abbiano effetto. V incontro. Terminato il pacchetto psicoeducazionale riservato al disturbo affettivo, si inizia ad affrontare il nuovo tema: I disturbi d ansia. Attraverso le opinioni e le esperienze personali del gruppo, che possono essere incoraggiate anche da qualche esempio del conduttore (es. a me è capitato di andare in ansia per un esame ) si cerca di dare una definizione dell ansia intesa come una vasta gamma di stati emotivi che costituiscono un fondamentale e normale meccanismo di allerta di fronte a particolari situazioni stimolo, e in alcuni casi necessaria per migliorare la risposta alle situazioni esterne. La distinzione tra ansia normale e patologica viene proposta in termini di frequenza, intensità e durata dello stato ansioso e in funzione della compromissione delle abilità del vivere quotidiano. In termini più didascalici, viene successivamente inquadrata 5

6 l ansia sia come manifestazione caratteristica di quadri clinici ben definiti (es. disturbo da attacco di panico) sia come sintomo comune anche in altre manifestazioni psicopatologiche (depressione, schizofrenia). Vengono infine individuati ed elencati i diversi sintomi psichici (apprensione, senso di attesa, ecc.) e fisici (irrequietezza motoria, sudorazione, tachicardia, ecc.) che caratterizzano gli stati ansiosi. VI incontro. Dopo un rapido riassunto dei temi precedenti, per permettere ai pazienti nuovi di avere una informazione sufficientemente esauriente degli argomenti affrontati, vengono discussi i farmaci ansiolitici. Con la abituale ricognizione delle esperienze dei pazienti, vengono individuati i tre tipi di azione (ansiolitica, miorilassante, ipnoinducente) di tali farmaci e vengono elencati i loro nomi commerciali facendo riferimento alla distinzione proposta. In seguito vengono affrontati i principali effetti collaterali e le necessarie precauzioni da prendere durante la loro assunzione (es. astensione dall alcol per il potenziamento dell azione sedativa). VII incontro. Il penultimo incontro è finalizzato alle informazioni relative ai disturbi schizofrenici. Per prima cosa, attraverso alcuni esempi, si cerca di porre l accento sulla profonda difficoltà, che incontrano spesso le persone affette da questi disturbi, di poter distinguere chiaramente la realtà dalle proprie esperienze patologiche soggettive. Vengono poi affrontati i principali sintomi di tale patologia (allucinazioni, delirio, autismo, ecc.) e si cerca di delinearne il decorso e le compromissioni della vita sociale che comporta. Una breve finestra è dedicata all argomento della violenza che può essere, a volte anche indebitamente, associata a queste manifestazioni patologiche. Una fase finale è dedicata alla discussione di questi importanti e delicati argomenti. VIII incontro. Una breve ricapitolazione dei vari argomenti trattati apre l ultima sessione. Viene infine affrontato l ultimo argomento del programma che riguarda i farmaci neurolettici. Vengono individuati i principali nomi commerciali di questi farmaci e ne vengono illustrati gli effetti benefici facendo riferimento ai sintomi sui quali agiscono, a quelli che migliorano più sensibilmente e a quelli che sembrano più resistenti al trattamento, costantemente coinvolgendo il gruppo a confrontarsi con le proprie esperienze dirette. Vengono discussi gli effetti collaterali, cercando di distinguere quelli più comuni da quelli più rari e si prendono in esame i comportamenti più corretti da seguire nel caso della loro comparsa. Infine vengono presentati i neurolettici atipici e le loro nuove caratteristiche. Particolarmente sottolineata e discussa è l aderenza al trattamento e i vari fattori che possono comprometterla. La parte finale della sessione è dedicata alle risposte ad eventuali e conclusivi chiarimenti richiesti sugli argomenti affrontati. CONCLUSIONI La ricerca scientifica ha robustamente evidenziato l efficacia degli interventi psicoeducazionali per vari aspetti del trattamento psichiatrico. Malgrado ampie e solide evidenze di ricerca, tali interventi non vengono ancora diffusamente applicati e praticati nei contesti abituali di cura e assistenza dei pazienti psichiatrici (Drake et al. ). Nel caso specifico gli interventi psicoeducazionali per la gestione della terapia farmacologica agiscono efficacemente nel migliorare le informazioni dei pazienti, la loro consapevolezza di malattia e quindi l adesione al trattamento con conseguenti positive ricadute riducendo la quantità degli interventi psichiatrici programmati e urgenti, le ricadute, le ospedalizzazioni, migliorando il 6

7 decorso dei disturbi e conseguentemente riducendo i costi sanitari. Per ottenere risultati apprezzabili è necessario attenersi ad alcune indicazioni importanti emerse dalla letteratura, come organizzare un programma ben strutturato, che abbia una durata sufficientemente prolungata, che le sessioni siano interattive e non semplicemente didattiche, con un forte coinvolgimento dei pazienti. Abbiamo voluto illustrare la nostra esperienza per illustrare e proporre la fattibilità di un tale programma anche in un contesto inusuale come una struttura di ricovero di breve-medio termine che, pertanto, si caratterizza per disomogeneità di pazienti e elevato tournover, descrivendo le modalità organizzative e i progressivi adattamenti richiesti dalle caratteristiche intrinseche del contesto. Gli adattamenti richiesti, che inevitabilmente si possono rendere necessari quando programmi nati in un setting di ricerca vengono esportati nel setting reale di cura, non hanno nel nostro caso costituito un impedimento ma una sfida stimolante tesa a migliorare, alla luce dei risultati scientifici, i livelli di cura dei nostri pazienti. In ultimo, l attivazione di questo programma non è stata solo un esperienza di prova; si è rivelata infatti altamente interessante e arricchente, oltre che per i nostri pazienti, anche per l equipe, costituendosi come momento di integrazione di varie competenze e profili professionali (infermieri, educatori, psicologo, medici), di coesione multidisciplinare e, non ultimo, di aggiornamento e formazione interna permanente. BIBLIOGRAFIA Altamura AC (ed) : Argomenti di clinica e farmacoterapia delle psicosi maggiori; McGraw-Hill, Milano, Brown GW, Monck EM, Carstairs GM, Wing JK: Influence of family life on the course of schizophrenic illness. British Journal of Preventive Social Medecine, 16: 55-68, Buchkremer G, Klingberg S, Holle R, Shulze Monking H, Hornung WP: Psychoeducational psychotherapy for schizophrenic patients and their key relatives or care-givers: results of a 2-year follow-up. Acta Psychiatrica Scandinavica, 96: , Dawson R, Lavori PW, Coryell W, Endicott J, Keller MB: Maintenance strategies for unipolar depression: an observational study of levels of treatment and recurrence. Journal of Affective Disorders, 49: 31-41, De Girolamo G, Picardi A, Micciolo R, Falloon I, Fioritti A, Morosini P. Residential care in Italy. British Journal of Psychiatry, 2002; 181: Dolder CR, Lacro JP, Dunn LB, Jeste DV. Antipsychotic medication adherence: is there a difference between typical and atypical agents?. American Journal of Psychiatry, 2002; 159: Drake RE, Goldman HH, Leff HS, Lehman AF, Dixon L, Mueser KT, Torrey WC: Eckman TA, Libermann RP, Phipps CC, Blair KE: Teaching medication management skills to schizophrenic patients. Journal of Clinical Psychopharmacology, 10: 33-38, Falloon IRH, Boyd JL, McGill CW, Razani J, Moss HB, Gilderman AM: Familiy management in the prevention of exacerbation of schizophrenia: a controlled study. New England Journal of Medicine, 306: , Fawcett J, Krawitz HM: The long-term management of bipolar disorders with lithium, carbamazepine, and antidepressants. Journal of Clinical Psychiatry, 46: 58-60, Fenton WS, Blyler CR, Heinssn RK: Determinants of medication compliance in schizophrenia: empirical and clinical findings. Schizoprenia Bulletin, 1997; 4: Goldstein MJ: Psychosocial strategies for maximizing the effects of psychotropic 7

8 medication for schizophrenia and mood disorder. Psychopharmacological Bulletin, 28: , Grassi L, Biancosino B, Marmai L, Barbui C: Dalla Comunità Terapeutica al trattamento residenziale intensivo. Rivista Sperimentale di Freniatria, in corso di stampa. Harding CM, Brooks GW, Ashikaga T, : The Vermont longitudinal study of persons with severe mental illness, I: methodology, study sample, and overall status 32 years later. American Journal of Psychiatry, 144: , Hogarty GE, Anderson CM, Reiss DJ, Kornblith SJ, Greenwald DP, Javna CD, Madonia MJ and the EPICS Schizophrenia Research Group: Family psychoeducational social skills training and maintenance chemotherapy in the aftercare treatment of schizophrenia. I: One-year effects of a controlled study on relapse and expressed emotion. Archives of General Psychiatry, 42: , Hornung WP, Klingberg S, Feldmann R, Schonauer K, Schulze Monking H: Collaboration with drug treatment by schizophrenic patients with and without psychoeducational training: results of a 1-year follow up. Acta Psychiatrica Scandinavica, 97: , Leese M, Johnson S, Slade M, Parkman S, Kelly F, Phelan M, Thornicroft G: User perspective on needs and satisfaction with mental health services. British Journal of Psychiatry, 173: , Leff JP, Kuipers L, Berkowitz R, Eberlein- Fries R, Sturgeon D: A controlled trial of intervention in the families of schizophrenic patients. British Journal of Psychiatry, 141: , Lingam R, Scott J. Treatment non-adherence in affective disorders. Acta Psychiatrica Scandinavica, 2002; 105: MacPherson R, Jerrom B, Hughes A: A controlled study of education about drug treatment in schizophrenia. British Journal of Psychiatry, 168: , Maddox JC, Levi M, Thompson C: The compliance with antidepressants in general practice. Journal of Psychopharmacoterapy, 8: 48-53, Myers ED, Calvert EJ; Information, compliance and side effects: a study of patients on antidepressant medication. British Journal of Clinical Pharmacology, 17: 21-25, Pampalona S, Bollini P, Tibaldi G, Kupelnick B, Munizza C. Patient adherence in the treatment of depression. British Journal of Psychiatry, 2002; 180: Perkins DO. Adherence to antipsychotic medications. Iournal of Clinical Psychiatry, 1999; 60(suppl. 12): 25-30). Rice DP. The economic impact of schizophrenia, Journal of Clinical Psychiatry, 1999; 60: 4-6. Rush AJ: Strategies and tactics in the management of maintenance treatment for depressed patients. Comprehensive Psychiatry, 60 (suppl.): 21-26, Scott J, Pope M. Nonadherence with mood stabilizers: prevalence and predictors. Journal of Clinical Psychiatry, 2002; 63: Seltzer A, Rincari I, Garfinkel P: Effect of patient education on medication compliance. Canadian Journal of Psychiatry, 25: , Serban G, Thomas A: Attitudes and behaviors of acute and chronic schizophrenic patients regarding ambulatory treatment. American Journal of Psychiatry, 136: , Tarrier N, Barrowclough C, Vaughn CE, Bamrah JS, Porceddu K, Watts S, Freeman H: The community management of schizophrenia. A controlled trial of a behavioural intervention with families to 8

9 reduce relapse. British Journal of Psychiatry, 153: , Vaughn CE, Leff JP : The influence of family and social factors on the course of psychiatric illness: a comparison of schizophrenic and depressed neurotic patients. British Journal of Psychiatry, 129: 125-, Weiden PJ, Mott T, Curcio N : Riconoscimento e gestione della mancanza di compliance ai neurolettici. In: Attualità nel trattamento della schizofrenia (Shriqui CL, Nasrallah HA, ed) (ed. or. 1996), MEDISERVE, Milano, Weiss KA, Smith TE, Hull JW, Piper AC, Huppert JD. Predictors of risk of nonadherence in outpatients with schizophrenia and other psychotic disorders. Schizophrenia Bulletin, 28 (2): ,

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE DISTURBI AFFETTIVI Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) DIST. BIPOLARE DIST. 6% DEPRESSIVO 17% 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE 22.234 CON DISTURBO DEPRESSIVO PREVALENZA TRATTATA

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona 1 Educare vuol dire ex-ducere = uscire fuori La patient education è un percorso complesso ed articolato, finalizzato all acquisizione da parte del paziente delle conoscenze necessarie per affrontare adeguatamente

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

Due obiettivi principali:

Due obiettivi principali: Massa E., Conti L., Amadori F., Pierini P., Silvestre V., Vona M. terzocentro@iol.it @ www.terzocentro.it Inclusione dei familiari nel trattamento del paziente grave. Due obiettivi principali: Potenziare

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

GLI INTERVENTI PSICOEDUCATIVI FAMILIARI NELLA DEPRESSIONE MAGGIORE Lorenza Magliano ! " # $ $%$$& ' $ ( ( ) * +,-.,-,- ) / ,) 01 (/ ) 0 2. ( 3 1.! 0 (," $ '31415+*67899:;7

Dettagli

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie.

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie. Keeping Care Complete Sintesi dei risultati internazionali Keeping Care Complete ha l obiettivo di esaminare e creare consapevolezza circa le questioni emotive e sociali associate al trattamento e all

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Efficacia clinica della terapia familiare sistemica nella schizofrenia: uno studio prospettico longitudinale

Efficacia clinica della terapia familiare sistemica nella schizofrenia: uno studio prospettico longitudinale Efficacia clinica della terapia familiare sistemica nella schizofrenia: uno studio prospettico longitudinale Schizophrenia and the clinical efficacy of the systemic family therapy: a prospectic longitudinal

Dettagli

Psichiatria e Medicina di Base

Psichiatria e Medicina di Base Psichiatria e Medicina di Base Giulio Perugi Istituto G. de Lisio - Carrara Sono fermamente convinto che, per il bene della medicina generale, lo studio della psichiatria debba essere inclusa nella pratica

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

paradosso, forzatura semantica, o? o

paradosso, forzatura semantica, o? o paradosso, forzatura semantica, o? o Nebbiuno, 9 ottobre 2014 dr. Massimiliano Mazzarino Casa di Cura San Giorgio, Viverone Revisione della Rete delle Case di Cura Neuropsichiatriche Tavolo Tecnico Tavolo

Dettagli

6 edizione 20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2015 - Gennaio 2016

6 edizione 20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2015 - Gennaio 2016 6 edizione MILANO Novembre 2015 - Gennaio 2016 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM NOVITA : Analisi

Dettagli

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI

LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI LA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA COMPRENDERE LE LINEE GUIDA DEI PROFESSIONISTI Questa guida include informazioni su ciò che la European Respiratory Society e la American Thoracic Society hanno affermato

Dettagli

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com Lucca, 7 settembre 2013 Definizione Problemi correlati Modelli di trattamento Principi

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it Interventi di sostegno per i familiari dei pazienti con disturbi mentali gravi

scaricato da www.sunhope.it Interventi di sostegno per i familiari dei pazienti con disturbi mentali gravi Interventi di sostegno per i familiari dei pazienti con disturbi mentali gravi Il ruolo delle famiglie I familiari dei pazienti affetti da una malattia cronica possono rappresentare una risorsa nella

Dettagli

Il Disturbo Bipolare

Il Disturbo Bipolare Giovanni Fioriti Editore s.r.l. via Archimede 179, 00197 Roma tel. 068072063 - fax 0686703720. E-Mail info@fioriti.it www.fioriti.it www.clinicalneuropsychiatry.org Psichiatria: diretta da Alfonso Troisi

Dettagli

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM Obiettivi Obiettivi L obiettivo

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Fonte: Nancy M. Watson, Thelma J. Wells, Christopher Cox (1998) Terapia con sedia a dondolo in pazienti

Dettagli

L alleanza terapeutica Paola Carozza U.O. Riabilitazione D.S.M ASL Ravenna L alleanza terapeutica: parole chiave attiva collaborazione fra paziente e terapeuta dimensione interattiva fra paziente e terapeuta

Dettagli

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015 MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM NOVITAʼ: Analisi e studio

Dettagli

La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA

La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA III Conferenza Regionale HPH del Friuli Venezia Giulia La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA Maria

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

IL DISTURBO BIPOLARE: DAI TRATTAMENTI DI FASE ALLA PREVENZIONE DELLE RICADUTE 27 MARZO 2012 TENUTA MORENO - MESAGNE (BR) Con il Patrocinio di:

IL DISTURBO BIPOLARE: DAI TRATTAMENTI DI FASE ALLA PREVENZIONE DELLE RICADUTE 27 MARZO 2012 TENUTA MORENO - MESAGNE (BR) Con il Patrocinio di: Con il Patrocinio di: Dipartimento Salute Mentale Regione Puglia IL DISTURBO BIPOLARE: DAI TRATTAMENTI DI FASE ALLA PREVENZIONE DELLE RICADUTE 27 MARZO 2012 TENUTA MORENO - MESAGNE (BR) Razionale ll disturbo

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi

Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi Dr.ssa Maria Giulia Nanni Prof. Luigi Grassi Sezione di Clinica Psichiatrica, Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche, Università di Ferrara; U.O.Clinica Psichiatrica - Dipartimento

Dettagli

I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE

I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE Metodologia e risultati della ricerca 22 ottobre 2009 Achille Orsenigo 1 Premesse sul valore del lavoro Non è facile

Dettagli

Accompagnamento alla ricerca diretta di occupazione lavorativa con

Accompagnamento alla ricerca diretta di occupazione lavorativa con INDIVIDUAL PLACEMENT SUPPORT UNA STRATEGIA EBM PER L INCLUSIONE LAVORATIVA DEL PAZIENTE CON GRAVE PATOLOGIA MENTALE Marino Laziale, 6 7 Marzo 2014 Accompagnamento alla ricerca diretta di occupazione lavorativa

Dettagli

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Prevalenza e incidenza delle malattie psichiatriche, psichiatriche sistemi di classificazione lassificazione e principi per la valutazione Unità 1 Clinica

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

Protocollo ADHD-ISS TITOLO DELLO STUDIO. Registro Italiano del Metilfenidato

Protocollo ADHD-ISS TITOLO DELLO STUDIO. Registro Italiano del Metilfenidato Istituto Superiore di Sanità Dipartimento del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco Protocollo ADHD-ISS TITOLO DELLO STUDIO Registro Italiano del Metilfenidato Note informative destinate alle persone partecipanti

Dettagli

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Premessa La Comunità Airone opera da diversi anni nel campo delle tossicodipendenze e in questi ultimi tempi sta tentando di adattare gli approcci terapeutici

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri

Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri Dr.ssa Marina

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

Schema per la stesura dei Progetti CCM

Schema per la stesura dei Progetti CCM Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Schema per la stesura dei Progetti CCM Tabella 1. Struttura del progetto GRIGLIA DI PROGETTAZIONE TITOLO E RIFERIMENTI

Dettagli

Tossicodipendenze: tra persona e necessità

Tossicodipendenze: tra persona e necessità Tossicodipendenze: tra persona e necessità Direttore Generale Dr. Enrico Desideri Direttore Amministrativo Dr. Moraldo Neri Direttore Sanitario Dr.ssa Branka Vujovic Direttore servizi sociali Dr.ssa Patrizia

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

MALATTIE PSICHIATRICHE E LAVORO

MALATTIE PSICHIATRICHE E LAVORO MALATTIE PSICHIATRICHE E LAVORO LA GESTIONE DEL LAVORATORE CON DISAGIO PSICHICO: L ESPERIENZA DEL SERVIZIO PSAL DELLA ASL DI MILANO S. Colombo, G.C. Cattaneo, B. Magna OCCASIONI DI CONTATTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013 Le Cure Palliative Dr.ssa M.Grazia Rusconi UniTre 2013 DEFINIZIONE L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce le Cure Palliative come la cura totale prestata alla persona affetta da una malattia

Dettagli

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO Edizione 2009 INSERIMENTI IN CENTRO DIURNO Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale con funzioni terapeutico riabilitative, collocata nel contesto territoriale.

Dettagli

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12.

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12. DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE Direttore: Dott. Antonio Lora Via dell Eremo, 9/11 23900 Lecco Tel. 0341.489171/0 - Fax. 0341.489176 e-mail : a.lora@ospedale.lecco.it PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER

Dettagli

Le cure avanzate nel fine vita

Le cure avanzate nel fine vita Associazione Italiana Infermieri di Area Oncologica II Congresso Nazionale AIIAO L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? Le cure avanzate nel fine vita Napoli, 24-25 Maggio

Dettagli

«Come incrementare l Autostima»

«Come incrementare l Autostima» Incontro/Webinar gratuito di Science Help per tutti: «Come incrementare l Autostima» Relatore: dott. Nunzio Nasti Evento patrocinato Data: martedì 21 giugno 2016, ore 20.30 22.30 Sede dell incontro: Agriturismo

Dettagli

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Andrea Gaddini *, Lilia Biscaglia *, Francesco Franco *, Salvatore Cappello **, Giovanni Baglio *, Domenico Di Lallo *, Gabriella Guasticchi * Introduzione

Dettagli

Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker

Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker Criteri per il successo e per il fallimento di un trattamento. Fattori: 1) del Paziente 2) del terapeuta 3) tecnici 4) relazionali 5) ambientali

Dettagli

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona Reggio Emilia, 24-26 settembre 2009 PROGETTO Progetto di prevenzione, informazione e cura su Psicosi e Depressione Post Partum Dipartimento

Dettagli

Seminario Un ponte tra Ospedale e territorio

Seminario Un ponte tra Ospedale e territorio Seminario Un ponte tra Ospedale e territorio Prof.ssa A. Peloso Tipologie e necessità degli adolescenti ultraquattordicenni in carico al Servizio di Degenza Ospedaliera Chi sono? Presentano sottodiverse

Dettagli

PERCORSI SOCIO-LAVORATIVI SCHEDA DI ORIENTAMENTO

PERCORSI SOCIO-LAVORATIVI SCHEDA DI ORIENTAMENTO PERCORSI SOCIO-LAVORATIVI SCHEDA DI ORIENTAMENTO Scheda num. _ _ _ Data di apertura _ _ _ _ _ _ SCHEDA di valutazione dei criteri necessari per inserimenti lavorativi (a cura dell equipe di riferimento)

Dettagli

IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE

IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE II Convegno PREVENIRE LE COMPLICANZE DEL DIABETE: DALLA RICERCA DI BASE ALL ASSISTENZA ASSISTENZA IL RUOLO DELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE TERAPEUTICA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE Dott. Paolo Di Berardino

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone MODULO 01 DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone STATO DEPRESSIVO: dimensione e sintomi 2 Su 10 pazienti che si presentano nello studio di un

Dettagli

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa Linee guida per curare con efficacia i disturbi dell alimentazione e del peso. Cause e conseguenze del disturbo, i soggetti a rischio, l informazione e le terapie più adeguate per la cura e la risoluzione

Dettagli

Trattamento residenziale Un approccio emotivo e cognitivo comportamentale

Trattamento residenziale Un approccio emotivo e cognitivo comportamentale Mauro Cibin DIPARTIMENTO PER LE DIPENDENZE Az. U.L.S.S. 13 Regione del Veneto Dolo - Mirano Trattamento residenziale Un approccio emotivo e cognitivo comportamentale Verona, 6 Giugno 2006 Progetto cocaina

Dettagli

Migliorare l appropriatezza del trattamento della depressione in Italia. Un progetto concreto

Migliorare l appropriatezza del trattamento della depressione in Italia. Un progetto concreto Migliorare l appropriatezza del trattamento della depressione in Italia. Un progetto concreto Dr. Giuseppe Tibaldi - Torino Dr. Carmine Munizza - Torino Dr. Luigi Ferrannini - Genova Matera, 5 Novembre

Dettagli

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 3 SU EBM

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 3 SU EBM TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 3 SU EBM 3.1 Test di conoscenza sulla EBM 1) Quali sono i due modi principali in cui viene tradotto in italiano Evidence-Based medicine?: a) b) 2) Quali sono

Dettagli

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi MODULO DI PRESENTAZIONE per la valutazione e l accreditamento di progetti di AUDIT CLINICO GENERALITÀ Titolo del Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

Journal of Family Therapy

Journal of Family Therapy Valutazione della terapia psicologica rivolta alle famiglie - REVIEW DEI PRINCIPALI ARTICOLI DI OUTCOME DELLA PSICOTERAPIA PUBBLICATI SU Journal of Family Therapy Daniela Riotto In Journal of Family Therapy

Dettagli

LA QUALITA DELLA CURA NEI DISTURBI MENTALI GRAVI IN LOMBARDIA. Antonio Lora ed Emiliano Monzani

LA QUALITA DELLA CURA NEI DISTURBI MENTALI GRAVI IN LOMBARDIA. Antonio Lora ed Emiliano Monzani LA QUALITA DELLA CURA NEI DISTURBI MENTALI GRAVI IN LOMBARDIA Antonio Lora ed Emiliano Monzani Progetto di ricerca Valutazione della qualità e dell esito nei programmi di cura incarico conferito a Eupolis

Dettagli

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE ASPETTI DELLA MALATTIA Il tipo di malattia La gravità Il livello di cronicità L impatto sociale della

Dettagli

Azienda Ulss n.20 - UOC 2 Servizio Psichiatrico c/o Bgo TN Inc.di strutt.complessa-area medica

Azienda Ulss n.20 - UOC 2 Servizio Psichiatrico c/o Bgo TN Inc.di strutt.complessa-area medica MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome [COGNOME, Nome] IMPERADORE GIUSEPPE Data di nascita 11.02.1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente medico 2 livello Azienda

Dettagli

MODULO DI ADESIONE PROGETTO

MODULO DI ADESIONE PROGETTO 7-8 OTTOBRE 2011 CITTÀ STUDI BIELLA MODULO DI ADESIONE PROGETTO Titolo del progetto: APPLICAZIONE DEL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA) IN PSICONCOLOGIA PRESSO I CENTRI ONCOLOGICI DELLA

Dettagli

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit Organizzazione ed erogazione delle cure e audit LG SIGN 9 M.Mercuri 21/11/2010 IL CONTROLLO MEDICO E L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Dettagli

Promozione di stili di vita sani: interventi di sostegno al cambiamento rivolti alle persone con disagio psichico

Promozione di stili di vita sani: interventi di sostegno al cambiamento rivolti alle persone con disagio psichico Promozione di stili di vita sani: interventi di sostegno al cambiamento rivolti alle persone con disagio psichico PALMANOVA (UD), 20.11.2013 Duilia Zanon Centro Prevenzione e Trattamento del Tabagismo

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche e salute nelle Carceri Bologna 8 gennaio 2013 1 Obiettivi della riunione Progetto

Dettagli

Interventi sul caregiver del paziente affetto da demenza

Interventi sul caregiver del paziente affetto da demenza Interventi sul caregiver del paziente affetto da demenza Dott.ssa Amparo Ortega Ambulatorio di Neuropsicologia Dipartimento di Neurologia ASL 3 Genovese La malattia di Alzheimer è la più comune causa di

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Prof. Lucio Moderato Psicologo Psicoterapeuta - Direttore Servizi Diurni e Territoriali Fondazione

Dettagli

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE DR.SSA GIULIANA GIAMPIERI Psicologa e Psicoterapeuta Azienda USL di Rieti Gruppo di lavoro per la valutazione del rischio psicosociale RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Gli strumenti Governo Clinico

Gli strumenti Governo Clinico Gli strumenti Governo Clinico 1) LINEE GUIDA Sono raccomandazioni di comportamento clinico E non hanno tutte la stessa forza Non tutte le linee guida hanno le stesse caratteristiche di qualità 2) AUDIT

Dettagli

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 11 Indice. Piano strategico. Pag. 13 Farsi la diagnosi con gli Alberi Decisionali (Algoritmi). Pag. 15 12 Piano strategico. Alla luce di quanto esposto fino ad ora,

Dettagli

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 2 Pronto Soccorso Futuro Manager 3 Prestazioni il problema delle prestazioni

Dettagli

Polo Emilia Marche Centro di riabilitazione S. Maria ai Servi - Parma Centro di riabilitazione Egidio Bignamini - Falconara Sede legale:

Polo Emilia Marche Centro di riabilitazione S. Maria ai Servi - Parma Centro di riabilitazione Egidio Bignamini - Falconara Sede legale: Corso Formazione interna dei terapisti NPI sugli aspetti psichiatrici (autismo, ADHD, disturbi... disturbi affettivi) Livello 1 [X] Parma [ ] Falconara Marittima AN ABSTRACT: In età evolutiva è indispensabile

Dettagli

Dirigene Medico Specialista in Psichiatria. Dirigente ASL I fascia - C.S.M. di Lamezia Terme

Dirigene Medico Specialista in Psichiatria. Dirigente ASL I fascia - C.S.M. di Lamezia Terme INFORMAZIONI PERSONALI Nome Corace Eleonora Data di nascita 15/01/1977 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigene Medico Specialista in Psichiatria AZIENDA SANITARIA

Dettagli

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ Congresso PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI CONDIVISI PER L ADHD Una risposta alle criticità e ai bisogni inevasi Milano, 10 novembre 2015 AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ SESSIONE: STRUTTURA DELLA RETE

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

PREVENZIONE e LIFE SKILLS (abilità per la vita) Carlo Pellegrini Lecco, 25/02/2013

PREVENZIONE e LIFE SKILLS (abilità per la vita) Carlo Pellegrini Lecco, 25/02/2013 PREVENZIONE e LIFE SKILLS (abilità per la vita) Carlo Pellegrini Lecco, 25/02/2013 Premessa Le linee guida della prevenzione delle dipendenze raccomandano di aumentare i fattori di protezione e di diminuire

Dettagli

Istituto di Psichiatria e Psicologia Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli ROMA

Istituto di Psichiatria e Psicologia Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli ROMA Istituto di Psichiatria e Psicologia Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli ROMA APPROCCIO INTEGRATO AL TRATTAMENTO DEL DISTURBO DA ATTACCHI DI PANICO GINO POZZI DATI EPIDEMIOLOGICI PREVALENZA NELLA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome PINTO, Sonia Gabriella Data e luogo di nascita Palermo, 03/07/1961 Qualifica Dirigente Medico di Psichiatria Amministrazione Azienda Sanitaria Provinciale

Dettagli

La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche

La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche Corso ECM La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche Napoli, 30 Giugno - 1 Luglio 2015 Hotel Royal Continental Responsabile scientifico Andrea Fiorillo Dipartimento

Dettagli

Fattori predittivi del decorso e dell outcome del Disturbo Bipolare

Fattori predittivi del decorso e dell outcome del Disturbo Bipolare Capitolo 13 Fattori predittivi del decorso e dell outcome del Disturbo Bipolare William H. Coryell, M.D. È di fondamentale importanza per i pazienti con Disturbo Bipolare, i loro familiari e i medici curanti

Dettagli

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano La PdV nella cura della depressione dell anziano Marzia Corigliano Sempre più numerosi sono gli anziani che conservano un buono stato di salute fisica e mentale ma in questa fascia di età aumentano le

Dettagli

Dare informazioni ai pazienti: il progetto Mario Negri - Fondazione FSK

Dare informazioni ai pazienti: il progetto Mario Negri - Fondazione FSK Dare informazioni ai pazienti: il progetto Mario Negri - Fondazione FSK Paola Mosconi Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Milano,

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione resistente alla terapia farmacologica di Salvatore Di Salvo I dati della

Dettagli

carlo.clerici@istitutotumori.mi.it www.ilprogettogiovani.it www.infoadolescentietumori.it

carlo.clerici@istitutotumori.mi.it www.ilprogettogiovani.it www.infoadolescentietumori.it L introduzione L oncologo pediatra al problema carlo.clerici@istitutotumori.mi.it www.ilprogettogiovani.it www.infoadolescentietumori.it indipendenza identità relazioni senso del limite il rapporto con

Dettagli

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org TRATTAMENTO DI GRUPPO NEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 29 novembre 2012 Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org DOVE? Il trattamento del giocatore si articola all interno

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Epidemiologia Disturbi dell Umore Prevalenza Maschi/ femmine Età di esordio Depressione

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE nella REGIONE VENETO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE nella REGIONE VENETO PROGRAMMA DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE nella REGIONE VENETO Il programma di prevenzione cardiovascolare è stato attivato nella Regione Veneto nel corso del 2008, dopo una fase di preparazione durata

Dettagli

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca:

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca: UN PROGETTO DI RICERCA IN MATERIA DI TERAPIA E ATTIVITA ASSISTITA DAGLI ANIMALI NEL CENTRO SERVIZI ALZHEIMER DELLA VILLA GIOVANNI XXIII DI BITONTO IN COLLABOTRAZIONE CON L ASSOCIAZIONE WILLIE.IT * Nicola

Dettagli