tra la pubblicità online e il ROI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "tra la pubblicità online e il ROI"

Transcript

1 Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising

2 Una chiara connessione tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni. Alla fine della campagna vengono analizzati i risultati e si valutano le performance di ciascun mezzo di comunicazione. Tuttavia, l esame isolato dei singoli mezzi di comunicazione non spiega l interazione tra di essi e aiuta ben poco gli advertiser a decidere quali elementi includere nelle campagne future. Con l ausilio degli esperti di modelli econometrici di BrandScience, Microsoft Advertising ha analizzato il rapporto tra il canale online e gli altri media nel settore delle telecomunicazioni, per fornire agli advertiser consigli utili per pianificare con maggiore efficacia le campagne e per ottimizzare la spesa pubblicitaria. Questo documento cerca di rispondere a tre domande fondamentali per gli advertiser del settore delle telecomunicazioni: Gli attuali livelli di investimento online stanno producendo il miglior rendimento possibile? Come interagisce il canale online con gli altri media? Quale dovrebbe essere il media mix complessivo? pagina 1

3 Guadagnare margine sulla concorrenza in un mercato altamente competitivo In un settore in così rapida evoluzione come quello delle telecomunicazioni, in cui vengono lanciati di continuo prodotti e servizi innovativi, con l unico limite imposto dai ritmi del progresso tecnologico, la competizione tra i pochi protagonisti è feroce. Il vantaggio competitivo potrebbe avere vita breve. Pertanto, rendere i clienti consapevoli delle ultime offerte è una priorità assoluta e la pubblicità è sempre stata una parte importante del marketing mix. Le società di telecomunicazioni appartengono a un settore che investe molto nel marketing. Come i prodotti e i servizi offerti, anche le pubblicità e i metodi utilizzati per trasmettere il messaggio ai consumatori devono essere innovativi. Ecco perché le società di telecomunicazioni sono state tra le prime ad adottare la pubblicità online e restano tra quelle che spendono di più nel canale online. Il settore si è reso conto molto presto che, per raggiungere il suo pubblico di consumatori giovani, benestanti ed esperti di tecnologia, doveva adoperare il web. Il cambiamento delle abitudini mediatiche e il ricorso sempre meno frequente ai media tradizionali ha costretto gli advertiser ad adottare nuovi mezzi di comunicazione e piattaforme. Il canale online funziona egregiamente con la target audience di nuovi prodotti e servizi di telecomunicazione. Consente infatti ai consumatori di informarsi meglio, raccogliere e condividere opinioni, confrontare prodotti e persino effettuare acquisti. Agli advertiser del settore spetta quindi il compito di trovarsi nel punto esatto in cui vengono prese queste decisioni di acquisto. È la capacità di condividere informazioni online che consente a un piccolo gruppo chiave di early adopter di diventare influencer. Conquistare questo piccolo gruppo intransigente significa influenzare il successo delle vendite. Si tratta infatti di sostenitori del brand estremamente influenti, che si assumono rischi senza lasciarsi condizionare dai prezzi e provano, per primi, nuovi prodotti e servizi su cui manifestano, poi, molto chiaramente la propria opinione. Il canale online ha spinto tali soggetti ad esprimersi più velocemente, rivolgendosi ad una platea più ampia. Ecco perché gli advertiser del settore delle telecomunicazioni vogliono essere certi di raggiungere con efficacia questo ristretto gruppo di consumatori, intervenendo nel dialogo, agevolandolo ma anche monitorandolo. Il canale online ha un impatto positivo sulla target audience di nuovi prodotti e servizi del settore. Per quanto concerne le campagne pubblicitarie, gli advertiser del settore approfittano della misurabilità del canale online per comprendere se hanno raggiunto la target audience, per valutare il livello di risposta a ogni call to action e persino per analizzare l eventuale impatto del brand. Tuttavia, per testare concretamente l efficacia del web, i risultati devono essere confrontati con quelli degli altri media. La differenza dei parametri con cui si valutano i diversi canali mediatici può rendere tale confronto piuttosto complesso e fa nascere l esigenza di utilizzare tecniche innovative. Nel caso specifico, gli esperti di Microsoft Advertising e BrandScience si sono avvalsi del modello econometrico per trarre conclusioni che coinvolgessero più media e stabilire l impatto del canale online. pagina 2

4 Un sistema su misura: il modello econometrico Tutti i brand eseguono autovalutazioni in base a key performance indicator (KPI), ovvero parametri quali vendite, percezione del brand, quota di mercato, acquisizione di clienti o altre metriche in grado di definire il successo. Comprendere i performance driver non è un compito semplice e richiede una profonda conoscenza di tutti i fattori che influenzano un brand, sia quelli controllabili, quali il marketing o i prezzi, sia quelli non controllabili, quali le condizioni atmosferiche, l attività della concorrenza e così via. Il modello econometrico prevede l applicazione della matematica al marketing, con l obiettivo di definire con chiarezza l impatto di ogni fattore condizionante sul successo del brand. Si tratta di confrontare tutti i driver potenziali con le performance passate per definire con precisione il grado d influenza che ogni fattore esercita sui KPI. Questa tecnica è stata ampiamente adottata da advertiser e agenzie pubblicitarie e viene utilizzata, da oltre 20 anni, come metodo credibile di analisi delle performance dei brand. Un insight più approfondito nel settore delle telecomunicazioni Il modello econometrico viene, in genere, utilizzato per misurare i performance driver di un solo brand in un solo mercato, a causa della complessità dell analisi, della quantità di dati necessari e del numero di fattori in gioco. In questa ricerca, Microsoft Advertising ha esaminato un insieme di studi riferiti a un settore, per produrre una serie di insight utilizzabili dall intera categoria. La categoria scelta è stata quella delle telecomunicazioni, per svariati motivi: I 10 studi raccolti sono stati valutati adoperando solide tecniche statistiche, con un alto grado di sicurezza e su basi comparabili. Ogni studio contiene dati che coprono almeno due anni e implica circa 500 ore di modellizzazione matematica. Il KPI utilizzato per l analisi è sempre lo stesso, ovvero l acquisizione di clienti. Il raggio di valutazione è molto ampio e comprende brand di banda larga, telefonia cellulare e linea fissa, sufficienti a fornire insight per l intero settore. Gli studi si riferiscono tutti a brand nordeuropei e consentono, quindi, di trarre conclusioni circoscritte a una precisa area geografica. I brand coinvolti nella ricerca sono le prime 3 aziende nei rispettivi Paesi. Tutti i brand analizzati hanno condotto campagne di marketing multimediali con un elemento online. L ultimo punto è importante perché, con questo studio, Microsoft voleva rispondere al crescente bisogno di sapere in che modo il canale online contribuisce all efficacia complessiva di una campagna. Grazie all impiego di dati effettivi invece che di teorie e presupposti, la ricerca permette di prendere con fiducia decisioni basate sui fatti e dovrebbe garantire ai lettori la validità dei risultati riportati e la loro utilità per la pianificazione quotidiana dei media. Lo scopo generale è quello di aiutare gli advertiser a fare un uso più efficiente dei budget riservati al marketing e a ridurre lo spreco dovuto all utilizzo di media che non aggiungono valore. pagina 3

5 Una chiara redditività dei capitali investiti Tra tutti i fattori che possono influenzare il KPI (acquisizione di clienti), lo studio si è focalizzato sull impatto della pubblicità, confrontando le performance del canale online con TV, stampa, pubblicità esterna e radiofonica, con l obiettivo di mostrare in che modo la pubblicità influenza l acquisizione di clienti, in ognuno dei media presi in esame. Quanto ai risultati illustrati nel resto del presente documento, parliamo di acquisizione di clienti in termini di valore monetario. Ogni cliente ha un valore che è diverso per ciascun brand. Moltiplicando il numero di clienti acquisiti per il valore attribuito a un singolo cliente per un determinato brand, siamo riusciti ad ottenere una misura coerente per tutto il settore. Così facendo, abbiamo anche potuto confrontare direttamente la spesa pubblicitaria con il fatturato. La misura adottata in questo studio è descritta di seguito. RROI (Revenue Return on = investment, redditività dei capitali investiti in rapporto al fatturato) A: Clienti acquisiti B: Valore monetario di ciascun cliente x C: Investimenti realizzati per acquisire i clienti in questione Tutti i grafici e le cifre a seguire si basano su risultati reali, derivati da questa meta-analisi di studi econometrici. fig. 1: ROI fig. 2: Spesa fig. 3: Media p5 p6 p7 fig. 4: Ripartizione fig. 5: Retention fig. 6: Online p7 p8 p9 pagina 4

6 L aumento della spesa pubblicitaria comporterà un aumento del ROI? È ben noto che il marketing ha un impatto positivo sulle vendite. Non si tratta, tuttavia, di un rapporto diretto, e un investimento in costante aumento non avrà lo stesso effetto sulle vendite. Le curve del ROI (figura 1) mostrano come il ROI sia influenzato dai livelli variabili di investimento. A. B. All inizio, quando la spesa pubblicitaria aumenta, il ROI aumenta rapidamente. Questo è il punto in cui il ROI è ottimizzato e la spesa pubblicitaria mostra il livello più alto di redditività relativa. C. D. Un ulteriore investimento non porterà il ROI al di sopra di questo livello ottimale. Ciò non significa che la pubblicità non abbia un impatto sulle vendite, ma soltanto che il livello di redditività è inferiore a quello ottimale, vale a dire che c è spreco di media. Infine, potrebbe esserci un punto in cui il ROI è meno di zero. Oltre questo punto, il costo della pubblicità è più alto di un eventuale redditività e il marketing non è proficuo. B Figura 1 Curva del ROI A C ROI ROI = 0 D Spesa pubblicitaria Ovviamente il modello sopra riportato è ipersemplificato; la scelta di livelli di investimento non è un processo così semplice. Il ROI viene influenzato da molti altri fattori oltre alla pubblicità. Il vantaggio di questo studio è che siamo riusciti a scorporare tutti gli altri fattori d influenza grazie a modelli econometrici e abbiamo quindi analizzato il ROI in base alla sola spesa pubblicitaria. pagina 5

7 Il meglio deve ancora venire: la spesa online non ha ancora raggiunto il massimo La figura 2 traccia un grafico della spesa per la pubblicità online, rispetto al ROI, per i 10 brand presi in esame. Tra i punti c è una linea di migliore adattamento. Il risultato più significativo indica che c è ancora altro ROI da acquisire. Per gli advertiser dell industria delle telecomunicazioni di questo studio, una maggiore spesa online ha alzato costantemente il ROI, a indicare che tale spesa deve ancora raggiungere il punto massimo per il settore. Se si confronta questo dato con la figura 1, risulta evidente che il grafico del ROI non ha ancora raggiunto il punto B. ROI del canale online Figura 2 Curva del ROI online per le società di telecomunicazioni Spesa online m Ma, rispetto agli altri media, la pubblicità online si trova in una posizione unica? La figura 3, nella pagina seguente, mostra che è proprio così. Per tutti gli altri media presi in esame, con l aumentare della spesa, il ROI diminuiva. La pubblicità online è l unico mezzo di comunicazione che continua a incrementare la redditività, a fronte di livelli crescenti di spesa. Malgrado attualmente il ROI online sia relativamente più basso rispetto a quello degli altri media, con l aumento degli investimenti dovrebbe raggiungere livelli più equiparabili. Il motivo è ovvio. Per tutti gli advertiser coinvolti nello studio, la somma spesa per la pubblicità online è stata molto più contenuta rispetto a quella stanziata per gli altri media. In confronto ad altri settori, le società di telecomunicazioni investono una somma relativamente alta in pubblicità online, anche se sempre più bassa in proporzione rispetto a quella investita per altri media, come la TV e la carta stampata. La spesa per la pubblicità online relativamente più bassa, rispetto a quella per altri media, e un ROI che deve ancora raggiungere il massimo sono elementi che portano a concludere che il settore delle telecomunicazioni deve continuare a investire nella pubblicità online, per raggiungere un equilibrio ottimale tra i media e garantire un ROI maggiore. La pubblicità online è l unico mezzo di comunicazione che continua a incrementare la redditività, a fronte di livelli crescenti di spesa. pagina 6

8 9,5 9,9 9,6 11,8 9 11,6 11,2 Figura 3 ROI di media diversi, superiore e inferiore alla spesa media ROI 4,3 5,7 6,5 Inferiore alla spesa media Superiore alla spesa media Online TV Stampa Pubblicità esterna Media Radio Non sarebbe giusto fare ipotesi basate su livelli d investimento che vanno ben oltre quanto osservato in questo studio. Anche se il modello econometrico permette di fare previsioni precise basate su dati passati, non sarebbe sensato fare ipotesi sul canale online come mezzo di comunicazione dominante, quando gli unici dati osservati rilevano che è stato utilizzato in misura ridotta nel media mix. Perciò, il resto dell analisi esamina il canale online come mezzo di comunicazione di supporto e valuta le opportunità che esso offre. Una scelta equilibrata: una combinazione eterogenea di media garantisce ottime performance Abbiamo preso in esame la spesa assoluta, ma che dire della percentuale di spesa del canale online, in rapporto ad altri media, nell ambito del media mix complessivo? Per questa analisi, abbiamo osservato in che modo varia il media mix quando le performance sono superiori o inferiori alla media in termini di ROI. Tra i due gruppi c è una netta differenza: le campagne con le performance migliori mostrano una ripartizione più equilibrata tra i vari media. Spicca, in particolare, la riduzione della spesa per gli spot televisivi, dato che la differenza più sostanziale è costituita da un maggiore investimento nella pubblicità a mezzo stampa e anche da una spesa online più consistente. Sebbene la base di partenza sia bassa, le campagne con le performance migliori mostrano un ulteriore 33% di investimenti nel canale online. Figura 4 Ripartizione dei media nelle campagne con le performance migliori e peggiori 67% 19% 7% 4% 3% Campagne con le performance peggiori 47% 36% 6% 7% 4% Campagne con le performance migliori TV Stampa Pubblicità esterna Radio Online pagina 7

9 La scelta della combinazione ideale: la sinergia del canale online con altri media In questo studio, non sono state osservate campagne pubblicitarie in cui il canale online è il mezzo di comunicazione dominante, perciò il resto del rapporto analizza il funzionamento del canale online come mezzo di comunicazione di supporto, nell ambito del più ampio media mix. Per analizzare il successo del canale online come mezzo di comunicazione di supporto, abbiamo valutato se la percentuale variabile di spesa online di una campagna ha un influenza diretta sui retention rate degli annunci degli altri media nel mix e quindi sulle performance complessive della campagna. La retention è una misura dell effetto della pubblicità nel tempo. Quando una persona è esposta a una pubblicità, c è una risposta differita. Ma le persone tendono anche a dimenticare, perciò tale risposta si indebolisce, a velocità costante, con il passare del tempo. Un carry-over rate elevato implica che le persone continueranno a essere influenzate dalla pubblicità molto tempo dopo averla vista, mentre un carry-over rate ridotto indica una campagna meno riuscita, che le persone dimenticano più facilmente e da cui, di conseguenza, si lasciano influenzare di meno. Nella figura 5, che possiamo utilizzare come esempio, le barre rappresentano quantitativamente l attività della campagna. Le aree colorate indicano come viene influenzata la retention degli annunci: A. B. Il picco di ogni grafico rappresenta una settimana dopo la campagna. Qui la retention è, al 100%, il punto di massimo impatto. L inclinazione della curva indica la velocità con cui diminuisce l impatto. Una campagna più riuscita avrà un picco più alto e una curva con un inclinazione meno marcata, rappresentata dall area grigio chiaro nel grafico. Una campagna meno riuscita avrà un picco più basso e una curva con un inclinazione più marcata, rappresentata dall area grigio scuro. La retention rate viene misurata osservando la retention nel giro di una settimana o due, una misura standard dell efficacia a medio termine. Retention degli annunci A A B B Figura 5 Misurazione della retention degli annunci Attività della campagna Campagna più riuscita Campagna meno riuscita Tempo pagina 8

10 Nella figura 6, esaminiamo la retention degli annunci per le società di telecomunicazioni, in ciascuno dei media, a seconda che la spesa online sia stata superiore o inferiore alla media. Quando il canale online costituisce una quota più consistente della spesa destinata a una campagna pubblicitaria, la retention aumenta, in ogni caso osservato, per tutti i media. Prendendo la TV come esempio, quando la spesa online è inferiore alla media la retention diminuisce del 33% entro la seconda settimana (dal 100% al 67%). Con l aumento della spesa online, la retention diminuisce solo del 21% (dal 100% al 79%). Quindi c è un aumento del 12% (dal 67% al 79%) della retention degli spot televisivi, aumentando la spesa online. L aumento dei retention rate evidenzia il valore che il canale online può aggiungere, quando viene incluso in una campagna, anche a livelli proporzionalmente bassi di spesa. Grazie al modello econometrico, possiamo vedere esattamente in che modo la retention degli annunci porta all acquisizione di clienti e, dato che l acquisizione di un cliente può essere quantificata in termini di valore monetario, possiamo attribuire il ROI direttamente al miglioramento causato dall aumento della spesa online. Può darsi che il canale online non venga utilizzato spesso come mezzo di comunicazione dominante, ma questo studio mostra quanto sia importante aumentarne la quota d uso, poiché esso contribuisce concretamente al successo della campagna, cioè fa funzionare in modo più efficace gli altri media. Retention degli annunci 55% 58% 59% 74% 66% 77% 67% 79% Figura 6 Ruolo del canale online nella retention degli annunci Inferiore alla spesa media online Superiore alla spesa media online Pubblicità esterna Radio Media Stampa TV pagina 9

11 Che cosa riserva il futuro agli advertiser del settore delle telecomunicazioni? Tutti i grafici mostrati in questa ricerca sono stati creati da BrandScience, in seguito a una meta-analisi di studi basati sul modello econometrico. Il fatto che questo studio sia il prodotto della realizzazione di solidi modelli statistici, che comprendono i brand più importanti di tutta Europa, dovrebbe dare credito ai risultati riportati. 1. Il canale online non ha ancora raggiunto il suo valore massimo Contrariamente a tutti gli altri media presentati in questo studio (TV, stampa, pubblicità esterna e radio), la spesa online non ha ancora raggiunto un punto in cui i livelli di acquisizione di clienti (ROI) sono ottimizzati, cioè il punto in cui la spesa pubblicitaria mostra il massimo livello di redditività relativa. Nel caso di tutti gli altri media presentati nello studio, con l aumentare della spesa si è arrivati a un punto in cui il ROI è diminuito. La combinazione di spesa relativamente bassa per la pubblicità online e correlazione positiva tra spesa e acquisizione di clienti suggerisce che il settore delle telecomunicazioni deve incrementare gli investimenti nel canale online per ottenere media mix e ROI ottimali. 2. Un nuovo equilibrio tra i media Per i brand di telecomunicazioni osservati, le campagne con le performance migliori hanno indicato una ripartizione più equilibrata tra i vari media. Spicca, in particolare, la riduzione del predominio della TV (che diminuisce passando da una quota del 67% al 47%) a favore di ulteriori investimenti nell attività a mezzo stampa e online. 3. Utilizzo del canale online per supportare media più dominanti Quando il canale online costituisce una quota più consistente della spesa destinata a una campagna pubblicitaria, la retention degli annunci (cioè l effetto della pubblicità nel tempo) aumenta in ogni caso osservato, per tutti i media. Nessuna delle campagne di questo studio aveva il canale online come mezzo di comunicazione dominante, ma la ricerca mostra quanto sia importante aumentarne il peso, poiché esso contribuisce concretamente al successo della campagna, cioè fa funzionare in modo più efficace gli altri media. Considerazioni finali Per acquisire ulteriori clienti, aumentare le vendite e migliorare il ROI per il settore delle comunicazioni il messaggio è chiaro: occorre incrementare l investimento nel canale online attraverso la ridistribuzione del budget. Le nostre osservazioni hanno rivelato che molte campagne pubblicitarie risentono di redditività in calo poiché fanno troppo affidamento su un canale dominante, vale a dire la TV. Grazie alla ridistribuzione di parte del budget nel canale online, i marketer del settore delle telecomunicazioni potranno ottenere un effetto moltiplicatore maggiore e, in ultima analisi, un ROI più alto.* *N.B. Vale la pena notare che ciascun brand è diverso e che i risultati effettivi dipenderanno dalle singole circostanze. Questi risultati rappresentano un forte indicatore di performance per la verticale delle telecomunicazioni nel suo insieme, ma i singoli advertiser, con ripartizioni di media molto diverse da quelle qui esaminate, potrebbero non rientrare nell ambito delle nostre osservazioni. pagina 10

12 You dream it. We deliver it Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati. Microsoft è un marchio dell omonimo gruppo di società.

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Indice di rischio globale

Indice di rischio globale Indice di rischio globale Di Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione Con tale studio abbiamo cercato di creare un indice generale capace di valutare il rischio economico-finanziario

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Viaggiatori. e percorsi d'acquisto. Come il Performance Marketing ispira e orienta la scelta nel settore dei viaggi. tradedoubler.

Viaggiatori. e percorsi d'acquisto. Come il Performance Marketing ispira e orienta la scelta nel settore dei viaggi. tradedoubler. Viaggiatori e percorsi d'acquisto Come il Performance Marketing ispira e orienta la scelta nel settore dei viaggi tradedoubler.com Gli europei sono determinati a scegliere hotel, voli e vacanze alle loro

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Glossario di marketing Accettazione: pubblico. misura l accoglimento di un annuncio pubblicitario da parte del Account: figura professionale che svolge

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Obiettivi Generali COS È

Obiettivi Generali COS È Obiettivi Generali COS È Una tecnologia attraverso la quale è possibile fare simulazioni di scenario per comprendere meglio le scelte di marketing e comunicazione. PERCHÈ La progressiva complessità di

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa INDICE 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa 2. Una storia di successo 3. Valori che fanno la differenza Prezzo Servizio clienti Sicurezza degli acquisti Facilità e flessibilità Innovazione e tecnologia

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: per operare in modo efficiente le aziende hanno bisogno di conoscere se l utilizzo delle risorse che stanno impiegando nelle diverse attività è economicamente

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management CONCESSIONARIE DI PUBBLICITA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management DEFINIZIONI DEL SETTORE Il settore delle «concessionarie di pubblicità» si occupa della vendita di spazi

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS in collaborazione con FACEBOOK PER IL BUSINESS MODULO BASE A giugno 2014 Facebook festeggia 30 milioni di piccole imprese attive con una pagina aziendale sui propri canali.

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

SOCIAL MEDIA MARKETING 2.0 BUZZ MARKETING NEI SOCIAL MEDIA

SOCIAL MEDIA MARKETING 2.0 BUZZ MARKETING NEI SOCIAL MEDIA SOCIAL MEDIA MARKETING 2.0 BUZZ MARKETING NEI SOCIAL MEDIA info@nonickname.it 02 INDICE 1. CRESCONO I CONSUMATORI MULTICANALE 2. NUOVE STRATEGIE AZIENDALI 3. SOCIAL MEDIA MARKETING PER LE AZIENDE 4. L

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

Analisi degli Investimenti Capitolo 10

Analisi degli Investimenti Capitolo 10 Analisi degli Investimenti Capitolo 10 1 Criteri di valutazione degli investimenti 1. Criteri finanziari di valutazione degli investimenti - Valore Attuale Netto (VAN) - Tasso Interno di Rendimento (TIR)

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE MEZZI

LA PIANIFICAZIONE MEZZI LA PIANIFICAZIONE MEZZI Appunti di Pubblicità e Marketing Dispensa redatta dal Prof. Marco Galdenzi ad uso degli studenti del Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione Anno accademico 2011/2012 LE

Dettagli

Che cosa si impara nel capitolo 2

Che cosa si impara nel capitolo 2 Che cosa si impara nel capitolo 2 Si può valutare e confrontare il contenuto, ad esempio di tre diversi settimanali, riducendo gli aspetti qualitativi a valori numerici: quante pagine sono dedicate alla

Dettagli

03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE. Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria

03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE. Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria Informazioni, riflessioni e spunti sui temi del management e della gestione d impresa 03/13 GLI EFFETTI DELLA ROTAZIONE Come diventare più competitivi e migliorare la disponibilità finanziaria Sommario:

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Pianificazione dell attività di revisione- Un caso aziendale

Pianificazione dell attività di revisione- Un caso aziendale Pianificazione dell attività di revisione Un caso aziendale Corso di Audit e Governance Università degli Studi di Bergamo Prof.ssa Stefania Servalli Pianificazione dell attività di revisione- Un caso aziendale

Dettagli

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale n La Pianificazione n L Organizzazione n Il Coinvolgimento del Personale n Il Controllo Componenti del Sistema di Pianificazione n Valutazioni interne

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Analisi dei margini: componenti e rischi

Analisi dei margini: componenti e rischi Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei margini: componenti e rischi Capitolo 7 Indice degli argomenti 1. Principali componenti del reddito operativo 2. Tipici fattori

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria Il caso Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria di Silvia Tommaso - Università della Calabria Nella scelta delle fonti di finanziamento, necessarie alla copertura del fabbisogno

Dettagli

CASE STUDY. L Oréal Canada

CASE STUDY. L Oréal Canada CASE STUDY Scopre la bellezza degli acquisti programmatici con DoubleClick Bid Manager e Google Analytics Premium L'Oréal Canada scopre la bellezza degli acquisti programmatici con DoubleClick Bid Manager

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

La gestione dello Studio Odontoiatrico

La gestione dello Studio Odontoiatrico A cura di Daniele Rimini Pd For Consulenza Direzionale in collaborazione con il laboratorio Tridentestense è lieta di presentarvi la ricetta manageriale La gestione dello Studio Odontoiatrico Presidente

Dettagli

MARKETING LOW COST di Cristina Mariani

MARKETING LOW COST di Cristina Mariani Indice Introduzione Ringraziamenti 1. Come effettuare un analisi di mercato low cost 1. Ricerca di mercato low cost 1.1. Ricerca formale 1.2. Ricerca informale 2. Segmentare un mercato in evoluzione 2.1.

Dettagli

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione per le aziende METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION.

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

PIÙ DI 10 ANNI A PANE E INTERNET

PIÙ DI 10 ANNI A PANE E INTERNET Polo d attrazione. PIÙ DI 10 ANNI A PANE E INTERNET UNA PARTITA AVVINCENTE L esperienza e lo stile distinguono i professionisti dai principianti. Dieci anni a pane e Internet sono tanti; per molti sono

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN L analisi della domanda ed il Piano di Marketing Dr.ssa Emanuela d

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

01 ABOUT 02 MISSION 03 DIRECT EMAIL MARKETING 04 DISPLAY ADVERTISING 05 SOCIAL MEDIA MARKETING 06 WEB DESIGN 07 SEO 08 IT CONSULTING 09 CONCLUSIONI

01 ABOUT 02 MISSION 03 DIRECT EMAIL MARKETING 04 DISPLAY ADVERTISING 05 SOCIAL MEDIA MARKETING 06 WEB DESIGN 07 SEO 08 IT CONSULTING 09 CONCLUSIONI 01 ABOUT 02 MISSION 03 DIRECT EMAIL MARKETING 04 DISPLAY ADVERTISING 05 SOCIAL MEDIA MARKETING 06 WEB DESIGN 07 SEO 08 IT CONSULTING 09 CONCLUSIONI 10 CONTATTI 01 ABOUT Il Network di GruppoFacile GruppoFacile

Dettagli

I social network. Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati. Non esiste il miracolo

I social network. Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati. Non esiste il miracolo I social network Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati Non esiste il miracolo Si deve lavorare e lavorare duro per ottenere risultati Le informazioni

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

Programma Agency. ottenere nuovi #contatti. aumentare le vendite ed il #business on-line. pagare solo i #risultati ottenuti AIUTA I TUOI CLIENTI A:

Programma Agency. ottenere nuovi #contatti. aumentare le vendite ed il #business on-line. pagare solo i #risultati ottenuti AIUTA I TUOI CLIENTI A: Programma Agency AIUTA I TUOI CLIENTI A: ottenere nuovi #contatti aumentare le vendite ed il #business on-line pagare solo i #risultati ottenuti 24Adv per le Agenzie Il programma Agency di 24Adv è la suite

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Cosa significa «Investimento»? L investimento è la seconda

Dettagli

TorreBar S.p.A. Svolgimento

TorreBar S.p.A. Svolgimento TorreBar S.p.A. Svolgimento 2. Partendo dalle informazioni sopra esposte, si costruisca la mappa strategica specificando le relazioni di causa effetto tra le diverse prospettive della BSC. Azioni Crescita

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe:

Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe: NetObserver Europa PER SAPERE TUTTO SUI NAVIGATORI Comunicato stampa Parigi, Marzo 2008 Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe: Differenze nell utilizzo dei media fra generazioni

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

Data. Copyright UBS e IFJ Institut für Jungunternehmen, San Gallo. Progetto / azienda. Indirizzo di contatto. Autore

Data. Copyright UBS e IFJ Institut für Jungunternehmen, San Gallo. Progetto / azienda. Indirizzo di contatto. Autore Progetto / azienda Indirizzo di contatto Autore Data Copyright UBS e IFJ Institut für Jungunternehmen, San Gallo Il Business Plan Introduzione Il Business Plan è un importante e utile ausilio per ogni

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Benvenuti nell era del web 2.0

Benvenuti nell era del web 2.0 Un utente isolatonon può fare nulla. Si relaziona unicamente con l ambiente esterno e sebbene insoddisfatto non ha la possibilitàdi cambiare le cose. Due utentiin relazione possono confrontarsi e l esperienza

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO. la decisione per il vostro successo. Sede centrale: Hinter der Mühl 2 D-55278 Selzen Germania

IL FOTOVOLTAICO. la decisione per il vostro successo. Sede centrale: Hinter der Mühl 2 D-55278 Selzen Germania IL FOTOVOLTAICO la decisione per il vostro successo Sede centrale: Hinter der Mühl 2 D-55278 Selzen Germania Contatti: Tel +49 (0) 67 37 80 81 0 Fax +49 (0) 67 37 80 81 10 Stand: 01/09 info@bauer-solarenergie.de

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Modula. Perchè ogni impresa è diversa

Modula. Perchè ogni impresa è diversa Modula Perchè ogni impresa è diversa Troveremo la risposta giusta alle vostre esigenze Indipendentemente dalla natura e dalle dimensioni della vostra attività, sicuramente c è una cosa su cui sarete d

Dettagli

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA dal 1980 NE NW W SW SE S E Lo scopo principale di una strategia di comunicazione è quello di consentire alla tua azienda di raggiungere in modo più efficiente

Dettagli

campagna istituzionale

campagna istituzionale case history background Gruppo immobiliare attivo da 25 anni tra le provincie di Bologna e Ferrara, molto radicato nel territorio. Quindici agenzie (in aumento) e poco più di cinquanta agenti immobiliari

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI

GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI 1 2 Rigamonti ADV Design "Tutto è comunicazione: l arte, la politica, le città, la letteratura, il cinema; il linguaggio ne è parte dominante." Rigamonti ADV Design Rigamonti

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Su di noi TRIG SOCIAL

Su di noi TRIG SOCIAL IT Equity Story Su di noi Trig Social Media AB (publ.) è una piattaforma di social media che opera a livello internazionale e offre diversi prodotti che permettono la partecipazione attiva dei suoi membri.

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Il flusso di lavoro in un agenzia media

Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il Brief del Cliente Il planning strategico Analisi della concorrenza Analisi e costruzione del target Gli obiettivi di comunicazione

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo Datalogic redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli

Dettagli

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG Avete un progetto d installazione, acquisto,

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-7 Il capitale umano - La teoria dei segnali 1 Hip. base del modello di istruzione (teoria del capitale umano): istruzione => ( produttività del lavoratore) => w. Ragionamento

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Marketing Multimedia Innovative Communication Technology

Marketing Multimedia Innovative Communication Technology Marketing Multimedia Innovative Communication Technology Chi siamo Marketing Multimedia nasce nel 1993, dall idea e dall entusiasmo di Roberto Silva Coronel. Roberto Silva Coronel, classe 1969, ha fatto

Dettagli