Servizio Civile. La comunicazione. Dr.ssa Carla Degl Innocenti Dr.ssa Antonella Marchini Dr.ssa Monia Vangelisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizio Civile. La comunicazione. Dr.ssa Carla Degl Innocenti Dr.ssa Antonella Marchini Dr.ssa Monia Vangelisti"

Transcript

1 Servizio Civile La comunicazione Dr.ssa Carla Degl Innocenti Dr.ssa Antonella Marchini Dr.ssa Monia Vangelisti

2 Pensare la comunicazione Che cos è la comunicazione? 5 minuti per Riflettere sul significato Scrivere sul post-it E dare una definizione

3 Un percorso sulla comunicazione Tre moduli: Comunicazione Le funzioni di front-line URP e Tutela del Cittadino

4 Indice La comunicazione interpersonale La comunicazione nei gruppi La comunicazione organizzativa

5 La comunicazione interpersonale

6 La comunicazione interpersonale La comunicazione faccia a faccia La comunicazione interpersonale a distanza

7 La comunicazione è la base della convivenza umana Il termine comunicazione deriva dalla parola communis: Comunicare significa mettere in comune con altri, informazioni, idee, emozioni attraverso il linguaggio parlato o scritto E possibile all interno di un sistema condiviso con gli altri che possiedono la capacità di produrre e capire messaggi e quindi di interagire con altri soggetti La competenza comunicativa è una fondamentale capacità composta dall insieme delle presupposizioni, delle reciproche conoscenze e regole che rendono possibile lo scambio comunicativo comprensivo anche di abilità di tipo extralinguistico e sociale

8 Linguaggio e Comunicazione Linguaggio: capacità di associare suoni e significati attraverso regole grammaticali Due funzioni: Funzione comunicativa Funzione simbolica

9 Linguaggio verbale Uno degli strumenti che permettono la comunicazione ma, non l unico Aspetti non verbali della comunicazione tono, ritmo, volume della voce, gesti, mimica, sguardi, postura, abbigliamento

10 Definizione di comunicazione Uno scambio interattivo osservabile fra due o più partecipanti, dotato di un certo livello di consapevolezza e di intenzionalità reciproca, in grado di far condividere un determinato significato sulla base di sistemi simbolici e convenzionali di significazione e di segnalazione secondo la cultura di riferimento.

11 La comunicazione interpersonale risponde a: -> Bisogni di tipo fisico -> Bisogno di identità -> Bisogni sociali -> Bisogni di tipo pratico o strumentale

12 Modelli/Teorie -> Lineare (Shannon e Weaver) -> Interattivo o Circolare (Watzlawick et al. Mead, Bateson, Ong, Eco) -> Dialogico (Galimberti)

13 Modello lineare di comunicazione

14 Modello lineare di comunicazione

15 Modello lineare di comunicazione canale FONTE SEGNALE DESTINATARIO rumori CODIFICAZIONE DECODIFICAZIONE Modello cosiddetto Matematico (Shannon e Weaver)

16 Modello interattivo o circolare

17 I campi della comunicazione (Morris) Sintassi: come si confeziona un messaggio (cfr. lo stile comune) Semantica: il significato, il senso Pragmatica: gli effetti della comunicazione sugli interlocutori

18 I Cinque assiomi della Comunicazione Ci troviamo in presenza di un processo di Comunicazione tutte le volte che un comportamento di una persona o di un animale si impone all attenzione di un altra persona o animale Palo Alto Watzlawick

19 I Cinque Assiomi della Comunicazione 1. Non si può non comunicare Il comportamento è comunicazione; non è possibile non avere un comportamento, quindi è impossibile non comunicare. 2. Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e uno di relazione Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto (una notizia, una informazione, un dato ) e di relazione (un comando, un istruzione, un avvenimento ) di modo che il secondo classifica il primo. 3. La natura di una relazione dipende dalla punteggiatura delle sequenze comunicative tra i comunicanti La natura di una relazione dipende dalla punteggiatura delle sequenze di comunicazione tra i comunicanti (se si prende in considerazione il punto di vista dell uno o quello dell altro; es.: <<Lo picchio sempre perché lui si ubriaca>> - <<Bevo per dimenticare di avere una maglie isterica>>). 4. Gli esseri umani comunicano sia con il modulo digitale sia con quello analogico Il linguaggio digitale (digitale, verbale) ha una sintassi logica assai complessa e di estrema efficacia, ma manca di una semantica adeguata nel settore della relazione, ma manca di una semantica adeguata nel settore della relazione; il linguaggio analogico (il linguaggio non verbale) invece la semantica ma non ha alcuna sintassi adeguata per definire in un modo che non sia ambiguo la natura delle relazioni. 5. Gli scambi verbali possono essere basati sull uguaglianza o sulla differenza e quindi sono simmetrici o complementari Tutti gli scambi di comunicazione sono simmetrici o complementari, a seconda che siano basati sull uguaglianza o sulla differenza (da una parte rapporti paritetici, paritari, democratici, dall altra rapporti fondati sulla autorità/subordinazione).

20

21

22

23

24

25 Gli elementi costitutivi della struttura comunicativa Comunicante/ -> l individuo che possiede le capacità biologiche e Emittente psichiche di formare, emettere e ricevere un messaggio (cultura,interessi,linguaggio, risorse, strumenti, esperienza passata, conoscenza del contesto) Messaggio Canale Codice -> i contenuti e significati che l emittente vuole trasmettere -> il mezzo fisico utilizzato per la trasmissione del messaggio ( naturali o biologici e mediati, sono costituiti dai sensi) -> l insieme delle regole convenzionali utilizzate per esprimere il messaggio (la lingua madre, linguaggio gergale, braille ) Destinatario -> il soggetto a cui il messaggio viene rivolto (cultura, linguaggi, esperienze, strumenti propri) Feedback -> rappresenta il messaggio di ritorno dal destinatario all emittente (consente di verificare che il messaggio è giunto a destinazione ed è stato compreso

26 I canali comunicativi: i sensi Gusto è il senso meno legato alla comunicazione. Non esiste un codice convenzionale basato sul gusto Olfatto è usato nella comunicazione convenzionale solo in pochi casi (aggiunta di mercaptani Tatto Vista Udito al gas domestico per segnalarne le fughe). Importante nei rapporti interpersonali non è molto usato come strumento comunicativo, eccetto rapporti amorosi, saluti e rapporti amicali. (eccezioni alcuni linguaggi tattili convenzionali alfabeto Braille metodi Tadoma e Malossi). E una forma primitiva di comunicazione sociale e assume un importante funzione sia per gli uomini che per gli animali bisogno di contatto fisico fondamentale ad ogni età. Molte differenze interculturali. Funzione di segnale di interazione valenza sociologica unica, rende possibile relazioni basate sulla distanza è il senso prevalente dal punto di vista comunicativo, l unico che differenzia l <entrata> e l <uscita> con due distinti apparati: uditivo e fonico L atto di comunicazione si basa inoltre su un' aspettativa di reciproca cooperazione tra gli interlocutori

27 Nella comunicazione tra le persone si utilizzano messaggi verbali: ciò che si dice messaggi paraverbali: intonazioni e modulazioni della voce (volume, timbro), inflessioni, pause, ritmi, silenzi messaggi non verbali: distanze contatti corporei posture e movimenti gestualità espressioni del volto sguardi abbigliamento,acconciatura,trucco.

28 La comunicazione non verbale Ogni messaggio linguistico trasmette anche informazioni espressive che derivano da: Paralinguistica (aspetti non linguistici del parlato) Cinesica o mimica facciale (modalità privilegiata della comunicazione non verbale) Prossemica o modo in cui l individuo si situa nello spazio

29 La comunicazione non verbale Gli elementi: -> Aspetto esteriore -> Volto -> Sguardo -> Voce e aspetti non verbali del parlato -> Comportamento spaziale -> Movimenti del corpo e gesti

30 La comunicazione non verbale Le funzioni: -> Esprimere emozioni -> Comunicare gli atteggiamenti interpersonali -> Partecipare alla presentazione di sé -> Completare, sostenere, modificare, sostituire il discorso

31 Caratteri distintivi Comunicazione non verbale in gran parte inconsapevole, non intenzionale e non controllabile fornisce informazioni sul soggetto che la esprime è poco idonea ad esprimere concetti è ambigua ha grande efficacia nelle relazioni Comunicazione verbale per lo più consapevole e intenzionale fornisce informazioni sugli argomenti espressi è idonea a veicolare descrizioni, argomentazioni, narrazioni è meno rilevante nelle relazioni

32 Distanza interpersonale (Hall) Distanza intima (45 cm) facilità di contatto, percezione dell odore, tono basso della voce Distanza personale ( cm) possibilità di contatto, non si percepisce l odore, tono medio della voce Distanza sociale ( cm) assenza di contatto, tono della voce sostenuto Distanza pubblica (>3.5 m) apparizioni in pubblico

33 Verso gli altri Segnali non verbali Positivi Negativi Espressione Postura Gesti Tono di voce Viso rilassato e sguardo attento Aperta e protesa in avanti, simile all altro Armonici, dolci, coerenti con le parole Calmo, adattato all interlocutore e alla situazione Ciglia aggrottate, sguardo rivolto altrove Chiusa, protesa all indietro, distaccata Bruschi e veloci, dall alto in basso Nervoso, stizzito, in disarmonia con l altro.

34 Anche la comunicazione non verbale si apprende: differenze culturali Alcuni esempi: Espressioni del viso: i giapponesi le controllano, ad esempio usano la risata per nascondere rabbia o dolore I popoli mediterranei manifestano più liberamente le emozioni. Distanza: i popoli nordici parlano a distanza maggiore rispetto agli altri. Sguardo: due arabi che conversano si guardano di più rispetto a due inglesi o due americani. Contatto: gli arabi ( e in parte gli italiani e altri popoli mediterranei) si toccano mentre discutono.

35

36 Le componenti psicologiche della comunicazione Analisi del processo comunicativo -chi - comunica - che cosa -a chi - in quale contesto

37 Chi La questione dell identità La richiesta di riconoscimento dell identità L implicito

38 comunica tipi di comunicazione informare (nozione ambigua) convincere comandare esprimere un attesa o un desiderio sull altro esprimere se stessi ascoltare?

39 Le componenti dell ascolto L ascolto è composto da quattro fasi: -> L udito (sentire, aspetto fisiologico rumori di sottofondo) -> L attenzione (mettere a fuoco o no ciò che si è sentito piano psicologico) -> La comprensione (implica l interpretazione del messaggio) -> Il ricordo (abilità di richiamare le informazioni)

40 L ascolto Ascoltare non è solo sentire non è automatico E un processo intellettuale ed emotivo (integrazione di stimoli fisici, emotivi ed intellettuali per la ricerca di un significato L ascolto non è solo sufficiente ma, necessario alla comunicazione La comunicazione per realizzarsi ha bisogno di tutti gli elementi che costituiscono il rapporto comunicativo

41 I livelli di ascolto -> Ignorare -> Fingere di ascoltare -> Ascoltare a tratti -> Sentire le parole -> Porre attenzione -> Ascoltare empaticamente

42 a chi si comunica L utente e i suoi bisogni: contenimento dell ansietà I colleghi di lavoro La struttura organizzativa

43 in quale contesto Già s è detto del contesto sanitario Il setting Definizione dei confini del campo di osservazione e di intervento

44 I disturbi della comunicazione -> Atteggiamento -> Canale/codice -> Ascolto -> Contesto/cultura -> Contenuto/relazione -> Verbale/non verbale -> Stereotipi

45 Alcuni esempi di come agiscono questi disturbi: -> Una linea telefonica disturbata (canale) -> Un utilizzo di un linguaggio diverso (codice) -> Un messaggio costruito in modo troppo complesso per il ricevente (contenuto) -> un cattivo ascolto sia da parte del ricevente che dell emittente (ascolto) -> un non superamento di stereotipi mentali e culturali (stereotipi) -> Uno scarso interesse a comunicare (relazione, atteggiamento) > Una diversità di valori culturali (contesto/cultura)

46 La comunicazione interpersonale a distanza Evoluzione tecnologica I media trasformano la tradizionale relazione tra - ambiente fisico - situazione sociale I nuovi media possono favorire lo sviluppo del senso di condivisione e di appartenenza o senso di esclusione e di isolamento Un genere di esperienza che cambia la precedente: Non siamo più condizionati dalla presenza nello stesso luogo, né nella comunicazione interpersonale né nell accesso all informazione

47 Comunicazione a distanza classificazione Comunicazione scritta (lettere, telegrafo, fax, mail, chat, mud) Comunicazione verbale (telefono, cellulare) Con voce e immagine (web camera, teleconferenza, mms)

48 La comunicazione telefonica vs faccia a faccia telefonica Canali: uditivo attenzione concentrata solo sulla voce Focalizzazione -> sul contenuto del messaggio vocale Due tipi: - funzionale (fredda) raggiungimento di obiettivi misurabile (efficacia e efficienza) - relazionale (calda) -> rimanda all oralità e alla comunicazione faccia a faccia faccia a faccia Canali: uditivo, visivo, tattile, olfattivo Partecipazione dell interlocutore condizionata dalla: -> reciproca compresenza -> contesto -> situazione comunicativa Segnali di informazione retroattiva -> comportamenti di ascolto Segnali di imitazione e Gestualità locuzioni paralinguistiche (segregati vocali: ah, ehm, oh) funzione di contatto Non un semplice scambio di convenevoli ma anche -> fare richieste, ordini, trasmettere o celare informazioni, simulare, minacciare, promettere

49 La comunicazione in presenza e a distanza in presenza destinatario in genere contattato personalmente La differenza tra le due forme di comunicazione è caratterizzata dalla variabile tempo a distanza l interazione si modifica diventa un interfaccia interattiva Tra le persone c è sempre un supporto tecnico -> schermo, video, foglio di carta Questi supporti sono i mediatori della comunicazione (prodotto della tecnologia) Lo stesso apparato tecnico condiviso i due interlocutori devono possedere oltre alla volontà reciproca di un incontro con persona conosciuta o sconosciuta, l apparato biologico (canali sensoriali)

50 Comunicazione nel Gruppo di lavoro La parola è un grande dominatore che con il corpo piccolissimo ed invisibile sa compiere imprese divine (Gorgia da Lentini 2500 anni fa) Le parole sono la conoscenza del mondo, le credenze, i valori, i sistemi politici e giuridici, producono senso perché costruiti discorsivamente

51 DEFINIZIONE ESISTENZA DI UN GRUPPO UN GRUPPO ESISTE QUANDO UNO O PIU INDIVIDUI DEFINISCONO SE STESSI COME MEMBRI E QUANDO LA LORO ESISTENZA E RICONOSCIUTA DA ALMENO UN ALTRA PERSONA

52 COMUNICAZIONE NEI GRUPPI l esistenza di un gruppo si basa su 2 concetti: INTERDIPENDENZA DI UN DESTINO Un gruppo esiste quando gli individui che lo compongono si rendono conto che il loro destino dipende dal destino del gruppo nel suo insieme (Lewin e Campbell). INTERDIPENDENZA DEL COMPITO Si ha quando i risultati di ciascun individuo hanno implicazioni positive o negative sui risultati dei suoi componenti.

53 3 ragioni per l esistenza del gruppo: Uniformità di azioni e non il numero; Dimensione continua tra processo interpersonale-gruppi (appassionato di calcio e l appartenenza ad associazione calcistica); Processo interno al gruppo basato su somiglianze e differenze.

54 INQUADRAMENTO TEORICO SULLA COMUNICAZIONE Il soggetto umano è comunicante, emotivo e sociale e la comunicazione è: Un attività sociale costitutiva del soggetto che sceglie il modo di comunicare. I GRUPPI sono la condizione necessaria per l elaborazione e la conservazione dei sistemi di comunicazione ed a sua volta influenzano la vita del gruppo.

55 INQUADRAMENTO TEORICO SULLA COMUNICAZIONE La comunicazione è un attività cognitiva interdipendente dal pensiero e si manifesta in modo ostentivo e pubblico. I soggetti devono essere capaci di esplicitare il pensiero con l intenzione comunicativa. La comunicazione è influenza reciproca ed è collegata alla discomunicazione (ironia, menzogna e comunicazione seduttiva).

56 RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE Rete a croce Rete a Y Rete a catena Rete a cerchio Gli studi sulle reti di comunicazione hanno evidenziato la capacità della struttura della rete di influenzare l efficienza, il grado di soddisfazione e insoddisfazione di gruppo. La posizione di un individuo all interno di una rete di comunicazione influisce sulle possibilità di scambio comunicativo, di partecipazione e sul suo livello di soddisfazione.

57 RETI DI COMUNICAZIONE Gli individui alla periferia ricevono meno informazioni e tale situazione provoca un basso grado di partecipazione ed un alto livello di insoddisfazione. Si devono considerare due variabili: l indice di distanza, cioè il numero minimo di legami che un membro del gruppo deve attraversare per poter comunicare con un altro membro. l indice di centralità, cioè quanto il flusso di comunicazione è centralizzato su una persona oppure distribuito fra i membri.

58 RETI DI COMUNICAZIONE Leavitt ha dimostrato l esistenza di un rapporto fra l indice di centralità di una rete e alcuni aspetti della vita del gruppo: l efficienza, la produttività, il clima sociale e il grado di soddisfazione. Più la rete è centralizzata, maggiormente si riducono le comunicazioni e più rapido è lo svolgimento del lavoro quando il compito è semplice, con la centralità, però, diminuisce la soddisfazione dei membri che risulta elevata nelle reti poco centralizzate.

59 RETI DI COMUNICAZIONE quando la prestazione è complessa e le informazioni più numerose le reti poco centralizzate sono più adatte in quanto hanno la possibilità di suddividere il carico di lavoro in maniera uniforme e di elaborare più rapidamente tutte le informazioni necessarie per giungere alla soluzione. La natura del compito, quindi, è una variabile fondamentale.

60 PRINCIPI DI COOPERAZIONE COMUNICATIVA La comunicazione è valida soltanto se vi è trasparenza intenzionale con intenzionalità informativa e comunicativa: Intenzionalità informativa: è trasmissione involontaria (lapsus è un segnale informativo e non comunicativo); Intenzionalità comunicativa: è trasmissione consapevole con sistema condiviso.

61 PRINCIPIO DI COOPERAZIONE COMUNICATIVA PRINCIPIO DI COOPERAZIONE DI GRACE Su 4 massime convenzionali QUANTITA, QUALITA, RELAZIONE, MODO QUANTITA : dare il contributo per soddisfare la richiesta e non informazioni in eccesso; QUALITA : dire cose vere e non dire cose di cui non si e sicuri ; RELAZIONE: essere pertinenti; MODO: preciso, evitare ambiguità, ordinato nell esposizione.

62 COMUNICAZIONE PERSUASIVA COMUNICAZIONE PERSUASIVA: sostiene influenza sociale modificando lo stato mentale (credenze e valori) alla base della formazione dei rapporti nel gruppo, impedisce devianza. L efficacia della comunicazione persuasiva è ottenere successo in condizioni di libertà; si tratta di una comunicazione finalizzata a cambiare atteggiamenti.

63 FATTORI PRINCIPALI COMUNICAZIONE PERSUASIVA FONTE, MESSAGGIO E DESTINATARIO FONTE: si basa su credibilità, livello attrazione, e grado di somiglianza. MESSAGGIO: argomenti laterali v/ posizione sostenuta o BILATERALI (anche quelli contro) la 2 è la più efficace sul piano persuasivo. DESTINATARIO il principale problema è la discrepanza tra posizione fonte è destinatario.

64 ESECUZIONE DEL COMPITO E MANTENIMENTO DELLE RELAZIONI ALL INTERNO DEI GRUPPI ORIENTAMENTO il gruppo deve orientarsi verso il problema e prendere conoscenza delle informazioni ( incremento comunicazione e dello scambio d opinioni). VALUTAZIONE con scambio idee per permettere al gruppo di prendere una decisione. CONTROLLO reciproco affinché la decisione sia formulata ed applicata con successo.

65 ASPETTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA DEL GRUPPO SONO IL RUOLO E LO STATUS La loro differenza si evidenzia nel valore che gli viene attribuito

66 RUOLO IL RUOLO: ad individui o posizioni particolari all interno del gruppo sono associate aspettative diverse, a volte sono ruoli formali: insegnante, studente, a volte informali, i ruoli implicano divisioni del lavoro e questo agevola il conseguimento dello scopo del gruppo.

67 STATUS Lo STATUS: è la valutazione che viene fatta sui confronti sociali, il potere ed il prestigio diverse danno origine a gerarchie di stato. Il ruolo dello status è identificato nel bisogno di prevedibilità e ordine, ordinare il gruppo significa dargli stabilità e concentrazione.

68 LO STATUS IL LEADER Uno degli aspetti più studiati delle dinamica di gruppo è la leadership, vale a dire l esercizio del comando e la funzione di guida che una persona assume nel gruppo rispetto agli altri componenti. il suo ruolo si manifesta con azioni che hanno 2 scopi principali : - mantenere e rinsaldare l unità del gruppo; - guidare il gruppo verso il conseguimento delle mete.

69 LEADER Vi sono 3 tipi di leadership a seconda del tipo di rapporto che viene impostato: AUTOCRATICO, DEMOCRATICO, PERMISSIVO AUTOCRATICO leader organizza le attività di gruppo concentrandosi sul compito. DEMOCRATICO discute tutte le decisioni e attività (stile migliore per autonomia ed efficienza). PERMISSIVO libertà del gruppo nella comunicazione ed intervento, la produttività aumenta in assenza del leader.

70 REGOLARITA DEI SIGNIFICATI ALL INTERNO DEL GRUPPO Il significato condiviso è creato su processi di significazione, convenzioni, negoziazioni di pratiche e valori complessivamente chiamati : FORMAT COMUNICATIVI sono scambi per raggiungere uno scopo con processi di riproduzione e produzione di nuovi, la regolarità dei contesti e signficati rafforza i format.

71 INTENZIONE DEL PARLANTE E TRASPARENZA INTENZIONALE Atto comunicativo: dipende da intenzione parlante e ricevente, si deve riconoscere l intenzione partenza e identificazione significato letterale e la volontà del destinatario. SIGNIFICATO : ciò che si intende dire con condivisione consapevole ed intenzione.

72 INTENZIONE DEL PARLANTE E TRASPARENZA INTENZIONALE INFERENZA AUTORIZZATA: il destinatario riconosce intenzione parlante con inferenza autorizzata e si genera la trasparenza intenzionale. Fenomeni che interagiscono : opacità, ambiguità, indeterminatezza significato, gradualità intenzionale e focalizzazione tematica.

73 AVVICENDIMENTO E TURNI E naturale, basato su gestione locale che dà fluidità, ognuno è responsabile della costruzione del turno con coordinazione di entrambi, il GAP (pausa tra turni è gestito da regole culturali). Conservazione del turno: aumento intensità voce, aumento articolazione ostacolando interruzione. Cessione del turno: pause vuote, rallentamento ritmo, domanda, abbassamento voce.

74 AVVICENDIMENTO E TURNI Richiesta turno: segnali vocali e alzare volume; Rifiuto turno: cenni di assenso per prosecuzione; Conservazione continua e discontinua: dipende da frequenza turni e durata periodi di silenzio, silenzi prolungati sono scorrettezza comunicativa, rifiuto e negazione; Vi è negoziazione comunicativa per sintonizzare interessi, stili, atteggiamenti.

75 FATTORI INFLUENTI SULLA COMUNICAZIONE: Pregiudizio e Stereotipo PREGIUDIZIO: Mantenimento espressione di atteggiamenti dispregiativi di emersioni negative o di condotte discriminanti nei confronto dei membri di gruppo esterno motivati dall appartenenza di queste persone a quel gruppo esterno e rimane irreversibile anche di fronte a nuovi dati conoscitivi.

76 STEREOTIPI Si tratta di formule che ci permettono di categorizzare, semplificare la realtà e orientarci in essa, rapidamente e senza dover riflettere. Ci serviamo di immagini generalizzate che riducono la complessità dell ambiente, ma annullano al contempo la differenza individuale all interno dei singoli gruppi. Gli stereotipi di genere sono tra i più frequenti.

77 STEREOTIPI 3 sono le caratteristiche dello stereotipo che incidono sul modo di relazionarsi: CREDENZE LEGITTIMANTI, ASPETTATIVE, PROFEZIE CHE SI AUTOAVVERANO.

78 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE Le persone hanno capacità di comunicare anche senza volontà psicologia del senso comune su trasparenza, semantica e intenzionale. La comunicazione è sempre una attività a rischio. Vi è discomunicazione quanto aspetti impliciti e indiretti prevalgono su quelli espliciti e diretti con emersione scarto tra detto e non detto.

79 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE Nella discomunicazione non c è trasparenza né semantica intenzionale ma vi è Opacità intenzionale: che conduce ad un messaggio plurivoco che lascia al destinatario la responsabilità di scegliere un percorso di senso tra quelli possibili. La discomunicazione comprende la comunicazione ironica, menzognera, e seduttiva.

80 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE IRONICA: dire una cosa per intendere il contrario viene utilizzata anche come confine di riservatezza per proprio spazio personale. Ironia sarcastica, disprezzo. ironia socratica, comunicare elegante per mettere in discussione concetti. Ironia scherzosa: sdrammatizzare una situazione.

81 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MENZOGNERA La menzogna è quindi un atto comunicativo consapevole e deliberato di ingannare un altro che non è consapevole e non desidera essere ingannato. Vi sono fondamentalmente quattro sottogruppi di inganni, suddivisi in due categorie: INGANNO PER OMISSIONE INGANNO PER COMMISSIONE

82 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE INGANNO PER OMISSIONE OMISSIONE: il parlante omette di fornire al partner alcune informazione essenziali. OCCULTAMENTO: il parlante nasconde alcune informazioni rilevanti, fornendo al partner informazioni divergenti o secondarie anche se vere per fargli assumere false credenze.

83 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE INGANNO PER COMMISSIONE FALSIFICAZIONE: il parlante deliberatamente invia informazioni che sa essere false. MASCHERAMENTO: il parlante cela informazioni importanti e pertinenti, fornendo al partner altre informazioni false.

84 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE SEDUTTIVA Lo studio dei processi di avvicinamento e allontanamento rappresenta un ambito fondamentale della psicologia della comunicazione, è un processo di avvicinamento tra le persone e può essere definita come una sequenza strategica e intenzionale di mosse il cui traguardo è quello di attrarre (anche sul piano sessuale) un'altra persona (di solito, di sesso opposto).

85 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE IL MOBBING Il mobbing lavorativo consiste in una comunicazione ostile e non etica diretta in maniera sistematica da parte di uno o più individui generalmente contro un singolo che, a causa del mobbing, è spinto in una posizione in cui è privo di appoggio e di difesa e lì costretto per mezzo di continue attività mobbizzanti (Leymann 1993).

86 MOBBING Due condizioni devono essere assolte affinché si possa affermare di trovarsi in presenza di mobbing: LA DURATA E LA RIPETITIVITA.. Il Mobbing viene utilizzato per allontanare soggetti indesiderati per varie ragioni: - non si adattano alle regole imposte dal gruppo, per sentimenti di carrierismo, per competitività, noia, invidia.

87 MOBBING Il soggetto mobbizzato vive una prima fase caratterizzata da ansia reattiva nel tentativo di impostare una strategia difensiva. Qualora non risultasse fruttuosa l ansia reattiva lascia il posto ad una sensazione di inadeguatezza ed alla tendenza all autoisolamento fino ad arrivare alla depressione.

88 MOBBING L OMS ha indicato la prevalenza di molestie morali sui luoghi di lavoro nel 2000 in Europa pari al 10% cioè una persona su 10 sarebbe vittima di azioni potenzialmente mobbizzanti.

89 MOBBING LE POSSIBILI SOLUZIONI La prevenzione: prevenire il mobbing è il modo più efficace di evitarlo. La sensibilizzazione: dell opinione pubblica. La formazione: consiste nel rendere le persone consapevoli del fenomeno, ha l obiettivo di curare, assistere, intervenire sul fenomeno in modo che questo causi minor numero di danni possibili.

90 LA COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA La comunicazione organizzativa è l insieme dei processi di creazione e diffusione di informazione e di messaggi entro e tra le diverse reti di relazioni interne ed esterne all organizzazione. Coinvolge i membri interni, i collaboratori esterni e tutti i soggetti interessati e coinvolti nella vita dell organizzazione. Emanuele Invernizzi Invernizzi propone l adozione del concetto di comunicazione organizzativa per superare la distinzione tra comunicazione interna, esterna e gestionale

91 La comunicazione organizzativa La comunicazione è un fatto costitutivo dell organizzazione La Comunicazione lega e collega il contesto interno ed esterno di un organizzazione E un processo che dipende da tutti Non si può non comunicare in un organizzazione Si comunica ciò che si è,, non solo ciò che si intende trasmettere come messaggio

92 I QUATTRO LIVELLI DELLA COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA Comunicazione funzionale Comunicazione informativa Comunicazione formativa Comunicazione creativa

93 Comunicazione funzionale: tutte le istruzioni e le informazioni operative che rendono possibile e/o facilitano il processo produttivo interno (circolari, manuali, ecc) Comunicazione informativa istituzionale: tutte le notizie che rendono possibile fare conoscere l ente, i suoi servizi e le strategie sia al pubblico interno che a quello esterno (es. newsletter, pubblicazioni periodiche, ecc) Comunicazione formativa: tutti gli interventi addestrativi/formativi che consentono di diffondere oltre alle necessarie conoscenze lavorative, anche la condivisione dei lavori (seminari, giornate di studio) Comunicazione creativa: tutti i momenti di incontro per stimolare nuovi modi di vedere la realtà, facilitando il problem solving (es. gruppi di lavoro)

94 Perché le istituzioni comunicano Per acquisire credibilità e dare fiducia Per dare visibilità alle loro attività di fronte ai cittadini Per rispondere alle aspettative di trasparenza di cittadini sempre più consapevoli dei propri diritti Per diventare competitive con altre istituzioni Per essere in linea con la normativa europea Per essere visibili e affermare il proprio punto di vista di fronte ai media Per le opportunità offerte dalle nuove tecnologie Per essere efficaci

95 E cambiato il modo di comunicare delle Pubbliche Amministrazioni? Il processo di riforma della P.A. Le tappe della riforma

96 Evoluzione dei pubblici poteri Inizi 900 funzioni d ordine, i pubblici poteri non dialogavano ma esercitavano il loro imperium la comunicazione era unidirezionale e si esprimeva in ordini, divieti e sanzioni lo Stato aveva l obbligo di garantire l informazione e legale delle norme e il buon andamento del vivere civile Inizi XX sec. lo Stato interviene direttamente nella gestione dei servizi gli enti locali sviluppano grandi iniziative nel settore dei servizi urbani a favore della collettività (municipalizzazione); Con l espansione dei servizi pubblici la comunicazione diventa latente e solo con le riforme degli anni Novanta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La Comunicazione Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La comunicazione è. Dimensione psicologica costitutiva di ogni

Dettagli

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Istituto Magistrale Statale di Rieti Elena Principessa di Napoli Liceo delle Scienze Sociali Liceo Sociopsicopedagogico Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Modulo: Aspetti generali

Dettagli

Comunicare la gravità: : il cancro

Comunicare la gravità: : il cancro Comunicare la gravità: : il cancro Dott.ssa Nadia Crotti Psicologa-Psicoterapeuta Servizio di Psicologia - IST Genova ntcrotti@libero.it 010-5600603/606 COMUNICAZIONE sul CANCRO Comunicazione individuale

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies Corso MODULO C Il sistema delle relazioni e la comunicazione 2013 Programma Ruolo dell RSPP Competenze relazionali Competenze comunicative Chi sono? Perché mi occupo di sicurezza? Perché sono qui oggi?

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Comunicazione Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Non si può non comunicare, afferma uno degli assiomi della comunicazione. Non esiste infatti la non

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo PRAGMATICA COMUNICAZIONE UMANA 1 Pragmatica della comunicazione umana Semiologia: Pragmatica (effetti

Dettagli

Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo

Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo Sviluppo e Integrazione delle Funzioni Neuropsicologiche Verona 26 Febbraio 2011 maurizio gioco Centro Ricerca, Diagnosi e Cura per l Autismo Az.Ulss20

Dettagli

COMUNICARE EFFICACEMENTE

COMUNICARE EFFICACEMENTE CORSO MANAGER DIDATTICI COMUNICARE EFFICACEMENTE A cura di: Franco Tartaglia COMUNICAZIONE TRASMISSIONE TRA DUE O PIÙ PERSONE DI : IDEE/OPINIONI MESSAGGI FATTI SENTIMENTI COMANDI RICHIESTE PROPOSTE PRESENTAZIONI

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Comunicazione e Relazione

Comunicazione e Relazione Seminario di Comunicazione e Relazione Dott.ssa Isabella Fanelli Esperta nei Processi Formativi Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Psicologia Università degli Studi di Bari E-mail: l.fanelli@tin.it

Dettagli

Psicologia dell emergenza negli eventi catastrofici annunciati LA COMUNICAZIONE EFFICACE

Psicologia dell emergenza negli eventi catastrofici annunciati LA COMUNICAZIONE EFFICACE Corso di formazione per volontari di protezione civile Psicologia dell emergenza negli eventi catastrofici annunciati LA COMUNICAZIONE EFFICACE Supporti visivi di Consuelo C. Casula Specialista Psicologia

Dettagli

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici Anselmo Cro LA COMUNICAZIONE I Principi NON SI PUO NON COMUNICARE OGNI COMUNICAZIONE E COMPORTAMENTO OGNI COMPORTAMENTO E COMUNICAZIONE IL SIGNIFICATO

Dettagli

La Comunicazione Formativa a Scuola

La Comunicazione Formativa a Scuola Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Scienze dell'educazione e dei Processi Culturali e Formativi La Comunicazione Formativa a Scuola Vanna Boffo Aspetti

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

LA GESTIONE DI UN GRUPPO DI LAVORO: LEADERSHIP, COMUNICAZIONE e GESTIONE DEI CONFLITTI

LA GESTIONE DI UN GRUPPO DI LAVORO: LEADERSHIP, COMUNICAZIONE e GESTIONE DEI CONFLITTI LA GESTIONE DI UN GRUPPO DI LAVORO: LEADERSHIP, COMUNICAZIONE e GESTIONE DEI CONFLITTI Condividere un quadro di riferimento concettuale e metodologico sul ruolo del leader nello sviluppo di un gruppo di

Dettagli

Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick

Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick Premessa Lo studio della comunicazione umana si articola in tre settori di indagine: 1. quello della sintassi, che

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

TEORIE DELLA COMUNICAZIONE

TEORIE DELLA COMUNICAZIONE TEORIE DELLA COMUNICAZIONE Clemente Danieli «La mente e l albero» Binazzi Tucci «Scienze sociali» AIME «Ciò che noi siamo» Ugo Fabietti «Antropologia» Avalle Maranzana «L individuo fra natura e cultura»

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

Tecniche della comunicazione e relazione Dinamiche e tecniche di comunicazione

Tecniche della comunicazione e relazione Dinamiche e tecniche di comunicazione Tecniche della comunicazione e relazione Dinamiche e tecniche di comunicazione La comunicazione: definizione Per comunicazione s intende la trasmissione di informazioni mediante l uso di un codice e rappresenta

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA Capire i meccanismi comunicativi per relazionarsi meglio Sistemi sensoriali e comunicazione Che cosa è la comunicazione verbale è uno scambio di informazioni tra più persone

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 CONTENUTI Aspetti psicologici del soccorritore I bisogni psicologici del paziente Strategie

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE DOCENTE: CLASSE: Prof.ssa COLLINO Elena 3 A OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI TRASVERSALI

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) CODICE DI COMPORTAMENTO per lavorare e vivere meglio A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) PREMESSA: Elementi di grande importanza negli ambienti di lavoro

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza (Parte dei contenuti del testo sono tratti dai contributi di Mauro Palazzi ai corsi di formazione sul rischio in situazioni di emergenza)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

Formazione Particolare Aggiuntiva dei Preposti Accordo Stato Regioni 21/12/11

Formazione Particolare Aggiuntiva dei Preposti Accordo Stato Regioni 21/12/11 Formazione Particolare Aggiuntiva dei Preposti Accordo Stato Regioni 21/12/11 MODULO 5 TECNICHE DI COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE DEI LAVORATORI, IN PARTICOLARE NEOASSUNTI, SOMMINISTRATI, STRANIERI.

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace

Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace La comunicazione carismatica CARISMATICI SI NASCE O SI DIVENTA? Cos è il Carisma? IMPRESSIONE SPECIFICA E PERSONALE CHE LASCIAMO ALLE PERSONE CHE

Dettagli

La comunicazione efficace

La comunicazione efficace La comunicazione efficace Definizioni, modelli e relazioni a cura di Francesca Rizzuto Argomenti Gli elementi costitutivi e i modelli della comunicazione Dalla comunicazione verticale alla comunicazione

Dettagli

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE EDUCARE è COSTRUZIONE DI SENSO gruppo classe = gruppo di lavoro? ma si differenzia da questo, che è regolato da ruoli, norme e obiettivi precisi e condivisi, perché non è la norma nella sua interezza che

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Metodologie del lavoro di gruppo

Metodologie del lavoro di gruppo Metodologie del lavoro di gruppo Dal lavoro in gruppo al lavoro di gruppo Federica Zanetti Facoltà di Scienze della Formazione Università di Bologna f.zanetti@unibo.it Per iniziare Metodologie del lavoro

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERPERSONALE EFFICACE

COMUNICAZIONE INTERPERSONALE EFFICACE Progetto formativo Comunicazione efficace e gestione del conflitto nel front-office Modulo COMUNICAZIONE INTERPERSONALE EFFICACE Docenti: Nicoletta Birone Patrizia Buziol COMUNICAZIONE FEEDBACK LO SCAMBIO

Dettagli

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO ASPETTI DA VALUTARE CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO LE PERSONE Gli interessi in gioco I vantaggi Introduzione agli aspetti comportamentali per la gestione dei negoziati e delle controversie

Dettagli

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE 2014 Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE Vers. 18 marzo 2014 Pag. 1 2014 INDICE INDICE... 2 INFORMAZIONI GENERALI... 3 Interaziendale... 3 Corso CO1... 4 COMUNICAZIONE

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA

LA COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA Conoscere il rischio / Ergonomia / Fattore Umano LA COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA Premessa La comunicazione influisce sulla dinamica dei ruoli organizzativi: il processo comunicativo globale deve avere un

Dettagli

Comunicazione = Comportamento (P. Watzlawick)

Comunicazione = Comportamento (P. Watzlawick) Livello pragmatico Secondo la pragmatica in ogni scambio comunicativo si crea una relazione sociale tra i comunicanti che va oltre la semplice trasmissione del messaggio Comunicazione = Comportamento (P.

Dettagli

DISPENSA PER IL PRIMO CIRCOLO MOTIVARE ATTRAVERSO LA RELAZIONE EDUCATIVA

DISPENSA PER IL PRIMO CIRCOLO MOTIVARE ATTRAVERSO LA RELAZIONE EDUCATIVA 11 Aprile 2012 DISPENSA PER IL PRIMO CIRCOLO MOTIVARE ATTRAVERSO LA RELAZIONE EDUCATIVA 2012 Dr.ssa Paola Cattenati, Centro Criaf, via Bissolati 20, Cremona Dr.ssa Francesca Galloni, Centro Criaf 1 Indice

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate)

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate) TRAINING Riservato ad agenti e venditori (3 giornate intervallate) 2 1. INTERPRETARE IL PROPRIO RUOLO CON ORGOGLIO, POSITIVITÀ, CREATIVITÀ E CORAGGIO, RAFFORZANDO LA PROPRIA AUTOMOTIVAZIONE AL MIGLIORAMENTO

Dettagli

CENNI SULLA COMUNICAZIONE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) Secondo Jakobson la comunicazione può essere così rappresentata: CONTESTO MESSAGGIO

CENNI SULLA COMUNICAZIONE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) Secondo Jakobson la comunicazione può essere così rappresentata: CONTESTO MESSAGGIO C E F O CENNI SULLA COMUNICAZIONE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) Secondo Jakobson la comunicazione può essere così rappresentata: CONTESTO MESSAGGIO EMITTENTE -----------------------------------------------DESTINATARIO

Dettagli

Relazionalità formativa e valutativa. Docente Dott.ssa M.Zanin Co trainer R.oriani. Corso guide di tirocinio anno 2008.

Relazionalità formativa e valutativa. Docente Dott.ssa M.Zanin Co trainer R.oriani. Corso guide di tirocinio anno 2008. Relazionalità formativa e valutativa Docente Dott.ssa M.Zanin Co trainer R.oriani Corso guide di tirocinio anno 2008 Sedi didattiche LA COMUNICAZIONE è un processo non lineare ma circolare nel quale emittente

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

Psiche e complessità. 3. Complessità della comunicazione umana

Psiche e complessità. 3. Complessità della comunicazione umana Psiche e complessità 3. Complessità della comunicazione umana Riepilogo Negli incontri precedenti abbiamo visto la differenza tra problemi complicati e problemi complessi Tullio Tinti 2 Riepilogo Problemi

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE Avviamento, sviluppo e potenziamento della competenza comunicativa, la chiave di volta del

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com www.centroaspen.it www.titania.ct.it www.benessere.com L assertività: dalle origini

Dettagli

La comunicazione non verbale

La comunicazione non verbale 1. Premessa Conferenza tenuta dal Dott. Giuliano Franzan La comunicazione non verbale Le parole non bastano Le semplici parole dicono ben poco, esse portano solo il 7% del significato dei messaggi con

Dettagli

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Programma del modulo: - Cos è il benessere organizzativo; - Direttiva del Ministro della Funzione pubblica; - Equità e leadership; - D.Lgs 150/2009 e qualità

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Progetto di sperimentazione di Cittadinanza e Costituzione IO E NOI NEL MONDO

Progetto di sperimentazione di Cittadinanza e Costituzione IO E NOI NEL MONDO PROT. N. 4157/B32 L Istituzione A. S. 2009-2010 Classi o Scuola A. Frank Panzano Maggiolino Gaggio Picasso Castelfranco Castelfranco E. Progetto di sperimentazione di Cittadinanza e Costituzione sezioni

Dettagli

COMUNICARE BENE E CON EFFICACIA

COMUNICARE BENE E CON EFFICACIA Presentiamo un estratto del testo Comunicare bene e con efficacia che integra il corso FAD per un esaustivo approfondimento. COMUNICARE BENE E CON EFFICACIA Sergio Marchesini testo allegato al corso in

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo. Dott.ssa Cristina Morelli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo. Dott.ssa Cristina Morelli SEDE DI VARESE LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo Dott.ssa Cristina Morelli Il termine comunicare, deriva dal latino e significava letteralmente mettere in comune,

Dettagli

La#Comunicazione#efficace# Corso#Avanzato# Modulo#base##2#

La#Comunicazione#efficace# Corso#Avanzato# Modulo#base##2# La#Comunicazione#efficace# Corso#Avanzato# Modulo#base##2# Torino,#23#se;embre#2015# h;p://comunicazionesmatca.weebly.com/# Agenda# # Presentazione,#obieHvi#e#qualità#del#servizio# D1# La#comunicazione#interpersonale#

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli