Servizio Civile. La comunicazione. Dr.ssa Carla Degl Innocenti Dr.ssa Antonella Marchini Dr.ssa Monia Vangelisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizio Civile. La comunicazione. Dr.ssa Carla Degl Innocenti Dr.ssa Antonella Marchini Dr.ssa Monia Vangelisti"

Transcript

1 Servizio Civile La comunicazione Dr.ssa Carla Degl Innocenti Dr.ssa Antonella Marchini Dr.ssa Monia Vangelisti

2 Pensare la comunicazione Che cos è la comunicazione? 5 minuti per Riflettere sul significato Scrivere sul post-it E dare una definizione

3 Un percorso sulla comunicazione Tre moduli: Comunicazione Le funzioni di front-line URP e Tutela del Cittadino

4 Indice La comunicazione interpersonale La comunicazione nei gruppi La comunicazione organizzativa

5 La comunicazione interpersonale

6 La comunicazione interpersonale La comunicazione faccia a faccia La comunicazione interpersonale a distanza

7 La comunicazione è la base della convivenza umana Il termine comunicazione deriva dalla parola communis: Comunicare significa mettere in comune con altri, informazioni, idee, emozioni attraverso il linguaggio parlato o scritto E possibile all interno di un sistema condiviso con gli altri che possiedono la capacità di produrre e capire messaggi e quindi di interagire con altri soggetti La competenza comunicativa è una fondamentale capacità composta dall insieme delle presupposizioni, delle reciproche conoscenze e regole che rendono possibile lo scambio comunicativo comprensivo anche di abilità di tipo extralinguistico e sociale

8 Linguaggio e Comunicazione Linguaggio: capacità di associare suoni e significati attraverso regole grammaticali Due funzioni: Funzione comunicativa Funzione simbolica

9 Linguaggio verbale Uno degli strumenti che permettono la comunicazione ma, non l unico Aspetti non verbali della comunicazione tono, ritmo, volume della voce, gesti, mimica, sguardi, postura, abbigliamento

10 Definizione di comunicazione Uno scambio interattivo osservabile fra due o più partecipanti, dotato di un certo livello di consapevolezza e di intenzionalità reciproca, in grado di far condividere un determinato significato sulla base di sistemi simbolici e convenzionali di significazione e di segnalazione secondo la cultura di riferimento.

11 La comunicazione interpersonale risponde a: -> Bisogni di tipo fisico -> Bisogno di identità -> Bisogni sociali -> Bisogni di tipo pratico o strumentale

12 Modelli/Teorie -> Lineare (Shannon e Weaver) -> Interattivo o Circolare (Watzlawick et al. Mead, Bateson, Ong, Eco) -> Dialogico (Galimberti)

13 Modello lineare di comunicazione

14 Modello lineare di comunicazione

15 Modello lineare di comunicazione canale FONTE SEGNALE DESTINATARIO rumori CODIFICAZIONE DECODIFICAZIONE Modello cosiddetto Matematico (Shannon e Weaver)

16 Modello interattivo o circolare

17 I campi della comunicazione (Morris) Sintassi: come si confeziona un messaggio (cfr. lo stile comune) Semantica: il significato, il senso Pragmatica: gli effetti della comunicazione sugli interlocutori

18 I Cinque assiomi della Comunicazione Ci troviamo in presenza di un processo di Comunicazione tutte le volte che un comportamento di una persona o di un animale si impone all attenzione di un altra persona o animale Palo Alto Watzlawick

19 I Cinque Assiomi della Comunicazione 1. Non si può non comunicare Il comportamento è comunicazione; non è possibile non avere un comportamento, quindi è impossibile non comunicare. 2. Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e uno di relazione Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto (una notizia, una informazione, un dato ) e di relazione (un comando, un istruzione, un avvenimento ) di modo che il secondo classifica il primo. 3. La natura di una relazione dipende dalla punteggiatura delle sequenze comunicative tra i comunicanti La natura di una relazione dipende dalla punteggiatura delle sequenze di comunicazione tra i comunicanti (se si prende in considerazione il punto di vista dell uno o quello dell altro; es.: <<Lo picchio sempre perché lui si ubriaca>> - <<Bevo per dimenticare di avere una maglie isterica>>). 4. Gli esseri umani comunicano sia con il modulo digitale sia con quello analogico Il linguaggio digitale (digitale, verbale) ha una sintassi logica assai complessa e di estrema efficacia, ma manca di una semantica adeguata nel settore della relazione, ma manca di una semantica adeguata nel settore della relazione; il linguaggio analogico (il linguaggio non verbale) invece la semantica ma non ha alcuna sintassi adeguata per definire in un modo che non sia ambiguo la natura delle relazioni. 5. Gli scambi verbali possono essere basati sull uguaglianza o sulla differenza e quindi sono simmetrici o complementari Tutti gli scambi di comunicazione sono simmetrici o complementari, a seconda che siano basati sull uguaglianza o sulla differenza (da una parte rapporti paritetici, paritari, democratici, dall altra rapporti fondati sulla autorità/subordinazione).

20

21

22

23

24

25 Gli elementi costitutivi della struttura comunicativa Comunicante/ -> l individuo che possiede le capacità biologiche e Emittente psichiche di formare, emettere e ricevere un messaggio (cultura,interessi,linguaggio, risorse, strumenti, esperienza passata, conoscenza del contesto) Messaggio Canale Codice -> i contenuti e significati che l emittente vuole trasmettere -> il mezzo fisico utilizzato per la trasmissione del messaggio ( naturali o biologici e mediati, sono costituiti dai sensi) -> l insieme delle regole convenzionali utilizzate per esprimere il messaggio (la lingua madre, linguaggio gergale, braille ) Destinatario -> il soggetto a cui il messaggio viene rivolto (cultura, linguaggi, esperienze, strumenti propri) Feedback -> rappresenta il messaggio di ritorno dal destinatario all emittente (consente di verificare che il messaggio è giunto a destinazione ed è stato compreso

26 I canali comunicativi: i sensi Gusto è il senso meno legato alla comunicazione. Non esiste un codice convenzionale basato sul gusto Olfatto è usato nella comunicazione convenzionale solo in pochi casi (aggiunta di mercaptani Tatto Vista Udito al gas domestico per segnalarne le fughe). Importante nei rapporti interpersonali non è molto usato come strumento comunicativo, eccetto rapporti amorosi, saluti e rapporti amicali. (eccezioni alcuni linguaggi tattili convenzionali alfabeto Braille metodi Tadoma e Malossi). E una forma primitiva di comunicazione sociale e assume un importante funzione sia per gli uomini che per gli animali bisogno di contatto fisico fondamentale ad ogni età. Molte differenze interculturali. Funzione di segnale di interazione valenza sociologica unica, rende possibile relazioni basate sulla distanza è il senso prevalente dal punto di vista comunicativo, l unico che differenzia l <entrata> e l <uscita> con due distinti apparati: uditivo e fonico L atto di comunicazione si basa inoltre su un' aspettativa di reciproca cooperazione tra gli interlocutori

27 Nella comunicazione tra le persone si utilizzano messaggi verbali: ciò che si dice messaggi paraverbali: intonazioni e modulazioni della voce (volume, timbro), inflessioni, pause, ritmi, silenzi messaggi non verbali: distanze contatti corporei posture e movimenti gestualità espressioni del volto sguardi abbigliamento,acconciatura,trucco.

28 La comunicazione non verbale Ogni messaggio linguistico trasmette anche informazioni espressive che derivano da: Paralinguistica (aspetti non linguistici del parlato) Cinesica o mimica facciale (modalità privilegiata della comunicazione non verbale) Prossemica o modo in cui l individuo si situa nello spazio

29 La comunicazione non verbale Gli elementi: -> Aspetto esteriore -> Volto -> Sguardo -> Voce e aspetti non verbali del parlato -> Comportamento spaziale -> Movimenti del corpo e gesti

30 La comunicazione non verbale Le funzioni: -> Esprimere emozioni -> Comunicare gli atteggiamenti interpersonali -> Partecipare alla presentazione di sé -> Completare, sostenere, modificare, sostituire il discorso

31 Caratteri distintivi Comunicazione non verbale in gran parte inconsapevole, non intenzionale e non controllabile fornisce informazioni sul soggetto che la esprime è poco idonea ad esprimere concetti è ambigua ha grande efficacia nelle relazioni Comunicazione verbale per lo più consapevole e intenzionale fornisce informazioni sugli argomenti espressi è idonea a veicolare descrizioni, argomentazioni, narrazioni è meno rilevante nelle relazioni

32 Distanza interpersonale (Hall) Distanza intima (45 cm) facilità di contatto, percezione dell odore, tono basso della voce Distanza personale ( cm) possibilità di contatto, non si percepisce l odore, tono medio della voce Distanza sociale ( cm) assenza di contatto, tono della voce sostenuto Distanza pubblica (>3.5 m) apparizioni in pubblico

33 Verso gli altri Segnali non verbali Positivi Negativi Espressione Postura Gesti Tono di voce Viso rilassato e sguardo attento Aperta e protesa in avanti, simile all altro Armonici, dolci, coerenti con le parole Calmo, adattato all interlocutore e alla situazione Ciglia aggrottate, sguardo rivolto altrove Chiusa, protesa all indietro, distaccata Bruschi e veloci, dall alto in basso Nervoso, stizzito, in disarmonia con l altro.

34 Anche la comunicazione non verbale si apprende: differenze culturali Alcuni esempi: Espressioni del viso: i giapponesi le controllano, ad esempio usano la risata per nascondere rabbia o dolore I popoli mediterranei manifestano più liberamente le emozioni. Distanza: i popoli nordici parlano a distanza maggiore rispetto agli altri. Sguardo: due arabi che conversano si guardano di più rispetto a due inglesi o due americani. Contatto: gli arabi ( e in parte gli italiani e altri popoli mediterranei) si toccano mentre discutono.

35

36 Le componenti psicologiche della comunicazione Analisi del processo comunicativo -chi - comunica - che cosa -a chi - in quale contesto

37 Chi La questione dell identità La richiesta di riconoscimento dell identità L implicito

38 comunica tipi di comunicazione informare (nozione ambigua) convincere comandare esprimere un attesa o un desiderio sull altro esprimere se stessi ascoltare?

39 Le componenti dell ascolto L ascolto è composto da quattro fasi: -> L udito (sentire, aspetto fisiologico rumori di sottofondo) -> L attenzione (mettere a fuoco o no ciò che si è sentito piano psicologico) -> La comprensione (implica l interpretazione del messaggio) -> Il ricordo (abilità di richiamare le informazioni)

40 L ascolto Ascoltare non è solo sentire non è automatico E un processo intellettuale ed emotivo (integrazione di stimoli fisici, emotivi ed intellettuali per la ricerca di un significato L ascolto non è solo sufficiente ma, necessario alla comunicazione La comunicazione per realizzarsi ha bisogno di tutti gli elementi che costituiscono il rapporto comunicativo

41 I livelli di ascolto -> Ignorare -> Fingere di ascoltare -> Ascoltare a tratti -> Sentire le parole -> Porre attenzione -> Ascoltare empaticamente

42 a chi si comunica L utente e i suoi bisogni: contenimento dell ansietà I colleghi di lavoro La struttura organizzativa

43 in quale contesto Già s è detto del contesto sanitario Il setting Definizione dei confini del campo di osservazione e di intervento

44 I disturbi della comunicazione -> Atteggiamento -> Canale/codice -> Ascolto -> Contesto/cultura -> Contenuto/relazione -> Verbale/non verbale -> Stereotipi

45 Alcuni esempi di come agiscono questi disturbi: -> Una linea telefonica disturbata (canale) -> Un utilizzo di un linguaggio diverso (codice) -> Un messaggio costruito in modo troppo complesso per il ricevente (contenuto) -> un cattivo ascolto sia da parte del ricevente che dell emittente (ascolto) -> un non superamento di stereotipi mentali e culturali (stereotipi) -> Uno scarso interesse a comunicare (relazione, atteggiamento) > Una diversità di valori culturali (contesto/cultura)

46 La comunicazione interpersonale a distanza Evoluzione tecnologica I media trasformano la tradizionale relazione tra - ambiente fisico - situazione sociale I nuovi media possono favorire lo sviluppo del senso di condivisione e di appartenenza o senso di esclusione e di isolamento Un genere di esperienza che cambia la precedente: Non siamo più condizionati dalla presenza nello stesso luogo, né nella comunicazione interpersonale né nell accesso all informazione

47 Comunicazione a distanza classificazione Comunicazione scritta (lettere, telegrafo, fax, mail, chat, mud) Comunicazione verbale (telefono, cellulare) Con voce e immagine (web camera, teleconferenza, mms)

48 La comunicazione telefonica vs faccia a faccia telefonica Canali: uditivo attenzione concentrata solo sulla voce Focalizzazione -> sul contenuto del messaggio vocale Due tipi: - funzionale (fredda) raggiungimento di obiettivi misurabile (efficacia e efficienza) - relazionale (calda) -> rimanda all oralità e alla comunicazione faccia a faccia faccia a faccia Canali: uditivo, visivo, tattile, olfattivo Partecipazione dell interlocutore condizionata dalla: -> reciproca compresenza -> contesto -> situazione comunicativa Segnali di informazione retroattiva -> comportamenti di ascolto Segnali di imitazione e Gestualità locuzioni paralinguistiche (segregati vocali: ah, ehm, oh) funzione di contatto Non un semplice scambio di convenevoli ma anche -> fare richieste, ordini, trasmettere o celare informazioni, simulare, minacciare, promettere

49 La comunicazione in presenza e a distanza in presenza destinatario in genere contattato personalmente La differenza tra le due forme di comunicazione è caratterizzata dalla variabile tempo a distanza l interazione si modifica diventa un interfaccia interattiva Tra le persone c è sempre un supporto tecnico -> schermo, video, foglio di carta Questi supporti sono i mediatori della comunicazione (prodotto della tecnologia) Lo stesso apparato tecnico condiviso i due interlocutori devono possedere oltre alla volontà reciproca di un incontro con persona conosciuta o sconosciuta, l apparato biologico (canali sensoriali)

50 Comunicazione nel Gruppo di lavoro La parola è un grande dominatore che con il corpo piccolissimo ed invisibile sa compiere imprese divine (Gorgia da Lentini 2500 anni fa) Le parole sono la conoscenza del mondo, le credenze, i valori, i sistemi politici e giuridici, producono senso perché costruiti discorsivamente

51 DEFINIZIONE ESISTENZA DI UN GRUPPO UN GRUPPO ESISTE QUANDO UNO O PIU INDIVIDUI DEFINISCONO SE STESSI COME MEMBRI E QUANDO LA LORO ESISTENZA E RICONOSCIUTA DA ALMENO UN ALTRA PERSONA

52 COMUNICAZIONE NEI GRUPPI l esistenza di un gruppo si basa su 2 concetti: INTERDIPENDENZA DI UN DESTINO Un gruppo esiste quando gli individui che lo compongono si rendono conto che il loro destino dipende dal destino del gruppo nel suo insieme (Lewin e Campbell). INTERDIPENDENZA DEL COMPITO Si ha quando i risultati di ciascun individuo hanno implicazioni positive o negative sui risultati dei suoi componenti.

53 3 ragioni per l esistenza del gruppo: Uniformità di azioni e non il numero; Dimensione continua tra processo interpersonale-gruppi (appassionato di calcio e l appartenenza ad associazione calcistica); Processo interno al gruppo basato su somiglianze e differenze.

54 INQUADRAMENTO TEORICO SULLA COMUNICAZIONE Il soggetto umano è comunicante, emotivo e sociale e la comunicazione è: Un attività sociale costitutiva del soggetto che sceglie il modo di comunicare. I GRUPPI sono la condizione necessaria per l elaborazione e la conservazione dei sistemi di comunicazione ed a sua volta influenzano la vita del gruppo.

55 INQUADRAMENTO TEORICO SULLA COMUNICAZIONE La comunicazione è un attività cognitiva interdipendente dal pensiero e si manifesta in modo ostentivo e pubblico. I soggetti devono essere capaci di esplicitare il pensiero con l intenzione comunicativa. La comunicazione è influenza reciproca ed è collegata alla discomunicazione (ironia, menzogna e comunicazione seduttiva).

56 RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE Rete a croce Rete a Y Rete a catena Rete a cerchio Gli studi sulle reti di comunicazione hanno evidenziato la capacità della struttura della rete di influenzare l efficienza, il grado di soddisfazione e insoddisfazione di gruppo. La posizione di un individuo all interno di una rete di comunicazione influisce sulle possibilità di scambio comunicativo, di partecipazione e sul suo livello di soddisfazione.

57 RETI DI COMUNICAZIONE Gli individui alla periferia ricevono meno informazioni e tale situazione provoca un basso grado di partecipazione ed un alto livello di insoddisfazione. Si devono considerare due variabili: l indice di distanza, cioè il numero minimo di legami che un membro del gruppo deve attraversare per poter comunicare con un altro membro. l indice di centralità, cioè quanto il flusso di comunicazione è centralizzato su una persona oppure distribuito fra i membri.

58 RETI DI COMUNICAZIONE Leavitt ha dimostrato l esistenza di un rapporto fra l indice di centralità di una rete e alcuni aspetti della vita del gruppo: l efficienza, la produttività, il clima sociale e il grado di soddisfazione. Più la rete è centralizzata, maggiormente si riducono le comunicazioni e più rapido è lo svolgimento del lavoro quando il compito è semplice, con la centralità, però, diminuisce la soddisfazione dei membri che risulta elevata nelle reti poco centralizzate.

59 RETI DI COMUNICAZIONE quando la prestazione è complessa e le informazioni più numerose le reti poco centralizzate sono più adatte in quanto hanno la possibilità di suddividere il carico di lavoro in maniera uniforme e di elaborare più rapidamente tutte le informazioni necessarie per giungere alla soluzione. La natura del compito, quindi, è una variabile fondamentale.

60 PRINCIPI DI COOPERAZIONE COMUNICATIVA La comunicazione è valida soltanto se vi è trasparenza intenzionale con intenzionalità informativa e comunicativa: Intenzionalità informativa: è trasmissione involontaria (lapsus è un segnale informativo e non comunicativo); Intenzionalità comunicativa: è trasmissione consapevole con sistema condiviso.

61 PRINCIPIO DI COOPERAZIONE COMUNICATIVA PRINCIPIO DI COOPERAZIONE DI GRACE Su 4 massime convenzionali QUANTITA, QUALITA, RELAZIONE, MODO QUANTITA : dare il contributo per soddisfare la richiesta e non informazioni in eccesso; QUALITA : dire cose vere e non dire cose di cui non si e sicuri ; RELAZIONE: essere pertinenti; MODO: preciso, evitare ambiguità, ordinato nell esposizione.

62 COMUNICAZIONE PERSUASIVA COMUNICAZIONE PERSUASIVA: sostiene influenza sociale modificando lo stato mentale (credenze e valori) alla base della formazione dei rapporti nel gruppo, impedisce devianza. L efficacia della comunicazione persuasiva è ottenere successo in condizioni di libertà; si tratta di una comunicazione finalizzata a cambiare atteggiamenti.

63 FATTORI PRINCIPALI COMUNICAZIONE PERSUASIVA FONTE, MESSAGGIO E DESTINATARIO FONTE: si basa su credibilità, livello attrazione, e grado di somiglianza. MESSAGGIO: argomenti laterali v/ posizione sostenuta o BILATERALI (anche quelli contro) la 2 è la più efficace sul piano persuasivo. DESTINATARIO il principale problema è la discrepanza tra posizione fonte è destinatario.

64 ESECUZIONE DEL COMPITO E MANTENIMENTO DELLE RELAZIONI ALL INTERNO DEI GRUPPI ORIENTAMENTO il gruppo deve orientarsi verso il problema e prendere conoscenza delle informazioni ( incremento comunicazione e dello scambio d opinioni). VALUTAZIONE con scambio idee per permettere al gruppo di prendere una decisione. CONTROLLO reciproco affinché la decisione sia formulata ed applicata con successo.

65 ASPETTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA DEL GRUPPO SONO IL RUOLO E LO STATUS La loro differenza si evidenzia nel valore che gli viene attribuito

66 RUOLO IL RUOLO: ad individui o posizioni particolari all interno del gruppo sono associate aspettative diverse, a volte sono ruoli formali: insegnante, studente, a volte informali, i ruoli implicano divisioni del lavoro e questo agevola il conseguimento dello scopo del gruppo.

67 STATUS Lo STATUS: è la valutazione che viene fatta sui confronti sociali, il potere ed il prestigio diverse danno origine a gerarchie di stato. Il ruolo dello status è identificato nel bisogno di prevedibilità e ordine, ordinare il gruppo significa dargli stabilità e concentrazione.

68 LO STATUS IL LEADER Uno degli aspetti più studiati delle dinamica di gruppo è la leadership, vale a dire l esercizio del comando e la funzione di guida che una persona assume nel gruppo rispetto agli altri componenti. il suo ruolo si manifesta con azioni che hanno 2 scopi principali : - mantenere e rinsaldare l unità del gruppo; - guidare il gruppo verso il conseguimento delle mete.

69 LEADER Vi sono 3 tipi di leadership a seconda del tipo di rapporto che viene impostato: AUTOCRATICO, DEMOCRATICO, PERMISSIVO AUTOCRATICO leader organizza le attività di gruppo concentrandosi sul compito. DEMOCRATICO discute tutte le decisioni e attività (stile migliore per autonomia ed efficienza). PERMISSIVO libertà del gruppo nella comunicazione ed intervento, la produttività aumenta in assenza del leader.

70 REGOLARITA DEI SIGNIFICATI ALL INTERNO DEL GRUPPO Il significato condiviso è creato su processi di significazione, convenzioni, negoziazioni di pratiche e valori complessivamente chiamati : FORMAT COMUNICATIVI sono scambi per raggiungere uno scopo con processi di riproduzione e produzione di nuovi, la regolarità dei contesti e signficati rafforza i format.

71 INTENZIONE DEL PARLANTE E TRASPARENZA INTENZIONALE Atto comunicativo: dipende da intenzione parlante e ricevente, si deve riconoscere l intenzione partenza e identificazione significato letterale e la volontà del destinatario. SIGNIFICATO : ciò che si intende dire con condivisione consapevole ed intenzione.

72 INTENZIONE DEL PARLANTE E TRASPARENZA INTENZIONALE INFERENZA AUTORIZZATA: il destinatario riconosce intenzione parlante con inferenza autorizzata e si genera la trasparenza intenzionale. Fenomeni che interagiscono : opacità, ambiguità, indeterminatezza significato, gradualità intenzionale e focalizzazione tematica.

73 AVVICENDIMENTO E TURNI E naturale, basato su gestione locale che dà fluidità, ognuno è responsabile della costruzione del turno con coordinazione di entrambi, il GAP (pausa tra turni è gestito da regole culturali). Conservazione del turno: aumento intensità voce, aumento articolazione ostacolando interruzione. Cessione del turno: pause vuote, rallentamento ritmo, domanda, abbassamento voce.

74 AVVICENDIMENTO E TURNI Richiesta turno: segnali vocali e alzare volume; Rifiuto turno: cenni di assenso per prosecuzione; Conservazione continua e discontinua: dipende da frequenza turni e durata periodi di silenzio, silenzi prolungati sono scorrettezza comunicativa, rifiuto e negazione; Vi è negoziazione comunicativa per sintonizzare interessi, stili, atteggiamenti.

75 FATTORI INFLUENTI SULLA COMUNICAZIONE: Pregiudizio e Stereotipo PREGIUDIZIO: Mantenimento espressione di atteggiamenti dispregiativi di emersioni negative o di condotte discriminanti nei confronto dei membri di gruppo esterno motivati dall appartenenza di queste persone a quel gruppo esterno e rimane irreversibile anche di fronte a nuovi dati conoscitivi.

76 STEREOTIPI Si tratta di formule che ci permettono di categorizzare, semplificare la realtà e orientarci in essa, rapidamente e senza dover riflettere. Ci serviamo di immagini generalizzate che riducono la complessità dell ambiente, ma annullano al contempo la differenza individuale all interno dei singoli gruppi. Gli stereotipi di genere sono tra i più frequenti.

77 STEREOTIPI 3 sono le caratteristiche dello stereotipo che incidono sul modo di relazionarsi: CREDENZE LEGITTIMANTI, ASPETTATIVE, PROFEZIE CHE SI AUTOAVVERANO.

78 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE Le persone hanno capacità di comunicare anche senza volontà psicologia del senso comune su trasparenza, semantica e intenzionale. La comunicazione è sempre una attività a rischio. Vi è discomunicazione quanto aspetti impliciti e indiretti prevalgono su quelli espliciti e diretti con emersione scarto tra detto e non detto.

79 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE Nella discomunicazione non c è trasparenza né semantica intenzionale ma vi è Opacità intenzionale: che conduce ad un messaggio plurivoco che lascia al destinatario la responsabilità di scegliere un percorso di senso tra quelli possibili. La discomunicazione comprende la comunicazione ironica, menzognera, e seduttiva.

80 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE IRONICA: dire una cosa per intendere il contrario viene utilizzata anche come confine di riservatezza per proprio spazio personale. Ironia sarcastica, disprezzo. ironia socratica, comunicare elegante per mettere in discussione concetti. Ironia scherzosa: sdrammatizzare una situazione.

81 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MENZOGNERA La menzogna è quindi un atto comunicativo consapevole e deliberato di ingannare un altro che non è consapevole e non desidera essere ingannato. Vi sono fondamentalmente quattro sottogruppi di inganni, suddivisi in due categorie: INGANNO PER OMISSIONE INGANNO PER COMMISSIONE

82 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE INGANNO PER OMISSIONE OMISSIONE: il parlante omette di fornire al partner alcune informazione essenziali. OCCULTAMENTO: il parlante nasconde alcune informazioni rilevanti, fornendo al partner informazioni divergenti o secondarie anche se vere per fargli assumere false credenze.

83 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE INGANNO PER COMMISSIONE FALSIFICAZIONE: il parlante deliberatamente invia informazioni che sa essere false. MASCHERAMENTO: il parlante cela informazioni importanti e pertinenti, fornendo al partner altre informazioni false.

84 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE SEDUTTIVA Lo studio dei processi di avvicinamento e allontanamento rappresenta un ambito fondamentale della psicologia della comunicazione, è un processo di avvicinamento tra le persone e può essere definita come una sequenza strategica e intenzionale di mosse il cui traguardo è quello di attrarre (anche sul piano sessuale) un'altra persona (di solito, di sesso opposto).

85 DISCOMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE IL MOBBING Il mobbing lavorativo consiste in una comunicazione ostile e non etica diretta in maniera sistematica da parte di uno o più individui generalmente contro un singolo che, a causa del mobbing, è spinto in una posizione in cui è privo di appoggio e di difesa e lì costretto per mezzo di continue attività mobbizzanti (Leymann 1993).

86 MOBBING Due condizioni devono essere assolte affinché si possa affermare di trovarsi in presenza di mobbing: LA DURATA E LA RIPETITIVITA.. Il Mobbing viene utilizzato per allontanare soggetti indesiderati per varie ragioni: - non si adattano alle regole imposte dal gruppo, per sentimenti di carrierismo, per competitività, noia, invidia.

87 MOBBING Il soggetto mobbizzato vive una prima fase caratterizzata da ansia reattiva nel tentativo di impostare una strategia difensiva. Qualora non risultasse fruttuosa l ansia reattiva lascia il posto ad una sensazione di inadeguatezza ed alla tendenza all autoisolamento fino ad arrivare alla depressione.

88 MOBBING L OMS ha indicato la prevalenza di molestie morali sui luoghi di lavoro nel 2000 in Europa pari al 10% cioè una persona su 10 sarebbe vittima di azioni potenzialmente mobbizzanti.

89 MOBBING LE POSSIBILI SOLUZIONI La prevenzione: prevenire il mobbing è il modo più efficace di evitarlo. La sensibilizzazione: dell opinione pubblica. La formazione: consiste nel rendere le persone consapevoli del fenomeno, ha l obiettivo di curare, assistere, intervenire sul fenomeno in modo che questo causi minor numero di danni possibili.

90 LA COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA La comunicazione organizzativa è l insieme dei processi di creazione e diffusione di informazione e di messaggi entro e tra le diverse reti di relazioni interne ed esterne all organizzazione. Coinvolge i membri interni, i collaboratori esterni e tutti i soggetti interessati e coinvolti nella vita dell organizzazione. Emanuele Invernizzi Invernizzi propone l adozione del concetto di comunicazione organizzativa per superare la distinzione tra comunicazione interna, esterna e gestionale

91 La comunicazione organizzativa La comunicazione è un fatto costitutivo dell organizzazione La Comunicazione lega e collega il contesto interno ed esterno di un organizzazione E un processo che dipende da tutti Non si può non comunicare in un organizzazione Si comunica ciò che si è,, non solo ciò che si intende trasmettere come messaggio

92 I QUATTRO LIVELLI DELLA COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA Comunicazione funzionale Comunicazione informativa Comunicazione formativa Comunicazione creativa

93 Comunicazione funzionale: tutte le istruzioni e le informazioni operative che rendono possibile e/o facilitano il processo produttivo interno (circolari, manuali, ecc) Comunicazione informativa istituzionale: tutte le notizie che rendono possibile fare conoscere l ente, i suoi servizi e le strategie sia al pubblico interno che a quello esterno (es. newsletter, pubblicazioni periodiche, ecc) Comunicazione formativa: tutti gli interventi addestrativi/formativi che consentono di diffondere oltre alle necessarie conoscenze lavorative, anche la condivisione dei lavori (seminari, giornate di studio) Comunicazione creativa: tutti i momenti di incontro per stimolare nuovi modi di vedere la realtà, facilitando il problem solving (es. gruppi di lavoro)

94 Perché le istituzioni comunicano Per acquisire credibilità e dare fiducia Per dare visibilità alle loro attività di fronte ai cittadini Per rispondere alle aspettative di trasparenza di cittadini sempre più consapevoli dei propri diritti Per diventare competitive con altre istituzioni Per essere in linea con la normativa europea Per essere visibili e affermare il proprio punto di vista di fronte ai media Per le opportunità offerte dalle nuove tecnologie Per essere efficaci

95 E cambiato il modo di comunicare delle Pubbliche Amministrazioni? Il processo di riforma della P.A. Le tappe della riforma

96 Evoluzione dei pubblici poteri Inizi 900 funzioni d ordine, i pubblici poteri non dialogavano ma esercitavano il loro imperium la comunicazione era unidirezionale e si esprimeva in ordini, divieti e sanzioni lo Stato aveva l obbligo di garantire l informazione e legale delle norme e il buon andamento del vivere civile Inizi XX sec. lo Stato interviene direttamente nella gestione dei servizi gli enti locali sviluppano grandi iniziative nel settore dei servizi urbani a favore della collettività (municipalizzazione); Con l espansione dei servizi pubblici la comunicazione diventa latente e solo con le riforme degli anni Novanta

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Comunicazione interculturale. Comunicazione interculturale

Comunicazione interculturale. Comunicazione interculturale Università degli Studi di Ferrara Psicologia di Comunità (modulo) a.a. 2011/2012 Comunicazione interculturale Comunicazione interculturale Prof. Marcella Ravenna Cap. 4 Le relazioni tra i comunicanti La

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni VideoFisco - VideoLavoro ottobre 2014 Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni a cura di Eros Tugnoli 1 COMUNICAZIONE

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli