Ing. Gianfranco Malagola ALESAMONTI Barasso (VA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ing. Gianfranco Malagola ALESAMONTI Barasso (VA)"

Transcript

1 La manutenzione delle macchine utensili: situazione attuale e prospettive future dal punto di vista del costruttore di macchine. L esperienza di Alesamonti Ing. Gianfranco Malagola ALESAMONTI Barasso (VA)

2 - sottosistema macchina composto dalle strutture meccaniche (basamenti, carri, montanti ecc); - sottosistema utensile che comprende le tecnologie di lavorazione; - sottosistema impianti che comprende gli impianti elettrici, idraulici e pneumatici; - sottosistema software composto dai software per il suo funzionamento; - sottosistema di controllo che comprende il CN, gli azionamenti e le scale di lettura. La macchina utensile Nell ambito dei sistemi di lavorazione tratteremo le macchine utensili (MU) per workshop; esse sono sistemi complessi di lavorazione in grado di spostare un utensile in un sistema di coordinate spaziali. In una macchina utensile si possono individuare i seguenti sottosistemi: Varietà di parti Work Shop MU a CNC SISTEMI DI LAVORAZIONE Celle di lavorazione FMC FMS Linee di lav. fless. Linee di lav. rigide Q.tà tot annue 2

3 La Direttiva Macchine Il settore delle macchine utensili è stato profondamente modificato a partire dal 1989 dall avvento delle direttive comunitarie sulla sicurezza ed in particolare dalla Direttiva Macchine 98/37/CE recepita in Italia dal DPR 459/96, recentemente rivisitata dalla Direttiva 2006/42/CE. In tutte queste direttive viene evidenziata l importanza di adottare il principio di integrazione della sicurezza che impone di considerare tutti gli aspetti di funzionamento, regolazione e manutenzione della macchina al fine di garantire che tali operazioni, se effettuate nelle condizioni previste dal costruttore, non espongano a rischi le persone, tenendo anche conto dell uso scorretto ragionevolmente prevedibile. L introduzione di questo principio ha portato ad un più attento esame di tutti i comportamenti che si possono verificare sulla macchina e quindi anche di tutte le attività di manutenzione, cercando di portare nella progettazione tutte le analisi volte alla introduzione di accorgimenti orientati alla eliminazione o riduzione dei rischi, alla adozione delle misure necessarie nei confronti dei rischi che non possono essere eliminati e di informazione degli utilizzatori circa i rischi residui. 3

4 Le istruzioni Per quanto riguarda la manutenzione, la Direttiva Macchine stabilisce chiare linee guida sulle istruzioni che devono essere fornite con la macchina, ed in particolare stabilisce che devono essere consegnati: i disegni, i diagrammi, le descrizioni e le spiegazioni necessarie per l uso, la manutenzione e la riparazione della macchina e per verificarne il corretto funzionamento; la descrizione delle operazioni di regolazione e manutenzione che devono essere effettuate dall utilizzatore nonché le misure di manutenzione preventiva da rispettare; le istruzioni per effettuare in condizioni di sicurezza la regolazione e la manutenzione, incluse le misure di protezione che dovrebbero essere prese durante tali operazioni; Inoltre nell ambito delle segnalazioni da apporre sulla macchina si prescrive che: le macchine devono essere provviste di iscrizioni e/o targhe con le istruzioni per l uso, la regolazione e la manutenzione (piani di manutenzione), ovunque necessario, per garantire la sicurezza e la tutela della salute delle persone. Tali mezzi devono essere scelti, progettati e realizzati in modo da essere chiaramente visibili ed indelebili. 4

5 Età media del parco macchine utensili in Italia Il parco delle macchine utensili in Italia anni Torni Trapani Fresaalesatrici Centri di lavoro Macchine transfer Rettificatrici Segatrici Sbavatrici dati UCIMU aggiornati nel

6 Criteri di base per la progettazione della manutenzione In sede di progettazione delle macchine si adottano criteri per realizzare sistemi affidabili e mantenibili; tra i vari criteri adottati citiamo i seguenti: utilizzo di tecniche FMECA (Failure Mode Effect and Criticality Analysis) per identificare i possibili problemi e prevenire o controllarne le conseguenze; analisi delle vibrazioni prodotte dalla macchina ed azioni per evitarne gli effetti negativi (rondelle anti-svitamento, schede di ispezione, check-list); adozione per le parti strutturali in movimento (slitte e portali) di sistemi di lubrificazione automatica a centralina o a cartuccia con tempo variabile in funzione dell uso, con la possibilità di individuare con rapidità e precisione le perdite e gli intasamenti dei circuiti; la disposizione dei componenti all interno dell armadio elettrico studiata tenendo conto sia dei problemi di carattere funzionale (facile sostituzione del componente in caso di guasto) sia di quelli termici (condizionamenti dell armadio); adozione di sistemi di raffreddamento ovunque si generi calore in modo da limitare le deformazioni termiche; 6

7 Criteri di base per la progettazione della manutenzione la collocazione dei punti di intervento per regolazione e di manutenzione al di fuori delle zone pericolose. In ogni caso gli interventi di regolazione, manutenzione e riparazione della macchina devono essere eseguiti con macchina ferma; se questo non è possibile, è fondamentale che sulla macchina sia previsto un selettore modale di funzionamento a due posizioni per i seguenti modi di funzionamento: - produzione: la macchina può funzionare senza alcuna limitazione e con tutte le protezioni attive; - attrezzaggio/manutenzione: la macchina può funzionare senza le protezioni attive, con i comandi manuali, con limitazioni sulle velocità del mandrino e degli assi e comunque con azioni mantenute. progettazione dei sistemi di illuminazione per gli organi interni che devono essere ispezionati e regolati frequentemente; sviluppo di una diagnostica di macchina orientata non solo alla indicazione delle azioni da intraprendere in caso di guasto ma con indicazioni sulle attività di manutenzione preventiva da eseguire in relazione a parametri misurati. 7

8 Politiche manutentive lato cliente Manutenzione della della macchina utensile Manutenzione non non pianificata 80% Manutenzione pianificata 20% Manutenzione a guasto guasto non non urgente Manutenzione a guasto guasto urgente Manutenzione migliorativa Manutenzione ciclica ciclica Manutenzione secondo condizione 8

9 Manutenzione a guasto Nel settore delle macchine utensili per asportazione di truciolo operanti in ambiente di officina si adotta prevalentemente una manutenzione a guasto. La gestione di un sistema produttivo basata su questo criterio non fornisce ovviamente alcuna garanzia di funzionamento ed obbliga l azienda a dotarsi di abili manutentori e di parti di ricambio. Nell ambito della manutenzione a guasto esistono dei componenti critici che hanno alte frequenze di guasto. componente freq. interv. modo di guasto effetto causa sensoristica e volantini elettronici cuscinetti elettrovalvole cavi nelle protezioni articolate impianto frigorifero sistemi di misura 45 % 35 % 10 % 5 % 3 % 2 % rottura gioco e usura rottura bobina rottura rottura pompa rottura non funzionamento azzeramenti errori geometrici o all inversione mancato funz. del circuito comandato arresto macchina sovratemperatura della testa non misura sollecitazioni eccessive o torsioni di cavi vibrazioni o sollecitazioni eccessive grippaggio meccanico sollecitazione meccaniche sollecitazioni termiche vibrazioni 9

10 Manutenzione preventiva: il piano di manutenzione Il costruttore della macchina utensile deve fornire un dettagliato piano di manutenzione preventiva che, per ogni insieme manutentivo, assegna una scheda componente, una politica, una descrizione dell intervento, una periodicità, un operatore con determinate competenze ed una check-list che descrive nel dettaglio le attività da svolgere ed i valori di riferimento per i controlli e le misurazioni. N. Insiemi manutentivi Descrizione Scheda insieme/componente Politica Intervento Period. Operat. Checklist Accumulatori idraulici Funi SM-01 SM-02 CIC CIC Verifica pressioni e tenute Verifica ingrassaggio, rotture, usura e corrosione GG TM GEN MEC CK-02 CK Raschiaolio SM-03 CIC Verifica efficacia raschiaolio AA MEC CK Impianto lubrificazione SM-04 CIC Verifica livello olio di lubrific. delle guide di scorrimento GG GEN CK Sistemi di sicurezza SM-05 CIC Verifica efficacia sistemi TM MEC CK-11 10

11 Diagnostica di macchina Nella manutenzione a guasto gioca un ruolo rilevante la diagnostica di macchina che è in grado di aiutare fortemente e velocizzare la ricerca del guasto. Se la diagnostica di macchina è stata progettata nell ottica della manutenzione preventiva può aiutare anche ad evitare l insorgere di guasti. 12 ANOMALIA LUBRIFICAZIONE ASSI Causa : La pressione del circuito di lubrificazione della macchina non ha raggiunto, entro il tempo prefissato, il valore controllato dal pressostato. Effetto : nessun effetto sul funzionamento generale della macchina; se l'allarme continua a manifestarsi e non si pone rimedio, potrebbero generarsi dei problemi sulle guide di scorrimento degli assi. Rimedio : verificare il funzionamento della pompa e del circuito elettrico che la comanda, il funzionamento del pressostato e il livello dell'olio. Risolta la causa, l'allarme scompare premendo il tasto [CE] sulla pulsantiera HEIDENHAIN. 11

12 Manutenzione preventiva: on condition Alla diagnostica di macchina devono essere Andamento temperatura collegati sensori e trasduttori che tengono sotto controllo lo stato della macchina utensile; in 20,1 questo modo è possibile attivare una potente 20,1 controllo predittivo che aumenta l efficienza delle 20,0 lavorazioni e riduce al minimo le probabilità di fermo macchina. Le grandezze fisiche che 20,0 rivestono maggior interesse nella diagnostica 19,9 delle macchine utensili sono: la temperatura, la tempo pressione, la portata, le forze ed altre tipiche grandezze elettriche come tensione e corrente. In ambito manutentivo si utilizza il monitoraggio dei cosiddetti segnali segnali deboli ovvero quei segnali che provengono da parametri quali le vibrazioni, il rumore, l analisi l dell olio, la temperatura ed altri; si analizza la loro tendenza tramite grafici di tendenza e si estraggono informazioni utili per valutare la situazione. La valutazione di questi dati, in termini assoluti o come variazioni percentuali nel tempo (il cosiddetto trend ), consente di formulare precise diagnosi sullo stato di salute dei principali componenti e permette di decidere con notevole anticipo come e quando intervenire per prevenire l insorgere di un danno. 12 C

13 Manutenzione preventiva: il monitoraggio Nel monitoraggio l informazione che si desidera ricevere è un informazione di tendenza rispetto ad un riferimento stabilito a priori (comparazione). Quindi il concetto di riferibilità delle misure perde il significato tipicamente attribuito nella misura assoluta e diventa più importante il concetto di ripetibilità e riproducibilità del metodo di misura. tempo previsione? limite inf. R & R limite sup. R & R In sostanza è necessario verificare che il metodo utilizzato introduca delle variabilità che sono contenute entro i limiti di ripetibilità e riproducibilità. 13

14 Manutenzione preventiva: esempio di monitoraggio In un processo di foratura profonda con punte a cannone è utile tenere sotto controllo la pressione del fluido lubro-refrigerante che ha la fondamentale funzione di evacuare il truciolo e di asportare il calore prodotto dalla lavorazione (valore tipico della pressione 100 bar). Se, tramite un algoritmo di calcolo, si valuta la tendenza della pressione del fluido, è possibile capire se essa sta aumentando rispetto al valore di riferimento; in questo caso occorre arrestare l avanzamento della punta a cannone ed analizzare i motivi dell aumento di pressione, evitando così la rottura della punta all interno dello stampo con danni rilevanti per lo stampo stesso. A conclusione di quanto detto occorre sempre ricordare che nessun sistema automatico di controllo e monitoraggio potrà mai eguagliare le capacità di un operatore esperto e consapevole, dotato quindi di grande sensibilità per riconoscere quei segnali deboli che provengono dalla sua macchina e che solo lui è in grado di interpretare, apportando quelle correzioni utili per mantenere correttamente la MU, tanto più su macchine fortemente personalizzate come quelle da workshop. 14

15 In questi ultimi anni si è diffuso nel settore delle macchine utensili un sempre più spinto utilizzo delle tecnologie telematiche (telecomunicazioni + informatica) applicate proprio nel settore della manutenzione. La telemanutenzione Per telemanutenzione si intende infatti una manutenzione in cui almeno una delle azioni volte a mantenere o riportare il bene in uno stato in cui può eseguire la funzione richiesta è svolta per via telematica. Nell ambito quindi di un servizio di manutenzione, il costruttore della macchina utensile può mettere a disposizione un servizio di teleservice che offre al cliente indubbi vantaggi in termini di tempo e di costi di intervento ISDN 15

16 La struttura del teleservice Un esempio di applicazione della telemanutenzione alle macchine utensili si ottiene equipaggiando il controllo numerico con una scheda Ethernet. In questo modo, utilizzando il protocollo TCP/IP, la macchina utensile viene collegata attraverso un router alla linea telefonica ISDN e quindi tramite un altro router al PC dedicato alla telemanutenzione del costruttore della macchina che mette a disposizione un centro di teleservice. Utilizzatore di MU Costruttore di MU Esempio proposto da HEIDENHAIM 16

17 Potenzialità del teleservice Il centro di assistenza del costruttore della macchina può quindi collegarsi al controllo numerico della macchina utensile ed attivare il TeleService Control Panel con il quale si possono gestire le seguenti funzioni: screen: per visualizzare lo schermo del CN della macchina utensile; keyboard: per visualizzare e rendere operativa la tastiera del CN; file: per attivare il trasferimento di file tra CN e PC del teleservice; explore: per analizzare i dati con strutture ad albero; diag: per effettuare diagnosi dei dati macchina e PLC con utilizzo di funzioni speciali per gestire i dati e le informazioni; è possibile quindi analizzare gli stati logici delle variabili della PLC, gli andamenti dei segnali analogici delle grandezze monitorate, variare i parametri di regolazione degli assi, aggiungere e correggere le logiche di macchina. 17

18 Con il teleservice è possibile quindi: Potenzialità del teleservice analizzare in tempo reale i guasti di macchina utilizzando specialisti dei vari componenti e sistemi installati sulla macchina, creando un data base dei guasti e delle cause che li hanno determinati; aggiornare i software del controllo numerico, della PLC e degli azionamenti garantendo quindi un costante aggiornamento delle funzioni operative; istruire il personale a distanza illustrandogli nuove funzioni disponibili grazie all aggiornamento dei software; attuare politiche di monitoraggio su funzioni e grandezze critiche della macchina ed avvisare il cliente quando un parametro presenta problemi; assistere il manutentore tradizionale presente in loco mettendogli a disposizione conoscenze e capacità specialistiche al di fuori della sua preparazione (ad esempio dopo la sostituzione di cuscinetti sul mandrino è necessario operare delle regolazioni molto sofisticate sulla regolazione digitale dell azionamento mandrino per cui è richiesta una competenza specifica che il manutentore in loco non può avere); ottimizzare i parametri di regolazione della macchina in base all uso variabile del cliente. 18

19 In relazione a quanto esposto, le strategie consigliate all utilizzatore per la manutenzione di macchine per workshop sono le seguenti: La strategia del cliente per la manutenzione delle sue MU limitare la manutenzione fatta internamente al primo livello (sostituzione di parti senza la necessità di regolazioni complesse); adottare i principi TPM (Total Productive Maintenance) per migliorare la disponibilità delle macchine associata a regole di buon utilizzo e facendo fortemente leva sulle capacità di diagnosi e controllo dell operatore ricorrere per i livelli superiori di manutenzione ad aziende specializzate o meglio al costruttore della macchina utensile, avendo cura di analizzare e specificare il livello di servizio richiesto (disponibilità richiesta per la macchina, tempo massimo di intervento su guasto, disponibilità di parti di ricambio) adottando tecnologie avanzate di manutenzione come il teleservice. 19

20 La formazione del manutentore per il costruttore della MU Da quanto precedentemente esposto risulta evidente come la manutenzione su di una macchina utensile implichi la conoscenza di sistemi complessi. Ciò significa che il costruttore della MU deve avere nel proprio organico figure professionali definite come manutentori meccatronici ovvero tecnici in grado di intervenire su sistemi complessi ove sono richieste competenze meccaniche, idrauliche, termiche ed elettriche. Competenza (aggregazione di conoscenze, abilità e comportamenti che devono essere posseduti per svolgere un determinato compito) elementi di competenza - conoscenza indica l insieme di contenuti (fatti, concetti, regole e teorie) appresi, acquisiti e conservati - abilità indica l essere in grado di utilizzare specifici strumenti operativi ( tecniche, metodi, apparecchiature) - comportamento indica l essere in grado di comunicare ed interagire con uno specifico contesto operativo e con i sui valori di riferimento aggregati per - saper cosa fare (acquisito tramite istruzione scolastica, formazione ed addestramento) - saper come fare (acquisito tramite formazione ed addestramento, esperienza lavorativa) - saper essere (acquisito tramite esperienza lavorativa e caratteristiche individuali) al fine di svolgere una attività richiesta in una specifica situazione 20

21 La gestione delle risorse L organizzazione aziendale deve quindi essere in grado di effettuare un attenta analisi delle competenze dei propri manutentori; in altre parole diventa vitale per l organizzazione individuare, mantenere e sviluppare cosa le persone sanno fare, come lo sanno fare e come sanno stare per garantirsi l eccellenza nell erogazione di servizi di qualità. Quanto detto vale a maggior ragione se si opera in conformità ad un Sistema di Gestione per la Qualità: la gestione delle risorse umane, richiesta dalle ISO 9000:2000, stabilisce che uno dei compiti principali del responsabile di un processo è il saper identificare e sviluppare le competenze inerenti i ruoli coinvolti nel processo. Individuate le competenze necessarie occorre valutare se il personale che ricopre i vari ruoli è in possesso delle competenze richieste; la differenza tra le competenze richieste e le competenze possedute per ogni individuo determina il crearsi di: crediti formativi quando le competenze possedute delle competenze richieste; debiti formativi quando le competenze possedute < delle competenze richieste. I debiti formativi rappresentano l informazione fondamentale per predisporre corretti percorsi formativi. 21

22 La qualificazione del personale Queste regole possono diventare la base per la qualificazione del personale definita come: dimostrazione della conformità ai requisiti di competenza, in termini di formazione, addestramento, esperienza e caratteristiche individuali, che rendono complessivamente idoneo, in relazione a ciascuno specifico livello di qualificazione, il personale addetto ad un determinato settore di attività. La formazione e l addestramento (i due termini sono la traduzione del termine inglese training ) sono i mezzi per assicurare al personale le necessarie competenze; la UNI ISO 10015:2001 fornisce infatti la seguente definizione di formazione: processo che si occupa di sviluppare le conoscenze, le abilità e i comportamenti necessari a soddisfare i requisiti. La piccola e media impresa trova grande difficoltà a reperire servizi di formazione che siano in grado di rispondere ai suoi bisogni formativi e questo spesso è uno dei motivi per cui nelle aziende si fa poca formazione. L offerta formativa disponibile è spesso molto generica ed orientata prevalentemente al trasferimento di conoscenze, trascurando le componenti di abilità e comportamento che sono fondamentali nei processi manutentivi. 22

23 Il sistema di gestione delle competenze Per ogni processo manutentivo, la Direzione aziendale, in collaborazione con le persone coinvolte nei processi, ha individuato le competenze necessarie in relazione alle attività di cui è composto il processo stesso. Tali competenze sono elencate in un documento denominato Matrice di abilitazione dei processi. 23

24 Catalogo aziendale delle competenze Le competenze richieste dai processi sono state quindi inserite in un catalogo aziendale delle competenze che rappresenta un repertorio delle conoscenze, abilità e comportamenti individuato ed utilizzato dall'azienda per costruire i profili professionali dei ruoli e per effettuare la valutazione delle competenze delle persone. Nel catalogo, ogni competenza è stata suddivisa nei suoi tre elementi fondamentali: - le conoscenze, nel loro dettaglio, indicando anche la documentazione utile e le modalità per valutare il loro apprendimento; - le abilità, nel loro dettaglio, indicando le modalità per la loro acquisizione e per valutare il loro apprendimento; - i comportamenti, nel loro dettaglio. 24

25 Il profilo di competenza Per ogni titolare di un ruolo, nell ambito di una posizione organizzativa, si è definito un Profilo di competenza del titolare del ruolo ove sono elencate tutte le competenze richieste, il livello di padronanza atteso e periodicamente il livello di padronanza rilevato. Vai al Catalogo Competenze Vai al Riepilogo Aggiorna e ritorna al Riepilogo Posizione organizzativa : Servizio Manutenzione Ruolo organizzativo : manutentore meccatronico Titolare: Rossi Alberto Competenze generali e di processo richieste per la posizione organizzativa (mettere una X sul livello di padronanza atteso) Cod. Descrizione competenza Processo Livello di padronanza atteso Livello rilevato base (1) interm. (2) buono (3) eccell. (4) P01 sapere i concetti base delle lavorazioni meccaniche imp/man X 2 P23 saper leggere ed interpretare il disegno meccanico imp/man X 3 P11 sapere i principali metodi di lavorazione sulle MU tradizionali ed a CN imp/man X 3 P06 saper usare e mantenere le attrezzature di lavoro imp/man X 3 P02 sapere i concetti base della metrologia di officina imp/man X 2 P07 sapere le operazioni di assemblaggio di base imp/man X 3 P08 sapere le operazioni di assemblaggio avanzate imp/man X 3 P09 saper usare e mantenere le attrezzature di lavoro imp/man X 3 P10 sapere il funzionamento dei componenti elettronici di base imp/man X 3 P26 sapere utilizzare e modificare i controllori a logica programmabile imp/man X 3 P36 sapere leggere ed interpretare il disegno elettrico imp/man X 3 P37 sapere i concetti di base della regolazione imp/man X 3 25

26 Il piano annuale di formazione La differenza tra il livello di padronanza atteso ed il livello rilevato determina il crearsi di crediti formativi (livello rilevato uguale o maggiore del livello atteso) o di debiti formativi (livello rilevato minore del livello atteso) che generano l esigenza di successive attività di formazione/addestramento. All inizio di ogni anno viene preparato il Piano annuale di formazione che ha la funzione di compensare i debiti formativi ed allineare le competenze ai i nuovi livelli di padronanza richiesti. 26

27 Il futuro della manutenzione delle macchine utensili Il futuro della manutenzione sulle macchine utensili è fortemente legato agli sviluppi della ricerca su innovativi sistemi di produzioni. Noi siamo convinti che il futuro delle macchine utensili nel campo delle lavorazioni meccaniche complesse per piccole serie sia rappresentato da una nuova generazione di macchine denominate MMT (Measuring Machine Tools). Queste macchine sono caratterizzate dalla presenza a bordo di sofisticati sensori che sono in grado di ricostruire in qualunque momento il modello dei 18 errori della macchina e di tenerne conto in tempo reale MMT durante e dopo i transitori termici. Sono quindi capaci di lavorare i pezzi meccanici e di verificare la conformità degli stessi alle specifiche tecniche. 27

28 Il futuro: la MMT Grazie ai sofisticati sistemi metrologici di cui è dotata, la MMT è in grado di verificare tutte le sue prestazioni prima di iniziare le lavorazioni (check-up iniziale) e capire se la sua struttura meccanica (6 errori per ogni asse) è idonea a realizzare pezzi entro le tolleranze della macchina. In caso contrario attiva immediatamente la telemanutenzione e comunica i parametri che non rientrano negli errori massimi ammessi. Il largo utilizzo sulla MMT di robot antropomorfi per il cambio dell utensile e per la movimentazione dei pezzi consente l impiego di sistemi di visione artificiale montati sul polso dei robot che facilitano la telemanutenzione consentendo di analizzare anche visivamente lo stato della macchina. La presenza a bordo della MMT di una rete di sensori per le grandezze termiche, finalizzati alla compensazione degli errori di macchina e quindi al miglioramento delle lavorazioni, consente di analizzare le tendenze delle grandezze fisiche critiche e proporre azioni preventive di manutenzione. La disponibilità in tempo reale di tutte queste informazioni sulle grandezze fisiche di interesse della macchina renderanno quindi, su questo tipo di macchine, molto più rapida la ricerca dei guasti e la prevenzione degli stessi. 28

29 Bibliografia G. Malagola, G. Morandi, Qualificazione del personale di manutenzione nelle PMI specializzate, Manutenzione, Tecnica e Management, Anno XIII, numero 9, Settembre 2006 G. Malagola, G. Morandi, Formazione e competenze. Percorsi di qualificazione del personale di manutenzione nella piccola/media impresa specializzata, Congresso Nazionale di Manutenzione dell AIMAN Ancona, 06/2006 G. Malagola, G. Morandi, Esperienze di Facility Management, Congresso Nazionale di Manutenzione dell AIMAN Ancona, 01/2006 G. Malagola, Le problematiche di misura in ambito manutentivo, IV Congresso Nazionale Sistemi Manutentivi di Manutenzione Firenze, 05/2005 G. Malagola, Introduzione di un sistema informativo in una piccola società di manutenzione, Manutenzione, Tecnica e Management, Anno XI, numero 7/8, Luglio/Agosto 2004 G. Malagola, A. Ponterio, La metrologia dimensionale per l industria meccanica, Augusta Edizioni, Torino 2004 (www.metrologiadimensionale.it) 29

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm 2 Migliorate l efficienza della vostra macchina utensile La pressione della concorrenza

Dettagli

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Unico. Completo. Compatibile. highlights unico CELOS di DMG MORI dall idea al prodotto finito. Le APP CELOS consentono all utente di gestire, documentare e

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C.

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C. P R O B I N G ARTICOLO SELEZIONATO DA PROBING N 10 Notiziario semestrale di tecnica ed informazione dell Associazione CMM Club Italia STIMA DELL INCERTEZZA DI UN PROCESSO DI MISURAZIONE CON CMM di Gianfranco

Dettagli

Eaton Macchine di processo. Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione.

Eaton Macchine di processo. Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione. Eaton Macchine di processo Affidati alla affidabilità per garantire continuità alla tua produzione. Il tempo di funzionamento non è tutto, è l unica cosa che conta. Ogni processo industriale deve soddisfare

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Linee guida Documentazione Iniziale relativa alla manutenzione (Dossier di Manutenzione) e Piano di Manutenzione dei veicoli BOZZA

Linee guida Documentazione Iniziale relativa alla manutenzione (Dossier di Manutenzione) e Piano di Manutenzione dei veicoli BOZZA relativa alla manutenzione (Dossier di BOZZA Rev 0 REDATTO VERIFICATO APPROVATO M. Scrivani R. Cammarata M.G. Marzoni INDICE 1 Premessa... 3 2 Scopo e campo di applicazione... 3 3 Riferimenti legislativi

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Dottorato in Tecnologie e Sistemi di Produzione - XXI Ciclo Tesi di Dottorato

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) FILTI OLEODINMICI Serie F-1 Filtri con cartuccia avvitabile (spin-on) Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFP T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFP

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria MANUALE D USO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2.... 4 3. INVIO CERTIFICATO DI MALATTIA... 4 3.1 SELEZIONE...

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt. C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.com www.cfritaly.com È vietata la riproduzione o la traduzione

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Working Process ai vertici della tecnologia

Working Process ai vertici della tecnologia ING.qxd 29-04-2013 15:54 Pagina 24 Working Process ai vertici della tecnologia Un produttore italiano porta ai massimi livelli la tecnologia della lavorazione del serramento. Working Process ci ha abituati

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

HM 10 16 25 Hybrid Meter. Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID)

HM 10 16 25 Hybrid Meter. Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) HM 10 16 25 Hybrid Meter Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) SMART GAS METER HM series G10 G16 G25 HyMeter è un contatore per uso commerciale a tecnologia ibrida. Combina le caratteristiche

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

FINE GRINDING TECNICA E TECNOLOGIA Ø 810

FINE GRINDING TECNICA E TECNOLOGIA Ø 810 FINE GRINDING TECNICA E TECNOLOGIA 7 3 Ø 80 e Grinding: l attenzione per il dettaglio e Grinding: pellet e segmenti Talvolta si sottovalutano aspetti che sembrano di corollario ma che, se opportunamente

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Soluzioni nuove, elaborate attingendo

Soluzioni nuove, elaborate attingendo SEZIONE Soluzioni per un mondo che cambia Oggi, gli utilizzatori di sistemi idraulici hanno molte esigenze, spesso diverse e da soddisfare simultaneamente con soluzioni innovative Il Technology Walk, tenutosi

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici Der Verband für Stark- und Schwachstrominstallationen, Telekommunikation, IT- und Sicherheitsinstallationen, Anlagenbau, Gebäudetechnik L union pour les installations à courant fort et courant faible,

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli