Corso di Chimica Fisica A. Tutoraggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Chimica Fisica A. Tutoraggio"

Transcript

1 Università di orino Corso di Studi in Chimica - Laurea riennale Anno Accademico Corso di Chimica Fisica A utoraggio Bartolomeo Civalleri Roberto Dovesi /home/mimmo/testitex/tut cf-a 05/tuto/tut cfa 05.pdf (March 17, 2005) 1

2 2

3 Alcuni dati utili able 1: Varie unità per esprimere la pressione. 1 pascal (Pa) = 1 N m 2 2 = 1 kg m 1 s 1 atmosfera (atm) = Pa = bar = kpa = mbar = 760 orr 1 bar = 10 5 Pa = 0.1 MPa able 2: I valori della costante molare dei gas, R, in varie unità. R = J mol 1 K = dm3 bar mol 1 K = cm3 bar mol 1 K = L atm mol 1 K = cm3 atm mol 1 K Equazioni di stato dei gas a) Equazione dei gas ideali b) Equazione di van der Waals P = P = R V m (1) R V m b a (V m ) 2 (2) c) Equazione di Redlich-Kwong d) Equazione di Peng-Robinson P = P = R V m B A 1/2 V m (V m + B) R V m β α V m (V m + β) + β(v m + β) (3) (4) 3

4 Le proprietà dei gas Esercizi svolti Esercizio 1.1 Un gas ideale subisce una compressione a costante che ne riduce il volume di 2.20 dm 3. La pressione e il volume finali del gas sono rispettivamente orr e 4.65 dm 3. Calcolate la pressione iniziale del gas (a) in orr, (b) in atm. a) Applichiamo l equazione di stato dei gas ideali P V = nr. Dato che n e sono costanti e R è una costante allora P V = cost. (Legge di Boyle). Quindi vale P i V i = P f V f da cui: P i ( orr) = P f V f V i = orr 4.65 dm dm 3 = orr (5) b) Poichè 760 orr equivalgono ad un atmosfera, si può convertire la pressione da orr ad atm: Esercizio 1.2 P i (atm) = 1 atm 2560 orr 760 orr = 3.37 atm (6) Un gas ideale a 340 K viene riscaldato a pressione costante fino a quando il volume risulta accresciuto del 18%. Quale sarà la temperatura finale del gas? Partendo dall equazione di stato dei gas perfetti P V = nr si può ottenere la relazione tra V e : P V = nr V = nr/p V = cost (7) Assumendo che il volume iniziale sia 100 u.v. (u.v.=unità di volume), il volume finale sará quello iniziale aumentato del 18%, cioè: 118 u.v.. Quindi, V i = cost i e V f = cost f da cui: Esercizio 1.3 f = V f i V i = 118 u.v. 340 K 100 u.v. = 401 K (8) A 122 K un campione di 255 mg di neon occupa un volume di 3.00 dm 3. Applicando l equazione di stato dei gas perfetti calcolare la pressione a) in atm, b) in kpa. (M = g/mol) a) Data l equazione di stato dei gas perfetti P V = nr si può scrivere: P = nr/v. Il valore di R da usare è: dm 3 atm mol 1 K 1. Il numero di moli si ottiene dividendo la massa del campione per il suo peso molecolare (M=20.18 g mol 1 ): n Ne = g g mol 1 = mol (9) P (atm) = mol dm 3 atm mol 1 K K 3.00 dm 3 = atm (10) 4

5 b) Usando l opportuno fattore di conversione (1 atm = kpa), si puó trasformare la pressione ottenuta da atm a kpa: P (kp a) = atm kp a atm 1 = 4.27 kp a (11) Esercizio 1.4 Una miscela gassosa è costituita da 320 mg di metano, 175 mg di argon e 225 mg di neon. La pressione parziale del neon a 300 K è 66.5 orr. Calcolate: (a) il volume della miscela, (b) la pressione parziale dell argon, (c) la pressione totale della miscela. (M Ne = g/mol; M Ar = g/mol; M CH4 = g/mol) Supponendo che i gas si comportino in modo ideale possiamo applicare la legge di Dalton ( un gas in una miscela di gas ideali si comporta come se gli altri gas non fossero presenti ). Da questa ne consegue che l equazione dei gas perfetti si può scrivere come: P tot V = n tot R = n j R (12) j e, per i singoli componenti la miscela, vale: Per la miscela si può quindi scrivere: da cui dove x j è la frazione molare del gas j-esimo. P j = P j V = n j R (13) P tot j n j = P j n j (14) n j j n P tot = x j P tot (15) j a) Il volume totale della miscela é quindi il volume occupato dai singoli costituenti alla loro pressione parziale. Considerando il neon si ha: g n Ne = g mol 1 = mol (16) La pressione parziale del neon espressa in atm diventa atm Quindi il volume della miscela è dato da: V = n jr P j = mol dm 3 atm mol 1 K K atm (17) = 3.12 dm 3 (18) b) Ricavando il numero di moli di argon: si ottiene P Ar = n ArR V n Ar = g g mol 1 = mol (19) = mol dm 3 atm mol 1 K K 3.12 dm 3 = atm (21) (20) 5

6 c) Dato che P tot V = j n j R = n tot R (22) resta da calcolare il numero di moli di metano n CH4 = e il numero di moli totale: n tot = 3.54 mol. Quindi Esercizio g g mol 1 = mol (23) P tot = mol dm 3 atm mol 1 K K 3.12 dm 3 = atm (24) Un recipiente del volume di 1.0 L contiene 131 g di Xe alla temperatura di 25 C. Calcolare la pressione del gas nell ipotesi che si comporti (a) come un gas perfetto (b) come un gas di van der Waals. Si assuma per lo xenon: a=4.194 dm 6 atm mol 2 e b= dm 3 mol 1. a) La prima parte di questo esercizio è identica a all esercizio 1.3, quindi data P V = nr e si ha b) L equazion di van der Waals è: Quindi: Esercizio 1.6 n Xe = 131 g = 1.0 mol (25) 131 g mol 1 P (atm) = 1.0 mol dm3 atm mol 1 K K 1.0 dm 3 = 24 atm (26) P = nr V nb an2 V 2 (27) P = 1.0 mol dm3 atm mol 1 K K 1.0 dm 3 (1.0 mol dm 3 mol 1 (28) dm6 atm mol 2 (1.0) 2 mol 2 (1.0) 2 dm 6 (29) = 22 atm (30) A 250 K e 15 atm di pressione un gas possiede un volume molare inferiore del 12% rispetto a quello deducibile dall equazione di stato dei gas perfetti. Calcolare: (a) il coefficiente di compressibilità alle suddette e P ; (b) il volume molare del gas. (c) Quale tipo di forze sono predominanti a questi valori di e P, le attrattive o le repulsive? Il coefficiente di compressibilità è: Z = P V m R dove V m è il volume molare. Dato che il volume molare è inferiore del 12% rispetto a quello del gas ideale si ha che (31) V m = 0.88 V 0 m = 0.88 R/P (32) 6

7 a) Perciò Z = P R b) Usando l equazione dei gas perfetti si ricava: 0.88 R P = 0.88 (33) V m = ZR P = dm3 atm mol 1 K K 15 atm = 1.2 dm 3 (34) c) Dato che V m < V 0 m prevalgono le forze attrattive. Esercizio 1.7 Utilizzando i parametri di van der Waals relativi al Cl 2 (a=6.493 dm 6 atm mol 2 e b= dm 3 mol 1 ) calcolare i valori approssimati (a) della temperatura di Boyle, (b) del raggio della molecola considerata di forma sferica. Richiamiamo alcuni concetti relativi all equazione di stato del viriale. Una delle forme con cui si esprime l equazione del viriale è: P V m = R (1 + B 2V ( )/V m + B 3V ( )/V m +...) (35) È possibile esprimere l equazione di van der Waals in una forma analoga all equazione del viriale. Riscriviamo prima l eq. di van der Waals nella forma P = R { 1 V m 1 (b/v m ) a } (36) R V m Fintanto che b/v m < 1, il primo termine in parentesi può essere espanso come 1/(1 x) = 1 + x + x , dove x = b/v m, ottenendo infine P = R { ( 1 + b a ) } (37) V m R V m Confrontando l equazione 37 con quella del viriale (35) si può osservare come il secondo coefficiente del viriale assuma la forma B 2V = b a (38) R Dato che, per definizione, B 2V si annulla alla temperatura di Boyle, si ottiene a) Dai dati tabulati per il Cl 2 si ha B = B = a br dm 6 atm mol dm 3 mol dm 3 atm mol 1 K 1 = K (40) b) b, il termine che corregge il volume nell eq. dei gas perfetti, è approssimativamente il volume occupato da una mole di particelle, possiamo scrivere che il volume occupato da una singola particella è v mol Quindi, considerando la particella di forma sferica, v mol = 4 3 πr3 (39) b = m 3 mol 1 N A mol 1 = m 3 (41) r ( ) 1/3 3 4π m 3 = 0.28 nm (42) 7

8 Esercizio 1.8 A 300 K e a 20 atm di pressione il fattore di compressibilità di un certo gas risulta di Calcolare (a) il volume di 8.2 mmol del gas ai suddetti valori di e P, (b) il valore approssimato del secondo coefficiente del viriale. Z si può esprimere, usando l equazione di stato del viriale, come Quindi a) V m = ZR P Z = P V m R = 1 + B 2V ( )/V m + B 3V ( )/V m +... (43) = dm3 atm mol 1 K K 20atm = dm 3 mol 1 (44) V = nv m = mol dm 3 mol 1 = dm 3 (45) b) roncando l espansione del viriale al secondo termine si può esprimere B 2V come ( ) P Vm B 2V = V m R 1 = V m (Z 1) (46) Esercizio 1.9 = dm 3 mol 1 (0.86 1) = 0.15 dm 3 mol 1 (47) Usare l equazione di van der Waals e l equazione di Redlich-Kwong per calcolare il valore della pressione di una mole di etano a K confinato in un volume di cm 3. Confrontare i risultati con il valore sperimentale di 400 bar. Dai dati tabulati per l etano si ha, per l eq. di van der Waals: a= dm 6 bar mol 2 e b= dm 3 mol 1 ; per l eq. di Redlich-Kwong: A= dm 6 bar mol 2 K1/2 e B= dm 3 mol 1. Il volume molare dell etano è dm 3 mol 1. a) L equazione di van der Waals è P = P = R V m b a (V m ) 2 (48) dm3 bar mol 1 K K dm 3 mol dm 3 mol dm6 bar mol 2 ( dm 3 mol 1 ) 2 = 1031 bar (49) b) L equazione di Redlich-Kwong è Allora P = R V m B A 1/2 V m (V m + B) P = dm 3 bar mol 1 K K dm 3 mol dm 3 mol 1 (51) dm 6 bar mol 2 K 1/2 400 K 1/ dm 3 mol 1 ( ) dm 3 mol 1 (52) = bar (53) Il valore ottenuto dall equazione di Redlich-Kwong è il più vicino al dato osservato sperimentalmente (i due valori differiscono di circa il 3%). (50) 8

9 Esercizio 1.10 Un campione di argon di volume molare 17.2 L mol 1 viene mantenuto a 10.0 atm e 280 K. A che volume molare, pressione e temperatura si troverebbe in uno stato corrispondente un campione di azoto? Si usino i dati seguenti: P c (atm) V c (cm 3 mol 1 ) c (K) Ar N Ricordando che P r = P/P c, V r = V m /V c e r = / c e usando i dati sulle costanti critiche dell argon calcoliamo le variabili ridotte V r = 17.2 dm3 mol dm 3 = (54) mol atm P r = = (55) 48.0 atm r = 280 K = (56) K Poi si usano le costanti critiche dell azoto per trovare i valori di volume, pressione e temperatura che corrispondo alle variabili ridotte dell argon Esercizi da svolgere Esercizio 1.11 V m = dm 3 mol 1 = 20.6dm 3 mol 1 (57) P = atm = 6.98atm (58) = K = 235 K (59) A 330 K ed alla pressione di 150 orr la densità di un composto gassoso risulta pari a 1.23 g dm 3. Quale è la massa molecolare di tale composto? [R. 169 g/mol] Esercizio 1.12 In un recipiente del volume di 22.4 dm 3 vengono introdotte 2.0 moli di H 2 e 1.0 moli di N 2 a K. Nell ipotesi che tutto l H 2 reagisca con l N 2, calcolare le pressioni parziali e la pressione totale della miscela finale. [R. P tot = 1.66 atm; P H2 = 0 atm; P N2 = 0.33 atm; P NH3 = 1.33 atm] Esercizio 1.13 Un litro di N 2 (g) a 2.1 bar e due litri di Ar(g) a 3.4 bar vengono mescolati in una beuta di 4.0 L per formare una miscela di gas ideali. (a) Calcolare il valore della pressione finale della miscela se le temperature iniziali e finali dei gas sono uguali. (b) Ripetere questo calcolo se le temperature iniziali di N 2 (g) e di Ar 2 (g) sono rispettivamente 304 K e 402 K, e la temperatura finale della miscela è 377 K. (Si assuma un comportamento di gas ideale). [R. (a) 2.2 bar; (b) 2.2 bar] 9

10 Esercizio 1.14 Sono necessari g di azoto per riempire un contenitore di vetro a K e alla pressione di bar. Sono necessari g di un gas biatomico omonucleare sconosciuto per riempire lo stesso contenitore sotto le stesse condizioni. Di che gas si tratta? [R. M = 70.9 g/mol; Cl 2 ] Esercizio 1.15 Si confrontino le pressioni date (a) dall equazionde del gas ideale, (b) dall equazione di van der Waals, (c) da quella di Redlich-Kwong, e (d) da quella di Peng-Robinson per il propano a 400 K e ρ = mol dm 3. Il valore sperimentale è 400 bar. Si assuma: eq. van der Waals eq. Redlich-Kwong eq. Peng-Robinson a= dm 6 bar mol 2 A= dm 6 bar mol 2 K1/2 2 α= dm6 bar mol b= dm 3 mol 1 B= dm 3 mol 1 1 β= dm3 mol [R. (a) bar; (b) 8008 bar; (c) bar; (d) bar] Esercizio 1.16 Un campione di elio di volume molare 10.5 L mol 1 viene mantenuto a 0.10 atm e 10.0 K. A che volume molare, pressione e temperatura si troverebbe un campione di CO 2 nello stato corrispondente? Si usino i dati seguenti: [R L/mol; 3.2 atm; 585 K] P c (atm) V c (cm 3 mol 1 ) c (K) He CO Esercizio 1.17 Per gonfiare una camera d aria di bicicletta ad un volume di 2 L e una pressione di 1.4 atm deve essere utilizzata una pompa il cui pistone ha una sezione di 5 cm 2 di superficie e una corsa di 25 cm. Calcolare il numero di compressioni necessario per gonfiare la camera d aria. (Si assuma un comportamento di gas ideale). [R. tra 22 e 23 volte] Esercizio 1.18 Nell ipotesi di comportamento tipo van der Waals, quale membro i ciascuna delle seguenti coppie è più probabile che devii dal comportamento ideale? Spiegate le vostre scelte. (aiutatevi usando i valori delle costanti di van der Waals, vedere abella 16.3, pag D.A. McQuarrie, J.D. Simon Chimica Fisica un approccio molecolare, Zanichelli, 2000). a) H 2 rispetto a O 2 b) Monossido di carbonio rispetto ad azoto c) Metano rispetto a etano [R. a) O 2 ; b) monossido di carbonio; c) etano] 10

11 Esercizio 1.19 La ricerca in scienza delle superfici viene condotta facendo uso di camere a vuoto ultra-spinto che possono sostenere basse pressioni come torr. All interno di un tale apparato, quante molecole sono presenti in un volume di 1.00 cm 3 a 298 K? Quale è il volume molare corrispondente a questa pressione e temperatura? [R molecole; cm 3 mol 1 ] Esercizio 1.20 Calcolare il volume molare del metano a 300 K a 100 atm, sapendo che il secondo coefficiente del viriale (B 2V ) del metano è L mol 1. Paragonare il risultato con quello ottenuto usando l equazione del gas ideale. [R L mol 1 ; 0.25 L mol 1 ] 11

12 Esercizi svolti Esercizio 2.1 Alcuni esercizi sulle derivate parziali Determinare le costanti critiche per l equazione di stato di van der Waals in termini dei parametri a e b. Ricordate che alla temperatura critica la curva P vs V presenta un flesso orizzontale dove valgono le seguenti condizioni ( ( ) P V m = 0 e ) 2 P V = 0 (60) m 2 c c Data l equazione di van der Waals P = R V m b a Vm 2 calcoliamo la derivata prima e seconda della pressione rispetto al volume ( P ) V m ( 2 ) P = R (V m b) 2 + 2a V 3 m Vm 2 = 2R (V m b) 3 6a Vm 4 Applicando le condizioni di esistenza di un flesso orizzontale alla temperatura critica, abbiamo Rc (V m b) + 2a 2 Vm 3 = 0 ; R c (V m b) 2 = 2a V 3 m (61) (62) (63) (64) da cui possiamo scrivere 2R c (V m b) 6a 3 V = 0 ; m 4 2R c (V m b) 3 = 6a V 4 m (65) V 3 m,cr c = 2a(V m,c b) 2 (66) V 4 m,c2r c = 6a(V m,c b) 3 (67) moltiplicando ambo i membri della (66) per 2V m,c e sottraendo l equazione ottenuta, membro a membro, dalla (67) si ottiene 4aV m,c (V m,c b) 2 = 6a(V m,c b) 3 (68) da cui V m,c = 3b (69) Sostituendo il risultato ottenuto (eq. 69) nella (66) possiamo ricavare facilmente l espressione della c 27b 3 R c = 8ab 2 (70) da cui c = 8a (71) 27bR Infine, la pressione critica può essere ricavata direttamente dall equazione di van der Waals sostituendo in essa i valori ottenuti per V m,c e c P c = R c V m,c b a V 2 m,c = 8aR 27Rb 1 (3b b) a 9b 2 (72) da cui P c = a 27b 2 (73) Ricapitolando i valori delle costanti critiche per l equazione di van der Waals in termini dei parametri a e b sono dati da V m,c = 3b ; P c = a 27b ; 2 c = 8a 27bR (74) 12

13 Esercizio 2.2 Data l equazione di van der Waals: (a) Scrivere il differenziale totale della pressione e (b) dimostrare se è un differenziale esatto o inesatto. Il differenziale totale della pressione rispetto al volume molare e alla temperatura è dato da ( ) ( ) P P dp = d + dv m (75) V m V m Data l equazione di van der Waals P = R V m b a Vm 2 (a) dobbiamo calcolare le derivate prime parziali di P rispetto a V m e, rispettivamente a e V m costanti ( ) P = R (77) V m V m b e ( P = R V m (V m b) 2 + 2a Vm 3 quindi l espressione per il differenziale totale di P per l eq. di van der Waals è [ dp = R V m b ) ] d + [ R (V m b) 2 + 2a V 3 m (76) (78) ] dv m (79) (b) La condizione per avere un differenziale esatto è che le derivate seconde parziali miste siano uguali. Per la pressione questo significa ( 2 ) ( P 2 ) P = (80) V m V m ( 2 ) [ ( ) ] P P = (81) V m V m V m ( 2 ) [ ( ) ] P P = (82) V m V m calcoliamo quindi le derivate seconde parziali miste ( 2 ) [ ( P = R V m (V m b) 2 + 2a )] R Vm 3 = V m (V m b) 2 (83) ( 2 ) [ ( )] P R R = = V m V m V m b (V m b) 2 (84) il differenziale totale della pressione per l equazione di van der Waals è un differenziale esatto. Esercizi da svolgere V m Esercizio 2.3 Il coefficiente di espansione termica, α, di una sostanza è definito nella maniera seguente α = 1 ( ) V V Ricavare un espressione per il coefficiente di espansione termica di un gas ideale. [R. α = 1/ ] P (85) 13

14 Esercizio 2.4 Il seguente differenziale è esatto o inesatto? [R. esatto] dv = πr 2 dh + 2πrhdr (86) Esercizio 2.5 Scrivere un espressione per dv, come funzione ( di P e. Dedurre un espressione per d ln V usando il coefficiente di compressibilità isotermico (κ = 1 V ) V P ). Esercizio 2.6 Se C p,m C V,m = ( P ) ( Vm V m ) P, quanto vale C p,m C V,m per un gas ideale? 14

15 15

16 Esercizi svolti Esercizio 3.1 La prima legge della ermodinamica Calcolare il lavoro necessario a sollevare la massa di 1.0 kg dell altezza di 10 m sulla superficie (a) della erra dove g = 9.8ms 2, (b) della Luna dove g = 1.6ms 2. Il lavoro è dato da: w = mgh. Quindi (a) (b) w = 1.0 kg 9.8 ms 2 10 m = 98 J (87) w = 1.0 kg 1.6 ms 2 10 m = 16 J (88) Notare come il valore ottenuto è negativo perchè il sistema compie lavoro sull ambiente. Esercizio 3.2 Durante una compressione isoterma reversibile di 52.0 mmol di un gas perfetto a 260 K, il volume del gas viene ridotto a un terzo del suo volume iniziale. Calcolate w per questo processo. Per una compressione isoterma reversibile di un gas perfetto il lavoro è dato da in questo caso V f = 1/3 V i e quindi w = nr ln V f V i (89) nr = mol J K 1 mol K = J (90) In questo caso il lavoro è positivo perchè fatto dall ambiente sul sistema. Esercizio 3.3 w = J ln(1/3) = 124 J (91) In un beaker di HCl diluito si immerge una laminetta di Mg della massa di 15 g. Quanto lavoro si effettua sopra l atmosfera circostante (1 atm di pressione, 25 C) in seguito alla reazione che ne consegue? Si assuma un comportamento ideale (M Mg =24.31 g mol 1 ) Il magnesio immerso nella soluzione di HCl si trasforma in MgCl 2 liberando H 2 secondo la reazione Mg (s) + 2HCl (aq) MgCl 2(aq) + H 2(g) 16

17 Il lavoro è compiuto dall idrogeno sull ambiente esterno w = P ex (V f V i ) (92) dato che V (g) V (l) si può considerare la variazione di volume dovuta interamente al gas che si sviluppa, per cui V i = 0 e V f = nr P f, dove P f = P ex. Quindi sostituendo i dati a disposizione si ottiene Esercizio 3.4 w = P ex (V f V i ) = P ex nr P ex = nr (93) 15 g w = g mol J K 1 mol K = 1.5 kj (94) Un pistone che esercita una pressione di 1.0 atm si trova sulla superficie dell acqua a 100 C. La pressione viene ridotta di un infinitesimo e, come risultato, 10 g di H 2 0 evaporano e assorbono 22.2 kj di calore. Calcolare w, U, H e H m. (Si assuma un comportamento ideale; M H2O=18.02 g mol 1 ) Per prima cosa possiamo ricavare facilmente il H del processo. Data la variazione infinitesimale della pressione, quest ultima si può considerare costante e quindi H = q = 22.2 kj. H m è l entalpia di vaporizzazione molare e si può ottenere riferendo il H al numero di moli contenute nei 10 g di campione: U è dato da dove n g = H m = q n 10 g g/mol = mol. Quindi = g/mol 10 g 22.2 kj = 40 kj/mol (95) U = H n g R (96) U = 22.2 kj (0.555 mol J K 1 mol K) = 20.5 kj (97) Infine w = U q = 20.5 kj 22.2 kj = 1.7 kj (98) Esercizio 3.5 Un campione di 4.0 mol di O 2 che occupa un volume di 20 L a 270 K subisce un espansione adiabatica contro una pressione costante di 600 orr fino al raggiungimento di un volume pari al triplo di quello iniziale. Calcolare q, w, U, e H. (Si assuma un comportamento ideale e C V,m = 21.1 J K 1 mol 1 ) Dato che il processo è adiabatico: q = 0. Il lavoro è dato da w = P ex V = 600 orr P a m 3 = 3.2 kj (99) 760 orr La variazione di energia interna è data dalla somma di calore e lavoro, quindi U = q + w = 0 + ( 3.2kJ) = 3.2kJ (100) 17

18 Assumendo un comportamento ideale si ha ( U = C V,m = w) Infine Esercizio 3.6 = P ex V 3200 J = n C V 4.0 mol 21.1 J K 1 = 38 K (101) mol 1 H = U + (P V ) = U + nr (102) = 3.2 kj mol J K 1 mol 1 ( 38 K) = 4.5 kj (103) 25 g di un liquido vengono raffreddati da 290 K a 275 K a pressione costante, rilasciando 1.2 kj di energia sotto forma di calore. Calcolare q e H, nonchè la capacità termica del campione. La quantità q equivale al calore rilasciato nel raffreddamento, q = 1.2 kj. A pressione costante q P = H e quindi H = 1.2 kj. La capacità termica si ottiene come Esercizio 3.7 C = q = 1.2 kj 15 K = 80 J K 1 (104) Un liquido ha H 0 vap = 26.0 kj/mol. Calcolare q, w, H e U quando 0.50 mol del liquido vengono vaporizzate a 250 K e 750 orr. (Si assuma un comportamento ideale). Il calore svolto nella vaporizzazione è q = n H 0 vap = 0.50 mol 26.0 kj/mol = 13 kj. Il lavoro compiuto è dato da w = P ex V. Siccome V (g) V (l) si può considerare la variazione di volume dovuta interamente al gas che si forma, si può scrivere w P ex V (g). Assumendo un comportamento ideale Perciò w P ex nr P ex nr (105) w 0.50 mol 8.314J K 1 mol K = 1.0 kj (106) Infine, H = q = 13 kj (a pressione costante) e U = q + w = 13 kj 1.0 kj = 12 kj. Esercizio 3.8 In un calorimetro vengono bruciati 120 mg di naftalene C 10 H 8(s) causando un innalzamento della temperatura di 3.05 K. (a) Calcolare la capacità termica del calorimetro. (b) Di quanto aumenterebbe la temperatura se venissero bruciati nelle stesse condizioni 100 mg di fenolo C 6 H 5 OH (s). (Dati: M(C 10 H 8 ) = g/mol; M(C 6 H 5 OH) = g/mol; H 0 c (C 10 H 8(s) ) = kj/mol, H 0 c (C 6 H 5 OH (s) ) = kj/mol) (a) Il calore svolto nella combustione è q = n Hc 0 = g 5157 kj/mol = 4.83 kj (107) g/mol 18

19 La capacità termica è data da C = q (b) Per il fenolo, la quantità di calore svolto è = 4.83 kj 3.05 K = 1.58 kj/k (108) q = n Hc 0 = g 3054 kj/mol = kj (109) g/mol Perciò = q C = kj = 2.05 K (110) 1.58 kj K 1 Esercizio 3.9 Calcolare l entalpia standard di formazione di N 2 O 5 dai seguenti dati: 2NO (g) + O 2(g) 2NO 2(g) 4NO 2(g) + O 2(g) 2N 2 O 5(g) N 2(g) + O 2(g) 2NO (g) H 0 = kj/mol H 0 = kj/mol H 0 = kj/mol Riscrivendo le reazioni sopra in modo che la loro somma dia la reazione di formazione di N 2 O 5(g) e applicando la legge di Hess sull additività delle entalpie di reazione otteniamo Quindi, H 0 f (N 2O 5(g) ) = 11.3 kj/mol. Esercizio 3.10 Calcolare l entalpia della reazione: Reazione H 0 (kj/mol) 2NO (g) + O 2(g) 2NO 2(g) NO 2(g) O 1 2(g) N 2 O 5(g) 2 (-110.2) N 2(g) + O 2(g) 2NO (g) N 2(g) O 2(g) N 2 O 5(g) 11.3 Sapendo che: R0) Na + (g) + Cl (g) Na + (aq) + Cl (aq) = NaCl (aq) R1) Na (s) Na (g) Hsub 0 (Na) = kj/mol R2) Na (g) Na + (g) + e (g) Hion 0 (Na) = kj/mol 1 R3) 2 Cl 1 2(g) Cl (g) 2 H0 dis (Cl-Cl) = kj/mol R4) Cl (g) + e (g) Cl (g) Hea(Cl) 0 = kj/mol R5) Na (s) Cl 2(g) NaCl (aq) Hf 0(NaCl (aq) = kj/mol Usando i dati a disposizione si può costruire un ciclo termodinamico. L importanza di un ciclo è che la somma delle variazioni di entalpia all interno del ciclo è zero. Ne consegue che se si conoscono tutte le variazioni di entalpia tranne una, quella non nota può essere facilmente ricavata. In questo caso, l unica informazione mancante per chiudere il ciclo è appunto l entalpia della reazione in esame. Possiamo quindi scrivere: 19

20 -R5+R3+R1+R2+R4+R0=0 da cui: R0=-(-R5+R3+R1+R2+R4) Hr 0 = Hf 0 (NaCl (aq) ) + Hdis(Cl-Cl) 0 + Hsub(Na) 0 + Hion(Na) 0 + Hea(Cl) 0 (111) = ( ) kj = kj (112) (113) In questo caso l entalpia della reazione corrisponde all entalpia di idratazione di NaCl in acqua. Esercizi da svolgere Esercizio 3.11 Calcolare il lavoro di espansione che si ha quando 50 g di acqua vengono idrolizzati a pressione costante a 25 C. [R. -10 kj] Esercizio 3.12 In un cilindro di sezione 10 cm 2 sono contenute 2.0 mol di CO 2 gas a 25 e 10 atm. Il gas si espande adiabaticamente e reversibilmente. Assumendo che il gas abbia un comportamento ideale, calcolare w, q, U, H e quando il pistone si sposta di 20 cm. (C V,m = J K 1 mol 1 ). [R. w = -200 J, q = 0, U = -200 J, H = -250 J, = -3 K] Esercizio 3.13 Un campione di 65.0 g di Xe si trova in un contenitore a 2.00 atm e 298 K e subisce (a) un espansione adiabatica reversibile fino ad 1.00 atm; (b) un espansione adiabatica contro una pressione costante di 1.00 atm. Calcolare la temperatura finale in entrambi i casi. (C V,m = J K 1 mol 1 ; M(Xe)=131.3 g/mol). [R. (a) 226 K, (b) 238 K] Esercizio 3.14 Calcolare l entalpia standard di soluzione di AgCl in acqua dalle entalpie di formazione del solido e degli ioni acquosi. (Dati: H 0 f (Ag+ (aq)) = kj/mol; H 0 f (Cl (aq)) = kj/mol; H 0 f (AgCl (s)) = kj/mol) [R kj/mol] Esercizio 3.15 Quantità di solito trascurate nei normali esperimenti di laboratorio possono diventare, a volte, di importanza notevole in condizioni estreme, come quelle che si hanno nei processi geofisici. Un esempio tipico può essere considerato la formazione di diamante. Lavorando ad una certa temperatura e a 500 kbar, la densità della grafite è 2.27 g/cm 3 e quella del diamante è 3.52 g/cm 3. Di quanto differisce U da H per la transizione grafite diamante? [R kj/mol] 20

21 La seconda legge della ermodinamica Esercizi svolti Esercizio 4.1 Calcolare la variazione di entropia quando 25 kj di energia vengono trasferiti reversibilmente e isotermicamente come calore ad un blocco di ferro a (a) 0 C e (b) 100 C. Dalla definizione di entropia abbiamo che S = q rev e dato che tutta l energia viene trasferita come calore reversibile a costante, si ha (a) (b) Esercizio 4.2 (114) S = J K = 92 J K 1 (115) S = J K = 67 J K 1 (116) Calcolare il valore di S se una mole di gas ideale si espande reversibilmente ed isotermicamente da 10.0 dm 3 a 20.0 dm 3. Spiegare il segno di S. Per una espansione isoterma e reversible di un gas ideale, S vale quindi, per una mole di gas ideale si ha Esercizio 4.3 Si dimostri che S = nr ln V f V i (117) S = J mol 1 K 1 ln = 5.76 J K 1 (118) S = C P ln f i (119) per una trasformazione a pressione costante se C P è indipendente dalla temperatura. Si calcoli poi la variazione di entropia di 2.00 moli di H 2 O (l) (C P,m = 75.2 J K 1 mol 1 ) nel caso in cui venga riscaldata da 10 C a 90 C. Il problema fa riferimento ad una generica trasformazione a pressione costante, ma dato che S è una funzione di stato possiamo usare un trucco e fare riferimento ad una trasformazione reversibile a pressione costante. In questo caso vale δq rev =dh=c P d, quindi S = δqrev = dh = 21 C P d = C P d (120)

22 Integrando tra i e f e poi considerando la dipendenza dal numero di moli si ottiene quindi S = C P ln f i = nc P,m ln f i (121) S = 2.00 mol 75.2 J K 1 mol 1 ln = 37.4 J K 1 (122) Esercizio 4.4 La vaporizzazione al punto normale di ebollizione ( vap ) di una sostanza (il punto di fusione ad una atm) può essere considerata una trasformazione reversibile perchè diminuendo in modo infinitesimo la temperatura a partire da vap, tutto il vapore condensa in liquido, mentre aumentando la temperatura in modo infinitesimo rispetto a vap, tutto il liquido vaporizza. Calcolare la variazione di entropia quando due moli di acqua vaporizzano a C. Il valore di H vap,m è kj/mol. Fare un commento sul segno di S vap. A pressione e temperatura costanti, q rev = n H m. Per una trasformazione isotermica reversibile vale: S vap = q J/mol = 2 mol = J/K (123) K L acqua, nel passaggio da liquido a gas, diventa più disordinata e produce quindi un aumento di entropia. Esercizio 4.5 Una mole di gas ideale viene fatta espandere isotermicamente e reversibilmente a 300 K da una pressione di 10.0 bar ad una di 2.00 bar. Calcolare la variazione di entropia del sistema, dell ambiente circostante e quella totale. Dato che il gas è ideale (U U( ), se =cost allora U = 0) e la trasformazione è isoterma e reversibile vale: δq = δw = P dv. Quindi possiamo scrivere: δqrev P nr S sis = = dv = dv (124) V Quindi, integrando tra V i e V f si ottiene Per un gas ideale vale P i V i = P f V f, per cui: S sis = nr ln V f V i (125) S sis = nr ln P i P f = 1 mol J K 1 mol 1 ln(5.00) = 13.4 J/K (126) Poichè la reazione è reversibile S tot = 0 quindi S amb = S sis = 13.4 J/K Esercizio 4.6 Calcolare la variazione di entropia del sistema, dell ambiente e totale quando un campione di 14 g di N 2(g) a 298 K e 1.00 bar raddoppia il suo volume durante (a) una espansione isoterma e reversibile; (b) un espansione isoterma e irreversibile contro una pressione esterna nulla; (c) una espansione adiabatica. (Si assuma un comportamento ideale, M(N 2 ) = g/mol) 22

23 (a) Per una trasformazione isoterma reversibile vale S sis = nr ln V f 14 g = V i g/mol J K 1 mol 1 ln 2 = 2.9 J/K (127) Poichè la reazione è reversibile ne consegue che la variazione di entropia totale è nulla: S tot = 0 e quindi S amb = S sis = 2.9 J/K. (b) Dato che l entropia è una funzione di stato, la variazione dell entropia del sistema per una trasformazione isoterma irreversibile coincide con quella di una trasformazione isoterma reversibile (punto (a)), quindi: S sis = 2.9 J/K. Per valutare la variazione di entropia dell ambiente bisogna considerare che: (i) l espansione avviene contro una pressione esterna nulla quindi non si compie lavoro meccanico P V, cioè δw = 0, (ii) per un gas ideale l energia interna dipende solo dalla temperatura, quindi a temperatura costante U = 0; perciò non c è scambio di calore con l ambiente e la variazione di entropia dell ambiente è, di conseguenza, nulla: S amb = 0. Per cui S tot = 2.9 J/K. (c) Per una trasformazione adiabatica q rev = 0, quindi S sis = 0 per cui S amb = 0 e quindi S tot = 0. Una trasformazione adiabatica è una trasformazione isoentropica. Esercizio 4.7 Calcolare l entropia di miscelazione nel caso in cui due moli di N 2(g) vengano mescolate con una mole di O 2(g) alla stessa temperatura e alla stessa pressione. Assumere un comportamento ideale. enendo conto della legge di Dalton per i gas ideali (vedere esercizio 1.4), l entropia di miscelazione isoterma di una miscela di N gas ideali è data da (vedere Cap. 20, pag. 702, eq D.A. McQuarrie, J.D. Simon Chimica Fisica un approccio molecolare, Zanichelli, 2000): S m = R N y j ln y j (128) Il numero di moli totale è 3, quindi le frazioni molari sono rispettivamente: y N2 = 2/3 e y O2 = 1/3. Da cui si ottiene il risultato finale: Esercizio 4.8 j=1 S m = R (y N2 ln y N2 + y O2 ln y O2 ) (129) = J K 1 mol 1 (2/3 ln(2/3) 1/3 ln(1/3)) = 5.29 J/K (130) Calcolare la variazione di entropia che si verifica versando 50 g di acqua a 80 C in 100 g di acqua a 10 C in un recipiente isolato, sapendo che C P,m = 75.5 J K 1 mol 1. Per poter calcolare la variazione di entropia totale abbiamo bisogno di conoscere la temperatura finale del sistema in esame. La temperatura finale dipenderà dal bilancio di calore tra l acqua a 80 C e quella a 10 C. A pressione costante il calore scambiato è dato da q = nc P,m, possiamo quindi scrivere: in cui l unica incognita è la temperatura finale che si può ottenere come n 1 C P,m ( i1 f ) = n 2 C P,m ( f i2 ) (131) f = n 1 i1 + n 2 i2 n 1 + n 2 (132) 23

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO 1) Per riscaldare l acqua di uno scaldabagno da 18 C a 38 C occorrono 45 minuti, utilizzando una sorgente di calore che ha la potenza di 3000 W, ma un rendimento dell 80%

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA MAIM ENGINEERING S.r.l. UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE Mario Cruccu, Laura Sanna Maim Engineering S.r.l., Piazza Giovanni

Dettagli

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine 21 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine Indice 1 Integrazione di un'equazione cinetica 2 2 Cinetica di adsorbimento di Langmuir

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

ESERCIZI ph SOLUZIONI

ESERCIZI ph SOLUZIONI ESERCIZI ph SOLUZIONI 1. Una soluzione contiene 3,6 g di LiOH (PM = 23,9 g/mole). Calcolare il ph di questa soluzione [13,3] 2. Calcolare il ph di una soluzione preparata con 10,85 ml di HCl (PM = 36,46

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo A prima vista: Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie Minimo utilizzo di metallo Generatore ad induzione da 3,5 kw per un riscaldamento estremamente veloce e per raggiungere alte temperature

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi B C:\Didattica\SBAC_Fisica\Esercizi esame\sbac - problemi risolti-18jan2008.doc problema 1 Una biglia di massa m = 2 kg viene lasciata cadere (da ferma) da un'altezza h = 40 cm su di una molla avente una

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Indice del libro. Materiali digitali. Esempi svolti. Videoapertura Approfondimento: Come lavora lo scienziato

Indice del libro. Materiali digitali. Esempi svolti. Videoapertura Approfondimento: Come lavora lo scienziato I INDICE Indice del libro Materiali digitali PER COMINCIARE Metodi e strumenti per il tuo lavoro 1. Come studiare la chimica 1. Il tuo metodo di studio 3. Richiami sulle potenze 4 4. La notazione scientifica

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è Transitorio termico per un Ferro da stiro (esercizio 5.9 di Fundamentals of Heat and Mass Transfer, F.P. Incropera, D.P. Dewitt, T.L. Bergman, A.S. Lavine, 6th Edition, Wiley, 2007. La piastra di un ferro

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione C δ + δ - CH 2 G Centro elettrofilo δ + H Centro elettrofilo Potenziale buon gruppo uscente Si distinguono due principali meccanismi di eliminazione:

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Idrati di gas 2.3. 2.3.1 Introduzione. 2.3.2 Struttura degli idrati

Idrati di gas 2.3. 2.3.1 Introduzione. 2.3.2 Struttura degli idrati 2.3 Idrati di gas 2.3.1 Introduzione Nel significato più generale gli idrati sono composti che contengono molecole di acqua. Una classe chimica molto comune di idrati è rappresentata dai sali inorganici

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

GEOMETRIA MOLECOLARE

GEOMETRIA MOLECOLARE GEOMETRIA MOLECOLARE Le molecole hanno geometrie spaziali ben definite caratterizzate da distanze di legame ed angoli di legame. Questi possono essere determinati sperimentalmente (es. raggi X). Si vede

Dettagli