CONTRIBUTO ASSOCOSTIERI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRIBUTO ASSOCOSTIERI"

Transcript

1 CONTRIBUTO ASSOCOSTIERI Analisi degli interventi per l adeguamento all utilizzo del GNL nei 14 porti nazionali previsti nella TEN-T 1 e stima dei costi (in coordinamento con Gruppo Navale) I 14 porti nazionali principali ( core ports ) della rete TEN-T Trans Europea Network Transport sono: 1. Ancona 2. Augusta 3. Bari 4. Cagliari (Porto Foxi, Cagliari) 5. Genova 6. Gioia Tauro 7. La Spezia 8. Livorno 9. Napoli 10. Palermo (incluso il terminal di Termini Imerese) 11. Ravenna 12. Taranto 13. Trieste 14. Venezia Per una stima dei costi necessari per adeguare i 14 porti nazionali previsti nella Trans Europea Network Transport all utilizzo del GNL, si deve necessariamente tenere conto di una serie di variabili tra cui: 1. Stima costo per attrezzature terminali al rifornimento bettolina per GNL. 2. Stima consumi via mare e via terra per hinterland di rifornimento. 3. Definizione capacità stoccaggio infrastrutture a terra in base ai volumi in entrata ed in uscita. 1 Trans Europea Network Transport

2 4. Analisi possibile ed eventuale riconversione degli attuali stoccaggi di GPL con GNL. 5. Prescrizioni ambito portuale/ambientale/sicurezza. 6. Oneri per concessioni demaniale. 7. Fiscalità prodotto. In Italia diverse autorità portuali hanno in progetto la costruzione di facility per il bunkeraggio di Gas Naturale Liquefatto. 5.1 Porto di Genova Con riferimento alla LNG Supply chain, il Piano Energetico Ambientale del Porto di Genova, ha come scopo l orientamento e la promozione dell uso delle fonti rinnovabili e l aumento dell efficienza energetica nell area portuale (Autorità Portuale di Genova PORT&SHIPPINGTECH ). Tra le differenti possibilità logistiche di approvvigionamento di GNL, vengono individuate le seguenti: a) via terra (rete gas) con impianto intermedio di liquefazione e trasferimento via autobotte da 60 mc (da evitare); b) logistica marittima via bettolina da mc direttamente da terminali di rigassificazione. Il Terminale di rigassificazione italiano più vicino al porto di Genova (circa 52 miglia) è l impianto di GNL Italia, sito nella baia di Panigaglia nei pressi del porto di La Spezia. Lo stoccaggio in area portuale con un terminal di medie dimensioni da a mc di GNL contempla: approvvigionamento tramite feeder-ship da terminali di rigassificazione (sistema logistico più sicuro ); stoccaggio di GNL in serbatoi e distribuzione finale tramite bettoline; container criogenico per GNL ( serbatoio di emergenza nave/terra); Costi ipotizzati di realizzazione del sistema logistico-infrastrutturale GNL 2 serbatoi di stoccaggio da 700 mc rientro dell investimento in 8 anni costo medio di 211 /tonn di LNG; terminal intermedio da mc costo medio 157 /tonn in 8 anni; impianto esistente di importazione ( feeder e transhipment ) i costi scendono a 136 /tonn Per affrontare questa nuova sfida competitiva c è la necessità di fare sistema fra le compagnie di navigazione, amministrazioni ed i porti. 5.2 Porto di Livorno Nel porto di Livorno è presente un terminale già installato ed in esercizio. In particolare, lo studio dell Autorità Portuale di Livorno Il bunkering GNL nel porto di Livorno problematiche, scenari possibili e prospettive di sviluppo 3, analizza le possibili alternative di approvvigionamento e di distribuzione/utilizzo GNL per il porto di Livorno, tenuto conto che l adozione di una infrastruttura di bunkering GNL per il porto può essere un vantaggio competitivo nella ricezione di navi convertite a GNL nel prossimo futuro. 2 Manifestazione Port & Shipping Tech Relazione di Giuseppe Di Luca - Autorità portuale di Genova LNG Supply chain Piano Energetico Ambientale del Porto di Genova Progetto Il bunkering gnl nel porto di livorno problematiche, scenari possibili e prospettive di sviluppo (22/01/

3 Il Porto di Livorno ha la peculiarità di poter disporre di un terminale GNL limitrofo, con il quale studiare sinergie economicamente sostenibili per l utilizzo di GNL nell area portuale e gode anche della vicinanza ad un altro terminale GNL on-shore, a Panigaglia, (La Spezia), proprietà di GNL ITALIA (gruppo Snam) con il quale poter studiare sinergie su strada. Esso, inoltre, dispone di aree stoccaggio combustibili già ampiamente attrezzate ed idonee a predisporre un sistema minimo di accumulo GNL per gli usi portuali, garantendo sia la sicurezza che l accessibilità della struttura. Lo Studio ha analizzato le varie possibilità per rendere disponibile GNL al Porto di Livorno, per individuare quelle che possono avere uno sviluppo in termini economici, autorizzativi e tecnologici compatibile con le esigenze immediate del Porto di Livorno. 1. Approvvigionamento indipendente di GNL via terra Questa ipotesi prevede la possibilità di rifornire un sistema di stoccaggio interno al porto di Livorno attraverso autocisterne di GNL da reperire sul mercato. PRO: - costi Capitali minimi - soluzione tecnologicamente e commercialmente semplice e matura - impatto infrastrutturale sul porto minimo - possibilità di ampliamento futuro con altre tecnologie off-shore CONTRO: - non peculiare per Livorno - bunkering RoRo e grandi imbarcazioni non praticabile - costi di approvvigionamento legati ad un mercato non ancora maturo 2. Approvvigionamento indipendente di GNL via mare L ipotesi presa in considerazione è quella di sfruttare i traffici GNL indotti dal terminale FRSU per creare un sistema di scarico on-shore dove allibare le navi di approvvigionamento del FRSU. Questa soluzione permetterebbe di evitare qualsiasi interfaccia fisica con il terminale FRSU, realizzando un accordo commerciale di cessione di quota parte del GNL commercializzato attraverso un doppio scarico della metaniera sulla FRSU e successivamente a terra. A terra sarebbe necessaria una struttura con un attracco dedicato vicino costa ed un sistema di stoccaggio. L ipotesi è quella di individuare un attracco esposto, al di fuori dell area portuale, in un area industriale dove possano coesistere serbatoi di stoccaggio gas liquido. L attracco non prevedrebbe l utilizzo di pontile, ma di tubazioni criogeniche sottomarine. PRO: - infrastrutture indipendenti da operatori terzi - approvvigionamento long term direttamente con shipper senza legarsi ad una singola infrastruttura di ricezione - ampia disponibilità GNL a terra che potrebbe permettere sinergie più ampie (industria del freddo, ecc.) CONTRO: - alti costi iniziali - iter autorizzativo rischiosissimo - sostenibile solo se volumi di GNL in gioco considerevoli (le controstallie della nave di grandi dimensioni inciderebbero in maniera insostenibile sul prezzo GNL) 3. Approvvigionamento GNL a terra via tubazione da FRSU La soluzione prevede di importare GNL a terra dal terminale FRSU al largo tramite una tubazione dedicata (tipo oleodotto). Ad oggi non esistono sistemi di tubazione GNL criogenico liquido sottomarino neanche lontanamente paragonabili a queste lunghezze, anche se i piccoli diametri in gioco potrebbero aiutare nell individuare una soluzione impiantisticamente fattibile.

4 PRO: - quantitativi GNL a terra continui e sicuri. Possibilità di ipotizzare sistema distribuzione GNL in porto - possibilità di ipotizzare sistema integrato con bettolina bunkering. CONTRO: - alti costi iniziali - rischi tecnologici da affrontare nel dettaglio - sostenibile rispetto a soluzione su gomma solo se volumi di GNL in gioco garantiti considerevoli. 4. Approvvigionamento GNL su piattaforma al largo via tubazione da FRSU La soluzione prevede di importare GNL tramite una tubazione dal FRSU non a terra ma appena al di fuori della fascia di rispetto del terminale FRSU su una piattaforma dalla quale poter caricare delle bettoline GNL. La soluzione renderebbe necessaria l autorizzazione e costruzione di un approdo su pali dedicato a bettoline GNL, per effettuare il bunkering di navi RoRo in porto o alla fonda. Dal punto di vista di complessità tecnologica tale soluzione è quindi da ritenersi impraticabile e non sostenibile. 5. Approvvigionamento GNL da FRSU via nave Per premiare la possibilità, peculiare di Livorno, di avere a disposizione GNL a sole 13 miglia dall area portuale, si è cercato di analizzare anche una soluzione che potesse minimizzare gli impatti evidenziati per le altre soluzioni da FRSU, come sopra evidenziato. Le analisi di mercato dei futuri trend per il bunkering GNL evidenziano come tutti i grandi porti del Nord Europa si stanno muovendo verso soluzioni che permettano il bunkering attraverso bettoline o navi dedicate, in modo da poter aumentare i quantitativi di GNL di bunkering e velocizzare il rifornimento rispetto alle soluzioni tradizionali in banchina con autocisterna. Questa soluzione è vista come la più flessibile per poter rifornire navi di grande stazza che possono avere esigenze di quantitativi di bunkering molto differenti. Infatti il bunkering via autocisterna ad oggi si è sviluppato soprattutto per traghetti, ovvero navi relativamente piccole che compiono un tragitto ripetitivo e costante e quindi con una facile previsione della frequenza e quantità di GNL necessario. Per il porto di Livorno deve essere prevista una soluzione logistica ad-hoc senza introdurre però novità tecnologiche che ne mettano a rischio la fattibilità nel breve periodo. L ipotesi studiata prevede l utilizzo di una bettolina (GNL bunker vessel) in grado di rifornirsi direttamente dal FRSU della OLT e da questo portare il GNL direttamente al porto, per caricare le autobotti per il rifornimento dei mezzi di trasporto (eventualmente mediante un sistema di stoccaggio minimo) e poi andare ad effettuare un bunkering ship to ship per le navi ro/ro o nel porto o nell eventualità, in condizioni meteo favorevoli, anche alla fonda al di fuori del porto. La vicinanza tra area portuale e FRSU può garantire una continuità di approvvigionamento che può minimizzare il numero di GNL bunker vessel, le sue dimensioni ed anche la necessità di stoccaggi a terra e quindi minimizzare l investimento economico. La determinazione della stazza necessaria per la bettolina è basato sulla previsione e sulle stime di utilizzo di GNL all interno del porto di Livorno per un futuro prossimo. E chiaro che il sistema così come pensato offre la massima flessibilità per un futuro raddoppio del numero di imbarcazioni ad esempio nel caso di ampliamento del raggio di consegna anche al porto di Piombino oppure a scali turistici come Viareggio o Marina di Pisa, oppure ad un ampliamento della parte in banchina per avere sistemi di caricamento dedicati ad esempio per i traghetti. Dall analisi delle soluzioni valutate nello studio emerge come soltanto due alternative per l approvvigionamento di GNL sembrano ad oggi praticabili: a) Rifornimento a terra tramite approvvigionamento GNL dal mercato o con accordi diretti con GNL ITALIA di Panigaglia, La Spezia, come sopra evidenziato

5 b) Rifornimento da FRSU tramite vessel dedicato. La soluzione con vessel dedicato che faccia da spola tra OLT, la banchina per i servizi di GNL a terra e le navi per bunkering ship-to-ship diretto è sicuramente l ipotesi che proietta il porto verso ciò che sembra essere la tendenza dei maggiori porti del Nord Europa. Passando ad un analisi tecnico-economica, l Autorità Portuale di Livorno ha proceduto, per diversi profili di fabbisogno futuro di GNL, ad analizzare soluzioni tecniche di trasporto, stoccaggio e distribuzione nel porto di Livorno. Il fabbisogno di GNL è basato su delle ipotesi di sviluppo della flotta GNL a terra e marittima secondo il seguente schema (figura 5.1) Figura 5.1: Porto di Livorno stima del fabbisogno annuo di GNL CASO 1 RICONVERSIONE REACH STACKERS Il primo caso studiato prevede la sola riconversione di 3 mezzi reach stackers. E considerata una soluzione iniziale, facilmente implementabile con tecnologie mature per il mercato che non prevede nessun investimento nei mezzi portuali. Può essere vista come una soluzione ponte per progettare, sviluppare e rendere operativa la conversione di mezzi navali. La soluzione necessita annualmente di ca. 220 mc di GNL pari a circa 4 rifornimenti di autocisterna/anno. Le infrastrutture necessarie al porto sono: a) una stazione di rifornimento GNL b) uno stoccaggio di GNL pari come minimo alla capacità di trasporto dell autocisterna (60 mc) c) un eventuale mezzo mobile per la distribuzione del GNL nel porto In questa ipotesi minima non si è previsto lo sviluppo di un mezzo di trasporto interno al porto che permetta il rifornimento dei reach stacker. Si è ipotizzato il costo dell infrastruttura di proprietà pari a inclusivo di una stazione di rifornimento con stoccaggio criogenico da 60 mc, sistema di caricamento, sistemi ancillari (antincendio, ecc.) e preparazione dell area. E escluso il costo dell acquisizione delle aree CASO 2 RICONVERSIONE REACH STACKERS E 2 RIMORCHIATORI La valutazione economica del Caso 2 è stata effettuata ipotizzando: a) Una stazione di rifornimento (come da caso 1) b) stoccaggio per 180 mc c) Autocisterna 50 mc dedicata al porto Il costo totale stimato per il Caso 2 sempre nell ipotesi di infrastrutture di proprietà è di con esclusione del costo di acquisto delle aree.

6 5.2.3 CASO 3A RICONVERSIONE REACH STACKERS, 2 RIMORCHIATORI ED UN TRAGHETTO (GNL VIA STRADA) Il numero di autobotti per approvvigionare il sistema (ca. 2 al giorno) rendono obbligatorio un accordo con il terminale GNL di Panigaglia per una fornitura continuativa di GNL durante l anno utilizzando autobotti dedicate al servizio. Ipotesi di approvvigionamenti diversi o misti non sono da ritenersi sostenibili. La valutazione economica del Caso 3 A è stata effettuata ipotizzando: a) Una stazione di rifornimento (come da caso 1) b) Autocisterna 50 mc dedicata al porto (come da caso 1 e 2) c) Stoccaggio dedicato da 1000 mc (2 x 500 mc) Il costo totale stimato per il Caso 3A, sempre nell ipotesi di infrastrutture di proprietà, è di con esclusione del costo di acquisto delle aree CASO 3B RICONVERSIONE REACH STACKERS, 2 RIMORCHIATORI ED UN TRAGHETTO (GNL VIA NAVE) Rispetto al caso 3A con bunkering con truck in questo caso i tempi di rifornimento del traghetto sono drasticamente ridotti grazie alla capacità di scarico di 200 mc/hr contro i 60 dell autobotte. La valutazione economica del Caso 3B è stata effettuata ipotizzando: a) Una stazione di rifornimento (come da caso 1) b) Autocisterna 50 mc dedicata al porto (come da caso 1 e 2) c) Stoccaggio dedicato da 180 mc (come da caso 2) d) GNL shipping da 300 o 150 mc e) Sistema di accosto e scarico GNL shipping al serbatoio. La stima del costo di investimento per una ship bunkering non è di immediata quantificazione CASO 4 RICONVERSIONE LONG-TERM CON GNL VIA NAVE La valutazione economica del Caso 4 è stata effettuata ipotizzando: a) Una stazione di rifornimento (come da caso 1) b) Autocisterna 50 mc dedicata al porto (come da caso 1 e 2) c) Stoccaggio dedicato da 500 mc (come da caso mc ) d) 3 x 300mc GNL shipping (come da caso 3b + 2 barge) e) Sistema di accosto e scarico GNL shipping al serbatoio (come da caso 3b) Il costo totale stimato per il Caso 3b sempre nell ipotesi di infrastrutture di proprietà è di Figura 5.2: Porto Livorno- Prospetto riassuntivo generale

7 5.3 Porto di Gioia Tauro Attualmente il servizio di rifornimento alle navi ormeggiate viene fornito solo per gli oli combustibili e con modalità spot tramite autobotti, sospendendo le attività di carico e scarico anche se dalla parte opposta alla nave. Gli operatori attivi a Gioia Tauro hanno manifestato interesse ad analizzare la possibilità di integrare il servizio GNL nel porto, sfruttando la realizzazione del terminale di rigassificazione già autorizzato La società che si propone la realizzazione del terminale, LNG Medgas Terminal, ha recentemente compiuto una valutazione della futura domanda di GNL presso il porto, tramite lo studio Il mercato potenziale del GNL per uso marittimo del terminal LNG MedGas di Gioia Tauro redatto da Ecba Project. Il porto di Gioia Tauro è un porto principalmente dedicato al trans-shipment, vale a dire al ricevimento di grandi navi portacontainer transoceaniche, il cui carico è interamente rilocato su navi portacontainer minori dedicate allo smistamento locale. Come tale, si pone in diretta competizione con gli altri hub di transhipment del Mediterraneo, competizione resa ancora più critica dalla volatilità intrinseca nell attività che tende a essere rilocata con rapidità dove i costi ed i servizi sono più competitivi. Inoltre nell intorno di Gioia Tauro è presente un traffico di traghetti di cabotaggio con collegamenti di linea fra porti nazionali effettuati con navi Ro Ro (Roll-on/Roll-off) pax e Ro Ro (Roll-on/Roll-off) cargo: in particolare a Gioia Tauro fanno scalo regolare solo navi cargo (car carrier), mentre gli altri porti del Tirreno Meridionale possono essere serviti da una distribuzione tramite shuttle. L ottimizzazione dei costi del segmento di distribuzione finale del GNL offrirà al porto di Gioia Tauro un fattore di vantaggio competitivo notevole rispetto a porti concorrenti, in particolare nei confronti degli altri hub di transhipment del Mediterraneo, settore particolarmente volatile dove gli operatori hanno la tendenza a rilocare le proprie basi con rapidità ove sussistano le maggiori economie. Il segmento portacontainer e RoRo sono ritenuti fra i più promettenti per la diffusione del GNL, e questo per due ragioni principali: - sono entrambi caratterizzati dal servizio di linea, e i servizi di linea consentono un accurata previsione dei consumi energetici e, quindi, permettono anche una corretta programmazione della logistica di stoccaggio e approvvigionamento del GNL, necessaria per soddisfare il fabbisogno delle navi; - in entrambi i segmenti sono presenti servizi a corto raggio, caratterizzati da una minor necessità di autonomia energetica della nave. Le basse esigenze di autonomia riducono al minimo le dimensioni e la capacità delle cisterne criogeniche per lo stoccaggio del GNL a bordo, con conseguente contenimento dei costi di investimento dei sistemi a GNL Ovviamente, ciò non toglie che in una prospettiva a medio termine si possa sviluppare una domanda anche da parte di navi impiegate nei servizi di linea a lungo raggio (servizi Ro Ro (Roll-on/Roll-off) di collegamento internazionale, servizi portacontainer), così come possa emergere una domanda anche nel segmento spot a corto raggio (traffico di cabotaggio effettuato con navi cisterna, portarinfuse e navi da carico generale) Stima della domanda di GNL presso il porto di Gioia Tauro Per stimare la domanda di GNL presso il porto di Gioia Tauro si sono analizzati i consumi energetici annui associati ai viaggi delle navi in partenza nell anno Il complesso dei consumi delle navi nei collegamenti diretti con i porti di destinazione (navi porta container, car carrier e cisterne) sfiora le tonn di fuel oil, equivalenti a circa tonn. di GNL (equivalente a circa mc liquidi di GNL): un valore cospicuo di mercato potenziale per il terminal container del porto di Gioia Tauro. La stragrande maggioranza dei consumi energetici delle navi è attribuibile al traffico delle navi porta contenitori (97,5%).

8 Figura 5.3: Porto di Gioia Tauro - Consumi energetici delle navi (viaggi in partenza), per categorie di navi, anno 2013 Consumi tonn. FO Consumi equivalenti tonn. GNL Porta contenitori ,5% Ro Ro (Roll-on/Roll-off) car carrier ,4% Motocisterne ,1% TOTALE Gioia Tauro ,0% Fonte: Elaborazione di ECBA Project (2014) Per quanto riguarda il traffico traghetti, sono stati analizzati i servizi di linea svolti da navi Ro-Ro pax (traghetti che possono imbarcare veicoli e passeggeri) e Ro-Ro cargo (inclusi i piccoli traghetti usati nello Stretto e nei collegamenti con le isole minori) gravitanti su 21 porti del Tirreno Meridionale, per un totale di 60 collegamenti da porto a porto (sono stati inclusi nell analisi anche gli altri porti nazionali di destinazione, al di fuori del Tirreno Meridionale), 97 servizi di linea, e quattordici operatori/compagnie. Aggregando i consumi del traffico marittimo del Porto di Gioia Tauro e quelli dei servizi traghetti di cabotaggio nei porti del Tirreno meridionale, è stata ottenuta una stima complessiva dei consumi per i collegamenti diretti dei porti del Tirreno meridionale, di 850mila tonn di fuel oil marino nell anno 2014 (si veda tabella sottostante). La maggior parte di tali consumi è riferibile al traffico container del porto di Gioia Tauro (82,3%), un risultato che va letto in relazione alle elevate distanze percorse e alle grandi dimensioni dalle navi che scalano il porto. Viceversa, si può notare l apporto relativamente basso dei traghetti in servizio locale, un risultato anch esso da leggere in relazione alle ridotte stazze dei traghetti utilizzati e alle distanze relativamente brevi. Figura 5.4: Porti del bacino del Tirreno meridionale - Consumi energetici del traffico Ro Ro (Rollon/Roll-off) di cabotaggio e container, per regione geografica, anno 2014 Regione geografica Traghetti CALABRIA + traffico Gioia Tauro (portacontainer, car carrier, cisterne) Traghetti ISOLE DEL GOLFO di NAPOLI Consumi stimati Consumi equivalenti tonn. HFO tonn. GNL % ,3% ,7% Traghetti ISOLE EOLIE E USTICA ,2% Traghetti SICILIA Nord-orientale (escluso isole) ,8% Traghetti CAMPANIA (escluso isole) ,0% TOTALE TIRRENO MERIDIONALE ,0% Fonte: ECBA Project (2014) Proiezione al 2030 dei consumi energetici Per stimare la domanda di GNL presso il Porto di Gioia Tauro nei prossimi anni sono stati considerati i seguenti aspetti: Sviluppo atteso del mercato del trasporto container

9 Livello di convenienza del GNL per uso marittimo rispetto al Marine Gas Oil e conseguente aggiornamento delle flotta circolante Livello di convenienza dei sistemi di desolforazione, principale alternativa all uso del GNL per il rispetto delle normative di futura emissione Tasso di sostituzione atteso delle navi esistenti, portacontainer e RoRo Eventuale retrofit delle navi esistenti Aumentata attrattività del porto di Gioia Tauro nel caso si doti di distribuzione di GNL L orizzonte temporale considerato è di medio-lungo termine e considera l evoluzione fino al Prima del 2020, anno di entrata in vigore del limite globale di zolfo allo 0,5%, la domanda di GNL sarà molto limitata, e si prevede che nel biennio si avrà l avvio delle operazioni presso LNG Medgas Terminal e una prima fase di sperimentazione per il bunkeraggio delle navi. Si è considerata l anzianità delle flotte di portacontainer e RoRo,valutando un processo di rinnovo della flotta con crescente percentuale di sostituzione del GNL, ed eventualmente un programma di retrofit a GNL a partire dal 2020, ipotesi considerata idonea per una parte della flotta RoRo. Per quanto riguarda l eventuale attrazione di traffico marittimo a Gioia Tauro in virtù di una distribuzione di GNL a basso costo per l utente finale l attenzione si è soffermata sull eventuale attrazione di traffico marittimo di transhipment. Il presupposto è che se un hub di transhipment è in grado di fornire un combustibile marino innovativo a condizioni economiche che altri hub non riescono ad assicurare, vi è una maggior convenienza per un grande operatore logistico (che intenda opportunamente investire in innovazione navale per adoperare quel combustibile sulla sua flotta), a spostare il baricentro di parte delle sue linee ed operazioni distributive nel Mediterraneo verso l hub che gli consente di conseguire un forte risparmio nei suoi costi operativi. Dopo una rassegna dei progetti in corso riguardanti la realizzazione di infrastrutture per il GNL nel Mediterrano, è stato analizzato il potenziale di attrazione dai seguenti porti, concorrenti di Gioia Tauro, localizzati nel Mediterraneo. Porti nell Unione Europea: Marsaxlokk (Malta) Cagliari Taranto Pireo (Grecia) Porti non UE Port Said Est (Egypt) Ambarli (Turchia) Sono stati invece esclusi dall analisi quantitativa i principali hub spagnoli di transhipment (Valencia, Barcellona e Algeciras) ed anche il porto di transhipment Tanger Med, situato nel Marocco settentrionale: è improbabile che Gioia Tauro possa attrarre traffico di transhipment da questi porti, a causa della loro maggiore prossimità ai due terminal di rigassificazione di Barcelona e di Fos (Francia), che potranno prima o poi distribuire GNL per uso marittimo direttamente a partire dal terminal di importazione. Nel primo triennio di fornitura del GNL a Gioia Tauro ( ) il potenziale di attrazione di traffico sull porto di Gioia Tauro potrebbe essere significativo, con un incremento del 15% circa nel 2022 ( twenty-foot equivalent unit (TEU) (volume container standard ISO) rispetto al tendenziale del medesimo anno). Negli anni successivi questo vantaggio competitivo potrebbe stabilizzarsi a patto che il prezzo del GNL offerto a Gioia Tauro riesca a rimanere competitivo rispetto agli altri hub di transhipment. La maggior parte della diversione di traffico è stimata provenire dal terminal di Marsaxlokk di Malta (59%), un risultato da leggere sia in ragione degli elevati volumi di traffico di questo hub (circa 3,2 milioni di twenty-foot equivalent unit (TEU) al 2020, nello scenario tendenziale), che per la sua prossimità al porto di Gioia Tauro. La figura seguente (Figura 5.5) descrive la proiezione della domanda di GNL presso il porto, distinguendo la previsione base e la previsione con attrazione di traffico di portacontainer dai porti concorrenti.

10 Figura 5.5. Stima della domanda di GNL nel porto di Gioa Tauro al 2030, in virtù della distribuzione di GNL da LNG MedGas Terminal (tonn. GNL) Fonte: ECBA Project (2014) Proiezione al 2030 della domanda attesa di GNL nell area del Sud Tirreno Oltre ai consumi diretti del Porto di Gioia Tauro, si è data per scontata la possibilità di rifornire con shuttle vessels gli altri porti del Tirreno Meridionale, situati nell intorno di Gioia Tauro. A tal fine si è stimata la domanda di GNL nel segmento dei traghetti impiegati nelle linee a corto raggio (cabotaggio fra porti nazionali) a partire dai porti di seguito indicati: Calabria - Reggio Calabria (collegamenti per Tremestieri e Messina) - Villa San Giovanni (collegamenti con Messina e Messina Rada San Francesco) Campania - Napoli - Salerno - Pozzuoli (isole del golfo) - Procida (isole del golfo) - Porto d Ischia (isole del golfo) - Casamicciola (isole del golfo) - Capri (isole del golfo) - Sorrento (penisola sorrentina) Sicilia nord-orientale - Catania - Messina - Milazzo - Palermo

11 - Termini Imerese - Vulcano (isole Eolie) - Lipari (isole Eolie) - Stromboli (isole Eolie) - Ustica La flotta traghetti rivela una notevole anzianità, che rende molto probabile un completo rinnovo entro il La figura seguente riepiloga i risultati complessivi di stima della domanda di GNL per tutti i porti del Tirreno meridionale ricadenti nell ambito d indagine, nello scenario di attrazione di traffico aggiuntivo a Gioia Tauro, distinguendo fra la domanda del porto di Gioia Tauro e quella del traffico traghetti a corto raggio degli altri 21 porti analizzati. Nel primo anno di fornitura a Gioia Tauro, la domanda avrà un primo punto di partenza di tonn di GNL ( mc), più o meno equamente ripartite fra traffico container e traffico traghetti. Negli anni successivi la domanda nel Sud Tirreno cresce velocemente fino a raggiungere tonn. di GNL ( mc) nel 2025, con un ruolo sempre più importante del porto di Gioia Tauro, in relazione ai maggiori consumi e alle maggiori distanze percorse dalle navi portacontainer. Si prevede che nel 2030 la domanda di GNL nell area considerata possa raggiungere la dimensione ragguardevole di tonn di GNL ( mc), con un contributo del traffico container di Gioia Tauro di tonn ( mc, 68% del totale). Va notato che mentre i consumi di GNL del traffico container a quella data saranno ancora lontani dal raggiungere il totale del mercato potenziale di GNL (il segmento del trasporto oceanico sarà infatti probabilmente l ultimo a svilupparsi, in relazione alla fornitura del GNL nei porti di tutto il mondo e ai costi relativamente elevati delle cisterne criogeniche, per soddisfare le elevate autonomie energetiche richieste dal trasporto oceanico), quelli del traffico traghetti a corto raggio potranno raggiungere il massimo potenziale entro il 2030, e questo anche in virtù delle particolari condizioni di convenienza nella distribuzione del GNL offerte dalla localizzazione del porto di Gioia Tauro nel bacino tirrenino (baricentrico rispetto a porti limitrofi caratterizzati da un traffico traghetti con un fabbisogno energetico relativamente elevato, come per ordine di importanza - Catania, Palermo e Napoli). Figura 5.6: Stima della domanda di GNL presso Gioia Tauro e i porti del Tirreno meridionale, considerando uno scenario con attrazione di traffico su Gioia Tauro e una distribuzione di GNL a partire da Gioia Tauro (dati in tonn. GNL) Fonte: ECBA Project (2014)

12 5.3.4 Conclusioni La possibilità di rifornimento di GNL potrà avere quindi significative ricadute positive in termini economici, ambientali ed occupazionali, accrescendo l attività del porto e trasformandolo in un HUB per la distribuzione del GNL nell area del Tirreno Meridionale. La stima dei costi per raggiungere i risultati delineati nello studio sopra citato sarà possibile solo a valle dell identificazione della soluzione più vantaggiosa per il rifornimento di GNL. 5.4 Porto della Spezia Il porto della Spezia ha delle caratteristiche infrastrutturali all interno della rete di approvvigionamento e distribuzione di GNL che lo rendono unico nel panorama nazionale. L Autorità Portuale della Spezia, in collaborazione con il gruppo Contship Italia e la Marina Militare, e con il supporto di GNL Italia (gruppo SNAM), sta elaborando uno scenario di sviluppo dell uso del GNL come carburante alternativo nel settore del trasporto marittimo e non solo. Il piano di sviluppo è studiato ed elaborato all interno di due progetti in cui l Autorità Portuale è coinvolta direttamente: il progetto GAINN e il progetto Europeo Costa II PoseidonMed. In particolare, all interno del secondo progetto, è in atto una profonda analisi degli scenari di sviluppo basata sullo studio di alcuni fattori che guideranno il passaggio graduale da un tipo di fabbisogno energetico tradizionale a oli combustibili al GNL. Tali fattori sono: 1. Le potenzialità del distretto industriale che gravita intorno al porto della Spezia; 2. La politica di sviluppo di una logistica sostenibile che soddisfi le indicazioni date dalla strategia Europe 2020, in termini di sviluppo sostenibile e riduzione dell inquinamento; 3. La coerenza con il piano nazionale strategico per l energia; 4. La capacità resiliente dell area portuale spezzina di poter adattare le proprie infrastrutture e servizi ad un crescente fabbisogno di GNL nel prossimo futuro. In relazione a questi dati di input, lo scenario di sviluppo ipotizzato mette in evidenza, a partire dallo stato dell arte, una serie di interventi necessari per le attività di approvvigionamento e di distribuzione/utilizzo del GNL per il porto stesso e per l intera rete nazionale. Gli interventi individuati nell'ambito del progetto Costa II PoseidonMed e nella recente proposta progettuale GAINN4CORE, nei quali l'autorità Portuale della Spezia partecipa in qualità di partner, si collocano all interno del panorama di sviluppo di una rete per carburanti alternativi, legata ad una riduzione progressiva dell inquinamento da combustibili fossili, previsti dalla Direttiva Europea 2014/94/CE e con orizzonte Le peculiarità del porto della Spezia sono: Disponibilità di ampie aree industriali costiere adatte per lo stoccaggio di GNL Esistenza del terminal GNL On-Shore di Panigaglia, gestito da GNL Italia, che permette la rigassificazione di GNL tramite approvvigionamento via mare Esistenza di terminali per la movimentazione e lo stoccaggio di oli combustibili, gas naturali e merci chimiche liquide Centralità del porto all interno del corridoio TEN-T Scandinavo-Mediterraneo come hub per l implementazione di carburanti alternativi, come previsto nella regolamentazione 1315/2013, e crescita costante del traffico grazie all interazione tra il corridoio stesso e le Autostrade del Mare Descrizione delle attività previste nello scenario di sviluppo GNL nel porto della Spezia 1. Studio di fattibilità per una stazione di rifornimento di GNL all interno del porto della Spezia 2. Studio di fattibilità per un punto di rifornimento per navi multifuel (GNL+Idrogeno+elettricità) all interno della base navale militare di La Spezia 3. Studio di fattibilità per l introduzione di camion a GNL che facciano servizio tra il porto e i terminal inland (in particolare Santo Stefano Magra) 4. Progettazione di una stazione di rifornimento di GNL all interno del terminal inland di Melzo (Mi), principale inland terminal collegato con il porto della Spezia

13 Studio di fattibilità per una stazione di rifornimento di GNL all interno del porto della Spezia Considerando la previsione di servizi per l approvvigionamento di GNL a mezzi di piccola dimensione (autobotte/bettoline/chiatte o feedership), sono stati pianificati i seguenti studi: A. Studio dello stato attuale dei mezzi disponibili sul mercato alimentati a GNL B. Studio del traffico marittimo del porto della Spezia attuale e valutazione del potenziale sviluppo, quante navi possano essere alimentate a GNL in ottica futura C. Analisi sulle possibilità di caricare autobotti per incrementare la distribuzione di GNL sul territorio. La distribuzione del GNL sul territorio può avvenire attraverso due possibilità: via autobotte attraverso la rete di strade locale (è necessario quindi valutare l impatto sulla viabilità cittadina) o attraverso un servizio navetta effettuato con chiatte che permetta il trasporto delle autobotti ad un molo sulla parte opposta del golfo vicina alla rete autostradale o mediante bettoline/feedership. Pertanto è necessaria l identificazione, all interno del porto, di un area disponibile per lo stoccaggio intermedio del GNL proveniente dal terminal di Panigaglia e in cui sia possibile rifornire direttamente con GNL i camion e/o le navi. Studio di fattibilità per un punto di rifornimento per navi multi fuel (GNL+Idrogeno+elettricità) all interno della base navale militare di La Spezia Il progetto prevede di creare un punto di rifornimento con le seguenti caratteristiche e capacità: - Lo stoccaggio e il rifornimento di GNL fatto sia da imbarcazioni di medio-piccole dimensioni e/o da autobotti a GNL - Sfruttamento del GNL come risorsa alternativa per la produzione di idrogeno ed energia - Possibilità di rifornire navi e veicoli a celle a combustibile in futuro Il reformer GNL/idrogeno è studiato sul modello di una stazione di rifornimento per veicoli ibridi a Mantova e verrà adattato e integrato per lo scopo di questo progetto. Il sito individuato per realizzare il punto di rifornimento multi fuel è in un area della Base della Marina Militare Italiana a La Spezia. FIGURA 5.4.1: Area di realizzazione del punto di rifornimento multifuel all interno della base navale

14 Quest area è sufficientemente ampia e collocate in un sito controllato, altamente protetto e sicuro con adeguato fondale per le navi mercantili che possono attraccare e ormeggiare. Studio di fattibilità per l introduzione di camion a GNL che facciano servizio tra il porto e i terminal inland Sono pianificati 3 studi di fattibilità paralleli: A. Mezzi di movimentazione portuali (RTG, gru mobili, reachstackers, straddlecarriers) alimentati a GNL, con mappatura relativa delle emissioni nel terminal container portuale. B. Uso del GNL per treni shuttle e per materiale rotabile di manovra nei terminal intermodali C. Uso del GNL come carburante alternativo per mezzi commerciali terrestri Progettazione di una stazione di rifornimento di GNL all interno del terminal inland di Melzo (Mi) Le attività riguardano lo sviluppo di una stazione di rifornimento nell inland terminal di Melzo (MI), principale terminal inland collegato al porto della Spezia. Il terminal di Melzo è direttamente collegato via ferrovia e via strada con La Spezia ed è posizionato strategicamente a nordest di Milano. Il progetto si pone come obiettivo l implementazione dell uso del GNL come carburante alternativo per il trasporto su strada per alimentare i mezzi pesanti che effettuano il trasporto delle merci containerizzate tra il porto della Spezia e Melzo. FIGURA 5.4.2: Terminal intermodale di Melzo (Mi) direttamente collegato al porto della Spezia Il progetto si compone di: - Studio per la definizione della stazione di rifornimento di GNL sulla base dell accessibilità e della sicurezza attuale, nonché in relazione alla legislazione italiana in materia di sicurezza - Analisi quantitativa dei costi di costruzione, di manutenzione e del personale, con particolare riferimento ai programmi di formazione per il personale che lavora direttamente nelle stazioni di rifornimento e per il personale che lavora nel terminale, anche se non direttamente nella stazione di rifornimento. - Analisi e valutazione dei rischi, e impatto sulla percezione da parte della popolazione locale - Studio sul coinvolgimento delle parti interessate a livello locale in relazione alla vasta gamma di possibilità offerte dalla stazione di rifornimento GNL prospettata - Studi sulla gestione dei rifiuti, e sulla possibile integrazione con il Piano di Risparmio Energetico I benefici attesi da queste attività potranno essere: 1. Migliorare le attività nel porto di La Spezia con un nuovo sistema di carico e di alimentazione che migliori la distribuzione di GNL sul territorio e incoraggi l'uso di carburanti alternativi

15 2. Aumentare la distribuzione di GNL per raggiungere le zone che non sono servite attualmente, in particolare attraverso lo studio di soluzioni che riducano il più possibile l impatto sulla comunità locale (eliminando, ad esempio, le interferenze tra il traffico pesante e traffico urbano) 3. Sviluppare una catena logistica alimentata a GNL nel collegamento tra il porto di La Spezia e il suo entroterra, secondo un possibile nuovo uso del terminal di rigassificazione di Panigaglia, che potrebbe aumentare i benefici ambientali 4. Individuare le soluzioni necessarie per implementare nuove tecnologie nel porto Core di La Spezia, al fine di offrire migliori prestazioni ambientali secondo gli scenari di sviluppo previsti nel trasporto marittimo. 5. Migliorare la qualità dell'aria nella zona di La Spezia, promuovendo queste nuove tecnologie per la riduzione dell'inquinamento atmosferico derivante dal traffico marittimo e stradale. Conclusioni I 14 porti nazionali principali ( core ports ) della rete TEN-T Trans Europea Network Transport sono: 15. Ancona 16. Augusta 17. Bari 18. Cagliari (Porto Foxi, Cagliari) 19. Genova 20. Gioia Tauro 21. La Spezia 22. Livorno 23. Napoli 24. Palermo (incluso il terminal di Termini Imerese) 25. Ravenna 26. Taranto 27. Trieste 28. Venezia In Italia diverse autorità portuali hanno in progetto la costruzione di facility per il bunkeraggio di Gas Naturale Liquefatto. Il Piano Energetico Ambientale del Porto di Genova, ha come scopo l orientamento e la promozione dell uso delle fonti rinnovabili e l aumento dell efficienza energetica nell area portuale (Autorità Portuale di Genova PORT&SHIPPINGTECH 2012). Tra le differenti possibilità logistiche di approvvigionamento di GNL, vengono individuate le seguenti: a) via terra (rete gas) con impianto intermedio di liquefazione e trasferimento via autobotte da 60 mc (da evitare); b) logistica marittima via bettolina da mc direttamente da terminali di rigassificazione Il Terminale di rigassificazione italiano più vicino al porto di Genova (circa 52 miglia) è l impianto di GNL Italia, sito nella baia di Panigaglia nei pressi del porto di La Spezia. Lo stoccaggio in area portuale con un terminal di medie dimensioni da a mc di GNL contempla: l approvvigionamento tramite feeder-ship da terminali di rigassificazione sistema logistico più sicuro ); lo stoccaggio di GNL in serbatoi e distribuzione finale tramite bettoline; l utilizzo di container criogenico per GNL ( serbatoio di emergenza nave/terra); Nel porto di Livorno è presente un terminale di rigassificazione in esercizio. In particolare, lo studio dell Autorità Portuale di Livorno Il bunkering GNL nel porto di Livorno problematiche, scenari possibili e prospettive di sviluppo, analizza le possibili alternative di approvvigionamento e di distribuzione/utilizzo GNL per il porto di Livorno, tenuto conto che l adozione di una infrastruttura di bunkering GNL per il porto può essere un vantaggio competitivo nella ricezione di navi convertite a GNL nel prossimo futuro.

16 Il Porto di Livorno ha la peculiarità di poter disporre di un terminale GNL limitrofo, con il quale studiare sinergie economicamente sostenibili per l utilizzo di GNL nell area portuale e gode anche della vicinanza ad un altro terminale GNL on-shore, a Panigaglia, (La Spezia), proprietà di GNL ITALIA (gruppo Snam) con il quale poter studiare sinergie su strada. Esso, inoltre, dispone di aree stoccaggio combustibili già ampiamente attrezzate ed idonee a predisporre un sistema minimo di accumulo GNL per gli usi portuali, garantendo sia la sicurezza che l accessibilità della struttura. Lo Studio ha analizzato le seguenti possibilità per rendere disponibile GNL al Porto di Livorno, per individuare quelle che possono avere uno sviluppo in termini economici, autorizzativi e tecnologici compatibile con le esigenze immediate del Porto di Livorno: 1. Approvvigionamento indipendente di GNL via terra 2. Approvvigionamento indipendente di GNL via mare 3. Approvvigionamento GNL a terra via tubazione da FRSU 4. Approvvigionamento GNL su piattaforma al largo via tubazione da FRSU 5. Approvvigionamento GNL da FRSU via nave L Autorità Portuale di Livorno ha anche effettuato uno studio per la riconversione dei reach stackers. Il primo caso studiato prevede la sola riconversione di tre mezzi reach stackers. E considerata una soluzione iniziale, facilmente implementabile con tecnologie mature per il mercato che non prevede nessun investimento nei mezzi portuali. Può essere vista come una soluzione ponte per progettare, sviluppare e rendere operativa la conversione di mezzi navali. E stata, inoltre, studiata la possibilità di riconversione di reach stackers e due rimorchiatori, di reach stackers più due rimorchiatori ed un traghetto e la riconversione long-term con GNL via nave. Attualmente il servizio di rifornimento alle navi ormeggiate nel porto di Gioia Tauro, viene fornito solo per gli oli combustibili e con modalità spot tramite autobotti. La società che propone la realizzazione del terminale, LNG Medgas Terminal, ha recentemente compiuto una valutazione della futura domanda di GNL presso il porto, tramite lo studio Il mercato potenziale del GNL per uso marittimo del terminal LNG MedGas di Gioia Tauro redatto da Ecba Project. Il porto di Gioia Tauro è un porto principalmente dedicato al trans-shipment, vale a dire al ricevimento di grandi navi portacontainer transoceaniche, il cui carico è interamente rilocato su navi portacontainer minori dedicate allo smistamento locale. Inoltre nell intorno di Gioia Tauro è presente un traffico di traghetti di cabotaggio con collegamenti di linea fra porti nazionali effettuati con navi Ro Ro (Roll-on/Roll-off) pax e Ro Ro (Roll-on/Roll-off) cargo: in particolare a Gioia Tauro fanno scalo regolare solo navi cargo (car carrier), mentre gli altri porti del Tirreno Meridionale possono essere serviti da una distribuzione tramite shuttle. Per stimare la domanda di GNL presso il porto di Gioia Tauro si sono analizzati i consumi energetici annui associati ai viaggi delle navi in partenza nell anno Aggregando i consumi del traffico marittimo del Porto di Gioia Tauro e quelli dei servizi traghetti di cabotaggio nei porti del Tirreno meridionale, è stata ottenuta una stima complessiva dei consumi per i collegamenti diretti dei porti del Tirreno meridionale, di 850mila tonn di fuel oil marino nell anno 2014 (si veda tabella sottostante). La maggior parte di tali consumi è riferibile al traffico container del porto di Gioia Tauro (82,3%), un risultato che va letto in relazione alle elevate distanze percorse e alle grandi dimensioni dalle navi che scalano il porto. Viceversa, si può notare l apporto relativamente basso dei traghetti in servizio locale, un risultato anch esso da leggere in relazione alle ridotte stazze dei traghetti utilizzati e alle distanze relativamente brevi. Dopo una rassegna dei progetti in corso riguardanti la realizzazione di infrastrutture per il GNL nel Mediterrano, è stato analizzato il potenziale di attrazione dai seguenti porti, concorrenti di Gioia Tauro, localizzati nel Mediterraneo: Porti nell Unione Europea: Marsaxlokk (Malta) Cagliari Taranto

17 Porti non UE Pireo (Grecia) Port Said Est (Egypt) Ambarli (Turchia) Sono stati invece esclusi dall analisi quantitativa i principali hub spagnoli di transhipment (Valencia, Barcellona e Algeciras) ed anche il porto di transhipment Tanger Med, situato nel Marocco settentrionale: è improbabile che Gioia Tauro possa attrarre traffico di transhipment da questi porti, a causa della loro maggiore prossimità ai due terminal di rigassificazione di Barcelona e di Fos (Francia), che potranno prima o poi distribuire GNL per uso marittimo direttamente a partire dal terminal di importazione. La possibilità di rifornimento di GNL potrà avere quindi significative ricadute positive in termini economici, ambientali ed occupazionali, accrescendo l attività del porto e trasformandolo in un HUB per la distribuzione del GNL nell area del Tirreno Meridionale. Il porto della Spezia ha delle caratteristiche infrastrutturali all interno della rete di approvvigionamento e distribuzione di GNL che lo rendono unico nel panorama nazionale. L Autorità Portuale della Spezia, in collaborazione con il gruppo Contship Italia e la Marina Militare, e con il supporto di GNL Italia (gruppo SNAM), sta elaborando uno scenario di sviluppo dell uso del GNL come carburante alternativo nel settore del trasporto marittimo e non solo. Il piano di sviluppo è studiato ed elaborato all interno di due progetti in cui l Autorità Portuale è coinvolta direttamente: il progetto GAINN e il progetto Europeo Costa II PoseidonMed. In particolare, all interno del secondo progetto, è in atto una profonda analisi degli scenari di sviluppo basata sullo studio di alcuni fattori che guideranno il passaggio graduale da un tipo di fabbisogno energetico tradizionale a oli combustibili al GNL. Tali fattori sono: 1. Le potenzialità del distretto industriale che gravita intorno al porto della Spezia; 2. La politica di sviluppo di una logistica sostenibile che soddisfi le indicazioni date dalla strategia Europe 2020, in termini di sviluppo sostenibile e riduzione dell inquinamento; 3. La coerenza con il piano nazionale strategico per l energia; 4. La capacità resiliente dell area portuale spezzina di poter adattare le proprie infrastrutture e servizi ad un crescente fabbisogno di GNL nel prossimo futuro. In relazione a questi dati di input, lo scenario di sviluppo ipotizzato mette in evidenza, a partire dallo stato dell arte, una serie di interventi necessari per le attività di approvvigionamento e di distribuzione/utilizzo del GNL per il porto stesso e per l intera rete nazionale. Gli interventi individuati nell'ambito del progetto Costa II PoseidonMed e nella recente proposta progettuale GAINN4CORE, nei quali l'autorità Portuale della Spezia partecipa in qualità di partner, si collocano all interno del panorama di sviluppo di una rete per carburanti alternativi, legata ad una riduzione progressiva dell inquinamento da combustibili fossili, previsti dalla Direttiva Europea 2014/94/CE e con orizzonte Le peculiarità del porto della Spezia sono: Disponibilità di ampie aree industriali costiere adatte per lo stoccaggio di GNL Esistenza del terminal GNL On-Shore di Panigaglia, gestito da GNL Italia, che permette la rigassificazione di GNL tramite approvvigionamento via mare Esistenza di terminali per la movimentazione e lo stoccaggio di oli combustibili, gas naturali e merci chimiche liquide Centralità del porto all interno del corridoio TEN-T Scandinavo-Mediterraneo come hub per l implementazione di carburanti alternativi, come previsto nella regolamentazione 1315/2013, e crescita costante del traffico grazie all interazione tra il corridoio stesso e le Autostrade del Mare.

18 7: Criteri per l individuazione di una ipotesi di rete di distribuzione di GNL sulla base degli attuali scenari logistici degli altri prodotti energetici 7.1 Sistema distributivo GNL Ai sensi della direttiva euopea riguardante la realizzazione delle infrastrutture per i combustibili alternativi nei trasporti, i punti di rifornimento per il GNL includono, fra l altro, i terminali, i serbatoi e i containers mobili di GNL nonché navi e chiatte cisterna. Gli Stati membri dovrebbero garantire un sistema di distribuzione adeguato tra gli impianti di stoccaggio e i punti di rifornimento per il GNL. IPOTESI INFRASTRUTTURE LOGISTICHE GNL

19 Terminali GNL in esercizio Società Regione Località Produzione MLDmc/anno Stoccaggio GNL Italia Liguria La Spezia OLT Offshore LNG Toscana Toscana Livorno - Terminale OLT Terminale GNL Adriatico S.r.l. Veneto Chioggia TOTALE

20 Fonte: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Fonte: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il mercato potenziale del GNL per uso marittimo del terminale LNG Medgas di Gioia Tauro, San Ferdinando e Rosarno

Il mercato potenziale del GNL per uso marittimo del terminale LNG Medgas di Gioia Tauro, San Ferdinando e Rosarno Il mercato potenziale del GNL per uso marittimo del terminale LNG Medgas di Gioia Tauro, San Ferdinando e Rosarno 18 settembre 2015 Agenda 1. L impianto di LNG Medgas Terminal 2. Possibili modalità di

Dettagli

Venezia come hub logistico marittimo e stradale per il Gas Naturale Liquefatto nel Nord Adriatico

Venezia come hub logistico marittimo e stradale per il Gas Naturale Liquefatto nel Nord Adriatico Venezia come hub logistico marittimo e stradale per il Gas Naturale Liquefatto nel Nord Adriatico Convegno «Il Gas Naturale Liquido: prospettive per gli interporti» Verona, 4 dicembre 2015 AUTOTRASPORTO

Dettagli

AUTORITA PORTUALE DI LIVORNO. Antonella Querci. Dirigente Direzione Sviluppo Innovazione querci@porto.livorno.it

AUTORITA PORTUALE DI LIVORNO. Antonella Querci. Dirigente Direzione Sviluppo Innovazione querci@porto.livorno.it AUTORITA PORTUALE DI LIVORNO Antonella Querci Dirigente Direzione Sviluppo Innovazione querci@porto.livorno.it Livorno core network EU La Direttiva Europea 2012/33/UE fissa i limiti al tenore di zolfo

Dettagli

LNG Supply chain Piano Energetico Ambientale del Porto di Genova

LNG Supply chain Piano Energetico Ambientale del Porto di Genova LNG Supply chain Piano Energetico Ambientale del Porto di Genova Autorità Portuale di Genova PORT&SHIPPINGTECH 2012 Dimens ioni del Porto di Genova Il Porto di Genova: dimensioni Superficie operativa 700

Dettagli

Prezzi del GNL per uso marittimo e sua convenienza economica rispetto ai carburanti marini petroliferi

Prezzi del GNL per uso marittimo e sua convenienza economica rispetto ai carburanti marini petroliferi Prezzi del GNL per uso marittimo e sua convenienza economica rispetto ai carburanti marini petroliferi Andrea Molocchi ECBA Project srl www.ecbaproject.eu Environmental Cost-Benefit Analysis to assess

Dettagli

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Antonio Revedin Direttore Pianificazione Strategica e Sviluppo

Dettagli

LNG per autotrazione: il presente e le prospettive future. Massimo Prastaro

LNG per autotrazione: il presente e le prospettive future. Massimo Prastaro LNG per autotrazione: il presente e le prospettive future Massimo Prastaro L'uso del carburante LNG nel mondo USA e Cina leader nel mondo per l uso del GNL nei trasporti grazie a condizioni economiche

Dettagli

Incolore; Inodore; Non tossico; Liquido a pressione atmosferica ed a - 161.5 C. Curva di stato

Incolore; Inodore; Non tossico; Liquido a pressione atmosferica ed a - 161.5 C. Curva di stato Componenti Formula Chimica Quantità tipiche Metano CH4 94.70 % Etano C2H6 4.80 % Incolore; Inodore; Non tossico; Liquido a pressione atmosferica ed a - 161.5 C. Curva di stato Propano C3H8 0.40 % Butano

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo di Sergio Rossato D.G. Interporto di Padova S.p.A. A.D. di NET Nord Est Terminal S.p.A. Il traffico intermodale COMPLESSIVO dell Interporto di Padova

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO

STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO STUDIO DI FATTIBILITA' DELLA PRIMA FASE DELLA PIATTAFORMA EUROPA DEL PORTO DI LIVORNO Titolo elaborato: RELAZIONE ILLUSTRATIVA GENERALE RELAZIONE "A3" ANALISI DELLA DOMANDA

Dettagli

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Con sfida in tre mosse il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio vuole far recuperare alla portualità italiana il tempo perso, per cogliere l opportunità

Dettagli

Il gruppo Snam e lo sviluppo dello Small Scale LNG

Il gruppo Snam e lo sviluppo dello Small Scale LNG Il gruppo Snam e lo sviluppo dello Small Scale LNG Green Shipping Summit 2015 Genova, 17-18 settembre 2015 snam.it Agenda Introduzione al gruppo Snam e GNL Italia Il GNL e gli usi innovativi per la mobilità

Dettagli

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL)

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Ing. Giovanni Papagni Gestione e sviluppo servizi energetici Gas Natural Vendita Italia Spa Il Gruppo Gas Natural Fenosa nel mondo Presente

Dettagli

Il Sud si muove. Si muove l Europa.

Il Sud si muove. Si muove l Europa. Il Sud si muove. Si muove l Europa. PON TRASPORTI 2000-2006 Programma di sviluppo infrastrutturale della rete trasporti nel Sud Italia Il Programma Nell ambito delle politiche cofinanziate dai Fondi strutturali

Dettagli

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE Verona,22 Novembre 2013 Traffico merci in Europa La ripartizione modale 76% 7% Road Railways Inland waterways

Dettagli

Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia

Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia LO SVILUPPO DEI NUOVI MERCATI PER IL CLUSTER MARITTIMO: LE POTENZIALITÀ DEL BACINO DEL MEDITERRANEO E FOCUS SU TURCHIA Le relazioni marittime tra l Italia e il Mediterraneo: un focus sulla Turchia Alessandro

Dettagli

L impiego del LNG nel Porto di Venezia

L impiego del LNG nel Porto di Venezia L impiego del LNG nel Porto di Venezia Paolo Menegazzo Pianificazione Strategica e Sviluppo Autorità Portuale di Venezia Green Shipping Summit 2015 Genova, 17 settembre 2015 DIRETTIVA 2014/94/UE del 22

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

COMBUSTIBILI ALTERNATIVI

COMBUSTIBILI ALTERNATIVI Attuazione del Piano di Efficienza Energetica del Porto di Venezia Linea d azione 3, Task 3.1.d Workshop 2 - Tecnologie per l efficienza energetica COMBUSTIBILI ALTERNATIVI Martedì 16 Dicembre 2014 Agenda

Dettagli

Trasporto merci. Luglio 2014

Trasporto merci. Luglio 2014 INDAGINE CONGIUNTURALE SUL SETTORE DEI TRASPORTI n. 38 SINTESI Luglio 2014 Trasporto merci Dopo aver chiuso il 2012 con una dinamica settoriale complessivamente negativa, il 2013 mette in evidenza per

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

Opportunità economiche e benefici ambientali del GNL per il trasporto marittimo nel Mediterraneo

Opportunità economiche e benefici ambientali del GNL per il trasporto marittimo nel Mediterraneo Opportunità economiche e benefici ambientali del GNL per il trasporto marittimo nel Mediterraneo Andrea Molocchi - partner, ECBA Project srl Environmental Cost Benefit Analysis to Assess Innovation www.ecbaproject.eu

Dettagli

Il ruolo di Assogasliquidi nello sviluppo del GNL in Italia. Francesco Franchi Presidente Assogasliquidi

Il ruolo di Assogasliquidi nello sviluppo del GNL in Italia. Francesco Franchi Presidente Assogasliquidi Il ruolo di Assogasliquidi nello sviluppo del GNL in Italia Francesco Franchi Presidente Assogasliquidi Chi siamo Assogasliquidi Mission: Distribuzione gas liquefatti Associati: GPL più di 90 aziende e

Dettagli

Roberto Martinoli Presidente ed Amministratore Delegato. pag. 1

Roberto Martinoli Presidente ed Amministratore Delegato. pag. 1 Roberto Martinoli Presidente ed Amministratore Delegato pag. 1 Strategie di sviluppo in mercati maturi e competitivi pag. 2 La società Costituita nel 1992, Grandi Navi Veloci é una delle principali compagnie

Dettagli

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015 Prospettiva europea L attenzione europea - anche grazie ad iniziative che ConferenzaGNL stessa potrà promuovere nel Semestre di Presidenza italiana dell UE - si sposterà da Nord a Sud per le nuove opportunità

Dettagli

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta.

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta. Il porto è il futuro di Trieste Il ritorno della cultura marinara per i traffici di Nordest ed Europa centrale. Intervento introduttivo di Mario Goliani Innanzitutto rivolgo un ringraziamento agli Ordini

Dettagli

LNG PER PORTI E FILIERE PRODUTTIVE

LNG PER PORTI E FILIERE PRODUTTIVE AUTORITA PORTUALE DI LIVORNO Valutazione delle prevedibili esigenze dio incremento dei fabbisogni di energia elettrica nella nuova configurazione del Porto- Analisi dei prevedibili fabbisogni di energia

Dettagli

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Napoli, 2 Marzo 2016 Arianna Buonfanti Researcher Maritime Economy Observatory SRM Il Mediterraneo

Dettagli

SVILUPPO DELL INTERMODALITA

SVILUPPO DELL INTERMODALITA SVILUPPO DELL INTERMODALITA Autostrade del mare 2.0 e combinato marittimo ANDREA APPETECCHIA Roma, 21 luglio 20151 I PUNTI DEL RAGIONAMENTO Commercio estero nazionale: orientamenti e modalità di trasporto

Dettagli

Il terminale LNG Medgas di Gioia Tauro, San Ferdinando e Rosarno: un opportunità di sviluppo per il GNL nei trasporti marittimi

Il terminale LNG Medgas di Gioia Tauro, San Ferdinando e Rosarno: un opportunità di sviluppo per il GNL nei trasporti marittimi Il terminale LNG Medgas di Gioia Tauro, San Ferdinando e Rosarno: un opportunità di sviluppo per il GNL nei trasporti marittimi Livorno,10 ottobre 2016 Agenda 1. L impianto di LNG Medgas Terminal 2. Possibili

Dettagli

La strada migliore per portare la merce in Sardegna

La strada migliore per portare la merce in Sardegna La strada migliore per portare la merce in Sardegna 1 Obiettivo Ottimizzare la tempistica e ridurre le tratte terrestri nel trasporto su gomma dei traffici merci Penisola - Sardegna 2 Introduzione Attualmente

Dettagli

CONFERENZA GNL 11-12 Giugno 2015

CONFERENZA GNL 11-12 Giugno 2015 CONFERENZA GNL 11-12 Giugno 2015 Progettazione, costruzione e installazione di impianti del carico per navi gasiere - Special Projects : Costa Concordia Wreck Removal G&H SHIPPING Nel 2004, è

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

IMPIEGO DI GAS NATURALE LIQUEFATTO (GNL) NEL SETTORE DEI TRASPORTI

IMPIEGO DI GAS NATURALE LIQUEFATTO (GNL) NEL SETTORE DEI TRASPORTI IMPIEGO DI GAS NATURALE LIQUEFATTO (GNL) NEL SETTORE DEI TRASPORTI Il Gas naturale liquefatto (LNG) si ottiene sottoponendo il gas naturale, dopo opportuni trattamenti di depurazione e disidratazione,

Dettagli

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI TERMINAL CONTAINER A VOLTRI Il terminal Voltri Terminal Europa di Genova-Voltri, entrato recentemente nel pieno della sua operatività, rappresenta il classico esempio di terminale marittimo creato ex novo,

Dettagli

La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso

La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso Michele Paruzzi Furio Bombardi Solvay Chimica Italia S.p.A. Trenitalia

Dettagli

Sardegna Piattaforma Logistica del Mediterraneo?

Sardegna Piattaforma Logistica del Mediterraneo? Sardegna Piattaforma Logistica del Mediterraneo? Quando durante il convegno C è posto nel Med? La Sardegna fra Europa e Mediterraneo organizzato nel febbraio scorso da Sardegna 2050 e OpenMed mi è stata

Dettagli

Gas Naturale Liquefatto GNL una grande opportunità Sfida Crescita Competitività BASSO IMPATTO AMBIENTALE

Gas Naturale Liquefatto GNL una grande opportunità Sfida Crescita Competitività BASSO IMPATTO AMBIENTALE Gas Naturale Liquefatto GNL una grande opportunità Sfida Crescita Competitività BASSO IMPATTO AMBIENTALE Cos è il GNL? Il Gas naturale liquefatto è il gas naturale nella sua forma liquida Refrigerato a

Dettagli

Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia

Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia La necessità che anche la Sicilia si dovesse dotare di uno strumento di pianificazione del settore dei

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

Tavolo regionale per la mobilità delle merci

Tavolo regionale per la mobilità delle merci Tavolo regionale per la mobilità delle merci Scenari e prospettive di contesto Milano 04 Marzo 2011 Oliviero Baccelli CERTeT Università Bocconi Indice dei temi trattati Gli scenari socio-economici di riferimento

Dettagli

Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova. Autorità Portuale di Genova

Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova. Autorità Portuale di Genova Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova I numeri del porto - 51,9 Mil.Ton (anno 2014) - 2,17 Mil.Teus - 3,8 Mil. Mtl - 6.000 Accosti/anno Milioni Ton. 60-4.000 automezzi in/out al

Dettagli

IV Commissione consiliare (Trasporti)

IV Commissione consiliare (Trasporti) IV Commissione consiliare (Trasporti) Lavori settima dal 7 all 11 gennaio 2008 In commissione Trasporti l audizione dei rappresentanti dell autotrasporto. I problemi dell autotrasporto sardo sono stati

Dettagli

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Genova, 2 dicembre 2013 Utilizzo del gas naturale liquido nei sistemi propulsivi: potenzialità e problematiche A. Massardo, G. Zamboni Scuola Politecnica

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua CONTENUTO Conosciamo CONOSCIAMO IL VOSTRO SETTORE Conosciamo Nell ultimo decennio il settore dell energia solare ha registrato una crescita senza

Dettagli

Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY

Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY I carburanti alternativi nella Direttiva UE "combustibili alternativi", combustibili

Dettagli

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development

2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development 2nd Conference on Liquefied Natural Gas for Transport Italy and the Mediterranean Area Andrea Stegher, Head of Business Development Roma, 10-11 aprile 2014 snam.it «Small-scale LNG»: un interesse in crescita

Dettagli

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA 2 Il Gruppo Casillo Sede: Settore: Stabilimenti: Corato (Bari) Trading di cereali e produzione sfarinati per panificazione

Dettagli

per portarti nel futuro

per portarti nel futuro DALLA FERROVIA AL PORTO, ALL AEROPORTO 1848 Inaugurazuione linea ferroviaria Padova-Venezia 1869-1880 si sposta il porto dal bacino di San Marco ad un area prossima alla testata del ponte ferroviario,

Dettagli

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente Le barriere da rimuovere per rispondere alle aspettative della UE e del settore industriale per il NG (CNG, GNL e Biogas) nel breve e medio periodo Autopromotec - 22 maggio 2015 Mariarosa Baroni NGV Italy

Dettagli

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Milano, 24 giugno 2014 Trenitalia Trenitalia, società del Gruppo Ferrovie

Dettagli

Il documento di consultazione per la Strategia energetica nazionale sul GNL e le osservazioni pervenute

Il documento di consultazione per la Strategia energetica nazionale sul GNL e le osservazioni pervenute Il documento di consultazione per la Strategia energetica nazionale sul GNL e le osservazioni pervenute Ministero dello sviluppo economico Giovanni Perrella Oil & non oil 2015 GNL e riduzione dell impatto

Dettagli

Industria 2015 Mobilita Sostenibile

Industria 2015 Mobilita Sostenibile SLIMPort Sicurezza, Logistica ed InterModalita Portuale Genova, 5 novembre 2009 Industria 2015 Mobilita Sostenibile Il Programma Industria 2015 del Ministero dello Sviluppo Economico, varato dal Governo

Dettagli

LIQUEFIED NATURAL GAS ANYWHERE. Progetto Small Scale Terminal Scopo, valutazione economica, possibili applicazioni

LIQUEFIED NATURAL GAS ANYWHERE. Progetto Small Scale Terminal Scopo, valutazione economica, possibili applicazioni LIQUEFIED NATURAL GAS ANYWHERE Progetto Small Scale Terminal Scopo, valutazione economica, possibili applicazioni Scopo del progetto Lo scopo del progetto è la costruzione di un piccolo terminal di stoccaggio

Dettagli

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Liguria Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Lombardia Federazione Regionale Gruppi Giovani Imprenditori Confindustria Piemonte Una

Dettagli

STAZIONI DI RIFORNIMENTO DA METANO LIQUIDO TECNOLOGIA LOGISTICA NORMATIVA. Vittorio Zurletti

STAZIONI DI RIFORNIMENTO DA METANO LIQUIDO TECNOLOGIA LOGISTICA NORMATIVA. Vittorio Zurletti ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 STAZIONI DI RIFORNIMENTO DA METANO LIQUIDO TECNOLOGIA LOGISTICA NORMATIVA Vittorio Zurletti 1 STAZIONI DI RIFORNIMENTO DA METANO LIQUIDO TECNOLOGIA LOGISTICA NORMATIVA

Dettagli

PORTI 1990 1995 1996 1997 1998 1999 2000(*)

PORTI 1990 1995 1996 1997 1998 1999 2000(*) Tab. 1 Movimentazione merce in container in complesso nei principali porti italiani per ripartizione geografica Anni 1990 2000 (numero di contenitori espresso in teu e composizione percentuale) 1 PORTI

Dettagli

SUSTAINABLE MOBILITY IN ADRIATIC- IONIAN REGION GECT DRIVING FORCE BEHIND CO OPERATION Bari 25 th November 2011

SUSTAINABLE MOBILITY IN ADRIATIC- IONIAN REGION GECT DRIVING FORCE BEHIND CO OPERATION Bari 25 th November 2011 Project ECOPORT 8 ENVIRONMENTAL MANAGEMENT OF TRANSBORDER CORRIDOR PORTS Code SEE/A/218/2.2/X SUSTAINABLE MOBILITY IN ADRIATIC- IONIAN REGION GECT DRIVING FORCE BEHIND CO OPERATION Bari 25 th November

Dettagli

L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia

L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia Francesco Franchi Presidente Assogasliquidi L Europa che cambia La Strategia Energetica Europea L Europa manifesta alcune preoccupazioni: La

Dettagli

ITALY LINES OF O F F E F R E T R E T E E S E T S A T T A E T E 20 2 1 0 4 1

ITALY LINES OF O F F E F R E T R E T E E S E T S A T T A E T E 20 2 1 0 4 1 ITALY LINES OFFERTE ESTATE 2014 TRATTE PASSEGGERI Viaggia sulla Cagliari -Tunisi, Genova -Tunisi e sulla Bari -Durazzo con il Camping On Board e avrai il 40% di sconto sul tuo camper Sulla Napoli -Palermo,

Dettagli

Posizionamento. Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network;

Posizionamento. Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network; Porto di Ancona Posizionamento Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network; Corridoio scandinavo-mediterraneo (38% traffico tir del porto proviene da Paesi lungo questo asse, Italia esclusa);

Dettagli

TRASPORTO INTERMODALE MERCI

TRASPORTO INTERMODALE MERCI TRASPORTO INTERMODALE MERCI Cos èl intermodalità È un SERVIZIO reso attraverso l integrazione fra diverse modalità che induce a considerare il trasporto medesimo non più come somma di attività distinte

Dettagli

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia Direttore Generale Massimo DEANDREIS Università Bocconi Milano, 25 Maggio 2015 L incremento del traffico nel Mediterraneo Sta crescendo

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

Trasporto marittimo. Veicoli di trasporto marittimo. Vie e terminali di trasporto marittimo

Trasporto marittimo. Veicoli di trasporto marittimo. Vie e terminali di trasporto marittimo Trasporto marittimo Veicoli di trasporto marittimo Vie e terminali di trasporto marittimo 1 Trasporto marittimo Natanti (Veicoli) 2 natanti - classificazione per trasporto merci o passeggeri lenti o mezzi

Dettagli

Siracusa 28 Marzo 2011. Seminario di studi. Coordinamento della sicurezza nella realizzazione di opere complesse

Siracusa 28 Marzo 2011. Seminario di studi. Coordinamento della sicurezza nella realizzazione di opere complesse Siracusa 28 Marzo 2011 Seminario di studi Coordinamento della sicurezza nella realizzazione di opere complesse Presentazione dell opera: Realizzazione ed installazione del Primo Terminale GNL Off Shore

Dettagli

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia POTENZIALE INFRASTRUTTURALE DI PORTO MARGHERA 12 km di banchine attive; 163 accosti operativi; 135 km di

Dettagli

Come raggiungere la Sicilia

Come raggiungere la Sicilia Come raggiungere la Sicilia Via aereo, nave, treno o pullman? Raggiungere le favolose mete siciliane non è difficile. La terra del sole, grazie ai numerosi collegamenti, è a portata di mano. Aerei, traghetti,

Dettagli

L aggiornamento delle informazioni sui traffici portuali Il presente testo rappresenta un aggiornamento statistico e un arricchimento dei dati già

L aggiornamento delle informazioni sui traffici portuali Il presente testo rappresenta un aggiornamento statistico e un arricchimento dei dati già L aggiornamento delle informazioni sui traffici portuali Il presente testo rappresenta un aggiornamento statistico e un arricchimento dei dati già presentati nello Studio sui porti pubblicato dal DIPE

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo*

Tavoli tematici. Contributo. 2. Riferimento del contributo al tavolo tematico. Tavolo tematico sala 1 Contributo* sala 2 Contributo* VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Cognome Ente/organizzazione di appartenenza UNIVERSITA DI PALERMO Telefono E_mail

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO MODULO : CINQUE UNITA : UNO STRUTTURE PORTUALI Generalità Nomenclatura: I Porti sono spazi acquei, protetti naturalmente o artificialmente dal vento e dalle

Dettagli

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno:

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Presentazione del 2 Rapporto Annuale Italian Maritime Economy Napoli, 5 giugno 2015 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli SINTESI DELLA RICERCA UN MEDITERRANEO

Dettagli

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C.

Mediterraneo: possibili scenari futuri. Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. Mediterraneo: possibili scenari futuri Puliafito, PP. Merlino, M. Ferrari, C. L evoluzione dei traffici marittimi nell area del Mediterraneo in relazione allo scenario mondiale Genova, 6 Novembre 2009

Dettagli

CIMspa. Prof. Maurizio Comoli Presidente CIM Spa

CIMspa. Prof. Maurizio Comoli Presidente CIM Spa Prof. Maurizio Comoli Presidente CIM Spa 1. La Società 2. L evoluzione strutturale operativa 3. Il Piano Nazionale per la Logistica 4. L Atto di Indirizzo per il sistema del traffico merci e la logistica

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale

La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale La certificazione 14001 e le azioni per promuovere la sostenibilità ambientale Milano 9 Luglio 2013 Relatore Lorenzo Leone Gruppo Arcese: chi siamo Arcese Trasporti è stata fondata nel 1966. In oltre 40

Dettagli

Il Porto della Spezia

Il Porto della Spezia Il Autorità Portuale della Spezia 2010 1 Autorità Portuale della Spezia: funzioni Così come previsto dalla legge di riforma dei porti del 1994, l Autorità Portuale della Spezia svolge funzioni di indirizzo,

Dettagli

Le sinergie migliori tra il GNL ed il CNG nello sviluppo della rete italiana ed europea

Le sinergie migliori tra il GNL ed il CNG nello sviluppo della rete italiana ed europea Le sinergie migliori tra il GNL ed il CNG nello sviluppo della rete italiana ed europea Francesco Santangelo Vice President Clienti Terziario e Metano per Autotrazione Direzione Downstream Gas & Power

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

Risultati e attese sui 5 referendum per cambiare Milano. Quarto referendum: energia pulita. Renato Ravanelli Direttore Generale A2A

Risultati e attese sui 5 referendum per cambiare Milano. Quarto referendum: energia pulita. Renato Ravanelli Direttore Generale A2A Risultati e attese sui 5 referendum per cambiare Milano Quarto referendum: energia pulita Renato Ravanelli Direttore Generale A2A Milano, 11 giugno 2013 Il quarto referendum del 12-13/06/2011 Energia pulita

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Le prospettive del settore dell energia in Sardegna: quali modelli di utilizzazione, quali vettori e quali infrastrutture

Le prospettive del settore dell energia in Sardegna: quali modelli di utilizzazione, quali vettori e quali infrastrutture Le prospettive del settore dell energia in Sardegna: quali modelli di utilizzazione, quali vettori e quali infrastrutture Simona Murroni - Assessorato Industria Perché un Piano Energetico: necessità di

Dettagli

Regione Siciliana. Assessorato Turismo, Comunicazioni e Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni Ufficio della Direzione

Regione Siciliana. Assessorato Turismo, Comunicazioni e Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni Ufficio della Direzione REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Turismo, Comunicazioni e Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni Ufficio della Direzione Via Emanuele Notarbartolo 9, 90141 Palermo Tel 0039 091

Dettagli

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Intervento di Ferdinando Brachetti Peretti Amministratore Delegato gruppo api

Dettagli

Lezione 7 - A. Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale

Lezione 7 - A. Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale Lezione 7 - A Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale Caso di Studio: Azienda Portuale Analisi dei Requisiti Metodologia di Progetto Comprende la creazione di tre modelli rappresentati

Dettagli

ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010

ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 METANO LIQUIDO: DALL OTTENIMENTO DELLE AUTORIZZAZIONI ALL APPROVVIGIONAMENTO DEL PRODOTTO ---- Problematiche e procedure per l approvazione, costruzione e il rifornimento

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Logistica esterna - intermodalità PREMESSA SISTEMA DEI TRASPORTI Costituisce un organizzazione tecnico

Dettagli

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020 La cooperazione al cuore del Mediterraneo Carta d identità Chi? 5 regioni di Francia e Italia: PACA, Corsica, Liguria, Toscana,

Dettagli

DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012)

DDL Legge annuale per il mercato e la concorrenza (A.C. 3012) FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA ASSOGASLIQUIDI Associazione Nazionale imprese gas liquefatti La norma DDL "Legge annuale per il mercato e la concorrenza" (A.C. 3012) Articolo 22 - Disposizioni riguardanti la

Dettagli

NAVIGAZIONE. Piano di Produzione 2008 2009. Linee di tendenza 2010-2011

NAVIGAZIONE. Piano di Produzione 2008 2009. Linee di tendenza 2010-2011 NAVIGAZIONE Piano di Produzione 2008 2009 Linee di tendenza 2010-2011 Roma, 16/17 settembre 2008 Indice Navi in esercizio Produzione Mezzi Veloci Produzione navi bidirezionali per gommato Obiettivi di

Dettagli

Gas e infrastrutture: scenari e prospettive

Gas e infrastrutture: scenari e prospettive Gas e infrastrutture: scenari e prospettive Alessandro Blasi Valeria Boi Francisco Goncalves Matteo Magaldi Francesca Zucchini Abstract : Fino ad ora il fabbisogno energetico mondiale è stato soddisfatto

Dettagli

Servizi di traghettamento sullo Stretto di Messina. Informativa per le OOSS nazionali. Roma, 2 febbraio 2015

Servizi di traghettamento sullo Stretto di Messina. Informativa per le OOSS nazionali. Roma, 2 febbraio 2015 Servizi di traghettamento sullo Stretto di Messina Informativa per le OOSS nazionali Roma, 2 febbraio 2015 Servizi su Stretto di Messina fino al 31 dicembre 2014 Servizio di traghettamento di treni passeggeri

Dettagli

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007 Prefattibilità dell Aeroporto di Latina Latina, 28/02/2007 Attività svolte 1. Definizione dello scenario di riferimento 2. Identificazione dei fattori di successo dell aeroportualità minore a livello europeo

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli