COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSTRUZIONI E IMPIANTI PER L AGRICOLTURA"

Transcript

1 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Dati caratteristici del ciclo riproduttivo delle pecore durata ciclo estrale: 17 gg durata gravidanza: 150 gg Prima fecondazione: età 5-7 mesi (peso kg) numero parti / anno: 1,5 (3 parti in due anni) numero agnelli / anno: 1-3 peso agnello alla nascita: 3,5 4,5 kg

2 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Forme di allevamento: Brado Semibrado interamente confinato Allevamento estensivo ( capi) Allevamento intensivo

3 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari

4 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Fonte: De Montis

5 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari temperature ottimali per i capi giovani: agnelli 0-2 sett. : C (Tc,inf=17 C; Tc,sup= 25 C) agnelli 3-4 sett.: C (Tc, inf= 13 C; Tc,sup= 25 C) anche per i capi adulti la temperatura non dovrebbe superare i 25 C. Per i capi adulti la Tc,inf è di circa 6 C. La velocità dell aria dovrebbe essere inferiore a 1m/s (estate) e a 0,5m/s (inverno)

6 Allevamenti da latte Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari INDIVIDUAZIONE AREE FUNZIONALI Zona di riposo Zona di alimentazione Corsia di foraggiamento Recinto di esercizio Sala di mungitura con area di attesa Sala del latte box parto e recinti di isolamento sanitario Locali tecnici (caseificio aziendale)

7 Allevamenti da latte Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari INDIVIDUAZIONE AREE FUNZIONALI Per allevamenti fino a capi si può avere un solo edificio differenziato nei diversi reparti funzionali. Per allevamenti intensivi di maggiori dimensioni del gregge si hanno diverse unità edilizie specializzate

8 Allevamenti da latte Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari INDIVIDUAZIONE AREE FUNZIONALI Zona di riposo organizzata in recinti multipli: con lettiera permanente con pavimentazione fessurata occorre definire: il numer max di animali per recinto; la superficie da destinare a ciascun capo; la geometria del recinto

9 Allevamenti da latte Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari INDIVIDUAZIONE AREE FUNZIONALI Zona di riposo numero max animali per recinto: non superiore a capi (opportunità di un numero che sia multiplo del numero di postazioni di mungitura presenti in sala) superficie min./ capo: dipende dall età dalla fase produttiva dal tipo di pavimentazione adottato (vedi tabelle) dal sistema di allevamento (estensivo/intensivo) per pecore adulte si considera mediamente 1 mq / capo (lettiera) o 0,8 mq capo (fessurato).

10 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari dimensionamento zona di riposo Fonte: Chiumenti

11 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari STALLE Allevamenti da latte Zona di riposo Superficie di decubito criteri di scelta: costo igienizzabilità scivolosità caratteristiche termofisiche Lettiera permanente: Superficie più confortevole per gli animali Maggiori costi e oneri di gestione Maggiore superficie/capo Superficie grigliata o fessurata: materiali impiegati: legno acciaio materiali plastici calcestruzzo

12 Allevamenti da latte Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari INDIVIDUAZIONE AREE FUNZIONALI Alimentazione spesso non distinguibile dalla zona di riposo; si raccomanda di evitare la pavimentazione fessurata (problemi gestionali) opportunità di una zona di alimentazione sopraelevata (da 0.2 a 0,4 m) in caso di impiego di lettiera permanente occorre definire: tipo di mangiatoia fronte di mangiatoia/capo

13 Allevamenti da latte Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari INDIVIDUAZIONE AREE FUNZIONALI Alimentazione mangiatoie per foraggi e insilati impiego di mangiatoie diverse o con diversi settori, corrispondenti ai diversi tipi di alimento: foraggio verde fieno insilati

14 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Allevamenti da latte Alimentazione mangiatoie per foraggi e insilati

15 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari fronte di mangiatoia Allevamenti da latte Alimentazione Fonte: Chiumenti mangiatoie per foraggi e insilati

16 Allevamenti da latte Alimentazione Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Distribuzione automatizzata con nastro trasportatore larghezza: 1m fonte: Delaval

17 Allevamenti da latte Alimentazione Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Corsia di foraggiamento La larghezza dipende dalle modalità di distribuzione degli alimenti: trattrice a rimorchio: l = 3m distribuzione manuale con carrello: l = 1,5 2 m distribuzione automatica con nastro trasportatore: l = 1 m

18 Allevamenti da latte Area di esercizio Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Presente solo quando l allevamento sia interamente confinato e non sia previsto pascolamento giornaliero Caratteristiche: superficie minima: 2m 2 /capo altezza della recinzione: 1m in diretto collegamento con l area di riposo

19 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Allevamenti da latte Box parto Box riproduttori Opportunità di utilizzare box parto: riduzione mortalità degli agnellini; gli agnellini vi rimangono almeno due giorni per l allattamento dalla madre, ai fini dell assunzione del colostro. Dimensionamento box singoli: sup/capo = 2 m 2 numero dei box parto = 10% delle pecore in produzione Box riproduttori: superficie: 2-2,5m 2 + 3,5 m 2 di paddock esterno

20 Allevamenti da latte Agnelli in svezzamento Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Stabulazione in box singoli o multipli: superficie/capo = 0,3 0,4 m 2 Periodo di permanenza: 1 mese alimentazione: a base lattea (10gg) latte, concentrati e fieno (fino alla 5a-6a settimana) Modalità di stabulazione: box singoli o multipli con lettiera abbondante (pendenza 3-4%) Modalità di alimentazione: Carrelli con secchi e canalette mangiatoia Allattatrice automatica on tettarelle

21 Mungitura Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Dati base: tempo di emissione del latte: 1 1,5 minuti non occorre lavaggio della mammella non occorre massaggio preliminare necessità di attuare il ripasso meccanico: massaggio manuale con gruppo di mungitura attaccato (recupero latte di circa il 20%) necessità di operare la sgocciolatura del capezzolo dopo il distacco del gruppo mungitore si può operare con una o due mungiture al giorno

22 Mungitura Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari La mungitura può essere effettuata: in stalla in sala apposita all aperto (anche con sale mobili) Modalità operative: con impianto a carrello con impianto a secchio con impianto a lattodotto Macchina mungitrice: analoga a quella impiegata per i bovini, ma con due tettarelle soltanto, di forma diversa

23 Mungitura Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari impianto a carrello gruppo del vuoto alimentato da motore a scoppio (0,5 1 kw) vasi misuratori del latte 2-4 gruppi mungitori un operaio può mungere da 50 a 100 capi

24 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Mungitura Delaval: mungitrice meccanica a carrello

25 Mungitura Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari impianto a secchio gruppi prendi-capezzoli vaso del latte può essere impiegato in stalla o in sala capacità di lavoro dell operatore: 50 capi/ora adatto per piccoli allevamenti, con meno di 150 capi

26 Mungitura Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari impianto a lattodotto caratteristico delle sale di mungitura componenti: tubazione del vuoto tubazione del latte: preferenza per la linea bassa impianto trasferibile su monorotaia gruppo del vuoto fisso con sistema mobile costituito da: tubazione flessibile del vuoto tubazione del latte tubazione dell acqua di lavaggio 4-6 gruppi mungitori bidone raccolta latte

27 Mungitura Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari sale di mungitura: predisposizione fossa del mungitore disposizioni a pettine sale rotative con rastrelliera fissa o mobile con movimentazione laterale o frontale

28 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Mungitura postazioni di mungitura con uscita frontale fonte: gruppo zeta

29 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Mungitura

30 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Mungitura

31 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie e alimentari Mungitura fonte:boschetti

32 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Mungitura al pascolo in impianti mobili Fonte: Chiumenti

33 Sale di mungitura esempio di routine di mungitura in sala a pettine con rastrelliere mobili a Fonte: Chiumenti

34 Sale di mungitura b Fonte: Chiumenti

35 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Mungitura Fonte: Chiumenti

36 Mungitura Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Delaval: sala di mungitura a rastrelliera mobile 12 poste Delaval: sala di mungitura a rastrelliera mobile poste linea bassa

37 Mungitura Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Delaval: sala di mungitura a rastrelliera mobile 12 poste dettaglio della rastrelliera mobile Delaval: dettaglio gruppi mungitori e linea del latte

38 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Mungitura fonte:boschetti

39 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Mungitura fonte:boschetti

40 Agnelli all ingrasso Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie durata della fase di ingrasso: dal 30 giorno (peso kg) fino al raggiungimento del peso finale (28-30 kg) tempo di permanenza: circa 90 gg stabulazione in box multipli sup/capo: 0,4-0,5 m 2 (grigliato); 0,5-0,6 (lettiera perm.) numerosità dei gruppi per box: capi fronte di mangiatoia: 0,25 m/capo

41 Tosatura Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari La tosatura viene svolta una volta l anno Le attrezzature necessarie sono: recinti di raccolta e di attesa del gregge (0,4 0,5 m 2 /capo) corridoi di convogliamento vasche per il bagno ad immersione e spruzzo per la disinfezione e disinfestazione dei velli recinti di tosatura con tettoie per proteggere gli operatori locale chiuso per il deposito dei velli

42 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie Esempi Planimetrie Fonte: Chiumenti

43 Esempi Planimetrie allevamento estensivo di 330 capi con box a lettiera permanente e pavimento fessurato fonte:boschetti

44 Esempi Planimetrie allevamento estensivo di 480 capi con box a lettiera permanente e pavimento fessurato fonte:boschetti

45 Esempi Planimetrie allevamento intensivo di 175 e 350 capi fonte:boschetti

46 Esempi Planimetrie allevamento intensivo di 300 pecore con box su lettiera permanente fonte:boschetti

47 Esempi Planimetrie Modulo di allevamento intensivo per 212 capi e aggregazione per 848 capi fonte:boschetti

48 Esempi Planimetrie Modulo di allevamento intensivo per 448 capi e aggregazione per 896 capi fonte:boschetti

49 Esempi Planimetrie Modulo di allevamento intensivo per 794 capi e aggregazione per 1408 capi fonte:boschetti

50 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie Agrarie Sistemi modulari fonte: De Montis

51 Facoltà di Agraria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, CdLs in Scienze e Tecnologie agrarie e alimentari Sistemi modulari fonte: De Montis

52 Sistemi modulari fonte: De Montis

Mungitura, tipol di impianto a conf

Mungitura, tipol di impianto a conf DOSSIER MECCANIZZAZIONE Mungitura, tipol di impianto a conf La meccanizzazione della stalla non può più fare a meno di un adeguato sistema per mungere le vacche. L importante è saper scegliere la soluzione

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa

Fabbricati rurali. 18.1 Ricoveri per bovini. Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati. 18.1.1 Bovini da latte. Stabulazione fissa 18 Fabbricati rurali Ricoveri per bovini Ricoveri per suini Altri fabbricati 18.1 Ricoveri per bovini 18.1.1 Bovini da latte Stabulazione fissa Nella stabulazione fissa gli animali sono legati alla mangiatoia.

Dettagli

Presentazione del gruppo: Le aziende dove abbiamo svolto lo stage sono diverse tra loro e anche le attrezzature e le strutture.

Presentazione del gruppo: Le aziende dove abbiamo svolto lo stage sono diverse tra loro e anche le attrezzature e le strutture. Presentazione del gruppo: Le aziende dove abbiamo svolto lo stage sono diverse tra loro e anche le attrezzature e le strutture. Una parte in provincia di Belluno e altre fuori provincia. ci sono diversi

Dettagli

SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione

SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione SCHEDA TECNICA N. 1 relativa al progetto di Porcilaia di gestazione Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Porcilaia per la fase di

Dettagli

Pavimentazioni delle stalle

Pavimentazioni delle stalle STALLE A CUCCETTA PER VACCHE DA LATTE Istituto Tecnico Agrario Zanelli Reggio Emilia, 30 maggio 2007 Pavimentazioni delle stalle Dott. Agr. Paolo Ferrari Ufficio Edilizia I pavimenti devono fornire un

Dettagli

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte

Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte In collaborazione con: Strutture e impianti per la difesa dal caldo negli allevamenti di bovini da latte Gabriele Mattachini, Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) Università

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PER L UTILIZZO DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA A chi deve essere inviata la comunicazione 1. La comunicazione deve essere inviata: a) al Comune

Dettagli

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07).

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). 1. Generalità 1.1 Premessa L operatore che intende allevare

Dettagli

Prof. Matteo Barbari Direttore Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale Università degli Studi di Firenze

Prof. Matteo Barbari Direttore Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale Università degli Studi di Firenze Prof. Matteo Barbari Direttore Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale Università degli Studi di Firenze BENESSERE DEI BOVINI Sistema di valutazione e sostegno della Regione Emilia Romagna Reggio

Dettagli

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO Per lo stato di salute dell animale Esame generale Auscultazione cuore e intestino Controllando: Esami del sangue Temperatura e peso Bocca

Dettagli

PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015

PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015 PROGETTO NITRANT 2014 VISITA TECNICA ALL AZIENDA AGRICOLA BENNATI SAN CANZIAN D ISONZO (GO) 19 NOVEMBRE 2015 FOCUS: LA DIGESTIONE ANAEROBICA A SECCO Pubblicazione realizzata da Veneto Agricoltura, Settore

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

Per la gestione dei reflui nelle stalle

Per la gestione dei reflui nelle stalle PECIALE VALUTAZIONE U DIVERE TIPOLOGIE DI TALLA Quanto costa ogni anno la gestione delle deiezioni Il costo totale annuo di esercizio per la gestione dei reflui oscilla tra. euro della stalla a cuccette

Dettagli

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

STRUTTURE DI ALLEVAMENTO

STRUTTURE DI ALLEVAMENTO STRUTTURE DI ALLEVAMENTO Sistemi zootecnici Le stalle per bovini Prof. ntonio Zullo 2.2. Le stalle per bovini Le strutture di allevamento dei bovini presentano caratteristiche diversificate in funzione

Dettagli

SCHEDA TECNICO-ECONOMICA. Calcolo della produttività del lavoro e del costo unitario di mungitura in 4 casi studio

SCHEDA TECNICO-ECONOMICA. Calcolo della produttività del lavoro e del costo unitario di mungitura in 4 casi studio SCHEDA TECNICO-ECONOMICA Calcolo della produttività del lavoro e del costo unitario di mungitura in casi studio Di seguito vengono riportati la produttività del lavoro e il costo unitario di mungitura

Dettagli

Libertà di scelta. Sistema di mungitura volontaria VMS DeLaval. La soluzione giusta per te... ogni giorno

Libertà di scelta. Sistema di mungitura volontaria VMS DeLaval. La soluzione giusta per te... ogni giorno Libertà di scelta Sistema di mungitura volontaria VMS DeLaval La soluzione giusta per te... ogni giorno Scegli il miglior livello di automazione per il tuo lavoro Sistema di mungitura volontaria VMS DeLaval

Dettagli

Progetto di impianto per la distribuzione automatica di fieno e mangime concentrato alle vacche da latte

Progetto di impianto per la distribuzione automatica di fieno e mangime concentrato alle vacche da latte Progetto di impianto per la distribuzione automatica di fieno e mangime concentrato alle vacche da latte Settori Edilizia e Meccanica del CRPA spa Introduzione L'automazione completa delle operazioni di

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CARNI BOVINE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI Art. 1 Il presente Disciplinare ha lo scopo di offrire maggiori garanzie sull origine e la provenienza dei bovini da carne, sulle

Dettagli

L allevamento del suino all aperto

L allevamento del suino all aperto L allevamento del suino all aperto Tecniche di allevamento CERATI CARLO 28 giugno 06 Perché scegliere l allevamento all aperto Emanazione di norme sempre più restrittive sul benessere animale e la gestione

Dettagli

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia Università della Tuscia Dip. di Produzioni Animali Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne Amici Andrea Amici Consumi di carne in Italia Riduzione

Dettagli

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte.

Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Ottimizza i costi di alimentazione e migliora la produzione di latte. Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40 e FSC400 La soluzione giusta per te...... ogni giorno Stazioni di alimentazione DeLaval FSC40

Dettagli

L innovazione tecnologica in suinicoltura. Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona. Paolo Rossi. Workshop

L innovazione tecnologica in suinicoltura. Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona. Paolo Rossi. Workshop L innovazione tecnologica in Workshop Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona Venerdì 30 ottobre 2015 Ore 15:45 Paolo Rossi C.R.P.A. S.p.A. di Reggio Emilia Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali e impostazione prove Alessandro Gastaldo, CRPA - Reggio

Dettagli

ALBERI CARDANICI E PRESE DI POTENZA

ALBERI CARDANICI E PRESE DI POTENZA ALBERI CARDANICI E PRESE DI POTENZA L'albero cardanico deve essere dotato di Gli alberi devono essere sottoposti a 1 protezione, che superi di 5cm le crociere regolare manutenzione La parte che rimane

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N.

REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 Allegato 3 Misura 215 del PSR Regione Lazio Schede

Dettagli

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Codeluppi dottor Mauro Incontri tecnico scientifici con i Produttori Gioia del Colle, 20 Giugno

Dettagli

ALLEGATO 1 A Manuale per il controllo della Paratubercolosi negli allevamenti di bovine da latte

ALLEGATO 1 A Manuale per il controllo della Paratubercolosi negli allevamenti di bovine da latte ALLEGATO 1 A Manuale per il controllo della Paratubercolosi negli allevamenti di bovine da latte Abbreviazioni Map: Mycobacterium avium subsp. paratuberculosis PGS: Piano di gestione sanitaria Obiettivo

Dettagli

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani

Le innovazioni di oggi per l azienda da latte del domani Convegno Fieragricola, Verona Innovazione e tecnologia: così sarà l azienda da latte nel 2030 I risultati del progetto Innova Latte giovedì 2 febbraio 2012, ore 15 - Sala Puccini di oggi per l azienda

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N.

REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 Allegato 7 Misura 215 del PSR Regione Lazio Schede

Dettagli

Macomer, 12 Ottobre 2009 - Unione dei Comuni Marghine. P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A.

Macomer, 12 Ottobre 2009 - Unione dei Comuni Marghine. P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A. Macomer, 12 Ottobre 2009 - Unione dei Comuni Marghine P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A. Abbiamo sempre convissuto con i bovini Stabulazione fissa; Stabulazione libera. Gli animali sono curati

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Indagine di mercato sui pavimenti in gomma nella stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Già da alcuni anni, allevatori, tecnici, veterinari e ricercatori

Dettagli

Città di Fiumicino (Provincia di Roma

Città di Fiumicino (Provincia di Roma COMUNICAZIONE SEMPLIFICATA 1 per aziende con produzione/utilizzazione al campo di azoto da effluenti di allevamento compresa tra 3.001 e 6.000 Kg/anno e per le aziende di cui al D. Lgs. n. 152/2006, art.

Dettagli

4.3) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali dei impianti utilizzati per la produzione di calcestruzzo.

4.3) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali dei impianti utilizzati per la produzione di calcestruzzo. 4.3) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali dei impianti utilizzati per la produzione di calcestruzzo. 1) FASI LAVORATIVE Gli impianti per la produzione di calcestruzzo sono autorizzati allo svolgimento

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali

Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali Ordinanza del DFE concernente i sistemi di stabulazione particolarmente rispettosi degli animali (Ordinanza SSRA) Modifica del 15 dicembre 2004 Il Dipartimento federale dell economia ordina: I L ordinanza

Dettagli

Agroenergie Bergamasche s.c.a.

Agroenergie Bergamasche s.c.a. Agroenergie Bergamasche s.c.a. Come adeguarsi alla Normativa Nitrati producendo reddito. Dott. Agronomo Emanuele Cattaneo Decreto Interministeriale del 07 aprile 2006. Delibera della Giunta Regionale del

Dettagli

CONCERTO. with people in mind

CONCERTO. with people in mind CONCERTO Barella doccia with people in mind Concerto 3 DOCCIA CON ASSISTENZA CON ECCEZIONALE CURA Un numero sempre maggiore di strutture di cura stanno scegliendo la doccia per le routine igieniche personali

Dettagli

La macchina mungitrice

La macchina mungitrice Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie La macchina mungitrice Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari Impianto di mungitura a lattodotto conduttura princ. aria

Dettagli

Il Leprino di Viterbo, una razza cunicola selezionata per l allevamento alternativo

Il Leprino di Viterbo, una razza cunicola selezionata per l allevamento alternativo Il Leprino di Viterbo, una razza cunicola selezionata per l allevamento alternativo Alessandro FINZI 1 Giorgio MARIANI 1 Pedro GONZÁLEZ-REDONDO 2 1 Centro Allevamenti Cunicoli Alternativi. Consorzio «Coniglio

Dettagli

Questionario per la descrizione zoo-economica degli allevamenti zootecnici

Questionario per la descrizione zoo-economica degli allevamenti zootecnici CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE DELLE PRODUZIONI ANIMALI Tirocinio pratico-applicativo Questionario per la descrizione zoo-economica degli allevamenti zootecnici Il laureato in Scienze e Tecnologie

Dettagli

I sistemi di valutazione a indice aziendale

I sistemi di valutazione a indice aziendale BENEERE ANIMALE METODO IBA, INDICE DI BENEERE DELL ALLEVAMENTO Misurare il benessere aiuta gestione e produzione Determinare il benessere in stalla mediante un sistema di valutazione consente di rilevare

Dettagli

Mangiatoie differenziate a seconda delle loro funzioni

Mangiatoie differenziate a seconda delle loro funzioni Mangiatoie differenziate a seconda delle loro funzioni Le modalità di distribuzione del nutrimento influenzano in modo decisivo performance e salute degli animali. Paolo Rossi, del Crpa, illustra un ampio

Dettagli

SISTEMI E TECNOLOGIE DI SICUREZZA PER LA MOVIMENTAZIONE, IL CONTENIMENTO E IL TRATTAMENTO DEI BOVINI

SISTEMI E TECNOLOGIE DI SICUREZZA PER LA MOVIMENTAZIONE, IL CONTENIMENTO E IL TRATTAMENTO DEI BOVINI SISTEMI E TECNOLOGIE DI SICUREZZA PER LA MOVIMENTAZIONE, IL CONTENIMENTO E IL TRATTAMENTO DEI BOVINI Gli allevatori non hanno alcun interesse a maltrattare il proprio bestiame perché ciò provoca stress

Dettagli

Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici

Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici Servizio per le attività veterinarie Attività di commercio e di allevamento di animali da compagnia convenzionali (cani, gatti, furetti ) e di animali esotici Presentazione e riferimenti normativi: Per

Dettagli

01 Az. Agr. Le Albare di Maggiolo Matteo 02 Az. Agr. Sulky s.r.l. 03 Marin Felice e Luigino 04 Az. Agr. Bucera s.s. 05a Bovino Carlo 05b Bovino

01 Az. Agr. Le Albare di Maggiolo Matteo 02 Az. Agr. Sulky s.r.l. 03 Marin Felice e Luigino 04 Az. Agr. Bucera s.s. 05a Bovino Carlo 05b Bovino ELENCO ALLEVAMENTI ZOOTECNICI SCHEDATI 01 Az. Agr. Le Albare di Maggiolo Matteo 02 Az. Agr. Sulky s.r.l. 03 Marin Felice e Luigino 04 Az. Agr. Bucera s.s. 05a Bovino Carlo 05b Bovino Giorgio 06 Brolese

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE

CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE DATA / / Operatori. Tempistica. COD / / ASL PROPRIETARIO DETENTORE. Indirizzo.. Tipologia allevamento: vendita vitelli ingrasso vitelli N capi

Dettagli

SINTESI NON TECNICA. A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE

SINTESI NON TECNICA. A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE SINTESI NON TECNICA A.I.A. SOC. AGR. PICCOLO FONDO arl UBICATA NEL COMUNE DI CONCAMARISE DESCRIZIONE INTERVENTO L allevamento è ubicato nel comune di Concamarise via Fondo 16. I capannoni insistono sui

Dettagli

ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO

ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO ANALISI SULLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALLEVAMENTO BOVINO Quanto costa costruire le diverse tipologie di stalla I costi di costruzione delle stalle variano da circa 2.000 euro/capo per i bovini da ingrasso

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2015/16

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2015/16 PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2015/16 GENIO RURALE Agraria, Agroalimentare e Agroindustria Articolazioni: Produzioni e trasformazioni Gestione dell ambiente e del territorio A072 DOCENTI: Altamura

Dettagli

Embrio transfer per una fertilità migliore

Embrio transfer per una fertilità migliore TECNICA Embrio transfer per una fertilità migliore Le bovine moderne, a causa delle grandi quantità di latte prodotte, sono molto sensibili alle temperature elevate, che inducono un innalzamento di quella

Dettagli

! "#$%&%! '' ' * +,-..' ( & '" "( $' ( '' '' ' " # 5 +9023,*?& # >

! #$%&%! '' ' * +,-..' ( & ' ( $' ( '' '' '  # 5 +9023,*?& # > ! $%%! ) * +,- /01 * +-23, $ +*, * 6 07)18/+923,+ -318/, :3 ;$ 033)3 --) 18/$)2018/=> +9023,*? >? ):3+$,2:3+, - ;$ -3+=,073 +$,? 2 @ +, A-3 B @ +, +,>? C6!% 8 B! 3 0 A3 6 +073, D 23 E FEF+G, FF B! 6*6$

Dettagli

Trasportatori a nastro

Trasportatori a nastro Trasportatori a nastro Realizzano un trasporto di tipo continuo, in orizzontale o in pendenza, di materiali alla rinfusa e di carichi concentrati leggeri. incastellatura di sostegno Trasporti interni 1

Dettagli

PREMESSE IL DISTRIBUTORE DI LATTE CRUDO

PREMESSE IL DISTRIBUTORE DI LATTE CRUDO PREMESSE IL DISTRIBUTORE DI LATTE CRUDO CHI LO PUO INSTALLARE?: Tutte le aziende di allevamento produttrici di latte alimentare sono autorizzate dalla direttiva CEE ( Art. 2,4 Dir Cee 92/46 convertita

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI

SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE P.zza Europa 10 45100 ROVIGO SCHEDA INFORMATIVA PER INSEDIAMENTI ZOOTECNICI NOTIFICA INIZIO ATTIVITA (ART.48 D.P.R. 303/56) NUOVA COSTRUZIONE CONCESSIONE EDILIZIA PER: AMPLIAMENTO

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine Descrizione Generale del Sito L allevamento è situato in zona a destinazione agricola (vedere classificazione

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-2020

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-2020 REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-2020 METODOLOGIA PER IL CALCOLO DEGLI AIUTI CONCESSI SULLA BASE DI IPOTESI STANDARD

Dettagli

Logipack. logiche del confezionamento. Logipack 1

Logipack. logiche del confezionamento. Logipack 1 Logipack logiche del confezionamento Logipack 1 Logi 800MR Dati tecnici Alim. elettrica 380V-50Hz trifase Assorbimento 6 KW Alim. pneumatica 6 bar Consumo aria 18 L/ciclo Peso 660 Kg Dimensione campana

Dettagli

Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla

Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla Dipartimento di Scienze Animali, sezione di Zootecnica Agraria Fattori gestionali e ambientali che influiscono sulla qualità igienica del latte alla stalla Bava Luciana, Sandrucci Anna, Tamburini Alberto,

Dettagli

Libertà di scelta. Sistema di Mungitura Volontaria VMS DeLaval. La soluzione giusta per te... ogni giorno

Libertà di scelta. Sistema di Mungitura Volontaria VMS DeLaval. La soluzione giusta per te... ogni giorno Libertà di scelta Sistema di Mungitura Volontaria VMS DeLaval La soluzione giusta per te... ogni giorno Libertà di scelta. Sistema di mungitura volontaria VMS DeLaval Nessun compromesso sull igiene La

Dettagli

1-B.2.1 La sicurezza nell allevamento bovino da latte

1-B.2.1 La sicurezza nell allevamento bovino da latte 1-B.2.1 La sicurezza nell allevamento bovino da latte 1. Generalità Scopo principale di questo tipo di allevamento è la produzione di latte, ma si producono anche vitelle generalmente destinate alla rimonta

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h

Somministrazione tempestiva del colostro entro le prime ore di vita e per una durata di 18-36 h Cure neonatali Ripulitura dal liquido amniotico testa rivolta verso il basso (agnelli e capretti - vitelli?) Asciugatura predisposizione lettiera paglia asciutta Disinfezione cordone ombelicale prodotti

Dettagli

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole

Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende agricole SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA PSR 2014-2020 Misura 4.1 Sostegno ad investimenti nelle aziende Responsabile regionale Dott. Andrea Scarponi Tel. 0733 2932288-071 8063649 mail: andrea.scarponi@regione.marche.it

Dettagli

COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO

COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO Cod. Mod. PAMRF22C.rtf 06/2003 COMUNICAZIONE PREVENTIVA DELL' ATTIVITA DI SPARGIMENTO DEI LIQUAMI ZOOTECNICI SU SUOLO AGRICOLO Art. 5 comma 3 e 5 Allegato D del P.R.R.A, modificato con D.G.R. n. 3733/92

Dettagli

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma COLLABORAZIONE SATA ANALISI DEI COSTI E DEI VANTAGGI ECONOMICI E PRODUTTIVI Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma di Alessandro Gastaldo, Marzia Borciani, Marisanna Speroni Le malattie podali

Dettagli

La pulizia della stalla, punti critici e igiene del latte

La pulizia della stalla, punti critici e igiene del latte La pulizia della stalla, punti critici e igiene del latte Maddalena Zucali, Luciana Bava, Alberto Tamburini, Laura Vanoni, Lucio Zanini Ottenere un latte con una buona qualità igienica è un requisito essenziale

Dettagli

Esse vengono definite "mezzi mobili" e possono essere raggruppate in due grandi categorie: trasportatori continui e trasportatori discontinui.

Esse vengono definite mezzi mobili e possono essere raggruppate in due grandi categorie: trasportatori continui e trasportatori discontinui. Mezzi di handling Tra le attrezzature che operano nel magazzino sono particolarmente importanti i mezzi che seguono il materiale (per lo meno con una parte) durante i suoi movimenti. Esse vengono definite

Dettagli

La mungitura resta, comunque, un operazione

La mungitura resta, comunque, un operazione PER RIDURRE I COSTI E MIGLIORARE LE CONDIZIONI DI LAVORO La sala di mungitura può essere robotizzata L impiego di bracci robotizzati a servizio di poste multiple permetterebbe interessanti applicazioni

Dettagli

DeLaval Optimat II Risparmia il tuo tempo e riduci i costi

DeLaval Optimat II Risparmia il tuo tempo e riduci i costi Risparmia il tuo tempo e riduci i costi Alimento sempre fresco Mangiatoia invitante Risparmio di energia lavoro e costi veterinari Longevità della mandria Alta produttività ph stabile Riduzione del tempo

Dettagli

Strategie di gestione per l adattamento al pascolo di manze marchigiane

Strategie di gestione per l adattamento al pascolo di manze marchigiane Strategie di gestione per l adattamento al pascolo di manze marchigiane D Ottavio P. 1, Trombetta M. F. 2, Trobbiani P. 1, Santilocchi R. 1 Dipartimenti 1 SAPROV e 2 SAIFET Facoltà di Agraria - Università

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA relativa alla realizzazione di un allevamento suinicolo stabulato, a ciclo chiuso, per l ingrasso dei suini nati da 100 scrofe. Giommetti Luca Committenza: Soc.tà Giommetti

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEI RISULTATI. Classi di Priorità. Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero. Classi di punteggio

QUADRO SINOTTICO DEI RISULTATI. Classi di Priorità. Attività produttive Popolazione sensibile Tempo libero. Classi di punteggio Appendice QUADRO SINOTTICO DEI RISULTATI Nel presente quadro sinottico sono riportate nelle tabelle le principali informazioni raccolte dalle schede dei siti mappati, utilizzate per il calcolo di punteggi

Dettagli

Igiene delle aziende ovine e caprine Refrigerazione del latte alla stalla

Igiene delle aziende ovine e caprine Refrigerazione del latte alla stalla Miglioramento del benessere degli animali Annualità 2010 Igiene delle aziende ovine e caprine Refrigerazione del latte alla stalla Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Produzioni Zootecniche

Dettagli

6.3 GESTIONE DELL ALIMENTAZIONE I principali aspetti di interesse dal punto di vista della sicurezza relativi all alimentazione dell animale sono da

6.3 GESTIONE DELL ALIMENTAZIONE I principali aspetti di interesse dal punto di vista della sicurezza relativi all alimentazione dell animale sono da 6.3 GESTIONE DELL ALIMENTAZIONE I principali aspetti di interesse dal punto di vista della sicurezza relativi all alimentazione dell animale sono da riferirsi essenzialmente alle fasi di: stoccaggio e

Dettagli

REQUISITI STRUTTURALI PER I CANILI CHE EFFETTUANO SERVIZIO DI RICOVERO E CUSTODIA DI CANI PER CONTO DEI COMUNI

REQUISITI STRUTTURALI PER I CANILI CHE EFFETTUANO SERVIZIO DI RICOVERO E CUSTODIA DI CANI PER CONTO DEI COMUNI Documento approvato dal Comitato per la tutela degli Animali d Affezione della Provincia di Bologna il 10 novembre 2009 REQUISITI STRUTTURALI PER I CANILI CHE EFFETTUANO SERVIZIO DI RICOVERO E CUSTODIA

Dettagli

VALUTAZIONI IGIENICO- SANITARIE SULL UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEI LIQUAMI ZOOTECNICI FERTIRRIGAZIONE = GESTIONE LIQUAMI ZOOTECNICI

VALUTAZIONI IGIENICO- SANITARIE SULL UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEI LIQUAMI ZOOTECNICI FERTIRRIGAZIONE = GESTIONE LIQUAMI ZOOTECNICI VALUTAZIONI IGIENICO- SANITARIE SULL UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEI LIQUAMI ZOOTECNICI FERTIRRIGAZIONE = GESTIONE LIQUAMI ZOOTECNICI L OBIETTIVO DELLE AZIENDE ZOOTECNICHE DOVRA ESSERE GESTIRE E NON SMALTIRE

Dettagli

La qualità microbiologica del latte in funzione dell efficacia del lavaggio dell impianto di mungitura

La qualità microbiologica del latte in funzione dell efficacia del lavaggio dell impianto di mungitura La qualità microbiologica del latte in funzione dell efficacia del lavaggio dell impianto di mungitura L. Bava, M. Zucali, A. Tamburini, P. Roveda, M. Brasca, L. Vanoni, L. Zanini Luciana Bava, Maddalena

Dettagli

CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie)

CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie) CANILI PRIVATI E PENSIONI PER CANI (Tipologia dei locali e condizioni minime obbligatorie) A. REPARTO RICOVERO CANI B. REPARTO ISOLAMENTO (PER CANI AMMALATI O SOSPETTI O DI NUOVA INTRODUZIONE) C. AREA

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI

INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI INDICAZIONI PRATICHE SU CARATTERISTICHE STRUTTURALI E DIMENSIONALI La cuccetta ideale per le bovine Il benessere delle vacche dipende anche dall appropriata dimensione delle cuccette e dei battifianchi.

Dettagli

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com

dg precisionfeeding per ulteriori dettagli visita: www.dinamicagenerale.com IL SISTEMA è un sistema innovativo che consente all allevatore di distribuire una razione equilibrata ai propri animali, come programmata dal nutrizionista, grazie all analisi degli ingredienti utilizzati

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Ing. Pier Francesco Orrù Definizione Con il termine trasporti interni

Dettagli

~ 2 ~ 2. DESCRIZIONE DELLA MISURA 3. LOCALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI.

~ 2 ~ 2. DESCRIZIONE DELLA MISURA 3. LOCALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI. 1. PREMESSA I pagamenti per il benessere degli animali di allevamento sono concessi per incoraggiare gli agricoltori ad adottare elevati standard sulle condizioni di vita per i propri capi allevati andando

Dettagli

I vantaggi del RIEMPIMENTO IN CARTA:

I vantaggi del RIEMPIMENTO IN CARTA: I vantaggi del RIEMPIMENTO IN CARTA: Ü PROTETTIVO: il riempimento in carta offre un eccellente protezione dagli shock e può essere utilizzato per tutti i prodotti, dai più leggeri ai più pesanti. Ü AFFIDABILE:

Dettagli

Impianti ed accessori per la moderna zootecnia

Impianti ed accessori per la moderna zootecnia Settore Zootecnia Impianti ed accessori per la moderna zootecnia Specialisti dal 1955 Progetti su misura Pianificazione Grande esperienza La OMV è un azienda all avanguardia, specializzata nell offrire

Dettagli

IL PROGETTO ITALIALLEVA

IL PROGETTO ITALIALLEVA IL PROGETTO ITALIALLEVA OBIETTIVO Garantire l origine, la tracciabilità, la sicurezza alimentare ed il benessere animale dando.. Valore aggiunto alle attività istituzionali del Sistema degli Allevatori

Dettagli

ORIENTAMENTI PER LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE RURALI

ORIENTAMENTI PER LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE RURALI Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Consulta Tecnica Ordini e Collegi Professionali Amministrazione Provinciale ORIENTAMENTI PER LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE RURALI 1 Indice Premessa

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA

LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA LA CORRETTA ROUTINE DI MUNGITURA Una corretta routine di mungitura assicura un basso livello di contaminazione batterica del latte ed aiuta a ridurre il rischio di infezione mammaria 1 2 Utilizzare sempre

Dettagli

Viaggio di istruzione in Israele

Viaggio di istruzione in Israele Viaggio di istruzione in Israele dal 17 al 22 luglio 2012 www.tredi-italia.it Introduzione Nelle pagine seguenti troverete alcune note e fotografie che sono il riassunto del viaggio che i tecnici di Tredì

Dettagli

Benessere del coniglio allevato: individuazione dei parametri zoosanitari e produttivi

Benessere del coniglio allevato: individuazione dei parametri zoosanitari e produttivi Benessere del coniglio allevato: individuazione dei parametri zoosanitari e produttivi Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2001-2003 RELO 2003 596 CUNIBENE Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Questionario informativo per uno studio di fattibilità

Questionario informativo per uno studio di fattibilità Questionario informativo per uno studio di fattibilità 1 Anagrafica Ragione sociale Azienda: Indirizzo: Riferimento: Funzione aziendale: Telefono: Mobile: E-mail: Tipologia di azienda: agricola non agricola

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 Reg (CE) n. 1698/2005

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 Reg (CE) n. 1698/2005 Direzione Generale Agricoltura FEASR PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 Reg (CE) n. 1698/2005 ALLEGATO N. 2 alla Misura 215 Pagamenti per il benessere animale BUONA PRATICA ZOOTECNICA E AREE DI VALUTAZIONE

Dettagli

linea d imballo pacchi lamiera

linea d imballo pacchi lamiera linea d imballo pacchi lamiera linea di imballo per pacchi di lamiera mediante filmatura completamente automatica Nuovo metodo d imballo Pesmel ad elevata capacità produttiva La linea d imballaggio è stata

Dettagli

Mungitura: strutture, macchine e attrezzature I SUPPLEMENTI DI

Mungitura: strutture, macchine e attrezzature I SUPPLEMENTI DI ASSESSORATO AGRICOLTURA, AMBIENTE E SVILUPPO SOSTENIBILE I SUPPLEMENTI DI 24 Mungitura: strutture, macchine e attrezzature A cura di PAOLO ROSSI e ALESSANDRO GASTALDO Centro Ricerche Produzioni Animali,

Dettagli

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie Le produzione zootecniche: LA CARNE Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina Comprende tessuto muscolare, adiposo, osseo cartilagineo e con nettivale

Dettagli