INTERNAL AUDITING E RISK ASSESSMENT: UN INDAGINE EMPIRICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERNAL AUDITING E RISK ASSESSMENT: UN INDAGINE EMPIRICA"

Transcript

1 INTERNAL AUDITING E RISK ASSESSMENT: UN INDAGINE EMPIRICA Marco Allegrini - Giuseppe D Onza* SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Metodologia della ricerca 3. Sistema di controllo interno 4. Struttura e funzionamento dell Internal Audit 5. Risk assessment e internal auditing 6. Control Risk Self Assessment 7. Conclusioni 1. Introduzione 1 La crescente attenzione posta sulle problematiche di corporate governance, indotta, tra le altre, dallo sviluppo dei mercati finanziari, dalla globalizzazione, da provvedimenti normativi (legge Draghi e D.Lgs. 231/2001) e da processi di auto-regolamentazione (Codice Preda), offre alcuni spunti di riflessione sul ruolo che i revisori interni possono assolvere nel processo di governo. La nuova definizione coniata dall Institute of Internal Auditors ha ampliato il raggio d azione della revisione interna, integrando la tradizionale attività di verifica dell adeguatezza e dell efficacia del sistema di controllo interno con la valutazione ed il miglioramento del processo di risk management e, in generale, della corporate governance 2. Occorre, del resto, sottolineare come, nell ambito del governo d azienda, la gestione del rischio costituisca una delle variabili critiche, nell ottica della massimizzazione del valore per gli azionisti. Peraltro, il contributo dei revisori interni allo sviluppo dell efficacia dei sistemi di gestione del rischio può assumere differenti connotati 3. Il legame tra Internal Auditing e risk management è di duplice natura: da un lato, il revisore interno può supportare, con le proprie competenze, le attività di valutazione, gestione e comunicazione del rischio; dall altro, egli stesso può beneficiare degli output di tali processi per impostare gli interventi di audit ed accrescere dunque l efficacia del lavoro svolto. Tuttavia, nonostante le tendenze evolutive appena delineate, la sensazione diffusa è che, in alcuni casi, la funzione di Internal Audit risulti sottodimensionata per poter assolvere efficacemente * Marco Allegrini è professore associato in Ragioneria internazionale ed Economia e controllo dei gruppi aziendali e ViceDirettore del Master in Auditing e Controllo Interno dell Università di Pisa. Giuseppe D Onza è professore a contratto in Revisione Aziendale presso l Università di Bari e Coordinatore operativo del Master in Auditing e Controllo Interno dell Università di Pisa. Gli autori desiderano ringraziare vivamente l AIIA per il fattivo contributo dato nella fase di progettazione della ricerca. 1 La relazione è frutto di una comune attività di ricerca svolta, nella fase progettuale, realizzativa ed interpretativa, congiuntamente da parte degli autori. Tuttavia, Marco Allegrini è autore dei paragrafi ; Giuseppe D Onza è autore dei paragrafi Internal auditing is an independent, objective assurance and consulting activity designed to add value and improve an organization s operations. It helps an organization accomplish its objectives by bringing a systematic, disciplined approach to evaluate and improve the effectiveness of risk management, control, and governance processes (THE INSTITUTE OF INTERNAL AUDITORS, Standards for the professional practice of internal auditing, Altomonte, IIA, 2002). 3 Si veda al riguardo: G. GROSSI, Il ruolo dell internal audit nel risk management, in Auditing, n. 43 Gennaio-Aprile 2002, pag. 10; G. M. SELIM, D. McNAMEE, Risk Management. Changing the internal auditor s paradigm, the IIA RF, Florida, 1998, pag. 16.

2 2 ai compiti che le vengono riconosciuti e, talora, il suo ruolo sia sostanzialmente limitato ad attività di ispettorato. Pertanto, al fine di cogliere le linee di sviluppo dell attività di revisione interna, si intende esaminare, attraverso un indagine empirica svolta sulle aziende di maggiori dimensioni, alcuni aspetti strutturali e di funzionamento della funzione ed il contributo apportato dagli internal auditor al risk management. La ricerca approfondisce, in particolare, le seguenti tematiche: sistema di controllo interno (attori e rilevanza dei modelli di controllo); aspetti organizzativi dell attività di Internal Auditing (dimensione; collocazione nella struttura organizzativa; linee di reporting; attività nei gruppi aziendali); aree di intervento (financial, operational, compliance, IT, fraud investigation, risk assessment, progetti speciali); attività di risk assessment (soggetti, obiettivi, aree interessate, fattori di successo, periodo di applicazione); risk assessment e piano di audit (elementi per la definizione del piano di audit, fattori di rischio); implicazioni generate dai recenti provvedimenti normativi (D. Lgs. 231/2001; Accordo di Basilea ed altre ancora); Control Risk Self Assessment (tasso di diffusione, obiettivi, periodo di implementazione, aree interessate, fattori di successo e strumenti applicativi). 2. Metodologia della ricerca Il campione analizzato comprende tre categorie di aziende 5 : 1. società quotate al Mib 30 della Borsa Valori di Milano; 2. società quotate al Midex della Borsa Valori di Milano; 3. altre società aventi una funzione di Internal Audit. Questa categoria residuale include 5 aziende quotate con più bassa capitalizzazione e 10 non quotate. La scelta di considerare le aziende aventi maggiore capitalizzazione è riconducibile alla constatazione che, nelle realtà di più grandi dimensioni, è generalmente istituita la funzione di revisione interna. Si è tuttavia ritenuto di includere nel campione anche una terza categoria al fine di individuare, anche per finalità comparative, alcune caratteristiche della funzione di Internal Audit nelle aziende non quotate o a più bassa capitalizzazione 6. Precisiamo, peraltro, che, per quest ultima categoria, il criterio di selezione adottato ha natura soggettiva e non assume validità ai fini statistici. Il campione complessivo è, dunque, costituito da 70 aziende appartenenti a differenti settori, come evidenziato nella tabella 1. Tabella 1 Composizione del campione oggetto di analisi TOTALE MIB30 MIDEX ALTRE aziende bancarie/assicurative aziende industriali/commerciali aziende di servizi Totale Il campione è stato desunto in base al listino della Borsa Valori di Milano del secondo trimestre del La ricerca è, al momento, in fase di ampliamento. Sono già stati inviati i questionari alle aziende quotate che rientrano tra le 100 aventi maggiore capitalizzazione, con riferimento alla fine del mese di ottobre 2002.

3 3 La ricerca si è avvalsa dei seguenti strumenti di indagine: questionario; intervista diretta; analisi dei rapporti sul sistema di controllo interno pubblicati dalle aziende. a) Questionario Lo strumento principale della ricerca è stato il questionario, inviato alle funzioni di Internal Audit di tutte le società incluse nel campione. Il questionario è articolato in quattro sezioni: modello di controllo; struttura e funzionamento dell Internal Audit; risk assessment; control risk self assessment (CRSA). Complessivamente sono state ricevute 37 risposte 7. Inoltre, 4 aziende appartenenti al Mib30 hanno dichiarato di non avere una funzione strutturata di revisione interna. Escludendo queste ultime, si ottengono i seguenti tassi di risposta. Tabella 2 Risposte ottenute Totale Risposte % su totale Mib % Midex % Altre % Totale % b) Intervista diretta Per approfondire la tematica del Control Risk Self Assessment (CRSA), si è deciso di condurre delle interviste dirette con i responsabili di alcune aziende che hanno già implementato con successo un processo di autovalutazione dei rischi e dei controlli. In particolare, sono state effettuate tre interviste con aziende che applicano sistematicamente il CRSA in tutte le funzioni/processi aziendali. c) Verifica diretta sui rapporti di controllo interno Le aziende quotate sul mercato mobiliare italiano generalmente redigono una relazione sull applicazione del Codice di Autodisciplina (Codice Preda), nella quale si forniscono alcune informazioni sul sistema di controllo interno 8. Sono state esaminate 57 relazioni di corporate governance pubblicate dalle aziende quotate incluse nel campione Sistema di controllo interno Al fine di comprendere l attività di Internal Audit, pare necessario definire alcuni aspetti di rilievo del sistema di controllo interno in cui i revisori interni operano. Al riguardo, si orienta l analisi su: a) gli attori che ne fanno parte; b) l applicazione dei modelli di controllo. 7 L elenco delle aziende che hanno risposto al questionario è riportato nell allegato 1. 8 Le relazioni sono disponibili sul sito: 9 Non sono state rintracciate le relazioni di corporate governance di tre aziende quotate incluse nel campione.

4 4 a) attori Con riferimento agli attori del sistema di controllo interno, il rapporto di corporate governance pubblicato dalle aziende, conformemente alla normativa, spesso menziona, oltre agli organi di governo (Consiglio di Amministrazione ed amministratore delegato), al collegio sindacale ed alla società di revisione, già resi obbligatori e disciplinati dalle norme di legge, le seguenti figure: il comitato di controllo interno; i preposti al controllo interno; i responsabili della funzione di Internal Audit. Dall analisi dei rapporti pubblicati, si evince che l 80% delle società quotate al Mib30 o al Midex ha istituito un comitato di controllo interno. Nel 9% dei casi, le funzioni di questo organismo vengono svolte dal comitato esecutivo. Si sono poi riscontrati alcuni casi in cui il consiglio di amministrazione ha deliberato l istituzione del comitato di controllo interno ma, alla data di riferimento del rapporto, questo non è ancora funzionante. Il rapporto sovente enuncia le funzioni attribuite al comitato (91% delle società aventi un comitato di controllo), ricalcando sostanzialmente quelle previste dal Codice di Autodisciplina, ed indica (67%) le attività svolte durante l esercizio (riunioni e deliberazioni). Il rapporto spesso fa altresì riferimento al ruolo esecutivo o meno dei componenti del comitato, senza peraltro specificare se essi soddisfano i requisiti di indipendenza. D altra parte, il codice Preda, sino alla recente modifica avvenuta nel luglio scorso, si limitava a richiedere genericamente la presenza di un numero adeguato di amministratori non esecutivi. Nella nuova versione, invece, si prevede espressamente che il comitato di controllo interno sia composto da amministratori non esecutivi, la maggioranza dei quali indipendenti 10. Il Codice di Autodisciplina prevede anche la figura dei preposti al controllo interno, nominati dall amministratore delegato. Viene altresì precisato che i preposti al controllo interno non dipendono gerarchicamente da alcun responsabile di aree operative e riferiscono del loro operato agli amministratori delegati, nonché al comitato per il controllo interno ed ai sindaci. I commenti a latere del codice Preda asseriscono che: Nelle società dotate di una funzione di Internal Audit, il preposto al controllo interno può identificarsi con il responsabile della medesima. Nelle società che non abbiano una tale funzione, il consiglio valuta periodicamente l opportunità di istituirla. Nei rapporti analizzati, il preposto al controllo interno viene menzionato specificamente nel 44% dei casi 11. Si nota, peraltro, una certa eterogeneità di comportamenti e molte volte non viene chiarita la posizione del preposto (40% dei casi in cui se ne dà menzione). Con riferimento alle relazioni in cui, invece, è palesemente specificata la collocazione del preposto, si è riscontrato che: nel 47% dei casi il preposto è il responsabile della funzione di internal audit; in numerose situazioni (33%) il preposto è un membro del consiglio di amministrazione (ma non del comitato di controllo); in rari casi, esso è un direttore amministrativo (6%), un direttore generale (7%) o un componente del comitato di controllo (7%). Riguardo alla funzione di Internal Audit, incrociando i dati delle risposte ottenute con le risultanze dei rapporti pubblicati dalle aziende, si è avuto conferma esplicita che 4 società appartenenti al Midex non hanno ancora istituito tale funzione; due di queste dichiarano espressamente di ricorrere ai servizi prestati da società di consulenza (Internal Audit in outsourcing). Pertanto, si può 10 Sui rapporti tra comitato di controllo interno ed Internal Auditing si veda in particolare: K. RAGHUNANDAN, W. J. READ, DASARATHA V. RAMA, Audit Committee Composition, Gray Directors, and iinteraction with internal auditing, in Accounting Horizons, June Peraltro, si rileva che, nell 81% dei rapporti esaminati, viene fatta menzione del preposto al sistema di controllo interno o della funzione di Internal Audit.

5 5 affermare che il 100% delle aziende quotate al Mib30 e l 84% di quelle appartenenti al Midex hanno una funzione di revisione interna. L analisi dei rapporti pubblicati evidenzia che nel 63% dei casi circa viene menzionata la funzione di Internal Audit, variamente denominata (revisione interna, controllo interno) ed a volte istituita in altra società del gruppo (in una controllata o in una società consortile del gruppo). b) Applicazione dei modelli di controllo Con il questionario si è cercato di accertare anche il ruolo che i modelli di controllo diffusi a livello internazionale (Coso, Coco, Cadbury ed altri ancora) esercitano nella progettazione, gestione e monitoraggio dei controlli e nel reporting periodico sulla loro adeguatezza ed efficacia 12. Si è pertanto proposto alle aziende intervistate una serie di affermazioni riguardanti l impatto dei modelli di controllo, chiedendo loro di esprimere un giudizio sulla validità delle asserzioni proposte, secondo la seguente scala di punteggi: 1. Assolutamente contrario; 2. Contrario 3. D accordo; 4. Assolutamente d accordo ; I risultati sono presentati nella tabella 3. Tabella 3 Valutazione del ruolo dei modelli di controllo I modelli di controllo forniscono un quadro di riferimento per la progettazione del sistema di controllo interno I modelli di controllo consentono una valutazione più accurata del sistema di controllo interno I modelli di controllo sono un utile riferimento per organizzare il reporting dei risultati degli interventi di audit I sistemi di controllo presenti in tutte le unità della nostra organizzazione rispettano le disposizioni contenute nei modelli di controllo Il top management della nostra organizzazione e` fortemente interessato all'ambiente di controllo MEDIA (1-4) ,9 0% 19% 63% 13% 3,1 0% 12% 71% 18% 3,2 0% 6% 63% 25% 2,7 0% 29% 57% 0% 3,7 0% 0% 28% 72% Dalle risposte ottenute si evince che i modelli di controllo sono generalmente percepiti come un valido supporto per la progettazione, la valutazione ed il miglioramento dei controlli interni e per il reporting dei risultati di audit. Si è inoltre avuta conferma sulla rilevanza dell ambiente di controllo, fattore essenziale per assicurare la funzionalità dell intero sistema Struttura e funzionamento dell Internal Audit 12 Cfr. COMMITEE OF SPONSORING ORGANIZATION OF THE TRADEWAY COMMISSION (COSO), Internal Control Integrated Framework, Jersey City, AICPA/COSO, 1992; ROTH J.P., COSO Implementation Guide, Altomonte Springs, The Institute of Internal Auditor, 1995; WALLANCE, WANDA A., G. THOMAS WHITE; Management Reporting on Internal Control, Altomonte Springs, The Institute of Internal Auditor Research foundation, P.G. MAKOSZ, B.W. Mc CUIAG, Ripe for a renaissance, Internal Auditor, December, 1990; J. ROTH, A Hard Look at Soft Controls, in Internal Auditor, February 1998.

6 6 L analisi si è poi focalizzata su alcun aspetti di struttura e di funzionamento dell attività di Internal Audit. In particolare, i profili che abbiamo voluto indagare attengono a: a) dimensionamento dell unità di Internal Audit; b) posizionamento nella struttura organizzativa; c) attività nei gruppi aziendali; d) aree di intervento. A) Dimensionamento dell unità di Internal Audit La tabella 4 illustra la dimensione della funzione di revisione interna nelle aziende incluse nel campione. Tabella 4 Numero di internal auditor Numero di Internal auditor >40 52% 13% 4% 4% 27% Si può subito osservare che, nella maggior parte dei casi, l unità di Internal Audit ha dimensioni piuttosto esigue. La distribuzione delle frequenze è comunque irregolare, visto che si ha un ulteriore moda in corrispondenza della classe superiore a 40 dipendenti, dovuta alla presenza nel campione di gruppi societari di cospicue dimensioni. Si è riscontrata, come previsto, una differenza piuttosto significativa nella distribuzione della variabile numero di internal auditor tra le categorie del campione prese in esame. Nelle società quotate al Mib30 troviamo generalmente un numero maggiore di dipendenti rispetto a quelle quotate al Midex, come evidenziato nella tabella 5. Tabella 5 Dati disaggregati secondo la variabile quotazione Numero di >40 internal auditor MIB30 19% 19% 6% 6% 50% MIDEX 50% 20% 10% 20% ALTRE 50% 12,5% 12,5% 25% L analisi ha inoltre dimostrato l esistenza di significative differenze in relazione al settore di appartenenza; in particolare, si nota un maggior dimensionamento degli uffici di revisione interna nelle banche ed assicurazioni. Questo risultato era in parte prevedibile, data la riconversione dei precedenti uffici di ispettorato in unità di revisione interna e, in alcuni casi, le richieste di potenziamento delle strutture di controllo provenienti dagli istituti di vigilanza (Banca d Italia e Isvap). Tabella 6 Dati disaggregati secondo la variabile settore Numero di >40 internal auditor Banca/assicurazione 0% 20% 10% 10% 60% Industria/commercio 54% 8% 0 8% 30% Servizi 55% 18% 0 9% 18% Si è ritenuto opportuno, inoltre, determinare il rapporto tra il numero di unità impiegate nella funzione di Internal Audit ed il numero di dipendenti complessivo. Di seguito, sono riportati i risultati:

7 7 Tabella 7 Rapporto fra unità di internal audit e personale complessivo MEDIA MEDIANA COMPLESSIVO Banche/assicurazioni Industria/commercio Servizi MIB MIDEX I dati sopra riportati confermano quanto si era già osservato in precedenza: nei settori bancario ed assicurativo si ha una maggior presenza di internal auditor, non solo in termini assoluti, ma anche in proporzione all organico complessivo. In questi settori si riscontra, dunque, un rapporto di un revisore ogni 200 dipendenti circa, mentre nei settori industria e commercio esso è di uno ogni 1000 circa. Il settore dei servizi si situa in una posizione intermedia. B) Posizionamento nella struttura organizzativa Sul posizionamento della funzione di Internal Audit nella struttura organizzativa si è voluto indagare due aspetti, riguardanti: la dipendenza gerarchica del responsabile della funzione; le linee di reporting dell attività di auditing. Entrambi i profili sono sovente descritti anche nel rapporto sul controllo interno (40% dei casi), incluso nella relazione sulla corporate governance pubblicata dalle aziende. Si è quindi provveduto ad integrare le risposte del questionario con i dati contenuti nel rapporto sul sistema di controllo interno emesso dalle società. Riguardo al primo aspetto, si nota che generalmente la funzione di Internal Audit è posta alle dirette dipendenze dell amministratore delegato o del Presidente. Tabella 8 Dipendenza gerarchica Consiglio di Amministrazione 7% 16 Presidente 26% Amministratore delegato 48% Sindaci 0% Comitato di controllo o membro del comitato 4% Direzione generale 11% Direttore amministrativo 4% I risultati ottenuti dimostrano la tendenziale conformità delle scelte di control governance delle aziende agli standard professionali, che, per garantire l indipendenza dell attività di Internal Auditing, richiedono, fra l altro, che il responsabile riporti ai massimi livelli dell organizzazione. Riguardo ai risultati relativi alle linee di reporting, si nota, com era prevedibile, che il responsabile della funzione di Internal Audit (o il preposto al controllo interno) riferisce periodicamente al comitato di controllo interno ed al collegio sindacale, ossia agli organi a cui è attribuita una funzione di vigilanza e monitoraggio sul sistema di controllo interno, nonché all amministratore delegato, ultimo responsabile del funzionamento del sistema di controllo interno. 16 In un caso si afferma di riferire al Comitato di presidenza, costituito dal Presidente, dal vicepresidente e dai direttori generali.

8 8 Tabella 9 Linee di reporting Consiglio di Amministrazione 31% Amministratore delegato 66% Presidente 28% Sindaci 88% Comitato di controllo 75% Direzione generale 9% C) Attività nei gruppi aziendali Molte delle società incluse nel campione appartengono ad un gruppo. Si è, quindi, cercato di capire: 1) il modello organizzativo dell attività di Internal Audit nel gruppo; 2) la tipologia delle relazioni intercorrenti tra la direzione audit di corporate e le unità audit delle controllate. Con riferimento al modello organizzativo, si sono individuate tre ipotesi principali: la funzione di audit è presente solo nella holding e svolge l attività per le società del gruppo ( modello accentrato ); le attività di audit sono svolte per il gruppo da una società appositamente istituita ( modello consortile ); la funzione di audit è presente sia nella holding sia in alcune società del gruppo ( modello diffuso ). La seguente tabella presenta i risultati ottenuti. Tabella 10 Localizzazione della funzione di Internal Audit nei gruppi aziendali Nel caso in cui la società appartenga ad un gruppo, per la TOT. funzione di audit si segue il: Modello accentrato 45% Modello consortile 15% Modello diffuso 40% Disaggregando i dati per settore, si è riscontrato che il modello diffuso è predominante nelle aziende bancarie/assicurative, mentre nelle aziende industriali e commerciali è prevalente il modello accentrato. In effetti, l analisi disaggregata secondo la variabile quotazione evidenzia una netta differenza tra le aziende appartenenti al MIB30 e quelle del Midex, dato che nelle prime è nettamente prevalente il modello diffuso e nelle seconde (se escludiamo le aziende bancarie ed assicurative) il modello accentrato. E da notare che in alcuni gruppi di grosse dimensioni si sta diffondendo il modello consortile, caratterizzato, come si è detto, dalla costituzione di una società avente per oggetto sociale lo svolgimento di attività di Internal Auditing per le aziende appartenenti al gruppo. Questo modello consente il raggiungimento di economie di scala e di sinergie, nonché un maggior grado di coordinamento dell attività di audit 17. Per le aziende che sostengono di adottare un modello diffuso, diviene quindi opportuno percepire la tipologia delle relazioni esistenti tra la direzione audit di corporate e le unità audit delle controllate. Si riscontra, generalmente, in questi casi, un attività di coordinamento da parte della prima, nel 17 Questo si evince anche dal rapporto sul controllo interno di alcune società quotate. In particolare, sono state istituite le seguenti società consortili: HDP Interaudit che svolge la sua attività per il gruppo HdP; IN.TEL. Audit che ha come consorziati Olivetti, Telecom Italia, Tim e Seat Pagine Gialle; Fiat Revi che presta la sua attività per il gruppo Fiat.

9 9 momento della stesura del piano di audit, spesso con la partecipazione al team che svolge l intervento nelle controllate. Tabella 11 Rapporti tra direzione audit di corporate e unità audit delle controllate La direzione audit di gruppo coordina l attività delle direzioni audit delle diverse controllate Le direzioni audit delle controllate pianificano e svolgono gli interventi di audit in modo autonomo TOTALI 90% Talora (9% dei casi), si riscontra anche l intervento della direzione audit di corporate su società controllate per specifici interventi, soprattutto se sono necessarie conoscenze specialistiche (IT auditing, fraud auditing, ethical auditing, environmental auditing). In alcuni casi, peraltro, queste prestazioni vengono richieste a consulenti o a revisori esterni. 10% D) Aree di intervento Con riferimento all oggetto delle verifiche, si possono distinguere le attività di audit in 18 : financial audit, che ha per oggetto principalmente la verifica dell attendibilità del sistema informativo per l interno e per l esterno; operational audit, che ha per oggetto la verifica dell efficacia, efficienza ed economicità delle attività, comprendendo anche la salvaguardia dei beni aziendali; compliance audit, che ha per oggetto la verifica del rispetto di leggi, regolamenti, statuti e delle procedure interne. In dottrina si fa riferimento anche al management audit, come forma più evoluta dell attività di revisione; peraltro, sul contenuto di questa categoria e sulla distinzione con l operational auditing non vi è concordia di opinioni Cfr. A. CHAMBERS, The Operational Auditing Handbook: Auditing Business Processes, New York, John Wiley and Sons, 1997; L.B. SAWYER, Sawyer s Internal Auditing, 4 TH edition, Altomonte, IIA, 1996; H. R. REIDER, The complete guide to operational auditing, New York, John Wiley and Sons, 1994; D. L. FLESHER, Operational Auditing, in The Journal of Accountancy, November Con riferimento alla classificazione nel settore bancario si veda: BASEL COMMITTEE ON BANKING SUPERVISION, Internal audit in banks and the supervisor s relationship with auditors, August Una delle nozioni più ampie di management audit è la seguente: A management audit is a future-oriented, independent, and systematic evaluation of the activities of all levels of management performed by the internal auditor for the purposes of improving organizational profitability and increasing the attainment of the other organizational objectives through improvements in the performance of the management function, achievement of program purposes, social objectives, and employee development. The primary sources of evidence are the operational policies and the management decisions as related to the organizational objectives. Included are an evaluation of the management control system in terms of existence, compliance and adequacy along with its decision-making process in terms of existence, compliance, and relevance to the attainment of organizational objectives plus management s decision itself in relation to the organizational objectives and the quality of management. The resultant audit report both identifies problems and recommends solutions (J.E. SMITH, An Evaluation of Selected Current Internal Auditing Terms, in Research Report n 19, Florida, IIA, 1975). Sulle distinzioni delle attività di revisione proposte nell ambito della letteratura italiana si vedano: L. MARCHI, Principi di revisione aziendale, Quarta edizione, Bologna, Clueb, 2000; L. HINNA, Il controllo dei rischi bancari generali: un approccio metodologico al management audit, Roma, Rirea,1996; N. PERSIANI, Introduzione alla revisione interna, Padova, Cedam, 1998; M. PINI, La revisione di impresa. Controllo interno e sistemi informativi automatizzati, Milano, Giuffrè, 1985; G. TROINA, Revisione interna: riflessioni di primo approccio, Napoli, Liguori, Sull incertezza della distinzione tra management audit and operational audit si legga quanto afferma Chambers: In a complex hierarchy of companies with subsidiaries and sub-subsidiaries downwards, as well as associated companies, what might appear as a management audit perspective in an important subsidiary or division, might appear as operationally audit geared from the group headquarters perspective (A. CHAMBERS, Management Audit a problem of definition, in Internal Audit, 2 nd edition, pag. 78).

10 10 Nell ambito del questionario, si è ritenuto di non distinguere, tra le opzioni, la categoria del management audit, per le incertezze interpretative che ne potevano derivare. Si è poi ritenuto di specificare in voci distinte alcuni interventi particolari, come gli IT audit, le attività di risk assessment, i progetti speciali ed i fraud audit. Si è quindi chiesto alle aziende inserite nel campione di indicare come vengono ripartite le risorse di audit tra le diverse attività evidenziate. Tabella 12 Ripartizione delle risorse tra le categorie di audit TIPO DI ATTIVITA MEDIA (Dati in %) Operational auditing 34 Compliance audit 20 Verifica attendibilità delle informazioni per il reporting interno 10 IT Audit 9 Progetti speciali (Due diligence, audit ambientali, ecc.) 8 Risk assessment 8 Verifica attendibilità delle informazioni per il bilancio di esercizio 20 6 Fraud investigation 5 Totale 100 Dai risultati della precedente tabella, si nota che l attività che assorbe più risorse è l operational audit, seguita dal compliance audit. Assumono invece un ruolo marginale la verifica dell attendibilità delle informazioni per il bilancio di esercizio, nonché l attività di fraud investigation 21. L analisi dei dati disaggregata per settori e per quotazione non segnala particolari differenze tra le categorie di aziende incluse nel campione. 5. Risk assessment e Internal Auditing Una parte rilevante della ricerca è volta ad esaminare i processi di analisi e gestione dei rischi nelle società incluse nel campione. L analisi dei rischi derivanti dallo scenario ambientale e dal contesto interno all organizzazione dovrebbe essere effettuata periodicamente dal management, al fine di formulare e rivedere gli obiettivi strategici e tattici. Gli internal auditor possono contribuire ad incrementare l efficacia del sistema di risk analysis, supportando i responsabili delle unità operative nell identificazione, nella valutazione e nella gestione dei rischi. Inoltre, essi dovrebbero fornire ai massimi organi di governo sufficienti informazioni sull esposizione al rischio della combinazione produttiva e sull efficacia delle azioni di fronteggiamento 22. Sulla base di quanto stabilito dagli standard professionali per l attività di revisione interna, le tecniche di risk management dovrebbero essere applicate nelle varie fasi in cui si articola il 20 Si segnala il caso di un azienda che dichiara di non svolgere attività di audit sul bilancio, perché questo compito è già svolto dalla funzione di internal audit della controllante. 21 Un azienda ha segnalato anche un attività di ethical auditing che assorbirebbe circa il 5% delle risorse. 22 There are three parts to risk analysis: Risk Assessment, Risk management and risk communication. Risk assessment is a prerequisite to risk management before devising means to manage risk it must be identified, measured and prioritised G. M. SELIM, D. McNAMEE, Risk Management. Changing the internal auditor s paradigm, the IIA RF, Florida, 1998, pag. 16. Con riferimento alle tendenze attuali riguardanti l attività di revisione interna si vedano: A. CHAMBERS, Quo Vadis Internal Auditing?, in Management Accounting, October 1999; N. MARKS, The New Age of Internal Auditing, in Internal Auditor, December 2001.

11 11 processo di audit, per evitare sprechi di risorse e per agevolare la comunicazione con i diversi attori della corporate governance e della control governance 23. Attraverso l indagine empirica si è voluto approfondire i seguenti aspetti: grado di diffusione tra le aziende di un processo formale di risk assessment; attori coinvolti; aree di applicazione; obiettivi perseguiti; fattori critici di successo; riflessi del D.Lgs. 231/2001; il processo di pianificazione dell audit; Grado di diffusione L attività di risk assessment sembra particolarmente diffusa tra le aziende esaminate; il 69% dichiara di aver sviluppato dei processi formali volti ad individuare e valutare i rischi riferiti ai processi di business ed il 19% prevede di introdurre, entro un anno, la mappatura dei rischi. Il 40% delle aziende che hanno introdotto delle attività di risk assessment hanno implementato tale progetto da più di un anno e tendono a ripeterlo su base annuale o biennale, per aggiornare il profilo di rischio e ridefinire i piani di gestione. In alcuni casi, peraltro rari, si dichiara di non voler più ripetere il processo, in quanto poco conveniente sulla base di un analisi costi/benefici o perché non vi sono state sostanziali variazioni nei fattori di rischio. L analisi disaggregata per settore rivela una maggiore diffusione delle pratiche di risk assessment negli intermediari finanziari, risultato peraltro prevedibile in relazione a: la normativa di riferimento per l attività bancaria e assicurativa che richiede la predisposizione di sistemi di misurazione per i rischi tipici dell attività creditizia; l esistenza di strutture dedicate all attività di risk management la presenza di una più diffusa cultura del rischio. Come del resto era lecito attendersi, si denota una maggiore diffusione della pratica del risk assessment nelle aziende quotate al Mib30. Mettendo in relazione questo risultato con la tabella 7, (rapporto fra il numero dei dipendenti della società e revisori interni), è possibile constatare una correlazione positiva fra la diffusione dei progetti di risk assessment e la dimensione dell unità di Internal Audit. In termini di causalità condizionale, si può supporre che questa correlazione sia da attribuire al fatto che l introduzione dei progetti di risk assessment viene spesso sponsorizzata proprio dalla funzione di Internal Audit, per agevolare il decision making manageriale. Un altra possibile spiegazione discende dalla presenza di risorse professionali con competenze specifiche in tema di risk management nelle unità di maggiori dimensioni delle, in grado di supportare i dirigenti durante l attività di risk assessment. Attori coinvolti Dai risultati ottenuti si evince che nel 94% dei casi gli internal auditor partecipano nel processo di risk assessment con ruoli differenti che variano da: collaborazione con il management di line (34%), fornendo le metodologie per lo svolgimento dell attività, contribuendo direttamente all identificazione ed alla valutazione dei rischi; 23 The INSTITUTE OF INTERNAL AUDITORS, Performance standard 2010 Planning ; Performance standard 2201, Planning consideration, in Standards for the professional practice of internal auditing, op. cit.

12 12 partecipazione a gruppi di lavoro con consulenti esterni (28%). In questi casi, i revisori interni si interfacciano con le società di consulenza in sede di progettazione e di realizzazione dell attività di risk assessment, in modo da adattare i modelli elaborati dai consulenti alle peculiarità organizzative e gestionali del contesto di riferimento; come facilitatori nel corso di progetti di Control Risk Self Assessment (CRSA), in modo da agevolare il processo di autovalutazione da parte del management operativo (12%). Peraltro, tenendo conto anche dei progetti parziali di CRSA, applicati soltanto in alcune aree di business, il dato sale al 26% In alcune circostanze, l attività di risk assessment è stata svolta dai revisori interni in cooperazione con i consulenti esterni, ma senza un coinvolgimento del management operativo (6%). Occorre peraltro sottolineare che questa opzione riguarda le aziende di minori dimensioni incluse nel campione e che, in queste aziende, l analisi dei rischi è svolta soltanto a livello di macroprocessi e di corporate. Nel 6% dei casi i revisori interni non hanno partecipato al progetto di risk assessment, che è stato invece svolto direttamente dalle società di consulenza in collaborazione con i responsabili delle funzioni o dei processi aziendali. In alcune aziende bancarie, anche addetti della funzione di risk management hanno partecipato al processo di analisi e valutazione dei rischi operativi. Tabella 14 Attori coinvolti nell attività di risk assessment TOTALE Dagli internal auditor in collaborazione con il 34% management di line Dagli internal auditor in collaborazione con una società di 6% consulenza Dagli internal auditor in collaborazione con una società di 28% consulenza ed il management di line Autovalutazione da parte del management operativo con 26% il supporto di un tutore/facilitatore metodologico Altri 6% Aree di applicazione Dall analisi svolta si evince che l attività di risk assessment viene generalmente applicata in tutte le unità e le aree funzionali (74% dei casi). Negli altri casi, le applicazioni sono parziali e tendono ad escludere le funzioni che manovrano variabili soft, come il marketing, la ricerca e sviluppo e l organizzazione delle risorse umane, probabilmente poiché in queste aree l identificazione e la quantificazione dei rischi assumono livelli di incertezza consistenti. In sintesi, si può notare che l applicazione ha sovente carattere diffuso e non viene limitata, per finalità di sperimentazione, ad una singola area funzionale. Si può ipotizzare, anche sulla base dei colloqui condotti e delle informazioni integrative forniteci da alcune aziende 24, che il livello di profondità dell analisi dipenda dal periodo trascorso dalla data di prima implementazione del progetto, dalla frequenza di svolgimento/aggiornamento della mappa dei rischi e dall esistenza di processi di autovalutazione.. 24 Un azienda quotata al Mib30 ha peraltro evidenziato di aver implementato, al momento, soltanto attività di risk assessment a carattere macro. In fase di implementazione del modello, essa procederà ad attività di micro risk assessment per definire procedure di dettaglio diversificate a seconda del business intrapreso dalle singole controllate.

13 13 Obiettivi perseguiti Per l attività di risk assessment sono stati individuati alcuni possibili obiettivi ed è stato chiesto alle aziende intervistate di esprimere un punteggio compreso tra 1 e 4, graduato in relazione all importanza del fattore (1 meno importante; 4 più importante). Di seguito, riportiamo i risultati ottenuti. Tabella 15 Valutazione degli obiettivi di risk assessment MEDIA (1-4) Permettere al management di identificare e gestire i rischi connessi ai singoli processi/funzione Individuazione delle attività maggiormente critiche per orientare il piano di audit (macro risk assessment) Adempiere a disposizioni normative (decreto l.vo 231/2001, Basilea 2001, ecc.) Creazione del valore attraverso una migliore gestione del rischio Valutare l adeguatezza del sistema di controllo nel corso degli interventi di audit (micro risk assessment) Presentare nell informativa societaria esterna (Annual report) il profilo di rischio dell organizzazione I risultati evidenziano che l introduzione di un attività formalizzata di individuazione e valutazione dei rischi costituisce un valido supporto per il decision making manageriale. Sulla base degli output forniti da tale processo, la direzione può definire i piani di gestione da implementare per mitigare i rischi e cogliere le opportunità. L indagine evidenzia l utilizzo dei risultati dei processi di risk assessment in sede di definizione del piano di audit. Tali progetti consentono di identificare le unità aziendali caratterizzate da livelli di rischiosità più elevati, in modo da orientare gli interventi di audit nelle aree maggiormente critiche o caratterizzate da una minore funzionalità dei controlli. Dall analisi si evince come anche le recenti disposizioni normative abbiano rappresentato, specialmente nel settore finanziario, un fattore di stimolo per l implementazione di un attività di risk assessment. Il profilo dell informativa esterna è considerato di scarsa importanza. D altra parte, allo stato attuale, gli organismi nazionali di regolamentazione della comunicazione economico-finanziaria non hanno previsto standard o documenti di riferimento per l informativa sui rischi. Solo alcune aziende che hanno filiali in Germania attribuiscono un punteggio più elevato a questo fattore, in virtù dell esistenza di un principio contabile specifico che richiede alle aziende di comunicare agli stakeholder le categorie di rischio individuate nell organizzazione 25. Fattori critici di successo Si è voluto indagare, inoltre, quali fossero, secondo le società esaminate, i fattori critici di successo per i progetti di risk assessment., Tabella 16 Fattori critici di successo Punteggio medio (1-4) 3,3 3,0 2,8 2,7 2,6 1,6 25 L unico principio contabile sul risk reporting è stato emanato in Germania, mentre nei paesi anglossassoni la materia è ancora oggetto di discussione da parte delle associazioni professionali (GERMAN ACCOUNTING STANDARDS COMMITTEE, E-GAS 5, Risk Reporting, INSTITUTE OF CHARTERED ACCOUNTANTS IN ENGLAND AND WALES, Financial Reporting of Risk. Proposal for a Statement of Business Risk, London, ICAEW, 1997; INSTITUTE OF CHARTERED ACCOUNTANTS IN ENGLAND AND WALES, No Surprises. The Case for Better Risk Reporting, London, ICAEW, 1999; AMERICAN INSTITUTE OF CERTIFIED PUBLIC ACCOUNTANTS, Statement of Position 94-6, Disclosure of Certain Significant Risks and Uncertainties, New York, AICPA, 1994.

14 14 La sponsorizzazione del progetto da parte del top management (Cda, Amministratore 3,8 delegato, ecc.) La cultura aziendale orientata al controllo e ai rischi 3,1 Chiara definizione degli obiettivi aziendali 2,9 L identificazione dei processi operativi e dei responsabili con i quali interagire 2,7 Sviluppo di un modello formale dei rischi da applicare per valutare l esposizione dei 2,5 singoli processi Com era lecito attendere, risulta che il principale fattore critico di successo per i progetti di risk assessment è costituito dall impegno del vertice aziendale a supporto del progetto medesimo, essenziale sia per ricevere le risorse finanziarie necessarie per lo svolgimento del progetto sia per ottenere la collaborazione dei diversi livelli dell organizzazione. E altresì da rilevare il ruolo svolto dal vertice nella definizione e comunicazione degli obiettivi, con riferimento alle diverse funzioni aziendali. Del resto, come indicato dai control model (COSO, COCO, Cadbury ed altri ancora), l individuazione degli obiettivi di business è il punto di partenza per lo svolgimento dell attività di risk assessment. Un altra variabile critica è costituita dall ambiente di controllo, che influenza considerevolmente le modalità di svolgimento dei processi di risk assessment 26. In particolare, dall indagine emerge la rilevanza delle componenti soft dell ambiente di controllo (cultura orientata al controllo ed ai rischi ma anche valori etici, comunicazione, stile di leadership e così via), mentre sono percepiti come meno importanti gli elementi a carattere tecnico-operativo (identificazione dei processi e dei responsabili, predisposizione di un modello formale di valutazione). Riflessi del D.Lgs. 231/2001 Il D.Lgs. 231/2001, sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, può fornire un ulteriore impulso per l introduzione di progetti di risk assessment. Tramite tale processo si mira ad identificare le aree critiche ed a predisporre i meccanismi di controllo per evitare il configurarsi di una responsabilità in capo all ente per i reati previsti dal decreto In particolare, si è voluto verificare l impatto generato dal provvedimento legislativo sulle attività di risk assessment. Di seguito sono presentati i risultati. Tabella 17 Riflessi del D.Lgs. 231/2001 Aveva già introdotto un processo formale di risk assessment, ma ha intenzione di sviluppare uno specifico processo di valutazione dei rischi di reati contro la pubblica amministrazione, coerente con il modello stabilito dalla Legge 231/2001 Aveva già introdotto un processo formale di risk assessment. Non si ritiene di dover sviluppare alcun progetto specifico in applicazione della 231/2001. Non aveva ancora introdotto un processo formale di risk assessment, ma ha intenzione di sviluppare uno specifico processo di valutazione dei rischi di reati contro la pubblica amministrazione, coerente con il modello stabilito dalla Legge 231/2001 Non aveva ancora introdotto un processo formale di risk assessment, ma intende cogliere lo stimolo fornito dalla L. 231/2001 per avviare un processo di risk assessment completo (non limitato alle ipotesi della L. 231). Non aveva ancora introdotto un processo formale di risk assessment e non si ritiene di dover sviluppare alcun progetto specifico in applicazione della 231/ % 0% 19% 16% 0% Le risposte ottenute testimoniano, come era peraltro prevedibile, la necessità di dover intraprendere dei progetti specifici per fronteggiare il rischio di reati nei confronti della Pubblica Amministrazione. 26 Un azienda ha evidenziato come fattore critico anche la definizione di un linguaggio e modello comune per tutte le funzioni ed i processi, in modo da arrivare ad un output omogeneo e comparabile.

15 15 Si osserva come le aziende tendano ad introdurre progetti specifici per ottemperare al D.Lgs. 231/2001, in ragione della peculiare natura dei rischi previsti dal provvedimento normativo. In questi progetti, si riscontra la frequente presenza di membri dell ufficio legale e, in certi casi, si ricorre a società di consulenza. Nell ambito delle aziende che non hanno ancora intrapreso l attività di risk assessment, possiamo peraltro notare due diverse tendenze: la focalizzazione dei progetti solo sui rapporti con la Pubblica Amministrazione e l estensione degli stessi a tutte le aree aziendali. Il processo di pianificazione dell audit Gli standard per la pratica professionale richiedono che il piano di audit sia basato sulla valutazione dei rischi, al fine di definire un ordine di priorità degli interventi. Per verificare il tipo di approccio seguito nella determinazione del piano di audit si è anche richiesto di indicare gli input utilizzati. Dalla tabella 18, si evidenzia come la misurazione dei rischi costituisca, dopo le richieste provenienti dal top management, l altra variabile determinante per la definizione del piano di audit. Si deve peraltro precisare che le percentuali evidenziate sono relative alla frequenza delle aziende che dichiarano di tener conto dell input indicato. Dette percentuali non sono tuttavia esplicative dell effettiva ripartizione di risorse decisa al momento della pianificazione periodica. Tabella 18 Input per il piano di audit Richieste provenienti dal top management (amm.re 69% delegato/cda) Valutazione dei rischi 66% Risultati degli audit condotti negli esercizi precedenti 63% Interviste preliminari con il management di line 41% Indicatori economico-finanziari 28% Altro 27 9% La maggior parte delle aziende non utilizza un modello formalizzato a supporto del piano di audit, che preveda una ponderazione delle variabili indicate in tabella 18 per definire la gerarchia degli interventi. Si osserva che il fattore rischio viene considerato nel processo di pianificazione dell audit anche nelle ipotesi in cui non è stata ancora formalizzata, in maniera sistematica, la mappa dei rischi a livello corporate. In questi casi, gli auditor asseriscono di disporre già delle conoscenze necessarie per valutare l'entità dei rischi a cui sono soggetti i principali processi, attività e funzioni aziendali. Alle aziende intervistate sono stati proposti alcuni possibili fattori di rischio ed è stato chiesto loro di indicare quelli che generalmente vengono presi in considerazione per la definizione dell audit plan 28. Tabella 19 Fattori di rischio (possibilità di risposte multiple) Adeguatezza dei controlli 72% Cambiamenti intervenuti nella struttura organizzativa (fusioni, aggregazioni) 59% Impatto delle attività sull immagine aziendale 47% Livello di standardizzazione delle attività 34% 27 Si rileva che un azienda bancaria ha inoltre indicato come possibile input, nella voce Altre, i flussi informativi provenienti da altre funzioni di governance (risk management, controllo direzionale, controlli rischi di II livello). 28 Sui fattori di rischio per la definizione dell audit plan, si veda in particolare: PATTON, EVAN AND LEWIS, A framework for evaluating internal audit risk, Altomonte, The Institute of Internal auditor, 1983

16 16 Livello di competenze delle risorse umane adeguate all efficace svolgimento dei compiti 31% Grado di automazione 28% Rapporti con la pubblica amministrazione 25% Altri 6% Tra i fattori di rischio che più sembrano incidere sulla definizione del piano di audit, si riscontra l adeguatezza dei controlli presenti nell ambito delle unità potenzialmente assoggettabili alle verifiche (auditable unit). Al riguardo, i risultati dei processi di risk assessment costituiscono una fonte informativa di primaria importanza per acquisire una percezione sulla funzionalità dei controlli, insieme ai risultati degli audit effettuati negli anni precedenti. E possibile inoltre notare come, a seguito di operazioni straordinarie (fusioni ed acquisizioni), gli auditor tendano ad effettuare degli interventi nelle aree maggiormente interessate al cambiamento, per valutare l opportunità di riprogettare il sistema di controllo interno. 6. Control Risk Self Assessment Il Control Risk Self Assessment è un processo che ha per oggetto la valutazione, da parte dei manager e del team di lavoro, dei rischi e dei controlli in una specifica area di business 29. Esistono diverse metodologie con le quali le aziende possono identificare, valutare e misurare i rischi ed i controlli, denominate Control Self Assessment (CSA), Control Risk Self Assessment (CRSA), Risk and Control self assessment (RCSA), Business Self Assessment (BSA), Management self Assessment (MSA) 30. Per le finalità del presente lavoro, si utilizza la denominazione CRSA per identificare le metodologie sopra evidenziate. Con i questionari predisposti, si è anche voluto verificare il grado di diffusione di progetti di Control Risk Self Assessment (CRSA), le principali motivazioni che hanno determinato l implementazione degli stessi, la tipologia di strumenti utilizzati e gli eventuali fattori di successo.. Grado di diffusione Nell ambito del nostro Paese, differentemente dal contesto anglosassone, il CRSA sembra presentare una limitata diffusione: infatti, soltanto 5 società del campione hanno provveduto ad introdurre il progetto in tutte le aree funzionali 31. Altre 4 aziende rivelano di aver implementato il CRSA, almeno in una funzione, processo o business unit. In particolare, tale metodologia viene utilizzata nelle aree della produzione, delle risorse umane e dell amministrazione. La limitata applicazione deriva, generalmente, dalla necessità di sperimentare l efficacia del CRSA prima di estenderne l implementazione a tutta l organizzazione. Si nota che delle aziende che hanno già implementato il CRSA, quasi tutte (8) hanno introdotto tale progetto da più di due anni. Inoltre, 10 aziende sostengono di voler introdurre il CRSA entro un anno. 29 J. JORDAN, Control Self Assessment: Making the Right Choice, The Institute of internal auditing, 1995; ARTHUR ANDERSEN LLP, Control Self Assessment: Experience, Current Thinking, and Best Practices, Altomonte Springs, The Institute of Internal Auditor Research foundation, 1994; L. BAKER, R. GRAHAM, Control self Assessment, in Internal Auditor, April 1996; FIGG J., The power of CSA, in Internal Auditor, August THE INSTITUTE OF INTERNAL AUDITOR (UK), Control and Risk self assessment, Professional Briefing Note n. 14, London, Uk: The Institute of Internal Auditors United Kingdom, 1998; MC GUAIN B., Auditing Assurance & CSA, in Internal Auditor, June 1998, 31 Di queste, tre saranno oggetto di approfondita analisi con specifici case study in una prossima pubblicazione.

17 17 Finalità Tra le aziende che hanno implementato progetti di CRSA è possibile cogliere degli obiettivi comuni: accrescere il livello di accountability dell organizzazione e consentire al management di assolvere le sue responsabilità in tema di controllo; perseguire una più razionale e dettagliata identificazione e valutazione dei rischi; estendere la valutazione dei controlli a parità di risorse impiegate nella funzione di audit (ampliamento dell audit coverage); creare di un clima collaborativo tra revisori e management operativo. Strumenti di applicazione e fattori di successo Tutte le aziende dichiarano di utilizzare il questionario per l applicazione del CRSA. Solo in due casi si è rilevato l effettivo utilizzo dello strumento workshop, peraltro in aggiunta, e non in sostituzione, al questionario. E stato inoltre chiesto alle aziende di esprimere una valutazione su alcuni possibili fattori in grado di incidere sulla buona riuscita del CRSA. Tra questi, i fattori considerati più rilevanti sono, analogamente a quanto già rilevato nella sezione del risk assessment, la sponsorizzazione da parte del vertice e, in subordine, la partecipazione attiva dei soggetti coinvolti Sono invece considerati meno importanti gli aspetti di pianificazione del progetto e gli skill richiesti ai facilitatori per la conduzione dell attività di self risk assessment. 7. Conclusioni Dai risultati ottenuti si evince la rilevanza, nelle società quotate, dell attività di operational audit, volta a verificare l efficacia e l efficienza della gestione aziendale. Al contrario, la revisione del bilancio destinato a pubblicazione pare rivestire un ruolo sostanzialmente marginale per gli internal auditor. Il sistema di risk management ed il sistema di controllo interno costituiscono due significative componenti della corporate governance, in quanto contribuiscono all economicità della gestione. E possibile notare l adozione di modelli formalizzati di analisi del rischio, talora indotta dalla normativa (Basilea, D.Lgs. 231/2001 e così via), al fine di acquisire una maggiore consapevolezza dei rischi connessi a singoli processi e funzioni. Si osserva, altresì, che i modelli di analisi del rischio sono strumentali alla valutazione dell adeguatezza e dell efficacia dei meccanismi di controllo, coerentemente con quanto indicato dai modelli più diffusi (Coso, Coco e così via). Gli internal auditor sembrano concorrere, in maniera considerevole, al miglioramento della funzionalità del sistema di risk management, sviluppando metodologie, partecipando direttamente alle varie attività di analisi del rischio e garantendo l alta direzione sull esistenza di idonei meccanismi di monitoraggio del rischio. Si è potuto peraltro constatare come lo svolgimento di tali attività sia sovente ostacolato dal sottodimensionamento delle risorse destinate alla revisione interna e, in alcuni casi, dalla limitata disponibilità di competenze specifiche su queste tematiche. Al riguardo, si ritiene che l applicazione delle tecniche di risk management nel processo di audit consenta, molte volte, di sopperire ad eventuali carenze di organico, assicurando idonei standard qualitativi del servizio reso a favore dell organizzazione. L attività di collaborazione tra revisori interni e direzione nell ambito dell analisi del rischio può, a nostro avviso, agevolare il processo di comunicazione degli obiettivi strategici, in modo da allineare ad essi gli obiettivi del piano di audit. Inoltre, gli output dell attività di risk assessment permettono di definire le priorità di revisione sulle aree rilevanti che presentano maggiori criticità, in termini di rischio inerente o di rischio di controllo.

18 Fra le altre tendenze significative nell attività di Internal Auditing che emergono dall indagine empirica svolta si possono cogliere: a) la ricerca dell efficienza ed efficacia perseguita tramite la modifica della struttura organizzativa della funzione (ad esempio, con la creazione di società consortili nei gruppi aziendali); b) lo sviluppo di un rapporto collaborativo con il management nelle attività di controllo, in un più ampio contesto di diffusione dell accountability; c) l enfasi sulle variabili qualitative ed intangibili (clima etico dell organizzazione, stile di management, cultura e cosi via) per garantire la funzionalità del sistema di controllo interno; d) l utilizzo di un approccio control based nella pianificazione del singolo intervento di audit, poiché la valutazione preliminare dei rischi, nei limitati casi in cui è riscontrabile, è finalizzata all accertamento dell adeguatezza dei controlli e non alla verifica del processo di gestione del rischio. 18

19 19 APPENDICE 1 ELENCO DELLE AZIENDE CHE HANNO RISPOSTO AL QUESTIONARIO MIB30 AUTOSTRADE BANCA ROMA ENEL ENI FIAT GENERALI INTESA BCI MEDIASET MEDIOBANCA OLIVETTI PIRELLI RAS SAIPEM SAN PAOLO IMI SNAM RETE GAS TELECOM TIM MIDEX AEM ALITALIA BANCA POPOLARE BERGAMO BANCA POPOLARE DI LODI BANCA POPOLARE MILANO BUZZI UNICEM ESPRESSO ITALCEMENTI MONDADORI RECORDATI SAI UNIPOL ALTRE CASSA DI RISPARMIO FIRENZE COIN FINTECNA HDP IBM ITALIA PIAGGIO POSTE SEA

20 20 BIBLIOGRAFIA AICPA, Statement of Position (SOP 94-6), Disclosure of Certain Significant Risks and Uncertainties, ARTHUR ANDERSEN LLP, Control Self Assessment: Experience, Current Thinking, and Best Practices, Altomonte Springs, The Institute of Internal Auditor Research foundation, BAKER L., GRAHAM R., Control Self Assessment, in Internal Auditor, April BARRET M.J., Allocating Resources with Strength/weakness Analysis, in Internal Auditor, December BASEL COMMITTEE ON BANKING SUPERVISION, Internal Audit in Banks and the Supervisor s Relationship with Auditors, August BRUNI G., La revisione aziendale. Principi, metodi, procedure, Milano, Isedi, CAMPEDELLI B. (a cura di), Analisi dei rischi rilevanti nella revisione aziendale, Torino, Giappichelli, CHAMBERS A., Quo Vadis Internal Auditing?, in Management Accounting, October CHAMBERS A., SELIM G. M., VINTER G., Internal Auditing, London, Pitman, CHAMBERS A., The Operational Auditing Handbook: Auditing Business Processes, John Wiley and Sons, CODA V., Responsabilità degli amministratori e direttori, Sistema di controllo interno e Internal Auditing, in M. MOLTENI (a cura di), Verso una nuova concezione di Internal Auditing, Milano, Egea, 1998, pagg COMMITEE OF SPONSORING ORGANIZATION OF THE TRADEWAY COMMISSION (COSO), Internal Control Integrated Framework, Jersey City, AICPA/COSO, CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI, Guida operativa sulla vigilanza del sistema di controllo interno, CORBELLA S. - PECCHIARI N., Internal auditing, Aspetti di struttura e di processo: i risultati di una ricerca empirica, Milano, EGEA, FIGG J., The power of CSA, in Internal auditor, August FLESHER D. L., Operational Auditing, in The Journal of Accountancy, November GERMAN ACCOUNTING STANDARDS COMMITTEE, E-GAS 5, Risk Reporting, GROSSI G., Il ruolo dell internal audit nel risk management, in Auditing, n. 43 Gennaio-Aprile HINNA L., Il controllo dei rischi bancari generali: un approccio metodologico al management audit, Roma, Rirea, INSTITUTE OF CHARTERED ACCOUNTANTS IN ENGLAND AND WALES, Financial Reporting of Risk. Proposal for a Statement of Business Risk, Study INSTITUTE OF CHARTERED ACCOUNTANTS IN ENGLAND AND WALES, No Surprises. The Case for Better Risk Reporting, ITALIAN COMMITTEE FOR THE CORPORATE GOVERNANCE OF LISTED COMPANIES, Report, Code of Conduct, JORDAN J., Control Self Assessment: Making the Right Choice, The Institute of Internal Auditing, KPMG ITALIA, Studio sulla concreta applicazione del Codice di Autodisciplina e tendenze in atto, September LISI P., L introduzione dell ente di internal auditing in azienda: valutazioni qualitative ed analisi di convenienza, in Auditing, n. 29, MARCHI L., Principi di revisione aziendale, Quarta edizione, Bologna, Clueb, MARKS N., The New Age of Internal Auditing, in Internal Auditor, December MC GUAIN B., Auditing Assurance & CSA, in Internal Auditor, June MC NAMEE D., Business Risk Assessment, Altomonte Springs, The Institute of Internal Auditor, MELVILLE R., Control Self Assessment in the 1990s: the UK Perspective, in International Journal of Auditing, PARKER L., Understanding Risk, in Internal Auditor, February PATTON, EVANS, LEWIS, A framework for evaluating internal audit risk, Altomonte, The Institute of Internal Auditor, PERSIANI N., Introduzione alla revisione interna, Padova, Cedam, PINI M., La revisione di impresa. Controllo interno e sistemi informativi automatizzati, Milano, Giuffrè, REIDER H.R., The Complete Guide to Operational Auditing, New York, John Wiley and Sons, ROTH J.P., COSO Implementation Guide, Altomonte Springs, The Institute of Internal Auditor, SAWYER L.B., Sawyer s Internal Auditing, 4 TH edition, Altomonte, IIA, SELIM G. M., MC NAMEE D., Risk: Changing the Internal Auditor s Paradigm, Altomonte, IIARF, SMITH J.E., An Evaluation of Selected Current Internal Auditing Terms, in Research Report n 19, Florida, IIA, THE INSTITUTE OF INTERNAL AUDITOR (UK), Control and Risk Self Assessment, Professional Briefing Note n. 14, London, UK: The Institute of Internal Auditors United Kingdom, The INSTITUTE OF INTERNAL AUDITORS, Performance standard 2010 Planning ; Performance standard 2201, Planning consideration, in Standards for the professional practice of internal auditing, TROINA G., Revisione interna: riflessioni di primo approccio, Napoli, Liguori, 1989.

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Premessa Il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 39 Attuazione della direttiva

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli