Le novità del lessico italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le novità del lessico italiano"

Transcript

1 Le novità del lessico italiano di Giovanni Adamo e Valeria Della Valle L'interesse per lo studio delle parole nuove si è affermato negli ultimi decenni in ambito internazionale, contemporaneamente con il consolidarsi della lessicologia come disciplina autonoma e il progressivo affermarsi del complesso fenomeno della globalizzazione, che molto ha influito nella formazione di una società plurilinguistica. Per quanto riguarda le ricerche condotte all'estero, vogliamo richiamarci in particolare all'esperienza maturata all'interno dell' Observatorio de Neología dell'università Pompeu Fabra di Barcellona e al progetto Balnéo promosso dal Réseau international de néologie et terminologie. Nello stesso periodo, anche in Italia, si è avuta un'articolata produzione di raccolte e repertori neologici e una crescente attenzione, testimoniata da una serie di contributi e di saggi, anche di grande rilievo scientifico, imperniata sul modello ormai lontano del Dizionario moderno di Alfredo Panzini, rivisitato e arricchito dalle riflessioni e dall'esperienza lessicografica di Bruno Migliorini. Il fatto che negli ultimi anni siano state avviate molte iniziative indirizzate allo studio delle formazioni neologiche in diverse lingue è sicuramente un elemento di ricchezza, foriero di scambi e di collaborazioni. Lo è soprattutto per la possibilità di intraprendere una discussione comune sulle linee guida della ricerca nel settore della neologia e, più in generale, dell'innovazione lessicale nelle grandi lingue europee di cultura. Infatti, l'intensità e la rapidità della comunicazione planetaria spingono in maniera sempre più decisa verso la circolazione e l'adozione di forme, anche linguistiche, sovranazionali, accelerando un processo di compenetrazione delle culture e delle lingue di popoli distanti, ma ormai in contatto stabile tra loro. In particolare, l'idea di istituire un osservatorio neologico della lingua italiana risale al dibattito che ebbe luogo a Roma, sotto l'egida dell'unione latina, nell'aula dei Gruppi parlamentari di Montecitorio il 24 giugno 1991, in occasione dell' Incontro per la creazione di un'associazione sulla terminologia in Italia. A quell'incontro partecipò, con molti altri studiosi e professionisti interessati, Giovanni Nencioni, allora Presidente dell'accademia della Crusca, che pochi mesi dopo fu invitato a assumere per primo la presidenza dell'associazione italiana per la terminologia, appena costituita. È opportuno ricordare che, nel 1987, Nencioni aveva pubblicato il saggio Verso una nuova lessicografia, dove si delineava per la prima volta il quadro complesso e articolato dei nuovi orientamenti della prassi lessicografica, emersi dalla riflessione teorica maturata nei decenni precedenti e culminata con l'affermarsi della lessicologia come disciplina autonoma. In quel saggio si poneva in evidenza l'urgente richiesta di dinamicità, che veniva rivolta allo studio e alla classificazione operata dal lessicografo, e l'aspettativa di una lessicografia non solo semasiologica, ma anche onomasiologica, che cioè s'interessi, oltre che della storia semantica delle parole, del loro rapporto con le cose, cioè della denominazione degli oggetti. 1 Secondo Nencioni, il limite intrinseco al dizionario alfabetico bloccato nelle sue pagine stampate e nella sua struttura è superabile grazie a uno strumento nuovo che ha reso possibile una nuova lessicografia, la banca dei dati, cioè la costituzione di una 1 Questa e le citazioni che seguono sono tratte da G. NENCIONI, Verso una nuova lessicografia, in: Studies in Honour of Roberto Busa S. J., a cura di A. CAPPELLI, L. CIGNONI, C. PETERS, ( Linguistica Computazionale, IV-V), Pisa, Giardini, 1987, pp

2 memoria elettronica aperta ed interrogabile. Questa memoria può essere di fatto vasta o ristretta, totale o parziale, anche circoscritta a singoli generi o autori; e tuttavia non ha, di diritto, limiti quantitativi e può accrescersi e modificarsi progressivamente. Viene così eliminata la selezione imposta dalle proporzioni fisiche del dizionario tradizionale, e anche quella censoria in essa implicita; e superato è infine l'ordine alfabetico, reso inutile da un programma di reperimento e contrario alla manovrabilità e dinamicità del dizionario. Una banca di questi dati, ovviamente provvisoria, ma per ciò stesso aperta e dinamica, consultabile attraverso un tesoro plurilingue, darebbe testimonianze sulla vita settoriale e intersettoriale della nostra lingua che senza dubbio modificherebbero i criteri e i limiti [...] e la stessa concezione dell'analisi lessicografica, la quale sempre più apparirebbe non una bloccata e quindi incerta registrazione e archiviazione ma il più potente strumento di conoscenza della lingua. Strumento che, come tutti gli strumenti, ovviamente è e deve essere costruito in ragione di una teoresi che sta dietro l'impugnatura o l'oculare o la tastiera, e di perseguimenti che stanno oltre la lama o l'obiettivo o l'elaboratore. In questa bella metafora, con la quale si chiudeva l'articolo di Giovanni Nencioni, ci piace immaginare il bisturi dell'anatomopatologo, il microscopio del naturalista e il nostro personal computer. Di questi strumenti, oltre che dei preziosi suggerimenti, ci siamo muniti per dare vita al nostro Osservatorio neologico della lingua italiana, collocandolo nel solco della produzione lessicografica contemporanea, con esplicito riferimento alla documentazione di formazioni neologiche nella stampa quotidiana. È stato già ampiamente studiato, infatti, il ruolo svolto dai giornalisti nella produzione e nella diffusione di parole nuove, sia per divulgare nozioni e costumi ancora poco conosciuti, sia per attrarre l'attenzione dei lettori, ma anche per esprimere in forma spesso molto colorita le loro valutazioni sugli accadimenti. Sono i giornalisti stessi che spesso prendono le distanze dalle neoformazioni frutto della loro inventiva, ora racchiudendole tra virgolette, ora segnalandole in corsivo o sottolineandone la novità mediante l'uso di espressioni come il cosiddetto, conosciuto anche come. Altre volte la forma di nuovo conio offre ai giornalisti lo spunto per intessere con il lettore una sorta di gioco linguistico, finalizzato ad accattivarsene la simpatia, stabilendo con lui una sorta di complicità. L'obiettivo principale dell'osservatorio consiste nell'individuare le linee di tendenza nella creazione di neologismi, come momento di un più ampio studio sull'innovazione lessicale nella nostra lingua, alla luce di quanto già sosteneva Paolo Zolli: i mezzi di arricchimento dell'italiano, come d'ogni altra lingua, sono fondamentalmente quattro: l'acquisizione di elementi nuovi da altri sistemi linguistici, la formazione di parole nuove con elementi preesistenti, il cambiamento di categoria grammaticale e lo spostamento di significato di parole già in uso. 2 Il nostro lavoro è naturalmente destinato agli studiosi della lingua, ai grammatici e ai lessicografi, che potranno trarre dal materiale documentario e dalla classificazione che ne abbiamo fatto le indicazioni utili per verificare il riproporsi di fenomeni già noti, o nuove tendenze emergenti o in via di consolidamento. Pensiamo però che possa risultare utile anche ai docenti e agli studenti delle scuole e dell'università, o a chi apprende l'italiano come lingua straniera, e agli appassionati cultori della nostra lingua che desiderano rendersi conto in modo più diretto e sistematico dei mutamenti in atto. Infine, proprio perché il nostro studio si basa sulla loro produzione scritta, riteniamo di offrire uno strumento efficace anche per coloro che lavorano nel settore della comunicazione, soprattutto i giornalisti stessi, ma anche i mediatori linguistici: traduttori, interpreti o divulgatori. La raccolta dei dati prevede la registrazione delle forme non attestate nei due più importanti e consistenti vocabolari pubblicati nell'ultimo decennio, che assumono per noi il ruolo di corpus di esclusione: la 2 P. ZOLLI, Come nascono le parole italiane, Milano, Rizzoli, 1989, p. 7. 2

3 seconda edizione del Vocabolario della lingua italiana diretto da Aldo Duro e il Grande dizionario italiano dell'uso di Tullio De Mauro. L'archivio documentario è costituito sulla base dello spoglio dei principali quotidiani nazionali, e di molti altri anche a diffusione locale, che ci permettono di registrare il continuo arricchimento, e quindi di ricostruire la costante evoluzione, del mosaico variegato della lingua nazionale dal 1998 al 2003, attraverso gli oltre neologismi finora raccolti, per un totale di circa contesti giornalistici. Vi sono comprese formazioni di nuovo conio o derivate, internazionalismi, forestierismi, tecnicismi e alcuni neologismi d'autore, in considerazione dell'opera di diffusione e di influenza esercitata dai quotidiani nella lingua d'uso, soprattutto nella loro veste di fonte scritta. La maggior parte dei neologismi che abbiamo rilevato ricorre più volte, e spesso in più di uno dei quotidiani esaminati, tanto da poterne preconizzare un verosimile attecchimento nella lingua d'uso, con una lenta perdita del ricercato effetto giornalistico che spesso li connota. Molti, però, sono attestati nel nostro corpus documentario una sola volta e si riferiscono a realtà o episodi contingenti, o a momenti di celebrità vissuti da personaggi della politica, dello spettacolo o dello sport. Abbiamo comunque ritenuto utile conservare memoria della loro attestazione, anche se siamo consapevoli che il loro statuto neologico risulta obiettivamente meno forte e sostenibile. Allo stesso modo dobbiamo riconoscere l'eterogeneità delle neoformazioni raccolte, che nasce dalla volontà di certificare la diffusione di usi lessicali nuovi, come per esempio la proliferazione di sigle straniere e italiane, attraverso una documentazione più ampia possibile. Le finalità primarie dell'osservatorio consistono infatti nella raccolta di testimonianze dell'arricchimento del lessico italiano e nella verifica della vitalità della nostra lingua nell'uso dei meccanismi di produzione e di formazione. Non sorprenderà, pertanto, constatare che da quelle stesse sigle, e con l'impiego dei meccanismi tradizionali, derivano parole pienamente conformi al nostro sistema linguistico. Per citare solo qualche esempio, pensiamo a forme che fanno riferimento a nuovi costumi sociali e a nuove tecniche, come pacsato sm. e fivetteria sf., rispettivamente 'chi ha stipulato il Pacs, Patto civile di solidarietà per il riconoscimento delle unioni di fatto' e 'studio medico nel quale si pratica la tecnica di fecondazione in vitro con trasferimento dell'embrione (Fivet)'; ma anche da sigle di uso più abituale nascono forme, talvola anche frivole, come vippaio sm. 'il mondo dei vip'. Ci sembra utile accennare anche a un uso già invalso da qualche tempo ma che sembra destinato ad affermarsi: quello della trascrizione di sigle che abbiamo classificato nel nostro archivio sotto il tipo deacronimico. Si tratta di derivati, più propriamente da sigle, che forse sull'onda di una certa riluttanza alle sigle nel lessico italiano dell'uso comune si manifestano nella loro forma trascritta, sull'esempio di modelli ormai pienamente accolti come tiggì e pierre. La nostra banca dati documenta: cittì ('commissario tecnico'), diggì ('direttore generale'), e gli omonimi diesse 1 ('Democratici di sinistra'), e diesse 2 ('direttore sportivo'). Per quanto gli esempi citati possano apparire talora disinvolti e accattivanti, si tratta di forme per le quali non è facile pronosticare un sicuro attecchimento nella pratica linguistica, pur ritenendo importante testimoniarne l' uso incipiente, secondo l'intuizione di Bruno Migliorini. 3 Ma non si tratta soltanto di individuare singole formazioni lessicali che iniziano a 3 L'Appendice al Dizionario moderno [ ] vuol presentare ai consultatori del Dizionario e ai futuri lessicografi della lingua italiana una larga scelta del mio schedario di neologismi: [ ] Dicendo una larga scelta intendo sottolineare che già molti ne ho esclusi mostriciattoli individuali mal coniati, e che per fortuna non accennano ad attecchire. Molti altri fra quelli che ho registrati sono purtroppo mostriciattoli anch'essi, ma sembrano in qualche modo estendersi, testimoniano insomma di un uso incipiente. [ ] Questo criterio dell'"uso incipiente" l'ho tenuto anche per le voci provenienti dalle innumerevoli terminologie speciali: un vocabolo finanziario o chimico o metallurgico ecc. l'ho registrato solo quando m'è sembrato che cominciasse a uscire dall'uso specifico per entrare nell'uso generale, B. MIGLIORINI, Avvertenza, in A. PANZINI, Dizionario moderno, nona edizione, con un proemio di A. SCHIAFFINI e un'appendice di B. MIGLIORINI, Milano, Hoepli, 1950, p

4 diffondersi, quanto di documentare anche l'affermarsi di veri e propri modelli nei quali riscontriamo il cristallizzarsi di sequenze di elementi lessicali, che difficilmente trovano spazio o accoglienza nei dizionari. A questo proposito ci sembra opportuno richiamare l'attenzione su alcuni tratti che abbiamo verificato in maniera sistematica, tanto da poter affermare che non si tratta più solo di linee di tendenza, ma di fenomeni che si vanno ormai consolidando nella nostra lingua. Dall'osservazione del materiale raccolto ci sembra emergere una conferma dell'influenza esercitata dalla lingua inglese nel conio di forme italiane composte. Pochi elementi formanti di origine inglese si combinano con molte parole italiane, dando luogo a formazioni ibride che ricalcano la sequenza DETERMINANTE+DETERMINATO tipica della lingua inglese. Tra questi scegliamo due casi che ci sembrano esemplari: l'ormai addomesticato baby, 4 che continua a essere fortemente produttivo; e il più recente web, 5 per certi aspetti meno consueto e semanticamente più opaco per il parlante italiano. Si potrebbe quasi ipotizzare che web assuma la funzione di un prefissoide o, come preferisce Tullio De Mauro nel Grande dizionario italiano dell'uso, di un confisso, del quale sembra perdersi l'autonoma funzione sintattica, rimanendo un generico significato connesso con Internet. Resterà da verificare se il medesimo processo potrà coinvolgere anche altri formanti inglesi. Per questa via, finisce comunque per imporsi un modello che penetra nella trama sintattica del nostro sistema linguistico e dà luogo a neologismi, questa volta tutti italiani anche se molto occasionali, come: aromaterapeuta, arteterapia, bambinocentrico, cellulare-dipendenza, cioccolata-dipendente, comicoterapia, medicine-dipendente, sindacato-pensiero e telefoninodipendente. All'interno del gruppo funzionale NOME+NOME mostrano particolare vitalità le serie che presentano in seconda posizione gli elementi formanti: simbolo, 6 chiave, 7 lampo, 8 bomba, 9 base, 10 fantasma, 11 fiume, 12 denuncia. 13 Anche in questo caso ci troviamo di fronte a 4 L'uso di baby in funzione attributiva è stato segnalato e illustrato da I. KLAJN, Influssi inglesi nella lingua italiana, Firenze, Olschki, 1972, p. 34. Delle 48 entrate presenti nell'osservatorio, segnaliamo: baby-calciatore, babycampione, baby-criminale, baby-criminalità, baby lavoratore, baby-lavoro, babypensione (nel Grande dizionario italiano dell'uso è registrata solo la foma pensione baby, mentre il Disc già attesta baby pensione), baby prostituta e baby prostituto, baby rapinatore, babyspacciatore e baby teppista. Nei casi che designano fenomeni legati alla malavita e alla delinquenza, ci sembra che l'uso del formante inglese baby acquisti una funzione attenuativa dell'impatto emotivo che potrebbero suscitare fenomeni criminosi dei quali risultano protagonisti i bambini. 5 Tra le prime forme ibride che si vanno componendo in italiano abbiamo registrato webfemminismo, websondaggio, e web-tg. 6 Tra le 19 neoformazioni registrate, elenchiamo: azienda-simbolo, bersaglio-simbolo, coppia-simbolo, gesto-simbolo, immagine-simbolo, luogo-simbolo, obiettivo-simbolo, uomo-simbolo. 7 Dei 16 esempi citiamo: appuntamento-chiave e incontro-chiave, momento chiave, poltrona-chiave e questione chiave. 8 Tra i 16 neologismi registrati figurano: approvazione-lampo, divorzio-lampo, indagine-lampo, rapimento lampo e sequestro-lampo, udienza lampo. 9 Tra le 16 formazioni attestate scegliamo: aereo-bomba, camion-bomba, farmaco-bomba, intervistabomba, lettera-bomba e uomo-bomba. 10 Registriamo 10 esempi con base in seconda posizione con uso aggettivale. Tra questi: alimento-base e cibo-base, concetto-base, formazione-base. 11 Tra le 9 formazioni con fantasma, presentiamo: decreto fantasma, docente-fantasma, famigliafantasma, gol-fantasma, presenza-fantasma e reggiseno-fantasma. 12 Degli 8 esempi raccolti citiamo: assemblea-fiume, consiglio-fiume, intervista-fiume, racconto-fiume e telefonata-fiume. 4

5 un modello di giustapposizione sintattica più proprio della lingua inglese che sembra tuttavia ormai definitivamente acclimato nella nostra pratica linguistica. Sempre in seconda posizione e con la medesima funzione aggettivale, s'incontrano diversi lessemi di origine straniera, e non solo inglese, che continuano a mostrare segni di una produttività assai vivace: killer (con ben 51 formazioni registrate), record (10), baby (già in uso da molti anni in seconda posizione, del quale abbiamo registrato 4 nuove forme), e inoltre boy e day, presenti in molti composti nuovi, la maggior parte dei quali con nomi propri, secondo uno schema in forte espansione, che presenta talvolta i tratti di un'ossessiva imitazione di espressioni inglesi. Abbiamo anche attestazioni di parole provenienti da altre lingue, come l'affermatissimo choc, che entra a far parte di 31 voci nuove nella grafia francese e che si alterna con la meno affermata grafia inglese shock, presente in 7 composti. Vi sono poi l'ormai consueta forma tedesca lager, che appare in 4 nuovi composti, e due parole giapponesi, kamikaze e bonsai, che concorrono a dar vita, rispettivamente, a 13 e 5 formazioni nuove. A livello semantico, si possono riscontrare le manifestazioni più vivaci e profonde della funzione espressiva e referenziale del codice linguistico per i parlanti di una lingua. Nel nostro archivio il materiale classificato come semantico è articolato in varie tipologie: specializzazione, metaforizzazione, antonomasia, calco traduzione, prestito e onomatopea. Per la specializzazione, vogliamo ricordare governatore sm., che si è affermato nell'accezione 'presidente di Regione direttamente eletto dal voto popolare' ed è passato poi a designare, per estensione, altre cariche politiche di amministrazioni locali elette con suffragio popolare. Ancora con il suffisso -tore, troviamo specializzato l'uso di convertitore sm. 'calcolatrice, perlopiù tascabile, ideata per la conversione di valute, con particolare riferimento alla conversione in euro di valori espressi nelle valute nazionali e viceversa'; anche se, a nostro parere, più che di una specializzazione del già esistente convertitore, è probabile che si tratti di una forma abbreviata del vocabolo di nuovo conio euroconvertitore sm., che risente nella sua formazione dell'inglese converter, quasi un calco traduzione sull'onda unificatrice della nascita della nuova moneta comune. Registriamo infine forchetta sf., che nel linguaggio della statistica è divenuta ormai familiare a moltissimi parlanti nell'accezione di 'ampiezza della possibile oscillazione tra un valore minimo e uno massimo', ma risulta sorprendentemente ancora assente dal nostro corpus di esclusione. Un esempio interessante di calco traduzione è costituito dalla forma deregolazione, ricalcata sull'originale inglese deregulation, 'orientamento politico tendente alla soppressione di norme legislative che risultano eccessivamente vincolanti per lo sviluppo economico e l'attività d'impresa'. In questo caso, a conforto dell'ipotesi di un calco traduzione di nuovo conio, basterà considerare che nella lingua italiana esiste già deregolamentazione, che fa riferimento allo stesso concetto. Anche se in misura nettamente inferiore, abbiamo registrato esempi di calchi traduzione da lingue diverse dall'inglese, come nel caso di polizia di prossimità, forgiato sul francese police de proximité, 'polizia incaricata della sorveglianza di un quartiere, nel quadro di una presenza più capillare e articolata sul territorio e di una maggiore vicinanza ai cittadini'. Ma in italiano sembrano affermarsi più decisamente poliziotto di quartiere e vigile di quartiere, sottolineando e privilegiando, tra l'altro, il riferimento alla persona più che all'istituzione. Molto più consistente è il numero di prestiti integrali, anche se probabilmente inferiore alle nostre stesse previsioni e alla percezione che un parlante comune può maturare attraverso l'ascolto di programmi radiotelevisivi e la lettura della stampa quotidiana e periodica. Occorre, tuttavia, distinguere fra i tanti prestiti presenti nel nostro archivio: alcuni sembrano trarre giustificazione dalla loro settorialità, e quindi dalla monoreferenzialità del loro impiego, 13 Elenchiamo le 7 formazioni raccolte: articolo-denuncia, dossier-denuncia, esposto-denuncia, filmdenuncia, inchiesta-denuncia, lettera-denuncia e scoperta-denuncia. 5

6 altri dall'opportunità di mantenere in qualche caso forme che assumono uno status sovranazionale o che si possono addirittura preferire a equivalenti italiani che potrebbero risultare poco immediati o appropriati per il parlante, se non tavolta caricaturali, per il tentativo grottesco e velleitario di trovare ad ogni costo un equivalente autoctono. Ci riferiamo, per esempio, a una colorita locuzione tipica del linguaggio borsistico e finanziario, che ben si inserisce in uno scenario ricco di metafore di forte presa, come quelle del toro e dell'orso sviluppate all'interno del mondo della finanza americano: animal spirit, 'chi compie spregiudicate operazioni finanziarie, avendo di mira solo il proprio profitto'. Il nostro archivio testimonia anche il calco italiano spirito animale, che, diffondendosi nella lingua dell'uso, potrebbe risultare a nostro parere opaco o addirittura fuorviante, perché privo dei necessari collegamenti metaforici. D'altra parte, troviamo attestate espressioni come attachment, che ci sembra francamente superflua e alla quale sarebbe certo più trasparente sostituire allegato; in altri casi, la preferenza riservata al prestito integrale, come per day care e day surgery, lascia trapelare il bisogno di dare nuova veste a concetti, consuetudini o prestazioni che si vanno affermando nella riforma delle politiche sanitarie, dove sono stati adottati, in modo forse troppo artificiale, per designare rispettivamente una 'prestazione sanitaria semiresidenziale o domiciliare' e un 'intervento chirurgico con ricovero fino a dodici o ventiquattro ore, chirurgia di giornata; per estensione, il reparto ospedaliero nel quale si compiono interventi chirurgici che non richiedono il ricovero interno'. Un caso a parte rappresenta il changeover conseguente all'entrata in circolazione della moneta unica europea: ci sembra si tratti qui di un'espressione che, in virtù dell'atto stesso che denota, assume una funzione sovranazionale che può ben coniugarsi con un significante uniforme per tutti i cittadini dell'unione. I materiali raccolti e i risultati emersi nel corso della nostra ricerca verranno diffusi attraverso un duplice canale: da un lato, il materiale costituirà un repertorio consultabile a stampa, un vero e proprio dizionario 14 ; dall'altra vorremmo, questo è il nostro obiettivo più arduo e più ambito, che il materiale raccolto possa dar luogo all'istituzione di un vero e proprio osservatorio permanente, continuamente aggiornato, una banca dati che realizzi un'opera non più destinata a esaurirsi in una pubblicazione cartacea condannata a una senescenza precoce, sulla scorta di quell'idea di lavoro dinamico e in continuo divenire, proposta da Alfredo Panzini e riaffermata da Giovanni Nencioni, e del criterio fondamentale dell'uso incipiente affermato da Bruno Migliorini. Giovanni Adamo e Valeria Della Valle 14 G. ADAMO - V. DELLA VALLE, Neologismi quotidiani. Un dizionario a cavallo del millennio ( ), Firenze, Leo S. Olschki, in corso di stampa. 6

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano Titolo percorso Parole senza frontiere Autore Nicola De Laurentiis Unità teorica di riferimento Modulo 7 Lessico e dizionari dell italiano Nucleo tematico di

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA Lingua e visione del mondo. Universali linguistici Nei brani

Dettagli

OSSERVAZIONI SUGLI ADATTAMENTI I.S. WALSER E MONT ROSE B B) MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO E FACILITANTI L ATTUAZIONE

OSSERVAZIONI SUGLI ADATTAMENTI I.S. WALSER E MONT ROSE B B) MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO E FACILITANTI L ATTUAZIONE OSSERVAZIONI SUGLI ADATTAMENTI I.S. WALSER E MONT ROSE B SCUOLA DELL INFANZIA B) MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO E FACILITANTI L ATTUAZIONE FORMAZIONE E necessario prevedere attività di formazione dirette a

Dettagli

antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant

antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant antiana Testi Ricerche Materiali sull irradiazione di Kant Progetto di ricerca 0. Presentazione Kantiana è un progetto di ricerca finanziato dall Università della Valle d Aosta e, in precedenza, dall Università

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

ISTRUZIONI AI VPA PER VALUTAZIONE PRODOTTI 2012. luglio 2013

ISTRUZIONI AI VPA PER VALUTAZIONE PRODOTTI 2012. luglio 2013 ISTRUZIONI AI VPA PER VALUTAZIONE PRODOTTI 2012 luglio 2013 Ai Valutatori dei Panel d Area Care Colleghe e Colleghi, Trieste, 18 luglio 2013 la presente è per confermarvi che le operazioni di valutazione

Dettagli

Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado. M.Marchi Università Cattolica - Brescia

Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado. M.Marchi Università Cattolica - Brescia Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado M.Marchi Università Cattolica - Brescia L insegnamento della matematica nella scuola della riforma 16

Dettagli

Fine anni 70 e inizio anni 80 : inizia l era dell automazione, si producono macchine con tecnologie avanzate

Fine anni 70 e inizio anni 80 : inizia l era dell automazione, si producono macchine con tecnologie avanzate GLI SVILUPPI DELLA MANUALISTICA L esigenza di realizzare la Manualistica emerge per la prima volta in America Sono proprio i fabbricanti Americani i primi, tra la fine dell 800 e l inizio del 900, insieme

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale

QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale QUADRO DI RIFERIMENTO COMPETENZA LINGUISTICA LINGUA MADRE (ITALIANO) Esame di Qualifica Professionale Esame di Diploma Professionale I riferimenti per la costruzione delle prove sono: lo Standard Formativo

Dettagli

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana *

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * LETTURE E SEGNALAZIONI 183 L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * Giorgio Brosio C era bisogno di un nuovo libro sul governo e la finanza locale

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

GIUSEPPE PATOTA. Grammatica. di riferimento. deua lingua italiana. per. Prezzo Euro 18,00 ISBN 88-00-84701-3

GIUSEPPE PATOTA. Grammatica. di riferimento. deua lingua italiana. per. Prezzo Euro 18,00 ISBN 88-00-84701-3 GIUSEPPE PATOTA Grammatica di riferimento deua lingua italiana per. Prezzo Euro 18,00 ISBN 88-00-84701-3 Presen il) Ione La "Società Dante Alighieri" ha radici antiche ma è aperta al nuovo, proprio come

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014

Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014 Il morbus anglicus nell italiano di oggi Lezione del 7 novembre 2014 [Fonti: A. Castellani, Morbus anglicus; C. Giovanardi-R. Gualdo, Inglese-italiano 1-1; E. Picchiorri, intervista a Tullio De Mauro;

Dettagli

Brani con attività guidate di letto-scrittura e analisi del testo da completare sul Quadernone, da soli, a casa, come rinforzo o come verifica

Brani con attività guidate di letto-scrittura e analisi del testo da completare sul Quadernone, da soli, a casa, come rinforzo o come verifica Brani con attività guidate di letto-scrittura e analisi del testo da completare sul Quadernone, da soli, a casa, come rinforzo o come verifica Mappe riassuntive e piacevoli e di immediata lettura Una sezione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2015 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (BES - SVANTAGGIO LINGUISTICO)

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (BES - SVANTAGGIO LINGUISTICO) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO "VIA GUICCIARDINI, 6" PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (BES - SVANTAGGIO LINGUISTICO)

Dettagli

CURRICOLO di ITALIANO classe terza

CURRICOLO di ITALIANO classe terza CURRICOLO di ITALIANO classe terza 1 TERZA NUCLEO DISCIPLINARE: A COLTO E PARLATO OBIETTIVO GENERALE: A - ascoltare, comprendere e comunicare oralmente CONTENUTI ATTIVITA Ascolto e comprensione di testi

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Vairano Scalo Programmazione didattica ed educativa A.S. 2015-16 Docente: De Sisto Annamaria Materia : Latino Classe II B 1) Profilo della classe e situazione

Dettagli

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Coordinamento di Feljeu : Caterina Colonna, Anna Cornacchia, Annalisa Divincenzo Finalità della ricerca Il sondaggio

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA TESI

LINEE GUIDA PER UNA TESI CONSORZIO EDITORIALE FRIDERICIANA LINEE GUIDA PER UNA TESI Indice degli argomenti 1. La scelta dell'argomento 2. La ricerca bibliografica 3. La schedatura dei testi 4. L'organizzazione delle idee 5. La

Dettagli

ILMALLONEIT numero speciale della V B Casapapa

ILMALLONEIT numero speciale della V B Casapapa ILMALLONEIT numero speciale della V B Casapapa ILMALLONE e ILMALLONE.IT, Notiziario del I Circolo di Solofra RELAZIONE FINALE Dicembre 2008 A cura di Rosanna Mele Relazione finale Non è il primo anno che

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 2. La lingua italiana nei mezzi di comunicazione di massa Arianna Alessandro

Dettagli

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco il Sabatini Coletti versione professionale 190.000 lemmi e accezioni 39.300 locuzioni 1580 polirematiche 45.400 sinonimi 83.000 etimologie e date della prima attestazione Divisione in sillabe e pronuncia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2016 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

Convegno Nazionale Dirigenti Scolastici CGIL Napoli 3-4 maggio 2012

Convegno Nazionale Dirigenti Scolastici CGIL Napoli 3-4 maggio 2012 Convegno Nazionale Dirigenti Scolastici CGIL Napoli 3-4 maggio 2012 Valutazione della scuola, Valutazione del DS: ambiguità, senso, prospettive. Uno sguardo internazionale Giovanna BARZANO Dirigente Tecnico

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale)

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale) NOTE SUL METODO DI STUDIO a cura di Valeria Calcagno prima fase Quando ci si accinge a studiare un nuovo argomento è necessario avere prima di tutto un'idea generale di esso. come? attraverso l'ascolto

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

Un coniglio a scuola

Un coniglio a scuola Un coniglio a scuola Un esperienza di osservazione scientifica nella Scuola dell Infanzia. Paola Conti Nella messa a punto di questo percorso didattico ci siamo mosse nell ottica dell educazione cognitiva

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

VERSO UN APPROCCIO SISTEMICO

VERSO UN APPROCCIO SISTEMICO La proposta di uno strumento per la documentazione del primo periodo di frequenza del bambino nel nido L INSERIMENTO DEL BAMBINO NEL NIDO : VERSO UN APPROCCIO SISTEMICO di Aldo Fortunati* Alcune considerazioni

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI U.A. ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B TITOLO DOCENTI OBIETTIVI FORMATIVI DISCIPLINE COINVOLTE STRUMENTI LE NOSTRE PAROLE VALGONO Ascoltare le comunicazioni

Dettagli

L insegnamento delle lingue e i dislessici

L insegnamento delle lingue e i dislessici L insegnamento delle lingue e i dislessici Anna Chiarenza - Vittoria Coniglione Un indagine proposta dalla Associazione Italiana Dislessia sottolinea come su circa 400.000 alunni iscritti nelle scuole

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

TRADUTTRICE E TRADUTTORE

TRADUTTRICE E TRADUTTORE Aggiornato il 9 luglio 2009 TRADUTTRICE E TRADUTTORE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

III ANNO Attività Formative Settori Scientifico-disciplinari CFU I lingua straniera III 5 II lingua straniera III 5 Di base

III ANNO Attività Formative Settori Scientifico-disciplinari CFU I lingua straniera III 5 II lingua straniera III 5 Di base Laurea in Lingue per la Mediazione Linguistica] Classe n. 3 - Classe delle lauree in scienze della mediazione linguistica Accesso: 0 posti Titolo per l ammissione: diploma di istruzione di secondo grado

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI POTENZIAMENTO LINGUISTICO a.s. 2013/2014

PROGETTAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI POTENZIAMENTO LINGUISTICO a.s. 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA di 1 GRADO «U. NOBILE» Ciampino PROGETTAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI POTENZIAMENTO LINGUISTICO a.s. 2013/2014 PREMESSA Le motivazioni che spingono ad elaborare un progetto di avviamento

Dettagli

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Cosa è Scuola Valore, Finalità... 2 I progetti... 3 Le risorse e i possibili utilizzi... 4 Il processo di produzione delle risorse... 6 1 Cosa è

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI.

VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI. COMMISSIONE INTERCULTURA a.s. 2013 2014 LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI La Commissione Intercultura durante l anno scolastico in corso si è occupata della VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI. La presente

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Scuola Primaria Statale Salvo D Acquisto I Circolo di Pioltello. PROGETTO SPAZIO, LINGUA, BAMBINO Laboratorio Interculturale di Italiano L2

Scuola Primaria Statale Salvo D Acquisto I Circolo di Pioltello. PROGETTO SPAZIO, LINGUA, BAMBINO Laboratorio Interculturale di Italiano L2 Scuola Primaria Statale Salvo D Acquisto I Circolo di Pioltello PROGETTO SPAZIO, LINGUA, BAMBINO Laboratorio Interculturale di Italiano L2 Premessa Il I circolo di Pioltello è composto da due plessi di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 7 AGOSTO 2007, N. 7 PROMOZIONE DELLA RICERCA SCIENTIFICA E DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA IN SARDEGNA

LEGGE REGIONALE 7 AGOSTO 2007, N. 7 PROMOZIONE DELLA RICERCA SCIENTIFICA E DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA IN SARDEGNA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

CURRICOLO di ITALIANO classe seconda

CURRICOLO di ITALIANO classe seconda CURRICOLO di ITALIANO classe seconda 1 SECONDA NUCLEO DISCIPLINARI: A - COLTO E PARLATO OBIETTIVO GENERALE: A - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente CONTENUTI Conversazioni e dialoghi. Discussioni

Dettagli

Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato

Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato Tradizione e innovazione: la stenografia in Senato Caprera, 16 dicembre 1877 "Desidero che l utilissima scoperta del professor Michela sia messa in opera." Giuseppe Garibaldi Questa lettera è uno dei tanti

Dettagli

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico 1 UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Terminologia della lessicologia Parole chiave Lessema Lemma Termine

Dettagli

Alberi Decisionali di Vito Madaio

Alberi Decisionali di Vito Madaio Tecnica degli Alberi Decisionali Cosa è un albero decisionale Un albero decisionale è la dimostrazione grafica di una scelta effettuata o proposta. Non sempre ciò che istintivamente ci appare più interessante

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

Tutti i diritti sono riservati. 2013 by Editrice Ardea web s.r.l.

Tutti i diritti sono riservati. 2013 by Editrice Ardea web s.r.l. ARDEA EDITRICE Tutti i diritti sono riservati. 2013 by Editrice Ardea web s.r.l. Via Capri, 67-80026 Casoria (Napoli) Tel. 081-7599674 fax 081-2509571 È assolutamente vietato riprodurre l opera anche parzialmente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RAPALLO-ZOAGLI VIA FERRETTO, 4-16035 - RAPALLO (GE) tel. 0185 231085 C.F. 91045810107 - C.M. GEIC866008 - e-mail

ISTITUTO COMPRENSIVO RAPALLO-ZOAGLI VIA FERRETTO, 4-16035 - RAPALLO (GE) tel. 0185 231085 C.F. 91045810107 - C.M. GEIC866008 - e-mail PROGETTO ITALIANO L2 DOCENTE: CASSARO MARIA PROGETTO: ITALIANO L2 (alfabetizzazione/consolidamento) DESTINATARI: GRUPPO MISTO DI ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE E DI SECONDA GENERAZIONE NON ITALOFONI ORE:

Dettagli

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE.

Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Osservatorio sull euroletto. Analisi interlinguistica e intralinguistica delle varietà giuridiche in contesto UE. Laura Mori (laura.mori@unint.eu) UNINT.EU Il Gruppo di ricerca (2013-2016): 11 lingue UE

Dettagli

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione Lingua Straniera. Francese. a.s. 2015/2016. Classi prime

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione Lingua Straniera. Francese. a.s. 2015/2016. Classi prime I.O. Angelo Musco Scuola Secondaria di I grado Programmazione Lingua Straniera Francese a.s. 2015/2016 I docenti di Lingue Straniere cureranno l insegnamento attraverso un metodo funzionale-comunicativo,

Dettagli

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia .6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia Nella Scuola dell'infanzia non si parla propriamente di valutazione se non in termine di sviluppo di competenze riferito ai Campi di Esperienza delle Nuove

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

VI. APPROFONDIMENTI AL CAPITOLO 6

VI. APPROFONDIMENTI AL CAPITOLO 6 VI. APPROFONDIMENTI AL CAPITOLO 6 VI.1 Il Termometro del federalismo Su un problema di interesse generale come quello del decentramento e, più in generale del federalismo, esiste l oggettiva esigenza di

Dettagli

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA - CLASSE TERZA NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE ASCOLTO E PARLATO Strategie essenziali dell ascolto. Processi di controllo da mettere in atto durante l ascolto

Dettagli

L intervento di De Bartolomeis

L intervento di De Bartolomeis APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE SUL PROGETTO DI ATTIVITA ARTISTICA Gli appunti fino ad ora letti e discussi risalgono ad una visione dell attività artistica essenzialmente di stampo arnhemiano. Le letture

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE. www.slidetube.it

IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE. www.slidetube.it IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE Consiglio Internazionale Infermieri (Icn) 1991 Rende visibile la complessità del ruolo professionale nel contesto socio sanitario nel recuperare

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA)

Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA) Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA) Enrico Ghidoni 1 La nuova legge sui disturbi specifici di apprendimento (legge n. 170 del 8/10/2010) è indubbiamente un elemento nuovo

Dettagli

PROCESSO DI INDICIZZAZIONE SEMANTICA

PROCESSO DI INDICIZZAZIONE SEMANTICA PROCESSO DI INDICIZZAZIONE SEMANTICA INDIVIDUAZIONE DEI TEMI/CONCETTI SELEZIONE DEI TEMI/CONCETTI ESPRESSIONE DEI CONCETTI NEL LINGUAGGIO DI INDICIZZAZIONE TIPI DI INDICIZZAZIONE SOMMARIZZAZIONE INDICIZZAZIONE

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù

Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù Bollettino Itals Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù di Francesca Tammaccaro Gaia Chiuchiù si è laureata in linguistica applicata con una tesi sperimentale. È attualmente responsabile

Dettagli

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini Quaderni della sicurezza AiFOS n. 4, 2010 Sommario PRESENTAZIONE MicheleLepore 1 INTRODUZIONE PaoloPennesi 5 Ilruolodeiformatorinellaformazioneallasicurezza LorenzoFantini 7 Breviconsiderazionisullaformazioneesuiformatoriinmateriadisaluteesicurezza

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

Claude Shannon. La teoria dell informazione. La comunicazione 22/02/2012. La base dei modelli comunicativi. Claude Shannon e Warren Weaver

Claude Shannon. La teoria dell informazione. La comunicazione 22/02/2012. La base dei modelli comunicativi. Claude Shannon e Warren Weaver Lez. 2 La teoria dell informazione La culla dell informatica La base dei modelli comunicativi Alla base di tutti i modelli della comunicazione ci sono 2 differenti impianti: Shannon e Weaver Roman Jakobson

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL SINTESI a cura di Giacomo Vendrame e Paolo Vallese ottobre 2008 Nobel è un progetto dell Ires Veneto promosso da Il Veneto letto dai

Dettagli

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Indagine demografica (1981-2013) con dati aggiornati al

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli