Le strategie per una mitigazione sostenibile del rischio. Scira Menoni- Politecnico di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le strategie per una mitigazione sostenibile del rischio. Scira Menoni- Politecnico di Milano"

Transcript

1 Le strategie per una mitigazione sostenibile del rischio Scira Menoni- Politecnico di Milano

2 Punti da discutere: Partiamo da una storia (vera) e arriviamo ad indicare alcuni dilemmi della pianificazione Allarghiamo lo sguardo ad altre storie (estere) Le strategie per una mitigazione sostenibile del rischio Un paio di proposte a partire dal progetto Armonia e da un progetto finanziato dalla Regione Lombardia alcuni anni fa Discussione di alcuni punti critici e prospettive per il futuro Scira Menoni- Politecnico di Milano

3 Una storia: nel febbraio 2011sono stata invitata da due rappresentanti di un associazione civica nata dopo l alluvione del 2010 a un incontro presso un comune X

4 Stakeholders : - Sindaco, attento alla tematica, apparentemente disposto a rivedere alcune parti del PAT; - Assessore all Urbanistica, propenso a chiedere agli esperti misure di mitigazione edilizia del rischio; - Tecnico comunale, responsabile dell ufficio tecnico che proprio non ne voleva sapere

5 Alla fine: poche settimane prima delle elezioni il PAT viene approvato in Consiglio Comunale, senza tenere conto di alcune osservazioni, anche di Italia Nostra

6 Alla fine: poche settimane prima delle elezioni il PAT viene approvato in Consiglio Comunale, senza tenere conto di alcune osservazioni, anche di Italia Nostra

7 Alla fine: nelle maglie di un piano che apparentemente recepisce le indicazioni della relazione idraulica e geologica in realtà si annidano nuove edificazioni, nuovi errori urbanistici.

8 Criticità nelle scelte di piano apparentemente compatibili: un caso da un comune lungo l Oglio sublacuale (progetto Irer, Irpi di Torino)

9 Relazione geologica e PRG: alcuni contenziosi Ricorso di privato contro la decisione della Regione che in sede di iter di approvazione della variante al PRG di un comune ne aveva stralciato gli ambiti prospicienti al fiume Oglio e che erano stati destinati a edilizia di completamento. «La motivazione [dello stralcio] è del tutto falsa, come risulta dalla perizia geologica e idraulica corredata da carta morfologica e rilievo planialtimetrico dalla quale risulta come l area sia posta ad una quota superiore a qualsiasi ipotizzabile piena del fiume, essendo posta ad una quota superiore dell ospedale e non è stata esondata dall eccezionale piena del 1997»

10 Regione Lombardia è stata citata da due privati il cui insediamento artigianale già condonato ed incluso in una variante al PRG era stato stralciato in sede di approvazione regionale «Il rilievo regionale non si fonda su un autonoma attività istruttoria di indagine geologica, ma si basa esclusivamente sulle risultanze della Relazione Geologica allegata al PRG redatta dal geologo secondo la zonizzazione geologica elaborata da quest ultimo, le aree in questione risultano classificate entro la zona 7 del gruppo IV, ove non viene affatto esclusa la possibilità di edificare, a condizione che vengano rispettate alcune prescrizioni volte a consentire l accertamento, caso per caso, delle condizioni di sicurezza del singolo intervento edilizio. Vi sono soglie critiche di problematicità idrogeologica oltre le quali sarebbe imprudente avventurarsi mediante iniziative edificatorie. Al di sotto, se ad ogni livello di criticità si accompagnasse l inedificabilità degli stessi, lo sviluppo edilizio nelle valli alpine sarebbe del tutto precluso».

11 Ricorso per un espansione industriale negata in un comune della Valtellina: «[che già il comune aveva richiesto in sede di controdeduzione il ripristino dell originaria destinazione del PRG adottato, soffermandosi particolarmente:] a. sulle aree D2 (zone industriali e artigianali di espansione a sud della ferrovia «in quanto già in avanzata fase di attuazione con PIP regolarmente approvato» b. sulle limitrofe aree D1 (esistenti) essendo queste ultime «in rilevato rispetto agli argini dell'adda, già densamente edificate» e non avendo esse «subito inconvenienti di rilievo in occasione dell alluvione del 1987».

12 Sono risultati molto simili a quelli evidenziati da Scolobig e de Marchi in un loro recente contributo nell ambito del progetto Floodsite in P. Samuels, S. Huntington, W. Allsop and J. Harrop (eds.) Flood Risk Management: Research and Practice, CRC Press, Taylor and Francis Group, London (2009) Dilemmas in land use planning in flood prone areas Dilemmi: difficoltà di sostenere i vincoli allo sviluppo urbano in presenza di opere di difesa dal costo elevato per la comunità; scarsa percezione del rischio che non fa propendere per misure di mitigazione adeguate alle condizioni di pericolo; il dilemma di responsabilità laddove si crea un circolo vizioso nel quale la migliorata capacità di risposta e di prevenzione delle amministrazioni incoraggia la passività e la deresponsabilizzazione della cittadinanza; il dilemma della comunicazione, per il quale la redazione di carte di rischio, imposte ad esempio dalla Direttiva Alluvioni del 2007 può avere come effetto collaterale la perdita di valore dei beni immobili già esistenti

13 Huber, the Bhopalization of the US tort law, in Issues in Science and Technology, vol. II, n.1, National Academy of Sciences, Rischi privati: (guidare, fumare, etc.): * Controllo individuale * libera assunzione del rischio * Chiaramente individuabile un responsabile in caso di danno * Tribunali capaci di dirimere controversie Rischi collettivi: (terremoti, frane, incidenti industriali etc.): * Molti soggetti implicati * Rischio poco conosciuto o non assunto consapevolmente * Responsabilità molteplici e intricate * Giudici e avvocati alle prese con complesse perizie tecniche

14 Salter L. et al., Mandated science. Science and scientists in the making of standards. Kluwer Academic Publishers, Dordrecht-Boston-London, Scienziati e tecnici in un arena poco familiare * Necessità di spiegare in termini corretti ma senza gergo contenuti complessi * Capacità di esplicitare e riconoscere l incertezza * Capacità di relazionarsi con i non tecnici, senza svilire i contenuti tecnici e senza concedere alle esigenze di immagine (recenti esperienze nel Friulano Pordenone in particolare)

15 Indifferenza al rischio del principio della comunità sostenibile : il London Gateway Project

16 La comunicazione non sono solo parole (Bruna De Marchi): la ricostruzione del Centro Congressi di Dresda dopo l alluvione del 2002.è un esempio

17 La pianificazione del territorio avrebbe potuto (e potrebbe tuttora) fornire un contributo essenziale nella prevenzione dei rischi naturali Unesco 1977: nothing has been done to discourage extensive tourist development close to the shore...use of shoreline sites in on the increase in the Fiji, putting investemnts, visitors and Fijian people all at peril from rare but quite possible events

18 STRUCTURAL NON STRUCTURAL long term mitigation measures decreasing HAZARDS reducing EXPOSURE - understimation of flood levels in - difficulties in different events (excluded possibility evacuating people in of overcoming "historic" temporary settlements catastrophies at a large distance from their original homes reducing VULNERABILITY physical social and economic built environment natural environment - specific requirements to control - improve citizens involvement in risk - need for stronger - monocultural buikldings vulnerability to management: - ccepting building and land floodplain regulation and agricoltural practices various types of hazards (particularly seismic, but also avalanches and landlsides) use restrictions; - environmental maintenance activities (forests, rivers) building permits control should be avoided in areas prone to flooding and firest fires - in accepting for example building restrictions; - in "environment maintenance" activities (rivers, forests) - plans should include feedback analysis and procedures to up date the plan according to lessons learnt - plans are often too generic short term mitigation measures - poor monitoring systems (particularly floods) in Eastern countries and Greece - ICT should be more carefully and extensively used to deal with the emergency - need of local forecasts for some hazards (fires, floods, landslides) - need of local forecasts for some hazards (fires, floods, landslides) - plans should consider the possibility of multi-site events that will put a dignificant pressure on civil protection - plans should be based on accurate scenarios - improve planning for crisis, including the need to plan for long emergencies - need to be prepared not only in traditionally "hot" periods regarding given risks (fires) - improve relationship with the media to be able disseminate messages during emergencies and guaranteeing "correct" information to the public - creating better coordination among civil protection forces - creating better coordination with critical infrastructures providers - business continuity plans also for the public sector - improving people's preparedness to face emergencies - need to provide stronger role to the EU Civil Protection

19 Stato dell arte in Europa Commune de Veurey-Voroize PLAN DE PREVENTION DES RISQUES NATURELS PREVISIBLES ZONAGE REGLEMENTAIRE DU RISQUE hors débordement de l'isère (sur fond topographique) Niveau de contraintes* : Zones d'interdictions Zone de projet possible sous maîtrise collective Zones de contraintes faibles Zones sans contraintes spécifiques Nature du risque* : Mappatura degli hazard a supporto della pianificazione territoriale I, i2, i3 : crues des fleuves et des rivières M : marécages I', i' : inondation de plaine en pied de versant T : crues des torrents et des rivières torrentielles V, v : ruissellement sur versant G, g1, g2 : glissement de terrain P, p : chutes de pierres f : suffosion, voir encart au 1/25 000è Chaque zone est référencée par deux indices alphabétiques au moins : * le premier correspond au niveau de contraintes à appliquer ** le second à la nature du risque (caractère en minuscule pour les zones de faibles contraintes, caractère en majuscule pour les autres cas)... Limite communale Limite du zonage réglementaire présenté sur fond cadastral au 1/5000 Réalisation : Alp'Géorisques Etabli le : 25 mars 1999 Modifiée le : juillet 2000 Echelle : 1/ Edition : Alp'Géorisques (RTM et SEER) Pianificazione in aree pericolose 1. Settoriale 2. Considera prioritariamente il modo migliore di analizzare il fenomeno anziché le esigenze dell utente finale (scale) 3. Non si considera la vulnerabilità 4. Non si considerano eventi concatenati (multihazard) 1. Settoriale 2. Non inclusa nella pianificazione ordinaria ma solo in piani speciali a valle di disastri 3. Nessuna menzione della vulnerabilità 4. Scarsa considerazione del multirischio

20 Proposta del progetto Armonia Aiutare i pianificatori a: Valutare la compatibilità delle scelte di piano rispetto agli hazard e ai rischi esitenti; Linee guida per i pianificatori per decidere modi, intensità e frequenze d uso in aree soggette a rischi naturali (e na-tech) Hazard Map (Landslides)

21 Che cosa fanno i pianificatori nelle diverse realtà territoriali? rurale in urbano (sviluppo) Transformano gli usi del suolo urbano a urbano (restauro, recupero) urbano a rurale rurale a rurale Mantenimento usi Attuali urbano a urbano

22 Pianificazione nelle aree pericolose Dove : hazards, esposizione e vulnerabilità sono elevati Come? Depende dalla valutazione del rischio a supporto del piano Densità e concentrazione di: hazards, esposizione e vulnerabilità Usi del suolo: come influenzano gli hazard, la vulenrabilità e l esposizione (compreso il tipo di popolazione)

23 Proposta del progetto Armonia Aiutare i pianificatori del territorio a: Valutare la compatibiltià degli usi del suolo con gli hazard esistenti; Fornire linee guida per decidere modi, intensità e frequenza degli usi in aree soggette ad hazard naturali Hazard Map (Landslides)

24 Proposta di Armonia Proposal: struttura del DSS Base base knowlege, conoscitiva, continuous processo valutativo assessment regional Piani locali or e local regionali plan naturale/ natural/ rurale physical Vulnerabilità - vulnerability fisica different Diversi tipi di agricoltural types colture of - uses Diversi different usi del soil suolo types of use s svulnerabilità - economic ocap sistemica coping - cacit Attività economic - iy: economiche Età activities age - opopolazio Trend classe trend of - ne demografico Recente sabandonment recent disaster esperienza experience di disastri Conservazione land use uso preservation suolo land Usi del uses suolo - seismic sismico - type Tipo of di hazard floods alluvioni - (Se) volcanic vulcanico - valangh avalanch (Flo) (VO) es (A) H.inte intens nsità ity H.freq uency uenza risk Valutazione assessment del (expected rishio physical Fisici (danni damage: attesi): - landslid fra - forest Incen ne( (L) fires di L) (F) (F) matrixes matrici curve di fragility fragilità curves Tabella multirisk di valutazione multirisk: synthesis table: H, Vexp, R, CC, Na fut ure uro as Come determin definito nel? the ed plan pian o compatibility Tabella e carta table delle and compatibilità map criteria Criteri basati based su on H,V,R, CC VS H. locati posizio on ne - t e c h Cate Chai - N na Na a Na land Trasformazio use transformation ne usi urbaniz zato ba n physical Vulnerabilità - vulnerability fisica urban Ambito - industrial/ Edifici fabric urbano commercial - network Infrastrutture buildings commerciali/industri - strategic Edifici infrastructures alia rete equipments strategici urban Vulnerabilità coping - capacity sistemica economic Attività - activities economiche network Infrastrutture - strategic Edifici infrastructures a rete social Vulnerabilità equipments strategici coping - capcity: sistemica: age Classi di età - classe popolazione handic Portatori di sapped handicap : Incre au ases me Haz nta ard? Incre au ases me Vulnera bility? nta bilità? reduces Aumen coping capa ta Vuln. la city? sistemica? land Uso use accep suolo accett table abile mitigation Misure di measures reduce mitigazione Per ridurre to gli Hazard(s) hazard mitigation Misure di measures reduce mitigazione ridurre la to per Vulnerability Exp vulnerabilità l esposi e and osur zione e mitigation Misure di measures increase mitigazione ridurre la coping vuln. to per capacity sistemica land Uso del use accep suolo inaccet not table tabile

25 Proposta di Armonia: struttura del DSS

26 Natural Hazard Scale of parameters Regional strategic Local general Local detailed Flood hazard to building Flood depth (m)* Flood depth (m)* Flood depth (m)* Flood hazard to building annual probability or return period annual probability or return period annual probability or return period Flood hazard to people HR = d x (v + 0.5) Where: HR is the flood hazard rating; d is the depth of flooding in metres (m); v is the velocity of floodwaters in metres per second (m/s). HR = d x (v + 0.5) Where: HR is the flood hazard rating; d is the depth of flooding in metres (m); v is the velocity of floodwaters in metres per second (m/s). Forest Fire Predicted Fire-line Intensity(**) (kw/m) Predicted Fire-line Intensity(**) (kw/m) Predicted Fire-line Intensity(**) (kw/m) Approximate Flame Length (m) Approximate Flame Length (m) Approximate Flame Length (m) Volcanic eruptions Intensity= log 10 (mass eruption rate, kg/s) + 3 Intensity= log 10 (mass eruption rate, kg/s) + 3 Intensity= log 10 (mass eruption rate, kg/s) + 3 Magnitude= log 10 (erupted mass, kg) 7 Magnitude= log 10 (erupted mass, kg) 7 Magnitude= log 10 (erupted mass, kg) 7 Seismic Peak ground horizontal Acceleration (%g) Peak ground horizontal Acceleration (%g) Peak ground horizontal Acceleration (%g) EMS 98 EMS 98 Amplification factor of Peak ground Acceleration (%g) Amplification factor of Peak ground Acceleration (%g) fast and slow movements percentage of landslide surface (m 2, Km 2, ) Vs stable surface; Rockfall kinetic energy (kj) kinetic energy (kj) Landslide mean annual velocity of landslide (i.e. cm/year) mean annual velocity of landslide (i.e. cm/year) Debris flow Thickness of deposit front (m) and velocity (m/s) Thickness of deposit front (m) and velocity (m/s) Static flooding flow depth (m) flow depth (m) Dynamic flooding type Bank of erosion hazard - seismic (Se) - floods (Flo) - landslides (L) Snow avalanche - volcanic (VO) - avalanches (A) -forest fires (F) specific discharge (m 3 /s/m) extent of lateral erosion (m) avalanche pressure extended on an obstacle (kn/m 2 ) specific discharge (m 3 /s/m) extent of lateral erosion (m) avalanche pressure extended on an obstacle (kn/m 2 )

27 Proposta di Armonia : struttura del DSS

28 Proposta di Armonia : struttura del DSS

29 Caso studio nel bacino dell Arno 21 comuni province: Florence, Arezzo, Prato Arno River Basin abitanti (ISTAT 2001)

30 Mappe di Hazard, esposizione e vulnerabilità Hazard Map (Seismic and Floods) Vulnerabilty map (Building vulnerability to floods)

31 Valutazione della compatibilità degli usi del suolo: tavola di sintesi

32 Valutazione della compatibilità degli usi del suolo: tavola di sintesi

33 Elementi di cui occorre tenere conto in un programma di delocalizzazione Aspetti di accettabilità sociale Aspetti urbanistico-territoriali : - aree abbandonate - Aree di reinsediamento Aspetti economici: - rendimento operazione (C/B) - vincolo dipendenza dal territorio

34 Ricostruzione su altro sito in seguito a totale distruzione Due casi italiani: S. Antonio Morignone; Emilia Romagna Spostamento strutture anziché riparazione in seguito ad eventi (esempio alluvionali)

35 Rilocalizzazione: misura che agisce sull esposizione Criteri per la decisione: 1. Possibilità di rilocalizzare 2. Necessità per l ente pubblico 3. Criteri per valutare singoli progetti Più semplice forse delocalizzare Case nuove; Case sparse Case minacciate da più fenomeni

36 Possibilità successo opzione Probabilità delocalizzazione successo opzione delocalizzazione Auspicabilità opzione delocalizzazione Presentazione progetti e loro valutazione

37 Primi risultati dell applicazione dei criteri agli indicatori delle matrici alla scala regionale Numero di comuni con più di 2, 3 e 4 fenomeni insistenti sull'urbanizzato Distribuzione provinciale dei 78 comuni con più di 4 fenomeni sul proprio urbanizzato numero comuni BG BS LC SO VA province

38

39 Primi risultati dell applicazione dei criteri agli indicatori delle matrici alla scala regionale Comuni con oltre 40% sup. residenziale esposta a max grado criticità LANZADA 15% VALNEGRA 15% APRICA 16% BRAONE 29% VALNEGRA BRAONE NIARDO APRICA LANZADA NIARDO 25%

40 Primi risultati dell applicazione dei criteri agli indicatori delle matrici alla scala regionale Comuni con oltre 40% sup. residenziale esposta a max grado criticità LANZADA 15% VALNEGRA 15% APRICA 16% BRAONE 29% VALNEGRA Comuni con più del 40% superficie residenziale BRAONE espsota NIARDO a fenomeni max grado di criticità APRICA LANZADA NIARDO 25% mq , , , , , , ,00 0,00 VALNEGRA comuni BRAONE NIARDO APRICA LANZADA S1

41

42 Primi risultati dell applicazione dei criteri agli indicatori delle matrici alla scala regionale Distribuzione provinciale comuni con meno 1% e meno mq residenziali esposti a fenomeni di max. criticità SO 10% VA 7% BG 17% PV 11% BS 17% MN 5% MI 6% LO 3% LC 8% CR 5% CO 11%

43 Primi risultati dell applicazione dei criteri agli indicatori delle matrici alla scala regionale Distribuzione provinciale comuni con meno 1% e meno mq residenziali esposti a fenomeni di max. criticità SO 10% VA 7% BG 17% PV 11% BS 17% MN 5% Distribuzione superificie residenziale totale esposta a fenomeni max criticità MI 6% LO 3% LC 8% CR 5% CO 11% , , ,00 mq 60000, , ,00 0,00 BG BS CO CR LC LO MI MN province PV SO VA S1

44 Spesa con contributo Emilia Romagna per delocalizzare le aree costituenti -1% e mq residenziale esposto max grado criticità Euro TOT: Euro BG BS CO CR LC LO MI MN PV SO VA province Spesa per delocalizzare nei 5 comuni con più del 40% superficie residenziale esposta a fenomeni di max criticità Euro VALNEGRA BRAONE NIARDO APRICA LANZADA Tot: Euro comuni

45 Primi risultati dell applicazione dei criteri agli indicatori delle matrici alla scala regionale 648 Meuro Contributo I casa E-R 5 comuni >> 40% sup resid esposta 500 Meuro Contributo metà I casa e metà II E-R 1300 Meuro Contributo Malpensa 288 comuni < 1% sup resid esposta e < mq MEuro Contributo 1 casa E-R

46 Primi risultati dell applicazione dei criteri agli indicatori delle matrici alla scala regionale Campeggi in zone ad elevata criticità PROVINCIA COMUNE fenomeno campeggi (mq) Varese GOLASECCA esondazione TR ,70 Varese SESTO CALENDE esondazione TR ,38 Varese MACCAGNO conoide alto grado 14781,37 Varese VALGANNA conoide alto grado 49998,74 Sondrio CAMPODOLCINO conoide alto grado 1.246,06 Pavia Pieve Porto Morone esondazione TR ,75 Pavia Vigevano esondazione TR 20 33,46 Milano CASSANO D'ADDA esondazione TR ,95 Lodi MONTANASO LOMBARDO esondazione TR ,28 Lecco DERVIO conoide alto grado 1.112,27 Como Castiglione d`intelvi esondazione TR ,94 Como Mezzegra dissesti lineari alta att. 213,53 Como Tremezzo dissesti lineari alta att ,88 Bergamo BRANZI conoide alto grado 162,07 Bergamo ISOLA DI FONDRA conoide alto grado ,52 Bergamo PIAZZATORRE conoide alto grado 4.895,01 Bergamo PREDORE conoide alto grado ,04 Bergamo SARNICO conoide alto grado 6.199,39 Bergamo VALBONDIONE conoide alto grado 9.652,29 Bergamo AVERARA valanghe medio grado 2498,97 Brescia LOZIO valanghe medio grado 545,13

47 Primi risultati dell applicazione dei criteri agli indicatori delle matrici alla scala locale I. Valutazione dell'auspicabilità della delocalizzazione in alcuni casi selezionati Casi Indicatori frequenza severità eventi occupazione fonti aggravio confronto interventi rapporto costi- TR <=50 anni per alta severità attesa edifici rischio altri interventi non risolutivi benefici eventi bassa severità prima casa presenza industrie ad C>>B alto rischio esposte Chiesa 30 anni prima area distruttivo seconde case no dispositivi paravalanghe C paravalanghe > di Valmalenco 300 anni corona C delocalizzazione (sotto ipotesi auspicabile aupicabile non auspicabile non auspicabile auspicabile considerate) II. Valutazione della probabilità di successo dell'opzione delocalizzazione in alcuni casi Ca Indicato si ri Chiesa di Valmalenco disponibilità aree adeguate per tipo destinazione disponi bili possib ile numero enti da coinvolgere Comune, privati, Regione possib ile II. Valutazione dell'indice di dipendenza dal territorio della funzione residenziale tipologia abitato fa parte di compa aggregato tto mediamente possibile Età abitato rece nte possib ile indice dipendenza funzione residenziale m ed io mediamente possibile Casi Indicatori titolo edificio uso edificio servizi presenti nucleo famigliare età residenti vincolo maggiore: privato vincolo maggiore: produttivo vincolo maggiore: vincolo maggiore: vincolo maggiore: e misto presenti nucleo famigliare anziani Chiesa di Valmalenco privato residenziale non presenti nucleo famigliare famiglie giovani vincolo elevato vincolo basso vincolo basso vincolo elevato vincolo basso

48 Un esempio sperimentale di applicazione della metodologia C/B generale caso studio Chiesa generale caso studio Chiesa Costi studio fattibilità Costi amministrativi Costi di progettazione/perizie Costi acquisizione immobili Costi demolizione Costi rinaturalizzazione Cstu Cprog Cacq Cdem Crin valutabili valutabili valutabili valutabili valutabili valutabili riferimento: caso Emilano riferimento: caso Malpensa riferimento: caso Emilano (costi mercato) caso Emiliano (costi sovvenzionata) 7,816 MEuro 20Euro/mq 800 Euro/mq seconde case 100 Euro/mq 1100 Euro/mq prime case Euro per 8 case 1,280 MEuro per 8 case Euro per 8 case Euro 26 case MEuro per 26 case Euro per 26 case (ipotesi singola casa 200mq) Benefici ambientali Riduzione costi Riduzione costi mitigazione Riduzione costi Riduzione costi Riduzione costi legati Bamb protezione civile rischio ricostruzione sistemici al disagio sociale emergenza Bamb Rcv Rcmit Rcric Rdsis Rdis difficili da monetizzare valutabili valutabili valutabili valutabili difficili da monetizzare dipendono da TR evento assunti dipendono da TR evento assunti necessarie ulteriori indagini e ricerche 8,478 Meuro Costo intervento paravalanghe TR 30 anni per le 8 case in 50 anni, si ipotizza danno del 60% 1,778 M Euro per TR 30 anni Euro 2,500 M Euro per TR 300 anni 3,432 M Euro per 26 case

49 Punto/aspetto critico: Nelle analisi costibenefici si può dire tutto e il contrario di tutto. Tutto dipende da: Tasso di sconto sui danni futuri (ma incertezza?) Che cosa viene valutato come danno atteso e che cosa come beneficio Chi effettua la valutazione

50 Questioni cruciali nella gestione delle incertezze nella scienza a supporto di decisioni politiche e..urbanistiche e di pianificazione territoriale 1. Probabilmente dobbiamo usare I modelli in senso esplorativo anziché consolidativo per sviluppare futuri scenari di danno (Pielke, 2003) 2. Qual è il rapporto tra sviluppo sostenibile del territorio e misure di prevenzione non strutturali? 3. Qual è il grado di affidabilità degli scenari di danno a supporto della pianificazione del territorio? Occorrono migliori metodi di valutazione del danno e della vulnerabilità

51 Un lavoro che attualmente stiamo conducendo al Politecnico di Milano, alla ricerca di modelli (e dati sul territorio italiano!!!) per la costruzione di scenari più attendibili, con colleghi che colgo l occasione di citare e ringraziare per il loro fondamentale apporto a questa presentazione come concetti, eperimenti, idee: prof. Francesco Ballio, Ing. Daniela Molinari, Dott.ssa Lucia Legnani 1.2 STANDARD METHOD 1.0 Damage[ -] Water depth [m] low rise interm ediate high rise um bria_data 0.75 FLEMO ps 0.60 Damage[ -] Water depth [m] one fam ily m ultifamily detached um bria data

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno BUONE NORME PER GESTIRE LE PIENE La redazione dei regolamenti di piena nel quadro normativo attuale Firenze 16 aprile 2014 Gli strumenti di pianificazione dell AdB Arno per la gestione del rischio idraulico:

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

La gestione del rischio sismico in Italia

La gestione del rischio sismico in Italia La gestione del rischio sismico in Italia Mauro Dolce Direttore Generale, Dipartimento della Protezione Civile Presidenza del Consiglio dei Ministri Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Università di

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Convenzione Elba Regione Lombardia. Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane

Convenzione Elba Regione Lombardia. Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane Convenzione Elba Regione Lombardia Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane Sintesi del rapporto di ricerca 1 Parte prima Il quadro istituzionale e normativo 2

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni

Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni Direttiva 2007/60/CE - Alluvioni D.lgs. 49/2010 Valutazione e gestione del rischio di alluvioni Mappatura della pericolosità e del rischio alluvionale Bacini liguri Cinzia Rossi Regione Liguria - Settore

Dettagli

Research and development are core activities of the company, which fosters technology transfer from University to practice.

Research and development are core activities of the company, which fosters technology transfer from University to practice. EXPIN srl Advanced Structural Control è una giovane società, nata nel 2010 come spin-off dell Università di Padova. Il campo in cui opera la società è quello relativo allo sviluppo, applicazione, gestione

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Progetto Strategico RISKNAT

Progetto Strategico RISKNAT Progetto Strategico RISKNAT Attività B 7.1 C 7.1 Analisi multirischio sul territorio piemontese. Ricadute operative di Protezione Civile. Postfazione Postfazione Le evoluzioni metodologiche e di gestione

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1533 Seduta del 20/03/2014

DELIBERAZIONE N X / 1533 Seduta del 20/03/2014 DELIBERAZIONE N X / 1533 Seduta del 20/03/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

PRG C. Città di Rivoli. Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino

PRG C. Città di Rivoli. Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino Regione Piemonte Provincia di Torino Città di Rivoli PRG C piano regolatore generale comunale Variante ai sensi dell art 17, comma 8- LR 56/77 sm e i Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante)

Dettagli

Risk definition, planning and prevention activities, emergency and civil protection organization in Province of Trento Provincial legislation

Risk definition, planning and prevention activities, emergency and civil protection organization in Province of Trento Provincial legislation convenzione delle alpi Methodologies and best practices for the participation of the stakeholders involved in flood risk prevention Metodologie e buone prassi per il coinvolgimento degli stakeholder er

Dettagli

2.2 Inquinamento acustico

2.2 Inquinamento acustico Relazione ambiente 2 8-09-2011 14:36 Pagina 49 RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011 2.2 Inquinamento acustico L'inquinamento acustico è dovuto a un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata

Dettagli

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60.

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60. Strumenti di prevenzione a livello nazionale: l art. 11 della L. 77/2009 Mauro Dolce Direttore Generale - Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio sismico e vulcanico Ordinario di Tecnica delle

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI Marina BERTOLLINI 1, Antonietta ZULLO 2, SOMMARIO Il largo impiego delle informazioni geografiche

Dettagli

Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità

Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità sismica DiSGG, Università della Basilicata ReLUIS, Rete di Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica CRiS, Centro di Competenza sul Rischio

Dettagli

Strumenti di pianificazione e gestione delle città e del Territorio per la mitigazione e il cambiamento climatic

Strumenti di pianificazione e gestione delle città e del Territorio per la mitigazione e il cambiamento climatic Patto dei sindaci: incontro con gli stakeholder e buone pratiche dal territorio Provincia di Treviso Strumenti di pianificazione e gestione delle città e del Territorio per la mitigazione e il cambiamento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Delibera N. 144 del 14/06/2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROVVEDIMENTI URGENTI IN MATERIA DI EDILIZIA ED URBANISTICA

Dettagli

Elaborati del Piano Strutturale.

Elaborati del Piano Strutturale. Elaborati del Piano Strutturale. Il Piano Strutturale è costituito dai seguenti elaborati: QUADRO CONOSCITIVO Q.C. 01 - Relazione Illustrativa del Quadro Conoscitivo Documento. Allegato QC 1a - Foto satellitare

Dettagli

E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA

E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA IL METODO ANALISI DI ALCUNE DELLE PRINCIPALI MISURE AGEVOLATIVE LOMBARDE PER LE PMI INDUSTRIALI MISURE AGEVOLATIVE ANALIZZATE METODOLOGIA ANALISI ECONOMICO

Dettagli

Elementi di Pianificazione di Emergenza comunale: l'identificazione degli scenari di rischio

Elementi di Pianificazione di Emergenza comunale: l'identificazione degli scenari di rischio Elementi di Pianificazione di Emergenza comunale: l'identificazione degli scenari di rischio Eva Trasforini Fondazione CIMA eva.trasforini@cimafoundation.org Vi racconto qualcosa di me Ho un TOT di anni

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART.

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE COMUNE DI PIAN DI SCÒ PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 AI SENSI AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 25 OTTOBRE 2011 N. 53/R LUNGARNO GUIDO RENI N. 55 52027 SAN GIOVANNI

Dettagli

1 Vie En.Ro.Se. s.a.s. - 2 Studio di ingegneria per l ambiente - 3 Autorità di Bacino del Fiume Arno

1 Vie En.Ro.Se. s.a.s. - 2 Studio di ingegneria per l ambiente - 3 Autorità di Bacino del Fiume Arno L applicazione dei principi della sicurezza alla gestione di un evento alluvionale R. Calonaci 1, R. Fusi 1, F. Lapi 2, G. Multinu 2, C. Passerini 1, G. Menduni 3 1 Vie En.Ro.Se. s.a.s. - 2 Studio di ingegneria

Dettagli

Daniela Molinari, Scira Menoni e Francesco Ballio

Daniela Molinari, Scira Menoni e Francesco Ballio La valutazione del danno alluvionale in Italia: esperienze di stima ex-ante ed ex-post Workshop Valutazione del danno alluvionale: metodologie, strategie, soluzioni, Torino, 13 Febbraio 2015 Daniela Molinari,

Dettagli

La polizza assicurativa come strumento di trasferimento del rischio residuo - lo stato dell'arte in Italia

La polizza assicurativa come strumento di trasferimento del rischio residuo - lo stato dell'arte in Italia La polizza assicurativa come strumento di trasferimento del rischio residuo - lo stato dell'arte in Italia Roberto Manzato Direttore Centrale Ania Vita, Danni e Servizi Workshop Valutazione del danno alluvionale:

Dettagli

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico RemTech 2012 21 settembre Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico Coordinatori: Endro Martini, Filippo M. Soccodato

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

La microzonazione sismica, oggi, in Italia: uno strumento per la mitigazione del rischio. Giuseppe Naso DPC - Ufficio Rischio sismico e vulcanico

La microzonazione sismica, oggi, in Italia: uno strumento per la mitigazione del rischio. Giuseppe Naso DPC - Ufficio Rischio sismico e vulcanico La microzonazione sismica, oggi, in Italia: uno strumento per la mitigazione del rischio Giuseppe Naso DPC - Ufficio Rischio sismico e vulcanico La microzonazione sismica prima del 2008 MS dopo evento

Dettagli

ISO 27001:2005 ISMS Rischi ed Opportunità Nell approccio certificativo. INFOSECURITY - Verona - 2006 05 09 1

ISO 27001:2005 ISMS Rischi ed Opportunità Nell approccio certificativo. INFOSECURITY - Verona - 2006 05 09 1 ISO 27001:2005 ISMS Rischi ed Opportunità Nell approccio certificativo INFOSECURITY - Verona - 2006 05 09 1 INFOSECURITY - Verona - 2006 05 09 2 Fornitori Istituzioni Clienti Sicurezza delle Informazioni

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO RECEPIMENTO DELLE PRESCRIZIONI PREVALENTI DELLA PROVINCIA IN MERITO ALLA VERIFICA DI COMPATIBILITA CON IL P.T.C.P. ART.13 commi

Dettagli

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A COMUNI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10.1. SINTESI DEI CONTENUTI DELLA L.R. 31/2014 La Regione Lombardia è intervenuta a fine 2014 con una nuova disposizione normativa (L.r. 31/2014

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

Bozza di un nuovo Piano di Gestione per il sito UNESCO Pompei, Ercolano, Torre Annunziata

Bozza di un nuovo Piano di Gestione per il sito UNESCO Pompei, Ercolano, Torre Annunziata Bozza di un nuovo Piano di Gestione per il sito UNESCO Pompei, Ercolano, Torre Annunziata Sommario Premessa 1. I precedenti strumenti di gestione, i bisogni e gli obiettivi del nuovo Piano di Gestione

Dettagli

Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale

Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale Il processo di partecipazione e le ricadute del Piano di gestione del rischio di alluvioni sulla pianificazione territoriale D. Fossati D.G. Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Valutazione e gestione

Dettagli

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale

Rischio idraulico ed idrogeologico Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Scenario alla vasta scala: bacino unico regionale Con deliberazione G.R. n. 45/57 del 30/10/1990, il Bacino Unico Regionale è stato suddiviso in sette Sub Bacini, ciascuno dei quali è caratterizzato da

Dettagli

Dissesto idrogeologico è un termine

Dissesto idrogeologico è un termine Il Dissesto idrogeologico un disastro italiano di Giovanni Maria Di Buduo* Dissesto idrogeologico è un termine infelice perché molto fuorviante: frane e alluvioni non sono dissesti, ma sono la concretizzazione

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

IL SISTEMA DELLA RICOSTRUZIONE

IL SISTEMA DELLA RICOSTRUZIONE Area del sisma: 58 comuni (di cui 4 capoluoghi) due comuni per i danni produttivi e comuni limitrofi con danni puntuali a edifici pubblici e privati 2% del Pil italiano 19.000 famiglie hanno lasciato le

Dettagli

Politecnico de Milano Dipartamento di Architettura e Pianificazione Laboratorio di Qualità Urbana e Sicurezza Laboratorio Qualità urbana e sicurezza Prof. CLARA CARDIA URBAN SAFETY AND QUALITY LABORATORY

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

Il rischio idrogeologico nel Lazio

Il rischio idrogeologico nel Lazio Il rischio idrogeologico nel Lazio Geol. Tiziana Guida Consigliere dell Ordine dei Geologi del Lazio Il territorio della Regione Lazio, per la sua conformazione morfologica, si presta a varie tipologie

Dettagli

20. DEFINIZIONE DELLE ESIGENZE DI SVILUPPO Il PS individua alcune azioni di particolare rilevanza per le principali SEL e più precisamente: - La riqualificazione dell offerta turistica con particolare

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto 15 gennaio 2013, c/o Camera di Commercio di Parma Via Verdi, Parma Il rischio idraulico La memoria degli eventi calamitosi

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma

Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma Analisi del rischio territoriale dovuto a sisma Valerio Baiocchi (*), Donatella Dominici (**), Rachele Ferlito (***), Francesca Giannone (*), Massimo Guarascio (****), Maria Zucconi (*, ****) (*)Area Geodesia

Dettagli

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Congresso Internazionale Klimaenergy 2010 I SEAP Piani di Azione Energia Sostenibile. Rassegna di metodologie ed esperienze Bolzano, 23 settembre

Dettagli

REGIONE ABRUZZO. Template INSPIRE - datasets. TEMA INSPIRE Geographical names. TEMA INSPIRE Administrative units

REGIONE ABRUZZO. Template INSPIRE - datasets. TEMA INSPIRE Geographical names. TEMA INSPIRE Administrative units REGIONE ABRUZZO Template INSPIRE - datasets Geographical names SCC Vincoli Regione Abruzzo 25000 Y 1 Administrative units Linea di costa Regione Abruzzo 25000 Y 1 Database topografico in scala 5k Regione

Dettagli

Boccadoro. Porto Ercole. Comune di Monte Argentario Variante al Piano Strutturale. Sindaco: Arturo Cerulli Assessore all Urbanistica: Enzo Turbanti

Boccadoro. Porto Ercole. Comune di Monte Argentario Variante al Piano Strutturale. Sindaco: Arturo Cerulli Assessore all Urbanistica: Enzo Turbanti Comune di Monte Argentario Variante al Piano Strutturale Sindaco: Arturo Cerulli Assessore all Urbanistica: Enzo Turbanti Progettista della Variante e Responsabile del procedimento Ing. Luca Vecchieschi

Dettagli

Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1

Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1 Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1 Fase 2.1.1 Trasferimento delle esperienze maturate dalla Regione Marche in materia

Dettagli

Aspetti geologici nella pianificazione

Aspetti geologici nella pianificazione Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: PREVENZIONE UN COMPITO

Dettagli

La gestione del rischio: lo Standard ISO 31000

La gestione del rischio: lo Standard ISO 31000 Risk Management and Business Continuity: gli strumenti a disposizione La gestione del rischio: lo Standard ISO 31000 Antonio Moschitta Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Elettronica

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO

DOCUMENTI DI ANALISI E APPROFONDIMENTO SEZIONE II SCENARI DI RISCHIO DOC 2.1 LIVELLI DI ALLERTA MODELLO DI INTERVENTO, SCENARI DI RISCHIO E INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Sommario Scenari di rischio...2 Metodologia utilizzata...2 Gli scenari

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Obiettivo Realizzare in tutto il territorio cittadino villaggi a funzioni miste collegati da trasporti pubblici di alta qualità

Obiettivo Realizzare in tutto il territorio cittadino villaggi a funzioni miste collegati da trasporti pubblici di alta qualità sito diretto da fabrizio bottini -1/7 - http://mall.lampnet.org City of San Diego, Verso una città di villaggi estratto dal General Plan, Land Use and Community Planning Element, luglio 2006 Brani scelti

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO Relazione del Responsabile del Procedimento Ai sensi dell art. 16 della L.R.T. 1/2005 Introduzione e generalità Il procedimento di formazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia DEC. N. 506 /DRPC/98 Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia L ASSESSORE ALLA PROTEZIONE CIVILE VISTA la legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, che disciplina l organizzazione delle strutture ed interventi

Dettagli

DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012

DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012 DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012 OGGETTO: L. 365/00. Istanza di aggiornamento PAI Tagliamento, ai sensi dell art. 6 delle Norme di Attuazione, a seguito della progettazione di interventi urgenti

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

La struttura urbana minima come pretesto per ripensare la città pubblica

La struttura urbana minima come pretesto per ripensare la città pubblica Rischio sismico e pianificazione: dall emergenza all ordinario La struttura urbana minima come pretesto per ripensare la città pubblica RICERCHE 2000 - Nocera Umbra (Pg): Analisi del comportamento del

Dettagli

Problematica Idraulica e piani urbanistici

Problematica Idraulica e piani urbanistici Associazione Nazionale Urbanisti e Pianificatori Territoriali e Ambientali con il patrocinio di Comune di Este Consorzio di Bonifica Adige Euganeo PREVENZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO: UN COMPITO PER LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A.

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 SARZANESE - VALDERA IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A. SIMONE STEFANI - GEOLOGO GEOLOGIA ECOLOGIA - AMBIENTE COMUNE DI TERRICCIOLA (Provincia di Pisa) VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN

Dettagli

Esperienze internazionali

Esperienze internazionali Esperienze internazionali Londra: Managing risks and increasing resilience (2011) Copenaghen: Climate adaptation plan (2011) Rotterdam: Rotterdam climate proof (2010) 2 Londra Londra ha pubblicato la propria

Dettagli

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga Banca Dati delle Leggi Regionali nel testo coordinato LEGGE REGIONALE 20/05/1988, N. 034 Norme per la prevenzione dei rischi da valanga. da Art. 1 ad Art. 22 Art. 1 Finalita' della legge 1. La presente

Dettagli

PERIZIA DI STIMA DELL IMMOBILE SITO IN DESENZANO DEL GARDA (Bs)

PERIZIA DI STIMA DELL IMMOBILE SITO IN DESENZANO DEL GARDA (Bs) TRIBUNALE DI BRESCIA SEZIONE FALLIMENTARE Concordato Preventivo Story Loris spa in liquidazione - n 4 / 2010 Giudice Delegato: Dott. Carlo Bianchetti Commissario Giudiziale: Adelmo Predari Commissario

Dettagli

di emergenza 118 Ing. Francesco Silanos Beta80 S.p.A. Milano, maggio 2009

di emergenza 118 Ing. Francesco Silanos Beta80 S.p.A. Milano, maggio 2009 Il Risk Management nei servizi di emergenza 118 Ing. Francesco Silanos Beta80 S.p.A. Milano, maggio 2009 Introduzione Con la presentazione odierna ci proponiamodi lanciare alcuni spunti per governare il

Dettagli

GL Solutions. da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato

GL Solutions. da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato ORBIT Overview GL Solutions da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato Associata al Consorzio ABILab Certificazioni BS25999 IBM Business

Dettagli

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO Laura Calcagni, Mauro Nalesso SEMINARI H2.0: ACQUA IN RETE A ROMA3 FACOLTA DI INGEGNERIA DI ROMA3, 25/03/2013 IDRAN 2012. All rights

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E comune di CAMPOSANTO P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E Norme di specificazione per gli interventi di ricostruzione e/o delocalizzazione di edifici posti in territorio rurale vincolati dalla

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano)

COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMUNE DI INVERUNO (Provincia di Milano) COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/7374/08 Integrazioni

Dettagli

impianti finanziamenti pratiche edilizie

impianti finanziamenti pratiche edilizie impianti finanziamenti pratiche edilizie GLI IMPIANTI schema di impianto a circolazione naturale a circuito semplice schema di impianto a circolazione naturale a circuito semplice con caldaia ausiliaria

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna 1 COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna Area Programmazione e Gestione del Territorio ALLEGATO 1 DETERMINAZIONE VALORI DI RIFERIMENTO DELLE AREE INSERITE NEL P.R.G., NEL P.S.C. E NEL R.U.E.

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli