1.1.1 Perché un'unica codifica dei gruppi merceologici per tutto il settore?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1.1 Perché un'unica codifica dei gruppi merceologici per tutto il settore?"

Transcript

1 1. SISTEMA DI CODIFICA FEDAS DEI GRUPPI MERCEOLOGICI 1.1 INTRODUZIONE Perché un'unica codifica dei gruppi merceologici per tutto il settore? Le varie aziende che operano nel settore stanno utilizzando sempre più dei sistemi informatizzati di gestione delle merci. Per sfruttare questi sistemi elettronici in modo ottimale, già oggi sono collegate in rete e in futuro lo saranno ancora di più. Tale collegamento rete non avverrà soltanto nell'ambito dei singoli gruppi aziendali, ma riunirà più gruppi o aziende esterne al settore. Fig. 1 Un collegamento in rete dei sistemi informatici (EED) ha senso soltanto se anche i dati che vengono utilizzati all'interno di un settore vengono inseriti una sola volta alla fonte e successivamente possono essere trasmessi direttamente da una rete informatica all'altra con una elaborazione minima o nulla (= EDI = Electronic Data Interchange). Ad esempio, per trasmettere i dati degli articoli è importante che si possano utilizzare degli standard comuni in tutto il settore. In questo modo si evitano interventi supplementari per convertire (manualmente o con l'aiuto di tabelle di conversione) i dati esterni in formati utilizzati all'interno dell'azienda. Un esempio di questo è la codifica dei gruppi merceologici. Se tale codifica non è uniforme e univoca, sarà sempre necessario convertirla manualmente nella codifica dei gruppi merceologici utilizzata "internamente all'azienda" prima di potere importare i dati nel sistema informatico interno. E questo spesso utilizzando una tabella di conversione. Pertanto l'obiettivo della FSO era elaborare una codifica dei gruppi merceologici uniforme e univoca per la vendita specializzata di articoli sportivi. Un ulteriore vantaggio di una codifica uniforme dei gruppi merceologici è il contenuto informativo dei codici. Infatti tale codifica consente di ottenere, se lo si desidera, un'analisi chiara e comparabile dei fatturati di diversi paesi, regioni, gruppi, ecc. Poiché oggi ogni produttore, fornitore, ecc. ha una propria codifica dei gruppi merceologici, questo lavoro deve essere ripetuto più volte. Già durante l'elaborazione della prima versione della codifica dei gruppi merceologici, l'obiettivo primario della task force FSO (composta da fornitori, commercianti all'ingrosso e al dettaglio) era creare una struttura uniforme e chiara che semplificasse il lavoro nell'ambito di tutto il settore. Dopo che alcune aziende del settore avevano fatto alcune esperienze con la prima versione della codifica, in una seconda fase si è cercato di ottimizzarla e adeguarla ancora meglio alle esigenze degli utenti. Tuttavia per potere trasmettere i dati relativi agli articoli e agli ordini utilizzando i sistemi informatici è necessaria una numerazione univoca degli articoli (SKU). In questo ambito si era già affermato l'utilizzo FEDAS Seite 1/14 Einleitung V 2.0 deutsch

2 del codice EAN-13. Anche le aziende di grandi dimensioni nel settore del commercio di articoli sportivi in tutto il mondo utilizzano già questo sistema di numerazione. Pertanto risulta pratico utilizzare questo sistema di numerazione implementato in tutto il mondo per l'intero settore degli articoli sportivi. L'EAN è un codice di identificazione per gli articoli a livello SKU (Stock Keeping Unit) in base al quale ogni articolo rappresenta una variante di un modello in una determinata taglia e colore (o combinazione di colori) detta anche "unità di consumo". Il codice EAN è un sistema di numerazione che offre i seguenti vantaggi: a) è uniforme b) è univoco (non esiste al mondo un altro articolo con lo stesso numero) c) viene utilizzato in tutto il settore d) è internazionale e) può essere raffigurato con un codice a barre (Bar Coding) Con l'uniformazione della codifica dei gruppi merceologici e del sistema di numerazione degli articoli si è compiuto un grosso passo avanti nel semplificare la trasmissione dei dati tra sistemi informatici diversi, con un conseguente utilizzo ottimale degli investimenti in attrezzature informatiche. Una standardizzazione di altri codici, ad esempio della griglia delle taglie e dei colori, rappresenterebbe un ulteriore passo verso il processo di ottimizzazione. In questo contesto la codifica dei gruppi merceologici e la numerazione degli articoli sono le chiavi principali e devono essere esaminati con priorità FSO (FEDAS Standardisation Organisation) Maggiori informazioni sono disponibili sul sito Internet della FSO (www.fedas.com). Qui è possibile richiedere una copia della codifica dei gruppi merceologici in diversi formati elettronici. Non è consentito copiare la codifica FEDAS dei gruppi merceologici. Segreteria FSO: Laupenstrasse 5a, Postfach 5226, CH-3001 Berna, Tel.: /fax Internet: / Gestione della codifica La gestione della codifica è compito della FSO. Se vi fosse l'esigenza di aprire nuovi gruppi, è necessario comunicarlo alla FSO. La FSO decide se l'esigenza è giustificata o meno e in quale punto del sistema integrare il gruppo in questione. Questi compiti vengono svolti da un gruppo di lavoro internazionale (Task Force). La Task Force, che si riunisce regolarmente, è composta da rappresentati dei commercianti e dei produttori. Il suo compito è elaborare le richieste pervenute e aggiornare costantemente il sistema di codifica dei gruppi merceologici. FEDAS Seite 2/14 Einleitung V 2.0 deutsch

3 1.2 SISTEMA DI CODIFICA FEDAS DEI GRUPPI MERCEOLOGICI (CGM) Introduzione L'obiettivo era definire un codice strutturato in modo logico. Pertanto la nuova codifica dei gruppi merceologici contiene i seguenti elementi: area di attività, tipo di prodotto e gruppi merceologici. La codifica FEDAS dei gruppi merceologici è un codice numerico di sei cifre con la seguente composizione: Posizione Descrizione 1 tipo di prodotto (attrezzature, calzature, prodotti tessili,...) 2-3 area di attività (tipo di sport) 4-5 gruppo merceologico principale 6 sottogruppo merceologico Figura 2 La summenzionata struttura del codice dei prodotti merceologici (fig. 2) consente di fare delle valutazioni in base alle categorie attrezzature, prodotti tessili e calzature e in base alle aree di attività che riflettono la struttura logica di un negozio di articoli sportivi. L'ulteriore suddivisione in gruppi merceologici principali e secondari consente la valutazione dettagliata necessaria per un sistema di gestione merci ottimale. FEDAS Seite 3/14 Einleitung V 2.0 deutsch

4 1.2.2 Esempi In questo capitolo sono riportati esempi di attrezzature, prodotti tessili e calzature che illustrano la codifica dei prodotti. Fig. 3 FEDAS Seite 4/14 Einleitung V 2.0 deutsch

5 Fig. 4 Fig. 5 FEDAS Seite 5/14 Einleitung V 2.0 deutsch

6 1.2.3 Tipo di prodotto (TP) La prima cifra del codice dei gruppi merceologici è riservata alla tipo di prodotto. Questa parte del codice consente, tra le altre cose, di raggruppare e valutare gli articoli in base ai settori (prodotti tessili, attrezzature e calzature). Poiché per quest'area sono consentite al massimo 10 categorie (0 9), sono disponibili ancora 6 numeri per altre categorie. È previsto l'utilizzo dei numeri liberi per le seguenti altre aree: a) cat. 5 = prestazioni di servizio (lavori di manutenzione + locazione) Questa categoria viene utilizzata soltanto dal commercio. Una proposta di strutturazione del gruppo merceologico principale e secondario è disponibile nella homepage. b) cat. 9 = tipo di prodotti che non sono le attività chiave di un negozio di articoli sportivi, ma che vengono gestite da alcune aziende di prodotti sportivi (ad es. la vendita di viaggi, film,materiale fotografico, giocattoli, attrezzi, ecc.) Area di attività (AA) Come già spiegato all'inizio, la codifica dei gruppi merceologici deve essere strutturata in base alle aree di attività. La seconda e la terza cifra del codice sono riservate per l'area di attività. Poiché il codice è stato definito come campo numerico, sono disponibili 99 aree di attività. L'esperienza ha dimostrato che, per il momento, questo è sufficiente, ma che non lascia grandi riserve per codici supplementari. Molti prodotti sono elencati in corrispondenza di aree di attività (tipi di sport) diverse. Per avere informazioni di gestione ottimali non soltanto per un gruppo di prodotti di tutte le aree di attività, ma anche all'interno di una singola area (tipo di sport), il codice dell'area di attività viene integrato come parte del codice del gruppo merceologico. Per i prodotti non assegnati in modo stabile ad un'area di attività, ovvero i prodotti che possono essere utilizzati per diversi tipi di sport, si utilizza l'area di attività "multisport". FEDAS Seite 6/14 Einleitung V 2.0 deutsch

7 Come già spiegato, il codice relativo all'area di attività è composto da due cifre. Le singole aree di attività si definiscono come segue: Area di attività (gruppo) Area di attività (esempi) Concetto di lavoro Codici Nome Codici Multisport 00 Sport invernali sci alpino 01 sci di fondo 02 ecc. fino a tempo libero/moda invernale 14 Sport acquatici nuoto 15 surf 16 ecc. fino a kayak/canoa 21 Sport con la racchetta tennis 24 squash 25 ecc. fino a tennis tavolo 27 Sport con la palla/di squadra calcio 32 basket 33 ecc. fino a hockey su prato 38 Podismo e atletica leggera walking 45 jogging 46 atletica leggera 47 ecc. fino a triatlon 56 Sport su due ruote ciclismo 60 fun wheel sport 62 Outdoor sport alpini/escursionismo 64 campeggio 67 ecc. fino a tempo libero/moda estiva 75 Sport indoor fitness/workout 78 box 80 ecc. fino a giochi diversi 88 Attività pubblicitarie/promozionali 98 Tabella 1 FEDAS Seite 7/14 Einleitung V 2.0 deutsch

8 Questi raggruppamenti delle aree di attività (AA) sono soltanto concetti di lavoro e sono contrassegnati da codici identificativi. Tuttavia questa struttura consente di creare delle valutazioni sui gruppi in questione. La struttura fino ad ora illustrata delle prime tre cifre del codice dei gruppi merceologici consente di ricavare informazioni e ottenere valutazioni sia di tutta l'area di attività, sia all'interno di una categoria (ad es. le attrezzature). FEDAS Seite 8/14 Einleitung V 2.0 deutsch

9 1.2.5 Gruppi merceologici principali (GMP) L'ulteriore suddivisione in gruppi merceologici principali e sottogruppi consente di creare delle informazioni che descrivono il prodotto in modo più dettagliato Gruppi merceologici principali (GMP), attrezzature Nel caso delle attrezzature i gruppi merceologici principali sono stati strutturati in base alle esigenze individuali delle relative aree di attività. Le aree di attività simili (ad es. le aree di attività degli sport con la racchetta: tennis, squash, badminton,...) sono stati strutturate in modo identico. Per i gruppi merceologici principali che compaino in più aree di attività è stato utilizzato lo stesso gruppo merceologico. Questo gruppo merceologico principale è stato bloccato anche per le altre aree di attività, per consentire una valutazione statistica uniforme. Un esempio sono le "palle" che si utilizzano in diversi tipi di sport. Per le palle è stato riservato il gruppo merceologici principale 88. In questo modo è possibile ricavare la valutazione dei gruppo merceologico principale "palle" di una sola area di attività, di più aree o di tutte le aree di attività. Fino ad ora per la categoria attrezzature sono stati definiti i seguenti gruppi merceologici principali (ovvero il codice è stato riservato per questi gruppi merceologici): 70 = sci carving 71 = sistemi di sci 72 = sci speciali 73 = bastoncini per sci alpino 74 = attacchi per sci alpino 75 = accessori per attacchi/altri attacchi 79 = articoli per fan 80 fino a 82 = riservati 83 = borse per il tempo libero 84 = sacche/piccole borse 85 = sacche da golf/borse per bicicletta 86 = bottiglie/contenitori per bevande 87 = stuoie/materassi 88 = palle (puck, bocce) 89 = borse 90 = zaini 91 = coperture 92 = caschi/protezioni per il viso 93 = protezioni 94 = occhiali 95 = orologi/apparecchi di misura/apparecchi di ricerca 96 = manutenzione, attrezzi, riparazioni 97 = letteratura, film, ecc. 98 = accessori per calzature 99 = accessori/apparecchi il cod. 99 viene utilizzato in modo analogo anche per il tipo dei prodotti tessili. Tabella 2 FEDAS Seite 9/14 Einleitung V 2.0 deutsch

10 Gruppi merceologici principali (GMP), prodotti tessili La struttura dei gruppi merceologici principali dei prodotti tessili segue la "struttura del corpo". Pertanto i prodotti tessili (gruppo merceologico principale) vengono definiti dalla testa (copricapi) ai piedi (calze), e dall'interno (biancheria intima) all'abbigliamento esterno. Il seguente elenco mostra il gruppo merceologico principale di tipo "prodotti tessili": Numero gruppo Definizione gruppo merceologico princ. merceologico princ Abbigliamento/prodotto tessile standard 01 berretti/cappelli/cappucci 02 fascie/parasole/maschere 03 fazzoletti/sciarpe 04 guanti 05 reggiseni 06 magliette 07 mutande 08 collant 09 biancheria intima/completi 10 body 11 bustier/top 12 t-shirt/tank 13 camicie 14 camicette 15 polo 20 dolcevita con chiusura lampo 21 dolcevita senza chiusura lampo 25 pullover 26 gilet 27 felpe 28 corpetti (maglieria, ecc.) 29 felpe con cappuccio 31 overall/body 32 abiti 33 abiti sportivi 34 giacche/blazer 35 giacche con imbottitura amovibile 36 giubbotti 37 giacche/giacche a vento 38 giacche funzionali 39 giacche a vento 40 gilet 41 mantelli 42 poncho 43 pantaloni sportivi lunghi 44 pantaloni da corsa/jet 45 fuseaux 46 salopette/pantaloni con bretelle 47 pantaloni lunghi 48 pantaloni 3/4-7/8 49 pantaloni alla zuava 50 bermuda 51 short 52 hot-pant/brief 53 calzamaglie 54 abiti 55 gonne 2. von innen nach aussen 1. von oben nach unten (Von Kopfbekleidung bis Socken) FEDAS Seite 10/14 Einleitung V 2.0 deutsch

11 56 gonne pantaloni 59 calzini/calze Abbigliamento da mare/piscina 60 cuffie 61 bikini 62 bikini (reggiseno) 63 bikini (slip) 64 costumi da bagno 65 costumi da bagno con sostegno 66 bermuda da bagno 67 short da bagno 68 costumi da bagno per uomo 69 costumi olimpionici Accessori per fan 70 Copricapo per fan 71 T-shirt/polo per fan 72 Maglie per fan 73 Felpe/top per fan 74 Giacche/gilet per fan 75 Abbigliamento antipioggia per fan 76 Pantaloni per fan 77 Abiti per fan 78 Altri prodotti tessili per fan 79 Accessori per fan Abbigliamento per la pioggia 80 Giacche impermeabili 81 Pantaloni impermeabili 82 Poncho impermeabili 83 Cappotti impermeabili 84 Tute impermeabili 85 Combinazioni impermeabili 88 Copricapi impermeabili Abbigliamento per squadre sportive e giudici di gara 90 Maglie per squadre 91 Pantaloni per squadre 92 Maglie per portieri 93 Pantaloni per portieri 94 Abbigliamento per giudici di gara 95 Set in maglia 96 Protezioni 97 Camicie per guardalinee 98 Altro abbigliamento sportivo 99 Accessori Tabella 3 FEDAS Seite 11/14 Einleitung V 2.0 deutsch

12 Gruppi merceologici principali (GMP), calzature Nel caso della categoria "calzature" i gruppi merceologici vengono strutturati in base alle esigenze individuali della corrispondente area di attività Sottogruppo merceologico (SGM) Sottogruppo merceologico (SGM), attrezzature La classificazione dei sottogruppi merceologici per il tipo di prodotti "attrezzature" è stato realizzata per ogni gruppo principale in base alle esigenze individuali dei gruppi. Tuttavia si è fatto attenzione, dove possibile, ad utilizzare la stessa definizione per i gruppi merceologici secondari dei gruppi principali che compaiono in diverse aree di attività Sottogruppi merceologici, prodotti tessili I sottogruppi merceologici del settore tessile sono suddivisi in uomo/unisex, donna e bambino. Nel caso di alcuni gruppi merceologici principali, i sottogruppi sono stati classificati anche in base al fatto che fossero "capi di abbigliamento corti o lunghi" o secondo altri criteri o caratteristiche supplementari. L'elenco seguente riporta un esempio: a) Classificazione generale dei sottogruppi merceologici (SGM) Esempio: prodotto tessile, tempo libero/moda invernale, guanti ( ) Codice Gruppo merc. principale Sottogruppo merc. 2 prodotto tessile 14 tempo libero/moda invernale 04 guanti 1 guanti uomo/unisex 2 guanti donna 3 guanti bambino 4 manopole uomo/unisex 5 manopole donna 6 manopole bambino b) Classificazione generale dei sottogruppi merceologici (SGM), per pezzi superiori e pezzo unico Esempio: prodotto tessile/multisport/ magliette 1-3 senza maniche 1 senza maniche uomo/unisex 2 senza maniche donna 3 senza maniche bambino 4-6 manica corta 4 manica corta uomo/unisex 5 manica corta donna 6 manica corta bambino 7-9 manica lunga 7 manica lunga uomo/unisex 8 manica lunga donna FEDAS Seite 12/14 Einleitung V 2.0 deutsch

13 9 manica lunga bambino c) Classificazione generale dei sottogruppi merceologici (SGM), per pezzi inferiore (se non già classificati nei gruppi merceologici principali) Esempio: prodotti tessili/multisport/salopette /pantaloni con bretelle 1-3 corti 1 corti uomo/unisex 2 corti donna 3 corti bambino 4-6 metà lunghezza 4 metà lunghezza uomo/unisex 5 metà lunghezza donna 6 metà lunghezza bambino Tabella lungo 7 manica lunga uomo/unisex 8 manica lunga donna 9 manica lunga bambino Sottogruppi merceologici, calzature I sottogruppi merceologici di questa categoria, salvo qualche eccezione, vengono classificati in uomo/unisex, donna e bambino. L'elenco seguente riporta un esempio della struttura: Esempio: Calzature, multisport, calzature indoor ( ) Codice Gruppo merc. principale Sottogruppo merc. 3 calzature 00 multisport 07 calzature indoor 1 basse uomo/unisex 2 basse donna 3 basse bambino 4 medie uomo/unisex 5 medie donna 6 medie bambino 7 alte uomo/unisex 8 alte donne 9 alte bambino FEDAS Seite 13/14 Einleitung V 2.0 deutsch

14 Tabella 5 FEDAS Seite 14/14 Einleitung V 2.0 deutsch

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI.

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. REGISTRAZIONE: Cliccare su Registrati La procedura di registrazione prevede tre

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Sicurezza nei tessili per bambini

Sicurezza nei tessili per bambini NEGOZI SPECIALIZZATI PARTE 1 Know-How per gli specialisti addetti alla vendita Sicurezza nei tessili per bambini Protezione dai raggi UVA Chiusure sicure Controllo sulle sostanze tossiche Manutenzione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Federazione Italiana Nuoto. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014

Federazione Italiana Nuoto. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014 Federazione Sportiva Nazionale riconosciuta dal Coni Federazione Italiana Nuoto F.I.N.A. LE.N. I.LS.E. I.L.S. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014 Ai Presidenti dei Comitati

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

1 Campionato Provinciale 2012-13 C7. Calendario incontri UNICO

1 Campionato Provinciale 2012-13 C7. Calendario incontri UNICO 1 Campionato Provinciale 2012-13 C7 Calcio a 7 Calendario incontri UNICO Squadre partecipanti AMICI DEL LIDER-UDINESE AUGURESE-SAMPDORIA BOSETTI BOYS-MILAN DARIO-JUVENTUS 2 MAGLIA DREAM TEAM-LAZIO VENI

Dettagli

089 44 56 326 info@okpubblicita.com

089 44 56 326 info@okpubblicita.com 089 44 56 326 info@okpubblicita.com T-Shirt Bianca Cotone TG. 6/8-XXL 1,55 (135 gr) 1,95 (155 gr) T-Shirt Colorata Cotone TG. 6/8-XXL 1,95 (150 gr) 2,65 (180 gr) T-shirt avvitata girocollo donna cotone

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI

PERCENTUALI CON LE FRAZIONI Visto che il 20% di un numero è uguale a frazionario per calcolare le percentuali. 20 100 n allora possiamo utilizzare il calcolo DATI n= numero intero p= frazione (percentuale) r= numeratore (tasso di

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

2013/14. Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo.

2013/14. Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo. 2013/14 Acode é una funzionale linea d abbigliamento sportiva con un tipico design scandinavo. Acode da diversi anni produce abbigliamento sportivo nel tipico design scandinavo. Il clima scandinavo puó

Dettagli

TIP-ON BLUMOTION. Due funzioni combinate in modo affascinante. www.blum.com

TIP-ON BLUMOTION. Due funzioni combinate in modo affascinante. www.blum.com TIP-ON BLUMOTION Due funzioni combinate in modo affascinante www.blum.com Tecnologia innovativa TIP-ON BLUMOTION unisce i vantaggi del supporto per l apertura meccanico TIP-ON con il collaudato ammortizzatore

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO

Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO VOLUME DI FORNITURA 1 ricevitore (n. art. RUNDC1, modello: 92-1103800-01) incluse batterie

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Gestione Magazzino. Terabit

Gestione Magazzino. Terabit Gestione Magazzino Terabit Informazioni Generali Gestione Magazzino Ricambi Il software è stato sviluppato specificamente per le aziende che commercializzano ricambi In particolare sono presenti le interfacce

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com TIP-ON per TANDEMBOX Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia www.blum.com 2 Apertura facile basta un leggero tocco Nel moderno design del mobile, i frontali

Dettagli

La normativa vigente stabilisce l obbligatorietà di visite e/o esami strumentali per ogni disciplina sportiva agonistica.

La normativa vigente stabilisce l obbligatorietà di visite e/o esami strumentali per ogni disciplina sportiva agonistica. La ASL RM A è partcolarmente attenta a sviluppare strategie di prevenzione individuale e collettiva, ritenendo l educazione a corretti stili di vita e la relativa informazione, strumenti fondamentali che

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica FORUM EUROPEO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE, CULTURALI E DEL TEMPO LIBERO Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica ANNO SPORTIVO 2012 2013 CODICE DEI PUNTEGGI LISTA DELLE DIFFICOLTÀ Sede Nazionale Via

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Ultimo Aggiornamento: 20 settembre 2014 Installazione software Bizerba... 1 Struttura file bz00varp.dat... 5 Configurazione Area51... 6 Note tecniche... 8 Gestione

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA COORDINAZIONE MOTORIA (The DCDQ 07 B.N. Wilson) Traduzione e adattamento a cura di Barbara Caravale e Silvia Baldi

QUESTIONARIO SULLA COORDINAZIONE MOTORIA (The DCDQ 07 B.N. Wilson) Traduzione e adattamento a cura di Barbara Caravale e Silvia Baldi QUESTIONARIO SULLA COORDINAZIONE MOTORIA (The DCDQ 07 B.N. Wilson) Traduzione e adattamento a cura di Barbara Caravale e Silvia Baldi Nome e Cognome del/la bambino/a Nome e Cognome della persona che compila

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011

Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 mod. Com 9 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO Al Comune di Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento

Dettagli

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Università degli Studi di Genova Versione 1 Come gestire i file in Moodle 2 Nella precedente versione di Aulaweb, basata sul software Moodle 1.9, tutti i file

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Bambini con disturbo dello sviluppo della coordinazione motoria:

Bambini con disturbo dello sviluppo della coordinazione motoria: Bambini con disturbo dello sviluppo della coordinazione motoria: a casa, a scuola e nella comunità Cheryl Missiuna Lisa Rivard & Nancy Pollock McMaster University School of Rehabilitation Science 1400

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa

QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa QUINTA LEZIONE Facciamo la spesa 5 Oggi dobbiamo fare la spesa perché questa sera vogliamo organizzare una festa a casa nostra. Così decidiamo di andare al supermercato, quello di fronte alla banca, dove

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità La protezione delle culture agricole è la nostra specialità Ugelli antideriva ad aspirazione d aria ed accessori per irrorazione AirMix e TurboDrop i più conosciuti e diffusi nel mondo per la protezione

Dettagli

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015 AREA TECNICA Responsabile dell Area: Dott. Urbanista Luigi Pucci ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA COSTO DI COSTRUZIONE DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE

Dettagli

(rilevamento GPS media ponderale stabilita tra vari rilevamenti ).

(rilevamento GPS media ponderale stabilita tra vari rilevamenti ). PREMESSA Anche quest anno il Montanaro Trail presenta due percorsi Gara lunga 52 km e gara corta 23 km: gli itinerari, quasi interamente su sentieri CAI, attraversano boschi di castagno, faggio e conifere

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso 1. 2. 3. 4. 5. 6. Congratulazioni! Il footpod Polar S1 rappresenta la scelta migliore per misurare la velocità/andatura e la distanza durante la corsa. L'apparecchio

Dettagli