LA METODOLOGIA DEI CONFRONTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA METODOLOGIA DEI CONFRONTI"

Transcript

1 LA METODOLOGIA DEI CONFRONTI Analisi comparata delle performance di sostenibilità Premessa metodologica Nella convinzione che la comparazione delle performance ambientali, sociali e di governance interessi, oltre che l azienda stessa, anche i suoi stakeholder, nel Rapporto di sostenibilità 2014 trovano spazio, come negli anni precedenti, alcuni confronti tra i risultati di Terna e quelli di altre imprese. Gli indicatori di sostenibilità comparati riguardano le seguenti tematiche: emissioni di CO 2, tasso di incidenza delle perdite di SF 6, consumo d acqua, produzione di rifiuti, tasso di turnover in uscita del personale, ore di formazione pro-capite erogate ai dipendenti e differenziale retributivo per genere. Di seguito si richiamano i principali criteri adottati nell analisi, come premessa per la lettura e l interpretazione dei confronti sui singoli indicatori all interno del Rapporto: sono stati identificati tre panel di aziende: il primo costituito dalle aziende di trasmissione (Transmission System Operator) europee e dalle principali extraeuropee per chilometri di linee gestite; il secondo, a carattere multisettoriale, composto da grandi aziende italiane (le 40 aziende quotate nel FTSE-MIB alla data del 21 Gennaio 2015); il terzo formato dalle best performer internazionali del settore Electric Utilities ELC (individuate dall agenzia di rating di sostenibilità RobecoSAM e ricomprese nel indice Dow Jones Sustainability World a settembre 2014). Lo scopo dei tre panel è di garantire, anche in relazione al tipo di indicatore esaminato, un confronto tra aziende con le stesse caratteristiche operative, un confronto italiano e uno con top performer internazionali dello stesso settore; tra le aziende dei tre panel, sono state prese in considerazione quelle che rendono pubbliche informazioni utili ai confronti sul proprio sito attraverso il Rapporto di sostenibilità (anche nel caso in cui questo non sia stato redatto seguendo le linee guida GRI) oppure attraverso altre documentazioni (HSE Report, relazione finanziaria, etc.). Ciò ha comportato una riduzione del campione rispetto al numero di aziende del panel di partenza; l analisi comparata si riferisce necessariamente ai dati del 2013 dal momento che i confronti sono stati elaborati mentre i Rapporti 2014 erano, come quello di Terna, in fase di elaborazione. Va segnalato che, nonostante l esclusione di dati esplicitamente non omogenei, in numerosi casi permangono dubbi sull effettiva comparabilità tra aziende, soprattutto in situazioni di significativi scostamenti tra i dati dichiarati da alcune aziende e il valore medio del gruppo di riferimento. Alcuni degli indicatori considerati (consumo di acqua, rifiuti prodotti, emissioni di CO 2 ) presentano dati espressi come quantità fisiche in valore assoluto ed evidenziano perciò livelli molto diversi in relazione al tipo di attività produttiva e alla dimensione d impresa. In questo caso, il confronto fornisce informazioni sulla diversa rilevanza degli aspetti ambientali considerati per le singole imprese, ma non assolve al compito di rendere comparabili le performance. TABELLA DI SINTESI DJSI - Electric Panel TSO FTSE-MIB Utilities Aziende considerate Aziende che aderiscono al Global Reporting Initiative (GRI) Aziende con dati utili

2 Panel Electric Utilities ELC La seguente tabella riporta le aziende selezionate per il Panel Electric Utilities ELC. In questo gruppo vengono incluse le best performer internazionali del settore Electric Utilities individuate dall agenzia di rating di sostenibilità RobecoSAM che a settembre 2014 risultavano ricomprese nell indice Dow Jones Sustainability World. E specificato il paese in cui è presente la sede legale e si riporta una x in corrispondenza delle aziende per le quali è stato possibile reperire dati utili per i confronti. Nome Paese Dati reperiti Acciona SA Spagna x Cia Energetica de Minas Gerais - CEMIG Brasile x EDP - Energias de Portugal SA Portogallo x Endesa SA Spagna x Enel Italia x Entergy Corp USA x Iberdrola SA Spagna x Terna Italia x

3 Panel FTSE-MIB La seguente tabella si riferisce alle aziende quotate nel FTSE-MIB alla data del 21 gennaio E specificato il settore di riferimento e nell ultima colonna si riporta una x in corrispondenza delle aziende per le quali è stato possibile reperire dati utili per i confronti. Nome Settore Dati reperiti A2A Energia x Atlantia Trasporti x Autogrill Ristorazione x Azimut Servizi finanziari Banca Monte Paschi Siena Bancario x Banca Popolare Emilia Romagna Bancario x Banca Popolare Milano Bancario x Banco Popolare Bancario x Buzzi Unicem Cemento x Campari Bevande x Cnh Industrial Capital goods x Enel Energia x Enel Green Power Energia Eni Petrolio & Gas x Exor Holding Fiat Chrysler Automobiles Autoveicoli & Editoria x Finmeccanica Aeronautica & Difesa x Generali Assicurazioni x Gtech Lotterie & Scommesse x Intesa Sanpaolo Bancario x Luxottica Bancario Mediaset Media & Comunicazione x Mediobanca Bancario x Mediolanum Assicurazioni & Bancario x Moncler Abbigliamento Pirelli & C Gomma & Immobiliare x Prysmian Cavi x Saipem Petrolifero x Salvatore Ferragamo Lusso Snam Gas naturale x Stmicroelectronics Elettronica x Telecom Italia Telecomunicazioni x Tenaris Siderurgia Terna Trasmissione di energia elettrica x Tod's Calzature Ubi Banca Bancario x Unicredit Bancario x Unipolsai Assicurazioni x World Duty Free Travel retail Yoox Moda e design x

4 Perdite di SF 6 : dati a confronto Il gas SF 6 ha un effetto serra molto potente, ( volte più della CO 2 (1) ) ed è utilizzato dalle imprese di trasmissione dell energia elettrica per via delle sue ottime proprietà di isolamento elettrico. A causa della specificità dell utilizzo del gas solo il panel TSO è stato preso in considerazione per il confronto. Il dato relativo al SF 6 è presentato come il tasso di perdite rispetto alla quantità totale di gas installato nelle apparecchiature di stazioni. Nel 2014 Terna ha registrato un tasso di perdita pari allo 0,55% (0,41 al netto dell incidente). Per il 2013, anno per cui è riferito il confronto, le perdite di SF 6 risultavano pari allo 0,49%. Nel confronto con gli altri operatori di trasmissione, per l anno 2013 Terna evidenzia un incidenza delle perdite di SF 6 al di sotto della media, confermando il trend degli scorsi anni. Di seguito l elaborazione grafica dei dati disponibili per il INCIDENZA % DELLE PERDITE DI SF ,40 1,20 1,00 0,80 0,60 0,40 0,20 0,00 0,03 0,49 0,54 1,18 Min Terna Media Max (1) Si veda al riguardo IPCC Fourth Assessment Report: Climate Change 2007.

5 Emissioni di CO 2 : dati a confronto I dati utilizzati nel confronto in merito alle emissioni di CO 2 sono costituiti dai valori relativi alle emissioni dirette e indirette (scope 1 e 2). L unità di misura utilizzata per il confronto è la CO 2 equivalente espressa in migliaia di tonnellate, dove per CO 2 equivalente si intende il contributo complessivo dei gas climalteranti al fenomeno dell effetto serra. L analisi è stata effettuata mettendo a confronto il valore sulle emissioni di Terna con quelli di tutti e tre i panel di aziende: le aziende quotate nel FTSE-MIB, quelle dell Electric Utilities ricomprese nell indice Dow Jones Sustainability World e i TSO. In assenza di fattori di normalizzazione validi per tutti i settori, si è ritenuto interessante nonostante la scarsa comparabilità presentare i dati aziendali sulle emissioni di CO 2 in valore assoluto. Tali dati, che assumono ordini di grandezza molto diversi da caso a caso, forniscono infatti almeno un indicazione sulla rilevanza delle emissioni di gas serra quindi della materialità del loro contenimento e mitigazione in chiave di sostenibilità nei diversi settori e nelle diverse aziende. Per il 2014 le emissioni di CO 2 imputate all attività di Terna sono state 142 mila tonnellate (124 al netto dell incidente). Per il 2013, anno per cui è disponibile il confronto, invece, si sono misurate emissioni per 138 mila tonnellate di CO 2. Nel confronto con tutti i tre panel, per il 2013 Terna si posiziona significativamente al di sotto della media; nel gruppo delle aziende dell Electric Utilities risulta l azienda che rilascia meno emissioni. Emissioni di CO 2 (migliaia di tonnellate) TSO FTSE-MIB DJSI - Electric Utilities Dati disponibili (1) Media Max Min 4,6 1,29 138,0 Terna 138,0 (1) In assenza di valori direttamente pubblicati dall azienda si è ritenuto di poter considerare utili alle analisi i dati dichiarati nei Report pubblicati da CDP, precedentemente noto come Carbon Disclosure Project, nel Sono stati utilizzati i dati di CDP per sei aziende.

6 Produzione di rifiuti: dati a confronto Il confronto tra Terna e le altre aziende in tema di rifiuti viene condotto utilizzando come riferimento sia la produzione totale dei rifiuti (pericolosi e non pericolosi) espressa in valore assoluto sia quella relativa, considerando il valore pro-capite per dipendente. Sono stati utilizzati i dati di tutti e tre i panel: le aziende di trasmissione (panel TSO), le aziende quotate nel FTSE- MIB e quelle dell Electric Utilities ricomprese nell indice Dow Jones Sustainability World (ELC). Dal confronto emerge una sostanziale non comparabilità tra le aziende poiché la quantità di rifiuti prodotti risente particolarmente del settore in cui queste operano. Nonostante le limitazioni intrinseche del confronto, in mancanza di fattori di normalizzazione più efficaci del numero di dipendenti, si è ritenuto comunque interessante presentare i dati comparati poiché forniscono almeno un indicazione della materialità del tema in termini di sostenibilità. Nel 2014 Terna ha prodotto un totale di 4.489,9 tonnellate di rifiuti corrispondenti a 1,31 tonnellate pro-capite, in riduzione rispetto agli stessi valori dello scorso anno; per il 2013, anno per cui è disponibile il confronto i rifiuti totali prodotti risultavano pari a 5.236,6 tonnellate e 1,53 tonnellate per dipendente. Come mostra la tabella a seguire nel confronto per la produzione di rifiuti Terna si posiziona al di sotto della media in tutti i panel considerati. Produzione di rifiuti TSO FTSE-MIB DJSI - Electric Utilities Dati disponibili Unità di misura tonnellate tonnellate/ dipendente tonnellate tonnellate/ dipendente tonnellate tonnellate/ dipendente Media , , ,19 Max , , ,24 Min 269,00 0,03 512,10 0, ,60 1,53 Terna 5.263,6 1, ,6 1, ,6 1,53

7 Consumo di acqua: dati a confronto Il confronto tra Terna e le altre aziende sull utilizzo delle risorse idriche viene condotto prendendo a riferimento sia il consumo totale di acqua che quello pro-capite per dipendente. Per il confronto sono stati presi in esame i dati di tutti i panel: le aziende di trasmissione (TSO), le aziende quotate italiane (FTSE-MIB) e le aziende del settore Electric Utilities ricomprese nell indice Dow Jones Sustainability World (ELC). Dall analisi è emersa una sostanziale non comparabilità tra le imprese, in quanto il consumo di acqua è strettamente collegato all attività che queste svolgono (in particolare alla diversa importanza dell utilizzo di acqua nei processi produttivi), alla dimensione dell azienda e in modo meno rilevante al numero dei dipendenti. Per questo motivo anche all interno dei panel sono riscontrabili deviazioni significative tra i valori sul consumo delle diverse aziende. Nello specifico, i consumi di acqua saranno estremamente più bassi per aziende che offrono servizi (come ad esempio il servizio bancario) e saranno particolarmente elevati per aziende che svolgono attività che richiedono grandi quantità di acqua nel processo produttivo. Nonostante ciò, si ritiene che un confronto sul consumo di acqua sia utile per mettere in evidenza le differenze tra i settori e sottolineare l importanza del tema in un ottica di mitigazione dei consumi. Per il 2014 il prelievo di acqua per le attività di Terna risulta pari a 173,7 migliaia di m 3 che corrispondono a 50,54 m 3 pro-capite. Nel 2013, anno a cui si riferisce il confronto, il valore di prelievo d acqua totale di Terna era pari a 198,2 migliaia di m 3 equivalenti a 57,6 m 3 pro-capite, dati che risultano ben al di sotto della media in tutti i panel di riferimento. Consumi di acqua TSO FTSE-MIB DJSI - Electric Utilities Dati disponibili Unità di misura Migliaia di m 3 m 3 pro-capite Migliaia di m 3 m 3 pro-capite Migliaia di m 3 m 3 pro-capite Media Max Min 198,2 51,7 10,2 7,5 198,2 36,8 Terna 198,2 57,6 198,2 57,6 198,2 57,6

8 Turnover del personale: dati a confronto Il turnover del personale utilizzato da Terna è definito come il rapporto tra i flussi in uscita durante l anno e il numero dei dipendenti al 31 dicembre dell anno precedente. Poiché il tasso di turnover del personale è un indicatore indiretto del clima aziendale che riguarda trasversalmente tutti i settori, si sono presi in esame sia i dati delle sole aziende di trasmissione (panel TSO) sia quelli delle aziende quotate italiane (FTSE-MIB) e delle aziende del settore dell Electric Utilities incluse nell indice World del Dow Jones Sustainability Index. Nel 2014 Terna registra un tasso di turnover pari a 2,1%. Nel 2013, l anno per il quale sono disponibili i dati comparativi, il tasso di turnover era pari al 1,8%, un valore inferiore alla media di tutti i panel di riferimento. Tasso di turnover (%) TSO FTSE-MIB DJSI - Electric Utilities Dati disponibili Media 4,9 7,9 6,3 Max 11,5 15,9 11,3 Min 1,0 1,5 1,8 Terna 1,8

9 Formazione per i dipendenti: dati a confronto Il confronto delle performance in tema di formazione dei dipendenti prende come riferimento le ore di formazione pro capite erogate dalle aziende. Poiché la formazione pro capite non dipende dalla dimensione della società né dal settore in cui le aziende operano, si sono presi in esame i dati delle aziende di tutti i tre panel. Nel 2014 Terna ha erogato 43 ore di formazione per ogni dipendente, in aumento rispetto alle 35 ore del 2013 anno per il quale sono disponibili i dati comparativi. Nel confronto con le altre aziende Terna si colloca sopra il valore medio del panel del FTSE-MIB e sotto la media dei panel dei TSO e del Dow Jones Sustainability Index - Electric Utilities. Ore di formazione pro capite TSO FTSE-MIB DJSI- Electric Utilities Dati disponibili Media Max Min Terna 35

10 Differenziale retributivo donne/uomini: dati a confronto Il confronto tra Terna e le altre aziende in tema di pari opportunità ha come base il differenziale retributivo percentuale donne/uomini, frutto del rapporto tra la retribuzione base annua delle donne per le diverse categorie e la retribuzione base annua degli uomini per le stesse categorie. A causa della differenza di categorie di inquadramento dei dipendenti da paese a paese, il confronto è stato elaborato solo per le aziende del panel FTSE- MIB, in cui la maggior parte delle aziende usano le tipiche categorie italiane per classificare i dipendenti. Nel 2014 il differenziale retributivo percentuale donna/uomo per i dipendenti Terna risulta pari all 72,5% per i dirigenti, al 97,1% per i quadri e al 95,3% per gli impiegati; per il 2013, anno per il quale sono disponibili i dati comparativi, il differenziale retributivo era all 81,3% per i dirigenti, al 96,3% per i quadri e al 95,1% per gli impiegati. Il differenziale non è calcolato per gli operai perché in Terna non sono presenti dipendenti donne inquadrate in tale categoria. Differenziale retributivo donne/uomini (%) FTSE-MIB Dirigenti Quadri Impiegati Dati disponibili (1) Media 88,5 92,7 92,6 Max Min 76 84,7 79,3 Terna 81,3 96,3 95,1 (1) Qualora non siano stati reperiti i dati di gruppo, per aziende multinazionali sono stati considerati i dati relativi al solo paese Italia.

Il voto degli investitori nelle assemblee del FTSE MIB

Il voto degli investitori nelle assemblee del FTSE MIB V1DIS Milano - 2 Luglio 2014 Proxy Season 2014 Partecipazione ed attivismo delle minoranze Fabio Bianconi Head of Corporate Governance Advisory Georgeson A COMPUTERSHARE COMPANY Il voto degli investitori

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 3 Gennaio 204 7 Gennaio 204 Telecom Italia e il italiano Prezzo ch. Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** Da Prezzo Prezzo 7-Jan-4

Dettagli

La «Tobin Tax» e i certificates. Se, quando, come e quanto si paga l imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax) in relazione ai certificates

La «Tobin Tax» e i certificates. Se, quando, come e quanto si paga l imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax) in relazione ai certificates La «Tobin Tax» e i certificates Se, quando, come e quanto si paga l imposta sulle transazioni finanziarie (Tobin Tax) in relazione ai certificates maggio 2013 COS E LA TOBIN TAX? E un imposta sul «trasferimento

Dettagli

Dal 29 Aprile 2014, 437 nuovi Covered Warrant di UniCredit su Azioni italiane ed internazionali!

Dal 29 Aprile 2014, 437 nuovi Covered Warrant di UniCredit su Azioni italiane ed internazionali! Nuovi Covered Warrant di UniCredit quotati su SeDeX www.investimenti.unicredit.it Dal 29 Aprile 2014, 437 nuovi Covered Warrant di UniCredit su Azioni italiane ed internazionali! Scopri la nuova emissione

Dettagli

1.4 LA PRATICA DI ASSURANCE

1.4 LA PRATICA DI ASSURANCE Altri Stakeholder attenti alla CSR ANALISTI - RATING ESG ORGANIZZAZIONI DI RICERCA Associazioni Pubblicazioni Ricerca FONDI INVESTIMENTO CSR Fornitori di soluzioni software Business School ASSURANCE SOCIETÀ

Dettagli

INDICI FTSE ECPI ITALIA SRI. Maggio 2012

INDICI FTSE ECPI ITALIA SRI. Maggio 2012 INDICI FTSE ECPI ITALIA SRI Maggio 2012 La serie di indici FTSE ECPI Italia SRI Universo Panieri FTSE MIB + FTSE Italia MidCap, che raggruppano le maggiori 100 azioni quotate su MTA, testate ogni tre mesi

Dettagli

Catalogo Certificate di UniCredit Lista valida 7 al 18 dicembre 2015

Catalogo Certificate di UniCredit Lista valida 7 al 18 dicembre 2015 BENCHMARK A LEVA FISSA LINEA SMART SU INDICI Leverage Certificate Voglio potenziare le performance del mio trading intraday con uno strumento che replica indici a leva 3, 5 e 7 i movimenti dell'indice

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito )

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 agosto 2015 DISCLAIMER (AVVERTENZE) Il

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 2 Dicembre 203 Dicembre 203 Telecom Italia e il italiano Prezzo chiusura Ultime 52 settimane Volumi medi giornalieri Capitalizzazione

Dettagli

TESI DI LAUREA - Attori e strumenti nella sostenibilità d impresa

TESI DI LAUREA - Attori e strumenti nella sostenibilità d impresa evidenziato che anche questa distorsione di principi alla base del report di sostenibilità può condurre a benefici in termini di responsabilità sociale d impresa, nel caso in cui abbia come conseguenza

Dettagli

MESSAGGIO PUBBLICITARIO ELENCO COMPLETO COVERED WARRANTS OTTOBRE 2012 COVERED WARRANTS SU ETF. Codice Negoz. Prezzi aggiornati * Codice ISIN

MESSAGGIO PUBBLICITARIO ELENCO COMPLETO COVERED WARRANTS OTTOBRE 2012 COVERED WARRANTS SU ETF. Codice Negoz. Prezzi aggiornati * Codice ISIN AVVERTENZE Si ricorda che è responsabilità dell investitore, prima di acquistare un Covered Warrant di SG, verificare che l operazione non determini la creazione di una nuova posizione netta corta sui

Dettagli

MESSAGGIO PUBBLICITARIO ELENCO COMPLETO COVERED WARRANTS OTTOBRE 2012 COVERED WARRANTS SU ETF. Prezzi aggiornati * Codice Negoz.

MESSAGGIO PUBBLICITARIO ELENCO COMPLETO COVERED WARRANTS OTTOBRE 2012 COVERED WARRANTS SU ETF. Prezzi aggiornati * Codice Negoz. AVVERTENZE Si ricorda che è responsabilità dell investitore, prima di acquistare un Covered Warrant di SG, verificare che l operazione non determini la creazione di una nuova posizione netta corta sui

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 8 novembre 203 22 novembre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo di Ch. Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da Prezzo

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 22 luglio 203 2 luglio 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prz Chiusura Volumi Medi Giornalieri Capitalizzazione** da Prezzo

Dettagli

www.trendintime.com ARCHIVIO PREVISIONI BORSA Archivio Analisi e Previsoni dal 15-01-2010 al 21-02-2011 Tutti i diritti riservati TT 2010

www.trendintime.com ARCHIVIO PREVISIONI BORSA Archivio Analisi e Previsoni dal 15-01-2010 al 21-02-2011 Tutti i diritti riservati TT 2010 SUPERmAT Analisi di borsa settimanale (DA PAG. 2 A PAG. 92) L'analisi di borsa settimanale presentata dal nostro Trading System SUPERmAT è proiettata nel breve periodo. All'interno di quest'orizzonte temporale,

Dettagli

L OSSERVATORIO SULL ECCELLENZA DEI SISTEMI DI GOVERNO IN ITALIA. Rapporto finale. Edizione 2015. Il futuro oggi

L OSSERVATORIO SULL ECCELLENZA DEI SISTEMI DI GOVERNO IN ITALIA. Rapporto finale. Edizione 2015. Il futuro oggi L OSSERVATORIO SULL ECCELLENZA DEI SISTEMI DI GOVERNO IN ITALIA Rapporto finale Edizione 2015 Il futuro oggi Rapporto realizzato da The European House - Ambrosetti in collaborazione con Enel, Gruppo Falck,

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 2 settembre 203 settembre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prz Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da Prezzo

Dettagli

agl Autogrill ribassista 9.96 8.74 8.264 short attuali 7.534 >9.96 atl Atlantia ribassista 14.22 14.34 12.27 11.65 short 14.3 11.65 > 14.

agl Autogrill ribassista 9.96 8.74 8.264 short attuali 7.534 >9.96 atl Atlantia ribassista 14.22 14.34 12.27 11.65 short 14.3 11.65 > 14. 5.03.2013 13.27 Azioni Ita - Ftsemib Ticker Sottostante Tendenza Res 1 Res 2 Supp 1 Supp 2 Segn. Oper. P. d'entrata Take profit Stop loss a2a A2a ribassista 0.4393 0.4630-0.4740 0.3933 0.3885 short 0.3933-0.3885

Dettagli

La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004

La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004 ! VPRI-040617-IsLucc-P1 La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004 VPRI-040617-IsLucc-P2 Premessa Caratteristiche del Bilancio di Sostenibilità La predisposizione

Dettagli

Bollettino statistico

Bollettino statistico Statistiche e analisi Bollettino statistico 4 marzo 2014 Il Bollettino statistico è un documento a cadenza semestrale che contiene dati sui settori istituzionali di interesse della Consob basati su segnalazioni

Dettagli

FTSE MIB Stocks Last Trading Day Daily Pivots

FTSE MIB Stocks Last Trading Day Daily Pivots FTSE MIB Stocks Last Trading Day Daily Pivots Ticker Name Date Open High Low Close Volume Res1 Sup1 Res2 Sup2 Res3 Sup3 A2.MI A2A 23/03/12 0.653 0.670 0.635 0.642 24038668 0.660 0.625 0.682 0.613 0.716

Dettagli

Dal 16 Gennaio 2015, 516 nuovi Covered Warrant di UniCredit su Azioni italiane ed internazionali!

Dal 16 Gennaio 2015, 516 nuovi Covered Warrant di UniCredit su Azioni italiane ed internazionali! Nuovi Covered Warrant di UniCredit quotati su SeDeX www.investimenti.unicredit.it Dal 16 Gennaio 2015, 516 nuovi Covered Warrant di UniCredit su Azioni italiane ed internazionali! Scopri la nuova emissione

Dettagli

ORIENTAMENTI DI VOTO FRONTIS GOVERNANCE ANNO SOLARE 2013

ORIENTAMENTI DI VOTO FRONTIS GOVERNANCE ANNO SOLARE 2013 27/04/2013 ASSICURAZIONI GENERALI SPA Ordinaria Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012, destinazione dell utile di esercizio e distribuzione del dividendo Favorevole Favorevole 27/04/2013 ASSICURAZIONI

Dettagli

CSR Online Awards 2009

CSR Online Awards 2009 Lundquist CSR Online Awards 2009: il meglio della comunicazione della CSR online in Italia Eni la più concreta nella comunicazione online della CSR La seconda edizione della ricerca CSR Online Awards sulla

Dettagli

Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa

Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa Le società italiane creano ancora valore? L indagine 2013 sulle principali Società Italiane per Capitalizzazione di borsa Indice LE SOCIETÀ ITALIANE CREANO ANCORA VALORE? L indagine 2013 sulle principali

Dettagli

AVVISO n Novembre 2013 Idem. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n Novembre 2013 Idem. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.19057 13 Novembre 2013 Idem Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : IDEM - QUANTITY AND SPREAD OBLIGATIONS FOR MARKET MAKERS AND SPECIALISTS Testo

Dettagli

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP (ex Carbon Disclosure Project) è un organizzazione no profit internazionale che fornisce ad imprese, governi ed investitori l unico sistema globale

Dettagli

Ftse Mib - la settimana del 25/11/12 in sintesi

Ftse Mib - la settimana del 25/11/12 in sintesi Ftse Mib - la settimana del 25/11/12 in sintesi MARKET TREND 24/11/2012 Mercato: Ftse Mib Titoli rialzo Titoli ribasso Titoli neutrali Trend Trend MEDIO termine 4 23 13 DOWN Trend BREVE termine 36 3 1

Dettagli

10 ma Edizione KWD Webranking 2011 Italy Top100

10 ma Edizione KWD Webranking 2011 Italy Top100 KWD Webranking 15 edizione a livello europeo e 10 in Italia 101 società analizzate in Italia e 950 in Europa, in 28 settori diversi Protocollo di valutazione di 120 criteri, di cui un terzo dedicati alle

Dettagli

CONSUMI ENERGETICI 09

CONSUMI ENERGETICI 09 CONSUMI ENERGETICI 09 Quadro sinottico degli indicatori INDICATORI DI PRESSIONE (P) Consumi di metano ad uso domestico Consumi di metano ad uso non domestico: comparto ceramico Consumi di energia elettrica

Dettagli

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Emittenti direttamente interessati da situazioni di conflitto di interessi Emittente Gruppo di Appartenenza

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI. Per speculare sui movimenti di mercato di brevissimo periodo. Per proteggere il tuo investimento.

CATALOGO PRODOTTI. Per speculare sui movimenti di mercato di brevissimo periodo. Per proteggere il tuo investimento. Trading Per speculare sui movimenti di mercato di brevissimo periodo. COVERED WARRANT CALL: Voglio puntare sui movimenti al rialzo dell attività finanziaria sottostante. COVERED WARRANT PUT: Voglio puntare

Dettagli

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Emittenti direttamente interessati da situazioni di conflitto di interessi Emittente ALBA PRIVATE EQUITY

Dettagli

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Emittenti direttamente interessati da situazioni di conflitto di interessi Emittente ALBA PRIVATE EQUITY

Dettagli

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Emittenti direttamente interessati da situazioni di conflitto di interessi Emittente ALBA PRIVATE EQUITY

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato Garantito )

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato Garantito ) degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente ( Prestito Titoli Vincolato Garantito ) SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 agosto 2015 DISCLAIMER (AVVERTENZE) Il presente documento viene fornito

Dettagli

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Il presente documento riporta gli emittenti per i quali sussistono - direttamente o indirettamente -

Dettagli

Breaking News. Covered Warrant di UniCredit La gamma più ampia del mercato. Dal 20 giugno 2012, 466 nuovi Covered Warrant di UniCredit!

Breaking News. Covered Warrant di UniCredit La gamma più ampia del mercato. Dal 20 giugno 2012, 466 nuovi Covered Warrant di UniCredit! Covered Warrant di UniCredit La gamma più ampia del mercato www.investimenti.unicredit.it Dal 20 giugno 2012, 466 nuovi Covered Warrant di UniCredit! Scarica Investimenti: l iphone App. di UniCredit! UniCredit

Dettagli

Questa cartella stampa contiene:

Questa cartella stampa contiene: Questa cartella stampa contiene: Comunicato Stampa - CDP Italy Climate Change Report : le aziende decidono di investire sulla sostenibilità anche in tempo di crisi p. 2 Italy Climate Change Report I dati

Dettagli

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse

Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Decreto Legislativo n. 58/1998 / Art. 114 comma 8 - Lista emittenti/gruppi in conflitto di interesse Emittenti direttamente interessati da situazioni di conflitto di interessi Emittente Aeroporto Guglielmo

Dettagli

Analisi comparata delle performance di sostenibilità Premessa metodologica

Analisi comparata delle performance di sostenibilità Premessa metodologica Analisi comparata delle performance di sostenibilità Premessa metodologica Nella convinzione che la comparazione delle performance ambientali, sociali e di governance interessi, oltre che l azienda stessa,

Dettagli

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7.1 INDICATORE 1: Consumo procapite di combustibili nel settore civile Settore: Usi civili. Indicatore: Consumo procapite di combustibili normalizzato sui gradi giorno nel

Dettagli

STUDIO SULLE REMUNERAZIONI NELLE SOCIETÀ QUOTATE IN ITALIA

STUDIO SULLE REMUNERAZIONI NELLE SOCIETÀ QUOTATE IN ITALIA STUDIO SULLE REMUNERAZIONI NELLE SOCIETÀ QUOTATE IN ITALIA ESERCIZIO 2011 Principali risultati dell analisi Nonostante il valore totale per gli azionisti (corsi azionari più dividendi) sia risultato negativo

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente con FACOLTÀ DI RICHIAMO per OPERAZIONI DI ELEVATO IMPORTO

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente con FACOLTÀ DI RICHIAMO per OPERAZIONI DI ELEVATO IMPORTO PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente con FACOLTÀ DI RICHIAMO per OPERAZIONI DI ELEVATO IMPORTO SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 agosto 2015 DISCLAIMER

Dettagli

15 ma Edizione KWD Webranking 2011 Europe 500

15 ma Edizione KWD Webranking 2011 Europe 500 KWD Webranking 15 edizione a livello europeo e 10 in Italia 950 in Europa, in 28 settori diversi 24 società italiane incluse nella classifica europea Protocollo di valutazione di 120 criteri, di cui un

Dettagli

ABI disdetta il contratto: crescono le diseguaglianze

ABI disdetta il contratto: crescono le diseguaglianze ABI disdetta il contratto: crescono le diseguaglianze A cura di Agostino Megale Nicola Cicala Il CCNL carta costituzionale del lavoro Un settore senza contratto è come un paese senza Costituzione ABI:

Dettagli

Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale. Dicembre 2013

Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale. Dicembre 2013 Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale Dicembre 2013 Sommario Premessa e sintesi dei risultati Il lavoro svolto Risultati aziende italiane Risultati aziende europee 2 Premessa L obiettivo

Dettagli

Lundquist Research Series Wikipedia Italia 2011

Lundquist Research Series Wikipedia Italia 2011 Lundquist Research Series Wikipedia Italia 8 marzo 2012 La terza edizione della ricerca Lundquist sulla copertura di Wikipedia delle maggiori aziende italiane, mostra un leggero miglioramento nella qualità

Dettagli

ELLA DVICE RADING. Rho, 20 novembre 2004. Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli. Segnali Titoli Italia Multiday

ELLA DVICE RADING. Rho, 20 novembre 2004. Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli. Segnali Titoli Italia Multiday ELLA DVICE RADING Rho, 20 novembre 2004 Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli Segnali Titoli Italia Multiday Swing Trading I Segnali Titoli Italia Multiday (Swing Trading) è

Dettagli

ELLA DVICE RADING. Palermo, 7 maggio 2005. Swing Trading: Segnali Titoli Italia Multiday A cura di: Romano De Bortoli UFFICIO ANALISI TECNICA

ELLA DVICE RADING. Palermo, 7 maggio 2005. Swing Trading: Segnali Titoli Italia Multiday A cura di: Romano De Bortoli UFFICIO ANALISI TECNICA ELLA DVICE RADING Palermo, 7 maggio 2005 Swing Trading: Segnali Titoli Italia Multiday A cura di: Romano De Bortoli Swing Trading I Segnali Titoli Italia Multiday (Swing Trading) è un prodotto nato con

Dettagli

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova Padova verso il Piano Clima Michele Zuin Settore Ambiente Comune di Padova Adesione al Patto dei sindaci e alla Campagna SEE Con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Nuovi covered warrant Unicredit su azioni, indici, tassi di cambio e materie prime 08.11.2006

Nuovi covered warrant Unicredit su azioni, indici, tassi di cambio e materie prime 08.11.2006 Nuovi covered warrant Unicredit su azioni, indici, tassi di cambio e materie prime 08.11.2006 I covered warrant UniCredit elencati di seguito sono negoziati sulla Borsa Italiana a partire da: covered warrant

Dettagli

Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze

Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze FTSE MIB Proxy Season 2013 Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze con approfondimento relativo al voto sulle politiche di remunerazione (ex Art. 123-ter del D.lgs.

Dettagli

Reputazione e rischio reputazionale Fragilità e rischio nel governo della websociety

Reputazione e rischio reputazionale Fragilità e rischio nel governo della websociety Reputazione e rischio reputazionale Fragilità e rischio nel governo della websociety Marika Arena, Antonio Conte, Giovanni Azzone Dipartimento di Ingegneria Gestionale, Politecnico di Milano Piercesare

Dettagli

Acea HOLD 15 Adidas HOLD 90 Amadeus HOLD 43 Amer Sport HOLD 26. L 11/03/2016 Anima Holding BUY 10.4 M 01/09/2015. Anima Holding HOLD 5.

Acea HOLD 15 Adidas HOLD 90 Amadeus HOLD 43 Amer Sport HOLD 26. L 11/03/2016 Anima Holding BUY 10.4 M 01/09/2015. Anima Holding HOLD 5. A2A BUY 1.41 L 24/11/2015 A2A HOLD 1.26 L 19/01/2016 A2A BUY 1.34 L 07/04/2016 Acea HOLD 15 M 23/03/2016 Adidas HOLD 90 L 05/11/2015 Amadeus HOLD 43 M 03/06/2016 Amer Sport HOLD 26 L 11/03/2016 Anima Holding

Dettagli

www.trendintime.com ARCHIVIO PREVISIONI BORSA Archivio Previsoni 2013 Tutti i diritti riservati TT 2010

www.trendintime.com ARCHIVIO PREVISIONI BORSA Archivio Previsoni 2013 Tutti i diritti riservati TT 2010 TMX-Report di lunedì 30/12/2013 valido per la settimana in corso INDICI MONDIALI DAX (Germania) CAC 40 (Francia) FTSE 100 (Inghilterra) DOW JONES INDUSTRIAL AVERAGE (Usa) NIKKEI 225 (Giappone) HANG SENG

Dettagli

IL COLLEGIO SINDACALE NELLE SOCIETÀ

IL COLLEGIO SINDACALE NELLE SOCIETÀ IL COLLEGIO SINDACALE NELLE SOCIETÀ DEL FTSE MIB ANALISI DEI CRITERI DI INDIPENDENZA I PRINCIPALI RISULTATI: 2013 FREE IMAGES COURTESY OF FREEDIGITALPHOTOS.NET Principali risultati dell analisi Sono stati

Dettagli

12 giugno 2015: Giornata mondiale contro il lavoro minorile. Proposta di ENGAGEMENT collettivo. Simonetta Bono, Cristina Daverio 12 giugno 2015

12 giugno 2015: Giornata mondiale contro il lavoro minorile. Proposta di ENGAGEMENT collettivo. Simonetta Bono, Cristina Daverio 12 giugno 2015 12 giugno 2015: Giornata mondiale contro il lavoro minorile Proposta di ENGAGEMENT collettivo Simonetta Bono, Cristina Daverio 12 giugno 2015 ILO: rapporto globale sul lavoro minorile 2. «Il lavoro minorile

Dettagli

Le classi di attivo tradizionali: Azioni e Obbligazioni

Le classi di attivo tradizionali: Azioni e Obbligazioni : Azioni e Obbligazioni relatore Roberto Ciasca Responsabile Ufficio Risparmio Amministrato e Finanza Innovativa Intesa Sanpaolo Private Banking Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

AVVISO n.6835. 16 Aprile 2013 Idem. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.6835. 16 Aprile 2013 Idem. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.6835 16 Aprile 2013 Idem Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : IDEM - FOCUS GROUP, QUANTITY AND SPREAD OBLIGATIONS FOR MARKET MAKERS AND SPECIALISTS

Dettagli

Bollettino statistico

Bollettino statistico Statistiche e analisi Bollettino statistico settembre 201 Il Bollettino statistico è un documento a cadenza semestrale che contiene dati sui settori istituzionali di interesse della Consob basati su segnalazioni

Dettagli

Relazione semestrale del Fondo. Mediolanum Flessibile Italia. al 28 giugno 2013

Relazione semestrale del Fondo. Mediolanum Flessibile Italia. al 28 giugno 2013 Relazione semestrale del Fondo Mediolanum Flessibile Italia al 28 giugno 2013 La presente Relazione Semestrale si compone di 8 pagine numerate dalla numero 1 alla numero 8. MEDIOLANUM GESTIONE FONDI SGR

Dettagli

Acea HOLD 15. Adidas HOLD 120. Amadeus HOLD 43 Amer Sport HOLD 26. L 11/03/2016 Amer Sport HOLD 31 Amplifon BUY 10.0 Anima Holding HOLD 5.

Acea HOLD 15. Adidas HOLD 120. Amadeus HOLD 43 Amer Sport HOLD 26. L 11/03/2016 Amer Sport HOLD 31 Amplifon BUY 10.0 Anima Holding HOLD 5. A2A BUY 1.41 L 24/11/2015 A2A HOLD 1.26 L 19/01/2016 A2A BUY 1.34 L 07/04/2016 Acea HOLD 15 M 23/03/2016 Acea BUY 15.1 M 29/07/2016 Adidas HOLD 90 L 05/11/2015 Adidas HOLD 120 L 04/08/2016 Amadeus HOLD

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia La farmaceutica è un patrimonio manifatturiero che il Paese non può perdere La farmaceutica e il suo indotto 174 fabbriche 62.300 addetti

Dettagli

WEBRANKING BY COMPREND

WEBRANKING BY COMPREND WEBRANKING BY COMPREND TRANSPARENCY STRESS TEST In a challenging and competitive business environment, Webranking investigates how well Italian companies meet the growing expectations of stakeholders in

Dettagli

XXIII Edizione 2011 Premio Marketing

XXIII Edizione 2011 Premio Marketing XXIII Edizione 2011 Premio Marketing Enel - La storia Nasce Enel Ente Nazionale per l Energia Elettrica Sono inaugurati i primi 2 impianti italiani alimentati da energie rinnovabili Vengono inaugurati

Dettagli

FTSE MIB: Proxy Season 2013. Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze

FTSE MIB: Proxy Season 2013. Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze Corporate Governance Advisory Executive Summary FTSE MIB: Proxy Season 2013. Evoluzione degli assetti proprietari ed attivismo assembleare delle minoranze La presente ricerca prende in esame le risultanze

Dettagli

A.S. ROMA A2A ACEA ACSM - AGAM AEDES ALERION CLEANPOWER

A.S. ROMA A2A ACEA ACSM - AGAM AEDES ALERION CLEANPOWER A.S. ROMA Chiusura esercizio 30 giugno. A2A ACEA ACSM - AGAM AEDES ALERION CLEANPOWER 26/10/2015 - Assemblea Bilancio 17776 01/10/2015 - Cda Bilancio 16497 14/05/2015-3 Trimestrale 8785 02/03/2015 - Relazione

Dettagli

Lundquist CSR Online Awards Italy 2010

Lundquist CSR Online Awards Italy 2010 Lundquist Online Awards Italy 2010 Valutare la comunicazione online della in base ai bisogni degli stakeholder 4 Ottobre 2010 Online Awards Italy 2010: Prima ricerca in Italia sulla online 3 a edizione

Dettagli

TERNA: UTILI PER IL PAESE

TERNA: UTILI PER IL PAESE TERNA: UTILI PER IL PAESE Audizione presso la Commissione Industria Senato Atto n. 282 Affare assegnato risultati società partecipate dallo Stato ROMA, 19 marzo 2014 1 Il Gruppo Terna Il Gruppo si compone

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI ECONOMIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI ECONOMIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN BUSINESS ADMINISTRATION TESI DI LAUREA ATTORI E STRUMENTI NELLA D IMPRESA PLAYERS AND MANAGEMENT TOOLS IN CORPORATE SUSTAINABILITY

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

Breaking News. Nuovi Covered Warrant di UniCredit quotati su SEDEX

Breaking News. Nuovi Covered Warrant di UniCredit quotati su SEDEX Nuovi Covered Warrant di UniCredit quotati su SEDEX www.investimenti.unicredit.eu Dal 9 settembre 2011 324 nuovi covered warrant di UniCredit per scegliere strike e scadenze più adatti alle tue esigenze.

Dettagli

II Rapporto 2013 Rating Business Plan Società indici FTSE e STAR

II Rapporto 2013 Rating Business Plan Società indici FTSE e STAR Rating dei Business Plan delle Società inserite nell indice FTSE MIB della Borsa Italiana II Rapporto 2013 Rating Business Plan Società indici FTSE e STAR Hanno collaborato alla stesura del Rapporto: Cesare

Dettagli

La Gestionale Ambientale in Enel

La Gestionale Ambientale in Enel La Gestionale Ambientale in Enel Il contesto della Gestione Ambientale Politiche, Regolazione e principi internazionali Corporations Impatti sugli ecosistemi locali Impatti sull ecosistema globale Movimenti

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente con FACOLTÀ DI RICHIAMO per OPERAZIONI DI ELEVATO IMPORTO

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente con FACOLTÀ DI RICHIAMO per OPERAZIONI DI ELEVATO IMPORTO PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente con FACOLTÀ DI RICHIAMO per OPERAZIONI DI ELEVATO IMPORTO SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 4 gennaio 2016 DISCLAIMER

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Consumo energetico consapevole e sostenibile Progetti per un nuovo sviluppo

Consumo energetico consapevole e sostenibile Progetti per un nuovo sviluppo Consumo energetico consapevole e sostenibile Progetti per un nuovo sviluppo Luca Marchisio Responsabile Sustainability Italy Roma, 5 Maggio 2015 La definizione di sostenibilità Equilibrio di sistemi e

Dettagli

11 a Edizione. KWD Webranking 2012 Italy 100 e Europe 500. 16 edizione a livello. 102 società analizzate in

11 a Edizione. KWD Webranking 2012 Italy 100 e Europe 500. 16 edizione a livello. 102 società analizzate in 16 edizione a livello europeo e 11 in Italia 102 società analizzate in Italia e quasi 1000 a livello globale, organizzate in 19 settori diversi Protocollo di valutazione di 100 criteri, di cui un terzo

Dettagli

1. I processi di concentrazione

1. I processi di concentrazione 1. I processi di concentrazione tra imprese Fusioni e acquisizioni negli anni più recenti Lo scenario internazionale 336 Nel 2008 si assiste, a livello mondiale, ad un significativo rallentamento del processo

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

1.2 Emissioni climalteranti

1.2 Emissioni climalteranti 1.2 Emissioni climalteranti In tema di cambiamenti climatici il PRAA stabiliva l impegno a ridurre, nel periodo 2008-2012, le emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai valori del 1990, facendo proprio

Dettagli

Calendario Dividendi. L elevata volatilità di mercato mette in secondo piano i dividendi. 8 ottobre 2014. Nota periodica

Calendario Dividendi. L elevata volatilità di mercato mette in secondo piano i dividendi. 8 ottobre 2014. Nota periodica L elevata volatilità di mercato mette in secondo piano i dividendi I mercati europei presentano un quadro di forte volatilità con continui cambiamenti di fronte su indici, settori e titoli. La velocità

Dettagli

Rapporto di sostenibilità

Rapporto di sostenibilità 2012 Rapporto di sostenibilità Terna è un grande operatore delle reti per il trasporto dell energia. Gestisce la trasmissione di energia elettrica in Italia e ne garantisce la sicurezza, la qualità e l

Dettagli

John Elkann, PRESIDENTE SERGIO MARCHIONNE, AMMINISTRATORE DELEGATO

John Elkann, PRESIDENTE SERGIO MARCHIONNE, AMMINISTRATORE DELEGATO 2015 SOSTENIBILITà La creazione di un Gruppo integrato e globale come Fiat Chrysler Automobiles è stato per noi l evento più importante del 2014. Un fatto che ha cambiato per sempre il destino delle due

Dettagli

Contratti collettivi, retribuzioni contrattuali e conflitti di lavoro Giugno 2009

Contratti collettivi, retribuzioni contrattuali e conflitti di lavoro Giugno 2009 TP PT Per 0 Luglio 20 collettivi, retribuzioni contrattuali e conflitti di lavoro Giugno 20 Alla fine di giugno 20 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore relativamente alla sola parte economica,

Dettagli

Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011

Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011 Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011 Responsabile dello studio Guido Cutillo Country Head of Talent and Organization Consulting Hanno contribuito allo

Dettagli

DATI E INDICATORI DI PERFORMANCE

DATI E INDICATORI DI PERFORMANCE 106 DATI E INDICATORI DI PERFORMANCE RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI Ricavi totali milioni di Euro 1.999 7.076 8.288 Margine Operativo Lordo milioni di Euro 547 380 332 Margine Operativo Lordo a valori

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Gli stakeholder Investitori

Gli stakeholder Investitori Gli stakeholder Investitori Investitori La Società è presente nei più importanti indici e standard etici che confermano l impegno dell azienda per realizzare una crescita sostenibile. Trasparenza e creazione

Dettagli

Lundquist CSR Online Awards Italy 2011

Lundquist CSR Online Awards Italy 2011 Lundquist Online Awards Italy 2011 24 ottobre 2011 Valutare la comunicazione online della in base ai bisogni degli stakeholder La qualità della comunicazione della in Italia rimane inadeguata e invariata:

Dettagli

INDICE DEI CONTENUTI

INDICE DEI CONTENUTI CARBON FOOTPRINT Rapporto 2013 15/04/2014 INDICE DEI CONTENUTI IN SINTESI... 3 RILEVANZA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO PER IL GRUPPO MONTEPASCHI... 5 GESTIONE IMMOBILIARE... 8 MOBILITA BUSINESS... 9 ACQUISTO

Dettagli

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO Estrapolato dal bilancio di sostenibilità 2013 IL PROGETTO CARBON FOOTPRINT LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO La partecipazione al bando per l accesso al finanziamento (ai sensi del D.M. 468 del 19.05.2011)

Dettagli

Weekly Report FTSE MIB

Weekly Report FTSE MIB Weekly Report FTSE MIB 28/02/16 YY Y Y MIB (22,002.39, 22,379.62, 21,746.17, 21,746.17, -632.480) Y Y Y Y 24000 23500 23000 22500 22000 21500 21000 Bullish Bearish Bearish Bullish Bullish Bullish Bearish

Dettagli