Obbligazioni High Yield e US Private Placement. Torino, 21 febbraio 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obbligazioni High Yield e US Private Placement. Torino, 21 febbraio 2013"

Transcript

1 Obbligazioni High Yield e US Private Placement Torino, 1 febbraio 013

2 Agenda 1 Obbligazioni High Yield 1a Il Mercato Italiano 1b Statistiche delle Emissioni 1c L Impatto del Rischio Italia US Private Placement a Caratteristiche Principali b Evoluzione del Mercato c Aspetti Normativi e Prospettive Future Annex Banca IMI credentials

3 Obbligazioni High Yield: Overview del Mercato Italiano Emittenti Frequenti nel Mercato Italiano Emittenti Standard Emittenti Fallen Angels Il mercato italiano dei bond High Yield è composto da un numero esiguo di emittenti frequenti e meno frequenti e viene suddiviso in due categorie: Emittenti Standard Emittenti Fallen Angels Per quanto riguarda gli emittenti standard il più attivo negli ultimi anni è stato Wind, che si è presentato sul mercato con cinque emissioni dual tranche dal 005 ad oggi Altri emittenti sono Cerved Group, Rottapharm, Zobele, Piaggio, Guala Closures, Bormioli e Seat Pagine Gialle Gli emittenti cosiddetti Fallen Angels sono Gruppi che per dimensioni, rating o altri fattori sono considerati High Yield ma godono di un trattamento più soft (Ex. documentazione più leggera, covenants meno stringenti, ecc.) La società più attiva sul mercato High Yield è Fiat S.p.A. (BB-/Ba3), che dal 006 ad oggi ha emesso 10 bond Fiat Industrial è stata attiva sul mercato a marzo 011 con un operazione dual tranche (4 yr e 7 yr) per ammontare pari a.4 bn Buzzi Unicem, dopo il bond emesso nel 009, ha lanciato di recente (settembre 01) una nuova emissione High Yield per 350 m Fonte: S&P, Moody s, Banca IMI 3

4 Obbligazioni High Yield: Evoluzione del Mercato Italiano Emissioni High Yield Standard Emissioni High Yield Fallen Angels Issuer Name Amount Issued (million) Currency Coupon Tenor Maturity Settlement Date Status Rating Issuer Name Amount Issued (million) Currency Coupon Tenor Maturity Settlement Date Status Rating 180 EUR 7.875% 5yr 01/0/018 31/01/013 Subord. B 350 EUR 6.15% 5yr 1/0/018 1/0/013 Sr Unsecured BB+ 780 EUR 6.375%, 7yr, 019, 00, 8%, Float 8yr, 6yr 01 15/01/013 Sr. Secured, Subord. B CCC+ 350 EUR 6.50% 6 yr 8/09/018 8/09/01 Sr Unsecured BB+ 400 EUR 6.15% 7yr 15/11/019 14/11/01 Sr Unsecured BB 75 EUR 5.601% 7yr 15/11/019 13/11/01 Sr Secured B 00 EUR 7.375% 7 yr 15/0/018 13/04/01 Sr Secured BB 400 USD 7.50% 7 yr 15/0/018 / 13/04/01 / Sr Secured BB 50 EUR % 7 yr 01/08/018 0/08/011 Sr Secured BB 00 EUR 9.375% 7 yr 15/04/018 0/04/011 Subord. CCC+ 1,750 EUR 7.375% 7 yr 15/0/018 6/11/010 Sr Secured BB 1,300 USD 7.50% 7 yr 15/0/018 6/11/010 Sr Secured BB 600 EUR 7.750% 4 yr 17/10/016 16/07/01 Sr Unsecured BB 850 EUR 7.000% 7 yr 3/03/017 3/03/01 Sr Unsecured BB 600 EUR 7.375% 7 yr 09/07/018 08/07/011 Sr Unsecured BB 900 EUR 6.15% 3 yr 08/07/014 08/07/011 Sr Unsecured BB 1,000 EUR 6.375% 5 yr 01/04/016 01/04/011 Sr Unsecured BB 1,00 EUR 6.50% 7 yr 09/03/018 11/03/011 Sr Unsecured BB+ 1,000 EUR 5.50% 4 yr 11/03/015 11/03/011 Sr Unsecured BB+ 00 EUR % 6 yr 31/01/017 08/10/010 Subord. CCC+ 550 EUR % 7 yr 31/01/017 8/01/010 Subord. CCC+ 65 USD 1.50% 7 yr 15/07/017 15/1/009 Subord. BB 35 EUR 1.50% 7 yr 15/07/017 15/1/009 Subord. BB 150 EUR 7.000% 7 yr 01/1/016 04/1/009 Sr Unsecured BB 1,50 EUR % 8 yr 15/07/017 15/07/009 Subord. BB,000 USD % 8 yr 15/07/017 15/07/009 Subord. BB 950 EUR % 10 yr 01/1/015 8/11/005 Subord. BB 00 EUR 5.750% 3 yr 18/1/01 18/1/009 Sr Unsecured BB 350 EUR 5.50% 7 yr 09/1/016 09/1/009 Sr Unsecured BB+ 1,500 EUR 6.875% 5 yr 13/0/015 13/11/009 Sr Unsecured BB 1,50 EUR 7.65% 5 yr 15/09/014 15/09/009 Sr Unsecured BB 1,50 EUR 9.000% 3 yr 30/07/01 8/07/009 Sr Unsecured BB 1,000 EUR 5.65% 5 yr 15/11/011 1/05/006 Sr Unsecured BB 1,000 EUR 6.65% 7 yr 15/0/013 10/0/006 Sr Unsecured BB 650 USD 1.000% 10 yr 01/1/015 8/11/005 Subord. BB 150 EUR % 7 yr 30/04/01 7/04/005 Sr Unsecured BB Fonte: S&P, Moody s, Banca IMI 4

5 Agenda 1 Obbligazioni High Yield 1a Il Mercato Italiano 1b Statistiche delle Emissioni 1c L Impatto del Rischio Italia US Private Placement a Caratteristiche Principali b Evoluzione del Mercato c Aspetti Normativi e Prospettive Future Annex Banca IMI credentials 5

6 Statistiche Emissioni Corporate High Yield Italiane 10,000 9,000 8,000 7,000 6,000 5,000 4,000 3, ,000 1, ,750,000 Volumi HY YTD (EUR m) Fallen Angels: Volumi HY YTD (EUR m) 0 0 8,900 3,800 5,150 3, , YTD 5,000 4,500 4, ,500 3,000,500,000 1, , ,000 4, ,700 1, YTD Emissioni HY YTD (#) Fallen Angels: Emissioni HY YTD (#) YTD YTD Fonte: S&P, Moody s, Banca IMI 6

7 Distribuzione Cumulata per Rating dal 005 Italia Distribuzione ib i dei Rating Bond HY in Italia (005A-013YTD, 013YTD m) Commenti # Emissioni La maggior parte delle emissioni di obbligazioni High Yield in Italia dal 005 ad oggi, per volumi, ricade nella categoria di rating BB- e BB 10,800 9,750 Per numero di emissioni la maggior parte delle operazioni ricade nella categoria BB- e BB, sempre grazia alla fervente attività di Fiat S.p.A. e Wind Gli emittenti più attivi, Fiat S.p.A. e Wind, hanno rating rispettivamente BB- e BB 10,150 9,750 3,50 Nel periodo di riferimento sono state quattro le emissioni che hanno avuto un rating CCC+, rispettivamente due di Seat Pagine Gialle, una di Guala Closures e una di Cerved 1,50 1,005 3,50 1,50 1, CCC+ B B B+ BB BB BB+ Infine sono state cinque le emissioni con rating Border line BB+, due di Buzzi Unicem, due di Fiat Industrial e una di italcementi Emittenti Standard Emittenti Fallen Angels Fonte: S&P, Moody s, Banca IMI 7

8 Agenda 1 Obbligazioni High Yield 1a Il Mercato Italiano 1b Statistiche delle Emissioni 1c L Impatto del Rischio Italia US Private Placement a Caratteristiche Principali b Evoluzione del Mercato c Aspetti Normativi e Prospettive Future Annex Banca IMI credentials 8

9 Italia vs Europa: Volumi ( m) e Quote di Mercato (%) Il Mercato HY Italiano vs Il Mercato HY Europeo (Volumi, m) Commenti Europa Italia 44,400 35, ,400 Il mercato italiano, sia per volumi che per numero di emissioni, rappresenta una piccola fetta del totalemercatot t europeo,000,700 4,300 4,500 8,900, ,800 5,150 3,075 1,310 15,366 Il peso percentuale delle emissioni italiane sul totale europeo, escludendo la crisi e il boom del 009, è rimasto abbastanza costante in una forchetta tra il 9% e il 15% YTD Peso del Mercato HY Italiano sul Mercato HY Europeo (%) 36.33% Nell anno 009, grazie alla ripresa post-lehman dell attività corporate soprattutto nel segmento High Yield, la quota italiana del mercato europeo ha raggiunto un livello record di circa il 40%, performance che però non si è mai più ripetuta negli anni successivi 8.81% 8.56% 14.59% 8.45% 8.53% 9% - 15% YTD Fonte: S&P, Moody s, Banca IMI 9

10 Italia vs Europa: Distribuzione Ranking del Debito Italia uropa E Il Mercato HY Italiano vs Il Mercato HY Europeo (# Deals) YTD Secured Unsecured Subordinated YTD Secured Unsecured Subordinated Commenti Come si può notare dai grafici, generalmente le emissioni High Yield sono Unsecured, sia in Italia che in Europa Le emissioni Secured risultano abbastanza diffuse sia in Italia e in Europa, mentre i bond che hanno rank Subordinated sono più diffusi in Italia Le emissioni subordinate sono state quelle di Cerved (1 tranche) nel 013, Guala Closures nel 011, di Seat Pagine Gialle nel 010 e le cinque di Wind dal 009 Fonte: S&P, Moody s, Banca IMI 10

11 L Impatto del Rischio Italia sugli High Yield Influenza del Rischio Sovrano: Bond Wind 7.375% 18 vs. Itraxx Xover Commenti 1, Wind 7,375% Feb 18 Itraxx Xover I due grafici a sinistra dimostrano come il deterioramento del rating sovrano italiano e il conseguente aumento del Rischio Paese abbiano influito it sui rendimenti delle obbligazioni i i HY italiane rispetto a quelle europee Scoppio crisi del debito sovrano Dimissioni del governo Berlusconi 81 bps Prima del settembre 011 il bond Wind 7.375% Feb 018 e il tasso Xover HY viaggiavano più o meno sullo stesso livello, con uno spread che variava in un intervallo di -50bps / +50 bps A partire dallo scoppio della crisi del debito sovrano (settembre 011), lo spread tra il bond Wind 7.375% Feb 018 e il Xover HY ha iniziato ad allargarsi Max Min Last Spread 38 bps - 66 bps 81 bps ConledimissionidelgovernoBerlusconi(novembre 011) e l aggravarsi della crisi in Italia lo spread si è ulteriormente allargato raggiungendo un picchi a fine maggio 01 e il massimo a fine luglio 01 (38 bps) Con l approvazione di misure volte a ridurre le tensioni sia da parte del governo Monti che da parte dell Unione Europea, lo spread si è ridotto leggermente, scendendo fino a 81 bps a metà febbraio 01 A valle di questa analisi si può concludere che il Rischio Italia abbia influito pesantemente il rendimento delle emissioni High Yield italiane in rapporto agli stessi strumenti emessi da competitors europei Fonte: S&P, Moody s, Banca IMI, Bloomberg 11

12 Andamento Bond Paesi Periferici vs Paesi Core Bond Italcementi 6.65% 65% Mar 00 vs. Heidelberger 75%Apr 7.5% 00 Italcementi 6.65% Mar 0 Heidelberger 7.5% Apr 00 Commenti Come si evince dal grafico accanto, l effetto della crisi del debito sovrano italiano ha influito pesantemente sullo spread degli emittenti ti domestici i 300 Scoppio crisi del debito sovrano BCE - LTRO A partire dal settembre 011 lo spread tra il bond Italcementi e quello del competitor tedesco Hidelberger ha iniziato ad allargarsi finoaraggiungere g il massimo verso la fine del Sep 10 Jan 11 May 11 Sep 11 Jan 1 May 1 Sep 1 Jan 13 1,500 1, Bond Guala Closures 9.375% Apr 018 vs. Ardagh 9.5% Oct 00 Guala Closures 9.375% Apr 18 Guala Closures 9.375% Apr 018 Commenti Come si evince dal grafico accanto, l effetto della crisi i del debito sovrano italiano ha influito pesantemente sullo spread degli emittenti domestici A partire dal settembre 011 lo spread tra il bond Guala Closures e quello del competitor Ardagh, che era rimasto sempre flat nei mesi precedenti, ha iniziato ad allargarsi 300 Scoppio crisi del debito sovrano BCE - LTRO 0 Apr 11 Jun 11 Aug 11 Oct 11 Dec 11 Feb 1 Apr 1 Jun 1 Aug 1 Oct 1 Dec 1 Feb 13 Ad oggi la differenza di spread tra i due bond rimane rilevante, rispecchiando le diverse view degli investitori sul Rischio Paese Fonte: S&P, Moody s, Banca IMI, Bloomberg 1

13 Conclusioni Il mercato italiano dei bond High Yield è dominato da pochi grandi emittenti e fino ad oggi poche aziende hanno utilizzato questo strumento per due principali motivi: 1. La possibilità di accedere a finanziamentii bancari convenienti eabbondanti fino al luglioli 011. Una legislazione che limitava la convenienza dello strumento ai soli emittenti quotati in borsa La crisi della zona Euro e il conseguente incremento del cost of funding delle banche italiane e delle condizioni dei loro prestiti sta spingendo le aziende ad acquisire fonti alternative di finanziamento come il mercato dei capitali Il decreto sviluppo denominato Salva Italia convertito in legge ad agosto 01 ha di fatto rimosso gli ostacoli legali e normativo alle emissioni di obbligazioni corporate per le società non quotate in borsa Si sono venute a creare quindi le premesse per un aumento importante t del numero di operazioni i High Yield italiane. Rimane però ancora l ostacolo del premio aggiuntivo che gli investitori specializzati richiedono per un emittente italiano, fenomeno che vediamo progressivamente scomparire in uno scenario di progressiva risoluzione della crisi della zona Euro 13

14 Agenda 1 Obbligazioni High Yield 1a Il Mercato Italiano 1b Statistiche delle Emissioni 1c L Impatto del Rischio Italia US Private Placement a Caratteristiche Principali b Evoluzione del Mercato c Aspetti Normativi e Prospettive Future Annex Banca IMI credentials 14

15 US Private Placement: Caratteristiche Principali Le obbligazioni US Private Placement ( USPP ) sono titoli collocati non tramite offerta pubblica, ma in forma privata ad un limitato gruppo di investitori Tipicamente questi investori hanno accesso ad informazioni privilegiate che riguardano l emittente (come, ad esempio, le proiezioni finanziarie), differentemente dagli investitori in obbligazioni collocate tramite offerta pubblica che tipicamente hanno accesso solo ad informazini i i pubbliche Per collocare i titoli non sono richiesti rating pubblici ma è sufficiente una valutazione data dalla National Association of Insurance Commissioners ( NAIC ) Gli elementi principali di queste obbligazioni sono: tasso: principalmente tasso fisso profilo di ammortamento: a scadenza (Bullet), raramente ci sono strutture con rimborsi scaglionati nel tempo (Amortizing) durata: da 5 a 30 anni garanzie: sono generalmente privi di garanzie (Unsecured), raramente hanno garanzie reali (Secured) possibilità di rimborso anticipato: non prevista (se non a costi molto elevati) Per quanto riguarda gli elementi contrattuali, da notare che: alcuni dei principali covenants finanziari sono simili a quelli dei prestiti bancari (Maintenance based), non a quelli dei titoli obbligazionari (Incurrence based). Ad esempio: per una obbligazione, se si supera il livello massimo consentito del rapporto tra debito finanziario e margine operativo, non è più possibile prendere ulteriore debito finanziario; per un prestito bancario, se si supera il livello previsto, si ha il diritto di chiedere il rimborso; le restrizioni contrattuali sono complessivamente maggiori rispetto a quelle di una obbligazione pubblica di merito di credito equivalente, comunque generalmente minori di quelle imposte da un prestito bancario Le obbligazioni hanno un taglio medio intorno ai $150m (quello minimo intorno ai $50m) ed il collocamento è indirizzato principalmente a società di assicurazione americane 15

16 Agenda 1 Obbligazioni High Yield 1a Il Mercato Italiano 1b Statistiche delle Emissioni 1c L Impatto del Rischio Italia US Private Placement a Caratteristiche Principali b Evoluzione del Mercato c Aspetti Normativi e Prospettive Future Annex Banca IMI credentials 16

17 US Private Placement: Evoluzione del mercato - Volumi Il mercato mondiale degli USPP ha una dimensione nell intorno di $50Bn annui Prima delle crisi dei subprime del 008, aveva dimensioni, pari a circa $45Bn annui Con la crisi dei dei subprime ha avuto un momento di significativa decrescita a $30bn, per poi crescere decisamente fino a superare i livelli pre-crisi Volumi ($Bn) ytd Circa la metà degli emitenti sono società statunitensi, questa percentuale è diminuita a meno del 40% negli ultimi 1 mesi 100% 90% 80% 70% Other 60% Europe 50% Canada 40% AUS/NZ 30% USA 0% 10% 0% ytd 53 3 Fonte: Private placement monitor 17

18 US Private Placement: Evoluzione del mercato - Spread Lo spread medio è aumentato decisamente negli ultimi 18 mesi, con la crisi del debito sovrano: Per un titolo a 7 anni di categoria NAIC (corrispondente ad un intervallo di rating tra BBB+ e BBB-), lo spread medio è salito da bps a Sulle operazioni Italiane 01 lo spread è stato tra i 300 ed i 330bps (durate 7-10 anni) Lo spred medio è stato sostanzialmente stabile nelle ultime settimane Rating NAIC-1 NAIC- NAIC-3 Tenor Jan - 13 Dec - 1 Jan - 13 Dec - 1 Jan - 13 Dec Rating NAIC-1 NAIC- NAIC-3 Tenor Jan - 13 Jan - 1 Jan - 13 Jan - 1 Jan - 13 Jan Fonte: Private placement monitor 18

19 US Private Placement: Evoluzione del Mercato - Principali Elementi La percentuale di obbligazioni di categoria NAIC 3 (sub-investmente grade) è andata praticamente t azerodal 009 Le durate sono concentrate intorno ai 7-15 anni. Meno frequenti le durate più lunghe di 15 epiù corte di 7 anni 100% 35% 31% 3% % 90% 30% 30% 80% 6% 70% 5% 3% 60% NAIC 1 0% 50% NAIC 16% 40% NAIC 3 15% 14% 13% 1% 11% 10% 30% 10% 9% 0% 5% 6% 6% 5% 5% 4% 10% % % 3% 0% 0% 1% 0% 0% ytd <5 years 5 years years 10 years 10 to 15 years 15 to 0 years 0 to 30 years > 30 years Nel 01 Service, Utility ed Energy rappresentano la quota più elevata dei settori industriali delle società emittenti. Ciò perchè queste industrie, molto capital intensive hanno necessità di fondi a lungo termine in percentuale elevata 5% 4% Volumi USPP 01 0% 18% 15% 10% 10% 10% 9% 8% 8% 7% 5% 4% % % 0% Fonte: Private placement monitor 19

20 US Private Placement: Il Rating Gli investitori di Private Placement non necessitano di rating in modo formale Tutti gli USPP ricevono rating non pubblici dalla National Association of Insurance Commissioners ( NAIC ) L attribuzione di un giudizio di NAIC si basa su sei punti di credit rating che replicano i rating dati delle agenzie pubbliche (i.e. Moody s/s&p/fitch). Solo NAIC 1 and NAIC sono considerati rating investment grade Categoria NAIC Designation Standard & Poor s Rating Equivalente Investment Grade Below Investment Grade AAA, AA+, AA, AA-, A+, A, A- BBB+, BBB, BBB- BB+, BB, BB- B+, B, B- CCC+, CCC, CCC- CC+, CC, CC-, C, D Al termine della transazione, l investitore invia una copia dei documenti dell offerta alla NAIC che provvede successivamente all attribuzione del giudizio; in questo processo non è richiesto il coinvolgimento dell emittente Le recenti regole di attribuzione della NAIC prevedono che: Se la Società ha un solo rating attribuito da parte di una agenzia, il giudizio NAIC si mantiene su tale livello Se la Società ha due rating attribuiti da due agenzie di rating, il giudizio della NAIC si allinea al più basso dei due Se la Società ha tre rating attribuiti dalle tre agenzie di rating, il giuduzio della NAIC è allineato al secondo miglior rating 0

21 US Private Placement: Il Mercato Italiano Il mercato Italiano rappresenta una percentuale minima del mercato totale degli USPP pari a circa l 1%, corrispondente ad un ammontare di circa $500m annui Negli ultimi mesi non ci sono state operazioni sindacate, solo operazioni bilaterali di dimensioni limitate Date Issuer NAIC category Amount ($mm) Maturity (yrs) Feb-13 Autogrill Spa NAIC 3 Ocr-1 Pirelli Spa NAIC ,5 8,5 11,5 1, Spread (bps VS Treasury) Yield (%) 4,75 4,97 5,40 5,45 4, 4,65 5, ,35 Sept-1 De' Longhi SpA NAIC (avg life 10yrs) 84 4,5 June-1 SOL Group SpA NAIC ,75 Jan-1 Illy NL BV NAIC ,61 Oct-11 Luxottica Group NAIC ,35 Jul-11 Piaggio SpA NAIC ,50 May-11 Barilla France SA NAIC ,14 4,76 4,86 Sep-10 Luxottica US 50 EURm ,75 NAIC Holdings Corp 50EURm ,5 Apr-10 RC Lonestar Inc. NAIC ,90 3ML+45bps Jan-10 Luxottica US Holdings Corp 50 NAIC ,19 n.a ,39 5,75 Fonte: Private placement monitor 1

22 Agenda 1 Obbligazioni High Yield 1a Il Mercato Italiano 1b Statistiche delle Emissioni 1c L Impatto del Rischio Italia US Private Placement a Caratteristiche Principali b Evoluzione del Mercato c Aspetti Normativi e Prospettive Future Annex Banca IMI credentials

23 US Private Placement: Il Mercato Italiano Il Decreto Sviluppo Il decreto 83/01 (decreto sviluppo), convertito in legge nell Agosto 01, ha semplificato e reso meno costasa l emissione di obbligazioni da parte di società non quotate, rimangono tuttavia nella legisalzioni alcuni punti di debolezza. I cambiamenti hanno riguardato: I limiti quantititavi posti dal codice civile all emissione di obbligazioni La possibiltà di dedurre a fini fiscali gli interessi pagati sulle obbligazioni La possibilità di pagare cedole lorde (senza trattenere la witholding tax) agli investitori esteri Limiti quantititavi Del codice civile Deducibilità degli interessi Possibilità di pagare cedole lorde (no witholding tax) Il codice civile (art. 41) limitava l ammontare di obbligazioni che le società potevano emettere al doppio del capital sociale più riserve, le società quotate in borse erano escluse dall applicazione di questa norma. Il decreto estende l esenzione alle società non quotate, a condizione che le obbligazioni siano quotate su un mercato regolamentato Per quanto riguarda i Private Placement, non c è necessità di quotazione del prodotto per se, i sottoscrittori sono un numero limitato, potenzialmente anche uno solo, gli scambi sono rari. Quello di quotazione si configura come un onere ulteriore: oltre ai costi, le borse spesso richiedono la redazione di un prospetto informativo, di bilanci infrannuali Il codice civile inoltre, fissa alla maggioranza assoluta la soglia da raggiungere nella assemblea degli obbligazionisti per tutte le decisioni che riguardano l obbligazione. Lo standard per gli USPP prevede invece che le decisioni su alcuni elementi importanti siano prese dalla totalità degli obbligazionisti. In sede di giudizio il codice potrebbe prevalere sugli accordi tra le parti Con l approvazione del decreto, gli interessi diventano deducibili ai fini IRES fino al 30% del MOL, come previsto per le emissioni di obbligazioni da parte delle società quotate, a condizione che siano venduti a investitori istituzionali che non siano azionisti dell emittente Rimane da chiarire se l onere di provare il requisito di collocamento a investitori istituzionali che non siano azionisti dell emittente è solo al momento dell emissione (limitando contrattualmente la circolazione) o rimane su tutta la vita dell obbligazione. Inoltre se i proventi dell emissione fossero utilizzzati per pagare un dividendo agli azionisti, gli interessi potrebbero non essere deducibili. Con l approvazione del decreto, gli interessi diventano pagabili senza trattenere la witholding tax per titoli collocati ad investitori domiciliatii in pasi inclusi nella white list, come previsto per le obbligazione emesse da società quotate. A condizione che che le obbligazioni siano quotate su un mercato regolamentato. Quindi per ottenere l esenzione c è il requisito della quotazione, che per i private placement appare un onere non necessario 3

24 US Private Placement: Il Mercato Italiano Fattori determinanti sullo sviluppo Condizioni relative rispetto ai prestiti bancari Dimensioni ridotte delle aziende italiane Una delle principali determinanti del mancato sviluppo in italia del mercato obbligazionario in generale e quello degli USPP è la disponibilità di prestiti bancari a costi sensibilmente inferiori: Fino alla crisi del debito sovrano, le banche italiane hanno fornito prestiti per cassa a medio lungo termine, a condizioni significativamente migliori rispetto al mercato obbligazionario Il tessuto industriale italiano è formato da aziende con una dimensione media molto inferiore rispetto alla media degli altri paesi. Questo elemento ha inciso negativamente sullo sviluppo del mercato USPP: Le ridotte dimensioni incidono in maniera molto negativa sul rating (le dimensioni incidono pesantemente sulla volatilità dei flussi di cassa e sono un criterio fondamentale nelle metodologie usate dalle pricipali agenzie); raramente gli emittenti italiani raggiungono il livello investment grade, necessario per aver accesso a questo mercato Tematiche legate al debito sovrano Elementi della legislazione societaria e fiscale Gli investitori in USPP sono per la quasi totalità assicurazioni americane. Questi investitori sono stati storicamente propensi ad investire in paesi di cultura e diritto anglosassone: Stati Uniti, UK, Australia Con la crisi del debito sovrano i principali investitori hanno limiti agli investimenti in paesi del sud europa. Alcune previsioni della legislazione societaria e fiscale, rendevano difficile e oneroso emettere obbligazioni alle società non quotate. Per emettere era necessario costruire strutture basate su emittenti esteri e prestiti infragruppo a società italiane, queste strutture implicavano costi ulteriori ed elementi di incertezza (alcune strutture sono state riqualificate fiscalmente dopo anni dall emissione) 4

25 US Private Placement: Il Mercato Italiano Propettive future Alcuni dei fattori che hanno frenato lo sviluppo del mercato andranno ad attenuarsi nel breve-medio termini, pertanto è ragionevole aspettarsi una notevole crescita importante del mercato italiano nei prossimi anni Condizioni relative rispetto ai prestiti bancari Le condizioni a cui le banche italiane possono dare prestiti per cassa a medio termine sono notevolmente t peggiorate questo pricipalmente i per due fattori: 1. a seguito delle crisi del debito sovrano le condizioni di funding a medio termine per le banche italiane sono notevolmente peggiorate;. con le regole fissate dall accordo Basilea 3, l ammontare di capitale da allocare a prestiti corporate per cassa a lungo termine aumenterà significativamente Dimensioni ridotte delle aziende italiane Con la crisi economica è ragionevole ritenere che molti settori industriali italiani avranno un periodo di consolidamento: le aziende più deboli verranno ad essere assorbite da quelle di maggiori dimensioni. Per raggiungere il livello investment grade saranno comunque necessarie ricapitalizzazioni e rafforzamenti del patrimonio Tematiche legate Con il processo di risoluzione della crisi del debito sovrano, il numero di investitori disposti a al debito sovrano considerare il mercato italiano dovrebbe aumentare Elementi della legislazione societaria e fiscale La massima parte delle previsioni della legislazione societaria e fiscale che rendevano difficile e oneroso emettere obbligazioni alle società non quotate sono state rimosse con le evoluzioni normative legate al decreto sviluppo recentemente convertito in legge. C è una generale attenzione a promuovere e sostenere le misure che possono aiutare le aziende italiane a reperire finanziamenti da canali alternativo a quello bancario. 5

26 Agenda 1 Obbligazioni High Yield 1a Il Mercato Italiano 1b Statistiche delle Emissioni 1c L Impatto del Rischio Italia US Private Placement a Caratteristiche Principali b Evoluzione del Mercato c Aspetti Normativi e Prospettive Future Annex Banca IMI credentials 6

27 DCM: Selected High Yield Transactions EUR 50M 6yr RFN EUR 300M 7yr 6.375% EUR 30 5yr 8.000% EUR 350M 5yr 6.15% Joint Lead Manager & Bookrunner 013 Joint Lead Manager & Bookrunner 013 EUR 400M 7yr 6.15% Joint Lead Manager & Bookrunner 01 EUR 75M 7yr E Joint Lead Manager & Bookrunner 01 CHF 370M 7yr 5.65% EUR 15 7yr 7.000% CHF 175M 7yr FRN EUR 167 7yr FRN Co-Manager 01 EUR 00M 7yr 7.375% USD 400M 7yr 7.50% Joint Lead Manager & Bookrunner EUR 850M 7yr 7.000% Joint Lead Manager & Bookrunner EUR 300M 7yr 9.5% Joint Lead Manager & Bookrunner EUR 00M 7yr 9.375% Joint Lead Manager & Bookrunner EUR 1,000M 5yr 6.375% EUR 1,000M 4yr 5.50% EUR 1,00M 7yr 6.50% Joint Lead Manager & Bookrunner Joint Lead Manager & Bookrunner EUR 1,750M 7yr 7.375% USD 1,300M 7yr 7.50% Joint Lead Manager & Bookrunner EUR 00M 7yr 10.5% Joint Lead Manager & Bookrunner EUR 35M and USD 65M 8yr 1.5% - PIC Joint Lead Manager & Bookrunner EUR 150M 7yr 7% Joint Lead Manager & Bookrunner EUR 1,500M long 5yr 6.875% Joint Lead Manager & Bookrunner EUR 1,50M 3yr 9% Joint Lead Manager & Bookrunner EUR 150M 8yr 11.75% USD,000M 8yr 11.75% Joint Lead Manager & Bookrunner

28 Banca IMI Credentials in US Private Placement Transaction Highlights HMS Host (formerly Autogrill Group, Inc. is a 100% subsidiary of Autogrill S.pA., the worl leader in global travel concessions. US$ 00m Multi tranche Senior Notes due The Group is rated as a NAIC-3 issuer in the Private Placement market The US$00m USPP notes demonstrates the companies ability to provide HMS Host stand-alone financing and marks the Company s 4 th USPP transaction since 003 The transaction was launched after a successful roadshow in the US The Issue was launched as a club deal, allocated to five of the most important and high-quality USpp institutional investor Banca IMI S.p.A. acted as Agent for the transactionti Summary Terms Issuer: HMSHost Corporation Guarantor: Autogrill S.p.A. Size: US$ 00million Form and Structure: Senior Notes, Bullet Ranking: Pari passu with all other unsecured debt and credit facilities Size: US$5m US$40m US$80m US$55m Maturity: 01 Sep Sep Sep Sep 05 Pricing: ICUR bps ICUR bps 1.65% 11/ bps 1.65% 11/ bps Coupon: 4.75% 4,97% 5,40% 5,45% Pricing Date: February 1, 013 Funding Date: April 1, 013 Use of Proceeds: Refinancing of existing indebtedness and for general corporate purposes Source: Company Press release; Banca IMI 8

29 Banca IMI Credentials in US Private Placement Transaction Highlights Transaction Highlights US$ 150m Multi tranche Senior Notes due Pirelli & C. S.p.A is a leading company in the manufacturing and distribution of tyres for cars, motorcycles and commercial and industrial i vehicles The Group is expected to be rated as a NAIC- issuer in the Private Placement market and this transaction marks the Company s successful debut private placement Pirelli was launched after a successful roadshow in the US Banca IMI S.p.A. acted as Agent for the transaction US$ 85m Senior Notes due 04 De Longhi Group (the Group ) is an international Company engaged in the production of coffee machines, air treatmentt t solutions and selected kitchen and homecare products The Company approved a funding plan aimed to finance both internal growth and the investments related to the Braun deal, allowing the company to reduce its reliance on banking facilities while increasing at the same time the average maturity of the Group s debt The Issue was launched as a bilateral transaction between De Longhi and one of the most important and high-quality USpp institutional investor Summary Terms Summary Terms Issuer: Guarantor: Size: Form and Structure: Maturity: Pricing: Pirelli International Limited Pirelli & C. S.p.A. US$ 150 million Senior Notes, Bullet November 05, year UST bps November 05, 019 November 05, 0 7 year UST year UST + bps 350 bps November 05, 04 1 year UST bps Coupon: 4,% 4,65% 5,0% 5,35% Pricing Date: October 31, 01 Funding Date: November 05, 01 Use of Proceeds: Refinancing of existing indebtedness and for general corporate purposes Issuer: De' Longhi S.p.A. Size: US$ 85 million Form and Structure: Senior Notes, Amortizing Maturity: September 7, 07 Average Life: 10 yea rs Pricing: 10 year UST + 84 bps Coupon: 4,5% Pricing Date: July4 4, 01 Funding Date: September 7, 01 Use of Proceeds: General Company purposes Source: Company Press release; Banca IMI 9

SEMINARIO ASSIOM FOREX US ELECTIONS

SEMINARIO ASSIOM FOREX US ELECTIONS SEMINARIO ASSIOM FOREX US ELECTIONS Game change? (expectations, possible reactions, fx view) Diana Janostakova FX&MM Trader Milano, 4 novembre 2016 1 AGENDA 1. Actual expectations & market movements 2.

Dettagli

Evento ABI 10 Ottobre 2013

Evento ABI 10 Ottobre 2013 Evento ABI Il punto di partenza: il debito finanziario delle aziende è di natura bancaria Finanziamenti alle imprese per provenienza (quota % sulle consistenze a fine 2012; fonte: BCE, Fed) Prestiti bancari

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

Obbligazioni bancarie quotate direttamente sul MOT.

Obbligazioni bancarie quotate direttamente sul MOT. Napoli, 23 novembre 2011 Obbligazioni bancarie quotate direttamente sul MOT. Nicola Francia Responsabile prodotti quotati Italia Agenda Obbligazioni strutturate e plain vanilla: diavolo e acqua santa?

Dettagli

Pricing del rischio di credito. Aldo Nassigh LIUC, 9 dicembre 2010

Pricing del rischio di credito. Aldo Nassigh LIUC, 9 dicembre 2010 Pricing del rischio di credito Aldo Nassigh LIUC, 9 dicembre 2010 AGENDA 1. Credit ratings 2. Default Intensity e Unconditional default probability 3. Recovery Rate 4. Stima delle probabilità di default

Dettagli

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 700.000 Codice Nel presente Documento Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

"BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI"

BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI "BNPP OBBLIGAZIONE TASSO MISTO IN USD A 10 ANNI" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento finanziario

Dettagli

"OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023"

OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023 "OBBLIGAZIONE INVERSE FLOATER IN DOLLARI USA 25 NOVEMBRE 2023" Il presente documento informativo è redatto al fine di riassumere le principali caratteristiche, i principali rischi e i costi dello strumento

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate MiniBond e Rischi di Credito Mario Bottero MiniBond Specialist Milano, 11 Giugno 2014 Analisi e valutazione del rischio di credito

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate PMI e Rating: un nuovo standard di comunicazione Milano, 11 Giugno 2014 CRIF Credit Rating Definizioni Rating Emittente: l opinione

Dettagli

CAMFIN. Comunicato stampa

CAMFIN. Comunicato stampa IL PRESENTE COMUNICATO NON È DESTINATO ALLA PUBBLICAZIONE, DISTRIBUZIONE O CIRCOLAZIONE, DIRETTA O INDIRETTA, NEGLI STATI UNITI D AMERICA, IN AUSTRALIA, CANADA, GIAPPONE, O A SOGGETTI RESIDENTI IN TALI

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

III SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

ACI WORLD CONGRESS 2015 21st CONGRESS ASSIOM FOREX Milan, 3rd 7th February 2015

ACI WORLD CONGRESS 2015 21st CONGRESS ASSIOM FOREX Milan, 3rd 7th February 2015 ACI WORLD CONGRESS 215 21st CONGRESS ASSIOM FOREX Milan, 3rd 7th February 215 Workshop: Emerging vs Developed Markets new world equilibrium Richard Miratsky Head of the Corporates Analytical Team Dagong

Dettagli

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.

www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p. www.pwc.com/it L impatto economico del Private Equity e del Venture Capital in Italia Risultati dello studio p.3 Metodologia e Glossario p.8 Risultati dello studio PwC 3 Le aziende gestite da PE continuano

Dettagli

Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo

Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo La gestione dei rischi finanziari in tempo di crisi Opportunità di mercato e strategie operative nel breve periodo R e l a t o r e : N i c o l a F r a n c i a Obbligazioni Plain Vanilla Le obbligazioni

Dettagli

La provincia di Milano

La provincia di Milano La provincia di Milano Siena, maggio 2014 Area Research & IR Provincia di Milano: dati socio economici 1/2 Milano DATI SOCIO-ECONOMICI 2014 Var. % 13-14 Var. % 14-15 Var. % 15-16 Milano Italia Milano Italia

Dettagli

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Via Calprino 18, 6900 Paradiso www.compass-am.com Novembre 2013 - Pagina 1 Indice 1. Fondamentali

Dettagli

Gli Investimenti e Le Transazioni. Roberto Galano Executive Vice President 20 Giugno 2012

Gli Investimenti e Le Transazioni. Roberto Galano Executive Vice President 20 Giugno 2012 Gli Investimenti e Le Transazioni nel Settore Alberghiero in Italia Roberto Galano Executive Vice President 20 Giugno 2012 Agenda Volume Investimenti nel Settore alberghiero in Italia Investitori alberghieri

Dettagli

OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO STEP UP CALLABLE IN DOLLARO USA

OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO STEP UP CALLABLE IN DOLLARO USA SCHEDA PRODOTTO Prima di investire nelle Obbligazioni, si invita l investitore a consultare attentamente l Offering Circular datata 8 dicembre 2014 ed i relativi Final Terms del 28 aprile 2016 (le Condizioni

Dettagli

Come e perché investire nei Minibond

Come e perché investire nei Minibond Come e perché investire nei Minibond 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Il mercato dei capitali in ITALIA 180% Capitalizzazione mercato azionario (%PIL) 35,0% Incidenza dei prestiti

Dettagli

Il Decreto Sviluppo (DL 83/2012): I nuovi strumenti finanziari per le imprese - Le logiche pro-business della riforma -

Il Decreto Sviluppo (DL 83/2012): I nuovi strumenti finanziari per le imprese - Le logiche pro-business della riforma - Il Decreto Sviluppo (DL 83/2012): I nuovi strumenti finanziari per le imprese - Le logiche pro-business della riforma - Intervento del dott. Orlando Barucci Managing Partner di Vitale & Associati SpA Milano,

Dettagli

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 Quadro macro globale 60 ISM manif atturiero Usa PMI manif atturiero Germania PMI manif atturiero Cina 55 50 45 Fonte:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI BANCA CARIGE S.P.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 16123 Genova Via Cassa di Risparmio 15 FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese. Vincenzo Bruni EY

I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese. Vincenzo Bruni EY I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese Vincenzo Bruni EY Il mercato del credito alle imprese in Italia 1.Da fine 2011 calo costante dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

17 luglio 2008 pag. 1 di 6

17 luglio 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 20.000.000 Codice Nel presente Foglio Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

Scheda prodotto. Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario

Scheda prodotto. Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Scheda prodotto Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Durata Periodo di offerta Data di Godimento e Data

Dettagli

Private Equity & Finanza per la Crescita

Private Equity & Finanza per la Crescita Divisione Ricerche Claudio Dematté Private Equity & Finanza per la Crescita Minibond: analisi delle aspettative del mercato e definizione di un modello di pricing Prof. Emanuele Carluccio I quesiti di

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 120 CODICE ISIN IT0003353429

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 127 CODICE ISIN IT0003373534

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 11/12/2012-2015 59a DI 20.000.000,00 ISIN IT0004873235 Le presenti Condizioni

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO Gennaio 2003 FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO MEDIOBANCA 2003-2005 INDICIZZATO ALL ANDAMENTO DELL INDICE MIB30 (Cod. ISIN IT0003417075) L investimento nel titolo oggetto della presente offerta è caratterizzato

Dettagli

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione:

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Il passaggio dalla crisi finanziaria al Nuovo contesto regolamentare Milan, 7 giugno 2010 GENERALI INVESTMENTS Generali

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

TECHNICAL VIEW (04/03/2015)

TECHNICAL VIEW (04/03/2015) TECHNICAL VIEW (04/03/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 si è portato nei pressi di un importante resistenza rappresentata dai massimi del 2007. Crediamo che l indice nel medio periodo sia destinato a rompere

Dettagli

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Il mercato dei capitali per la filiera del gelato I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Rimini, 26 gennaio

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Obbligazioni e prestiti sindacati

Obbligazioni e prestiti sindacati Obbligazioni e prestiti sindacati Letture Obbligatorie: G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8 Per il remainder sulla valutazione M. Fumagalli Appunti

Dettagli

«L impatto delle riduzioni dei rating nella gestione dei patrimoni dei Fondi»

«L impatto delle riduzioni dei rating nella gestione dei patrimoni dei Fondi» La gestione finanziaria dei Fondi Pensione «L impatto delle riduzioni dei rating nella gestione dei patrimoni dei Fondi» Intervento di Federico Spiniello - COOPERLAVORO Roma, 19 giugno 2012 COOPERLAVORO

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital SA e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa sul Programma Banca di Sassari S.p.A. Obbligazioni a Tasso Variabile

Condizioni Definitive alla Nota Informativa sul Programma Banca di Sassari S.p.A. Obbligazioni a Tasso Variabile Sede sociale e Direzione Generale in Sassari, Viale Mancini, 2 Capitale sociale Euro 53.686.168,82 i.v. Iscrizione al Registro delle Imprese di Sassari al n. 01583450901 Codice Fiscale e Partita IVA n.

Dettagli

High Yield or High Risk? Analisi del mercato obbligazionario ad alto rendimento

High Yield or High Risk? Analisi del mercato obbligazionario ad alto rendimento High Yield or High Risk? Analisi del mercato obbligazionario ad alto rendimento 1 Come si definisce un obbligazione ad alto rendimento ( high yield ) La definizione di obbligazioni ad alto rendimento deriva

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge info Prodotto Investment Solutions by Epsilon è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR.

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

Finlabo Market Update (17/12/2014)

Finlabo Market Update (17/12/2014) Finlabo Market Update (17/12/2014) 1 STOXX600 Europe Lo STOXX600 si è portato su un importante livello rappresentato dalla trend-line dinamica. Crediamo che da questi livelli possa partire un rimbalzo

Dettagli

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re Relazione Semestrale al 30.06.2012 Fondo Federico Re Gesti-Re SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.500.000 i.v. Codice Fiscale, Partita

Dettagli

COMUNICATO STAMPA OFFERTA DI RIACQUISTO DI OBBLIGAZIONI SUBORDINATE EMESSE DA UNICREDIT

COMUNICATO STAMPA OFFERTA DI RIACQUISTO DI OBBLIGAZIONI SUBORDINATE EMESSE DA UNICREDIT COMUNICATO STAMPA OFFERTA DI RIACQUISTO DI OBBLIGAZIONI SUBORDINATE EMESSE DA UNICREDIT PERIODO DI ADESIONE ALL OFFERTA DAL 25 GENNAIO 2016 AL 16 FEBBRAIO 2016 SALVO PROROGA O RIAPERTURA DELL OFFERTA DATA

Dettagli

OPTIMIZ 7% DJ Euro Stoxx 50

OPTIMIZ 7% DJ Euro Stoxx 50 OPTIMIZ DJ Euro Stoxx 50 Certificate a capitale non garantito Quotato su Borsa italiana Obiettivo: rendimento annuo del * e possibilità di rimborso anticipato Optimiz DJ Euro Stoxx 50 paga un coupon annuale

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE Banca di Cesena 15/01/2007 15/01/2010 TV EUR ISIN IT0004171218 Le

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA delle MARCHE SPA TV ASTA BOT A 6

Dettagli

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento PROSPETTO DI BASE

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento PROSPETTO DI BASE Sede legale in Torino, Via Gramsci, n. 7 Capitale sociale: Euro 156.209.463,00 interamente versato Registro delle imprese di Torino e codice fiscale n. 02751170016 Appartenente al Gruppo Bancario Veneto

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Iccrea Banca S.p.A. Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

ELLA DVICE RADING. Rho, 20 novembre 2004. Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli. Segnali Titoli Italia Multiday

ELLA DVICE RADING. Rho, 20 novembre 2004. Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli. Segnali Titoli Italia Multiday ELLA DVICE RADING Rho, 20 novembre 2004 Swing Trading: Segnali Titoli Italia A cura di: Romano De Bortoli Segnali Titoli Italia Multiday Swing Trading I Segnali Titoli Italia Multiday (Swing Trading) è

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 01/02/2013-01/08/2015 TASSO FISSO 2,50% Codice ISIN IT0004888365 Le presenti Condizioni

Dettagli

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/05/2011-24/05/2014 50a DI MASSIMI 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 Le presenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "B.C.C. DI FORNACETTE OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE" Emissione n. 202 B.C.C. FORNACETTE 2008/2011 Euribor 6 mesi ISIN IT0004379480 Le

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge info Prodotto è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un

Dettagli

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi 12/11/2014 Saccardi & Associati Normativa e Prassi Per i minibond: Art. 32 comma 8, 9, 13 e 26 del DL 83/2012 Decreto sviluppo/crescita

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

Condizioni Definitive alla Nota Informativa sul Programma Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Variabile

Condizioni Definitive alla Nota Informativa sul Programma Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Variabile BANCO DI SARDEGNA S.P.A. Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 147.420.075,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz.

Dettagli

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015 Comunicato Stampa Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015 Il Consiglio di Amministrazione approva l'emissione di un prestito obbligazionario di

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO SOCIETA COOPERATIVA Sede sociale in Via Matteotti 11, 35044 Montagnana (Padova) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5411, all Albo delle Società Cooperative

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Tasso di Cambio applicato ai Bonds con scadenza novembre 2017 è pari a 1,2475.

COMUNICATO STAMPA. Il Tasso di Cambio applicato ai Bonds con scadenza novembre 2017 è pari a 1,2475. IL PRESENTE DOCUMENTO NON E' DESTINATO ALLA DIFFUSIONE, PUBBLICAZIONE O DISTRIBUZIONE AD ALCUNA U.S. PERSON, O AD ALCUNA PERSONA RESIDENTE O UBICATA, NEGLI STATI UNITI, I SUOI TERRITORI O POSSEDIMENTI

Dettagli

Le obbligazioni partecipative nel Decreto Sviluppo

Le obbligazioni partecipative nel Decreto Sviluppo Le obbligazioni partecipative nel Decreto Sviluppo Aspetti legali Ugo Orsini 8 novembre 2012 Gli strumenti sino ad oggi disponibili: art. 2411 c.c. Art. 2411 c. 2 obbligazioni indicizzate «i tempi e l

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. PROGRAMMA DI EMISSIONE BCC PADANA ORIENTALE SAN MARCO ROVIGO Soc.Coop. TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE. PROGRAMMA DI EMISSIONE BCC PADANA ORIENTALE SAN MARCO ROVIGO Soc.Coop. TASSO VARIABILE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO PADANA ORIENTALE SAN MARCO-ROVIGO Soc.Coop. Sede legale e Direzione Generale: Via Casalini,10 Rovigo Iscritta all Albo delle Banche al n 5359.5 Iscritta all Albo delle Società

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

Scheda prodotto. 100% dell importo nominale sottoscritto. 1 obbligazione per un valore nominale di Euro 1.000

Scheda prodotto. 100% dell importo nominale sottoscritto. 1 obbligazione per un valore nominale di Euro 1.000 Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Scheda prodotto Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Durata Periodo di offerta Data di Godimento e Data

Dettagli

EMITTENTE OFFERENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO BANCA POPOLARE DI BARI S.C.p.A. PROSPETTO DI BASE

EMITTENTE OFFERENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO BANCA POPOLARE DI BARI S.C.p.A. PROSPETTO DI BASE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Aumento di capitale sociale ai sensi dell art. 2441, quarto comma, secondo periodo, c.c.; deliberazioni

Dettagli

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE SUBORDINATO UPPER TIER II BANCA C.R.

INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA TITOLI A TASSO VARIABILE SUBORDINATO UPPER TIER II BANCA C.R. Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. Iscritto all Albo dei

Dettagli