Come si fanno le citazioni bibliografiche Sistema a piè di pagina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come si fanno le citazioni bibliografiche Sistema a piè di pagina"

Transcript

1 Come si fanno le citazioni bibliografiche Sistema a piè di pagina 0. Dicebat Bernardus Carnotensis nos esse quasi nanos gigantium humeris insidentes Bernardo di Chartres diceva che siamo un po come nani, seduti sulle spalle di giganti John of Salisbury, Metalogicon, III, 4 Le tesi di laurea, e in generale i testi accademici, anche se contengono idee e conclusioni originali, si basano sempre, in qualche misura, sul lavoro di altri. Tale lavoro va rigorosamente riconosciuto e segnalato. Il lettore di un testo accademico deve poter identificare con facilità le fonti utilizzate (i libri, i saggi, gli articoli, i siti web) dall'autore. La citazione bibliografica di un libro o di un saggio è l espediente che si usa per garantire l'identificabilità di un'opera cui l'autore di un testo accademico si riferisce e nei confronti della quale ha una specie di debito di riconoscenza. Non citare gli autori che ci hanno aiutato significa appropriarsi indebitamente dei loro testi e dei risultati delle loro ricerche: una mancanza di rispetto, un segno di noncuranza ingrata, che, nei casi più gravi, può anche essere definita plagio. Qualunque lavoro di ricerca, una tesi sperimentale, un indagine sul campo o in laboratorio, richiede una rassegna accurata della letteratura scientifica già pubblicata. La letteratura scientifica (i libri, i saggi, gli articoli), citata in maniera formalizzata, supporta il testo accademico in ogni sua parte. È opportuno fare una rassegna critico-bibliografica, anche sintetica, nella fase introduttiva della tesi di laurea. È obbligatorio fare un elenco delle opere citate (references) alla fine della tesi di laurea. Le citazioni bibliografiche sono parte integrante di ogni testo accademico. Un testo accademico, (ossia un articolo per una rivista scientifica, un paper, un report, una tesi di laurea), che riporta le citazioni bibliografiche a piè di pagina, ha questo aspetto: Le fonti letterarie suggeriscono una versione pittoresca della fine di Ezzelino 1, ma studi più recenti hanno chiarito nel dettaglio il contesto delle sue 1

2 ultime imprese e della battaglia in cui fu ferito mortalmente Albertino Mussato, Ecerinide, a cura di Luigi Padrin, Bologna, Zanichelli, 1900, pp Giorgio Cracco, Ezzelino e la chiesa, «Studi medievali», 8 (1974), pp Id., Il fronte dell'adda, ibid., 9 (1975), pp Come si citano i libri e gli articoli Ci sono modi diversi di citare e numerosi stili grafici accettati. C è una relativa libertà di scelta, dunque, ma quando si decide per uno stile è obbligatorio seguirlo con coerenza e sistematicità. Non si può, per esempio, dare il nome di battesimo di un autore e non darlo di un altro; trascrivere il titolo di un libro una volta in tondo e una volta in corsivo; mettere tra virgolette una volta i titoli degli articoli e un altra i titoli delle riviste che li contengono 1.1 Non si può citare un libro in maniera informale Un certo libro di un tale Toniatti in tema di politica estera americana, pubblicato da un editore milanese nel secolo scorso 1. Citare un libro o un articolo significa riportarne con precisione i principali dati editoriali e tipografici: il nome dell autore, il titolo, il titolo della rivista scientifica che contiene un articolo, i dati cronologici che identificano il fascicolo della rivista, la paginazione, il nome dell editore che pubblica un libro, l anno di stampa di un libro. 1.3 Anche se non esiste un solo e unico modo di fare le citazioni, i dati bibliografici non possono essere disposti casualmente Come funziona l Unione europea: le istituzioni, i processi decisionali, le politiche, Laterza, di Brunazzo Marco, 009, Roma-Bari 1.4 Citazione di un libro Un buon modo di citare un libro è questo Marco Brunazzo, Come funziona l Unione europea. Le istituzioni, i processi decisionali, le politiche, Roma-Bari, Laterza, 009

3 [Commento] È importante che i vari elementi della citazione siano chiaramente distinguibili. Ecco perché, in questo caso, è opportuno che il titolo del libro sia in corsivo. Il sottotitolo (Le istituzioni ) segue il titolo, dopo il punto e con lettera maiuscola. 1.5 Se un libro ha avuto più di un edizione bisogna citare sempre quella che si è adoperata. In genere è bene consultare l ultima edizione, a patto che sia affidabile. Alberto Aquarone, L organizzazione dello Stato totalitario, Torino, Einaudi, 1995 [1. ed., 1965] [Commento] Si è consultata l edizione del 1995, ma tra parentesi quadre si indica la prima edizione dell opera. Questo dato è importante perché aiuta il lettore a inquadrare dal punto di vista storico, critico e bibliografico, l opera citata. 1.6 Un altro modo, più sommario, di citare un edizione successiva alla prima Alberto Aquarone, L organizzazione dello Stato totalitario, Torino, Einaudi, [Commento] Si capisce che l edizione consultata è la quarta, ma non si dice a quando risale la prima 1.7 Traduzioni Si possono usare i libri tradotti nella propria lingua madre, ma è bene specificare che sono stati scritti originariamente in un altra lingua Hannah Arendt, Le origini del totalitarismo, Torino, Einaudi, 009 (The origins of totalitarism, 1951) [Commento] È stata usata l edizione italiana (009), ma si dà notizia della edizione originaria, col titolo in inglese e l anno di stampa 1.8 Un saggio tratto da un volume miscellaneo si può citare così Fulvio Ferrari, Beowulf sulle strade del fantasy, in Medioevi Moderni - Modernità del Medioevo, a cura di Marina Buzzoni, Maria Grazia Cammarota, Marusca Francini, Venezia, Edizioni Ca' Foscari, 013, pp [commento] Il saggio di Ferrari sta tra la p. 41 e la p. 56 di un libro miscellaneo (Medioevi Moderni ), cioè composto da più saggi di più autori, curato da Buzzoni, Cammarota e Francini. Il curatore è colui che segue l edizione dell intero volume, garantendone la qualità editoriale e scientifica. 1.9 Gli articoli di rivista si citano così Giuseppe Sciortino, Aspettando la prossima sanatoria? I nodi irrisolti delle politiche migratorie italiane, «La rivista delle politiche sociali», 1 (004), n. 3, pp

4 [Commento] L articolo di Sciortino sta tra la p. 11 e la p. 138 del fascicolo 3 dell annata 1 (corrispondente al 004) del periodico «La rivista delle politiche sociali». Per i periodici non si dà il nome dell editore, mentre è fondamentale indicare il numero del fascicolo o almeno l annata che contiene l articolo. Articoli in rotocalchi, settimanali e quotidiani Giovanni Ansaldo, Mussolini e gli intellettuali, «L'illustrazione italiana», 1.III.1948 [Commento] Nella citazione di questo genere di articoli si possono omettere i riferimenti alle pagine. Basta la data Articoli (o saggi) poi ripubblicati in libri Emilio Lussu, L avvenire della Sardegna, «Il ponte», 1951, n. 6, ora in Id., La mia isola, Torino, Einaudi, 009, pp. 9-3 [Commento] È opportuno segnalare l ultima edizione de L avvenire della Sardegna (apparsa nel volume del 009) e nel contempo dare notizia di quella originaria (apparsa su rivista nel 1951). I dati bibliografici relativi alla prima edizione dell articolo possono anche essere incompleti (qui ad esempio manca la paginazione). La mia isola è un volume che raccoglie insieme alcuni scritti dello stesso Emilio Lussu (Id. = Idem = lo stesso) usciti nel corso degli anni in sedi diverse Citazione di un sito web La citazione di un sito web o di un articolo (un paper, un report) che si trovi su un sito web e non abbia le caratteristiche editoriali canoniche e formalizzate va completata con la data di consultazione Rampton, B., K. Tusting, J. Maybin, R. Barwell, A. Creese, and V. Lytra Linguistic Ethnography in the UK: A Discussion Paper. Available at Accessed 5 July 007. Abbreviazioni e uso dei pronomi latini Idem, Eadem, Ibidem Le note a piè di pagina contengono tutte le informazioni necessarie all'identificazione bibliografica di un'opera. La citazione completa di un'opera, tuttavia, viene data solo la prima volta. A iniziare dalla seconda apparizione in nota, un'opera viene citata in maniera abbreviata, sicché, se si vuole conoscere l'informazione completa e non si ha a disposizione una bibliografia finale di riferimento, bisogna risalire il corso delle note, per rintracciare quella che contiene la prima citazione.1 Abbreviazioni 4

5 Ecco una legenda essenziale che elenca le abbreviazioni più usate nelle note. Esse sono perlopiù elementi di connessione tra diverse citazioni bibliografiche. cfr.: confronta: l'invito rimanda a qualcos'altro, in genere a un'altra opera, per un confronto (appunto). Può essere anche omesso, ossia sottinteso. cit.: citato. Cioè: opera già citata; si può trovare anche nella forma op. cit., che sta per opus citatum, ma è terminologia antiquata, da non usare. Ead.: Eadem, che in latino significa la stessa, cioè: la stessa autrice. ibid.: Ibidem, che in latino significa nello stesso luogo. Id.: Idem, che in latino significa lo stesso, cioè: lo stesso autore. infra: in latino significa sotto, ma in pratica significa più avanti rispetto al punto in cui sei. In genere si trova nella forma v. infra, cioè: vedi quanto dico più avanti in questa stessa opera, alla tale pagina o alla tale nota. passim: ovunque: si usa per rinviare a un'opera nel suo complesso e non a un suo luogo (pagina, paragrafo o capitolo) specifico. supra: sopra. In genere si trova nella forma v. supra, cioè: vedi quanto ho già detto in questa stessa opera, alla tale pagina o alla tale nota che precede. v.: vedi: si confonde spesso con cfr., ma «vedi» è un invito ad approfondire, più che a paragonare. Può essere anche omesso, ossia sottinteso. Idem, Eadem, Ibidem Lo stesso autore citato sopra La vittoria delle truppe francesi a Marengo, come racconta un testimone 1, fu schiacciante, anche se in un primo momento le sorti della battaglia erano incerte. 1 Gianni NALDINI, Vita e opere di me stesso, «L'eco di Marengo», (1801), pp ID., Il primo console, ibid., pp [Commento] L opera in nota è dello stesso autore (Naldini) citato alla nota precedente e sta nello stesso luogo, cioè nello stesso fascicolo della stessa annata dello stesso periodico (L eco di Marengo). Attenzione: i pronomi latini usati alla nota dell'esempio supra valgono in quanto si riferiscono a informazioni che stanno, appunto, immediatamente sopra (o immediatamente prima). Insomma: se in nota 1, dopo l'articolo di Naldini, ci fosse stata la citazione di un opera di un altro autore, la nota si sarebbe dovuta scrivere così: 5

6 La vittoria delle truppe francesi a Marengo, come racconta un testimone 1, fu schiacciante, anche se in un primo momento le sorti della battaglia erano incerte. 1 Gianni NALDINI, Vita e opere di me stesso, «L'eco di Marengo», (1801), pp Cfr. Luigi PARADISI, Addio alle armi, «La gazzetta di Martignano», (1811), p. 9. Gianni NALDINI, Il primo console, «L'eco di Marengo», (1801), pp La stessa autrice La natura morta è un genere pittorico relativamente recente. Come genere autonomo nasce nel Seicento 1, anche se i suoi antecedenti risalgono a epoche ben più antiche 1. I soggetti della natura morta sono inanimati, cesti di frutta, fiaschi di vino, bicchieri, stoviglie e cacciagione. 1 Luigia MENGOLI, Violini, lepri e melograni, «La rivista dell'arte», 6 (198), pp EAD., Pompei, Giotto e Zurbaran, ibid., 7 (1983), pp [Commento] Il saggio citato alla nota è della stessa autrice (la stessa in latino si dice eadem!) citata alla nota 1. Il saggio Pompei sta nello stesso periodico citato alla nota precedente (ibidem), in una annata diversa. Seconda citazione di una stessa opera La natura morta è un genere pittorico relativamente recente. Come genere autonomo nasce nel Seicento 1, anche se i suoi antecedenti risalgono a epoche ben più antiche. I soggetti della natura morta sono inanimati, cesti di frutta, fiaschi di vino e cacciagione 3. 1 Luigia MENGOLI, Violini, lepri e melograni, «La rivista dell'arte», 6 (198), pp EAD., Pompei, Giotto e Zurbaran, ibid., 7 (1983), pp EAD., Violini, cit., p. 9. [Commento] Il saggio citato alla nota 3 era già stato citato una volta (in questo caso poco sopra alla nota 1). Se il testo prevede una bibliografia generale finale (comunque obbligatoria nel caso delle tesi di laurea), si potrebbe anche decidere di citare in maniera abbreviata le opere anche quando compaiono per la prima volta nel testo. In tal caso si deve omettere «cit.», che non avrebbe più senso. 3. La bibliografia finale La bibliografia generale di fine testo raccoglie tutte le citazioni relative alle opere menzionate nelle note a piè di pagina del testo. Non si trova mai nei fascicoli di periodici, si trova raramente nei volumi miscellanei, abbastanza spesso nei volumi monografici di un singolo autore ed è obbligatoria per le tesi di laurea o di dottorato. La bibliografia generale può essere un elenco unico o può essere suddivisa per sezioni. Nelle tesi di storia, ad esempio, è importante separare le Fonti 6

7 dalla Bibliografia, cioè i documenti o le edizioni a stampa di documenti e i saggi critici. Nelle tesi di letteratura si possono dividere i Testi degli autori (che corrispondono alle fonti) dai saggi di critica letteraria. In tutti i casi, all'interno delle singole sezioni, o nel registro generale, si segue l'ordinamento alfabetico per autori e titoli. La bibliografia generale è dunque un elenco in cui sono ordinate alfabeticamente, in unica lista, le opere che hanno un autore (secondo il cognome dell'autore) e le opere che non lo hanno, oppure che hanno solo un curatore (secondo il titolo). Bocchi, Renato - Carlo Oradini, Trento, Roma-Bari, Laterza, 1983 Le collezioni scientifiche del Ginnasio Liceo Giovanni Prati di Trento, a cura di Renato G. Mazzolini, Trento, Ginnasio Liceo Giovanni Prati, 1997 Croce, Benedetto, L ultimo Fogazzaro, «La critica», 0 maggio 1935, poi in Id., La letteratura della nuova Italia. Saggi critici, Bari, Laterza, , pp Croce, Benedetto, La storia come pensiero e come azione, Bari, Laterza, 1938 Demarchi, Franco, La condotta morale dell'operatore sociale, Trento, Alcione, 1958 Dossier Brigate Rosse, , a cura di Lorenzo Ruggiero, Milano, Kaos edizioni, 007 [Commento] Le opere anonime o che hanno il solo curatore (Dossier..) si inseriscono nella lista secondo la prima parola del titolo. Se il titolo inizia con un articolo (Le collezioni...) non si deve tenerne conto. Si deve evitare la formula Aa.Vv. [Autori vari] che qualcuno premette al titolo di opere con più di un autore. Se ci sono due o più opere dello stesso autore (Croce) è bene ordinarle cronologicamente, dalla più antica alla più recente 7

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea (Sabato 20 ottobre 2012) ESERCITAZIONI PER LE CITAZIONI Preliminarmente, merita sottolineare che esistono diversi metodi di citazione

Dettagli

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte.

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Tutte le altre informazioni, non contenute in questo documento, potete trovarle nel sito http://www.ababo.it/aba/tesi/ Caratteristiche

Dettagli

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali TESI Laurea Triennale - Norme redazionali Formattazione 1. I testi devono essere redatti utilizzando il font Times New Roman 2. Il corpo del carattere deve essere di 12 o 13 punti (le note vanno in corpo

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA TESI

LINEE GUIDA PER UNA TESI CONSORZIO EDITORIALE FRIDERICIANA LINEE GUIDA PER UNA TESI Indice degli argomenti 1. La scelta dell'argomento 2. La ricerca bibliografica 3. La schedatura dei testi 4. L'organizzazione delle idee 5. La

Dettagli

Guida alla redazione della tesi di laurea

Guida alla redazione della tesi di laurea Guida alla redazione della tesi di laurea Premessa Con questa Guida si forniscono alcuni consigli e poche regole queste ultime vincolanti sia per gli studenti sia per i docenti, tanto per le materie di

Dettagli

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea INDICAZIONI PER I TESISTI 1. Che cos è una tesi di laurea La tesi di laurea è una dissertazione scritta con lo scopo di dimostrare la compiuta conoscenza di un argomento (nello specifico di Diritto del

Dettagli

2 Si prosegue, poi, studiando le monografie sul tema, indicate nella bibliografia delle Enciclopedie.

2 Si prosegue, poi, studiando le monografie sul tema, indicate nella bibliografia delle Enciclopedie. Come iniziare la ricerca (a cura di F. Manganaro) Bisogna andare dal generale al particolare. Perciò inizialmente bisogna leggere i testi più generali. 1. Si comincia consultando le voci delle Enciclopedie:

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Norme per gli autori e i collaboratori

Norme per gli autori e i collaboratori Norme per gli autori e i collaboratori Gli articoli vanno consegnati su file, e non devono superare le 20 cartelle (circa 3000 battute ciascuna, spazi inclusi). Le recensioni non devono superare le due

Dettagli

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale L elaborato deve contenere nell ordine le seguenti parti: 1. copertina 2. frontespizio 3. indice 4.

Dettagli

La citazione bibliografica. a cura di Vittorio CARRARA

La citazione bibliografica. a cura di Vittorio CARRARA La citazione bibliografica a cura di Vittorio CARRARA Ottobre 2011 Sommario 1. Che cos'è la citazione bibliografica...p. 3 2. Stile classico...p. 3 2.1 La pagina...p.4 2.2 Citazione di un libro...p. 5

Dettagli

Indicazioni riferimenti bibliografici

Indicazioni riferimenti bibliografici Indicazioni riferimenti bibliografici Libri e pubblicazioni a stampa Indicazioni generali Volumi Volumi tradotti Saggi in volume collettaneo Curatele Saggi tradotti Articoli su rivista scientifica Interventi

Dettagli

Citazioni bibliografiche? Bibliografia?

Citazioni bibliografiche? Bibliografia? CITAZIONI BIBLIOGRAFICHE: LETTURA E SCRITTURA Citazioni bibliografiche? Bibliografia? - Le citazioni bibliografiche servono ad indicare i documenti (interi volumi, singoli articoli o altri testi anche

Dettagli

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI PONTIFICA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL ITALIA MERIDIONALE SEZIONE SAN LUIGI - NAPOLI NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI Nella stesura di un lavoro scritto bisogna attenersi

Dettagli

La citazione bibliografica. a cura di Vittorio CARRARA

La citazione bibliografica. a cura di Vittorio CARRARA La citazione bibliografica a cura di Vittorio CARRARA Aprile 2012 Sommario 1. Che cos'è la citazione bibliografica... 3 2. Stile classico... 4 2.1 La pagina... 4 2.2 Citazione di un libro... 5 2.3 Citazione

Dettagli

mimesis edizioni norme editoriali

mimesis edizioni norme editoriali mimesis edizioni norme editoriali Norme editoriali Pagina 1 di 6 UTILIZZO DI WORD Usare l inserimento automatico delle note a piè di pagina e NON ricominciare la numerazione da 1 per un nuovo capitolo,

Dettagli

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2007-2008 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione I. Linee guida generali L elaborato finale va presentato, entro il termine perentorio di 30 giorni

Dettagli

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2006-2007 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA Raccomandazione iniziale: E opportuno che le note siano poste a pie di pagina

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA Facoltà di Missiologia ELEMENTI DI METODOLOGIA SCIENTIFICA ALCUNI SUGGERIMENTI 1. CITAZIONE IN NOTA, A PIÈ PAGINA: 1.1. Per un libro: Nome (si consiglia che sia per esteso,

Dettagli

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan ISTRUZIONI GENERALI PER L'IMPAGINAZIONE E LA REDAZIONE DELLE NOTE Ogni testo redazionale richiede un editing adeguato che valorizzerà

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA Via A. Volta, 31 27100 Pavia Tel. 0382 399206 Fax 0382 399205 e-mail: vittadini @ comune.pv.it BIENNIO INTERPRETATIVO INDICAZIONI GENERALI E

Dettagli

CINERGIE ONLINE Norme redazionali

CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE MEDIA I testi devono essere compresi tra 5000 e 7000 battute e NON devono contenere note. Per tutto il resto si rimanda alle norme di CINERGIE SEMESTRALE CINERGIE

Dettagli

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Indice 1. Come inviare i testi 2. Immagini 3. Divisione capitoli e paragrafi, titoli 4. Citazioni

Dettagli

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Standard editoriali per l impostazione della tesi di laurea (a cura di Carla Rossi) STRUTTURA DEL LAVORO FRONTESPIZIO

Dettagli

Corso di Storia contemporanea 1 Prof. Tommaso Detti Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari

Corso di Storia contemporanea 1 Prof. Tommaso Detti Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari Corso di Storia contemporanea 1 Prof. Tommaso Detti Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari Come si scrive un testo di storia? Naturalmente in buon italiano, o quanto meno in un italiano

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELLA TESI Guida alla preparazione del saggio breve, ovvero la parte scritta della Tesi di Diploma di primo livello La presente guida è finalizzata

Dettagli

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Dipartimento di Lingua e Cultura Italiana Università di Amsterdam Linda Pennings & Ronald de Rooy Fare una tesi significa divertirsi. [ ] L importante è fare

Dettagli

Prova finale / Regole tipografiche

Prova finale / Regole tipografiche Prova finale / Regole tipografiche Copertina: scaricare dal sito http://www.unibg.it/provafinale il file della Facoltà di riferimento ed inserire i dati personali. Di seguito si forniscono indicazioni

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Nell'intento di uniformare il metodo di stesura delle tesi di laurea vengono qui di seguito fornite a tutti gli studenti

Dettagli

dipartimento di scienze della formazione, psicologia, comunicazione

dipartimento di scienze della formazione, psicologia, comunicazione Vademecum per la tesi di laurea, a cura di Gabriella Falcicchio NB: valido unicamente per laureande/i della docente, data la variabilità delle norme adottate dai singoli docenti per alcuni aspetti (bibliografia,

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina (adattatto da: http://it.wikipedia.org/wiki/bibliografia, ultimo accesso: 16/9/2013) Caterina Ferrario, 16/9/2013 1. Definizione: Per bibliografia

Dettagli

Prova Finale e delle procedure di conferimento della Laurea triennale, Art. 3, 1, in http://lettere.humnet.unipi.it/index.php?id=429.

Prova Finale e delle procedure di conferimento della Laurea triennale, Art. 3, 1, in http://lettere.humnet.unipi.it/index.php?id=429. COME SI PREPARA LA TESI TRIENNALE 1 SCOPI E DIMENSIONI L obiettivo della tesi è quello di approfondire uno degli argomenti del corso di Storia contemporanea, utilizzando la letteratura principale relativa

Dettagli

COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA

COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI TURISTICI COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA Per fare una tesi di laurea occorre un tempo non inferiore a sei mesi 1, anche

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Corso di Laurea in Scienze della Formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione SPORTELLO TESI Istruzioni per lo svolgimento della TESI DI LAUREA o della PROVA FINALE in SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Norme redazionali Rubbettino editore «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Corsivi va usato esclusivamente per i titoli dei libri

Dettagli

Unifepress - Norme redazionali

Unifepress - Norme redazionali Ai collaboratori si richiede di osservare le seguenti norme: Invio dei contributi. I contributi devono essere inviati esclusivamente in formato elettronico al Comitato di Redazione di Unifepress (unifepress@unife.it),

Dettagli

Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari

Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Storia contemporanea 1 Prof. Tommaso Detti Come si scrive un testo di storia. Nozioni elementari Dato che dovrete scrivere delle

Dettagli

Formattazione e suggerimenti tesi di laurea

Formattazione e suggerimenti tesi di laurea Formattazione e suggerimenti tesi di laurea 2 FORMATTAZIONE TESI DI LAUREA Carattere testo: Bookmann Old Style, corpo12 Carattere note: Bookmann Old Style, corpo 10 Clicca FORMATO e poi PARAGRAFO Allineamento:

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

Università di Parma. Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società. Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale

Università di Parma. Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società. Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale Università di Parma Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale Che cos è una tesi di laurea (prof.ssa Marina Gazzini) Per tesi di laurea

Dettagli

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Corso di Metodologia Teologica per gli studenti del primo anno Prof. Bruno Marien Lezione 4 16 novembre 2009 La descrizione dell'informazione

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE 1. Le parti di una tesi/tesina... 2 L indice-sommario... 2 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 2 La introduzione... 3 L elaborato... 3 Gli indici bibliografici...

Dettagli

NORMARIO DI GEOPOLITICA. RIVISTA DELL'ISTITUTO DI ALTI STUDI IN GEOPOLITICA E SCIENZE AUSILIARIE

NORMARIO DI GEOPOLITICA. RIVISTA DELL'ISTITUTO DI ALTI STUDI IN GEOPOLITICA E SCIENZE AUSILIARIE NORMARIO DI GEOPOLITICA. RIVISTA DELL'ISTITUTO DI ALTI STUDI IN GEOPOLITICA E SCIENZE AUSILIARIE LA RIVISTA Geopolitica è la rivista dell'isag, ente internazionalistico riconosciuto dal Ministero degli

Dettagli

TERZO PERCORSO I "PRODOTTI" DELLA TIPOGRAFIA E IL NUOVO PUBBLICO:

TERZO PERCORSO I PRODOTTI DELLA TIPOGRAFIA E IL NUOVO PUBBLICO: TERZO PERCORSO I "PRODOTTI" DELLA TIPOGRAFIA E IL NUOVO PUBBLICO: a) EDITORIA E SCUOLA ovvero: con le prime edizioni annotate di classici greci e latini per il Liceo e l'università nasce l'editoria scolastica

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DEI LAVORI DI PROSEMINARIO, SEMINARIO, LICENZA, MASTER E DOTTORATO IN LETTERATURA ITALIANA 1. INDICAZIONI GENERALI

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DEI LAVORI DI PROSEMINARIO, SEMINARIO, LICENZA, MASTER E DOTTORATO IN LETTERATURA ITALIANA 1. INDICAZIONI GENERALI Romanisches Seminar Letteratura Italiana Prof. Dr. J. Bartuschat e Prof. Dr. T. Crivelli NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DEI LAVORI DI PROSEMINARIO, SEMINARIO, LICENZA, MASTER E DOTTORATO IN LETTERATURA

Dettagli

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Cos è la tesi di laurea triennale La tesi di laurea triennale è l elaborato scritto che lo studente è tenuto a redigere a conclusione del proprio percorso

Dettagli

Linee guida per la redazione dell elaborato finale

Linee guida per la redazione dell elaborato finale Linee guida per la redazione dell elaborato finale Cos è una tesina? È «La prova finale [che] consiste nella preparazione e discussione di un elaborato scritto, redatto in lingua italiana o straniera della

Dettagli

BIBLIOTECA DI STUDI EURASIATICI

BIBLIOTECA DI STUDI EURASIATICI 1 il cambio di catalogo vi mette in crisi? E non sapete più dove sbattere la testa per trovare i libri? Niente paura, arriva il Ecco il MANUALE SPECIFICO per la BIBLIOTECA DI STUDI EURASIATICI 2 La schermata

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO

ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO La cosiddetta tesina dell Esame di Stato è in realtà un argomento scelto liberamente dal candidato, con il quale ha inizio il colloquio dell

Dettagli

Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale

Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale La strutturazione Dopo aver concordato con il docente l argomento della tesi, si consiglia di scrivere subito il titolo, l introduzione e l indice finale.

Dettagli

GUIDA DI UTILIZZO DEL SITO G.I.D.D.C.

GUIDA DI UTILIZZO DEL SITO G.I.D.D.C. GUIDA DI UTILIZZO DEL SITO G.I.D.D.C. Il sito G.I.D.D.C. Gruppo Italiano Docenti di Diritto Canonico (Associazione Canonistica Italiana) consente di gestire i contributi e le informazione relative. L indirizzo

Dettagli

Norme redazionali Liguori

Norme redazionali Liguori Norme redazionali Liguori 1. Indicazioni generali A) Si prega di utilizzare, per la stesura dei documenti destinati alla pubblicazione, il word processor Microsoft Word (sistema operativo Windows oppure

Dettagli

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Per facilitare il lavoro della redazione e ridurre i tempi di lavorazione, si raccomanda agli autori di attenersi alle seguenti raccomandazioni.

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

- controllare che le virgolette doppie non siano dritte (" ") ma tonde doppie o all inglese ( )

- controllare che le virgolette doppie non siano dritte ( ) ma tonde doppie o all inglese ( ) Norme Redazionali I contributi devono essere presentati in file Word, carattere Garamond corpo 12 (note corpo 10), interlinea 1,5, giustificato, senza tabulazioni o rientri. Il titolo deve essere in grassetto,

Dettagli

Norme redazionali HB

Norme redazionali HB Norme redazionali HB 1. Impostazioni di pagina Per il LAYOUT PAGINA, impostare: Formato pagina: A5 Margini: superiore cm 2,5 inferiore cm 2 sinistro cm 2 destro cm 2 piè di pagina: cm 2 rilegatura: 0 Per

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE... 1 1. Le parti di una tesi/tesina... 1 L indice-sommario... 1 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 1 La introduzione...

Dettagli

Il Nuovo Manuale di Stile

Il Nuovo Manuale di Stile I LIBRI SEMPRE APERTI Il Nuovo Manuale di Stile di Roberto Lesina EDIZIONE 2.0 GUIDA ALLA REDAZIONE DI DOCUMENTI, RELAZIONI, ARTICOLI, MANUALI, TESI DI LAUREA I LIBRI SEMPRE APERTI Il Nuovo Manuale di

Dettagli

Guida all uso della Banca Dati

Guida all uso della Banca Dati Guida all uso della Banca Dati Introduzione Questa guida dell utente intende presentare il contenuto del database sulle traduzioni economiche incluse nel portale del progetto EE-T, nonché a fornire alcuni

Dettagli

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO 1- ART. 9 ESAME FINALE (D.M. 30/09/11) 1. Il corso si conclude con un esame finale al quale è assegnato uno specifico punteggio. 2. La commissione d'esame

Dettagli

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE 1 CENTRO STUDI E RICERCHE DI MEDICINA NATURALE E TECNICHE NATUROPATICHE SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE INDICAZIONI E CRITERI FORMALI PER LA COMPOSIZIONE DELL ELABORATO TESI IN NATUROPATIA PREMESSA

Dettagli

Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI

Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI Si invitano i collaboratori a seguire scrupolosamente le norme grafiche e redazionali qui di seguito riportate. In ogni caso è bene attenersi alla massima uniformità

Dettagli

Citazioni testuali. a cura di Vittorio CARRARA

Citazioni testuali. a cura di Vittorio CARRARA Citazioni testuali a cura di Vittorio CARRARA Maggio 2013 Sommario Citazioni brevi e concordate col testo in cui sono inserite... 3 Citazione nella citazione... 5 Citazione lunga... 6 Citazione in versi...

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI SEDE DI «indicare la sede in cui si è frequentato il corso» Anno formativo «indicare l'ultimo anno di frequenza» [Digitare qui il titolo della

Dettagli

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI CAROCCI EDITORE S.P.A. Via Sardegna N 50-00187 Roma Indirizzo Internet: http://www.carocci.it - E-mail: red@carocci.it Sede Redazione: via Santa Teresa, 23-00198 Roma

Dettagli

I Tatti Studies in the Italian Renaissance

I Tatti Studies in the Italian Renaissance I Tatti Studies in the Italian Renaissance PREPARAZIONE DEL MANOSCRITTO E NORME GENERALI PER GLI AUTORI 1. I manoscritti devono essere inviati secondo il seguente ordine: testo, appendici, note, tavole,

Dettagli

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi.

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi. Versione 2.0 Gennaio 2015 Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi M. Cristina Molinari Dipartimento di Economia Università Ca Foscari di Venezia. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi.

Dettagli

Come lavorare alla tesi di laurea

Come lavorare alla tesi di laurea Come lavorare alla tesi di laurea Corso di Laurea magistrale in Comunicazione, Informazione e Editoria Università degli studi di Bergamo Seminario Anna Carola Freschi 11 Marzo 2013, Via Salvecchio - Aula

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI-CLINICHE-PEDIATRICHE (Prof. Loreto Lancia) LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA CORSI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA E

Dettagli

una Tesi di Laurea: la Ricerca Bibliografica

una Tesi di Laurea: la Ricerca Bibliografica 1 Come si costruisce una Tesi di Laurea: la Ricerca Bibliografica SEMINARI LM CAPIS - SCIS (Seminari di pratica della ricerca e Seminari di criminologia e mediazione culturale) Anno Accademico 2011/2012

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II VADEMECUM DEL TESISTA PREMESSA Questo scritto costituisce un supporto alla stesura dell elaborato finale. Per questo motivo, ciascun candidato è tenuto a prenderne visione prima di procedere alla redazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA -

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA - N o r m e r e d a z i o n a l i p e r l a s t e s u r a d e l l a t e s i d i l a u r e a l i n e e d i m a s s i m a A m b i t o d i P s i c o l o g i a NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI

Dettagli

Due strumenti della comunicazione scientifica

Due strumenti della comunicazione scientifica 4 CAPITOLO 1 visto, l offerta in Internet, sostenuta da un crescente numero di docenti e di università, di pubblicazioni scientifiche digitali ad accesso libero e gratuito. Mutano anche i contenuti? A

Dettagli

Guida alla stesura della. Tesi di Laurea

Guida alla stesura della. Tesi di Laurea Guida alla stesura della Tesi di Laurea 1 Sommario 1 Introduzione... 3 2 La Tesi di Laurea... 3 2.1 Classificazione... 3 2.1.1 Le Tesi Triennali... 3 2.1.2 Le Tesi Magistrali... 3 2.2 La struttura... 4

Dettagli

Note per la redazione delle tesi di laurea

Note per la redazione delle tesi di laurea Note per la redazione delle tesi di laurea (proff. Pietro Perconti e Alessio Plebe) Introduzione Queste note intendono guidare lo studente alla stesura della propria tesi di laurea, affinché il documento

Dettagli

ISTRUZIONI PER GLI AUTORI. Invio dei testi

ISTRUZIONI PER GLI AUTORI. Invio dei testi ISTRUZIONI PER GLI AUTORI Invio dei testi I contributi vanno inviati esclusivamente alla redazione della rivista al seguente indirizzo di posta elettronica: sociologiadeldiritto@unimi.it Gli articoli devono

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

Indicazioni Tipografiche per la composizione dei lavori scritti

Indicazioni Tipografiche per la composizione dei lavori scritti Istituto Superiore di Scienze Religiose San Pietro Martire - Verona Indicazioni Tipografiche per la composizione dei lavori scritti (per chi utilizza Word o OpenOffice, le impostazioni sotto riportate

Dettagli

Perché scrivere i riferimenti bibliografici? Il processo redazione dei riferimenti bibliografici consiste di 2 parti correlate tra loro:

Perché scrivere i riferimenti bibliografici? Il processo redazione dei riferimenti bibliografici consiste di 2 parti correlate tra loro: Fisher, D. e T. Hanstock, Citing References, Ed. Blackwell s, 1998. Libera traduzione e riadattamento a cura del Servizio Orientamento e Tutorato Facoltà di Economia, Università di Padova. Trattazione

Dettagli

Guida alla composizione della tesi di laurea

Guida alla composizione della tesi di laurea Guida alla composizione della tesi di laurea Corso di laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Facoltà di Giurisprudenza Como 1 Indice 1. Introduzione p. 3 2. Tempistica p.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONI DI TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONI DI TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA REDAZIONI DI TESI DI LAUREA Gli studenti che intendono predisporre la tesi di laurea con il prof. Marco Burgalassi come relatore sono tenuti a prendere preventivamente visione di questo

Dettagli

La critica: rivista di letteratura, storia e filosofia diretta da Benedetto Croce. Napoli, Direzione della "Critica", 1903-1944

La critica: rivista di letteratura, storia e filosofia diretta da Benedetto Croce. Napoli, Direzione della Critica, 1903-1944 BENEDETTO CROCE E I SUOI CONTEMPORANEI Percorso bibliografico nelle collezioni della Biblioteca del Senato I testi sono elencati in ordine cronologico crescente La critica: rivista di letteratura, storia

Dettagli

NORME BIBLIOGRAFICHE PER I LAUREANDI DEL DIPARTIMENTO DI STORIA

NORME BIBLIOGRAFICHE PER I LAUREANDI DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DIPARTIMENTO DI STORIA Marzo 2009 NORME BIBLIOGRAFICHE PER I LAUREANDI DEL DIPARTIMENTO DI STORIA 1. PRINCIPI DI BASE 2. SUGGERIMENTI DI STILE 3. SEQUENZA DEGLI ELEMENTI DELLA CITAZIONE 4. ESEMPI 1. PRINCIPI

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

1. Informazioni generali. 3. La struttura della tesina. 2. Tutor

1. Informazioni generali. 3. La struttura della tesina. 2. Tutor Indice 1. Informazioni generali 2. Il tutor 3. La struttura della tesina 1. Organizzazione dei capitoli 4. Suggerimenti 5. Bibliografia finale 1. Libro di un solo autore 2. Libro di più autori 3. Libro

Dettagli

Norme editoriali per autori e curatori

Norme editoriali per autori e curatori Norme editoriali per autori e curatori NORME GENERALI Il documento contiene le norme editoriali che autori e curatori devono seguire nella redazione di opere che intendono pubblicare nelle collane o nel

Dettagli