ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. FERMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. FERMI"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO SETTOE TECNOLOGICO E. FEMI spec.: ELETTONICA ED ELETTOTECNICA TASPOTI E LOGISTICA MECCANICA, MECCATONICA ED ENEGIA INFOMATICA E TELECOMUNICAZIONI via capitano Di Castri, Francavilla Fontana (B) Tel. e fax 0831/ (centr.) sito web: DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^ AIA (AT. 5 del egol., D.P , n.323) A.S. 2014/2015 1

2 LA CLASSE ELENCO DEGLI STUDENTI COGNOME E NOME 1 Argentieri Gianmarco 2 Baldari Giuseppe 3 Bianchini Francesco 4 Biasco Giuseppe 5 Birtolo Antonio 6 Caforio Daniele 7 Calasso Andrea 8 Carlucci Cosimo 9 Cavallo Simone 10 Cavallo Stefano 11 Corvino Cosimo 12 Cosi Angelo 13 Donatiello Vincenzo 14 Giannotte Gianluca 15 Iaia Emanuele Santo 16 Incalza Salvatore 17 Lonoce Cosimo 18 Lupo Daniele 2

3 19 Maci Antonio 20 Maschio Antonio 21 Monopoli Daniele 22 Nigro Fabio 23 ibezzi Antonio 24 uggero Torquato 25 Salonne Andrea CONSIGLIO DI CLASSE E CONTINUITÀ DIDATTICA DISCIPLINA NUM. OE SETTIMANALI DOCENTE ANNI DI CONTINUITÀ NEL TIENNIO ELIGIONE 1 INVIDIA FANCESCO 3 ITALIANO 4 BITOLO PIETO 1 STOIA 2 BITOLO PIETO 1 LINGUA INGLESE 3 SPAVIEO MAIA 1 MATEMATICA 3 DOLADO MAIA ANTONIETTA 3 GESTIONE, POGETTAZIONE E OGANIZZAZINE D?IMPESA TECNOLOGIA E POGETTAZIONE DI SISTEMI INFOMATICI 3 SOOBETO FANCA 1 4 SOLITO ELIO 1 3

4 Laboratorio TECNOLOGIA E POGETTAZIONE DI SISTEMI INFOMATICI 3 MATINA ALESSANDA 1 INFOMATICA 6 PICHEO VINCENZO 2 anni (4 e 5 ) Laboratorio INFOMATICA 4 MATINA ALESSANDA 3 SISTEMI E ETI 4 CAAMUSCIO MAIA 1 Laboratorio SITEMI 3 NASSISI VINCENZO GIOGIO 3 SCIENZE MOTOIE 2 GALASSO MAIA SUSANNA 3 PESENTAZIONE DELL INDIIZZO/ATICOLAZIONE/OPZIONE INDIIZZO INFOMATICA E TELECOMUNICAZIONI L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze nell ambito del ciclo di vita del prodotto software e dell infrastruttura di telecomunicazione, declinate in termini di capacità di ideare, progettare, produrre e inserire nel mercato componenti e servizi di settore. La preparazione dello studente è integrata da competenze trasversali che gli consentono di leggere le problematiche dell intera filiera. Dall analisi delle richieste delle aziende di settore sono emerse specifiche esigenze di formazione di tipo umanistico, matematico e statistico; scientifico-tecnologico; progettuale e gestionale per rispondere in modo innovativo alle richieste del mercato e per contribuire 4

5 allo sviluppo di un livello culturale alto a sostegno di capacità ideativo creative. L indirizzo prevede le articolazioni Informatica e Telecomunicazioni. Nell articolazione Informatica si acquisiscono competenze che caratterizzano il profilo professionale in relazione ai processi, ai prodotti, ai servizi con particolare riferimento agli aspetti innovativi e alla ricerca applicata, per la realizzazione di soluzioni informatiche a sostegno delle aziende che operano in un mercato interno e internazionale sempre più competitivo. Il profilo professionale dell indirizzo consente l inserimento nei processi aziendali, in precisi ruoli funzionali coerenti con gli obiettivi dell impresa. Ampio spazio è riservato allo sviluppo di competenze organizzative, gestionali e di mercato che consentono, grazie anche all utilizzo dell alternanza scuola-lavoro, di realizzare progetti correlati ai reali processi di sviluppo dei prodotti e dei servizi che caratterizzano le aziende del settore. Il quinto anno, dedicato all approfondimento di specifiche tematiche settoriali, è finalizzato a favorire le scelte dei giovani rispetto a un rapido inserimento nel mondo del lavoro o alle successive opportunità di formazione: conseguimento di una specializzazione tecnica superiore, prosecuzione degli studi a livello universitario. 5

6 TATTI IDENTIFICATIVI E STOIA DELLA CLASSE 1.3 Tratti identificativi e storia della classe Alunni iscritti Maschi Femmine Frequentanti n ore settimanali di lezione La classe 5AIA è composta da 25 alunni maschi che non hanno frequentato insieme l intero triennio. Alcuni alunni durante il terzo e il quarto anno si sono trasferiti da un altra articolazione. Il percorso della classe è sempre stato caratterizzato da un adeguata predisposizione per la partecipazione alla vita scolastica e da interesse verso i temi trattati, soprattutto quelli di ordine pratico e legati agli aspetti tecnologici di indirizzo. In buona parte (circa il 50%) il corpo-docente è rimasto stabile ad eccezione dei docenti delle seguenti discipline: Italiano, Storia, Inglese, Tecnologia e progettazione di Sistemi informatici, Sistemi, che hanno avuto gli alunni della 5AIA solo nell ultimo anno. La frequenza è stata regolare per la maggior parte della classe con poche eccezioni, giustificate da validi motivi. Durante il loro iter scolastico, gli allievi hanno mantenuto un comportamento corretto e si sono dimostrati disponibili a collaborare tra loro e con i docenti. Un gruppo di alunni ha lavorato nel corso del triennio con impegno, serietà e costanza, sfruttando al meglio le marcate potenzialità soggettive e rispondendo sempre nei modi dovuti alle aspettative. Non mancano tuttavia coloro che, dimostrando scarso senso di responsabilità nel proprio percorso di apprendimento, hanno lavorato in modo saltuario e superficiale, poco motivati al lavoro personale e autonomo. Solo in qualche caso si sono registrate carenze nell impostazione metodologica e nella disposizione all apprendimento che hanno limitato lo sviluppo delle capacità di rielaborazione delle conoscenze acquisite, rendendo talvolta difficile l individuazione di analogie e/o differenze e limitando, di conseguenza, la capacità di interpretare un testo o risolvere un problema. 6

7 Tenuto conto delle difficoltà che di volta in volta si sono presentate, i docenti hanno disposto delle pause didattiche per far sì che tutti potessero recuperare, per acquisire le competenze indispensabili per procedere adeguatamente nel percorso di studi. elativamente al profitto, il livello medio della classe è sufficiente. IL POCESSO DI INSEGNAMENTO/APPENDIMENTO MACO COMPETENZE Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento Usare la lingua inglese per scopi comunicativi e in ambiti settoriali relativi ai percorsi di studio, per interagire in diversi contesti. edigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali. MAPPA DELLE MACO COMPETENZE CON LE DISCIPLINE INTEESSATE ITALIANO STOIA INGLESE MATEMATICA. INFOM. SISTEMI TPSIT GPOI ELIG. SCIENZE MOT. G C 7

8 iconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo. Correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, delle tecnologie e delle tecniche negli specifici campi professionali di riferimento Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici ed algoritmici per affrontare situazioni problematiche elaborando opportune soluzioni Sviluppare applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza Gestire progetti secondo le procedure e C 8

9 gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza Analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell ambiente e del territorio Sviluppare applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza Utilizzare il linguaggio e i metodi propri della matematica per organizzare e valutare adeguatamente informazioni qualitative e quantitative Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni C C C C C C 9

10 problematiche, elaborando opportune soluzioni. Maturare la consapevolezza di sé e delle proprie capacità espressive,comunicative e motorie attraverso la conoscenza del proprio corpo,il rispetto delle regole e l osservanza di corretti stili di vita. Identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti; redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali. utilizzare i principali concetti relativi all'economia e all'organizzazione dei processi produttivi e dei servizi Sviluppare un maturo senso critico e un personale progetto di vita, riflettendo sulla propria identità nel confronto con il messaggio cristiano, aperto all esercizio 10

11 della giustizia e della solidarietà in un contesto interculturale. Utilizzare consapevolmente le fonti autentiche del cristianesimo, interpretandone correttamente i contenuti nel quadro di un confronto aperto ai contributi della cultura scientifico tecnologica. Cogliere la presenza e l incidenza del cristianesimo nelle trasformazioni storiche prodotte dalla cultura umanistica, scientifica e tecnologica. Competenza ALFA Comprendere gli stati di un processo o thread e la loro corretta evoluzione attraverso l utilizzo delle risorse Competenza BETA C Individuare situazioni di concorrenza e risolvere criticità applicando metodi coerenti e consistenti. C 11

12 Competenza GAMMA Individuare situazioni per l applicazione dei monitor e delle primitive di sincronizzazione nella comunicazione tra processi. Competenza DELTA ealizzare programmi di prova e simulazione. C C NOTE: = Disciplina di riferimento; C= Disciplina concorrente PIANO DI STUDIO DELLA CLASSE Disciplina UdA CONOSCENZE ITALIANO Il difficile passaggio tra Ottocento e Novecento. Il Positivismo, il Naturalismo e il Verismo La Scapigliatura: un modo diverso di essere artisti di fine Ottocento Storia: i primi decenni del egno d Italia, l età dell imperialismo e l espansione coloniale, la seconda rivoluzione industriale, l età giolittiana. Vol.3a, pp Idee: il Positivismo. Vol.3a, pp Poetiche: Naturalismo e Verismo. Vol.3a, pp La Scapigliatura: gli autori e la poetica. Vol.3a, pp Cletto Arrighi: da La Scapigliatura e il 6 febbraio, Introduzione, (fotocopie). Emilio Praga: da Penombre, Preludio, Vol.3a, pp Iginio Ugo Tarchetti: da Fosca, Il primo incontro con Fosca, (fotocopie). Carlo Dossi: da L altrieri, Lisa, Vol.3a, pag Giovanni Verga. Vol.3a, pagg

13 Giovanni Verga G.Verga: da I Malavoglia, La famiglia Toscano, Vol. 3a, pag G. Verga: da I Malavoglia, Le novità del progresso viste da Trezza e L addio alla casa del nespolo, Vol. 3a, pag. 167 e 171. G.Verga: da Mastro-don Gesualdo, Gesualdo e Diodata alla La crisi del modello razionalista: il Decadentismo Gabriele D Annunzio Giovanni Pascoli Carinzia e La morte di Gesualdo, Vol. 3a, pag. 187 e 194. La crisi del modello razionalista. Vol.3a, p.36. Intuizione vita interiore nelle filosofie d inizio Novecento. Vol.3a, p.41. Il Decadentismo. Vol.3a, pp Gabriele D Annunzio. Vol. 3a, pp G. D Annunzio: da Canto novo, O falce di luna calante, Vol.3a, p G. D Annunzio: da Il Piacere, Lattesa di Elena e itratto d esteta, Vol. 3a, pag. 316 e 321. G. D Annunzio: da Alcyone, La pioggia nel pineto e I pastori, Vol. 3a, pag.335 e Giovanni Pascoli. Vol. 3a, pagg G. Pascoli: da Il fanciullino, Il fanciullino che è in noi, Vol. 3a, pag G. Pascoli: da Myricae, Arano, Novembre, Lavandare, Il lampo, X agosto, Vol. 3, pagg. 377, 379, 381, 385 e 388. G. Pascoli: da Canti di Castelvecchio, Il gelsomino notturno, Vol. 3a, pag Italo Svevo Italo Svevo. Vol. 3a, pagg Una vita, Senilità e La coscienza di Zeno. Vol. 3a, pag. 526, 531 e 543. I. Svevo: da La coscienza di Zeno, Il fumo, Il funerale mancato. Vol. 3a, pag. 548 e 556. Luigi Pirandello Luigi Pirandello. Vol. 3a, pagg L. Pirandello: da L umorismo, Esempi di umorismo, Vol. 3a, pag L. Pirandello: da Novelle per un anno, Il treno ha fischiato, Vol. 3a, pag L. Pirandello: da Il fu Mattia Pascal, Adriano Meis, Io sono il fu Mattia Pascal, Vol. 3a, pp. 622 e

14 L. Pirandello: da Uno, nessuno centomila, Il naso di Moscarda, Vol. 3a, pag Le nuove frontiere della poesia La nuova tradizione poetica del Novecento: scuole e protagonisti. Vol. 3b, pp Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti. Vol. 3b, pagg Giuseppe Ungaretti: da Il porto sepolto: Il porto sepolto, In memoria, I fiumi. Vol. 3b, pagg. 108,110,113. Giuseppe Ungaretti: da Allegria di naufragi: Allegria di naufragi,vol. 3b, pag Giuseppe Ungaretti: da Sentimento del tempo: La madre,vol. 3b, pag Umberto Saba Umberto Saba, Vol. 3b, pag Umberto Saba: Il Canzoniere, Vol. 3b, pag Umberto Saba:da Il Canzoniere: La capra,vol. 3b, pag Umberto Saba:da Il Canzoniere: La città vecchia,vol. 3b, pag Umberto Saba:da Il Canzoniere: Il teatro degli artigianelli,(fotocopie). Umberto Saba:da Quello che resta da fare ai poeti: La poesia onesta,vol. 3b, pag Salvatore Quasimodo Salvatore Quasimodo, Vol. 3b, pag Salvatore Quasimodo: Oboe sommerso, Vol. 3b, pag Salvatore Quasimodo: da Oboe sommerso: Alla notte, Vol. 3b, pag Salvatore Quasimodo: Erato ed Apòllion, Vol. 3b, pag Salvatore Quasimodo: da Erato ed Apòllion: Ed è subito sera, Vol. 3b, pag Salvatore Quasimodo: Giorno dopo giorno, Vol. 3b, pag Salvatore Quasimodo: da Giorno dopo giorno: Alle fronde dei salici, Vol. 3b, pag STOIA DANTE ALIGHIEI Situazione storico, politica e sociale dell Italia dopo il I problemi La struttura della Divina Commedia Paradiso: Canti I-III-VI-XI La Destra storica al potere, Vol.4, pp Il completamento dell unità d Italia, Vol.4, pp

15 dopo l Unità d Italia. La Sinistra storica al potere, Vol.4, pp Dallo stato forte di Crispi alla crisi di fine secolo, Vol.4, pp La seconda rivoluzione industriale. Dalla prima alla seconda rivoluzione industriale, Vol.4, pp Il capitalismo monopolistico e finanziario, Vol.4, pp Le grandi potenze tra la fine dell Ottocento e l inizio del Novecento L età giolittiana. La prima guerra mondiale. La rivoluzione russa I problemi del dopoguerra La critica del progresso, Vol.4, pp La Francia della Terza epubblica, Vol.4, pp La Germania da Bismarck a Guglielmo I, Vol.4, pp L età vittoriana, Vol.4, pp L espansione degli Stati Uniti e la nascita del Giappone moderno. (accenni) La spartizione imperialistica del mondo. (accenni) La crisi delle relazioni internazionali all inizio del Novecento, Vol.4, pp I caratteri generali dell età giolittiana. La politica sociale del governo Giolitti. Le scelte di politica interna di Giolitti. La politica estera di Giolitti. Volume 5, pp I fattori predisponesti e la causa della I guerra mondiale, Vol.5, pp Cause ed inizio della guerra, Vol.5, pp L Italia in guerra, Vol.5, pp La grande guerra:gli eventi, Vol.5, pp I trattati di pace e il nuovo assetto dell Europa dopo la guerra, Vol.5, pp I problemi del dopo guerra, Vol.5, pp L Impero russo nel XIX secolo, Vol.5, pp Le tre rivoluzioni, Vol.5, pp La nascita dell USS, Vol.5, pp L USS di Stalin, Vol.5, pp I limiti dei trattati di pace, i problemi demografici ed economici, la sfiducia nella democrazia liberale, il nuovo ruolo delle donne,vol 5, pp Il biennio-rosso, Vol 5, pp

16 Il fascismo La crisi del Il nazismo. La II guerra mondiale. L Italia dalla caduta del fascismo alla liberazione Dittature, democrazie e nazionalismi, pp Il biennio rosso in Italia, Vol 5, pp Mussolini alla conquista del potere, Vol 5, pp L Italia fascista, Vol 5, pp La politica estera di Mussolini, Vol 5, pp L Italia antifascista, Vol 5, pp Il boom economico americano degli anni Venti. Vol 5, pp La crisi americana del Ventinove, Vol 5, pp oosevelt e il New Deal, Vol 5, pp La crisi della Germania repubblicana Vol 5, pp Hitler e la nascita del nazismo, Vol 5, pp Il Terzo eich, Vol 5, pp Crisi e tensioni internazionali, Vol 5, pp La vigilia della Seconda guerra mondiale, Vol 5, pp : la guerra lampo, l intervento dell Italia, la battaglia d Inghilterra,Vol 5, pp : la Germania a sostegno dell Italia, l invasione dell USS, la fine dell isolamento degli Stati Uniti, Vol 5, pp Il dominio nazista in Europa: lo sterminio degli ebrei, la resistenza al nazismo,il collaborazionismo, Vol 5, p : la svolta; : la vittoria degli Alleati, Vol 5, pp Dalla guerra totale ai progetti di pace, Vol 5, pp La guerra e la resistenza in Italia e la liberazione dal 1943 al 1945, Vol 5, pp

17 INGLESE Talking about the past Talking about unfinished actions Talking about conditions Talking about the future Describing processes LINGUA Past simple tense, past continuous, past perfect per descrivere eventi passati, azioni in corso nel passato. LINGUA Present perfect simple con ever, just, already, yet, avverbi di frequenza, duration form - present perfect simple e continuous con for e since per descrivere esperienze e fatti recenti; azioni e situazioni iniziate nel passato e ancora in corso LINGUA If clauses (type 0,1,2,3) per parlare di condizioni e formulare ipotesi su eventi futuri LINGUA Future with present simple, present continuous, be going to e will per parlare di programmi e intenzioni e fare previsioni LINGUA The passive (all tenses) per descrivere processi INGLESE Giving information LINGUA Defining and Non-Defining relative clauses per dare informazioni indispensabili o accessorie. Pronomi relativi: Who; That; which; whose eporting statements Unit 5: ICs and microprocessors Unit 6:Operating Systems Unit 7: Welcome to Linux LINGUA eported speech and reporting verbs: Say, Tell, Ask, Order, Want to report statements, requests and orders. MICOLINGUA Text 1: What is an integrated circuit? Text 3: Microprocessors Text 1: Operating Systems Text 2: Windows and Macintosh operating Systems. Text 1: The Linux world Text 3: What does open source mean? 17

18 Unit 8: Progress in programming Unit 9: Office Suites Unit 10: Art, graphics and design on the computer Unit 15: The Internet: Online communication Unit 16: The Internet: Online services Unit 17: Networks, type and topologies Unit 18: ISO OSI protocols Text 1: Object-oriented programming and development Text 3: Java Text 2: What is database? Text 3: Spreadsheets Text 1: Painting with a PC Text 1: What is the Internet? Text 2: The World Wide Web Text 3: The VoIP Technology Text 1: The Internet service Text 2: Blogging: a popular internet activity Text 1: LANs and WANs Text 2: Bus and ring topologies Text 3: Star topology Text 1: ISO OSI protocols MATEMATICA Derivate e loro applicazione. Grafici di funzione. Funzioni reali di due variabili reali. Integrazione indefinita e definita. Concetto di derivata di una funzione. Teoremi sul calcolo delle derivate. Proprietà locali e globali delle funzioni. Funzioni polinomiali; funzioni razionali e irrazionali; funzioni esponenziali e logaritmiche. Disequazioni in due incognite e sistemi di disequazioni in due incognite. Domini di una funzioni in due variabili. Derivate parziali, massimi e minimi di una funzione in due variabili. Integrale indefinito e integrale definito. Il calcolo integrale nella determinazione delle aree e dei volumi. Teoremi del calcolo integrale. Calcolo di integrali immediati. 18

19 Aree di superfici piane e volumi di solidi di rotazione. Equazioni differenziali. Calcolo di integrali per sostituzione. Calcolo di integrali per parti. Calcolo di integrali di funzioni razionali fratte. Calcolo di aree delimitate da una o più curve. Calcolo del volume di un solido di rotazione. Equazioni differenziali del 1 ordine del tipo y =f(x). Equazioni differenziali a variabili separabili. Equazioni differenziali lineari del 1 ordine. Equazioni differenziali lineari del 1 ordine di Bernoulli. Equazioni differenziali del 2 ordine del tipo y =f(x). Equazioni differenziali del 2 ordine lineari omogenee e non a coefficienti costanti. SISTEMI E ETI Subnetting Partizionamento di una rete con VLSM e CID. VLAN Virtual Local Area Network Tecniche crittografiche per la protezione dei dati La sicurezza delle reti Le caratteristiche delle VLAN. La differenza tra VLAN port based e tagged. Definizione di crittografia Il concetto di chiave pubblica e privata Crittografia a chiave simmetrica Tecniche di cifratura: per sostituzione, per trasposizione e XO. Breve descrizione dei cifrari: DES, 3-DES, IDEA e AES. Crittografia a chiave asimmetrica. Descrizione della crittografia asimmetrica. Descrizione dell algoritmo SA. La firma digitale e descrizione dell algoritmo MD5. Sicurezza di un sistema informatico. Problemi di sicurezza delle . Il protocollo S/MIME. Il software PGP. La sicurezza delle connessioni con SSL/TLS. 19

20 INFOMATICA Modello Client/Server e distribuito per i servizi di rete Attività di laboratorio Linguaggio lato server: PHP Introduzione ai database Modellazione dei dati Il modello E- Chiavi e attributi Il progetto di un database I database relazionali Le regole di integrità Operazioni relazionali La gestione dei database mediante Descrizione del protocollo TLS. Le funzionalità dei firewall. Tecniche di filtraggio e ACL Il concetto di DMZ Concetto di applicazioni distribuite. L evoluzione delle architetture informatiche Server farm Cloning e Partitioning Architetture dei sistemi web. Descrizione delle seguenti architetture: Configurazione con due tier e unico host. Configurazione con tre tier e dual host. Configurazione con tre tier e server farm. Configurazione con cinque tier e server farm. Breve conoscenza del linguaggio Gestione dei file attraverso varie applicazioni. Gestione della concorrenza in PHP. Esercitazione, comune con Informatica, sul tema d esame 2014 di Informatica con PHP/MySQL. Modello concettuale, logico e fisico di una base di dati. 20

21 TPSIT DBMS Il DBMS Microsoft Access MySQL - un DBMS di rete DDL - Linguaggio di definizione DML - Linguaggio di manipolazione QL - Linguaggio di interrogazione Le congiunzioni con JOIN I raggruppamenti e le funzioni di aggregazione Le interrogazioni annidate La normalizzazione delle tabelle L'ambiente PHP La sintassi e i costruttori di PHP I dati provenienti dai form HTML Metodi GET e POST Le stringhe in PHP Gli array associativi in PHP La connessione al database MySQL La persistenza nel dialogo HTTP Effettuare una login Gestione della memoria sul server con le sessioni Comprendere gli stati di un processo o thread e la loro corretta evoluzione attraverso l utilizzo delle risorse Comprendere le famiglie e le tipologie di socket Linguaggi e tecniche per l'interrogazione e la manipolazione delle basi di dati. Linguaggi per la programmazione lato server per le applicazioni Web. Tecniche per la realizzazione di pagine web dinamiche. Utilizzo dei dati presenti in un database per la realizzazione di applicazioni Web. Il modello a processi Stato dei processi e grafo di transizione Grafo di Holt e riducibilità ealizzazione di un thread Stati di un thread Utilizzo di un thread Processi non sequenziali e grafo di precedenze Scomposizione di un processo non sequenziale Esecuzione parallela: fork-join,cobegin coend Famiglie e tipi di socket:strema socket e datagram socket Strutture dati per i socket 21

22 TPSIT TPSIT SCIENZE MOTOIE Le Modalità di connessione con il protocollo TCP e UDP ealizzare programmi di prova e simulazione. Padronanza del proprio corpo Sviluppo sensoriale Coordinazione generale,segmentaria Gioco e sport Prevenzione,sicurezza, stili di vita Comunicazione mediante socket : primitive API(bind,listen,connect,accept,send,recv,close) Applicazione client/server tramite socket: struttura e realizzazione di un server in C, struttura e realizzazione di un client in C ealizzazione pratica di un applicazione client/server in C ( il caso studio della Asta-on-Line) Attività di laboratorio trasversale e integrativa a tutte le unita didattiche Software dedicato per l emulazione di un ambiente concorrente (CGIWIN). Utilizzo del Linguaggio C per realizzazione di applicazioni coerenti alla parte teorica affrontata in lezione. Organizzazione e applicazione di personali percorsi di attività motoria e sportiva e autovalutazione del lavoro Cogliere e padroneggiare le differenze ritmiche e realizzare personalizzazioni efficaci nei gesti e nelle azioni sportive. ealizzare progetti motori e sportivi che prevedono una complessa coordinazione globale e segmentaria individuale e in gruppi con e senza attrezzi Cogliere l aspetto educativo e sociale dello sport Conoscere gli effetti sulla persona umana dei percorsi di preparazione fisica graduati opportunamente. Assumere stili di vita e comportamenti attivi nei confronti della salute dinamica conferendo il giusto valore all attività fisica e sportiva. ELIGIONE La dottrina sociale della chiesa Conosce le principali novità del Concilio Ecumenico Vat. II e le linee di fondo della dottrina sociale della chiesa; coglie la presenza e incidenza del cristianesimo nella storia e nella cultura per una lettura critica del mondo contemporaneo; valuta il contributo sempre attuale della tradizione cristiana dello sviluppo della civiltà umana, anche in dialogo con altre tradizioni culturali e religiose. 22

23 La chiesa e il mondo di oggi studia il rapporto della chiesa con il mondo contemporaneo; ai nuovi scenari religiosi, alla globalizzazione e migrazione dei popoli, alle nuove forme di comunicazione; studia il rapporto della Chiesa con il mondo contemporaneo con riferimento ai totalitarismi del novecento e al loro crollo. GESTIONE, POGETTAZIONE E OGANIZZAZIONE D IMPESA LA POGETTAZIONE OGANIZZAZIONE AZIENDALE, CICLI AZIENDALI TECNOSTUTTUA Tecniche per la pianificazione, previsione e controllo di costi, risorse e software per lo sviluppo di un progetto. POGETTAZIONE SOFTWAE E QUALITA' POGETTO E POJECT MANAGEMENT Norme di standard settoriali di per la verifica e la validazione del risultato di un progetto. Elementi di economia e di organizzazione di impresa con particolare riferimento al settore ICT. LIBI DI TESTO ADOTTATI AUTOE TITOLO EDITOE Di Sacco Paolo Le basi della letteratura Bruno Mondadori Voll.3a e 3b Di Sacco Paolo Antologia della Divina Commedia Bruno Mondadori Gentile G., onga L, ossi A. L Erodoto, Voll. 4 e 5 La Scuola Francesca Avezzano Comes- Virginio ivano- Augusta Sinapi- Giuseppe De Benedittis. LOG IN Hoepli 23

24 Paul adley- Daniela Simonetti HOIZONS 2 ( in adozione negli anni Oxford La Nuova Italia precedenti, consigliato come testo di grammatica di riferimento)+ appunti. MASSIMO BEGAMINI ANNA TIFONE MATEMATICA.VEDE con Maths in English ZANICHELLI GAZIELLA BAOZZI Pasquali /Panizzoli Terzo millennio cristiano Ed. La Scuola Luigi Lo usso/elena Bianchi Sistemi e eti Hoepli Paolo Camagni, iccardo Nikolassy POGETTAE I DATABASE. SQL e PHP HOEPLI P.CAMAGNI e. NIKOLASSY Tecnologie e Progettazione di Sistemi Volume 2 (richiami) e Volume 3 Informatici e di Telecomunicazioni Ollari, Meini, Formichi Gestione, progetto e organizzazione d'impresa Zanichelli LA VALUTAZIONE Sulla base del Piano di sviluppo delle competenze (vedi scheda A allegata alla programmazione del Consiglio di Classe), sono state accertate le conoscenze, le abilità e le competenze assegnate alle varie discipline attraverso prove di verifica mirate a rilevare i livelli raggiunti secondo la seguente tabella di corrispondenza: TABELLA DI COISPONDENZA LIVELLI/VOTI Livello Descrizione della prestazione Voto 0 Nullo o gravemente carente La prova è molto incompleta e incongruente Parziale La prova è incompleta, realizzata in modo meramente esecutivo, in assenza di consapevolezza dell operato da parte dello studente Base La prova è completa ed efficace, realizzata in modo essenziale. Lo studente è consapevole dell approccio utilizzato e delle ragioni delle scelte compiute 6 24

25 3 Adeguato/Buono La prova è completa ed efficace, e realizzata in modo articolato. Lo studente mostra coerenza e consapevolezza dell approccio utilizzato e delle scelte compiute Eccellente La prova è completa ed efficace, e realizzata in modo articolato e approfondito. Lo studente mostra prontezza di esecuzione, coerenza, sicurezza e piena consapevolezza dell approccio utilizzato e delle scelte compiute 9-10 In fase di valutazione finale, il Consiglio di Classe ha espresso il giudizio di padronanza della competenza sulla base di una scala a tre livelli di seguito riportata. LIVELLI DI COMPETENZA Livello Base Intermedio Avanzato Descrittore Lo studente è in grado di affrontare compiti semplici, in contesti noti, che porta a termine in modo autonomo e consapevole ponendo in atto procedure standard Lo studente è in grado di affrontare compiti complessi per la cui soluzione pone in atto procedure appropriate ed efficaci che esegue in modo autonomo e consapevole Lo studente è in grado di affrontare compiti complessi, anche in contesti poco noti, per la cui soluzione pone in atto procedure efficaci, innovative ed originali, che esegue in modo autonomo e con piena consapevolezza dei processi attivati e dei principi sottesi POVE SCITTE, GAFICHE E PATICHE EFFETTUATE NELL ANNO SCOLASTICO IN COSO DISCIPLINA NUM POVE TIPOLOGIA ITALIANO 6 A,B,C,D. INGLESE 5 07/10/2014: GAMMA TEST (Completing, reading, multiple choice, filling-in, matching. 11/12/2014: GAMMA TEST (eading, completing, multiple choice 25

26 Translating sentences, building up phrases, rephrasing. 29/01/2015: GAMMA TEST(completing, building up phrases +MICO-LANGUAGE (quesiti a risposta aperta, tipologia B: open questions, exam practice). 07/03/2015: MICO-LANGUAGE (open questions, tip. B, exam practice) 29/04/2015: MICO-LANGUAGE (open questions, tip. B, exam practice) MATEMATICA 6 isoluzione di problemi e prove strutturate Prove strutturate Prove orali Prove pratiche di laboratorio INFOMATICA 4 Prova Scritta SISTEMI E ETI INFOMATICA 2 Test di valutazione teorico/pratico utilizzando la piattaforma di e-learning moodle. TECNOLOGIA E POGETTAZIONE SISTEMI 4 Mista( risposte singole / aperte+parte procedurale) GESTIONE, POGETTAZIONE E OGANIZZAZIONE D IMPESA 1 domande a risposta aperta (24 gennaio) 26

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli)

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni Articolazione: Informatica INFORMATICA: Analisi Disciplinare FINALITÀ GENERALI DELL INDIRIZZO E DELL ARTICOLAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Sistemi e reti Classe: 5B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Barbara Zannol ITP: Andrea Sgroi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 13 studenti di cui una sola ragazza.

Dettagli

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato nell Indirizzo "Sistema Moda" ha competenze specifiche nell ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali,

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE MAPPA DELLE COMPETENZE a.s. 2014-2015 CODICE ASSE: tecnico-professionale QUINTO ANNO PT1 scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; Progettare e realizzare applicazioni

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale Unione Europea Regione Sicilia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI EDILIZIA ELETTRONICA e

Dettagli

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Sistemi e reti**

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 5ASA e 5BSA - pag. 1 CLASSE Monte ore annuo Libro di Testo PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecnologie e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Classe: 5B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Barbara Zannol ITP: Alessandro Solazzo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015 LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE LICEO CLASSICO G. BODONI 12037 SALUZZO DIPARTIMENTO DI MATEMATICA FISICA E INFORMATICA PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico (ITT) Montani Fermo

Istituto Tecnico Tecnologico (ITT) Montani Fermo Istituto Tecnico Tecnologico (ITT) Montani Fermo Istituto Tecnico Tecnologico In Primo 33 ore alla settimana Orario dalle 8:00 alle ore 13:30 Dal Secondo al Quinto 32 ore alla settimana Orario : Lunedì

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4^ ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico Scienze Applicate Docente Disciplina

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA Tecnologie e Progettazione di Sistemi Classi QUINTE A.S. 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA Tecnologie e Progettazione di Sistemi Classi QUINTE A.S. 2014-2015 Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali CL AS SE INFORMATICA 6(3) 6(4) - 6(4) SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI COMPETENZE 3 Essere in grado di sviluppare semplici applicazioni

Dettagli

Claudio Gandolfi: bienno e triennio informatica, TCI, STA sistemi e reti, tecnologia e progettazione

Claudio Gandolfi: bienno e triennio informatica, TCI, STA sistemi e reti, tecnologia e progettazione Claudio Gandolfi: bienno e triennio informatica, TCI, STA sistemi e reti, tecnologia e progettazione 23 10 2012 pagina 1 Finalità formative Oggi l informatica si basa sulla trasmissione delle informazioni.

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica lllo Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITI "G. FALCONE" COLLEFERRO (RM) Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITI G. FALCONE COLLEFERRO (RM) Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015 Materia: Informatica Testo adottato: Le asi di dati. Il linguaggio QL A. Lorenzi, D. Rossi Ed. Atlas Descrizione programma:

Dettagli

SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA

SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA ALLEGATO N.8_e 1 Dipartimento Articolazioni degli insegnamenti anno @ Sistemi e Reti Dipartimento MATERIE TECNICHE dell indirizzo INFORMATICA @ Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATERIA SISTEMI E RETI Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

STORICO-SOCIALE BRUNETTIN GIORDANO CLASSE E SEZIONE IV B INDIRIZZO ENOGASTRONOMICO

STORICO-SOCIALE BRUNETTIN GIORDANO CLASSE E SEZIONE IV B INDIRIZZO ENOGASTRONOMICO Istituto d Istruzione Superiore Federico Flora Istituto Tecnico per il Turismo Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Socio Sanitari Via G. Ferraris Tel.

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 5 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Disciplina INFORMATICA monte ore annuale previsto (n. ore settimanali per 33 settimane) 2X33 = 66 OBIETTIVI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Sistemi e reti Classe: 4B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 23 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO: 2014/2015

ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 Denominazione Scuola IISS Oreste Del Prete DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E LETTERE GRUPPO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO: 201/2015 DOCENTE REFERENTE: Di Viggiano Vito DOCENTI: Costanza Egidia Di Viggiano Vito

Dettagli

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA)

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO INDIRIZZI: - B1 Amministrazione, finanza e marketing (Ragioniere Perito Commerciale

Dettagli

Docente Rosanna Amadio

Docente Rosanna Amadio LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO a.s. 2014-2015 Docente Rosanna Amadio PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA Classe 5 H UNIFICAZIONE DELLA GERMANIA E CROLLO DEL SECONDO IMPERO Declino del secondo Impero Verso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF./ PROF.SSA LORETTA BETTINI MATERIA DI INSEGNAMENTO MATEMATICA CLASSE IVB I.T.T. Finalità formative Nel corso del triennio superiore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: Evangelista Antonella MATERIA: Informatica CLASSE: 4 Q Sistemi Informativi Aziendali Anno scolastico 2012-2013 N. ore settimanali nella classe : 5 h

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015 MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015 MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA Via G. D Annunzio, 15-36100 VICENZA Tel. 0444563544 Fax 0444962574 sito web: www.itcfusinieri.eu E-mail: protocollo@itcfusinieri.it - vitd010003@pec.istruzione.it

Dettagli

I NUOVI ISTITUTI TECNICI

I NUOVI ISTITUTI TECNICI Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110/108-20132 Milano - Italia tel.: (02) 28.20.786/ 28.20.868 - fax: (02) 28.20.903/26.11.69.47 Sito

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Anno scolastico 2013 2014. Programma di Storia

Anno scolastico 2013 2014. Programma di Storia Programma di Storia CLASSE V SEZ. A CORSO MERCURIO LIBRI DI TESTO: F. Cereda, V. Reichmann, Le sfide della storia 3 tomo A-B, Carlo Signorelli Editore. L Italia di Giolitti: - Le quattro fasi del governo

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Classe/sez. Indirizzo Docente Materia Ore di lezione svolte Ambito Maria Caterina V E Mercurio Informatica 165 teorico pratico Cassetti Svolgimento dei programmi

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: Docente: IV^ D S.I.A. MAA MATEMATICA Prof. Michele PAVEGGIO Situazione di partenza della classe La classe risulta formata da 18 alunni,

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO - DIDATTICA ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO - DIDATTICA ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a I. I. S. J. T O R R I A N I I S T I T U T O T E C N I C O - S E T T O R E T E C N O L O G I C O L I

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016 Istituto di Istruzione Superiore "Don Lorenzo Milani" - Gragnano (NA) Istituto Tecnico Commerciale e Turistico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Anno Scolastico 2015/2016

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA SCHEDA DI PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE EDUCATIVE PER DISCIPLINA AL. 2.1.2

MANUALE DELLA QUALITA SCHEDA DI PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE EDUCATIVE PER DISCIPLINA AL. 2.1.2 Pag 1 di 7 MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO I.I.S. Crocetti - Cerulli - Giulianova SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE

Dettagli

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 5ACAT IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe discretamente collaborativa e disciplinata. Non ho eseguito test di ingresso. 2)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere FINALITA DELL INSEGNAMENTO Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana Matematica La Matematica, parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C1 INDIRIZZO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI CORSI di FORMAZIONE REGIONALE Tecnico industrie Tecnico elettroniche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE 055/66.16.28 055/67.80.41 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it Codice fiscale: 80032310486

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail uffici: info@iisdenicola.it Anno scolastico: 2013/2014

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) MATERIA: INFORMATICA TRIENNIO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZO : Sistemi Informativi Aziendali Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Identificare, interpretare

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

Dipartimento di Informatica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA. triennio

Dipartimento di Informatica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA. triennio LICEO SCIENTIFICO STATALE LORENZO MASCHERONI 24124 BERGAMO (BG) Via A. Da ROSCIATE, 21/A -Tel. 035-237076 - Fax 035-234283 e-mail: limasc@tin.it - sito internet: http://www.liceomascheroni.it Cod.Mecc.BGPS05000B

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Relazione Internazionale per il Marketing Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli