Il Project Cycle Management.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Project Cycle Management."

Transcript

1 Il Project Cycle Management. Corso in TECNICHE DI PROGETTAZIONE: Fund Raising per l Università A CURA DELL ASSOCIAZIONE PRONEXUS Reggio Calabria 13 Luglio 2006

2 DEFINIZIONE di PROGETTO Il progetto è un insieme di attività mirate al raggiungimento di obiettivi chiaramente definiti, entro un determinato periodo di tempo e con un budget prestabilito (Project Cycle Management Guidelines Commissione Europea marzo 2004) "Il Project Cycle Management" 2

3 COS E UN PROGETTO? Opera complessa unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato specifico attraverso attività correlate che comportano un impiego di risorse, un impegno di costi e che deve essere realizzata entro determinati limiti temporali Quando si realizza un progetto Qualità Q rappresenta la qualità di una prestazione e la sua affidabilità nel tempo T rappresenta il rispetto dei tempi Tempi Costi C rappresenta i costi in senso ampio "Il Project Cycle Management" 3

4 PERTANTO Un progetto è caratterizzato dall esigenza di produrre risultati qualitativamente accettabili con dei costi e attraverso l utilizzo di risorse determinate ed entro un tempo predefinito Qualità Tempi Costi "Il Project Cycle Management" 4

5 Fattori di successo di un progetto "Il Project Cycle Management" 5

6 Perché il Project Cycle Management? Per Per facilitare una una progettazione basata sulla Rispondenza ai problemi reali Partecipazione attiva dei partner Pianificazione delle azioni in modo coordinato, consequenziale e logico per il raggiungimento degli obiettivi Gli Gli esperti hanno codificato Project Cycle Management(PCM) Logical Framework Approach(LFA) o del Quadro Logico(QL) "Il Project Cycle Management" 6

7 Project Cycle Management (PCM) Il Project Cycle Management deriva dalla bibliografia predisposta dall'unione Europea con riferimento sia alla programmazione negoziata, realizzata nell'ambito degli obiettivi strutturali, sia ai programmi di sviluppo territoriale. Nella gestione di iniziative finanziate da strumenti comunitari, internazionali o nazionali, è importante considerare l intero ciclo progettuale con un approccio metodologico integrato. Il ciclo di progetto si configura come un processo circolare nel quale vengono individuati tutti i passaggi salienti e le interconnessioni tra di essi in un ottica di sistema. "Il Project Cycle Management" 7

8 Il Ciclo di progetto Quadro di sintesi Programmazione Quadro di programmazione all interno del quale i progetti possono essere identificati e preparati Valutazione Identificazione/ Ideazione Individuazione dei progetti da studiare. Comprende: consultazione con i beneficiari per analizzarne i problemi e identificare soluzioni possibili. Implementazione Formulazione Sviluppo dell idea progettuale ed analisi della sua fattibilità e sostenibilità. Si decide se stendere una proposta. Finanziamento La fase di finanziamento costituisce lo spartiacque ed il passaggio tra una macrofase progettuale ed una operativa Presentazione della proposta alle autorità finanziatrici. Segue valutazione ed eventuale approvazione. "Il Project Cycle Management" 8

9 Il ciclo di progetto In dettaglio Decisione su come usare i risultati nella futura programmazione Rapporto di valutazione Programma di riferimento (strategie) Aree di priorità, settori, ecc. Programmazione Condizioni (terms of reference) Decisione su quali opzioni approfondire Studio di prefattibilità Valutazione Identificazione Condizioni Studio di fattibilità Decisione su azioni di sviluppo ulteriore Implementazione Rapporti di monitoraggio Decisione se seguire il piano o riorientare il progetto Finanziamento Concessione del finanziamento Formulazione Decisione di finanziare Proposta di finanziamento Stesura della proposta Decisione se stendere una proposta "Il Project Cycle Management" 9

10 Il ciclo di progetto nella realtà ed il LFA Programmazione Programma di riferimento Idea di progetto Valutazione Identificazione LFA Implementazione Formulazione Condizioni Studio di fattibilità Finanziamento Concessione del finanziamento Proposta di finanziamento "Il Project Cycle Management" 10

11 Logical Framework Approach o Quadro Logico/1 In tutte le fasi operative del ciclo progettuale (ideazione, formulazione, implementazione, valutazione) il PCM utilizza la tecnica del Logical Framework (Quadro Logico), che si basa su strumenti di impostazione progettuale di tipo strutturato. Il LFA è utilizzato come una tecnica efficace per consentire a diversi soggetti di individuare ed analizzare problemi, definire obiettivi ed attività da intraprendere per risolvere quei problemi "Il Project Cycle Management" 11

12 Logical Framework Approach o Quadro Logico/2 L utilizzazione del LF consente di redigere e realizzare progetti che siano: Pertinenti Basati sul contesto di riferimento e sui reali problemi dei beneficiari Coerenti Esplicitino il legame logico esistente tra attività, risultati, obiettivi Sostenibili Gli effetti del progetto durino nel tempo "Il Project Cycle Management" 12

13 Logical Framework Approach o Quadro Logico/3 Semplice e utile strumento organizzativo Metodologia per concettualizzare progetto/programma gli obiettivi di un Strumento analitico per comunicare con chiarezza e comprensibilmente la complessità di un progetto o di un programma in un solo foglio di carta Strumento per la programmazione partecipata Strumento per il monitoraggio e la valutazione di un progetto/programma "Il Project Cycle Management" 13

14 Il Project Cycle Management ed il Logical Framework Approach Project Cycle Management Definisce le attività relative al management e le procedure decisionali che caratterizzano le diverse fasi di vita di un progetto. Logical Framework Approach Metodologia per la progettazione, la gestione e la valutazione di programmi e progetti attraverso il ricorso a strumenti volti ad accrescere la partecipazione, la trasparenza e favorire un approccio per obiettivi Processo decisionale e realizzativo definito dall organizzazione Metodi e strumenti di project management "Il Project Cycle Management" 14

15 Progettare con il Logical Framework (LFA)/1 Utilizzazione del LFA durante la fase di identificazione/ideazione del ciclo di progetto. Nella fase di identificazione vengono elaborate, nell ambito del quadro programmatico, alcune idee progetto che scaturiscono dall analisi del contesto territoriale e dalla consultazione con i portatori di interesse (stakeholders) per analizzare i problemi e identificare soluzioni possibili. ANALISI La situazione esistente viene analizzata per sviluppare una immagine della situazione desiderata futura e selezionare le strategie che saranno applicate per conseguirla. Obiettivo: assicurare che le idee del progetto siano rilevanti, cioè intervengano per costruire soluzioni dei problemi specifici e più salienti dei beneficiari "Il Project Cycle Management" 15

16 L analisi nella fase di ideazione Analisi degli attori rilevanti o portatori di interessi(stakeholders) Analisi dei problemi Analisi degli obiettivi Analisi della strategia (Individuazione degli ambiti di intervento- Analisi della strategia progettuale) "Il Project Cycle Management" 16

17 L analisi nella fase di ideazione Analisi degli attori Analisi degli attori rilevanti (stakeholders) cioè di ogni soggetto o categoria di soggetti portatori di interessi nei confronti della realizzazione di un progetto Questo significa: Identificare le parti che hanno una relazione con il progetto (ad ogni livello) Individuare eventuali conflitti o cooperazione tra gli attori Identificare che cosa gli attori ricevono dal o forniscono al progetto Tale analisi può essere condotta attraverso l esame di documenti, fonti informative, interviste, incontri "Il Project Cycle Management" 17

18 L analisi nella fase di ideazione Analisi dei problemi Definisce le relazioni di causa-effetto presenti tra gli aspetti della situazione esistente. Si rappresenta come Albero dei Problemi CONSEGUENZE DEI PROBLEMI Situazione attuale PROBLEMA PROBLEMA Cause del problema Cause del problema Cause del problema Cause del problema "Il Project Cycle Management" 18

19 Analisi dei problemi Esempio di Albero dei problemi Aumento criminalità Aumento criminalità Ex-detenuti esclusi dal dal mondo del del lavoro Ex-detenuti non non posseggono adeguate competenze Non Non sanno sanno come come e dove dove cercare lavoro lavoro Non Non riescono a costituire imprese autonome Le Le imprese non non offrono offrono lavoro lavoro disinformati disinformati sulla sulla domanda domanda di di lavoro lavoro Non Non in in grado grado di di Muoversi Muoversi sul sul Mercato Mercato d.l d.l Oneri Oneri troppo troppo gravosi gravosi PArcelle PArcelle dei dei consulenti consulenti eccessive eccessive Diffidenza Diffidenza degli degli imprenditori imprenditori Costo Costo del del neoassunto neoassunto elevato elevato Corsi Corsi Inesistenti o obsoleti "Il Project Cycle Management" 19

20 L analisi nella fase di ideazione Analisi degli obiettivi Descrizione della situazione nel futuro, appena risolti i problemi che rendono necessario il progetto Si raffigura come Albero degli obiettivi (gerarchia mezzifini) EFFETTI DEL PROGETTO Situazione attesa AZIONI AZIONI Mezzi posti in essere Mezzi posti in essere Mezzi posti in essere Mezzi posti in essere "Il Project Cycle Management" 20

21 Analisi degli obiettivi Esempio di Albero degli obiettivi Aumento sicurezza dei dei cittadini Ex-detenuti inseriti nel nel mondo del del lavoro Ex-detenuti in in possesso di di adeguate competenze Capaci Capaci di di cercare cercare lavoro lavoro In In grado grado di di costruire imprese imprese autonome Imprese Imprese aperte aperte all inserimento Informati Informati sulla sulla domanda domanda di di lavoro lavoro Accompagnati Accompagnati nella nella ricerca ricerca di di lavoro lavoro Crediti accessibili Crediti accessibili CORSI CORSI efficaci efficaci PArcelle PArcelle dei dei consulenti consulenti accessibili accessibili Mentalità Mentalità degli degli Imprenditori Imprenditori aperta aperta Costo Costo del del neoassunto neoassunto ridotto ridotto "Il Project Cycle Management" 21

22 L analisi nella fase di ideazione Analisi delle strategie Questa fase prevede 2 momenti: 1. Individuazione degli ambiti di intervento 2. Scelta della strategia progettuale, ossia quali ambiti possono essere affrontati dal progetto Nell albero degli obiettivi, i diversi gruppi di obiettivi similari vengono chiamati ambiti. E in questa fase che gli attori chiave sono in grado di operare una valutazione sugli ambiti o aree di intervento su cui il progetto interverrà, utilizzando dei parametri di decisione orientati al rispetto dei principi indicati di seguito: interesse strategico dell'intervento; rispondenza alla mission ed ai piani dell'organizzazione; urgenza; risorse umane disponibili (in particolare, con riguardo alle competenze tecnico- specialistiche) ; risorse finanziarie. "Il Project Cycle Management" 22

23 Analisi della strategia Esempio di Identificazione degli ambiti Aumento sicurezza dei dei cittadini Ex-detenuti inseriti nel nel mondo del del lavoro Ex-detenuti in in possesso di di adeguate competenze CORSI CORSI efficaci efficaci Capaci Capaci di di cercare cercare lavoro lavoro In In grado grado di di costruire imprese imprese autonome Imprese Imprese aperte aperte all inserimento Informati Informati sulla sulla domanda domanda di di lavoro lavoro Accompagnati Accompagnati nella nella ricerca ricerca di di lavoro lavoro Crediti Crediti accessibili accessibili PArcelle PArcelle dei dei consulenti consulenti accessibili accessibili Mentalità Mentalità degli degli Imprenditori Imprenditori aperta aperta Costo Costo del del neoassunto neoassunto ridotto ridotto FORMAZIONE FORMAZIONE ORIENTAMENTO ORIENTAMENTO IMPRENDITORIALITA IMPRENDITORIALITA POLITICA INDUSTRIALE POLITICA INDUSTRIALE "Il Project Cycle Management" 23

24 Analisi della strategia Esempio di Scelta della strategia progettuale Aumento sicurezza dei dei cittadini Ex-detenuti inseriti nel nel mondo del del lavoro Ex-detenuti in in possesso di di adeguate competenze Capaci Capaci di di cercare cercare lavoro lavoro In In grado grado di di costruire imprese imprese autonome Contesto e e imprese imprese informate Informati Informati sulla sulla domanda domanda di di lavoro lavoro Accompagnati Accompagnati nella nella ricerca ricerca di di lavoro lavoro Crediti Crediti accessibili accessibili CORSI CORSI efficaci efficaci PArcelle PArcelle dei dei consulenti consulenti accessibili accessibili Mentalità Mentalità degli degli Imprenditori Imprenditori aperta aperta FORMAZIONE FORMAZIONE ORIENTAMENTO ORIENTAMENTO IMPRENDITORIALITA IMPRENDITORIALITA INFORMZIONE INFORMZIONE "Il Project Cycle Management" 24

25 Identificazione Formulazione Condizioni (terms of reference) Studio di prefattibilità Decisione su quali opzioni approfondire Identificazione Condizioni Studio di fattibilità Formulazione Decisione se stendere una proposta Stesura della proposta L idea che è stata focalizzata è un progetto fattibile? "Il Project Cycle Management" 25

26 Progettare con il Logical Framework (LFA)/2 Utilizzazione del QL durante la fase di formulazione del ciclo di progetto. Nella fase di formulazione, sulla base dei risultati della fase precedente che forniscono indicazioni sulla prefattibilità dell intervento progettuale, si procede all elaborazione di un progetto nel rispetto dei requisiti formali e delle condizioni (Terms of reference) previste dalla linea di azione o dal programma individuato PIANIFICAZIONE L idea di progetto viene declinata in dettagli operativi Obiettivo: assicurare la fattibilità e sostenibilità del progetto. "Il Project Cycle Management" 26

27 La pianificazione nella fase di formulazione Si procede alla formulazione chiara dell intervento progettuale in termini di Logframe: -definire la struttura di progetto -testare la sua logica -formulare gli obiettivi in termini misurabili. Piano delle attività: -Scomporre le attività in subattività e compiti -determinare la sequenza ed i vincoli di dipendenza delle attività -stimare la durata -Elaborare il piano di attività Piano delle risorse: -sviluppare il piano delle risorse "Il Project Cycle Management" 27

28 La pianificazione nella fase di formulazione Logframe Matrix La tecnica del logical framework prevede per la realizzazione di questa fase, l utilizzazione della Logframe matrix, cioè una matrice utile per : definire in modo chiaro tutti i fattori salienti e le componenti necessarie per la realizzazione del progetto e per la sua corrispondenza con gli obiettivi perseguiti Evidenziare i legami logici che concatenano la successione degli eventi "Il Project Cycle Management" 28

29 LOG(ICAL) FRAME(WORK) Matrix/1 Logica intervento Obiettivo generale Indicatori oggettivamente verificabili Fonti della verifica Condizioni (fattori esterni) Obiettivo specifico del progetto Risultati Attività Mezzi Costi Pre-condizioni per lo sviluppo del progetto "Il Project Cycle Management" 29

30 LOG(ICAL) FRAME(WORK) Matrix/2 Obiettivo Generale Benefici sociali o economici di lungo periodo ai quali il progetto contribuisce Scopo del Progetto Benefici che i beneficiari ottengono con i servizi forniti dal progetto Risultati I servizi che i beneficiari riceveranno dal progetto Attività Ciò che viene realizzato dal progetto per fornire i servizi previsti Indicatori Come l OG è misurabile in termini quantitativi, qualitativi e di tempo? Indicatori Come lo scopo è misurabile in termini quantitativi, qualitativi e di tempo? Indicatori Mezzi Fonti di verifica Come, quando e dove è possibile raccogliere le informazioni? Fonti di verifica Fonti di verifica Costi Condizioni Se lo scopo è raggiunto, quali condizioni devono verificarsi per raggiungere l OG? Condizioni Se i risultati sono realizzati,quali condizioni devono verificarsi per raggiungere lo scopo? Condizioni Se le attività sono completate,quali condizioni devono verificarsi per ottenere i risultati? Pre-conditioni Vincoli esterni "Il Project Cycle Management" 30

31 LOG(ICAL) FRAME(WORK) Matrix/3 Il ruolo delle condizioni Obiettivo generale Scopo del progetto/obiettivo specifico Risultati attesi Attività Condizioni Condizioni Condizioni Precondizioni "Il Project Cycle Management" 31

32 LE CONDIZIONI (FATTORI ESTERNI) Le condizioni sono quei fattori che, pur importanti per la buona riuscita del progetto, sono al di fuori dell ambito di intervento dello stesso. La valutazione dei fattori esterni viene realizzata attraverso il seguente algoritmo: SI Il fattore esterno è importante? NO Si verificherà? Quasi certamente Non includerlo nel LFA E probabile Includerlo come Presupposto Non è probabile E possibile il redesign del progetto per influenzare il fattore esterno? SI NO Riprogettate l intervento: - aggiungete Attività e/o Risultati - riformulate l Obiettivo Specifico del Progetto, se necessario La Condizione è un Presupposto killer. Da un punto di vita tecnico, l intervento non è realizzabile a meno che le Autorità trovino la soluzione utile affinché il presupposto si realizzi o a trasformarlo in una Precondizione integrabile. "Il Project Cycle Management" 32

33 Obiettivo generale Obiettivo specifico Risultati Attività UN ESEMPIO DI LOGFRAME MATRIX Logica di intervento Aumento sicurezza dei cittadini Ex-detenuti inseriti nel mondo del lavoro 1. Ex-detenuti in possesso di adeguate competenze 2. Capaci di cercare lavoro 3. In grado di costruire imprese autonome 4. Opinione pubblica ed imprese informate Corsi di formazione su competenze richieste dalle imprese Sportello informativo sulle opportunità di lavoro Accompagnamento all inserimento lavorativo Voucher per la creazione di impresa Consulenza alla creazione di impresa Attività di informazione Indicatori oggettivamente verificabili Microcriminaòità diminuita da x ad Y nel contesto dall anno 200. Diminuzione del tasso di disoccupazione degli exdetenuti (target) da x a y dall anno 200. Numero di ex-detenuti che ha adeguato le competenze aumentato da x a y dall anno Numero di ex-detenuti che si propone sul m.d.l. accresciuto da x a y dall anno Numero di ex-detenuti che sta attivando un impresa aumentato da x a y dall anno 200. Assistenza tecnica Attrezzature Organigramma del team di progetto Risorse umane per la formazione Risorse umane per l orientamento e l accompagnamento Risorse logistiche Consulenti Fonti di verifica Statistiche del Ministero degli Interni analizzate ex ante, in itinere ed ex post. Dati di occupazione degli svantaggiati analizzati ex ante ed ex post Dati di progetto analizzati ogni 6 mesi Rilevazione dei servizi sociali.. Costi (vedi il budget) Condizioni Le imprese non licenzino Un accresciuta disponibilità delle imprese. Consulenti disponibili con parcelle ridotte PRECONDIZIONI Imprese coinvolte nella formazione Riduzione dei costi dei neo-assunti per le imprese "Il Project Cycle Management" 33

34 Dal Logframe al Piano delle Attività Il Piano delle Attività implica a partire dalle attività del logframe (prima colonna): Scomposizione delle attività in sottoattività e compiti Evidenziazione delle sequenze e delle dipendenze (in che ordine le attività collegate devono svolgersi? L attività dipende dall inizio o dalla fine di altre attività?) Stima dell inizio, della durata e della data termine delle attività Sintesi del piano delle attività principali Definizione delle risorse umane (competenze) e materiali Definizione delle Milestones Elaborazione di un cronogramma (es. diagramma di Gantt) Se il progetto prevede un partenariato Suddivisione dei compiti tra i componenti del gruppo di progetto "Il Project Cycle Management" 34

35 Piano delle attività WBS - Work Breakdown Structure La rappresentazione grafica delle cose da fare si può definire attraverso la Work Breakdown Structure. Essa è definita dal Project Management Institute come: Un albero di attività orientate a un obiettivo, che organizza, definisce e visualizza graficamente tutto il lavoro che deve essere fatto per raggiungere gli scopi finali di un progetto. Ogni sotto-livello rappresenta una definizione a dettaglio crescente degli obiettivi. E un sistema per suddividere il progetto in work package gestibili "Il Project Cycle Management" 35

36 WBS - Work Breakdown Structure L approccio top down La mappa della WBS viene costruita cominciando dall elemento di massimo livello (il progetto nella sua interezza) e scomponendolo in componenti di livello inferiore (sottoprogetti). Questa scomposizione livello per livello prosegue riducendo gradualmente la complessità del progetto stesso. "Il Project Cycle Management" 36

37 Rappresentazione della W.B.S. Progetto Ambito1 Ambito2 Ambito3 Ambito4 Liv. 1 Attività 1 Attività 2 Attività 5 Liv. 2 Liv. 3 Sub Attività 1.1. Sub attività 5.1 Sub attività 5.2 Sub attività 5.2 "Il Project Cycle Management" 37

38 WBS: Detenuti e mondo del lavoro Liv. 0 PROGETTO Detenuti e mondo del lavoro 1 Formazione 2 Orientamento 3 Imprenditorialità 4 Informazione Liv. 1 Ambiti Liv. 2 AttivitàI 4.1 Impostazion e e realizzazion e del messaggio informativo 4.2 Diffusione del messaggio informativo 4.3 Diffusio ne progett o Liv. 3 Subattività "Il Project Cycle Management" 38

39 I compiti Obiettivo della WBS è individuare pacchetti di lavoro Work Package (WP) in cui risultino definiti gli obiettivi e i singoli compiti I WP facilitano sia il processo di programmazione che di controllo di progetto. "Il Project Cycle Management" 39

40 Work Breakdown Structure: Informazione Liv. 1 Ambito (subrogetto) 4 Informazione 4.1 Impostazione e realizzazione del messaggio informativo 4.2 Diffusione del messaggio informativo 4.3 Diffusione progetto Liv. 2 Attività Redazione messaggio Liv. 3 Subattività Progettazione strumenti informativi Realizzazione strumenti informativi Progettazione Brochure Progettazione Cartelloni Progettazione Video Realizzazione Brochure Realizzazione Cartelloni Realizzazione Video Liv. 4 Compiti/azioni "Il Project Cycle Management" 40

41 Risultati della WBS 1. Ogni livello della WBS, seppure con diverso grado di dettaglio, rappresenta l intero progetto. 2. Operando aggregazioni dal basso verso l alto, si fornisce un reporting (per il controllo del progetto) con il grado di dettaglio/sintesi desiderato. 3. Si è giunti ad un livello di dettaglio (i compiti) sufficientemente minuto da poter formulare: individuazione delle risorse, delle durate e dei legami d interdipendenza tra le attività. 4. Se si dispone di un organigramma del progetto (OBS cioè Organization Breakdown Structure) è possibile assegnare al personale specifiche responsabilità per l esecuzione di parti della WBS "Il Project Cycle Management" 41

42 WBE (Work Breakdown Element) Ogni W.B.E. (Work Breakdown Element) rappresenta un entità per la quale deve essere possibile definire: una precisa descrizione del lavoro da compiere; la durata; le risorse che realizzeranno l attività e la responsabilità dell esecuzione; il costo. Le rilevazioni di avanzamento lavori. Ogni W.B.E. é collegato ad uno e solo ad uno degli elementi di livello superiore Il lavoro richiesto per portarlo a termine è dato dalla somma del lavoro contenuto in tutti i WBE sottostanti. "Il Project Cycle Management" 42

43 Elemento del WBS Input Inizio Durata Fine Output Attività/compito Costo Risorse umane Risorse materiali "Il Project Cycle Management" 43

44 WBS: Esempio di un elemento Input mese Output Informazioni dettagliate sul messaggio da veicolare Progettazione brochure h50*40 /h 1 grafico Nessuna attrezzatura Progetto grafico della brochure "Il Project Cycle Management" 44

45 La gestione dei tempi Il tempo ha rappresentato la prima variabile gestionale del project management a essere supportata in modo coerente da tecniche specifiche. Ad Henry G. Gantt si deve una delle rappresentazioni del tempo maggiormente utilizzata a tutt oggi: il diagramma a barre di attività su scala temporale, più comunemente chiamato diagramma di Gantt. "Il Project Cycle Management" 45

46 Il DIAGRAMMA DI GANTT: scopo Lo scopo di tale rappresentazione è: definire il "cosa fare" in una certa quantità di tempo (durata); definire un riferimento per il controllo dell'avanzamento definire eventi o date chiave (milestones) "Il Project Cycle Management" 46

47 Il DIAGRAMMA DI GANTT: dati per la redazione I dati necessari alla redazione del diagramma di GANTT sono: la data di inizio del progetto l elenco delle attività la definizione delle priorità di ciascuna attività i tempi necessari a svolgere ciascuna attività i responsabili di ciascuna attività "Il Project Cycle Management" 47

48 DIAGRAMMA DI GANTT A B C Tempo "Il Project Cycle Management" 48

49 Milestones (pietre miliari) ATTIVITA' A B C D Rappresentano un momento importante del progetto (la fine di una fase, una consegna, ecc. MILESTONES GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG TEMPO "Il Project Cycle Management" 49

50 Dal logframe al piano delle risorse Il Piano delle Risorse implica a partire dalle attività del WP: Specifica delle risorse richieste per ciascuna attività Inserimento delle risorse nelle Categorie di costo Specifica delle Unità, delle Quantità per Periodo e dei relativi costi Pianificazione dei costi (quantità x costi unitari) Determinazione del costo totale e di quelli periodici (*) (*) E importante specificare i costi in un periodo che il progettista sceglie in modo da conoscere l impatto futuro sul budget dell ente che implementa il progetto (in vista del mantenimento del servizio realizzato, oltre la conclusione dell intervento). "Il Project Cycle Management" 50

51 Scheda progetto/1 Sviluppare una scheda di sintesi di un progetto, una volta che si è definita chiaramente l idea progettuale, a partire dai problemi, elaborando gli obiettivi e la Logframe matrix è un passaggio molto semplice e molto utile per sintetizzare in modo descrittivo quanto sviluppato graficamente ed avere uno strumento per presentare e diffondere l idea agli interessati "Il Project Cycle Management" 51

52 Scheda progetto/2 TITOLO ACRONIMO SOGGETTO PROPONENTE SOGGETTO ATTUATORE PARTENARIATO MOTIVAZIONI DESTINATARI OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVO SPECIFICO RISULTATI ATTESI ATTIVITÀ PROGETTUALI TEMPI COSTO Inserire il titolo del progetto Indicare l acronimo e la sua esplicitazione Indicare chi è o potrebbe essere il soggetto proponente Indicare chi è o potrebbe essere il soggetto attuatore Indicare i Partner già contattati ed i partner potenziali ed il ruolo Riportare in modo descrittivo i problemi individuati e schematizzati nell albero dei problemi Indicare i destinatari diretti ed indiretti del progetto Riportare l obiettivo generale dalla LOGFRAME MATRIX Riportare l obiettivo specifico dalla LOGFRAME MATRIX Riportare i risultati dalla LOGFRAME MATRIX Riportare gli ambiti di intervento e le attività dalla LOGFRAME Indicare la durata stimata del progetto Se si è in grado riportare il costo complessivo indicativo "Il Project Cycle Management" 52

53 Indice progetto/1 La costruzione dell indice di progetto è il primo passo per la formulazione della proposta progettuale da presentare al potenziale finanziatore. L elaborazione dell indice e della conseguente proposta è un passaggio obbligato in tutti quei casi in cui non viene fornito da un bando il formulario per la presentazione del progetto. Non esiste un indice standard, va costruito per ciascun caso che si affronta ma deve evidenziare sempre elementi fondamentali per descrivere un progetto. "Il Project Cycle Management" 53

54 Indice progetto/ Presentazione del soggetto proponente e/o attuatore Partenariato Analisi del contesto Motivazione della proposta (Analisi dei problemi ) Destinatari Obiettivo generale e specifico (Finalità e obiettivi) Descrizione dell intervento (Indicazione degli ambiti di intervento e della strategia progettuale) Articolazione del progetto (descrizione delle attività) Risultati attesi (compresi di indicatori) Informazione e diffusione Monitoraggio e valutazione Struttura organizzativa di gestione del progetto Durata e cronogramma del progetto Piano finanziario "Il Project Cycle Management" 54

55 Implementazione/1 E la fase di esecuzione del progetto che inizia con la realizzazione delle attività previste La fase di realizzazione prevede attività di project management che si sviluppano attraverso un insieme di strumenti definiti. Alcuni strumenti sono quelli visti per la progettazione "Il Project Cycle Management" 55

56 Implementazione/2 Le fasi salienti dell implemetazione sono: Lo start-up del progetto L organizzazione delle risorse umane e materiali Lo sviluppo e la realizzazione delle attività La gestione (management) ed il controllo (monitoraggio) del progetto L eventuale ridefinizione in itinere in funzione dei risultati del monitoraggio La chiusura del progetto "Il Project Cycle Management" 56

57 Valutazione/1 Valutare significa individuare, misurare ed esprimere un giudizio motivato su effetti ed impatti di un progetto o di un attività Per effettuare la valutazione occorre uno schema di riferimento (progetto valutativo) con la specificazione dei criteri, degli indicatori, degli strumenti che si intendono utilizzare e dei dati occorrenti per misurare La valutazione comprende il monitoraggio ma si spinge oltre in quanto implica l interpretazione ed il giudizio "Il Project Cycle Management" 57

58 I tempi del monitoraggio e della valutazione Valutazione Ciclo di progetto Monitoraggio Programmazione Ex-ante In Itinere Finale Identificazione Finanziamento Formulazione Implementazione Monitoraggio Ex-post Valutazione "Il Project Cycle Management" 58

59 Valutare con il Quadro Logico Le attività di un progetto dovranno contribuire al raggiungimento dei risultati utilizzando nel modo più efficiente le risorse umane e finanziarie disponibili; i risultati (servizi, prodotti, valore aggiunto) dovranno raggiungere in modo efficace i benefici che il progetto intende apportare ai destinatari. Inoltre, l intervento sarà rilevante se ha costruito soluzioni per i problemi specifici e più salienti dei beneficiari, cioè se si è raggiunto l obiettivo specifico (scopo) del progetto, ed avrà un impatto positivo se il raggiungimento dell obiettivo generale ha creato miglioramenti nella qualità di vita dei destinatari ed ha effetti nel medio-lungo periodo sulla collettività. "Il Project Cycle Management" 59

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario.

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario. Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario Nunzia Cito Le metodologie e gli strumenti per la presentazione ed il monitoraggio

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO. Elementi essenziali di progetto. Fasi e tappe Gli Approcci

IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO. Elementi essenziali di progetto. Fasi e tappe Gli Approcci UNIVERSITA MILANO BICOCCA Corso di laurea di primo livello in servizio sociale anno accademico 2009-2010 Progettare il sociale Prof. Dario A. Colombo IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO Elementi essenziali di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica. Formez PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica. Formez PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE Formez Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE S T R U M E N T I 4 STRUMENTI FORMEZ S T R U M E N T I I l Formez -

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Relazione finale sull avvio ciclo

Relazione finale sull avvio ciclo ARCEA Piano della performance 2015-2017 Relazione finale sull avvio ciclo approvata in data 10 aprile 2015 Relazione finale sull avvio del ciclo della performance anno 2015 (ARCEA) Pag. 1 di 36 Sommario

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Business Process Management applicato ai flussi della PA

Business Process Management applicato ai flussi della PA tecnologie vicine Business Process Management applicato ai flussi della PA Antonio Palummieri Resp. Area Mercato Luciano Sulis - BPM Solution Specialist Milano, 24 novembre 2011 Popolazione comuni: Italia

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Programmazione e Valutazione ex ante il quadro logico nel PO 14-20

Programmazione e Valutazione ex ante il quadro logico nel PO 14-20 Programmazione e Valutazione ex ante il quadro logico nel PO 14-20 [presentazione e discussione della nota tecnica] Paola Casavola DPS UVAL 25 giugno 2014 IL «quadro logico di programmazione» Rappresentazione

Dettagli

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare,

I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, I Centri di Servizio per il Volontariato della Regione Lombardia I Centri di servizio per il volontariato nascono con l obiettivo di supportare, sostenere e qualificare le organizzazioni di volontariato

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

LA PROGETTAZIONE PARTECIPATA. Guida pratica all ideazione, la realizzazione e la valutazione dei progetti

LA PROGETTAZIONE PARTECIPATA. Guida pratica all ideazione, la realizzazione e la valutazione dei progetti LA PROGETTAZIONE PARTECIPATA Guida pratica all ideazione, la realizzazione e la valutazione dei progetti LA PROGETTAZIONE PARTECIPATA Guida pratica all ideazione, la realizzazione e la valutazione dei

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE INDICE 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 1 1.1 Caratteristiche distintive dell organizzazione della Provincia di Caserta... 1 1.2 La metodologia adottata

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli