Il Consorzio di Bonifica delle Marche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Consorzio di Bonifica delle Marche"

Transcript

1 Il Consorzio di Bonifica delle Marche

2 CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE Caratteri generali Costituito e regolato dalla L.R. 17 giugno 2013 n. 13, di «riordino degli interventi in materia di bonifica e di irrigazione» Ente pubblico economico di natura associativa con adesione obbligatoria che opera secondo criteri di Efficienza, Efficacia, Economicità ed Equilibrio di Bilancio

3 Funzioni Piano di Classifica e di Riparto per la determinazione dei contributi consortili Piano delle opere di bonifica di competenza privata e degli interventi di miglioramento fondiario Programma triennale e l elenco annuale dei lavori per le opere di propria competenza Esercita le funzioni dei consorzi idraulici (opere di terza, quarta, quinta categoria Art R.D. 523/1904)

4 Funzioni Esegue opere idrauliche di sola difesa di beni, la loro manutenzione e la sistemazione dell alveo dei minori corsi d acqua con denominazione di fossati, rivi e colatori pubblici (Art. 12 R.D. 523/1904) Sistemazione degli scoli, ristagni e raccolta di acque e la manutenzione delle strade vicinali di uso pubblico ove non sia costituito uno specifico Consorzio stradale Realizzazione, manutenzione ed esercizio opere di irrigazione e impianti funzionali o connessi ai sistemi irrigui Svolge per conto dello Stato la progettazione, esecuzione e gestione di opere pubbliche di competenza o finanziate dall Unione Europea o altri enti pubblici Partecipa alle attività di programmazione e pianificazione regionali e provinciali volte ad assicurare la tutela e il risanamento idrogeologico, del suolo e sottosuolo

5 Organigramma ASSEMBLEE DEI COMPRENSORI ASSEMBLEA DEL CONSORZIO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE REVISORE UNICO Esprime parere sulle attività dell assemblea del consorzio eccetto i regolamenti consortili e l elezione del consiglio di amministrazione (31 membri) Statuto - approvazione bilancio, spese pluriennali, dotazione organica, piani triennali - determinazione perimetro di contribuenza - elegge il consiglio di amministrazione (31 membri) Nomina Direttore Generale, dispone atti di contabilità, pubblicazione bilanci e atti (6 membri) Rappresentanza legale dell ente Revisione legale dei conti annuali e consolidati

6 Gestione del territorio COMPRENSORI Unità omogenee sotto il profilo idrografico e funzionale all attività di bonifica A) Foglia, Metauro, Cesano B) Misa, Esino C) Musone, Potenza, Chienti, Asola, Alto Nera D) Tenna E) Aso F) Tronto BACINI IDROGRAFICI PRINCIPALI Suddivisi in sub-bacini individuati sulla base dei crinali di scolo con estensione mediamente non superiore a Ha

7 Determinazione del contributo Il Consorzio definisce il contributo con suddivisione per ogni comprensorio PIANO DI CLASSIFICA definisce gli indici e le metodologie di calcolo del contributo PIANO DI RIPARTO definisce il contributo che il consorzio richiede ai consorziati CONTRIBUENZA AGRICOLA: area di appartenenza (montano e alto collinare 63%, basso collinare e costiero 37%), estensione (ha), indice tecnico di beneficio CONTRIBUENZA A.A.T.O. (gestore servizio idrico integrato): volumi idrici medi captati in sorgente CONTRIBUENZA IMMOBILI AD USO INDUSTRIALE, COMMERCIALE, ARTIGIANALE IN AREA EXTRAURBANA: rendita catastale, indice tecnico di beneficio

8 Indice tecnico di beneficio DISTANZA DEI TERRENI DALLE ASTE FLUVIALI DISTANZA DEL PUNTO DI RECAPITO DELL ASTA FLUVIALE (DSR) DENSITÀ DI ATTRAVERSAMENTO STRADALE SULLE ASTE FLUVIALI (DAS) DEFLUSSO FISIOGRAFICO (RUSCELLAMENTO SUPERFICIALE) Metodo Kennessey (acclività, permeabilità, copertura vegetale)

9 Manutenzione ordinaria del reticolo idrografico Normativa di Riferimento PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI GESTIONE DELLA VEGETAZIONE D.P.R. 14 aprile 1993 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni recante criteri e modalità per la redazione dei programmi di manutenzione idraulica e forestale Circolare Regionale n. 1 del 23 gennaio 1997 Criteri ed indirizzi per l'attuazione di interventi in ambito fluviale nel territorio della Regione Marche Legge Regionale 31 del 12 novembre 2012 (deliberazione n.100) Linee guida per l elaborazione dei progetti generali di gestione dei corsi d acqua Legge forestale regionale (L.R. 23 febbraio 2005, n. 6) In particolare Art. 20 tutela alberi ad alto fusto Art. 21 autorizzazione all abbattimento Art. 22 potatura Art. 23 misure di compensazione Art. 24 tutela delle siepi Art. 25 formazioni vegetali miste Art. 26 formazioni vegetali monumentali R.D. 523/1904 Testo unico delle disposizioni di legge intorno alle opere idrauliche delle diverse categorie

10 Interventi all articolo 2 del D.P.R Tipologie degli interventi manutentori da effettuarsi nei corsi d'acqua NON REGIMATI A) Rimozione dei rifiuti solidi e taglio di alberature in alveo (eliminazione dalle sponde e dagli alvei dei materiali di rifiuto provenienti dalle varie attività umane e collocazione in discarica autorizzata) B) Rinaturazione delle sponde (protezione al piede delle sponde dissestate od in frana con strutture flessibili spontaneamente rinaturabili e restauro dell'ecosistema ripariale, compresa l eventuale piantumazione di essenze autoctone) C) Ripristino della sezione di deflusso (eliminazione, nelle tratte critiche per il deflusso delle portate idriche, dei materiali litoidi, trasportati e accumulati in punti isolati dell'alveo, pregiudizievoli al regolare deflusso delle acque) D) Sistemazione e protezione spondale (risagomatura e sistemazione di materiale litoide collocato a protezione di erosioni spondali e sostituzione di elementi di difesa artificiale deteriorati od in frana, utilizzando tecnologie di ingegneria ambientale)

11 Interventi all articolo 2 del D.P.R Tipologie degli interventi manutentori da effettuarsi nei corsi d'acqua NON REGIMATI E) Riduzione dei detrattori ambientali (rinaturazione delle protezioni spondali con modesti interventi di ingegneria naturalistica) F) Ripristino della funzionalità di tratti tombati, tombini stradali, ponticelli ecc. (ripristino del regolare deflusso sotto le luci dei ponti) G) Ripristino della stabilità dei versanti, mediante tecniche di ingegneria ambientale

12 Interventi all articolo 2 del D.P.R Tipologie degli interventi manutentori da effettuarsi nei corsi d'acqua REGIMATI A) Manutenzione delle arginature e loro accessori (taglio di vegetazione sulle scarpate, ripresa di scoscendimenti, ricarica di sommità arginale, interventi di conservazione e ripristino del paramento, manutenzione di opere d'arte e manufatti connessi al sistema arginale) B) Rimozione dei rifiuti solidi e taglio di alberature in alveo (eliminazione dalle sponde e dagli alvei dei materiali di rifiuto provenienti dalle varie attività umane e collocazione in discarica autorizzata) C) Rimozione di materiale di sedime dalle banchine pavimentate (allontanamento in discariche autorizzate del materiale presente sulle banchine del corso d'acqua)

13 Interventi all articolo 2 del D.P.R Tipologie degli interventi manutentori da effettuarsi nei corsi d'acqua REGIMATI D) Taglio di vegetazione e rimozione di depositi alluvionali su banchine in terra (sfalcio di vegetazione infestante e rimozione dei depositi alluvionali che riducono la sezione idraulica del corso d'acqua) E) Rinnovo di pavimentazioni di banchine (rimozione e ripristino di tratte di pavimentazione fatiscenti con analoghi materiali) F) Rimozione di materiale vario dagli accessi e dalle discese pubbliche a fiume con trasporto a pubbliche discariche autorizzate G) Rimozione di tronchi d'albero dalle luci di deflusso dei ponti (ripristino del regolare deflusso sotto le luci dei ponti, con rimozione del materiale di sedime e vario accumulato nei sottopassi stradali, nei tombini, nei sifoni, sulle pile od in altre opere d'arte)

14 Interventi all articolo 2 del D.P.R Tipologie degli interventi manutentori da effettuarsi nei corsi d'acqua REGIMATI H) Ripristino di protezioni spondali deteriorate o franate in alveo (gabbioni e scogliere) (risagomatura e sistemazione di materiale litoide collocato a protezione di erosioni spondali e sostituzione di elementi di difesa artificiale deteriorati od in frana, utilizzando, ove possibile, tecnologie di ingegneria ambientale) I) Manutenzione di briglie e salti di fondo (sistemazione delle briglie ed idonei interventi a salvaguardia di possibili fenomeni di aggiramento o scalzamento o erosione dell'opera da parte delle acque uniti ad interventi di mitigazione dell'impatto visivo) L) Ripristino della stabilità dei versanti (ripristino della stabilità dei versanti prospicienti le sponde di corsi d'acqua, mediante tecniche di ingegneria ambientale)

15 Interventi all articolo 2 del D.P.R Altri interventi manutentivi che si aggiungono e specificano quelli sopra indicati A) Rimozione del materiale legnoso a terra all interno dell alveo o sulle sponde B) Taglio in alveo o sulle sponde di piante secche in piedi, scalzate, deperienti, soccombenti, pendenti o danneggiate a livello del tronco C) Ripristino della ufficiosità idraulica nelle sezioni di confluenza tra un corso d acqua minore e il corpo idrico principale

16 Tipologie di segnalazioni consortili raccolte RIMOZIONE DELL OSTRUZIONE FLUVIALE ALBERATURE CADUTE IN ALVEO RIMOZIONE DEI RIFIUTI RIMOZIONE DEL MATERIALE LITOIDE RISAGOMATURA DEGLI ARGNI CONTROLLO DELL ECCESSIVA VEGETAZIONE RIPARIA CONTRASTO DELL EROSIONE SPONDALE

17 Gestione delle segnalazioni 692 AREE IAP PORZIONI DI TERRITORIO NON SUPERIORI A 1500 ETTARI CHE ACCORPANO UNO O PIÙ SUB BACINI IDROGRAFICI IAP (impresa agricola di presidio) figura già riconosciuta dal codice civile all art 2135 come «imprenditore agricolo professionale» Gli IAP svolgono attività di presidio segnalando ed effettuando gli interventi ove incaricati dal Consorzio, in alternativa subentrano le ditte specializzate 33 TECNICI INCARICATI TECNICI SUPERVISORI Svolgono l attività di gestione ed esecuzione degli interventi sul reticolo idrografico Controllo e sorveglianza sull esecuzione dei lavori

18 Gestione delle segnalazioni Aree di intervento dei 33 tecnici incaricati (Agronomi) Aree delle 692 IAP (Impresa Agricola di Presidio) Superficie media Area IAP = ha

19 Gestione delle segnalazioni Bacini Sub-Bacini

20 SIT sistema informativo territoriale CALL CENTER Raccoglie tutte le segnalazioni e i dati del segnalatore Il privato cittadino potrà effettuare segnalazioni anche tramite applicazione mobile e sito web TECNICO INCARICATO TECNICO SUPERVISORE COMPRENSORIALE IAP Completa gestione delle segnalazioni di intervento (sopralluogo - valutazione - realizzazione intervento - rendicontazione) Tecnico consortile che esegue attività di controllo e verifica dell operato dei tecnici incaricati Imprenditore agricolo che presidia l area di competenza assegnatagli e ove possibile esegue l intervento, in alternativa interviene una ditta specializzata

21 SEGNALAZIONI Call center Nuova piattaforma SIT consortile Standard Operativi PRATICA CONCLUSA Accettazione Rapporto Affidamento Collaudo Sopralluogo Stima e progettazione Esecuzione lavori SOPRALLUOGO Tecnico incaricato COMPETENZA CONSORTILE SI NECESSITÀ INTERVENTO SI TIPOLOGIA INTERVENTO COMUNICAZIONE INTERVENTO CONCLUSO NO NO Manutenzione straordinaria Comunicazione tipo intervento Comunicazione esito sopralluogo Comunicazione esito sopralluogo 15 giorni 15 giorni 30 giorni

22 Nuova piattaforma SIT consortile ALLA DATA DEL 10/11/2014 RISULTANO: N SEGNALAZIONI RICEVUTE 1825 N INTERVENTI REALIZZATI 750 N INTERVENTI SU ACQUE PUBBLICHE 300

23 Nuova piattaforma SIT consortile INSERIMENTO DATI SEGNALAZIONE SOPRALLUOGO VALUTAZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO NECESSARIO RICHIESTA AUTORIZZAZIONI STIMA E AFFIDAMENTO DEI LAVORI VERIFICA FINALE POST INTERVENTO

24 Nuova piattaforma SIT consortile DATI GENERALI

25 Nuova piattaforma SIT consortile POSIZIONE SEGNALAZIONE

26 Nuova piattaforma SIT consortile DATI GENERALI

27 Nuova piattaforma SIT consortile SOPRALLUOGO

28 Nuova piattaforma SIT consortile VALUTAZIONE

29 Nuova piattaforma SIT consortile VALUTAZIONE

30 Nuova piattaforma SIT consortile DETTAGLIO CARTOGRAFIA

31 Nuova piattaforma SIT consortile ANAGRAFICA DITTE/IAP Dettaglio anagrafica IAP/ ditte

32 Nuova piattaforma SIT consortile RENDICONTO LAVORI (RISERVATO AL TECNICO AGRONOMO)

33 Nuova piattaforma SIT consortile DOCUMENTI DELLA SEGNALAZIONE

34 Nuova piattaforma SIT consortile TECNICO SUPERVISORE DI ZONA

35 Nuova piattaforma SIT consortile ARCHIVIO DELLE SEGNALAZIONI

36 Lavori eseguiti TIPOLOGIE DI INTERVENTO REALIZZATE

37 Lavori eseguiti ESPURGO MATERIALI LIMOSI

38 Lavori eseguiti SFALCI SPONDALI

39 Lavori eseguiti SFALCIO ED RIAPERTURA SEZIONE IDRAULICA

40 Lavori eseguiti ELIMINAZIONE DELLE ALBERATURE IN ALVEO

41 Lavori eseguiti RIPRISTINO FUNZIONALITÀ TRATTI TOMBATI

42 Lavori eseguiti RIPROFILATURA SPONDE PER DIVAGAZIONE FLUVIALE

43 Lavori eseguiti RIMOZIONE DEI TRONCHI DALLE LUCI DI DEFLUSSO DEI PONTI

44 Benefici ai consorziati SALVAGUARDIA E MANTENIMENTO DELLA QUALITA AMBIENTALE DIFESA DEL SUOLO PRESIDIO IDROGEOLOGICO (difesa da fenomeni di dissesto idrogeologico) DIFESA IDRAULICA (evitare fenomeni di allagamento e ristagno acque) SVILUPPO EQUILIBRATO DEL TERRITORIO MIGLIORAMENTO FONDIARIO E DI IRRIGAZIONE APPROVVIGIONAMENTO E USO RAZIONALE DELLE RISORSE IDRICHE IRRIGUE

45 Conseguenze della mancata manutenzione

46 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

"CONFERENZA SEMINARIO FORMATIVO

CONFERENZA SEMINARIO FORMATIVO Verso una gestione innovativa del Territorio nella Regione Marche Il contributo delle buone pratiche agroforestali e geologico-ambientali al governo del territorio ed alla prevenzione del dissesto idrogeologico

Dettagli

--------------------------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------------------------- D.P.R. 14 aprile 1993 "Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni recante criteri e modalità per la redazione dei programmi di manutenzione idraulica e forestale." Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

CONFERENZA STAMPA PRESENTAZIONE DELLA CONVENZIONE

CONFERENZA STAMPA PRESENTAZIONE DELLA CONVENZIONE CONFERENZA STAMPA PRESENTAZIONE DELLA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI PESARO E URBINO, IL CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE E IL CORPO FORESTALE DELLO STATO, PER L'ORGANIZZAZIONE, LA GESTIONE E IL MONITORAGGIO

Dettagli

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE Norme di attuazione - Direttive di Piano 5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE approvata con deliberazione di C.I. n. 1 in data 15 aprile 1998

Dettagli

Difesa del Suolo in Abruzzo

Difesa del Suolo in Abruzzo Difesa del Suolo in Abruzzo Tematiche : Problemi concernenti la competenza reti di scolo particolare riferimento al c.d. reticolo minore. Aspetti normativi. L.R. n 19 n del 16/07/2013 Modifiche ed integrazioni

Dettagli

R 2 - LINEE DI INTERVENTO

R 2 - LINEE DI INTERVENTO Accordo di Pianificazione ai sensi dell art. 57 della L.R. 36/1997 tra Autorità di bacino del fiume Po Regione Liguria e Provincia di Genova R 2 - LINEE DI INTERVENTO PROGETTO Codice : 1.2/17/04 VARIANTE

Dettagli

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque Legge regionale n.11, 29 aprile 2015 Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di 1 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO Regio decreto 523/1904 (testo unico sulle opere idrauliche) Legge

Dettagli

RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI

RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI RIPARTO DELLE SPESE CONSORTILI 1) Che differenza c è fra bonifica idraulica e bonifica intergale e quando si è introdotto per la prima volta il concetto di bonifica integrale? Con il termine bonifica si

Dettagli

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013 OBIETTIVO APPENNINO Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali Alghero 8-10 maggio 2013 L.R. 5/2009 Riordino regionale dei consorzi - da 16 a 8 L.R. 06 luglio 2012, n. 7 ha fornito

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE ex art. 38 del Regolamento dei contratti pubblici approvato con D.P.R. 5 ottobre 2010 n. 207. - OPERE DEL DEMANIO IDRICO STATALE - OPERE IDRAULICHE REGIO DECRETO 25 luglio 1904 n.

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA - REGOLAMENTO REGIONALE 27 NOVEMBRE 2001, N.44 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA - REGOLAMENTO REGIONALE 27 NOVEMBRE 2001, N.44 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - REGOLAMENTO REGIONALE 27 NOVEMBRE 2001, N.44 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA Art. 1. Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ALBO DI SOGGETTI IDONEI ALL AFFIDAMENTO DI LAVORI INFERIORI A UN MILIONE (1.000.000,00) DI EURO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ALBO DI SOGGETTI IDONEI ALL AFFIDAMENTO DI LAVORI INFERIORI A UN MILIONE (1.000.000,00) DI EURO MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ALBO DI SOGGETTI IDONEI ALL AFFIDAMENTO DI LAVORI INFERIORI A UN MILIONE (1.000.000,00) DI EURO Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione

Dettagli

Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali

Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali Comune di Perugia Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali 1 Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali. 1.

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio. Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it

L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio. Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it 1 Punti dell intervento: Rischio idrogeologica e fragilità territoriale Attività di Bonifica Il

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI BONIFICA 2015

PIANO DELLE ATTIVITA DI BONIFICA 2015 SEDE LEGALE: Via degli Speziali 17 Loc. Venturina Terme 57021 CAMPIGLIA MARITTIMA (LI) Telefono: +39 0565 85761 Fax: +39 0565 857690 Posta Certificata: cbaltamaremma@pcert.it - consorzio@pec.collinelivornesi.it

Dettagli

LE OPERE PRESENTI SUL TERRITORIO E LA LORO MANUTENZIONE

LE OPERE PRESENTI SUL TERRITORIO E LA LORO MANUTENZIONE ORDINE INGEGNERI FIRENZE ASSOCIAZIONE IDROTECNICA ITALIANA GIORNATA DI STUDIO STRUTTURE ARGINALI: VULNERABILITÀ, MONITORAGGIO, SICUREZZA - LA CERTIFICAZIONE DEGLI ARGINI LE OPERE PRESENTI SUL TERRITORIO

Dettagli

ALLEGATO 6. Elaborato Verificato Regolarità tecnica Data Rev. Dott. Ing. Emanuela MARAGLINO. 18 marzo 2002 0. Dott. Geol.

ALLEGATO 6. Elaborato Verificato Regolarità tecnica Data Rev. Dott. Ing. Emanuela MARAGLINO. 18 marzo 2002 0. Dott. Geol. PROVINCIA DI GENOVA TORRENTE LAVAGNA PIANO DI BACINO STRALCIO PER LA DIFESA IDROGEOLOGICA, GEOMORFOLOGICA, PER LA SALVAGUARDIA DELLA RETE IDROGRAFICA E PER LA COMPATIBILITÀ DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE ALLEGATO

Dettagli

A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA.

A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA. A) OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICA ED IDRAULICO-FORESTALE, DI DIFESA DEL SUOLO, DI TUTELA DELL AMBIENTE E DI BONIFICA IDRAULICA. Il Consorzio esplica le funzioni ed i compiti che gli sono attribuiti dalla

Dettagli

TIPOLOGIA DI LAVORI IN ECONOMIA (allegato A alla determina n. 651 del 29.06.2010)

TIPOLOGIA DI LAVORI IN ECONOMIA (allegato A alla determina n. 651 del 29.06.2010) AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO Sede centrale: via Garibaldi 75 43100 PARMA tel. 0521.7971 www.agenziapo.it TIPOLOGIA DI LAVORI IN ECONOMIA (allegato A alla determina n. 651 del 29.06.2010) Possono

Dettagli

Linee guida per la manutenzione dei corsi d acqua, naturali o artificiali, esistenti nel territorio Provinciale.

Linee guida per la manutenzione dei corsi d acqua, naturali o artificiali, esistenti nel territorio Provinciale. Settore Territorio ed Ambiente Trasporti e Politiche Energetiche Servizio risorse idriche Linee guida per la manutenzione dei corsi d acqua, naturali o artificiali, esistenti nel territorio Provinciale.

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE

CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE PIANO GENERALE DI BONIFICA DOCUMENTO PRELIMINARE AL PIANO GIUGNO 2015 INDICE 1. INQUADRAMENTO STORICO-NORMATIVO DELLA BONIFICA: CENNI... 3 2. TRASVERSALITÀ DELLE FUNZIONI

Dettagli

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4 STATUTO CONSORTILE Art. 50, comma 4 Entro due anni dall approvazione dello statuto da parte della Giunta regionale, il Consorzio provvede ad esplicitare nell avviso di pagamento lo specifico beneficio

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA

LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL REGOLAMENTO RELATIVO AL RETICOLO DI BONIFICA D.G.R. n. 7/7868 del 25/01/2002 della Regione Lombardia L.R. n.

Dettagli

27.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 74 LEGGE REGIONALE 27 dicembre 2012, n. 79

27.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 74 LEGGE REGIONALE 27 dicembre 2012, n. 79 27.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 74 LEGGE REGIONALE 27 dicembre 2012, n. 79 Nuova disciplina in materia di consorzi di bonifica. - Modifiche alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/1998.

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO

INDICE REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA 1 TECNO.GEO. STUDIO INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento... 2 Art. 2 Definizione del reticolo minore... 2 Art. 3 Normativa di riferimento e competenze... 2 Art. 4 Attività amministrativa dei Comuni... 3 Art. 5 Autorizzazione

Dettagli

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del reticolo idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : Art. 91, c. 1bis l.r. n.18/1999 riordino del idrografico regionale. Indizione inchiesta pubblica. N. 1449 IN 30/11/2012 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA RICHIAMATI: il

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE...

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... 4 2.1 CARATTERISTICHE DEL RETICOLO IDRICO COMUNALE... 4 2.2 CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE E COMPETENZE DI GESTIONE....

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo Patrocinio Confindustria Foggia Foggia 21/11/2006 Relatore: Ing. Dario Tricoli PROGRAMMA

Dettagli

COMUNE DI BRANDICO REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA IDRAULICA

COMUNE DI BRANDICO REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA IDRAULICA Regione Lombardia Provincia di Brescia COMUNE DI BRANDICO RETICOLO IDRICO MINORE (ai sensi D.G.R. n.7/7868 del 25-01-2002, n.7/13950 del 01-08-2003, D.D.G. n. 8943 03-08-2007, D.G.R. n. 8/8127 del 01-10-2008)

Dettagli

Piano di Risanamento Fiume Lambro

Piano di Risanamento Fiume Lambro Piano di Risanamento Fiume Lambro Piano annuale delle manutenzioni Triuggio, Dicembre 2013 INDICE 1. PREMESSA 3 2. INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA 4 2.1. Interventi per la manutenzione delle opere

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino. Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po

Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino. Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po I principi della L. 183/89 Interdisciplinarietà: visione integrata delle dinamiche acqua suolo

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio CRITERI E TECNICHE PER LA MANUTENZIONE DEL TERRITORIO AI FINI DELLA PREVENZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO maggio 2002 1 INDICE 1. Introduzione 2. Il

Dettagli

Capitolo 4 PROGETTO DEL P.A.I.

Capitolo 4 PROGETTO DEL P.A.I. 4 4.1 Finalità ed obiettivi Per individuare quali siano le finalità del Piano occorre innanzitutto specificare cosa viene inteso per Assetto Idrogeologico. In senso letterale con assetto si intende una

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

LA MANUTENZIONE ORDINARIA DEL TERRITORIO

LA MANUTENZIONE ORDINARIA DEL TERRITORIO UPI UNCEM ANCI ENTI PARCO COMITATO DI CONSULTAZIONE DELL AUTORITÀ DI BACINO DEL FIUME PO LA MANUTENZIONE ORDINARIA DEL TERRITORIO TORINO, 9 MARZO 2001 PROVINCIA DI TORINO Assessorato alla Pianificazione

Dettagli

R e g o l a m e n t o. dei lavori in economia

R e g o l a m e n t o. dei lavori in economia COMUNE DI MODENA R e g o l a m e n t o dei lavori in economia Approvato con deliberazione C.C. n. 8 del 12.03.2012 IN VIGORE DAL 26 MARZO 2012 SOMMARIO Articolo 1 Limiti di importo e divieto di suddivisione

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia Interventi di miglioramento sui recapiti finali costituiti da CISNS e dal suolo - Rinaturalizzazione del canale Galaso-Marinella, recapito finale dell'

Dettagli

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015 La manutenzione degli argini Iacopo Iacopo MANETTI MANETTI Consorzio Consorzio di di bonifica bonifica Medio Medio Valdarno Valdarno Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI

Dettagli

12 Normative di piano (norme di attuazione e direttive)

12 Normative di piano (norme di attuazione e direttive) 12 Normative di piano (norme di attuazione e direttive) Gli atti di tipo politico - amministrativo utilizzati nel piano sono rappresentati da norme e da direttive: NORME DI ATTUAZIONE - Atti a contenuto

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

EX COMPRENSORIO 11 VERSILIA MASSACIUCCOLI IL PIANO DI CLASSIFICA DEGLI IMMOBILI PER IL RIPARTO DELLA CONTRIBUENZA E MODALITÀ DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO

EX COMPRENSORIO 11 VERSILIA MASSACIUCCOLI IL PIANO DI CLASSIFICA DEGLI IMMOBILI PER IL RIPARTO DELLA CONTRIBUENZA E MODALITÀ DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO EX COMPRENSORIO 11 VERSILIA MASSACIUCCOLI IL PIANO DI CLASSIFICA DEGLI IMMOBILI PER IL RIPARTO DELLA CONTRIBUENZA E MODALITÀ DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO Il Piano di Classifica degli Immobili ha il fine di

Dettagli

COMUNE DI CAMPONOGARA

COMUNE DI CAMPONOGARA REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPONOGARA PIANO DELLE ACQUE COMUNALE RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICE ARTICOLO 1 - PRINCIPI... 2 ARTICOLO 2 - DEFLUSSO DELLE ACQUE - DEFINIZIONI... 2

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 25 Settembre 2006 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 5 - Ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali e da eventi catastrofici e introduzione di adeguate

Dettagli

COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 )

COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 ) COMUNE DI TROMELLO (PROVINCIA DI PAVIA) RETICOLO IDRICO PRESENTE NEL TERRITORIO COMUNALE (Delibere G.R. 25/01/02 n 7/7868 e G.R. 01/08/03 n 7/13950 ) REGOLAMENTO DI POLIZIA IDRAULICA A CURA DI: STUDIO

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

4 del 18 Novembre 2015. Seduta Numero. OGGETTO: Bilancio di Previsione 2015 Variazioni / Approvazione.

4 del 18 Novembre 2015. Seduta Numero. OGGETTO: Bilancio di Previsione 2015 Variazioni / Approvazione. Consorzio 6 Toscana Sud Viale Ximenes n. 3 58100 Grosseto - tel. 0564.22189 bonifica@pec.cb6toscanasud.it - www.cb6toscanasud.it Codice Fiscale 01547070530 DELIBERAZIONE N. 15 DELL ASSEMBLEA CONSORTILE

Dettagli

Competenze dei settori operativi

Competenze dei settori operativi CONSORZIO DI BONIFICA BACCHIGLIONE PIANO DI ORGANIZZAZIONE VARIABILE - adottato dall Assemblea con delibera n. 04/07 del 21 maggio 2010, e definitivamente approvato con modifiche con Decreto del Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE DELLE OPERE DI BONIFICA (SCOLO E DIFESA IDRAULICA)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE DELLE OPERE DI BONIFICA (SCOLO E DIFESA IDRAULICA) Allegato A) alla Deliberazione dell Assemblea consortile n. 18/A del 03.11.2011 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE DELLE OPERE DI BONIFICA (SCOLO E DIFESA IDRAULICA) (approvato con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA. Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007

REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA. Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007 REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007 Indice Indice... 2 Premessa... 3 Art. 1... 3 Art. 2... 4 Art. 3... 4 Art. 4... 4 Art.

Dettagli

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività

tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA tra la Regione Autonoma della Sardegna e il Consorzio di Bonifica. per lo svolgimento di attività inerenti al servizio di piena e intervento idraulico e presidio territoriale.

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE 4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE PREMESSA L amministrazione comunale di Aviatico, al fine di favorire una regolare e ordinata gestione ambientale e paesaggistica delle aree prative

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

Decreto Legislativo 3 Aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale. (Omissis) Parte terza

Decreto Legislativo 3 Aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale. (Omissis) Parte terza Decreto Legislativo 3 Aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale. Parte terza Norme in materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione, di tutela delle acque dall'inquinamento e di gestione

Dettagli

COMUNE DI LESEGNO - CUNEO

COMUNE DI LESEGNO - CUNEO 140 COMUNE DI LESEGNO - CUNEO Tali fenomeni hanno causato l arretramento della sommità della scarpata con conseguente pericolo per la stabilità dei fabbricati e degli abitanti. Pertanto, si è reso necessario

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso...

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso... I N D I C E 1 Premessa... 2 2 Scheda identificativa dell opera... 3 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4 4 Manuale d uso... 4 5 Manuale di manutenzione... 6 6 Programma di manutenzione...

Dettagli

SERVIZI AMBIENTE - AGRICOLTURA TECNICO

SERVIZI AMBIENTE - AGRICOLTURA TECNICO SERVIZI AMBIENTE - AGRICOLTURA TECNICO OGGETTO: REGOLAMENTO PER REALIZZAZIONE INTERVENTI IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 35/97 (artt. 3 e 12) E DELLA LEGGE 97/94 RIGUARDANTI OPERE DI MANUTENZIONE AMBIENTALE E

Dettagli

Proposta di legge. Sommario. Preambolo. Capo I - Disposizioni generali e definizioni. Art. 1 - Oggetto. Art. 2 - Attività di bonifica

Proposta di legge. Sommario. Preambolo. Capo I - Disposizioni generali e definizioni. Art. 1 - Oggetto. Art. 2 - Attività di bonifica Proposta di legge Nuova disciplina in materia di consorzi di bonifica. Modifiche alla legge regionale 24 dicembre 2008, n. 69 (Legge finanziaria per l anno 2009) e abrogazione della legge regionale 5 maggio

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12 Un Paese spaesato Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 A cura del Comitato per la Bellezza e del Centro Studi TCI I libri bianchi del Touring

Dettagli

TRIBUTO DI BONIFICA 2010: IL CONSORZIO È ORMAI A PIENO REGIME NEL CHIANTI E IN VALDELSA

TRIBUTO DI BONIFICA 2010: IL CONSORZIO È ORMAI A PIENO REGIME NEL CHIANTI E IN VALDELSA DATA: novembre 2010 OGGETTO: avvisi di pagamento del contributo di bonifica 2010 del Consorzio di Bonifica della Toscana Centrale. CONSORZIO DI BONIFICA PER LA DIFESA DEL SUOLO E LA TUTELA DELL'AMBIENTE

Dettagli

COMUNE DI COLICO. Provincia di Lecco RETICOLO IDRICO MINORE

COMUNE DI COLICO. Provincia di Lecco RETICOLO IDRICO MINORE STUDIO DI GEOLOGIA TECNICA ED AMBIENTALE Dott. Cristian Adamoli Via Villatico 11, - 23823 Colico (Lc) / 0341.933011 P.Iva 02471200135 - Cod. Fisc. DML CST 72R19 A745J COMUNE DI COLICO Provincia di Lecco

Dettagli

EMPOLI, 28 OTTOBRE 2004 GIORNATA DI STUDIO SU: LA MANUTENZIONE DI FIUMI E CANALI PROBLEMI PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI CORSI D ACQUA NATURALI

EMPOLI, 28 OTTOBRE 2004 GIORNATA DI STUDIO SU: LA MANUTENZIONE DI FIUMI E CANALI PROBLEMI PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI CORSI D ACQUA NATURALI EMPOLI, 28 OTTOBRE 2004 GIORNATA DI STUDIO SU: LA MANUTENZIONE DI FIUMI E CANALI PROBLEMI PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI CORSI D ACQUA NATURALI Si affronta la questione della manutenzione dei corsi d acqua:

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO

OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO 1. RIFERIMENTI Le presenti linee guida sono redatte in conformità allo Schema di Protocollo d Intesa tra la Regione

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE/FF

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE/FF AVVISO PUBBLICO ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DA PARTE DI DITTE SPECIALIZZATE PER L'ESECUZIONE DI INTERVENTI MANUTENTORI DEGLI SBARRAMENTI LUNGO IL CORSO D ACQUA DEL DEMANIO IDRICO DEL FIUME

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

COMPLETARE I CAMBIAMENTI

COMPLETARE I CAMBIAMENTI www.cbtc.it COMPLETARE I CAMBIAMENTI In Toscana ormai si è dato piena attuazione alle nuove norme sulla bonifica. Quasi tutti i comprensori sono stati assoggettati a tributo: consorzi di bonifica e comunità

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio. Santa Croce sull Arno, 28-05-2010

Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio. Santa Croce sull Arno, 28-05-2010 Il Comprensorio del cuoio incontra il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio Santa Croce sull Arno, 28-05-2010 IL COMPRENSORIO CONSORTILE Il Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio si estende

Dettagli

Più natura per ridurre il rischio: l'approccio della riqualificazione fluviale

Più natura per ridurre il rischio: l'approccio della riqualificazione fluviale LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO, INTERVENTI E POLITICHE LOCALI A CONFRONTO Vicenza, 12 novembre 2011 Più natura per ridurre il rischio: l'approccio della riqualificazione fluviale Andrea Goltara

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO PREVISTI

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO PREVISTI Servizio Lavori Pubblici U.O. Strade P.O.R. 2007-2013 Attività 2.4 "Realizzazione di interventi di mitigazione e di messa in sicurezza del territorio per la riduzione del rischio idraulico, di frana e

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario Tecnico Il fiume Fiora tra la S.S. 1 ed il mare: aspetti idraulici e difesa costiera Roma, 16

Dettagli

IUAV corso di perfezionamento in: Tutela e gestione del suolo e delle acque nella pianificazione di bacino

IUAV corso di perfezionamento in: Tutela e gestione del suolo e delle acque nella pianificazione di bacino IUAV corso di perfezionamento in: Tutela e gestione del suolo e delle acque nella pianificazione di bacino 3 modulo: Piani di Bacino, pianificazione del territorio e valutazioni ambientali Venerdì 4 maggio

Dettagli

Governo delle acque e del territorio

Governo delle acque e del territorio Governo delle acque e del territorio Indicazioni per una gestione comunale Sala Puerari Museo Civico Cremona 22/07/2010 1 Quadro Acque Cremona La realtà cremonese è interessata da un sistema delle acque

Dettagli

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa La presente proposta di legge,

Dettagli

Che cosa è un consorzio di bonifica? Che cosa è il perimetro di contribuenza? Che cosa si intende per attività di bonifica? Chi sono i consorziati?

Che cosa è un consorzio di bonifica? Che cosa è il perimetro di contribuenza? Che cosa si intende per attività di bonifica? Chi sono i consorziati? Domande frequenti Che cosa è un consorzio di bonifica? Un Consorzio di Bonifica è un ente con personalità giurica che esercita le funzioni previste dalle Leggi nazionali e regionali (R.D. 215/1933, L.R.

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO Ora e sempre resilienza Interventi, pianificazione e cultura del rischio per la difesa e l autodifesa dalle alluvioni nelle aree urbane Roma 3 luglio 2015 BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA VEGETAZIONE RIPARIALE (valido per tutto il territorio della provincia di Arezzo)

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA VEGETAZIONE RIPARIALE (valido per tutto il territorio della provincia di Arezzo) LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA VEGETAZIONE RIPARIALE (valido per tutto il territorio della provincia di Arezzo) 1. PREMESSA 3 2. IL GRUPPO DI LAVORO 4 3. I PRESUPPOSTI DI LEGGE 4 R.D. 25 luglio 1904,

Dettagli

1) RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA. CRONOPROGRAMMA. QUADRO ECONOMICO.

1) RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA. CRONOPROGRAMMA. QUADRO ECONOMICO. Servizio Tecnico di Bacino Romagna (CESENA, FORLI, RAVENNA, RIMINI) Assetto Idraulico Sede di Forlì MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACCORDO DI PROGRAMMA FINALIZZATO ALLA

Dettagli

Periodico di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Vezzano sul Crostolo - N. 21 / Dicembre 2012

Periodico di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Vezzano sul Crostolo - N. 21 / Dicembre 2012 incomune news Periodico di informazione a cura dell Amministrazione Comunale di Vezzano sul Crostolo - N. 21 / Dicembre 2012 Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio. Auguri di Buon Natale

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE COMITATO TECNICO REGIONALE CRITERI PER L ELABORAZIONE DEI PIANI DI BACINO

AUTORITÀ DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE COMITATO TECNICO REGIONALE CRITERI PER L ELABORAZIONE DEI PIANI DI BACINO AUTORITÀ DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE COMITATO TECNICO REGIONALE CRITERI PER L ELABORAZIONE DEI PIANI DI BACINO INDICAZIONI METODOLOGICHE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTI PER LA MITIGAZIONE DEL

Dettagli

In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto

In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto 120 Comune di Piandimeleto - Pesaro Urbino In relazione alla tipologia dei terreni, alla configurazione morfologica e alle caratteristiche geomorfologiche dell area in dissesto, si è ritenuto di procedere

Dettagli