MANUALE MODALITÀ PRELIEVO Unità Operativa di Anatomia e Istologia Patologica - Prof. Grigioni W.F. Pad 18 e Pad 26

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE MODALITÀ PRELIEVO Unità Operativa di Anatomia e Istologia Patologica - Prof. Grigioni W.F. Pad 18 e Pad 26"

Transcript

1 Pag 1 / 12 SOMMARIO Esame istologico biopsia chirurgica...2 Esame istologico biopsia endoscopica o con ago sottile...2 Esame istologico biopsia estemporanea...3 Esame citologico su liquido...3 Esame citologico per Papanicolau su vetri strisciati...4 Esame citologico per May-Grunwald Giemsa su vetri strisciati...4 Consulenza istologia su preparati allestiti...5 Consulenza immuno-istochimica su preparati allestiti...5 Valutazione mutazioni gene KRAS su preparati allestiti...6 Valutazione SISH Her Richiesta di Indagini Molecolari su paraffinato...7 Valutazione mutazioni gene BRAF su preparati allestiti...7 Valutazione mutazioni gene EGFR su preparati allestiti...8 Valutazione mutazioni geni CKIT e PDGFRA su preparati allestiti...8 Diagnosi di biopsia renale...9 Esame isto-enzimatico- biopsia mucolare...10 Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione di campioni bioptici...11 Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione di sangue periferico (globuli bianchi)...11 Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione di cellule mucosa nasale (brushing)...11 Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione di sangue periferico (piastrine)...12 Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione di midollo...12 Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione di liquido seminale...12 Emissione 0 DATA DI APPLICAZIONE: 01/09/2010 FIRMA DI APPROVAZIONE: Prof. Walter Franco Grigioni

2 Pag 2 / 12 Esame istologico biopsia chirurgica Esame istologico biopsia endoscopica o con ago sottile prelievo chirurgico Agobiopsia per pezzi chirurgici ermeticame nte chiuso Con marchio CE IVD Provetta o contenitore per pezzi anatomici Con marchio CE IVD - A fresco - Formalina tamponata 10% ph7,3 - Formalina tamponata 10% ph7,3 Dati anagrafici del Pz. anche sul contenitore Ricordarsi che il rapporto tra e liquido fissativo, deve essere non meno di 1: 20 Mantenere separati contenitore e foglio di nto Dati anagrafici del Pz. anche sul contenitore Ricordarsi che il rapporto tra e liquido fissativo deve essere non meno di 1: 20 Mantenere separati contenitore e foglio di nto Consegna immediata Consegna entro 24h dall'esecuzione Consegna entro 24h dall'esecuzione Trasporto in posizione verticale Consegna con : - registro di consegna Consegna con: - registro di consegna

3 Pag 3 / 12 Esame istologico biopsia estemporanea Esame citologico su liquido prelievo chirurgico per pezzi chirurgici Con marchio CE IVD Provetta Con marchio CE IVD NESSUNO Inviare a fresco NESSUNO Inviare a fresco Mantenere separati contenitore e foglio di nto Consegna immediata Comunicazione telefonica Consegna con: compilata, con recapito telefonico del medico richiedente - registro di consegna Consegna immediata Consegna con: -modulistica di - registro di consegna

4 Pag 4 / 12 Esame citologico per Papanicolau su vetri strisciati Esame citologico per May- Grunwald Giemsa su vetri strisciati Contenitori - Alcool etilico 95 - citofix Fissare il appena strisciato con citofix o con alcool etilico 95 per 20 minuti Non fissare, lasciare asciugare all'aria il strisciato Consegna entro 24h dall'esecuzione Consegna entro 24h dall'esecuzione Consegna con: - registro di consegna Consegna con: - registro di consegna

5 Pag 5 / 12 Consulenza istologia su preparati allestiti istologiche o blocchetti di 1 sezione colorata (EE) + sezioni bianche (in numero non inferiore a 2; previo telefonico con il consulente prescelto) telefonico, consegna con: Consulenza immunoistochimica su preparati allestiti istologiche o blocchetti di 1 sezione colorata (EE) + sezioni bianche (in numero non inferiore a 5; previo telefonico con il consulente prescelto) bianche su VETRI SILANATI o equivalenti telefonico, consegna con: n-to debitamente Prof.ssa A. D Errico Tel di Immunocitopa tologia Oncologica

6 Pag 6 / 12 Valutazione mutazioni gene KRAS su preparati allestiti Valutazione SISH Her-2 istologiche o blocchetti di (tumori primitivi e metastatici del colonretto) istologiche o blocchetti di con lesione Oppure 3 sezioni bianche da 5 micron su vetri silanati o carichi positivament e +1 sezione colorata (EE) con lesione Oppure 3 sezioni da 3 micron seriate su vetri carichi positivament e+1 sezione colorata (EE) Nessuno Nessuno E necessario compilare tutti i campi previsti dalla tabella inclusa nella modulistica E necessario compilare tutti i campi previsti dalla tabella inclusa nella modulistica Inviare con modulistica di n-to debitamente compilata: interni: R01/LG02Dpt esterni: modulo di SSN (ricettario rosso) o di prestazione di altro Ospedale Inviare con modulistica di n-to debitamente compilata: interni: RS01 esterni: modulo di SSN (ricettario rosso) o di prestazione di altro Ospedale di Patologia Molecolare e dei Trapianti Tel Fax 3782 Fax 4403 di Patologia Molecolare e dei Trapianti Tel Fax 3782 Fax 4403

7 Pag 7 / 12 Richiesta di Indagini Molecolari su paraffinato istologiche o blocchetti di in paraffina o sezioni non colorate su vetri carichi positivament e o in eppendorf sterile a seconda della come da tabella inclusa nella modulistica Nessuno E necessario compilare tutti i campi previsti dalla tabella inclusa nella modulistica Inviare con modulistica di n -to debitamente compilata: interni: RS02 esterni: modulo di SSN (ricettario rosso) o di prestazione di altro Ospedale di Patologia Molecolare e dei Trapianti Tel Fax 3782 Fax 4403 Valutazione mutazioni gene BRAF su preparati allestiti istologiche o blocchetti di (tumori primitivi e metastatici del colonretto, melanoma, carcinomi della tiroide) o striscio citologico con lesione Oppure 3 sezioni bianche da 5 micron su vetri silanati o carichi positivament e +1 sezione colorata (EE) Nessuno E necessario compilare tutti i campi previsti dalla tabella inclusa nella modulistica Inviare con modulistica di n -to debitamente compilata: interni: RS02 esterni: modulo di SSN (ricettario rosso) o di prestazione di altro Ospedale di Patologia Molecolare e dei Trapianti Tel Fax 3782 Fax 4403

8 Pag 8 / 12 Valutazione mutazioni gene EGFR su preparati allestiti istologiche o blocchetti di (tumori polmonari) e/o strisci citologici con lesione Oppure 3 sezioni bianche da 5 micron su vetri silanati o carichi positivamente +1 sezione colorata (EE) Nessuno E necessario compilare tutti i campi previsti dalla tabella inclusa nella modulistica Inviare con modulistica di nto debitamente compilata: interni: RS02 esterni: modulo di SSN (ricettario rosso) o di prestazione di altro Ospedale di Patologia Molecolare e dei Trapianti Tel Fax 3782 Fax 4403 Valutazione mutazioni geni CKIT e PDGFRA su preparati allestiti istologiche o blocchetti di (tumori stromali gastrointestinali, melanoma) con lesione Oppure 3 sezioni bianche da 5 micron su vetri silanati o carichi positivamente +1 sezione colorata (EE) Nessuno E necessario compilare tutti i campi previsti dalla tabella inclusa nella modulistica Inviare con modulistica di nto debitamente compilata: interni: RS02 esterni: modulo di SSN (ricettario rosso) o di prestazione di altro Ospedale di Patologia Molecolare e dei Trapianti Tel Fax 3782 Fax 4403

9 Pag 9 / 12 Diagnosi di biopsia renale In microscopia ottica, immunofluorescenza, ME Agobiopsia renale provette con tappo Ago biopsia sufficiente per essere suddivisa in tre camlpioni 1. Liquido di Serra 2. PBS 3. Glutaraldeide 2.5% in Tampone cacodilato Inviare separatamente: 1. un campione in liquido di Serra 2. un campione in PBS al 3. un campione in glutaraldeide al consegnare appena eseguito il prelievo telefonico, con: debitamente compilato, sia campioni 1 e 2: Anatomia Patologica campione 3:

10 Pag 10 / 12 Esame istoenzimatico biopsia mucolare Agobiopsia (biopsia multipla) o prelievo chirurgico per pezzi chirurgici Campione di circa 3/4mm di diametro e 5mm di lunghezza NESSUNO Inviare a fresco Preferibilmente: bicipite quadricipite deltoide EVITARE sede di EMG o trauma Inserire il campione di muscolo in un contenitore (provetta, contenitore per pezzi chirurgici) Il campione NON deve essere immerso in soluzione fisiologica, fissativo o altro liquido. Inviare IMMEDIATAMENTE al laboratorio Modulo compilato in tutte le sue parti Contattare telefonicamente 7 gg prima: Prof.ssa Cenacchi Dott.ssa Badiali Dott.ssa Preda Tel: Tel:

11 Pag 11 / 12 Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione di campioni bioptici Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione di sangue periferico (globuli bianchi) Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione delle ciglia (brushing nasale) prelievo bioptico o chirurg. sangue periferico Brushing nasale per pezzi chirurgici provetta con tappo provetta con tappo Cubi di 1 mm di lato, 2 mm massimo Glutaraldeide 2.5% in Tampone cacodilato 5 cc eparina o EDTA inserire il campione nel contenitore appena eseguito il prelievo; non lasciare all aria né immergere in altri liquidi agitare con cura conservare a +4 C e consegnare entro 3 ore dal prelievo consegnare appena eseguito il prelievo PBS consegnare appena eseguito il prelievo inviare con: telefonico, con: telefonico, con:

12 Pag 12 / 12 Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione di sangue periferico (piastrine) Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione di midollo Diagnosi in microscopia elettronica a trasmissione di liquido seminale sangue periferico sangue midollare Liquido seminale provetta con tappo provetta con tappo provetta con tappo 5 cc Citrato agitare con cura consegnare appena eseguito il prelievo 1 cc EDTA agitare con cura consegnare appena eseguito il prelievo 0.5 cc nessuno consegnare entro 1 ora dall esecuzione del prelievo telefonico, con: telefonico, con: telefonico, con:

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 6 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI U. O. ANATOMIA PATOLOGICA - LEGNANO Direttore Dott.ssa Agnese Assi Telefono segreteria: 0331/449358-449266 Fax:0331/449266 e-mail: anatomopatologialegnano@ao-legnano.it Indirizzo: Via Candiani,2-20025

Dettagli

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia - Istologia Patologica Ospedale di Bolzano

Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia - Istologia Patologica Ospedale di Bolzano Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia - Istologia Patologica Ospedale di Bolzano Primario Dott. Guido Mazzoleni Redatto dal Personale Anatomia Patologica Approvato dal Prim. Dott. Guido Mazzoleni

Dettagli

Vengono trattate con priorità assoluta e quindi considerate urgenze le seguenti biopsie: 2. Agobiopsie epatiche per diagnosi (BE);

Vengono trattate con priorità assoluta e quindi considerate urgenze le seguenti biopsie: 2. Agobiopsie epatiche per diagnosi (BE); BIOPSIE URGENTI Quali biopsie vengono trattate come urgenze? Vengono trattate con priorità assoluta e quindi considerate urgenze le seguenti biopsie: 1. Agobiopsie di mammella (BM); 2. Agobiopsie epatiche

Dettagli

06.08.2015. Le analisi di Patologia Molecolare in ICP: nuovo flusso di lavoro. A che punto siamo: riassunto. A che punto siamo: riassunto

06.08.2015. Le analisi di Patologia Molecolare in ICP: nuovo flusso di lavoro. A che punto siamo: riassunto. A che punto siamo: riassunto A che punto siamo: riassunto Analisi totali 1200 1000 Le analisi di Patologia Molecolare in ICP: nuovo flusso di lavoro N u m e ro te s ts 800 600 400 200 0 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014* Pat.

Dettagli

Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica

Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Patologia

Dettagli

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

Rev. N Data Descrizione modifiche

Rev. N Data Descrizione modifiche A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale codice: PR-ANP-002-ICB MANUALE DELLE PROCEDURE pag. 1 di pag. 6 S.C. ANATOMIA PATOLOGICA DIRETTORE Dr. STEFANO TARAGLIO PROCEDURA 2 INVIO CAMPIONI BIOLOGICI Nome Firma

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007 Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Azienda ULSS n. 22 Bussolengo (VR) Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Monoblocco -

Dettagli

Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site

Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012 Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site Diagnosi delle lesioni pancreatiche su materiale prelevato

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

Area Funzionale Omogenea Anatomia ed Istologia Patologica. 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente

Area Funzionale Omogenea Anatomia ed Istologia Patologica. 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente Area Funzionale Omogenea 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente Pag. 2 di 9 INDICE 1.1 Generalità 3 1.2 Missione 3 1.3 Il team 3 1.3.1. Come trovarci 4 1.3.2. Orario del servizio 4 1.4 Prodotti

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 8 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

Preparazione ed allestimento dei preparati citologici

Preparazione ed allestimento dei preparati citologici Preparazione ed allestimento dei preparati citologici Dr.ssa Ilaria Di Candia, DVM La citologia diagnostica (citopatologia) è l esame morfologico delle cellule prelevate da un tessuto. L utilità della

Dettagli

Anatomia Patologica per il Paziente

Anatomia Patologica per il Paziente Anatomia Patologica per il Paziente LA DIVISIONE DI ANATOMIA PATOLOGICA, CITOLOGIA DIAGNOSTICA E GENETICA MEDICA DELL AZIENDA OSPEDALIERA SAN GERARDO. ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO Tipologia esami Utenti

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

PRESTAZIONI COD.TARIFFARIO TICKET. ANALISI DEL DNA ED IBRIDAZIONE CON SONDA MOLECOLARE (southern blot) 91.29.01 126,53

PRESTAZIONI COD.TARIFFARIO TICKET. ANALISI DEL DNA ED IBRIDAZIONE CON SONDA MOLECOLARE (southern blot) 91.29.01 126,53 PRESTAZIONI COD.TARIFFARIO TICKET ANALISI DEL DNA ED IBRIDAZIONE CON SONDA MOLECOLARE (southern blot) 91.29.01 126,53 ANALISI DEL DNA PER POLIMORFISMO con reazione polimerasica a catena e elettroforesi

Dettagli

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA.

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. La Scuola di specializzazione in Anatomia Patologica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe della

Dettagli

Linfonodo sentinella. metodo OSNA: esperienze e confronto con il metodo tradizionale

Linfonodo sentinella. metodo OSNA: esperienze e confronto con il metodo tradizionale Linfonodo sentinella secondo metodo OSNA: esperienze e confronto con il metodo tradizionale Dott.ssa C.M.. Antonacci U.O. Anatomia Patologica A.O. Ospedale Luigi Sacco di Milano Linfonodo sentinella Il

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014

REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014 REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014 Il Comitato Scientifico AIOM e SIAPEC-IAP ha organizzato per

Dettagli

SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/ tecniche immunoenzimatiche)

SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/ tecniche immunoenzimatiche) PG ACC 003/2 rev. 11 pag. 1 di 5 INDICAZIONI PER IL PRELIEVO ED IL CONFERIMENTO DEI CAMPIONI SANITÀ ANIMALE Esame SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/

Dettagli

IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP

IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP Roma 25-26 ottobre 2011 Camera dei Deputati Palazzo Marini Sala della Mercede IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP (Società di Anatomia Patologica e Citopatologia diagnostica Divisione Italiana

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

Processazione rapida e fissazione alternativa tra presente e futuro. M. Cadei

Processazione rapida e fissazione alternativa tra presente e futuro. M. Cadei Processazione rapida e fissazione alternativa tra presente e futuro M. Cadei Sezione di Anatomia Patologica Dipartimento Medicina Molecolare e Traslazionale (DMMT) Università degli Studi di Brescia TAVOLA

Dettagli

Modalità di prelievo, conservazione e conferimento dei campioni

Modalità di prelievo, conservazione e conferimento dei campioni Modalità di prelievo, conservazione e conferimento dei campioni L applicazione di una corretta pratica di campionamento è essenziale per ottenere risultati affidabili nelle successive fasi analitiche.

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

Lucia Baggiani Anatomia Patologica AOUC, Firenze

Lucia Baggiani Anatomia Patologica AOUC, Firenze Management del materiale diagnostico: indicazioni fondamentali per la corretta inclusione taglio e colorazione di lesioni cutanee Lucia Baggiani Anatomia Patologica AOUC, Firenze Il prelievo del campione

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

Guida al Servizio. Anatomia Patologica

Guida al Servizio. Anatomia Patologica Guida al Servizio Anatomia Patologica Ospedale Gorizia Responsabile dott. Antonio Colonna Edificio Principale - Sesto Piano Area O Viale Fatebenefratelli, 34 Centralino Ospedale tel. 0481/5921 Ospedale

Dettagli

U.O. di ANATOMIA ed ISTOLOGIA PATOLOGICA

U.O. di ANATOMIA ed ISTOLOGIA PATOLOGICA CARTA DEI SERVIZI U.O. di ANATOMIA ed ISTOLOGIA PATOLOGICA Direttore: Dr. Enzo VENZA Segreteria dal lunedì al venerdì 8.30-15.30 In tale orario si effettua l accettazione dei campioni citologici, istologici

Dettagli

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Carmelo Lupo Coordinatore Tecnico U.O. Anatomia Patologica e Patologia Molecolare

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE ED INVIO CAMPIONI ISTOLOGICI PARTE GENERALE

MANUALE DI ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE ED INVIO CAMPIONI ISTOLOGICI PARTE GENERALE MANUALE DI ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE ED INVIO CAMPIONI ISTOLOGICI PARTE GENERALE Identificazione dei campioni Dopo l'asportazione, il campione deve essere posto immediatamente in contenitori appositi

Dettagli

ESAMI DIAGNOSTICI PER ANIMALI DA COMPAGNIA Ultimo aggiornamento: 20/01/2014

ESAMI DIAGNOSTICI PER ANIMALI DA COMPAGNIA Ultimo aggiornamento: 20/01/2014 ESAMI DIAGNOSTICI PER ANIMALI DA COMPAGNIA TIPOLOGIA ESAME CAMPIONE Determinazione del gruppo sanguigno DEA 1.1 Sangue in K3EDTA Entro 3 giorni Non utilizzare provette con litioeparina Approfondimento

Dettagli

MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO

MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO Maria Alma Audi Grivetta Anatomia Patologica Ospedale di Circolo di Varese 8-11-2014 paziente medico laboratorio accettazione + registrazione referto

Dettagli

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica 17 corso nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica Dott.ssa Maura Pandolfi Istituto di Anatomia

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA UOC Anatomia Patologica do Borgo Trento Pagina 1 di 14 INTRODUZIONE La UOC di Anatomia Patologica do Borgo Trento fa parte del DAI di Patologia e Diagnostica dell Azienda Integrata Ospedaliera Universitaria

Dettagli

corso di citologia tiroidea

corso di citologia tiroidea PreSentAzIone IntroduzIone: L introduzione della citologia per aspirazione con ago sottile ha rappresentato un notevole progresso nella diagnostica delle lesioni tiroidee. Infatti, benché le innovazioni

Dettagli

TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau

TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica Unità Operativa di Citopatologia La citologia polmonare riveste un ruolo rilevante

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

TECNICHE DI CITOLOGIA. P.Grassi. Formazione interna Istituto Cantonale di Patologia Locarno, 16 marzo 2010

TECNICHE DI CITOLOGIA. P.Grassi. Formazione interna Istituto Cantonale di Patologia Locarno, 16 marzo 2010 TECNICHE DI CITOLOGIA P.Grassi Formazione interna Istituto Cantonale di Patologia Locarno, 16 marzo 2010 Diagnostica anatomopatologica DUE APPROCCI CITOPATOLOGIA DIAGNOSTICA ISTOPATOLOGIA DIAGNOSTICA Citodiagnostica

Dettagli

Deliberazione N.: 50 del: 28/01/2015

Deliberazione N.: 50 del: 28/01/2015 Deliberazione N.: 50 del: 28/01/2015 Oggetto : CONTRATTO CON L OSPEDALE SAN PELLEGRINO DI CASTIGLIONE D/S S.R.L. PER EROGAZIONE DI PRESTAZIONI DI ANATOMIA PATOLOGICA DA PARTE DELLE EQUIPES DEI SERVIZI

Dettagli

Le zone grigie della citologia tiroidea.

Le zone grigie della citologia tiroidea. Carcinoma differenziato della tiroide: dalla diagnosi al follow-up Bologna 21 marzo 2009 Le zone grigie della citologia tiroidea. Cosa deve dire il patologo Gian Piero Casadei Anatomia Patologica Ospedale

Dettagli

Il Primario Prof. Fabio Facchetti

Il Primario Prof. Fabio Facchetti Gentile Signora/Signore, in occasione del Suo arrivo presso il 1 Servizio di Anatomia Patologica, per sottoporsi agli accertamenti clinici richiesti dal Suo Medico curante, riteniamo utile fornirle queste

Dettagli

ANATOMIA PATOLOGICA scheda aggiornata al 11,11,2015

ANATOMIA PATOLOGICA scheda aggiornata al 11,11,2015 ANATOMIA scheda aggiornata al 11,11,2015 MEDICO ORARIO AMBULATORIO Consulenza cito/istologica 220,00 Diagnosi anatomopatologica estemporanea (ogni campione) 165,00 Esame citologico cerv.vaginale (PAP test)

Dettagli

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE)

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) L esercizio delle attività mediche, al pari di tutte le attività umane, è correlato alla possibilità di generare errori.

Dettagli

DNA. and. Carta dei Servizi. www.dnaandlife.com

DNA. and. Carta dei Servizi. www.dnaandlife.com DNA and www.dnaandlife.com Carta dei Servizi Sommario dei Servizi Patologie Cardiovascolari 3 Oncologia Predittiva 5 Farmacogenetica Oncologica 7 Tumori Ginecologici 9 Malattie Genetiche in Altri Ambiti

Dettagli

IL MICROSCOPIO OTTICO

IL MICROSCOPIO OTTICO IL MICROSCOPIO OTTICO Il microscopio ottico assolve due importanti funzioni: 1. ingrandisce oggetti invisibili ad occhio nudo 2. permette di vedere separati due oggetti che ad occhio nudo appaiono uniti.

Dettagli

S. I. E. D. P. GRUPPO DI STUDIO DELLA SINDROME DI TURNER

S. I. E. D. P. GRUPPO DI STUDIO DELLA SINDROME DI TURNER S. I. E. D. P. GRUPPO DI STUDIO DELLA SINDROME DI TURNER PROTOCOLLO DI STUDIO SINDROME DI TURNER E PREVALENZA DI MATERIALE DERIVATIVO DEL CROMOSOMA Y E DI GONADOBLASTOMA CENTRO Data compilazione DATI ANAGRAFICI

Dettagli

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site:

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012 Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: CASI CLINICI Dr.ssa Paola Baccarini, U.O. Anatomia Patologica

Dettagli

Direttore del Corso Prof. Ambrogio Fassina

Direttore del Corso Prof. Ambrogio Fassina CORSO DI APPLICAZIONE DELLE TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE NELLA DIAGNOSI CITOPATOLOGICA Napoli, 30 Novembre 2012 Aula 302, Ed 20 Policlinico, via S. Pansini Direttore del Corso Prof. Ambrogio Fassina

Dettagli

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi Dott.ssa

Dettagli

Elementi di Anatomia Patologica

Elementi di Anatomia Patologica TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA' Elementi di Anatomia Patologica Conegliano, 17-1-2014 Dr.ssa L. Bittesini, Dr.ssa F. Becherini La paziente affetta da una

Dettagli

Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R,

Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R, Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R, Falasca C, Bruno P*, De Rosa N, Giovagnoli MR*, Micheli

Dettagli

Deliberazione N.: 1134 del: 26/11/2015

Deliberazione N.: 1134 del: 26/11/2015 Deliberazione N.: 1134 del: 26/11/2015 Oggetto : INTEGRAZIONE CONTRATTO CON RAPHAEL COOPERATIVA SOCIALE ONLUS CON SEDE A CLUSANE D ISEO (BS), PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE DI ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Anatomia Patologica

Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Anatomia Patologica Pag. 1 di 11 Azienda Ospedaliera di Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Direttore: dott. M. Cazzaniga Sede: 3 piano del Corpo F dello Stabilimento Ospedaliero G. Fornaroli. Indirizzo:

Dettagli

CANCRO DEL COLON - Tab.1

CANCRO DEL COLON - Tab.1 CANCRO DEL COLON - Tab.1 Presentazione clinica Workup Soluzioni Polipo sessile o peduncolato con cancro invasivo Polipectomia Esame istologico Colonscopia Marcatura sede Campione integro, completamente

Dettagli

Citologia polmonare: quale aiuto per il clinico?? Ariana Rezzonico Locarno 22 novembre 2011

Citologia polmonare: quale aiuto per il clinico?? Ariana Rezzonico Locarno 22 novembre 2011 Citologia polmonare: quale aiuto per il clinico?? Ariana Rezzonico Locarno 22 novembre 2011 1 Citologia polmonare Citologia spontanea Espettorato Spontanea Espettorato Indotta Aspirato bronchiale Spazzolato

Dettagli

IMPERIAL HOTEL TRAMONTANO Sorrento, 27-28-29 maggio 2011. Presidenti Pietro Micheli Oscar Nappi Antonio Giordano. A.O.R.N. Monaldi Cotugno CTO

IMPERIAL HOTEL TRAMONTANO Sorrento, 27-28-29 maggio 2011. Presidenti Pietro Micheli Oscar Nappi Antonio Giordano. A.O.R.N. Monaldi Cotugno CTO UPDATE IN TEMA DI ANATOMIA PATOLOGICA E RICADUTA CLINICA Benigno Vs maligno, dalla morfologia alla biologia molecolare. Il ruolo delle moderne biotecnologie ai fini diagnostici, prognostici ed il monitoraggio

Dettagli

CHI DONA SANGUE HA CUORE.

CHI DONA SANGUE HA CUORE. Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax IL E I SUOI COMPONENTI. LE DIVERSE FORME DI DONAZIONE. Il sangue è un tessuto fluido che circola nei vasi sanguigni, rappresenta l 8% del peso corporeo ed è

Dettagli

Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases.

Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases. Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases. De Pellegrin A., De Maglio G., Pizzolitto S. A.O.U. S.

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE.

LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE. LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE. Dott.ssa Marchi Barbara Biologa sanitaria COMBINAZIONE TRA LA BIOLOGIA MOLECOLARE

Dettagli

CellSolutions General Cytology Preservative

CellSolutions General Cytology Preservative CellSolutions General Cytology Preservative Codice di catalogo: C-101 (10 ml fiala) C-101-25 (25 x 10 ml fiale) C-101-200 (8 x 25 x 10 ml fiale) C-101-500 (20 x 25 x 10 ml fiale) C-101L (1 L) C-101G (4

Dettagli

PO75-1-CRT Criteri di selezione per i pazienti da sottoporre a trapianto renale

PO75-1-CRT Criteri di selezione per i pazienti da sottoporre a trapianto renale Unità emittente CRT Unità destinataria RNCTR RXCTR RCDP LTT CA CL ND X X X X X X X Emesso RGQ il 29/10/2012 Revisione 0 Approvato DUO CRT Pag. 1/8 INDICE 0. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio di Anatomia Istologia Patologica e Citodiagnostica. Prof. Giuseppe Zamboni. Pagina 1 di 34

CARTA DEI SERVIZI. Servizio di Anatomia Istologia Patologica e Citodiagnostica. Prof. Giuseppe Zamboni. Pagina 1 di 34 CARTA DEI SERVIZI Redatto da: Personale dell U.O. di Anatomia Patologica Approvato da: Prof. Giuseppe Zamboni Pagina 1 di 34 INDICE Pag. 1. Presentazione 3 2. Struttura e ubicazione 4 3. Attività 5 4.

Dettagli

ALLEGATO 2C 91.39.4 91.39.A 91.39.B 91.39.C 91.39.D 91.39.E 91.39.F 91.39.G 91.39.H 91.39.J 91.39.K 91.39.L 91.39.M 91.39.N CODICE NOMENCLATORE

ALLEGATO 2C 91.39.4 91.39.A 91.39.B 91.39.C 91.39.D 91.39.E 91.39.F 91.39.G 91.39.H 91.39.J 91.39.K 91.39.L 91.39.M 91.39.N CODICE NOMENCLATORE ALLEGATO 2C CODICE NOMENCLATORE NOMENCLATORE TARIFFARIO REGIONALE DESCRIZIONE VOCI CATALOGO 91.39.4 ES. CITOLOGICO URINE PER RICERCA CELLULE NEOPLASTICHE Citologico brushing vie urinarie Citologico urinario

Dettagli

La gestione del pezzo anatomico dalla sala chirurgica all anatomia patologica. C. Saturnino L. Annaratone

La gestione del pezzo anatomico dalla sala chirurgica all anatomia patologica. C. Saturnino L. Annaratone La gestione del pezzo anatomico dalla sala chirurgica all anatomia patologica C. Saturnino L. Annaratone PROCEDURE PRE-ANALITICHE IN ANATOMIA PATOLOGICA Sala chirurgica Anatomia Patologica Riduzione Fissazione

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Il Nodulo Tiroideo. "Diagnostica Citologica"

Il Nodulo Tiroideo. Diagnostica Citologica Il Nodulo Tiroideo "Diagnostica Citologica" FNAC Con il termine di FNAC (Fine Needle Aspiration Cytology) si intende un prelievo citologico eseguito mediante un ago definito sottile (a partire da 22G ),

Dettagli

Si ringrazia della collaborazione

Si ringrazia della collaborazione in tecniche in tecniche in tecnich di laboratorio biomedico dilabor CORSO CORSO CORSO C NAZIONALE NAZIONALE NAZ COMMISSIONE SCIENTIFICA SIAPEC-IAP ELENCO COORDINATORI e RELATORI PRO Lucia Baggiani Firenze

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA:

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: LO SCREENING DEL CANCRO COLON-RETTALE AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA DI ANATOMIA E CITO-ISTOPATOLOGIA Direttore: Dr EGS d Amore IOCIT013

UNITÀ OPERATIVA DI ANATOMIA E CITO-ISTOPATOLOGIA Direttore: Dr EGS d Amore IOCIT013 MODALITA DI RACCOLTA, INVIO ED ACCETTAZIONE DEL MATERIALE CITOLOGICO 1. Il materiale viene accettato in un orario preciso stabilito dal Responsabile del Servizio ed esposto sia all ingresso del Servizio

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Cap 2 - Principali tipi di cancro

Cap 2 - Principali tipi di cancro Cap 2 - Principali tipi di cancro PRINCIPALI TIPI DI CANCRO Ogni cellula presente nell organismo può potenzialmente andare incontro a mutazioni e diventare cancerosa, dando origine a moltissime varianti

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE - Le informazioni richieste vanno inserite nelle caselle bianche (che si adattano automaticamente al contenuto). - Le parti relative alle Informazioni Generali ed all Attività

Dettagli

Approccio multidisciplinare alla diagnostica del carcinoma della mammella

Approccio multidisciplinare alla diagnostica del carcinoma della mammella Busto Arsizio 28 settembre 2013 19 ottobre 2013 Approccio multidisciplinare alla diagnostica del carcinoma della mammella Claudia Cigala Anna Comi A.O. San Paolo - Milano Nonostante i grandi progressi

Dettagli

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori 02 20133 milano - via venezian, 1 - tel. 02 23901 - telex 333290 tumist I - codice fiscale 80018230153 - partita i.v.a. 04376350155 Dipartimento di Patologia

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE

MANUALE DELLE PROCEDURE MANUALE DELLE PROCEDURE (integrazione precedente manuale e aggiornato alla data 15/10/2014) S.O.S. di ANATOMIA PATOLOGICA Responsabile: Dott. Francesco Pontieri Spoke Corigliano-Rossano ASP di COSENZA

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

INVIO DEL MATERIALE E TRATTAMENTO DEL TESSUTO EMOLINFOPOIETICO

INVIO DEL MATERIALE E TRATTAMENTO DEL TESSUTO EMOLINFOPOIETICO INVIO DEL MATERIALE E TRATTAMENTO DEL TESSUTO EMOLINFOPOIETICO PREMESSA Le procedure riportate di seguito fanno segnatamente riferimento al trattamento del tessuto emolinfopoietico (linfonodo, milza, midollo

Dettagli

GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti

GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti A cura del D r.g.antonini RIASSUNTO Questo capitolo tratta in maniera semplice e comprensibile i termini utilizzati dai medici, spiegando sommariamente il

Dettagli

Progetto alternanza scuola-lavoro

Progetto alternanza scuola-lavoro Progetto alternanza scuola-lavoro OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO Gastroenterologia Abbiamo visto il reparto di gastroenterologia in due aspetti: L ambulatorio dove si effettuano tutti giorni visite ed esami

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Prot. n. 1991 del 17 gennaio 2013 Pubblicato il: 18 gennaio 2013 Scadenza: 25 gennaio 2013 AVVISO DI PROCEDURA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PER COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PRESSO IL

Dettagli

La mutazione c.34g>t del gene KRAS come marcatore precoce delle poliposi associate al gene MUTYH

La mutazione c.34g>t del gene KRAS come marcatore precoce delle poliposi associate al gene MUTYH Tumori Ereditari : dalla biologia molecolare al trattamento Modena, 18-19 Novembre 2010 La mutazione c.34 del gene KRAS come marcatore precoce delle poliposi associate al gene MUTYH Tiziana Venesio, Antonella

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma METASTASI POLMONARI Terapia Oncologica Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Metastasi polmonari: EPIDEMIOLOGIA Prevalenza nelle autopsie di

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz LA NEOPLASIA Una competizione costante di aggiornamento contro la storia naturale di una patologia inesorabile Fattore tempo Latenza clinica: da 8 a 16 anni a seconda del tipo

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE Claudia Ferocino TSLB; Dott.ssa Francesca Tanzi Responsabile Accreditamento Servizio Immunoematologia e Dott.ssa

Dettagli

Citologia, istopatologia labor team w ag

Citologia, istopatologia labor team w ag 202 Citologia Citologia ginecologica, Ginecopatologia Striscio vaginale convenzionale secondo Papanicolaou (PAP) Il materiale deve essere prelevato sia dall esocervice che dall endocervice. Una diagnostica

Dettagli

Polipi. Sessili. Peduncolati

Polipi. Sessili. Peduncolati Polipi Sessili Peduncolati Polipi Intestinali Polipi iperplastici 25% Polipi amartomatosi

Dettagli

Ruolo della citologia F.P.

Ruolo della citologia F.P. Ruolo della citologia F.P. Principali Fattori di Rischio 100 82% 80 60 40 20 10% 4,5% 4% 2,5% 0 Fumo di tabacco Radon Amianto Fumo passivo Inquinamento atmosferico Citodiagnostica L approccio citodiagnostica

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LA CHIRURGIA DI MOHS Documento redatto da: DR. Massimo GATTONI Responsabile S.S.V.D. Dermatologia - Vercelli DR.ssa Nicoletta MOIA S.C. Anatomia Patologica - Vercelli DR.ssa

Dettagli

Biopsie prostatiche e vescicali. Dr. Gianesini Giuseppe SC Urologia, AO Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese

Biopsie prostatiche e vescicali. Dr. Gianesini Giuseppe SC Urologia, AO Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Biopsie prostatiche e vescicali Dr. Gianesini Giuseppe SC Urologia, AO Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Ca prostata Ca prostata è il tumore più rappresentato nella popolazione maschile

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli