Immunoterapia dei tumori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Immunoterapia dei tumori"

Transcript

1 Immunoterapia dei tumori Mirata ad attivare l immunità antitumore : - Immunizzazione passiva (anticorpi monoclonali) - Somministrazione di citochine (IFN-, IL-2, TNF- ) - Introduzione di adiuvanti nel microambiente tumorale (patogeni, TLRLs) - Immunizzazione attiva (vaccinazione) -Supporto durante trattamenti chemioterapici (GM-CSF, acido folinico) - Profilassi (vaccini, antibiotici, antiinfiammatori) - Trapianto di midollo (nel caso di tumori ematici)

2 2011 Ipilimumab Modificato da: Weiner et al Nat. Rev. Immunol :

3 Neoplasie ematiche 1) Linfociti Neoplasie linfoidi 2) Precursore mieloide Neoplasie mieloidi 3) Macrofagi e DC Istiocitosi

4 Neoplasie linfoidi LEUCEMIA: neoplasie linfoidi che si presentano con un diffuso interessamento del midollo osseo; spesso accompagnate da un alto numero di cellule neoplastiche nel sangue periferico. LINFOMA: proliferazioni linfoidi che si presentano come masse tissutali distinte. Il confine spesso non è ben definito, specie nell evolversi della malattia. I termini leucemia e linfoma descrivono la tipica distribuzione tissutale della malattia al momento della manifestazione clinica. NEOPLASIE PLASMACELLULARI: tumori delle cellule B giunte al termine del processo differenziativo. Insorgono in genere nel midollo osseo.

5

6 LEUCEMIA LINFOBLASTICA ACUTA, LLA (acute lymphoblastic leukemia, ALL): -Neoplasie costituite da precursori linfocitari immaturi B (pre-b) o T (pre-t) definiti linfoblasti. -La maggior parte delle LLA è costituita da tumori dei pre-b che si manifestano come leucemie acute dei bambini. -Le meno frequenti LLA da pre-t tendono a manifestarsi nei maschi adolescenti come linfomi, spesso con interessamento timico. -L accumulo di cellule neoplastiche nel midollo osseo sopprime la normale ematopoiesi, ne risultano anemia, neutropenia e trombocitopenia. -Con una terapia aggressiva più del 90% dei bambini con LLA raggiunge una remissione completa e almeno 2/3 possono considerarsi guariti.

7 LEUCEMIA LINFATICA CRONICA, LLC (chronic lymphocitic leukemia, CLL): -E una neoplasia a linfociti B. -E la forma di leucemia più diffusa tra gli adulti nei paesi occidentali. La maggior parte dei pazienti ha più di 50 anni ed è asintomatico. L immunofenotipo è caratteristico: le cellule tumorali esprimono i marcatori pan B CD19 e CD20. -I meccanismi attraverso cui la LLC inficia la normale funzione immunitaria sono sconosciuti. -Il decorso e la prognosi sono molto variabili. La sopravvivenza mediana è di 4-6 anni. Tende a trasformarsi in neoplasie linfoidi più aggressive.

8 LINFOMA DI HODGKIN: -Il linfoma di Hodgkin insorge in un singolo LN o in una catena di LN e diffonde prima ai LN anatomicamente contigui. -E caratterizzato da cellule neoplastiche giganti chiamate cellule di Reed-Stenberg (1-5% delle cellule tumorali). -E una delle forme più frequenti di neoplasie maligne che colpiscono i giovani adulti. -Molti progressi sono stati fatti nel trattamento di questa malattia che risulta curabile nella maggior parte dei casi.

9 LINFOMI NON HODGKIN (LNH): - I LNH si presentano frequentemente in sedi extralinfonodali e si diffondono in maniera imprevedibile. - Hanno un incidenza di 5 volte maggiore rispetto al linfoma di Hodgkin. - Il 95% dei pazienti colpiti da questa malattia sono adulti. - Sono state identificate almeno 30 forme diverse di questo tipo di tumore.

10

11 LEUCEMIA MIELOIDE ACUTA, LMA (acute myeloid leukemia, AML): Neoplasie mieloidi -Colpisce principalmente gli adulti. -E abbastanza eterogenea per via della complessità della differenziazione della linea mieloide. -Interessa primitivamente il midollo osseo e in minor grado gli organi ematopoietici secondari (milza, fegato e LN). -L accumulo di precursori mieloidi neoplastici proliferanti nel midollo osseo sopprime i rimanenti progenitori ematopoietici, ne risultano anemia, neutropenia e trombocitopenia (cfr LLA). -E difficile da trattare. Il 60% dei pazienti ottiene remissione completa, ma solo il 15-30% rimane libero dalla malattia per 5 anni.

12 LEUCEMIA MIELOIDE CRONICA, LMC (chronic myeloid leukemia, CML): -Coinvolge cellule totipotenti che danno origine a cellule mieloidi e linfoidi. -Le cellule neoplastiche invadono il MO e sopprimono le cellule progenitrici normali, anche se la differenziazione terminale della cellula neoplastica è relativamente normale. Si ha ipercellularità midollare e aumentata ematopoiesi, spesso accompagnata anche da una leucocitosi elevata. -Caratteristica alterazione molecolare: traslocazione BCR-ABL. -Farmaci che inibiscono la chinasi BCR-ABL inducono remissione completa in più del 90% dei pazienti. Tuttavia gli inibitori sopprimono ma non eliminano il clone LMC. Il trapianto di midollo è il trattamento d elezione.

13 Traslocazione BCR-ABL -Il gene Abelson (ABL - abl) passa dal cromosoma 9 al cromosoma 22, con formazione di un gene chimera Bcr-Abl. - La forma corta del cromosoma 22 è detta «cromosoma Philadelphia». -La proteina di fusione risultante è una chinasi iperattiva stimolante la proliferazione leucemica. -Tale difetto cromosomico è presente nel 90-95% dei pazienti con LMC.

14 Dougan et al Ann. Rev.Immunol :83-117

15 Meccanismi d azione degli anticorpi usati in immunoterapia 1) Citotossicità cellulare anticorpo-dipendente (ADCC) 2) Opsonizzazione e fagocitosi della cellula tumorale. 3) Citotossicità mediata dal complemento 4) Attivazione o blocco di segnali intracellulari

16 ANTICORPI USATI NEL TRATTAMENTO DEI TUMORI EMATOLOGICI 1) RITUXIMAB 2) IBRITUMUMAB 3) TOSITUMOMAB 4) ALEMTUZOMAB 5) GEMTUZOMAB

17 Rituximab (anti-cd20) Mabthera - Anticorpo chimerico (Fc umano, Fab murino), IgG1 - E diretto contro l antigene pan B CD20 - Uccide cellule sia normali che maligne CD20 +, ma la deplezione dei linfociti B sani è molto poco tossica. - CD20 è un buon target perché l espressione non è downregolata dall anticorpo.

18 - Approvato per il trattamento dei linfomi non-hodgkin CD Non sopprime il midollo osseo perciò può essere usato in combinazione con la chemioterapia - In associazione con la terapia CHOP (ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina, prednisone) il Rituximab induce remissione completa nel 76% dei casi (contro il 63% per la terapia CHOP da sola). - Meccanismi d azione: ADCC, fissazione del complemento, signaling. - Può dare reazioni collegate all infusione, generazione di ab antitopo e nel tempo insorge resistenza al rituximab.

19 Ibritumomab e Tositumomab (anti-cd20) - 90 Y-Ibritumomab tiuxetan è un anti-cd20 murino (IgG1) coniugato con ittrio-90 (Zevalin ) I-tositumomab è un anti-cd20 (IgG2a) murino coniugato a iodio-131 (Bexxar ) - I radioconiugati permettono di bersagliare di radiazioni la cellula neoplastica in modo mirato (utili quando la densità dell antigene è bassa o è difficile il coinvolgimento delle cellule immuni) - Si usano nel trattamento dei linfomi non-hodgkin.

20 Alemtuzumab (anti-cd52) Campath - Anticorpo umanizzato, IgG1 - Riconosce CD52 (molecola espressa da linfociti B e T, cellule NK, monociti e macrofagi) - Meccanismi d azione: fissazione del complemento, signaling - Approvato per il trattamento della LLC. E attivo anche in neoplasie dei linfociti T quali la leucemia prolinfocitica T e il linfoma cutaneo a cellule T.

21 Gemtuzumab (anti-cd33) Mylotarg - Anticorpo umano, IgG4 - E diretto contro l antigene mieloide CD33 - E utilizzato come immunoconiugato (Gemtuzumab ozogamicina) con la tossina calicheamicina (antibiotico tossico per il DNA) nel trattamento dell AML.

22 Ofatumumab (anti-cd20) Arzerra Obinutuzumab (anti-cd20) Gazyva - Hanno ottenuto dall FDA nel 2013 la designazione come Breakthrough Therapy. - Sono anticorpi umanizzati, IgG1. - Sono diretti contro l antigene CD20 - Sono in uso su pazienti affetti da LLC.

23 ANTICORPI USATI NEL TRATTAMENTO DEI TUMORI SOLIDI 1) CETUXIMAB 2) PANITUMUMAB 3) TRASTUZUMAB 4) BEVACIZUMAB 5) IPILIMUMAB

24 EGFR (Epidermal Growth Factor Receptor) -Glicoproteina largamente espressa. - Costituita da 3 domini: extracellulare legame a fattori di crescita transmembrana citoplasmatico attività tirosino chinasica Alias: ErbB-1, HER1 Ligandi: EGF, TGF E overespresso in molti tumori solidi

25 Interventi sul pathway dell EGFR Es. Erlotinib, Genitifib

26 Cetuximab (anti-egfr) Erbitux - Anticorpo chimerico, IgG1 - Meccanismi d azione: signaling (internalizzazione del recettore e condseguente degradazione, antagonismo col ligando, interferenza con le modificazioni conformazionali richieste per la dimerizzazione, interferenza sulla trasduzione del segnale per disgregazione dei raft di membrana), ADCC - Usato nel trattamento dei tumori del colon e di testa e collo - Usato da solo o in combinazione con chemioterapia o radioterapia.

27 Panitumumab (anti-egfr) Vectibix - Anticorpo umano, IgG2 - Meccanismo d azione: signaling - Usato nel trattamento dei tumori del colon-retto

28 HER2/neu - Glicoproteina della famiglia dell EGFR - Costituita da 3 domini: extracellulare legame a fattori di crescita transmembrana citoplasmatico attività tirosino chinasica Alias: ErbB-2 Ligandi: EGF, TGF E overespresso nel 25% dei tumori al seno (oltre che in altri tumori).

29

30 Trastuzumab (anti HER2/neu) Herceptin - Anticorpo umanizzato, IgG1 - Meccanismi d azione: Signaling, ADCC - Efficace nel trattamento del tumore del seno HER2/neu + (non in altri tumori anche se esprimono HER2/neu) - La risposta è dell 11-26% come monoterapia e 50% in combinazione con la chemioterapia (la chemioterapia FOLFIRI, acido folinico+5-fluorouracile+irinotecano, da sola ha una risposta del 35%).

31 La famiglia di VEGF e VEGFR

32 Vascular Endothelial Growth Factor (VEGF) Ne esistono differenti isoforme dovute a splicing alternativo. Esistono 3 recettori tirosino-chinasici: VEGFR1 (Flt-1), VEGFR2 (KDR), VEGFR3 (Flt-4). E indotto da ipossia, oncogeni attivati e citochine. VEGF-A promuove la proliferazione, la sopravvivenza e la permeabilità delle cellule endoteliali. E importante per l angiogenesi tumorale. E chemiotattico per i monociti. Inibisce il differenziamento dei progenitori ematopoietici in cellule dendritiche.

33 Bevacizumab (anti-vegf) Avastin - Anticorpo umanizzato, IgG1 - E un anticorpo monoclonale per l immunoterapia dei tumori che non è diretto contro la cellula neoplastica. - Meccanismo d azione: lega e blocca VEGF inibendo l angiogenesi. - Usato nel trattamento dei tumori del colon, del polmone e del seno (HER2/neu negativo)

34 Nuovi anticorpi immunomodulanti 1) Promuovono la risposta T citotossica es anticorpi agonisti dei recettori costimolatori della famiglia del TNF: GITR, OX40, CD137, CD40 2) Bloccano circuiti negativi che limitano la risposta antitumorale es anti-ctla4, anti-pd-1, anti-il-10, anti-tgf

35 Sinapsi immunologica

36 Strategie di attivazione dei linfociti T

37 NIVOLUMAB Phase III LAMBROLIZUMAB Breakthrough therapy 2013 Garber C. Journal of the National cancer Institute doi: /jnci/djr281

38 Melanoma La maggior parte dei melanomi compare sulla cute; altre sedi di origine comprendono la mucosa orale, l esofago, la mucosa anogenitale, le meningi e gli occhi. Caratteristiche cliniche: Generalmente asintomatico Dimensioni generalmente >10 mm Il segno clinico più importante è una variazione, del colore, delle dimensioni e delle forme di una lesione pigmentata. Un escissione precoce e completa è di vitale importanza per ridurre la probabilità di disseminazione sistemica.

39 L ABCDE del melanoma Asimmetria: i nei sono simmetrici mentre il melanoma è asimmetrico. Bordi irregolari: i bordi di un neo sono regolari, quelli di un melanoma sono frastagliati. Colore disomogeneo: i nei hanno un colore unico ed uniforme, mentre il melanoma può avere più colori. Diametro superiore a 6 mm: i nei crescono fino ad un diametro di 6 mm. Evoluzione: la rapida crescita di un qualunque neo o macchia pigmentata deve far sospettare un melanoma.

40 Crescita radiale: il melanoma cresce orizzontalmente lungo i confini epidermide-derma, spesso per un periodo prolungato. In questo stadio di accrescimento il melanoma non è in grado di metastatizzare. Crescita verticale: col tempo il melanoma inizia a crescere verso il basso nel derma profondo, come massa espansiva con perdita di maturazione cellulare. Questo evento è annunciato dalla comparsa di un nodulo rispetto alla superficie relativamente piana della fase di crescita radiale ed è correlato alla comparsa di cellule in grado di metastatizzare.

41 Criteri diagnostici: 1) Spessore in mm 2) Numero di mitosi/mm2 3) Evidenza di una risposta immunitaria per la componente di crescita superficiale (radiale) detta regressione 4) Presenza e grado di infiltrazione linfocitaria per la componente di crescita in profondità (verticale) 5) Sesso 6) Localizzazione (tronco o estremità) Prognosi favorevole: spessore <1,7 mm; mitosi assenti o ridotte; regressione assente; elevato numero di linfociti; sesso femminile; localizzazione alle estremità.

42 Genetica molecolare del melanoma Si stima che il 10-15% dei melanomi compaia in un contesto di familiarità. Familial melanoma syndrome (FMS): sindrome familiare dei nevi atipici multipli-melanoma; non ha caratteristiche ereditarie predicibili. Il principale locus associato alla predisposizione familiare è p16ink4a, (inibitore 2 della chinasi ciclina-dipendente). In pazienti provenienti da famiglie con FMS la frequenza della mutazione (delezione del gene p16ink4a) è del 90%. Solo il 10% circa dei melanomi sporadici primitivi presenta mutazioni di questo gene e la perdita di questo gene è considerata un evento tardivo nella progressione del melanoma.

43 Cause del melanoma E stato accertato il legame tra melanoma e l esposizione solare specie se intermittente ed intensa, particolarmente nell età infantile. Vedi: alta incidenza melanoma in Oceania.

44 -La sopravvivenza a 10 anni di pazienti con melanoma metastatico è inferiore al 10%. -Anche se la chirurgia e la radioterapia hanno un ruolo nel trattamento della malattia metastatica, la terapia sistemica ha un ruolo fondamentale. La terapia con un singolo chemioterapico è ben tollerata, ma la percentuale di risposta è del 5-20%. La terapia con più farmaci in combinazione può migliorare la percentuale di risposta ma non allunga la sopravvivenza ed ha maggiore tossicità. - L immunoterapia con IL-2 o IFN- dà una risposta duratura anche se solo in un gruppo di pazienti.

45 Ipilimumab (anti-ctla4) Yervoy - Approvato nel Marzo 2011 dalla FDA per il trattamento del melanoma metastatico in stadio III o IV (correntemente in Fase III per il tumore della prostata) - Anticorpo umano, IgG1 - Meccanismo d azione: signalling

46 J. Exp. Med Vol. 210 No

47 - Tossicità minima al momento della somministrazione, possono subentrare tossicità tardive che richiedono l uso di corticosteroidi. -Circa il 45% dei pazienti trattati con Ipilimumab è vivo dopo 1 anno, il 24% dopo 2 anni, alcuni pazienti erano vivi dopo 4,5 anni di follow-up (normalmente dopo 1 anno solo il 25% dei pazienti con melanoma metastatico sopravvive)

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO Cancro «Massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e persiste

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 ALEMTUZUMAB L01XC04 Alemtuzumab è indicato per il trattamento di pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica a

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

PROTEINE TERAPEUTICHE IN ONCOLOGIA

PROTEINE TERAPEUTICHE IN ONCOLOGIA PROTEINE TERAPEUTICHE IN ONCOLOGIA ANTICORPI TERAPEUTICI GENERAZIONE DI UN ANTICORPO MONOCLONALE MEDIUM HAT: contiene ipoxantina, aminopterina, timidina. La cellula di mieloma non possiede l enzima HGPRT

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Anticorpi monoclonali anti-egfr

Anticorpi monoclonali anti-egfr Università degli Studi di Torino Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Corso di Immunologia Prof.G.Forni Anticorpi monoclonali anti-egf Lara Fontani Famiglia recettori T erbb/her Ligandi EGF

Dettagli

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Anche se la base comune delle neoplasie è rappresentata dalla crescita incontrollata di cellule trasformate,

Dettagli

COM. La nuova frontiera della terapia. oncologico. L'obiettivo è cronicizzare il cancro attraverso l'inibizione della crescita tumorale

COM. La nuova frontiera della terapia. oncologico. L'obiettivo è cronicizzare il cancro attraverso l'inibizione della crescita tumorale COM centro oncologico modenese Poste Italiane spa Spedizione in A.P. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1, DCB - Brescia ANNO 2, N. 4 OTTOBRE 2004 PAGINA 2 IL PUNTO SU Target therapy:

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina Angiogenesi e farmaci

ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina Angiogenesi e farmaci ONCOLOGIA Dott.ssa Samantha Messina Angiogenesi e farmaci Anno accademico 2011/2012 I anno, II trimestre Laurea Magistrale LM-67 Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Cassino e del Lazio

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

La ricerca clinica nell ambito di una Rete Regionale. Lucio Crinò

La ricerca clinica nell ambito di una Rete Regionale. Lucio Crinò Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia La ricerca clinica nell ambito di una Rete Regionale Lucio Crinò Direttore S.C. di Oncologia Medica Azienda Ospedaliera di Perugia Perugia, 30 ottobre

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO FUNZIONI DEL SISTEMA IMMUNITARIO difesa contro le infezioni difesa contro i tumori riconoscimento dei tessuti trapiantati e di proteine estranee CD34

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere In sintesi In passato: la cura del cancro era decisa sulla base della sede di origine della neoplasia (seno, intestino,

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Genetica delle neoplasie ematologiche Individua le alterazioni genetiche ed epigenetiche presenti nei vari disordini onco-ematologici www.fisiokinesiterapia.biz Fattori estrinseci Ambiente Danno genotossico

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MASI SERENA Nazionalità Italiana Data di nascita ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date 2002 2007 (data conseguimento:

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Immunooncologia. La rivoluzione terapeutica contro i tumori

Immunooncologia. La rivoluzione terapeutica contro i tumori Immunooncologia La rivoluzione terapeutica contro i tumori Indice 3 Perché questo opuscolo 5 Immunità e tumori 8 Breve storia dell immunooncologia 9 L immunooncologia, la nuova frontiera terapeutica 13

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco Gravedona 22 ottobre 2010 Ruolo dei farmaci anti HER 2 Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco LONG SURVIVORS IN MBC FARMACI ANTI HER2 TUMORE MAMMELLA 1950 Diagnosi Operabile

Dettagli

L endocitosi dell EGFR

L endocitosi dell EGFR L endocitosi dell EGFR IFOM per la scuola Lo Studente Ricercatore 2011 Muzio Giulia Istituto d Istruzione Superiore Maserati Voghera Gruppo di lavoro: Determinanti della trasformazione neoplastica e della

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

Immunooncologia. La rivoluzione terapeutica contro i tumori

Immunooncologia. La rivoluzione terapeutica contro i tumori Immunooncologia La rivoluzione terapeutica contro i tumori Indice 3 Perché questo opuscolo 5 Immunità e tumori 8 Un po di storia dell immunooncologia 9 L immunooncologia, la nuova frontiera terapeutica

Dettagli

Combattiamo. i tumori. con il nostro. sistema immunitario

Combattiamo. i tumori. con il nostro. sistema immunitario Combattiamo i tumori con il nostro sistema immunitario 2 Cos è il sistema immunitario e come funziona ambiente che ci circonda a volte può essere pericoloso per L la nostra salute. Per questo l organismo

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Disordini linfoproliferativi: leucemie linfoidi

Disordini linfoproliferativi: leucemie linfoidi DIAGNOSTICA CITO-ISTOLOGICA DELLE MALATTIE LINFO-EMATOPOIETICHE NEI PICCOLI ANIMALI seminario organizzato nell'ambito del corso di Diagnostica cito-istologica veterinaria a.a. 2005-2006 Udine, Venerdì

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo.

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. IMMUNOLOGIA L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. L'IMMUNOPATOLOGIA analizza i casi in cui il sistema immunitario non funziona correttamente:

Dettagli

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013 Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Prof. Massimo Triggiani Presidente Società Italiana di Allergologia

Dettagli

I nuovi farmaci in oncologia

I nuovi farmaci in oncologia Provincia di Ancona Assessorato alle Pari Opportunità Comune di Senigallia Comune di Arcevia Comune di Ostra Vetere ASUR Marche Zona territoriale n. 4 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI JESI Università Politecnica

Dettagli

CASO CLINICO. Resezione chirurgica e esame istologico: glioblastoma multiforme

CASO CLINICO. Resezione chirurgica e esame istologico: glioblastoma multiforme CASO CLINICO Bambina di 8 anni Manifestazione acuta: linguaggio incomprensibile e sguardo fisso per 10 minuti collasso di 30 secondi con attacco epilettico generalizzato tonico-clonico vomito e stato di

Dettagli

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Campagna promossa da Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Il Tumore Ovarico LA MALATTIA Il carcinoma ovarico è il sesto tumore più diagnosticato tra le donne ed è il più grave

Dettagli

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative Manuele Ongari Esame di Immunologia Scuola di specializzazione in Biochimica clinica I LINFOCITI T CD8

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] Cancro del colon Il mio comportamento Diagnosi del cancro del colon - clisma Tc - coloscopia con biopsia - T-PET - markers tumorali Cea Ca 19.9 Ca

Dettagli

Sviluppo dei linfociti B

Sviluppo dei linfociti B Sviluppo dei linfociti B Checkpoints multipli nella maturazione dei linfociti Durante lo sviluppo i linfociti che esprimono recettori per l antigene funzionali sono selezionati e sopravvivono, gli altri

Dettagli

Proteine di interesse terapeutico

Proteine di interesse terapeutico Proteine di interesse terapeutico Proteine come farmaci (es. insulina, anticorpi, ormoni, anticoagulanti, fattori della coagulazione) Proteine come antigeni per la produzione di vaccini (es. HBsAg) La

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

XIII Congresso Nazionale SIES Società Italiana di Ematologia Sperimentale Rimini, Palacongressi, 15-17 ottobre 2014

XIII Congresso Nazionale SIES Società Italiana di Ematologia Sperimentale Rimini, Palacongressi, 15-17 ottobre 2014 XIII Congresso Nazionale SIES Società Italiana di Ematologia Sperimentale Rimini, Palacongressi, 15-17 ottobre 2014 Mercoledì 15 Ottobre 2014 PROGRAMMA ISTITUZIONALE 10:30 11:00 SALA PLENARIA Opening Lecture

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA. Terapia medica Radioterapia

ONCOLOGIA MEDICA. Terapia medica Radioterapia ONCOLOGIA MEDICA Terapia medica Radioterapia Tipi di terapia medica Chemioterapia Ormonoterapia Immunoterapia Terapie biologiche e molecolari ( targeted therapy ) Terapie di supporto e palliative (+ varie

Dettagli

IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO. Reggio Emilia, 24 gennaio 2011

IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO. Reggio Emilia, 24 gennaio 2011 SCUOLA REGIONALE DI DI FORMAZIONE SPECIFICA IN IN MEDICINA GENERALE -- CORSO 2008-2011 IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO Dott.ssa Laura Laura Albertazzi Dott.ssa Maria Maria Brini Brini Reggio Emilia,

Dettagli

La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare.

La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare. IL NEUROBLASTOMA La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare. Il Neuroblastoma è una forma tumorale che colpisce le cellule nervose dei gangli simpatici. Nell'età

Dettagli

leucemia linfatica cronica

leucemia linfatica cronica leucemia linfatica cronica Associazione Nuovi Traguardi - Belluno Tutti i diritti riservati Immagini di copertina: gentile concessione Le Scienze (nov. 1995, n. 327, pag. 83; ott. 1999, n. 374, pag. 28;

Dettagli

Prof. Maria Alessandra Santucci

Prof. Maria Alessandra Santucci La famiglia Abl consiste di due isoforme Abl (1a e 1b ) e due isoforme Arg (1a e 1b). Le isoforme di tipo b contengono un sito di miristoilazione all N-teminale che manca nelle isoforme a. c-abl è una

Dettagli

La citometria a flusso

La citometria a flusso La citometria a flusso La citometria a flusso è in grado di rilevare le proprietà individuali di singole particelle sospese in un liquido. Il dispositivo che consente tale studio è il citometro che utilizza

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

METASTASI CEREBRALI. RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano

METASTASI CEREBRALI. RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano 1 RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano Taranto, 16-17 Marzo 2007 2 definizione Le metastasi cerebrali sono neoplasie che originano in

Dettagli

FARMACOLOGIA Oncologica. www.baveno.net by G.B.

FARMACOLOGIA Oncologica. www.baveno.net by G.B. Oncologica www.baveno.net by G.B. Agg: settembre 2015 AVVERTENZE 2 I contenuti della presentazione sono estrapolati da materiale esistente, redatti e verificati da personale sanitario Le informazioni fornite

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias

The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias The Role of Nucleoporin Genes in Human Leukemias INTRODUZIONE Il mio progetto di ricerca, finanziato dall Associazione Damiano per l Ematologia, si è inserito in un più ampio studio di caratterizzazione

Dettagli

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

LE MALATTIE MIELOPROLIFERATIVE CRONICHE PHILADELPHIA-negative MIELOFIBROSI IDIOPATICA

LE MALATTIE MIELOPROLIFERATIVE CRONICHE PHILADELPHIA-negative MIELOFIBROSI IDIOPATICA LE MALATTIE MIELOPROLIFERATIVE CRONICHE PHILADELPHIA-negative MIELOFIBROSI IDIOPATICA Prof A.M. Vannucchi - 2005 Mielofibrosi cronica idiopatica con metaplasia splenoepatica Malattia mieloproliferativa

Dettagli

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING E NEL TRATTAMENTO DELLA NEOPLASIA POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E METASTATICA Giuseppe De Vincentis 18 FDG PET: presupposti La degenerazione cancerosa si associa

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche Insegnamento di Patologia Generale e Terminologia Medica

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche Insegnamento di Patologia Generale e Terminologia Medica Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche Insegnamento di Patologia Generale e Terminologia Medica Dr. Marco Cei e Dr. Alberto Genovesi Ebert UO Medicina 1 - Cardiologia e UTIC Azienda USL

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN

Elenco degli esami molecolari prescrivibili e a carico del SSN Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori 02 20133 milano - via venezian, 1 - tel. 02 23901 - telex 333290 tumist I - codice fiscale 80018230153 - partita i.v.a. 04376350155 Dipartimento di Patologia

Dettagli

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma)

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Markers tumorali Colon CEA Ca199 Mammella Ca15.3 CEA Polmone CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Marcatori classici Problemi di interpretazione Bassa sensibilità Marcatore negativo

Dettagli

Laurea specialistica in Biologia ed Evoluzione Umana (BEU) IL MELANOMA. Seminario di Oncologia anno 2005-2006

Laurea specialistica in Biologia ed Evoluzione Umana (BEU) IL MELANOMA. Seminario di Oncologia anno 2005-2006 Laurea specialistica in Biologia ed Evoluzione Umana (BEU) IL MELANOMA Seminario di Oncologia anno 2005-2006 Il melanoma è dovuto alla crescita incontrollata dei melanociti; I melanociti si trovano dispersi

Dettagli

Mononucleosi infettiva

Mononucleosi infettiva Mononucleosi infettiva Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus La mononucleosi infettiva è una malattia acuta ad andamento quasi sempre spontaneamente benigno che interessa il sistema reticolo-istiocitario,

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

Problemi di accesso ai farmaci

Problemi di accesso ai farmaci Cancro. Ecco tutti i nuovi farmaci in arrivo. Sono moltissimi, in diversi campi. Ma i sistemi sanitari tremano per impatto economico I mercati si preparano ad assorbire l impatto di una nuova valanga di

Dettagli

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Test Metodo utilizzato Osservazioni, indicazioni Amplificazione genica Her2/neu nei carcinoma mammari e gastrici L amplificazione genica di Her2/neu

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia I tumori della cute prevenzione diagnosi terapia I tumori della pelle si possono suddividere in due grandi gruppi: melanoma e non-melanoma. Per entrambi la prima causa di insorgenza è un esposizione eccessiva

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

ONCOLOGIA. Dr. Alessandro Bernardini DEFINIZIONE

ONCOLOGIA. Dr. Alessandro Bernardini DEFINIZIONE ONCOLOGIA Dr. Alessandro Bernardini DEFINIZIONE Con il termine tumore (rigonfiamento) o in senso generale neoplasia (nuova formazione) o eteroplasia si definisce una massa di tessuto che cresce in modo

Dettagli

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Le domande sulla PCR rivolte con maggior frequenza Autore: Dott. Michael Mauro, Professore di Medicina della Divisione di Ematologia e Oncologia medica;

Dettagli

METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO

METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO Comunicato stampa METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO Milano, 14 dicembre 2009 presso l Hotel Quark Via Lampedusa 11/A, i calciatori, Raffaele Palladino e Javier Zanetti fanno da testimonial a METTI IL MELANOMA

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti IL 12R e IL 27R Diego Alberti Caratteristiche generali IL 12R e IL 27R appartengono alla famiglia di citochine/recettori di tipo I La classe I di recettori è caratterizzata da 4 residui di cisteina conservati

Dettagli

A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea, blurred vision, and nearsyncope

A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea, blurred vision, and nearsyncope A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea, blurred vision, and nearsyncope Leach, M. J. N Engl J Med 2002;346:6e A 26-year-old woman was referred for progressive fatigue, dyspnea,

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

Leucemie: principi generali e fisiopatologia. Paolo Avanzini

Leucemie: principi generali e fisiopatologia. Paolo Avanzini Leucemie: principi generali e fisiopatologia Paolo Avanzini Schema Definizione Incidenza Classificazione Alcune descrizioni Fisiopatologia Alcuni casi particolari LEUCEMIE: COSA SONO Gruppo eterogeneo

Dettagli

Downloaded from. www.immunologyhomepage.com. Migrazione cellulare

Downloaded from. www.immunologyhomepage.com. Migrazione cellulare Downloaded from www.immunologyhomepage.com Migrazione cellulare Migrazione dei leucociti I leucociti migrano nei diversi tessuti dell organismo l interazione tra le cellule migranti e le cellule dei tessuti

Dettagli

Argomento della lezione

Argomento della lezione Argomento della lezione Le molecole d adesione intercellulare: definizione Le famiglie delle molecole d adesione: Selectine Integrine ICAM Espressione e funzione MOLECOLE DI ADESIONE INTERCELLULARE Le

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

Il sistema del complemento come strumento terapeutico nella terapia dei tumori

Il sistema del complemento come strumento terapeutico nella terapia dei tumori UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede amministrativa del corso di dottorato Dipartimento di Fisiologia e Patologia XX ciclo di dottorato in patologia sperimentale e clinica (settore scientifico disciplinare:

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

Specialista in Dermatologia Roma. www.pierafileccia.it

Specialista in Dermatologia Roma. www.pierafileccia.it Dott. Specialista in Dermatologia Roma www.pierafileccia.it Epidemiologia Si tratta del secondo tumore per frequenza nelle donne sotto i 40 anni e del terzo negli uomini della stessa età Le proiezioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede Amministrativa del Dottorato di Ricerca Dipartimento di Scienze della Vita XXI Ciclo di Dottorato in Patologia Sperimentale e Clinica settore scientifico disciplinare:

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Lettori: 1.163.000 Diffusione: 189.861. Dir. Resp.: Virman Cusenza. 28-NOV-2014 da pag. 13

Lettori: 1.163.000 Diffusione: 189.861. Dir. Resp.: Virman Cusenza. 28-NOV-2014 da pag. 13 Lettori: 1.163.000 Diffusione: 189.861 Dir. Resp.: Virman Cusenza 28-NOV-2014 da pag. 13 Lettori: 2.848.000 Diffusione: 431.913 Dir. Resp.: Ezio Mauro 28-NOV-2014 da pag. 7 Lettori: 484.000 Diffusione:

Dettagli

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona Dott.ssa Chiara Dell Agnola MdA Oncologia,AOUI Verona Malattia metastatica La neoplasia del testa-collo si presenta in oltre la metà dei pazienti in stadio avanzato (Stadio III e IV) 40-80% recidiva loco-regionale

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli