PROTEINE TERAPEUTICHE IN ONCOLOGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTEINE TERAPEUTICHE IN ONCOLOGIA"

Transcript

1 PROTEINE TERAPEUTICHE IN ONCOLOGIA

2 ANTICORPI TERAPEUTICI

3 GENERAZIONE DI UN ANTICORPO MONOCLONALE MEDIUM HAT: contiene ipoxantina, aminopterina, timidina. La cellula di mieloma non possiede l enzima HGPRT (ipoxantina-guaninafosforibosil-transferasi) quindi solo le cellule fuse riescono a sopravvivere nel medium HAT.

4 PROBLEMI PRINCIPALI ASSOCIATI ALL USO DI ANTICORPI MURINI: 1. La maggioranza dei pazienti (fino all 80%) sviluppa anticorpi contro gli Ab murini (HAMA, Human Anti-Mouse Antibody) 2. L Fc murino è poco efficiente nel reclutare effettori cellulari umani 3. Il t1/2 degli Ab murini è molto breve (< 24 ore; umani: t1/2 di alcune settimane)

5 EVOLUZIONE GRADUALE DELL UMANIZZAZIONE DEGLI ANTICORPI: 1. Produzione di anticorpi chimerici (70% sequenze umane) 2. Produzione di anticorpi umanizzati (95% sequenze umane) 3. Produzione di anticorpi completamente umani attraverso il phage display

6 Struttura base degli anticorpi IgG -tetrameri di 150 kda, formati da due catene H di kda e 2 catene L di 25 kda -ogni L si associa con una H tramite S-S -le due H sia associano tramite S-S (regione cerniera o hinge ) -ogni IgG è bivalente -gli N terminali sono altamente variabili (V) mentre gli C terminali sono costanti (C) -nell ambito di V H e V L ci sono 3 regioni ipervariabili e si chiamano regioni determinanti la complementarietà (CDR) -i domini CH2 e CH3 formano l Fc (porzione effettrice)

7 Anticorpo chimerico: fusione dei domini V murini con domini C umani Anticorpo umanizzato: trasferimento dall Ab murino a quello umano solo dei residui responsabili del legame all antigene

8 Produzione di anticorpi umani tramite phage display Il phage display permette di creare delle genoteche con un repertorio di variabilità simile a quello dei mammiferi La genoteca è costituita da geni V H e V L presenti in un singolo vettore Tramite mutagenesi casuale e rimescolamento delle varie catene si puo aumentare enormemente la diversità anticorpale Aumento dell AFFINITA

9 Anticorpi ingegnerizzati FUNZIONE DI LEGAME FUNZIONE EFFETTRICE

10 Anticorpi ingegnerizzati

11 Funzioni principali dei domini anticorpali Fab: LEGAME DELL ANTIGENE neutralizzazione, inattivazione, antagonismo agonismo, signaling Fc: LEGAME DEL FcR CDC, opsonizzazione ADCC CDC, complement-dependent cytotoxicity ADCC, antibody-dependent cell-mediated cytotoxicity

12 Possibili meccanismi citotossici mediati da anticorpi

13

14 FAGOCITI: MACROFAGI E NEUTROFILI

15 FcRn (recettore Fc neonatale): un recettore per Fc fondamentale nella farmacocinetica degli anticorpi monoclonali FcRn ha una struttura simile all MHC di classe I e risulta espresso a livello della placenta, dove media il trasporto degli Ab dalla madre al feto, e delle cellule endoteliali. FcRn media l uptake delle IgG all interno delle cellule e permette anche l attraversamento delle cellule stesse. In questo modo le IgG sono protette dalla degradazione. Le IgG che non legano l FcRn non possono raggiungere il feto e hanno un emivita molto breve. (A) Struttura della regione Fc dell IgG1 umana con l indicazione dei residui coinvolti nel legame all FcRn murino, di ratto o umano; (B) struttura dell FcRn di ratto con i residui coinvolti nella formazione del complesso di ratto FcRn-Fc Le IgG murine non legano l FcRn umano: questo spiega la loro rapida eliminazione nell uomo. Le IgG possono essere ingegnerizzate per modulare a piacere la persistenza a livello plasmatico.

16 Ingegnerizzazione degli anticorpi terapeutici: aspetti fondamentali 1. Diminuzione dell immunogenicità specie, dimensione, glicosilazione, PEG 2. Ottimizzazione delle caratteristiche farmacocinetiche t1/2 (natura dell Fc; glicosilazione; dimensione; PEG) 3. Ottimizzazione delle caratteristiche farmacodinamiche legame all antigene (mono-, bi-, tri-valente) affinità (phage display) anticorpi neutralizzanti, inattivanti o antagonisti: meglio no Fc anticorpi attivanti il segnale: l Fc può favorire il cross-linking modulazione della funzione dell Fc doppia specificità (anticorpi bispecifici) -coniugazione a tossine, radioisotopi

17 Proteine terapeutiche in oncologia Anticorpi monoclonali nudi ( naked ) coniugati bispecifici terapia genica ( intrabodies ) Citochine native modificate coniugate Tossine modificate coniugate Enzimi modificati

18 Gli anticorpi terapeutici approvati in campo oncologico Bexxar CD20(I 131 ) Mouse NHL 2003 Oncolym HLA-Dr10 Mouse NHL Phase III (I 131 )

19 Rituximab (Rituxan): il primo anticorpo terapeutico anti-tumorale E un mab anti-cd20 chimerico murino/umano. E stato approvato per l uso in pazienti affetti da NHL e da patologie autoimmunitarie. NAKED ANTIBODY

20 Il CD20 come target terapeutico anti-tumorale Il CD20 e una proteina espressa sulla superficie di cellule pre-b, cellule B mature e per piu del 95% da cellule B di NHL. Non e espressa da precursori staminali e plasmacellule. Il meccanismo d azione di rituximab non e stato ancora ben chiarito. L interazione di CD20 con questo anticorpo non porta ad internalizzazione ma all attivazione della trasduzione di un segnale i cui effetti finali sono inibizione della crescita cellulare ed apoptosi. L Fc dell anticorpo sembra inoltre contribuire all effetto reclutando gli effettori naturali per l ADCC ed attivando la CDC. Il rituximab e efficace in circa il 50% dei pazienti affetti da NHL di basso grado. La sua tossicità e ridotta e limitata agli effetti collaterali tipici di in infusione, quali febbre, brividi, nausea, dispnea,eritema,tosse, broncospasmo. Puo essere associato con successo ai chemioterapici tradizionali.

21 Herceptin (trastuzumab): il primo anticorpo terapeutico per i tumori solidi E un IgG1 umanizzata diretta contro Her-2 o ErbB2. E approvato per l uso nel cancro metastatico della mammella. NAKED ANTIBODY

22 Her-2 (ErbB2): un proto-oncogene come target antitumorale Her-2 appartiene alla famiglia degli EGFR. Gli EGFR sono dei receptor tyrosine kinases (RTK) che controllano la differenziazione e proliferazione cellulare. In cellule normali, la attività degli RTK è sotto stretto controllo. L espressione aumentata degli RTK oppure alterazioni funzionali dovute a mutazioni oppure ad un abnorme stimolazione da parte di fattori di crescita autocrini puo portare ad un attivazione costitutiva di tali recettori. Her-2 e espresso 100 volte di più in cellule tumorali rispetto alle cellule non neoplastiche del 30% di pazienti affette da cancro invasivo della mammella. Il trastuzumab è solitamente associato a paclitaxel (tassolo)o doxorubicina.

23

24 Campath 1H (alemtuzumab): un anticorpo terapeutico per la leucemia linfocitica cronica (CLL) E una IgG1 umanizzata diretta contro CD52. NAKED ANTIBODY La funzione di CD52 e ignota. E espresso su linfociti T e B normali, monociti, macrofagi e nella maggior parte dei linfomi B e T, ma non nei precursori staminali. Alemtuzumab lega CD52 e attiva la CDC e l ADCC.

25

26 Zevalin ( 90 Y-ibritumomab tiuxetan): il primo anticorpo terapeutico coniugato ad una molecola radioattiva E una IgG intera murina diretta contro CD20. E approvato per l uso nel NHL. CONJUGATED ANTIBODY 90 y = ITTRIO 90, emette radiazioni molto potenti ed ha un emivita di 2.5 giorni. IL razionale della coniugazione a radioisotopi consiste nella possibilità di aumentare il potenziale citotossico dei mab terapeutici. Inoltre, l anticorpo radioattivo può uccidere tramite la radioattività anche cellule tumorali negative per l antigene verso cui e diretto l anticorpo. Il fatto che il mab sia di topo in questo caso e positivo, perché una lunga permanenza in circolo potrebbe aumentare la possibilità di tossicità mediata dal radioisotopo in organi quali il fegato e il rene. La % di pazienti responsivi allo zevalin è significativamente superiore rispetto al Rituximab. La tossicità, soprattutto ematologica, è significativamente superiore per lo zevalin, anche se tali effetti sono generalmente reversibili.

27 Mylotarg (Gemtuzumab Ozogamicin) un nuovo farmaco per la leucemia mieloide acuta (AML) CONJUGATED ANTIBODY (RITIRATO DAL MERCATO NEL 2010)

28 Il CD33 come target del Mylotarg

29 Il CD33 come target terapeutico anti-tumorale Il CD33 e una proteina di adesione di 67 kda capace di legare molecole contenenti acidi sialici. E espressa sia su cellule normali che tumorali, ma non sulle cellule staminali. Piu dell 80% dei pazienti affetti da AML esprime CD33 nei blasti leucemici. Il trattamento con anti-cd33 può determinare neutropenia e trombocitopenia, che sono tuttavia spesso seguite da recupero ematologico dovuto al fatto che CD33 non e espresso sui precursori staminali. L interazione di CD33 con l anticorpo specifico non attiva un segnale nella cellula (e pertanto l anti-cd33 da solo non ha valore terapeutico) ma determina la rapida internalizzazione del complesso in vescicole lisosomiali a ph acido.

30 Calicheamicine Sono una famiglia di potenti agenti citotossici appartenenti alla classe delle enedine. Tali composti sono prodotti da un microrganismo presente nel suolo, il Micromonospora echinospora. La -calicheamicina è la molecola più rappresentativa di tale classe. Il Mylotarg contiene un derivato della -calicheamicina, l N-acetil - -calicheamicina dimetil idrazide. Tale molecola e in realta un profarmaco che viene liberato dall anticorpo solo in ambiente acido. Somministrate da sole, presentano un basso IT ed alta tossicità. Il meccanismo di citotossicità è mediato dal legame di tali molecole al minor groove del DNA in maniera abbastanza sequenza-specifica con conseguente rottura in più punti della doppia catena del DNA causando morte, sia per apoptosi che non per apoptosi.

31 Gli anticorpi terapeutici approvati in campo oncologico Bexxar CD20(I 131 ) Mouse NHL 2003 Oncolym HLA-Dr10 Mouse NHL Phase III (I 131 )

32 Anticorpi bispecifici in oncologia Caratteristiche ideali: 1. Elevata selettività ed affinità per il target tumorale 2. Legame monovalente al triggering receptor ; cross-linking solo quando si è legata anche la controparte al target 3. Non deve avere porzioni Fc 4. Deve essere di origine umana 5. Deve essere sufficientemente piccolo per penetrare nel tumore se questo è solido

33 Anticorpi bispecifici in oncologia Triggering receptors: Fc RI Fc RII Fc RIII Fc RI (TCR) Tumor surface molecules: Folate-binding protein (ovarian cancer cells) Her-2 CD20 RISULTATI DEGLI STUDI CLINICI: -Tossicità negli studi iniziali -Scarsa efficacia -(Costi ancora proibitivi)

34 Intrabodies

35 Anticorpi terapeutici in oncologia: prospettive future 1. Identificare target sempre piu selettivi 2. Approfondire le conoscenze del rapporto tra la struttura, la farmacodinamica e la farmacocinetica degli Abs 3. Ottimizzare gli anticorpi bispecifici 3. Rendere praticabile la gene therapy con gli anticorpi 4. Potenziare lo sviluppo dei piccoli anticorpi per i tumori solidi 5. Abbassare i costi sfruttando la produzione nei batteri

36

37 Proleukin (aldesleukin): la prima citochina ingegnerizzata in oncologia Modello del complesso IL-2/IL-2R

38 Proleukin (aldesleukin): la prima citochina ingegnerizzata in oncologia Gli effetti di IL-2

39 Proleukin (ril-2, aldesleukin): la prima citochina ingegnerizzata in oncologia E una forma ricombinante dell IL-2 umana (15 kda) prodotta nell E. coli. Si distingue dall IL-2 nativa perche non è glicosilata, manca del residuo di Ala iniziale, ed ha una Ser al posto di una Cys in posizione 125. Tali modifiche comportano un diminuita tendenza all aggregazione ed un aumentata biodisponibilità. E indicata per l uso nel carcinoma renale metastatico e nel melanoma. I dosaggi utilizzati sono molto elevati (6 x 10 5 U/Kg in 15 min). In alcuni pazienti un unico ciclo di trattamento risulta efficace. La sua somministrazione è associata a grave tossicità cardiovascolare associata ad aumento della permeabilità capillare (sindrome di perdita capillare) con conseguente perdita del tono vascolare e fuoriuscita di di fluido e proteine plasmatiche nello spazio extravascolare. Tale tossicità può tradursi in ipotensione, ridotta perfusione degli organi e morte. Inoltre, la proleukin puo indurre infezioni disseminate dovute a compromissione della funzione dei neutrofili.

40 Ontak (denileukin diftitox, DAB 389 IL-2) E una proteina di fusione costituita da una forma troncata di DT e da IL-2 umana. E citotossica per cellule che esprimono il recettore ad alta o intermedia affinità per IL-2. E indicato per forme avanzate di linfoma cutaneo T cellulare (CTCL). La responsività è pari a 36% ad alti dosaggi. La tossicità è ridotta rispetto a proleukin anche se in alcuni pazienti compare la sindrome da perdita capillare.

41 Struttura schematica delle immunotossine Tossine vegetali: olotossine, costituite da una catena A catalitica e una catena B di legame, oppure emitossine, costituite dalla sola catena A Tossine batteriche: Sono costituite da catene singole che contengono sia il sito catalitico che di legame

42 Meccanismi di intossicazione cellulare da parte di tossine

43 Proteine di fusione per tumori cerebrali Il recettore per la transferrina è espresso su cellule cerebrali neoplastiche ma non normali. 454A12-rRA: proteina di fusione costituita da un anticorpo anti -recettore per la transferrina e la catena A della ricina. 50% responsività (terapia intraventricolare) Tf-CRM107: proteina di fusione costituita dalla transferrina umana e una forma troncata della DT. 50% responsività

44

45 Oncaspar (pegaspargase): un enzima per la leucemia linfoblastica acuta Nel 1953 fu dimostrato che il siero di cavia possiede attività antileucemica grazie alla L-asparaginasi. La L-asparaginasi converte la L-asparagina in acido aspartico e ammoniaca. Cellule normali producono L-asparagina in quantità sufficienti per la sintesi proteica. Cellule tumorali quali quelle leucemiche linfoblastiche acute richiedono invece spesso sorgenti esogene di tale amino acido. La somministrazione di L-asparaginasi depriva tali cellule da L-asparagina causando apoptosi. L asparaginasi (Elspar) è prodotta in E. coli ed ha un t1/2 di 30 ore. Induce ipersensitività con alta frequenza (fino al 20%, puo essere anche fatale). La pegilazione dell asparaginasi di E. coli ha permesso sia di aumentare significativamente il t1/2 (t1/2 pegaspargase = 15 giorni) sia di diminuire l incidenza di ipersensitività (<5%). La pegaspargase viene somministrata in associazione ad altri farmaci antitumorali. Tossicità: epatotossicità, inibizione della sintesi di fattori della coagulazione (emorragie), neurotossicità, tossicità pancreatica.

Classi e sottoclassi di anticorpi

Classi e sottoclassi di anticorpi Classi e sottoclassi di anticorpi Anticorpi: classi e sottoclassi In base alla catena pesante gli anticorpi sono divisi in classi e sottoclassi Classi o isotipi IgA, IgD, IgE, IgG, IgM Sottoclassi IgA1

Dettagli

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni).

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). ANTICORPI Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). H L Fab Fab H L Fc Vari frammenti proteici degli anticorpi possono essere utilizzabili

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb Tipi di immunità acquisita Caratteristiche dell immunità acquisita Espansione clonale Fasi della risposta immunitaria acquisita Specificità, memoria, risoluzione delle risposte immunitarie acquisite Immunità

Dettagli

Immunoterapia dei tumori

Immunoterapia dei tumori Immunoterapia dei tumori Mirata ad attivare l immunità antitumore : - Immunizzazione passiva (anticorpi monoclonali) - Somministrazione di citochine (IFN-, IL-2, TNF- ) - Introduzione di adiuvanti nel

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

Proteine di interesse terapeutico

Proteine di interesse terapeutico Proteine di interesse terapeutico Proteine come farmaci (es. insulina, anticorpi, ormoni, anticoagulanti, fattori della coagulazione) Proteine come antigeni per la produzione di vaccini (es. HBsAg) La

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

I FARMACISTI e le terapie biologiche: Aspetti tecnici e sostenibilità di budget

I FARMACISTI e le terapie biologiche: Aspetti tecnici e sostenibilità di budget I FARMACISTI e le terapie biologiche: Aspetti tecnici e sostenibilità di budget I farmaci biologici Dott.ssa Cristina AMATO Farmacista ASLTO4 Referente UFA- Laboratorio Galenica - Ospedale Ivrea Direttore

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

ALLEGATO 2 DESCRIZIONE SCIENTIFICA DEL PROGETTO E OBIETTIVI

ALLEGATO 2 DESCRIZIONE SCIENTIFICA DEL PROGETTO E OBIETTIVI BANDO DI CONCORSO CELESTINA LOSA per l assegnazione di 3 BORSE DI RICERCA sul tema: «Nuove opzioni terapeutiche per i pazienti con medulloblastoma: l immunoterapia adottiva diretta verso l antigene tumorale

Dettagli

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO Cancro «Massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e persiste

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Difese dell organismo

Difese dell organismo Difese dell organismo Gli organismi hanno essenzialmente 3 tipi di difese, disposte sequenzialmente, che il virus deve superare: Difese di superficie Barriere fisiche Difese sistemiche Immunità innata

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

La prevenzione del rischio chimico I farmaci ad alto rischio per l operatore professionalmente esposto

La prevenzione del rischio chimico I farmaci ad alto rischio per l operatore professionalmente esposto La prevenzione del rischio chimico I farmaci ad alto rischio per l operatore professionalmente esposto Dott.ssa Cristina Amato S.C. Farmacia Ivrea Direttore Dott.ssa Laura Rocatti Ivrea, 25 gennaio 2012

Dettagli

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1)

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1) TRATTAMENTO DELLA NEUTROPENIA CON G-CSF Introduzione La neutropenia e le complicanze ad essa correlate rappresentano la principale tossicità dose limitante della chemioterapia, per il rischio di infezioni

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 ALEMTUZUMAB L01XC04 Alemtuzumab è indicato per il trattamento di pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica a

Dettagli

Anticorpi monoclonali anti-egfr

Anticorpi monoclonali anti-egfr Università degli Studi di Torino Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Corso di Immunologia Prof.G.Forni Anticorpi monoclonali anti-egf Lara Fontani Famiglia recettori T erbb/her Ligandi EGF

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Terapie immunoncologiche nel trattamento del Tumore del Polmone

Terapie immunoncologiche nel trattamento del Tumore del Polmone Terapie immunoncologiche nel trattamento del Tumore del Polmone Cosa è importante sapere ONCHQ14NP07519 Introduzione: L Immunoncologia sfrutta l attività del sistema immunitario per aggredire le cellule

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

Normale controllo della crescita cellulare

Normale controllo della crescita cellulare Normale controllo della crescita cellulare STOP STOP Cellula normale STOP Alterato controllo della crescita cellulare X STOP STOP Cellula tumorale STOP X Le cellule tumorali presentano alterazioni cromosomiche

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Il materiale presente in questo documento viene distribuito solamente per uso interno ed esclusivamente a scopo didattico. Anticorpo o immunoglobulina! IL legame

Dettagli

Combattiamo. i tumori. con il nostro. sistema immunitario

Combattiamo. i tumori. con il nostro. sistema immunitario Combattiamo i tumori con il nostro sistema immunitario 2 Cos è il sistema immunitario e come funziona ambiente che ci circonda a volte può essere pericoloso per L la nostra salute. Per questo l organismo

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO FUNZIONI DEL SISTEMA IMMUNITARIO difesa contro le infezioni difesa contro i tumori riconoscimento dei tessuti trapiantati e di proteine estranee CD34

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Presentazione dell antigene tramite TCR

Presentazione dell antigene tramite TCR Presentazione dell antigene tramite TCR Elena Adinolfi Il recettore della cellula T (TCR) Il TCR è il recettore per l antigene delle cellule T. In maniera analoga a quanto accade per le cellule B ad ogni

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco Gravedona 22 ottobre 2010 Ruolo dei farmaci anti HER 2 Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco LONG SURVIVORS IN MBC FARMACI ANTI HER2 TUMORE MAMMELLA 1950 Diagnosi Operabile

Dettagli

INFIAMMAZIONE. Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago. Eosinofilo Cellule tumorali Virus. Piastrina Batterio. Fungo Antigeni estranei

INFIAMMAZIONE. Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago. Eosinofilo Cellule tumorali Virus. Piastrina Batterio. Fungo Antigeni estranei Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago Eosinofilo Cellule tumorali Virus Piastrina Batterio Fungo Antigeni estranei Tessuti necrotici Mastocita Linfocita Plasmacellula INFIAMMAZIONE STIMOLO DANNOSO

Dettagli

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010 PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI VETTORI λ (15-20 Kb) = vettori ottenuti apportando delle modifiche al genoma del batteriofago λ. COSMIDI (40-45 Kb) = plasmidi che contengono i siti cos di λ utili per

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a.

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a. Anticorpi generalità Riconoscimento antigene Anticorpi Molecole MHC Recettore per l Ag dei linfociti T (TCR) Anticorpi riconoscono diversi tipi di strutture antigeniche macromolecole proteine, lipidi,

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E.

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. pag 1 di 4 Randomized Proteomic Stratified Phase III Study of Second Line Erlotinib versus Chemotherapy in Patients with Inoperable Non Small

Dettagli

Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC

Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC 1 2 Necessari 2 segnali per attivare i linfociti B Primo segnale: BCR Secondo segnale = - Antigeni timo-dipendenti (TD):. cellule T adiuvanti (T

Dettagli

Monoclonal antibodies (mabs)

Monoclonal antibodies (mabs) Monoclonal antibodies (mabs) mabs = insieme di anticorpi identici fra loro in quanto prodotti da un solo tipo di cellule B (cloni cellulari) Use of monoclonal antibodies (mabs) Diagnostics: quantitation

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Quiz multiple choice per valutazione apprendimento dei partecipanti

Quiz multiple choice per valutazione apprendimento dei partecipanti Quiz multiple choice per valutazione apprendimento dei partecipanti 1. Quali recettori di citochine condividono la catena gamma del recettore di IL-2? A. IL-2, IL-4, IL15 B. IL-4, IL-15, GM-CSF C. IL-2,

Dettagli

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni Genova 17 MAGGIO 2014 Sabrina Beltramini U.O.S. Gestione e Innovazione Tecnologica del farmaco U.O.C. Farmacia

Dettagli

Combattiamo. i tumori. con il nostro. sistema immunitario

Combattiamo. i tumori. con il nostro. sistema immunitario Combattiamo i tumori con il nostro sistema immunitario 2 Cos è il sistema immunitario e come funziona ambiente che ci circonda a volte può essere pericoloso per L la nostra salute. Per questo l organismo

Dettagli

Immunoconiugati contenenti tossine vegetali o sirna per la deplezione selettiva di cellule leucemiche

Immunoconiugati contenenti tossine vegetali o sirna per la deplezione selettiva di cellule leucemiche Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN ONCOLOGIA E PATOLOGIA SPERIMENTALE PROGETTO 2 PATOLOGIA SPERIMENTALE XXIII CICLO SETTORE CONCORSUALE DI AFFERENZA: 06/A2 SETTORE SCIENTIFICO

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

Corso di Farmacologia & Tossicologia, 2015 CHEMIOTERAPIA - 12. Anticorpi monoclonali. Jean-François Desaphy

Corso di Farmacologia & Tossicologia, 2015 CHEMIOTERAPIA - 12. Anticorpi monoclonali. Jean-François Desaphy Corso di Farmacologia & Tossicologia, 2015 CHEMIOTERAPIA - 12 Anticorpi monoclonali Jean-François Desaphy Risposta Immunitaria Il sistema immunitario è una rete di organi, tessuti, cellule e molecole solubili

Dettagli

Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV)

Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV) Workshop ENEA, 4 dicembre 2003 Molecular farming: produzione di cibi funzionali, di nutraceutici e biofarmaceutici Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV)

Dettagli

Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio: raggio: Altro meccanismo per reprimere la trascrizione: la metilazione del DNA

Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio: raggio: Altro meccanismo per reprimere la trascrizione: la metilazione del DNA Attivazione/repressione trascrizionale a lungo raggio:! Le regioni di controllo di un locus (Locus Control Regions LCR)! Le regioni di attacco alla matrice nucleare (MAR)! Gli isolatori Attivazione/repressione

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro

Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro INTRODUZIONE Esistono alcuni fattori che rendono la telomerasi un target attraente e selettivo per la cura del cancro. In

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Per il persistere delle crisi emolitiche e della piastrinopenia si decideva di eseguire ulteriori accertamenti:

Per il persistere delle crisi emolitiche e della piastrinopenia si decideva di eseguire ulteriori accertamenti: Sindrome Linfoproliferativa Autoimmune Rossana Pignataro, Marco Saporito, Ignazio Morselli, Ester Olivastro, Andrea Domenico Praticò, Lara Buscema, Patrizia Barone, Rosaria Garozzo Rossana Pignataro Casi

Dettagli

IL LINFOMA DI HODGKIN

IL LINFOMA DI HODGKIN UNIVERSITÀ DI PISA Dipartimento di Farmacia Corso di Laurea in CTF Corso: Basi Biochimiche dell azione dei Farmaci IL LINFOMA DI HODGKIN Pisa, 1-04-14 Greta Onesti Anno Accademico 2013-2014 1 OBIETTIVI

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

Monoclonal antibodies (mabs)

Monoclonal antibodies (mabs) Monoclonal antibodies (mabs) mabs = insieme di anticorpi identici fra loro in quanto prodotti da un solo tipo di cellule B (cloni cellulari) Use of monoclonal antibodies (mabs) Diagnostics: quantitation

Dettagli

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori.

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori. SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI CONGENIA - CONGENIA Srl Milano - DAC Srl Milano - NIKEM RESEARCH Srl Bollate MI - ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA Milano - ISTITUTO FIRC DI ONCOLOGIA MOLECOLARE Milano

Dettagli

Proteine terapeutiche in patologie autoimmunitarie/ infiammatorie

Proteine terapeutiche in patologie autoimmunitarie/ infiammatorie Proteine terapeutiche in patologie autoimmunitarie/ infiammatorie L artrite reumatoide (AR), una patologia sia infiammatoria che autoimmune ARTICOLAZIONE SANA PATOLOGIA TERAPIA ARTRITE REUMATOIDE FARMACI

Dettagli

FARMACOLOGIA Oncologica. www.baveno.net by G.B.

FARMACOLOGIA Oncologica. www.baveno.net by G.B. Oncologica www.baveno.net by G.B. Agg: settembre 2015 AVVERTENZE 2 I contenuti della presentazione sono estrapolati da materiale esistente, redatti e verificati da personale sanitario Le informazioni fornite

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11 Romane Giacca 4b 17-02-2011 11:14 Pagina XI Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica........................... 1 Geni come farmaci...................................... 1 Terapia genica: una visione

Dettagli

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Anche se la base comune delle neoplasie è rappresentata dalla crescita incontrollata di cellule trasformate,

Dettagli

Che significa animale transgenico o animale Knockout???

Che significa animale transgenico o animale Knockout??? Che significa animale transgenico o animale Knockout??? ORGANISMI TRANSGENICI Gli animali che sono stati ingegnerizzati per inserzione di un gene, delezione di un gene o sostituzione di un gene si chiamano

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

NEWSLETTER GRUPPO ITALIANO MESOTELIOMA

NEWSLETTER GRUPPO ITALIANO MESOTELIOMA NEWSLETTER GRUPPO ITALIANO MESOTELIOMA SOMMARIO o mir379/411 regola IL-18 e contribuisce alla resistenza alla terapia nel mesotelioma pleurico maligno. o Cisplatino in combinazione con Fenetil-isotiocianato

Dettagli

Le Ig sono glicoproteine costituite da 4 catene polipeptidiche:

Le Ig sono glicoproteine costituite da 4 catene polipeptidiche: Struttura delle Ig Le Ig sono glicoproteine costituite da 4 catene polipeptidiche: 2 catene pesanti H (heavy( heavy) di P.M. 50.000 D, formate da c/a 450 amminoacidi 2 catene leggere L (light) Di P.M.

Dettagli

La citometria a flusso

La citometria a flusso La citometria a flusso La citometria a flusso è in grado di rilevare le proprietà individuali di singole particelle sospese in un liquido. Il dispositivo che consente tale studio è il citometro che utilizza

Dettagli

Funzioni delle proteine del sangue:

Funzioni delle proteine del sangue: PROTEINE DEL SANGUE Funzioni delle proteine del sangue: 1. Funzioni nutrizionali 2. Regolazione dell equilibrio acido base 3. Ripartizione dell acqua nei vari distretti 4. Funzione di trasporto 5. Coagulazione

Dettagli

DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2

DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2 DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2 Dr.ssa Caldara Dr.ssa Frisinghelli DIAGNOSI DONNA 47 aa Luglio 2003 quadrantectomia SE sx + svuotamento ascellare con diagnosi di carcinoma duttale

Dettagli

MabThera. rituximab. Che cos è MabThera? Per che cosa si usa MabThera? Riassunto destinato al pubblico

MabThera. rituximab. Che cos è MabThera? Per che cosa si usa MabThera? Riassunto destinato al pubblico EMA/614203/2010 EMEA/H/C/000165 Riassunto destinato al pubblico rituximab Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato per i medicinali

Dettagli

Biologici e Biosimilari

Biologici e Biosimilari Biologici e Biosimilari in oncologia, occhi aperti sulle differenze Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Introduzione Nel 2010 l Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) insieme

Dettagli

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5 Contenuto ER MITO Epidemiologia e diagnosi biomolecolare le malattie mitocondriali in Emilia PUMANER1301 Studio comparativo tra neratinib più capecitabina in pazienti con carcinoma mammario metastatico

Dettagli

Trastuzumab. SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa

Trastuzumab. SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Scheda di Sicurezza Trastuzumab in accordo con il Regolamento (UE) n. 453/2010 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome del

Dettagli

Prima parte. Prof. Leonardo Della Salda

Prima parte. Prof. Leonardo Della Salda Prima parte Prof. Leonardo Della Salda Modalità di difesa dell organismo Aspetti essenziali della risposta immunitaria Fattori che influenzano l antigenicità Antigeni Apteni Penicillina-albumina (ipersensibilità

Dettagli

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo 1 Categorie di reazioni ai cibi reazioni immunologiche mediate da anticorpi IgE

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

DIABETE MELLITO DISORDINE CRONICO DEL METABOLISMO DEI CARBOIDRATI CHE DETERMINA ALTERAZIONI ANCHE NEGLI ALTRI METABOLISMI

DIABETE MELLITO DISORDINE CRONICO DEL METABOLISMO DEI CARBOIDRATI CHE DETERMINA ALTERAZIONI ANCHE NEGLI ALTRI METABOLISMI DIABETE MELLITO DISORDINE CRONICO DEL METABOLISMO DEI CARBOIDRATI CHE DETERMINA ALTERAZIONI ANCHE NEGLI ALTRI METABOLISMI CARATTERIZZATO DA: IPERGLICEMIA STABILE GLICOSURIA PREDISPOSIZIONE A COMPLICANZE

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario 1 Il sistema immunitario COMPONENTI MOLECOLARI E CELLULARI. Meccanismi e caratteristiche delle risposte immunitarie; Risposte umorali e cellulari; Teoria della selezione clonale; Versatilità, specificità

Dettagli

Farmacologia Clinica Università degli Studi di Cagliari, ASL8

Farmacologia Clinica Università degli Studi di Cagliari, ASL8 Gli ACE-inibitori rappresentano la prima classe di farmaci introdotta nella pratica clinica in grado di modulare la funzione del Sistema Renina Angiotensina (SRA) e attualmente considerati un caposaldo

Dettagli

Elementi di immunologia

Elementi di immunologia Elementi di immunologia La guarigione è una questione di tempo, tuttavia è a volte anche una questione di fatalità Ippocrate, 460-377 a.c. Complesso.. Naturalmente il sistema immunitario è complesso. Se

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Nuove frontiere: la terapia enzimatica

Nuove frontiere: la terapia enzimatica 23 Febbraio 2008 INCONTRO PKUINSIEME Nuove frontiere: la terapia enzimatica Elisabetta Salvatici Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo, Università degli Studi di Milano Nuovi sviluppi nella terapia delle

Dettagli

IMMUNITA = CAPACITA DI DIFENDERSI (particolarmente sviluppata nei Mammiferi)

IMMUNITA = CAPACITA DI DIFENDERSI (particolarmente sviluppata nei Mammiferi) SISTEMA IMMUNITARIO INSIEME DI ORGANI E CELLULE CHE CONTRIBUISCONO ALLA RISPOSTA IMMUNITARIA: capacità di conoscere le proprie cellule (self) e di riconoscere come estranee le cellule di un altro organismo

Dettagli

Farmaci Antineoplastici Generalità

Farmaci Antineoplastici Generalità Farmaci Antineoplastici Generalità Con il termine chemioterapia, si intende in una terapia medica capace di distruggere una popolazione cellulare. Le probabilità di successo di una chemioterapia, saranno

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA POLIMORFISMI DEL RECETTORE DEL FRAMMENTO COSTANTE DELLE IMMUNOGLOBULINE G ED EFFICACIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA POLIMORFISMI DEL RECETTORE DEL FRAMMENTO COSTANTE DELLE IMMUNOGLOBULINE G ED EFFICACIA 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di ricerca in Fisiopatologia Sistemica Ciclo XX POLIMORFISMI DEL RECETTORE DEL FRAMMENTO COSTANTE DELLE IMMUNOGLOBULINE G ED EFFICACIA CLINICA DEL TRATTAMENTO

Dettagli

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente!

LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI. più precisamente! LEUCEMIE tessuto ematopoieitico MIELOMI più precisamente! TUMORI EVOLUZIONE E SELEZIONE CLONALE Cambiano: Velocita proliferazione Velocità di mutazione Stabilità genetica Attività telomerasica Vantaggi

Dettagli

Immunologia dei tumori

Immunologia dei tumori Immunologia dei tumori Il sistema immunitario tende ad eliminare tutto quanto è antigenico. I tumori sono antigenici? Ovvero: Il sistema immunitario serve a difendere l ospite dal tumore? Possiamo utilizzare

Dettagli

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica Milano, 20 novembre 2015 Dott. Massimo Castoldi Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Medicina di precisione La transizione verso l'era della

Dettagli

Valutazione della tossicità dei farmaci

Valutazione della tossicità dei farmaci Valutazione della tossicità dei farmaci IT = IT DL50 ED50 maggiore sicurezza del farmaco Studi di tossicologia Definire la minima dose che produce effetti tossici e la massima che non induce alcun effetto,

Dettagli

Le terapie immuno-oncologiche

Le terapie immuno-oncologiche Le terapie immuno-oncologiche Le terapie immuno-oncologiche Il sistema immunitario è da tempo al centro dell attenzione dei ricercatori per capire il modo in cui interagisce con le cellule tumorali e,

Dettagli

Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori. Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano

Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori. Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano Danni al DNA e cancro Le cellule tumorali L importanza della stabilità

Dettagli

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili.

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. 1 I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. I primi sono rappresentati dalle caratteristiche demografiche dei pazienti

Dettagli

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco.

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Svolgono funzioni biologiche di fondamentale importanza e possono

Dettagli