POF ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO Nicola Scarano TRIVENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POF 2014-15. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO Nicola Scarano TRIVENTO"

Transcript

1 POF ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO Nicola Scarano TRIVENTO 1

2 INDICE Introduzione 3 Principi fondamentali dell Istituto.. 4 Priorità dell Istituto 5 Presentazione Dell istituto.. 6 Contesto Socio, culturale ed economico del territorio. 7 Storia dell Istituto.. 8 Iniziative culturali rilevanti. 9 Risorse strutturali e strumentali 12 Popolazione scolastica.. 13 Organigramma 14 Organizzazione: Scuola dell Infanzia.. 16 Scuola Primaria.. 17 Scuola Secondaria di 1 grado.. 19 Scuola Secondaria di 2 grado.. 22 Inclusivita.. 25 Mappa Ordinamento Scolastico.. 31 Finalita educative e strategie didattiche. 32 Valutazione degli apprendimenti e del servizio offerto.. 39 Curricoli.. 55 Competenze In Uscita Di Ciascun Ordine Di Scuola.. 57 Ampliamento dell offerta formativa 58 Validità dell anno scolastico.. 63 Continuita e Orientamento.. 64 Viaggi di istruzione. 67 Piano di formazione. 68 Piano Annuale Attivita.. 69 Allegati Pof: 69 Regolamenti D istituto 2

3 Quando insegni, insegna allo stesso tempo a dubitare di ciò che insegni José Ortega y Gasset INTRODUZIONE Nell anno scolastico , l Istituto Omnicomprensivo Nicola Scarano di Trivento inizia il percorso legato alla razionalizzazione della spesa delle amministrazioni pubbliche, che vede riunite quattro tipologie di scuola: Infanzia, Primaria, Secondaria di primo grado e Secondaria di secondo grado. Viene così a delinearsi una nuova dimensione scolastica, ampia ed articolata, con una notevole ricchezza di storie umane, professionali, culturali, costruite nel tempo; una realtà certamente assai complessa, ma ricca di potenzialità. Per questo è necessario organizzare un progetto formativo con maggiori spazi di flessibilità, una migliore integrazione delle risorse professionali, finanziarie e strumentali. Sarà possibile ripensare un contesto maggiormente adeguato per concretizzare, in modo nuovo e significativo, la continuità tra i diversi ordini di scuola e con il territorio. 3

4 PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ISTITUTO L offerta formativa del nostro Istituto si ispira ai seguenti principi fondamentali: Centralità dell alunno nelle sue dimensioni affettive, cognitive e relazionali Uguaglianza, intesa come pari opportunità per tutti gli alunni Valorizzazione delle diversità: le diversità individuali sono una ricchezza per la collettività Inclusione: la scuola è una comunità accogliente nella quale tutti gli alunni, a prescindere dalle loro diversità, possano realizzare esperienze di crescita individuale e sociale Personalizzazione e individualizzazione dell azione didattica: ogni alunno ha il diritto di sviluppare le proprie potenzialità con le modalità per lui più idonee Rispetto: il rispetto di sé e degli altri è alla base della convivenza civile Collaborazione con le famiglie attraverso un dialogo continuo e un informazione tempestiva e trasparente sull andamento didatticodisciplinare dei propri figli Libertà di insegnamento nel rispetto della libertà di scelta delle famiglie e del diritto all istruzione degli alunni Imparzialità, trasparenza, efficienza e regolarità del servizio scolastico 4

5 PRIORITÀ DELL ISTITUTO Costruire un identità comune della scuola Potenziare la continuità educativa, metodologica e didattica fra i vari ordini di scuola, affinché l iter formativo degli alunni sia unitario e coerente Migliorare la qualità dell offerta formativa e utilizzare metodologie e strumenti innovativi per promuovere il successo formativo di ciascun alunno Organizzare e consolidare l attività formativa basata sull inclusività, sulla solidarietà, sull accoglienza e sul rispetto della diversità, intesa come valore positivo e di arricchimento Promuovere le eccellenze, favorendo le attività di potenziamento e approfondimento Realizzare attività di recupero e sostegno che mirano a colmare le lacune evidenziate dagli allievi in relazione al raggiungimento di obiettivi cognitivi e allo sviluppo di competenze e capacità Sostenere gli alunni con bisogni educativi speciali, utilizzando strumenti, metodologie e strategie adeguati Sviluppare il senso di appartenenza alla comunità e al territorio attraverso attività che coinvolgano enti locali, associazioni, ecc Migliorare la qualità dell insegnamento attraverso l attività di formazione e aggiornamento costanti Migliorare la comunicazione, la trasparenza, l efficacia e l efficienza del servizio attraverso il potenziamento delle TIC nella didattica e nell amministrazione scolastica 5

6 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO Le scuole dell istituto Omnicomprensivo Nicola Scarano sono distribuite nei comuni di Trivento (centro e agro), Roccavivara e Salcito. TRIVENTO CAP. Via Acquasantianni TRIVENTO MONTAGNA C.da Montagna ROCCAVIVARA P.zza Portella SALCITO Via XXIV Maggio, n 2 Tel Tel Tel Tel SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO NICOLA SCARANO TRIVENTO SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO TRIVENTO Via Acquasantianni Tel ROCCAVIVARA Via G. Marconi Tel LICEO SCIENTIFICO TRIVENTO Via Acquasantianni SCUOLA PRIMARIA Tel TRIVENTO CAP. Largo Calvario TRIVENTO MONTAGNA C.da Montagna ROCCAVIVARA Via G. Marconi SALCITO Via XXIV Maggio n 2 Tel Tel Tel Tel

7 CONTESTO SOCIO, CULTURALE ED ECONOMICO Trivento é un piccolo centro dell entroterra molisano che conta circa cinquemila abitanti. Si può raggiungere da Campobasso, da cui dista 45 km, o dalla strada Trignina, che s'innesta sulla Statale Adriatica nei pressi di S. Salvo. I comuni limitrofi di Roccavivara e Salcito hanno popolazione inferiore ai mille abitanti e territori poco estesi. La realtà abitativa di Trivento è caratterizzata da un forte decentramento nell esteso agro per cui l economia è a prevalente vocazione agricola. La cultura di Trivento, legata anche alla presenza della curia Vescovile, si connota per la storica esistenza di Istituzioni scolastiche. Il monumento più significativo della città di Trivento è la Cattedrale intitolata ai Santi Patroni Nazario, Celso e Vittore, edificata, come tradizione recita, su un antico tempio pagano della dea Diana. All'interno della chiesa, sul lato destro, un antico graffito ricorda la data di consacrazione del tempio cristiano:1076. La struttura, divisa in tre navate, oggi, dopo ripetuti interventi di restauro, si presenta in stile neoclassico baroccheggiante. Dalle navate laterali si accede al vero gioiello della struttura: la cripta, risalente al XI e XII secolo, divisa in sette navatelle longitudinali e in tre trasversali, con archi a tutto sesto e con volte a crociera sorrette da colonne e pilastri. Affreschi di notevole fattura e opere di ottimo pregio impreziosiscono il tempio più importante della diocesi di Trivento. Nel comune di Roccavivara, lungo la fondovalle del Trigno, si erge maestoso il complesso del Santuario della Madonna del Canneto: la chiesa attuale risale al XII secolo, ma la zona risulta abitata sin dall'epoca romana, come testimoniano gli scavi effettuati da cui emergono i resti di un'antica villa romana e di un'azienda agricola. L'attuale chiesa fu edificata dai monaci benedettini di Montecassino, i quali rimasero a Canneto fino al Sulla parte destra della chiesa una notevole torre campanaria segnala al passante la presenza del luogo di culto. L'interno, a tre navate, è diviso da pilastri e colonne e presenta capitelli di pregiatissima fattura, così come di grande interesse artistico risultano l'ambone-pulpito e le altre pregevoli opere presenti all'interno. Nel territorio sono presenti figure professionali numerose e varie, forme di associazionismo e servizi sanitari, sociali e commerciali. 7

8 STORIA DELL ISTITUTO Il Circolo Didattico di Trivento inizialmente comprendeva i Comuni di Trivento, Salcito, Roccavivara, Pietracupa, San Biase. Attraverso gli anni, a causa di ristrutturazioni legate alla viabilità e alle condizioni atmosferiche avverse, ha subito contrazioni e allo stato attuale comprende solo tre Comuni: Trivento, Roccavivara e Salcito. Il numero delle Scuole Primarie presenti nell agro di Trivento, si è via via ridotto a causa del calo demografico;; invece si è registrato un incremento delle Scuole dell Infanzia statali. La Scuola Secondaria di primo grado (ex scuola media) vantava negli anni 60 numerose sezioni il cui numero, attualmente è notevolmente ridotto. Negli anni passati sul territorio erano presenti l Istituto Magistrale, che ha formato numerose generazioni di maestri, l Istituto Tecnico per Geometri e l Istituto Agrario;; nell anno nasce il liceo scientifico tecnologico, come indirizzo sperimentale. L Istituto Comprensivo di Scuola Secondaria di I e II grado nasce, invece, nel 2002 e accoglie nelle sue strutture, costituite da tre edifici scolastici (due a Trivento e uno nella sede staccata a Roccavivara). Il liceo delle Scienze Applicate (L. S. S. A.), nato nel con la riforma dei licei, ha sostituito l indirizzo tecnologico. 8

9 INIZIATIVE CULTURALI RILEVANTI SCUOLE PRIMARIE E DELL INFANZIA TIPO DI INIZIATIVA Progetto Leader Progetto Europa Poesia a.s Pubblicazione (le Ricette della nonna) a. s Pubblicazione lavoro multimediale in GOLD a.s e Twinning a.s Quality Label I giovani incontrano la Shoah a.s Matematica senza frontiere a.s. 2007/2008 Rinnovo laboratorio multimediale: Finanziamento PON a.s. 2007/2008 e Twinning- a.s. 2007/2008 Certificato di Qualità Europeo Concorso Celestino V - a.s. 2009/2010 Pubblicazione Storie dei nonni a favore dei bambini del Kenia Certificazione Qualità ISO Progetto di sperimentazione 2.0 finanziato nell anno scolastico 2010/2011 Progetto Regionale Aree a rischio anni scolastici 2010/ /12 EDUTECH Salone della Scuola Digitale 28 marzo 2012 Presentazione dell ipertesto ALLA SCOPERTA DELLA CIVILTÀ EGIZIA Progetto di sperimentazione 2.0- finanziato nell anno scolastico ENTE ORGANIZZATORE IRRSAE Comunità Europea Concorso Valeria Edizioni Enne MIUR MIUR MIUR MIUR UE MIUR Tutte le diocesi molisane Onlus FOR LIFE Certieuro (Organismo di Certificazione di Sistemi e Prodotti) MIUR Regione Molise Città della Scienza (NA) MIUR- Regione Molise 9

10 SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO TIPO DI INIZIATIVA a.s. 2005/2006 Giornalino A spasso nel tempo per Roccavivara a.s. 2006/2007 Laboratorio di latino gli dei romani a.s. 2006/2007 Progetto Charles Dickens Project a.s. 2007/2008 Le minoranze linguistiche nella Costituzione italiana ENTE ORGANIZZATORE Scuola Secondaria di I grado Scuola Secondaria di I grado Scuola Secondaria di I grado Scuola Secondaria di I grado a.s. 2006/2007 Laboratorio di giornalino: guida turistica di Trivento a.s. Alcuni aspetti di Giuseppe Garibaldi che i libri di storia non riportano a.s. 2008/2009 Calendario 2009 Roccavivara a.s. 2009/2010 Il Futurismo concorso letterario Scuola Secondaria di I grado Scuola Secondaria di I grado Scuola Secondaria di I grado Scuola Secondaria di I grado a.s. 2009/2010 Concorso: credenze, leggende e fatti storici del territorio molisano (I premio ex-aequo Classe II A) a.s. 2008/2009 a.s. 2009/2010 a.s. 2010/2011 a.s. 2011/2012 Concorso Cantori di storie Concorso Admo Scuola Secondaria di I grado Scuola Secondaria di I grado Regione Molise a.s. 2010/2011 Concorso I colori della vita USR a.s. 2011/2012 Scuola strumento di pace. I premio dedicato a Luigi Petacciato USR 10

11 SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO TIPO DI INIZIATIVA Progetto Comenius Olimpiadi di Matematica a squadre II classificati Fase regionale e qualificazione Fase Nazionale Cesenatico Organizzazione concorso letterario Cantori di storie Progetto Aree a rischio Partecipazione I edizione premio Bovaianum e premio come Migliori interpreti Progetto Aree a rischio Partecipazione e primi classificati nella II edizione premio Bovaianum Progetto Aree a rischio TGgiovani Redazione di una sezione del volume Identità molisana e Unità d Italia: frammenti di storia Progetto Aracne Corsi di eccellenza LEC ENTE ORGANIZZATORE European Commission EACEA UMI MIUR MIUR MIUR Comitato Interministeriale per il 150 anniversario Unità d Italia UNIMOL UNIMOL 11

12 RISORSE STRUTTURALI E STRUMENTALI DELL ISTITUTO RISORSE STRUTTURALI Spazi interni ed esterni adeguati,in buono stato di conservazione. Presenza di spazi interni ed esterni per le attività motorie. Spazi adibiti a laboratori: multimediale, logico, grafico-pittoricoplastico. RISORSE STRUTTURALI Spazi interni ed esterni adeguati, in buono stato di conservazione. Presenza di spazi interni ed esterni per le attività di Educazione fisica. Il servizio mensa è effettuato in spazi dedicati. Sono presenti: - aule/laboratorio di informatica e aula informatica di ultima generazione - Angoli di biblioteca e biblioteca alunni e docenti SCUOLE DELL INFANZIA RISORSE STRUMENTALI Computers stampante fotocamera fotocopiatore tv, videoproiettore lettore cd e dvd videoregistratore SCUOLE PRIMARIE RISORSE STRUMENTALI - Lim e notebook per piccoli gruppi in tutte le classi - Tablet per un intera classe - Tv - Fotocamere e videocamere digitali - Stampanti di rete - Fotocopiatore SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO RISORSE STRUTTURALI Spazi interni ed esterni adeguati, in buono stato di conservazione. Palestra Aula di informatica Auditorium Biblioteca Aule con LIM Tv Stereo RISORSE STRUMENTALI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO RISORSE STRUTTURALI Spazi interni ed esterni adeguati, in buono stato di conservazione e ristrutturati con criteri antisismici. Laboratorio d informatica Laboratorio scientifico Aula LIM Aula video Biblioteca Palestra e auditorium siti nell edificio della Scuola Sec. di 1 RISORSE STRUMENTALI LIM Computer (postazioni fisse e mobili) TV, videoregistratore e lettore DVD Stampanti Fotocopiatore Fotocamera e videocamera digitale 12

13 POPOLAZIONE SCOLASTICA Scuola dell Infanzia Plesso Alunni Sezioni Trivento cap Trivento 12 1 Montagna Roccavivara 13 1 Salcito 10 1 tot Scuola Primaria Plesso Alunni Classi Trivento cap Trivento Montagna pluriclassi Roccavivara 27 2 pluriclassi Salcito 11 1 pluriclasse tot Scuola Secondaria di 1 grado Plesso Alunni Classi Trivento cap Roccavivara pluriclasse tot Scuola Secondaria di 2 grado Plesso Alunni Classi Trivento cap tot Istituto Omnicomprensivo Totale Alunni classi/sezioni

14 ORGANIGRAMMA RSU - RSL COMMISSARIO STRAORDINARIO Quici Armando D.S.G.A. Martino Angiola COLLABORATORI DEL D.S. DIRIGENTE SCOLASTICO Scrascia Rosanna Molinaro Paola A. COORDINATORI DI PLESSO Torrisi Giovanni REFERENTE BES Infanzia Trivento Petrossi Anna D Onofrio Elisa Primaria Trivento Molinaro Paola A. FUNZIONI STRUMENTALI Infanzia Primaria Montagna La Guardia Maria Cristina E COMMISSIONI Infanzia Roccavivara Fiore Lucia Area 1 Pandolfo Rosina Scarano Federica Area 2 Evangelista Maria Area 3 Marco Rosina Area 4 Ciobanu Madalina Fracasso Candida Primaria Roccavivara Sebastiano Rocco Tommaso Infanzia Primaria Salcito Meffe Paola Commissione POF Commissione Continuità e Orientamento Secondaria 1 grado Trivento Torrisi Giovanni Commissione Invalsi Commissione Viaggi di istruzione Commissione Ampliamento O. F. Second. 1 grado Roccavivara Prudente Maria Grazia.. Secondaria 2 grado Trivento Scarano Serena 14

15 ORGANIGRAMMA PERSONALE ATA AREA ALUNNI D'Abate Lorena C. Vasile Maria Carmela ASSISTENTI AMMINISTRATIVI AREA PERSONALE Marcantonio Cecilia Quaranta Luciano DSGA Martino Angiola AREA AMMINISTRATIVA E CONTABILE Porfirio Elena ASSISTENTE TECNICO LABORATORIO FISICA E CHIMICA Loredana Iacampo COLLABORATORI SCOLASTICI N 18 unità distribuite nei diversi plessi 15

16 COORDINATORE DI INTERSEZIONE Ins. Petrossi Anna COORDINATORE PER IL SOSTEGNO Ins. Florio Daniela QUADRO ORARIO DI FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA PLESSO ORARIO Trivento cap. h Montagna h Roccavivara h Salcito h RAPPORTI SCUOLA/FAMIGLIA GIORNO 07/10/2014 martedì 02/12/2014 martedì ORARIO Trivento e Roccavivara Ore Montagna e Salcito Ore Trivento e Roccavivara Ore Montagna e Salcito Ore MOTIVO DELL INCONTRO Dati profilo iniziale Andamento educativo didattico SCUOLA DELL INFANZIA 10/02/2015 martedì 05/05/2015 martedì Trivento e Roccavivara Ore Montagna e Salcito Ore Trivento e Roccavivara Ore Montagna e Salcito Ore Andamento educativo didattico Dati finali Ulteriori incontri individuali su richiesta dei docenti o dei genitori 16

17 COORDINATORI DI INTERCLASSE PLESSO CLASSI DOCENTI Trivento cap. 1ª A e 1ª B Ins. Vasile Giuseppina 2ª A e 2ª B Ins. Pandolfo Rosina 3ª A e 3ª B Ins. Porfirio Maria Giovanna 4ª A e 4ª B Ins. Scarano Maria 5ª A e 5ª B Ins. Prioletto Maria Teresa Trivento Montagna Ins. La Guardia Maria Cristina Roccavivara Ins. Sebastiano Rocco Tommaso Salcito Ins. Meffe Paola COORDINATORE PER IL SOSTEGNO Ins. Florio Daniela SCUOLA PRIMARIA QUADRO ORARIO DI FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA PLESSO MONTE ORE ORARIO Trivento cap. h 30 h per 6 gg settimanali Montagna h 30 h per 6 gg settimanali Roccavivara h 40 (tempo pieno) h per 5 gg settimanali Salcito h 30 h per 6 gg settimanali 17

18 DISTRIBUZIONE ORE/MATERIE ORARIO DISCIPLINE cl1 cl2 cl3 cl4 cl5 Tempo scuola 30h 40 h 30 h 40 h 30 h 40 h 30 h 40 h 30 h 40 h Italiano Lingua Inglese Storia Geografia Matematica Scienze Musica Arte E Immagine Educazione Fisica Tecnologia R.C Attività opzionali per le 30 ore /mensa per le 40 ore RAPPORTI SCUOLA/FAMIGLIA GIORNO ORARIO MOTIVO DELL INCONTRO 24/11/2014 lunedì 04/02/2015 mercoledì Ore Ore Andamento educativo didattico e comunicazione risultati di apprendimento Comunicazione dati di valutazione intermedia SCUOLA PRIMARIA 17/04/2015 venerdì Ore Andamento educativo didattico e comunicazione risultati di apprendimento Giugno Come da calendario adempimenti finali Consegna documento di valutazione Ulteriori incontri individuali su richiesta dei docenti o dei genitori 18

19 COORDINATORI DI CLASSE Corso A Corso B Corso C Corso D I Fochitto Mariantonietta I Garofalo Alessandra I Fiorito Maria I/II Prudente Maria Grazia II Scarano Federica II De Benedictis Antonietta / / III Marco Rossella III Giancola Angelo III Fiorito Maria III Di Carlo COORDINATORI PER IL SOSTEGNO Prof.ssa D Onofrio Elisa QUADRO ORARIO DI FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA PLESSO MONTE ORE ORARIO Trivento cap. h 30 h per 6 gg settimanali Roccavivara h 30 h per 6 gg settimanali DISTRIBUZIONE ORE/MATERIE Discipline Religione 1 Italiano 5 Storia e Geografia 4 Prima lingua Straniera: inglese 3 Seconda lingua: francese o spagnolo 2 Scienze e Matematica 6 Tecnologia 2 Arte 2 Musica 2 Scienze motorie 2 Approfondimento linguistico 1 TOTALE 30 Ore di lezione SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO 19

20 RAPPORTI SCUOLA/FAMIGLIA Sono previsti due incontri pomeridiani annuali oltre a ricevimenti quindicinali mattutini. CALENDARIO INCONTRI CON I GENITORI INCONTRI DATA ORARIO CLASSI I 18/12/ :30-17:30 TUTTE II 30/03/ :30-17:30 TUTTE RICEVIMENTO SETTIMANALE I docenti ricevono i genitori durante le settimane e nelle ore indicate nei prospetti in calce. In caso di particolari urgenze o necessità i docenti possono essere contattati anche al di fuori di tale orario, previo appuntamento telefonico. MESE SETTIMANE DI RICEVIMENTO Settimana dal.al ottobre 2014 dal 20 ottobre al 25ottobre 2014 novembre 2014 dal 3 novembre al 8 novembre 2014 novembre 2014 dal 17 novembre al 22 novembre 2014 dicembre 2014 dal 1 dicembre al 6 dicembre 2014 gennaio 2015 dal 12 gennaio al 17 gennaio 2015 febbraio 2015 dal 3 febbraio al 14 febbraio 2015 febbraio 2015 dal 23 febbraio al 28 febbraio 2015 SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO marzo 2015 dal 9 marzo al 14 marzo 2015 aprile 2015 dal 13 aprile al 18 aprile 2015 maggio 2015 dal 4 maggio al 9 maggio 2015 N.B.: il ricevimento si conclude il 10 maggio

21 Orario ricevimento docenti scuola secondaria di I grado Trivento Docenti Materia lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato BERTA Musica 11:30-12:30 DE FELICE Lettere 9:30-10:30 FIORITO Lettere 11:30-12:30 GUGLIELMI Religione 9:30-10:30 LOLLI Arte 11:30-12:30 MARCO Lettere 10:30-11:30 MOLINARO Scienze M. 10:30-11:30 FRANCESCHELLI Lettere 9:30-10:30 SCARANO Spagnolo Inglese 10:30-11:30 PORFIRIO Tecnologia 10:30-11:30 DE BENEDICTIS Inglese 11:30-12:30 GIANCOLA Matematic a 10:30-11:30 SERPONE Francese 9:30-10:30 TORRISI Matematic a GAROFALO Lettere 10:30-11:30 11:30-12:30 SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Per quanto riguarda i docenti di sostegno ( proff. CRNOBORI, D ONOFRIO, FOCHITTO M.A., MNACINI, MARIANACCI, PALUMBO, SACCHETTA, SFORZA ) il ricevimento sarà concordato con le famiglie. 21

22 COORDINATORI DI CLASSE Liceo Scientifico opzione delle Scienze Applicate TRIVENTO I A prof.ssa Madalina Ciobanu Liceo delle scienze applicate II A prof.ssa Maria Pasqualina Evangelista Liceo delle scienze applicate III A prof ssa Michelina Di Rienzo Liceo delle scienze applicate IV A prof. ssa Daniele Muccilli Liceo delle scienze applicate V A prof.ssa Serena Scarano Liceo delle scienze applicate V B prof.ssa Candida Tomasina Fracasso Liceo delle scienze applicate COORDINATORE PER IL SOSTEGNO Prof.ssa Petti Michela QUADRO ORARIO DI FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA IA, IIA del liceo delle Scienze Applicate, monte ore sett.: 27 IIIA, IVA, VA, VB del liceo delle Scienze Applicate, monte ore sett. 30 DISTRIBUZIONE ORE/ MATERIE Attività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti Orario settimanale e annuale Lingua e letteratura italiana Lingua e cultura straniera Storia e Geografia 3 3 Storia Filosofia Matematica Informatica Fisica Scienze naturali* Disegno e storia dell arte Scienze motorie e sportive Religione cattolica o Attività alternative Totale ore settimanali * Biologia, Chimica, Scienze della Terra Totale ore annuali SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO N.B. È previsto l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o 22

23 nell area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato. RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA CALENDARIO INCONTRI CON I GENITORI INCONTRI DATA ORARIO CLASSI I 26/11/ :30-17:30 TUTTE II 09/04/ :30-17:30 TUTTE RICEVIMENTO SETTIMANALE I docenti ricevono i genitori durante le settimane e nelle ore indicate nei prospetti. In caso di particolari urgenze o necessità i docenti possono essere contattati anche al di fuori di tale orario, previo appuntamento telefonico. MESE SETTIMANE DI RICEVIMENTO Settimana dal.al ottobre 2014 dal 20 ottobre al 25ottobre 2014 novembre 2014 dal 3 novembre al 8 novembre 2014 novembre 2014 dal 17 novembre al 22 novembre 2014 dicembre 2014 dal 1 dicembre al 6 dicembre 2014 gennaio 2015 dal 12 gennaio al 17 gennaio 2015 febbraio 2015 dal 3 febbraio al 14 febbraio 2015 febbraio 2015 dal 23 febbraio al 28 febbraio 2015 SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO marzo 2015 dal 9 marzo al 14 marzo 2015 aprile 2015 dal 13 aprile al 18 aprile 2015 maggio 2015 dal 4 maggio al 9 maggio 2015 N.B.: il ricevimento si conclude il 10 maggio

24 Orario ricevimento docenti scuola secondaria di II grado Trivento Docenti Materia lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato AGOSTINELLI Sostegno Il ricevimento è concordato con la famiglia CICCARONE Mat. Fisica 09:30-10:30 CIOBANU Informatica 09:30-10:30 COCCA Sostegno Il ricevimento è concordato con la famiglia D OVIDIO Religione 09:30-10:30 DI IORIO Mat. Fisica 09:30-10:30 DI NUNZIO Filosofia 10:30-11:30 DI RIENZO Inglese 11:30-12:30 EVANGELISTA Sc. naturali 11:30-12:30 FRACASSO Lettere 11:30-12:30 IALENTI Sostegno Il ricevimento è concordato con la famiglia LALLA Sostegno Il ricevimento è concordato con la famiglia LUPO Sostegno Il ricevimento è concordato con la famiglia MUCCILLI Lettere 10:30-11:30 OCCHIONERO Sostegno Il ricevimento è concordato con la famiglia PETTI Sostegno Il ricevimento è concordato con la famiglia SANTORELLI Sc. motorie 09:30-10:30 SCARANO Sc. naturali 10:30-11:30 TARTAGLIA Sostegno Il ricevimento è concordato con la famiglia SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO ZOLLO Disegno 10:30-11:30 24

25 INCLUSIVITA - BES SCUOLA COME SEDE DI CULTURA INCLUSIVA Nella Direttiva del 27/12/2012 Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica, viene ribadito che l area dello svantaggio scolastico va oltre le problematiche della disabilità. In ogni classe ci sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse. Il contesto scolastico, quindi, si pone al centro del processo inclusivo nelle pratiche di individuazione dei bisogni educativi dei propri alunni, nelle didattiche e nelle metodologie inclusive. L inclusione corrisponde, così, all accoglienza con l intento di realizzare attività di apprendimento in cui tutti possano dare il proprio contributo, con diversi livelli di approfondimento partendo dalle differenti forme d intelligenza e di abilità, migliorando se stessi e il sapere personale, aiutando gli altri, in una dimensione collaborativa. E importante attivare procedure con finalità inclusive così come viene ribadito anche nelle Indicazioni nazionali per il curricolo : valorizzazione delle forme di diversità; valorizzazione della ricchezza culturale e linguistica di alunni di origine non italiana; presa in carico di tutti gli alunni che presentano qualsiasi difficoltà; ricorso a modalità didattiche particolarmente attente ad introdurre tecniche o tecnologie facilitanti; promozione delle diverse forme di apprendimento collaborativo, dal cooperative learning,al tutoring, all apprendimento tra pari ecc.;; modalità d accoglienza e promozione di un percorso inclusivo per gli alunni di origine culturale e geografica diversa; personalizzazione degli apprendimenti e ricerca di strategie efficacemente inclusive; promozione di un alleanza educativa con i genitori;; ricorso alle risorse del territorio ( Comune, enti che operano sul posto, Asrem, ecc.) per migliorare l inclusione. 25

26 Dalla direttiva del 27 dicembre ogni alunno, in continuità o per determinati periodi, può manifestare Bisogni Educativi Speciali: o per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta. B.E.S. ALUNNI STRANIERI 26

27 ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Per garantire l integrazione e l inclusione degli alunni diversamente abili, la Scuola ha calibrato la sua organizzazione su un utenza di alunni speciali nella prospettiva di essere attenti ai bisogni di ciascuno, accettare le diversità e valorizzarle come arricchimento non solo per le classi di appartenenza, ma per tutta la Scuola. AMBIENTE FAVOREVOLE Collaborazione tra docenti di sostegno e curriculari Collaborazione tra consigli di classe Presenza di assistenti per l autonomia Assenza di barriere architettoniche ANALISI DEI BISOGNI Individuazione delle abilità carenti e delle potenzialità di recupero, per rispondere concretamente alle esigenze della varietà e gravità delle tipologie Attivazione del GLHI e operatività del GLHO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI VERIFICA E VALUTAZIONE PERSONALIZZATE PROGRAMMAZIONE DEI PERCORSI INDIVIDUALI DI APPRENDIMENTO (PEI) Aree di intervento: area psicomotoria area socio -affettiva area cognitiva METODOLOGIE DIFFERENZIATE Attività e organizzazione didattica coordinate con l intervento degli specialisti Rispetto dei tempi, dei ritmi e degli stili cognitivi di apprendimento di ognuno Attività varie e creative, individuali, di gruppo e di classe Utilizzo di materiale strutturato e occasionale, software didattici, risorse multimediali Attività d Istituto (attività sportive, viaggi d istruzione, ecc.) 27

28 ALUNNI CON DSA La scuola, in ottemperanza a quanto previsto dalla Legge Regionale 8 Gennaio 2010, n 1 e della Legge 8 ottobre 2010, n 170, in materia di accoglienza e integrazione degli alunni con Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA), si confronta con tale problematica per ampliare le conoscenze di ordine pedagogico e didattico e si impegna: A individuare e segnalare con tempestività alle famiglie casi di difficoltà di apprendimento; Ad attuare i necessari interventi pedagogico-didattici per il successo formativo degli alunni e degli studenti con DSA; Ad attivare percorsi di didattica individualizzata e personalizzata, esplicitandoli nel PDP/PEP; A impiegare strumenti compensativi e misure dispensative; A privilegiare l espressione orale per consentire al discente di esprimere le sue competenze al meglio nel caso della lingua straniera; A valutare le prestazioni scolastiche secondo modalità che consentano al DSA di dimostrare effettivamente il livello di apprendimento raggiunto, mediante l applicazione di misure che determinino le condizioni ottimali per l espletamento della prestazione da valutare, riservando particolare attenzione alla padronanza dei contenuti disciplinari a prescindere dagli aspetti legati all abilità deficitaria. 28

29 ALUNNI STRANIERI La scuola crea un ambiente favorevole all accoglienza e all inclusione degli alunni stranieri iscritti attraverso le seguenti azioni: Rilevazione dei bisogni specifici di apprendimento e attivazione di corsi di alfabetizzazionelingua 2 Strutturazione di percorsi adeguati alle competenze dell alunno Programmazione individualizzata, per la redazione del Piano di Studio Personalizzato o per la documentazione delle strategie di intervento personalizzato Individuazione di modalità di semplificazione e facilitazione linguistica per ogni disciplina o campo d esperienza Uso di materiali visivi, musicali e grafici Metodologia laboratoriale Attenzione al clima relazionale Promozione di attività di piccolo gruppo per favorire l integrazione nella classe/sezione Individuazione di compagni di classe tutor Programmazione di attività interculturali rivolte a tutti alunni 29

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione

PAI Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli