TRASFORMARSI PER USCIRE PIÙ FORTI DALLE DIFFICOLTÀ 1 [ GIOCHIAMO IN ATTACCO ] 2 [ RISULTATI STRAORIDINARI ] 4 [ DIMEZZIAMO TEMPI E COSTI ]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRASFORMARSI PER USCIRE PIÙ FORTI DALLE DIFFICOLTÀ 1 [ GIOCHIAMO IN ATTACCO ] 2 [ RISULTATI STRAORIDINARI ] 4 [ DIMEZZIAMO TEMPI E COSTI ]"

Transcript

1 DOPPIO VALORE IN AZIENDA INTEGRANDO PENSIERO E AZIONE TRASFORMARSI PER USCIRE PIÙ FORTI DALLE DIFFICOLTÀ INDICE 1 [ GIOCHIAMO IN ATTACCO ] 2 [ RISULTATI STRAORIDINARI ] 3 [ INTEGRIAMO PENSIERO E AZIONE ] 4 [ DIMEZZIAMO TEMPI E COSTI ] 5 [ LINEE GUIDA ]

2 [ INTRODUZIONE ] Spesso le crisi segnano l inizio di una nuova epoca che con esse si apre, oltre alla fine dell epoca che con esse si conclude. I nuovi paradigmi nascono proprio dalle crisi che rendono insostenibili i vecchi modelli. La situazione attuale non è, quindi, di per sé una disgrazia ma un occasione per rivedere e migliorare le nostre aziende, per creare un impresa più innovativa, competitiva e produttiva. Occorre giocare in attacco oltre che in difesa, innovando i prodotti, il modello di business, l organizzazione, le relazioni all interno della filiera e del territorio. Come? Innanzitutto superando il confine della singola azienda e coinvolgendo fornitori, clienti, dipendenti e mobilitandoli insieme a centri di ricerca e terziario avanzato. L obiettivo è di raggiungere un posizionamento strategico in grado di creare valore sostenibile nel tempo. Poi si deve affrontare la trasformazione attivando un percorso che assicuri il raggiungimento degli obiettivi prefissati nel più breve tempo possibile. A questo scopo diventa cruciale coinvolgere tutte le persone in modo tale che l aspirazione all autorealizzazione dei singoli possa rappresentare energia utile alla squadra con cui si lavora e all azienda nel suo complesso. Occorre in altri termini unire il pensiero all azione. Il valore della libertà economica è quello di arricchire le relazioni umane e permettere il raggiungimento delle aspirazioni di gruppo e individuali, ma siamo ancora indietro in questa sfida. 1. [ GIOCHIAMO IN ATTACCO ] Imprenditori e top manager mettono in evidenza che l esigenza di cambiamento è oramai forte per la maggior parte delle aziende. Il 77% degli intervistati (vedi fig. 1) ritiene necessario un cambiamento all interno della propria azienda al fine di fronteggiare le nuove sfide. Di questi il 44% sostiene che i cambiamenti in atto potrebbero avere degli effetti profondi all interno delle dinamiche di settore: trasformarsi diventa quindi una necessità. Quale ritiene sia l'effetto della crisi sul suo settore e sulla sua azienda? La crisi non mette a repentaglio l'assetto attuale del mio settore. Per la mia azienda è sufficiente giocare in difesa. 13% La crisi non mette a repentaglio l assetto attuale del mio settore ma, per la mia azienda in particolare, è necessario trovare rapidamente nuovi vantaggi competitivi sostenibili 33% Figura 1: Emerge l esigenza di trasformare l azienda. La crisi probabilmente metterà a repentaglio l assetto attuale del mio settore. E necessaria un attenta valutazione dell evoluzione in atto La crisi sta mettendo a repentaglio l assetto attuale del mio settore. La mia azienda ha urgente bisogno di reinventarsi 2% 42% Altro 7% 1 Fonte: Club Impronte, risposta di 147 imprenditori e manager

3 Il passaggio attraverso una crisi non è di per sé una disgrazia ma rappresenta anche l occasione per rivedere e migliorare le nostre aziende, per creare un impresa più innovativa, competitiva e produttiva. Spesso i nuovi paradigmi nascono proprio dalle crisi che rendono insostenibili i vecchi modelli. Occorre giocare in attacco oltre che in difesa, innovando il modello di business, l organizzazione, i prodotti e le relazioni all interno della filiera e del territorio. Come? Innanzitutto superando il confine della singola azienda e coinvolgendo fornitori, clienti, produttori sostitutivi, nuovi entranti e dipendenti, mobilitandoli insieme a centri di ricerca e terziario avanzato. In secondo creando un organizzazione capace di coniugare luogo, pensiero e l azione, dove al momento valutativo-decisionale corrisponda un azione tempestiva condotta dalle stesse persone. Le aziende sono sistemi viventi Nel corso del XXI secolo seppur iniziato da meno di un decennio le aziende hanno dovuto affrontare problemi nuovi e problemi vecchi che si manifestano più velocemente, quali ad esempio: La libertà delle idee e la conseguente diffusione della conoscenza, che sta progressivamente spostando il potere contrattuale dai produttori ai consumatori che diventano più informati, attenti e capaci di scegliere. L aumento delle reti di valore tra imprese, che lascia alla singola azienda minor spazio di manovra perché i risultati sono il frutto della capacità di interconnettersi e della capacità di negoziare. Pensiamo per un istante ai fenomeni della disintermediazione, dell outsourcing, ai progetti di ricerca condivisi sulla rete, che contribuiscono ad aumentare l efficienza delle organizzazioni ma diminuiscono le variabili controllabili dalle aziende in quanto entità autonome. L eco-sostenibilità. L ambiente è tra i primi punti dell agenda di tutti i principali governi e istituzioni internazionali. Produrre e consumare ad impatto zero significa per alcuni settori attuare un profondo processo di trasformazione che coinvolge tutto il ciclo di vita del prodotto. Pensiamo, ad esempio, agli effetti del pacchetto clima sul settore del cemento, dell acciaio e della ceramica oppure all aumento dei consorzi di privati che acquistano prodotti alimentari a km zero. L accorciamento del ciclo di vita dei prodotti. Oggi la leadership dei settori ed il vantaggio competitivo conquistato dalle aziende si erode ad una velocità superiore rispetto anche solo a qualche decennio fa. Questi elementi di discontinuità richiedono alle aziende di adattarsi al nuovo contesto in cui operano oltre che di aumentare la propria velocità di azione. Le aziende, quindi, devono utilizzare le competenze e la motivazione disponibile a tutti i livelli dell organizzazione per stimolare l innovazione in ogni area aziendale. 2

4 Qual è la vostra visione? Adesso fermatevi per un attimo a guardare dentro la vostra azienda e chiedetevi se quello che state facendo è in linea con la vostra visione del futuro e con il percorso che avete deciso d intraprendere per raggiungerlo. Ora guardate il futuro e cercate di capire se la vostra azienda ha le competenze necessarie per continuare ad avere successo nei prossimi dieci anni. Come saranno organizzate e gestite le aziende vincenti di domani? Quali nuove politiche di management faranno la differenza tra leader e follower? Cosa faranno di nuovo i manager delle aziende migliori rispetto ai loro omologhi di oggi? Che cosa cambierà nel modo di sviluppare le strategie, di gestire i talenti, di allocare le risorse e di misurare le performance? Riuscite a immaginare quali saranno i cambiamenti sostanziali? Non affliggetevi se la vostra risposta è negativa ma piuttosto incominciate a pensare quali trasformazioni si rendono necessarie. Le aziende sono dei sistemi viventi, guidate da uomini e donne attraverso processi definiti e stratificati nel corso del tempo. Di conseguenza devono periodicamente mettersi in discussione, rivedere il proprio percorso e le proprie strategie in modo da mettere in campo tutte le risorse necessarie per raggiungere gli obiettivi e massimizzare la produttività aziendale. C è bisogno di azione La flessibilità e la velocità di adattamento diventano quindi il fulcro della nostra era. Per sfruttare pienamente le opportunità che vengono create dalle odierne discontinuità è necessario che il top-management innovi il modo in cui esercita la propria opera e crei all interno della propria organizzazione la cultura del pensareagire. L innovazione crea un vantaggio competitivo solamente se pensata e attuata nel più breve tempo possibile. In quanto massima espressione della stessa medaglia, pensiero e azione presentano straordinarie convergenze sulle nozioni fondamentali, talvolta espresse con formulazioni diverse, che in ogni caso si lumeggiano a vicenda. Un approccio pragmatico è indispensabile per oltrepassare le ristrettezze dei letteralismi tipici dei vecchi paradigmi poiché non vivificate da istanze che coniugano l aspetto intellettivo e quello contingente. Le aziende devono quindi abbandonare contrapposizioni rigide e qualsiasi riduzionismo unilaterale. Il reale comprende pensiero e atto, entrambi in-formano il reale che in quanto tale non lascia nulla al di fuori di sé. Solo così il processo di trasformazione può diventare l elemento differenziante tra chi resta competitivo e chi si lascia sopraffare da un mondo in rapida evoluzione. L apprendimento del fare Trasformarsi è in un certo senso una filosofia aziendale, uno stile manageriale volto a catturare in ogni momento le possibili evoluzioni del business. Può essere visto come un approccio integrato che coinvolge tutte le aree aziendali, dalla strategia alla finanza, dall organizzazione alla produzione. In ogni processo di trasformazione il focus centrale è la creazione di valore: migliorare l efficienza o le 3

5 condizioni di lavoro hanno come obiettivo ultimo quello di acquistare competitività rispetto al mercato e ai concorrenti attraverso la qualità percepita, la quota di mercato e la produttività. Migliorare l efficacia si dimostra come il modo più adatto per le aziende occidentali di aumentare la produttività del capitale e del lavoro, da quando le aziende dei paesi in via di sviluppo si sono meglio posizionate per assicurare la leadership di costo. Per rendere questa cultura possibile all interno delle aziende è necessario che le persone siano messe in grado di fare e non solo di eseguire. Come un artigiano che pensa e agisce, così l organizzazione che apprende ha bisogno di dipendenti che pensano e agiscono. 2. [ RISULTATI STRAORDINARI ] La motivazione è l energia più forte La motivazione è la forza che spinge ogni comportamento sia che si parli di bisogni istintuali, di potenzialità personali o della realizzazione della propria esistenza. L attenzione alla relazione esistente tra motivazione delle persone e lavoro svolto e da svolgere, ha spinto ad adottare soluzioni organizzative sempre più evolute per assicurare la migliore esecuzione dei compiti assegnati. Dapprima le motivazioni sono state individuate specificatamente in rapporto all interesse economico individuale, successivamente sono state considerate le motivazioni come espressione delle relazioni all interno di un contesto sociale, mentre oggi si pone attenzione all importanza dell autorealizzazione e alla connessione che essa ha con il lavoro svolto. Si è passati dal bastone del 1700, in pieno sviluppo industriale, legato alla concezione che ogni lavoratore persegue il massimo vantaggio economico individuale con il minimo sforzo, alla carota del secolo scorso, fatta di piani di carriera, titoli più o meno altisonanti, premi al miglior dipendente e così via, in modo da gratificare l individuo perché accettato e riconosciuto dal suo ambiente sociale. Maslow e la scala di bisogni da lui proposta ci ricordano che un bisogno soddisfatto cessa di essere motivante, e un bisogno non appare come motivante se non sono soddisfatti i bisogni di livello inferiore. Nella nostra società, perlomeno in quella occidentale, riconosciamo che il bisogno è quello dell autorealizzazione: esprimere se stessi, misurarsi e utilizzare le proprie capacità e potenzialità. E non è un fatto elitario, tanto è vero che è nella figura dell artigiano che progettazione e realizzazione si fondono e si realizza la sintesi tra pensiero e azione. 4

6 Il vantaggio per l azienda L esperienza maturata in molteplici aziende europee e americane con dinamiche culturali a volte poliedriche, e l enorme quantità di dati ed informazioni raccolte, ha portato a definire alcune importanti evidenze empiriche (vedi fig. 2): il 25% della prestazioni di un azienda sono determinate dall organizzazione e dalla cultura e non dal contesto competitivo e dal posizionamento strategico; le aziende che incoraggiano l autorealizzazione dei dipendenti mediante una più elevata partecipazione alla gestione aziendale azione - e assicurando la possibilità a tutti di esprimere le proprie idee - pensiero ottengono sistematicamente una redditività superiore; le persone hanno bisogno di affermarsi e di conseguenza vogliono che le proprie idee ed informazioni siano prese in considerazione. La mancanza di motivazione ha un effetto negativo sulla redditività aziendale; una gestione aziendale che crea motivazione, incoraggiando la partecipazione delle persone, è correlata positivamente con la redditività. Stile di gestione che incoraggia un alto livello di partecipazione (motivazione) Basso Redditività aziendale (ROI) Alto Figura 2: Rapporto tra redditività aziendale e autorealizzazione. Alto Basso Livello di autorealizzazione percepito dal personale F onte: Banche dati PIMS, OASIS Aspiriamo all autorealizzazione La sfida è, quindi, quella di assecondare, utilizzandoli per l organizzazione, l energia e l impegno dei lavoratori che tendono naturalmente al miglioramento e alla soddisfazione dei propri bisogni. Così facendo l azienda perseguirà obiettivi ambiziosi e raggiungerà risultati straordinari, con livelli di produttività oggi 5

7 inconcepibili. In presenza di programmi di trasformazione la velocità e la qualità del cambiamento subirebbero una forte accelerazione. Si tratta di trovare il contratto psicologico tra azienda e lavoratori, ovvero rendere possibile sul piano organizzativo e su quello operativo il raccordo tra aspirazione dei dipendenti al miglioramento e all autorealizzazione e i loro compiti e le loro responsabilità. In altri termini si tratta di sfruttare le caratteristiche e le capacità delle persone. Almeno due sono le condizioni che permettono d immaginare questo contratto. Il punto di partenza è la capacità di individuare i punti di forza delle singole persone invece di concentrarsi su quelli di debolezza da colmare, come viene spesso fatto nelle aziende con la conseguenza di esaltare la conflittualità potenziale ed assegnare loro compiti e responsabilità che facciano leva su di essi, in modo che l uso dei propri talenti inneschi la soddisfazione e l autorealizzazione. Fatto questo, è necessario organizzare l ascolto delle istanze e delle proposte del singolo perché senza ascolto le persone si sentono inermi, cioè incapaci di influenzare l ambiente in cui operano. La frontiera della motivazione dei collaboratori è quella di assecondare l aspirazione all autorealizzazione del singolo, in modo che una parte sempre più importante dell energia che le persone erogano per realizzarsi sia indirizzata a costruire lo scopo della squadra dei colleghi con cui lavorano e, quindi, all organizzazione nel suo complesso. In altre parole si tratta di dare alle persone la possibilità di ideare, progettare e fare. Le aziende che riusciranno a incanalare questa energia all interno di gruppi di lavoro responsabili della trasformazione potranno innescare meccanismi virtuosi di innovazione continua. 3. [ INTEGRIAMO PENSIERO E AZIONE ] A prescindere da quali siano le spinte che generano il cambiamento (vedi fig. 3) o se si tratti di trasformazioni radicali dove il focus del cambiamento è la generazione di un impatto sui risultati economici in meno di due anni, come fusioni e acquisizioni, outsourcing/offshoring - o incrementali - dove l obiettivo è il miglioramento continuo della produttività del lavoro e del capitale mediante l ottimizzazione della catena del valore, dei processi di lavoro e dell offerta al mercato le metodologie tradizionali di gestione del cambiamento hanno oramai chiaramente dimostrato i propri limiti. Il numero crescente di metodologie di change management - come Business Process Reingineering, Balanced Scorecard, Total Quality Management, Six Sigma, sviluppate nel corso degli ultimi decenni. derivano dall esigenza delle aziende e dei manager di ristabilire un contatto diretto tra operatività e strategia, tra azienda e clienti, tra lavoro e produttività. 6

8 Fusioni e acquisizioni 57% Nuovi sistemi informativi 54% Outsourcing e offshoring 53% Ristrutturazioni e cambiamenti strategici 46% Aumento della produttività cross-funzionale 44% Figura 3: Ambito delle principali trasformazioni europee. Ottimizzazione della catena del valore 33% Fonte: Economist Intelligence Unit Questi strumenti, però, hanno messo in ombra la motivazione, uno degli aspetti più importanti all interno di tutte le organizzazioni sociali, lasciando spazio, come conseguenza, ad una spaccatura pericolosa tra progetto ed esecuzione, tra pensiero e azione. Le persone sono soddisfatte solamente quando lavorano per ottenere dei risultati, ovvero quando pensano, agiscono, superano le difficoltà e portano a termine il proprio compito. Il pensiero e l azione se disgiunti non sono altro che due pezzi di un puzzle non risolto. Occorre, quindi, far incrociare la strada buona con la quella delle difficoltà, perché solamente al loro incontro c è la chiave di volta per il cambiamento. Diventa indispensabile, di conseguenza, creare all interno delle nostre aziende una cultura imprenditoriale dove chi pensa è anche esecutore e responsabile. Il change management è lento e costoso Per innovare e trasformarsi con successo le aziende devono concentrare i propri sforzi sui fatti. Sono le persone, non gli strumenti, che creano un cambiamento mettendo in atto il proprio pensiero. Le metodologie sono dei mezzi che, se correttamente utilizzati, facilitano il percorso ma che, se non accompagnati da una cultura volta all azione, possono ritorcersi contro. Il change management in senso classico deve essere superato, perché lento e costoso in quanto ha bisogno di tempo e risorse per ottenere dei risultati apprezzabili, conflittuale poiché divide le persone che pensano da quelle che agiscono e non motivante perché non sfrutta l energia prodotta da ogni persona per migliorarsi. 7

9 4. [ DIMEZZIAMO TEMPI E COSTI ] Come migliorare e trasformare l azienda in modo più efficace, veloce ed economico? L aspirazione all autorealizzazione degli individui è, sapendola sfruttare, energia positiva per l azienda. Grazie a ciò, l esperienza mostra che quanto normalmente si fa in dodici mesi può essere fatto in metà del tempo. Sappiamo che molte situazioni aziendali richiedono di lavorare in squadra, ma quanto si vuole percorrere un cammino di trasformazione ciò diventa una necessità. E proprio da questo che deriva il maggior vantaggio dato che l intelligenza collettiva permette sia una creatività maggiore, sia una più incisiva capacità d azione. Il lavoro di squadra produce i migliori risultati quando esistono le giuste motivazioni e un processo di lavoro efficace, in grado di valorizzare il contributo di tutti, avendo chiarito i vincoli esterni alla squadra, condiviso l obiettivo, assegnati tempo e risorse adeguate, messi a disposizione gli strumenti di lavoro opportuni. La sfida è di creare un gruppo di lavoro responsabile di tutte le fasi della trasformazione, dalla progettazione alla realizzazione, che abbia la possibilità di agire simultaneamente su processi, strutture e comportamento delle risorse umane. Così facendo si potranno risolvere temi operativi o di business e di conseguenza ottenere un organizzazione flessibile, in grado di trasformarsi rapidamente. Solitamente siamo abituati a pensare che ogni programma di trasformazione parta da una iniziativa del vertice aziendale e che successivamente si diffonda in modo più o meno capillare in funzione del coinvolgimento delle persone, e degli obiettivi - all interno dell azienda. Certamente questo approccio, se correttamente applicato, porta in seno una visione organica della strada che si vuole percorrere. Non di meno, però, la trasformazione aziendale può nascere anche dai livelli intermedi dell organizzazione che più di altri si trovano vicini alle persone, al mercato e a ciò che avviene quotidianamente. In un epoca di profonde e veloci trasformazioni, le aziende hanno sempre più la necessità di dotarsi di un management operativo in grado di recepire i cambiamenti e le sfumature del mercato e di attuare azioni veloci di trasformazione in modo da ottimizzare la produttività del lavoro e delle risorse impiegate. 8

10 STRUMENTI E PROCESSI COSTRUITI PER UN GRUPPO DI PERSONE INTERNE ALL AZIENDA UN GRUPPO DI PERSONE INTERNE ALL AZIENDA COOPERANO ATTORNO A STRUMENTI E PROCESSI UN GRUPPO DI PERSONE INTERNE ED ESTERNE ALL AZIENDA COOPERANO ATTORNO A STRUMENTI E PROCESSI IN MODO DA COLLEGARE PENSIERO E AZIONE Figura 4: Tre vie per trasformare l azienda. Obiettivo: migliorare rapidamente e in maniera misurabile e controllabile la performance dei processi Mezzo: Business process reingeneering Obiettivo addizionale organizzare un gruppo di persone interne all azienda facendo attenzione che apprendano e si adattino ai nuovi strumenti e ai nuovi processi Mezzo: Balanced Scorecard, Six Sigma, Total Quality Management Obiettivo addizionale: verificare che le prestazioni del processo e degli strumenti non siano compromesse dal resto dell organizzazione Mezzo: Trasformazione F onte: Ceccarelli Valorizziamo tutti gli stimoli Le aziende devono creare delle organizzazioni che apprendono: in grado di raccogliere ed elaborare gli stimoli provenienti dal mercato, dai fornitori, dai clienti e dai partner, e in grado di modificare i comportamenti organizzativi in tempi rapidi. Per restare al passo con gli altri concorrenti e con le repentine evoluzioni del mercato occorre attivare tutti i recettori periferici dell organizzazione e stimolare la cultura del cambiamento ad ogni livello. Il motore del cambiamento non è quindi solamente il top-management ma anche il middle management, di fatto composto dalle figure che, agendo direttamente sulle persone, possono imprimere la cultura e la necessità del cambiamento. Inoltre, essendo schierate in prima linea con i diretti collaboratori nella gestione di clienti e fornitori, sono nella posizione più vantaggiosa per recepire i nuovi bisogni, i cambiamenti in atto e le possibili opportunità. Basti pensare all evoluzione che i manager dell informatica o quelli della logistica hanno avuto nelle aziende e all importanza che ruoli di questo genere possono avere in un periodo in cui la tecnologia può influenzare i vantaggi competitivi di una azienda e il mondo diventa globale. Proattività, fiducia e rischio Una cultura di questo tipo implica un approccio proattivo, caratterizzato da fiducia e dall assunzione di rischio sia a livello organizzativo sia a livello individuale. I componenti del gruppo collaborano nello sforzo di identificare tutti i problemi e attuare le soluzioni praticabili. C è di conseguenza un comune sentimento di fiducia: tutti i membri del gruppo sono fortemente convinti di poter gestire qualsiasi problema e qualsivoglia opportunità si presenti. L entusiasmo è diffuso, lo spirito che si crea è quello di fare qualunque cosa pur di ottenere il successo 9

11 dell organizzazione. Tutti di conseguenza sono ricettivi al cambiamento e all innovazione (vedi Fig. 4). 5. [ LINEE GUIDA ] Il top management coinvolto in un programma di trasformazione si trova spesso in una condizione di stress dovuto all importanza delle decisioni da prendere e alla non conoscenza di come l organizzazione e il mercato reagirà alle decisioni prese. Ciò comporta che le condizioni operative, organizzative e psicologiche nelle quali la trasformazione matura e si sviluppa sono importanti per la realizzazione delle azioni necessarie a metterle in atto. La trasformazione deve essere sognata, pianificata e realizzata in tutte le sue componenti e deve coinvolgere e responsabilizzare l organizzazione in modo che tutte le sinapsi aziendali lavorino correttamente per minimizzare i rischi insiti nella sua attuazione. Come detto precedentemente la vera sfida è quella di creare gruppi di lavoro responsabili di tutto il percorso di trasformazione dotati di una cassetta degli attrezzi che consenta di lavorare simultaneamente su strategia, processi, strutture e comportamento delle risorse umane per ottenere soluzioni ai problemi operativi e di business. Dalla nostra esperienza nell attuare interventi di trasformazione possiamo ricavare alcune linee guida: Chiarire la cornice entro la quale il team deve agire. Il punto di partenza è una chiara definizione del problema, l indicazione dei risultati che si vogliono cogliere, i vincoli entro i quali cercare la soluzione, il processo da adottare, il profilo delle persone che potrebbero avere maggior successo, le regole del gioco. Una sorta di canovaccio per gli addetti ai lavori. Nella selezione del team favorire l autocandidatura, pilotandola. L adesione su base volontaria alla squadra è condizione che favorisce la motivazione individuale e la disponibilità a collaborare con i colleghi. Convincere che la soluzione deve effettivamente venire dal team. Sembra banale ma la maggior parte delle volte la squadra lavora male perché è convinta che le proposte verranno strumentalizzate e la vera soluzione verrà dal vertice dell azienda. Va convinta che le soluzioni verranno effettivamente da loro. Chiarire i vincoli esterni entro i quali va trovata la soluzione. Ad esempio precisando che il sistema informatico aziendale non può essere modificato, che la soluzione deve essere compatibile con i valori aziendali, che c è un limite di budget, di tempo, di risorse tecniche, ecc. Promuovere l intelligenza collettiva. Il team dispone delle conoscenze e competenze dei singoli membri e quelle cui ciascuno può avere accesso. Basi più larghe e profonde di conoscenze e competenze 10

12 permettono analisi più articolate. L insieme delle diverse prospettive, che si confrontano contemporaneamente sulla stessa base analitica, produce maggiore creatività nella ricerca delle innovazioni. Il risultato sono soluzioni nel contempo originali e praticabili. Sviluppare e attuare la soluzione con lo stesso team. Il fallimento di molte iniziative aziendali improntate sul change management dipende dal fatto che pensiero e azione sono assegnati a persone diverse perché diverse si pensa siano le competenze. Il tradizionale ciclo di progettazione, sperimentazione e attuazione di conseguenza è spesso accompagnato da un forte impegno profuso nelle prime due fasi e da una resistenza nella fase di attuazione. Rallentamento che dipende in primo luogo dalla diversa motivazione tra chi pensa e chi agisce sulla base dell altrui pensiero, poiché, quest ultimi, non si sentono attori e portatori del cambiamento ma veicoli per far accettare soluzioni di altri. E proprio questo processo che porta alla tipica resistenza al cambiamento che, spesso, fa naufragare il tutto. Progettazione, test sul campo e attuazione devono essere condotte dalle stesse persone, in massimo sei mesi! La squadra che ha progettato la soluzione deve sperimentarla sul campo e il circolo progettazione-sperimentazione in piccolo rappresenta l ingrediente migliore per giungere ad una soluzione innovativa e applicabile. L espansione della soluzione alle altre porzioni dell azienda, che la devono adottare, viene fortemente agevolata se sono le stesse persone, che l hanno individuata e sperimentata, a coinvolgere e aiutare i colleghi: sono in effetti gli agenti di cambiamento più credibili. Quali sono i vantaggi di questo modo di operare? l autorealizzazione è alla base della forte motivazione delle persone; il pieno possesso della soluzione da parte del team che l ha progettata e sperimentata è la garanzia di un attuazione rapida ed efficace; i risultati spesso straordinari, ottenuti attraverso l intelligenza collettiva, sono i vantaggi per l azienda. Qualcosa di nuovo Progettazione della soluzione, test sul campo e attuazione devono essere condotte dalle stesse persone (massimo sei mesi, dimezzando tempi e costi)! La squadra che ha progettato la soluzione deve sperimentarla sul campo e adottarla nel proprio lavoro. Il circolo progettazione-sperimentazione in piccolo rappresenta l ingrediente migliore per giungere ad una soluzione innovativa e applicabile. Anche l espansione della soluzione alle altre unità aziendali deve essere fatta dalla stessa squadra. D altra parte, il "saper fare" dell imprenditore significa proprio che pensiero e azione s integrano tra loro; invece, queste due funzioni vengono separate nella pratica aziendale, man mano che l'impresa cresce. Questo modo di agire mette il seme delle difficoltà aziendali a trasformare la visione in risultati. 11

13 La soluzione sta nel non separare pensiero e azione, mettendo le persone in grado di pensare ed agire, così come fanno gli imprenditori. La sfida è lavorare simultaneamente su strategia, processi, strutture e comportamento delle risorse umane in modo da ridurre lo scarto tra l intenzione strategica e la realtà che si manifesta dopo l intervento. Agendo simultaneamente sull operatività e sul business è possibile adattare, se necessario, il piano originario alle necessità contingenti senza mai perdere la coerenza con la strategia di trasformazione. Il vantaggio per l azienda è dimezzare tempi e costi della trasformazione. Da una parte, l aspirazione all autorealizzazione degli individui è, sapendola sfruttare, energia positiva per l azienda. Dall altra il lavoro di squadra permette di costruire soluzioni facendo leva sull intelligenza collettiva. Il ruolo dei professionisti della trasformazione La consulenza è parte integrante dell intervento, pienamente coinvolta nell azione e nel supporto al cliente durante tutto il processo senza essere intrusiva. Porta la meta-competenza che unisce pensiero e azione e coinvolge consulenti espressamente formati allo scopo. Contribuisce a definire la cornice dell operazione, fornisce il processo da utilizzare, mette a disposizione gli strumenti necessari alle analisi e alla soluzione dei problemi, partecipa alle analisi quando richieste, contribuisce a sbloccare le situazioni di stallo, dà risalto alle opportunità che s incontrano. Rispetta i membri del team, fornisce consigli e assicura, rimanendo dietro le quinte, che i veri autori delle soluzioni siano i manager. PER INFORMAZIONI Dott.ssa Anna Favari Gruppo Ceccarelli S.p.A. Via Cerva 1, Milano Tel (r.a.) Fax

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

I N D I C E APPENDICE: COME STABILIRE LA GIUSTA 1 [ INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE ] 2 [ LE IMPLICAZIONI PER LE AZIENDE ]

I N D I C E APPENDICE: COME STABILIRE LA GIUSTA 1 [ INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE ] 2 [ LE IMPLICAZIONI PER LE AZIENDE ] LA DIFFERENZIAZIONE CHE MASSIMIZZA IL PROFITTO IL CIRCOLO VIRTUOSO PER RILANCIARE LA CRESCITA I N D I C E [ INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE ] [ LE IMPLICAZIONI PER LE AZIENDE ] APPENDICE: COME STABILIRE

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale Comune Cernusco Lombardone Valorizzazione e Sviluppo del Capitale Umano per il miglioramento di Performance

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

Dirigere Aziende di Successo

Dirigere Aziende di Successo Piano di Formazione Dirigere Aziende di Successo Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Per causare cambiamenti in azienda è necessario essere "allenati" nel dettaglio allo scopo di

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre Profilo aziendale Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre competenze e aiutarvi ad ottenere di

Dettagli

CORSO ECM PER ORTOTTISTI E ASSISTENTI IN OFTALMOLOGIA AMMINISTRAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE

CORSO ECM PER ORTOTTISTI E ASSISTENTI IN OFTALMOLOGIA AMMINISTRAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE AREA MANAGEMENT Punta ad aggiornare e perfezionare le competenze di gestione, attraverso la programmazione di efficaci strategie aziendali e la gestione funzionale dei tempi, delle risorse economiche,

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com BUSINESS DEVELOPMENT noesisweb.com Guidiamo le persone nel diventare attori principali della propria realtà, costruendo, negli ambiti professionali e di vita privata, un mondo al quale sia piacevole appartenere

Dettagli

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO La flessibilità è entrata a far parte, ormai da molti anni, degli strumenti di gestione delle risorse umane, quale irrinunciabile opportunità per poter rispondere

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

Partnership con il Committente

Partnership con il Committente PRESENTAZIONE AZIENDALE N.T.A. Srl costituisce un unicum in grado di realizzare e gestire i servizi richiesti, con piena delega operativa e completa responsabilizzazione sui processi. Le referenze maturate

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Convegno E-JOB 2002 FLESSIBILITÀ, INNOVAZIONE E VALORE DELLE RISORSE UMANE Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Prof. Luigi Prosperetti Ordinario di Economia

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CULTURA AZIENDALE RITENIAMO CHE UNA FORTE CULTURA AZIENDALE COSTITUISCA UN ENORME VANTAGGIO CONCORRENZIALE. QUANDO PARLO DELLA CULTURA DELLA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 A partire da una serie di turnaround di successo realizzati in P.M.I. del Nord est si cercherà di delineare una metodologia

Dettagli

I N D I C E 1 [LE IMPRESE IN BUONA SALUTE CREANO 2 [PRIMA REGOLA: UNA GOVERNANCE 3 [SECONDA REGOLA:UN SISTEMA DI

I N D I C E 1 [LE IMPRESE IN BUONA SALUTE CREANO 2 [PRIMA REGOLA: UNA GOVERNANCE 3 [SECONDA REGOLA:UN SISTEMA DI LA STRADA PER LA SOSTENIBILITÀ AZIENDALE IL MANAGEMENT EFFICACE TIENE L IMPRESA IN BUONA SALUTE I N D I C E 1 [LE IMPRESE IN BUONA SALUTE CREANO VALORE NEL TEMPO] 2 [PRIMA REGOLA: UNA GOVERNANCE ADEGUATA]

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

No Export..No Party!

No Export..No Party! I nuovi voucher per l internazionalizzazione e la figura del Temporary Export Manager No Export..No Party! Scegliere i mercati, pianificare e realizzare le azioni per rafforzare il business estero FAREXPORT

Dettagli

Management Consulting Boutiques e mercati globali

Management Consulting Boutiques e mercati globali Management Consulting Boutiques e mercati globali Antonella Negri Clementi * 1. Un modello distintivo Affiancare l azienda nel momento in cui si trova ad affrontare cambiamenti sostanziali di una o più

Dettagli

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali

Catalogo Humanform 2015. Area Sviluppo competenze manageriali Catalogo Humanform 2015 Area Sviluppo competenze manageriali PROFILO AZIENDALE Humanform, società di formazione soggetta all attività di direzione e coordinamento di Humangest S.p.A., nata nel 2005, è

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori MBS Business School Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati Come sta reagendo il Suo settore alla crisi finanziaria in corso? Quali sono le previsioni per i prossimi

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Liberare soluzioni per il call center

Liberare soluzioni per il call center Liberare soluzioni per il call center Consulenza Formazione Coaching Chi siamo Kairòs Solutions è una società di consulenza, formazione e coaching, protagonista in Italia nell applicazione del Coaching

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING

LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING LA PROFESSIONE DEL CRISTIAN COACHING Cos è che rende Cristiano il Coaching? Sebbene la crescita spirituale non sia il "fine ultimo" del Coaching, il coach non ha paura di affrontare problemi e questioni

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

Dirigenza scolastica e leadership

Dirigenza scolastica e leadership Dirigenza scolastica e leadership Modelli e stili Da direttivo a dirigente Nell ultimo decennio sono intervenute molte innovazioni: Autonomia funzionale riconosciuta alle scuole Modifiche sostanziali nella

Dettagli

Lavorare dove inizia il futuro.

Lavorare dove inizia il futuro. Lavorare dove inizia il futuro. Volete una carriera con un futuro? Allora unitevi al team di Swiss Life. 2 Lavorare dove inizia il futuro. Swiss Life investe nel futuro dei suoi collaboratori. E voi? Chi

Dettagli

IL MANAGER PARTECIPATIVO

IL MANAGER PARTECIPATIVO IL MANAGER PARTECIPATIVO Prof. Mario Mazzoleni www.mariomazzoleni.com www.labser.it Forlì, 4 maggio 2007 Il manager IL MANAGEMENT La persona o il gruppo o l organo destinati a guidare e gestire l impresa

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Perché un Master in Direzione del Personale

Perché un Master in Direzione del Personale Perché un Master in Direzione del Personale di Luigi M. Sanlorenzo (*) Saper gestire le risorse umane significa essere in grado di comprendere come raggiungere livelli di efficacia e quali sono le competenze

Dettagli

shapes competency development report

shapes competency development report shapes competency development report candidato/a: Max Mustermann amministrazione: 29.07.2005 rapporto creato: 19.02.2007 cut-e gmbh e-mail: info@cut-e.com große bleichen 12 tel: +49-40-3250.3890 20354

Dettagli

Posso scegliere di valorizzare i talenti delle persone, perché è con loro che voglio camminare verso nuovi traguardi.

Posso scegliere di valorizzare i talenti delle persone, perché è con loro che voglio camminare verso nuovi traguardi. Io posso... Posso scegliere di ridare slancio alla mia azienda, recuperando la capacità di sognare e di creare, per scoprire che ci sono ancora oceani blu nei quali prosperare. Posso scegliere di valorizzare

Dettagli

CORSO DI ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Gianni Maria Strada

CORSO DI ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Gianni Maria Strada CORSO DI ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Gianni Maria Strada 1 Leadership Anno Accademico 2013-2014 Sistemi organizzativi 2 3 La Passione Platone vede l uomo come fosse un auriga che guida due cavalli,

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006 Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso Carlo Notari, PMP Martedì 24 Ottobre 2006 Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa L innovazione E la trasformazione di una nuova idea e

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

innovazione incrementale

innovazione incrementale In questo secondo appuntamento abbiamo l opportunità di conoscere: Revenue Manager at GestioneHotel.Guru pietra miliare della libera condivisione di know-how turistico al servizio degli albergatori. Caro

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare

Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Divisione di ADR Center S.p.A. Il vantaggio di negoziare Il vantaggio di negoziare Indice Introduzione: Saper negoziare: indispensabile per avere successo nel dinamico mondo degli affari Perchè Negotiate.it?

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it il contesto www.cfmt.it Ormai abbiamo capito tutti che questa non è una crisi ma una transizione, sfidante ma al contempo fonte di opportunità. Bisogna però avere coraggio e determinazione. Occorre anticipare

Dettagli

Egeon. Il gigante Briareo era così chiamato dagli dei, gli uomini lo chiamavano

Egeon. Il gigante Briareo era così chiamato dagli dei, gli uomini lo chiamavano Gli Ecatonchiri ( figure della mitologia greca) erano tre figli di Urano (il cielo) e di Gea (la terra), di nome Cotto, Briareo e Gige. Ognuno di loro aveva cento braccia e cinquanta teste che sputavano

Dettagli

LA CONQUISTA DELL EMPOWERMENT

LA CONQUISTA DELL EMPOWERMENT LA CONQUISTA DELL EMPOWERMENT Chiedere oggi ad un imprenditore, ad un alto manager se è necessario responsabilizzare i propri collaboratori ai vari livelli, si ottiene una risposta affermativa. E la stessa

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana. Dal 2012 ha sede anche in Veneto. Abbiamo sviluppato una profonda competenza nelle

Dettagli

DIVISIONE RISORSE UMANE

DIVISIONE RISORSE UMANE DIVISIONE RISORSE UMANE! COVECO SRL - R.I. di UD 02640890303 Cap. Soc. 15.000 i.v. - C.F. E P.I. 02640890303 PROGRAMMI E INTERVENTI PER LA CRESCITA, LO SVILUPPO E L EMPOWERMENT DI PERSONE, GRUPPI E ORGANIZZAZIONI

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

The New Leadership Paradigm

The New Leadership Paradigm Leadership del XXI secolo The New Leadership Paradigm Richard Barrett A cura di Luigi Spiga I 7 stati di coscienza della leadership Servizio Fare la differenza Trasformazione Stima di se stessi Relazione

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

LABORATORIO NEGOZIAZIONE

LABORATORIO NEGOZIAZIONE Milano, 13 aprile 2012 Professione: MANAGER LE MONOGRAFIE Professione: MANAGER LABORATORIO NEGOZIAZIONE INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE REGIONALI 2012 2011 The European

Dettagli