ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI O.M. n. del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI O.M. n. del"

Transcript

1 ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI O.M. n. del DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE V sezione B Indirizzo: AMMINISTRAZIONE, FINANZA EMARKETING ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ANNO SCOLASTICO

2 INDICE 1) Presentazione dell Istituto... pag. 3 2) Presentazione della classe a) La classe: candidati interni... pag. 5 b) Docenti del Consiglio di Classe... pag. 6 c) Storia della classe e sua evoluzione... pag. 6 d) Quadro orario... pag. 7 e) Profilo complessivo della classe... pag. 8 3) Profilo in uscita a) Metodologie adottate... pag. 9 b) Attività di recupero, di integrazione, di approfondimento... pag.10 c) strumenti di verifica... pag.11 d) Criteri di valutazione deliberati dal Consiglio di classe... pag.11 4) Attività extracurriculari e progetti educativi particolari... pag.13 5) Simulazioni prove d esame... pag.15 6) Progetto di "Alternanza Scuola-Lavoro"... pag.15 Allegato A: Relazioni finali dei docenti e programmi effettivamente svolti delle singole discipline... pag.17 Allegato B: testi delle simulazioni della terza e della seconda prova scritta dell Esame di Stato con relative griglie di valutazione e griglia valutazione prima prova... pag.55 Allegato C: profilo formativo d'uscita (disponibile presso la segreteria) Allegato D: documenti alunno/a con sostegno e/o DSA (in busta chiusa) 2

3 1) PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO LA STORIA L Istituto d Istruzione Superiore Don Milani nasce come sezione staccata per ragionieri e geometri dell I.T.C.G. Daverio di Varese. Acquisisce l autonomia nel 1982 e viene intitolato a Don Lorenzo Milani nel Nella seconda metà degli anni 80 sperimenta solo sulla ragioneria l indirizzo giuridico economico aziendale (I.G.E.A.) che diventerà d ordinamento nel 1996/97. Nell anno scolastico 2000/01 viene istituito ed annesso l indirizzo professionale per operatori della gestione aziendale e turistica e per grafici pubblicitari. L istituto modifica la sua fisionomia anche nel corpo docente che si arricchisce di personale con contratto a tempo indeterminato. Nel mese di Dicembre 2003 acquisisce la Certificazione di Qualità UNI ISO Dall'a.s. 2010/11, a seguito della riforma Gelmini, prendono avvio i nuovi corsi del Liceo Artistico e dell'istituto Tecnologico di Grafica e Comunicazione. PROFILO PROFESSIONALE INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Il diplomato in amministrazione, finanza e marketing: ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. E in grado di: rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali; gestire adempimenti di natura fiscale; collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda; svolgere attività di marketing; collaborare all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali; utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing. A conclusione del percorso quinquennale, il diplomato nell indirizzo amministrazione, finanza e marketing consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze 1 riconoscere e interpretare: le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda; i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse. 3

4 2 individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. 3 interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. 4 riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. 5 individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane. 6 gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata. 7 applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati. 8 inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. 9 orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose. 10 utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. 11 analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa. SBOCCHI PROFESSIONALE Potrà operare nel mondo del lavoro in: banche, assicurazioni, aziende industriali e commerciali, agenzie di pubblicità, amministrazione pubblica, in studi professionali. potrà accedere a tutte le facoltà universitarie; in particolare è agevolato nella prosecuzione degli studi in economia e commercio, scienze politiche, giurisprudenza ed informatica. 4

5 2) PRESENTAZIONE DELLA CLASSE a) La classe: candidati interni La classe è composta da 19 studenti, dei quali 8 alunne e 11 alunni, così come indicato dal seguente elenco: N Cognome e Nome Classe di provenienza 1 BERTOLO ANDREA IV sez. B 2 CACCIOTTOLI SABATO IV sez. B 3 CAFARELLA ALESSIA IV sez. B 4 CARUSO GRETA IV sez. B 5 DAMA ENKELEDA IV sez. B 6 DE IANNELLO VALERIA IV sez. B 7 DELUCA MARCO IV sez. B 8 DESOGUS ISA IV sez. B 9 DI BENEDETTO DANIELE IV sez. B 10 FAOUZI AYOUB IV sez. B 11 FOMASI SERENA IV sez. B 12 GALLAZZI LEONARDO IV sez. B 13 LUTIA KLAUDIO IV sez. B 14 MAGISTRALI ELENA IV sez. B 15 MILANI MATTEO IV sez. B 16 MORO ILARIA IV sez. B 17 PASTORI ANDREA IV sez. B 18 VEZZOLI ALBERTO IV sez. B 19 ZAFFARONI SIMONE IV sez. B 5

6 b) Docenti del Consiglio di classe Docente Disciplina Ore Settim. Continuità didattica MARCHINI FABIO ITALIANO 4 Sì MARCHINI FABIO STORIA 2 Sì PORZIO MARIA GRAZIA LINGUA INGLESE 3 Sì CORTI FLAMINIA MATEMATICA 3 NO DEFRANCO ERINA DIRITTO 3 NO DEFRANCO ERINA ECONOMIA 3 NO POLITICA SAMBROTTA ROSSANA ECONOMIA 8 Sì AZIENDALE PACIFICO MASSIMO SCIENZE 2 Sì MOTORIE PALAMARA DRUSILLA RELIGIONE 1 Sì CATTOLICA BROVELLI LUCA ATTIVITA 1 NO ALTERNATIVA FRANZI MARIA ADELAIDE LINGUA 3 Sì FRANCESE DI RELLA ANTONIA SOSTEGNO 9 Sì Supplenti nell a. s. Commissari interni Docente MARCHINI FABIO FRANZI MARIA ADELAIDE CORTI FLAMINIA Disciplina ITALIANO E STORIA LINGUA FRANCESE MATEMATICA c) Storia della classe e sua evoluzione. Nel primo anno scolastico, 2010/2011, la classe è composta da 28 studenti, di cui 4 vengono respinti e uno si ritira. Nel secondo anno tutti gli alunni vengono ammessi alla classe successiva. 6

7 Al terzo anno la classe è formata da 24 elementi, poiché un alunna si trasferisce presso altro istituto e si aggiungono due nuove alunne: una proveniente dalla 3^A IGEA e una proveniente da altro istituto. Quest ultima è ammessa a pieno titolo alla classe avendo sostenuto con esito positivo le necessarie prove integrative. Al termine della classe terza vengono respinti due alunni e nell anno scolastico successivo non sono ammessi alla classe quinta tre alunni, riducendo a 19 il numero dei componenti la classe. d) Quadro orario: Disciplina I II III IV V Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia cittadinanza e costituzione Matematica Diritto ed economia 2 2 Diritto Economia politica Scienze integrate 2 2 Scienze motorie Religione cattolica (attività alternativa) Fisica 2 Chimica 2 Geografia 3 3 Informatica Economia aziendale

8 e) Profilo Complessivo della Classe Partecipazione e frequenza La classe, in generale, ha sempre partecipato con disponibilità e attenzione alle attività proposte. La frequenza è sempre stata regolare. Interesse ed Impegno Gli alunni si sono sempre mostrati interessati ai contenuti proposti. Questo interesse, però, da parte di una significativa componente della classe, non è sempre stato sostenuto da un impegno personale assiduo e talvolta lo studio domestico è apparso finalizzato al superamento delle verifiche. Disponibilità all approfondimento personale La classe, a parte alcuni elementi più motivati, non si è sempre mostrata disponibili all approfondimento personale degli argomenti proposti. Comportamento Il comportamento è sempre stato corretto ed educato; la classe ha pienamente acquisito le competenze trasversali individuate dal consiglio di classe in relazione agli obiettivi di cittadinanza. Grado di preparazione e profitto Partecipazione alle attività della scuola Nel complesso la classe ha raggiunto un grado di preparazione apprezzabile con qualche punta di eccellenza; si segnalano, tuttavia, alcuni studenti che mostrano ancora carenze in qualche disciplina. La classe, nella sua totalità, ha sempre partecipato attivamente e con entusiasmo a tutte le attività proposte e, ove richiesto, ha utilizzato con competenza le abilità acquisite durante il percorso scolastico. 8

9 3) PROFILO IN USCITA (Allegato C) Il Collegio docenti ha approvato il profilo formativo in uscita, che si allega al presente documento. a) Metodologie adottate Modalità di lavoro del consiglio di classe Disciplina Lezione Frontale Lezione con esperti Lezione multimediale Lezione pratica Lavoro di gruppo Attività di labor. Discus. Guidata Lingua inglese X X X X x Simulaz. o esercizi guidati Lingua francese X X X X X Lingua e lett. X X X italiana Storia X X X Matematica X X X Diritto ed ec. X X X X X politica Economia X X X X X X aziendale Scienze motorie X X X Religione X X X X X Attività alternativa X X X X X 9

10 b) Attività di recupero, di integrazione, di approfondimento Disciplina Recupero curricolare Corso extracurr. di recupero Sportello Didattico Corso di approfon. Lingua inglese X Lingua francese X Lingua e X letteratura italiana Storia X Matematica X Diritto ed X economia politica Economia X X aziendale Scienze motorie Religione Attività alternativa Per le indicazioni particolari si rinvia alla relazione del singolo docente. 10

11 c) Strumenti di verifica Ambito disciplinare Tipologie prevalentemente adottate per Prove scritte Prove orali Prove pratiche Linguistico Produzioni di testi settoriali Prove semistrutturate Discussione dialogata Interrogazione Esposizione di approfondimenti Letterario e Umanistico Tecnico - Professionale Temi-Saggi brevi Articoli di giornale Prove strutturate Problemi esercizi Questionario a risposte aperte Casi aziendali Discussione dialogata-guidata Interrogazione Esposizione di approfondimenti Interrogazione Educazione Fisica Test pratici Percorsi Esercizi d) Criteri di valutazione deliberati dal Consiglio di classe Il Consiglio di classe si è attenuto ai seguenti criteri adottati dal collegio docenti: a) la valutazione ha avuto valore sia sommativo che formativo tesa ad accertare a preparazione dello studente nelle singole fasi del percorso cognitivo: i voti assegnati alle singole prove vanno intesi esclusivamente come la quantificazione di una prestazione e non come giudizio sulla persona; b) la valutazione quadrimestrale e finale non è risultata dalla media aritmetica dei voti delle verifiche, ma ha tenuto conto, oltre che dei dati sul livello complessivo di acquisizione di contenuti e competenze, della generale situazione scolastica di ogni alunno; 11

12 c) sono stati quindi considerati come fattori influenti positivamente: la progressione rispetto ai livelli di partenza; il grado di impegno, di interesse e partecipazione all attività scolastica; la regolarità della frequenza; la lealtà e la correttezza nei rapporti con gli insegnanti e i compagni; d) la gamma dei voti utilizzata nelle varie prove è stata da 1 a 10 secondo la seguente griglia, prevista nel POF di istituto: GRAVEMENTE INSUFFICIENTE VOTO: da 1 a 3 Non dà alcuna informazione sull argomento Non coglie il senso del testo La comunicazione è incomprensibile DECISAMENTE INSUFFICIENTE VOTO:4 Riferisce in modo frammentario e con errori concettuali Produce comunicazioni scorrette INSUFFICIENTE VOTO: 5 Riferisce in modo generico Produce comunicazioni poco chiare Si avvale di un lessico povero e/o improprio SUFFICIENTE VOTO: 6 Individua gli elementi essenziali delle diverse tematiche Espone con semplicità, sufficiente proprietà, chiarezza di linguaggio e correttezza DISCRETO VOTO: 7 Ha assimilato le tematiche in modo organico Sviluppa analisi corrette Espone con lessico appropriato e corretto BUONO VOTO: 8 Coglie la complessità delle diverse tematiche e ne discute con competenza Sa applicare con proprietà i contenuti e le procedure proposte 12

13 Espone con proprietà di linguaggio utilizzando un lessico specifico OTTIMO VOTO: 9 10 Sa applicare con proprietà i contenuti e le procedure proposte sviluppando sintesi concettuali organiche e personalizzate Evidenzia ricchezza e controllo nei mezzi espressivi 13

14 4) ATTIVITA EXTRACURRICULARI E PROGETTI EDUCATIVI PARTICOLARI Disciplina Luoghi Argomenti Storia - Italiano Barcellona Civiltà catalana Storia Trento La Grande Guerra Italiano Vittoriale D Annunzio Inglese Teatro Busto Arsizio Musical Fame Italiano Teatro Manzoni Milano Pirandello: Il berretto a sonagli Attività svolte da gruppi di alunni Alunni n Osservazioni Volontariato: giovani e 7 legalità (visita al carcere di Varese) Visita a Strasburgo 3 Vincitori concorso per la festa dell Europa Cinema e letteratura 7 Visione del film Il giovane favoloso La documentazione completa relativa alle attività sopra descritte, è a disposizione della Commissione per consultazione. 14

15 5) SIMULAZIONI PROVE D ESAME Prova Tipologia Discipline n 2 Prima prova A-B-C-D Italiano 12/01/ /05/2015 Seconda prova Economia Aziendale 13/01/ /05/2015 Terza prova Tipologia B Tipologia C (solo per alcuni candidati) Inglese Francese Diritto Matematica 17/01/ /05/2015 Per i testi delle simulazioni della seconda e terza prova e le griglie di valutazione, vedi allegati. 6) PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO La documentazione completa relativa alle attività sopra descritte, sono a disposizione della Commissione per consultazione. 15

16 Il presente documento, ratificato dal Consiglio della Classe V sez B AFM del 13/05/2015 viene sottoscritto e pubblicato all'albo dell'istituto in data 15 maggio Il Dirigente Scolastico Il Consiglio di Classe Docente Disciplina Firma MARCHINI ITALIANO FABIO MARCHINI STORIA FABIO PORZIO MARIA GRAZIA LINGUA INGLESE CORTI MATEMATICA FLAMINIA DEFRANCO DIRITTO ERINA DEFRANCO ERINA ECONOMIA POLITICA SAMBROTTA ROSSANA ECONOMIA AZIENDALE PACIFICO MASSIMO SCIENZE MOTORIE PALAMARA DRUSILLA RELIGIONE CATTOLICA BROVELLI LUCA ATTIVITA ALTERNATIVA FRANZI MARIA ADELAIDE LINGUA FRANCESE DI RELLA ANTONIA SOSTEGNO Tradate, 15 maggio

17 Allegato A Relazioni finali dei docenti e Programmi effettivamente svolti Seguono le relazioni e i programmi delle seguenti discipline: Italiano Pag. 18 Storia Pag. 25 Lingua Francese Pag. 29 Lingua Inglese Pag. 33 Economia aziendale Pag. 36 Matematica Pag. 40 Diritto Pag. 44 Economia politica Pag. 47 Scienze motorie Pag. 50 Religione/Attività alternativa alla religione Pag

18 Docente: prof. Fabio Marchini ITALIANO E STORIA RELAZIONE Il lavoro impostato per le discipline di Letteratura e Storia durante il triennio si è sviluppato in armonia con la programmazione del biennio, poiché ho potuto contare sulla continuità didattica per tutti i cinque anni del corso. Dal punto di vista metodologico, le modalità della mia attività didattica possono essere riassunte come segue: - Sviluppare un percorso di conoscenza della letteratura italiana connesso con il contesto storico e culturale, attraverso continui rimandi e collegamenti con il programma di storia; - Fondare lo studio della letteratura sull analisi del testo letterario, puntando su una conoscenza sicura e dettagliata delle opere come base per lo studio degli autori. - Privilegiare un analisi degli eventi storici collegata alle problematiche attuali, suggerendo riferimenti ai temi contemporanei in ambito economico, politico, religioso e sociale. - Stimolare, anche all interno della lezione frontale, interventi degli alunni per migliorare in loro la capacità di affrontare criticamente agli argomenti di studio. - Arricchire lo studio della letteratura e della storia attraverso la visione di opere cinematografiche. - Proporre la lettura autonoma di opere letterarie e opere cinematografiche. - Utilizzare, quando possibile, gli strumenti della didattica digitale. - Avvicinare il più possibile le caratteristiche delle prove scritte alle modalità delle prove di esame, attraverso opportune simulazioni. - Optare il più possibile per la verifica orale dei contenuti rispetto a quella scritta, per favorire lo sviluppo della capacità espressive. - Integrare l attività didattica con iniziative di carattere extracurricolare. La risposta della classe alle proposte didattiche ed al processo educativo nel suo complesso è stata abbastanza soddisfacente. Alcuni alunni sono emersi nel contesto della classe perché meticolosi e puntuali nello studio, in grado di organizzare il proprio lavoro e rispettosi di tempi e scadenze verso gli adempimenti scolastici richiesti. Il rendimento individuale è stato, naturalmente, proporzionale ai diversi ritmi di apprendimento e ad una maggiore o minore applicazione nel lavoro domestico. 18

19 In generale, ho notato una progressiva maturazione personale in tutti i ragazzi e, in diversi di loro, ho verificato una crescente consapevolezza dell importanza dello studio scolastico per la propria formazione intellettuale e culturale. PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: Letteratura +: voll. 2/3 (Sambugar - Sala) VOLUME 2 IL ROMANTICISMO GIACOMO LEOPARDI biografia, cultura autodidatta; il pessimismo storico; la poetica; l idillio; la canzone leopardiana; il pessimismo cosmico, il materialismo; struttura e carattere delle Operette; l ultimo Leopardi: la solidarietà umana. Canti: Il passero solitario p.593 L infinito p.598 Operette morali: Dialogo della Natura e di un islandese p.642 Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere p.650 Dialogo di un folletto e di uno gnomo fotocopia Dialogo di Cristoforo Colombo e Pietro Gutierrez fotocopia Canti: A Silvia p. 608 Il sabato del villaggio p. 620 La quiete dopo la tempesta p. 615 Canti: La ginestra (vv / / / ) p. 626 LA POESIA DIALETTALE CARLO PORTA Biografia e formazione culturale; l adesione al Romanticismo; la scelta del dialetto; le tematiche. Poesie: Catolegh, Apostolegh e Roman fotocopia Paracarr che scapee de Lombardia fotocopia GIOACCHINO BELLI Biografia; implicazioni ideologiche; la rappresentazione della plebe; temi principali Canzoniere: Li morti de Roma fotocopia La bbona famijja fotocopia Er ferraro fotocopia La scala de li strozzi fotocopia S.P.Q.R. fotocopia Chi cerca trova fotocopia Er caffettiere fisolofo fotocopia Cosa fa er papa? fotocopia La creazione del mondo fotocopia 19

20 VOLUME 3 LA POESIA TRA OTTOCENTO E NOVECENTO CHARLES BAUDELAIRE La nascita della poesia moderna; il precursore del simbolismo. I fiori del male: Al lettore fotocopia L albatros fotocopia Spleen p. 180 Corrispondenze p. 182 Lo spleen di Parigi: Perdita d aureola IL TARDO ROMANTICISMO: GIOVANNI PRATI Eros Sogno dell alba ALEARDO ALEARDI Perché fotocopia fotocopia fotocopia fotocopia LA SCAPIGLIATURA Genesi e sviluppo del movimento culturale; EMILIO PRAGA Penombre: Preludio p. 138 Lezione d anatomia fotocopia IL POSITIVISMO Le componenti filosofiche; cenni a Comte e Darwin. IL NATURALISMO EDMOND E JULES DE GONCOURT Prefazione a Germinie Lacerteux p. 16 EMILE ZOLA Il romanzo sperimentale p. 19 IL VERISMO GIOVANNI VERGA Biografia; formazione culturale; l ideologia politico-sociale; cenni sulla produzione giovanile; l adesione al verismo: poetica, tecniche narrative, la lingua. Le tecniche narrative (analisi comparata) fotocopia La lupa p. 72 Vita dei campi: 20

21 Rosso Malpelo fotocopia Novelle rusticane: La roba p. 103 Libertà p. 110 Per le vie: La chiave d oro fotocopia I Malavoglia: La famiglia Malavoglia p. 91 L arrivo e l addio di Ntoni p. 97 Mastro-don Gesualdo: La morte di Gesualdo p. 122 IL DECADENTISMO Il superamento del Positivismo; componenti filosofiche (Nietsche); la poetica dei simbolisti francesi; lo sperimentalismo stilistico; l estetismo e il superomismo nella narrativa europea IL DECADENTISMO ITALIANO GIOVANNI PASCOLI Biografia; formazione culturale e ideologica; la poetica del fanciullino; i nuclei tematici ricorrenti, le novità stilistiche. Il fanciullino: E dentro di noi un fanciullino p. 226 Myricae Lavandare p. 230 Arano fotocopia X agosto p. 232 L assiuolo p. 235 Temporale p. 238 Novembre p. 240 Il lampo p. 242 Il tuono p. 244 Canti di Castelvecchio: La mia sera p. 247 Nebbia p. 254 Il gelsomino notturno p. 257 GABRIELE D ANNUNZIO Biografia; formazione culturale; una nuova figura di intellettuale; percorso politico; la narrativa; l eroe decadente, l esteta e il superuomo; la lirica: temi e scelte stilistiche Il piacere: Incipit fotocopia Il verso è tutto p. 288 Le vergini delle rocce: Il manifesto del superuomo fotocopia Alcyone: La sera fiesolana p. 305 La pioggia nel pineto p

22 LE AVANGUARDIE: IL FUTURISMO FILIPPO T. MARINETTI Manifesto del futurismo p. 426 Zang Tumb Tumb: Il bombardamento di Adrianopoli p. 429 LA NARRATIVA DELLA CRISI: ITALO SVEVO Biografia e formazione culturale; la poetica; la figura dell inetto e sua evoluzione; la malattia, la psicoanalisi (cenni sulle teorie di Freud) Una vita: L insoddisfazione di Alfonso p. 458 Le ali del gabbiano fotocopia Senilità: Cenni La coscienza di Zeno: Prefazione e preambolo p. 470 L ultima sigaretta p. 473 Un rapporto conflittuale p. 478 LUIGI PIRANDELLO Biografia e formazione culturale; le tematiche ricorrenti: la dissoluzione dell identità; le novità narratologiche; il teatro. Il fu Mattia Pascal: Premessa p. 523 Premessa seconda (filosofica) a mo di scusa p. 525 Cambio treno p. 529 Novelle per un anno: La patente p. 547 Il treno ha fischiato p. 550 La carriola fotocopia La signora Frola e il signor Ponza, suo genero (lettura autonoma) Così è (se vi pare): Atto I, scene V e VI Come parla la verità p. 563 Sei personaggi in cerca di autore: La condizione dei personaggi p.573 Enrico IV: La Pazzo per sempre p. 578 LA LIRICA DEL PRIMO DOPOGUERRA *GIUSEPPE UNGARETTI Biografia e formazione culturale; principi di poetica; il tema della guerra. L allegria: 22

23 Sono una creatura p. 609 Il porto sepolto p. 603 Veglia p. 605 Fratelli p. 607 I fiumi p. 612 Allegria di naufragi p. 618 Mattina p. 620 Soldati p. 622 *EUGENIO MONTALE Biografia e orientamento ideologico; una nuova concezione della poesia; coerenza tematica e pessimismo, plurilinguismo e oggettivismo simbolico. Ossi di seppia: I Limoni p. 691 Non chiederci la parola p. 695 Meriggiare pallido e assorto p. 697 Spesso il male di vivere ho incontrato p. 699 Le occasioni: Forse una mattina andando p. 702 Cigola la carrucola nel pozzo p. 704 Non recidere, forbice, quel volto p. 711 La casa dei doganieri p. 713 Satura: Ho sceso dandoti il braccio p. 727 La storia fotocopia Un approccio alla narrativa del secondo dopoguerra definizione di NEOREALISMO *CESARE PAVESE Biografia; il lavoro editoriale e l amore per la letteratura americana; la posizione politica, la narrativa: la tematiche, la disarticolazione temporale. La casa in collina: Nessuno sarà fuori dalla guerra p. 896 La luna e i falò: Il ritorno di Anguilla p. 902 * BEPPE FENOGLIO Biografia; l anglofilia la poetica neorealistica, la lingua; le tematiche langarole e resistenziali. La paga del sabato: Il finale fotocopia Il partigiano Johnny: La scelta della lotta partigiana p. 855 L uccisione del primo nemico fotocopia Vecchio Blister: fotocopia * ITALO CALVINO 23

24 Biografia; il cosmopolitismo; il Neorealismo; la fase fanta-scientifica e la tecnica combinatoria. Il sentiero dei nidi di ragno: La pistola p. 970 Il cavaliere inesistente: Agilulfo e Gurdulù p. 976 Le città invisibili: Ottavia: una città sottile p. 991 Palomar: Il museo dei formaggi p

25 PROGRAMMA DI STORIA Testo in adozione: Le forme della storia (Stumpo Cardini Onorato - Fei), ed. Le Monnier, vol. 3 LA CRISI DELLA VECCHIA EUROPA - LA RUSSIA ALL INIZIO DEL NOVECENTO - L ENTRATA IN SCENA DEL GIAPPONE MODERNO - L IMPERIALISMO ECONOMICO DEGLI STATI UNITI - LA QUESTIONE D ORIENTE E LE GUERRE BALCANICHE L ITALIA NELL ETA GIOLITTIANA - GIOLITTI E LA STAGIONE DELLE RIFORME - IL SUFFRAGIO UNIVERSALE MASCHILE E LE RIFORME SOCIALI - L APERTURA AI SOCIALISTI E AI CATTOLICI - UNA QUESTIONE APERTA: L EMIGRAZIONE - LA POLITICA ESTERA LA GUERRA DI LIBIA LA PRIMA GUERRA MONDIALE - LE CAUSE DEL CONFLITTO: RIVALITÀ E TENSIONI IN EUROPA - LO SCOPPIO DELLA GUERRA: LE ALLEANZE IN CAMPO - LA NEUTRALITÀ ITALIANA - LA PRIMA FASE DEI COMBATTIMENTI E L ALLARGAMENTO DELLE ALLEANZE - LA SECONDA FASE: DALLA GUERRA DI MOVIMENTO ALLA GUERRA DI POSIZIONE - L ENTRATA IN GUERRA DELL ITALIA - LA GUERRA DI USURA - IL FRONTE ITALIANO - LA RESA DELLA RUSSIA E L INTERVENTO DEGLI STATI UNITI - LA ROTTA DI CAPORETTO E IL NUOVO IMPEGNO MILITARE ITALIANO - IL CROLLO AUSTRO TEDESCO E LA FINE DELLA GUERRA LA RIVOLUZIONE RUSSA: - IL POPOLO RUSSO IN GUERRA - GLI ESITI DELLA GUERRA - LA RIVOLUZIONE DI FEBBRAIO - LENIN E LA RIVOLUZIONE DI OTTOBRE - LA GUERRA CIVILE E LA NASCITA DELL URSS - LA TERZA INTERNAZIONALE - L ECONOMIA DELL UNIONE SOVIETICA: LA NEP - LA SCOMPARSA DI LENIN E LA PRESA DI POTERE DI STALIN 25

26 I TRATTATI DI PACE E I PROBLEMI DEL DOPOGUERRA: - LA CONFERENZA DI PARIGI - L EUROPA DOPO VERSAILLES - LE DIFFICOLTA DEL RITORNO ALLA PACE E IL BIENNIO ROSSO - LA SOCIETA DELLE NAZIONI - LA GERMANIA DI WEIMAR - LA DISSOLUZIONE DELL IMPERO OTTOMANO - GLI STATI UNITI NEGLI ANNI 20 E 30 - LA CRISI DEL 29: DAGLI STATI UNITI AL RESTO DEL MONDO - LA CRISI DELLO STATO LIBERAL-DEMOCRATICO - L ITALIA FASCISTA - L ITALIA NEL PRIMO DOPOGUERRA - LA VITTORIA MUTILATA E IL NAZIONALISMO - IL BIENNIO ROSSO - MUSSOLINI E LA NASCITA DEL FASCISMO: LA MARCIA SU ROMA - LE ELEZIONI DEL DEL 1924 E IL DELITTO MATTEOTTI - L INSTAURAZIONE DELLA DITTATURA - LA COSTRUZIONE DEL CONSENSO - LO STATO FASCISTA: ECONOMIA, ORGANIZZAZIONE E POLITICA INTERNA - I RAPPORTI CON LA CHIESA: I PATTI LATERANENSI - LA POLITICA ESTERA E L AGGRESSIONE DELL EUROPA - I RAPPORTI CON LA GERMANIA NAZISTA - LE LEGGI RAZZIALI L EUROPA DIVISA E L ASCESA DEGLI STATI UNITI - LO STALINISMO IN URSS, FRA PERSECUZIONI E SVILUPPO INDUSTRIALI - LA NASCITA E L ASCESA DEL NAZISMO IN GERMANIA - LA GERMANIA NAZISTA E IL TERZO REICH - I REGIMI AUTORITARI IN EUROPA - GLI USA DI ROOSEVELT: IL NEW DEAL - LA GUERRA DI SPAGNA - IL GIAPPONE FRA AUTORITARISMO E MILITARISMO - VERSO UNA NUOVA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE VICENDE DEL CONFLITTO E SUA CONCLUSIONE - L INVASIONE TEDESCA DELLA POLONIA: LO SCOPPIO DELLA GUERRA - LA SCONFITTA DELLA FRANCIA - LA BATTAGLIA D INGHILTERRA - L ATTACCO ALL URSS - LA MONDIALIZZAZIONE DEL CONFLITTO: PEARL HARBOUR 26

27 - IL FRONTE DEL PACIFICO - L OCCUPAZIONE NAZISTA E LA RESISTENZA - GLI ALLEATI L ITALIA IN GUERRA E LA CADUTA DEL FASCISMO: - L ENTRATA IN GUERRA: L ATTACCO ALLA GRECIA E LE OPERAZIONI IN AFRICA - L INTERVENTO IN RUSSIA - L ARRESTO DI MUSSOLINI E L 8 SETTEMBRE - LA RESISTENZA ITALIANA - LA GUERRA PARTIGIANA - LA LIBERAZIONE - LA QUESTIONE DELLE FOIBE (FOTOCOPIA) GUERRA E MEMORIA: LA SHOAH - ANTISEMITISMO E POGROM NELLA GERMANIA DI HITLER: DALLE LEGGI DI NORIMBERGA ALLA NOTTE DEI CRISTALLI - L ESTENDERSI DELLE PERSECUZIONI CON LA GUERRA - LA SOLUZIONE FINALE - I CAMPI DI STERMINIO - GLI ALTRI NEMICI DI HITLER - IL FASCISMO E GLI EBREI ITALIANI - IL PROCESSO DI NORIMBERGA I NUOVI EQUILIBRI DEL DOPOGUERRA - LA TRAGICA EREDITÀ DELLA GUERRA - LA CONFERENZA DI JALTA - I TRATTATI DI PACE E LA DIVISIONE DELLA GERMANIA - LA NASCITA DELLE NAZIONI UNITE - LE ORIGINI DELL UNIONE EUROPEA - L UNIONE SOVIETICA E L EUROPA ORIENTALE - LA VIA JUGOSLAVA AL SOCIALISMO DALLA GUERRA FREDDA ALLA DISTENSIONE - LA GUERRA FREDDA E L EQUILIBRIO DEL TERRORE - LA RICOSTRUZIONE DELL EUROPA OCCIDENTALE - IL MURO DI BERLINO E LO SVILUPPO DELLA GERMANIA FEDERALE - LA CINA ROSSA DI MAO TSE TUNG - LA GUERRA DI COREA - GLI USA DA KENNEDY A REAGAN - L URSS DI LEONID BREZNEV - GIOVANNI XXIII E IL CONCILIO VATICANO II 27

28 DECOLONIZZAZIONE E NEOCOLONIALISMO - GLI IMPERI COLONIALI E LA LORO CRISI - L INDIPENDENZ DELL INDIA E LA NASCITA DEL PAKISTAN - IL SUD EST ASIATICO: DALLA GUERRA D INDOCINA ALLA GUERRA DEL VIETNAM - IL MEDIO ORIENTE E LA NASCITA DELLO STATO DI ISRAELE - I CONFLITTI ISRAELIANI E LA QUESTIONE PALESTINESE - LA LIBERAZIONE DELL AFRICA - IL MOVIMENTO DEI NON ALLINEATI - LA RIVOLUZIONE CUBANA L ITALIA DALLA RICOSTRUZIONE AGLI ANNI DI PIOMBO - L ITALIA VERSO LA DEMOCRAZIA - DALLA MONARCHIA ALLA REPUBBLICA: IL REFERENDUM E LE ELEZIONI DEL I LAVORI DELL ASSEMBLEA COSTITUENTE E LA NASCITA DELLA COSTITUZIONE - LA SVOLTA DEL IL CENTRISMO - IL CENTROSINISTRA E LA STAGIONE DELLE RIFORME - IL 68 E L AUTUNNO CALDO - LA STAGIONE DELLE STRAGI E DEL TERRORISMO LA STORIA NEI FILM E NEI DOCUMENTARI: - VISIONE DI ALCUNE PUNTATE DELLA TRASMISSIONE IL TEMPO E LA STORIA (RAI) - SCHINDLER S LIST (S. SPIELBERG) - SALVATE IL SOLDATO RYAN (S. SPIELBERG) - FULL METAL JACKET (S. KUBRICK) 28

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli