ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI O.M. n. del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI O.M. n. del"

Transcript

1 ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI O.M. n. del DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE V sezione B Indirizzo: AMMINISTRAZIONE, FINANZA EMARKETING ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ANNO SCOLASTICO

2 INDICE 1) Presentazione dell Istituto... pag. 3 2) Presentazione della classe a) La classe: candidati interni... pag. 5 b) Docenti del Consiglio di Classe... pag. 6 c) Storia della classe e sua evoluzione... pag. 6 d) Quadro orario... pag. 7 e) Profilo complessivo della classe... pag. 8 3) Profilo in uscita a) Metodologie adottate... pag. 9 b) Attività di recupero, di integrazione, di approfondimento... pag.10 c) strumenti di verifica... pag.11 d) Criteri di valutazione deliberati dal Consiglio di classe... pag.11 4) Attività extracurriculari e progetti educativi particolari... pag.13 5) Simulazioni prove d esame... pag.15 6) Progetto di "Alternanza Scuola-Lavoro"... pag.15 Allegato A: Relazioni finali dei docenti e programmi effettivamente svolti delle singole discipline... pag.17 Allegato B: testi delle simulazioni della terza e della seconda prova scritta dell Esame di Stato con relative griglie di valutazione e griglia valutazione prima prova... pag.55 Allegato C: profilo formativo d'uscita (disponibile presso la segreteria) Allegato D: documenti alunno/a con sostegno e/o DSA (in busta chiusa) 2

3 1) PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO LA STORIA L Istituto d Istruzione Superiore Don Milani nasce come sezione staccata per ragionieri e geometri dell I.T.C.G. Daverio di Varese. Acquisisce l autonomia nel 1982 e viene intitolato a Don Lorenzo Milani nel Nella seconda metà degli anni 80 sperimenta solo sulla ragioneria l indirizzo giuridico economico aziendale (I.G.E.A.) che diventerà d ordinamento nel 1996/97. Nell anno scolastico 2000/01 viene istituito ed annesso l indirizzo professionale per operatori della gestione aziendale e turistica e per grafici pubblicitari. L istituto modifica la sua fisionomia anche nel corpo docente che si arricchisce di personale con contratto a tempo indeterminato. Nel mese di Dicembre 2003 acquisisce la Certificazione di Qualità UNI ISO Dall'a.s. 2010/11, a seguito della riforma Gelmini, prendono avvio i nuovi corsi del Liceo Artistico e dell'istituto Tecnologico di Grafica e Comunicazione. PROFILO PROFESSIONALE INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Il diplomato in amministrazione, finanza e marketing: ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. E in grado di: rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali; gestire adempimenti di natura fiscale; collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda; svolgere attività di marketing; collaborare all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali; utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing. A conclusione del percorso quinquennale, il diplomato nell indirizzo amministrazione, finanza e marketing consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze 1 riconoscere e interpretare: le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda; i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse. 3

4 2 individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. 3 interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. 4 riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. 5 individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane. 6 gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata. 7 applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati. 8 inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. 9 orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose. 10 utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. 11 analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa. SBOCCHI PROFESSIONALE Potrà operare nel mondo del lavoro in: banche, assicurazioni, aziende industriali e commerciali, agenzie di pubblicità, amministrazione pubblica, in studi professionali. potrà accedere a tutte le facoltà universitarie; in particolare è agevolato nella prosecuzione degli studi in economia e commercio, scienze politiche, giurisprudenza ed informatica. 4

5 2) PRESENTAZIONE DELLA CLASSE a) La classe: candidati interni La classe è composta da 19 studenti, dei quali 8 alunne e 11 alunni, così come indicato dal seguente elenco: N Cognome e Nome Classe di provenienza 1 BERTOLO ANDREA IV sez. B 2 CACCIOTTOLI SABATO IV sez. B 3 CAFARELLA ALESSIA IV sez. B 4 CARUSO GRETA IV sez. B 5 DAMA ENKELEDA IV sez. B 6 DE IANNELLO VALERIA IV sez. B 7 DELUCA MARCO IV sez. B 8 DESOGUS ISA IV sez. B 9 DI BENEDETTO DANIELE IV sez. B 10 FAOUZI AYOUB IV sez. B 11 FOMASI SERENA IV sez. B 12 GALLAZZI LEONARDO IV sez. B 13 LUTIA KLAUDIO IV sez. B 14 MAGISTRALI ELENA IV sez. B 15 MILANI MATTEO IV sez. B 16 MORO ILARIA IV sez. B 17 PASTORI ANDREA IV sez. B 18 VEZZOLI ALBERTO IV sez. B 19 ZAFFARONI SIMONE IV sez. B 5

6 b) Docenti del Consiglio di classe Docente Disciplina Ore Settim. Continuità didattica MARCHINI FABIO ITALIANO 4 Sì MARCHINI FABIO STORIA 2 Sì PORZIO MARIA GRAZIA LINGUA INGLESE 3 Sì CORTI FLAMINIA MATEMATICA 3 NO DEFRANCO ERINA DIRITTO 3 NO DEFRANCO ERINA ECONOMIA 3 NO POLITICA SAMBROTTA ROSSANA ECONOMIA 8 Sì AZIENDALE PACIFICO MASSIMO SCIENZE 2 Sì MOTORIE PALAMARA DRUSILLA RELIGIONE 1 Sì CATTOLICA BROVELLI LUCA ATTIVITA 1 NO ALTERNATIVA FRANZI MARIA ADELAIDE LINGUA 3 Sì FRANCESE DI RELLA ANTONIA SOSTEGNO 9 Sì Supplenti nell a. s. Commissari interni Docente MARCHINI FABIO FRANZI MARIA ADELAIDE CORTI FLAMINIA Disciplina ITALIANO E STORIA LINGUA FRANCESE MATEMATICA c) Storia della classe e sua evoluzione. Nel primo anno scolastico, 2010/2011, la classe è composta da 28 studenti, di cui 4 vengono respinti e uno si ritira. Nel secondo anno tutti gli alunni vengono ammessi alla classe successiva. 6

7 Al terzo anno la classe è formata da 24 elementi, poiché un alunna si trasferisce presso altro istituto e si aggiungono due nuove alunne: una proveniente dalla 3^A IGEA e una proveniente da altro istituto. Quest ultima è ammessa a pieno titolo alla classe avendo sostenuto con esito positivo le necessarie prove integrative. Al termine della classe terza vengono respinti due alunni e nell anno scolastico successivo non sono ammessi alla classe quinta tre alunni, riducendo a 19 il numero dei componenti la classe. d) Quadro orario: Disciplina I II III IV V Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia cittadinanza e costituzione Matematica Diritto ed economia 2 2 Diritto Economia politica Scienze integrate 2 2 Scienze motorie Religione cattolica (attività alternativa) Fisica 2 Chimica 2 Geografia 3 3 Informatica Economia aziendale

8 e) Profilo Complessivo della Classe Partecipazione e frequenza La classe, in generale, ha sempre partecipato con disponibilità e attenzione alle attività proposte. La frequenza è sempre stata regolare. Interesse ed Impegno Gli alunni si sono sempre mostrati interessati ai contenuti proposti. Questo interesse, però, da parte di una significativa componente della classe, non è sempre stato sostenuto da un impegno personale assiduo e talvolta lo studio domestico è apparso finalizzato al superamento delle verifiche. Disponibilità all approfondimento personale La classe, a parte alcuni elementi più motivati, non si è sempre mostrata disponibili all approfondimento personale degli argomenti proposti. Comportamento Il comportamento è sempre stato corretto ed educato; la classe ha pienamente acquisito le competenze trasversali individuate dal consiglio di classe in relazione agli obiettivi di cittadinanza. Grado di preparazione e profitto Partecipazione alle attività della scuola Nel complesso la classe ha raggiunto un grado di preparazione apprezzabile con qualche punta di eccellenza; si segnalano, tuttavia, alcuni studenti che mostrano ancora carenze in qualche disciplina. La classe, nella sua totalità, ha sempre partecipato attivamente e con entusiasmo a tutte le attività proposte e, ove richiesto, ha utilizzato con competenza le abilità acquisite durante il percorso scolastico. 8

9 3) PROFILO IN USCITA (Allegato C) Il Collegio docenti ha approvato il profilo formativo in uscita, che si allega al presente documento. a) Metodologie adottate Modalità di lavoro del consiglio di classe Disciplina Lezione Frontale Lezione con esperti Lezione multimediale Lezione pratica Lavoro di gruppo Attività di labor. Discus. Guidata Lingua inglese X X X X x Simulaz. o esercizi guidati Lingua francese X X X X X Lingua e lett. X X X italiana Storia X X X Matematica X X X Diritto ed ec. X X X X X politica Economia X X X X X X aziendale Scienze motorie X X X Religione X X X X X Attività alternativa X X X X X 9

10 b) Attività di recupero, di integrazione, di approfondimento Disciplina Recupero curricolare Corso extracurr. di recupero Sportello Didattico Corso di approfon. Lingua inglese X Lingua francese X Lingua e X letteratura italiana Storia X Matematica X Diritto ed X economia politica Economia X X aziendale Scienze motorie Religione Attività alternativa Per le indicazioni particolari si rinvia alla relazione del singolo docente. 10

11 c) Strumenti di verifica Ambito disciplinare Tipologie prevalentemente adottate per Prove scritte Prove orali Prove pratiche Linguistico Produzioni di testi settoriali Prove semistrutturate Discussione dialogata Interrogazione Esposizione di approfondimenti Letterario e Umanistico Tecnico - Professionale Temi-Saggi brevi Articoli di giornale Prove strutturate Problemi esercizi Questionario a risposte aperte Casi aziendali Discussione dialogata-guidata Interrogazione Esposizione di approfondimenti Interrogazione Educazione Fisica Test pratici Percorsi Esercizi d) Criteri di valutazione deliberati dal Consiglio di classe Il Consiglio di classe si è attenuto ai seguenti criteri adottati dal collegio docenti: a) la valutazione ha avuto valore sia sommativo che formativo tesa ad accertare a preparazione dello studente nelle singole fasi del percorso cognitivo: i voti assegnati alle singole prove vanno intesi esclusivamente come la quantificazione di una prestazione e non come giudizio sulla persona; b) la valutazione quadrimestrale e finale non è risultata dalla media aritmetica dei voti delle verifiche, ma ha tenuto conto, oltre che dei dati sul livello complessivo di acquisizione di contenuti e competenze, della generale situazione scolastica di ogni alunno; 11

12 c) sono stati quindi considerati come fattori influenti positivamente: la progressione rispetto ai livelli di partenza; il grado di impegno, di interesse e partecipazione all attività scolastica; la regolarità della frequenza; la lealtà e la correttezza nei rapporti con gli insegnanti e i compagni; d) la gamma dei voti utilizzata nelle varie prove è stata da 1 a 10 secondo la seguente griglia, prevista nel POF di istituto: GRAVEMENTE INSUFFICIENTE VOTO: da 1 a 3 Non dà alcuna informazione sull argomento Non coglie il senso del testo La comunicazione è incomprensibile DECISAMENTE INSUFFICIENTE VOTO:4 Riferisce in modo frammentario e con errori concettuali Produce comunicazioni scorrette INSUFFICIENTE VOTO: 5 Riferisce in modo generico Produce comunicazioni poco chiare Si avvale di un lessico povero e/o improprio SUFFICIENTE VOTO: 6 Individua gli elementi essenziali delle diverse tematiche Espone con semplicità, sufficiente proprietà, chiarezza di linguaggio e correttezza DISCRETO VOTO: 7 Ha assimilato le tematiche in modo organico Sviluppa analisi corrette Espone con lessico appropriato e corretto BUONO VOTO: 8 Coglie la complessità delle diverse tematiche e ne discute con competenza Sa applicare con proprietà i contenuti e le procedure proposte 12

13 Espone con proprietà di linguaggio utilizzando un lessico specifico OTTIMO VOTO: 9 10 Sa applicare con proprietà i contenuti e le procedure proposte sviluppando sintesi concettuali organiche e personalizzate Evidenzia ricchezza e controllo nei mezzi espressivi 13

14 4) ATTIVITA EXTRACURRICULARI E PROGETTI EDUCATIVI PARTICOLARI Disciplina Luoghi Argomenti Storia - Italiano Barcellona Civiltà catalana Storia Trento La Grande Guerra Italiano Vittoriale D Annunzio Inglese Teatro Busto Arsizio Musical Fame Italiano Teatro Manzoni Milano Pirandello: Il berretto a sonagli Attività svolte da gruppi di alunni Alunni n Osservazioni Volontariato: giovani e 7 legalità (visita al carcere di Varese) Visita a Strasburgo 3 Vincitori concorso per la festa dell Europa Cinema e letteratura 7 Visione del film Il giovane favoloso La documentazione completa relativa alle attività sopra descritte, è a disposizione della Commissione per consultazione. 14

15 5) SIMULAZIONI PROVE D ESAME Prova Tipologia Discipline n 2 Prima prova A-B-C-D Italiano 12/01/ /05/2015 Seconda prova Economia Aziendale 13/01/ /05/2015 Terza prova Tipologia B Tipologia C (solo per alcuni candidati) Inglese Francese Diritto Matematica 17/01/ /05/2015 Per i testi delle simulazioni della seconda e terza prova e le griglie di valutazione, vedi allegati. 6) PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO La documentazione completa relativa alle attività sopra descritte, sono a disposizione della Commissione per consultazione. 15

16 Il presente documento, ratificato dal Consiglio della Classe V sez B AFM del 13/05/2015 viene sottoscritto e pubblicato all'albo dell'istituto in data 15 maggio Il Dirigente Scolastico Il Consiglio di Classe Docente Disciplina Firma MARCHINI ITALIANO FABIO MARCHINI STORIA FABIO PORZIO MARIA GRAZIA LINGUA INGLESE CORTI MATEMATICA FLAMINIA DEFRANCO DIRITTO ERINA DEFRANCO ERINA ECONOMIA POLITICA SAMBROTTA ROSSANA ECONOMIA AZIENDALE PACIFICO MASSIMO SCIENZE MOTORIE PALAMARA DRUSILLA RELIGIONE CATTOLICA BROVELLI LUCA ATTIVITA ALTERNATIVA FRANZI MARIA ADELAIDE LINGUA FRANCESE DI RELLA ANTONIA SOSTEGNO Tradate, 15 maggio

17 Allegato A Relazioni finali dei docenti e Programmi effettivamente svolti Seguono le relazioni e i programmi delle seguenti discipline: Italiano Pag. 18 Storia Pag. 25 Lingua Francese Pag. 29 Lingua Inglese Pag. 33 Economia aziendale Pag. 36 Matematica Pag. 40 Diritto Pag. 44 Economia politica Pag. 47 Scienze motorie Pag. 50 Religione/Attività alternativa alla religione Pag

18 Docente: prof. Fabio Marchini ITALIANO E STORIA RELAZIONE Il lavoro impostato per le discipline di Letteratura e Storia durante il triennio si è sviluppato in armonia con la programmazione del biennio, poiché ho potuto contare sulla continuità didattica per tutti i cinque anni del corso. Dal punto di vista metodologico, le modalità della mia attività didattica possono essere riassunte come segue: - Sviluppare un percorso di conoscenza della letteratura italiana connesso con il contesto storico e culturale, attraverso continui rimandi e collegamenti con il programma di storia; - Fondare lo studio della letteratura sull analisi del testo letterario, puntando su una conoscenza sicura e dettagliata delle opere come base per lo studio degli autori. - Privilegiare un analisi degli eventi storici collegata alle problematiche attuali, suggerendo riferimenti ai temi contemporanei in ambito economico, politico, religioso e sociale. - Stimolare, anche all interno della lezione frontale, interventi degli alunni per migliorare in loro la capacità di affrontare criticamente agli argomenti di studio. - Arricchire lo studio della letteratura e della storia attraverso la visione di opere cinematografiche. - Proporre la lettura autonoma di opere letterarie e opere cinematografiche. - Utilizzare, quando possibile, gli strumenti della didattica digitale. - Avvicinare il più possibile le caratteristiche delle prove scritte alle modalità delle prove di esame, attraverso opportune simulazioni. - Optare il più possibile per la verifica orale dei contenuti rispetto a quella scritta, per favorire lo sviluppo della capacità espressive. - Integrare l attività didattica con iniziative di carattere extracurricolare. La risposta della classe alle proposte didattiche ed al processo educativo nel suo complesso è stata abbastanza soddisfacente. Alcuni alunni sono emersi nel contesto della classe perché meticolosi e puntuali nello studio, in grado di organizzare il proprio lavoro e rispettosi di tempi e scadenze verso gli adempimenti scolastici richiesti. Il rendimento individuale è stato, naturalmente, proporzionale ai diversi ritmi di apprendimento e ad una maggiore o minore applicazione nel lavoro domestico. 18

19 In generale, ho notato una progressiva maturazione personale in tutti i ragazzi e, in diversi di loro, ho verificato una crescente consapevolezza dell importanza dello studio scolastico per la propria formazione intellettuale e culturale. PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: Letteratura +: voll. 2/3 (Sambugar - Sala) VOLUME 2 IL ROMANTICISMO GIACOMO LEOPARDI biografia, cultura autodidatta; il pessimismo storico; la poetica; l idillio; la canzone leopardiana; il pessimismo cosmico, il materialismo; struttura e carattere delle Operette; l ultimo Leopardi: la solidarietà umana. Canti: Il passero solitario p.593 L infinito p.598 Operette morali: Dialogo della Natura e di un islandese p.642 Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere p.650 Dialogo di un folletto e di uno gnomo fotocopia Dialogo di Cristoforo Colombo e Pietro Gutierrez fotocopia Canti: A Silvia p. 608 Il sabato del villaggio p. 620 La quiete dopo la tempesta p. 615 Canti: La ginestra (vv / / / ) p. 626 LA POESIA DIALETTALE CARLO PORTA Biografia e formazione culturale; l adesione al Romanticismo; la scelta del dialetto; le tematiche. Poesie: Catolegh, Apostolegh e Roman fotocopia Paracarr che scapee de Lombardia fotocopia GIOACCHINO BELLI Biografia; implicazioni ideologiche; la rappresentazione della plebe; temi principali Canzoniere: Li morti de Roma fotocopia La bbona famijja fotocopia Er ferraro fotocopia La scala de li strozzi fotocopia S.P.Q.R. fotocopia Chi cerca trova fotocopia Er caffettiere fisolofo fotocopia Cosa fa er papa? fotocopia La creazione del mondo fotocopia 19

20 VOLUME 3 LA POESIA TRA OTTOCENTO E NOVECENTO CHARLES BAUDELAIRE La nascita della poesia moderna; il precursore del simbolismo. I fiori del male: Al lettore fotocopia L albatros fotocopia Spleen p. 180 Corrispondenze p. 182 Lo spleen di Parigi: Perdita d aureola IL TARDO ROMANTICISMO: GIOVANNI PRATI Eros Sogno dell alba ALEARDO ALEARDI Perché fotocopia fotocopia fotocopia fotocopia LA SCAPIGLIATURA Genesi e sviluppo del movimento culturale; EMILIO PRAGA Penombre: Preludio p. 138 Lezione d anatomia fotocopia IL POSITIVISMO Le componenti filosofiche; cenni a Comte e Darwin. IL NATURALISMO EDMOND E JULES DE GONCOURT Prefazione a Germinie Lacerteux p. 16 EMILE ZOLA Il romanzo sperimentale p. 19 IL VERISMO GIOVANNI VERGA Biografia; formazione culturale; l ideologia politico-sociale; cenni sulla produzione giovanile; l adesione al verismo: poetica, tecniche narrative, la lingua. Le tecniche narrative (analisi comparata) fotocopia La lupa p. 72 Vita dei campi: 20

21 Rosso Malpelo fotocopia Novelle rusticane: La roba p. 103 Libertà p. 110 Per le vie: La chiave d oro fotocopia I Malavoglia: La famiglia Malavoglia p. 91 L arrivo e l addio di Ntoni p. 97 Mastro-don Gesualdo: La morte di Gesualdo p. 122 IL DECADENTISMO Il superamento del Positivismo; componenti filosofiche (Nietsche); la poetica dei simbolisti francesi; lo sperimentalismo stilistico; l estetismo e il superomismo nella narrativa europea IL DECADENTISMO ITALIANO GIOVANNI PASCOLI Biografia; formazione culturale e ideologica; la poetica del fanciullino; i nuclei tematici ricorrenti, le novità stilistiche. Il fanciullino: E dentro di noi un fanciullino p. 226 Myricae Lavandare p. 230 Arano fotocopia X agosto p. 232 L assiuolo p. 235 Temporale p. 238 Novembre p. 240 Il lampo p. 242 Il tuono p. 244 Canti di Castelvecchio: La mia sera p. 247 Nebbia p. 254 Il gelsomino notturno p. 257 GABRIELE D ANNUNZIO Biografia; formazione culturale; una nuova figura di intellettuale; percorso politico; la narrativa; l eroe decadente, l esteta e il superuomo; la lirica: temi e scelte stilistiche Il piacere: Incipit fotocopia Il verso è tutto p. 288 Le vergini delle rocce: Il manifesto del superuomo fotocopia Alcyone: La sera fiesolana p. 305 La pioggia nel pineto p

22 LE AVANGUARDIE: IL FUTURISMO FILIPPO T. MARINETTI Manifesto del futurismo p. 426 Zang Tumb Tumb: Il bombardamento di Adrianopoli p. 429 LA NARRATIVA DELLA CRISI: ITALO SVEVO Biografia e formazione culturale; la poetica; la figura dell inetto e sua evoluzione; la malattia, la psicoanalisi (cenni sulle teorie di Freud) Una vita: L insoddisfazione di Alfonso p. 458 Le ali del gabbiano fotocopia Senilità: Cenni La coscienza di Zeno: Prefazione e preambolo p. 470 L ultima sigaretta p. 473 Un rapporto conflittuale p. 478 LUIGI PIRANDELLO Biografia e formazione culturale; le tematiche ricorrenti: la dissoluzione dell identità; le novità narratologiche; il teatro. Il fu Mattia Pascal: Premessa p. 523 Premessa seconda (filosofica) a mo di scusa p. 525 Cambio treno p. 529 Novelle per un anno: La patente p. 547 Il treno ha fischiato p. 550 La carriola fotocopia La signora Frola e il signor Ponza, suo genero (lettura autonoma) Così è (se vi pare): Atto I, scene V e VI Come parla la verità p. 563 Sei personaggi in cerca di autore: La condizione dei personaggi p.573 Enrico IV: La Pazzo per sempre p. 578 LA LIRICA DEL PRIMO DOPOGUERRA *GIUSEPPE UNGARETTI Biografia e formazione culturale; principi di poetica; il tema della guerra. L allegria: 22

23 Sono una creatura p. 609 Il porto sepolto p. 603 Veglia p. 605 Fratelli p. 607 I fiumi p. 612 Allegria di naufragi p. 618 Mattina p. 620 Soldati p. 622 *EUGENIO MONTALE Biografia e orientamento ideologico; una nuova concezione della poesia; coerenza tematica e pessimismo, plurilinguismo e oggettivismo simbolico. Ossi di seppia: I Limoni p. 691 Non chiederci la parola p. 695 Meriggiare pallido e assorto p. 697 Spesso il male di vivere ho incontrato p. 699 Le occasioni: Forse una mattina andando p. 702 Cigola la carrucola nel pozzo p. 704 Non recidere, forbice, quel volto p. 711 La casa dei doganieri p. 713 Satura: Ho sceso dandoti il braccio p. 727 La storia fotocopia Un approccio alla narrativa del secondo dopoguerra definizione di NEOREALISMO *CESARE PAVESE Biografia; il lavoro editoriale e l amore per la letteratura americana; la posizione politica, la narrativa: la tematiche, la disarticolazione temporale. La casa in collina: Nessuno sarà fuori dalla guerra p. 896 La luna e i falò: Il ritorno di Anguilla p. 902 * BEPPE FENOGLIO Biografia; l anglofilia la poetica neorealistica, la lingua; le tematiche langarole e resistenziali. La paga del sabato: Il finale fotocopia Il partigiano Johnny: La scelta della lotta partigiana p. 855 L uccisione del primo nemico fotocopia Vecchio Blister: fotocopia * ITALO CALVINO 23

24 Biografia; il cosmopolitismo; il Neorealismo; la fase fanta-scientifica e la tecnica combinatoria. Il sentiero dei nidi di ragno: La pistola p. 970 Il cavaliere inesistente: Agilulfo e Gurdulù p. 976 Le città invisibili: Ottavia: una città sottile p. 991 Palomar: Il museo dei formaggi p

25 PROGRAMMA DI STORIA Testo in adozione: Le forme della storia (Stumpo Cardini Onorato - Fei), ed. Le Monnier, vol. 3 LA CRISI DELLA VECCHIA EUROPA - LA RUSSIA ALL INIZIO DEL NOVECENTO - L ENTRATA IN SCENA DEL GIAPPONE MODERNO - L IMPERIALISMO ECONOMICO DEGLI STATI UNITI - LA QUESTIONE D ORIENTE E LE GUERRE BALCANICHE L ITALIA NELL ETA GIOLITTIANA - GIOLITTI E LA STAGIONE DELLE RIFORME - IL SUFFRAGIO UNIVERSALE MASCHILE E LE RIFORME SOCIALI - L APERTURA AI SOCIALISTI E AI CATTOLICI - UNA QUESTIONE APERTA: L EMIGRAZIONE - LA POLITICA ESTERA LA GUERRA DI LIBIA LA PRIMA GUERRA MONDIALE - LE CAUSE DEL CONFLITTO: RIVALITÀ E TENSIONI IN EUROPA - LO SCOPPIO DELLA GUERRA: LE ALLEANZE IN CAMPO - LA NEUTRALITÀ ITALIANA - LA PRIMA FASE DEI COMBATTIMENTI E L ALLARGAMENTO DELLE ALLEANZE - LA SECONDA FASE: DALLA GUERRA DI MOVIMENTO ALLA GUERRA DI POSIZIONE - L ENTRATA IN GUERRA DELL ITALIA - LA GUERRA DI USURA - IL FRONTE ITALIANO - LA RESA DELLA RUSSIA E L INTERVENTO DEGLI STATI UNITI - LA ROTTA DI CAPORETTO E IL NUOVO IMPEGNO MILITARE ITALIANO - IL CROLLO AUSTRO TEDESCO E LA FINE DELLA GUERRA LA RIVOLUZIONE RUSSA: - IL POPOLO RUSSO IN GUERRA - GLI ESITI DELLA GUERRA - LA RIVOLUZIONE DI FEBBRAIO - LENIN E LA RIVOLUZIONE DI OTTOBRE - LA GUERRA CIVILE E LA NASCITA DELL URSS - LA TERZA INTERNAZIONALE - L ECONOMIA DELL UNIONE SOVIETICA: LA NEP - LA SCOMPARSA DI LENIN E LA PRESA DI POTERE DI STALIN 25

26 I TRATTATI DI PACE E I PROBLEMI DEL DOPOGUERRA: - LA CONFERENZA DI PARIGI - L EUROPA DOPO VERSAILLES - LE DIFFICOLTA DEL RITORNO ALLA PACE E IL BIENNIO ROSSO - LA SOCIETA DELLE NAZIONI - LA GERMANIA DI WEIMAR - LA DISSOLUZIONE DELL IMPERO OTTOMANO - GLI STATI UNITI NEGLI ANNI 20 E 30 - LA CRISI DEL 29: DAGLI STATI UNITI AL RESTO DEL MONDO - LA CRISI DELLO STATO LIBERAL-DEMOCRATICO - L ITALIA FASCISTA - L ITALIA NEL PRIMO DOPOGUERRA - LA VITTORIA MUTILATA E IL NAZIONALISMO - IL BIENNIO ROSSO - MUSSOLINI E LA NASCITA DEL FASCISMO: LA MARCIA SU ROMA - LE ELEZIONI DEL DEL 1924 E IL DELITTO MATTEOTTI - L INSTAURAZIONE DELLA DITTATURA - LA COSTRUZIONE DEL CONSENSO - LO STATO FASCISTA: ECONOMIA, ORGANIZZAZIONE E POLITICA INTERNA - I RAPPORTI CON LA CHIESA: I PATTI LATERANENSI - LA POLITICA ESTERA E L AGGRESSIONE DELL EUROPA - I RAPPORTI CON LA GERMANIA NAZISTA - LE LEGGI RAZZIALI L EUROPA DIVISA E L ASCESA DEGLI STATI UNITI - LO STALINISMO IN URSS, FRA PERSECUZIONI E SVILUPPO INDUSTRIALI - LA NASCITA E L ASCESA DEL NAZISMO IN GERMANIA - LA GERMANIA NAZISTA E IL TERZO REICH - I REGIMI AUTORITARI IN EUROPA - GLI USA DI ROOSEVELT: IL NEW DEAL - LA GUERRA DI SPAGNA - IL GIAPPONE FRA AUTORITARISMO E MILITARISMO - VERSO UNA NUOVA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE VICENDE DEL CONFLITTO E SUA CONCLUSIONE - L INVASIONE TEDESCA DELLA POLONIA: LO SCOPPIO DELLA GUERRA - LA SCONFITTA DELLA FRANCIA - LA BATTAGLIA D INGHILTERRA - L ATTACCO ALL URSS - LA MONDIALIZZAZIONE DEL CONFLITTO: PEARL HARBOUR 26

27 - IL FRONTE DEL PACIFICO - L OCCUPAZIONE NAZISTA E LA RESISTENZA - GLI ALLEATI L ITALIA IN GUERRA E LA CADUTA DEL FASCISMO: - L ENTRATA IN GUERRA: L ATTACCO ALLA GRECIA E LE OPERAZIONI IN AFRICA - L INTERVENTO IN RUSSIA - L ARRESTO DI MUSSOLINI E L 8 SETTEMBRE - LA RESISTENZA ITALIANA - LA GUERRA PARTIGIANA - LA LIBERAZIONE - LA QUESTIONE DELLE FOIBE (FOTOCOPIA) GUERRA E MEMORIA: LA SHOAH - ANTISEMITISMO E POGROM NELLA GERMANIA DI HITLER: DALLE LEGGI DI NORIMBERGA ALLA NOTTE DEI CRISTALLI - L ESTENDERSI DELLE PERSECUZIONI CON LA GUERRA - LA SOLUZIONE FINALE - I CAMPI DI STERMINIO - GLI ALTRI NEMICI DI HITLER - IL FASCISMO E GLI EBREI ITALIANI - IL PROCESSO DI NORIMBERGA I NUOVI EQUILIBRI DEL DOPOGUERRA - LA TRAGICA EREDITÀ DELLA GUERRA - LA CONFERENZA DI JALTA - I TRATTATI DI PACE E LA DIVISIONE DELLA GERMANIA - LA NASCITA DELLE NAZIONI UNITE - LE ORIGINI DELL UNIONE EUROPEA - L UNIONE SOVIETICA E L EUROPA ORIENTALE - LA VIA JUGOSLAVA AL SOCIALISMO DALLA GUERRA FREDDA ALLA DISTENSIONE - LA GUERRA FREDDA E L EQUILIBRIO DEL TERRORE - LA RICOSTRUZIONE DELL EUROPA OCCIDENTALE - IL MURO DI BERLINO E LO SVILUPPO DELLA GERMANIA FEDERALE - LA CINA ROSSA DI MAO TSE TUNG - LA GUERRA DI COREA - GLI USA DA KENNEDY A REAGAN - L URSS DI LEONID BREZNEV - GIOVANNI XXIII E IL CONCILIO VATICANO II 27

28 DECOLONIZZAZIONE E NEOCOLONIALISMO - GLI IMPERI COLONIALI E LA LORO CRISI - L INDIPENDENZ DELL INDIA E LA NASCITA DEL PAKISTAN - IL SUD EST ASIATICO: DALLA GUERRA D INDOCINA ALLA GUERRA DEL VIETNAM - IL MEDIO ORIENTE E LA NASCITA DELLO STATO DI ISRAELE - I CONFLITTI ISRAELIANI E LA QUESTIONE PALESTINESE - LA LIBERAZIONE DELL AFRICA - IL MOVIMENTO DEI NON ALLINEATI - LA RIVOLUZIONE CUBANA L ITALIA DALLA RICOSTRUZIONE AGLI ANNI DI PIOMBO - L ITALIA VERSO LA DEMOCRAZIA - DALLA MONARCHIA ALLA REPUBBLICA: IL REFERENDUM E LE ELEZIONI DEL I LAVORI DELL ASSEMBLEA COSTITUENTE E LA NASCITA DELLA COSTITUZIONE - LA SVOLTA DEL IL CENTRISMO - IL CENTROSINISTRA E LA STAGIONE DELLE RIFORME - IL 68 E L AUTUNNO CALDO - LA STAGIONE DELLE STRAGI E DEL TERRORISMO LA STORIA NEI FILM E NEI DOCUMENTARI: - VISIONE DI ALCUNE PUNTATE DELLA TRASMISSIONE IL TEMPO E LA STORIA (RAI) - SCHINDLER S LIST (S. SPIELBERG) - SALVATE IL SOLDATO RYAN (S. SPIELBERG) - FULL METAL JACKET (S. KUBRICK) 28

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI INGLESE/FRANCESE Anno Scolastico: 2014-2015 QUINTO ANNO SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale LICEO "Dante Alighieri" Classe: V LICEO linguistico e scientifico Insegnante: ZERBI Raffaella

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 1 un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI per il MARKETING SISTEMI

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO di Mauro CERNESI Presentiamo una proposta di piano di lavoro di Economia politica per le classi quinte del nuovo ordinamento degli Istituti

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s, 2014 2015 DIPARTIMENTO: MATERIE LETTERARIE MATERIA: ITALIANO COORDINATORE: De Benedictis Rosa Maria Classi: Quinte ARGOMENTO I: POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO.

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 2^ SEZ. G Indirizzo LICEO SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE G. MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. - SCIENTIFICO BROCCA CLASSICO - SOCIO PSICOPEDAGOGICO Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Liceo Fogazzaro a.s. 2014/2015 CLASSE 5 AS. Lingua e Letteratura italiana. Prof. Barbara Battistolli. Relazione finale del docente

Liceo Fogazzaro a.s. 2014/2015 CLASSE 5 AS. Lingua e Letteratura italiana. Prof. Barbara Battistolli. Relazione finale del docente Liceo Fogazzaro a.s. 2014/2015 CLASSE 5 AS Lingua e Letteratura italiana Prof. Barbara Battistolli Relazione finale del docente 1. Premessa Conosco la classe da quattro anni, nel corso dei quali si è dimostrata

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI MATERIA CLASSE Sandra Bianco Patrizia Qualizza Economia d azienda - Laboratorio trattamento testi 5AP OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI CONOSCENZE,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA. a.s. 2014/2015 CLASSE I I D ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2014/2015 CLASSE I I D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATRICE: prof.ssa Serena Crivellari

Dettagli

PIANO DI LAVORO 2015-2016

PIANO DI LAVORO 2015-2016 Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO 2015-2016

Dettagli

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA)

ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) ISTITUTO TECNICO E. Mattei DECIMOMANNU (CA) INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO INDIRIZZI: - B1 Amministrazione, finanza e marketing (Ragioniere Perito Commerciale

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore economico

Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore economico Indirizzi, profili, quadri orari e risultati di apprendimento del settore economico AREA DI ISTRUZIONE GENERALE RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: Docente: IV^ D S.I.A. MAA MATEMATICA Prof. Michele PAVEGGIO Situazione di partenza della classe La classe risulta formata da 18 alunni,

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF./ PROF.SSA LORETTA BETTINI MATERIA DI INSEGNAMENTO MATEMATICA CLASSE IVB I.T.T. Finalità formative Nel corso del triennio superiore

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS V ERSA RI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo LICEO TECNICO MATERIA M ATEMATICA APPLICATA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROF PIZZILEO

Dettagli

2. L OFFERTA FORMATIVA

2. L OFFERTA FORMATIVA 2. L OFFERTA FORMATIVA 2.1 DESCRIZIONE La nostra scuola, con riferimento ai corsi presenti nella sede centrale di Carbonia, è impegnata ad assolvere il compito istituzionale di formare un tecnico nei settori

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA a.s. 2015/2016 CLASSE 2^ D Indirizzo Scientifico opzione Scienze Applicate COORDINATORE: prof. Alessandro Pepe COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE Pepe Alessandro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA a.s. 2010-2011 Docenti : Margherita Lucchi, Luciana Beretti, Cristina Lanzini, Maria Giuliana

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 Docente Materia Classe DE CERCE LINA MATEMATICA 5 C I.T.C. 1. Finalità... 2. Obiettivi didattici... 3. Contenuti... 4. Tempi... 5. Metodologia e strumenti...

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli