GLOBALIZZAZIONE: CRIMINALITÀ E TERRORISMO. Carlo Jean Roma 13 settembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLOBALIZZAZIONE: CRIMINALITÀ E TERRORISMO. Carlo Jean Roma 13 settembre 2012"

Transcript

1 GLOBALIZZAZIONE: CRIMINALITÀ E TERRORISMO Carlo Jean Roma 13 settembre La globalizzazione ha comportato la porosità delle frontiere, l aumento dei flussi finanziari e migratori, il dominio delle reti orizzontali sulle tradizionali strutture piramidali degli Stati, delle società, delle economie ed anche della criminalità. Quest ultimo cambiamento è derivato dalle nuove ICT e dalla rivoluzione dell informazione, nonché dall aumento dei traffici, dovuto alla diminuzione del costo dei trasporti, dalla deregolamentazione e dalla finanziarizzazione. Non si è determinata solo una dissociazione fra gli Stati, i territori e la ricchezza. E diminuita la capacità di governance, rimasta prevalentemente nazionale, mentre i fenomeni su cui deve esercitarsi sono in gran parte diventati transnazionali o globali. Sono comparsi nuovi attori nella politica internazionale: ONG, centrali finanziarie, agenzie di rating, criminalità, ecc. Alle forze omogeneizzanti della globalizzazione, si oppongono reazioni etniche e identitarie. Si è verificato quello che Gilles Kepel ha chiamato il ritorno di Dio nella storia. Nelle polemiche nell Eurozona si è registrata una contrapposizione fra le virtù luterane e l irresponsabilità dei cattolici. Gli Stati hanno visto erose dall alto (istituzioni internazionali), dai lati (MNC, finanza, criminalità) e dal basso (localismi, ecc.), le loro possibilità di controllo sul territorio e sull economia; pressoché annullate sono quelle sulle comunicazioni e sulla finanza. L indebolimento dei governi ha eroso anche l efficacia delle istituzioni che chiamiamo internazionali, ma che, nella realtà effettuale della politica, sono intergovernative. 2. Le reti sono più flessibili delle strutture gerarchiche. Reagiscono più rapidamente. Lo si è visto nelle rivolte della c.d. primavera araba ed anche 1

2 con il black bloc. Alla globalizzazione finanziaria e della criminalità non è corrisposta quella della giurisdizione e delle forze di law enforcing, intelligence compresa. Il mondo da rotondo si è trasformato in piatto (Thomas Friedman). E divenuto più complesso, imprevedibile e in più rapida trasformazione. 3. La criminalità organizzata e il nuovo terrorismo si sono adeguati rapidamente alla network society, alla porosità delle frontiere e al fatto che, nel mondo globalizzato, la geopolitica degli spazi è stata sostituita da quella dei flussi. Entrambi hanno tratto vantaggio dalla rivoluzione dell informazione e dalla liberalizzazione e finanziarizzazione delle economie, iniziata dalla Thatcher e da Reagan, ma acceleratesi con la fine della guerra fredda. Insomma, la criminalità organizzata ha acquisito con la globalizzazione vantaggi competitivi contro le forze che la contrastano. Lo stesso è avvenuto per il terrorismo. I suoi effetti che sono psicologici prima che materiali - sono amplificati dalle nuove ICT. Gli effetti psicologico-politici del terrorismo o delle violenze della criminalità, volte al controllo del territorio e alla conquista del potere su di esso - cioè ad ampliare spazi e spessore della propria sovranità ai danni dello Stato o delle bande rivali sono simili a quelli dell economia della paura. Panico ed euforia sono analoghi a quelli registrati sui mercati finanziari o delle commodities, indipendentemente dai fondamentali dell economia e dai rapporti fra domanda ed offerta. La tecnologia moderna pone a disposizione di piccoli gruppi o d individui enormi capacità di distruzione, mentre le società post-industriali sono divenute più vulnerabili, per le interconnessioni che le caratterizzano. L aumento della vulnerabilità è un prezzo pagato all aumento della loro efficienza. 4. Il contrasto attuato sia con il controllo del perimetro, cioè delle frontiere, sia con l azione preventiva e repressiva interna, è estremamente costoso in 2

3 termini sia economici che di libertà individuali. La prevenzione e l aumento della resilienza sono sempre relativi e di esito incerto, anche perché ai terroristi basta vincere in un solo momento e punto, che essi stessi scelgono. L antiterrorismo, così come l anti-criminalità, invece, devono vincere sempre ed ovunque. Inoltre, se difende un punto, aumenta la probabilità che ne venga attaccato un altro, relativamente meno difeso. Il possesso dell iniziativa e della libertà d azione conferisce al terrorismo e alla criminalità un vantaggio decisivo sulle forze di contrasto, in termini sia di libertà d azione che di economia delle forze (e dei costi relativi). La globalizzazione ha accentuato tali asimmetrie e, quindi, tali vantaggi. Più efficace è teoricamente l azione di contrasto svolta al di fuori delle frontiere nazionali, dato che essa pone terroristi e criminali sulla difensiva, obbligandoli a concentrarsi sulla loro sopravvivenza. Tale azione è però ostacolata dalla frammentazione del mondo in Stati, gelosi della propria sovranità. Inoltre, la militarizzazione della lotta alla criminalità e al terrorismo, attuata con interventi militari, ha sempre costi economici e politici rilevanti ed esiti incerti. Lo si è visto con la guerra globale al terrore di Bush ed anche con l intervento in Colombia ed America Centrale delle Forze Speciali americane. Il gioco si svolge prioritariamente sul piano dell intelligence. Parte della popolazione locale teme (e fornisce loro informazioni e rifugi) i criminali, gli insorti e i terroristi molto più delle forze che li contrastano. Esse, soprattutto quelle dei paesi democratici, non possono impiegare una potenza di fuoco che consenta di raggiungere il punto culminante della violenza. Esso è analogo al clausewitziano punto culminante della vittoria. Con il suo raggiungimento, si determina un cambiamento di atteggiamento della popolazione. Cessa la sua omertà. Collabora con le forze d occupazione o dell ordine. E quanto avvenuto in Colombia, permettendo la distruzione dei cartelli di Medellin e poi di quello 3

4 di Cali, anche attraverso una guerra di mafia fra i due clan promossa dal governo. Non sta avvenendo invece in Messico, dove la guerra fra i potenti cartelli criminali (droga e immigrazione clandestina negli USA) ha provocato dal morti all anno. Non riesce neppure in Afghanistan, per il fallimento della fantasiosa campagna di conquista delle menti e dei cuori, per la difficile afghanizzazione del conflitto e per la persuasione della popolazione che alla fine prevarranno i Talebani. 5. Tutti i governi sono consapevoli che il contrasto a minacce globali come alla criminalità e al terrorismo - non possa avere successo se attuato da strutture, secondo normative e con strategie solo nazionali. Tutti gli Stati sanno anche che entrambe le minacce stanno crescendo e che si sono trasformate da marginali in esiziali per il loro potere interno e la loro stabilità, economia e sicurezza. Nessuno Stato è però disponibile a mettere in comune con altri la sovranità sulla propria legislazione criminale, cioè l autorità sul proprio territorio. Nel caso del terrorismo non esiste neppure concordanza fra gli Stati: quelli che gli uni considerano terroristi, per altri sono combattenti per la libertà. Taluni Stati hanno militarizzato la lotta al terrorismo, considerandolo una minaccia militare; altri lo considerano un crimine, da contrastare con la polizia e la magistratura. Per la criminalità esiste una maggiore convergenza fra gli Stati, seppure con qualche eccezione per la corruzione quasi ovunque intrecciata e collusa nei modi più diversi con la politica. Sul proprio territorio e nelle proprie faccende interne gli Stati vogliono esercitare in modo esclusivo la propria giurisdizione. 6. A differenza di quanto avviene per il terrorismo, per la criminalità esiste almeno una definizione comune accettata. Inoltre, si è cercato ad esempio con la Convenzione ONU di Palermo del 2000/03 (e i suoi tre protocolli) e, prima ancora, con il Gruppo di Lione del G-8 del di creare un qualche collaborazione internazionale permanente, prevedendo lo scambio 4

5 obbligatorio d informazioni ed il coordinamento del law enforcement, e soprattutto di quello dell intelligence. Ma, qualsiasi tentativo di coordinamento è contrastato, quando non neutralizzato, dal c.d. paradosso del coordinamento : tutti lo chiedono, ma nessuno vuole essere coordinato da qualcun altro. Lo conosciamo bene in Italia, per il coordinamento interforze o per quello delle forze di Polizia, entrambi beninteso fortemente esaltati. L ipocrisia, ignorando i problemi e facendo finta di averli risolti, permette la convivenza. Avviene anche nelle famiglie, fra suocera e nuora! Il multilateralismo istituzionale e normativo ha poco spessore, anche nelle istituzioni più integrate, come l UE. Più efficace è il bilateralismo, anche perchè è più semplice e facilita accordi ad hoc. Lo ammettono anche l UNODC (UN Office on Drugs and Crime), l Interpol e l Europol. Progressi si sono comunque registrati soprattutto a livello regionale europeo, anche se essi sono ancora limitati rispetto all entità della minaccia della criminalità transnazionale. Nell UE un impulso è stato dato dal c.d. 3 pilastro dell Unione, quello della Giustizia e Affari Interni. Tuttavia, esistono precisi limiti che nessuno intende superare. Lo si è visto con la Francia per il caso Battisti. Gli USA, limitatamente all assassinio di cittadini americani o a minacce alla sicurezza nazionale (definite nel quadro della GWOT Global War on Terror) estendono extra-territorialmente gli spazi della loro giurisdizione, con le Extraordinary Renditions, che furono autorizzate dal Congresso dopo il caso Achille Lauro. Ma lo possono fare poichè sono l unica superpotenza rimasta, grazie al Re dollaro e a una superiorità militare di entità mai esistita nella storia (47% delle spese militari mondiali!). 7. L impraticabilità di un unitaria risposta globale ha consentito al crimine di approfittare della globalizzazione, in misura per certi versi analoga ai vantaggi che ne hanno tratto la comunicazione, il commercio, l economia e soprattutto la finanza. Le reti informatiche hanno facilitato la globalità e 5

6 anche la maggiore flessibilità, sia organizzativa che territoriale. Molte organizzazioni criminali hanno trasformato le loro strutture sia gerarchiche verticali sia territoriali in reti, organizzate spesso in cellule autonome, capaci di sopravvivere e di operare anche quando altri componenti della rete sono stati neutralizzati. Il terrorismo e la criminalità sono diventati come un Idra che si rigenera, sopravvive e si espande. Taluni esperti sostengono che la criminalità possa essere vinta polarizzando l azione di contrasto non sull eliminazione dei gruppi terroristici, ma dei mercati. Facile da dirsi. Difficile da farsi. 8. Anche il reclutamento dei terroristi e dei criminali si è parzialmente modificato: non avviene più prevalentemente su base etnica e familiale, come è avvenuto per la Mafia americana, prosperata come Onorata Società fra gli immigrati siciliani, o come tuttora avviene per la Triade Cinese fra le diaspore di immigrati del Celeste Impero. Esistono beninteso eccezioni. Una è quella della N drangheta, potente e violenta organizzazione, dall interessantissima logica organizzativa. Unisce infatti aspetti premoderni (familiali e locali delle varie n drine), con altri postmoderni, specie per quanto attiene il riciclaggio e gli investimenti nell economia legale. Le reti spesso concludono tra di loro accordi anche transnazionali per la divisione del mercato e del tipo di attività (ad esempio: produzione, trasporto e spaccio della droga: degli oppiacei dall Afghanistan; della cocaina dall America del Sud e della cannabis dal Marocco). Adottano logiche di outsourcing e di offshoring simili a quelli che esistono fra le multinazionali. Si sono così formati degli hub criminali, specializzati per materia o per attività, come messo in rilievo dal rapporto annuale di Europol. Tali accordi non sempre sono solidi. Talvolta, come nel caso colombiano, hanno permesso ai governi di adottare come strategia di contrasto, l innesto 6

7 di guerre di mafia. I vari gruppi criminali si eliminano tra loro, sopperendo all incapacità delle forze dell ordine e della magistratura di contrastarli efficacemente. Come è stato ricordato, tale strategia, vittoriosa in Colombia, sta registrando esiti disastrosi in Messico. 9. Altro fattore che ha facilitato l espansione della criminalità è l urbanizzazione. Le periferie delle megalopoli, che stanno sorgendo ovunque, sono ingovernabili. Basti pensare alla difficoltà con cui le forze dell ordine entrano nei sobborghi di Karachi, di Lagos, di San Paolo ed anche di Parigi. Nelle aree rurali i confini fra i clan mafiosi sono più facilmente tracciabili. La Mafia siciliana, anche per il mantenimento della tradizionale struttura gerarchica, ha conosciuto un tasso di violenza interna molto inferiore alla Camorra campana. Un altra innovazione che ha dato molti vantaggi alla criminalità organizzata è stata quella del banking virtuale, base della finanziarizzazione dell economia globalizzata. Esso ha enormemente facilitato le transazioni opache, la criminalità finanziaria, il riciclaggio del denaro, rendendone difficile la rintracciabilità. Per inciso, ciò ha reso ancora più difficile il contrasto al finanziamento del terrorismo, anche se esso avviene generalmente lungo incontrollabili canali informali (ad esempio, hawala o finanziamento in moneta da parte delle charities arabe del Golfo). Il riciclaggio è il punto più debole della criminalità. Con esso, i profitti sotterranei della criminalità risalgono in superficie, per essere investiti in attività economiche formalmente legali. Molti dei successi della lotta alla criminalità in Italia sono derivati dall efficacia dell anti-riciclaggio. Essa ha permesso l individuazione e il sequestro di molti beni mafiosi. Gli investimenti della criminalità nell economia marginalizzano l economia reale e incidono negativamente sullo sviluppo. Essi sono facilitati dal fatto che la complessità e 7

8 l imprevedibilità della globalizzazione, nonchè il rilevante aumento degli scambi, hanno attenuato la possibilità di distinguere fra le attività economiche legali e quelle illegali. 10. Tra criminalità e terrorismo esistono varie connessioni poste in rilievo dal Consiglio d Europa - anche se la criminalità ha come obiettivo principale la massimizzazione del profitto e il controllo se non la conquista della sovranità sul territorio in cui agisce. Il terrorismo si prefigge invece principalmente obiettivi politici, parateologici, ecologici, ecc. Mentre la criminalità effettua azioni reali, eccetto nel caso dell intimazione, il terrorismo agisce anche in modo virtuale, utilizzando il terrore, volto a delegittimare le strutture politiche ed amministrative esistenti. In questo obbedisce ad una logica molto simile a quella della forza militare, specie quella descritta da Mao Zedong per le guerre di lunga durata. Però, il terrorismo ha bisogno di finanziamenti. Nel periodo bipolare, essi provenivano in gran parte dalle due superpotenze. Poi, dalle ONG soprattutto islamiche o da quelle umanitarie, che gestivano i grandi campi profughi. Oggi, principalmente da circuiti finanziari informali (hawala o tassazione delle diaspore) e, in misura sempre maggiore, da attività criminali, che saccheggiano i territori e intimidiscono la popolazione. Ciò ha aumentato la contiguità tra il terrorismo con le organizzazioni criminali. Talvolta, le attività criminali sono attuate direttamente dagli stessi gruppi terroristici. Ciò si verifica ad esempio nel transito verso l Europa della cocaina sudamericana attraverso l Africa Occidentale, effettuato dall AQIM (al-qaeda of the Islamic Maghreb) e dal nigeriano Boko Haram. Lo si vede in Pakistan, nel Caucaso, in Afghanistan e anche in Turchia. La FARC colombiana protegge il transito della cocaina dai produttori alle raffinerie e alle organizzazioni transnazionali che provvedono al trasporto ai punti di entrata negli USA e in Europa. 8

9 Criminalità e terrorismo non sono più separati. Spesso fanno capo alla medesima organizzazione. Ciò avviene soprattutto negli Stati in cui si svolge o è appena terminata - una guerra civile, specie se di natura etnico-identitaria. Per inciso, ciò rende estremamente difficile la stabilizzazione post-conflitto. I signori della guerra mantengono il controllo dell economia nera, che ha finanziato il conflitto. Alla fine degli scontri armati si costituiscono spesso Stati-mafia. In essi, lo scopo del crimine non è solo il profitto, ma anche il mantenimento del potere. Polizia e magistratura dipendono dagli stessi signori della guerra. Un caso tipico è quello della Bosnia. In essa, la storia dell assedio di Sarajevo coincide con quella del mercato nero della città, gestito congiuntamente da serbi e da musulmani. La criminalità è di massima meno violenta. Fanno eccezione, almeno come tecniche e tattiche, i suoi gruppi di fuoco, utilizzati per intimidire gli apparati dello Stato o la popolazione, oppure quando si scatena una lotta fra i clan. Ciò si verifica soprattutto nelle aree urbane, nelle quali i confini fra i gruppi criminali sono più difficilmente tracciabili e meno stabili - di quanto lo siano nelle aree rurali. Basta al riguardo esaminare le cause della maggiore violenza della Camorra rispetto a quella della Mafia. Non avviene più quello che si era verificato nei confronti delle Brigate Rosse, nelle quattro regioni italiane in cui è particolarmente forte la criminalità organizzata (o a quanto si era verificato in Francia con l Union Corse nei riguardi dell Action Directe). La criminalità organizzata aveva allora impedito l installazione di gruppi del terrorismo ideologico nei propri territori. Temeva che l inevitabile forte reazione dello Stato l avrebbe coinvolta, facendo diminuire i suoi profitti. Oggi, i vari gruppi criminali transnazionali e quelli territoriali preferiscono accordi tra di loro, consapevoli del fatto che una lotta indebolirebbe tutti, mentre la collaborazione rafforza entrambi. Ciò non toglie che la forza venga impiegata, quando gli accordi sono impraticabili, come fra i cartelli 9

10 messicani per il controllo delle vie del traffico di cocaina e di emigranti verso gli USA. Sull uso della violenza, oltre che la natura rurale o urbana delle varie organizzazioni criminali, influiscono anche le loro strutture gerarchiche e il livello di coordinamento delle varie cellule della rete. La tipologia che assumono è estremamente diversa e varia nel tempo a seconda delle circostanze. 11. Oggi convivono forme tradizionali di criminalità con altre nuove. Le prime si riferiscono ad attività come il traffico di droga, di armi, di esseri umani, l usura, il sequestro di persone o cose a scopo di riscatto, l estorsione, il pizzo, ecc. Talune sono transnazionali e deterritorializzate, effettuate in outsourcing e offshoring. Altre rimangono localizzate e legate al territorio. Talune delle nuove attività criminali sono strettamente connesse con la globalizzazione. Ne rappresentano il lato nero. Traggono vantaggio dalle regole liberalizzanti, stabilite dal Washington Consensus in nome della libertà di commercio. Gli Stati hanno smantellato interi segmenti dei loro regimi regolatori, particolarmente in campo finanziario e di controllo delle frontiere. L aumento dei traffici e dei movimenti migratori ha reso difficili i controlli e comunque maggiori i loro costi sia materiali, sia in termini di libertà individuali. 12. Altre forme della nuova criminalità sono collegate all evoluzione tecnologica: la cybercriminalità, il traffico di organi, quello di scorie ad alta pericolosità, la contraffazione di medicinali e quelle di sigarette, che talvolta contengono pesticidi cancerogeni. Ha poi conosciuto un esplosione la criminalità finanziaria, settore in cui le attività nere del riciclaggio dei fondi del traffico di droga, di armi o di esseri umani, non possono essere distinte da operazioni grigie come la corruzione, l evasione fiscale, l appropriazione indebita, l insider trading, ecc. e anche da quelle legali, come gli investimenti 10

11 in attività produttive o commerciali. Tale criminalità denominata dei colletti bianchi - si è enormemente estesa, anche per la difficoltà di controllo delle enormi masse di denaro che circolano con il virtual banking, a cui si è prima accennato e per l esistenza di paradisi fiscali e del segreto bancario. La difficoltà del loro controllo è risultata ben evidente allorquando, dopo gli attentati terroristici a New York e Washington dell 11 settembre 2001, si era pensato di poter sconfiggere il terrorismo, bloccandone i finanziamenti. I risultati conseguiti dalla FATF (Financial Action Task Force) dell OCSE sono stati deludenti, anche perché il terrorismo non necessita di consistenti finanziamenti. Esiste infatti un enorme asimmetria fra i costi dell attacco e quelli della difesa. Gli attentati dell 11 settembre hanno provocato danni diretti inferiori ai 100 miliardi di $; danni indiretti di circa 750 mld.; danni di processo di mld. Il costo dell antiterrorismo nel mondo ha superato in 12 anni i mld $. Basti pensare che un ritardo di 20 minuti nell imbarco su tutti gli aerei causa all economia mondiale un danno di 200 mld$ all anno, per rendersi conto dei costi del terrorismo. 13. Alla difficoltà di rilevamento dei flussi finanziari va aggiunta la facilità dell investimento all estero, soprattutto con lo sviluppo delle multinazionali, della finanziarizzazione dell economia globalizzata e dal crescente numero di fondi sovrani di ricchezza. Tale espansione ha facilitato la criminalità, anche perchè i controlli si sono attenuati a seguito della crisi finanziaria mondiale. Ciò ha permesso la contaminazione di larghi settori dell economia da parte delle organizzazioni criminali, nazionali ed internazionali. L espansione della criminalità è continua. E stata accelerata dalla crisi finanziaria mondiale e da quella dei debiti sovrani dell Eurozona. Le quattro organizzazioni criminali del Mezzogiorno hanno aumentato gli investimenti anche al Nord e nell intera Europa. Rischia di far perdere agli Stati la sovranità su ampie parti della loro economia e del loro stesso territorio. Gli 11

12 investimenti della criminalità sono in questo simili a quelli dei Fondi Sovrani di Ricchezza di molti paesi esteri. La diffusione della criminalità rallenta lo sviluppo d intere regioni. Il reddito per abitante nel Sud è appena il 57% di quello del Centro-Nord. Secondo l FBI l infiltrazione della criminalità nell economia produce, a livello mondiale, danni analoghi a quelli causati dal mancato rispetto della proprietà intellettuale e dalla contraffazione. L esistenza della criminalità rende difficili gli investimenti, specie della PMI, meno in condizioni di provvedere alla loro sicurezza di quelle di dimensioni maggiori. Il controllo dei subcontractors da parte della criminalità ha prodotto un primato italiano: quello di possedere con l autostrada Salerno-Reggio Calabria, il corpo di reato più lungo nel mondo! 14. Per concludere, sembra opportuno accennare a due altri fatti. In primo luogo taluni, constatato che i gruppi criminali si riproducono, nonostante le perdite fatte subire dall azione di contrasto, affermano che quest ultima non deve essere rivolta prioritariamente alla lotta contro i gruppi criminali, ma alla distruzione dei mercati. Facile da dirsi, ma difficile da farsi, soprattutto data l infiltrazione della criminalità nell economia reale e il collasso economico che si produrrebbe in varie regioni del mondo qualora fosse eliminata ammesso, ma non concesso che fosse possibile la presenza di gruppi criminali. Teoricamente, con il massiccio impiego di defolianti, potrebbero essere distrutte le coltivazioni di papavero in Afghanistan. Ma non lo si fa, per non espandere la rivolta alle masse contadine afgane, che traggono consistenti guadagni da tali coltivazioni. In secondo luogo, ha ripreso la pirateria sulle coste africane. Nel Golfo di Guinea, assume forme diverse da quelle che ha in corrispondenza delle coste somale. Nel primo caso, i pirati si limitano a impossessarsi del carico delle navi. Nel secondo, catturano navi ed equipaggi, per liberarli solo dopo 12

13 che le assicurazioni abbiano pagato riscatti. Anche in questo caso, come nel caso del traffico di oppio e di cocaina, ai pirati locali rimane ben poca parte dei guadagni. Secondo l IMO (International Maritime Organization) degli 8 miliardi di dollari di danno causato dalla pirateria africana all economia mondiale, meno di 200 milioni rappresentano i guadagni dei pirati. Il resto va alle società di assicurazione per i maggiori premi, alle misure di sicurezza, ai maggiori tempi e costi necessari per i cambiamenti di rotta, alle indennità degli equipaggi, ecc. Si tratta di una cifra simile a quella prodotta dall UNODC per la cocaina. La torta finale sarebbe così divisa: l 1% ai contadini; l 1% alle organizzazioni che trasportano la droga all interno della regione andina; il 25% a chi trasporta la droga ai punti d entrata dei Caraibi- America Centrale, per gli USA, e dell Africa Occidentale o Paesi Baschi, per l Europa; il 17% per il trasporto dai punti d entrata agli spacciatori e il 56% a questi ultimi. Si tratta di percentuali impressionanti. La pericolosità consiste principalmente nelle organizzazioni criminose transnazionali che provvedono ai trasporti dai luoghi di origine a quelli di destinazione finale. Esse costituiscono le componenti più militarizzate della criminalità organizzata. Poichè coinvolgono pochi individui e dispongono di strutture gerarchiche, con sistemi di comando e controllo spesso sofisticatissimi, tali gruppi hanno enormi disponibilità di cash che li mettono in grado di rigenerarsi, nonché di destabilizzare interi paesi. 13

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI Roma, 26 Giugno 2008 Nel 2007 la coltivazione di papavero da oppio a livello

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

Gli investimenti delle mafie

Gli investimenti delle mafie Progetto PON Sicurezza 2007-2013 I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento della criminalità all impiego di

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

Gli investimenti delle mafie

Gli investimenti delle mafie . Gli investimenti delle mafie Ernesto Savona ernesto.savona@unicatt.it Transcrime - Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano www.transcrime.it Milano, 16 gennaio 2013 Da dove partiamo Background

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE Reggio Calabria, 5 aprile 2013 Introduzione L obiettivo della lezione odierna è individuare: i motivi per cui le mafie investono nell

Dettagli

in materia di immigrazione

in materia di immigrazione in materia di immigrazione Gruppo PPE al Parlamento Europeo in materia di immigrazione in materia di immigrazione 1 Sommario in materia di immigrazione 5 1. Risposta alla crisi del sistema di asilo 7 2.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Reed Hundt è responsabile dell iniziativa IDEA (International Digital Economy Accords) promossa dall Aspen Institute ed ex presidente della Commissione

Dettagli

CONFLITTI nel MONDO (2015)

CONFLITTI nel MONDO (2015) CONFLITTI nel MONDO (2015) I giornali e le televisioni di tutto il mondo parlano ogni giorno del conflitto in corso tra Israele e Palestina. Continui aggiornamenti sul numero di vittime, sulle brevi tregue

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

La criminalità economica

La criminalità economica Con la crescente domanda di una migliore qualità della vita, la reazione sociale nei confronti dei reati economici e dei colletti bianchi si è molto inasprita: l opinione pubblica è sempre più attenta

Dettagli

SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI

SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK 1 6 SENZA FRONTIERE L Internazionalizzazione come direttrice strategica per intercettare i benefici

Dettagli

Prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario per finalità illegali L esperienza egiziana

Prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario per finalità illegali L esperienza egiziana Prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario per finalità illegali L esperienza egiziana VI Conferenza Banca d Italia - MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero Ministero degli Affari

Dettagli

FONTI DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO: LA MINACCIA SAUDITA. di Luca Fucini * * * Secondo un analisi condotta dallo Stratetic Studies Institutes dello

FONTI DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO: LA MINACCIA SAUDITA. di Luca Fucini * * * Secondo un analisi condotta dallo Stratetic Studies Institutes dello FONTI DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO: LA MINACCIA SAUDITA di Luca Fucini * * * Secondo un analisi condotta dallo Stratetic Studies Institutes dello US Army War College, le organizzazioni terroristiche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE,

ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE, ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE, E REGNO UNITO DI GRAN BRETAGNA ED IRLANDA DEL NORD CHE ISTITUISCE UN CENTRO

Dettagli

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte Trade Commercio in Counterfeit di merci contraffatte and e di merci Pirated usurpative: Goods MaPPinG UNA MAPPA The DELL IMPATTO economic ECONOMICO impact Aprile 2016 SINTESI Questo studio analizza l impatto

Dettagli

DICHIARAZIONE FINALE (Roma, 30 maggio 2009)

DICHIARAZIONE FINALE (Roma, 30 maggio 2009) DICHIARAZIONE FINALE (Roma, 30 maggio 2009) Nella riunione ministeriale G8 Giustizia e Affari Interni, svoltasi a Roma il 29 e 30 maggio 2009, noi, Ministri della Giustizia e dell Interno, abbiamo preso

Dettagli

THE NEUROSCIENCES AND MUSIC - II

THE NEUROSCIENCES AND MUSIC - II THE NEUROSCIENCES AND MUSIC - II From perception to performance LEIPZIG (Westin Hotel), May 5th-8th, 2005 1 Questi flauti sono i i primi strumenti musicali di cui abbiamo testimonianzacerta. Datano 32000

Dettagli

Presentare le operazioni militari e le capacità militari

Presentare le operazioni militari e le capacità militari Presentare le operazioni militari e le capacità militari Military PESD mission Rafforzare capacità dell Unione Europea ad agire in ambito esterno attraverso lo sviluppo delle capacità civili e militari

Dettagli

Legalità e sicurezza come fattori dello sviluppo. Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul Sud che cambia

Legalità e sicurezza come fattori dello sviluppo. Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul Sud che cambia Legalità e sicurezza come fattori dello sviluppo Di Silvio D Amico Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul Sud che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 2004 Il positivo legame

Dettagli

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese.

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Ecco il testo integrale della risoluzione 1973 (2011) sulla Libia, approvata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE

Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE Aprile 2015 Premessa I diritti di proprietà intellettuale (DPI) contribuiscono a garantire che gli innovatori e i creatori ottengano una

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001

1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001 1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001 B5-0666, 0668 e 0674/2001 Risoluzione del Parlamento europeo sulla riunione straordinaria del Consiglio europeo del 21 settembre 2001 a

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale Corso di Laurea Magistrale LM59 Scienze della comunicazione pubblica e sociale Insegnamento: Cooperazione sanitaria internazionale Conoscenze e abilità da conseguire L evoluzione degli scenari economici

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

Jackpot! Riciclaggio di denaro attraverso il gioco d'azzardo online McAfee Labs Relazione di sintesi

Jackpot! Riciclaggio di denaro attraverso il gioco d'azzardo online McAfee Labs Relazione di sintesi Jackpot! Riciclaggio di denaro attraverso il gioco d'azzardo online McAfee Labs Relazione di sintesi Jackpot! Riciclaggio di denaro attraverso il gioco d'azzardo online Relazione di sintesi McAfee Labs

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica Sulla crisi della Libia e dei profughi del Nord Africa che sbarcano sulle coste italiane l Europa ha rivelato la sua assenza più clamorosa.

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

Obblighi giuridici internazionali e impegni politici

Obblighi giuridici internazionali e impegni politici Annesso alla MC(9).DEC/1/Corr.1 PIANO DI AZIONE DI BUCAREST PER LA LOTTA Al TERRORISMO I. Obiettivo del Piano d Azione 1. Il terrorismo è una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali, nell area

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013 ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA Reggio Calabria, 2 aprile 2013 DOVE OPERANO LE MAFIE IN ITALIA L INDICE DI PRESENZA MAFIOSA Per conoscere come le organizzazioni mafiose si distribuiscono sul territorio italiano

Dettagli

I. STRATEGIA DELL OSCE PER FAR FRONTE ALLE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO SECOLO

I. STRATEGIA DELL OSCE PER FAR FRONTE ALLE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO SECOLO I. STRATEGIA DELL OSCE PER FAR FRONTE ALLE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO SECOLO STRATEGIA DELL OSCE PER AFFRONTARE LE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO

Dettagli

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO 6 COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO Giampaolo Cantini è il volto e l anima della Direzione italiana per la cooperazione e lo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri.

Dettagli

Riciclaggio e Reimpiego dei capitali illeciti nell Impresa Criminale

Riciclaggio e Reimpiego dei capitali illeciti nell Impresa Criminale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Corso di Economia e Gestione delle Imprese (Prof. Roberto Vona) CENTRO CULTURALE GESU NUOVO Gruppo Legalità Laboratorio sulla Impresa Criminale Riciclaggio

Dettagli

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette

Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette A13 Ricordo che solo la coesione nazionale e la completa conoscenza dei fini ultimi dell intelligence, da parte della collettività di uno Stato, permette il superamento del dilemma morale che si cela dietro

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2015

Dossier Statistico Immigrazione 2015 Dossier Statistico Immigrazione 2015 I paradossi dell immigrazione a cura di IDOS in partenariato con Confronti e in collaborazione con l UNAR Con il sostegno dei fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE INDICE-SOMMARIO Premessa... V INTRODUZIONE 1. Sistema inter-statale, diritto internazionale e valori comuni dell umanità... 1 2. Piano del lavoro e linee direttrici... 2 PARTE I SISTEMA DEGLI STATI E GOVERNO

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 297 MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 2 La Camera, premesso che: la crisi siriana ha raggiunto

Dettagli

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro 1. La sfida L Europa nel mondo Negli ultimi 20 anni, il mondo è cambiato in modo irreversibile. La stessa natura

Dettagli

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Agenzia per la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32).

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32). DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA D AUSTRIA IN MATERIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE DI POLIZIA, FATTO A VIENNA

Dettagli

Mafie in Veneto Dati statistici

Mafie in Veneto Dati statistici Mafie in Veneto Dati statistici Raccolta di dati a cura di Avviso Pubblico Le mafie Scheda informativa sintetica 1 Diverse sono le ipotesi etimologiche del termine mafia. La più accreditata ritiene che

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D LA GLOBALIZZAZIONE Istituto Primario Primo Grado F.D Un mondo globalizzato La globalizzazione è un fenomeno che si estende a tutta la superficie terrestre o all intera umanità Essa offre grandi possibilità

Dettagli

SINTESI DEL RAPPORTO I CINQUE DRIVERS COSA SI PUÒ TROVARE IN QUESTO REPORT?

SINTESI DEL RAPPORTO I CINQUE DRIVERS COSA SI PUÒ TROVARE IN QUESTO REPORT? SINTESI DEL RAPPORTO Questo rapporto è parte del progetto The Factbook on the Illicit Trade in Tobacco Products. Si concentra sull Italia, dove il traffico illecito di tabacco sembra essere cresciuto molto

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio Convegno La gestione integrata della safety e della security aziendale e il ruolo del security manager ANMIL 22 Ottobre 2014 Bologna Penetrazione jihadista nel mondo nel 2011 In giallo evidenziati i Paesi

Dettagli

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale WORLD FOOD DAY 2014 Roma - 29 Ottobre Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Il ruolo

Dettagli

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017 Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Analisi SWOT della presenza di UPP in Iraq Punti di forza Presenza nel paese dal 1991

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa L Europa continua ad essere impantanata nella crisi. Dall inizio della grande crisi, nel 2007, la debolezza della crescita

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Guardia di Finanza SERVIZIO CENTRALE INVESTIGAZIONE CRIMINALITÀ ORGANIZZATA - Ufficio Raccordo Informativo - Sezione Operazioni -

Guardia di Finanza SERVIZIO CENTRALE INVESTIGAZIONE CRIMINALITÀ ORGANIZZATA - Ufficio Raccordo Informativo - Sezione Operazioni - Guardia di Finanza SERVIZIO CENTRALE INVESTIGAZIONE CRIMINALITÀ ORGANIZZATA - Ufficio Raccordo Informativo - Sezione Operazioni - COMMISSIONE SPECIALE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA,

Dettagli

Master Executive in Criminologia e Sicurezza Ambientale

Master Executive in Criminologia e Sicurezza Ambientale Dipartimento di Scienze della Security, Investigazione e Intelligence Bando del Master Executive in Criminologia e Sicurezza Ambientale Direttore: Prof. MASSIMO BLANCO Coordinamento Scientifico: IRIADA

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it.

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it. Dipartimento di Scienze Criminologiche Dipartimento di Scienze della Security e Intelligence Corsi di Formazione e Master Anno Accademico 2014/2015 Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI

SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI si SICUREZZA NEI FLUSSI MIGRATORI TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELL IDENTIFICAZIONE L Italia paese che si protende geograficamente nel Mare Nostrum è la nuova frontiera dei flussi migratori provenienti dai paesi

Dettagli

Unione Triveneta dei Consigli dell Ordine degli Avvocati. Fondamenta S. Chiara, 494 30125 Venezia

Unione Triveneta dei Consigli dell Ordine degli Avvocati. Fondamenta S. Chiara, 494 30125 Venezia NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO E STUDI LEGALI I) La prima Direttiva antiriciclaggio. 1. Nel 1991, sulla base delle 40 raccomandazioni del FATF (= Financial Action Task Force on Money Laundering, organismo intergovernativo

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 18 Le crisi valutarie Hill, cap. 11, molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse La Grande guerra dinamiche e problemi 2. Le premesse Sarajevo 28 giugno 1914 La prima guerra mondiale, alla quale l Italia avrebbe partecipato dal 24 maggio 1915 con intensità crescente e verso la fine

Dettagli

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano OECD Communications Outlook 2005 Summary in Italian Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 Riassunto in italiano SOMMARIO ESECUTIVO A seguito dello scoppio della bolla di Internet (la cosiddetta dot-com

Dettagli

Processi innovativi. (pp. 631-679 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale

Processi innovativi. (pp. 631-679 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Processi innovativi (pp. 631-679 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Tornare alla città digitale: servizi on line integrati per il territorio I servizi on line,

Dettagli

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A.

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A. INTERVENTO DEL CAPO CENTRO OPERATIVO D.I.A. DI PALERMO COL. GIUSEPPE D AGATA PRESSO LA COMMISSIONE SPECIALE SULLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LA CORRUZIONE E IL RICICLAGGIO DI DENARO - (CRIM) DEL PARLAMENTO

Dettagli

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/OPAC/ITA/1 Quarantaduesima sessione 15 maggio 2 giugno 2006 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE Analisi dei Rapporti presentati dall Italia ai sensi dell art. 8 del Protocollo

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING

CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING CYBERCRIME E CLOUD COMPUTING UN RECENTE STUDIO COMUNITARIO TRA EVOLUZIONE NORMATIVA E PROSPETTIVE Luca Di Majo La Direzione Generale sulle politiche interne in seno al Parlamento Europeo ha recentemente

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 Crescita in economia aperta Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 1 Globalizzazione= riduzione della rilevanza economica dei confini nazionali (in contrapposizione

Dettagli

prestare ascolto. È necessario capire, però, da dove proviene questa eco: notizia sorgono da dinamiche rapide, veloci e impercettibili con cui si

prestare ascolto. È necessario capire, però, da dove proviene questa eco: notizia sorgono da dinamiche rapide, veloci e impercettibili con cui si Conclusioni Comprendere cosa significa l atroce, non negarne l esistenza, affrontare spregiudicatamente la realtà (Hannah Arendt). Gli spari di Secondigliano, i morti ammazzati, la guerra, non sono tutta

Dettagli

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

LA NOSTRA POLITICA MILITARE LA NOSTRA POLITICA MILITARE (24-25 gennaio 1934) Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale

Dettagli

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA *********** 1. Premessa sulla sociologia dei media. Si dice comunemente che viviamo in una società della informazione. Una

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map BAHRAIN Capitale Manama Popolazione (milioni) 1,17 42/100 41/100 52/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 34,96 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

PERCHÉ PARLARE DEI MINERALI DEI CONFLITTI? Documento di posizione FOCSIV

PERCHÉ PARLARE DEI MINERALI DEI CONFLITTI? Documento di posizione FOCSIV PERCHÉ PARLARE DEI MINERALI DEI CONFLITTI? Documento di posizione FOCSIV Perché parlare dei minerali dei conflitti? Smartphone, telefoni cellulari, tablet e molti altri dispositivi elettronici sono beni

Dettagli

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l. IL 30/06/2009 PARTE SPECIALE C 1.1

Dettagli

PROGETTO MILANESE DI PROMOZIONE E TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE E LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE IL CONSIGLIO MILANESE ANTICONTRAFFAZIONE (CMA)

PROGETTO MILANESE DI PROMOZIONE E TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE E LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE IL CONSIGLIO MILANESE ANTICONTRAFFAZIONE (CMA) PROGETTO MILANESE DI PROMOZIONE E TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE E LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE IL CONSIGLIO MILANESE ANTICONTRAFFAZIONE (CMA) Progetto Milano INDICE 1.1 Premessa p. 3 1.2 Modelli di

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale SOMMARI0 QUATTRO Lezione del 24 0ttobre 2005. 1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale Il lavoro come fattore di produzione. La politica del lavoro presenta una diversa dimensione rispetto

Dettagli

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE

CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE FRONTESPIZIO INDICE ABSTRACT DI CLANDESTINITA NEL CANALE DI SICILIA : CONTROLLO SOCIALE E DEVIANZA TRA REALTA LOCALE E IMMIGRAZIONE ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

Economia e tecnica degli scambi internazionali Modulo A (2)

Economia e tecnica degli scambi internazionali Modulo A (2) Economia e tecnica degli scambi internazionali Modulo A (2) Prof. Elena Cedrola Dipartimento di Istituzioni Economiche e Finanziarie e-mail: elena.cedrola@unimc.it Il processo di globalizzazione L interdipendenza

Dettagli

Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015. Intervento di Antonio Marchesi

Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015. Intervento di Antonio Marchesi Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015 Intervento di Antonio Marchesi 1) Il Rapporto 2014-2015, che presentiamo oggi, contiene informazioni sulla situazione dei diritti umani in 160

Dettagli

LA RUSSIA E LA NUOVA CYBER SECURITY STRATEGY

LA RUSSIA E LA NUOVA CYBER SECURITY STRATEGY LA RUSSIA E LA NUOVA CYBER SECURITY STRATEGY A cura di Mario Avantini - Roma, 15 febbraio 2015 I Paesi occidentali valutano le cyber-attività della Russia soprattutto come una minaccia, se effettuate a

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 GUARDIA DI FINANZA DI PIACENZA BILANCIO OPERATIVO ANNUALE ANNO 2015 Nel 2015 è proseguita l attività delle Fiamme Gialle piacentine indirizzata al raggiungimento

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

Il Margine, 32 (2012), n. 4. AMER AL SABAILEH (http://amersabaileh.blogspot.com)

Il Margine, 32 (2012), n. 4. AMER AL SABAILEH (http://amersabaileh.blogspot.com) Il Margine, 32 (2012), n. 4 AMER AL SABAILEH (http://amersabaileh.blogspot.com) utti ci chiediamo perché la rivolta popolare egiziana e tunisina sono state non violente, a differenza di quella libica e

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli