GLOBALIZZAZIONE: CRIMINALITÀ E TERRORISMO. Carlo Jean Roma 13 settembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLOBALIZZAZIONE: CRIMINALITÀ E TERRORISMO. Carlo Jean Roma 13 settembre 2012"

Transcript

1 GLOBALIZZAZIONE: CRIMINALITÀ E TERRORISMO Carlo Jean Roma 13 settembre La globalizzazione ha comportato la porosità delle frontiere, l aumento dei flussi finanziari e migratori, il dominio delle reti orizzontali sulle tradizionali strutture piramidali degli Stati, delle società, delle economie ed anche della criminalità. Quest ultimo cambiamento è derivato dalle nuove ICT e dalla rivoluzione dell informazione, nonché dall aumento dei traffici, dovuto alla diminuzione del costo dei trasporti, dalla deregolamentazione e dalla finanziarizzazione. Non si è determinata solo una dissociazione fra gli Stati, i territori e la ricchezza. E diminuita la capacità di governance, rimasta prevalentemente nazionale, mentre i fenomeni su cui deve esercitarsi sono in gran parte diventati transnazionali o globali. Sono comparsi nuovi attori nella politica internazionale: ONG, centrali finanziarie, agenzie di rating, criminalità, ecc. Alle forze omogeneizzanti della globalizzazione, si oppongono reazioni etniche e identitarie. Si è verificato quello che Gilles Kepel ha chiamato il ritorno di Dio nella storia. Nelle polemiche nell Eurozona si è registrata una contrapposizione fra le virtù luterane e l irresponsabilità dei cattolici. Gli Stati hanno visto erose dall alto (istituzioni internazionali), dai lati (MNC, finanza, criminalità) e dal basso (localismi, ecc.), le loro possibilità di controllo sul territorio e sull economia; pressoché annullate sono quelle sulle comunicazioni e sulla finanza. L indebolimento dei governi ha eroso anche l efficacia delle istituzioni che chiamiamo internazionali, ma che, nella realtà effettuale della politica, sono intergovernative. 2. Le reti sono più flessibili delle strutture gerarchiche. Reagiscono più rapidamente. Lo si è visto nelle rivolte della c.d. primavera araba ed anche 1

2 con il black bloc. Alla globalizzazione finanziaria e della criminalità non è corrisposta quella della giurisdizione e delle forze di law enforcing, intelligence compresa. Il mondo da rotondo si è trasformato in piatto (Thomas Friedman). E divenuto più complesso, imprevedibile e in più rapida trasformazione. 3. La criminalità organizzata e il nuovo terrorismo si sono adeguati rapidamente alla network society, alla porosità delle frontiere e al fatto che, nel mondo globalizzato, la geopolitica degli spazi è stata sostituita da quella dei flussi. Entrambi hanno tratto vantaggio dalla rivoluzione dell informazione e dalla liberalizzazione e finanziarizzazione delle economie, iniziata dalla Thatcher e da Reagan, ma acceleratesi con la fine della guerra fredda. Insomma, la criminalità organizzata ha acquisito con la globalizzazione vantaggi competitivi contro le forze che la contrastano. Lo stesso è avvenuto per il terrorismo. I suoi effetti che sono psicologici prima che materiali - sono amplificati dalle nuove ICT. Gli effetti psicologico-politici del terrorismo o delle violenze della criminalità, volte al controllo del territorio e alla conquista del potere su di esso - cioè ad ampliare spazi e spessore della propria sovranità ai danni dello Stato o delle bande rivali sono simili a quelli dell economia della paura. Panico ed euforia sono analoghi a quelli registrati sui mercati finanziari o delle commodities, indipendentemente dai fondamentali dell economia e dai rapporti fra domanda ed offerta. La tecnologia moderna pone a disposizione di piccoli gruppi o d individui enormi capacità di distruzione, mentre le società post-industriali sono divenute più vulnerabili, per le interconnessioni che le caratterizzano. L aumento della vulnerabilità è un prezzo pagato all aumento della loro efficienza. 4. Il contrasto attuato sia con il controllo del perimetro, cioè delle frontiere, sia con l azione preventiva e repressiva interna, è estremamente costoso in 2

3 termini sia economici che di libertà individuali. La prevenzione e l aumento della resilienza sono sempre relativi e di esito incerto, anche perché ai terroristi basta vincere in un solo momento e punto, che essi stessi scelgono. L antiterrorismo, così come l anti-criminalità, invece, devono vincere sempre ed ovunque. Inoltre, se difende un punto, aumenta la probabilità che ne venga attaccato un altro, relativamente meno difeso. Il possesso dell iniziativa e della libertà d azione conferisce al terrorismo e alla criminalità un vantaggio decisivo sulle forze di contrasto, in termini sia di libertà d azione che di economia delle forze (e dei costi relativi). La globalizzazione ha accentuato tali asimmetrie e, quindi, tali vantaggi. Più efficace è teoricamente l azione di contrasto svolta al di fuori delle frontiere nazionali, dato che essa pone terroristi e criminali sulla difensiva, obbligandoli a concentrarsi sulla loro sopravvivenza. Tale azione è però ostacolata dalla frammentazione del mondo in Stati, gelosi della propria sovranità. Inoltre, la militarizzazione della lotta alla criminalità e al terrorismo, attuata con interventi militari, ha sempre costi economici e politici rilevanti ed esiti incerti. Lo si è visto con la guerra globale al terrore di Bush ed anche con l intervento in Colombia ed America Centrale delle Forze Speciali americane. Il gioco si svolge prioritariamente sul piano dell intelligence. Parte della popolazione locale teme (e fornisce loro informazioni e rifugi) i criminali, gli insorti e i terroristi molto più delle forze che li contrastano. Esse, soprattutto quelle dei paesi democratici, non possono impiegare una potenza di fuoco che consenta di raggiungere il punto culminante della violenza. Esso è analogo al clausewitziano punto culminante della vittoria. Con il suo raggiungimento, si determina un cambiamento di atteggiamento della popolazione. Cessa la sua omertà. Collabora con le forze d occupazione o dell ordine. E quanto avvenuto in Colombia, permettendo la distruzione dei cartelli di Medellin e poi di quello 3

4 di Cali, anche attraverso una guerra di mafia fra i due clan promossa dal governo. Non sta avvenendo invece in Messico, dove la guerra fra i potenti cartelli criminali (droga e immigrazione clandestina negli USA) ha provocato dal morti all anno. Non riesce neppure in Afghanistan, per il fallimento della fantasiosa campagna di conquista delle menti e dei cuori, per la difficile afghanizzazione del conflitto e per la persuasione della popolazione che alla fine prevarranno i Talebani. 5. Tutti i governi sono consapevoli che il contrasto a minacce globali come alla criminalità e al terrorismo - non possa avere successo se attuato da strutture, secondo normative e con strategie solo nazionali. Tutti gli Stati sanno anche che entrambe le minacce stanno crescendo e che si sono trasformate da marginali in esiziali per il loro potere interno e la loro stabilità, economia e sicurezza. Nessuno Stato è però disponibile a mettere in comune con altri la sovranità sulla propria legislazione criminale, cioè l autorità sul proprio territorio. Nel caso del terrorismo non esiste neppure concordanza fra gli Stati: quelli che gli uni considerano terroristi, per altri sono combattenti per la libertà. Taluni Stati hanno militarizzato la lotta al terrorismo, considerandolo una minaccia militare; altri lo considerano un crimine, da contrastare con la polizia e la magistratura. Per la criminalità esiste una maggiore convergenza fra gli Stati, seppure con qualche eccezione per la corruzione quasi ovunque intrecciata e collusa nei modi più diversi con la politica. Sul proprio territorio e nelle proprie faccende interne gli Stati vogliono esercitare in modo esclusivo la propria giurisdizione. 6. A differenza di quanto avviene per il terrorismo, per la criminalità esiste almeno una definizione comune accettata. Inoltre, si è cercato ad esempio con la Convenzione ONU di Palermo del 2000/03 (e i suoi tre protocolli) e, prima ancora, con il Gruppo di Lione del G-8 del di creare un qualche collaborazione internazionale permanente, prevedendo lo scambio 4

5 obbligatorio d informazioni ed il coordinamento del law enforcement, e soprattutto di quello dell intelligence. Ma, qualsiasi tentativo di coordinamento è contrastato, quando non neutralizzato, dal c.d. paradosso del coordinamento : tutti lo chiedono, ma nessuno vuole essere coordinato da qualcun altro. Lo conosciamo bene in Italia, per il coordinamento interforze o per quello delle forze di Polizia, entrambi beninteso fortemente esaltati. L ipocrisia, ignorando i problemi e facendo finta di averli risolti, permette la convivenza. Avviene anche nelle famiglie, fra suocera e nuora! Il multilateralismo istituzionale e normativo ha poco spessore, anche nelle istituzioni più integrate, come l UE. Più efficace è il bilateralismo, anche perchè è più semplice e facilita accordi ad hoc. Lo ammettono anche l UNODC (UN Office on Drugs and Crime), l Interpol e l Europol. Progressi si sono comunque registrati soprattutto a livello regionale europeo, anche se essi sono ancora limitati rispetto all entità della minaccia della criminalità transnazionale. Nell UE un impulso è stato dato dal c.d. 3 pilastro dell Unione, quello della Giustizia e Affari Interni. Tuttavia, esistono precisi limiti che nessuno intende superare. Lo si è visto con la Francia per il caso Battisti. Gli USA, limitatamente all assassinio di cittadini americani o a minacce alla sicurezza nazionale (definite nel quadro della GWOT Global War on Terror) estendono extra-territorialmente gli spazi della loro giurisdizione, con le Extraordinary Renditions, che furono autorizzate dal Congresso dopo il caso Achille Lauro. Ma lo possono fare poichè sono l unica superpotenza rimasta, grazie al Re dollaro e a una superiorità militare di entità mai esistita nella storia (47% delle spese militari mondiali!). 7. L impraticabilità di un unitaria risposta globale ha consentito al crimine di approfittare della globalizzazione, in misura per certi versi analoga ai vantaggi che ne hanno tratto la comunicazione, il commercio, l economia e soprattutto la finanza. Le reti informatiche hanno facilitato la globalità e 5

6 anche la maggiore flessibilità, sia organizzativa che territoriale. Molte organizzazioni criminali hanno trasformato le loro strutture sia gerarchiche verticali sia territoriali in reti, organizzate spesso in cellule autonome, capaci di sopravvivere e di operare anche quando altri componenti della rete sono stati neutralizzati. Il terrorismo e la criminalità sono diventati come un Idra che si rigenera, sopravvive e si espande. Taluni esperti sostengono che la criminalità possa essere vinta polarizzando l azione di contrasto non sull eliminazione dei gruppi terroristici, ma dei mercati. Facile da dirsi. Difficile da farsi. 8. Anche il reclutamento dei terroristi e dei criminali si è parzialmente modificato: non avviene più prevalentemente su base etnica e familiale, come è avvenuto per la Mafia americana, prosperata come Onorata Società fra gli immigrati siciliani, o come tuttora avviene per la Triade Cinese fra le diaspore di immigrati del Celeste Impero. Esistono beninteso eccezioni. Una è quella della N drangheta, potente e violenta organizzazione, dall interessantissima logica organizzativa. Unisce infatti aspetti premoderni (familiali e locali delle varie n drine), con altri postmoderni, specie per quanto attiene il riciclaggio e gli investimenti nell economia legale. Le reti spesso concludono tra di loro accordi anche transnazionali per la divisione del mercato e del tipo di attività (ad esempio: produzione, trasporto e spaccio della droga: degli oppiacei dall Afghanistan; della cocaina dall America del Sud e della cannabis dal Marocco). Adottano logiche di outsourcing e di offshoring simili a quelli che esistono fra le multinazionali. Si sono così formati degli hub criminali, specializzati per materia o per attività, come messo in rilievo dal rapporto annuale di Europol. Tali accordi non sempre sono solidi. Talvolta, come nel caso colombiano, hanno permesso ai governi di adottare come strategia di contrasto, l innesto 6

7 di guerre di mafia. I vari gruppi criminali si eliminano tra loro, sopperendo all incapacità delle forze dell ordine e della magistratura di contrastarli efficacemente. Come è stato ricordato, tale strategia, vittoriosa in Colombia, sta registrando esiti disastrosi in Messico. 9. Altro fattore che ha facilitato l espansione della criminalità è l urbanizzazione. Le periferie delle megalopoli, che stanno sorgendo ovunque, sono ingovernabili. Basti pensare alla difficoltà con cui le forze dell ordine entrano nei sobborghi di Karachi, di Lagos, di San Paolo ed anche di Parigi. Nelle aree rurali i confini fra i clan mafiosi sono più facilmente tracciabili. La Mafia siciliana, anche per il mantenimento della tradizionale struttura gerarchica, ha conosciuto un tasso di violenza interna molto inferiore alla Camorra campana. Un altra innovazione che ha dato molti vantaggi alla criminalità organizzata è stata quella del banking virtuale, base della finanziarizzazione dell economia globalizzata. Esso ha enormemente facilitato le transazioni opache, la criminalità finanziaria, il riciclaggio del denaro, rendendone difficile la rintracciabilità. Per inciso, ciò ha reso ancora più difficile il contrasto al finanziamento del terrorismo, anche se esso avviene generalmente lungo incontrollabili canali informali (ad esempio, hawala o finanziamento in moneta da parte delle charities arabe del Golfo). Il riciclaggio è il punto più debole della criminalità. Con esso, i profitti sotterranei della criminalità risalgono in superficie, per essere investiti in attività economiche formalmente legali. Molti dei successi della lotta alla criminalità in Italia sono derivati dall efficacia dell anti-riciclaggio. Essa ha permesso l individuazione e il sequestro di molti beni mafiosi. Gli investimenti della criminalità nell economia marginalizzano l economia reale e incidono negativamente sullo sviluppo. Essi sono facilitati dal fatto che la complessità e 7

8 l imprevedibilità della globalizzazione, nonchè il rilevante aumento degli scambi, hanno attenuato la possibilità di distinguere fra le attività economiche legali e quelle illegali. 10. Tra criminalità e terrorismo esistono varie connessioni poste in rilievo dal Consiglio d Europa - anche se la criminalità ha come obiettivo principale la massimizzazione del profitto e il controllo se non la conquista della sovranità sul territorio in cui agisce. Il terrorismo si prefigge invece principalmente obiettivi politici, parateologici, ecologici, ecc. Mentre la criminalità effettua azioni reali, eccetto nel caso dell intimazione, il terrorismo agisce anche in modo virtuale, utilizzando il terrore, volto a delegittimare le strutture politiche ed amministrative esistenti. In questo obbedisce ad una logica molto simile a quella della forza militare, specie quella descritta da Mao Zedong per le guerre di lunga durata. Però, il terrorismo ha bisogno di finanziamenti. Nel periodo bipolare, essi provenivano in gran parte dalle due superpotenze. Poi, dalle ONG soprattutto islamiche o da quelle umanitarie, che gestivano i grandi campi profughi. Oggi, principalmente da circuiti finanziari informali (hawala o tassazione delle diaspore) e, in misura sempre maggiore, da attività criminali, che saccheggiano i territori e intimidiscono la popolazione. Ciò ha aumentato la contiguità tra il terrorismo con le organizzazioni criminali. Talvolta, le attività criminali sono attuate direttamente dagli stessi gruppi terroristici. Ciò si verifica ad esempio nel transito verso l Europa della cocaina sudamericana attraverso l Africa Occidentale, effettuato dall AQIM (al-qaeda of the Islamic Maghreb) e dal nigeriano Boko Haram. Lo si vede in Pakistan, nel Caucaso, in Afghanistan e anche in Turchia. La FARC colombiana protegge il transito della cocaina dai produttori alle raffinerie e alle organizzazioni transnazionali che provvedono al trasporto ai punti di entrata negli USA e in Europa. 8

9 Criminalità e terrorismo non sono più separati. Spesso fanno capo alla medesima organizzazione. Ciò avviene soprattutto negli Stati in cui si svolge o è appena terminata - una guerra civile, specie se di natura etnico-identitaria. Per inciso, ciò rende estremamente difficile la stabilizzazione post-conflitto. I signori della guerra mantengono il controllo dell economia nera, che ha finanziato il conflitto. Alla fine degli scontri armati si costituiscono spesso Stati-mafia. In essi, lo scopo del crimine non è solo il profitto, ma anche il mantenimento del potere. Polizia e magistratura dipendono dagli stessi signori della guerra. Un caso tipico è quello della Bosnia. In essa, la storia dell assedio di Sarajevo coincide con quella del mercato nero della città, gestito congiuntamente da serbi e da musulmani. La criminalità è di massima meno violenta. Fanno eccezione, almeno come tecniche e tattiche, i suoi gruppi di fuoco, utilizzati per intimidire gli apparati dello Stato o la popolazione, oppure quando si scatena una lotta fra i clan. Ciò si verifica soprattutto nelle aree urbane, nelle quali i confini fra i gruppi criminali sono più difficilmente tracciabili e meno stabili - di quanto lo siano nelle aree rurali. Basta al riguardo esaminare le cause della maggiore violenza della Camorra rispetto a quella della Mafia. Non avviene più quello che si era verificato nei confronti delle Brigate Rosse, nelle quattro regioni italiane in cui è particolarmente forte la criminalità organizzata (o a quanto si era verificato in Francia con l Union Corse nei riguardi dell Action Directe). La criminalità organizzata aveva allora impedito l installazione di gruppi del terrorismo ideologico nei propri territori. Temeva che l inevitabile forte reazione dello Stato l avrebbe coinvolta, facendo diminuire i suoi profitti. Oggi, i vari gruppi criminali transnazionali e quelli territoriali preferiscono accordi tra di loro, consapevoli del fatto che una lotta indebolirebbe tutti, mentre la collaborazione rafforza entrambi. Ciò non toglie che la forza venga impiegata, quando gli accordi sono impraticabili, come fra i cartelli 9

10 messicani per il controllo delle vie del traffico di cocaina e di emigranti verso gli USA. Sull uso della violenza, oltre che la natura rurale o urbana delle varie organizzazioni criminali, influiscono anche le loro strutture gerarchiche e il livello di coordinamento delle varie cellule della rete. La tipologia che assumono è estremamente diversa e varia nel tempo a seconda delle circostanze. 11. Oggi convivono forme tradizionali di criminalità con altre nuove. Le prime si riferiscono ad attività come il traffico di droga, di armi, di esseri umani, l usura, il sequestro di persone o cose a scopo di riscatto, l estorsione, il pizzo, ecc. Talune sono transnazionali e deterritorializzate, effettuate in outsourcing e offshoring. Altre rimangono localizzate e legate al territorio. Talune delle nuove attività criminali sono strettamente connesse con la globalizzazione. Ne rappresentano il lato nero. Traggono vantaggio dalle regole liberalizzanti, stabilite dal Washington Consensus in nome della libertà di commercio. Gli Stati hanno smantellato interi segmenti dei loro regimi regolatori, particolarmente in campo finanziario e di controllo delle frontiere. L aumento dei traffici e dei movimenti migratori ha reso difficili i controlli e comunque maggiori i loro costi sia materiali, sia in termini di libertà individuali. 12. Altre forme della nuova criminalità sono collegate all evoluzione tecnologica: la cybercriminalità, il traffico di organi, quello di scorie ad alta pericolosità, la contraffazione di medicinali e quelle di sigarette, che talvolta contengono pesticidi cancerogeni. Ha poi conosciuto un esplosione la criminalità finanziaria, settore in cui le attività nere del riciclaggio dei fondi del traffico di droga, di armi o di esseri umani, non possono essere distinte da operazioni grigie come la corruzione, l evasione fiscale, l appropriazione indebita, l insider trading, ecc. e anche da quelle legali, come gli investimenti 10

11 in attività produttive o commerciali. Tale criminalità denominata dei colletti bianchi - si è enormemente estesa, anche per la difficoltà di controllo delle enormi masse di denaro che circolano con il virtual banking, a cui si è prima accennato e per l esistenza di paradisi fiscali e del segreto bancario. La difficoltà del loro controllo è risultata ben evidente allorquando, dopo gli attentati terroristici a New York e Washington dell 11 settembre 2001, si era pensato di poter sconfiggere il terrorismo, bloccandone i finanziamenti. I risultati conseguiti dalla FATF (Financial Action Task Force) dell OCSE sono stati deludenti, anche perché il terrorismo non necessita di consistenti finanziamenti. Esiste infatti un enorme asimmetria fra i costi dell attacco e quelli della difesa. Gli attentati dell 11 settembre hanno provocato danni diretti inferiori ai 100 miliardi di $; danni indiretti di circa 750 mld.; danni di processo di mld. Il costo dell antiterrorismo nel mondo ha superato in 12 anni i mld $. Basti pensare che un ritardo di 20 minuti nell imbarco su tutti gli aerei causa all economia mondiale un danno di 200 mld$ all anno, per rendersi conto dei costi del terrorismo. 13. Alla difficoltà di rilevamento dei flussi finanziari va aggiunta la facilità dell investimento all estero, soprattutto con lo sviluppo delle multinazionali, della finanziarizzazione dell economia globalizzata e dal crescente numero di fondi sovrani di ricchezza. Tale espansione ha facilitato la criminalità, anche perchè i controlli si sono attenuati a seguito della crisi finanziaria mondiale. Ciò ha permesso la contaminazione di larghi settori dell economia da parte delle organizzazioni criminali, nazionali ed internazionali. L espansione della criminalità è continua. E stata accelerata dalla crisi finanziaria mondiale e da quella dei debiti sovrani dell Eurozona. Le quattro organizzazioni criminali del Mezzogiorno hanno aumentato gli investimenti anche al Nord e nell intera Europa. Rischia di far perdere agli Stati la sovranità su ampie parti della loro economia e del loro stesso territorio. Gli 11

12 investimenti della criminalità sono in questo simili a quelli dei Fondi Sovrani di Ricchezza di molti paesi esteri. La diffusione della criminalità rallenta lo sviluppo d intere regioni. Il reddito per abitante nel Sud è appena il 57% di quello del Centro-Nord. Secondo l FBI l infiltrazione della criminalità nell economia produce, a livello mondiale, danni analoghi a quelli causati dal mancato rispetto della proprietà intellettuale e dalla contraffazione. L esistenza della criminalità rende difficili gli investimenti, specie della PMI, meno in condizioni di provvedere alla loro sicurezza di quelle di dimensioni maggiori. Il controllo dei subcontractors da parte della criminalità ha prodotto un primato italiano: quello di possedere con l autostrada Salerno-Reggio Calabria, il corpo di reato più lungo nel mondo! 14. Per concludere, sembra opportuno accennare a due altri fatti. In primo luogo taluni, constatato che i gruppi criminali si riproducono, nonostante le perdite fatte subire dall azione di contrasto, affermano che quest ultima non deve essere rivolta prioritariamente alla lotta contro i gruppi criminali, ma alla distruzione dei mercati. Facile da dirsi, ma difficile da farsi, soprattutto data l infiltrazione della criminalità nell economia reale e il collasso economico che si produrrebbe in varie regioni del mondo qualora fosse eliminata ammesso, ma non concesso che fosse possibile la presenza di gruppi criminali. Teoricamente, con il massiccio impiego di defolianti, potrebbero essere distrutte le coltivazioni di papavero in Afghanistan. Ma non lo si fa, per non espandere la rivolta alle masse contadine afgane, che traggono consistenti guadagni da tali coltivazioni. In secondo luogo, ha ripreso la pirateria sulle coste africane. Nel Golfo di Guinea, assume forme diverse da quelle che ha in corrispondenza delle coste somale. Nel primo caso, i pirati si limitano a impossessarsi del carico delle navi. Nel secondo, catturano navi ed equipaggi, per liberarli solo dopo 12

13 che le assicurazioni abbiano pagato riscatti. Anche in questo caso, come nel caso del traffico di oppio e di cocaina, ai pirati locali rimane ben poca parte dei guadagni. Secondo l IMO (International Maritime Organization) degli 8 miliardi di dollari di danno causato dalla pirateria africana all economia mondiale, meno di 200 milioni rappresentano i guadagni dei pirati. Il resto va alle società di assicurazione per i maggiori premi, alle misure di sicurezza, ai maggiori tempi e costi necessari per i cambiamenti di rotta, alle indennità degli equipaggi, ecc. Si tratta di una cifra simile a quella prodotta dall UNODC per la cocaina. La torta finale sarebbe così divisa: l 1% ai contadini; l 1% alle organizzazioni che trasportano la droga all interno della regione andina; il 25% a chi trasporta la droga ai punti d entrata dei Caraibi- America Centrale, per gli USA, e dell Africa Occidentale o Paesi Baschi, per l Europa; il 17% per il trasporto dai punti d entrata agli spacciatori e il 56% a questi ultimi. Si tratta di percentuali impressionanti. La pericolosità consiste principalmente nelle organizzazioni criminose transnazionali che provvedono ai trasporti dai luoghi di origine a quelli di destinazione finale. Esse costituiscono le componenti più militarizzate della criminalità organizzata. Poichè coinvolgono pochi individui e dispongono di strutture gerarchiche, con sistemi di comando e controllo spesso sofisticatissimi, tali gruppi hanno enormi disponibilità di cash che li mettono in grado di rigenerarsi, nonché di destabilizzare interi paesi. 13

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA Bruxelles, 12 dicembre 2003 Introduzione Mai l Europa è stata così prospera, sicura e libera. Alla violenza della prima metà

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

All inizio del diciannovesimo

All inizio del diciannovesimo Atlante 11 Un mondo di città All inizio del diciannovesimo secolo, il nostro pianeta contava un miliardo di esseri umani. All alba del ventunesimo ne accoglie sette. Questa esplosione demografica, che

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Si invita il Consiglio ad adottare, quali conclusioni del Consiglio, il testo riportato nell'allegato della presente nota.

Si invita il Consiglio ad adottare, quali conclusioni del Consiglio, il testo riportato nell'allegato della presente nota. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 10 ottobre 2014 (OR. en) 14141/14 NOTA PUNTO "A" Origine: Destinatario: Oggetto: presidenza Consiglio JAI 765 ASIM 88 FRONT 215 RELEX 826 COMIX 544 Progetto di

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ comune-info.net http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ T-tip, il re è nudo Nelle foto di Riccardo Troisi l azione diretta di sabato 18 aprile contro i fantasmi del T- tip nel centro di Roma.

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

XII - LO SVILUPPO ECONOMICO COME ARGINE ALLA GUERRA

XII - LO SVILUPPO ECONOMICO COME ARGINE ALLA GUERRA XII - LO SVILUPPO ECONOMICO COME ARGINE ALLA GUERRA 44 - LE GUERRE RESE IMPRODUTTIVE, PER I PAESI INDUSTRIALIZZATI, DALL ACCRESCIUTA PRODUZIONE DI RICCHEZZA In tutta la storia le guerre sono state determinate

Dettagli

Progettare la Città ed il Territorio

Progettare la Città ed il Territorio Quali sono oggi gli strumenti di cui disponiamo per progettare una città ed un territorio adeguati alle esigenze attuali? La cultura urbanistica moderna individua quali strumenti di governo democratico

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Note di Alfredo Reichlin. Per il Congresso del Partito Democratico. Il problema che sta davanti al Congresso del PD è quello di una

Note di Alfredo Reichlin. Per il Congresso del Partito Democratico. Il problema che sta davanti al Congresso del PD è quello di una Note di Alfredo Reichlin Per il Congresso del Partito Democratico Il problema che sta davanti al Congresso del PD è quello di una svolta. La necessità di un grande cambiamento. Si tratta del fatto che

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

Il settore e le prospettive di sviluppo Pag. 3. Compliance e attenzione alle procedure Pag. 6. I prodotti Pag. 7

Il settore e le prospettive di sviluppo Pag. 3. Compliance e attenzione alle procedure Pag. 6. I prodotti Pag. 7 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA IN ITALIA Leader nel money transfer Pag. 1 Il settore e le prospettive di sviluppo Pag. 3 Compliance e attenzione alle procedure Pag. 6 I prodotti Pag. 7 MoneyGram

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

LA LOTTA AL TERRORISMO NELL'UNIONE EUROPEA

LA LOTTA AL TERRORISMO NELL'UNIONE EUROPEA LA LOTTA AL TERRORISMO NELL'UNIONE EUROPEA D.ssa Sara Balice tirocinante del Collegio Europeo di Parma presso il Centro Documentazione Europa del Consiglio regionale dell Emilia Romagna marzo 2003 tratto

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

Un muro tra Messico e Stati Uniti

Un muro tra Messico e Stati Uniti Un muro tra Messico e Stati Uniti UUna realtà complessa Tempo fa ho assistito a una messa a El Paso, in Texas, lungo il confine fra il Messico e gli Stati Uniti. È stata celebrata in quel terreno asciutto,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA Varsavia, 16.V.2005 Traduzione in italiano a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI

CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI CONSIGLI PER I CONSUMATORI RICONOSCERE LE CONTRAFFAZIONI Nessun settore è al riparo dalla contraffazione e dalla pirateria. I truffatori copiano di tutto: medicinali, pezzi di ricambio, CD, DVD, generi

Dettagli