RASSEGNA STAMPA CGIL FVG lunedì 22 giugno Indice articoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA CGIL FVG lunedì 22 giugno 2015. Indice articoli"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA CGIL FVG lunedì 22 giugno 2015 (Gli articoli di questa rassegna, dedicata prevalentemente ad argomenti locali di carattere economico e sindacale, sono scaricati dal sito internet dei quotidiani indicati. La Cgil Fvg declina ogni responsabilità per i loro contenuti) Indice articoli ATTUALITÀ, ECONOMIA, REGIONE (pag. 2) Il nonno vuole la sanità al computer (Gazzettino) Check up senza gara. Il Tar condanna la Regione (Piccolo) I vertici CoopCa potrebbero dover risarcire i danni ai soci (M. Veneto) Cgil: sì alla manovra, ma ora partano le assunzioni in sanità (M. Veneto domenica) CRONACHE LOCALI (PAG. 6) Il terremoto Coop travolge i fornitori (Piccolo Trieste, 3 articoli) Il bricolage al posto delle auto di Conti (Piccolo Trieste) Oggi vertice decisivo per Alcatel (Piccolo Trieste) «Tasse ridotte per le fasce più deboli» (Piccolo Trieste) Il sindaco ribatte a Giacaz: «Servizi rafforzati nel sociale» (Piccolo Trieste) «Profughi-fantasma mai censiti a Gorizia» (Piccolo Gorizia-Monfalcone) La Provincia avverte: «Valzer di presidi e rischio di reggenze» (M. Veneto Udine)

2 ATTUALITÀ, ECONOMIA, REGIONE Il nonno vuole la sanità al computer (Gazzettino) L'80 per cento vuole avere la possibilità di prenotare visite ed esami online, ricevendo a casa via computer le risposte. Il 50 per cento desidera avere la cartella sanitaria digitale da condividere con medici o personale di assistenza e quasi il 30 per cento vorrebbe comunicare online con il medico, il farmacista e l'infermiere. Non sono percentuali riferite ai nativi digitali del Friuli Venezia Giulia o a chi è nel pieno dell'attività lavorativa. Tali desideri, infatti, appartengono a persone comprese in una fascia d'età tra i 65 e gli 84 anni che l'auser, l'associazione per il volontariato attivo, ha testato con un sondaggio online e ha presentato nei giorni scorsi a Udine quando su iniziativa di Federsanità Anci si è fatto il punto su Agenda digitale e servizi sanitari. «Ha sorpreso il numero e la qualità delle risposte, perché noi avevamo lanciato il questionario dal sito dell'associazione, ma con nessun supporto cartaceo», spiega il presidente di Auser Trieste e in questo caso portavoce regionale Auser, Roberto Ferri, già direttore generale delle aziende sanitarie di Udine, della Bassa Friulana e di Gorizia. All'appello hanno risposto 120 anziani, 105 compresi tra i 65 e i 74 anni e 18 tra i 75 e gli 84 anni. Le donne sono 47, i maschi 73. Il 97,5 per cento ha dichiarato di possedere computer e/o smartphone e il 72,5 di usarlo tutti i giorni. Inoltre, il 65,8 ha detto di ritenere possibile un uso di Servizi sanitari da soli o con aiuto. Sorprendente, da un certo punto di vista, anche la risposta che hanno dato alla domanda «quale aiuto ritiene più utile per poter meglio usare i servizi per la salute online». Forse specchio di una regione autonoma, il 41,7 per cento ha chiesto un «corso di formazione o informazione adeguata» per cavarsela innanzitutto da solo. Un 15 per cento si è detto già autonomo, un altro 15 ha indicato una sede del servizio sanitario; il 9,2 il medico di famiglia, il 5,8 la farmacia, il 7,5 un familiare. Una richiesta di essere formati per superare il timore di «errori involontari che mi possono danneggiare» (40,8 per cento). Il 31,7 per cento, inoltre, teme la «perdita del rapporto umano diretto con le persone di assistenza». Ferri tuttavia guarda al messaggio complessivo che emerge, giudicandolo assolutamente «interessante». Si vede che «gli anziani hanno voglia di imparare e, di fronte, alla possibilità di sbagliare chiedono di essere formati e informati». L'auspicio, quindi, è che i progetti finanziabili con la legge regionale sull'invecchiamento attivo (il termine per la presentazione scade il 20 luglio) si concentrino sull'alfabetizzazione digitale. «Sarà opportuno, inoltre, aiutare gli anziani che non possono accedere alla Rete, magari creando degli infopoint». Non da ultimo, «non si può immaginare che tutto passi attraverso un sistema digitalizzato. Vanno bene i servizi online, ma ciò non deve impedirci di trovare qualcuno all'altro capo se abbiamo un problema, assicurando quindi quel rapporto umano di cui comunque si sente la necessità».

3 Check up senza gara. Il Tar condanna la Regione (Piccolo) di Marco Ballico TRIESTE Vatti a fidare del Veneto. La giunta Serracchiani ci ha provato sul fronte informatico-sanitario, ma è andata male e una delibera dello scorso 19 settembre risulta ora letteralmente incenerita dal Tar Fvg. L errore? L adesione un po distratta a un progetto già avviato dall amministrazione Zaia senza procedere a regolare bando di gara. Adesione della Regione Fvg alla sperimentazione progetto Sistema Acg-Adjusted clinical group, è il titolo della delibera 1712, lì dove si spiega che Acg, sviluppato da medici e ricercatori della Johns Hopkins University, Bloomberg School of Public Health di Baltimora, è uno strumento finalizzato alla valutazione e alla gestione del case-mix territoriale, vale a dire della complessità dei casi trattati da un ospedale in rapporto alla complessità media di un insieme di ospedali di riferimento. In sostanza il sistema in questione, utilizzando dati censiti dai sistemi informativi in uso ai servizi, misura lo stato di salute di una popolazione raggruppando le diagnosi di malattia e l uso di farmaci in gruppi clinicamente coerenti. La Regione Fvg, in delibera, individuato Acg «quale possibile strumento a supporto della governance della situazione e dei bisogni dei cittadini, utile a migliorare la conoscenza dei bisogni clinico-assistenziali della propria popolazione», aderisce alla convenzione stipulata dal Veneto con la John Hopkins investendo 35mila euro in 12 mesi. Solo una sperimentazione, si precisa. Trascorso l anno, il report finale di descrizione e valutazione delle attività svolte e dei risultati ottenuti «sarà determinante per la decisione sull eventuale prosecuzione e/o ampliamento dell attività a tutto il territorio regionale ovvero della sua conclusione». Una delle tante delibere di routine, sembrava. E invece la 3m Italia, azienda che si presenta con «un esperienza ventennale nel campo dei Raggruppamenti omogenei di diagnosi e della codifica della Scheda di dimissione ospedaliera per migliorarne la qualità, evitare potenziali errori e misurare le performance in ambito sanitario», non accetta di essere esclusa a priori per l accordo diretto tra Veneto e Baltimora, con il Friuli Venezia Giulia che si accoda. Di qui un ricorso al Tar che finisce con la condanna della Regione Fvg e l annullamento della delibera, mentre pure il Veneto, ma in autunno, se la dovrà vedere con i legali di 3 m Italia. Al Friuli Venezia Giulia, intanto, i giudici danno torto con la premessa che il danno per la società ricorrente «risulta non solo potenziale ma anche immediato, dato che la partecipazione alla sperimentazione comporta un vantaggio competitivo per la ditta prescelta», vale a dire la scuola di salute pubblica statunitense. Nell accogliere il ricorso, il Tar cita in particolare i principi del codice degli appalti e quelli fondanti della comunità europea ex articolo 102 del Trattato, secondo cui non è possibile per un ente pubblico scegliere un contraente se non tramite una pubblica gara ovvero una procedura competitiva. L unica eccezione alla regola riguarda l ipotesi in cui si sia dimostrato che il contraente scelto è l unico in grado di fornire il prodotto richiesto. Ma se risulta che il Veneto, nella primavera 2013, ha avviato una ricerca di mercato per verificare l esistenza di un prodotto in grado di analizzare i dati presenti nei flussi regionali in materia sanitaria, il Friuli Venezia Giulia «non si è nemmeno posto il problema della scelta già effettuata senza alcuna gara, dando implicitamente per scontato che ci si trovasse in un ipotesi di scelta di un unico fornitore possibile». Secondo il collegio giudicante «è chiaramente mancata ogni congrua attività istruttoria e quindi adeguata motivazione». Anche perché non si poteva nemmeno escludere che nei mesi successivi alla ricerca veneta «fossero intervenute nel mercato nuove imprese con prodotti concorrenziali o almeno comparabili con quello offerto dall unica ditta prescelta». La Regione Fvg, dunque, si è mossa in modo «immotivato e acritico». E le si deve perciò annullare la delibera e, per adesso, la sperimentazione.

4 I vertici CoopCa potrebbero dover risarcire i danni ai soci (M. Veneto) UDINE Se dall indagine che la Procura di Udine ha aperto su CoopCa emergessero fatti penalmente rilevanti nei confronti degli amministratori della società, è intenzione del commissario giudiziale costituirsi parte civile nel procedimento che vede indagati 12 amministratori e 2 consulenti. Poche parole, ma di pietra, quelle scritte dal commissario Fabiola Beltramini nella relazione ai creditori con un effetto diretto anche sull attivo concordatario, visto che un eventuale risarcimento andrebbe a ingrossare le partite a disposizione dei creditori. Beltramini ricorda che la proposta concordataria menziona azioni giudiziali potenziali, risarcitorie e di responsabilità, nei confronti degli amministratori, dell organo di controllo e dei direttori generali. Azioni che potranno essere poste in essere anche dopo l eventuale approvazione del concordato, da parte del liquidatore giudiziario, previa delibera da parte dell assemblea. «Questi - scrive Beltramini - analizzerà e valuterà l esistenza dei presupposti di merito e di convenienza per procedere a tale iniziative volta a ottenere il risarcimento del pregiudizio arrecato al patrimonio dagli organi sociali violando i doveri imposti dalla legge e dallo statuto». Nella relazione del commissario ci sono anche valutazioni su alcune operazioni gestionali operate dal consiglio di amministrazione. Tra queste la costituzione di ImmobilcoopCa una società controllata che ha permesso, con la cessione di alcuni immobili, di far emergere plusvalenze, in due anni, superiori agli 8 milioni di euro che hanno ridotto, solo formalmente, le perdite di bilancio. «La costituzione di ImmobilcoopCa e la successiva cessione a quest ultima di parte del patrimonio immobiliare della cooperativa - scrive Beltramini - non hanno fornito alcun contributo alla risoluzione della situazione di grave crisi già in atto». Un tracollo legato alla crisi strutturale dei consumi «che ha portato le aziende che operano nel settore della distribuzione a registrare continue contrazioni di fatturato». Il problema è che «tale situazione si è riversata su un azienda caratterizzata da una struttura patrimoniale appesantita da una forte componente di debito, originato nel 2010 come conseguenza della costruzione del centro direzionale di Amaro e aggravatasi ulteriormente per effetto di una strategia aziendale incentrata prevalentemente sul recupero del fatturato attraverso operazioni di acquisizione e riqualificazione dei punti vendita che sono apparse, spesso, non sufficientemente ponderate e approfondite nei loro prevedibili effetti, sia in termini economici che finanziari. In un mercato aggressivo e concorrenziale - conclude Beltramini - la società non è stata in grado di sviluppare un progetto strategico coerente che consentisse di contrastare le azioni della concorrenza e di recuperare marginalità». Cgil: sì alla manovra, ma ora partano le assunzioni in sanità (M. Veneto domenica) «Bene i 40 milioni sulla sanità, a cui si aggiungono più di 10 dagli utili delle aziende sanitarie». Lo dichiara Orietta Olivo, responsabile welfare della Cgil, dopo l incontro sull assestamento di bilancio. Che chiede però di accelerare sulle assunzioni. «Le Aas dichiara non sono aziende che devono fare utili e se li fanno la gran parte deriva da risparmi sul personale. Per questo abbiamo chiesto di rilanciare il tavolo di trattativa sul personale, partito solo formalmente. La Cgil, da parte sua, è disposta anche ad accordi sulla mobilità, ma l obiettivo finale deve essere quello di assumere dove se ne ravviserà la necessità». Al di fuori della sanità, la Cgil dà un giudizio positivo sugli interventi previsti su ambiente, porti e lavoro. «Bene anche il cosiddetto volano opere dichiara Olivo creato per metà da soldi della Regione e per metà con risorse delle autonomie locali, con un totale di 30 milioni, importante per superare il blocco causato dal patto di stabilità. Dare il via alle opere pubbliche, infatti, significa far ripartire un settore strategico come quello dell edilizia che ha sofferto più di tutti gli effetti della crisi».

5 CRONACHE LOCALI Il terremoto Coop travolge i fornitori (Piccolo Trieste) di Silvio Maranzana Il terremoto si sta allargando dall epicentro a tutta l area circostante. Così il tracollo delle Cooperative operaie rischia di tirare a fondo dietro a se gran parte dell indotto con nuova conseguente emorragia di posti di lavoro a Trieste: sono già 45 quelli che stanno per saltare. Il primo caso clamoroso a esplodere è quello della Cooperativa facchini Mercato ortofrutticolo, azienda molto conosciuta, dai bilanci sani e dalla storia quasi settantennale, essendo stata fondata nel lontano Ora rischia, se non di sparire, perlomeno di finire ridotta ai minimi termini, dato che il suo fatturato era legato per il 70% ai trasporti e alle attività svolte per le Coop. «Abbiamo aperto la procedura di mobilità per 35 dei nostri 49 soci - annuncia amaramente il presidente Gianpaolo Mesghetz - contiamo di pagare ancora gli stipendi di giugno, poi orientativamente dal primo luglio tutte queste persone rimarranno senza lavoro». La decisione è stata comunicata in un incontro al quale erano presenti i segretari di categoria di due sigle sindacali: Renato Kneipp di Filt-Cgil e Giulio Germani di Fit-Cisl. «Avremo un confronto nei prossimi giorni con i funzionari della Regione per valutare la possibilità che a questi lavoratori venga applicata la cassa integrazione in deroga - spiega Kneipp - poi ci siamo ridati appuntamento per il 30 giugno nella speranza che gli esuberi possano essere ridotti e portati al minimo possibile». Nel frattempo la Cooperativa presumibilmente contatterà i soggetti che stanno subentrando alle Cooperative operaie nella gestione dei supermercati cittadini e cioé Coop Nordest, Conad e Despar per tentare di proseguire l attività con i nuovi proprietari che però hanno già i propri fornitori e operatori logistici per cui l operazione si prospetta difficile. Altra strada tortuosa, ma che si tenterà comunque di praticare, è quella della ricerca di nuovi clienti. «Dopo essere stata a lungo stabile sui 35 soci, la Cooperativa si è ingrossata fino a superare la cinquantina di persone, ma tuttora è piuttosto corposa, contando su 49 lavoratori tra facchini e autisti. C è una sola donna che fa l impiegata - specifica Mesghetz - Siamo tutti quanti triestini e, sebbene ci sia qualche giovane, l età media è piuttosto elevata e supera i 45 anni». Ostacolo in più per la speranza di ricollocazione nel mondo del lavoro. Nei confronti delle Cooperative operaie ora i facchini del Mercato vantano sostanziosi crediti ma, nonostante questo, tutti i bilanci trascorsi sono stati in attivo e il parco macchine, quasi tutte di proprietà e in minima parte in leasing, è sostanzioso contando ben 35 tra furgoni e camion. Chi invece sembra totalmente spacciato è Reparto 7, il Centro di distribuzione ortofrutticolo collocato in via Caboto, di cui lo stesso Mesghetz è presidente e che conta su dieci dipendenti. «Per loro purtroppo si apre la disoccupazione con il relativo sussidio - spiega il presidente - perché i marchi subentranti hanno già la propria piattaforma distributiva». Erano perlopiù addetti alla gestione logistica del magazzino e al confezionamento di frutta e verdura. Reparto 7 era stato inaugurato il 25 marzo 2009, con presidente Augusto Seghene, noto esponente socialista cittadino nonché ex vicesindaco. La nuova società vedeva consociate le Cooperative operaie con il 40%, i privati riuniti nella Solagro srl con un altro 40% e gli stessi facchini dell ortofrutticolo con la quota rimanente. L impasse distributiva per frutta e verdura era stato superato con un investimento di 700mila euro per attrezzare in via Caboto 1500 metri quadrati nel tempo record di due mesi. «A questo punto - aveva commentato l ex sindaco Roberto Dipiazza - dovremo rivedere qualcosa anche nel discorso del Mercato ortofrutticolo perché mi sa con non ha senso fare alle Noghere una struttura mastodontica, con una come questa già funzionante». In sequenza sono poi scomparsi prima il progetto alle Noghere (solo pochi giorni fa la giunta Cosolini ha annunciato di puntare su Valmaura e in particolare su un altra vecchia struttura delle Coop, l ex Ingross, per il Mercato) e ora lo stesso Reparto 7. «Nessuno ha tutelato l indotto» Perché nessuno si preoccupa della «tragedia» dei fornitori? Marino Andolina, capogruppo comunale della Federazione della sinistra, prende carta e penna. E denuncia l indifferenza della politica nei confronti delle vittime collaterali del crollo delle Coop Operaie. «Non si può sottovalutare il successo

6 ottenuto con il rimborso previsto ai soci prestatori e con la salvaguardia dei posti di lavoro ma esiste una terza parte in causa che pare nessuno abbia considerato: i fornitori triestini. A quanto risulta, a parte i crediti non recuperati per somme ingentissime, questi si stanno vedendo mettere da parte da parte dei padroni subentranti» afferma Andolina. E aggiunge: «Un imprenditore ha diritto di scegliersi i propri fornitori, ma per la nostra città l eliminazione dei contratti di fornitura di pane, frutta e verdura, dei prodotti a chilometro zero è un danno gravissimo». Eppure, denuncia il medico di Fds, nulla o quasi si muove: «Trieste si vede colonizzata da imprenditori che hanno un legittimo interesse a farsi gli affari propri, ma chi ha gestito questo passaggio di consegne pare abbia dimenticato che in questo modo molti posti di lavoro nell indotto andranno perduti. Mi domando se la politica triestina in questo non abbia qualche responsabilità. L indifferenza verso le ricadute sociali l abbiamo vista con lo sfratto con preavviso di pochi giorni della Parafarmacia situata all interno delle Coop delle Torri d Europa, con perdita immediata di posti di lavoro di dipendenti pur a tempo indeterminato». Non basta: «Non abbiamo l evidenza che il commissario Maurizio Consoli si sia preso a cuore il destino di queste persone» denuncia Andolina ricordando le centinaia di migliaia di euro guadagnati da liquidatore e consulenti vari. «Ormai ai triestini non rimane che piangere per un ulteriore perdita di posti di lavoro; mi permetto di suggerire a chi farà la spesa di dare la propria preferenza agli esercizi che dichiareranno di utilizzare fornitori locali». Della Valle rispunta nella lista dei revisori di Laura Tonero Altro schiaffo morale per i soci delle Cooperative di Trieste, Istria e Friuli. Pier Paolo Della Valle è stato appena confermato nella lista dei professionisti abilitati a svolgere il compito di revisore e commissario liquidatore di società cooperative per conto della Regione. E non si tratta di un omonimo ma proprio di quel Della Valle che fino allo scorso gennaio, fino a quando il commissario giudiziale Maurizio Consoli non decideva per il suo licenziamento, ricopriva la carica di direttore generale delle Cooperative Operaie di Trieste. Della Valle era già stato precedentemente silurato dal cda di Coop che in ottobre l aveva sfiduciato. Da allora, fino all intervento risolutore di Consoli, l ex dg aveva continuato a percepire lo stipendio e a utilizzare anche l automobile aziendale. La lista dei professionisti accreditati a svolgere la revisione ordinaria e straordinaria in materia di promozione e vigilanza del comparto cooperativo è stata resa pubblica dalla Regione da pochi giorni e porta la data dell 8 giugno. L iter è iniziato il 30 gennaio scorso con il decreto 180 che ha approvato l avviso per l aggiornamento della lista e che è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell 11 febbraio. Obiettivo: aggiornare la lista valutando i nuovi iscritti e la regolarità dei crediti formativi e degli aggiornamenti professionali nonché l idoneità dei professionisti già accreditati in passato. Della Valle, fresco di siluramento dalle Coop, non si è tirato indietro e, come previsto dai termini indicati dal decreto, ha inviato i suoi dati per essere nuovamente inserito in quella lista. Nessuno ha battuto ciglio valutando possibile un incarico a Della Valle da parte della Regione come revisore ordinario e straordinario di una qualsiasi cooperativa. La Regione, come da regolamento, deve provvedere ogni tre anni alla costituzione di una lista di accreditamento di esperti in materia. La lista viene aggiornata con scadenza annuale e anche per il 2015, come se nulla fosse successo, come se la ferita delle Cooperative Operaie fosse ormai rimarginata, Della Valle c è. Al sedicesimo posto delle lista, comodo, comodo. A proposito: l ex direttore generale, al di là degli incarichi nei consigli d amministrazione di svariate controllate ormai azzerati da Consoli, guadagnava oltre 250mila euro lordi in un anno alle Coop. Nell aggiornata lista della Regione dei revisori in materia di promozione e vigilanza del comparto cooperativo compaiono tra i professionisti triestini: Luca Savino, Emilio Ressani, Piero Colavitti, Piergiorgio Renier, Raffaella Del Punta, Stefano Clemente Ravo, Edoardo Vaclik e Pierpaolo Terlizzi.

7 Il bricolage al posto delle auto di Conti (Piccolo Trieste) di Massimo Greco Retta d arrivo per una delle grandi superfici di vendita (alias centri monomarca) previste dal Piano del commercio varato all inizio di marzo dal Consiglio comunale, sulla base della delibera presentata dall assessore alle Attività economiche Edi Kraus. Se non interverranno intoppi e se si verificheranno alcune pre-condizioni concordate tra le parti, il primo concreto risultato su questo versante distributivo riguarderà l area dove operava la concessionaria-auto gestita da Dino Conti, tra strada della Rosandra e via Carletti. Sarebbe già stato sottoscritto un contratto preliminare con un azienda specializzata nel settore dell utensileria, quello che correntemente viene rubricato come bricolage. L acquirente - stando alle informazioni raccolte - affiderebbe poi a un ulteriore soggetto la gestione diretta della struttura commerciale. Dal punto di vista dimensionale gli spazi, su cui riconvertire la vecchia attività, sono significativi: l area complessiva ammonta a circa 17 mila metri quadrati, anche se la superficie, effettivamente impiegabile per realizzare il futuro centro, coprirà circa la metà. Le anticipazioni ufficiose di questa operazione vengono valutate con favore da Kraus. «Ci sono tre buone ragioni - spiega - per accogliere positivamente la notizia dell investimento. Crea posti di lavoro nel terziario commerciale in un momento ancora difficile per l economia del territorio; muove l edilizia, nell auspicio che le piccole realtà del settore siano coinvolte nella costruzione dell edificio; infine, l ambito merceologico interessato non sottrarrà spazio ad attività esistenti». Anche a Kraus risulta che la trattativa sia in una fase avanzata, ancora condizionata da alcuni passaggi di carattere amministrativo. «Per quanto riguarda l avvio dell attività commerciale - riprende l assessore - basterà quella che chiamiamo autorizzazione madre». Per Kraus il dato interessante, dal punto di vista delle strategie economiche, riguarda la ripresa degli investimenti e, soprattutto, il fatto che, a distanza di circa tre mesi dall approvazione della delibera che individua otto grandi aree commerciali, una di queste zone abbia già ottenuto un tangibile riscontro in termini di interesse. Per la verità l ex concessionaria di Dino Conti era stata fatta oggetto di attenzioni nel recente passato: Leroy Merlin, il grande gruppo francese specializzato nel fai-da-te (guarda caso, c è una certa coerenza nella tipologia commerciale delle candidature), aveva visionato il sito, attraente dal punto di vista logistico perchè facilmente raggiungibile dalla città e dalla vicina Slovenia, con un potenziale di parcheggio destinato a rendere più facile la vita della clientela. Poi l interlocutore d Oltralpe si era orientato verso il Friuli, allorquando si accese la battaglia giudiziaria in sede amministrativa avviata (e persa) da Confcommercio contro i centri monomarca. Battaglia che aveva avuto anche implicazioni in termini di schieramento politico. Dino Conti non aveva gradito la strada del contenzioso al Tar e al Consiglio di Stato intrapresa da Antonio Paoletti, strada che l imprenditore aveva definito «bullismo giudiziario». La vicenda dei cosiddetti centri monomarca, iniziata addirittura nel 2007, si è conclusa il 2 marzo scorso con l approvazione, da parte del Consiglio comunale, del cosiddetto adeguamento n.2 del Piano comunale di settore del commercio. In sostanza, la delibera identifica circa 30 mila metri quadrati suddivisi in otto zone collocate in varie zone della città e destinate alla distribuzione, alimentare e non. Via Flavia e via Brigata Casale, via Flavia e via Pietraferrata, Strada per Cattinara, Campo Marzio, Prosecco, via Rio Primario, via Svevo, strada della Rosandra. Proprio quest ultimo sito presenta la superficie maggiore, con un totale di 9mila metri quadrati, ripartiti tra 6500 mq interni e 2500 esterni. Allora Kraus aveva messo le mani avanti: saturare otto aree sarebbe stato un miracolo, più realistico puntare a realizzarne un paio.

8 Oggi vertice decisivo per Alcatel (Piccolo Trieste) Giornata decisiva per il futuro di Alcatel: appuntamento alle ore 15 presso il ministero dello Sviluppo Economico in via Molise a Roma. In termini squisitamente amministrativi, si chiude la procedura di consultazione prevista nei casi in cui avviene una cessione di ramo d azienda. Fattispecie in cui ricade lo stabilimento triestino, che Alcatel intende alienare al colosso delle telecomunicazioni Flextronics. Al tavolo romano siederanno i rappresentanti del Mise, la Regione Fvg, le organizzazioni sindacali con i tre livelli nazionali-territoriali-rsu, le due aziende coinvolte, l uscente Alcatel e la subentrante Flextronics. La parte datoriale ritiene conclusivo questo incontro al ministero. I sindacati preferirebbero maggiore flessibilità nei tempi della trattativa, perchè ritengono vi siano due determinanti passaggi da definire: la garanzia del progetto industriale e le prospettive di assunzione per il personale interinale, che nella fabbrica triestina rappresenta quasi il 50% della forza lavoro impiegata (circa 850 addetti complessivi). «Prevediamo una discussione lunga e impegnativa - preannuncia Sacha Colautti (Fiom Cgil) - il nostro obiettivo è ottenere che la garanzia del progetto salga da tre a cinque anni e che tutti gli interinali possano essere stabilizzati». L esito della riunione romana è atteso con comprensibile apprensione a Trieste, dove per oggi è proclamato uno sciopero di otto ore. L accordo, che eventualmente verrà raggiunto, sarà comunque sottoposto al vaglio referendario dei lavoratori. Sia Alcatel che Flextronics hanno a più riprese assicurato che il passaggio di proprietà garantirà maggiore sviluppo alla realtà produttiva triestina. (magr) «Tasse ridotte per le fasce più deboli» (Piccolo Trieste) Contributi economici sostegno di povertà per 9 milioni 200mila euro complessivi, di cui 5 milioni 500mila dal Comune e 3 milioni e 700mila dalla Regione a beneficiari: circa interventi nel biennio Sul fronte dell emergenza abitativa 900 interventi annui in media per fronteggiare emergenze e morosità per 540mila euro, 800 gli ammessi a richiesta di contributo affitti per 1 milione e 400mila euro. A ciò si aggiungono numerosi interventi di assegnazione di alloggi a persone in situazione di emergenza, l avvio dei progetti di Condominio solidale con l attivazione di 24 alloggi per 49 persone, e di progetti di auto recupero e auto manutenzione. Quanto all inserimento lavorativo: 828mila euro per borse lavoro. Mentre in riferimento a contributi rette per anziani e disabili, nel 2014 sono stati 778 gli interventi per un importo complessivo di 5 milioni. Servizi educativi: per 960 bambini le tariffe di Ricre Estate sono state ridotte per effetto della nuova diversificazione tariffaria per fasce Isee. Inoltre sempre per effetto della diversificazione tariffaria la mensa scolastica costa meno per iscritti delle fasce medio basse, a cui si aggiunge una forte riduzione per chi a quattro o più figli. Questi alcuni degli interventi effettuati dall amministrazione Cosolini su vari fronti. A riepilogarli il presidente della Commissione bilancio del Consiglio comunale, Igor Svab, consigliere del Pd, sottolineando l importanza dell intesa fra Comune di Trieste e organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil per una manovra di bilancio nella quale viene alleggerita «in maniera significativa l imposizione fiscale in particolare sulle fasce più deboli della popolazione». «Si è preso atto anche dei risultati estremamente significativi in termini di servizi garantiti a diverse categorie di cittadini pur in una situazione sia a livello nazionale che locale difficile quanto a risorse pubbliche - prosegue Svab - e di come le scelte compiute per effetto della concertazione abbiano, attraverso una opportuna diversificazione, ridotto i costi di accesso a certi servizi ai redditi medio bassi, sempre mantenendo alta la qualità dei servizi resi ai cittadini. La manovra - conclude Svab - ha copertura da trasferimenti preannunciati dalla Regione nell assestamento della Legge Finanziaria e da maggiori dividendi delle partecipate grazie anche a ottimi risultati di bilancio della Trieste trasporti, nonché dalla riduzione della spesa generale del Comune».

9 Il sindaco ribatte a Giacaz: «Servizi rafforzati nel sociale» (Piccolo Trieste) «Le critiche della signora Giacaz sulle politiche sociali del Comune sono decisamente incomprensibili. In questi anni le linee di interventi per far fronte ai vari problemi sono state garantite ed estese attivando anche nuovi servizi che consentono, ad esempio, di supportare tanti cittadini che sono costretti a fronteggiare l emergenza casa anche nei casi di morosità incolpevole attribuibile direttamente alla crisi». Il sindaco Roberto Cosolini prende la parola per ribattere alle sollecitazioni giunte dalla delegata della Cgil Funzione pubblica. Giacaz aveva puntato il dito verso il «preoccupante immobilismo del Comune. I servizi sociali hanno costantemente la fila davanti alla porta degli uffici di via Mazzini, ma manca un progetto strategico dell amministrazione per fronteggiare una crisi sempre più marcata. Abbiamo disoccupati e sotto occupati perché il part time involontario è salito dal 40 al 60% e gli avviamenti al lavoro sono calati di unità fra il primo trimestre del 2013 e lo stesso periodo del L esempio tipico è la gara d appalto per le pulizie in Comune, che ha originato un drammatico calo degli stipendi degli addetti». Il primo cittadino, però, non ci sta e replica: «L investimento nel sociale del nostro Comune è il doppio rispetto alla media nazionale e, tra l altro, siamo riusciti anche a bandire il concorso per assistenti sociali per far assumere otto nuove persone a tempo indeterminato. Del resto - continua Cosolini -, tutto ciò è riconosciuto anche dall accordo appena siglato con Cigl, Cisl e Uil sulla manovra fiscale. I servizi non sono diminuiti e a dimostrarlo ci sono i dati che lo sostengono in maniera inconfutabile. Sono d accordo, invece, sul riconoscimento della professionalità degli assistenti sociali - conclude il sindaco -, tant è che colgo questa occasione per manifestare loro la mia piena gratitudine».

10 «Profughi-fantasma mai censiti a Gorizia» (Piccolo Gorizia-Monfalcone) di Francesco Fain Ci sono. Ma non si sa quanti siano. Nessuno li ha mai censiti ma hanno scelto Gorizia come meta del loro viaggio della speranza. Nemmeno la Caritas diocesana riesce a quantificarli perchè non si fanno vivi: potrebbero essere una decina come 30 o 40. Accanto a questi migranti ci sono 110 persone non coperte da alcuna convenzione. Quaranta sono più fortunate perché, quantomeno, un tetto per la notte ce l hanno e possono dormire al dormitorio di Piazzutta. Gli altri settanta (le fila si sono ulteriormente ingrossate negli ultimi giorni) non hanno una dimora: vagano per la città, dormono un po dove capita (dal Parco della Rimembranza ai porticati dell Agenzia delle entrate per finire con le rive dell Isonzo) e attendono il loro turno, attendono cioé che la commissione che esamina lo status di rifugiato politico dia loro il responso finale. Intanto, i volontari e gli operatori della Caritas diocesana continuano ad essere sottoposti ad un autentico (e massacrante) superlavoro. I numeri che abbiamo fornito ci sono stati messi a disposizione da don Paolo Zuttion, direttore della Caritas diocesana che traccia un quadro generale le cui tinte sono piuttosto fosche. Don Paolo, qual è la situazione? Ci sono i richiedenti-asilo coperti da convenzione (i 150 del Nazareno e gli oltre trenta all hotel Internazionale) a cui si aggiungono coloro che non hanno un tetto sopra la testa. Sono settanta quelli vengono a cena da noi ma non hanno una sistemazione mentre quaranta passano la notte al dormitorio di Piazzutta. A questi va aggiunto un numero imprecisato di profughi che ci sono ma che non siamo riusciti a censire perché non si sono fatti vivi nelle nostre strutture, eppure girano per la città, ci sono. Un elemento di preoccupazione giunge dal fatto che ci sarebbe l intenzione, da parte della Curia, di ridurre la capienza del Nazareno dai 150 ospiti attuali a 90. È vero che c è questo rischio? Si tratta di una decisione obbligata perché, per continuare ad ospitare 150 migranti, il centro Nazareno avrebbe bisogno di lavori impressionanti. Per questo, è stata presa la decisione di ridurre la capienza, tornando ai 90 iniziali. Il sindaco Romoli, nei giorni scorsi, ha messo in guardia dal fatto che il centro salesiano del San Luigi possa trasformarsi in un ulteriore centro-immigrati. Sono timori fondati? No, è una paura infondata. È vero che il San Luigi, nei giorni scorsi, ha ospitato 7 degli oltre 20 minorenni che erano stati intercettati a Romans d Isonzo. In un primo momento avevano trovato ospitalità nella vecchia casa del custode della Prefettura di Gorizia. Poi, si era optato per il loro trasferimento al San Luigi. Ma è stata una soluzione assolutamente transitoria, dettata dall emergenza contingente che si era venuta a creare. Quindi, si tratta di un timore assolutamente giustificato. Peraltro, anche quei sette minorenni sono già stati trasferiti in una struttura protetta a Trieste. Quindi, non c è traccia di soluzione strutturate per l accoglienza. Tutti i suoi appelli, formulati nel corso delle scorse settimane, non paiono aver sortito effetti concreti. Si continua a navigare a vista. Continuiamo ad affrontare l emergenza con le stesse strutture e sempre con le medesime persone che si danno da fare per garantire un accoglienza, il più possibile umana, a tutte queste persone. Dobbiamo capire che il flusso di richiedenti-asilo, e lo ripeto per l ennesima volta, non è destinato a diminuire: l aumento dei conflitti in tante parti del mondo porta a sempre nuovi sbarchi di migliaia e migliaia di disperati alla ricerca di un futuro per la propria vita. Accogliere è un mestiere facile? Accogliere il richiedente-asilo significa essere capaci di mediazione culturale ma anche di quello che si definisce accompagnamento sociale avendo, ad esempio, la conoscenza legale che sarà utile a chi chiede lo status di rifugiato. In tutto questo la Caritas diocesana può sicuramente svolgere un ruolo importante ma non può e non deve fare tutto.

11 La Provincia avverte: «Valzer di presidi e rischio di reggenze» (M. Veneto Udine) di Giulia Zanello Valzer di presidi e rischio di reggenze nella provincia di Udine: dal prossimo anno scolastico i dirigenti del Convitto Paolo Diacono, dell istituto agrario Paolino di Aquileia di Cividale e dei comprensivi di Cividale, Latisana e Gemona andranno in pensione, mentre tutta la fascia della Bassa da Rivignano a San Giorgio di Nogaro e forse anche Palmanova dato il probabile trasferimento di altri colleghi, rischia di trovarsi dirigenti scolastici titolari in una scuola, chiamati a gestirne altre in contemporanea. Lo scorso anno 43 istituti in regione, di cui 24 in provincia (nel 2013 erano 25 in tutto il Fvg) hanno fatto ricorso alla reggenza e gli annunciati cambi alla guida preoccupano la Provincia, alla quale competono le funzioni legate al dimensionamento scolastico, alla valutazione sull attivazione di nuovi indirizzi formativi nelle scuole superiori, all edilizia scolastica e al sostegno allo studio. Una modalità di organizzazione, quella della reggenza, non di certo ottimale nemmeno per l assessore provinciale all istruzione Beppino Govetto: «In due anni, a livello regionale, le reggenze sono quasi raddoppiate e il territorio dove questa modalità è più ricorrente è la Provincia di Udine, che raccoglie la maggior parte di studenti nei vari cicli d istruzione». Indispensabile, dunque, secondo Govetto, «attivare un concorso per figure dirigenziali di ruolo in Fvg o individuare altre soluzioni valide che consentano alle nostre scuole di pianificare a lungo termine il loro percorso». Anche perché, gestire più scuole contemporaneamente richiede un maggiore impegno e un dispendio di tempo per i dirigenti, chiamati anche a confrontarsi spesso con realtà molto diverse, come comprensivi e scuole superiori. Senza considerare che la reggenza «rende difficile prosegue Govetto garantire la continuità didattica, la programmazione e la gestione di una strategia e una programmazione educativa efficace, con l impossibilità di pianificare le varie attività curriculari ed extra curriculari in stretto raccordo, per esempio, con il tessuto economico locale». Inoltre, la mancanza di una figura fissa non solo si traduce in un disagio per famiglie, ragazzi e operatori che non possono interfacciarsi con un interlocutore stabile, ma rischia di causare un impoverimento culturale e una perdita di opportunità di crescita e sviluppo per gli studenti e il mondo imprenditoriale. Ritornando sulla questione delle future nomine, Govetto ribadisce che «la figura di un preside titolare è indispensabile per le due scuole superiori di Cividale che si apprestano al cambio di dirigente scolastico, stesso dicasi per i comprensivi».

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI 1 Il giorno 12 settembre 2008, tra l AVIS Nazionale - Associazione

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli