RASSEGNA STAMPA CGIL FVG lunedì 22 giugno Indice articoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA CGIL FVG lunedì 22 giugno 2015. Indice articoli"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA CGIL FVG lunedì 22 giugno 2015 (Gli articoli di questa rassegna, dedicata prevalentemente ad argomenti locali di carattere economico e sindacale, sono scaricati dal sito internet dei quotidiani indicati. La Cgil Fvg declina ogni responsabilità per i loro contenuti) Indice articoli ATTUALITÀ, ECONOMIA, REGIONE (pag. 2) Il nonno vuole la sanità al computer (Gazzettino) Check up senza gara. Il Tar condanna la Regione (Piccolo) I vertici CoopCa potrebbero dover risarcire i danni ai soci (M. Veneto) Cgil: sì alla manovra, ma ora partano le assunzioni in sanità (M. Veneto domenica) CRONACHE LOCALI (PAG. 6) Il terremoto Coop travolge i fornitori (Piccolo Trieste, 3 articoli) Il bricolage al posto delle auto di Conti (Piccolo Trieste) Oggi vertice decisivo per Alcatel (Piccolo Trieste) «Tasse ridotte per le fasce più deboli» (Piccolo Trieste) Il sindaco ribatte a Giacaz: «Servizi rafforzati nel sociale» (Piccolo Trieste) «Profughi-fantasma mai censiti a Gorizia» (Piccolo Gorizia-Monfalcone) La Provincia avverte: «Valzer di presidi e rischio di reggenze» (M. Veneto Udine)

2 ATTUALITÀ, ECONOMIA, REGIONE Il nonno vuole la sanità al computer (Gazzettino) L'80 per cento vuole avere la possibilità di prenotare visite ed esami online, ricevendo a casa via computer le risposte. Il 50 per cento desidera avere la cartella sanitaria digitale da condividere con medici o personale di assistenza e quasi il 30 per cento vorrebbe comunicare online con il medico, il farmacista e l'infermiere. Non sono percentuali riferite ai nativi digitali del Friuli Venezia Giulia o a chi è nel pieno dell'attività lavorativa. Tali desideri, infatti, appartengono a persone comprese in una fascia d'età tra i 65 e gli 84 anni che l'auser, l'associazione per il volontariato attivo, ha testato con un sondaggio online e ha presentato nei giorni scorsi a Udine quando su iniziativa di Federsanità Anci si è fatto il punto su Agenda digitale e servizi sanitari. «Ha sorpreso il numero e la qualità delle risposte, perché noi avevamo lanciato il questionario dal sito dell'associazione, ma con nessun supporto cartaceo», spiega il presidente di Auser Trieste e in questo caso portavoce regionale Auser, Roberto Ferri, già direttore generale delle aziende sanitarie di Udine, della Bassa Friulana e di Gorizia. All'appello hanno risposto 120 anziani, 105 compresi tra i 65 e i 74 anni e 18 tra i 75 e gli 84 anni. Le donne sono 47, i maschi 73. Il 97,5 per cento ha dichiarato di possedere computer e/o smartphone e il 72,5 di usarlo tutti i giorni. Inoltre, il 65,8 ha detto di ritenere possibile un uso di Servizi sanitari da soli o con aiuto. Sorprendente, da un certo punto di vista, anche la risposta che hanno dato alla domanda «quale aiuto ritiene più utile per poter meglio usare i servizi per la salute online». Forse specchio di una regione autonoma, il 41,7 per cento ha chiesto un «corso di formazione o informazione adeguata» per cavarsela innanzitutto da solo. Un 15 per cento si è detto già autonomo, un altro 15 ha indicato una sede del servizio sanitario; il 9,2 il medico di famiglia, il 5,8 la farmacia, il 7,5 un familiare. Una richiesta di essere formati per superare il timore di «errori involontari che mi possono danneggiare» (40,8 per cento). Il 31,7 per cento, inoltre, teme la «perdita del rapporto umano diretto con le persone di assistenza». Ferri tuttavia guarda al messaggio complessivo che emerge, giudicandolo assolutamente «interessante». Si vede che «gli anziani hanno voglia di imparare e, di fronte, alla possibilità di sbagliare chiedono di essere formati e informati». L'auspicio, quindi, è che i progetti finanziabili con la legge regionale sull'invecchiamento attivo (il termine per la presentazione scade il 20 luglio) si concentrino sull'alfabetizzazione digitale. «Sarà opportuno, inoltre, aiutare gli anziani che non possono accedere alla Rete, magari creando degli infopoint». Non da ultimo, «non si può immaginare che tutto passi attraverso un sistema digitalizzato. Vanno bene i servizi online, ma ciò non deve impedirci di trovare qualcuno all'altro capo se abbiamo un problema, assicurando quindi quel rapporto umano di cui comunque si sente la necessità».

3 Check up senza gara. Il Tar condanna la Regione (Piccolo) di Marco Ballico TRIESTE Vatti a fidare del Veneto. La giunta Serracchiani ci ha provato sul fronte informatico-sanitario, ma è andata male e una delibera dello scorso 19 settembre risulta ora letteralmente incenerita dal Tar Fvg. L errore? L adesione un po distratta a un progetto già avviato dall amministrazione Zaia senza procedere a regolare bando di gara. Adesione della Regione Fvg alla sperimentazione progetto Sistema Acg-Adjusted clinical group, è il titolo della delibera 1712, lì dove si spiega che Acg, sviluppato da medici e ricercatori della Johns Hopkins University, Bloomberg School of Public Health di Baltimora, è uno strumento finalizzato alla valutazione e alla gestione del case-mix territoriale, vale a dire della complessità dei casi trattati da un ospedale in rapporto alla complessità media di un insieme di ospedali di riferimento. In sostanza il sistema in questione, utilizzando dati censiti dai sistemi informativi in uso ai servizi, misura lo stato di salute di una popolazione raggruppando le diagnosi di malattia e l uso di farmaci in gruppi clinicamente coerenti. La Regione Fvg, in delibera, individuato Acg «quale possibile strumento a supporto della governance della situazione e dei bisogni dei cittadini, utile a migliorare la conoscenza dei bisogni clinico-assistenziali della propria popolazione», aderisce alla convenzione stipulata dal Veneto con la John Hopkins investendo 35mila euro in 12 mesi. Solo una sperimentazione, si precisa. Trascorso l anno, il report finale di descrizione e valutazione delle attività svolte e dei risultati ottenuti «sarà determinante per la decisione sull eventuale prosecuzione e/o ampliamento dell attività a tutto il territorio regionale ovvero della sua conclusione». Una delle tante delibere di routine, sembrava. E invece la 3m Italia, azienda che si presenta con «un esperienza ventennale nel campo dei Raggruppamenti omogenei di diagnosi e della codifica della Scheda di dimissione ospedaliera per migliorarne la qualità, evitare potenziali errori e misurare le performance in ambito sanitario», non accetta di essere esclusa a priori per l accordo diretto tra Veneto e Baltimora, con il Friuli Venezia Giulia che si accoda. Di qui un ricorso al Tar che finisce con la condanna della Regione Fvg e l annullamento della delibera, mentre pure il Veneto, ma in autunno, se la dovrà vedere con i legali di 3 m Italia. Al Friuli Venezia Giulia, intanto, i giudici danno torto con la premessa che il danno per la società ricorrente «risulta non solo potenziale ma anche immediato, dato che la partecipazione alla sperimentazione comporta un vantaggio competitivo per la ditta prescelta», vale a dire la scuola di salute pubblica statunitense. Nell accogliere il ricorso, il Tar cita in particolare i principi del codice degli appalti e quelli fondanti della comunità europea ex articolo 102 del Trattato, secondo cui non è possibile per un ente pubblico scegliere un contraente se non tramite una pubblica gara ovvero una procedura competitiva. L unica eccezione alla regola riguarda l ipotesi in cui si sia dimostrato che il contraente scelto è l unico in grado di fornire il prodotto richiesto. Ma se risulta che il Veneto, nella primavera 2013, ha avviato una ricerca di mercato per verificare l esistenza di un prodotto in grado di analizzare i dati presenti nei flussi regionali in materia sanitaria, il Friuli Venezia Giulia «non si è nemmeno posto il problema della scelta già effettuata senza alcuna gara, dando implicitamente per scontato che ci si trovasse in un ipotesi di scelta di un unico fornitore possibile». Secondo il collegio giudicante «è chiaramente mancata ogni congrua attività istruttoria e quindi adeguata motivazione». Anche perché non si poteva nemmeno escludere che nei mesi successivi alla ricerca veneta «fossero intervenute nel mercato nuove imprese con prodotti concorrenziali o almeno comparabili con quello offerto dall unica ditta prescelta». La Regione Fvg, dunque, si è mossa in modo «immotivato e acritico». E le si deve perciò annullare la delibera e, per adesso, la sperimentazione.

4 I vertici CoopCa potrebbero dover risarcire i danni ai soci (M. Veneto) UDINE Se dall indagine che la Procura di Udine ha aperto su CoopCa emergessero fatti penalmente rilevanti nei confronti degli amministratori della società, è intenzione del commissario giudiziale costituirsi parte civile nel procedimento che vede indagati 12 amministratori e 2 consulenti. Poche parole, ma di pietra, quelle scritte dal commissario Fabiola Beltramini nella relazione ai creditori con un effetto diretto anche sull attivo concordatario, visto che un eventuale risarcimento andrebbe a ingrossare le partite a disposizione dei creditori. Beltramini ricorda che la proposta concordataria menziona azioni giudiziali potenziali, risarcitorie e di responsabilità, nei confronti degli amministratori, dell organo di controllo e dei direttori generali. Azioni che potranno essere poste in essere anche dopo l eventuale approvazione del concordato, da parte del liquidatore giudiziario, previa delibera da parte dell assemblea. «Questi - scrive Beltramini - analizzerà e valuterà l esistenza dei presupposti di merito e di convenienza per procedere a tale iniziative volta a ottenere il risarcimento del pregiudizio arrecato al patrimonio dagli organi sociali violando i doveri imposti dalla legge e dallo statuto». Nella relazione del commissario ci sono anche valutazioni su alcune operazioni gestionali operate dal consiglio di amministrazione. Tra queste la costituzione di ImmobilcoopCa una società controllata che ha permesso, con la cessione di alcuni immobili, di far emergere plusvalenze, in due anni, superiori agli 8 milioni di euro che hanno ridotto, solo formalmente, le perdite di bilancio. «La costituzione di ImmobilcoopCa e la successiva cessione a quest ultima di parte del patrimonio immobiliare della cooperativa - scrive Beltramini - non hanno fornito alcun contributo alla risoluzione della situazione di grave crisi già in atto». Un tracollo legato alla crisi strutturale dei consumi «che ha portato le aziende che operano nel settore della distribuzione a registrare continue contrazioni di fatturato». Il problema è che «tale situazione si è riversata su un azienda caratterizzata da una struttura patrimoniale appesantita da una forte componente di debito, originato nel 2010 come conseguenza della costruzione del centro direzionale di Amaro e aggravatasi ulteriormente per effetto di una strategia aziendale incentrata prevalentemente sul recupero del fatturato attraverso operazioni di acquisizione e riqualificazione dei punti vendita che sono apparse, spesso, non sufficientemente ponderate e approfondite nei loro prevedibili effetti, sia in termini economici che finanziari. In un mercato aggressivo e concorrenziale - conclude Beltramini - la società non è stata in grado di sviluppare un progetto strategico coerente che consentisse di contrastare le azioni della concorrenza e di recuperare marginalità». Cgil: sì alla manovra, ma ora partano le assunzioni in sanità (M. Veneto domenica) «Bene i 40 milioni sulla sanità, a cui si aggiungono più di 10 dagli utili delle aziende sanitarie». Lo dichiara Orietta Olivo, responsabile welfare della Cgil, dopo l incontro sull assestamento di bilancio. Che chiede però di accelerare sulle assunzioni. «Le Aas dichiara non sono aziende che devono fare utili e se li fanno la gran parte deriva da risparmi sul personale. Per questo abbiamo chiesto di rilanciare il tavolo di trattativa sul personale, partito solo formalmente. La Cgil, da parte sua, è disposta anche ad accordi sulla mobilità, ma l obiettivo finale deve essere quello di assumere dove se ne ravviserà la necessità». Al di fuori della sanità, la Cgil dà un giudizio positivo sugli interventi previsti su ambiente, porti e lavoro. «Bene anche il cosiddetto volano opere dichiara Olivo creato per metà da soldi della Regione e per metà con risorse delle autonomie locali, con un totale di 30 milioni, importante per superare il blocco causato dal patto di stabilità. Dare il via alle opere pubbliche, infatti, significa far ripartire un settore strategico come quello dell edilizia che ha sofferto più di tutti gli effetti della crisi».

5 CRONACHE LOCALI Il terremoto Coop travolge i fornitori (Piccolo Trieste) di Silvio Maranzana Il terremoto si sta allargando dall epicentro a tutta l area circostante. Così il tracollo delle Cooperative operaie rischia di tirare a fondo dietro a se gran parte dell indotto con nuova conseguente emorragia di posti di lavoro a Trieste: sono già 45 quelli che stanno per saltare. Il primo caso clamoroso a esplodere è quello della Cooperativa facchini Mercato ortofrutticolo, azienda molto conosciuta, dai bilanci sani e dalla storia quasi settantennale, essendo stata fondata nel lontano Ora rischia, se non di sparire, perlomeno di finire ridotta ai minimi termini, dato che il suo fatturato era legato per il 70% ai trasporti e alle attività svolte per le Coop. «Abbiamo aperto la procedura di mobilità per 35 dei nostri 49 soci - annuncia amaramente il presidente Gianpaolo Mesghetz - contiamo di pagare ancora gli stipendi di giugno, poi orientativamente dal primo luglio tutte queste persone rimarranno senza lavoro». La decisione è stata comunicata in un incontro al quale erano presenti i segretari di categoria di due sigle sindacali: Renato Kneipp di Filt-Cgil e Giulio Germani di Fit-Cisl. «Avremo un confronto nei prossimi giorni con i funzionari della Regione per valutare la possibilità che a questi lavoratori venga applicata la cassa integrazione in deroga - spiega Kneipp - poi ci siamo ridati appuntamento per il 30 giugno nella speranza che gli esuberi possano essere ridotti e portati al minimo possibile». Nel frattempo la Cooperativa presumibilmente contatterà i soggetti che stanno subentrando alle Cooperative operaie nella gestione dei supermercati cittadini e cioé Coop Nordest, Conad e Despar per tentare di proseguire l attività con i nuovi proprietari che però hanno già i propri fornitori e operatori logistici per cui l operazione si prospetta difficile. Altra strada tortuosa, ma che si tenterà comunque di praticare, è quella della ricerca di nuovi clienti. «Dopo essere stata a lungo stabile sui 35 soci, la Cooperativa si è ingrossata fino a superare la cinquantina di persone, ma tuttora è piuttosto corposa, contando su 49 lavoratori tra facchini e autisti. C è una sola donna che fa l impiegata - specifica Mesghetz - Siamo tutti quanti triestini e, sebbene ci sia qualche giovane, l età media è piuttosto elevata e supera i 45 anni». Ostacolo in più per la speranza di ricollocazione nel mondo del lavoro. Nei confronti delle Cooperative operaie ora i facchini del Mercato vantano sostanziosi crediti ma, nonostante questo, tutti i bilanci trascorsi sono stati in attivo e il parco macchine, quasi tutte di proprietà e in minima parte in leasing, è sostanzioso contando ben 35 tra furgoni e camion. Chi invece sembra totalmente spacciato è Reparto 7, il Centro di distribuzione ortofrutticolo collocato in via Caboto, di cui lo stesso Mesghetz è presidente e che conta su dieci dipendenti. «Per loro purtroppo si apre la disoccupazione con il relativo sussidio - spiega il presidente - perché i marchi subentranti hanno già la propria piattaforma distributiva». Erano perlopiù addetti alla gestione logistica del magazzino e al confezionamento di frutta e verdura. Reparto 7 era stato inaugurato il 25 marzo 2009, con presidente Augusto Seghene, noto esponente socialista cittadino nonché ex vicesindaco. La nuova società vedeva consociate le Cooperative operaie con il 40%, i privati riuniti nella Solagro srl con un altro 40% e gli stessi facchini dell ortofrutticolo con la quota rimanente. L impasse distributiva per frutta e verdura era stato superato con un investimento di 700mila euro per attrezzare in via Caboto 1500 metri quadrati nel tempo record di due mesi. «A questo punto - aveva commentato l ex sindaco Roberto Dipiazza - dovremo rivedere qualcosa anche nel discorso del Mercato ortofrutticolo perché mi sa con non ha senso fare alle Noghere una struttura mastodontica, con una come questa già funzionante». In sequenza sono poi scomparsi prima il progetto alle Noghere (solo pochi giorni fa la giunta Cosolini ha annunciato di puntare su Valmaura e in particolare su un altra vecchia struttura delle Coop, l ex Ingross, per il Mercato) e ora lo stesso Reparto 7. «Nessuno ha tutelato l indotto» Perché nessuno si preoccupa della «tragedia» dei fornitori? Marino Andolina, capogruppo comunale della Federazione della sinistra, prende carta e penna. E denuncia l indifferenza della politica nei confronti delle vittime collaterali del crollo delle Coop Operaie. «Non si può sottovalutare il successo

6 ottenuto con il rimborso previsto ai soci prestatori e con la salvaguardia dei posti di lavoro ma esiste una terza parte in causa che pare nessuno abbia considerato: i fornitori triestini. A quanto risulta, a parte i crediti non recuperati per somme ingentissime, questi si stanno vedendo mettere da parte da parte dei padroni subentranti» afferma Andolina. E aggiunge: «Un imprenditore ha diritto di scegliersi i propri fornitori, ma per la nostra città l eliminazione dei contratti di fornitura di pane, frutta e verdura, dei prodotti a chilometro zero è un danno gravissimo». Eppure, denuncia il medico di Fds, nulla o quasi si muove: «Trieste si vede colonizzata da imprenditori che hanno un legittimo interesse a farsi gli affari propri, ma chi ha gestito questo passaggio di consegne pare abbia dimenticato che in questo modo molti posti di lavoro nell indotto andranno perduti. Mi domando se la politica triestina in questo non abbia qualche responsabilità. L indifferenza verso le ricadute sociali l abbiamo vista con lo sfratto con preavviso di pochi giorni della Parafarmacia situata all interno delle Coop delle Torri d Europa, con perdita immediata di posti di lavoro di dipendenti pur a tempo indeterminato». Non basta: «Non abbiamo l evidenza che il commissario Maurizio Consoli si sia preso a cuore il destino di queste persone» denuncia Andolina ricordando le centinaia di migliaia di euro guadagnati da liquidatore e consulenti vari. «Ormai ai triestini non rimane che piangere per un ulteriore perdita di posti di lavoro; mi permetto di suggerire a chi farà la spesa di dare la propria preferenza agli esercizi che dichiareranno di utilizzare fornitori locali». Della Valle rispunta nella lista dei revisori di Laura Tonero Altro schiaffo morale per i soci delle Cooperative di Trieste, Istria e Friuli. Pier Paolo Della Valle è stato appena confermato nella lista dei professionisti abilitati a svolgere il compito di revisore e commissario liquidatore di società cooperative per conto della Regione. E non si tratta di un omonimo ma proprio di quel Della Valle che fino allo scorso gennaio, fino a quando il commissario giudiziale Maurizio Consoli non decideva per il suo licenziamento, ricopriva la carica di direttore generale delle Cooperative Operaie di Trieste. Della Valle era già stato precedentemente silurato dal cda di Coop che in ottobre l aveva sfiduciato. Da allora, fino all intervento risolutore di Consoli, l ex dg aveva continuato a percepire lo stipendio e a utilizzare anche l automobile aziendale. La lista dei professionisti accreditati a svolgere la revisione ordinaria e straordinaria in materia di promozione e vigilanza del comparto cooperativo è stata resa pubblica dalla Regione da pochi giorni e porta la data dell 8 giugno. L iter è iniziato il 30 gennaio scorso con il decreto 180 che ha approvato l avviso per l aggiornamento della lista e che è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell 11 febbraio. Obiettivo: aggiornare la lista valutando i nuovi iscritti e la regolarità dei crediti formativi e degli aggiornamenti professionali nonché l idoneità dei professionisti già accreditati in passato. Della Valle, fresco di siluramento dalle Coop, non si è tirato indietro e, come previsto dai termini indicati dal decreto, ha inviato i suoi dati per essere nuovamente inserito in quella lista. Nessuno ha battuto ciglio valutando possibile un incarico a Della Valle da parte della Regione come revisore ordinario e straordinario di una qualsiasi cooperativa. La Regione, come da regolamento, deve provvedere ogni tre anni alla costituzione di una lista di accreditamento di esperti in materia. La lista viene aggiornata con scadenza annuale e anche per il 2015, come se nulla fosse successo, come se la ferita delle Cooperative Operaie fosse ormai rimarginata, Della Valle c è. Al sedicesimo posto delle lista, comodo, comodo. A proposito: l ex direttore generale, al di là degli incarichi nei consigli d amministrazione di svariate controllate ormai azzerati da Consoli, guadagnava oltre 250mila euro lordi in un anno alle Coop. Nell aggiornata lista della Regione dei revisori in materia di promozione e vigilanza del comparto cooperativo compaiono tra i professionisti triestini: Luca Savino, Emilio Ressani, Piero Colavitti, Piergiorgio Renier, Raffaella Del Punta, Stefano Clemente Ravo, Edoardo Vaclik e Pierpaolo Terlizzi.

7 Il bricolage al posto delle auto di Conti (Piccolo Trieste) di Massimo Greco Retta d arrivo per una delle grandi superfici di vendita (alias centri monomarca) previste dal Piano del commercio varato all inizio di marzo dal Consiglio comunale, sulla base della delibera presentata dall assessore alle Attività economiche Edi Kraus. Se non interverranno intoppi e se si verificheranno alcune pre-condizioni concordate tra le parti, il primo concreto risultato su questo versante distributivo riguarderà l area dove operava la concessionaria-auto gestita da Dino Conti, tra strada della Rosandra e via Carletti. Sarebbe già stato sottoscritto un contratto preliminare con un azienda specializzata nel settore dell utensileria, quello che correntemente viene rubricato come bricolage. L acquirente - stando alle informazioni raccolte - affiderebbe poi a un ulteriore soggetto la gestione diretta della struttura commerciale. Dal punto di vista dimensionale gli spazi, su cui riconvertire la vecchia attività, sono significativi: l area complessiva ammonta a circa 17 mila metri quadrati, anche se la superficie, effettivamente impiegabile per realizzare il futuro centro, coprirà circa la metà. Le anticipazioni ufficiose di questa operazione vengono valutate con favore da Kraus. «Ci sono tre buone ragioni - spiega - per accogliere positivamente la notizia dell investimento. Crea posti di lavoro nel terziario commerciale in un momento ancora difficile per l economia del territorio; muove l edilizia, nell auspicio che le piccole realtà del settore siano coinvolte nella costruzione dell edificio; infine, l ambito merceologico interessato non sottrarrà spazio ad attività esistenti». Anche a Kraus risulta che la trattativa sia in una fase avanzata, ancora condizionata da alcuni passaggi di carattere amministrativo. «Per quanto riguarda l avvio dell attività commerciale - riprende l assessore - basterà quella che chiamiamo autorizzazione madre». Per Kraus il dato interessante, dal punto di vista delle strategie economiche, riguarda la ripresa degli investimenti e, soprattutto, il fatto che, a distanza di circa tre mesi dall approvazione della delibera che individua otto grandi aree commerciali, una di queste zone abbia già ottenuto un tangibile riscontro in termini di interesse. Per la verità l ex concessionaria di Dino Conti era stata fatta oggetto di attenzioni nel recente passato: Leroy Merlin, il grande gruppo francese specializzato nel fai-da-te (guarda caso, c è una certa coerenza nella tipologia commerciale delle candidature), aveva visionato il sito, attraente dal punto di vista logistico perchè facilmente raggiungibile dalla città e dalla vicina Slovenia, con un potenziale di parcheggio destinato a rendere più facile la vita della clientela. Poi l interlocutore d Oltralpe si era orientato verso il Friuli, allorquando si accese la battaglia giudiziaria in sede amministrativa avviata (e persa) da Confcommercio contro i centri monomarca. Battaglia che aveva avuto anche implicazioni in termini di schieramento politico. Dino Conti non aveva gradito la strada del contenzioso al Tar e al Consiglio di Stato intrapresa da Antonio Paoletti, strada che l imprenditore aveva definito «bullismo giudiziario». La vicenda dei cosiddetti centri monomarca, iniziata addirittura nel 2007, si è conclusa il 2 marzo scorso con l approvazione, da parte del Consiglio comunale, del cosiddetto adeguamento n.2 del Piano comunale di settore del commercio. In sostanza, la delibera identifica circa 30 mila metri quadrati suddivisi in otto zone collocate in varie zone della città e destinate alla distribuzione, alimentare e non. Via Flavia e via Brigata Casale, via Flavia e via Pietraferrata, Strada per Cattinara, Campo Marzio, Prosecco, via Rio Primario, via Svevo, strada della Rosandra. Proprio quest ultimo sito presenta la superficie maggiore, con un totale di 9mila metri quadrati, ripartiti tra 6500 mq interni e 2500 esterni. Allora Kraus aveva messo le mani avanti: saturare otto aree sarebbe stato un miracolo, più realistico puntare a realizzarne un paio.

8 Oggi vertice decisivo per Alcatel (Piccolo Trieste) Giornata decisiva per il futuro di Alcatel: appuntamento alle ore 15 presso il ministero dello Sviluppo Economico in via Molise a Roma. In termini squisitamente amministrativi, si chiude la procedura di consultazione prevista nei casi in cui avviene una cessione di ramo d azienda. Fattispecie in cui ricade lo stabilimento triestino, che Alcatel intende alienare al colosso delle telecomunicazioni Flextronics. Al tavolo romano siederanno i rappresentanti del Mise, la Regione Fvg, le organizzazioni sindacali con i tre livelli nazionali-territoriali-rsu, le due aziende coinvolte, l uscente Alcatel e la subentrante Flextronics. La parte datoriale ritiene conclusivo questo incontro al ministero. I sindacati preferirebbero maggiore flessibilità nei tempi della trattativa, perchè ritengono vi siano due determinanti passaggi da definire: la garanzia del progetto industriale e le prospettive di assunzione per il personale interinale, che nella fabbrica triestina rappresenta quasi il 50% della forza lavoro impiegata (circa 850 addetti complessivi). «Prevediamo una discussione lunga e impegnativa - preannuncia Sacha Colautti (Fiom Cgil) - il nostro obiettivo è ottenere che la garanzia del progetto salga da tre a cinque anni e che tutti gli interinali possano essere stabilizzati». L esito della riunione romana è atteso con comprensibile apprensione a Trieste, dove per oggi è proclamato uno sciopero di otto ore. L accordo, che eventualmente verrà raggiunto, sarà comunque sottoposto al vaglio referendario dei lavoratori. Sia Alcatel che Flextronics hanno a più riprese assicurato che il passaggio di proprietà garantirà maggiore sviluppo alla realtà produttiva triestina. (magr) «Tasse ridotte per le fasce più deboli» (Piccolo Trieste) Contributi economici sostegno di povertà per 9 milioni 200mila euro complessivi, di cui 5 milioni 500mila dal Comune e 3 milioni e 700mila dalla Regione a beneficiari: circa interventi nel biennio Sul fronte dell emergenza abitativa 900 interventi annui in media per fronteggiare emergenze e morosità per 540mila euro, 800 gli ammessi a richiesta di contributo affitti per 1 milione e 400mila euro. A ciò si aggiungono numerosi interventi di assegnazione di alloggi a persone in situazione di emergenza, l avvio dei progetti di Condominio solidale con l attivazione di 24 alloggi per 49 persone, e di progetti di auto recupero e auto manutenzione. Quanto all inserimento lavorativo: 828mila euro per borse lavoro. Mentre in riferimento a contributi rette per anziani e disabili, nel 2014 sono stati 778 gli interventi per un importo complessivo di 5 milioni. Servizi educativi: per 960 bambini le tariffe di Ricre Estate sono state ridotte per effetto della nuova diversificazione tariffaria per fasce Isee. Inoltre sempre per effetto della diversificazione tariffaria la mensa scolastica costa meno per iscritti delle fasce medio basse, a cui si aggiunge una forte riduzione per chi a quattro o più figli. Questi alcuni degli interventi effettuati dall amministrazione Cosolini su vari fronti. A riepilogarli il presidente della Commissione bilancio del Consiglio comunale, Igor Svab, consigliere del Pd, sottolineando l importanza dell intesa fra Comune di Trieste e organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil per una manovra di bilancio nella quale viene alleggerita «in maniera significativa l imposizione fiscale in particolare sulle fasce più deboli della popolazione». «Si è preso atto anche dei risultati estremamente significativi in termini di servizi garantiti a diverse categorie di cittadini pur in una situazione sia a livello nazionale che locale difficile quanto a risorse pubbliche - prosegue Svab - e di come le scelte compiute per effetto della concertazione abbiano, attraverso una opportuna diversificazione, ridotto i costi di accesso a certi servizi ai redditi medio bassi, sempre mantenendo alta la qualità dei servizi resi ai cittadini. La manovra - conclude Svab - ha copertura da trasferimenti preannunciati dalla Regione nell assestamento della Legge Finanziaria e da maggiori dividendi delle partecipate grazie anche a ottimi risultati di bilancio della Trieste trasporti, nonché dalla riduzione della spesa generale del Comune».

9 Il sindaco ribatte a Giacaz: «Servizi rafforzati nel sociale» (Piccolo Trieste) «Le critiche della signora Giacaz sulle politiche sociali del Comune sono decisamente incomprensibili. In questi anni le linee di interventi per far fronte ai vari problemi sono state garantite ed estese attivando anche nuovi servizi che consentono, ad esempio, di supportare tanti cittadini che sono costretti a fronteggiare l emergenza casa anche nei casi di morosità incolpevole attribuibile direttamente alla crisi». Il sindaco Roberto Cosolini prende la parola per ribattere alle sollecitazioni giunte dalla delegata della Cgil Funzione pubblica. Giacaz aveva puntato il dito verso il «preoccupante immobilismo del Comune. I servizi sociali hanno costantemente la fila davanti alla porta degli uffici di via Mazzini, ma manca un progetto strategico dell amministrazione per fronteggiare una crisi sempre più marcata. Abbiamo disoccupati e sotto occupati perché il part time involontario è salito dal 40 al 60% e gli avviamenti al lavoro sono calati di unità fra il primo trimestre del 2013 e lo stesso periodo del L esempio tipico è la gara d appalto per le pulizie in Comune, che ha originato un drammatico calo degli stipendi degli addetti». Il primo cittadino, però, non ci sta e replica: «L investimento nel sociale del nostro Comune è il doppio rispetto alla media nazionale e, tra l altro, siamo riusciti anche a bandire il concorso per assistenti sociali per far assumere otto nuove persone a tempo indeterminato. Del resto - continua Cosolini -, tutto ciò è riconosciuto anche dall accordo appena siglato con Cigl, Cisl e Uil sulla manovra fiscale. I servizi non sono diminuiti e a dimostrarlo ci sono i dati che lo sostengono in maniera inconfutabile. Sono d accordo, invece, sul riconoscimento della professionalità degli assistenti sociali - conclude il sindaco -, tant è che colgo questa occasione per manifestare loro la mia piena gratitudine».

10 «Profughi-fantasma mai censiti a Gorizia» (Piccolo Gorizia-Monfalcone) di Francesco Fain Ci sono. Ma non si sa quanti siano. Nessuno li ha mai censiti ma hanno scelto Gorizia come meta del loro viaggio della speranza. Nemmeno la Caritas diocesana riesce a quantificarli perchè non si fanno vivi: potrebbero essere una decina come 30 o 40. Accanto a questi migranti ci sono 110 persone non coperte da alcuna convenzione. Quaranta sono più fortunate perché, quantomeno, un tetto per la notte ce l hanno e possono dormire al dormitorio di Piazzutta. Gli altri settanta (le fila si sono ulteriormente ingrossate negli ultimi giorni) non hanno una dimora: vagano per la città, dormono un po dove capita (dal Parco della Rimembranza ai porticati dell Agenzia delle entrate per finire con le rive dell Isonzo) e attendono il loro turno, attendono cioé che la commissione che esamina lo status di rifugiato politico dia loro il responso finale. Intanto, i volontari e gli operatori della Caritas diocesana continuano ad essere sottoposti ad un autentico (e massacrante) superlavoro. I numeri che abbiamo fornito ci sono stati messi a disposizione da don Paolo Zuttion, direttore della Caritas diocesana che traccia un quadro generale le cui tinte sono piuttosto fosche. Don Paolo, qual è la situazione? Ci sono i richiedenti-asilo coperti da convenzione (i 150 del Nazareno e gli oltre trenta all hotel Internazionale) a cui si aggiungono coloro che non hanno un tetto sopra la testa. Sono settanta quelli vengono a cena da noi ma non hanno una sistemazione mentre quaranta passano la notte al dormitorio di Piazzutta. A questi va aggiunto un numero imprecisato di profughi che ci sono ma che non siamo riusciti a censire perché non si sono fatti vivi nelle nostre strutture, eppure girano per la città, ci sono. Un elemento di preoccupazione giunge dal fatto che ci sarebbe l intenzione, da parte della Curia, di ridurre la capienza del Nazareno dai 150 ospiti attuali a 90. È vero che c è questo rischio? Si tratta di una decisione obbligata perché, per continuare ad ospitare 150 migranti, il centro Nazareno avrebbe bisogno di lavori impressionanti. Per questo, è stata presa la decisione di ridurre la capienza, tornando ai 90 iniziali. Il sindaco Romoli, nei giorni scorsi, ha messo in guardia dal fatto che il centro salesiano del San Luigi possa trasformarsi in un ulteriore centro-immigrati. Sono timori fondati? No, è una paura infondata. È vero che il San Luigi, nei giorni scorsi, ha ospitato 7 degli oltre 20 minorenni che erano stati intercettati a Romans d Isonzo. In un primo momento avevano trovato ospitalità nella vecchia casa del custode della Prefettura di Gorizia. Poi, si era optato per il loro trasferimento al San Luigi. Ma è stata una soluzione assolutamente transitoria, dettata dall emergenza contingente che si era venuta a creare. Quindi, si tratta di un timore assolutamente giustificato. Peraltro, anche quei sette minorenni sono già stati trasferiti in una struttura protetta a Trieste. Quindi, non c è traccia di soluzione strutturate per l accoglienza. Tutti i suoi appelli, formulati nel corso delle scorse settimane, non paiono aver sortito effetti concreti. Si continua a navigare a vista. Continuiamo ad affrontare l emergenza con le stesse strutture e sempre con le medesime persone che si danno da fare per garantire un accoglienza, il più possibile umana, a tutte queste persone. Dobbiamo capire che il flusso di richiedenti-asilo, e lo ripeto per l ennesima volta, non è destinato a diminuire: l aumento dei conflitti in tante parti del mondo porta a sempre nuovi sbarchi di migliaia e migliaia di disperati alla ricerca di un futuro per la propria vita. Accogliere è un mestiere facile? Accogliere il richiedente-asilo significa essere capaci di mediazione culturale ma anche di quello che si definisce accompagnamento sociale avendo, ad esempio, la conoscenza legale che sarà utile a chi chiede lo status di rifugiato. In tutto questo la Caritas diocesana può sicuramente svolgere un ruolo importante ma non può e non deve fare tutto.

11 La Provincia avverte: «Valzer di presidi e rischio di reggenze» (M. Veneto Udine) di Giulia Zanello Valzer di presidi e rischio di reggenze nella provincia di Udine: dal prossimo anno scolastico i dirigenti del Convitto Paolo Diacono, dell istituto agrario Paolino di Aquileia di Cividale e dei comprensivi di Cividale, Latisana e Gemona andranno in pensione, mentre tutta la fascia della Bassa da Rivignano a San Giorgio di Nogaro e forse anche Palmanova dato il probabile trasferimento di altri colleghi, rischia di trovarsi dirigenti scolastici titolari in una scuola, chiamati a gestirne altre in contemporanea. Lo scorso anno 43 istituti in regione, di cui 24 in provincia (nel 2013 erano 25 in tutto il Fvg) hanno fatto ricorso alla reggenza e gli annunciati cambi alla guida preoccupano la Provincia, alla quale competono le funzioni legate al dimensionamento scolastico, alla valutazione sull attivazione di nuovi indirizzi formativi nelle scuole superiori, all edilizia scolastica e al sostegno allo studio. Una modalità di organizzazione, quella della reggenza, non di certo ottimale nemmeno per l assessore provinciale all istruzione Beppino Govetto: «In due anni, a livello regionale, le reggenze sono quasi raddoppiate e il territorio dove questa modalità è più ricorrente è la Provincia di Udine, che raccoglie la maggior parte di studenti nei vari cicli d istruzione». Indispensabile, dunque, secondo Govetto, «attivare un concorso per figure dirigenziali di ruolo in Fvg o individuare altre soluzioni valide che consentano alle nostre scuole di pianificare a lungo termine il loro percorso». Anche perché, gestire più scuole contemporaneamente richiede un maggiore impegno e un dispendio di tempo per i dirigenti, chiamati anche a confrontarsi spesso con realtà molto diverse, come comprensivi e scuole superiori. Senza considerare che la reggenza «rende difficile prosegue Govetto garantire la continuità didattica, la programmazione e la gestione di una strategia e una programmazione educativa efficace, con l impossibilità di pianificare le varie attività curriculari ed extra curriculari in stretto raccordo, per esempio, con il tessuto economico locale». Inoltre, la mancanza di una figura fissa non solo si traduce in un disagio per famiglie, ragazzi e operatori che non possono interfacciarsi con un interlocutore stabile, ma rischia di causare un impoverimento culturale e una perdita di opportunità di crescita e sviluppo per gli studenti e il mondo imprenditoriale. Ritornando sulla questione delle future nomine, Govetto ribadisce che «la figura di un preside titolare è indispensabile per le due scuole superiori di Cividale che si apprestano al cambio di dirigente scolastico, stesso dicasi per i comprensivi».

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI

CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI CONTRO LA CRISI ECONOMICA IN CAMPO AIUTI CONCRETI 22 25 MILIONI DI EURO PER AIUTARE LE FAMIGLIE E I LAVORATORI IN DIFFICOLTà PERCHÉ L INTERVENTO Le difficoltà di cittadini e famiglie a stare al passo con

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015

PROVINCIA DI UDINE. ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015 PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA ------------------------------------------------------------------------------------------------- 1 dicembre 2015 Fondo Montagna 2015: distribuiti 555 mila euro,

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA.

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. E sicuramente un onore per me, che sono fresco di nomina, avere l incarico di relatore per le Parti

Dettagli

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 Allegato A Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 1. Premessa Con la D.g.r. 2513 del 17/10/2014 si è data una prima attuazione alla legge regionale n. 18 del 24 giugno 2014 Norme a tutela

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ I RISULTATI DI UN SONDAGGIO CONDOTTO DA CASA.IT IN COLLABORAZIONE CON L'ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI Luglio 2013 La crisi ha tolto

Dettagli

OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE

OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE OGGETTO: PROGRAMMA DI BENEFICI A FAVORE DI CITTADINI IN SITUAZIONE DI DISAGIO LAVORATIVO MEDIANTE L ISTITUZIONE DEL PRESTITO D ONORE Introduce brevemente il Sindaco che passa la parla all Assessore di

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014 Oggetto: Piano straordinario di edilizia scolastica Iscol@: avvio dell asse di Interventi di messa in sicurezza e manutenzione programmata degli edifici scolastici. Il Presidente, nell illustrare la proposta

Dettagli

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A.

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. Sede in Milano, Viale F. Restelli n. 3/7 Registro delle Imprese di Milano n. 1595443 www.retelit.it Relazione illustrativa redatta dagli

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN Provincia di Reggio Emilia DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 6 del 31 Gennaio 2013 OGGETTO: DISPOSIZIONI PER L ATTIVAZIONE DI INTERVENTI ECONOMICI ANTICRISI IN AMBITO ASSISTENZIALE

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

SALVARE IL LAVORO, TUTELARE I REDDITI E RILANCIARE LO SVILUPPO

SALVARE IL LAVORO, TUTELARE I REDDITI E RILANCIARE LO SVILUPPO CGIL TOSCANA SALVARE IL LAVORO, TUTELARE I REDDITI E RILANCIARE LO SVILUPPO 3 REPORT SULL ECONOMIA REGIONALE - MAGGIO 2009 LE AZIENDE TOSCANE IN BORSA Quanto valgono in borsa - dati in milioni di euro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO Approvato con Delibera della Giunta Provinciale n.122 dell 11.12.2012 In vigore dal 1 gennaio 2013 Pag. 1 di 6 Art. 1 - Avvocatura Provinciale 1. L Avvocatura

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA Al SINDACO del Comune di SOLOPACA Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA OGGETTO: INTERROGAZIONE" Ai sensi degli artt. 43 del D.Lgs. 267/2000 e 40

Dettagli

DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE

DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE capitolo DODICESIMO DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE In questo capitolo si esamina e si approfondisce la detrazione spettante agli inquilini che hanno stipulato un contratto di locazione di un immobile

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

VERDI GREEN ITALIA CIRCOLO DELLA VERSILIA www.verdi-versilia.it info@verdi-versilia.it

VERDI GREEN ITALIA CIRCOLO DELLA VERSILIA www.verdi-versilia.it info@verdi-versilia.it LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE DI VIAREGGIO: LA GESTIONE DELLA RETE DEL GAS Per poter meglio far comprendere la complessa dinamica che vi è dietro una corretta gestione del patrimonio di un Comune,

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Autore: Cristian Fischetti Categoria News: Fallimento e procedure concorsuali L ennesima mini riforma del diritto fallimentare ha visto

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Regolamento del baratto amministrativo

Regolamento del baratto amministrativo Regolamento del baratto amministrativo Art.1 Riferimenti legislativi L art.24 della legge n.164 del 2014 Misure di agevolazioni della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione

Dettagli

Corte dei Conti Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale Regionale per il Friuli Venezia Giulia Trieste

Corte dei Conti Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale Regionale per il Friuli Venezia Giulia Trieste Corte dei Conti Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale Regionale per il Friuli Venezia Giulia Trieste REQUISITORIA DEL PROCURATORE REGIONALE DOTT. MAURIZIO ZAPPATORI NEL GIUDIZIO DI PARIFICAZIONE

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI L AGENZIA PUBBLICA PER LA LOCAZIONE La gestione di servizi attinenti al soddisfacimento delle esigenze abitative delle famiglie rappresenta una tra le iniziative più innovative

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 05 DEL 23 GENNAIO 205 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 202 e 203 per gli interventi finalizzati al superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE

L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE L ASSUNZIONE DI TUTTI I DOCENTI DELLE GAE NEL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO SARÀ UN BOOMERANG PER LA SCUOLA? LA BUONA SCUOLA E L ASSUNZIONE DELLE GAE Il governo Renzi sta lavorando al decreto che implementa

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

1. Linee di intervento e procedure relative alla completa applicazione della legge 285/97

1. Linee di intervento e procedure relative alla completa applicazione della legge 285/97 1. Linee di intervento e procedure relative alla completa applicazione della legge 285/97 1.1 Atti adottati Atti Generali Delibera della Giunta Municipale n. 620/499 del 26/6/01 con la quale sono stati

Dettagli

SOCIAL CARD? NO! SOCIAL TRUFFA. IL PD SMASCHERA CON I NUMERI IL PROVVEDIMENTO-ELEMOSINA DEL GOVERNO.

SOCIAL CARD? NO! SOCIAL TRUFFA. IL PD SMASCHERA CON I NUMERI IL PROVVEDIMENTO-ELEMOSINA DEL GOVERNO. COMUNICATO STAMPA Partito Democratico Febbraio 2009 Gruppo Consiliare Provincia di Torino SOCIAL CARD? NO! SOCIAL TRUFFA. IL PD SMASCHERA CON I NUMERI IL PROVVEDIMENTO-ELEMOSINA DEL GOVERNO. Il nostro

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1 Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1, art. 3, comma 2, lett. e). Fondo di garanzia etica. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale riferisce in ordine

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 IN QUESTO NUMERO l Lettera del Presidente l Il nuovo Presidente del Fondo Giuseppe Pierro, eletto dai consiglieri durante la riunione del

Dettagli

Contrattualistica, previdenza e fisco a cura di Bruno Benelli Esperto in materia previdenziale

Contrattualistica, previdenza e fisco a cura di Bruno Benelli Esperto in materia previdenziale Contrattualistica, previdenza e fisco a cura di Bruno Benelli Esperto in materia previdenziale - Edilizia: riduzione contributiva dell 11,5% valida anche per il 2002 - Fondi interprofessionali, fissato

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati Giovanisì è il progetto della Regione Toscana per l autonomia dei giovani, per ridare loro un futuro sulla base del merito nello studio e nell attività lavorativa. Un pacchetto di opportunità di livello

Dettagli

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE PROGETTO DI FUSIONE CVS POLESINE ACQUE 26/08/2015 FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE Avviata la gara per la due diligence, fotografia dello stato

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra COMUNI EST MILANO - CGIL CISL UIL - AFOL EST MI ASSOLOMBARDA, COLDIRETTI, CONFCOMMERCIO, CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI, CONFEDERAZIONE NAZIONALE ARTIGIANATO E PICCOLA

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

RELAZIONE DEL TESORIERE

RELAZIONE DEL TESORIERE RELAZIONE DEL TESORIERE Carissimi colleghi, nel bilancio preventivo che vi abbiamo presentato nel marzo dello scorso anno, abbiamo ipotizzato che il bilancio che ci accingiamo ad approvare, relativo al

Dettagli

RELAZIONE introduttiva Atto Governo 91 Versione originale Presidente, colleghi,

RELAZIONE introduttiva Atto Governo 91 Versione originale Presidente, colleghi, RELAZIONE introduttiva Atto Governo 91 Versione originale Presidente, colleghi, lo schema di decreto oggi all esame si inserisce in un articolato percorso di confronto con il governo. Su un tema complesso

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA TRA PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA L'anno il giorno La Regione Toscana CIA Regionale CNA Regionale Coldiretti

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % 41%

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % 41% COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani entra nel vivo: sono 110.333 i giovani che si sono registrati, 10.241 sono stati già chiamati dai servizi per il lavoro per il primo colloquio e profilazione; 2.743 le

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

Comune di San Quirico d Orcia Provincia di Siena

Comune di San Quirico d Orcia Provincia di Siena ACCORDO BILANCIO COMUNALE PREVENTIVO 2013 Nei giorni 22 gennaio e 28 febbraio 2013, alle ore 9,30, presso il Comune di San Quirico d Orcia, si sono incontrati il Sindaco Roberto Rappuoli, l Assessore alle

Dettagli

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Il giorno 13 dicembre 2006, a Trento presso la sede della Federazione Trentina della Cooperazione,

Dettagli

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS La mia relazione riprende il filo del discorso tracciato con la prima relazione che si soffermava

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA 1^ Sezione Lavoro Il giudice dr. Massimo Pagliarini nel procedimento ex art. 28 Stat. lav. n. 16949 del Ruolo affari contenziosi civili dell anno 2015, vertente TRA A.N.M.I.R.S.

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

PREMESSA. Il settore delle costruzioni, come ha già fatto in altri momenti, potrebbe giocare un

PREMESSA. Il settore delle costruzioni, come ha già fatto in altri momenti, potrebbe giocare un PREMESSA Il settore delle costruzioni, come ha già fatto in altri momenti, potrebbe giocare un ruolo fondamentale nel percorso di ripresa dell economia della nostra Regione. È per questo motivo che riteniamo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO AI SENSI DELLA DGR 10/4/2015 N

AVVISO PUBBLICO AI SENSI DELLA DGR 10/4/2015 N ALLEGATO alla Delibera ASL n. 190 del 29/4/2015 AVVISO PUBBLICO AI SENSI DELLA DGR 10/4/2015 N. 3384 PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO A TUTELA DEI CONIUGI SEPARATI O DIVORZIATI, IN CONDIZIONE

Dettagli

Siamo riusciti ad aiutare delle persone che in mancanza del nostro intervento, nessun altro avrebbe potuto aiutare, perché spesso lavoratori in nero,

Siamo riusciti ad aiutare delle persone che in mancanza del nostro intervento, nessun altro avrebbe potuto aiutare, perché spesso lavoratori in nero, Ciò che si deve fare è dare l opportunità alle persone di uscire dalla condizione di grande povertà nella quale versano con le loro forze. In tal modo esse conservano la loro dignità e acquistano fiducia

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it RASSEGNA STAMPA A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it ! "! # $ % & # Medici e responsabilità professionale. Quasi nove su dieci già assicurati. Ma le polizze non fanno stare comunque

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. XXII n. 21 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa dei senatori PONTONE e FLORINO COMUNICATA ALLA PRESIDENZA IL 17 OTTOBRE 2003 Istituzione di una Commissione

Dettagli

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE Il 2012 è stato un anno in cui abbiamo registrato una situazione sostanzialmente immutata nelle richieste di aiuto e nelle erogazioni di servizi. Diversi fenomeni

Dettagli

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti Presenta Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i bambini dei paesi devastati da terremoti e altri disastri. Perché? Il terremoto

Dettagli

DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA

DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA DOTE LAVORO 2012 CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA " " CONTINUIAMO A DOTARCI CONTRO LA CRISI Per il quarto anno consecutivo La Regione del Veneto ha promosso attraverso lo strumento della Dote Lavoro, percorsi

Dettagli

Le risorse vere del Comune,tra racconto e realtà

Le risorse vere del Comune,tra racconto e realtà Le risorse vere del Comune,tra racconto e realtà Conoscere in maniera attendibile il debito del Comune e quindi le risorse disponibili è la base per qualsiasi ripartenza. Sinora però tutti coloro che avevano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale.

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. SCHEDA STAMPA DATI Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. È STATO MESSO A DURA PROVA IL BENE PIÙ AMATO DAGLI ITALIANI

Dettagli

Un caso di buona pratica in Friuli Venezia Giulia:

Un caso di buona pratica in Friuli Venezia Giulia: EUROPA 2020 ED ENTI LOCALI: POLITICHE INTEGRATE DI WELFARE CONTRO LA POVERTA E LO SVANTAGGIO SOCIALE. 10 OTTOBRE 2014 GORIZIA Un caso di buona pratica in Friuli Venezia Giulia: LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA

Dettagli

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE La politica di riduzione delle risorse per il welfare e per i servizi sociali locali si sta realizzando attraverso la combinazione

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona L Assistente Sociale in Provincia di Cremona Indagine sulla condizione professionale e lavorativa della Assistente Sociale nella Provincia di Cremona Questa indagine è nata dall impegno che ci siamo presi

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE SBROLLINI, SCUVERA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE SBROLLINI, SCUVERA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1479 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SBROLLINI, SCUVERA Disposizioni per la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili di

Dettagli

L Euro e i consumatori

L Euro e i consumatori XII Edizione del Forum della Pubblica Amministrazione EURO, CITTADINI, PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Roma, 9 maggio 2001 L Euro e i consumatori Intervento di Giustino Trincia (procuratore nazionale dei cittadini

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari: Premesso che:

A relazione dell'assessore Ferrari: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU33 20/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 13 luglio 2015, n. 19-1735 Programma di edilizia residenziale pubblica 1992-95. Intervento nel Comune di Novara destinato alla locazione

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore

Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore Contanti, tracciabilità, fisco, banche, legalità. I risultati di un indagine campionaria realizzata sulle imprese

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli