UNIcert Prüfung Wirtschaftsitalienisch UNIcert Stufe III Mai Schriftliche Prüfung: Fachsprachliche Aufgaben Dauer 45 Minuten

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIcert Prüfung Wirtschaftsitalienisch UNIcert Stufe III Mai 2010. Schriftliche Prüfung: Fachsprachliche Aufgaben Dauer 45 Minuten"

Transcript

1 UNIcert Prüfung Wirtschaftsitalienisch UNIcert Stufe III Mai 2010 Schriftliche Prüfung: Fachsprachliche Aufgaben Dauer 45 Minuten A Completate il testo con le seguenti parole: applicati asse consueto contrazione costo emerge liquidità mutuo periodica prestiti sottolinea rapporto relazioni scoperto vantaggiosi virtuose Cgia, tassi a breve fra più cari in Ue quelli a lungo fra i più convenienti VENEZIA - Per le imprese italiane è caro-tassi sui prestiti a breve termine. E' quanto 1. da uno studio della Cgia di Mestre secondo il quale sono tra i più cari d'europa. Al contrario quelli a lungo termine sono più 2. rispetto ad altri Paesi. Giuseppe Bortolussi, segretario degli artigiani e dei piccoli imprenditori della Cgia di Mestre, sottolinea che "seppur in calo, i tassi di interesse a breve termine 3. alle aziende italiane sono i più alti tra i principali Paesi dell'area dell'euro". Il dato risulta dalla 4. elaborazione realizzata dall'ufficio Studi dell'associazione sul 5. tra banche ed imprese in Europa, nello specifico da gennaio a luglio. Il risultato, secondo la Cgia, non lascia dubbi: i tassi applicati in Italia a luglio di quest'anno per prestiti inferiori ad un anno toccano il 4,06%, contro il 3,92% della Germania, il 3,72% della Spagna, il 3,11% dell'olanda e il 3,05% della Francia. La media dei Paesi dell'area dell'euro ha toccato il 3,72%. "E' vero - prosegue Bortolussi - che in Italia la 6. dei tassi a breve avvenuta tra gennaio e luglio di quest'anno, pari all'1,62%, è stata la più elevata tra i Paesi presi in esame. Per contro, invece, i tassi a lungo termine superiori ai 5 anni vedono le banche italiane come le più 7. in assoluto. In Italia i tassi applicati erano due mesi fa del 3,21% contro una media Ue dei 16 del 3,82%. In Germania le banche applicavano il 4,18%, in Francia il 4,09%, in Olanda il 3,87% e in Spagna il 3,78%. "Questa situazione penalizza soprattutto le piccolissime imprese. Infatti - conclude Bortolussi - chi ricorre ai prestiti a breve termine sono in particolar modo le micro-imprese che devono far fronte costantemente ad esigenze di 8., come l'anticipo delle fatture o lo MATRIKELNUMMER: Pagina 1 di 12

2 9. di conto corrente. Per questo chiediamo al sistema bancario italiano di fare un ulteriore sforzo di riduzione del 10. del denaro per sostenere in maniera più decisa le piccole realtà produttive. Vale a dire l' 11. portante dell'economia del nostro Paese". B - Indica la risposta corretta: 1. Il governatore della Banca d Italia viene nominato da : Fonte:Repubblica, 19 settembre 2009 ( /11 punti) decreto del presidente del Consiglio dei ministri su proposta del presidente della Repubblica con il consiglio della Cassazione. decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri, dopo deliberazione dello stesso Consiglio dei ministri, sentito il parere del Consiglio superiore decreto del Presidente della Camera su proposta del presidente del Consiglio dei ministri dopo deliberazione dello stesso Consiglio dei ministri, sentito il parere della Cassazione. 2. La società in nome collettivo è una società: cooperativa di persone di capitali 3. Le tre autorità creditizie nazionali sono: CICR, Banca d Italia e Ministro dell economia e delle finanze CICR, Banca d Italia e presidente di Confindustria CICR, Banca d Italia e presidente del Consiglio 4. I principali fattori che contribuiscono alla determinazione del prezzo di un prodotto possono essere individuati in: costi fissi e variabili, obiettivi in quantità e livello di contribuzione richiesto. costi fissi, pubblicità e distribuzione. costi fissi e variabili, obiettivi in quantità e livello di sperimentazione richiesto. MATRIKELNUMMER: Pagina 2 di 12

3 5. L executive summary è: un riassunto di tutte le regole presenti in un azienda uno schema che mostra tutti gli impiegati di una azienda e il loro compito un documento che riassume in una o due pagine il business plan 6. L organo di controllo di gestione di una s.r.l si chiama: consiglio d amministrazione collegio sindacale collegio di supervisione ( /6 punti) C - Vero o Falso? 1. Il titolo II del TUB è il più ampio si occupa tra l altro di banche cooperative. Vero Falso 2. Exposure At Default (EAD) indica l importo del credito della banca al momento dell insolvenza dell impresa cliente. Vero Falso 3. Il comitato Basilea 2 è entrato in vigore nel 2009 e ha l obiettivo di agevolare la comunicazione tra le banche. Vero Falso 4. La bilancia commerciale è un conto nel quale viene registrato l ammontare delle importazioni e delle esportazioni di merci di un paese, essa può ottenere due risultati possibili. Vero Falso 5. Stars: sono prodotti che godono di condizioni assai favorevoli. Vero Falso 6. La strategia di marketing consiste nel dosare tutte le forze di marketing mix in modo coerente con gli obiettivi e ottimale rispetto al budget assegnato. Vero Falso 7. Nella s.n.c. almeno un socio deve avere responsabilità illimitata. Vero Falso ( /7 punti) MATRIKELNUMMER: Pagina 3 di 12

4 D Date la definizione delle seguenti sigle e spiegatene tre a vostra scelta: S.p.A.: ABI: PIL: EXW: CIF: ( /13 punti) E - Spiegate in modo esaustivo due dei termini presenti nella tabella: Il Business plan La segmentazione Il self-service bancario Il marketing mix La matrice di Boston ( /15 punti) F - Completate il testo in modo appropriato: La scelta del conto corrente Gli italiani mediamente scelgono il loro conto corrente basandosi sulla 1. della banca alla loro casa o all'ufficio. Sono ancora poco 2. ai conti online, che considerano poco sicuri. Ma la posizione geografica non può e non deve essere il criterio principale in base al quale si sceglie a chi 3. i propri soldi. MATRIKELNUMMER: Pagina 4 di 12

5 Solo confrontando le condizioni di più conti correnti si ha la possibilità di scegliere il migliore. Il confronto favorisce la 4. tra gli operatori e dunque porta col tempo a un 5. delle condizioni medie di mercato. Ma se è vero che gli italiani devono essere "educati" al confronto, è essenziale che gli operatori di mercato siano propensi a dare le informazioni. Esiste una normativa sulla trasparenza del Testo unico bancario, aggiornata nel 2003 da apposito Provvedimento del Governatore della Banca d'italia, che 6. che gli operatori devono mettere a disposizione del pubblico 7. informativi datati e aggiornati e su richiesta del cliente devono fornirgli l'informativa precontrattuale, cioè copia del contratto idoneo per la stipula, 8. della firma (in questo caso può essere richiesto un rimborso delle spese). Solo con tutte queste informazioni a 9. il cliente può effettivamente operare una scelta per il meglio tra le varie 10. del mercato. ( /10 punti) Fonte:www.altroconsumo.it G Per definire il rischio di un azienda o di un titolo le banche si riferiscono a indici pubblicati da società di rating. Spiega il concetto di rating e indica quali provvedimenti possono prendere le banche per tutelarsi in caso di concessione di un credito ad un azienda che presenta un rating molto basso. ( /14 punti) Totale FSA ( / 76 punti) MATRIKELNUMMER: Pagina 5 di 12

6 UNIcert Prüfung Wirtschaftsitalienisch UNIcert Stufe III Mai 2010 Schriftliche Prüfung: Leseverstehen Dauer 45 Minuten 2010 attenti al conto Per recuperare la redditività perduta, i signori del credito mettono nel mirino le famiglie [ ] Da qualche tempo i banchieri si sono messi al lavoro come studenti furbi per sviluppare un piano che gli consenta di raddrizzare in fretta i bilanci zoppicanti sotto i colpi della crisi. E hanno buttato giù lo svolgimento più facile: "Le commissioni a carico dei clienti-famiglie". Li ha pizzicati subito il governatore della Banca d'italia. Al posto della commissione di massimo scoperto, bandita all'inizio del 2009 perché poco trasparente e imprevedibile onere che taglieggiava i conti che andavano in rosso, le banche hanno adottato nuove tasse arbitrarie e gravose: tre su dieci fanno pagare al cliente più di prima; molte hanno messo le cose in modo da rendere difficilmente calcolabile l'addebito, con costi che vanno dai 2 ai 10 euro al giorno. Arriva la bolletta del gas e il conto è a zero, magari per un ritardo nell'accredito dello stipendio? Ritiri dal bancomat una cifra che sfora di 50 euro oltre le disponibilità? O, ancora, emetti un assegno senza sapere che sconfini oltre il deposito? Sono guai. Nel caso più diffuso di sconfinamento (300 euro) sette banche su dieci ti fanno pagare di più di prima. La scoperta ha fatto tuonare il governatore Mario Draghi chiedendo agli istituti più chiarezza nei confronti dei clienti, e persino un intervento legislativo per raddrizzare il mercato. [ ] L'affondo di Draghi ha mandato su tutte le furie i banchieri. Questo è infierire sui vinti e inermi, si sono lamentati, proprio mentre abbiamo gli occhi di tutti addosso, e certo non sono sguardi indulgenti; senza contare gli sforzi di autoregolamentazione che stiamo facendo con il consorzio Patti chiari; e non tenendo in nessun conto che dopo un anno da incubo il sistema in fondo ha retto... Ma quello che preoccupa di più i banchieri sono i conti appena chiusi: gli utili netti del settore, dopo essersi dimezzati nel 2008, si sono ridotti di un altro 45 per cento nel 2009, trasformando il business bancario da una 'cash cow' in una mucca smagritissima e difficile da mungere. Il guadagno da 'mark up' e da 'mark down' (in pratica i margini dai differenziali tra i tassi), che fruttavano sui milioni di euro l'anno, ora è quasi sparito. Il rendimento dell'attività bancaria (misurata come la differenza tra il tasso per raccogliere il denaro e quello per prestarlo) è sceso dal 2,9 del 2008 al 2,3 del Il ritorno dell'investimento per chi nelle banche ci ha messo il capitale è crollato dal 4,4 al 2,3, MATRIKELNUMMER: Pagina 6 di 12

7 rendendo gli azionisti - soprattutto le Fondazioni bancarie - piuttosto nervosi. Eppure il 2010 è dato in crescita. Le previsioni dell'abi danno margini, utili, attività, in risalita. E chi fornirà la benzina per la ripresa? Per saperlo occorre fare un viaggio dentro le strategie delle banche, alcune esplicite, altre meno. "Per fare i bilanci non potranno che usare la leva delle commissioni: si faranno pagare cari i servizi alle famiglie", prevede senza mezzi termini un esperto autorevole che non vuole essere citato. " Nel 2009, d'altra parte, l'unica cosa che ha retto è stato il risparmio familiare. I 40 milioni di clienti delle banche hanno continuato a mettere a piene mani i propri soldi nei conti correnti - i depositi erano miliardi di euro a dicembre e a comprare le obbligazioni offerte dalle proprie banche miliardi di euro lo stock sempre a dicembre - nonostante i tassi quasi a zero. Il fatto che il sistema bancario italiano, al contrario di altri, sia fondato per il 64 per cento sulla raccolta e solo per il resto dalla finanza gli dà stabilità. [ ] Mettere le mani sul retail: è questa la parola magica su cui sono concentrati tutti gli uffici marketing delle banche. Attirarlo e non mollarlo più, sarà sempre più vitale per i signori del credito. I filoni su cui le banche si stanno muovendo sono essenzialmente due. Anzitutto, spingere i clienti verso l'utilizzo della banca on line, che riduce i costi; secondo, concepire, presentare e vendere sempre nuovi servizi. Con relative commissioni. Operare sul proprio conto corrente via Internet oggi è routine solo per 13 milioni di persone. Eppure su questo fronte il clima è rovente. Unicredit ha deciso di far pagare ben tre euro a chi vuole prelevare o depositare il contante allo sportello. "Se vai in filiale consumi il tempo del cassiere, che potrebbe essere investito meglio in attività più redditizie", spiega Frederick Geertman, responsabile marketing della banca di Alessandro Profumo: "Unicredit ha investito moltissimo in macchine bancomat sempre più evolute, e lì un'operazione non costa niente: se vieni in filiale, paghi". Su questa linea di penalizzare le operazioni allo sportello si allineano un po' tutte le banche. "Il servizio deve costare", teorizza un alto banchiere, "per rendere consapevole il cliente che il servizio bancario è un'industria: ci provi lui a spostare il denaro a meno di 4 euro, il prezzo di un bonifico". 60 Fonte : l Espresso, di Paola Pilati, 19 febbraio 2010 MATRIKELNUMMER: Pagina 7 di 12

8 A - Domande sul testo: ( /16 punti) 1. Con quali interventi le banche hanno sostituito la commissione di massimo scoperto? (2 punti) 2. Quali provvedimenti ha preso la Banca d Italia per tutelare i clienti delle banche? (2 punti) 3. Qual è stata la reazione delle banche ai provvedimenti voluti dal governatore Marco Draghi? (3 punti) 4. Di che cosa si preoccupano i banchieri? (4 punti) 5. Cosa ha favorito la tenuta delle banche in Italia? (2 punti) 6. Quali obiettivi importanti si pongono gli uffici del marketing delle banche perché? (3 punti) MATRIKELNUMMER: Pagina 8 di 12

9 B - Trova dei sinonimi o spiega le espressioni evidenziate in grassetto. ( /5 punti) 1. Li ha pizzicati subito il governatore della Banca d'italia. (riga 8) (1 punto) 2. mandare su tutte le furie (riga 19). (1 punto) 3. avere tutti gli occhi addosso (riga 20). (1 punto) 4. I 40 milioni di clienti delle banche hanno continuato a mettere a piene mani i propri soldi nei conti correnti (riga 38) (1 punto) 5. Eppure su questo fronte il clima è rovente. (riga 49) (1 Punto) TOTALE LV ( /21 punti) MATRIKELNUMMER: Pagina 9 di 12

10 UNIcert Prüfung Wirtschaftsitalienisch UNIcert Stufe III Mai 2010 Hörverstehensübung Dauer: 30 Minuten Ascolterete un colloquio con Marco Ornago, direttore delle risorse umane della Microsoft Italia. 1. Che vantaggi ha portato l utilizzo delle nuove tecnologie nella gestione delle risorse umane? (3 punti) 2. Come era la situazione 15 anni fa nel settore del personale? (1 punto) 3. Cosa intende il Signor Ornago utilizzando il concetto in inglese Information Worker? (3 punti) 4. Che opinione ha il Signor Ornago a proposito della condivisione delle informazioni? (4 punti) 5. Quale grande passo avanti ha permesso l information technology nel reclutamento del personale? (1 punto) 6. In passato che impatto aveva sulle aziende la ricerca del personale? (4 punti) MATRIKELNUMMER: Pagina 10 di 12

11 7. Qual è il tema centrale per la gestione delle risorse umane? (3 punti) 8. Cosa permette di fare il sito training ideato da Microsoft? (3 punti) 9. Quali sono i requisiti necessari dell Information Worker per avere successo nel futuro? (3 punti) Totale HV ( /25 punti) MATRIKELNUMMER: Pagina 11 di 12

12 UNIcert Prüfung Wirtschaftsitalienisch UNIcert Stufe III Mai 2010 Schriftliche Prüfung : Aufsatz Dauer: 60 Minuten Scrivete un tema sul seguente argomento. Sarete valutati in base alla struttura, al contenuto allo stile e al lessico. Siete il responsabile del Marketing di un azienda tedesca e vi viene dato l incarico di promuovere un prodotto sul mercato italiano. Descrivete gli strumenti di Marketing e la loro applicazione, ipotizzando il prodotto che avete intenzione di promuovere. Illustrate la strategia che intendete seguire nella promozione del prodotto ed elaborate anche un piano Marketing. MATRIKELNUMMER: Pagina 12 di 12

2010 attenti al conto

2010 attenti al conto ECONOMIA STAMPA QUESTO ARTICOLO 2010 attenti al conto di Paola Pilati Per recuperare la redditività perduta, i signori del credito mettono nel mirino le famiglie. Ritoccando verso l'alto commissioni, balzelli

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI 1 PREVENIRE I RISCHI si può? Sì, prima di avviare l impresa, con realismo e piedi per terra business plan (fatto da soli, vedi sito www. pd.camcom.it, miniguide) 2 PREVENIRE

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi Indagine conoscitiva sulle determinanti della dinamica del sistema dei prezzi e delle tariffe, sull'attività dei pubblici poteri e sulle ricadute

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

8. Dati finanziari e bancari

8. Dati finanziari e bancari 8. Dati finanziari e bancari Roma rappresenta dopo Milano il principale Centro finanziario del Paese con 46 Istituti creditizi, 1.988 sportelli bancari, 91 miliardi di euro depositati in banca (pari al

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Generalità del soggetto che effettua l offerta fuori sede (nome e cognome indirizzo/sede legale e-mail tel.)

Generalità del soggetto che effettua l offerta fuori sede (nome e cognome indirizzo/sede legale e-mail tel.) Foglio Informativo n. A.7 Aggiornamento del 01.10.2015 FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE BASE PER SOGGETTI AVENTI DIRITTO A TRATTAMENTI PENSIONISTICI FINO A 18.000,00 ANNUI OPERATIVITA LIMITATA PER TIPOLOGIA

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Versione 2.0 PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può prescindere dal considerare il valore del capitale umano. Ormai ogni ricerca in merito, sottolinea che la

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Gruppo Banca Sella, un finanziamento ad hoc per pagare la tredicesima delle Pmi

Gruppo Banca Sella, un finanziamento ad hoc per pagare la tredicesima delle Pmi COMUNICATO STAMPA Gruppo Banca Sella, un finanziamento ad hoc per pagare la tredicesima delle Pmi Un finanziamento per le piccole e medie imprese, per aiutarle a pagare la tredicesima ai propri dipendenti.

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Secondo recenti indagini i conti correnti italiani sono tra i più cari d Europa, con costi di gestione

Dettagli

CONTO CORRENTE DI BASE ai sensi della convenzione MEF, Banca d Italia, Poste Italiane Spa e AIIP (art. 12 D. Legge 201/2011)

CONTO CORRENTE DI BASE ai sensi della convenzione MEF, Banca d Italia, Poste Italiane Spa e AIIP (art. 12 D. Legge 201/2011) FOGLIO INFORMATIVO aggiornamento 001/2013 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.Lgs 385/1993, Delibera C.I.C.R. del 04/03/2003 e Istruzioni di Vigilanza Banca

Dettagli

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo.

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo. FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MARCON VENEZIA Società Cooperativa Piazza Municipio, 22-30020 MARCON (VE) Telefono 041.5986111 - Fax 041.5986524

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

CONTI CORRENTI A CONSUMATORI INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) E PROFILI DI OPERATIVITA

CONTI CORRENTI A CONSUMATORI INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) E PROFILI DI OPERATIVITA individuati CONTI CORRENTI A CONSUMATORI INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) E PROFILI DI OPERATIVITA Che cos è l ISC L INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) è un indice definito da Banca d Italia per quantificare,

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Come funziona la banca?

Come funziona la banca? Come funziona la banca? Come funziona la banca? Sapere come funziona = sapere perché si comporta come si comporta Attivo netto Attivo netto Prestiti e finanziamenti Attivo Prestiti e finanziamenti (scoperti

Dettagli

Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU)

Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU) Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU) Conto corrente per consumatori (Conto a pacchetto) Profilo Giovani INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano

Dettagli

L INDICATORE SINTETICO DI COSTO DEL CONTO CORRENTE

L INDICATORE SINTETICO DI COSTO DEL CONTO CORRENTE L INDICATORE SINTETICO DI COSTO DEL CONTO CORRENTE Per capire meglio quanto ti costa il conto e per confrontare le offerte con più facilità Indice 4 Cos è l ISC, l Indicatore Sintetico di Costo del conto

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI CooperfidiSicilia CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI 1 Servizio Gestione Crediti www.cooperfidisicilia.it La gestione dei crediti commerciali. Perché esternalizzare la gestione Aziende di diversi

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Audizione presso le Commissioni riunite VI (Finanze) e X (Attività produttive, commercio e turismo) della Camera dei Deputati: istruttoria legislativa sul disegno di legge C.

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus Notiziario Luglio 2013 Università Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus La Repubblica Promossa in chimica, rimandata in economia ecco la prima pagella della ricerca italiana Il

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO A/5 CONTO CORRENTE CONSUMATORI BAPR GIOVANI

FOGLIO INFORMATIVO A/5 CONTO CORRENTE CONSUMATORI BAPR GIOVANI FOGLIO INFORMATIVO A/5 CONTO CORRENTE CONSUMATORI BAPR GIOVANI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Agricola Popolare di Ragusa Società Cooperativa per Azioni a responsabilità limitata (di seguito la Banca )

Dettagli

PATTICHIARI: LE BANCHE CAMBIANO LA NUOVA STRATEGIA NEL CAMPO DEL RISPARMIO, PER DARE AI CLIENTI MAGGIORE INFORMAZIONE E CAPACITÀ DI SCELTA

PATTICHIARI: LE BANCHE CAMBIANO LA NUOVA STRATEGIA NEL CAMPO DEL RISPARMIO, PER DARE AI CLIENTI MAGGIORE INFORMAZIONE E CAPACITÀ DI SCELTA PATTICHIARI: LE BANCHE CAMBIANO LA NUOVA STRATEGIA NEL CAMPO DEL RISPARMIO, PER DARE AI CLIENTI MAGGIORE INFORMAZIONE E CAPACITÀ DI SCELTA Il sistema bancario italiano ha deciso di accettare la sfida della

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Unicredit 7.750. Banca Mps 3.000. Iccrea Banca 2.242. Biper 2.000. Banco Popolare 1.000. Credem 735. BancaCarige 700. Mediobanca 580.

Unicredit 7.750. Banca Mps 3.000. Iccrea Banca 2.242. Biper 2.000. Banco Popolare 1.000. Credem 735. BancaCarige 700. Mediobanca 580. 8 Soldi&Diritti 139 Novembre 2014 DOSSIER CREDITO Perché le banche non usano i soldi della 10 Banca centrale europea per dare mutui. RICHIESTE DELLE BANCHE ALLA BCE DATI IN MILIONI DI EURO (settembre 2014)

Dettagli

USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO

USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO Rc auto: Ania, prezzi -6% in 2014, si riduce gap con

Dettagli

Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU)

Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU) Foglio informativo (C0205) CONTO CORRENTE STUDENTI MAGGIORENNI (CCSTU) Conto corrente per consumatori (Conto a pacchetto) Profilo Giovani INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese!

Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese! Prestito Sociale Coop Centro Italia: tanti vantaggi e zero spese! 2 Il Prestito Sociale di Coop Centro Italia Il Prestito Sociale è uno strumento semplice, sicuro e conveniente attraverso il quale puoi

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia?

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia? Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 p. 2 p. 5 p. 6 Single di 30 anni: investimento di 10mila euro p.

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 60/002 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE GIOVANI IMPRENDITORI PER INIZIO NUOVA ATTIVITA - - SOCI -

FOGLIO INFORMATIVO N. 60/002 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE GIOVANI IMPRENDITORI PER INIZIO NUOVA ATTIVITA - - SOCI - INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Foglio informativo (C0204) CONTO CORRENTE ASSOCIATI UISP (CC19)

Foglio informativo (C0204) CONTO CORRENTE ASSOCIATI UISP (CC19) Foglio informativo (C0204) CONTO CORRENTE ASSOCIATI UISP (CC19) Conto corrente per consumatori (Conto a pacchetto) Profili: Giovani, Famiglie con operatività bassa, Famiglie con operatività media, Famiglie

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MICHELE DI CALTANISSETTA E PIETRAPERZIA

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MICHELE DI CALTANISSETTA E PIETRAPERZIA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MICHELE DI CALTANISSETTA E PIETRAPERZIA FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL CONTO CORRENTE DI DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo San Michele di Caltanissetta

Dettagli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli

IL FIDO BANCARIO. Prof. Pietro Samarelli IL FIDO BANCARIO Prof. Pietro Samarelli In questo modulo: il fido bancario e le sue classificazioni modalità di utilizzo regole tecniche e amministrative dei fidi la Centrale dei rischi i Confidi Basilea

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

C ambieresti il modo di investire i tuoi L INVESTIMENTO ETICO

C ambieresti il modo di investire i tuoi L INVESTIMENTO ETICO FINANZA L INVESTIMENTO ETICO C ambieresti il modo di investire i tuoi soldi? Tra i vari aspetti su cui bisogna cominciare a riflettere troviamo la, che ha un ruolo preponderante nei destini del mondo,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 11/006 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER ANTICIPO MUTUI FOTOVOLTAICI

FOGLIO INFORMATIVO N. 11/006 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER ANTICIPO MUTUI FOTOVOLTAICI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio

Foglio Informativo n. 81. Deposito a Risparmio INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Roma Società Cooperativa fondata nel 1954 Sede Legale, Presidenza e Direzione Generale in Via Sardegna, 129-00187 Roma Tel. 06 5286.1 - Fax 06 5286.3305

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo a APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO. relativo a APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE Banca di Bedizzole Turano Valvestino Credito Cooperativo Soc. Coop. Via Garibaldi n. 6a 25081 - Bedizzole Tel.:

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.1. Premessa 1 GLOSSARIO 6 NORMATIVA 8 1.1 PREMESSA Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere gli obiettivi perseguiti dalle disposizioni

Dettagli

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA

FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Marco Calì FARE SOLDI CON IL FOREX TRADING E LA LEVA FINANZIARIA Edizione Gennaio 2008 Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun mezzo.

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa Sede Legale: 20048 Carate Brianza (MI) - Via Cusani, 6 Tel. 0362 9401 - Fax 0362 903634 email info@caratebrianza.bcc.it

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. CONTO CORRENTE IN DIVISA ESTERA OFFERTO A CLIENTI AL DETTAGLIO Imprese Standard

FOGLIO INFORMATIVO. CONTO CORRENTE IN DIVISA ESTERA OFFERTO A CLIENTI AL DETTAGLIO Imprese Standard FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO CORRENTE IN DIVISA ESTERA OFFERTO A CLIENTI AL DETTAGLIO Imprese Standard INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI

FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE TASSI FOGLIO INFORMATIVO CONTO DEPOSITO 3 INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA RURALE DI PERGINE Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Gavazzi 5-38057 PERGINE VALSUGANA (tn) Tel.: 0461/500111- Fax:

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE 1 FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT)

Dettagli

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 1.14 CONTO GRATUITO PENSIONATI

FOGLIO INFORMATIVO 1.14 CONTO GRATUITO PENSIONATI INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO 1.14 CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI PALIANO soc.coop. Sede: Viale Umberto I, 53 - cap 03018 Paliano (FR) Tel.: 0775/577014 Fax: 0775/578129

Dettagli

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame Soluzioni per il fac-simile di prova d esame È da notare che le soluzioni proposte nel presente fac-simile rappresentano solo un esempio di quelle possibili. L obiettivo della presente proposta di soluzioni

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI

CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE DEPOSITO TITOLI OFFERTO AI CONSUMATORI Il conto Titoli è destinato ai seguenti profili: - Giovani - Famiglie con operatività bassa - Famiglie con operatività media - Famiglie

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

COME PREPARARE UN BUSINESS PLAN DI SUCCESSO

COME PREPARARE UN BUSINESS PLAN DI SUCCESSO COME PREPARARE UN BUSINESS PLAN DI SUCCESSO Chiarimenti per applicare questa monografia? Telefonate al nr. 3387400641, la consulenza telefonica è gratuita. Best Control Milano www.best-control.it Pag.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO TRADING ON LINE INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'È IL CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO TRADING ON LINE INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS'È IL CONTO CORRENTE Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE. Indicatore Sintetico di Costo (ISC) 12,00 Non previsto

QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE. Indicatore Sintetico di Costo (ISC) 12,00 Non previsto Questo conto è adatto al profilo: Conto a consumo INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale:

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Difficoltà dell accesso al credito, nuove possibilità dai nuovi canali internet

Difficoltà dell accesso al credito, nuove possibilità dai nuovi canali internet Difficoltà dell accesso al credito, nuove possibilità dai nuovi canali internet Angelo Daniele Blancato Presidente Credito al Credito 2013 Palazzo Altieri Roma 2829 Novembre 2013 Agenda Il contesto di

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Foglio Informativo Conto corrente famiglie e privati

Foglio Informativo Conto corrente famiglie e privati Foglio Informativo Conto corrente per consumatori (Conto a pacchetto) Profili: Famiglie con operatività bassa - Famiglie con operatività media - Famiglie con operatività elevata Infomazioni sulla Banca

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

Con BANCA CARIGE ITALIA ti conviene sempre. Sei iscritto all Ordine degli Avvocati di Monza e Brianza?

Con BANCA CARIGE ITALIA ti conviene sempre. Sei iscritto all Ordine degli Avvocati di Monza e Brianza? Con BANCA CARIGE ITALIA ti conviene sempre. Sei iscritto all Ordine degli Avvocati di Monza e Brianza? Fai crescere la tua attività con Carige Stile Affari. Avrai un conto a tua misura, con tutti i servizi

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015

Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Il Rapporto PMI Mezzogiorno 2015 Gli effetti della crisi sulle PMI meridionali Il rischio delle PMI meridionali Le prospettive e le misure necessarie per favorire la ripresa

Dettagli

Conti Correnti Clienti al Dettaglio (non Consumatori) Imprese/Altri Clienti

Conti Correnti Clienti al Dettaglio (non Consumatori) Imprese/Altri Clienti Indice dei Conti Correnti Clienti al Dettaglio (non Consumatori) Imprese/Altro Conti Correnti Clienti al Dettaglio (non Consumatori) Imprese/Altri Clienti INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Popolare

Dettagli

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Secondo recenti indagini i conti correnti con costi di gestione aumentati del 36% in due anni a fronte

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Operazioni di Raccolta. Conto Deposito BCC

Operazioni di Raccolta. Conto Deposito BCC TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società Cooperativa

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli