1.Processo di valutazione ex ante: attori coinvolti, fasi del processo di valutazione, definizione del piano e procedure messe in atto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.Processo di valutazione ex ante: attori coinvolti, fasi del processo di valutazione, definizione del piano e procedure messe in atto"

Transcript

1 INDICE Premessa 2 1.Processo di valutazione ex ante: attori coinvolti, fasi del processo di valutazione, definizione del piano e procedure messe in atto 2.Valutazione dell analisi socio economica e della rispondenza della strategia rispetto ai bisogni identificati sottoprocesso: rispondenza dei bisogni identificati nell analisi e nella diagnosi al contesto socioeconomico metropolitano sottoprocesso: rispondenza tra i fabbisogni individuati e la visione del Piano sottoprocesso: rispondenza tra i fabbisogni rilevati e la proposizione operativa di ciascuno dei programmi in cui si articola il Piano Valutazione della logica e della coerenza interna della strategia Valutazione della coerenza della strategia con le politiche nazionali o regionali e con le linee guida strategiche comunitarie Valutazione dei risultati attesi e degli impatti Valutazione dei risultati attesi: coerenza tra obiettivi, indicatori e risultati attesi Valutazione degli impatti Valutazione dei sistemi di attuazione proposti Monitoraggio e valutazione: un chiarimento Valutazione e monitoraggio nella Pianificazione Strategica Il monitoraggio e la valutazione nel piano strategico ba Step operativi ed ipotesi di cronoprogramma Sintesi del processo di valutazione ex ante e dei principali risultati raggiunti 143 Rapporto di Valutazione ex ante versione del

2 Premessa Il presente documento contiene i risultati della valutazione ex ante del piano strategico di Area Vasta. Così come previsto dalle linee guida nazionali elaborate dal Dipartimento per le politiche di sviluppo UVAL, la valutazione è stata sviluppata secondo i seguenti punti: 1. Valutazione dell analisi socio economica e della rispondenza della strategia rispetto ai bisogni identificati 2. Valutazione della logica e della coerenza interna della strategia 3. Valutazione dei risultati attesi e degli impatti 4. Valutazione della coerenza della strategia con le politiche nazionali o regionali e con le linee guida strategiche comunitarie 5. Valutazione dei sistemi di attuazione proposti 6. Sintesi del processo di valutazione ex ante e dei principali risultati raggiunti Il processo di valutazione ha accompagnato l intero processo di pianificazione strategica nel periodo compreso tra il luglio 2007 ed il settembre 2008 ed è stato effettuato grazie all ausilio degli organi tecnici di piano ed in particolare dello staff di ricerca & sviluppo comunicazione e relazioni esterne supportato dal Comitato Scientifico. Ciascun elaborato realizzato nel processo di pianificazione (output intermedi e finali) è stato oggetto di due differenti attività di valutazione: la prima è consistita in una autovalutazione da parte degli autori, la seconda è stata effettuata da un gruppo di valutazione interno allo staff di ricerca e sviluppo ma diverso dagli autori. La valutazione è stata mirata a valutare l efficacia potenziale del piano rispetto alle risorse impiegate e a definire la coerenza del piano rispetto ad una dimensione esterna (tutte le programmazioni e pianificazioni esistenti e ad essa sovra ordinate) e ad una interna (tra tutti gli elaborati di cui il piano si compone). Inoltre i documenti elaborati sono stati oggetto di valutazione da parte del Nucleo di Verifica e Valutazione degli Investimenti Pubblici della Regione Puglia. Infatti, secondo quanto previsto dalle linee guida del NVVIP e da sue successive modificazioni ed integrazioni, in data 30 ottobre 2008 si è concluso il primo sottoprocesso di pianificazione di area vasta con la consegna in Regione Puglia dei seguenti documenti: Analisi di contesto e Diagnosi Analisi SWOT Documento di riallineamento Avvio del processo di Valutazione Ambientale Strategica e Piano Urbano della Mobilità Con Atto n.204 del 16 dicembre 2008 il NVVIP ha inviato le osservazioni relative ai documenti consegnati. Tali osservazioni sono state recepite dallo staff di ricerca e sviluppo nella elaborazione dei documenti previsti nel secondo sotto processo così come definito nelle linee guida. Secondo quanto previsto dalle linee guida il secondo sotto processo si conclude con la elaborazione del METAPLAN. Tale documento è costituito dal: Piano strategico di Area Vasta Rapporto di Valutazione ex ante versione del

3 Documento di Valutazione ex ante Piano urbano della mobilità Il piano strategico di Area Vasta è stato elaborato dallo staff di ricerca e sviluppo, recepisce i documenti consegnati in data 30 ottobre 2007 la Regione per quanto attiene l Analisi di contesto e li integra con i seguenti documenti: documento di visione 19 programmi strategici ciascuno dei quali si compone di: o o o o definizione della strategia e degli obiettivi specifici, la descrizione degli obiettivi operativi e delle azioni previste, le schede di fattibilità relative a ciascun intervento/progetto (cd. allegato III), il crono programma finanziario del piano ed il relativo piano di monitoraggio; Piano di informazione e comunicazione (programma comunicazione) Definizione del modello di governance e Studio di analisi organizzativa per l attribuzione delle funzioni di organismo intermedio all Area Vasta (programma governance) Sono stati allegati al piano anche i documenti riguardanti tutte le numerose attività di partecipazione attiva e di e democracy, ivi compreso il portale Le osservazioni prodotte durante le attività di valutazione ex ante svolte durante il processo di pianificazione conclusosi il 30 settembre 2008 sono state recepite all'interno dei programmi presentati. A seguito dell'atto del NVVIP n,204 del si è inteso rispondere alle osservazioni del NVVIP redigendo un rapporto di valutazione ex ante secondo le linee guida per la pianificazione di area Vasta. Pertanto il presente documento si riferisce alla valutazione ex ante dell analisi di contesto e dei 19 programmi di cui si compone il piano strategico presentati il 30 settembre 2008 e loro successive integrazioni fino al 31 gennaio Nel primo paragrafo è descritto l intero processo di pianificazione strategica. Successivamente sono riportati i risultati dell attività di valutazione per ciascuno dei 5 punti previsti nella linea guida (v. figura successiva). Output intermedi METAPLAN Valutazione ex ante 1. Rispondenza ai bisogni 2. Logica e coerenza interna 3. Risultati attesi ed impatti 4. Logica e coerenza esterna 5. Sistemi di attuazione proposti Per quanto attiene la rispondenza ai fabbisogni si è effettuata una valutazione relativa all analisi di contesto prodotta e a come le esigenze rilevate abbiano contribuito alla definizione delle strategie complessive (documento di visione) ed alle strategie di programma. Per quanto riguarda i successivi 4 punti la valutazione è stata declinata per ciascun programma. Rapporto di Valutazione ex ante versione del

4 1. Processo di valutazione ex ante: attori coinvolti, fasi del processo di valutazione, definizione del piano e procedure messe in atto Il processo di pianificazione strategica è stato suddiviso in 5 fasi successive così come riportato nella figura seguente. In ciascuna fase le attività di studio, ricerca ed elaborazione sono state accompagnate da attività di partecipazione attiva e coinvolgimento del partenariato economico sociale. 2. Analisi di contesto 3. Riallineamento 1. Avvio 4. Visione 5. Metaplan 5. Metaplan La necessità di coinvolgere tutti gli attori, pubblici e privati, e di individuare forme di governo partecipato capaci di fa collaborare tutte le Amministrazioni coinvolte, fa sì che il 12 ottobre del 2006, con delibera di G.M. n. 846, venga approvato il Protocollo d Intesa per la Pianificazione Strategica della Metropoli Terra di Bari, sottoscritto dal Presidente della Provincia di Bari, nonché dai Sindaci dei 30 comuni 1 aderenti allo stesso. In quest occasione vengono costituiti i principali organi del PSMTB, alcuni dei quali indispensabili proprio per far fronte alle fasi principali della Pianificazione Strategica: il Consiglio Metropolitano che, composto dal Presidente della Provincia di Bari e dai Sindaci dei comuni dell aggregazione, ha il compito di promuovere la preparazione e l attuazione del PS fornendone gli indirizzi e le linee guida; la Cabina di Regia costituita inizialmente dal Presidente della Provincia di Bari e dai Sindaci dei comuni capofila 2, avente funzioni di pianificazione e coordinamento del lavoro; il Comitato Scientifico composto da esperti nazionali e internazionali di diversi settori ritenuti strategici per lo sviluppo della MTB; lo Staff di Ricerca e sviluppo per la progettazione e programmazione, comprendente esperti under 35 nelle diverse discipline, con il compito di allestire progetti, studi di fattibilità e ricerche di settore; la Struttura per la Partecipazione Attiva per la organizzazione della democrazia partecipata; i Forum metropolitani che, costituiti dai principali 1 Acquaviva delle Fonti, Adelfia, Bari, Binetto, Bitetto, Bitonto, Bitritto, Capurso, Casamassima, Cassano delle Murge, Cellamare, Conversano, Corato, Gioia del Colle, Giovinazzo, Grumo Appula, Modugno, Mola di Bari, Molfetta, Noicattaro, Palo del Colle, Rutigliano, Ruvo di Puglia, Sammichele di Bari, Sannicandro, Terlizzi, Toritto, Triggiano, Turi, Valenzano. Il Comune di Polignano a Mare aderisce al Piano Strategico a settembre Le Amministrazioni di tali comuni, in tempi diversi, hanno firmato una Convenzione in virtù della quale sono nati l Associazione dei Comuni e l Ufficio Unico per la redazione e l implementazione del PSMTB. 2 Bari, Adelfia, Grumo Appula, Molfetta, Sammichele di Bari, Rutigliano. Rapporto di Valutazione ex ante versione del

5 rappresentanti degli interessi pubblici, sono chiamati ad analizzare e ad approvare sia i documenti intermedi del PS, sia il Documento finale dello stesso (PROTOCOLLO D INTESA TRA I RAPPRESENTANTI DEL PIANO STRATEGICO METROPOLI TERRA DI BARI, 2006). Avvio della pianificazione strategica (Ottobre 2006 Luglio 2007) Pre-forum INPUT Linee guida per la Pianificazione Strategica di Area Vasta (d ora innanzi Linea guida) Protocollo d intesa tra i 29 comuni e la Provincia di Bari METODI E STRUMENTI Benchmarking analysis dei piani strategici Partecipazione a network internazionali (RECS,.) Attività tecnicoamministrative per la costituzione dell organizzazione di Piano OUTPUT Struttura organizzativa: 1. Costituzione della cabina di regia 2. Costituzione del Comitato scientifico 3. Costituzione dello staff di ricerca e sviluppo Da questo momento, prende avvio la vera e propria fase diagnostica del PSMTB. In particolare, lo staff di ricerca ha provveduto ad inquadrare il contesto dell area coinvolta: si tratta di un territorio estremamente variegato in tutte le sue componenti, da quella ambientale a quella sociale, nonché economica. In particolare lo studio e l analisi di contesto (mappatura metropolitana) e delle dinamiche in atto (mappatura dei progetti) sono stati effettuati attraverso sei vettori: popolazione, ambiente, accessibilità, società, economia e cultura. Per ciascuno di essi si sono evidenziati i principali punti di forza e di debolezza, nonché le opportunità e le minacce, proprio con l obiettivo prioritario di individuare le tendenze, le necessità, i bisogni espressi e inespressi del territorio per porre delle fondamenta solide su cui basare la pianificazione strategica per la costruzione di una visione partecipata. Ovviamente nella determinazione di questi primi orientamenti è risultato imprescindibile il contributo fornito dall analisi di tipo soggettivo, condotta attraverso i Forum Metropolitani. Filo conduttore della pianificazione strategica MTB è proprio l ascolto: nel periodo compreso tra il 15 ed il 26 settembre sono stati organizzati numerosi Forum Metropolitani che, intesi come arene cognitive, momenti di apprendimento collettivo, luoghi di confronto progettuali del PS, hanno consentito di raccogliere idee e proposte degli stakeholders (CAMAGNI, 1994) relativamente ad alcuni importanti temi (agroindustria, cooperazione, cultura e industria, energia, formazione e lavoro, giovani e futuro, internazionalizzazione, lame e costa, ricerca e innovazione, sviluppo industriale, trasporti e infrastrutture, turismo, welfare, commercio e distribuzione, sport e tempo libero, architettura ed urbanistica, case e periferie, sicurezza, salute) da tradurre in progetti concreti per il territorio e la società. Al termine dei Forum (settembre 2007), che hanno visto la partecipazione di oltre mille interlocutori, è stato avviato un lavoro di valutazione dei risultati raggiunti allo scopo di arricchire l analisi di contesto considerata come espressione non solo delle dinamiche oggettivamente in atto nell Area Metropolitana, ma anche della partecipazione attiva dei differenti portatori di interessi del territorio. Al termine della fase di contesto e diagnostica si avvia la fase di elaborazione della prima bozza di visione e di riallineamento, in cui si sono raccordate le istanze pervenute dal territorio a quanto definito dal PO FESR e FAS. Tale fase si conclude il con la consegna presso la Regione Puglia del documento Rapporto di Valutazione ex ante versione del

6 preliminare del PSMTB, consistente nella redazione di due distinte pubblicazioni, l Analisi di contesto ed il Documento di diagnosi nel quale sono contenute indicazioni fondamentali circa le strategie da adottare anche in base all analisi SWOT effettuata. Riallineamento ed avvio del partenariato (Settembre 2007 Ottobre 2007) INPUT Linee guida, Documenti di programmazione comunitaria, nazionale e regionale Focus group Forum di settembre Analisi di contesto e Diagnosi per vettori Analisi di contesto dei comuni e mappatura dei progetti Pianificazioni/programmazioni esistenti METODI E STRUMENTI Ricerca desk: Elaborazione materiale statistico Database di partenariato. Analisi SWOT Elaborazioni ed analisi di programmazioni/pianificazioni esistenti Attività di valutazione dell analisi di contesto, della diagnosi e del documento di riallineamento 1. E-democracy: sigla del protocollo d intesa 2. Media Plan OUTPUT 3. Piano delle attività partenariali 4. Avvio dei processi di PUM e VAS 5. Documento di riallineamento 6. Valutazione di prima e seconda parte degli output prodotti nella fase di contesto e di riallineamento Nel mese di marzo, a seguito dello svolgimento di ulteriori 10 Forum Metropolitani (dicembre 2007), si dà l avvio alla formulazione delle proposte progettuali e, arricchendo la analisi di contesto e la SWOT, si delineano la vision e le linee strategiche con il fondamentale contributo del Comitato Scientifico. Elaborazione della visione (Novembre 2007 Marzo 2008) INPUT Linee guida, Documenti di programmazione comunitaria, nazionale e regionale Forum di settembre-novembre Analisi di contesto e Diagnosi per vettori Analisi di contesto dei comuni e mappatura dei progetti Riallineamento Valutazione di prima e seconda parte degli output prodotti nella fase di contesto e riallineamento Documento di valutazione del NVVIP METODI E STRUMENTI Ricerca desk: Elaborazione materiale statistico Database di partenariato Analisi dei Programmipianificazione esistenti Attività partenariali (forum di novembre) Attività amministrative Per la costituzione delle Assemblee partenariali Definizione dei criteri di ammissibilità e valutazione preliminare dei progetti OUTPUT 1. Costituzione delle assemblee partenariali 2. Documento di visione 3. criteri di ammissibilità e valutazione preliminare dei progetti 4. Scoping di piano: definizione degli obiettivi, scoping della VAS e del PUM Una volta individuati e scelti i possibili obiettivi strategici da conseguire, nella fase di progettazione di un qualsiasi PS si dà l avvio alla costituzione dei vari gruppi di lavoro cui spetta il compito di traghettare il Piano verso la fase della redazione (PALMA, RINELLA A., 2006, p. 19). Partendo dalla Visione e dalle analisi Rapporto di Valutazione ex ante versione del

7 vettoriali effettuate nelle fasi precedenti il PS si è suddiviso in 22 programmi così come riportato in figura. I primi 19 programmi riguardano la realizzazione di azioni e progetti specifici per MTB, gli altri 3 programmi riguardano il piano di comunicazione ed il modello di governance, così come richiesto dalle Linee Guida. Vettore ambiente territorio economia cultura sociale governance comunicazione trasporti VISIONE 1 mobilità 2 periferie 3 lame 4 costa 5 centri storici 6 sviluppo rurale 7 acqua 8 energia 9 rifiuti 10 accessibilità 11 politiche industriali 12 commercio e distribuzione 13 ricerca e innovazione 14 migranti 15 inclusione 16 formazione e lavoro 17 creatività e spazi culturali 18 turismo e marketing (identità) 19 politiche giovanili e conoscenza 20a governance a 20b governance b 20c informazione e comunicazione n. e Titolo del Programma Azioni Progetti La fase progettuale, che ha portato alla definizione delle azioni e dei progetti di cui si compone il PS, si è articolata nel seguente modo: 1) identificazione preliminare delle esigenze progettuali dei comuni mediante la presentazione di schede progetto preliminari per verificare le esigenze specifiche del territorio; 2) valutazione delle schede progetto secondo criteri di ammissibilità tecnico amministrativa e di coerenza con la visione e gli obiettivi strategici di piano; 3) definizione dell'architettura del piano strutturata in 22 programmi; 4) sottoscrizione, da parte dei responsabili designati, delle azioni che scaturiscono dalle varie linee strategiche; 5) definizione dei gruppi di lavoro per ciascun programma per lo svolgimento delle attività di elaborazione e di valutazione; 6) partecipazione attiva del partenariato economico sociale e delle altre istituzioni pubbliche alla programmazione. Proprio la considerazione della visione competitiva della MTB in termini di cooperazione e, quindi, di partecipazione attiva dei portatori di interessi non solo nella definizione, ma anche nell attuazione degli obiettivi e degli interventi strategici da realizzare, porta alla costituzione il 19 febbraio del 2008 del Patto per lo sviluppo sostenibile della Metropoli Terra di Bari cui vengono demandate funzioni di collaborazione, cooperazione e consultazione con gli Organi e le strutture di supporto del Piano al fine di predisporre strategie e programmi condivisi e, quindi, di perseguire il benessere collettivo intra e intergenerazionale. Rapporto di Valutazione ex ante versione del

8 Tali apporti si concretizzano nello scambio di idee, nel confronto dialettico, nella presentazione di documenti, osservazioni e proposte che avvengono nel corso delle Assemblee, delle Commissioni e dei Forum Metropolitani Permanenti (PATTO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE METROPOLI TERRA DI BARI, 2008). Le tre Assemblee (Assemblea metropolitana degli attori e delle rappresentanze CNEL, Assemblea interistituzionale della MTB, Assemblea delle Associazioni e della Cittadinanza Attiva) sono state istituite per perseguire l obiettivo della maggiore efficacia possibile del dialogo multilaterale; le sei Commissioni sono delle aggregazioni dei vari partner per oggetto e si occupano di effettuare un approfondimento tecnico di ciascuno dei vettori in cui è articolato il PS; i Forum Metropolitani Permanenti sono luoghi in cui i progetti proposti e inseriti nell ambito del PS vengono messi in discussione ed eventualmente modificati acquisendo la legittimazione della partecipazione, attraverso le conoscenze dirette dei cittadini. A questi organi è demandato il compito di esaminare ed integrare le informazioni e le analisi di base prodotte per la redazione della indagine diagnostica del territorio promuovendo ulteriori momenti di discussione e di confronto con tutti gli attori del sistema locale. Inoltre, iniziano a marzo 2008 e si concludono a settembre dello stesso anno i Forum comunali e circoscrizionali: oltre mille persone sono coinvolte con l organizzazione di 44 incontri aperti alla cittadinanza, in piazze, teatri o sale consiliari dell intero territorio metropolitano. Contemporaneamente (tra marzo e maggio 2008), il Piano strategico entra nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado dell intera area. Più di bambini e ragazzi di oltre 60 Istituti sono stati coinvolti nella definizione della città ideale attraverso la realizzazione di materiali successivamente esposti nel corso del Maggio Metropolitano. Conclusione del secondo sotto-processo (Marzo 2008 Settembre 2008) INPUT Linee guida, Documenti di programmazione comunitaria, nazionale e regionale Attività partenariali Analisi di contesto e Diagnosi per vettorii Analisi di contesto dei comuni e mappatura dei progetti Documento di Riallineamento Visione e documento di scoping Documenti di valutazione di prima, seconda e terza parte METODI E STRUMENTI Attività di partenariato e di Governance multilivello Partecipazione a network internazionali Elaborazione dei programmi: scoping, azioni ed intrventi Elaborazione di proposte progettuali Definizione dei criteri per la gerarchizzazione e la selezione dei progetti strategici di qualità Valutazione di seconda parte dei programmi OUTPUT 1. Metaplan - piano strategico: 19 programmi strategici Piano di monitoraggio Cronoprogramma finanziario Documento di VAS e PUM Valutazione ex ante 2. Piano di informazione e comunicazione 3. Modello di Governance 4. Portale E-democracy Il processo si conclude con l approvazione del METAPLAN da parte del Consiglio Metropolitano dei Sindaci e con la consegna (il 30 settembre 2008) dei programmi elaborati alla Regione Puglia. Rapporto di Valutazione ex ante versione del

9 2. Valutazione dell analisi socio economica e della rispondenza della strategia rispetto ai bisogni identificati La valutazione è stata effettuata durante i tre sotto processi in cui si è articolata la pianificazione strategica di area vasta Metropoli Terra di Bari BA2015 : rilevazione e identificazione dei bisogni; costruzione partecipata della visione e degli obiettivi generali; individuazione delle strategie programmatiche e dei conseguenti obiettivi specifici e linee di azione. Considerando anche quanto emerso attraverso gli strumenti di indirizzo partecipato attivati (assemblee partenariali, comitato scientifico, forum metropolitani, incontri con gli stakeholders, ), in prima istanza si è dunque valutata, per ciascuno dei vettori che strutturano il Piano BA2015, la rispondenza dei bisogni identificati nei documenti di analisi e di diagnosi al contesto socio economico metropolitano. Successivamente si è valutata la rispondenza tra i fabbisogni così individuati e la visione del Piano. In ultimo, si è verificata la coerenza tra i fabbisogni rilevati e la proposizione operativa di ciascuno dei programmi in cui si articola la strategia complessiva del Piano stesso. Si riportano dunque come segue le specifiche valutazioni di rispondenza riferite a ciascuno dei menzionati sotto processi del Piano BA sottoprocesso: rispondenza dei bisogni identificati nell analisi e nella diagnosi al contesto socio economico metropolitano L identificazione dei bisogni appare ampiamente supportata da un quadro conoscitivo del contesto socioeconomico e territoriale che risulta robusto e articolato, la cui elaborazione è stata frequentemente supervisionata e indirizzata dagli esperti del Comitato scientifico di Piano. Emerge poi come sia stato fortemente partecipato il processo che ha condotto alla valutazione propositiva delle criticità e delle potenzialità riscontrate per ciascuno dei vettori secondo cui è stata condotta sia la fase di analisi che quella di diagnosi. Si riportano di seguito alcune delle proposizioni che maggiormente hanno indirizzato questo sottoprocesso, determinandone l esito finale. Tipo di documento Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Suggerimento Fonte Modalità di recepimento E necessario che il piano strategico favorisca le fasce d età più giovani e riduca la fuga dei cervelli dei giovani Metropolitani per uno sviluppo demografico meno contratto. Siamo una terra di migranti alla ricerca dell'identità. Storicamente abbiamo vissuto l'emigrazione e ci siamo posti il problema dell'intercultura e del multiculturalismo. Emigrazione di popolazione autoctona in età giovane Incremento della popolazione anziana Integrazione nel mondo del lavoro per gli immigrati Studi, ricerche e verifiche dello Staff R&S Consiglio Metropolitano dei Sindaci, Forum Cultura, Studi, ricerche e verifiche dello Staff R&S Consiglio metropolitano dei Sindaci, Studi, ricerche e verifiche dello Staff R&S Consiglio metropolitano dei Sindaci, recepito recepito Suggerimento recepito nell istituzione di un programma dedicato alle politiche giovanili Suggerimento recepito nella visione generale del vettore welfare Forum Welfare, Suggerimento recepito nell elaborazione di obiettivi specifici del programma Migranti Rapporto di Valutazione ex ante versione del

10 Tipo di documento Vettore Popolazione Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Mobilità e accessibilità Suggerimento Fonte Modalità di recepimento Incremento continuo di flussi migratori in entrata regolari e non regolari. Valorizzazione della giovane struttura per età degli immigrati Agevolare l integrazione delle Seconde generazioni Disgregazione tra le piste ciclabili dei vari comuni Numerosità e disgregazione delle varie aziende per il servizio pubblico. Inquinamento atmosferico causato dal traffico motorizzato Disgregazione tra le linee bus Studi, ricerche e verifiche dello Staff R&S Consiglio metropolitano dei Sindaci, Suggerimento recepito nella visione generale del programma Migranti Forum Welfare, Suggerimento recepito nell elaborazione degli obiettivi specifici del Programma Migranti Forum cultura, Suggerimento recepito negli obiettivi specifici del Programma Migranti Associazione Ruota Libera di Bari Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del 20 settembre 2007 Direttore dell ACI Bari Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del 20 settembre 2007 associazione Fare Verde Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Numerosità degli incidenti stradali Associazione Ciao Vinny Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Concorrenza tra le linee su ferro e le linee su gomma E necessario disincentivare l uso di automobili private Separazione infrastrutturale e corporativismo nella gestione delle ferrovie. L imminente allungamento della pista dell aeroporto di Bari va coniugato con il problema dei piani di decollo e di atterraggio che, se non tutelati in termini di riduzione delle aree del territorio interessate da sviluppo urbanistico, possono generare problemi per l incremento del traffico aeroportuale E decisivo il problema della viabilità da e per il porto di Bari Dobbiamo cominciare da una integrazione dei trasporti. Noi dovremmo concentrarci sul trasporto trasversale e lasciare il trasporto longitudinale alle FS. Dovremmo costruire i nostri spazi di integrazione all interno di stazioni ferroviarie, porto e aeroporto. Dare maggiore autonomia alle aziende Cerset, Confindustria Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del FIAB Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del RFI Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Aeroporti di Puglia preforum Accessibilità, mobilità e infrastrutture Autorità portuale del Levante preforum Accessibilità, mobilità e infrastrutture STP preforum Accessibilità, mobilità e infrastrutture Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Rapporto di Valutazione ex ante versione del

11 Tipo di documento Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Mobilità e accessibilità Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Mobilità e accessibilità Suggerimento Fonte Modalità di recepimento La qualità dei collegamenti interregionali è piuttosto scadente e di molto inferiore rispetto alle altre aree del Paese; su molte relazioni tali servizi sono assolutamente insufficienti e su alcune addirittura inesistenti Mettere in rete le piste ciclabili comunali per creare una rete ciclabile che colleghi i vari paesi della metropoli. Integrazione delle varie aziende per il servizio pubblico. Si dovrebbe sviluppare un sistema di infomobilità Prof. Cascetta Associazione Ruota Libera di Bari Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Direttore dell ACI Bari Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Direttore dell ACI Bari - Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Sostituire i bus inquinanti con bus elettrici associazione Fare Verde Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del No ai parcheggi interrati, ma costruire parcheggi periferici custoditi associazione Fare Verde Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Sviluppo di percorsi viari alberati associazione Fare Verde Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Integrare linee bus urbane e linee bus extraurbane Gli utenti dovrebbero avere maggiori informazioni alle fermate Inserimento servizio pubblico di trasporto su gomma notturno Incentivare altri tipi di sistemi di trasporto Sviluppare un sistema di metropolitana marina che passi per S. Spirito, Palese, S.Scolastica, S.Giorgio, Torre a Mare Collegare la ferrovia al porto e far sì che le merci vengano direttamente collegate alla rete ferroviaria evitando il trasporto su gomma che intasa la città e la circonvallazione di Bari Creare una cabina di regia per la ferrovia. Aumentare l accessibilità alle stazioni Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Associazione Ciao Vinny Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del FIAB Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Confapi Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del GTS Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del RFI Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del FSE Forum Metropolitano Trasporti e Infrastrutture del Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Rapporto di Valutazione ex ante versione del

12 Tipo di documento Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Ambiente e territorio Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Ambiente e territorio Suggerimento Fonte Modalità di recepimento Realizzare il passante ferroviario, che permetterà uno scambio intermodale in aeroporto da/per stazione centrale Creare un retroporto delle merci che attraverseranno la Puglia (importazioni ed esportazioni delle aziende del Territorio e non) in Terra di Bari Uno dei maggiori punti di forza di MTB è la posizione geografica, che lq pone fra le più importanti vie di comunicazione europee e quelle del medio e lontano oriente. Una prospettiva interessante, di cui bisogna cogliere le potenzialità, è quella legata ai rapporti con i Balcani e al corridoio 8 che conferisce a MTB il ruolo di terminale di una delle più importanti vie di comunicazione europee. Per i 31 Comuni il tema del miglioramento della qualità urbana e territoriale è un obiettivo condiviso di sviluppo, da declinare anche in chiave di attrattività turistica; sono poi rilevanti le emergenze territoriali e ambientali in atto; il Piano strategico è una straordinaria occasione per affrontare paritariamente questi temi, superando le divisioni di competenza amministrativa. Bisogna intervenire con efficacia e urgenza sul sistema idrografico delle lame onde evitare fenomeni estremi come quello verificatosi nell ottobre 2005 E necessario che il Piano Strategico favorisca la cultura della programmazione su scala sovra locale e la diffusione di conoscenze, facilitando la condivisione e la concertazione operativa, favorendo il superamento degli steccati tra competenze tecniche, politiche e amministrative in materia di governo del territorio che attualmente costituiscono un notevole ostacolo alla risoluzione dei problemi Nel sistema insediativo territoriale di MTB è individuabile una risorsa costituita dalle città storicamente consolidatesi e dalla componente pregiata di un territorio aperto di grande pregio paesaggistico e di valore produttivo: è possibile individuare nella reinterpretazione del sistema insediativo storico un antidoto alla proliferazione urbana in atto, ancora reversibile Valorizzare i centri storici come componente strategica per sviluppo della Metropoli; Valorizzare il ruolo della costa di MTB come interfaccia privilegiata verso il Mediterraneo; Aeroporti di Puglia preforum Accessibilità, mobilità e infrastrutture Chance preforum Accessibilità, mobilità e infrastrutture Prof. Cascetta Consiglio Metropolitano dei Sindaci del Forum Lame e Costa, Forum Lame e Costa, Comitato Scientifico, Consiglio Metropolitano dei Sindaci del Forum Lame e Costa, Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito nella visione di MTB come Metropoli policentrica, attrattiva e coesa Suggerimento recepito nella elaborazione di specifiche strategie di intervento per la prevenzione del rischio idrogeologico Suggerimento recepito nella costituzione dei tavoli partenariali sulle specifiche tematiche territoriali Suggerimento recepito nella visione generale del Piano Suggerimento recepito nella visione generale del Piano e nella istituzione del Programma Città storica Suggerimento recepito negli obiettivi specifici dei Programmi Inclusione Sociale, Migranti, Formazione e Lavoro Rapporto di Valutazione ex ante versione del

13 Tipo di documento Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Ambiente e territorio Suggerimento Fonte Modalità di recepimento Riorganizzare e coordinare più efficientemente la rete della mobilità urbana in funzione del riequilibrio delle funzioni urbane di rango superiore Sensibilizzare e coinvolgere il tessuto imprenditoriale sul tema della valorizzazione del patrimonio Ridurre le disparità intra/urbane e tra centro/periferia in termini di servizi, di mobilità e di qualità architettonica Favorire la tutela delle lame anche attraverso l apertura alla fruizione, ove possibile, di questo patrimonio naturale e culturale Rafforzare l integrazione e la connessione tra ilsistema del territorio aperto e i centri urbani, valorizzando in particolar modo le porzioni residuali tra le città e dentro le città Valutare gli impatti anche attraverso studi e monitoraggio della componente ambientale aria Valutare la disponibilità di biomassa proveniente dalle filiere agroalimentari locali o dalle potature boschive Necessità di un organismo di coordinamento per l energia, il rinnovabile e l efficienza energetica Eccesso dei consumi energetici e in particolare nel settore civile Scarsa efficienza energetica del costruito e inadeguatezza dei regolamenti edilizi Mancanza di figure tecniche per la gestione energetica delle PA e mancato rispetto della Legge 10/91 Mancanza di cultura e conoscenza nel campo energetico ambientale Mancata chiusura delle filiere del rinnovabile (e in particolare del fotovoltaico) Mancata richiusura del ciclo dei rifiuti Basse percentuali di raccolta differenziata Consiglio Metropolitano dei Sindaci del Consiglio Metropolitano dei Sindaci del Consiglio Metropolitano dei Sindaci del Forum Lame e Costa, Comitato Scientifico, Comitato Scientifico, Prof. Leone, luglio 2007 Comitato Scientifico, Prof. Leone, luglio 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Suggerimento recepito nella visione generale del Piano, nell obiettivo 1 del Programma Costa e negli obiettivi dei programmi Mobilità e accessibilità Suggerimento recepito nel coinvolgimento del partenariato socio economico (CNEL) sui temi della città storica, della valorizzazione delle lame, oltre che nella proposta di progetti che stimolano la partecipazione privata Suggerimento recepito nell istituzione di un Programma Strategico dedicato al tema delle Periferie, in obiettivi specifici del Programma Costa, dei programmi Mobilità e Accessibilità, del Programma Inclusione sociale Suggerimento recepito nell istituzione di un Programma Strategico dedicato alle Lame Suggerimento recepito nella visione generale del Piano, nell Istituzione di un obiettivo specifico dedicato al tema del Paesaggio rurale e nella declinazione di specifiche azioni contenute nei Programmi Città storica e Accessibilità Recepito nell analisi di contesto Recepito nell analisi di contesto Recepito nell analisi di contesto Recepito nell analisi di contesto Recepito nell analisi di contesto Recepito nell analisi di contesto Recepito nell analisi di contesto Recepito nell analisi di contesto Recepito nell analisi di contesto Recepito nell analisi di contesto Rapporto di Valutazione ex ante versione del

14 Tipo di documento Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Ambiente e territorio Suggerimento Fonte Modalità di recepimento Promuovere la realizzazione di filiere corte di raccolta, stoccaggio e recupero delle biomasse di origine agroindustriale e agroforestale Garantire le condizioni normative e la certezza delle procedure amministrative per la realizzazione di impianti energetici da rinnovabile Promuovere la cultura del riuso dell acqua soprattutto tra gli utilizzatori Occorre implementare nuove modalità di gestione del patrimonio naturale per tutelarne la specificità. È necessario tenere conto dell opportuna interazione con gli altri strumenti di pianificazione in corso di redazione Le lame devono divenire elementi di collegamento e non più zone periferiche Le lame devono essere interessate da progetti di carattere sovracomunale Garantire l adeguamento delle reti elettriche alle nuove sfide sul rinnovabile Favorire conoscenza, informazione e formazione nel campo energeticoambientale Promuovere l efficienza energetica e la cogenerazione, soprattutto nel settore civile Incentivare micro e mini generazione da solare e eolico Differenziare il mix energetico Necessità di formare nuove figure tecniche specializzate nella gestione dei sistemi energetici Produzione di servizi energetici integrati, integrazione delle public utility presenti sul territorio e dei servizi energetico ambientali Rinnovare i regolamenti edilizi comunali della MTB Problemi nella stesura dei PRIE che vengono realizzati dagli stessi imprenditori che poi devono costruire Chiudere il ciclo dei rifiuti e completare la dotazione impiantistica Incrementare la percentuale di raccolta differenziata Prevenire le piene mediante un controllo a monte della permeabilità di suoli Costituire gruppi di consumo consapevole nella filiera agroalimentare Comitato Scientifico, Prof. Leone, luglio 2007 PreForum Ambiente ed Energia del 17/09/2007 PreForum Ambiente ed Energia del 17/09/2007 Forum Lame e Costa 20/09/2007 Forum Lame e Costa 20/09/2007 Forum Lame e Costa 20/09/2007 Forum Lame e Costa 20/09/2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Forum Energia, Fiera del Levante, 25 Settembre 2007 Comitato Scientifico, Prof. Leone, ottobre 2007 Comitato Scientifico, Prof. Leone, ottobre 2007 Recepito nella strategia e nel Programma Energia azione Recepito nella strategia e nel Programma Energia obiettivo 8.2 Recepito nella strategia e nel Programma Acqua azione Recepito nella strategia e nel Programma Lame tutte le azioni Recepito nella strategia e in tutti i programmi del vettore ambiente Recepito nella strategia e nel Programma Lame azione Recepito nella strategia e nel Programma Lame tutte le azioni Recepito nella strategia e nel Programma Energia azione Recepito nella strategia e nel Programma Energia azione Recepito nella strategia e nel Programma Energia azioni 8.1.2, 8.1.3, 8.1.4, 8.2.1, 8.2.4, Recepito nella strategia e nel Programma Energia azioni 8.1.1, 8.2.2, Recepito nella strategia e nel Programma Energia Recepito nella strategia e nel Programma Formazione e Lavoro azione Recepito nella strategia e nel Programma Energia azione Recepito nella strategia e nel Programma Energia azione Recepito nella strategia e nel Programma Energia azione Recepito nella strategia e nel Programma Rifiuti azioni e Recepito nella strategia e nel Programma Rifiuti azione e Recepito nella strategia e nella Valutazione Ambientale Strategia Recepito nella strategia e nel Programma Sviluppo Rurale azione Rapporto di Valutazione ex ante versione del

15 Tipo di documento Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Ambiente e territorio Suggerimento Fonte Modalità di recepimento Rendere riconoscibile il legame ambientepaesaggio territorio prodotto in marchi di certificazione della produzione agroalimentare Rigenerazione delle aree periurbane con la realizzazione di parchi agricoli o di orti urbani in concessione È necessario raggiungere gli standard europei di qualità dei corpi idrici. Sono necessarie operazioni volte ad incrementare il Greening urbano, compreso lo sviluppo di un agricoltura urbana e periurbana È necessario definire nuovi insediamenti edilizi conformi alle regole dell architettura bioclimatica È necessario minimizzare i fabbisogni idrici, con recupero e riuso delle acque piovane e reflue. Comitato Scientifico, Prof. Leone, ottobre 2007 Comitato Scientifico, Prof. Leone, ottobre 2007 Comitato Scientifico del 16 17/11/2007 Comitato Scientifico del 16 17/11/2007 Comitato Scientifico del 16 17/11/2007 Comitato Scientifico del 16 17/11/2007 Recepito nella strategia e nel Programma Sviluppo Rurale azioni e e nel Programma Commercio e Artigianato azioni e Recepito nella strategia, nel Programma Periferie azione e nel Programma Creatività e Spazi Culturali azione Recepito nella strategia e nel Programma Risorse Idriche obiettivo operativo 7.2 Recepito nella strategia e nel Programma Periferie azione Recepito nella strategia e nel Programma Ricerca e Innovazione azione Recepito nella strategia e nel programma Risorse Idriche obiettivo operativo 7.1 Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Società È necessaria una riqualificazione/creazione ex novo di viabilità rurale finalizzata alla promozione dell economia rurale Per i 31 Comuni il tema della Solidarietà Sociale e dell Inclusione è stringente e centrale nelle politiche di sviluppo Sarebbe auspicabile istituire un coordinamento metropolitano sui temi della Sicurezza (es. Agenzia) Un welfare efficace si misura attraverso i concetti di accessibilità (ai servizi) e qualità della vita nel quotidiano Il welfare locale non vive di sola incentivazione economica o assistenza, ma si riferisce all integrazione tra piani (sociosanitario formativo occupazionale) E necessario che il Piano Strategico favorisca la cultura della programmazione su scala sovra locale e la diffusione di competenze gestionali negli ambiti territoriali (PdZ) E necessario estendere i diritti di cittadinanza sociale agli stranieri, valorizzando in modo particolare le seconde generazioni Bisogna considerare in modo sensibile la componente femminile e offrire spazi e tempi di conciliazione Esiste certamente una distonia tra scuola e lavoro, il cui elemento di connessione è rappresentato dall Università. Andrebbero rafforzata la filiera della conoscenza per i giovani valorizzandone il ruolo economico ed evitando fenomeni di brain drain Comitato Scientifico del 16 17/11/2007 Consiglio Metropolitano dei Sindaci del Consiglio Metropolitano dei Sindaci del Forum Welfare, Forum Welfare, Forum Welfare, Forum Welfare, Forum Welfare, Forum Giovani e Futuro, Recepito nella strategia e nel Programma Sviluppo Rurale obiettivo operativo 6.1 Recepito Recepito Recepito Recepito Recepito Recepito Recepito Recepito Rapporto di Valutazione ex ante versione del

16 Tipo di documento Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Società Suggerimento Fonte Modalità di recepimento Il posizionamento della nostra terra nel bacino mediterraneo e in relazione ai balcani, ci sollecita nel saper coniugare la dimensione della conoscenza con quella culturale e sociale E importante che il Piano, attraverso le sue modalità partecipative e di coinvolgimento, sappia restituire fiducia ad una generazione che chiede luoghi di espressione E importante stimolare l impresa giovanile anche attraverso modalità innovative anglosassoni quali il venture capital I giovani di MTB dovrebbero essere maggiormente garantiti dai sistemi di protezione sociale, specie per ciò che concerne lavoro e casa Le politiche di welfare del Piano Strategico dovrebbero essere interpretate in chiave pro attiva, identificando le componenti della conoscenza, della costruzione di capitale sociale e della promozione di opportunità, quali variabili determinanti La sostenibilità sociale del Piano Strategico si misurerà attraverso la capacità di includere anche le fasce più deboli entro le traiettorie di sviluppo Valorizzare il principio della coesione come fattore strategico per la crescita; Forum Giovani e Futuro, Forum Giovani e Futuro, Forum Giovani e Futuro, Forum Giovani e Futuro, Comitato Comitato Scientifico, Scientifico, Consiglio Metropolitano dei Sindaci del Recepito Recepito Recepito Recepito Recepito Recepito Suggerimento recepito nella visione generale del Piano Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Società Opportunità di concentrare gli investimenti isolando le priorità strategiche nel settore del welfare; Riorganizzare e coordinare più efficientemente la rete dei servizi per il mercato del lavoro in modo da favorire l incontro fra domanda e offerta Sensibilizzare e coinvolgere il tessuto imprenditoriale sul tema della coesione intergenerazionale come leva importante della competitività Ridurre le disparità intra/urbane e tra centro/periferia non solo dal punto di vista economico ma delle chance; Forum Welfare, Forum Welfare, Forum Giovani e Futuro, Forum Welfare, Suggerimento recepito negli obiettivi specifici dei Programmi Inclusione Sociale, Migranti, Formazione e Lavoro Suggerimento recepito nell istituzione di un Programma Strategico dedicato al tema Formazione/Lavoro Suggerimento recepito nel coinvolgimento del partenariato socio economico (CNEL) sui temi della coesione sociale oltre che nella proposta di progetti sociali a partecipazione privata Suggerimento recepito nell istituzione di un Programma Strategico dedicato al tema delle Periferie Analisi di contesto e diagnosi, analisi Consolidare un modello di integrazione dei migranti cross culture e inclusivo; Forum Welfare, Rafforzare il civicness e il capitale sociale rendendo più attrattiva l Area dal punto di vista della sicurezza, della coesione e della qualità della vita E importante parlare di internazionalizzazione dell area e questo si raggiunge grazie ai collegamenti con l est Comitato Scientifico, Consiglio Metropolitano dei Sindaci del Suggerimento recepito nell istituzione di un Programma Strategico dedicato ai Migranti Suggerimento recepito nell Istituzione di un obiettivo specifico dedicato al tema della Sicurezza nel Programma Inclusione Suggerimento recepito Rapporto di Valutazione ex ante versione del

17 Tipo di documento SWOT del Vettore Economia Suggerimento Fonte Modalità di recepimento Un ulteriore problema è quello strutturale, le zone PIP non sono adeguate. Questo è emerso da uno studio effettuato in accordo con la Camera di Commercio Si segnala il digital divide delle amministrazioni pubbliche e la mancanza di SUAP funzionanti. Bitritto, ad esempio, ha aree industriali libere che gli imprenditori non richiedono Aree industriali sostenibili, criteri per gestire e insediare La Puglia ha lo strumento della L.112/98 per gestire insediamenti nelle aree industriali ma non gli strumenti per governare la sostenibilità Occorre sostenere la nascita di spin off universitari, soprattutto con partecipazione giovanile e femminile, nei campi strategici di sviluppo (energia rinnovabile ed efficienza energetica, biotech, ICT e multimediale) Comitato scientifico del 13/ Forum Sviluppo industriale del Forum Sviluppo industriale del Forum Sviluppo industriale del Forum Ricerca e Innovazione del Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Analisi di contesto e diagnosi, analisi SWOT del Vettore Capitale culturale Una delle risorse primarie da cogliere anche per l economia locale è il turismo Puntiamo su Internet per la promozione del territorio in modo completo ed ufficiale Ciò che manca é un luogo di incontro tra mondo della ricerca e mondo dell impresa, assieme ad un libro delle competenze per conoscere le reali esigenze delle imprese È necessario diffondere l'identita' metropolitana con azioni comuni, come la notte metropolitana dei castelli È auspicabile associare alla valorizazione del capitale culturale un'intensa azione di riqualificazione e rigenerazione urbana Bisogna creare le condizioni per attrarre risorse tecniche e scientifiche dall esterno e valorizzare pienamente quelle presenti sul territorio Bisogna creare nuovi luoghi per l industria culturale e creativa: si può pensare di rivedere anche in questa chiave il necessario potenziamento e la riqualificazione del polo fieristico di Bari, oggi gravato da obsolescenza generale degli spazi e delle strutture, da una vetusta concezione per padiglioni, da un sistema di accessibilità, di parcheggi, di servizi totalmente insufficiente Bisogna partire dal recupero e dalla valorizzazione del sistema dei contenitori culturali, teatrali e musicali, per potenziarlo con strutture per lo spettacolo per eventi medio grandi (5.000/ spettatori) da realizzare riutilizzando strutture e/o spazi esistenti Consiglio Metropolitano dei Sindaci del Forum Turismo del Forum Ricerca e Innovazione del Consiglio Metropolitano dei Sindaci; Incontro assessori alla cultura di MTB Abdul Khakee, Comitato Scientifico, febbraio 2008 Raffaella Nanetti, Comitato Scientifico, Luglio 2007 CNEL CNEL Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito Suggerimento recepito sottoprocesso: rispondenza tra i fabbisogni individuati e la visione del Piano Rapporto di Valutazione ex ante versione del

18 La visione del Piano é il risultato partecipato di una intensa attività di confronto e di elaborazione che appare aver parimenti coinvolto conoscenza esperta e conoscenza non esperta. La visione si struttura secondo tre asserzioni principali da cui discendono gli obiettivi generali individuati per rispondere ai fabbisogni rilevati nelle forme e nelle modalità sottoposte a valutazione nel precedente paragrafo 2.1. Dallo schema che segue appare con chiarezza la sostanziale rispondenza della visione del Piano strategico BA2015 ai fabbisogni individuati. VISIONE Una Metropoli policentrica e sostenibile, proiettata verso il Mediterraneo, che integra città, paesaggio rurale e costiero Una rete di città coesa, creativa, attrattiva proiettata verso il Mediterraneo Una Unione di Comuni efficiente, partecipata e trasparente Obiettivi Incrementare l'uso del trasporto collettivo su ferro e su gomma Riqualificare e riconnettere le aree urbane marginali Potenziare e connettere le infrastrutture verdi e storiche (lame) Promuovere processi di riqualificazione della costa come fronte sull Adriatico Valorizzare la città storica e i centri urbani Valorizzare il paesaggio rurale e il mercato agricolo/agroindustriale Pianificare l'uso e il riuso della risorsa idrica Incrementare offerta e domanda di tecnologie e servizi energetici innovativi Migliorare la gestione del ciclo dei rifiuti Potenziare l'accessibilità di MTB dall'esterno e verso l'esterno progettare aree produttive di qualità integrate e sicure consolidare e innovare la tradizione commerciale e artigianale Stimolare il settore di ricerca e l innovazione favorire i processi di integrazione e di accesso alla cittadinanza per gli immigrati Qualificare il sistema di welfare metropolitano a garanzia delle categorie vulnerabili Connettere domanda e offerta di lavoro integrare e accrescere il patrimonio culturale esistente Sviluppare un modello di governance metropolitano in grado di promuovere lo sviluppo, l'integrazione e la partecipazione (e P.A.) Garantire un funzionamento efficiente ed integrato di MTB favorire il posizionamento competitivo sui mercati internazionali, con particolare riferimento al settore turistico Consolidare le identità metropolitane e proiettarle su scala internazionale Rapporto di Valutazione ex ante versione del

19 Valorizzare e qualificare le nuove generazioni sottoprocesso: rispondenza tra i fabbisogni rilevati e la proposizione operativa di ciascuno dei programmi in cui si articola il Piano Si riscontra una elaborazione operativa delle strategie del Piano che appare pienamente rispondente ai fabbisogni, sia come rilevati e identificati in fase di analisi vettoriale, sia come ulteriormente indagati negli specifici approfondimenti di ciascun programma. Il necessario legame di rispondenza e coerenza che porta dalla identificazione dei bisogni, delle criticità e delle opportunità, alla elaborazione della visione, degli obiettivi generali e specifici, per poi declinarsi in programmi strategici di intervento, appare solido e soddisfacente, sia nel merito che nelle modalità di processo. Ciò si evince dalle valutazioni specifiche effettuate su ciascun programma che di seguito vengono riportate. Programma Mobilità sostenibile Nell articolazione di strategie operative in risposta ai fabbisogni rilevati nell ambito del vettore Mobilità e accessibilità, emerge con maggiore enfasi l indirizzo del comitato scientifico, che pone fortemente l attenzione sulla necessità di una integrazione infrastrutturale e gestionale del sistema di offerta di trasporto in MTB. Viene più volte evidenziato come il trasporto pubblico locale e, in particolare, quello su ferro, rappresenti l unica soluzione reale e strutturata ai rilevati problemi di congestione del traffico, di inquinamento ambientale, di incidentalità, di sostenibilità dello sviluppo urbano, di risparmio energetico e, più in generale, di contenimento dei costi sociali connessi alla mobilità privata. Si evidenzia inoltre come sia urgente provvedere alla piena valorizzazione del trasporto pubblico locale basato sulla integrazione dei servizi su gomma con una rete estesa e interconnessa su ferro nell area di Bari. Il sistema ferroviario dell area presenta grandi potenzialità non del tutto sfruttate (una notevole estensione della rete ma con una accessibilità non particolarmente elevata). E opportuno, quindi, per la piena valorizzazione del sistema ferroviario locale, realizzare interventi infrastrutturali anche di piccola entità tipo bretelle, raccordi, raddoppi, e soprattutto nuove stazioni, finalizzati, da un lato, a mettere in rete le diverse linee e, dall altro, a migliorarne l accessibilità e l efficienza. Dal comitato scientifico viene inoltre espressa la necessità di attuarsi, contestualmente agli interventi di natura infrastrutturale, per migliorare la competitività del sistema, anche interventi di natura Rapporto di Valutazione ex ante versione del

20 gestionale ed organizzativa, come ad esempio il coordinamento degli orari, e la riorganizzazione dei servizi su gomma in modo da assolvere efficacemente al ruolo di adduzione alla rete ferroviaria. Un altro fabbisogno relativo al Programma Mobilità Sostenibile suggerito dal comitato scientifico è legato all introduzione della tariffazione unica del trasporto pubblico, per favorire l uso integrato di più vettori e più modalità, per promuovere la fidelizzazione della clientela e l utilizzo degli abbonamenti mensili e annuali, la diffusione della cultura della legalità e del trasporto pubblico locale. Infine dagli incontri con il comitato scientifico è emersa la necessità di ridurre le emissioni inquinanti attraverso la promozione della mobilità ciclistica e di una transizione verde al trasporto su strada, attraverso ad esempio incentivi a rinnovare il parco bus con nuovi veicoli ibridi. Suggerimento Fonte Modalità di recepimento il trasporto pubblico locale e, in particolare, quello su ferro, Prof. Ennio Cascetta recepito rappresenta, di sicuro, l unica soluzione reale e strutturata ai problemi di congestione del traffico, dell inquinamento ambientale, dell incidentalità, dello sviluppo urbano, del risparmio energetico e, più in generale, del contenimento dei costi sociali connessi alla mobilità privata nelle grandi aree urbane e metropolitane. Bisogna provvedere alla piena valorizzazione del trasporto pubblico Prof. Ennio Cascetta recepito locale basato sulla integrazione dei servizi su gomma con una rete estesa e interconnessa su ferro nell area di Bari. Contestualmente agli interventi di natura infrastrutturale, per Prof. Ennio Cascetta recepito migliorare la competitività del sistema dovrebbero attuarsi anche interventi di natura gestionale ed organizzativa, come ad esempio il coordinamento degli orari, l integrazione tariffaria e la riorganizzazione dei servizi su gomma in modo da assolvere efficacemente al ruolo di adduzione alla rete ferroviaria Altra iniziativa fondamentale per il rilancio del trasporto pubblico è Prof. Ennio Cascetta recepito rappresentata dall integrazione tariffaria: un sistema tariffario concepito, cioè, per favorire l uso integrato di più vettori e più modalità, per promuovere la fidelizzazione della clientela e l utilizzo degli abbonamenti mensili e annuali, la diffusione della cultura della legalità e del trasporto pubblico locale. Obiettivi operativi del programma Mobilità sostenibile: Giuseppe Pace recepito 1.1 Shifting from private to public transport (nota alla bozza di 1.2 Minimizing emissions of carbon dioxide and pollutants Piano Strategico, 1.3 Guaranteeing soft mobility ) Occorre trovare misure per promuovere una transizione verde al trasporto su strada, quali ad esempio incentivi a rinnovare il parco bus con nuovi veicoli ibridi Interventi da inserire nel programma Mobilità Sostenibile: Scambiatori (bici treno; Spostare verso la bicicletta e i mezzi pubblici) terminal autobus; parcheggi come scambiatori. Eliminare le auto dal centro storico; ZTL; meccanismo di accessi selettivo; Tariffazione unica Giuseppe Pace (nota alla bozza del Programma Mobilità Sostenibile, ) Giuseppe Pace (nota alla bozza del Programma Mobilità Sostenibile, ) recepito recepito Programma Periferie La declinazione della visione del Piano Strategico che identifica MTB come una metropoli attrattiva trova rispondenza nell obiettivo operativo di riqualificare le aree marginali e periferiche dei sistemi urbani, obiettivo che appare coerentemente perseguito attraverso l articolazione di azioni rivolte a quelle aree Rapporto di Valutazione ex ante versione del

Il ruolo del performance management per l efficace implementazione delle politiche di coesione e sviluppo

Il ruolo del performance management per l efficace implementazione delle politiche di coesione e sviluppo Il Rafforzamento della Capacità amministrativa nella Programmazione 2014-2020 Il ruolo del performance management per l efficace implementazione delle politiche di coesione e sviluppo L esperienza del

Dettagli

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009 Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 La costruzione del PS Il percorso che ha condotto alla stesura del PS è ampiamente

Dettagli

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO Il Piano e i partner coinvolti L'amministrazione comunale di Siracusa sta promuovendo il Piano Strategico INNOVA Siracusa 2020, la cui redazione si è avviata nel marzo del 2009 (con risorse disposte dalla

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

La Strategia Nazionale Aree Interne

La Strategia Nazionale Aree Interne La Strategia Nazionale Aree Interne Stimolare la crescita investendo nella coesione territoriale Teresa Capece Galeota (DPS-UVAL) Comitato Nazionale Aree Interne 9 dicembre 2014 - Varese Ligure (SP) Fabrica

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

Tabella 1 Piano Finanziario per Assi Prioritari e Settori di Intervento e per Fonti di Finanziamento.

Tabella 1 Piano Finanziario per Assi Prioritari e Settori di Intervento e per Fonti di Finanziamento. Tabella 1 Piano Finanziario per Assi Prioritari e Settori di e per Fonti di Finanziamento. Anno 2010 I Asse I - Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Società dell'informazione 10,00% 299.824.005

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE CONSULTAZIONE PUBBLICA Pianificazione Urbanistica Partecipata La Città non è fatta di soli edifici e piazze, ma è fatta di memoria, di segni, di linguaggi, di desideri, che sono a loro volta l espressione

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Sviluppo del territorio e dell economia locale

Sviluppo del territorio e dell economia locale ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Settore Punti di forza Punti di debolezza Rischi Opportunità Sviluppo del territorio e dell economia locale Buoni livelli di qualità della vita a livello socio-economico,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA TRA FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DELLA STAZIONE FERROVIARIA E DELLO

Dettagli

FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE

FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE UFFICIO DI PIANO arch. FLAVIO CARIALI Abitanti 100.000 Tasso di crescita (10 anni) 23% Popolazione straniera 13% Superficie 226 Kmq 441 abitanti per Kmq 11 COMUNI

Dettagli

Assistenza tecnica funzionale alla

Assistenza tecnica funzionale alla definizione, alla identificazione ed alla gestione dei Sistemi Turistici Locali ed altri idonei strumenti di promozione turistico territoriale complementari agli STL, e utili allo sviluppo del settore

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO

ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO FASI AZIONI PER L AVVIO DEL PROCESSO Maggio 2007 Con il contributo dell Agenda21 Isola bergamasca Dalmine Zingonia Le fasi del

Dettagli

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo 2011-2016 - Programma di governo GROSSETO OGGI La città ha superato gli 80 mila abitanti e la popolazione cresce velocemente. Si diffondono caratteri metropolitani e con essi gli elementi problematici

Dettagli

ANALISI COSTI BENEFICI

ANALISI COSTI BENEFICI Comune di Pisa Realizzazione di un sistema di collegamento (People Mover) tra l Aeroporto Galileo Galilei e la Stazione ferroviaria di Pisa Centrale, parcheggi scambiatori e viabilità di connessione ANALISI

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

La riqualificazione urbana. Trasformazione della concezione urbanistica

La riqualificazione urbana. Trasformazione della concezione urbanistica La riqualificazione urbana Trasformazione della concezione urbanistica Nuova filosofia normativa: Dalla rigida prescrizione del PRG al modello PPP, alla capacità di coniugare due elementi: - l interesse

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

REGIONE PUGLIA Settore Programmazione e Politiche Comunitarie. Regione Puglia Assessorato alla Programmazione

REGIONE PUGLIA Settore Programmazione e Politiche Comunitarie. Regione Puglia Assessorato alla Programmazione REGIONE PUGLIA Settore Programmazione e Politiche Comunitarie Regione Puglia Assessorato alla Programmazione LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA TERRITORIALE DI AREA VASTA GIUGNO 2007 INDICE 1.

Dettagli

Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva. Bologna, 1 marzo 2013

Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva. Bologna, 1 marzo 2013 Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva Bologna, 1 marzo 2013 Cos è un Piano strategico La costruzione di un futuro di lungo termine (10/20 anni) sulla base di: Una vision ( molte vision

Dettagli

GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI

GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI Dimensione normativa-regolativa Dimensione strategica GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI Dimensione ambientale Dimensione del progetto urbano Dimensione delle politiche di sviluppo A cosa

Dettagli

L agenda digitale europea

L agenda digitale europea Agenda digitale, alfabetizzazione e competenze digitali: verso un Piano nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali Rosamaria Barrese * L agenda digitale europea L Agenda Digitale

Dettagli

Accordo di Programma Quadro

Accordo di Programma Quadro UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA DI INTERVENTI DI INFRASTRUTTURAZIONE E SERVIZI CORRELATI ALLO SVILUPPO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (Legge Regionale 28 dicembre

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena Provincia IL BILANCIO DI GENERE della 1 Lo sviluppo delle capacità umane nell attività di Gender Auditing Il ruolo della società e delle istituzioni dovrebbe essere quello di stimolare e promuovere la

Dettagli

Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA

Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA AVVISO pubblico per la presentazione di manifestazioni di interesse finalizzate alla redazione del PIANO CITTÀ PORTICI e contratto di valorizzazione

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE I Ricerca Scientifica,

Dettagli

Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano

Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano Allegato A GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Quadro degli interventi integrati sul sistema aeroportuale toscano 0. Premessa Il

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

Programmi di investimento per la Ricerca e Innovazione nei trasporti della Puglia

Programmi di investimento per la Ricerca e Innovazione nei trasporti della Puglia Programmi di investimento per la Ricerca e Innovazione nei trasporti della Puglia PO FESR Puglia 2014-2020 Asse prioritario VII Sistemi di trasporto e infrastrutture di rete Carmela Iadaresta Dirigente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015. Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data]

Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015. Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data] Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015 Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data] URBANISTICA Progetto civico si propone di realizzare i seguenti obiettivi per l area urbanistica :

Dettagli

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Il PGT DI CINISELLO BALSAMO: UN PROGETTO DI CITTA ABITABILE

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

Complemento di Programmazione

Complemento di Programmazione REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE RELAZIONI INTERNAZIONALI, COMUNITARIE

Dettagli

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione LA VALORIZZAZIONE DELLE BIOMASSE IN TOSCANA: LIMITI E OPPORTUNITA Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione In collaborazione con: 1 Indice 1. LE SCELTE METODOLOGICHE 1.1 Gli obiettivi 1.2 I soggetti coinvolti

Dettagli

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA"

IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA IL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 "PER LA SCUOLA" Competenze e ambienti per l apprendimento NUOVE OPPORTUNITÀ DALL EUROPA Annamaria Leuzzi Autorità di Gestione del PON Verona, 21 Novembre 2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE 2014-2020 La strategia per le aree interne

PROGRAMMAZIONE 2014-2020 La strategia per le aree interne PROGRAMMAZIONE 2014-2020 La strategia per le aree interne Direzione Affari della Presidenza Servizio Programmazione, Sviluppo e Attività Comunitarie L Aquila 10 aprile 2014 Castel del Monte 28 aprile 2014

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

La Costruzione della Città delle Bormide. Un nuovo processo di pianificazione strategica.

La Costruzione della Città delle Bormide. Un nuovo processo di pianificazione strategica. Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Savona. Attuazione del Progetto Integrato 4. La Costruzione della Città delle Bormide. Un nuovo processo di pianificazione strategica. Di Marialessandra

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile

Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile Annalisa Del Prete, Catia Zumpano - 1 Aprile 2014, Sala Cavour- Mipaaf Indice - L approccio di genere nelle politiche

Dettagli

Comune di Benevento Piano Strategico Città e strategie di sviluppo

Comune di Benevento Piano Strategico Città e strategie di sviluppo SCHEDA N 6 Perugia - Italia PROMOTORE Comune di Perugia Abitanti 157.000, capoluogo di regione TEMPI Anno di avvio 2002 Anno di conclusione In corso di elaborazione Orizzonte temporale 2013 Note: Il Piano

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311 5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole Misura Diversificazione in attività non agricole Codice di Misura 311 Reg CE 1698/05 art. 52, lettera a) punto i); art. 53 Orientamenti

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca Ufficio VII Programmi Operativi Comunitari Unità Organizzativa della Comunicazione

Dettagli

Aree produttive sostenibili e Green marketing

Aree produttive sostenibili e Green marketing Aree produttive sostenibili e Green marketing IL GREEN MARKETING COME OPPORTUNITÀ DI RILANCIO ECONOMICO Il marketing green si occupa di inserire nel mercato prodotti che salvaguardano l ambiente attraverso

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

ART. 1 PROMOTORE Il presente concorso di idee è indetto dalla Città Metropolitana di Bari - Sede legale: Via Spalato n. 19 70121 BARI.

ART. 1 PROMOTORE Il presente concorso di idee è indetto dalla Città Metropolitana di Bari - Sede legale: Via Spalato n. 19 70121 BARI. CONCORSO DI IDEE PER L IDEAZIONE E LA PROGETTAZIONE DELLO STEMMA RAPPRESENTATIVO DELLA CITTA METROPOLITANA DI BARI, DEI RELATIVI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE E DEL GONFALONE Premessa La Città Metropolitana

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO COMUNE DI PIACENZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO TRA COMUNE DI CREMONA COMUNE DI PIACENZA PROVINCIA DI LODI.,.ottobre 2015 Premesso che: L

Dettagli

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento IL PERCORSO DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Dicembre 2013: invio seconda bozza dell Accordo di Partenariato alla

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

Sette città Strategie e progetti per il nuovo piano urbanistico di Bologna

Sette città Strategie e progetti per il nuovo piano urbanistico di Bologna Sette città Strategie e progetti per il nuovo piano urbanistico di Bologna dopo 20 anni un nuovo Piano per Bologna A venti anni di distanza dall ultimo piano urbanistico generale, Bologna avvia il percorso

Dettagli

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Università Roma Tre, Dipartimento di Architettura Via della Madonna dei Monti, 40 Convegno Aree industriali e politiche di Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione

Dettagli

ACCORDO DI PIANIFICAZIONE TRA LA REGIONE EMILIA ROMAGNA E LA PROVINCIA DI PIACENZA PER L ELABORAZIONE DELLA VARIANTE GENERALE

ACCORDO DI PIANIFICAZIONE TRA LA REGIONE EMILIA ROMAGNA E LA PROVINCIA DI PIACENZA PER L ELABORAZIONE DELLA VARIANTE GENERALE ACCORDO DI PIANIFICAZIONE TRA LA REGIONE EMILIA ROMAGNA E LA PROVINCIA DI PIACENZA PER L ELABORAZIONE DELLA VARIANTE GENERALE AL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (art.14 comma 7 della L.R.

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

Piano di Sviluppo Strategico della Città di Bolzano. Bolzano, città a misura d uomo

Piano di Sviluppo Strategico della Città di Bolzano. Bolzano, città a misura d uomo Piano di Sviluppo Strategico della Città di Bolzano Bolzano, città a misura d uomo 1 gestione 85% innovazione 10% ricerca 5% Indice sintetico e varianza tra le dimensioni dell innovazione Italia vocazione

Dettagli

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà City Act Linee Guida per una Milano Metropolitana primi passi del piano strategico per la Milano che verrà Il Secolo Urbano Ormai oltre il 50% della popolazione mondiale vive in zone fortemente urbanizzate.

Dettagli

Convergenza, Competitività e Cooperazione tra territori

Convergenza, Competitività e Cooperazione tra territori Un villaggio di idee llll percorso IInFormatiivo dii sviilluppo llocalle SIICIILIIA 2015 Processo Informale di Concertazione verso la creazione della Rete delle Comunità per lo sviluppo sostenibile e integrato

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI L AMMINISTRAZION E SEMPLICE E PARTECIPATA LA CITTA CHE SI MUOVE LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA PER IL TEMPO LIBERO LA CITTA CHE GUARDA AL FUTURO:

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli

SOVRAGENDA come politica di governance per uno sviluppo sostenibile e responsabile. U.O. Agenda 21 Comune di Udine

SOVRAGENDA come politica di governance per uno sviluppo sostenibile e responsabile. U.O. Agenda 21 Comune di Udine per uno sviluppo sostenibile e responsabile U.O. Agenda 21 Comune di Udine Sviluppo sostenibile quale concetto chiave per la crescita della società a garanzia di un adeguata qualità della vita. Su scala

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI BARI

CITTA METROPOLITANA DI BARI CITTA METROPOLITANA DI BARI ORGANI DI INDIRIZZO POLITICO Lo Statuto della Città metropolitana di Bari, definisce la stessa, come ente territoriale di area vasta dotato di autonomia normativa, amministrativa

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

Jesi, piano strategico per lo sviluppo economico

Jesi, piano strategico per lo sviluppo economico Jesi, piano strategico per lo sviluppo economico Tavolo n. 1. La dimensione strutturale dell economia di Jesi prima riunione Jesi, 7 ottobre 2008 Il processo del piano Il piano strategico sarà condotto

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008 IBERAZIONE N. 52/ 17 3.10.2008 Oggetto: Programma Operativo Regionale FESR 2007/ 2013 Obiettivo operativo 5.1.1, Cod. 52 lettera (A), Cod. 26 lettera (C), Cod. 28 lettera (D) e Cod. 25 lettera (E). L Assessore

Dettagli