SCUOLA PRIMARIA BASSANO ASIAGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA PRIMARIA BASSANO ASIAGO"

Transcript

1 PROPOSTE DI EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 BASSANO ASIAGO I Dirigenti e i Docenti che condividessero i programmi di seguito riportati, in coerenza con il Piano dell Offerta Formativa, sono invitati a compilare - in tutte le sue parti - la scheda di adesione in calce ad ogni proposta, e ad inviarla entro il 15 0ttobre 2015 via fax o ai seguenti recapiti: FAX , Eventuali dati personali forniti saranno trattati ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (codice in materia di protezione dei dati personali), presso l archivio del SISP ed utilizzati esclusivamente ai fini della gestione dei Programmi educativi offerti. L adesione alle proposte non comporta alcun onere aggiuntivo per le istituzioni scolastiche. PER INFORMAZIONI DIPARTIMENTO PREVENZIONE - Dirigente medico dr.ssa Annacatia MIOLA Assistenti Sanitarie Paola DAL ZOTTO e Lionella LORENZI Tel

2 INDICE Progetto n. 1 Progetto n. 2 Pedibus Mangio a Scuola e non solo - Miglioramento della qualità nella ristorazione collettiva scolastica Progetto n. 3 Progetto n. 4 Dammi il 5 Capaci di crescere Progetto n. 5 La proiezione delle emozioni: UP (Disney- Pixar) Progetto n. 6 Progetto n. 7 Muovimondo Manuele su stili di vita sani a scuola per bambini italiani e stranieri Prevenzione e gestione operativa della pediculosi nelle comunita scolastiche

3 PROGETTO N. 1 TITOLO: PEDIBUS TEMATICA: EDUCAZIONE ALLA MOBILITA E ALLA SICUREZZA STRADALE COORDINAMENTO: DR. SSA ANNACATIA MIOLA - DIPARTIMENTO PREVENZIONE TELEFONO / FAX COLLABORAZIONI: Scuole e Amministrazioni Comunali DESTINATARI: Alunni, Genitori Il Pedibus è un modo sicuro e salutare per andare e tornare da scuola a piedi. I bambini vanno a scuola in gruppo seguendo un percorso prestabilito, individuato in collaborazione con la Polizia Municipale, raccogliendo passeggeri alle fermate predisposte lungo il cammino con la guida di un genitore o altro adulto E prevista una premiazione (materiale educativo) alle scuole che hanno attivato o attiveranno il Pedibus entro Aprile 2016, previo invio di un report Promuovere l attività fisica Diffondere le regole della sicurezza stradale Ridurre il traffico e l inquinamento in prossimità delle Scuole Sensibilizzare gli amministratori locali e gli utenti adulti della strada sulle esigenze dei bambini Favorire la socializzazione e la comunicazione Stimolare l attenzione per l ambiente AZIONI Disponibilità, su richiesta, di un incontro degli Operatori dell ULSS con gli Insegnanti referenti, i Genitori, la Polizia Municipale, i Dirigenti Scolastici. Materiale educativo/informativo Si consiglia di visitare i seguenti siti: &urltitle=titolo da cui scaricare il manuale Andiamo a scuola da soli! Percorsi di autonomia e movimento casa-scuola:indicazioni operative

4 PROGETTO N. 2 TITOLO: MANGIO A SCUOLA E NON SOLO - MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA TEMATICA: EDUCAZIONE ALIMENTARE COORDINAMENTO: DR. ANTONIO STANO DIPARTIMENTO PREVENZIONE TELEFONO / FAX DESTINATARI: Cuochi addetti alla ristorazione scolastica, Componenti dei Comitati mensa: Genitori, Insegnanti, Personale addetto alla distribuzione La seconda edizione delle Linee Guida in materia di miglioramento della qualità nella ristorazione scolastica, individua nella refezione un occasione per favorire scelte alimentari corrette, e attiva interventi che prevedono una maggiore attenzione ai capitolati d appalto, alla composizione dei menù, alla distribuzione di merende a base di frutta e/o yogurt. Un alimentazione equilibrata e corretta, ma anche gradevole ed accettabile costituisce per tutti un presupposto essenziale per una crescita ottimale Promuovere menù scolastici bilanciati che considerano anche situazioni di allergia o intolleranza Attivare collaborazioni con le Ditte di ristorazione per fornire frutta fresca di stagione da consumare come merenda in classe almeno 2 volte alla settimana Favorire nel contesto scolastico il consumo di Yogurt e/o frutta fresca nei distributori automatici o nei punti di ristoro interni Influenzare positivamente le scelte del piccolo consumatore anche nel contesto familiare AZIONI Valutazione nutrizionale dei menù e delle tabelle dietetiche della ristorazione collettiva, su richiesta dell Amministrazione Comunale o del Gestore del Servizio mensa Collaborazione e supporto a Commissioni o Comitati mensa Coinvolgimento del personale di cucina (cuochi, addetti alla distribuzione) e del responsabile della ristorazione collettiva per la preparazione e l offerta di piatti gustosi, equilibrati e rispettosi delle indicazioni per i soggetti allergici o intolleranti Organizzazione di incontri formativi, su richiesta, con esperti del SIAN per la presentazione dei menù Supporto tecnico, da parte del SIAN, alle Ditte che aderiranno al Progetto Nazionale OKKIO ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA Cinque bravi coniglietti - Gioca e impara le buone abitudini

5 PROGETTO N. 3 TITOLO: DAMMI IL 5 TEMATICA: PROMOZIONE DELLA CORRETTA ALIMENTAZIONE E SANI STILI DI VITA COORDINAMENTO: DR. SSA ANNACATIA MIOLA DIPARTIMENTO PREVENZIONE TELEFONO FAX DESTINATARI: Alunni di cl. 2^ e Insegnanti Sapere cosa e come mangiare, o meglio saper scegliere il cibo adeguatamente, pone le basi per una buona salute ed è un importante strumento di protezione dalle principali malattie non trasmissibili come l obesità, il diabete, le malattie cardiovascolari ma protegge anche dalla carie dentaria. Il progetto promuove la corretta alimentazione attraverso una sperimentazione, guidata da operatori esperti, inerente l acquisizione di sane abitudini alimentari. Questo percorso, allestito in due laboratori, pone il focus sul consumo quotidiano di frutta, verdura e il consumo di acqua, ma deve essere necessariamente integrato con programmi svolti dagli Insegnanti, in classe, sia prima che dopo l accesso Acquisire nuove conoscenze Sviluppare una buona sensibilità nei confronti delle proprie abitudini alimentari Stimolare la messa in atto di comportamenti sani e corretti Lavorare sulla capacità di avere buone relazioni interpersonali e sulla capacità di decision making AZIONI Promozione di attività ludiche quali: disegni, giochi, racconti e opportunità di confronto, in un setting dedicato, a sostegno e integrazione dell attività svolta in classe con gli Insegnanti Agli insegnanti verrà consegnata una lista dei materiali da procurarsi: frutta e verdura fresca, fogli, etichette, colori e altro materiale di cancelleria o da fotocopiare Ai bambini verrà chiesto di portarsi come merenda frutta e acqua da bere TEMPI L accesso ai laboratori avviene su appuntamento da concordare e prevede una durata di 2 ore L attività in classe, prevista sia prima che dopo l accesso, sarà gestita dagli Insegnanti interessati

6 PROGETTO N. 4 TITOLO: CAPACI DI CRESCERE TEMATICA : POTENZIAMENTO DELLE ABILITA SOCIALI (LIFE SKILLS) COORDINAMENTO: DOTT. LUIGI PILONI SER.D. TELEFONO: , FAX: DESTINATARI: Insegnanti, Alunni delle classi 4^ e 5^ E un progetto di prevenzione dei comportamenti a rischio attraverso il potenziamento delle abilità per la vita seguendo la metodologia delle Life Skills. I programmi che in ambito scolastico forniscono solamente informazioni sull uso di sostanze sono reputati poco efficaci (Tobler 1986), incrementano la conoscenza degli effetti negativi ma non apportano negli adolescenti significativi cambiamenti negli atteggiamenti e nei comportamenti legati al consumo. Risultano più efficaci gli interventi informativi associati ad approcci educativi quali, ad esempio, l incremento delle abilità sociali (Shope, Kloska, Dielman, Maharg, 1994), soprattutto se gli interventi iniziano in età precoce Formare i Docenti sulle tematiche relative ai fattori di rischio, ai fattori di protezione e alle life skills Incrementare i fattori di protezione della salute nei bambini con il rinforzo delle abilità sociali necessarie a favorire un sano sviluppo psicologico e prevenire comportamenti a rischio AZIONI Percorso formativo rivolto ai Docenti delle cl.4^ (5 incontri della durata di h 1.30 ciascuno) sulle seguenti abilità di vita : gestione delle emozioni, capacità di dire di no, capacità di relazione e di comunicazione,senso critico. Il progetto prosegue e si conclude in 5^ Applicazione in classe, da parte degli insegnanti, di specifiche unità operative riferite alle abilità approfondite durante la formazione Incontro finale per la presentazione e la condivisione dell esperienza da parte di tutti gli attori coinvolti E METODI La metodologia è di tipo interattivo e prevede incontri informativo/formativi con gli Insegnanti condotti da operatori esperti TEMPI DI ATTUAZIONE Da Ottobre 2015 a Maggio 2016 SEDE Bassano del Grappa Ser.D via Cereria 14/B

7 PROGETTO N. 5 TITOLO : LA PROIEZIONE DELLE EMOZIONI: UP (Disney-Pixar) TEMATICA: EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ COORDINAMENTO: DOTT.SSA MARIA EMMA TELLATIN - SERVIZI PER LA FAMIGLIA TELEFONO: FAX DESTINATARI: Insegnanti, Genitori e per loro tramite, gli Alunni delle classi 3^ e 5^ La proposta si inserisce all interno dell attività curricolare e si avvale del supporto della Psicologa DESTINATARI: Insegnanti e Alunni delle classi 3^ e 5^ Il film come strumento di conoscenza: il presente progetto, attraverso il lavoro sul cartone animato, mira a stimolare la creatività, considerata una dimensione che si può anche imparare attraverso intelligenti trucchi quali le libere associazioni, il brainstorming: tutte attività non abituali, capaci di liberare il cervello dalle sue catene. Il film propone, attraverso un avvincente narrazione, momenti evocativi che interrogano gli spettatori attraverso domande alle quali, talvolta, non è possibile dare risposte lineari, perché i contenuti pescano nel profondo dell animo In fase organizzativa il progetto può venir adattato alle dinamiche del gruppo classe Valorizzare le competenze degli studenti attraverso un esperienza finalizzata a creare uno spazio accogliente il pensiero e la riflessione sulla vita affettiva. Sostenere la famiglia nei suoi diversi assetti come modello, paradigma delle relazioni future. Sviluppare le capacità relazionali degli alunni. Incrementare e riconoscere il linguaggio delle emozioni/sentimenti attraverso l uso della metafora che promuove il linguaggio evocativo-creativo. Riflettere sul rapporto fra le generazioni AZIONI-FORMAZIONE 1 incontro coordinato dallo psicologo dell Azienda Sanitaria con gli studenti, preceduto da 1 incontro formativo-collaborativo con i Docenti di riferimento. Si prevede un incontro finale opzionale tra lo psicologo dell Azienda Sanitaria e Docenti per la verifica dell attività svolta azioni-insegnante con il gruppo classe Proiezione del film, tempo previsto ore 2 Attività sul film, diversificate per classi 3^ e classi 5^, tempo previsto ore 2 con l insegnante azioni-psicologa con il gruppo classe Analisi e condivisione delle diverse risposte così da produrre una rielaborazione collettiva del gruppo classe con l aiuto dello psicologo Recensione del film quale guida per l approfondimento dei significati metaforici di grande impatto emotivo, questionario anonimo per classi 5^, attività grafiche per le classi 3^ TEMPI Da Ottobre 2015 a Maggio 2016.

8 PROGETTO N. 6 TITOLO: MUOVIMONDO TEMATICA: STILI DI VITA SANI A SCUOLA PER BAMBINI ITALIANI E STRANIERI COORDINAMENTO: DR.SSA ANNACATIA MIOLA DIPARTIMENTO PREVENZIONE TELEFONO / FAX DESTINATARI: Insegnanti "Muovimondo" è il manuale realizzato nell'ambito del Programma regionale di promozione dell attività motoria in collaborazione con la rete Tante Tinte dell Ufficio Scolastico Territoriale di Verona, che raggruppa le Scuole del primo e del secondo ciclo e si occupa dell inserimento e dell'integrazione degli alunni stranieri e delle loro famiglie. Incentivare la promozione degli stili di vita sani, in particolare dell attività fisica e della sana alimentazione Diffondere una cultura della salute più diffusa e più equa, sempre più rispondente ai nuovi bisogni emergenti Schede di lavoro, contenute nel manuale, che possono essere utili agli Insegnanti nell esercizio della quotidiana attività, già predisposte per attività ludico-didattiche e laboratori sugli stili di vita sani TEMPI

9 PROGETTO N. 7 TITOLO: PREVENZIONE E GESTIONE OPERATIVA DELLA PEDICULOSI NELLE COMUNITA SCOLASTICHE TEMATICA: PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE COORDINAMENTO: DR.SSA EMANUELA DE STEFANI - DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE TELEFONO: Assistenti Sanitarie del SISP Servizio Igiene e Sanità Pubblica o rivolgersi ai Distretti di Bassano del Grappa, Marostica, Romano d Ezzelino e Asiago FAX DESTINATARI: Insegnanti e Dirigenti scolastici Il progetto ha lo scopo di fornire un pro memoria degli interventi operativi da attuare già previsti favorendo la diffusione degli strumenti esistenti (procedure specifiche e materiale informativo, vedi più avanti) che il Dipartimento di Prevenzione mette a disposizione delle istituzioni scolastiche per la gestione di situazioni di sanità pubblica, nello specifico della pediculosi. Garantire alla Scuola ed ai genitori una corretta informazione sulla gestione della pediculosi Supportare la Scuola nella comunicazione con le famiglie attraverso la messa a disposizione di idonei strumenti comunicativi (sito, depliant, ecc.) fornire agli insegnanti ed alle famiglie gli strumenti per la corretta gestione sia nel singolo caso che del gruppo classe Guida regionale manuale per la prevenzione delle malattie infettive e nelle comunità infantili e scolastiche Linee di indirizzo per la profilassi delle malattie infettive e parassitarie nelle scuole e nelle collettività: certificazioni mediche e modalità operative per la gestione della pediculosi Opuscolo per i genitori trattamento e controllo dei pidocchi della testa TEMPI NB: Tutto il materiale è consultabile/scaricabile da: nella sezione malattie infettive e vaccinazioni oppure può essere richiesto a

SCUOLA DELL INFANZIA BASSANO - ASIAGO

SCUOLA DELL INFANZIA BASSANO - ASIAGO PROPOSTE DI EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE SCUOLA DELL INFANZIA Anno scolastico 2015/2016 BASSANO - ASIAGO I Dirigenti e i Docenti che condividessero i programmi di seguito riportati, in coerenza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2014/2015 Distretto 1 e 2

SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2014/2015 Distretto 1 e 2 SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014/2015 Distretto 1 e 2 I Dirigenti e i Docenti che condividessero i programmi, in coerenza con il Piano della Offerta Formativa, sono invitati a compilare - in tutte

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 Distretto 1 e 2 I Dirigenti e i Docenti che condividessero i programmi, in coerenza con il Piano della Offerta Formativa, sono invitati a compilare - in tutte

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA Anno scolastico 2012/2013 Distretto 1 e 2 RIFERIMENTI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA SANITARIA ULSS N. 3 SERVIZIO EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Dirigente medico: dr.ssa

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2010/20. Distretto 2 ASIAGO

SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2010/20. Distretto 2 ASIAGO SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2010/20 /2011 Distretto 2 ASIAGO INDICE Progetto 1 Pensasicuro Progetto 2 Mangio a Scuola e non solo - Miglioramento della qualità nella ristorazione collettiva scolastica

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2012/2013. Distretto 1 e 2

SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2012/2013. Distretto 1 e 2 SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2012/2013 Distretto 1 e 2 1 RIFERIMENTI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA SANITARIA ULSS N.3 SERVIZIO EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Dirigente medico: dr.ssa

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA Anno scolastico 2010/20 /2011 Distretto 1 B A S S A N O D E L G R A P P A Anno Scolastico 2010 2011 INDICE Progetto 1 Progetto 2 Progetto 3 Progetto 4 Progetto 5 Progetto 6 Denti sani

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA di I GRADO

SCUOLA SECONDARIA di I GRADO SCUOLA SECONDARIA di I GRADO Anno scolastico 2012/2013 Distretto 1 B A S S A N O D E L G R A P P A RIFERIMENTI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA SANITARIA ULSS N. 3 SERVIZIO EDUCAZIONE E PROMOZIONE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA. Anno scolastico 2011/2012. Distretto 1 e 2

SCUOLA DELL INFANZIA. Anno scolastico 2011/2012. Distretto 1 e 2 SCUOLA DELL INFANZIA Anno scolastico 2011/2012 Distretto 1 e 2 RIFERIMENTI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA SANITARIA ULSS N. 3 Dirigente medico: dr.ssa Annacatia MIOLA Collaboratori: Assistenti

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

15 0ttobre 2012 a: oppure

15 0ttobre 2012 a: oppure ! " DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA SANITARIA ULSS N. 3 SERVIZIO EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Dirigente medico: dr.ssa Annacatia MIOLA Collaboratori: Assistenti Sanitarie Lionella Lorenzi

Dettagli

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE 17 SSD Epidemiologia ed Educazione Sanitaria Alimentazione e attività Fisica - SASA (Scuola alimentazione sport aria aperta) Questo intervento è proposto alle scuole

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA SOLARIA Società Cooperativa UFFICIO PUBBLICA ISTRUZIONE PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Premessa L alimentazione ha assunto nella società in cui viviamo oggi un ruolo fondamentale

Dettagli

15 0ttobre 2012 Tutte le attività proposte non comportano 15 0ttobre 2013 a: oppure

15 0ttobre 2012 Tutte le attività proposte non comportano 15 0ttobre 2013 a: oppure !" I Dirigenti e i Docenti che condividessero i programmi, in coerenza con il Piano della Offerta Formativa, sono invitati a compilare - in tutte le sue parti - la scheda di adesione, e ad inviarla (via

Dettagli

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto A SCUOLA CON GUSTO Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto Il progetto A SCUOLA CON GUSTO Il progetto A SCUOLA CON GUSTO, giunto oggi alla quarta edizione, mira ad avvicinare adulti e

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA DELL INFANZIA VIA T. M. FUSCO a.s.2011/2012 Premessa Nel periodo della Scuola dell infanzia i bambini acquisiscono e strutturano atteggiamenti e modelli comportamentali

Dettagli

In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO

In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO Obiettivi TreValli intende promuovere un progetto di educazione alimentare dedicato alle scuole primarie della Regione Marche, in collaborazione con Alimos, società

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO Anno scolastico 2011/2012 Distretto n. 2 ALTOPIANO DI ASIAGO SCUOLA SECONDARIA I I GRADO - DISTRETTO N. 2 RIFERIMENTI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA SANITARIA ULSS

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Laboratori di educazione alimentare in classe

Laboratori di educazione alimentare in classe Laboratori di educazione alimentare in classe La scuola che promuove salute Varese, 10 novembre 2010 Incontri nelle scuole presenza dell esperto in classe I cinque colori della salute Corretto stile di

Dettagli

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015:

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: INTRODUZIONE Il corpo e l anima sono ugualmente importanti: se il primo va nutrito con il cibo, come appunto

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

ASLTO1 DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE

ASLTO1 DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE 29 MA COME NASCONO I BAMBINI? progetto affettività e sessualità rivolto agli insegnanti delle scuole primarie Questo intervento è proposto alle scuole del territorio della ASL TO1 (circoscrizioni 1,2,3,8,9,10)

Dettagli

Sicurezza Alimentare e Nutrizionale

Sicurezza Alimentare e Nutrizionale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.I.A.N. Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Struttura Semplice di Nutrizione Sicurezza Alimentare e Nutrizionale Progetto Regionale 2006-2008 1 Progetto Sicurezza

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI Approvata con DGC n. 180 del 20-09-2010 PREMESSA: PRINCIPI FONDAMENTALI: L Amministrazione Comunale definisce un sistema di regole e garanzie

Dettagli

Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva

Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva Istituto Comprensivo M. Anzi di Bormio Scuola Primaria di S. Antonio Valfurva DI TUTTE LE CLASSI DEL PLESSO DI S. ANTONIO a. s. 2014/2015 Le insegnanti del Plesso già nel mese di giugno avevano verificato

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE MANGIA, SALTA RIDI L Educazione Alimentare, oggi ha assunto un ruolo fondamentale nella determinazione

Dettagli

Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità e i comportamenti a rischio nei bambini in Liguria

Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità e i comportamenti a rischio nei bambini in Liguria Stili di vita e stato ponderale dei bambini italiani: i risultati della IV raccolta dati di Okkio alla Salute Roma 21 Gennaio 2015 Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

CIBO IN SE CIBO IN ME CIBO IN NOI

CIBO IN SE CIBO IN ME CIBO IN NOI CIBO IN SE CIBO IN ME CIBO IN NOI IL DIRITTO AD UNA SANA ALIMENTAZIONE L art. 25 della Dichiarazione Universale dei diritti umani riconosce ad ogni individuo il diritto ad un tenore di vita sufficiente

Dettagli

Sperimentazione di progetti nella Regione Piemonte

Sperimentazione di progetti nella Regione Piemonte PROGETTO CCM RER PROMOZIONE DELL ATTIVIT ATTIVITÀ FISICA - AZIONI PER UNA VITA IN SALUTE Sperimentazione di progetti nella Regione Piemonte Renza Berruti, Gabriella Bosco, Adriana Centonze, Erika Ghiazza,,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO - PROGETTO PEDIBUS 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO PROGETTO PEDIBUS

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO - PROGETTO PEDIBUS 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO PROGETTO PEDIBUS PER FARE MOVIMENTO ESPLORARE IL TERRITORIO DIMINUIRE IL TRAFFICO E L INQUINAMENTO INSIEME IN ALLEGRIA BAMBINI PIÙ CONTENTI E SICURI DI SÈ UN BUON ESEMPIO PER TUTTI SVEGLIARSI E ARRIVARE BELLI VISPI A SCUOLA!

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA SIAN

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA SIAN DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA SIAN SEZIONE NUTRIZIONE PROGETTO MENÙ A PUNTI / MENÙ DIECI E LODE A cura di: Dott. Maurizio Montanelli, responsabile del dipartimento Dott.ssa Gisella Giovanetti e Dott.ssa

Dettagli

La Promozione della Salute e lo sport

La Promozione della Salute e lo sport La Promozione della Salute e lo sport Dott.ssa Chiara Tunini, Referente Pedagogico, Ass 2 Isontina Gorizia Festa dello Sport Monfalcone, 30 maggio 2009 1 La SALUTE è un bene di tutti! SALUTE applicare

Dettagli

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto L alimentazione esprime abitudini, usi e costumi dell individuo e risponde non solo alle esigenze fisiche, ma anche a quelle psichiche e della vita di relazione ed è in grado di fornire, accanto all esperienza

Dettagli

Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA

Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Approvato con Deliberazione C.C. n. 47 del 20/07/2004 Modificato con Deliberazione C.C. n. 68 del 16/12/2013 PREMESSA Il Servizio

Dettagli

Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini

Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini Contatti Capo Rip.ne III Pietro Migliore Tel. 091/8611341 Fax 091/8661459 email pietro.migliore@pec.comune.carini.pa.it Istruttore direttivo Antonina Ruffino

Dettagli

Educazione alla Salute e all Alimentazione

Educazione alla Salute e all Alimentazione ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A m a l f i Educazione alla Salute e all Alimentazione Curricolo continuo Scuole dell Infanzia Primaria Secondaria I Premessa In passato la salute era definita in maniera riduttiva:

Dettagli

Campobasso. E, p.c. Alla Dott.ssa Loredana Paolozzi Responsabile della Gestione Amministrativo -Contabile del Progetto Obesità

Campobasso. E, p.c. Alla Dott.ssa Loredana Paolozzi Responsabile della Gestione Amministrativo -Contabile del Progetto Obesità Campobasso Dipartimento di Prevenzione lì, 13/4/2010 U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Prot: 3324 Rif. Nota n. Oggetto: Piano Regionale della Prevenzione: Relazione sintetica, con riferimento

Dettagli

Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine

Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine Seminario : percorso di educazione alimentare, rivolto a soggetti affetti da celiachia Bologna - 5 dicembre 2011 Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine Emilia Guberti direttore Servizio

Dettagli

scheda-progetto delle attività di promozione della salute

scheda-progetto delle attività di promozione della salute scheda-progetto delle attività di promozione della salute 1 titolo, operatore e anno di avvio: parte generale dati scuola e/o scuola capofila di rete 2 CIRCOLO DIDATTICO DI BRESCIA Via Trieste, n.31 -

Dettagli

PROGETTI MARCONI ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Progetto Classi coinvolte Docenti Periodo Durata interventi. Secondaria A. Frank

PROGETTI MARCONI ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Progetto Classi coinvolte Docenti Periodo Durata interventi. Secondaria A. Frank PROGETTI MARCONI ANNO SCOLASTICO 2014 2015 OBIETTIVO : SCUOLA COME LUOGO DI APPRENDIMENTO ORIENTATO ALL INNOVAZIONE MUSICA Musica cl. 2^ Docenti di musica di classe e insegnante di musica della Suola Secondaria

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) Contributi in materia di Diritto allo Studio. della Regione Puglia

SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) Contributi in materia di Diritto allo Studio. della Regione Puglia SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) della Regione Puglia (L.R. 42/80 art. 10 Legge n. 241 del 7/8/1990 art.12) Fiabe per educare Anno scolastico 2010/2011 DESCRIZIONE DETTAGLIATA

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

C.O.N.I. Comitato Provinciale di PISA

C.O.N.I. Comitato Provinciale di PISA C.O.N.I. Comitato Provinciale di PISA PROGETTO CON I GIOVANI A SCUOLA DI GIOCO-SPORT Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ed il CONI condividono nell ambito delle rispettive competenze

Dettagli

Esperienze nelle Marche di promozione della Salute per contrastare l obesità ed in comportamenti a rischio nei bambini Giordano Giostra

Esperienze nelle Marche di promozione della Salute per contrastare l obesità ed in comportamenti a rischio nei bambini Giordano Giostra Esperienze nelle Marche di promozione della Salute per contrastare l obesità ed in comportamenti a rischio nei bambini Giordano Giostra OKkio alla Salute 1 bambino su 3 è in eccesso di peso Solo 6 bambini

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia gennaio 2009 Presentazione Istituto Comprensivo di Sedegliano Questo opuscolo contiene alcune informazioni

Dettagli

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro 41 BENESSERE E COMPETENZE CORRELATE/ SALUTE SESSUALE/ AFFETTIVITÀ - DIPENDENZE Target: ü Giovani adulti ü Genitori ü Insegnanti della Scuola Secondaria

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S.

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. 2014/2015 La scuola bergamasca si prepara all Expo 2015 (esposizione universale) imparando a conoscere i prodotti a Chilometro

Dettagli

DISTRIBUZIONE AUTOMATICA DI ALIMENTI E PROMOZIONE DELLA SALUTE : PROGETTO SPERIMENTALE LOCALE Cortese G., Del Sole A., Cibin M., Cavallini R.

DISTRIBUZIONE AUTOMATICA DI ALIMENTI E PROMOZIONE DELLA SALUTE : PROGETTO SPERIMENTALE LOCALE Cortese G., Del Sole A., Cibin M., Cavallini R. DISTRIBUZIONE AUTOMATICA DI ALIMENTI E PROMOZIONE DELLA SALUTE : PROGETTO SPERIMENTALE LOCALE Cortese G., Del Sole A., Cibin M., Cavallini R. SIAN - Dipartimento di Prevenzione Az. Ulss 19 Adria(RO) IL

Dettagli

Istituto Statale Comprensivo ALBERTO BURRI Anno scolastico 2015/2016 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Istituto Statale Comprensivo ALBERTO BURRI Anno scolastico 2015/2016 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Statale Comprensivo ALBERTO BURRI Anno scolastico 2015/2016 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCHEDA di PROGETTO FASE INDICATIVA TITOLO DEL PROGETTO PLESSO, CLASSE/I E/O GRUPPI DESTINATARI AZIONE AUTORE

Dettagli

PROGETTO CUOCHI NUOVI ASL/ASO TITOLO

PROGETTO CUOCHI NUOVI ASL/ASO TITOLO PROGETTO TITOLO CUOCHI NUOVI ASL/ASO ASL 19 ASTI (proponente, se progetto Aziendale, o capofila, se progetto inter-aziendale) Responsabile di progetto Cognome e nome Vincenzo SOARDO Struttura di appartenenza

Dettagli

Cooperativa CO.S.S.A.G.I.

Cooperativa CO.S.S.A.G.I. CARTA DEI SERVIZI Cooperativa CO.S.S.A.G.I. Aggiornata con CdA del 31/10/2014 Cooperativa Sociale CO.S.S.A.G.I. Onlus sede legale e amministrativa Corso Italia n. 22 09092 Arborea (Or) e-mail coop.soc.cossagi@tiscali.it

Dettagli

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Ecosistema bambino 2009 dati comunali anni 2006-2007 - 2008 2 parte METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE Il ogni anno propone il progetto agli Istituti

Dettagli

Istituto Comprensivo Nori de Nobili Trecastelli (AN) PIANO ANNUALE ATTIVITA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Istituto Comprensivo Nori de Nobili Trecastelli (AN) PIANO ANNUALE ATTIVITA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Istituto Comprensivo Nori de Nobili Trecastelli (AN) PIANO ANNUALE ATTIVITA DI PROMOZIONE ALLA SALUTE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il gruppo di lavoro di Educazione alla Salute dell Istituto Comprensivo Nori

Dettagli

MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Progetto di sana Alimentazione dell I.C Masaccio in collaborazione con il dott. Fiorini (coordinatore pediatri Valdarno) MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Nasce per

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO Anno scolastico 2011/2012 Distretto n. 1 B A S S A N O D E L G R A P P A SCUOLA SECONDARIA I I GRADO - DISTRETTO N. 1 RIFERIMENTI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE SULLE ALI DELLA SALUTE

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE SULLE ALI DELLA SALUTE Istituto di Istruzione Superiore Secondaria B. Caramia F. Gigante con ordinamento speciale per la Viticoltura ed Enologia Locorotondo Alberobello SCUOLA PRIMARIA D. MOREA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO L.

Dettagli

PROGETTO SCUOLE. Presupposti. Contenuti ed obiettivi. Modalità di partecipazione

PROGETTO SCUOLE. Presupposti. Contenuti ed obiettivi. Modalità di partecipazione Presupposti PROGETTO SCUOLE L associazione Gli amici di Luca, visti i suoi intenti e gli ottimi risultati ottenuti l anno scorso con l inaugurazione del progetto, anche quest anno ha deciso di strutturare

Dettagli

FRUTTATTIVIAMOCI DUE ASL/ASO. FRATTINI MIRELLA S.C. Assistenza Sanitaria Territoriale Via Dei Mille 2 28100 Novara e-mail

FRUTTATTIVIAMOCI DUE ASL/ASO. FRATTINI MIRELLA S.C. Assistenza Sanitaria Territoriale Via Dei Mille 2 28100 Novara e-mail TITOLO FRUTTATTIVIAMOCI DUE ASL/ASO ASL 13 Novara (proponente, se progetto Aziendale, o capofila, se Via dei Mille, 2 28100 Novara progetto inter-aziendale) 0321-374111 Responsabile di progetto Cognome

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) Un cibo secondo natura Un cibo secondo natura ASL TO5 CHIERI Data di avvio e conclusione Avvio il 01/07/2007 conclusione 04/06/2008

Dettagli

Progetto DAVID Insieme per la sicurezza

Progetto DAVID Insieme per la sicurezza Incontri di sensibilizzazione alla sicurezza stradale rivolti agli studenti delle scuole superiori Il progetto è un programma di incontri nelle scuole superiori, organizzati dalla Polizia Municipale in

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE

ALIMENTAZIONE E SALUTE PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE E SALUTE

Dettagli

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino

LA SCUOLA PRIMARIA. Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino LA SCUOLA PRIMARIA Le parole insegnano, gli esempi trascinano solo i fatti danno credibilità alle parole. Sant Agostino 1 Istituto Comprensivo Savignano sul Panaro PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014-2015

Dettagli

ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 C.so Lombardia, 187 10151 Torino

ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 C.so Lombardia, 187 10151 Torino ASL TO 2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 1 67 A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino DIPARTIMENTO DIPENDENZE 1 ( 011. 4395400 fax 011.4395432 e-mail sert.segrlomb@aslto2.it Area Prevenzione

Dettagli

A ciascuno il suo menù. Classe II A-II C. Definire il mondo aiuta a conoscerlo meglio oppure conoscerlo ci aiuta a definirlo?

A ciascuno il suo menù. Classe II A-II C. Definire il mondo aiuta a conoscerlo meglio oppure conoscerlo ci aiuta a definirlo? IC La Giustiniana TITOLO: A ciascuno il suo menù Marcella Risi e Stefania Soldano Classe II A-II C Domande: Definire il mondo aiuta a conoscerlo meglio oppure conoscerlo ci aiuta a definirlo? Definire

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità INFANZIA Ha sviluppato esperienze affettive e relazionali significative.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato delibera di C.C. n.6 del 10/04/ COMUNE DI GUSPINI Provincia di Cagliari Direzione Servizi Amministrativi Servizio Pubblica Istruzione, Cultura e Sport REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di refezione scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze. Il servizio

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

Proposte Educazione e Promozione della Salute a.s. 2009/10 Azienda Ulss 18

Proposte Educazione e Promozione della Salute a.s. 2009/10 Azienda Ulss 18 Proposte Educazione e Promozione della Salute a.s. 2009/10 Azienda Ulss 18 Scuola Titolo Tematica Tipologia Destinatari Asilo No 0-3anni Gestione delle emozioni nella 1 infanzia Prevenzione del disagio

Dettagli

Sezione n.3 Rendicontazione delle attività di comunicazione anno 2013. AZIENDA [ ASL della Provincia di Varese]

Sezione n.3 Rendicontazione delle attività di comunicazione anno 2013. AZIENDA [ ASL della Provincia di Varese] AZIENDA [ ASL della Provincia di Varese] Le iniziative sono state raggruppate per aree tematiche Titolo dell iniziativa Breve descrizione (obiettivo, strumento, target) Risultati raggiunti SANI STILI DI

Dettagli

4.4- L OFFERTA FORMATIVA DIPARTIMENTO DIPENDENZE AREA PREVENZIONE

4.4- L OFFERTA FORMATIVA DIPARTIMENTO DIPENDENZE AREA PREVENZIONE PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.4- L OFFERTA FORMATIVA DIPARTIMENTO DIPENDENZE AREA PREVENZIONE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO Area Formazione

Dettagli

Piano regionale Sorveglianza e prevenzione dell obesità linea progettuale n. 4.2 : ambienti di lavoro

Piano regionale Sorveglianza e prevenzione dell obesità linea progettuale n. 4.2 : ambienti di lavoro Assessorato alla tutela della salute e sanità Piano regionale Sorveglianza e prevenzione dell obesità linea progettuale n. 4.2 : ambienti di lavoro Incoraggiare i datori di lavoro a: offrire nelle mense

Dettagli

Guadagnare salute a Podenzano

Guadagnare salute a Podenzano 7 Obiettivi specifici di particolare rilevanza istituzionale: il progetto Guadagnare salute a Podenzano 7.1 Premesse e obiettivi Nell ambito del Piano regionale della prevenzione 2010-2012 (DGR n. 2071/2010),

Dettagli

Pensa che mensa scolastica!

Pensa che mensa scolastica! Pensa che mensa scolastica! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità La mensa che vorrei La mensa che vorrei è un progetto di educazione al diritto al cibo e a una mensa buona,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO G. DOZZA n. di classi 18 n. alunni 458 di cui 116 stranieri ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA Est Europa: 42 Estremo oriente:37 Maghreb: 19

Dettagli

PROGETTI PREVISTI PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTI PREVISTI PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTI PREVISTI L elaborazione del curricolo vuole rispondere alla complessità della realtà in cui i bambini si trovano a vivere. Nell arco dell anno si alternano progetti trasversali a progetti laboratoriali,

Dettagli

DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO

DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO PENSO DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO In collaborazione con: Acat 23 di Piove di Sacco Dipartimento

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI. Un cammino verso frutta e verdura con i 5 sensi

EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI. Un cammino verso frutta e verdura con i 5 sensi EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI Educazione alimentare nella scuola Le attività di educazione alimentare per l anno scolastico 2004 2005 sono state condotte in più di

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

Ristorazione Scolastica Dalla Normativa Nazionale e Comunitaria alle Linee Guida Regionali del Veneto. Dott. Saverio Chilese UON - SIAN ULSS 4

Ristorazione Scolastica Dalla Normativa Nazionale e Comunitaria alle Linee Guida Regionali del Veneto. Dott. Saverio Chilese UON - SIAN ULSS 4 Ristorazione Scolastica Dalla Normativa Nazionale e Comunitaria alle Linee Guida Regionali del Veneto Dott. Saverio Chilese UON - SIAN ULSS 4 1 In Italia, così come nella maggior parte dei Paesi occidentali

Dettagli

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense SCUOLA D INFANZIA BIANCO BUONO LATTE 4 anni, scuola dell infanzia Latte, filiera, gusto, preferenze, Alimentazione:

Dettagli

Comune di Ceriano Laghetto

Comune di Ceriano Laghetto Categoria 2 37 Scheda del progetto Comune di Ceriano Laghetto Simona Borroni Via Roma, 18 20020 Ceriano Laghetto (MI) 02 96661326 02 96661302 cultura@comune.cerianolaghetto.mi.it www.comune.cerianolaghetto.mi.it

Dettagli