Il paziente critico diabetico.spesso in urgenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il paziente critico diabetico.spesso in urgenza"

Transcript

1 Il paziente critico diabetico.spesso in urgenza Dr. ssa A.Guida U.O. C di Medicina d Urgenzad Urgenza- Pronto Soccorso-OBI Dipartimento Area Critica A.O.U. S.Giovanni di Dio e Ruggi D AragonaD Aragona Salerno

2 Iperglicemia e mortalità ospedaliera 1826 consecutive ICU patients 10/99 thru 4/02, Stamford CT 40 P < for trend Mortality Rate % >300 Glicemia Krinsley JS, Mayo Clinic Proceedings 2003; 78: 1471

3

4 Probability of Survival Odds Ratios for Death, According to Treatment Group TARGET GLICEMICO DEL PAZIENTE CRITICO >140 <180 mg/dl ADA, TRIALOGUE. The NICE-SUGAR Study Investigators. N Engl J Med 2009;360:

5 CASO CLINICO-I A.B. maschio 84 anni con storia di disturbi mnesici, in peggioramento con recente comparsa di fasi di disorientamento temporospaziale, giunge in P.S. per il riscontro di feci picee.

6 CASO CLINICO - II ANAMNESI REMOTA In APR: FA permanente in TAO, ipertensione arteriosa, deterioramento cognitivo, Terapia domiciliare con: warfarin, digitale, e torasemide. Da alcuni mesi riscontro di moderata iperglicemia in terapia con la sola dietetica ANAMNESI PROSSIMA Dimesso 7 giorni prima da altro presidio ospedaliero dove era stato ricoverato per fratture costali multiple di caduta accidentale e dimesso con amoxicillina e diclofenac senza alcuna altra indicazione rispetto alla terapia medica già in corso.

7 CASO CLINICO-III: IN PS ESAME OBIETTIVO Sensorio torpido (GCS 13) soporoso, P.A. 95/70, F.C. 130 m, F.R 30 atti/m, T 39 C, SO2 89 Cute e mucose asciutte, occhi infossati, subcianosi delle mucose, ottusità alla percussione della base polmonare destra, con contestuale riduzione del MV, addome lievemente dolente ma trattabile, peristalsi presente, all esplorazione rettale: feci picee. ECG: Fibrillazione atriale a risposta ventricolare sostenuta. Anomalie della fase di ripolarizzazione LABORATORIO Glicemia 552, urea 455, creatinina 4.42, Na 154, K 4,1, Cl 105, ClCr 14 ml/min RBC mm 3, Hb 9.0,g/dL WBC 19,400/mm 3, PLT /mm 3 PT 10%, INR 6,39, APTT 65, Osmolarità= 2x Na + Glicemia/18= 340. EAB: ph 7,35; po2 56, pco2 43, SO2 90%. HCO3 21 P/F 266

8 CASO CLINICO-IV Terapia medica Reverse dell anticoagulazione (vit K ev, apcc), l avvio della terapia insulinica (8 UI in bolo seguite da 2.5 UI/h) e della infusione con cristalloidi (500 ml+500 ml/h) il paziente è stato avviato alla sala di endoscopia dove all esame EGDS gli è stata riscontrata una duodenite erosiva con segni di recente sanguinamento. In reparto Rx Torace: Esteso processo broncopneumonico acuto del campo medio-basale di destra Terapia medica: O2 a basso flusso Cefalosporine x e.v. Omeprazolo x e.v. Fisiologica 250 ml/h KCl 10 meq/h Insulina rapida 2,5 U.I./h. Monitoraggio orario della glicemia, Ogni 4 ore di elettroliti ed EAB Ogni 12 ore emocromo

9 Fattori di rischio Iperglicemia non compensata Interferenza farmacodinamica (FANS/TAO) Sanguinamento gastrointestinale Deficit cognitivo Ridotto apporto idrico Terapia diuretica Processo settico

10 RIFLESSIONI Il caso esposto deve far riflettere sulla necessità di provvedere sempre in tutti i pazienti, e di più nel paziente anziano, ad un attenta anamnesi farmacologica onde evitare il rischio di pericolose interazioni.

11 Epidemiologia. Mortalità 10-20% anno Plasma glucose level of 600 mg/dl or greater Effective serum osmolality of 320 mosm/kg or greater Profound dehydration, up to an average of 9L Serum ph greater than 7.30 Bicarbonate concentration greater than 15 meq/l Small ketonuria and absent-to-low ketonemia Some alteration in consciousness n patients with a preexisting lack of or resistance to insulin, a physiologic stress such as an acute illness can cause further net reduction in circulating insulin. The basic underlying mechanism of HHS is a relative or absolute reduction in effective circulating insulin with a concomitant elevation of counterregulatory hormones. [1, 2] Decreased renal clearance and decreased peripheral utilization of glucose lead to hyperglycemia. Hyperglycemia and hyperosmolarity result in an osmotic diuresis and an osmotic shift of fluid to the intravascular space, resulting in further intracellular dehydration. This diuresis also leads to loss of electrolytes, such as sodium and potassium. [1, 2, 3] Unlike patients with DKA, patients with HHS do not develop significant ketoacidosis, but the reason for this is not known. Contributing factors likely include the availability of insulin in amounts sufficient to inhibit ketogenesis but insufficient to prevent hyperglycemia. Additionally, hyperosmolarity itself may decrease lipolysis, limiting the amount of free fatty acids available for ketogenesis. In addition, levels of counterregulatory hormones are found to be lower in patients with HHS than in those with DKA.

12 he resulting elevation in plasma glucose concentration leads to further impairment of insulin release by pancreatic beta cells. In this setting of inadequate insulin action, the magnitude of the rise in plasma glucose concentration also depends, in part, on the level of hydration and oral carbohydrate (or glucose) loading. Under normal circumstances, all of the glucose filtered by the kidneys is reabsorbed. When glycemia reaches approximately 180 mg/dl, proximal tubular transport of glucose from the tubular lumen into the renal interstitium becomes saturated, and further glucose reabsorption is no longer possible. The glucose that remains in the renal tubules continues to travel into the distal nephron and, eventually, the urine, carrying water and electrolytes with it. Osmotic diuresis then results. The direct consequence of this osmotic diuresis is a decrease in total body water. Within the vascular space, in which gluconeogenesis and dietary intake continue to add glucose, the loss of water results in further hyperglycemia and loss of circulating volume. Hyperglycemia and the rise in the plasma protein concentration after intravascular water loss cause a hyperosmolar state. The hyperosmolarity of the plasma triggers release of antidiuretic hormone, which ameliorates renal water loss. Hyperosmolarity also stimulates thirst, a defense mechanism that is impaired in people dependent on others for care. In the presence of HHS, if the renal water loss is not compensated for by oral water intake, dehydration leads to hypovolemia. Hypovolemia, in turn, leads to hypotension, and hypotension results in impaired tissue perfusion. Coma is the end stage of this hyperglycemic process, when severe electrolyte disturbances occur in association with hypotension. Any process that accelerates water loss, such as diarrhea or severe burns, accelerates the development of hyperosmolarity and hypotension. In this severely dehydrated and hyperosmolar state, hypotension causes a massive stimulation of the renin-angiotensin-aldosterone system and, eventually, renal shutdown. Oliguria precludes further excretion of glucose from the kidneys, which conserves circulating volume but exacerbates hyperglycemia.

13 SINDROME IPERGLICEMICA IPEROSMOLARE HSS temibile complicanza del diabete mellito specie in età avanzata. Patogenesi: carenza di insulina circolante e concomitante incremento degli ormoni controregolatori (catecolamine, GH, glucagone) La ridotta clearance renale ed il diminuito utilizzo periferico del glu causano iperglicemia, e perdita di elettroliti che determinano iperosmolarità causando diuresi osmotica e lo shift dei fluidi nello spazio intravascolare, peggiorando la disidratazione intracellulare e causando la deplezione di Na e K. L iperglicemia, spesso misconosciuta, determina una diuresi osmotica che in assenza di chetosi non comporta una significativa acidosi per cui il ricorso alle cure mediche è spesso tardivo.

14 SINDROME IPERGLICEMICA IPEROSMOLARE (I) Emergenza metabolica acuta da ESTREMA DISIDRATAZIONE Si manifesta solitamente NELL ANZIANO per insufficiente introduzione di liquidi. L incidenza della HHS è stimata intorno a circa 1% di tutti i ricoveri Tra gli adulti negli USA ed in UK la mortalità arriva al 5-20% 1 negli anziani ed in quei pazienti con importanti comorbidità 1.Chen HF, et al Intern Med 2010;

15 SINDROME IPERGLICEMICA IPEROSMOLARE (II) CAUSE Infezioni (tratto urinario, polmoniti) Traumi Interventi chirurgici Pancreatite acuta Disidratazione Ustioni, colpo di calore Patologia cardio-vascolare acuta Farmaci (corticosteroidi, diuretici, propranololo, antipsicotici) Disturbi endocrini (tireotossicosi, Cushing acromegalia )

16 SINDROME IPERGLICEMICA IPEROSMOLARE (III) SINTOMI Sete intensa e poliuria Progressivo ottundimento del sensorio coma Debolezza, anoressia Nausea e vomito (se complicata da acidosi lattica) Dolore addominale SEGNI Disidratazione Ipotensione shock ipovolemico Tachicardia Polipnea Segni di sofferenza nervosa: Babinski + Progressivo ottundimento del sensorio Convulsioni e Coma (30%) In caso di infezioni può mancare la febbre

17 SINDROME IPERGLICEMICA IPEROSMOLARE (IV) LABORATORIO Iperosmolarità marcata (> mosm/kg) Osmolarità (mosm/l)=2 Na+ glicemia/18 Marcata iperglicemia (>600 mg/dl) Assenza di acidosi (insulina presente in circolo) ph >7.3; inferiore se complicato da acidosi lattica HCO3 normale o lievemente ridotto Deficit importante di Na e K

18 SINDROME IPERGLICEMICA IPEROSMOLARE terapia I 1. IDRATAZIONE CONTROLLATA 2. CORREZIONE DISORDINE ELETTROLITICO 3. TERAPIA INSULINICA Il deficit idrico varia da 6 a 10 litri ed è inversamente correlato all entità di aumento dell osmolarità plasmatica Somministrazione di: isotonica salina ml/kg/h o L nella prima ora poi *Serum Na+ Se [Na + should be corrected for hyperglycemia ] normale o alta: sol.salina 0.45%, (for each 100 mg/dl glucose >100 mg/dl, add 1.6 meq to sodium value ml/h Se [Na + ] ridotta: salina 0.9% ml/h Kitabchi A E et al. Dia Care 2006;29: (level 1+)

19 SINDROME IPERGLICEMICA IPEROSMOLARE- terapia II 1. IDRATAZIONE CONTROLLATA 2. TERAPIA INSULINICA 3. CORREZIONE DISORDINE ELETTROLITICO Insulina 0.1 UI/kg in bolo seguito da 0.1 UI/Kg/h in infusione Oppure 0.14 UI/kg/h in infusione Per valori Glu 300mg/dl rallentare infusione a UI/kg/h Kitabchi A E et al. Dia Care 2006;29: (level 1++)

20 ALGORITMO per INFUSIONE di INSULINA RAPIDA in POMPA SIRINGA Esempio BG Togliere iniziale= 0.5 ml 325 da mg/dl: Soluzione 325/100= Fisiologica 50 3,25 ml + arrotondato a 3,5: Insulina Regolare 50 U (0,5ml) = 1 U di Insulina in 1 ml IV bolo 3,5 U + infusione iniziale 3,5 U/h BOLO INIZIALE : Dividere la glicemia per 100 e arrotondare a 0.5 U per determinare il bolo e il dosaggio iniziale Glicemia mg /dl Bolo Iniziale e.v. Velocità di Infusione > 500 SI 5 cc/h SI 4 cc/h SI 3 cc/h SI / NO 2,5 cc/h / 2 cc/h + GluK in 2 via / 1,5 cc/h + GluK in 2 via (1 cc/h la notte) / 1 cc/h + GluK in 2 via ( 0,5 cc/h la notte) </= 110 STOP all INFUSIONE mantenendo GluK </= 70 Glucosio al 10% ev per almeno 2-4 ore con controllo stick ogni ora : Riprendere infusione per Glicemie > a 150 CONTROLLO GLICEMICO OGNI ORA fino alla 3 ORA POI OGNI 2 h per le PRIME 12 Ore e OGNI 4 h a Stabilizzazione GluK = Gluc. 5% 500 cc + KCl 20 meq a ml/h

21 ALGORITMO per INFUSIONE di INSULINA RAPIDA in Fleboclisi Togliere 0.5 ml da Soluzione Fisiologica 500 ml + Insulina Regolare 50 U (0.5 ml) = 1 U di Insulina in 10 ml Glicemia mg /dl Bolo Iniziale e.v. Velocità di Infusione > U 50 ml / h U 40 ml /h U 30 ml /h / 25 ml /h / 20 ml /h ml /h 10 ml/h la notte ml /h 5 ml /h la notte < 110 STOP all INFUSIONE < 70 INFONDERE GLUCOSATA al 10% con CONTROLLO della GLICEMIA DOPO 1 h : Riprendere infusione per Glicemie > a 150 controllo glicemico ogni ora fino alla 3 ora poi ogni 2 h per le prime 12 ore e ogni 4 h a stabilizzazione

22 SINDROME IPERGLICEMICA IPEROSMOLARE terapia III 1. IDRATAZIONE CONTROLLATA 2. TERAPIA INSULINICA 3. CORREZIONE DISORDINE ELETTROLITICO Correzione lenta dell ipernatremia con reidratazione [K + ]20-30 meq ogni litro di fluidi infuso Correzione dell ipokaliemia con KCl per ipocloremia associata: Potassiemia < 3.0 meq/l = velocità infusione 30 meq/ora (1+½ fiale KCl) Potassiemia >3.0<4.0 = 20 meq/ora (1 fiala /ora) Controllare la potassiemia ogni 3 ore nelle prime 12 ore e (1 ogni fiala 6 ore Kcl) successivamente Potassiemia >4.0<5.0 meq = 10 meq/ora (1/2 fiala /ora)(1/2 fiala KCl)

23 Pathogenesis of DKA and HHS, stress, infection, and/or insufficient insulin. ++Accelerated pathway (ref. 10). Kitabchi A E et al. Dia Care 2006;29: Copyright 2011 American Diabetes Association, Inc.

24 DKA HHS LIEVE MODERATO SEVERO GLICEMIA 250 mg/dl 250 mg/dl 250 mg/dl 600 mg/dl PH <7.00 >7.30 HCO <15 <10 >15 CHETONI URINARI CHETONI PLASMATICI OSM PLASMATICA VARIABILE VARIABILE V ARIABILE >320 ANION GAP >10 >12 >12 variabile SENSORIO Vigile vigile / obnubilato Stupor/coma Variabile Typical deficits Total water (l) 6 9 Water (ml/kg) Na (meq/kg) Cl (meq/kg) K (meq/kg) PO 4 (mmol/kg) Mg (meq/kg) Ca (meq/kg) Diagnostic criteria and typical total body deficits of water and electrolytes in DKA and HHS KITABCHI AE, Diabetes Care 2006

25 Si definisce chetoacidosi diabetica la triade iperglicemia, acidosi e chetosi,causata da carenza assoluta o relativa di insulina Cause inorganiche Omissione della terapia - volontaria - handicap Malfunzionamento degli strumenti di somministrazione - penne - microinfusori Mancanza di insulina CHETOACIDOSI DIABETICA (DKA) Cause organiche DM di nuova insorgenza Infezioni Abuso di alcol Stress emozionale Pancreatite Emorragia gastrointestinale Terapia steroidea Infusione i.v. di destrosio Interventi maggiori

26 Manifestazioni cliniche della DKA SEGNI E SINTOMI DA DEPLEZIONE DI VOLUME: Cute e mucose asciutte, bulbi oculari infossati, ipotensione fino allo shock ipovolemico, tachicardia SINTOMI DA ACIDOSI METABOLICA E DA DEPLEZIONE DI POTASSIO: Respiro di Kussmaul, alitosi a frutta marcia, anoressia, nausea, vomito. dolori addominali, ileo paralitico che se associato a leucocitosi può mimare un addome acuto ( d.d.) SINTOMI NEUROLOGICI Alterazioni dello stato di coscienza a vari livelli, dall obnubilamento fino al coma,determinati sia dall aumento dell osmolarità che da alterazioni del ph del liquor cerebrospinale. Disturbi comportamentali.

27 Terapia della chetoacidosi diabetica 1. REIDRATAZIONE 2. CORREZIONE DELL IPERGLICEMIA 3. CORREZIONE DEFICIT ELETTROLITI 4. CORREZIONE ACIDOSI

28 Bicarbonato 100 mmol bicarbonato di sodio in 400 ml di acqua sterile con KCl 20 meq a 200 ml/h finchè ph >7.0 Se ph >7.0 non vi è indicazione (peggioramnto della contrattilità miocardica, vasodilatazione cerebrale, e disturbi gastrointestili)

29 Protocol for the management of adult patients with DKA. *DKA diagnostic criteria: serum glucose >250 mg/dl, arterial ph <7.3, serum bicarbonate <18 meq/l, and moderate ketonuria or ketonemia. Kitabchi A E et al. Dia Care 2006;29:

30 ACIDOSI LATTICA:CAUSE L accumulo di lattato può essere secondario ad una aumentata produzione (ipossia) e/o ad un aumentato accumulo Il diabete per se predispone alla iperlattacidemia Nell 80-90% dei casi è secondaria ad insufficienza renale Altri fattori predisponesti sono l insufficienza epatica, l abuso di alcol, lo scompenso cardiaco e infezioni gravi

31 ACIDOSI LATTICA-II Maggioranza dei casi secondaria all uso di biguanidi Molto rara (1:40000 casi trattati) Più frequente con fenformina che con metformina Presenta ancora una alta mortalità (50%)

32 ACIDOSI LATTICA:clinica Nausea Vomito Diarrea Dolori muscolari (addome e gambe) Acidosi con iperventilazione Confusione mentale Shock Coma

33 ACIDOSI LATTICA: terapia Prevenzione (prescrizione di adeguati farmaci ipoglicemizzanti) La terapia deve essere più precoce possibile e deve mirare alla reversione dello shock, della ipossia e della acidosi Una modesta alcalinizzazione è quasi sempre richiesta L utilizzazione di insulina e glucosio è di dubbia efficacia L emodialisi è il trattamento più efficace e può essere ripetuta

34 Ipoglicemia Per ipoglicemia si intende una riduzione della concentrazione plasmatica di glucosio (al di sotto di mg/dl) tale da determinare l insorgenza di sintomi che regrediscono con il ripristino dei normali livelli glicemici

35 Ipoglicemia cause IPERINSULINEMIA ASSOLUTA errore di prescrizione errore nel dosare le unità irregolarità nell assorbimento della insulina IPERINSULINEMIA RELATIVA pasto ritardato o inadeguato attività fisica non programmata assunzione di alcolici diminuita degradazione di insulina insufficienza epatica o renale dopo recupero da situazioni di stress al termine della gravidanza in presenza di

36 Ipoglicemia Sintomi NEUROGLICOPENICI ADRENERGICI Sonnolenza Confusione mentale Decadimento funzioni cognitive Difficoltà a parlare Incapacità a concentrarsi Spossatezza Turbe dell umore Psicosi Convulsioni Coma Ansia Palpitazioni Tachicardia Tremori Sudorazione Sensazione di fame NON SPECIFICI Malessere Nausea Cefalea

37 PROTOCOLLO IPOGLICEMIA: GLICEMIA < mg/dl Se il paziente è in grado di assumere alimenti per os: 15 g di zuccheri semplici (3 bustine o zollette di zucchero, 100 cc di succo di frutta, 200 cc di latte parzialmente scremato,mezza lattina di Coca Cola,tè con tre cucchiaini di zucchero) Se il paziente non è in grado di assumere alimenti per os: somministrare e.v. O per S.N.G. 25 ml di glucosata al 50 % o 50 ml di glucosata al 33% o 150 ml di glucosata al 10% Misurare la glicemia ogni 20 minuti fino a che la glicemia sia > mg/dl ed eventualmente ripetere la somministrazione di zuccheri secondo le suddette modalità e quantità Misurare la glicemia ogni ora e ripartire con la infusione al 50% della precedente impostazione quando la glicemia è > di 120 mg/dl in due occasioni consecutive Regola del 15 = 15 gr glucosio ogni 15 min. TRIALOGUE Beltramello GP et al Italian Journal of Medicine 2012

38 Position Paper AMD-SID-SIEDP sugli analoghi rapidi dell'insulina. USO IN INFUSIONE ENDOVENOSA a. Apidra : può essere somministrata per via endovenosa. Apidra non deve essere miscelata con soluzione glucosata 5% o soluzione di Ringer in quanto risultata incompatibile con queste soluzioni, o con altre insuline. L uso di altre soluzioni non è stato studiato. Insulina glulisina per uso endovenoso alla concentrazione di 1 Unità/ml è stabile a temperatura ambiente per 48 ore. b. Humalog : L' iniezione endovenosa di insulina lispro deve essere effettuata seguendo la normale pratica clinica, per esempio mediante bolo o tramite un dispositivo per infusione. E richiesto un frequente monitoraggio dei livelli di glicemia. I dispositivi per infusione con concentrazioni di insulina lispro da 0,1 U/ml a 1,0 U/ml in soluzioni di sodio cloruro allo 0,9% o di destrosio al 5% sono stabili a temperatura ambiente per 48 ore. c. NovoRapid : NovoRapid può essere somministrato per via endovenosa. I sistemi di infusione con NovoRapid 100U/ml alle concentrazioni di insulina aspart da 0.05 U/ml a 1.0 U/ml nelle soluzioni di infusione composti da 0.9% di cloruro di sodio, 5% di destrosio o 10% di destrosio con 40 mmol/l di cloruro di potassio nelle sacche di infusione in polipropilene sono stabili a temperatura ambiente per 24 ore. Position statement SID AMD SIEP su analoghi rapidi- Maggio 2012

39 TRANSIZIONE DALLA TERAPIA INSULINICA ENDOVENOSA A QUELLA SOTTOCUTE PAZIENTE CHE SI ALIMENTA,STABILE METABOLICAMENTE,NON CRITICO Calcolare il totale delle UI di Insulina praticate nelle ultime 12 ore e moltiplicare x 2 (si ottiene la dose delle 24 ore) Per esempio :20 ml=20 UI di insulina x 2= 40 UI 40UI è la dose da somministrare in 24 ore Suddividere la dose calcolata al 50% tra analogo rapido e lenta ADA(es. E Consensus TRIALOGUE(SID, AMD, FADOI) 20 UI lenta Lantus) e italiana 20 UI analogo rapido (es.humalog,novorapid,apidra) Glucose target = mg/dl Per le prime somministrazioni sottrarre il 20% alla Lenta (per es. 16 UI Lantus) Prescrivere l analogo rapido (es.humalog,novorapid,apidra) il 20% della quota a colazione : 4 UI il 40% della quota a pranzo : 8 UI il 40% della quota a cena : 8 UI somministrare la prima dose di Analogo Rapido 15 minuti prima di staccare l infusione somministrare la prima dose di Analogo Lento 2 ore prima di staccare l infusione

40 APPROCCIO AL PAZIENTE DIABETICO CRITICO MANAGEMENT DEL PAZIENTE-I Trattamento di emergenza: Verranno seguite le priorità stabilite dai protocolli di emergenza (ABC) Esame obiettivo PA,, stato di idratazione, stato della coscienza (GCS) Misurazione della glicemia capillare con HGT Anamnesi Patologica, sintomatologica e farmacologica (se possibile) Esami di laboratorio preliminari Glicemia, Azotemia, Creatinina, Emocromo completo, Na+, K+, Cl plasmatici, Enzimi cardiaci, EGA arterioso, PT, PTT, INR, D-Dimeri Chetonemia, chetonuria (strisce reattive) GOT, GPT, GGT, Aph Amilasi, lipasemia, es. colturali dosaggio acido lattico:nei caso di sospetto di acidosi lattica MANAGEMENT DEL PAZIENTE II Esami strumentali Rx Torace Accessi venosi reperimento di uno o, meglio, due accessi venosi periferici di grosso calibro che permettano un'eventuale abbondante infusione di liquidi in caso non fossero reperibili accessi periferici adeguati utile incannulamento venoso centrale Catetere vescicale e/o posizionamento di sondino naso-gastrico ECG da eseguirsi solo in caso di: grave compromissione della coscienza ( nel maschio raccoglitori di urina con comdom)

41 Variabilità Glicemica e Mortalità nelle UTIC J. Hermanides et al., Crit Care Med, 2010

42 ATTENZIONE ALLA GLICEMIA DEL NOSTRO PAZIENTE IL CONTROLLO GLICEMICO DEL PAZ IN MEDICINA D URGENZA E FONDAMENTALE PER PREVENIRE PERICOLOSE COMPLICANZE ACUTE PARTICOLARE ATTENZIONE VA PRESTATA AL PAZIENTE CON COMORBIDITA /ANZIANO LE INSULINE NON SONO TUTTE UGUALI!! ATTENZIONE ALL USO OFF-LABEL MISCONOSCIUTO

43 SPECIAL THANKS DR. M DE ROBERTO DR. A PETROCELLI DR.SSA L. BOZZETTO

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE La Chetoacidosi Diabetica Definizione La chetoacidosi diabetica è causata da una carenza assoluta o relativa di insulina con

Dettagli

Chetoacidosi diabetica (DKA)

Chetoacidosi diabetica (DKA) Università degli studi di Parma Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento dell Età evolutiva Prof. M. Vanelli Chetoacidosi diabetica (DKA) 1 È responsabile della maggior parte dei ricoveri nonché della

Dettagli

la gestione del rischio

la gestione del rischio L AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO (SMBG) COME VALUTAZIONE E APPLICAZIONE DI UNA TECNOLOGIA SANITARIA Un opportunità di miglioramento della clinical competence per il diabetologo, attraverso la valorizzazione

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

CHETOACIDOSI SINDROME IPERGLICEMICA- IPEROSMOLARE ACIDOSI LATTICA IPOGLICEMIA

CHETOACIDOSI SINDROME IPERGLICEMICA- IPEROSMOLARE ACIDOSI LATTICA IPOGLICEMIA LE COMPLICANZE ACUTE DEL DIABETE MELLITO Medicina d Urgenza 2006 Dott. G. Serviddio LE COMPLICANZE ACUTE DEL DIABETE MELLITO CHETOACIDOSI SINDROME IPERGLICEMICA- IPEROSMOLARE ACIDOSI LATTICA IPOGLICEMIA

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI IL POTASSIO IN DIALISI Dott. Francesco Cosa AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI RESPONSABILE PROF. DANIELE CUSI METABOLISMO

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico IPERGLICEMIA IN OSPEDALE La gestione del diabete e in genere dell iperglicemia in ospedale è considerata spesso di secondaria importanza

Dettagli

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia Dr.ssa P.Stefanoni Definizione Si parla di ipoglicemia quando la concentrazione ematica di glucosio è inferiore a 70 mg/dl AMD-SID, 2009-2010 L ipoglicemia è..

Dettagli

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica

Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica Il DMT1 costituisce una delle malattie croniche più frequenti e l endocrinopatia più frequente in età pediatrica In Pediatria: DMT1 90% DMT2 10% (femmine in peri-pubertà, obese) rari MODY(Maturity Onset

Dettagli

La gestione della disidratazione nel paziente anziano fragile

La gestione della disidratazione nel paziente anziano fragile Rassegna La gestione della disidratazione nel paziente anziano fragile Mauro Marin Medico di medicina generale Pordenone, AIMEF La disidratazione nel paziente anziano, che consegue a un ridotto apporto

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

Convivere con il diabete. Alti e bassi della glicemia. Controllarsi meglio per mantenere l equilibrio

Convivere con il diabete. Alti e bassi della glicemia. Controllarsi meglio per mantenere l equilibrio Convivere con il diabete Alti e bassi della glicemia Controllarsi meglio per mantenere l equilibrio Con la consulenza scientifica di Roberto Manunta Dirigente Medico 1 livello AULSS 18 Rovigo Progettazione,

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

BD Medical - Diabetes Care. Ipoglicemia. 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51

BD Medical - Diabetes Care. Ipoglicemia. 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51 BD Medical - Diabetes Care Ipoglicemia 06_Ipoglicemia.indd 1 29-10-2009 17:11:51 Indice L ipoglicemia: cos è? L ipoglicemia: come riconoscerla? Ipoglicemia: cosa la provoca? E come si previene? Ipoglicemia:

Dettagli

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA Dott. Adolfo Affuso La nutrizione artificiale è parte integrante della terapia del paziente Un adeguato apporto nutrizionale migliora l outcome del malato INDICAZIONI ALLA

Dettagli

Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo

Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo SALVATORE ITALIA U.O.S. Endocrinologia e Mal. Metaboliche Azienda Ospedaliera Umberto I Siracusa Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo OBIETTIVI DI UN MODELLO ASSISTENZIALE

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

Linee Guida Diagnosi e Trattamento Complicanze Acute del Diabete

Linee Guida Diagnosi e Trattamento Complicanze Acute del Diabete N documento Pagina 1 di 43 DIABETE REGIONE PIEMONTE- ASL 4 OSPEDALE TORINO NORD EMERGENZA SAN GIOVANNI BOSCO Linee Guida Diagnosi e Trattamento Complicanze Acute del Diabete ELABORAZIONE S.C. DIABETOLOGIA

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. Crisi ipoglicemiche. CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S.

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. Crisi ipoglicemiche. CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi ipoglicemiche CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI IPOGLICEMICHE La costanza della glicemia è necessaria

Dettagli

La Nutrizione Enterale Domiciliare

La Nutrizione Enterale Domiciliare Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O. Aziendale di Gastroenterologia e Dietetica Clinica U.O.S. Dietetica Clinica La Nutrizione Enterale Domiciliare Informazioni utili per il paziente e la

Dettagli

L ipoglicemia IPOGLICEMIA LIEVE

L ipoglicemia IPOGLICEMIA LIEVE L ipoglicemia L ipoglicemia è la più comune complicanza acuta associata al diabete. La maggioranza dei diabetici curati con insulina fa l esperienza d frequenti ipoglicemie lievi. Circa il 10% presentano

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DIABETE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL DIABETICO ALLA GUIDA Con il termine diabete mellito viene descritto un disordine metabolico ad eziologia multipla caratterizzato

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

Dipartimento Cure Primarie. U.O. Aziendale Pediatria di Comunità. Diabete e scuola. Informazioni utili

Dipartimento Cure Primarie. U.O. Aziendale Pediatria di Comunità. Diabete e scuola. Informazioni utili Dipartimento Cure Primarie U.O. Aziendale Pediatria di Comunità Diabete e scuola Informazioni utili Dipartimento Cure Primarie U.O. Aziendale Pediatria di Comunità Diabete e scuola Informazioni utili Il

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica La gestione dell iperglicemia nel DEU Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica Studio retrospettivo su 1886 pz. ricoverati in Medicina o Chirurgia (Umpierrez GE, J Clin Endocrinol

Dettagli

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE Classificazione dell Iperglicemia in Ospedale 1) Diabete mellito noto diabete diagnosticato e trattato prima del ricovero 2) Diabete mellito

Dettagli

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO

PROCEDURA HOME CARE TRATTAMENTO AL DOMICILIO TRATTAMENTO AL Pag. TRATTAMENTO AL Data di applicazione 0//07 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 3 //07 Medico RD Dott. A. Benini Dott.F. Brunelli Dott. A. Cattoli Dottssa.D. Rinnovi

Dettagli

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE DIABETICO Il documento è finalizzato ad individuare modalità operative che consentano una più agevole integrazione tra assistenza

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

IPERGLICEMIE E IPOGLICEMIE IN OBI

IPERGLICEMIE E IPOGLICEMIE IN OBI STRUTTURA COMPLESSA MEDICINA E CHIRURGIA DI ACCETTAZINE E URGENZA Direttore Dott. Vito Procacci IPERGLICEMIE E IPOGLICEMIE IN OBI VITO PROCACCI Matera 19-20/03/10 L OBI NEGLI SQUILIBRI GLICOMETABOLICI

Dettagli

Metabolismo GLUCIDICO

Metabolismo GLUCIDICO Metabolismo GLUCIDICO COMPOSIZIONE DI UN ORGANISMO ADULTO Altro 3% Acqua 60% Carboidrati 1% Proteine 16% Lipidi 20% CALORIE TEORICHE PRODOTTE DALL OSSIDAZIONE COMPLETA DEI VARI SUBSTRATI (uomo adulto 70

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA - alterazione funzione renale con quadro clinico molto vario da muto a gravissimo - patogenesi varia, distinta in tre forme: 1. pre-renale (funzionale) 2. renale (organica) 3. post-renale (ostruttiva)

Dettagli

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate Diabete mellito e.oltre le consuete complicanze dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 Il diabete mellito Diabete mellito: criteri diagnostici Prediabete

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

CONDIZIONI CRITICHE NELLA PRATICA CLINICA TERRITORIALE DR. R. GIANNATTASIO DIRIGENTE MEDICO I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE

CONDIZIONI CRITICHE NELLA PRATICA CLINICA TERRITORIALE DR. R. GIANNATTASIO DIRIGENTE MEDICO I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE CONDIZIONI CRITICHE NELLA PRATICA CLINICA TERRITORIALE DR. R. GIANNATTASIO DIRIGENTE MEDICO I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA 1 CENTRO CLINICA E TRATTAMENTO DELLA IPO E DELLA

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA

INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA INDICAZIONI GENERALI PER LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA 1. MANIFESTAZIONI DELLA CRISI EPILETTICA La maggior parte delle crisi in persone con epilessia nota non rappresenta una

Dettagli

QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA.

QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA. QUANDO PER UN TEMPO ABBASTANZA LUNGO C E UNA RIDUZIONE DEL FLUIDO O UNA DILATAZIONE DEI TUBI O UN DANNEGGIAMENTO DELLA POMPA. IPOVOLEMIA VASODILATAZIONE PERIFERICA INSUFFICIENZA CARDIACA SHOCK IPOVOLEMICO

Dettagli

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

AORN S.Anna S.Sebastiano Caserta UO Geriatria, Endocrinologia Mal del Ricambio. Dott. Mario Parillo

AORN S.Anna S.Sebastiano Caserta UO Geriatria, Endocrinologia Mal del Ricambio. Dott. Mario Parillo AORN S.Anna S.Sebastiano Caserta UO Geriatria, Endocrinologia Mal del Ricambio Dott. Mario Parillo Diabete e chirurgia 50 % dei paz. diabetici necessita di chirurgia - per patologie conseguenti a complicanze

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1 DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITÀ MEDICINALE Calcio Carbonato + vitamina D3 ABC 1000 mg/880 U.I. granulato effervescente 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

Alcol e patologie alcol correlate: attività della medicina territoriale ed ospedaliera. Vaio, 31 maggio 2007. Cosa può fare l ospedale.

Alcol e patologie alcol correlate: attività della medicina territoriale ed ospedaliera. Vaio, 31 maggio 2007. Cosa può fare l ospedale. Alcol e patologie alcol correlate: attività della medicina territoriale ed ospedaliera Vaio, 31 maggio 2007 Cosa può fare l ospedale Mario Pini Ruolo dell ospedale Trattamento delle intossicazioni acute

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria 1 Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria Marco Confalonieri Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Struttura Complessa PNEUMOLOGIA-UTIR Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

Guida Accu-Chek Squilibri metabolici nelle persone con diabete: una situazione a rischio.

Guida Accu-Chek Squilibri metabolici nelle persone con diabete: una situazione a rischio. Guida Accu-Chek Squilibri metabolici nelle persone con diabete: una situazione a rischio. Cara lettrice, caro lettore, Indice nelle persone affette da diabete si possono sempre verificare pericolosi squilibri

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 Premessa Eterogeneità della popolazione anziana diabetica Scarsi gli studi focalizzati sugli anziani fragili

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. ENDOREM

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. ENDOREM RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. ENDOREM 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ENDOREM, 11,2 mg Fe/ml, concentrato per sospensione per infusione. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA 1 ml

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV)

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) Il diabete mellito è formato da un gruppo eterogeneo di disturbi metabolici

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG A cura di Marco Pietro Mazzi e Maria Chiara Cressoni (SIMG-FIMMG ASL 22) PREMESSA Nella gestione del paziente diabetico l obiettivo

Dettagli

MODELLISTICA I PROCESSI FARMACOCINETICI (ADME) POSSONO ESSERE MODELLIZZATI I MODELLI SERVONO

MODELLISTICA I PROCESSI FARMACOCINETICI (ADME) POSSONO ESSERE MODELLIZZATI I MODELLI SERVONO MODELLISTICA I PROCESSI FARMACOCINETICI (ADME) POSSONO ESSERE MODELLIZZATI I MODELLI SERVONO 1. PREVEDERE LE CONCENTRAZIONI PLASMATICHE E TISSUTALI A SEGUITO DI QUALSIASI DOSAGGIO 2. CALCOLARE IL DOSAGGIO

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione Provincia Autonoma di Trento Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari via Degasperi, 79-38100 - Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione Direttore: dr. Edoardo Geat U.O. Anestesia e Rianimazione

Dettagli

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Dr. Giovanni Luca Galimberti NOA Seregno ASL Prov.MILANO3 Dr. Giovanni Luca Galimberti 1 Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Il trattamento

Dettagli

Nutrizione parenterale in Urgenza

Nutrizione parenterale in Urgenza 1 Nutrizione parenterale in Urgenza 1 Carmelo D'Amato M.D. 2 Nutrizione Parenterale Rientra nelle due forma di nutrizione artificiale Enterale Parenterale 2 3 Nutrizione Artificiale Somministrazione guidata

Dettagli

Protocollo Assistenziale

Protocollo Assistenziale Protocollo Assistenziale Gestione del paziente sottoposto a Redatto da Infermiere Tiziano Mazzoni Infermiera specialista* Paola Lorenzani * master I liv Area Critica Verificato Approvato 1 Indice Finalità

Dettagli

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 ALLEGATO 2 GLICINA DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 RIASSUNTODELLECARATTERISTICHEDELPRODOTTO 1.DENOMINAZIONEDELMEDICINALE Glicina1,5%soluzioneperirrigazione 2.COMPOSIZIONEQUALITATIVAEQUANTITATIVA

Dettagli

Somministrazione di farmaci ai bambini con diabete nelle scuole

Somministrazione di farmaci ai bambini con diabete nelle scuole Clinica pediatrica dell Universita di Perugia SERVIZIO REGIONALE di DIABETOLOGIA PEDIATRICA dell UMBRIA Somministrazione di farmaci ai bambini con diabete nelle scuole Prof Giovanni De Giorgi Diabete Mellito:

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

:: Diabete insipido nefrogeno congenito

:: Diabete insipido nefrogeno congenito :: Diabete insipido nefrogeno congenito Queste raccomandazioni, tratte dalla versione francese pubblicata nel 2009, sono state adattate da Orphanet-Italia in collaborazione con il Dr. Salvatore Meola e

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Acqua e corretta alimentazione

Acqua e corretta alimentazione Acqua e corretta alimentazione LM Donini Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Fisiopatologia Medica, Scienza dell Alimentazione ed Endocrinologia Unità di Ricerca di Scienza dell Alimentazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EMERGENZA

DIPARTIMENTO DI EMERGENZA DIPARTIMENTO DI EMERGENZA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE Accettazione, Pronto Soccorso ed Osservazione Breve Responsabile Dott. Felice ROTA Via Martiri della Liberta - 17014 Cairo Montenotte (SV) Tel

Dettagli

Progetto per garantire al bambino con diabete un percorso nella scuola in sicurezza

Progetto per garantire al bambino con diabete un percorso nella scuola in sicurezza 1 Safe at Progetto per garantire al bambino con diabete un percorso nella scuola in sicurezza Lettera ad insegnanti ed educatori nella scuola per vivere serenamente il diabete nella scuola Questo testo

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Programma di accreditamento SIMI Esperienza della Medicina i 3 Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza prof. Paolo Cavallo Perin, prof. Graziella Bruno, Dept. of Medical Sciences, University

Dettagli

Scaricato da www.sunhope.it 1

Scaricato da www.sunhope.it 1 SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA LESIONI DA ELETTRICITA PROF.SSA A. SCAFURO Le lesioni dovute all elettricità sono eventi relativamente rari, ma le manifestazioni

Dettagli

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014 ESERCIZIO FISICO E DIABETE Prof. Nicola Candeloro Campobasso 9 Aprile 2014 Steve Redgrave 5 volte oro olimpico (1984,1988,1992,1996,2000) Diabete tipo 1 Effetti del training sul metabolismo energetico

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

Safe at school. Progetto per garantire al bambino con diabete un percorso nella scuola in sicurezza

Safe at school. Progetto per garantire al bambino con diabete un percorso nella scuola in sicurezza Safe at school Progetto per garantire al bambino con diabete un percorso nella scuola in sicurezza costruire. insieme Ambulatorio di Diabetologia Pediatrica, Clinica Pediatrica di Novara Corso Mazzini

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

Gruppo di Lavoro Soldani Gianna Rossi Sonia Bugianelli Stefania Piccolo Daniela Sabattini Enrica. Relatore: Bugianelli Stefania

Gruppo di Lavoro Soldani Gianna Rossi Sonia Bugianelli Stefania Piccolo Daniela Sabattini Enrica. Relatore: Bugianelli Stefania Gruppo di Lavoro Soldani Gianna Rossi Sonia Bugianelli Stefania Piccolo Daniela Sabattini Enrica Relatore: Bugianelli Stefania Per età biologica si intende l età che si può attribuire ad un individuo sulla

Dettagli

L Ostetrica e la procreazione medicalmente assistita. Dr. Baffoni, Dr.ssa Bertezzolo, I.P.Pistolato U.O.S. Fisiopatologia della Riproduzione

L Ostetrica e la procreazione medicalmente assistita. Dr. Baffoni, Dr.ssa Bertezzolo, I.P.Pistolato U.O.S. Fisiopatologia della Riproduzione L Ostetrica e la procreazione medicalmente assistita Dr. Baffoni, Dr.ssa Bertezzolo, I.P.Pistolato U.O.S. Fisiopatologia della Riproduzione L Ostetrica è una figura centrale nella gestione della coppia

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

IL diabete gestazionalee la gravida diabetica. Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011

IL diabete gestazionalee la gravida diabetica. Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011 IL diabete gestazionalee la gravida diabetica Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011 Diabete pre-esistente esistente EFFETTI del DIABETE sulla GRAVIDANZA Anomalie

Dettagli

Il diabete mellito e la valutazione dell omeostasi glicemica

Il diabete mellito e la valutazione dell omeostasi glicemica Il diabete mellito e la valutazione dell omeostasi glicemica Glicolisi Glicolisi aerobica: Glucosio+6O2+35.5(ADP+Pi)- - > 6CO2+35.5 ATP Glicolidi anaerobica (Ambden- Meyerhof) Glucosio+3(ADP+Pi) - - >

Dettagli

Clinica Pediatrica Dipartimento di Scienze della Riproduzione e dello Sviluppo

Clinica Pediatrica Dipartimento di Scienze della Riproduzione e dello Sviluppo Clinica Pediatrica Direttore prof. Alessandro Ventura Dipartimento di Scienze della Riproduzione e dello Sviluppo Universita di Trieste S.S. di ENDOCRINOLOGIA-AUXOLOGIA-DIABETOLOGIA. Centro Regionale di

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO IN PRONTO SOCCORSO Federica Sturaro SSD Pronto Soccorso Cittiglio GAVIRATE, 25 OTTOBRE 2014 Persona in cui: è assente almeno una delle tre funzioni vitali:

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Incidenti stradali Annegamento Incidenti domestici Caratteristiche dei traumi pediatrici Tipo di trauma Traumi associati Differenze

Dettagli