$ %!"##! Compliance Risk nei servizi di investimento 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "$ %!"##! Compliance Risk nei servizi di investimento 1"

Transcript

1 $ %!"##! Copyright SDA Bocconi Copyright 2008 SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 1

2 Compliance risk nell evoluzione dei servizi di investimento - Natura, strumenti e aspetti organizzativi Obiettivo La ricerca analizza lo stato attuale e lo scenario evolutivo dell organizzazione della funzione compliance da parte di banche e di società di investimento Per la prima volta in sede d indagine empirica il tema del compliance risk si focalizza sull evoluzione dei servizi di investimento in un momento di intenso cambiamento delle regole del gioco (impatto MiFID) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 2

3 Compliance Risk Il rischio di non conformità alle norme è il rischio di incorrere in sanzioni giudiziarie o amministrative, perdite finanziarie rilevanti o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme imperative (di legge o di regolamenti) ovvero di autoregolamentazione (es. statuti, codici di condottam codici di autodisciplina). Banca d Italia, Disposizioni di Vigilanza, La funzione di conformità (compliance), N del Gli intermediari attribuiscono alla funzione di controllo di conformità (compliance), le seguenti responsabilità: a) Controllare e valutare regolarmente l adeguatezza e l efficacia delle procedure adottate ai sensi dell art.15 e delle misure adottate per rimediare a eventuali carenze nell adempimento degli obblighi da parte dell intermediario.. b) Fornire consulenza e assistenza ai soggetti rilevanti incaricati dei servizi ai fini degli obblighi posti dalle disposizioni di recepimento della direttiva 2004/39/CE e delle relative misure di esecuzione. Regolamento della Banca d Italia e della Consob ai sensi dell art6, comma2-bis del TUF del (art.16) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 3

4 Regole del gioco Il rischio di non conformità alle norme è il rischio di incorrere in sanzioni giudiziarie o amministrative, perdite finanziarie rilevanti o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme imperative (di legge o di regolamenti) ovvero di autoregolamentazione (es. statuti, codici di condottam codici di autodisciplina). Banca d Italia, Disposizioni di Vigilanza, La funzione di conformità (compliance), N del Gli intermediari attribuiscono alla funzione di controllo di conformità (compliance), le seguenti responsabilità: a) Controllare e valutare regolarmente l adeguatezza e l efficacia delle procedure adottate ai sensi dell art.15 e delle misure adottate per rimediare a eventuali carenze nell adempimento degli obblighi da parte dell intermediario.. b) Fornire consulenza e assistenza ai soggetti rilevanti incaricati dei servizi ai fini degli obblighi posti dalle disposizioni di recepimento della direttiva 2004/39/CE e delle relative misure di esecuzione. Regolamento della Banca d Italia e della Consob ai sensi dell art6, comma2-bis del TUF del (art.16) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 4

5 Compliance risk nell evoluzione dei servizi di investimento - Natura, strumenti e aspetti organizzativi Metodologia e campione d indagine Alla ricerca hanno partecipato trentacinque intermediari finanziari tra banche, società di gestione del risparmio e società di intermediazione La rilevazione dei dati è avvenuta tramite questionario on-line Il questionario è stato costruito sulla base delle osservazioni emerse nella fase pilota della ricerca realizzata tramite interviste (gennaio-febbraio 2007) La raccolta dei dati è terminata nel mese di luglio 2007 Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 5

6 Compliance risk nell evoluzione dei servizi di investimento - Natura, strumenti e aspetti organizzativi Metodologia e campione d indagine Duplice criterio di lettura dei dati: IF c on o p e ra ti vità in ter na z io n ale N u m ero N u m ero 9 B an ch e 2 1 IF c on o p e ra ti vità d o m e stica 2 6 Al tr i I nte rm ed ia ri F in a n zi ar i (S GR, S IM ) T ota le 3 5 T o ta le Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 6

7 Compliance risk nell evoluzione dei servizi di investimento - Natura, strumenti e aspetti organizzativi Contenuti 1. Posizionamento della funzione compliance all interno della struttura organizzativa 2. Ruoli attribuiti alla funzione compliance 3. Metodologie di misurazione, di trasferimento e di mitigazione del compliance risk nell area dei servizi di investimento 4. Modalità di interazione tra la funzione compliance all interno della struttura e all esterno Executive Summary - Schede introduttive - V parte Metodologia Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 7

8 1. Posizionamento della funzione compliance all interno della struttura organizzativa Obiettivo: rilevare non solo il disegno organizzativo della funzione in termini statici (macro e microstruttura), ma il potere effettivo, definito dai meccanismi operativi, dai sistemi di relazione, dai profili quali-quantitavi del capitale umano coinvolto nell attività (risorse disponibili e interrelazioni critiche) 1.1 Posizionamento della funzione nell organigramma; 1.2 Interdipendenze con altre funzioni aziendali 1.3 Microstruttura (dimensione e articolazione dei ruoli) 1.4 Caratteristiche del processo di pianificazione strategica, le risorse disponibili e le relative modalità di utilizzo Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 8

9 1.1 Posizionamento della funzione compliance all interno dell organigramma Compliance start at the top In staff a CdA o AD oppure, pur operando nell ambito delle funzioni di audit o legale, riporta direttamente al CdA, senza filtri formali da parte della DG dipende da DG, che ha il compito di realizzare efficaci processi di controllo della compliance, sulla base di linee guida definite dal CdA 12 Grafico 1. A chi riporta il responsabile della funzione Compliance Direttore Generale Amministratore Delegato CdA Audit Legale e Affari societari Altro Risk mangement (vuoto) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 9

10 1.1 Posizionamento della funzione compliance all interno dell organigramma: Accentramento/Decentramento Il modello decentrato è più diffuso di quello totalmente accentrato La morfologia è variabile, da caso a caso, in termini di presidi esistenti anche a livello di singole business unit (BU), con livelli diversi di autonomia operativa Quando presente, la soluzione accentrata caratterizza le realtà nazionali in quelle con operatività internazionale, si propende per soluzioni più articolate in funzione delle specificità delle diverse realtà operative di gruppo Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 10

11 1.2 Interdipendenza con altre funzioni aziendali: il network interno Il livello di integrazione (scala da 0 a 10) non risulta elevato media 5,50 Le funzioni che interagiscono in modo più diretto con la funzione compliance sono: altre unità di controllo: Organismo di vigilanza ex 231/01, Collegio Sindacale, CdA; altri organi di controllo o con competenze giuridico-legali Legale, Internal auditing si rileva difformità di rilievo tra i casi di IF con operatività prevalentemente domestica e IF caratterizzati da prevalente operatività internazionale, per i quali la compliance è concepita come una funzione nettamente diversa da quella di internal auditing, determinando l indipendenza sostanziale tra le due Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 11

12 1.2 Interdipendenza con altre funzioni aziendali: il network interno Grafico 6. Rappresentatività della funzione Compliance in altri organi collegiali cfr intermediari a prevalente operatività internazionali e nazionali Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 12

13 1.3 La microstruttura della funzione compliance Analisi relativa alle dimensioni delle unità e alla distribuzione interna dei compiti nella maggior parte dei casi si tratta di un unità articolata (solo nelle realtà più piccole - filiali o succursali di banche estere e intermediari finanziari specializzati - si riscontrano soluzioni monocratiche o di piccolissime dimensioni ) l articolazione della funzione compliance segue per lo più un criterio misto, normativo, per area di business e per attività di front e back office Tabella 4. La dimensione dell organico della funzione compliance NAZIONALI INTERNAZ. BANCHE ALTRI IF Nessuna persona full time 13,64% 0,00% 4,76% 14,29% Da 1 a 5 persone full time 50,00% 76,92% 57,14% 64,29% Da 6 a 10 persone full time 13,64% 7,69% 19,05% Oltre 20 persone full time 4,55% 7,69% 9,52% Non risponde 18,18% 7,69% 9,52% 21,43% Totale 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 13

14 1.4 La pianificazione delle attività di compliance e le scelte di impiego delle risorse Analisi relativa a tempistica nella pianificazione e presenza budget autonomo: la funzione compliance produce nel 65% dei casi un piano di azione, che copre uno spettro annuale nel 78% dei casi. Il piano è rivisto su base semestrale nel 63% dei casi, in relazione a novità normative che impongono nuove priorità e all esito dei controlli condotti la funzione compliance dispone di un budget indipendente in misura minoritaria nell ambito del campione 70.0% 60.0% 50.0% 40.0% 30.0% 20.0% 10.0% 0.0% 59.1% 46.2% 46.2% 22.7% 18.2% 7.7% No Si (vuoto) Delle 11 società che dispongono di un budget di risorse indipendente, 8 dichiarano di poter contare su una somma inferiore ai , solo una banca internazionale gestisce importi compresi tra e un milione Nazionali Internazionali Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 14

15 2. I ruoli attribuiti alla funzione compliance Obiettivo: comprendere l efficacia della funzione compliance, considerando le risorse (umane le persone) e tecniche utilizzate (i sistemi informativi sviluppati in software, hardware e reti di comunicazione), comprendere se sono adeguate ai cambiamenti previsti e valutare il trend dei costi 2.1 Individuare il livello percepito delle competenze utilizzate; 2.2 Verificare l allocazione dell impegno delle persone tra diversi compiti e su diversi contenuti; 2.3 Rilevare il grado ed il tipo di diffusione di supporti IT; 2.4 Segnalare i principali fattori di cambiamento attesi e stimare le aspettative circa l andamento dei relativi costi Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 15

16 2.1 Il livello percepito delle competenze utilizzate Il livello delle competenze delle persone attualmente impegnate nella funzione compliance è riferito a diverse aree di conoscenze, di capacità e di esperienze (0, competenze assenti 10, competenza massima) Grafico 17. Livello delle competenze disponibili nella funzione Compliance a) Legali b) Normativa di Vigilanza c) Audit d) Organizzazione e) Prodotti e servizi di investimento f) Commerciali g) Amministrative h) Di business i) Altre (specificare) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 16

17 2.1 Il livello percepito delle competenze utilizzate Le competenze maggiormente a disposizione sono relative a: normativa di vigilanza (8,42) e a prodotti e servizi di investimento (7,68), seguite da organizzazione, audit e competenze legali La centralità delle spinte alla compliance più tradizionale (norme di origine esterna) e i profili di interdipendenza tra compliance e funzioni tipicamente, seppur in modo diverso, inerenti la conformità si confermano anche a livello di competenze percepite Le competenze riconducibili alle fasi più propriamente legate ai mercati di sbocco (commerciali e di business) sono percepite minori L attività di compliance richiede competenze differenziate, in parte complementari, necessarie a sostenere un impegno crescente nei prossimi anni in relazione alle sfide poste dai cambiamenti della normativa e dalla concorrenza a livello internazionale Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 17

18 2.2 L allocazione dell impegno delle persone: compiti e contenuti Grafico 21. L allocazione dell impegno delle persone ai compiti della funzione Compliance negli intermediari internazionali e nazionali Media INTERNAZIONALI Media NAZIONALI Range interquartili a) Monitoraggio b) Reporting all Alta Direzione c) Supporto di informazioni/consulenz a ad altre funzioni d) Formazione e) Implementare i cambiamenti richiesti dagli organi di controllo f) Progetti speciali g) Sviluppo prodotti/business h) Altro (specificare) 0.00 a) b) c) d) e) f) g) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 18

19 2.2 L allocazione dell impegno delle persone: compiti e contenuti IF con operatività internazionale: maggiore l impegno nelle attività di supporto, di formazione, di partecipazione a progetti speciali IF domestici: maggiore impegno in attività di monitoraggio, di reporting all alta direzione, di implementazione dei cambiamenti richiesti dagli organi di controllo Esperienza consolidata della funzione compliance negli intermediari internazionali maggiore allocazione di impegno nell operare al servizio degli altri organi della struttura, piuttosto che nel servire in prevalenza esigenze delle autorità e del vertice aziendale Impegno nell attività di formazione superiore negli intermediari internazionali approccio rivolto alla diffusione della cultura della compliance, in linea con richieste delle Autorità di Vigilanza Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 19

20 2.2 L allocazione dell impegno delle persone: compiti e contenuti In termini di contenuti, le aree di impegno della funzione compliance risultano influenzate dal tipo di operatività dell intermediario Grafico 21. L allocazione dell impegno delle persone alle aree (contenuti) della funzione Compliance nelle banche e negli Altri Intermediari Finanziari Media ALTRI IF Media BANCHE Range interquartili a) Trasparenza b) Patti chiari c) Privacy d) Tutela del risparmio e) Responsabilità di antiriciclaggio f) MiFID g) Market Abuse h) Altro (specificare) 0.00 a) b) c) d) e) f) g) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 20

21 2.3 Il grado ed il tipo di diffusione di supporti IT Poco più della metà del campione non utilizza applicativi dedicati, gli IF ad operatività internazionale rispondono in modo affermativo per una percentuale molto superiore a quelli domestici Grafico 27. Il ricorso ad applicativi dedicati per la funzione Compliance negli intermediari internazionali e nazionali 80.0% 75.0% 70.0% 68.4% 60.0% 50.0% 40.0% 30.0% 25.0% 31.6% SI NO 20.0% 10.0% 0.0% Internazionali Nazionali Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 21

22 2.4 I principali fattori di cambiamento attesi e le aspettative circa l andamento dei costi Gli IF internazionali mostrano punteggi medi inferiori a quelli domestici, ad eccezione sull evoluzione della normativa europea, su cui si collocano allo stesso livello degli IF domestici, a conferma da un lato della criticità dell impatto della normativa europea, dall altro di alcuni aspetti evolutivi già maturati Grafico 38. Principali fattori di cambiamento della funzione Compliance: intermediari internazionali e nazionali a) b) c) d) e) f) g) Media INTERNAZIONALI Media NAZIONALI Range interquartili a) L evoluzione della normativa europea b) L evoluzione della normativa domestica c) Gli interventi del Comitato di Basilea d) La percezione di sanzioni da parte di organi di controllo e) I cambiamenti tecnologici f) Best practices di settore g) La volontà di migliorare la qualità del servizio al cliente h) Altro Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 22

23 2.4 I principali fattori di cambiamento attesi e le aspettative circa l andamento dei costi Oltre la metà del campione 55% attende una crescita dei costi (forte 35%, leggera 20%) Le attese di crescita sono maggiormente presenti negli IF con operatività internazionali (61%) rispetto a IF nazionali (50%), ciò nonostante (o forse proprio perché) lo stato dell arte della compliance appaia più avanzato negli IF con operatività internazionale d); 1; 8% e); 2; 15% (vuoto); 1; 8% Internazionali a); 1; 8% b); 5; 38% e); 5; 23% (vuoto); 3; 14% Nazionali b); 7; 31% a) stabili b) forte crescita c) leggera crescita d) forte diminuzione e) leggera diminuzione c); 3; 23% d); 3; 14% c); 4; 18% Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 23

24 3. Metodologie di misurazione, di trasferimento e di mitigazione del compliance risk Obiettivo: affrontare problema definitorio (che cosa si intende per compliance risk?) e verificare i diversi stadi di risk management implementati nell ambito dell organizzazione Proteggere la reputazione del Gruppo e della Banca To avoid any reputational risk Our reputation is everything Stadi di risk management implementati: 3.1 La misurazione del rischio; 3.2 Il controllo e mitigazione; Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 24

25 3. 1. La misurazione del rischio Il processo di misurazione del rischio evidenzia lo stadio di start up attuale degli intermediari Gli intermediari non bancari mostrano uno stato di approfondimento delle metriche di superiore, soprattutto in relazione alle variabili per la stima della perdita attesa Tabella 6 Fasi di misurazione del rischio di compliance (campione totale, intermediari bancari e altri intermediari finanziari) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 25

26 3. 1. La misurazione del rischio La componente degli IF che non hanno provveduto ad adottare alcun modello di misurazione del rischio di compliance, né qualitativo né quantitativo è maggioritaria (58%), questa ripartizione è ribaltata, se si ripartisce il campione fra IF domestici e IF con operatività internazionale Grafico 43. Adozione di modelli di misurazione del rischio Compliance negli intermediari internazionali e nazionali 80,0% 70,0% 66,7% 73,7% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 33,3% 26,3% SI NO 20,0% 10,0% 0,0% Internazionali Nazionali Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 26

27 3.2 La mitigazione del compliance risk 28 intermediari dichiarano di avere intrapreso alcuna attività di mitigazione Le risposte affermative individuano i seguenti strumenti: a) codice di condotta; b) carta dei principi; c) codice di comportamento; d) controlli con riferimento a market abuse e insider trading dei dipendenti; e) codice di autodisciplina; f) protocollo di autonomia; g) manuale di compliance per ogni linea di business; h) codice etico Grafico 45. Adozione di un codice di condotta aziendale No; 2; 6% Si; 29; 94% Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 27

28 3.2 La mitigazione del compliance risk La distinzione dei codici di condotta per singola area è limitata: l asset management è la business line che presenta la maggior concentrazione di codici ad hoc (25%), mentre il retail banking lo adotta solo nel 9,4%, il confronto degli IF a prevalente operatività internazionale mostra una maggiore sensibilità ai codici, con esclusione del retail banking Tabella 8. Adozione del codice di condotta per business line (campione totale, intermediari internazionali e nazionali) in generale retail banking private banking asset management investment banking altro TOTALE Si 93,5% 9,4% 15,6% 25,0% 15,6% 100,0% No 6,5% 90,6% 84,4% 75,0% 84,4% 0,0% INTERNAZIONALI Si 100,0% 8,3% 16,7% 41,7% 25,0% 100,0% No 0,0% 91,7% 83,3% 58,3% 75,0% 0,0% NAZIONALI Si 89,5% 10,0% 15,0% 15,0% 10,0% 100,0% No 10,5% 90,0% 85,0% 85,0% 90,0% 0,0% Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 28

29 4. Le modalità di interazione tra la funzione compliance all interno e all esterno Obiettivo: comprendere le modalità di interazione della funzione compliance nell ambito della struttura interna e con l esterno, data la natura della funzione compliance, volta a prevenire e a gestire il rischio di non conformità rispetto all insieme delle regole del gioco, interne ed esterne, è di estrema rilevanza la sua capacità di comunicare 1) Gli strumenti di comunicazione interna ed esterna 2) Il contributo della funzione compliance ai processi di innovazione 3) Il raccordo tra la funzione compliance, il sistema dei valori aziendali e il sistema incentivante 4) Il coinvolgimento della funzione compliance nell adeguamento alla direttiva MiFID Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 29

30 4.1 Gli strumenti di comunicazione interna Media INTERNAZIONALI Grafico 47. Strumenti di comunicazione interna negli IF internazionali e nazionali 6.00 Media NAZIONALI a) b) c) d) e) f) Range interquartili a) intranet e ; b) riunioni; c) interventi in corsi di formazione; d) corsi di formazione dedicati; e) codice interno; f) circolari; g) altro Media ALTRI IF Media BANCHE Range interquartili Grafico 48. Strumenti di comunicazione interna nelle banche e negli altri IF a) b) c) d) e) f) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 30

31 4.1 Gli strumenti di comunicazione interna Riunioni: mezzo di tipo personale e ricco, ad alto potenziale di scambio comunicazionale, rivolto a numeri ristretti di persone, altamente costoso in termini di tempo e di risorse mezzo esclusivo, efficace quando i destinatari del messaggio sono una parte ristretta parte della popolazione aziendale e si è in fase di implementazione di progetti Rete intranet e l mezzi basati sull utilizzo di tecnologia che consentono la diffusione di una vasta gamma di informazioni, con minore potenziale di ricchezza comunicazionale, ma meno costosi e capaci di raggiungere l intera popolazione aziendale nel caso di messaggi che pervadono tutta l azienda, come il principio di conformità alle regole del gioco, è indispensabile l utilizzo di modalità di comunicazione capaci di raggiungere capillarmente tutti i destinatari Operatività internazionale e presenza di attività differenti nell ambito dell impresa banca (> complessità aziendale) aumentano la percezione dell importanza di un percorso formativo capace di trasmettere la cultura della compliance, in un ottica meno esclusiva rispetto alle riunioni, ma altrettanto ricca in chiave comunicazionale Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 31

32 4.2 Il contributo della funzione compliance ai processi di innovazione Il dialogo tra la compliance e le altre funzioni favorisce il diffondersi della cultura della conformità e genera opportunità di innovazione dal confronto tra ottiche differenti nascono soluzioni che facilitano l operatività nel rispetto delle regole del gioco in questa fase di recepimento e di applicazione della direttiva MiFID si determinano per gli intermediari rischi e opportunità, la corretta implementazione della normativa, quindi la compliance alla stessa, può indurre positivi effetti ed innovazioni operative e di business In questa visione si riconosce il 66% dei rispondenti, prevalentemente di matrice domestica e con operatività bancaria diversificata, con queste chiavi di lettura i consensi salgono rispettivamente al 72,7% e al 76,2% dei rispondenti Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 32

33 4.2 Il contributo della funzione compliance ai processi di innovazione 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 30,8% 53,8% 72,7% No Si (vuoto) Grafico 53. Opportunità di innovazione nell area dei servizi di investimento che possono nascere dalla funzione Compliance negli IF internazionali e nazionali 20,0% 10,0% 15,4% 9,1% 18,2% 0,0% Internazionali 80,0% Nazionali Altri IF - Banche 76,2% 70,0% 60,0% Grafico 54. Opportunità di innovazione nell area dei servizi di investimento che possono nascere dalla funzione Compliance nelle banche e negli altri IF 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 28,6% 50,0% 21,4% 9,5% 14,3% No Si (vuoto) 0,0% Altri IF Banche Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 33

34 4.3 Il raccordo tra la funzione compliance, il sistema dei valori aziendali e il sistema incentivante ll rispetto delle regole del gioco rientra tra i valori essenziali all esistenza dell IF La compliance alla regole è nel DNA degli IF soggetti a regolamentazione in quanto abilitati ad operare nei confronti di risparmiatori che contribuiscono con il loro processo di accumulo e le successive scelte di investimento allo sviluppo del sistema economico Raccordo nell ambito del sistema dei valori aziendali e presenza in azienda di meccanismi operativi o di processi che collegano il principio di conformità alle regole esterne ed interne con il sistema incentivante L indagine rileva la presenza o l assenza di tali raccordi e propone le seguenti combinazioni: assenza di raccordo sia con sistema di valori, sia sistema incentivante (no; no); presenza di raccordo con sistema di valori, assenza di raccordo con sistema incentivante (sì; no); assenza di raccordo con sistema di valori, presenza di raccordo con sistema incentivante (no; sì); presenza di raccordo sia con sistema di valori, sia con sistema incentivante (sì; sì). Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 34

35 4.3 Il raccordo tra la funzione compliance, il sistema dei valori aziendali e il sistema incentivante Grafico 55. Raccordo Funzione Compliance Sistema dei valori Sistema incentivante No;No Si;No No;Si Si;Si (vuoto) Nazionali Internazionali situazione virtuosa di presenza di raccordo ad entrambi i livelli di sistema di valori e di sistema incentivante per 7 realtà su 35 indagate e prevalentemente con operatività internazionale assenza di entrambi i legami rilevata per 10 IF con operatività domestica in 9 IF raccordo solo a livello di sistema di valori, ma non di sistema incentivante in 3 realtà la situazione è opposta, raccordo solo a livello di sistema incentivante Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 35

36 4.4 Il coinvolgimento della funzione compliance nell adeguamento alla direttiva MiFID Grafico 56. Livello di coinvolgimento della funzione Compliance nei processi di adeguamento a MiFID 100.0% Totale 90.0% 80.0% 70.0% 70.0% 63.3% 70.0% 60.0% 50.0% 40.0% 30.0% 30.0% 36.7% 30.0% SI NO 20.0% 10.0% 0.0% 3.3% propulsore consulente attuatore altro Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 36

37 4.4 Il coinvolgimento della funzione compliance nell adeguamento alla direttiva MiFID I risultati riflettono la netta interpretazione del ruolo in chiave propulsiva e consulenziale della funzione compliance, meno in fase di attuazione La spinta propulsiva della funzione compliance è presente in modo particolare nella funzione compliance delle realtà con operatività internazionale, in quelle con operatività domestica è privilegiato l approccio consulenziale interno curva di apprendimento delle potenzialità intrinseche al ruolo della funzione compliance ancora da percorrere da parte di alcune delle realtà domestiche Il ruolo maggiormente attivo della funzione compliance degli IF internazionali emerge nel quadro di risposte che rileva l importanza assegnata al coinvolgimento della funzione compliance in differenti e specifici processi in fase di attuazione della direttiva MiFID La sottostima di importanza del proprio ruolo da parte delle realtà a prevalente operatività domestica è trasversale su tutti i processi Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 37

38 4.4 Il coinvolgimento della funzione compliance nell adeguamento alla direttiva MiFID Grafico 60. Ruolo della funzione Compliance nell ambito della fase di attuazione della MiFID negli intermediari internazionali e nazionali a) b) c) d) e) f) g) h) i) j) Media INTERNAZIONALI Media NAZIONALI Range interquartili a) processi di customer profiling; b) test di suitability e appropriateness; c) execution policy; d) monitoraggio dell'execution policy; e) monitoraggio della best execution; f) approfondimenti con le funzioni di trading; g) approfondimenti con le funzioni commerciali per la comunicazione ai Clienti; h) revisione periodica delle execution policy; i) reporting MiFID; j) riferimento per gli organi di vigilanza negli approfondimenti MiFID; k) altro Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 38

39 Evidenze dalla ricerca Il telaio c è, il motore? La macrostruttura organizzativa della Funzione Compliance è disegnata in modo tale da interfacciarsi con i vertici della realtà aziendale la microstruttura presenta ad oggi alcune criticità con elevato impatto sul potere effettivo: Autonomia gestionale limitata Strumenti di misurazione quantitativa del rischio di compliance e di mitigazione del rischio utilizzati da una minoranza del campione Raccordo debole con sistema di valori e sistema incentivante Sottostima diffusa del ruolo in fase di attuazione MiFID da parte degli operatori con prevalente operatività domestica IF con operatività internazionale minori criticità rispetto a IF con operatività domestica Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 39

40 $% Il gruppo di lavoro ringrazia tutti coloro cha hanno contribuito alla realizzazione della ricerca La significatività dei dati disponibili rendono la continuità della ricerca un obiettivo da perseguire nei prossimi anni per mettere a disposizione degli operatori uno strumento di periodica osservazione Gruppo di lavoro: Giampaolo Gabbi Paola Musile Tanzi Maurizio Poli Daniele Previati Paola Schwizer SDA Bocconi Business School Divisione Ricerche Claudio Demattè Via Bocconi, Milano Tel Fax. Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 40

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione

Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione Presentazione Negli ultimi anni il settore finanziario ha compreso come la gestione del rischio costituisca

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

POSITION PAPER. Novembre 2012

POSITION PAPER. Novembre 2012 Position Paper in risposta alla procedura di consultazione della Banca d Italia Sistema dei controlli interni, sistema informativo e continuità operativa Novembre 2012 POSITION PAPER Sommario Premessa...6

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01 UniCredit Group INDICE CAPITOLO 1: Ambito e finalità del Modello di Organizzazione e Gestione... 2 1.1 Premessa... 2

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli