$ %!"##! Compliance Risk nei servizi di investimento 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "$ %!"##! Compliance Risk nei servizi di investimento 1"

Transcript

1 $ %!"##! Copyright SDA Bocconi Copyright 2008 SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 1

2 Compliance risk nell evoluzione dei servizi di investimento - Natura, strumenti e aspetti organizzativi Obiettivo La ricerca analizza lo stato attuale e lo scenario evolutivo dell organizzazione della funzione compliance da parte di banche e di società di investimento Per la prima volta in sede d indagine empirica il tema del compliance risk si focalizza sull evoluzione dei servizi di investimento in un momento di intenso cambiamento delle regole del gioco (impatto MiFID) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 2

3 Compliance Risk Il rischio di non conformità alle norme è il rischio di incorrere in sanzioni giudiziarie o amministrative, perdite finanziarie rilevanti o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme imperative (di legge o di regolamenti) ovvero di autoregolamentazione (es. statuti, codici di condottam codici di autodisciplina). Banca d Italia, Disposizioni di Vigilanza, La funzione di conformità (compliance), N del Gli intermediari attribuiscono alla funzione di controllo di conformità (compliance), le seguenti responsabilità: a) Controllare e valutare regolarmente l adeguatezza e l efficacia delle procedure adottate ai sensi dell art.15 e delle misure adottate per rimediare a eventuali carenze nell adempimento degli obblighi da parte dell intermediario.. b) Fornire consulenza e assistenza ai soggetti rilevanti incaricati dei servizi ai fini degli obblighi posti dalle disposizioni di recepimento della direttiva 2004/39/CE e delle relative misure di esecuzione. Regolamento della Banca d Italia e della Consob ai sensi dell art6, comma2-bis del TUF del (art.16) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 3

4 Regole del gioco Il rischio di non conformità alle norme è il rischio di incorrere in sanzioni giudiziarie o amministrative, perdite finanziarie rilevanti o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme imperative (di legge o di regolamenti) ovvero di autoregolamentazione (es. statuti, codici di condottam codici di autodisciplina). Banca d Italia, Disposizioni di Vigilanza, La funzione di conformità (compliance), N del Gli intermediari attribuiscono alla funzione di controllo di conformità (compliance), le seguenti responsabilità: a) Controllare e valutare regolarmente l adeguatezza e l efficacia delle procedure adottate ai sensi dell art.15 e delle misure adottate per rimediare a eventuali carenze nell adempimento degli obblighi da parte dell intermediario.. b) Fornire consulenza e assistenza ai soggetti rilevanti incaricati dei servizi ai fini degli obblighi posti dalle disposizioni di recepimento della direttiva 2004/39/CE e delle relative misure di esecuzione. Regolamento della Banca d Italia e della Consob ai sensi dell art6, comma2-bis del TUF del (art.16) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 4

5 Compliance risk nell evoluzione dei servizi di investimento - Natura, strumenti e aspetti organizzativi Metodologia e campione d indagine Alla ricerca hanno partecipato trentacinque intermediari finanziari tra banche, società di gestione del risparmio e società di intermediazione La rilevazione dei dati è avvenuta tramite questionario on-line Il questionario è stato costruito sulla base delle osservazioni emerse nella fase pilota della ricerca realizzata tramite interviste (gennaio-febbraio 2007) La raccolta dei dati è terminata nel mese di luglio 2007 Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 5

6 Compliance risk nell evoluzione dei servizi di investimento - Natura, strumenti e aspetti organizzativi Metodologia e campione d indagine Duplice criterio di lettura dei dati: IF c on o p e ra ti vità in ter na z io n ale N u m ero N u m ero 9 B an ch e 2 1 IF c on o p e ra ti vità d o m e stica 2 6 Al tr i I nte rm ed ia ri F in a n zi ar i (S GR, S IM ) T ota le 3 5 T o ta le Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 6

7 Compliance risk nell evoluzione dei servizi di investimento - Natura, strumenti e aspetti organizzativi Contenuti 1. Posizionamento della funzione compliance all interno della struttura organizzativa 2. Ruoli attribuiti alla funzione compliance 3. Metodologie di misurazione, di trasferimento e di mitigazione del compliance risk nell area dei servizi di investimento 4. Modalità di interazione tra la funzione compliance all interno della struttura e all esterno Executive Summary - Schede introduttive - V parte Metodologia Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 7

8 1. Posizionamento della funzione compliance all interno della struttura organizzativa Obiettivo: rilevare non solo il disegno organizzativo della funzione in termini statici (macro e microstruttura), ma il potere effettivo, definito dai meccanismi operativi, dai sistemi di relazione, dai profili quali-quantitavi del capitale umano coinvolto nell attività (risorse disponibili e interrelazioni critiche) 1.1 Posizionamento della funzione nell organigramma; 1.2 Interdipendenze con altre funzioni aziendali 1.3 Microstruttura (dimensione e articolazione dei ruoli) 1.4 Caratteristiche del processo di pianificazione strategica, le risorse disponibili e le relative modalità di utilizzo Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 8

9 1.1 Posizionamento della funzione compliance all interno dell organigramma Compliance start at the top In staff a CdA o AD oppure, pur operando nell ambito delle funzioni di audit o legale, riporta direttamente al CdA, senza filtri formali da parte della DG dipende da DG, che ha il compito di realizzare efficaci processi di controllo della compliance, sulla base di linee guida definite dal CdA 12 Grafico 1. A chi riporta il responsabile della funzione Compliance Direttore Generale Amministratore Delegato CdA Audit Legale e Affari societari Altro Risk mangement (vuoto) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 9

10 1.1 Posizionamento della funzione compliance all interno dell organigramma: Accentramento/Decentramento Il modello decentrato è più diffuso di quello totalmente accentrato La morfologia è variabile, da caso a caso, in termini di presidi esistenti anche a livello di singole business unit (BU), con livelli diversi di autonomia operativa Quando presente, la soluzione accentrata caratterizza le realtà nazionali in quelle con operatività internazionale, si propende per soluzioni più articolate in funzione delle specificità delle diverse realtà operative di gruppo Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 10

11 1.2 Interdipendenza con altre funzioni aziendali: il network interno Il livello di integrazione (scala da 0 a 10) non risulta elevato media 5,50 Le funzioni che interagiscono in modo più diretto con la funzione compliance sono: altre unità di controllo: Organismo di vigilanza ex 231/01, Collegio Sindacale, CdA; altri organi di controllo o con competenze giuridico-legali Legale, Internal auditing si rileva difformità di rilievo tra i casi di IF con operatività prevalentemente domestica e IF caratterizzati da prevalente operatività internazionale, per i quali la compliance è concepita come una funzione nettamente diversa da quella di internal auditing, determinando l indipendenza sostanziale tra le due Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 11

12 1.2 Interdipendenza con altre funzioni aziendali: il network interno Grafico 6. Rappresentatività della funzione Compliance in altri organi collegiali cfr intermediari a prevalente operatività internazionali e nazionali Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 12

13 1.3 La microstruttura della funzione compliance Analisi relativa alle dimensioni delle unità e alla distribuzione interna dei compiti nella maggior parte dei casi si tratta di un unità articolata (solo nelle realtà più piccole - filiali o succursali di banche estere e intermediari finanziari specializzati - si riscontrano soluzioni monocratiche o di piccolissime dimensioni ) l articolazione della funzione compliance segue per lo più un criterio misto, normativo, per area di business e per attività di front e back office Tabella 4. La dimensione dell organico della funzione compliance NAZIONALI INTERNAZ. BANCHE ALTRI IF Nessuna persona full time 13,64% 0,00% 4,76% 14,29% Da 1 a 5 persone full time 50,00% 76,92% 57,14% 64,29% Da 6 a 10 persone full time 13,64% 7,69% 19,05% Oltre 20 persone full time 4,55% 7,69% 9,52% Non risponde 18,18% 7,69% 9,52% 21,43% Totale 100,00% 100,00% 100,00% 100,00% Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 13

14 1.4 La pianificazione delle attività di compliance e le scelte di impiego delle risorse Analisi relativa a tempistica nella pianificazione e presenza budget autonomo: la funzione compliance produce nel 65% dei casi un piano di azione, che copre uno spettro annuale nel 78% dei casi. Il piano è rivisto su base semestrale nel 63% dei casi, in relazione a novità normative che impongono nuove priorità e all esito dei controlli condotti la funzione compliance dispone di un budget indipendente in misura minoritaria nell ambito del campione 70.0% 60.0% 50.0% 40.0% 30.0% 20.0% 10.0% 0.0% 59.1% 46.2% 46.2% 22.7% 18.2% 7.7% No Si (vuoto) Delle 11 società che dispongono di un budget di risorse indipendente, 8 dichiarano di poter contare su una somma inferiore ai , solo una banca internazionale gestisce importi compresi tra e un milione Nazionali Internazionali Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 14

15 2. I ruoli attribuiti alla funzione compliance Obiettivo: comprendere l efficacia della funzione compliance, considerando le risorse (umane le persone) e tecniche utilizzate (i sistemi informativi sviluppati in software, hardware e reti di comunicazione), comprendere se sono adeguate ai cambiamenti previsti e valutare il trend dei costi 2.1 Individuare il livello percepito delle competenze utilizzate; 2.2 Verificare l allocazione dell impegno delle persone tra diversi compiti e su diversi contenuti; 2.3 Rilevare il grado ed il tipo di diffusione di supporti IT; 2.4 Segnalare i principali fattori di cambiamento attesi e stimare le aspettative circa l andamento dei relativi costi Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 15

16 2.1 Il livello percepito delle competenze utilizzate Il livello delle competenze delle persone attualmente impegnate nella funzione compliance è riferito a diverse aree di conoscenze, di capacità e di esperienze (0, competenze assenti 10, competenza massima) Grafico 17. Livello delle competenze disponibili nella funzione Compliance a) Legali b) Normativa di Vigilanza c) Audit d) Organizzazione e) Prodotti e servizi di investimento f) Commerciali g) Amministrative h) Di business i) Altre (specificare) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 16

17 2.1 Il livello percepito delle competenze utilizzate Le competenze maggiormente a disposizione sono relative a: normativa di vigilanza (8,42) e a prodotti e servizi di investimento (7,68), seguite da organizzazione, audit e competenze legali La centralità delle spinte alla compliance più tradizionale (norme di origine esterna) e i profili di interdipendenza tra compliance e funzioni tipicamente, seppur in modo diverso, inerenti la conformità si confermano anche a livello di competenze percepite Le competenze riconducibili alle fasi più propriamente legate ai mercati di sbocco (commerciali e di business) sono percepite minori L attività di compliance richiede competenze differenziate, in parte complementari, necessarie a sostenere un impegno crescente nei prossimi anni in relazione alle sfide poste dai cambiamenti della normativa e dalla concorrenza a livello internazionale Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 17

18 2.2 L allocazione dell impegno delle persone: compiti e contenuti Grafico 21. L allocazione dell impegno delle persone ai compiti della funzione Compliance negli intermediari internazionali e nazionali Media INTERNAZIONALI Media NAZIONALI Range interquartili a) Monitoraggio b) Reporting all Alta Direzione c) Supporto di informazioni/consulenz a ad altre funzioni d) Formazione e) Implementare i cambiamenti richiesti dagli organi di controllo f) Progetti speciali g) Sviluppo prodotti/business h) Altro (specificare) 0.00 a) b) c) d) e) f) g) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 18

19 2.2 L allocazione dell impegno delle persone: compiti e contenuti IF con operatività internazionale: maggiore l impegno nelle attività di supporto, di formazione, di partecipazione a progetti speciali IF domestici: maggiore impegno in attività di monitoraggio, di reporting all alta direzione, di implementazione dei cambiamenti richiesti dagli organi di controllo Esperienza consolidata della funzione compliance negli intermediari internazionali maggiore allocazione di impegno nell operare al servizio degli altri organi della struttura, piuttosto che nel servire in prevalenza esigenze delle autorità e del vertice aziendale Impegno nell attività di formazione superiore negli intermediari internazionali approccio rivolto alla diffusione della cultura della compliance, in linea con richieste delle Autorità di Vigilanza Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 19

20 2.2 L allocazione dell impegno delle persone: compiti e contenuti In termini di contenuti, le aree di impegno della funzione compliance risultano influenzate dal tipo di operatività dell intermediario Grafico 21. L allocazione dell impegno delle persone alle aree (contenuti) della funzione Compliance nelle banche e negli Altri Intermediari Finanziari Media ALTRI IF Media BANCHE Range interquartili a) Trasparenza b) Patti chiari c) Privacy d) Tutela del risparmio e) Responsabilità di antiriciclaggio f) MiFID g) Market Abuse h) Altro (specificare) 0.00 a) b) c) d) e) f) g) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 20

21 2.3 Il grado ed il tipo di diffusione di supporti IT Poco più della metà del campione non utilizza applicativi dedicati, gli IF ad operatività internazionale rispondono in modo affermativo per una percentuale molto superiore a quelli domestici Grafico 27. Il ricorso ad applicativi dedicati per la funzione Compliance negli intermediari internazionali e nazionali 80.0% 75.0% 70.0% 68.4% 60.0% 50.0% 40.0% 30.0% 25.0% 31.6% SI NO 20.0% 10.0% 0.0% Internazionali Nazionali Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 21

22 2.4 I principali fattori di cambiamento attesi e le aspettative circa l andamento dei costi Gli IF internazionali mostrano punteggi medi inferiori a quelli domestici, ad eccezione sull evoluzione della normativa europea, su cui si collocano allo stesso livello degli IF domestici, a conferma da un lato della criticità dell impatto della normativa europea, dall altro di alcuni aspetti evolutivi già maturati Grafico 38. Principali fattori di cambiamento della funzione Compliance: intermediari internazionali e nazionali a) b) c) d) e) f) g) Media INTERNAZIONALI Media NAZIONALI Range interquartili a) L evoluzione della normativa europea b) L evoluzione della normativa domestica c) Gli interventi del Comitato di Basilea d) La percezione di sanzioni da parte di organi di controllo e) I cambiamenti tecnologici f) Best practices di settore g) La volontà di migliorare la qualità del servizio al cliente h) Altro Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 22

23 2.4 I principali fattori di cambiamento attesi e le aspettative circa l andamento dei costi Oltre la metà del campione 55% attende una crescita dei costi (forte 35%, leggera 20%) Le attese di crescita sono maggiormente presenti negli IF con operatività internazionali (61%) rispetto a IF nazionali (50%), ciò nonostante (o forse proprio perché) lo stato dell arte della compliance appaia più avanzato negli IF con operatività internazionale d); 1; 8% e); 2; 15% (vuoto); 1; 8% Internazionali a); 1; 8% b); 5; 38% e); 5; 23% (vuoto); 3; 14% Nazionali b); 7; 31% a) stabili b) forte crescita c) leggera crescita d) forte diminuzione e) leggera diminuzione c); 3; 23% d); 3; 14% c); 4; 18% Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 23

24 3. Metodologie di misurazione, di trasferimento e di mitigazione del compliance risk Obiettivo: affrontare problema definitorio (che cosa si intende per compliance risk?) e verificare i diversi stadi di risk management implementati nell ambito dell organizzazione Proteggere la reputazione del Gruppo e della Banca To avoid any reputational risk Our reputation is everything Stadi di risk management implementati: 3.1 La misurazione del rischio; 3.2 Il controllo e mitigazione; Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 24

25 3. 1. La misurazione del rischio Il processo di misurazione del rischio evidenzia lo stadio di start up attuale degli intermediari Gli intermediari non bancari mostrano uno stato di approfondimento delle metriche di superiore, soprattutto in relazione alle variabili per la stima della perdita attesa Tabella 6 Fasi di misurazione del rischio di compliance (campione totale, intermediari bancari e altri intermediari finanziari) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 25

26 3. 1. La misurazione del rischio La componente degli IF che non hanno provveduto ad adottare alcun modello di misurazione del rischio di compliance, né qualitativo né quantitativo è maggioritaria (58%), questa ripartizione è ribaltata, se si ripartisce il campione fra IF domestici e IF con operatività internazionale Grafico 43. Adozione di modelli di misurazione del rischio Compliance negli intermediari internazionali e nazionali 80,0% 70,0% 66,7% 73,7% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 33,3% 26,3% SI NO 20,0% 10,0% 0,0% Internazionali Nazionali Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 26

27 3.2 La mitigazione del compliance risk 28 intermediari dichiarano di avere intrapreso alcuna attività di mitigazione Le risposte affermative individuano i seguenti strumenti: a) codice di condotta; b) carta dei principi; c) codice di comportamento; d) controlli con riferimento a market abuse e insider trading dei dipendenti; e) codice di autodisciplina; f) protocollo di autonomia; g) manuale di compliance per ogni linea di business; h) codice etico Grafico 45. Adozione di un codice di condotta aziendale No; 2; 6% Si; 29; 94% Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 27

28 3.2 La mitigazione del compliance risk La distinzione dei codici di condotta per singola area è limitata: l asset management è la business line che presenta la maggior concentrazione di codici ad hoc (25%), mentre il retail banking lo adotta solo nel 9,4%, il confronto degli IF a prevalente operatività internazionale mostra una maggiore sensibilità ai codici, con esclusione del retail banking Tabella 8. Adozione del codice di condotta per business line (campione totale, intermediari internazionali e nazionali) in generale retail banking private banking asset management investment banking altro TOTALE Si 93,5% 9,4% 15,6% 25,0% 15,6% 100,0% No 6,5% 90,6% 84,4% 75,0% 84,4% 0,0% INTERNAZIONALI Si 100,0% 8,3% 16,7% 41,7% 25,0% 100,0% No 0,0% 91,7% 83,3% 58,3% 75,0% 0,0% NAZIONALI Si 89,5% 10,0% 15,0% 15,0% 10,0% 100,0% No 10,5% 90,0% 85,0% 85,0% 90,0% 0,0% Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 28

29 4. Le modalità di interazione tra la funzione compliance all interno e all esterno Obiettivo: comprendere le modalità di interazione della funzione compliance nell ambito della struttura interna e con l esterno, data la natura della funzione compliance, volta a prevenire e a gestire il rischio di non conformità rispetto all insieme delle regole del gioco, interne ed esterne, è di estrema rilevanza la sua capacità di comunicare 1) Gli strumenti di comunicazione interna ed esterna 2) Il contributo della funzione compliance ai processi di innovazione 3) Il raccordo tra la funzione compliance, il sistema dei valori aziendali e il sistema incentivante 4) Il coinvolgimento della funzione compliance nell adeguamento alla direttiva MiFID Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 29

30 4.1 Gli strumenti di comunicazione interna Media INTERNAZIONALI Grafico 47. Strumenti di comunicazione interna negli IF internazionali e nazionali 6.00 Media NAZIONALI a) b) c) d) e) f) Range interquartili a) intranet e ; b) riunioni; c) interventi in corsi di formazione; d) corsi di formazione dedicati; e) codice interno; f) circolari; g) altro Media ALTRI IF Media BANCHE Range interquartili Grafico 48. Strumenti di comunicazione interna nelle banche e negli altri IF a) b) c) d) e) f) Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 30

31 4.1 Gli strumenti di comunicazione interna Riunioni: mezzo di tipo personale e ricco, ad alto potenziale di scambio comunicazionale, rivolto a numeri ristretti di persone, altamente costoso in termini di tempo e di risorse mezzo esclusivo, efficace quando i destinatari del messaggio sono una parte ristretta parte della popolazione aziendale e si è in fase di implementazione di progetti Rete intranet e l mezzi basati sull utilizzo di tecnologia che consentono la diffusione di una vasta gamma di informazioni, con minore potenziale di ricchezza comunicazionale, ma meno costosi e capaci di raggiungere l intera popolazione aziendale nel caso di messaggi che pervadono tutta l azienda, come il principio di conformità alle regole del gioco, è indispensabile l utilizzo di modalità di comunicazione capaci di raggiungere capillarmente tutti i destinatari Operatività internazionale e presenza di attività differenti nell ambito dell impresa banca (> complessità aziendale) aumentano la percezione dell importanza di un percorso formativo capace di trasmettere la cultura della compliance, in un ottica meno esclusiva rispetto alle riunioni, ma altrettanto ricca in chiave comunicazionale Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 31

32 4.2 Il contributo della funzione compliance ai processi di innovazione Il dialogo tra la compliance e le altre funzioni favorisce il diffondersi della cultura della conformità e genera opportunità di innovazione dal confronto tra ottiche differenti nascono soluzioni che facilitano l operatività nel rispetto delle regole del gioco in questa fase di recepimento e di applicazione della direttiva MiFID si determinano per gli intermediari rischi e opportunità, la corretta implementazione della normativa, quindi la compliance alla stessa, può indurre positivi effetti ed innovazioni operative e di business In questa visione si riconosce il 66% dei rispondenti, prevalentemente di matrice domestica e con operatività bancaria diversificata, con queste chiavi di lettura i consensi salgono rispettivamente al 72,7% e al 76,2% dei rispondenti Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 32

33 4.2 Il contributo della funzione compliance ai processi di innovazione 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 30,8% 53,8% 72,7% No Si (vuoto) Grafico 53. Opportunità di innovazione nell area dei servizi di investimento che possono nascere dalla funzione Compliance negli IF internazionali e nazionali 20,0% 10,0% 15,4% 9,1% 18,2% 0,0% Internazionali 80,0% Nazionali Altri IF - Banche 76,2% 70,0% 60,0% Grafico 54. Opportunità di innovazione nell area dei servizi di investimento che possono nascere dalla funzione Compliance nelle banche e negli altri IF 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 28,6% 50,0% 21,4% 9,5% 14,3% No Si (vuoto) 0,0% Altri IF Banche Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 33

34 4.3 Il raccordo tra la funzione compliance, il sistema dei valori aziendali e il sistema incentivante ll rispetto delle regole del gioco rientra tra i valori essenziali all esistenza dell IF La compliance alla regole è nel DNA degli IF soggetti a regolamentazione in quanto abilitati ad operare nei confronti di risparmiatori che contribuiscono con il loro processo di accumulo e le successive scelte di investimento allo sviluppo del sistema economico Raccordo nell ambito del sistema dei valori aziendali e presenza in azienda di meccanismi operativi o di processi che collegano il principio di conformità alle regole esterne ed interne con il sistema incentivante L indagine rileva la presenza o l assenza di tali raccordi e propone le seguenti combinazioni: assenza di raccordo sia con sistema di valori, sia sistema incentivante (no; no); presenza di raccordo con sistema di valori, assenza di raccordo con sistema incentivante (sì; no); assenza di raccordo con sistema di valori, presenza di raccordo con sistema incentivante (no; sì); presenza di raccordo sia con sistema di valori, sia con sistema incentivante (sì; sì). Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 34

35 4.3 Il raccordo tra la funzione compliance, il sistema dei valori aziendali e il sistema incentivante Grafico 55. Raccordo Funzione Compliance Sistema dei valori Sistema incentivante No;No Si;No No;Si Si;Si (vuoto) Nazionali Internazionali situazione virtuosa di presenza di raccordo ad entrambi i livelli di sistema di valori e di sistema incentivante per 7 realtà su 35 indagate e prevalentemente con operatività internazionale assenza di entrambi i legami rilevata per 10 IF con operatività domestica in 9 IF raccordo solo a livello di sistema di valori, ma non di sistema incentivante in 3 realtà la situazione è opposta, raccordo solo a livello di sistema incentivante Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 35

36 4.4 Il coinvolgimento della funzione compliance nell adeguamento alla direttiva MiFID Grafico 56. Livello di coinvolgimento della funzione Compliance nei processi di adeguamento a MiFID 100.0% Totale 90.0% 80.0% 70.0% 70.0% 63.3% 70.0% 60.0% 50.0% 40.0% 30.0% 30.0% 36.7% 30.0% SI NO 20.0% 10.0% 0.0% 3.3% propulsore consulente attuatore altro Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 36

37 4.4 Il coinvolgimento della funzione compliance nell adeguamento alla direttiva MiFID I risultati riflettono la netta interpretazione del ruolo in chiave propulsiva e consulenziale della funzione compliance, meno in fase di attuazione La spinta propulsiva della funzione compliance è presente in modo particolare nella funzione compliance delle realtà con operatività internazionale, in quelle con operatività domestica è privilegiato l approccio consulenziale interno curva di apprendimento delle potenzialità intrinseche al ruolo della funzione compliance ancora da percorrere da parte di alcune delle realtà domestiche Il ruolo maggiormente attivo della funzione compliance degli IF internazionali emerge nel quadro di risposte che rileva l importanza assegnata al coinvolgimento della funzione compliance in differenti e specifici processi in fase di attuazione della direttiva MiFID La sottostima di importanza del proprio ruolo da parte delle realtà a prevalente operatività domestica è trasversale su tutti i processi Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 37

38 4.4 Il coinvolgimento della funzione compliance nell adeguamento alla direttiva MiFID Grafico 60. Ruolo della funzione Compliance nell ambito della fase di attuazione della MiFID negli intermediari internazionali e nazionali a) b) c) d) e) f) g) h) i) j) Media INTERNAZIONALI Media NAZIONALI Range interquartili a) processi di customer profiling; b) test di suitability e appropriateness; c) execution policy; d) monitoraggio dell'execution policy; e) monitoraggio della best execution; f) approfondimenti con le funzioni di trading; g) approfondimenti con le funzioni commerciali per la comunicazione ai Clienti; h) revisione periodica delle execution policy; i) reporting MiFID; j) riferimento per gli organi di vigilanza negli approfondimenti MiFID; k) altro Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 38

39 Evidenze dalla ricerca Il telaio c è, il motore? La macrostruttura organizzativa della Funzione Compliance è disegnata in modo tale da interfacciarsi con i vertici della realtà aziendale la microstruttura presenta ad oggi alcune criticità con elevato impatto sul potere effettivo: Autonomia gestionale limitata Strumenti di misurazione quantitativa del rischio di compliance e di mitigazione del rischio utilizzati da una minoranza del campione Raccordo debole con sistema di valori e sistema incentivante Sottostima diffusa del ruolo in fase di attuazione MiFID da parte degli operatori con prevalente operatività domestica IF con operatività internazionale minori criticità rispetto a IF con operatività domestica Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 39

40 $% Il gruppo di lavoro ringrazia tutti coloro cha hanno contribuito alla realizzazione della ricerca La significatività dei dati disponibili rendono la continuità della ricerca un obiettivo da perseguire nei prossimi anni per mettere a disposizione degli operatori uno strumento di periodica osservazione Gruppo di lavoro: Giampaolo Gabbi Paola Musile Tanzi Maurizio Poli Daniele Previati Paola Schwizer SDA Bocconi Business School Divisione Ricerche Claudio Demattè Via Bocconi, Milano Tel Fax. Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento 40

La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II

La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II Paola Musile Tanzi Milano, 1 dicembre 2008 SIA-EAGLE Clients & Friends Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento

Dettagli

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi Premessa La Normativa di

Dettagli

L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento

L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento L evoluzione della Funzione Compliance e il Compliance Risk nei servizi di investimento SDA Bocconi School of Management 2009 In collaborazione con AICOM e SIA SSB Group Copyright SDA Bocconi Premessa

Dettagli

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 Tel: 0287186784 Fax: 0287161185 info@conformisinfinance.it pec@pec.conformisinfinance.it www.conformisinfinance.it Obiettivi

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione La Funzione di Compliancein Banca Nino Balistreri Consulente ABI Formazione Sommario L inquadramento normativo della funzione di compliance L ambito normativo di competenza Il processo di operativo 2 Banca

Dettagli

Innovazione tecnologica nella gestione dei processi

Innovazione tecnologica nella gestione dei processi Innovazione tecnologica nella gestione dei processi Evento Filenet-CeTIF 25 marzo 2004 aula Pio XI Chiara Frigerio Federico Rajola, Università Cattolica di Milano www.cetif.it L agenda Il contesto bancario

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

Approfondimento. Controllo Interno

Approfondimento. Controllo Interno Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Approfondimento Controllo Interno Maggio 2013 Assetto Organizzativo Controllo Interno CONTROLLO INTERNO ASSICURAZIONE QUALITA DI AUDIT E SISTEMI ETICA DEL GOVERNO AZIENDALE

Dettagli

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo Business International La Compliance nelle Banche Italiane: compiti e responsabilità della funzione compliance alla luce delle Istruzioni della Banca d Italia BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

Andaf Riproduzione riservata

Andaf Riproduzione riservata Terrorismo internazionale Etica Globalizzazione Operazioni straordinarie Mercati Tecnologie Relazioni internazionali Evoluzione normativa Business & strategie Finanziari Contabili Strategici Operativi

Dettagli

Università di Parma 7 Novembre 2011 parte 1. Chiara Burberi

Università di Parma 7 Novembre 2011 parte 1. Chiara Burberi Università di Parma 7 Novembre 2011 parte 1 Chiara Burberi Compliance Cos è? Perché è importante? Cosa dice la normativa? Cos è in pratica 2 A parole la Compliance va molto di moda come la CSR qc anno

Dettagli

Insight. Gli scettici della qualità.

Insight. Gli scettici della qualità. Insight N. 30 Febbraio 2010 Gli scettici della qualità. Una fotografia della Quality Assurance Review in Italia: una pratica ancora poco diffusa, spesso a causa di preconcetti su costi e tempi di realizzazione,

Dettagli

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza. CONVEGNO ASCOSIM Palazzo delle Stelline 1 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

Dettagli

Analisi e gestione dei rischi. in TBS Group

Analisi e gestione dei rischi. in TBS Group 18 ottobre 2012 Analisi e gestione dei rischi in TBS Group Avv. Aldo Cappuccio (presidente del Comitato di Controllo Interno) 1 TBS Group S.p.A. TBS Group S.p.A. nasce e si sviluppa, agli inizi degli anni

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013 Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea Aggiornato al 13/11/2013 1 Il sistema dei controlli adottato da Iccrea Holding Le attività, i processi, l assetto organizzativo, la gestione del rischio,

Dettagli

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it INFORMATION SECURITY I SERVIZI DI CONSULENZA. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano www.axxea.it info@axxea.it INDICE 1. SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI... 3 1.1 ANALISI DELLO STATO DELL ARTE...

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231

Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231 RISK MANAGEMENT & BUSINESS CONTINUITY Il Risk Management a supporto dell O.d.V. Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231 PER L ORGANISMO DI VIGILANZA

Dettagli

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A)

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A) 1 Seminario Aggiornamento Valutatori SICEV Intervento Dai Sistemi di Gestione al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo secondo il DLgs. 231/2001 Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 -

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 -

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 - La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento - Roma, 12 novembre 2010 - 2 Agenda Attività di Bancoposta Compliance in Bancoposta L applicazione ai servizi di investimento

Dettagli

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno IL CONTRIBUTO DI UNICREDITO ITALIANO AL PROGETTO DI RICERCA Rating interni e controllo del rischio di credito Esperienze, problemi, Soluzioni Milano - 31 marzo 2004 NEWFIN Centro Studi sull innovazione

Dettagli

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Focus on LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Aprile 2016 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 PROT. 5585/2015 Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 ARCA S.p.a. Organigramma Presidenza Relazioni Istituzionali e Comunicazione Segreteria Generale e Affari Societari Program Management e Internal

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Osservatorio D.Lgs.231

Osservatorio D.Lgs.231 Osservatorio D.Lgs.231 Benchmark D.Lgs. 231/01 nei diversi settori economici bancario assicurativo manifatturiero utilities telecomunicazioni/media aprile 2006 Osservatorio D.Lgs.231 Benchmark D.Lgs.231/01

Dettagli

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative Corso di Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010 Forme organizzative Università degli Studi del Sannio Dipartimento di Analisi dei Sistemi Economici e Sociali Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Obiettivo della lezione QUALITY ASSESSMENT REVIEW I KEY PERFORMANCE INDICATORS

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte Stefano Bonetto e Francesco

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile

Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile Rapporto di Sostenibilità in Intesa Sanpaolo Le novità dell edizione 2013 Unità CSR Milano, 10 giugno 2014 Gli elementi caratterizzanti il Reporting di

Dettagli

TXT e-solutions. Passion for Quality. Marzo 2014

TXT e-solutions. Passion for Quality. Marzo 2014 TXT e-solutions Passion for Quality Marzo 2014 TXT e-solutions S.p.A. Fornitore Internazionale di prodotti e soluzioni software dedicati a Grandi Clienti Un azienda solida, con budget raggiunti e bilanci

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Analisi trasversale delle relazioni di autovalutazione sull adeguamento dei sistemi di controllo interno presentate dalle banche maggiori.

Analisi trasversale delle relazioni di autovalutazione sull adeguamento dei sistemi di controllo interno presentate dalle banche maggiori. Analisi trasversale delle relazioni di autovalutazione sull adeguamento dei sistemi di controllo interno presentate dalle banche maggiori. Metodologia di analisi L analisi 1 ha interessato i documenti

Dettagli

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting.

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting. www.consulting.it SOCIETA CERTIFICATA UNI ENI ISO 9001:2008 certificato n. 12849 - settore EA 37 Accr.minlavoro 5877 del 26/02/2007 Cod.Min.Borsa Lavoro 074DI829C00 CONSULTING SPA - Società per le banche

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali La gestione dei rischi operativi e degli altri rischi Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali Mario Seghelini 26 giugno 2012 - Milano

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Banking & Financial Diploma Percorso base

Banking & Financial Diploma Percorso base Banking & Financial Diploma Sono oggi più di 3.000 i partecipanti che hanno conseguito l Attestato ABI di professionalità bancaria e finanziaria, con risultati eccellenti in termini di crescita personale

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

Le tappe del reporting in Intesa Sanpaolo

Le tappe del reporting in Intesa Sanpaolo Le tappe del reporting in Intesa Sanpaolo Advanced Level GRI 3: A+ GRI Checked Organisational Stakeholder 2011 e 2012 Sviluppo di Rendicontazioni specializzate per Stakeholder Analisi di materialità Sintesi

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo Pianificazione Strategica e Risk Reporting Andrea Scribano 02.02.2015 Il contesto di riferimento

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA PREMESSA SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ORGANI E FUNZIONI DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI IN AGOS AUDITING: OBIETTIVI, MODELLO

Dettagli

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS

Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards Le implicazioni strategiche, gestionali e organizzative degli IFRS claudio patalano Milano, 27

Dettagli

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico LA GESTIONE DEI RISCHI OPERATIVI E DEGLI ALTRI RISCHI La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico Nicola d Auria TMF Compliance (Italy) 26 giugno 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

La gestione dei flussi documentali come strumento di reingegnerizzazione dei processi amministrativi

La gestione dei flussi documentali come strumento di reingegnerizzazione dei processi amministrativi La gestione dei flussi documentali come strumento di reingegnerizzazione dei processi amministrativi Fabio PISTELLA Incontro organizzato da siav e-governement, e-democracy 9 ottobre 2008 - Roma La gestione

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1

vision CHI SIAMO MISSION Pagina 1 company profile vision chi siamo mission back office rete distributiva struttura e modello organizzativo processi di certificazione collaboratori e accreditamento presso partner prestitosi governance e

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Sei pronto ad affrontare la rete?

Sei pronto ad affrontare la rete? Sei pronto ad affrontare la rete? In uno scenario in continua evoluzione, per le organizzazioni è indispensabile presidiare nel modo più corretto ed efficace il web, interagire con i differenti stakeholders

Dettagli

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento CeTIF Competence Centre 2008 Scenari di Sviluppo e innovazione CETIF Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale Università

Dettagli

società di revisione legale iscritta al registro dei revisori legali al n. 166055 del MEF

società di revisione legale iscritta al registro dei revisori legali al n. 166055 del MEF società di revisione legale iscritta al registro dei revisori legali al n. 166055 del MEF Le giuste soluzioni alle sfide del futuro società di revisione legale RENOVA AUDIT Srl è una giovane realtà che

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 SOMMARIO ART. 1 - DISPOSIZIONI PRELIMINARI... 4 ART. 2 - DEFINIZIONI... 5 ART. 3 PREMESSA...

Dettagli

L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali. giovanni.valotti@sdabocconi.

L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali. giovanni.valotti@sdabocconi. L intervento pubblico nell economia locale per lo sviluppo dei territori: le imprese pubbliche locali giovanni.valotti@sdabocconi.it 1. Il rilievo del tema Lo sviluppo delle imprese pubbliche locali Crescente

Dettagli

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE L'evoluzione strutturale e normativa Prefazione di Roberto Caparvi FrancoAngeii INDICE Prefazione di Roberto Caparvi pag. XIII I. La disciplina del mercato mobiliare

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Tolleranza al rischio degli investitori, valutazione di adeguatezza e selezione degli investimenti L evoluzione del servizio di consulenza negli

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Convegno Asstel. Fabio Ginelli Milano, 9 maggio 2007

Convegno Asstel. Fabio Ginelli Milano, 9 maggio 2007 Convegno Asstel Il Chief Financial Officer: : l evoluzione l del ruolo Fabio Ginelli Milano, 9 maggio 2007 Agenda 1) Il contesto economico di riferimento delle imprese italiane 2) La cultura del valore

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli