Estratto distribuito da Biblet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Estratto distribuito da Biblet"

Transcript

1

2 Comunic Saggio 2 re A A

3 Prima edizione: gennaio 1997 Prima ristampa: ottobre by Mario Barbi, Giuseppe Mariani, Manfredi Vinassa de Regny Guaraldi/Gu.Fo edizioni srl Via Covignano 302, Rimini tel 0541/ fax 0541/ ISBN

4 Mario Barbi, Giuseppe Mariani, Manfredi Vinassa de Regny come fare uno spot Guida rapida alla creazione e produzione di uno spot pubblicitario Presenta Domenico Colella Guaraldi Comunic re A A

5

6 Indice Una prefazione che parla di bagni turchi e di come rubare il caviale Ma che cosa c entrano? di Domenico Colella Cap 1 Che cos è la pubblicità Cap 2 Come funzionano le agenzie di pubblicità e i mass-media Cap 3 La strategia per uno spot pubblicitario Cap 4 Dallo sviluppo dell idea creativa alle tecniche di presentazione Cap 5 Esempi di sceneggiature Cap 6 La pre-produzione Cap 7 Ciak si gira Cap 8 La post-produzione Le parole dello spot Gli autori

7

8 Una prefazione che parla di bagni turchi e di come rubare il caviale Ma che cosa c entrano? di Domenico Colella come fare uno spot Diciamola (subito) tutta. Se c è un libro che non ha bisogno di presentazioni è proprio questo. Perché mai? Ma perché semplicemente spiega tutto, ma proprio tutto quello che bisogna sapere per fare uno spot. Naturalmente tutto... nei limiti del possibile e dell umano. È chiaro che soprattutto i fatti creativi, intuitivi e di sensibilità non si imparano da un libro ma forse da mille libri. Questo manuale però può essere utile, anzi prezioso su un set, per evitare qualche brutta figura. E non è poco. Oggi in presenza di budget striminziti occorre saper esattamente il massimo che si può ottenere spesso con il... minimo... E quindi anche un utente dovrebbe leggere questo libro per non acquistare a scatola chiusa. Altro discorso è quello dei giovani che vogliono occuparsi - ai più diversi livelli - di questa professione. Ma è una professione il fare gli spot? Si potrebbe rispondere ancora come sopra: sono mille le professioni coinvolte nella creazione/realizzazione di uno spot. Suppongo che comunque la posizione più anelata (anche se sicuramente la più difficile) sia ancora quella del regista. Attorno a lui c è un aura magnifica, quasi un senso di divino. Orbene anche carriere così prestigiose si costruiscono dal basso, pezzo per pezzo, gradino per gradino. Secondo me un aspirante regista (ma attenzione: i suoi sogni si realizzano in un caso su mille) deve essere un gran curiosone con forti capacità di sintesi e assieme un grande amore per i dettagli. Questa è la premessa, ma il risultato del suo lavoro? Niente di meglio della risposta che diede Hitchcock a chi gli chiedeva quale fosse il fine del suo lavoro. Ecco la risposta: Il mio scopo è quello di creare al pubblico degli shock morali... benefici. Mi sembra che il cinema sia il mezzo migliore per ottenere questo risultato. Lo spot pubblicitario cugino e forse parente povero del cinema spettacolare deve muoversi anche lui in questa direzione. 7

9 come fare uno spot 8 Altrimenti se nel caso del cinema la sala rimane vuota con il nostro spot il prodotto rimane invenduto. In entrambi i casi sono guai. Naturalmente questo libro non è solo per chi vuol diventare regista. E detto tra noi questa professione ha tante gratificazioni ma anche tante spine. Abbastanza spesso sono sul set a seguire una produzione e vedo che il regista è un parafulmine che si attira non poche saette. È strattonato dal creativo, dal cliente, deve evitare di sforare i tempi e non sempre, per esempio, gli attori sono degli stinchi di santo. Ci sono comunque tante altre figure meno pubbliche che gravitano nella produzione degli spot, meno pubbliche ma non meno importanti nell economia del filmato. Un altra cosa. Fino a qualche anno fa quando mi presentavo e dicevo che mi occupavo di pubblicità, l interlocutore (se non era del settore) mi rispondeva: ah, quello che fa gli spot. Bene, la spotmania è un po diminuita, ma il ruolo della pubblicità cinetelevisiva è ancora molto ampio e sarà (credo) sempre così. Piuttosto l attuale situazione di restrizione dei budget imporrà realizzazioni meno costose eliminando gli sprechi. Un modo in positivo di vivere questi limiti sarebbe di privilegiare le i- dee, l intelligenza e la fantasia. In questo noi italiani abbiamo dimostrato di essere bravissimi: basti pensare - solo per rimanere nel campo del cinema - che le cose migliori sono nate in Italia negli anni 50 e 60 con il neorealismo e i film di Totò (tardivamente rivalutati anche a livello critico). Un consiglio: leggetevi il bel libro semi-autobiografico (è in realtà una lunga intervista) Io Orson Welles (edito da Baldini & Castoldi). Racconta tra l altro come il grande regista si destreggiò tra mille difficoltà economiche riuscendo comunque a creare dei capolavori. Ad esempio: per un film (Macbeth, credo) non aveva più costumi per gli attori e allora decise di girare alcune scene in un bagno turco. Questa se volete è creatività. Io dico di sì, eccome. Ultima nota. Che deriva dalle considerazioni svolte sopra. Sono contrario al cinema pubblicitario a compartimenti stagni (appunto: meglio i bagni turchi). Rubare dal cinema spettacolare per il cugino cinema pubblicitario più che giusto mi sembra doveroso. Attenzione però rubiamo il caviale non pietanze avariate. E cioè guardiamo ad Orson Welles (lo prendo come simbolo, è chiaro) oppure al già citato Hitchcock piuttosto che al

10 basso cinema commerciale. Questo discorso naturalmente coinvolge anche un altro soggetto che nel cinema pubblicitario è molto importante: il cliente. Si continua a dire che va educato, che in Italia non c è sufficiente cultura della comunicazione... Bene questo libro (insieme agli altri di ComunicArea) servirà anche a questo, a far nascere questa benedetta cultura. Vi lascio alla lettura (sperando che voi siate appunto un cliente). Del resto visto che mi piace scrivere libri brevi non vedo perchè dovrei scrivere prefazioni lunghe. Ciak si legge! come fare uno spot Milano, ottobre 96 9

11

12 come fare uno spot

13

14 Cap 1 Che cos è la pubblicità come fare uno spot Lo spot, il telecomunicato commerciale, il tv commercial, altro non è se non l espressione più palese di uno strumento di marketing per favorire le vendite che si chiama pubblicità. Per cui prima di vedere come si fa uno spot occorre anzitutto dare un occhiata, anche se veloce, ai meccanismi fondamentali della pubblicità. Che cosa vuol dire pubblicità Il dizionario recita: l essere pubblico, oppure il complesso dei mezzi con cui si fa conoscere al pubblico ciò che si vuole noto o accolto favorevolmente. Il significato di pubblicità viene descritto ancora meglio dal termine inglese advertising che a sua volta deriva dal latino advertere e cioè volgere, dirigere verso, far cambiare direzione. Questo è quello che fa la pubblicità: rende pubblico, fa conoscere e, quando è particolarmente efficace, riesce a far cambiare rotta alle nostre scelte. Ruolo della pubblicità nella società moderna La pubblicità è come un ombra che ci segue costantemente in ogni passo della nostra vita. La troviamo subito al mattino, appena scesi dal letto, quando ascoltiamo la radio, mentre cerchiamo di svegliarci completamente, lavandoci la faccia. Ci imbattiamo inesorabilmente in lei, appena usciamo di casa per andare al lavoro oppure a scuola, quando i nostri occhi incontrano i manifesti lungo le strade o le locandine sui mezzi pubblici. La ritroviamo la sera, in casa nostra, nei telecomunicati che si inseriscono in tutti i programmi televisivi. Non ci si può liberare di lei. Qualunque azione facciamo o qualunque oggetto usiamo, a un certo punto compare la pubblicità: sugli spalti dello stadio dove andiamo a vedere la partita di caicio, tra i banchi del 13

15 come fare uno spot 14 supermercato dove stiamo facendo la spesa, sulle scatole dei fiammiferi, tra le pagine dei calendari, sull agenda dove segnamo gli appuntamenti, sulle magliette dei campioni sportivi e perfino sui programmi delle manifestazioni culturali. Insomma, è protagonista in ogni occasione, sia questa economica, politica o culturale. Figlia della società industriale Questa onnipresenza della pubblicità è un fatto che si è sviluppato in tempi recenti. Perché la pubblicità, nelle forme che conosciamo oggi, è figlia della produzione industriale di massa, dei supermercati, dei mass media. Al tempo della civiltà agricola e della produzione artigianale, non era così invadente - non perché non volesse esserlo, ma essenzialmente per il fatto di essere limitata nei mezzi a disposizione. Utilizzava infatti solo i manifesti - affìche o cartelloni come si diceva allora - piccoli annunci sulle colonne dei quotidiani e le insegne dei negozi; in quei tempi, anzi, la pubblicità preferiva farsi chiamare réclame e si limitava a cercare di far conoscere i prodotti disponibili, pochi e poco innovativi, basati su metodi tradizionali di produzione e venduti quasi esclusivamente su discreto consiglio dei venditori. Quando però la civiltà industriale mise in cantiere così tanti nuovi prodotti che i consumatori dovevano andarsi a cercare da soli negli scaffali dei supermercati, pian piano la pubblicità diventò una necessità, perché solo con la pubblicità era possibile spiegare ai consumatori, e a costi ragionevoli, come poter soddisfare i loro bisogni e trovare il prodotto che faceva per loro. Ma la pubblicità svolge anche un ruolo importante nel controllo dei prezzi. È un fatto elementare: più gente conosce un prodotto e maggiori sono le probabilità che molte persone comprino quel prodotto. Maggiore è il volume di vendita di un prodotto e minori saranno i costi fissi e questo fatto permette di mantenere il prezzo al pubblico più basso. La pubblicità porta il messaggio a milioni di potenziali consumatori, aiuta ad aumentare il volume delle vendite e a far diminuire i costi. Come dicono gli esperti di vendite e di mercato, la pubblicità è uno degli elementi fondamentali del marketing mix assieme al

16 prodotto, al prezzo e al punto di vendita, vale a dire uno dei quattro strumenti essenziali per tenere in vita un prodotto. come fare uno spot Una tecnica Vendere prodotti: questo è lo scopo per cui la pubblicità è maggiormente conosciuta. Ma come abbiamo visto nella sua definizione la pubblicità può prestarsi efficacemente a far conoscere e promuovere anche cause che non abbiano alcuno scopo di lucro. E in effetti, si vedono tantissime campagne a favore di attività sociali di ogni sorta: per la Lotta contro il Cancro, a favore del Telefono Azzurro, oppure di scuole, ospedali, istituti assistenziali, opere caritatevoli. Anche lo Stato è sceso in campo massicciamente, per svolgere tutta una serie di comunicazioni sociali: ad esempio, campagne di pubblica utilità che riguardano la sanità, la tutela dell ambiente, la distribuzione dell energia, il lavoro, i trasporti, le pensioni, i tributi; campagne di servizio che informano su orari, scadenze, servizi per anziani; comunicazioni sociali che spiegano gli scopi di nuovi progetti; comunicazioni istituzionali che danno notizie sui compiti di un ente; pubblicazioni di bilanci; comunicazioni legali. Ricordiamo poi che nel 1970 le varie organizzazioni pubblicitarie hanno fondato Pubblicità Progresso, un associazione che mette gratuitamente la pubblicità al servizio della collettività con l ideazione e l attuazione di campagne di pubblica utilità. La prima campagna di questo genere fu realizzata a favore della donazione del sangue nel E da allora ne sono state realizzate almeno un paio ogni anno. Una disciplina empirica Col passare degli anni, la pubblicità ha via via perfezionato i suoi procedimenti, i suoi metodi di lavoro, ha affinato le sue tecniche. Utilizza ora i risultati e i progressi ottenuti da tutta una serie di discipline, come l economia, la psicologia, la sociologia e le scienze statistiche per migliorare costantemente la propria efficacia. Tuttavia, non è mai riuscita a diventare una scienza esatta, come la matematica o la medicina. 15

17 come fare uno spot 16 Ma non è nemmeno una sorta di stregoneria. È una disciplina largamente empirica e mai del tutto scontata perché agisce nella sfera di influenza del comportamento umano, spesso poco prevedibile. Ha scopi principalmente commerciali, non artistici Chi guarda la pubblicità spesso la valuta da un punto di vista esclusivamente compositivo, come si guarda uno scritto, un quadro, un film artistico. Errore. Perché la pubblicità non è arte ma viene realizzata unicamente per ottenere l assenso, per convincere, persuadere. Questa confusione di ruoli avviene perché la pubblicità per poter svolgere il proprio compito usa le stesse tecniche delle maggiori forme artistiche ed espressive e spesso lo fa in modo tale da essere persino formalmente più attraente. Spesso un testo pubblicitario è scritto meglio di un romanzo, una illustrazione pubblicitaria supera in capacità tecniche e a volte persino espressive quadri di grandi artisti, la musica pubblicitaria ha caratteristiche di grande inventiva e memorabilità, i filmati pubblicitari sono realizzati molto meglio di tanti lungometraggi ma la pubblicità non è per se stessa una forma d arte. È solamente uno specchio che riflette i linguaggi e le tendenze artistiche già in atto, cercando di utilizzarle per i propri scopi. La pubblicità migliore cerca di precorrere i tempi e di individuare quali saranno queste tendenze nel prossimo futuro per cavalcare prima degli altri i fenomeni di maggior successo, ma per se stessa la pubblicità non genera mai fatti culturali come invece possono fare la moda, la musica o il giornalismo e soprattutto l arte. Una definizione Se volessimo sintetizzare che cos è la pubblicità, potremmo quindi dire che con la parola pubblicità è possibile intendere una serie di cose: 1) una comunicazione di tipo persuasorio 2) realizzata da una fonte ben identificata e diffusa dietro compenso dai mass media 3) allo scopo di provocare un atteggiamento/comportamento favorevole a un prodotto, un servizio, una causa sociale, un partito o un uomo politico.

18 Come funziona la pubblicità come fare uno spot Come realizzare una pubblicità efficace La prima domanda da farsi è che caratteristiche debba avere la pubblicità di successo, quella che riesce cioè a farsi strada nella marea di messaggi, pubblicitari e non, che ogni giorno ci bombardano. È una domanda che da sempre si fanno gli esperti di marketing e di comunicazione. Anche se non sono riusciti a trovare una risposta esauriente, e forse non la troveranno mai, hanno però proposto tutta una serie di modelli per spiegare come funzioni e come possa influire sul processo di persuasione e di conseguenza come vada presentato un messaggio pubblicitario che abbia qualche probabilità di ottenere i risultati desiderati. Uno di questi modelli viene sintetizzato nella parola AlDA, una sigla che sta per: Attenzione, Interesse, Desiderio, Azione. E significa che per essere veramente persuasivo, un messaggio pubblicitario deve essere formulato in modo da provocare questa successione di effetti: fermare I attenzione, cioè farsi notare in mezzo al frastuono generale che arriva al consumatore; in secondo luogo interessarlo, dicendo cose che lo tocchino da vicino, che siano capaci di coinvolgerlo intimamente; poi far in modo che desideri d avere il prodotto di cui si parla e infine di spingerlo all azione. Anche se il modello è largamente popolare, a molti sembra troppo semplicistico. E così università, agenzie di pubblicità e aziende si sono messe alla ricerca di nuove metodologie che le aiutino a impostare modelli di successo. Una famosa multinazionale, ad esempio, ha studiato a fondo il problema e alla fine ha preparato un documento in cui espone come deve essere fatta una pubblicità efficace. In sostanza, dice che qualsiasi campagna pubblicitaria dovrà sempre: I) formulare la promessa di un beneficio per il consumatore - ed uno solo - espresso dal suo punto di vista 2) portare una prova che renda credibile la promessa 3) assumere un tono di voce opportuno, uno stile adatto a farsi capire dal pubblico a cui si rivolge. 17

19 come fare uno spot 18 Questa metodologia ha trovato e ancora trova ampi consensi ed è seguita soprattutto dalle aziende che applicano rigorosamente le tecniche del marketing. Non c è da stupirsi però nel constatare che anche le agenzie di pubblicità sono state molto attive nel proporre metodologie che in qualche modo fossero la base di campagne efficaci. Un tentativo di trovare un metodo flessibile che potesse costituire un banco di prova per tutte le loro campagne. Uno dei primi pubblicitari a proporre un modello che più di altri s avvicinò a una teoria sul funzionamento della pubblicità fu Rosser Reeves. La sua proposta fu l USP, una delle parole più fortunate in tutta la storia della pubblicità. USP è una sigla che sta per Unique Selling Proposition, proposta unica di vendita. In sostanza, Rosser Reeves spiega il suo pensiero in tre punti: 1) Ogni campagna pubblicitaria deve presentare un beneficio per il consumatore; deve dire, ad esempio: fa questo, acquista questa cosa e otterrai questo beneficio. 2) Deve essere un beneficio che la concorrenza non può offrire, o che in effetti non offre, anche se potrebbe offrirlo. In altre parole, deve essere esclusivo in un dato settore merceologico. 3) Il beneficio deve essere tanto forte da spingere masse di consumatori all acquisto. Rosser Reeves dice di aver scoperto l USP esaminando tutta una lunga serie di campagne di successo e che il procedimento ha fatto la fortuna della sua agenzia. Un altro famoso pubblicitario però, W. Bernbach, non ritenne di poter fare buona pubblicità in base alle argomentazioni di Rosser Reeves. E per un motivo molto semplice: un annuncio può essere costruito alla perfezione da cima a fondo; ma se nessuno si ferma a guardarlo, non ottiene nessun risultato. Quello che serve per fare una pubblicità di successo, per lui, è quindi riuscire a realizzare qualcosa di fresco e originale che riesca a fermare l attenzione e a rendere memorabile il vantaggio del prodotto. Tuttavia, più che insistere sui concetti, Bernbach dimostrò la bontà delle sue idee con grandi campagne pubblicitarie, che sono rimaste tra le più memorabili nella storia della pubblicità. Rimase famoso, ad esempio, l approccio negativo, con cui affrontava la comunicazione.

20 Ad esempio nella leggendaria campagna per la Volkswagen, il maggiolino che a prima vista è una bruttura, ma che poi, a guardar meglio, è un miracolo di efficienza oppure nella famosissima campagna per l Avis in cui diceva Siamo il n 2 e quindi ci diamo da fare per servirvi meglio e così diventare il n 1. Un altro personaggio che portò un bel mattone alla costruzione di teorie per la pubblicità è David Ogilvy. Si potrebbe dire che idealmente Ogilvy è un continuatore di Reeves, perché dice che scopo della pubblicità è di costruire una identità di marca ben precisa e distinta. Tuttavia, mentre Reeves fa leva sull aspetto razionale, Ogilvy fa largo posto alle emozioni, che possono essere importanti quanto e più delle stesse caratteristiche fisiche per costruire una campagna efficace. Ultimamente non sono emerse nuove teorie per aiutare la pubblicità a diventare più esatta e in più tutti i teoremi costruiti attorno alle basi del marketing vengono costantemente messi in crisi dalla realtà in continua evoluzione e cambiamento. L USP di Mr. Reeves è ormai solo un bel ricordo perché l evoluzione tecnologica difficilmente consente di presentare un prodotto che abbia sufficienti differenze che possano essere rilevanti per il consumatore. Pensiamo alle auto per esempio, nella stessa categoria o cilindrata sono ormai tutte uguali e la battaglia comunicazionale avviene attorno al prezzo o ad un optional offerto. La personalità di marca, cavallo di battaglia delle teorie di Mr. Ogilvy, pur non potendosi considerare fuori moda perché ogni prodotto di massa e di marca ne possiede una, non è più considerato quell elemento distintivo per aiutare la comunicazione; possiamo anzi dire che la sua diffusione generalizzata l abbia in qualche modo resa banale e non più quel veicolo importante di comunicazione che era al suo primo apparire. Le teorie di Mr. Bernbach invece restano di attualità ma solo per il fatto di non aver proposto alcun modulo ma di aver sempre spinto per una creatività brillante che mettesse nel giusto risalto quelle promesse al consumatore che il prodotto poteva offrire. In realtà è proprio la creatività l arma più potente della pubblicità, quel salto immaginativo, non logico - e quindi al di fuori di ogni regola e teoria - che consente di poter presentare un prodotto o un servizio in modo così nuovo e interessante da come fare uno spot 19

21 Finito di stampare nel mese di ottobre 1999 per conto della Guaraldi/Gu.Fo Edizioni Stampa in offset - computer to plate Centro Stampa Digitalprint Rimini

22

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 Che gibilée per quatter ghej! Con tutt el ben che te voeuri Il mercante di schiavi Qui si fa l Italia L ultimo arrivato e tutti sognano Chi la fa la spunti Chi

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali L impatto della musica nei locali pubblici L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali Le cinque verità 1. Le persone attribuiscono alla musica un enorme importanza.

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo A prima vista: Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie Minimo utilizzo di metallo Generatore ad induzione da 3,5 kw per un riscaldamento estremamente veloce e per raggiungere alte temperature

Dettagli

Questa lettera informativa è quindi dedicata a tutti gli imprenditori che vogliono aumentare le vendite della loro azienda.

Questa lettera informativa è quindi dedicata a tutti gli imprenditori che vogliono aumentare le vendite della loro azienda. [D q Una delle domande più frequenti è: Cosa può fare la mia azienda per generare più richieste, avere più clienti e aumentare le vendite? Quasi tutte le aziende, anche le più piccole, oggi investono in

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it INDICE PAGINA 9 PREFAZIONE di Rossella Grenci 13 PRESENTAZIONE Rossella Grenci, Daniele Zanoni 20 LISTA DI ALCUNI DISLESSICI

Dettagli