Visual Information Systems for the Processes of Factory in the Transport Sector (VIS4FACTORY)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Visual Information Systems for the Processes of Factory in the Transport Sector (VIS4FACTORY)"

Transcript

1 Visual Information Systems for the Processes of Factory in the Transport Sector (VIS4FACTORY) Carmine Pappalettere, Caterina Casavola, Michele Fiorentino, Giuseppe Monno and Antonio Emmanuele Uva Dip. di Meccanica, Matematica e Management, Politecnico di Bari Abstract. The project proposes a new methodological approach to provide an innovative solution to Human-Machine Interaction (HMI) for the operators directly involved in the production, by designing tools based on non-traditional approaches of interaction with a Visual Information System (VIS), in order to maximize the system efficiency. VIS techniques can assure the best way to get to lean production objectives with always updated information. The goal of this project is to outline a set of technologies based on the paradigm of advanced visualization (virtual, augmented and mixed reality, multi-sensory interaction) applied to the context of manufacturing design and production of advanced materials and components for the transport industry. Several phases of the product lifecycle may be effectively improved by a VIS: design, quality check, maintenance, and assembly. Funding: MIUR Program: PON&REC ID Code: PON02_00634_ Role of POLIBA: Partner (via Consorzio CALEF) Contact person: Carmine Pappalettere Total Budget: Poliba Budget: Number of partners: 6 Starting date: 1 aprile 2012 End date: 31 maggio 2015 Keywords: Virtual Reality, Augmented Reality, HCI, HMI, Transportation 1 Introduction Negli ultimi anni le tecnologie Informatiche e le applicazioni software in generale stanno subendo un radicale cambiamento. Si tratta di una vera e propria rivoluzione e chiunque viva in un paese industrializzato la sta percependo. Il fenomeno si potrebbe sintetizzare in una sola frase: nel prossimo futuro non esisterà più il PC così come lo conosciamo, inteso come unità centrale, mouse, tastiera e schermo. La fantasia degli autori creativi nel mondo cinematografico e dell intrattenimento in generale, ha da Page 1 of 11

2 sempre anticipato i tempi, proponendo una visione futuristica di sistemi software che vengono controllati direttamente da gesti umani naturali e voce senza mediatori artificiosi come le periferiche di I/O (mouse, tastiere, ecc..). Si passa dal concetto desktop computing, come macchina monolitica (eventualmente connessa alla reta) in grado di risolvere problemi specifici grazie ai software, al nuovo paradigma dell Ubiquitous computing (o ubicomp) in cui in cui l elaborazione delle informazioni è stata interamente integrata all interno di oggetti e attività di tutti i giorni. Si apre pertanto l era della computer interaction, che ponendo le basi in investimenti milionari effettuati nell ultimo decennio dal settore edutainement (industria dei videogame), si apre ora ai vari contesti applicativi della produzione industriale e dei servizi. Nel progetto di ricerca industriale VIS4FACTORY, si propone di indagare nell ambito di nuove soluzioni, basate su tecnologie visuali (tra cui la realtà aumentata e la realtà virtuale), applicabili all industria manifatturiera, che siano in grado di porre al centro del processo produttivo l uomo quale elemento essenziale per il recupero di competitività nel panorama internazionale. Va infatti considerata l importanza del sistema uomo macchina quale fattore di ricerca critica che può essere definito come l insieme delle attività e delle relazioni che intercorrono fra due sotto-sistemi (l'uomo e la macchina), finalizzato alla trasformazione di un determinato input in un output. Per eseguire un processo produttivo, un sistema uomo macchina necessita essenzialmente di tre fattori: le materie prime (l input), gli strumenti, l energia motrice per lavorarle e le informazioni su come lavorarle. Ogni interazione tra una macchina e il suo operatore si colloca sempre in un contesto reale che è caratterizzato dalla definizione di Interazione Uomo-Macchina (Human Machine Interaction, HMI). Solamente con l introduzione e l affermazione dei modelli di rappresentazione della risorsa umana basati sul paradigma del sistema di processamento dell informazione ( Information Processing System, IPS) si sono estesi i concetti relativi ai sistemi uomo-macchina; il modello della risorsa umana oggi afferisce a considerazioni di carattere cognitivo e organizzazionale in aggiunta alla parte puramente comportamentale per dare la giusta importanza ai processi decisionali nella gestione di impianti. Alla Human-Machine Interaction (HMI) sono associati, e spesso con essa confusi, altri concetti, come l interazione tra uomo e computer, ossia la Human- Computer Interaction (HCI), e l interazione tra uomo e robot, ossia la Human-Robot Interaction (HRI). Il progetto intende sviluppare nuove tecnologie e metodologie abilitanti la HMI (Human Machine Interaction) ed HCI (Human Computer Interaction) per gli operatori direttamente coinvolti nella produzione manifatturiera (settore dei trasporti), ideando strumenti basati su approcci non tradizionali di interazione, grazie all introduzione del concetto di Sistema Informativo Visuale (in inglese Visual Information System). Le tecnologie VIS che si intendono sviluppare permetteranno da un lato di utilizzare e rendere disponibili per i modelli di ottimizzazione tutti i dati disponibili sul campo e dall'altro restituire le informazioni, quali ad esempio le sequenze di lavorazione, verso il sistema produttivo. Le tecnologie sviluppate saranno sperimentate attraverso l esame in differenti contesti produttivi quali le linee di assemblaggio e sistemi di lavorazione, l addestramento del personale (learning by doing). Al fine di ottimizzare l interazione uomo-macchina è

3 molto importante comprendere la natura e il contenuto delle informazioni per determinare in quale modo esse devono essere comunicate all operatore. Secondo quanto detto nella sezione precedente, le modalità attraverso le quali si possono fornire dei contenuti di tipo: - contenuti grafici: di tipo testo; di tipo immagine 2D/3D; di tipo video; - contenuti audio. A seconda di quello che si vuole comunicare si deve determinare la forma più opportuna che l informazione deve avere per poter raggiungere in maniera efficiente l operatore. Allo stesso modo il sistema, per essere indipendente, ha bisogno di ricevere un flusso costante di informazioni dall operatore e dalla sua postazione di lavoro al fine di conoscere in ogni momento lo stato complessivo del sistema di produzione, senza per questo risultare collo di bottiglia sulle operazioni che lo stesso operatore sta svolgendo (lean manufacturing). Le tecniche VIS possono assicurare il sistema migliore di raggiungimento degli obiettivi della lean production. Oltre alla natura dei contenuti delle informazioni trasmesse un importante sfida consiste nel determinare anche il grado di integrazione e contestualizzazione che tali contenuti, soprattutto quelli grafici, devono possedere. È questa la sfida tecnologica da affrontare nel progetto, ancora tutta da esplorare sia in termini di soluzioni applicative che di logiche di rappresentazione. Un ultima questione da considerare è la dinamica che le informazioni trasmesse devono possedere. Si possono, infatti, avere contenuti virtuali statici, che saranno sempre gli stessi ogni qual volta si osservi un determinato oggetto (ad esempio se si vuole visualizzare il nome di un utensile quando lo si osserva), oppure dinamici, che variano con l evolvere dell operazione che si sta eseguendo. Quest ultima caratatteristica è la nuova frontiera della gestione delle informazioni aziendali, che sempre di più rappresenterà nel futuro la flessibilità del cambiamento dei sistemi di produzione e le opportunità di reazione in tempo reale ai cambiamenti di mercato; frontiera questa che, dalla letteratura corrente, è ancora un punto di vulnerabilità dei sistemi lean. 2. Descrizione dell'obiettivo generale del progetto L obiettivo del progetto VIS4FACTORY è quello di delineare un set di tecnologie basate sul paradigma della visualizzazione avanzata (virtual reality, augmented reality, mixed reality, interazione multisensoriale) applicate al contesto manifatturiero della progettazione e produzione di materiali avanzati e componenti per il settore dei trasporti. In particolare si prevede di intervenire in specifiche fasi della catena del valore dell impresa manifatturiera, ovvero: La progettazione virtuale, immersiva, cooperativa e concorrente La verifica di qualità del prodotto/materiale/componente I processi di manutenzione Programmazione, avanzamento ed ottimizzazione della produzione Page 3 of 11

4 I processi di assemblaggio Nell ambito dell impresa manifatturiera, il sistema informativo (ERP) integra tutti i processi di business rilevanti di un'azienda (produzione, vendite, acquisti, gestione magazzino, contabilità etc.). Con l'aumento della popolarità dell'erp e la riduzione dei costi per l'ict (Information and Communication Technology), si sono sviluppate applicazioni che aiutano i business manager in diversi contesti aziendali: controllo ed avanzamento della produzione, controllo di inventari, tracciamento degli ordini, servizi per i clienti, finanza e risorse umane. A tutt'oggi i moderni sistemi di ERP coprono tutte le aree che possano essere automatizzate e/o monitorate all'interno di un'azienda, permettendo così agli utilizzatori di operare in un contesto uniforme ed integrato, indipendentemente dall'area applicativa. Nella seguente architettura sono riportati i moduli principali di un ERP e le relazioni logiche che intercorrono tra di loro: Fig.1. Architettura dei principali moduli ERP Se da un lato le componenti funzionali di un ERP (Aplication Dictionary, Transiction Engine, Transiction Database) si sono fortemente evolute per venire incontro alle esigenze specifiche del mondo manifatturiero, prendendo la forma di sistemi molto complessi come PDM (Product Data Management), DDM (Document Data Management), WMS (Workflow Management System); dall altro le componenti di interazione (User Interface) sono partecipi di uno stravolgimento tecnologico che fa intravvedere una vera e propria rivoluzione del classico concetto di GUI (Graphical User Interface). Con il termine VIS (Visual Information System) si intende classificare ogni sistema di gestione di tipo ERP (Enterprice Resource Planning) in cui la componente di interazione utilizza tecnologie avanzate di visualizzazione ed interazione che si basano su sistemi evoluti di Virtual Reality (Interazione immersiva) ed Augmented Reality (realtà mista). Lo sviluppo di sistemi VIS deve prevedere anche una interazione multisensoriale in cui l utente percepisce l ambiente applicativo non solo con la vista ma anche con interazioni tattili e sonore.

5 Le applicazioni VIS offrono una rappresentazione visuale di informazioni aziendali siano esse legate alla produzione, al management, alla progettazione oppure al controllo produttivo (in teso con un accezione più generale) in modo agile, cioè che rispettino i seguenti requisiti : Immediata comprensione: Le informazioni rappresentate in diverse modalità (testuali, grafica 2D e 3D sia statica che dinamica, video, audio o una opportuna loro integrazione) devono essere immediatamente comprensibili a descrivere un determinato contesto, processo e/o prodotto/componente; Contestualizzata: L informazione deve essere immediatamente accessibile, e relativa sia al particolare processo di produzione/progettazione/controllo che si sta svolgendo sia al particolare ruolo dell utente rivestito all interno dell azienda; Interattività con l utente: L utente deve poter interagire con tali informazioni secondo i seguenti criteri: o o o o o L informazione deve essere sempre disponibile e visibile; La rappresentazione (visualizzazione e/o fruizione) dell informazione deve avvenire in modo agile e compatibile con i vari ambienti di lavoro (dalla produzione, alla progettazione ed alla manutenzione) e con le normative ergonomiche; Non è l utente che deve capire le logiche dell applicazione, ma è l applicazione che deve osservare l utente per poi proporre le funzioni più idonee in quel contesto specifico (sistema intelligente); L interazione dell utente con tali funzioni, deve avvenire in modo agile, cioè sfruttando la gestualità e la voce dell utente, supportato da opportune tecnologie di tracciatori e/o dispositivi aptici non invasivi e compatibili con gli ambienti operativi; Il trasferimento dell informazione da e verso l utente deve avvenire il più possibile in Real Time, sfruttando opportuni protocolli di comunicazione ed adeguate infrastrutture di connessioni di rete; Integrata con tutte le fonti di informazione aziendale: L informazione completa, è la risultante delle informazioni proveniente da un opportuna integrazione dei vari database aziendali, progetti, processi e procedure: Dai disegni tecnici di un prodotto o di un macchinario, al manuale di manutenzione; dal progetto CAD, alle analisi strutturali di un determinato componente,; dalla distinta base di un assieme, alle relative scorte di magazzino; dalle difficoltà incontrate nel ciclo produttivo ad opera di un operatore tecnico, al numero di componenti difettosi prodotti da una determinata macchina in un determinato periodo di tempo; e così via ; Accessibilità alle informazioni EVERYWHERE e MULTICANALE: L informazione o la conoscenza vengono messe a disposizione, a secondo dei ruoli aziendali rivestiti in qualunque posto fisico dell impresa coperta dalle funzionalità del frame work. Le modalità di visualizzazione, ovviamente, sono vincolate agli aspetti hardware di cui si dispone nel momento in cui si vuole accedere a tali informazioni (ad esempio, se l utente è in continuo movimento, la visualizzazione sarà effettuata su dispositivi indossabili o palmari), rispondendo quindi alle esigenze di multicanalità. Rispondendo alle specifiche su indicate, l informazione evolve verso il concetto di conoscenza ed il modo in cui tale conoscenza viene rappresentata e con cui si può Page 5 of 11

6 interagire è fortemente legato ai concetti, metodi e tecnologie tipiche della Virtual Reality e dell Augmented Reality (Mixed Reality). Rappresentazione immersiva, opportuna sovrapposizione di contenuti digitali su flussi video, image processing, utilizzo di dispositivi di tracciamento e feed-back force per l interazione con oggetti 3D e multimediali e calcolo ad elevate prestazioni sono alcune delle caratteristiche di base tipiche di contesti di MIXED REALITY, di cui l informazione deve essere parte integrante. 3. I sistemi VIS nell ambito del World Class Manufactoring Il progetto in esame fa riferimento a due pilastri attuativi fondamentali: il diretto e completo coinvolgimento delle persone coinvolte nella gestione dei processi di produzione (Total Employee Involvement TEI) e il diretto ed immediato controllo visuale del flusso delle operazioni (Visual Control VC). L obiettivo generale del progetto è quindi l introduzione di una nuova idea relativa al pilastro Visual Control. Allo stato attuale il controllo sul processo è totalmente demandato all operatore e alla sua esperienza. L operatore, in ogni particolare fase del ciclo di produzione, analizza il contesto e prende le decisioni sulla base di un complesso insieme di informazioni distribuito su ogni singola stazione di lavorazione (stato dei magazzini, utensili disponibili, disegni e dettagli tecnici, ). In termini generali il processo di Visual Control è mono-direzionale: le informazioni sono elaborate dall operatore sulla base di quanto egli osserva direttamente sul campo ed è disponibile sia in modo strutturato (cartellini Kanban) che in modo non strutturato. Sulla base delle informazioni ricavate dal campo ogni operatore, in modo discrezionale anche se guidato da standard, prende decisioni strategiche, quali, a titolo di esempio, la determinazione delle sequenze di lavorazione. Il progetto intende utilizzare le nuove tecnologie ICT basate sull analisi e la gestione delle informazioni disponibili sul campo per permettere un interazione biunivoca tra il campo e l operatore. Il progetto intende fornire un nuovo approccio metodologico in grado di fornire agli operatori direttamente coinvolti nella produzione nuovi strumenti, non basati su approcci tradizionali, quali l'interazione con sistemi informativi, con l obiettivo di massimizzare l efficienza dei sistemi e sfruttare interamente tutte le informazioni disponibili nei diversi punti dei processi di produzione. Il gap sarà colmato attraverso lo sviluppo di tecnologie ICT classificabili sotto l'acronimo VIS (Visual Information System). Le tecnologie VIS che si intendono sviluppare permetteranno, ad esempio, da un lato di utilizzare e rendere disponibili per i modelli di ottimizzazione tutti i dati disponibili sul campo e all'altro restituire le informazioni, quali ad esempio le sequenze di lavorazione, verso il sistema produttivo. Il focus del progetto è creare una nuova modalità di gestione della produzione in cui le informazioni disponibili sul campo sono utilizzate a livello gestionale non solo attraverso la diretta osservazione degli operatori, ma migliorando la HMI attraverso innovativi sistemi di visione ed elaborazione della scena, riconducibili all acronimo Augmented Reality. Il progetto intende costruire un nuovo sistema gestionale per il controllo, monitoraggio e avanzamento della produzione basato su tecnologie VIS. Il

7 sistema permetterà di prendere le informazioni dal campo, elaborarle e riposizionarle sul campo a disposizione degli operatori. Semplificando con un esempio rispetto al problema del quick-change-over nelle stazioni di lavorazione possiamo rappresentare l obiettivo del progetto come segue. Posto un insieme di differenti parti in lavorazione e un problema di sequenziamento delle parti sequenza dipendente, nei sistemi WCM (World Class Manufactoring) tradizionali la scelta della sequenza è lasciata all operatore. Il problema della riduzione dei tempi di ri-attrezzaggio è limitata alla riduzione del singolo tempo di riattrezzaggio. L obiettivo del progetto è realizzare un sistema che prende i dati dal campo (riconoscimento della scena e dei componenti della scena), trasforma i dati per l esecuzione di un modello di ottimizzazione per determinare la sequenza ottimale, restituisce sulla scena la sequenza dei pezzi minima rispetto al ri-attrezzaggio della stazione di lavorazione. Il raggiungimento di un sistema ICT di VIS in grado di essere efficacemente ed economicamente integrato nei sistemi WCM permetterebbe una significativa evoluzione delle conoscenze e dello stato della tecnica nei sistemi WCM. Inoltre, la generalità dell approccio ne consentirebbe l uso in numerosi e differenti ambiti applicativi. In dettaglio, i sistemi di Visual Information System (VIS) rappresentano un evoluzione dei sistemi informativi convenzionali (IS) identificati dal rigido paradigma text-in/text-out. A differenza dei normali IS, i dispositivi di I/O richiesti dai VIS includono una maggiore ricchezza di apparati per la presentazione e visualizzazione dei dati. In Leung (1997), un VIS è definito come un sistema integrato uomo-macchina per fornire informazioni visuali e multimediali, interconnesse, allo scopo di supportare le fasi operative, quelle gestionali e le funzioni di decisionmaking. E importante distinguere i VIS dai sistemi multimediali (MMS), in quanto questi ultimi si occupano della gestione a basso livello dei documenti multimediali. Di contro, i VIS si occupano della semantica delle informazioni multimediali che si trova a livello applicativo. L obiettivo generale sarà raggiunto attraverso la collaborazione nel progetto sia di enti di ricerca che di significative realtà industriali in differenti contesti produttivi. Le tecnologie sviluppate saranno nell industria dei trasporti. Il risultato finale del progetto sarà una nuova proposta gestionale che modificherà, in caso di successo dell iniziativa, profondamente il concetto di lean production consentendo di unire un altro attore fondamentale al processo: il sistema produttivo. Nella visione del progetto, il sistema produttivo diventerà un partner del processo continuo di miglioramento al pari dell operatore. La visione del progetto è profondamente differente da quanto ad oggi disponibile nel settore e nelle aziende che hanno implementato produzioni secondo l approccio della lean production. Per il raggiungimento di questo obiettivo sarà fondamentale superare numerosi problemi legati all analisi della scena e delle immagini, alla gestione a livello informatico dei dati, all introduzione e gestione degli aspetti di dinamicità del processo nei modelli e tecniche di ottimizzazione della produzione. Un altro importante risultato e obiettivo del progetto è la formulazione e costruzione di un frame-work di riferimento, delle informazioni e dei modelli produttivi, univoco e generale rispetto ai differenti contesti produttivi per lo sviluppo e la costruzione di nuove applicazioni VIS. Page 7 of 11

8 4. Ruolo del Politecnico di Bari I colleghi sopra indicati degli SSD ING-IND/14 e ING-IND/15 sono coinvolti allo sviluppo in collaborazione con altri partner nelle attività riportate nel seguito. OR 1: Limiti di applicabilità di un VIS (Visual Information Systems) 1.7 RI Auditing per la definizione dei Requisiti generali di un VIS Definire, sulla base delle aree di introduzione delle soluzioni VIS a supporto dei processi standard delle filiere manifatturiere, i requisiti funzionali che dovranno essere soddisfatti dalla suite di soluzioni VIS da realizzarsi negli OR successivi. OR 2: Tecnologie e metodologie per lo sviluppo di applicazioni VIS in mixed reality 2.1 RI Metodi e tecnologie inerenti le unità di calcolo indossabili non invasive integrate con sistemi VIS Obiettivo di tale attività è quello di studiare e definire le tecnologie e i metodi in grado di consentire unità di calcolo performanti utilizzabili direttamente nelle zone di lavoro e che siano facilmente utilizzabili da parte degli operatori, e compatibili con le mansioni di lavoro da svolgere. Per tale ragione si studieranno le architetture in grado di rispondere alle esigenze di calcolo, elaborazione grafica, interconnessione ed interfacciamento ai dispositivi di tracciamento e feedback force, configurabili con soluzioni di tipo indossabile (come ad esempio architetture mobile o in genere embedded). OR 3: Metodi e tecnologie per l integrazione VIS (Visual Information Systems) con ERP_PDM-CAD-FEM_BEM 3.5 RI Metodi, modelli e tecnologie per l'integrazione di VIS (con FEM/BEM L obiettivo principale di questa attività sarà quello di visualizzare dati provenienti da una simulazione FEM direttamente sul prototipo fisico. OR 4: Sistemi VIS (Visual Information Systems) per il supporto dei processi di manutenzione 4.1 RI Mapping tra processi manutentivi tradizionali e processi manutentivi VIS Lo scopo dell attività è quello di progettare e sviluppare sistemi VIS come supporto ad alto contenuto di informatizzazione nei processi manutentivi. In particolare si vogliono sviluppare sistemi di realtà aumentata ad elevata interattività con l obiettivo di aumentare la produttività del capitale umano, sia durante la formazione sia durante le attività di manutenzione. 4.2 RI Definizione del ciclo di manutenzione VIS Il ciclo di manutenzione con tecniche VIS si basa su due aspetti tecnici principali: la completa digitalizzazione del contenuto informativo relativo alla manutenzione e allo sviluppo di interfacce innovative AR\VR. In questa attività che riguarda principalmente il primo aspetto, si prenderà in esame la possibilità di utilizzare il concetto di Digital Master (DM) così come definito dalle normative (es. ISO e ASME Y ).

9 4.3 Ri Gestione dell'interazione dal sistema reale all'operatore La visualizzazione in AR del sistema VIS si basa su tre aspetti : (i) generazione di contenuti 2D\3D interattivi, (ii) la registrazione dei contenuti virtuali sulla scena reale mediante tracking, (iii) il video overlay. In quest attività verranno valutati questi aspetti in modo da evidenziare gli elementi di base in comune per tutte le attività manutentive e progettare sistemi ottimizzati per la specifica fase di manutenzione. 4.4 RI Gestione dell'interazione dall'operatore al sistema Quest attività esaminerà i tipi e le tecniche di interazione adatte per lo svolgimento di compiti procedurali assistiti in AR. 4.5 RI Ambiente di interazione dal sistema reale all'operatore L attività ha lo scopo di implementare un sistema per l acquisizione e l analisi dei dati relativi allo stato della macchina integrando metodi di tracciamento tramite la visione e dati acquisiti dai sensori sulla macchina stessa e sugli strumenti al fine di valutare l avvenuto compimento oppure il fallimento dell operazione richiesta al manutentore. 4.6 RI Ambiente di interazione dall'operatore al sistema In questa attività saranno affrontate tutte le problematiche di tracciamento del movimento umano. 4.7 RI Studio di haptic device per l'applicazione di sistemi VIS in campo di manutenzione Le haptic device (interfaccia aptica) permettono l integrazione di informazioni sensoriali all interno di un sistema di Mixed Reality di tipo sia tattile sia cinestetico. Un'interfaccia aptica è un dispositivo che permette di manovrare un robot, reale o virtuale, e di riceverne delle sensazioni tattili in risposta (retroazione o feedback). 4.8 RI Architettura di un VIS in campo di manutenzione Con questa attività si studia l architettura di un sistema di manutenzione VIS che raccolga i vari input provenienti dai moduli di tracciamento e sensorizzazione e che sia in grado di prendere le decisioni corrette sui feedback da mandare al manutentore ed ai moduli funzionali del sistema. L attività si propone di sviluppare un sistema di supporto alle decisioni che costituisca il motore dell applicazione e il cui scopo sia di coordinare le attività dei moduli per tracciamento con l haptic device. Tab. 6. Schema logico di VIS per manutenzione Page 9 of 11

10 4.9 RI Ambiente di presentazione dell'informazione all'operatore Un ambiente di presentazione in VIS ha lo scopo di fornire all utente le informazioni volute col minimo affaticamento in termini di sforzo percettivo, cognitivo ed esecutivo. Gli obiettivi di quest attività sono: o comprendere quali contenuti sono necessari per la completa definizione di un processo di manutenzione assistita da VIS coerentemente con quanto prescritto dalle normative vigenti (ISO e ANSI) o comprendere quali sono le proprietà grafiche, di contenuto e di comportamento che garantiscono una completezza e congruenza dei contenuti informativi visualizzati in un VIS o individuare tutti quegli aspetti teorici e pratici, capaci di ottimizzare l interfaccia da un punto di vista grafico e di fruibilità per tutti gli utenti che dovranno utilizzarla in varie fasi. o definire i requisiti dell ambiente di presentazione VIS 4.10 RI Metodi e modelli per l'ottimizzazione del ciclo di manutenzione in ottica VIS La manutenzione assistita in un ambiente VIS necessita di una formalizzazione strutturata in modelli, che permette l esecuzione di una serie di fasi eseguite in ambiente virtuale (User analysis, Task analysis, Scenario analysis, Heuristic development, Formative evaluation, Summative evaluation) per generare dei protocolli dedicati al miglioramento continuo dei processi. 7.2 SS Dimostratore VIS per l integrazione e semplificazione dei processi di progettazione di tipo CAE Obiettivo di tale attività è quello di implementare l integrazione dei processi CAE studiati negli OR precedenti. In particolar modo si implementerà l integrazione dei processi di progettazione all interno di un contesto VIS facendo riferimento alle tecnologie hardware/software di tipo immersivo. 7.3 SS Dimostratore VIS per un processo complesso di manutenzione L attività ha lo scopo di implementare un ambiente grafico all interno del quale sia possibile eseguire operazioni di programmazione e gestione dei cicli di fabbricazione,

11 attraverso la realtà aumentata, la realtà virtuale ed interfacce grafiche, oltre a studiare la possibilità di integrazione di strumenti aptici per aumentare la percezione di presenza nell operatore che deve svolgere l attività. 7.7 SS Sperimentazione dei dimostratori Nella presente attività si procederà alla sperimentazione e validazione dei dimostratori VIS, sviluppati nella attività precedenti. 7.8 SS Auditing per il trasferimento tecnologico e valutazione del potenziale impatto delle tecnologie sviluppate L attività si lega fortemente alle attività di sviluppo sperimentale previste in altri OR, orientando le scelte progettuali verso soluzioni che rispondano positivamente alla verifica di fattibilità. Page 11 of 11

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia Interazione Uomo-Macchina (e Usabilità) 1 Cos'è l'hci? Human-Computer Interaction (HCI) Possibile definizione (ACM) Human-computer interaction ti is a discipline i concerned with the design, evaluation

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

Industry 4.0: la visione di IEC. Micaela Caserza Magro, Paolo Pinceti Università di Genova, Dip. DITEN

Industry 4.0: la visione di IEC. Micaela Caserza Magro, Paolo Pinceti Università di Genova, Dip. DITEN Industry 4.0: la visione di IEC Micaela Caserza Magro, Paolo Pinceti Università di Genova, Dip. DITEN Cosa è Industry 4.0 Il termine Industry 4.0 nasce in Germania, e diventa il nome di un progetto pubblico

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione Riepilogo Dipartimento ICT Dipartimento ICT nel 2005 diretta nel terzi fondi diretta Reti in Tecnologia Wireless 434.890 79.788 712.457 94.953 578.280 351.500 94.000 Internet di prossima generazione 639.484

Dettagli

Sistemi di Infotainment in auto: sfide progettuali e prospettive

Sistemi di Infotainment in auto: sfide progettuali e prospettive ELIOS Lab Sistemi di Infotainment in auto: sfide progettuali e prospettive Francesco Bellotti Dip. di Ingegneria Biofisica ed Elettronica (DIBE) Università di Genova 1 Non solo per spostarsi Auto: un elemento

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi 1 SISTEMI INFORMATIVI DI INTEGRAZIONE (CENNI)...2 1.1 ERP - ENTERPRISE RESOURCE PLANNING...2 1.2 SCM - SUPPLY-CHAIN MANAGEMENT...4 1.3 KW - KNOWLEDGE MANAGEMENT...5 Pagina 1 di 5 1 Sistemi Informativi

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce

Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA, GESTIONALE, INFORMATICA, MECCANICA Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce Organizzazione applicazioni multimediali.

Dettagli

Modulo 1 1.2 Software

Modulo 1 1.2 Software Con l Europa, investiamo nel vostro futuro Ufficio XVI Ambito Territoriale per la provincia di Ragusa Istituto Tecnico Industriale Statale «Ettore Majorana» Via Pietro Nenni s.n. 97100 R A G U S A C.F.:

Dettagli

darts Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www.darts.it

darts Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www.darts.it Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www..it 1 Company Darts Engineering è pmi di consulenza, progettazione e system integration in ambito ICT, che

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di elaborazione delle informazioni Biacco Sabrina ENTERPRISE RESOURCE PLANNING Gli ERP sono delle soluzioni applicative in grado di coordinare l'insieme delle attività aziendali automatizzando

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2008-2009 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 1 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 1 Organizzazione e Sistema

Dettagli

AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM

AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM CIM = Computer Integrated Manufacturing Fabbrica completamente automatizzata fabbrica ottimizzata Obiettivi di una strategia CIM incremento della qualità del prodotto

Dettagli

48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze

48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze 48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze C U R R I C O L A All interno del corso di laurea magistrale gli insegnamenti e le attività formative sono organizzate in modo da offrire percorsi

Dettagli

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE

PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE PRIMA GIORNATA DELL INNOVAZIONE LIVORNO - 5 Dicembre 2008 Dott. Luca Cattermol General Manager DAXO DAXO è una società operante nel settore delle Information and Communication Technologies (ICT), specializzata

Dettagli

Strumentazione e Connessione personale per gli operatori in campo negli impianti: come ti rimetto a nuovo l Operatore a Giro

Strumentazione e Connessione personale per gli operatori in campo negli impianti: come ti rimetto a nuovo l Operatore a Giro Strumentazione e Connessione personale per gli operatori in campo negli impianti: come ti rimetto a nuovo l Operatore a Giro 28 Ottobre 2015 - Ore 9,30 SAVE - Veronafiere La figura e la funzione dell Operatore

Dettagli

Economia e. Prof. Arturo Capasso

Economia e. Prof. Arturo Capasso Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

Introduzione alla Virtualizzazione

Introduzione alla Virtualizzazione Introduzione alla Virtualizzazione CATERINA RIZZI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE SOMMARIO CONTESTO E TREND QUADRO EVOLUTIVO IL RUOLO E LE OPPORTUNITÀ OFFERTE DALLE TECNOLOGIE RISOLVERE I PROBLEMI

Dettagli

BANDO REGIONE MARCHE

BANDO REGIONE MARCHE BANDO REGIONE MARCHE PROMOZIONE DELLA RICERCA INDUSTRIALE E DELLO SVILUPPO SPERIMENTALE IN FILIERE TECNOLOGICO- PRODUTTIVE Il presente bando intende incentivare le attività di ricerca industriale e sviluppo

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Effettuare la manutenzione e garantire l'affidabilità dei sistemi. svolgere le operazioni di manutenzione programmata di base su macchine e sistemi

Dettagli

1. Introduzione agli ERP e a SAP

1. Introduzione agli ERP e a SAP 1. Introduzione agli ERP e a SAP ERP (Enterprise Resource Planning) è un sistema informativo che integra tutti gli aspetti del business, inclusi la pianificazione, la realizzazione del prodotto (manufacturing),

Dettagli

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI Il Database è una collezione di archivi di dati ben organizzati e ben strutturati, in modo che possano costituire una base di lavoro per utenti diversi

Dettagli

Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web

Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web Massimo Amendola slide 1 di 33 Sommario 1. ACCESSIBILITÀ e USABILITÀ 2. IL LABORATORIO 3. ATTIVITÀ 4. IL PROGETTO MEDIACCESS slide 2

Dettagli

Project Automation S.p.a.

Project Automation S.p.a. PROJECT AUTOMATION S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ è la denominazione assunta nel 1999 da Philips Automation S.p.a., a sua volta costituita nel 1987 rilevando dalla Divisione Industrial & ElectroAcustic

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Giuseppe Lucisano. Il Cluster Fabbrica Intelligente sui temi di smart e adaptive manufacturing

Giuseppe Lucisano. Il Cluster Fabbrica Intelligente sui temi di smart e adaptive manufacturing Cluster Tecnologico Nazionale Fabbrica Intelligente Imprese, università, organismi di ricerca, associazioni e enti territoriali: insieme per la crescita del Manifatturiero Giuseppe Lucisano Il Cluster

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica)

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea Magistrale in Informatica CLASSE LM18 (Informatica) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico

Dettagli

serena.com IL SUCCESSO DIPENDE DAI PROCESSI Velocizzateli con Serena TeamTrack

serena.com IL SUCCESSO DIPENDE DAI PROCESSI Velocizzateli con Serena TeamTrack serena.com IL SUCCESSO DIPENDE DAI PROCESSI Velocizzateli con Serena TeamTrack SERENA TEAMTRACK Serena TeamTrack è un sistema per la gestione dei processi e dei problemi basato sul Web, sicuro e altamente

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

SUITE SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLA STAMPA DIGITALE

SUITE SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLA STAMPA DIGITALE SUITE SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLA STAMPA DIGITALE Tutta la nostra esperienza nel campo della nobilitazione tessile e l innata curiosità verso l innovazione tecnologica si uniscono oggi in un nuovo prodotto

Dettagli

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Sistemi ERP e controlli automatici

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Sistemi ERP e controlli automatici Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Sistemi ERP e controlli automatici Obiettivi della sessione Al termine di questa sessione sarete in grado di: Descrivere gli obiettivi di un sistema

Dettagli

Innovazione. Tecnologia. Know How

Innovazione. Tecnologia. Know How > Presentazione FLAG Consulting S.r.L. Innovazione. Tecnologia. Know How SOMMARIO 01. Profilo aziendale 02. Gestione Documentale 03. Enterprise Document Platform 01. Profilo aziendale Il partner ideale

Dettagli

L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia

L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia Marco Vecchio ANIE Automazione Automazione Industriale Award Milano, 15 dicembre 2015 Federazione ANIE Federazione Nazionale Imprese

Dettagli

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10 Indice Prefazione alla 2 edizione Prefazione alla 1 edizione CAPITOLO 1 - GENERALITÀ 1.1 Definizione della funzione logistica 2 1.1.1 Integrazione ed automazione logistica 2 1.1.2 Flessibilità come risposta

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Smart Cities : 10 Febbraio 2014. Smart Security per Smart Cities Trend Tecnologici. Auditorim- Assolombarda via Pantano Milano

Smart Cities : 10 Febbraio 2014. Smart Security per Smart Cities Trend Tecnologici. Auditorim- Assolombarda via Pantano Milano : Trend Tecnologici Trend tecnologici per la sicurezza delle città intelligenti Luca Bertoletti Hyperion Srl Direttivo ClubTi - Milano 10 Febbraio 2014 Auditorim- Assolombarda via Pantano Milano Security

Dettagli

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management)

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management) Thea PDM Il PDM (Product Data Management) Nell'industria manifatturiera il PDM è un software per la raccolta ed organizzazione dei file nelle divere fasi di ideazione, progettazione, produzione ed obsolescenza

Dettagli

Take full advantage of your CAD Technology

Take full advantage of your CAD Technology www.caditech.it Take full advantage of your CAD Technology CAD.I.TECH fornisce soluzioni integrate che incrementano l efficacia e la produttività dei servizi di ingegneria delle aziende clienti. Da oltre

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8 Ogni organizzazione possiede un sistema di regole che la caratterizzano e che ne assicurano il funzionamento. Le regole sono l insieme coordinato delle norme che stabiliscono come deve o dovrebbe funzionare

Dettagli

Apprendimento informale e dispositivi mobili: il nuovo approccio alla formazione

Apprendimento informale e dispositivi mobili: il nuovo approccio alla formazione 21/3/2013 Apprendimento informale e dispositivi mobili: il nuovo approccio alla formazione In parallelo all evoluzione della tecnologia, sottolineata oggi dall ascesa dei dispositivi mobili, è in corso

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - Gli stili di interazione. Oltre gli stili classici di interazione

Ingegneria del Software Interattivo. - Gli stili di interazione. Oltre gli stili classici di interazione Ingegneria del Software Interattivo - Gli stili di interazione (seconda parte) Docente: Daniela Fogli Parte terza: la macchina e gli stili di interazione 1. Il calcolatore e suo ruolo nel processo di HCI

Dettagli

Expò sanità 2012 User centered design e usabilità nella progettazione per la disabilità

Expò sanità 2012 User centered design e usabilità nella progettazione per la disabilità Expò sanità 2012 User centered design e usabilità nella progettazione per la disabilità Sabrina Muschiato TeDH_ Technology and Design for Healthcare Research Unit INDACO, Politecnico di Milano Work group

Dettagli

Reti innovative per competere. 28 novembre 2011 Carlambrogio Chiodaroli

Reti innovative per competere. 28 novembre 2011 Carlambrogio Chiodaroli Reti innovative per competere 28 novembre 2011 Carlambrogio Chiodaroli Credito Valtellinese 15% ICCREA + BCC 15% Associazioni 5% CCIAA Como 50% Fond. Politecnico di Milano Confindustri 8% a Como 4% Comune

Dettagli

LE METODOLOGIE LEAN AL SERVIZIO DELLE MATERIE PLASTICHE RIORGANIZZAZIONE E RI-POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELL IMPRESA DEL SETTORE PLASTICO

LE METODOLOGIE LEAN AL SERVIZIO DELLE MATERIE PLASTICHE RIORGANIZZAZIONE E RI-POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELL IMPRESA DEL SETTORE PLASTICO LEAN PLASTIC CENTER LE METODOLOGIE LEAN AL SERVIZIO DELLE MATERIE PLASTICHE RIORGANIZZAZIONE E RI-POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELL IMPRESA DEL SETTORE PLASTICO CONSULENZA - FORMAZIONE - RICERCA & SVILUPPO

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Materiale didattico. Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08. I) Introduzione all Informatica. Definizione di Informatica. Definizione di Informatica

Materiale didattico. Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08. I) Introduzione all Informatica. Definizione di Informatica. Definizione di Informatica Corso di Laurea Triennale in Storia, Scienze e Tecniche dell Industria Culturale sede di Brindisi Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08 Materiale didattico Testo adottato D.P. Curtin, K. Foley, K. Suen,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Computer Integrated Manufacturing

Computer Integrated Manufacturing Computer Integrated Manufacturing Sistemi per l automazione industriale Ing. Stefano MAGGI Dipartimento di Elettrotecnica Politecnico di Milano lunedì 10 novembre 2008 Contenuti Il processo e l impianto

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione A.A.2014/15

Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione A.A.2014/15 Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione A.A.2014/15 Paola Vocca Lezione 2: Interazione Lucidi tradotti e adattati da materiale presente su http://www.hcibook.com/e3/resources/

Dettagli

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Principali Processi Applicativi per lo Sviluppo e Commercializzazione di Dispositivi Medici - Seminario Gruppo di Lavoro Dispositivi Medici Auditorium Bayer

Dettagli

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica)

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica) 20/9/06 Elenco Tesi Disponibili Applied Research & Technology Dept. La Società MBDA La MBDA Italia è un azienda leader nella realizzazione di sistemi di difesa che con i suoi prodotti è in grado di soddisfare

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

2EASY.MES MANUFACTORING EXECUTION SYSTEM. Raccoglie i dati sulla produzione e li trasforma in informazioni

2EASY.MES MANUFACTORING EXECUTION SYSTEM. Raccoglie i dati sulla produzione e li trasforma in informazioni 2EASY.MES MANUFACTORING EXECUTION SYSTEM Raccoglie i dati sulla produzione e li trasforma in informazioni 2EASY.MES PER GESTIRE L AZIENDA IN EVOLUZIONE I SISTEMI MES I sistemi MES raccolgono i dati sulla

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

soluzioni Sviluppo Progetti Informatici Server Based Computing

soluzioni Sviluppo Progetti Informatici Server Based Computing azienda Projest nasce nel 1999 per iniziativa di un gruppo di professionisti con esperienza decennale quali responsabili di funzioni operative in aziende medio-grandi e con solide competenze nell approccio

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Interazione Uomo-Macchina Nella Realta Virtuale

Interazione Uomo-Macchina Nella Realta Virtuale Interazione Uomo-Macchina Nella Realta Virtuale prof. Luca Chittaro Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/~chittaro Interazione Uomo-Macchina: definizione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema

Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema Normativa del Garante della privacy sugli amministratori di sistema la normativa: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1577499

Dettagli

Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City

Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City Soluzioni innovative nella manutenzione e nella logistica in contesti Smart City SMART CITY- VISIONE DI UN SISTEMA DI SISTEMI Ing. Massimo Povia L importanza della Logistica e della Manutenzione nel contesto

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail BI BI Terranova, azienda leader in Italia per le soluzioni Software rivolte al mercato delle Utilities, propone la soluzione Software di Business Intelligence RETIBI, sviluppata per offrire un maggiore

Dettagli

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI Area Progettazione Area Acquisti Area Produzione Area Assistenza Tecnica Area Marketing

Dettagli

Ideazione e sviluppo di nuovi prodotti

Ideazione e sviluppo di nuovi prodotti Ideazione e sviluppo di nuovi prodotti e servizi t 2 i trasferimento tecnologico e innovazione è la società consortile per l innovazione, promossa dalle Camere di Commercio di Treviso e Rovigo, nata NEL

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ COMPETITIVITA 2.0? VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ F.Boccia/B.IT sas 1 SOMMARIO PROGETTAZIONE ASSISTITA DA CAE/SIMULAZIONE/SUPERCALCOLO LOGISTICA INTELLIGENTE

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

ideas > action > result

ideas > action > result ideas > action > result 1 M ISSION La OPT Solutions è una società di consulenza e progettazione software che opera nel settore industriale, si pone come obiettivo primario il recupero di efficienza e di

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Il reference digitale: l intermediazione e le risorse multimediali

Il reference digitale: l intermediazione e le risorse multimediali Università di RomaTre Stato attuale delle metodologie di gestione e diffusione dell informazione multimediale Roma, venerdì 3 dicembre 2004 Il reference digitale: l intermediazione e le risorse multimediali

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema

Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema Le Soluzioni Tango/04 per adempiere alla normativa sugli amministratori di sistema Normativa del Garante della privacy sugli amministratori di sistema la normativa: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1577499

Dettagli

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting 9 ottobre 2014 L andamento del PIL a livello mondiale: l Italia continua ad arretrare Mondo

Dettagli

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA Misura: è una funzione m: A -> B che associa ad ogni attributo A di un osservabile nel mondo reale o empirico (dominio) un oggetto formale B nel mondo matematico (range);

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli