I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 2"

Transcript

1 I.S.I.S. Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli

2 Il Piano dell'offerta Formativa (POF) è il documento costitutivo dell'identità culturale e progettuale dell'istituto ed esplicita la sua progettazione curricolare, extra-curricolare, educativa ed organizzativa. È lo strumento di coordinamento delle attività individuali e collegiali della nostra comunità scolastica, costituita da studenti, personale scolastico a vari livelli e genitori. Definisce il patto formativo nell'intero corso di studi. La procedura per aggiornare annualmente il POF prevede: la delibera del Consiglio d'istituto che ne indica gli indirizzi generali; l'elaborazione del documento da parte della Funzione Strumentale; la discussione e la delibera in Collegio Docenti; l'adozione definitiva con delibera del Consiglio d'istituto. L'offerta formativa si basa sugli obiettivi didattici ed organizzativi dell Istituto, sulla programmazione didattica, sui piani di lavoro annuale dei singoli docenti e sulle attività integrative ed extra-curricolari. Il Pof, in versione sintetica, viene consegnato ai genitori delle classi prime. La documentazione integrale, in forma cartacea, è disponibile e consultabile presso la Presidenza. I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 2

3 IL CONTESTO FORMATIVO IL TERRITORIO 4 L ISTITUTO CENNI STORICI 5 RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 CONTATTI 6 FUNZIONAMENTO 7 RISORSE UMANE 8 RISORSE STRUTTURALI 12 L OFFERTA FORMATIVA A. AREA DEI CURRICOLI A01. FINALITA E OBIETTIVI 17 A02. CORSI E DIPLOMI 18 INDIRIZZO PROFESSIONALE ALBERGHIERO 19 INDIRIZZO TECNICO GEOMETRI 20 INDIRIZZO TECNICO IGEA 21 RIFORMA 22 A03. METODI E STRATEGIE 26 A04. CRITERI DI VALUTAZIONE 26 B. AREA DEI SERVIZI B01. ACCOGLIENZA 30 B02. ORIENTAMENTO 30 B03. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 31 B04. ATTIVITA DI RECUPERO- SPORTELLO DIDATTICO 37 B05. STAGE 38 B06. VISITE GUIDATE E VIAGGI D ISTRUZIONE 39 B07. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE 40 B08. FORMAZIONE DEL PERSONALE 40 B09. CENTRO SPORTIVO G. DI VITTORIO 41 B10. EDUCAZIONE STRADALE 42 B11. EDUCAZIONE ALLA SALUTE 42 C. AREA DEI PROGETTI 43 D. VERIFICA DEL SERVIZIO 46 I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 3

4 L I.S.I.S. di Via Yvon de Begnac, 6 è ubicato nel territorio di Ladispoli, a circa 40 Km da Roma e 30 da Civitavecchia. La nascita del comune risale al 1888: Ladislao Odescalchi, allora proprietario dell omonimo castello, aveva istituito un consorzio con lo scopo di far nascere la città di Ladislao o Ladispoli. A questo proposito fece lottizzare la fascia compresa tra i fossi Vaccina e Sanguinara la quale era stata bonificata ed era quindi abitabile. Nacque in questo modo la città di Ladispoli. Nel 1950 l amministrazione della città passò dal comune di Civitavecchia a quello di Cerveteri e questo portò ad un grandioso boom economico. Successivamente, a partire dal 1970, la città divenne comune autonomo. Si tratta di una zona nella quale, a livello economico, coesistono più vocazioni da quella rurale a quella turistica, da quella artigianale a quella industriale. Il fenomeno del pendolarismo è, comunque, ancora consistente. Dal punto di vista demografico, nella città sono presenti numerose etnie; i flussi migratori, nell ultimo ventennio, hanno subito costante evoluzione sia per provenienza che per comportamento. Per coloro che provengono da Roma o da Civitavecchia, è possibile raggiungere il Comune di Ladispoli in treno, la stazione è in posizione centrale a pochi minuti da entrambe le sedi dell'istituto, in autobus, le fermate sono altrettanto centrali e vicine alle sedi dell'istituto, in automobile tramite la Via Aurelia o l'autostrada Roma - Civitavecchia. I collegamenti con la vicina Cerveteri e le altre località lungo la via Aurelia sono garantiti dal servizio degli autobus di linea. I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 4

5 L Istituto Statale d Istruzione Superiore Via Yvon de Begnac, 6 nasce nel 2000 dalla fusione dell Istituto Tecnico Commerciale e Geometri Giuseppe di Vittorio con la sede staccata dell Istituto Professionale Statale dei Servizi Alberghieri e Ristorazione di Tor Carbone in Roma. L Istituto Tecnico è presente nel comune di Ladispoli dal 1968,prima come succursale dell Einaudi di Roma e poi del Baccelli di Civitavecchia. Nel 1977 diventa autonomo assumendo il nome di Giuseppe Di Vittorio. Da vari anni l Istituto si confronta e collabora con numerosi soggetti esterni, riuscendo a cogliere e fare emergere stimoli di riflessione e opportunità di approfondimento che si concretizzano nella realizzazione di iniziative e progetti integrativi del curricolo, coerenti con l indirizzo frequentato dagli studenti. Inoltre l Istituto ricerca rapporti di collaborazione esperimenta nuove forme di cooperazione ed intesa, anche attraverso la sottoscrizione di convenzioni con pubbliche amministrazioni ed enti locali in grado di favorire l innovazione dei processi formativi e l interazione con il territorio. Collaboriamo con: Regione Lazio Provincia di Roma Comune di Ladispoli Comune di Cerveteri Facoltà Universitarie Scuole Statali di ogni ordine e grado Asl Rm F Aziende Studi ed Albi Professionali Biblioteche e Musei Associazioni Culturali Sportive - Volontariato Centri di Educazione Ambientale Centri di Ricerca Forze dell Ordine I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 5

6 DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Vincenza La Rosa il Dirigente Scolastico riceve su appuntamento SEDI E CONTATTI ISIS DE BEGNAC SEGRETERIA DIDATTICA ITCG G. DI VITTORIO Via Yvon De Begnac, Ladispoli tel fax posta certificata . sito web IPSSAR Via Federici, snc Ladispoli tel sito web CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE (CTP) Responsabile segreteria: Sig. Carta Anna Via Yvon De Begnac, Ladispoli tel fax sito web ORARIO DI APERTURA lunedì - mercoledì - venerdì ore martedì - giovedì ore RESPONSABILI Sig.ra Gigliola Iannotti Sig.ra Clementi Cinzia Via Yvon De Begnac, Ladispoli tel fax ORARIO DI APERTURA lunedì - mercoledì venerdì ore giovedì ore I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 6

7 SUDDIVISIONE ANNO SCOLASTICO ORARIO 1 QUADRIMESTRE: dal13/09/12 al 31/01/13 Scrutini intermedi 2 QUADRIMESTRE: dal 01/02/13 al 12/06/13 Scrutini finali DIDATTICA: dal lunedì al venerdì UNITA ORARIA: 55 minuti RICREAZIONE: dalle ore alle ore dalle ore alle ore RICEVIMENTO GENITORI POMERIDIANO: il 05/12 ( ) il 04/04 ( ) consegna scheda informativa MATTUTINO: prima settimana del mese CALENDARIO SCOLASTICO INOLTRE INIZIO LEZIONI 13/09 TUTTI I SANTI 01/11 03/11 IMMACOLATA CONC. 08/12 NATALE 24/12 06/01 SANTO PATRONO 19/03 PASQUA 28/03 02/04 FESTA LIBERAZIONE 25/04-27/04 FESTA DEL LAVORO 01/05 FESTA REPUBBLICA 02/06 TERMINE LEZIONI 12/06 Orario di ingresso ore 8.10 Sono consentite quattro entrate posticipate e quattro uscite anticipate a quadrimestre Le giustificazione delle assenze deve essere contestuale al rientro Dopo sei giorni consecutivi di assenza è necessario presentare certificato medico. Per assenze programmate (motivi familiari), anche superiori ai cinque giorni, comunicate preventivamente alla scuola, non è necessario presentare certificazione medica I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 7

8 SEDE VIA FEDERICI ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA E L'OSPITALITA' ALBERGHIERA/ALBERGHIERO Alunni n. 508 Classi n. 26 Docenti n. 66 Tecnici di laboratorio n. 7 Personale Amministrativo n. 1 Collaboratori scolastici n. 7 SEDE VIA Y. DE BEGNAC ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO/GEOMETRI Alunni n. 152 Classi n. 8 Docenti n. 31 Tecnici di laboratorio n. 3 Personale Amministrativo n. 6 Collaboratori scolastici n.7 SEDE VIA Y. DE BEGNAC ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING/IGEA Alunni n. 267 Classi n. 11 Docenti n. 32 I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 8

9 ORGANIGRAMMA DIRIGENTE SCOLASTICO COLLEGIO DEI DOCENTI DIRETTORE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI (DSGA) CONSIGLIO D ISTITUTO STAFF Vicepreside Secondo Collaboratore Fiduciari sede Alberghiero Coord. Igea Geometri Coord. eventi Alberghiero Responsabile sito web Funzioni Strumentali PERSONALE DI SEGRETERIA TECNICI DI LABORATORIO COLLABORATORI SCOLASTICI COORDINATORI DEI CONSIGLI DI CLASSE RESPONSABILI PROGETTI REFERENTI COMMISSIONI COORDINATORI DIDATTICI COORDINATORI SQUADRE DI EMERGENZA CONSIGLI DI CLASSE GRUPPI DI PROGETTO SQUADRE DI EMERGENZA COMMISSIONI DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 9

10 D.S. Prof.ssa La Rosa Vincenza Collaboratori Vicepreside prof. Pase Sandro Secondo collaboratore prof. De Blasis Roberta Coordinatrici sede Alberghiero prof.sse Vidotto, Mollo Coordinatore corsi Igea Geometri prof.ssa Sironi Attilia Coordinatore eventi Alberghiero prof. Riili Francesco Coordinatore sito web prof. Salviati Paolo Maria DSGA Sig. Tondinelli Enzo Consiglio d Istituto Presidente Sig. Santoro D.S. Prof.ssa La Rosa Vincenza Docenti Prof.ssa Asole Prof. Bombardieri Prof. Cassano Prof. Lamola Prof.ssa La Piana Prof.ssa Paolucci Prof. Pase Prof.ssa Salpietro Ata Genitori Sig.ra Cianciaruso Sig.ra Del Grosso Sig.ra Palumbo Studenti Sig, Agrestini Sig,ra Gullì Sig. Imperato Sig. Trinca Funz. Strumentali Didattica speciale Proff.ri Bernardini, Bedini, Bombardieri Orientamento Prof. Narducci POF Proff.ri Cola, Ristorini Stage Proff.ri La Piana, Salpietro, Paoles Al. scuola lavoro Proff.ri D'Aloia, Limotta Commissioni Ed. alla salute Proff.ri Bombardieri, Narducci Elettorale Annicchiarico, De Giovanni, Minaldi, Moccia, Zampolini Formazione classi Proff.ri Bernardini, De Blasis, La Piana, Mollo Paolucci, Vidotto Garanzia Prof.ssa Mollo Invalsi Proff.ri Moccia, Mundo Nuovo Istituto Proff.ri Albanese, Comito, Cucullo, D'Aloia, Gennaretti, Limotta, Riili Orario Proff.ri Mundo, Vidotto Orientamento Proff.ri Cola, Leonardi, Ristorini, Salviati, Vidotto Recupero Proff.ri Ciamillo, Gozzolino, La Piana, Moccia, Paolucci Viaggi Proff.ri De Blasis, La Piana, Moccia, Pangallo, Pase Referenti HACCP Prof.ssa Gozzolino Rosa Ed. stradale Prof.ssa Gozzolino Rosa Com. valutazione Proff.ri De Blasis, Gozzolino, Paoles, Salviati (suppl. Gargiulo, Leonardi) I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 10

11 Docenti coordinatori Il comma 8 dell art. 5 T.U. prevede che il Dirigente Scolastico nomini un docente, membro del consiglio di classe, a presiedere le sedute del Consiglio. Si tratta di un atto del Dirigente che costituisce esercizio del suo potere di delega e non richiede delibere degli organi collegiali. Il suo compito è quello di assicurare la regolarità della seduta, compresa la verbalizzazione, da affidare ad altro componente dell organo, il segretario, previsto al comma 5 dello stesso articolo. Oltre alla presidenza del Consiglio di Classe il docente coordinatore svolge le seguenti funzioni: - controllo dei verbali dei C.d.C; - coordinamento e preparazione degli scrutini; - rappresentanza nei riguardi dei genitori; - raccolta e coordinamento delle programmazioni didattiche; - corrispondenza con i genitori di alunni in difficoltà; - collegamento con la Presidenza e la Segreteria; - organizzazione di iniziative; - controllo delle assenze Corso Geometri 1A Prof. Pase Sandro 2A Prof.ssa Crispo Maria 3A Prof.ssa Cola Paola 4A Prof. Amadei Pierluigi 5A Prof.ssa La Piana Maria 1B Prof.ssa Mundo Maria Vittoria 2B Prof.ssa Sironi Attilia 4B Prof. Ristorini Dagore Corso Igea 1A Prof.ssa Catapano Saveria 2A Prof.ssa Paolucci Francesca 3A Prof.ssa Sorce Annalisa 4A 5A 1B 2B 3B 4B 5B 2C Prof.ssa Di Pauli Tiziana Prof.ssa Nocente Marinella Prof.ssa Sbrana Federica Prof.ssa Di Carlo Maria Prof.ssa Salpietro Maria Catena Prof.ssa Ciamillo Annamaria Prof.ssa Benfatti Federica Prof.ssa Fiori Simonetta Corso Alberghiero 1A Prof.ssa Conti Maria Grazia 2A Prof.ssa Colucci Rita 1B Prof. Gennaretti Filippo 2B Prof. Chierici Umberto 1C Prof.ssa Tripodi Caterina 2C 1D 2D 1E 2E 1F 2F 1G 3AK 3BK 3SA 3SB 3R 4AART 5AART 4BR 5BR 4CR 5CR Prof.ssa Ferro Lucia Prof. Comito Michele Prof.ssa Lolli Lucia Prof.ssa De Paola Loredana Prof.ssa Vidotto Bruna Prof.ssa Strazicic Cecilia Prof.ssa Maiorano Lucia Prof. Limotta Michele Prof.ssa Gargiulo Isabella Prof. Cucullo Luciano Prof. Carbonari Claudio Prof. Giannuzzi Fernando Prof.ssa Albanese Giovanna Prof.ssa Mete Sonia Maria Prof.ssa Mollo Valeria Prof.ssa De Blasis Roberta Prof. Riili Francesco Prof.ssa Leonardi Rosaria Prof.ssa Gozzolino Rosa I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 11

12 AULA MAGNA Sede Piano Via Yvon de Begnac Terra Capienza 100 posti circa. Dotata di computer, proiettore e LIM BIBLIOTECA Sede Piano Responsabile Via Yvon de Begnac Terra Dotata di circa 800 volumi. La biblioteca è aperta al prestito. Il catalogo è disponibile anche online LABORATORIO LINGUISTICO Sede Via Yvon de Begnac Piano Terra Responsabile Prof.ssa La Piana Maria Assistente Sig.ra Ferraro Michela Postazioni n. 12 collegate al server centrale per la visione e l ascolto di dvd in lingua. LABORATORIO INFORMATICA Sede Via Yvon de Begnac Piano Terra Responsabile Prof.ssa Mancini Alessandra Assistente Sig.ra Ferraro Michela LABORATORIO AUTOCAD Postazioni n. 18 per le esercitazioni su programmi office. Sede Via Yvon de Begnac Piano Terra Responsabile Prof. Ristorini Dagore Assistente Sig. Bucciarelli Fabio Postazioni n. 17 collegate al server centrale. I computer sono dotati di software specifici (cad, pregeo, docfa) utilizzati per applicazioni professionali e per la redazione di elaborati grafici che possono essere stampati anche tramite plotter. I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 12

13 LABORATORIO COSTRUZIONI Sede Via Yvon de Begnac Piano Terra - esterno Responsabile Prof. Ristorini Dagore Assistente Sig. Bucciarelli Fabio Utilizzato per attività connesse alla realizzazione di plastici di edifici o di particolari costruttivi. E dotato di attrezzature per la verifica della resistenza dei materiali da costruzione. LABORATORIO SCIENTIFICO Sede Via Yvon de Begnac Piano Secondo Responsabile Prof.ssa Catapano Saveria Assistente Sig. Dotato di tre banconi da otto postazioni ciascuno, banco cattedra, televisore, lettore DVD, lavagna luminosa, computer, proiettore. Le attrezzature consentono lo svolgimento di sperimentazioni di fisica, chimica, biologia e scienze della terra. LABORATORIO DI DISEGNO Sede Via Yvon de Begnac Piano Secondo Responsabile Prof.ssa Cola Paola Assistente Sig. Bucciarelli Fabio Dotato di 27 postazioni di lavoro, costituite da tavoli da disegno con tecnigrafo o parallelineo. LABORATORIO MULTIDISCIPLINARE H Sede Via Yvon de Begnac Piano Terra Responsabile Prof.ssa Bernardini Patrizia Postazioni n. 2 con computer e stampante, collegamento internet, proiettore e fotocamera digitale utilizzati come supporto alle attività didattiche degli alunni diversamente abili. I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 13

14 PALESTRA Sede Via Yvon de Begnac Piano Terra Responsabile Prof. Bombardieri Ilario Superficie pari a m 2 600, altezza di m Può essere utilizzata per allenamenti o partite di pallavolo, basket, badminton. Sono in dotazione della palestra vari piccoli attrezzi (palloni, funi, step cerchi, etc.). Annessi allo spazio palestra due spogliatoi completi di docce e wc anche per disabili. INOLTRE Sede Via Yvon de Begnac Copertura wireless nell intera struttura e otto computer portatili con proiettore utilizzabili per la didattica nelle aule. I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 14

15 LABORATORIO CUCINA 1 Sede Via Federici Piano Terra Responsabile Prof. Riili Francesco Assistente Sig.ri Ceccobelli Mauro, Mannelli Elisabetta, Riili Vincenzo Dotato di: blocco cottura centrale con 16 fuochi, piastra e cuoci pasta; zona fredda per preparazione antipasti e pasticceria; tre frigoriferi; planetaria; forno ventilato e forno a termo convezione; piastra, friggitrice; cappa aspirante. Il laboratorio è provvisto inoltre di abbattitore termico di temperatura. LABORATORIO CUCINA 2 Sede Via Federici Piano Terra Responsabile Prof. Cucullo Luciano Assistente Sig.ri Ceccobelli Mauro, Mannelli Elisabetta, Riili Vincenzo Destinato agli alunni delle classi prime è attrezzato per la preparazione di piatti meno elaborati con blocco cottura centrale fornito di 8 fuochi e cuoci pasta. PALESTRA Sede Via Federici Piano Terra Responsabile Prof. Salviati Paolo Maria LABORATORIO SALA/BAR Sede Via Federici Piano Terra Responsabile Prof. Comito Michele Assistente Sig.ri Liguoro Maria, Magagnini Mirko È un laboratorio polifunzionale poiché dispone di pannelli separatori che consentono lo svolgimento contemporaneo dell'esercitazione pratica di due classi. La sala è composta: - dall'office, dove si svolgono tutte quelle attività che non possono essere eseguite davanti al cliente; - da un bar dove gli allievi iniziano ad imparare le prime nozioni sulle bevande calde e su quelle miscelate (cocktails); - da due panadore che aiutano l'allievo durante lo svolgimento del servizio; - da due lampade dove gli allievi iniziano a conoscere le tecniche base del flambè; - da n 8 tavoli rotondi per consentire all'allievo di simulare una azienda ristorativa. I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 15

16 LABORATORIO RICEVIMENTO Sede Via Federici Piano Terra Responsabile Prof.ssa Albanese Giovanna Assistente Sig.ra Aloisi Laura LABORATORIO DI INFORMATICA Sede Via Federici Piano Terra Responsabile Prof. Moccia Antonio Assistente Sig. Pontoriero Pasquale Il laboratorio di informatica ha 16 postazioni costituite da tastiera, pc desktop e monitor lcd. I computer sono collegati in rete e tramite essa si può accedere ad internet. Una stampante laser a colori connessa in rete permette la stampa da tutte le postazioni. LABORATORIO LINGUISTICO Sede Via Federici Piano Terra Responsabile Prof.sse Conti Maria Grazia, Gargiulo Isabella Assistente Sig. Pontoriero Pasquale Il laboratorio linguistico è uno strumento didattico tecnologicamente avanzato in grado di sopperire alle più svariate esigenze didattiche. E' costituito dalla console e da 11 posti-alunno completi per lo svolgimento di qualsiasi attività audio-attiva-comparativa in rete didattica. I posti sono dotati di monitor, doppie cuffie, e di computer collegati in rete LAN, per una condivisione delle risorse e soprattutto per la possibilità di connessione internet indipendente per tutte le postazioni presenti. I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 16

17 Il Piano dell Offerta Formativa in ottemperanza al dettaglio legislativo e contrattuale, esplicita l intenzionalità pedagogica e le azioni educative che la scuola dovrà portare in essere per seguire i fini istituzionali che le sono propri. Le finalità che il nostro P.O.F. intende perseguire attraverso le proposte formative si possono così sintetizzare: imparare a conoscere (cultura generale) imparare a fare (competenza professionale) imparare a vivere con gli altri (alfabetizzazione emotiva, capacità di cooperare, rispetto delle differenze, regole di cittadinanza) imparare ad essere (capacità critica, autonomia di giudizio, responsabilità) Il bagaglio conoscitivo rappresenta un punto ineliminabile del percorso formativo, perché lo sviluppo della personalità del singolo può avvenire solo attraverso l acquisizione di specifici contenuti, che gli consentano di pervenire alla elaborazione di una cultura autonoma e critica. La progettualità didattica si qualifica nella individuazione di obiettivi specifici curricolari del biennio e del triennio, secondo i diversi indirizzi di studi e considerando i livelli di uscita dalla Scuola Media. Si considerano prerequisiti indispensabili al raggiungimento degli obiettivi: la scolarizzazione di base la disciplina l abitudine allo studio pomeridiano il rispetto delle regole, delle consegne e dei ruoli la capacità di comprendere un testo elementare e di coglierne le informazioni essenziali. OBIETTIVI DEL BIENNIO consolidare l attitudine all ascolto e all attenzione utilizzare in modo consapevole i libri di testo compresi i vocabolari acquisire o potenziare la metodologia di studio e di lavoro acquisire o potenziare la capacità di comprendere e comunicare i contenuti acquisire o potenziare la capacità di decodificare e ricodificare i messaggi ricevuti OBIETTIVI DEL TRIENNIO acquisire la conoscenza specialistica delle discipline usare correttamente i linguaggi specifici delle singole discipline consolidare le capacità di analisi e di sintesi arricchire le capacità logico-operative e quelle di riflessione critica organizzare le conoscenze in un'ottica interdisciplinare acquisire autonomia di studio acquisire la consapevolezza delle radici storico culturali e saperle rapportare al presente I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 17

18 VECCHIO ORDINAMENTO RIFORMA SEDE VIA FEDERICI ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE SERVIZI ALBERGHIERI E RISTORAZIONE SEDE VIA FEDERICI ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI ENOGASTRONOMICI E OSPITALITA ALBERGHIERA SEDE VIA Y. DE BEGNAC ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRIPROGETTO CINQUE SEDE VIA Y. DE BEGNAC ISTITUTO TECNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO SEDE VIA Y. DE BEGNAC ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO GIURIDICO ECONOMICO E AZIENDALE SEDE VIA Y. DE BEGNAC ISTITUTO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 18

19 Il corso di studi si articola in un biennio e un monoennio in cui vengono studiate tutte le discipline culturali di base e quelle specifiche di indirizzo. Al termine del triennio lo studente dovrà superare un esame per conseguire uno dei seguenti diplomi di qualifica: Operatore dei Servizi di Ristorazione Cucina Il conseguimento del diploma di qualifica al termine del terzo anno del corso consente l accesso ai seguenti ruoli professionali: aiuto cuoco (con possibilità di intraprendere la carriera di cuoco) e capo partita. Operatore dei Servizi di Ristorazione - Sala/Bar Il conseguimento del diploma di qualifica al termine del terzo anno del corso consente l accesso ai seguenti ruoli professionali: commis. di sala, Aiuto barman, con la possibilità di intraprendere la carriera professionale di Barman, Chef de rang. Operatore dei Servizi di Ristorazione Ricevimento Il conseguimento del diploma di qualifica al termine del terzo anno del corso consente l accesso ai seguenti ruoli professionali:impiego in uffici pubblici e in piccole e medie aziende sia pubbliche che private. Il diploma di qualifica consente di accedere ad un biennio post-qualifica, al termine del quinto anno gli studenti sostengono l'esame di Stato e conseguono il Diploma di Stato in: Tecnico dei Servizi Ristorativi Tecnico dei Servizi Turistici I diplomati potranno: assolvere funzioni di dirigenza nell ambito delle imprese alberghiere e/o turistiche gestire in proprio l esercizio delle imprese alberghiere e/o turistiche svolgere l attività di insegnante tecnico-pratico accedere a tutte le facoltà universitarie Area comune BIENNIO DI SPECIALIZZAZIONE DISCIPLINE CLASSI CLASSI DISCIPLINE Italiano 4 4 Lingua straniera 3 3 Storia 2 2 Tec. dei Egar 4 4 Lingua straniera 3 3 Servizi della Legislazione 2 2 Matematica 2 2 Ristoraz. Alimenti e alim. 3 3 Educazione fisica 2 2 Serviziristoraz. 3 3 Religione 1 1 Tec. dei Servizi Turistici Etat 6 6 Inglese 3 3 Geografia turist. 2 2 Storia dell arte 2 2 Tec. com. relaz. 2 2 I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 19

20 Il corso di studi si articola in cinque anni e prevede un biennio di formazione e un triennio caratterizzato dalla presenza di materie professionalizzanti. Il Geometra, ha conoscenze generali nel settore delle costruzioni e della gestione del territorio. È in grado di utilizzare: le conoscenze delle tecniche del disegno e del rilievo, delle tecnologie, dei materiali edilizi, del calcolo strutturale e dei criteri estimativi, negli ambiti delle costruzioni civili, rurali ed industriali, in ambito topografico, catastale e in quello estimativo. pacchetti informatici specifici (Pregeo, Docfa) per la trasmissione online degli atti di aggiornamento catastale e programmi di disegno computerizzato (Autocad) per la redazione di elaborati grafico progettuali. I diplomati potranno: accedere a tutte le facoltà universitarie effettuare il tirocinio previsto per l'ammissione all'esame Abilitante alla professione di Geometra per intraprendere la libera attività trovare lavoro in settori legati all'edilizia, al rilievo e alla gestione del territorio in genere, alla stima e alla valutazione dei beni DISCIPLINE CLASSI 4 5 Religione 1 1 Italiano 3 3 Storia 2 2 Lingua straniera 2 2 Diritto 2 2 Matematica 3 2 Scienze Fisica Chimica Disegno e progettazione 3 3 Costruzioni 4 4 Topografia 4 4 Impianti 2 3 Geopedologia, Economia ed Estimo 4 4 Educazione Fisica 2 2 TOTALE ORE SETTIMANALI I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 20

21 Il corso di studi si articola in cinque anni e prevede un biennio di formazione e un triennio caratterizzato dalla presenza di materie professionalizzanti. Il Diplomato Ragioniere e Perito commerciale: IGEA ha conoscenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali,nella normativa civilistica e fiscale. E in grado di utilizzare: le conoscenze dei sistemi e dei processi aziendali, promuovendo l organizzazione, la pianificazione, la programmazione, l amministrazione, la finanza e il controllo dell azienda gli strumenti di marketing, promuovendo i prodotti assicurativo-finanziari e gestendo l economia sociale i programmi come Excel, i data-base come Access, i nuovi sistemi informatizzati per la gestione integrata dell'impresa a livello sia economico-finanziario che commerciale. I diplomati potranno: accedere a tutte le facoltà universitarie effettuare il tirocinio previsto per l'ammissione all'esame Abilitante alla professione di Ragioniere per intraprendere la libera attività trovare lavoro in aziende di credito, di assicurazione, commerciali, industriali e dei servizi finanziari, fiscali, marketing DISCIPLINE CLASSI 4 5 Religione 1 1 Italiano 3 3 Storia 2 2 Inglese 3 3 Francese 3 3 Geografia Economica 2 3 Matematica 3 3 Economia Aziendale 8 7 Scienza della Materia Scienza della Natura Diritto ed economia Diritto 3 3 Economia Politica 2 Scienza delle Finanze 2 Trattamento Testi Educazione Fisica 2 2 TOTALE ORE SETTIMANALI I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 21

22 DIPLOMA di ISTRUZIONE SUPERIORE: Perito in Amministrazione,Finanza e Marketing Il corso consente di raggiungere insieme ad adeguate competenze professionali una preparazione culturale approfondita idonea sia alla prosecuzione degli studi, universitari o di formazione tecnica superiore, che all ingresso nel mondo del lavoro. PROFILO: Il perito ha competenze specifiche nel campo dei fenomeni economici, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi aziendali, degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Possiede competenze linguistiche ed informatiche avanzate per operare a livello aziendale e contribuire al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa. CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DEL CURRICOLO: - area di istruzione generale con discipline fondamentali per la preparazione culturale di base - area di indirizzo con materie professionali - due lingue: inglese e francese in tutto il quinquennio - stage, tirocini di formazione ed orientamento, alternanza scuola-lavoro presso aziende, studi professionali ed enti pubblici - possibilità di prevedere attività ed insegnamenti facoltativi DISCIPLINE 1 biennio 2 biennio ATTIVITA' E INSEGNAMENTI GENERALI Lingua e Letteratura Italiana Storia, Cittadinanza e Costituzione Lingua Inglese Matematica Diritto ed Economia 2 2 Scienze integrate 2 2 Scienze Motorie e Sportive Religione Cattolica o Attività Alternative ATTIVITA' E INSEGNAMENTI D INDIRIZZO Fisica 2 Chimica 2 Informatica Geografia 3 3 Seconda Lingua Comunitaria Diritto Economia Politica Economia Aziendale TOTALE ORE SETTIMANALI I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 22

23 DIPLOMA di ISTRUZIONE SUPERIORE: Perito delle Costruzioni, Ambiente e Territorio Il corso consente di raggiungere insieme ad adeguate competenze professionali una preparazione culturale approfondita idonea sia alla prosecuzione degli studi, universitari e di formazione tecnica superiore, che all ingresso nel mondo del lavoro. PROFILO: Il perito-geometra ha competenze specifiche nel campo delle tecnologie e dei materiali impiegati nelle costruzioni, nell impiego degli strumenti di rilievo, nell uso dei mezzi informatici per il disegno e il calcolo, nell utilizzo ottimale delle risorse ambientali. Possiede capacità grafiche e progettuali in campo edilizio e nell organizzazione del cantiere, nel rilievo topografico e nelle operazioni catastali, nella valutazione di terreni e fabbricati, nella loro manutenzione e amministrazione, nella gestione degli impianti. CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DEL CURRICOLO - area di istruzione generale con discipline fondamentali per la preparazione culturale di base - area di indirizzo con materie professionali - una lingua: inglese in tutto il quinquennio - stage, tirocini di formazione ed orientamento, alternanza scuola-lavoro presso aziende, studi professionali ed enti pubblici - possibilità di prevedere attività ed insegnamenti facoltativi DISCIPLINE 1 biennio 2 biennio ATTIVITA' E INSEGNAMENTI GENERALI Lingua e Letteratura Italiana Storia Lingua Inglese Matematica Diritto ed Economia 2 2 Scienze Integrate 2 2 Scienze Motorie e Sportive Religione Cattolica e attività alternative ATTIVITA' E INSEGNAMENTI D INDIRIZZO Fisica 3 3 Chimica 3 3 Tecn. e Tecniche di Rappresent. Grafica 3 3 Tecnologie Informatiche 3 Scienze e Tecnologie Applicate 3 Complementi di Matematica 1 1 Gestione Cantiere e Sic. Ambiente di Lavoro Progettazione, Costruzione e Impianti Geopedologia, Economia ed Estimo Topografia TOTALE ORE SETTIMANALI I.S.I.S Via Yvon de Begnac, 6 Ladispoli 23

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli