Dopo la tempesta perfetta : da Wall Street a Main Street Crisi finanziaria, economia reale e Pmi. Giuseppe Garofalo Università della Tuscia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dopo la tempesta perfetta : da Wall Street a Main Street Crisi finanziaria, economia reale e Pmi. Giuseppe Garofalo Università della Tuscia"

Transcript

1 Dopo la tempesta perfetta : da Wall Street a Main Street Crisi finanziaria, economia reale e Pmi Giuseppe Garofalo Università della Tuscia

2 Partiamo dai fondamentali : Ruolo del sistema finanziario: suo nesso imprescindibile con il sistema reale Dopo accenneremo alle degenerazioni che si sono prodotte nel periodo più recente: scostamento dalla funzione sua propria e ipertrofia 2

3 Economia finanziaria vs economia reale Risparmio Finanziamento esterno Famiglie - Obbligaz - Azioni Imprese Investimenti produttivi Sistema economico 3

4 Schema con intermediazione Risparmio Raccolta Istituzioni finanziarie (bancarie e non) Finanziamento Impiego Famiglie Imprese Investimenti produttivi Sistema economico 4

5 Ottica delle decisioni Nelle decisioni di tutti gli operatori l orizzonte di riferimento non è l oggi, ma il futuro, +/- immediato - il risparmiatore si chiede: riesco a garantire la conservazione e la valorizzazione delle somme da me risparmiate? -l imprenditore si chiede: riesco ad ottenere un ritorno (profitti netti) dalle somme che sto investendo? -l intermediario finanziario si chiede: è sicura la restituzione del prestito che sto concedendo? Il futuro implica: # incertezza, # assunzione di rischio, # necessità di fare previsioni (condizionate dallo stato delle aspettative) Per contenere l incertezza si può operare in vario modo: diversificazione polizze assicurative tramite il sistema mercati a termine finanziario 5

6 Il nostro punto di riferimento L Imprenditore (al pari dell Intermediario finanziario, ma anche del Risparmiatore), anche se piccolo, opera in un contesto sempre più complesso con influenze a livello: - Micro (Aziendale-Settoriale)/Macro (Sistema economico) - Reale (Produttivo)/Finanziario - Comportamenti privati/comportamenti dei poteri pubblici - Locale/Nazionale/Internazionale/Globale Necessità di una cassetta di attrezzi adeguata: Importanza del Capitale umano [proprio e dei collaboratori]; Reinterpretazione del proprio ruolo [al posto della comoda, ma noiosa, routine, la ricerca di nuove strade in un contesto dinamico, non subito passivamente] 6

7 Economia reale ed economia finanziaria: quattro opzioni 1. Non esistono relazioni tra le due [Tesi finora prevalente, data anche la complessità delle questioni finanziarie] 2. Variazioni dell attività economica influenzano le variazioni nel mercato finanziario, intervenendo nella formazione delle aspettative sui rendimenti futuri; 3. Variazioni del mercato finanziario anticipano le variazioni dell attività economica, in quanto: a) i rendimenti (positivi o negativi) delle attività finanziarie influenzano la ricchezza complessiva e, quindi, il consumo e la produzione, b) l andamento positivo o negativo del mercato finanziario è provocato dalla mutazione delle aspettative sul futuro, le quali, se ipotizzate razionali e corrette, dovrebbero anticipare crescite e recessioni; 4. L economia reale e finanziaria si influenzano a vicenda [Tesi più corretta] 7

8 Ruolo del sistema finanziario Compito del sistema finanziario (mercati + intermediari) è quello di valutare il grado di rischiosità degli investimenti e definire prezzi dei titoli che compensino gli investitori dalla volatilità dei ritorni attesi ( premi al rischio). Valutazione e prezzamento funzioni molto delicate che richiedono competenza ed indipendenza di giudizio da parte del valutatore. Due esiti possibili: - la valutazione e il prezzamento riescono: l economia reale funziona regolarmente - valutazione e prezzamento sono ostacolati: l economia reale entra in crisi 8

9 Tendenze recenti nei sistemi finanziari Forte interdipendenza tra intermediari e mercati Commistioni tra banche commerciali (credito a breve) e banche d investimento (credito a lungo termine) Liberalizzazione movimenti di capitali, senza un autorità di vigilanza internazionale Innovazione finanziaria: - modello di intermediazione: Buy-and-hold vs Originate-to-distribute - processo di cartolarizzazione (trasferimento del rischio) - sviluppo dei derivati (options, futures, ) Accanto agli operatori tradizionali nuovi operatori globali: hedge fund, private equity (venture capital), fondi sovrani Ricorso al leverage Acquisti di attività con un investimento minimo 9

10 La leva finanziaria Il leverage, ossia il rapporto di indebitamento di un'impresa, è dato da: Il concetto può essere esteso al risparmiatore-investitore. Quest ultimo, se è prudente, effettua investimenti pari al capitale a disposizione; volendo, però, può prendere posizioni sul mercato per un valore molto superiore al capitale a sua disposizione, amplificando così i profitti o le perdite (che possono anche superare il capitale). Una leva pari a 1 esprime la situazione di coincidenza tra ammontare investito (ad es. 100) ed ammontare del capitale proprio (100), mentre una leva pari a 4 significa investire una cifra (400) 4 volte superiore al capitale disponibile (100). Pro e contro: la leva finanziaria consente di moltiplicare i profitti, ma anche le perdite rispetto all utilizzo del solo capitale proprio. In alcuni casi le perdite possono superare anche le garanzie. 10

11 "Datemi una leva abbastanza lunga e un punto d'appoggio, e vi solleverò il mondo." (Archimede) Sfruttare la leva finanziaria, in sostanza, vuol dire prendere in prestito dei capitali, utilizzando un investimento di capitale minimo e confidando nella propria capacità di investirli ottenendo un rendimento maggiore del tasso di interesse richiesto dal prestatore. Le tecniche più diffuse sono: il prestito di denaro da investire (ad es. 80% finanziato e 20% capitale proprio) gli strumenti derivati (futures e opzioni, cioè impegni di acquisto o vendita a scadenze predeterminate, di un bene o un titolo ad un prezzo predeterminato, con un versamento iniziale di c.a il 10% e, pertanto, con una leva di 1 a 10) i Leverage BuyOut. Un caso eclatante di sfruttamento della leva finanziaria è dato dagli hedge fund. Questi operatori spesso utilizzano valori della leva assai elevati (l'indebitamento finanziario netto di un hedge fund è spesso volte superiore al suo patrimonio netto!). 11

12 Due motori della crescita entrati in affanno Alan Greenspan, Governatore Fed Economia americana: grazie al suo indebitamento (debito privato + debito pubblico + debito estero) e alla stampa di $ 1/5 del Pil mondiale dipende da quanto spendono i cittadini americani Un motore, però, dipendente dalle bolle speculative (titoli delle dot-com, dei mercati emergenti, delle proprietà immobiliari, delle materie prime) Secondo Daniel Gross, editorialista del 'New York Times, le bolle speculative si spiegano con le caratteristiche degli Americani, ottimisti, facili agli entusiasmi, orientati al rischio, con il mito del self made man. Hanno la funzione di motore dell'economia nel processo di distruzione creatrice. Economia cinese: nel 2007 ha contribuito per il 27% alla crescita dell economia mondiale (fonte: Fmi) 12

13 Il trait d union tra finanza e crescita: gli effetti ricchezza Ricchezza [Patrimonio] = Ricchezza reale + Ricchezza finanziaria Valore abitazioni + Valore dei titoli in portafoglio - Fase espansiva [Prezzo abitazioni -Prezzo dei titoli ] Ricchezza Domanda Migliorano le prospettive di profitto Indebitamento - Fase recessiva [Prezzo abitazioni -Prezzo dei titoli ] Ricchezza Domanda Peggiorano le prospettive di profitto Difficoltà di finanziamento 13

14 Crisi e Pmi Oltre la crisi 14

15 Quattro modi di dire crisi Recessione: è una situazione macroeconomica caratterizzata da livelli di attività produttiva più bassi di quelli che si otterrebbero usando completamente tutti i fattori produttivi a disposizione. Nella recessione la variazione del PIL reale rispetto all'anno precedente è negativa (tecnicamente il PIL reale deve diminuire per almeno due trimestri consecutivi). Sintomi delle fasi di recessione sono la diminuzione del tasso di crescita della produzione, l'aumento della disoccupazione, la diminuzione del tasso di interesse in seguito alla riduzione della domanda di credito da parte delle imprese, il rallentamento del tasso di inflazione causato dalla diminuzione della domanda di beni e servizi da parte dei consumatori. Riferimento: Italia 1975, 1993, 2008 [in generale Eurozona, e non solo] Depressione: è una crisi economica più grave della recessione. Di solito si accompagna a una deflazione dei prezzi e ad un ristagno di liquidità [trappola della liquidità]. Riferimento: la Grande crisi del 29 15

16 Credit crunch (stretta del credito): un calo significativo (o inasprimento improvviso delle condizioni) dell'offerta di credito. Solitamente avviene al termine della fase di espansione, quando le banche centrali alzano i tassi di interesse per raffreddare l'espansione ed evitare il rischio inflazione, spingendo gli istituti di credito ad alzare i propri tassi di interesse e chiudendo l'accesso al credito per chi non può permettersi la spesa. In altri casi, può avvenire che, sull'onda di fallimenti bancari e ritiro della liquidità, le banche applichino una chiusura del credito per evitare esse stesse il fallimento. A seguito della stretta del credito, possono verificarsi fallimenti sia di banche che di imprese e famiglie debitrici. I mancati pagamenti che vengono a crearsi, e gli eventuali fallimenti, si traducono in pignoramenti dei beni ipotecati a garanzia dei crediti, e un aumento delle proprietà in capo alla banche. I crediti in sofferenza espongono gli istituti di credito ad un rischio simile di pignoramenti o fallimento. 16

17 Deflazione da debiti: in una situazione di eccesso di indebitamento, qualsiasi shock nello stato di fiducia dei creditori, dei debitori o di entrambi conduce, in sequenza, a: (1) la liquidazione dei debiti attraverso la svendita di beni; (2) la contrazione dei depositi, dato che i prestiti vengono ripagati; (3) una deflazione (caduta) dei prezzi e quindi un aumento nell onere del debito espresso in termini reali; (4) la diminuzione del reddito netto delle imprese e i primi fallimenti; (5) la caduta dei profitti; (6) il crollo degli investimenti, del reddito e dell occupazione; (7) ulteriore peggioramento dello stato di fiducia; (8) tesoreggiamento, ovvero ristagno di liquidità; (9) alterazioni nei tassi di interesse, in particolare una diminuzione del tasso nominale ed un aumento di quello reale. 17

18 Previsioni macroeconomiche (Cer) CONSUMI delle famiglie (variazioni %): ,1 [2007 1,4] , , ,3 Nuovi modelli di consumo una nuova frugalità fatta di consumi funzionali conditi con qualche sfizio (Censis) RISPARMI delle famiglie (variazioni %): ,4 [2007 0,2] , , ,2 MARGINE OPERATIVO LORDO delle imprese (in % del valore aggiunto): ,2 [ ,3] , , ,9 Sfuggire alla prigionia dei caratteri storici e/o originari della società, lasciando spazio ai seguenti "agenti" della metamorfosi: "immigrati", " minoranze vitali", "crescita ulteriore della componente competitiva del territorio", "affermazione di una propensione ad una temperata e misurata gestione dei consumi e dei comportamenti (Censis) 18

19 Crisi finanziaria + Basilea 2 Effetti su Sistema bancario Crisi di liquidità ed esigenze di ripatrimonializzazione Un approfondimento Basilea 1, l accordo, voluto dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria ed entrato in vigore nel 1988, presentava un meccanismo di funzionamento molto semplice: per ogni 100 di credito concesso, le banche dovevano appostare in bilancio 8 di capitale proprio. Per passare ad una valutazione più oggettiva del merito di credito, si è adottato un nuovo approccio, appunto Basilea 2, cui si sta dando esecuzione solo ora. Le necessità di capitale delle banche vengono graduate in funzione dei livelli specifici di rischio. Si creano così delle classi differenziate di valutazione della clientela, a cui corrispondono diverse probabilità di insolvenza. Il sistema di rating non è più centrato solo sui requisiti patrimoniali, ma valuta la qualità della gestione e delle strategie di lungo periodo. In effetti, questi modelli continuano a sottostimare anche gravemente l esposizione al rischio, come prova il fatto che i sistemi di valutazione e gestione del rischio di molte banche statunitensi ed europee oggi in difficoltà erano sostanzialmente gli stessi di quelli raccomandati da Basilea 2, anche perché le banche hanno fatto transitare molte delle operazioni più rischiose su entità off-balance sheet, come, ad es., i famigerati SIV ( Structured Investment Vehicles ), strutture per le quali è richiesto dalle regole di Basilea un ridotto impegno di mezzi propri. In secondo luogo Basilea 2 fa molto affidamento per valutare il livello di rischio delle attività sul sistema di rating creditizio delle principali agenzie specializzate in materia (Fitch, Standards & Poor s, Moody s) che non sempre si sono mostrate all altezza. Un altro punto debole, emerso con la crisi finanziaria, è relativo al fatto che l attenzione è concentrata sul problema della solvibilità come indicatore della adeguatezza finanziaria delle banche, mentre, in realtà, le banche possono presentare anche una questione rilevantissima di liquidità. Il sistema non è stato in grado di discriminare tra un istituto che svolge le attività tradizionali del business bancario e chi ha un comportamento fortemente speculativo, quasi come un hedge fund. 19

20 segue Effetti su Tessuto produttivo Crisi di liquidità e razionamento del credito. Problemi seri per le Pmi Un approfondimento Tratti distintivi delle Pmi: - mancata separazione tra proprietà e controllo; - forme di organizzazione familiare ; - sottocapitalizzazione; - avversione al rischio e alla diluizione del controllo; - prevalente ricorso all autofinanziamento e sbilanciamento sul credito bancario a breve; - multiaffidamento; - debolezza strutturale sotto il profilo finanziario e dei rapporti con il sistema bancario; - inadeguatezza dell informativa economico-finanziaria ed assenza di una funzione di finanza aziendale I rating e le metodologie previsti hanno costi elevati. Alcuni imprenditori, inoltre, lamentano la prospettiva dell'ingerenza degli istituti nelle decisione strategiche delle aziende come una mancanza di autonomia. Le aziende devono partire dalla costruzione di un database dei propri bilanci riclassificati, in modo da evidenziare la qualità e l'attendibilità del loro bilancio d'esercizio e da riassumere le rispettive situazioni di redditività, solidità e liquidità. Evidenziando i punti di forza ma anche i punti di debolezza possono correre immediatamente ai ripari. L analisi finanziaria previsionale richiede investimenti di non poco conto in strumenti e tecnologie. Sarebbe auspicabile, in questo senso, che le microimprese instaurassero un rapporto di consulenza con le banche locali. Tale processo, però, incontra barriere di non poco conto, soprattutto psicologiche: è difficile, infatti, che l'imprenditore si risolva a trasmettere all'esterno dati prima gelosamente custoditi e a sottoporsi al giudizio di terzi. Ma questo è un passaggio imprescindibile. 20

21 Che fare? La dimensione globale dei fenomeni e le interdipendenze tra comportamenti di attori diversi impone risposte coordinate su scala: - mondiale [G20] - europea [Ue] - nazionale superando visioni particolaristiche Il carattere strutturale dei processi richiede risposte di ampio respiro, smarcandosi da decisioni prese con un ottica miope di breve periodo e rimettendo in discussione comportamenti individualistici o dettati da atteggiamenti ideologici puntare sul recupero o creazione di una competitività di sistema Non ripiegamento in sé, ma capacità di reazione. Non attesa di rimedi miracolistici dall esterno, ma azioni concrete e capacità di interloquire con chi decide 21

22 Banche locali: una risorsa per i territori Le banche locali (Banche di Credito Cooperativo, Banche Popolari e Casse di Risparmio) si differenziano per il modus operandi: rapporto personale con il cliente; stretta correlazione con il tessuto socio-economico di insediamento e, dunque, forte radicamento territoriale, stabile relazione con il territorio di vocazione, relazioni di lungo periodo con le PMI. La vicinanza tra banca locale e PMI fa si che la banca possa valutare con maggior precisione i rischi degli affidamenti (sia in fase di screening che di monitoring); le PMI possano risolvere le difficoltà legate all approvvigionamento delle risorse finanziarie. Il rafforzamento del rapporto tra l impresa e la propria banca di fiducia è il perno sul quale puntare. Rischi del modello del multiaffidamento : è importante che l impresa faccia riferimento agli istituti bancari che ne conoscono meglio le problematiche e le capacità produttive ed economiche. Viste le criticità di tipo finanziario, soprattutto per le piccole imprese, il soggetto CONFIDI, di intermediazione e garanzia nel rapporto tra banca e impresa, è oggi cruciale. Effetto moltiplicatore delle strutture di garanzia e loro capacità di mettere in movimento una grande mole di finanziamenti. Questione cruciale, questa, se si intende mantenere aperta la strada non solo alla operatività finanziaria ed economica di moltissime imprese, ma anche e soprattutto sostenerne la capacità di investimento indispensabile a cogliere le opportunità di ripresa, quando si presenteranno. Tutoraggio e sostegno ai progetti di investimento da parte di ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA e BANCHE LOCALI, per sostenere il credito alle piccole imprese Assistere l impresa in tutte le fasi di gestione del progetto aziendale, dalla sua ideazione alla costruzione del business plan, dalla definizione del piano finanziario al monitoraggio costante della evoluzione della iniziativa imprenditoriale. La banca locale dovrà dimostrare di saper rispondere agli stimoli esterni, rivisitando i modelli strategici originari, senza perdere mai di vista i vantaggi legati alle proprie caratteristiche. I repentini mutamenti nelle esigenze dei clienti, l impatto della regolamentazione prudenziale, l aumentata concorrenza nel mercato di tradizionale operatività, il modello di banca multicanale, impongono alla banca locale un adeguamento per non rischiare la stessa sopravvivenza. 22

23 Azioni di ampio respiro dal lato dell offerta Puntare su: - incrementi di produttività, anche attraverso valorizzazione del capitale umano - riorganizzazione sistema delle Pmi, puntando su forme di cooperazione relazioni di filiera, reti [superamento delle limitazioni dimensionali, risparmi nei costi, migliore adattamento dei prodotti alle esigenze del mercato] - attenzione per rapporti (non meramente mercatistici) a monte e a valle tra la singola impresa e i soggetti esterni, ivi compresi i consumatori (non semplice sbocco dei propri prodotti) - valorizzazione dei territori territori aperti, ma gelosi delle proprie specificità importanza del capitale sociale - attivazione degli animal spirits voglia di intrapresa 23

24 Le relazioni di filiera Scomposizione dei processi produttivi in fasi differenti (ivi compreso il settore dei servizi di supporto) caratterizzate da dimensioni ottimali ridotte: ogni azienda, in corrispondenza delle proprie competenze distintive, si fa carico della realizzazione di un segmento specifico della catena del valore Le strette relazioni tra gli operatori, a monte e a valle, consentono la ricerca di soluzioni collaborative filiera integrata 24

25 Le reti di imprese strumento per superare il gap legato alla piccola dimensione e alla ridotta forza contrattuale delle Pmi Aziende che non intendano necessariamente fondersi o ricadere sotto il controllo di un unico soggetto, possono, grazie alle reti: - raggiungere una adeguata massa critica e potere negoziale - allargare la base di offerta di prodotti e servizi, non puntando più sulla concorrenza del prezzo basso - condividere investimenti che altrimenti non sarebbero possibili alla singola impresa (accesso ai mercati esteri, innovazione di prodotto) - risalire la catena della sub-fornitura aumentando così i margini - attivare uno scambio di conoscenze e di capacità di saper fare, a tutto vantaggio delle possibilità di innovazione continua, sia di prodotto sia di processo - effettuare risparmi di costo condividendo attività e investimenti comuni - rispondere in modo flessibile alle mutevoli richieste del cliente Possibilità di presenza di imprese straniere, sia europee che extra-ue; Possibilità di presenza di imprese sociali ed enti senza scopo di lucro. 25

26 Importanza delle reti Possibilità di conseguire vantaggi competitivi tramite la realizzazione di economie di scala e di scopo La Rete forma intermedia tra Impresa [Make] e Mercato [Buy] per sfruttare interdipendenze e sinergie Coordinamento informale basato sulla reciproca collaborazione e fiducia: - contrattuale (convinzione del rispetto delle norme stabilite) - nelle competenze (sicurezza che gli altri possiedano le competenze e le abilità richieste) - nelle motivazioni Favorite relazioni di lungo termine 26

27 Tipi di reti Orizzontale: una rete coordinata e organizzata in modo che tutti i componenti abbiano pari dignità. Un po come si realizza nei consorzi, che possono essere considerati vere e proprie reti d impresa primordiali; Verticale: un azienda leader, chiamata nodo, guida le altre dettando le regole; Ibrida con centri gravitazionali multipli : di volta in volta, a seconda delle condizioni di mercato, si creano nodi che hanno un ruolo di centro motore per tutto il sistema Naturale distretti industriali (sistema d'imprese centrato su un singolo settore merceologico, a carattere territoriale). Coordinata (governata): risponde a precisi bisogni dettati dalla competitività crescente, da fenomeni di outsourcing o dalla necessità di integrazione di modelli nei processi produttivi. 27

28 Caratteri da tener presente nella progettazione della rete Orientamento al consumatore Risposte in tempo reale Flessibilità della struttura produttiva Ricerca del valore nei diversi processi (siano essi primari o di supporto) Importanza del fattore conoscenza 28

29 Modelli operativi e gestionali non convenzionali All'inizio degli anni '70 la recessione economica negli Usa aveva lasciato molte aziende con eccedenze di magazzino, capacità produttive inespresse, ma soprattutto problemi di liquidità. Nacquero allora le prime forme di Corporate Barter (baratto aziendale), o scambio merci in compensazione, consistenti nell'acquistare merci o servizi senza sostenere alcun esborso monetario. L acquisto effettuato viene ripagato con la fornitura di prodotti o servizi che compensano il valore economico di quanto acquistato e sostituiscono il pagamento in denaro. Un catalogo, on line, informa sui prodotti o settori merceologici presenti all interno del circuito. Negli Usa movimenta ogni anno oltre 7 miliardi di dollari: lo utilizzano aziende ed il 65% delle società quotate al NYSE. In Italia la piattaforma più importante è BexB S.p.A. LEVA FINANZIARIA: - dispongo di un affidamento commerciale a tasso zero - acquisto beni e servizi nel circuito utilizzando l affidamento ottenuto - non impiego liquidità aziendale LEVA MARKETING: - un canale di vendita complementare rispetto a quello tradizionale - strategie di marketing distintive rispetto alla concorrenza - grande visibilità nazionale ed internazionale LEVA COMMERCIALE: - ripago gli acquisti effettuati con i miei prodotti e/o servizi - acquisisco nuovi clienti - incremento il fatturato LEVA ECONOMICA: - il reale costo di acquisto dei prodotti e servizi è pari al solo costo marginale del prodotto venduto 29

30 Animal spirits, dove siete finiti? (R.Shiller, Il Sole 24 ore ) Le tendenze spontanee che Keynes aveva individuato sono attuali. Il circolo vizioso volatilità dei mercati-aspettativesfiducia-riduzione dell attività economica [le profezie che si autoavverano] La fiducia può fare balzi apparentemente capricciosi, sia in un senso che nell altro [circoli viziosi, ma anche circoli virtuosi] Se si percepisce un assenza di governance dei processi, il clima di aspettative peggiora. 30

31 Il capitale sociale e la fiducia risorse contro la crisi Fiducia alternativa a: assicurazione, monitoraggio, sanzioni, ricompense, etc. per ridurre l incertezza Fiducia come benevolenza : ci si aspetta che un individuo si comporti con lealtà e non ci danneggi cooperazione Fiducia nelle capacità di un individuo di effettuare una data attività, nelle sue competenze Fiducia nelle istituzioni: si ripone fiducia nei sistemi giudiziari, in quelli scolastici, nei sistemi di regole esistenti, nei sistemi di certificazione, etc. La fiducia è un elemento diffuso nei sistemi economici moderni e sta alla base di tutte le transazioni economiche e sociali che quotidianamente vengono effettuate. Nell utilizzare il denaro come sistema di pagamento si ripone fiducia nella moneta come riserva di valore; in realtà, il denaro è solo una promessa di pagamento, un mezzo la cui accettabilità, data la natura simbolica del valore, si basa sulla fiducia in chi lo ha emesso. Fiducia accumulata: reputazione Capitale sociale: l'insieme delle relazioni interpersonali, formali ed informali (norme, istituzioni, cooperazione civica, associazionismo, fiducia), essenziali per il funzionamento di società complesse ed altamente organizzate. Bene pubblico, esternalità Le reti di relazioni possono assumere un significato positivo o negativo. Relazioni con: capitale umano, crescita e sviluppo economico [KS come fattore di produzione: Y = F(L, KR, KU, KS)] 31

32 Tuscia segnali contraddittori Questionario: Ci si può fidare degli altri (a) oppure non si è mai troppo prudenti (b)? Tuscia: (a) 32,9% - (b) 67,1% Italia: (a) 35,3% - (b) 64,7% Meglio: paesi scandinavi, UK Peggio: Europa dell Est Gioco di fiducia [con offerte vincolanti fatte, preventivamente, via pc, senza conoscere il proprio ruolo né l identità della controparte]: I soggetti A ai quali è stata consegnata una somma (10 ) e proposto di darne una parte ad un altro, in tal modo triplicandola, hanno rischiato, mostrando di avere fiducia [offerta media 46%]. D altra parte, i soggetti B che hanno ricevuto la somma (triplicata), posti di fronte alla scelta di restituirne una parte al primo, hanno saputo ripagare la fiducia [offerta media 41%]. 32

33 Tipi di capitale sociale Bonding : solidarietà all interno-chiusura all esterno [ostacolo alla diffusione della conoscenza e alla socializzazione della fiducia] Bridging : stabilire ponti con persone che appartengono ad ambienti socio-economici e culturali diversi [circolazione delle info] Linking : relazioni tra individui o reti, da un lato, organizzazioni o istituzioni, dall altro Corporate : relazioni in ambito professionale Tipi di fiducia Orizzontale : i conoscenti Intermedia : associazioni di categoria, istituzioni locali Verticale : istituzioni statali 33

34 Dimensioni del capitale sociale nella Tuscia Forte peso delle reti di relazioni familiari e dei legami tra amici e conoscenti Scarsa fiducia nell associazionismo, inteso come scuola di democrazia e incentivo alla cooperazione e all apertura verso l esterno Scarso coinvolgimento nelle associazioni di categoria Scarsa fiducia verticale (verso sconosciuti, diversi, istituzioni) 34

35 Un riferimento cinematografico La vita è una cosa meravigliosa (1946) di F.Capra La trama: Alla morte del padre, George Bailey [James Steward] rinuncia ad altri progetti per mandare avanti la società di costruzioni che offre case a buon mercato a piccoli borghesi e artigiani. Per superare una situazione complicata, George chiede un finanziamento al vecchio milionario Potter, esoso e senza cuore, che glielo nega. George, disperato, decide di suicidarsi. Fermato dal suo angelo custode, viene soccorso finanziariamente dalle persone del suo quartiere, da lui beneficiate in passato. Morale: il capitale economico di una società può essere salvato dal capitale sociale. 35

36 Per ulteriori approfondimenti: ofalo/finance.pdf Contatto: 36

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Capitalismo finanziario e teoria degli investimenti secondo H.P. Minsky

Capitalismo finanziario e teoria degli investimenti secondo H.P. Minsky Capitalismo finanziario e teoria degli investimenti secondo H.P. Minsky Presentazione a cura di Elisabetta Pellini e Greta Vitali 1 Introduzione Contesto specifico: determinazione di un nesso causale fra

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 La gestione

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Alessandro Brusadelli, Giacomo Andreoletti Introduzione Obiettivo: Dimostrare che contesti che implicano l uso di razionalità procedurale

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Caratteristiche delle piccole e micro imprese italiane

Caratteristiche delle piccole e micro imprese italiane RAPPORTO DELLE PICCOLE AZIENDE CON IL SISTEMA BANCARIO Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Milano - Facoltà di Giurisprudenza - per l'insegnamento di "Economia degli intermediari finanziari".

Dettagli

«PICCOLE IMPRESE: IL PERCORSO VERSO LA CLASSE A»

«PICCOLE IMPRESE: IL PERCORSO VERSO LA CLASSE A» «PICCOLE IMPRESE: IL PERCORSO VERSO LA CLASSE A» 1 COSA SI INTENDE CON CLASSE «A» La classe di consumo energetico, detta anche classe di efficienza energetica, è una suddivisione della scala di consumi

Dettagli

Capitolo 6 L intermediazione creditizia

Capitolo 6 L intermediazione creditizia Capitolo 6 L intermediazione creditizia Esercizio 1 Quali sono gli elementi centrali negli scambi creditizi? a. Le informazioni. b. La conoscenza reciproca degli scambisti. c. I contratti personalizzati.

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia Convegno Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia 4 febbraio 2010 Sala Convegni Corso Europa,11 Milano 1 Intervento del dr. Mario Venturini Breve remind sulla valutazione dei rischi creditizi e Basilea

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Definizioni La banca può essere definita sotto due diversi profili:

Dettagli

Intervento ordine commercialisti

Intervento ordine commercialisti Intervento ordine commercialisti 1 Perché nascono i Confidi? Per favorire l accesso al credito delle PMI e delle imprese artigiane Per ridurre gli squilibri tra banca e impresa nella valutazione del merito

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Gli argomenti. Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa. di Francesco Estrafallaces

Gli argomenti. Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa. di Francesco Estrafallaces Gli argomenti Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa 1 1 di Francesco Estrafallaces La recente fase di recessione economica e la blanda ripresa

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni avente unico socio Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Iscritta all'albo delle Banche al n. 5561-ABI n. 5428.8 Appartenente al Gruppo bancario Unione

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti Il sostegno alle P.M.I. - Incentivi, garanzie ed opportunità per il consolidamento e la crescita Taranto, 27 febbraio 2009 Relatore: Dr. Raffaele

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*)

Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE. di Pietro Dalena (*) Strumenti di P&C Pianificazione Politiche di ottimizzazione della struttura finanziaria: il caso EUROSTYLE di Pietro Dalena (*) L attività di comunicazione dello stato di salute gestionale si deve strutturare

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1. LE FUNZIONI DELLA BANCA 2. GLI EQUILIBRI DELLA BANCA L EQUILIBRIO ECONOMICO L EQUILIBRIO FINANZIARIO L EQUILIBRIO PATRIMONIALE 3. I RISCHI

Dettagli

finnova Prodotti e Servizi

finnova Prodotti e Servizi finnova Prodotti e Servizi INDICE 1 Finnova Mission 2. Portafoglio Prodotti & Servizi Portafoglio Prodotti & Servizi 3. Scenario di Riferimento Ritardo di pagamento delle PA Le cause Ritardo di pagamento

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2005 NUMERO DICIANNOVE CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2005 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie Le crisi bancarie 1 Effetti delle crisi bancarie Interruzione del funzionamento del sistema dei pagamenti; Contrazione del credito erogato al sistema produttivo; Crisi di fiducia dei depositanti; Brusca

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo 1 L evoluzione dei servizi bancari in Italia Struttura conto economico nel periodo 1993-2001 (valori in percentuale

Dettagli

TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART

TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART Convention Fedart Fidi TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART Leonardo Nafissi Castiglione della Pescaia (GR), 25 settembre 2015 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

Nuovi Strumenti di Finanziamento per le Imprese.

Nuovi Strumenti di Finanziamento per le Imprese. Nuovi Strumenti di Finanziamento per le Imprese. Giorgio De Donno - Banca Sella Napoli, 15 luglio 2014 1 Agenda 1. Il contesto 2. Strumenti alternativi di credito 3. Il ruolo delle banche 2 1 IL CONTESTO

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici

Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici Il caso pratico 49 di Pietro Busanelli, Umberto Baldi Forti e Lara Villani Busanelli e Associati S.r.l. Tecniche finanziarie Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici Il presente

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

La fattura va in Rete:

La fattura va in Rete: VIA LOMBARDIA 30-00187 ROMA - TEL. 06.4203591 - FAX 06.484704 UFFICIO STUDI ROMA Aderente a UNI Global Union La fattura va in Rete: aste on-line per la cessione pro soluto dei crediti commerciali PERCORSI

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Il modello dell intermediario mobiliare L intermediario creditizio

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER UNIRE PICCOLI RISPARMI E PICCOLI CREDITI BANCARE GLI IMBANCABILI COMBATTERE L USURA Costituzione

Dettagli

Banche private e banche pubbliche. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

Banche private e banche pubbliche. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Banche private e banche pubbliche Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Un breve percorso storico ci aiuta a mettere a fuoco il cambiamento, la crisi e la situazione

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei prodotti

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali Ermanno Dalla Libera Istituto Poster www.performancemonitor.eu 1 Introduzione Che cos è la ristrutturazione? La ristrutturazione, nell ampia accezione

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

Come deve essere condotto il rapporto con le banche. a cura del Prof.Maurizio Berruti

Come deve essere condotto il rapporto con le banche. a cura del Prof.Maurizio Berruti Come deve essere condotto il rapporto con le banche a cura del Prof.Maurizio Berruti 1 Criteri per la valutazione del merito creditizio Ai fini della assegnazione del RATING le banche dovranno tener conto

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 18 Le crisi valutarie Hill, cap. 11, molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli