4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri"

Transcript

1 2007 -Indagine sul settore AGRITURISMO in provincia di FIRENZE 4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri Fino a qualche anno fa, molte aziende agrituristiche non avevano ancora delineato una vera e propria strategia di commercializzazione del loro prodotto, affidandosi essenzialmente ai contatti casuali con la domanda, spesso favoriti dal fenomeno del turismo di ritorno o dal passaparola generato dagli ospiti. Oggi, come risulta dalle interviste agli operatori agrituristici nelle pagine precedenti, le modalità con le quali l azienda entra in contatto con il cliente potenziale risultano alquanto diversificate. Per alcuni versi la scelta dei canali di distribuzione appare strettamente correlata al posizionamento dell azienda sul mercato, cioè alla sua localizzazione, a cosa offre, come lo offre e a quale prezzo. Oltre alla posizione che l azienda occupa nella mente del consumatore, il posizionamento è la conseguenza delle scelte effettuate dall imprenditore in merito all offerta proposta, al target verso cui indirizzare l offerta e la differenziazione rispetto alla concorrenza. Ecco, dunque, che le aziende meno strutturate e con una capacità ricettiva limitata preferiscono impostare la loro strategia sui contatti diretti, sviluppando azioni specifiche di comunicazione (internet, presenza sulle principali guide di settore, ecc.) o di collaborazione con Enti di promozione. Invece, per le strutture che hanno realizzato ingenti investimenti strutturali e di servizi, con una discreta capacità ricettiva, è importante cercare di attivare tutte le collaborazioni possibili con agenzie di viaggio e tour operator. Altro fattore determinante per la scelta dei canali di distribuzione è il livello qualitativo dell offerta (tipicamente rurale e agricolo, oppure ad alto valore turistico) definito nel posizionamento dell azienda: essenziale, medio, alto. Da non trascurare che grazie all innovazione tecnologica, anche il settore dell intermediazione turistica ha subito profonde trasformazioni: molti operatori seguendo le esigenze di una domanda evoluta, scavalcano tramite internet gli stadi intermedi del canale distributivo (tour operator, agenzie). Al tempo stesso, internet è utilizzato dagli stessi intermediari per ricevere supporto e informazioni direttamente dai fornitori, aumentando il valore aggiunto delle proposte grazie ad una maggiore efficienza e alla capacità di rispondere tempestivamente alle esigenze dei clienti. Dunque, volendo inquadrare il panorama delle modalità di distribuzione del prodotto agrituristico provinciale, come del resto quello di tutta l intermediazione turistica, ci troveremmo di fronte ad un sistema estremamente articolato e complesso, dove oltre agli intermediari sono coinvolte le agenzie immobiliari o i diversi aggregati economici che realizzano forme di promocommercializzazione (portali, centri booking, ecc.). Inoltre, le stesse associazioni di settore ed i Consorzi di promozione turistica, che in molti casi estendono il loro interesse anche all agriturismo, svolgono attività di intermediazione per i propri associati. 75

2 Ciò detto, è importante sottolineare come il sistema agrituristico provinciale ha necessità di sviluppare ulteriormente la presenza in Rete per rendere più visibile la sua offerta, raggiungere un numero sempre maggiore di acquirenti e generare contatti qualificati. Una migliore gestione del canale online può consentire agli operatori di migliorare i propri tassi di utilizzo delle camere, riducendo al tempo stesso la quota intermediata dalle agenzie di viaggi e dai tour operator. Però, considerando l accentuata diversificazione dell offerta provinciale, con la presenza di aziende sufficientemente strutturate e una capacità ricettiva idonea all accoglienza di piccoli gruppi, la collaborazione con le agenzie di viaggio o tour operator è sicuramente utile per garantirsi un flusso continuativo di clientela. La collaborazione richiede da parte dell azienda la predisposizione di materiale informativo e la disponibilità a riconoscere una provvigione all agenzia. Inoltre, il livello dei prezzi praticati deve essere pressoché analogo, indipendentemente se il cliente prenota direttamente o tramite agenzia, pertanto il risultato economico sui soggiorni degli ospiti inviati dall agenzia sarà inferiore. In ogni caso, i minori ricavi potranno essere compensati dall aumento di presenze e dalle maggiori entrate legate ai servizi della ristorazione, delle degustazioni e della vendita dei prodotti aziendali. Dato il forte interesse che suscita l agriturismo fiorentino, oltre che la varietà dei mercati interessati, nell ambito del lavoro di ricerca era stata prevista un indagine diretta agli operatori dell intermediazione. La selezione dei contatti ha preso in esame le agenzie di viaggio italiane e straniere che trattano il prodotto agrituristico, i tour operator e i grossisti italiani e stranieri specializzati nella produzione, organizzazione e vendita di pacchetti di offerta con riferimento al prodotto agrituristico provinciale. L indagine è stata realizzata nel mese di marzo Il piano di campionamento era di 135 operatori italiani e stranieri, ma solo 36 hanno risposto al questionario: 28 tour operator, 4 agenzie di viaggio e 5 agenzie che svolgono attività di intermediazione e produzione, di cui 13 italiane e 23 straniere. Gli operatori esteri appartengono a diversi paesi, primi fra tutti gli Stati Uniti e l Olanda con 5 unità ciascuno, la Germania con 4 e a seguire Canada e Danimarca; una intervista è stata invece ottenuta rispettivamente da agenzie francesi, giapponesi, inglesi, svedesi e svizzeri. Nazionalità operatori intervistati Paese Num. interviste Paese Num. interviste Italia 13 Francia 1 Stati Uniti 5 Giappone 1 Olanda 5 Gran Bretagna 1 Germania 4 Svezia 1 Canada 2 Svizzera 1 Danimarca 2 Totale 36 76

3 Le informazioni acquisite con il questionario di indagine riguardano le seguenti tematiche: Le previsioni per le richieste di soggiorno in agriturismo nella provincia di Firenze per la stagione 2007; le aree provinciali maggiormente richieste dai propri clienti; le eventuali difficoltà che ostacolano la commercializzazione/vendita dei soggiorni; i canali maggiormente utilizzati per la prenotazione; i motivi che spingono i clienti a scegliere il soggiorno in agriturismo; i servizi che maggiormente incidono nella scelta del soggiorno; l importanza della marca ai fini della vendita del prodotto; ulteriori elementi di offerta abbinabili all agriturismo; il giudizio sui prezzi praticati dalle strutture. Sintesi dei risultati In maniera del tutto prevedibile, gli operatori della distribuzione del prodotto agrituristico hanno segnalato una diretta correlazione fra notorietà dell area e la frequenza di richieste da parte della domanda. Parallelamente, si registra una certa attenzione verso quelle aree che, oltre al livello di attrattività, garantiscono anche un ampia gamma di proposte. Si conferma, dunque, una diffusa notorietà della marca Toscana, Chianti e Firenze che, secondo l esperienza degli operatori, riesce a condizionare l orientamento di consumo dei clienti. Dall indagine emerge, però, la potenzialità dell offerta provinciale situata nelle aree con un immagine meno affermata, per un esplicita esigenza degli operatori di diversificare la gamma di proposte, ma soprattutto per la possibilità di ottenere prezzi più bassi rispetto a quanto praticato dagli imprenditori agrituristici delle aree più conosciute. In particolare, questa manifestazione di interesse è maggiormente diffusa tra i tour operator tedeschi, olandesi e danesi. In merito agli accordi con gli imprenditori agrituristici per la commercializzazione del prodotto, il 42% degli intermediari soprattutto stranieri sostiene di dover fronteggiare una serie di difficoltà, oltre quella legata alla dimensione ricettiva e alla dotazione strutturale dell azienda. Sulla base di esigenze strettamente economiche, e ignorando i riferimenti normativi del settore, il primo ostacolo è dunque la frammentazione dell offerta, costituita soprattutto da strutture a limitata capacità ricettiva. Le segnalazioni più frequenti fanno riferimento al livello elevato delle tariffe che, di fatto, impediscono di praticare prezzi competitivi ai clienti finali. Un altro aspetto singolare, che deriva dall attuale forza contrattuale dell imprenditore 77

4 agrituristico, è l indisponibilità a concedere agli intermediari l applicazione di tariffe nette o confidenziali. Se è vero che l agriturismo toscano e della provincia di Firenze ha un brand ben riconoscibile e di qualità, alcuni intermediari stranieri hanno segnalato la difficoltà di far comprendere ai loro clienti la caratteristica di soggiorno in questo tipo di struttura. Così un target di domanda pensa di non trovare i confort essenziali che garantisce una struttura ricettiva, mentre altri giudicano artefatta la proposta e non adeguata ai contenuti autentici della vacanza rurale. In questo caso, si pone un problema di comunicazione e di informazione sul prodotto che potrebbe suggerire il superamento dell attività promozionale indifferenziata. A differenza di quanto si registrava nel passato, l ospite della struttura agrituristica appare sempre più esigente e informato, attento non solo ai valori tradizionali del contesto rurale, ma che cerca servizi e comodità, non vuole limitare la propria esperienza di vacanza nell ambito dell azienda, ricerca emozioni legate all offerta culturale della zona, a visite a centri d arte, allo svolgimento di attività di varia natura. Infatti, dall indagine emerge una domanda interessata ai contenuti dell offerta agrituristica, ma spesso in chiave strumentale alla visita della città di Firenze o dei centri d arte minori: il turista intermediato sceglie l agriturismo per la vicinanza a Firenze, per l interesse al contesto socio-culturale e rurale dell area e per l attenzione verso i prodotti tipici. La segmentazione degli operatori intervistati fa emergere, per il mercato italiano, la rilevanza delle motivazioni legate alla vicinanza a Firenze e all offerta dei prodotti tipici, mentre per quegli stranieri risultano prevalenti le ragioni legate all offerta culturale e rurale dell area. In merito alla tipologia di richiesta inoltrata dal cliente dell agenzia di viaggio o del tour operator, emerge la preferenza per alcuni aspetti legati al contesto rurale, ma al tempo stesso chiede le comodità delle altre sistemazioni ricettive. Non a caso, soprattutto sul mercato italiano, si preferiscono strutture con piscina o con l impianto di aria condizionata. Altri aspetti, in grado di incidere in misura significativa sulla scelta della sistemazione agrituristica, sono la disponibilità del servizio di ristorazione, la proposta di degustazione di prodotti agricoli tipici, nel contesto tipicamente rurale, mentre gli aspetti dell offerta che ricevono un minor interesse dalla domanda sono le attività sportive, le visite dell azienda e la possibilità di partecipare direttamente alle attività agricole, i corsi di cucina e i corsi sulle attività artigianali tipiche. In un ottica di arricchimento dell offerta, sulla base delle tendenze rilevate sui mercati, alcuni operatori hanno suggerito di abbinare all offerta agrituristica le proposte specifiche dell enogastronomia, del termale e del benessere. Sul primo aspetto gli operatori suggeriscono di puntare soprattutto alle produzioni di qualità, alla valorizzazione della cucina tipica e alle proposte di itinerari enogastronomici. Per i servizi termali e del benessere si focalizza l attenzione sui servizi del wellness abbinati a veri e propri centri benessere. Altri elementi che potrebbero costituire valore aggiunto al prodotto sono l abbinamento all offerta culturale in occasione di eventi, oltre a proposte di visite guidate a musei. Infine, si segnala un riferimento generico al miglioramento e ampliamento dei servizi per facilitare l attività di commercializzazione. 78

5 Per migliorare il posizionamento del prodotto agrituristico sul mercato, gli operatori dell intermediazione suggeriscono, inoltre, di rilanciare una campagna promozionale incentrata sulla qualità e la tipicità dell offerta, legando le proposte dell enogastronomia al contesto ambientale e culturale, ma al tempo stesso valorizzare l offerta dei comfort e dei servizi collegata al concetto di vacanza salubre. I risultati dell indagine Le previsioni espresse dagli operatori sull andamento delle richieste di soggiorno in agriturismo nella provincia di Firenze, per la stagione 2007, sono sostanzialmente ottimistiche. Infatti, 16 operatori stimano lo stesso volume di affari realizzato nell anno precedente, mentre per 13 agenti l anno in corso dovrebbe chiudersi con risultati migliori. Solo 6 operatori, invece, prevedono una flessione di domanda. Le aspettative migliori sono state segnalate dal mercato americano, anche se non mancano i segnali positivi da parte del mercato italiano e olandese, a differenza degli operatori tedeschi che non prevedono una netta ripresa sul loro mercato. Richieste di soggiorni in agriturismo per l anno 2007 per nazionalità Nazionalità Aumentate Invariate Diminuite Italia Usa/Canada Olanda Germania 1 3 Altri Paesi Totale Per oltre tre intermediari su quattro, l area provinciale che riceve il più alto numero di richieste è il Chianti; l orientamento della domanda è abbastanza uniforme sia per il mercato italiano, sia per i mercati esteri. Al secondo posto, la maggior quantità di richieste è rivolta all offerta agrituristica dell area fiorentina, soprattutto sul mercato italiano. Probabilmente, questo target di clientela ha come motivazione primaria la visita alla città. Sempre in rapporto alla frequenza di richieste, l ordine successivo registra l interesse per l offerta dell Empolese Valdelsa e del Valdarno, a differenza del Mugello e della Montagna fiorentina che non godono ancora di un posizionamento ottimale, almeno nei canali tradizionali della distribuzione turistica. È ovvio che i dati rispecchiano sostanzialmente le tendenze del mercato, ma va comunque ricordato che le agenzie di viaggio o i tour operator sono potenzialmente in grado di orientare e ri-orientare la domanda, soprattutto a seguito di particolari accordi commerciali con gli operatori ricettivi. 79

6 Aree con maggiori richieste di soggiorno in agriturismo Area Empolese Montagna Nazionalità fiorentina Chianti - Valdelsa fiorentina Mugello Valdarno Italiana Usa/Canada Olanda Germania Altro Totale Proprio in rapporto alla definizione degli accordi commerciali, 15 operatori hanno segnalato difficoltà nella commercializzazione del prodotto. Il maggior quantitativo di indicazioni è pervenuto dai mercati esteri, soprattutto olandese, danese e americano, e riguarda i seguenti aspetti: difficoltà a stabilire rapporti di convenienza commerciale a causa del livello elevato dei prezzi, oltre che dalla limitata capacità ricettiva (italiani e olandesi); scarsa promozione e diffusione di immagine dell offerta, soprattutto per le realtà minori (americani); un livello qualitativo dell offerta non sempre adeguato (olandesi e danesi); un eccessivo ricorso alla vendita diretta attraverso il sito internet dell azienda o tramite portali. Probabilmente, aggiungiamo noi, questo aspetto determina una perdita del potere contrattuale degli operatori e la conseguente possibilità di ottenere prezzi più bassi. Difficoltà nella commercializzazione/vendita dei soggiorni in agriturismo in provincia di Firenze Si 15 No 21 Un ampia maggioranza di operatori intervistati (32) definisce e cura i rapporti commerciali direttamente con gli imprenditori agrituristici, mentre 9 agenti di viaggio preferiscono il canale medio della distribuzione, attraverso contatti con le agenzie o tour operator dell incoming. L acquisizione del servizio attraverso internet è stato segnalato da 8 operatori e solo 4 utilizzano un centro booking. In generale, riguardo ai canali di prenotazione dei servizi, non si registrano significative differenze tra le modalità operative adottate dagli operatori italiani e stranieri. L unico aspetto da sottolineare riguarda il più intenso utilizzo di internet e dei centri booking da parte del mercato nord-americano. 80

7 Canali utilizzati normalmente per la prenotazione dei servizi dell Agriturismo in provincia di Firenze Nazionalità Diretti Operatori incoming Internet Centri booking Italiana Usa/Canada Olanda 5 2 Germania Altro Totale Sulla base dell esperienza di mercato degli agenti di viaggio, i motivi che spingono i loro clienti a preferire la sistemazione agrituristica in provincia di Firenze riflettono una domanda piuttosto eterogenea. Molto spesso è interessata agli aspetti più autentici dell ospitalità rurale, in molti casi attratta dalla posizione strategica delle aziende (la vicinanza di Firenze), talvolta spinta dalla prospettiva di trascorrere una vacanza insolita. In ogni caso, l interesse per l offerta culturale dell area e la vicinanza alla città rappresentano le principali motivazioni: rispettivamente il 21% ed il 19%. Seguono l attrazione per il contesto ambientale (16%), l interesse per i prodotti tipici (12%), la qualità della vita in campagna (11%), la particolarità della struttura agrituristica (10%) e la ricerca di una esperienza insolita (6%). Altre motivazioni segnalate riflettono l esigenza di trascorrere un soggiorno all insegna del relax e della tranquillità, oppure la preferenza per una sistemazione a prezzi contenuti. Per il mercato italiano i motivi della scelta sono collegati soprattutto alla vicinanza al capoluogo, all offerta storico-culturale e ambientale, alle produzioni tipiche. Anche per gli americani la vicinanza a Firenze e l offerta i prodotti tipici assumono una certa rilevanza, associata al desiderio di vacanza alternativa. Il mercato olandese sembra attratto soprattutto dall offerta culturale, dalla posizione strategica delle aziende, dalla qualità dell offerta e dal contesto ambientale. Infine, per i clienti tedeschi, oltre alla cultura e al contesto ambientale, risultano determinanti la qualità della vita e l offerta di prodotti tipici. Per quali ragioni i clienti richiedono soggiorni in Agriturismo Ragioni del soggiorno Italiana Usa/Canada Olanda Germania Altro Totale Cultura e tradizione 19% 11% 33% 27% 23% 21% Vicinanza a Firenze 25% 22% 25% 9% 9% 19% Contesto ambientale 19% 6% 17% 27% 14% 16% Offerta di prodotti tipici 14% 17% 0% 18% 9% 12% Qualità della vita 8% 11% 0% 18% 18% 11% Qualità delle strutture 8% 6% 17% 0% 18% 10% Vacanza insolita 3% 22% 0% 0% 5% 6% Altro* 3% 6% 8% 0% 5% 4% Totale 100% 100% 100% 100% 100% 100% * prezzi bassi, benessere, tranquillità Oltre alla motivazione principale dei clienti, un ulteriore elemento di selezione nella scelta della struttura è la gamma dei servizi disponibili; questo aspetto 81

8 dell offerta è sicuramente una variabile determinante, che incide sul modo di comporre e indirizzare le proposte degli agenti o dei tour operator. Dalle risposte del campione è possibile stabilire una vera e propria scala di priorità dei servizi: per alcuni si intuisce il ruolo determinante, altri possono essere considerati ininfluenti. Fra i primi si segnalano tutti quei servizi e comfort a carattere tipicamente turistico, come ad esempio la piscina; è richiesta da oltre i tre quarti degli operatori intervistati, a seguito di esplicita indicazione da parte del cliente. Altri aspetti dell offerta particolarmente richiesti sono la qualità dell accoglienza in un contesto tipicamente rurale, il servizio di ristorazione e di degustazioni dei prodotti agricoli tipici. I servizi che hanno riportato un livello di interesse minore sono quelli maggiormente riconducibili all attività agricola dell azienda e, in parte al contesto rurale. Fra queste citiamo le attività sportive a contatto con la natura, le visite aziendali e la possibilità di partecipare alle attività agricole, la partecipazione ai corsi di cucina o ad altre attività collegate all artigianato locale. Nella segmentazione dei comportamenti è stato possibile rilevare che il mercato italiano, oltre ai servizi strettamente turistici, è orientato verso tutto ciò che può essere collegato alla cucina, ai prodotti tipici e all offerta ristorativa. Inoltre, è attratto in maniera più incisiva dalla possibilità di effettuare sport, ma non è interessato alle visite aziendali e alla partecipazione diretta alle attività agricole. Per il mercato americano, quasi tutti i servizi assumono un ruolo decisivo; l unica eccezione è data dall attività sportiva a contatto con la natura. Questo segmento è uno dei pochi ad essere interessato ai corsi di cucina e di artigianato locale. Gli operatori olandesi ritengono che la clientela è condizionata dalla disponibilità di comfort tipicamente turistici. Infine, il cliente tedesco è condizionato parzialmente dalla presenza della piscina e di altri servizi turistici; al contrario sembra più orientato verso la tipicità e la ruralità dell accoglienza agrituristica, la cucina e i prodotti tipici locali, soprattutto dalla possibilità di praticare trekking, mountain bike o altre attività sportive a contatto con la natura. Incidenza dei servizi per la scelta del soggiorno in agriturismo Per niente Abba stanza Fonda mentale Servizi Molto Totale Piscina, aria condizionata e altri comfort di carattere tipicamente turistico 3% 22% 42% 33% 100% Servizi essenziali, ma accoglienza e contesto tipicamente rurale 3% 24% 50% 24% 100% Ristorazione, degustazioni e disponibilità di prodotti agricoli tipici 0% 31% 43% 26% 100% Possibilità di effettuare attività sportive a contatto con la natura 26% 40% 29% 6% 100% Visite dell'azienda e possibilità di partecipare alle attività agricole 14% 60% 17% 9% 100% Corsi di cucina o di attività artigianali tipiche 20% 43% 26% 11% 100% 82

9 Anche l attrattiva, l immagine e la notorietà di un luogo o di un area riescono ad avere un ruolo fondamentale nell indirizzare le scelte dei potenziali turisti. Ciò vale tanto più, quando si parla di Toscana, Firenze e Chianti. Gli operatori intervistati confermano che questo aspetto assume un peso strategico nell orientare le scelte dei propri clienti. In particolare, la marca Toscana diventa decisiva per quasi nove operatori su dieci, la marca Chianti per l 80%, la marca Firenze per il 72%. In termini di marca, il mercato italiano risulta maggiormente sensibile rispetto al mercato estero. Infatti, se per gli americani risulta molto importante l associazione di immagine fra una proposta di soggiorno in agriturismo e la Toscana o il Chianti (un po meno per Firenze), non altrettanto accade per gli olandesi e per gli altri mercati minori, sensibili solo alla marca Toscana. I tedeschi, invece, scelgono la loro sistemazione indipendentemente dalla notorietà del luogo. Importanza della marca per la scelta del soggiorno in agriturismo Importanza Per niente Abba stanza Molto Fonda mentale Totale Marca "Toscana" 3% 9% 57% 31% 100% Marca "Firenze" 9% 20% 46% 26% 100% Marca "Chianti" 6% 14% 60% 20% 100% Per 26 operatori l offerta agrituristica della provincia di Firenze potrebbe essere abbinata ad altri elementi di offerta dell area, al fine di aumentarne la quota di mercato. Per gli altri 10, evidentemente, il prodotto non ha bisogno di essere arricchito o non la ritengono una strategia di prodotto adeguata. L esigenza di allargare l offerta agrituristica è maggiormente avvertita dagli operatori italiani e nord-americani. Al contrario, per gli olandesi e per i tedeschi il prodotto non ha bisogno di essere arricchito. Per coloro che ritengono opportuna la strategia di miglioramento, i suggerimenti comprendono l enogastronomia e i servizi del wellness e del benessere. Soprattutto gli operatori di nazionalità estera, consigliano di puntare sull offerta ristorativa, sulle produzioni agroalimentari tipiche di qualità, sulle degustazioni, sui corsi di cucina, ma anche sull organizzazione e valorizzazione di circuiti enogastronomici guidati. Gli altri elementi su cui puntare riguardano l offerta culturale (escursioni, organizzazione di eventi, creazione di un sistema museale), l ampliamento dei servizi delle strutture, l organizzazione di corsi di equitazione, di escursioni in bicicletta e proposte mirate al segmento famiglie con bambini. Da segnalare, infine, come la partecipazione diretta alle attività agricole dell azienda (vendemmia) sia stata segnalata solamente da un operatore statunitense. 83

10 Elementi di offerta dell area da abbinare all offerta agrituristica per sviluppare il mercato Enogastronomia Terme e benessere Offerta culturale Servizi della struttura Attività sportive Offerta per famiglie Posizione strategica Parchi divertimento Attività agricole Partendo dal presupposto che l agriturismo in provincia di Firenze ha già un suo posizionamento, agli operatori è stato chiesto di indicare quali altri elementi potrebbero essere utilizzati per rilanciare l immagine in un eventuale campagna promozionale. Il risultato è stato un lungo elenco di suggerimenti, che per una migliore lettura sono stati aggregati, in ordine di importanza, in macro-categorie. Qualità e tipicità dell offerta: il riferimento è rivolto all offerta enogastronomica dell area e delle aziende. Tuttavia, molta importanza è riservata anche all offerta culturale connessa alla ruralità dei luoghi e alle caratteristiche del paesaggio. Su questi aspetti i mercati più sensibili sono quello tedesco, svizzero, svedese e danese. Prezzi contenuti e rapporto qualità/prezzo dei servizi: in questo caso gli operatori esprimono un auspicio. Infatti, come vedremo successivamente le valutazioni che emergono sui prezzi applicati non sono di certo favorevoli. Oltre al contenimento dei prezzi di tutti i servizi del territorio, gli operatori chiedono una comunicazione basata sulla chiarezza delle tariffe applicate. Italiani e olandesi, ma anche nord-americani e tedeschi appaiono particolarmente sensibili a questo aspetto dell offerta. Servizi aggiuntivi di carattere tipicamente turistico: il riferimento è ad esempio alla piscina, a sistemazioni più lussuose, a centri benessere o ad altri servizi. Le segnalazioni provengono soprattutto dagli operatori olandesi. Vacanza all insegna di un sano stile di vita: le indicazioni degli operatori vertono sulla possibilità di trascorrere una vacanza rilassante e benefica per il corpo, attraverso l attività fisica. I punti di forza sono la qualità della vita che il soggiorno può garantire al turista. L interesse per questi aspetti riguarda particolarmente il mercato tedesco. Vicinanza a Firenze e accessibilità all area: è ribadita l importanza di Firenze anche a fini promozionali. Inoltre, un operatore olandese focalizza l attenzione anche sull accessibilità all area, che secondo la sua esperienza può rappresentare un valore aggiunto per l offerta agrituristica provinciale. Offerte mirate: le proposte mirate verso specifici target di domanda (soprattutto famiglie) potrebbero rappresentare una leva interessante del messaggio promozionale. 84

11 Strumenti e canali promozionali: in particolare, si fa riferimento a educational tour, a fiere e mostre di settore con operatori dell intermediazione turistica specializzati nel prodotto Italia e alle attività promozionali attuate dall Enit. Gli elementi portanti di un eventuale campagna promozionale Qualità e tipicità dell'offerta 15 Prezzi contenuti 7 Servizi aggiuntivi Stile di vita 5 5 Posizione e accessibilità Offerte mirate Canali promozionali L ultima informazione raccolta è sul giudizio in materia di prezzi da parte dei loro clienti. La valutazione complessiva è piuttosto critica. In 21 casi i prezzi risultano superiori alle aspettative dei clienti; in 13 casi sono risultati adeguati all offerta, mentre solamente un operatore giapponese ritiene che i suoi clienti considerano i prezzi bassi. Gli operatori che hanno espresso le valutazioni più negative sono gli italiani, mentre per i clienti degli operatori americani, olandesi e tedeschi i giudizi appaiono meno marcati. Risultano, invece, negative le segnalazioni dagli altri operatori intervistati. I giudizi dei clienti sui prezzi applicati Nazionalità molto elevati elevati Adeguati Bassi Italiana Usa/Canada 2 5 Olanda 2 2 Germania 1 3 Altro Totale

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita (maggio 2008) Codice Prodotto- OSPS10-R03-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING. Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING. Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche Dalla spesa del turista all analisi della filiera, l individuazione delle aree

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Esperienze di turismo in ambiente alpino Saint Marcel 12 13 giugno 2010 Luigi CORTESE LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Rete o sistema? Il concetto di rete è usato spesso

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

QUALITÀ DEL SISTEMA CAPRI & TOURIST SATISFACTION

QUALITÀ DEL SISTEMA CAPRI & TOURIST SATISFACTION Azienda Autonoma di Cura Soggiorno e Turismo dell Isola di Capri QUALITÀ DEL SISTEMA CAPRI & TOURIST SATISFACTION Rapporto di ricerca a cura di N. Carlo Lauro e Vincenzo Esposito Vinzi, Dipartimento di

Dettagli

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 La gestione del portale e la promozione on-line Nicola Grassetto Time2marketing Srl Bibione Online Cos è oggi Bibione.com Operatori presenti 5 Strutture open air

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO REPORT FINALE SULLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO Dipartimento Ambiente Settore Turismo Sostenibile e Parchi

Dettagli

inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI

inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI Artigiana Marmi S.r.l. Via L.Nobili, 9-61032 Rosciano di Fano (PU) tel. +39 0721.820216 - fax +39 0721.868497 info@artmarmi.it - www.artmarmi.it

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Esame di Stato 2015 Istituto Professionale - Settore servizi Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Articolazione

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio Nazionale del turismo INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE rapporto annuale Giugno 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente: Unioncamere per Osservatorio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA

31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA Art. 8 - Ulteriori indicazioni Art. 9 - Targa identificativa Si pubblica di seguito il testo del regolamento emanato con decreto

Dettagli

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio Regolamento per la concessione del marchio del Parco nazionale del Vesuvio Delibera del Consiglio direttivo 26 maggio 1998, n. 54 Ai sensi del D.P.R. 5 giugno 1995, istitutivo del Parco nazionale del Vesuvio,

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Indagine sul grado di soddisfazione del Servizio: Estate ragazzi/estate bambini. Presentazione dei risultati NOVEMBRE 2012

Indagine sul grado di soddisfazione del Servizio: Estate ragazzi/estate bambini. Presentazione dei risultati NOVEMBRE 2012 4.0 Ripartizione Servizi alla Comunità Locale 4.0 Abteilung für Dienste an die örtliche Gemeinschaft 4.4.2 Servizio Attività del Tempo Libero 4.4.2. Dienststelle für Freizeittätigkeiten Indagine sul grado

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia )

Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia ) Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia ) Hanno contribuito all elaborazione della ricerca: Elena Alessandrini,

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN)

GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN) GAL VALLI GESSO VERMENAGNA PESIO S.C. a R.L. sede legale: Piazza Regina Margherita, 27 ROBILANTE (CN) sede operativa: Via Piave, 25 PEVERAGNO (CN) PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER Programma di Sviluppo Locale

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli