Il termine parodonto indica l insieme

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il termine parodonto indica l insieme"

Transcript

1 RIASSUNTO La Parodontologia, negli ultimi trent anni, ha compiuto notevoli progressi; grazie ad innumerevoli studi di qualità, si è potuta approfondire la conoscenza della Malattia Parodontale (M.P.) e la sua risposta alle varie procedure terapeutiche. Tuttavia l indirizzo principe della terapia parodontale è rimasto sostanzialmente immodificato da alcuni decenni. Tale orientamento terapeutico fa desumere che la M.P. non riconosca altre cause oltre alla placca batterica e che l unica terapia consista nell eliminazione e prevenzione della placca, oltre che nel tentativo chirurgico di riparazione dei difetti procurati. Nel presente lavoro viene presa in esame la sintesi di una ampia Letteratura che depone per un modello etiologico che si discosta da quello da sempre riconosciuto centrato sull azione di micro-organismi quali, principalmente, Actinobacillus actinomycetemcomitans, Porphyromonas gingivalis e Prevotella intermedia. E notevole il peso patogenetico attribuito alla modificazione della risposta immunitaria dell ospite per l alterazione di sistemi quali Asse HPA e citochine in seguito a specifici stressori. Questi sistemi, che in Parodontologia vengono considerati solo come fattori di rischio, non sono usualmente affrontati e trattati, rimanendo relegati a meri elementi descrittivi della patologia. E pur vero che esiste l oggettiva impossibilità d azione, da parte dell Odontoiatria e della Medicina Accademica, in ambiti che competono alla Medicina di Regolazione in grado di ristabilire la corretta fisiologia dei sistemi come è per l Agopuntura e l Omotossicologia. L OMTIA (Omeomesoterapia in Agopuntura) sembra essere sempre più legittimata nei propri presupposti dalle acquisizioni scientifiche attuali e, di conseguenza, sempre più in linea con il modello emergente della Malattia Parodontale. PAROLE CHIAVE THERAPEUTICS PARODONTO- LOGIA, MALATTIA PARODONTALE, PLAC- CA BATTERICA, ASSE HPA, OMTIA SUMMARY: Periodontology has made significant progresses in the last 30 years; mainly thanks to the numberless quality trials, the knowledge of periodontal disease (P.D.) and its response to the different treatments applied have been deeply investigated. At the same time, however, the trend of P.D. treatment is unmodified. From this it is possible to deduce that P.D. hasn t other causes apart from bacterial plaque and that the sole therapy is to eliminate and prevent plaque settling besides the chirurgical attempt to repair deficiencies. In this paper, the synthesis of a large Litera- S. Bardaro IL MODELLO EMERGENTE DELLA MALATTIA PARODONTALE: L OMTIA SECONDO I NUOVI PARADIGMI THE EMERGENT PATTERN OF THE PERIODONTAL DISEASE: OMTIA ACCORDING TO NEW PARADIGMS Il termine parodonto indica l insieme anatomo-funzionale che circonda il dente e che riconosce, come ruolo principale, il sostegno e la stabilizzazione di quest ultimo. E costituito dalla gengiva, dal legamento alveolo-dentale (desmodonto), dall osso alveolare e dal cemento che ricopre la radice del dente (FIG. 1). Il parodonto è quindi la combinazione di diversi tessuti reciprocamente correlati per genesi di sviluppo, topografia e funzione. ture is considered; it gives evidence for an etiologic pattern different from the one recognized as fundamental and based upon microagents action such as Actinobacillus actinomycetemcomitans, Porphyromonas gingivalis and Prevotella intermedia. It is shown the substantial pathogenetic role of host immune response alteration caused by systems alteration, such as HPA Axis and cytokines changes subsequent to specific stressors. These elements, that in today s Periodontology are considered as risk factors, aren t usually faced up and treated being believed as simple elements describing the pathology. It is certainly true that an unbiased Si definisce Malattia Parodontale (M.P.) un complesso di patologie diverse costituite, fondamentalmente, da processi infiammatori di origine batterica a carico del parodonto. Tali patologie sono caratterizzate dalla migrazione in senso apicale dell attacco gengivale sulla superficie dentale, dal progressivo riassorbimento dell osso alveolare e da flogosi, più o meno evidente, dei tessuti gengivali (FIG. 2). In relazione ai tessuti interessati, la M.P. si distingue principalmente in gengivite e parodontite. Nella gengivite l infiammazione è limitata alla gengiva senza interessamento dell osso alveolare. La gengiva, impossibility of action does exist from the dentist and academic medicine point of view, in fields within the competence of the Regulating Medicine able to restore the correct physiology of systems (Acupuncture and Homotoxicology). OMTIA (Homeomesotherapy in Acupunture) appears to be more and more legitimated in its own assumptions by today s scientific acquisitions and, as a consequence, aligned with the emergent pattern of periodontal disease. KEY WORDS: PERIODONTOLOGY, PERI- ODONTAL DISEASE, BACTERIAL PLAQUE, HPA AXIS, OMTIA 25

2 Il parodonto comprende: 1) gengiva (G) ; 2) legamento parodontale o alveolo-dentale o desmodonto (PL); 3) cemento radicolare (RC); 4) osso alveolare (AP); 5) osso alveolare proprio (ABP), porzione dell osso alveolare che forma la sottile lamina di rivestimento dell alveolo, indice di salute del parodonto. da Lindhe J. Karring T., Lang N.P. Parodontologia Clinica e Odontoiatria Implantare. Edi-ermes Editore; IV Ed., Tomo 1, p. 3. in questi casi, sanguina ed è alterata per forma, struttura e colore (FIG. 3). Nella parodontite (periodontite) si determinano lesioni distruttive estese all osso ed alle fibre collagene del desmodonto, con conseguente caduta del dente. Si assiste a progressiva distruzione delle fibre gengivali e migrazione apicale dell epitelio giunzionale, seguita da interessamento della cresta ossea alveolare sino a perdita della funzionalità delle fibre parodontali apicali al solco gengivo-dentario e all approfondimento patologico di quest ultimo con formazione di tasca parodontale. In entrambe le forme, un ruolo fondamentale è rivestito dai batteri della placca sottogengivale che stimolano l insieme delle risposte (infiammatoria e spe- FIG. 2 Malattia Parodontale. da FIG. 1 cifica) del Sistema Immunitario, da cui dipendono gran parte dei meccanismi patogenetici. Conseguentemente la M.P., così come la carie, può essere considerata una malattia infettiva cronica. La Parodontologia, branca dell Odontoiatria che affronta le problematiche relative al parodonto, è una disciplina che forse più di altre soffre di pragmatismo e codificazione. Negli ultimi trent anni tale disciplina ha fatto notevoli progressi. Grazie soprattutto a innumerevoli studi di qualità, si è approfondita la conoscenza della M.P. e relativa risposta alle procedure terapeutiche dedicate. Sulla base di tali informazioni è stato stabilito un protocollo terapeutico, universalmente riconosciuto ed applicato, in cui è possibile individuare varie fasi e livelli: 1. Un primo livello, definito terapia iniziale, riguarda tutti i pazienti che si presentano alla visita. Consiste nella pulizia del bordo gengivale (deplaquing), nella lucidatura delle superfici dentali e nell informazione circa norme corrette di igiene orale. Questa fase può essere sufficiente in pazienti che presentino infiammazioni di lieve entità (gengiviti). 2. Nel caso ci si trovi di fronte a M.P. moderate o severe, segue la seconda fase che consiste nella pulizia più profonda, solitamente in anestesia locale, basata sulla levigatura delle superfici radicolari e rimozione del tartaro sottogengivale (root-planing e scaling). 3. Il terzo livello di intervento si attua dopo rivalutazione a distanza dei risultati ottenuti con la terapia iniziale. Consta soprattutto nell eliminazione per via chirurgica delle tasche e dei difetti ossei che non possono essere trattati con metodi conservativi (FIG. 4). Anche in questo caso si dispone di alcune soluzioni. Secondo le indicazioni, sarà possibile effettuare una terapia chirurgica rigenerativa, in grado di recuperare in tutto o in parte il tessuto distrutto dalla malattia, o una terapia chirurgica resettiva che tenda ad eliminare radicalmente le tasche ed i difetti presenti. 4. Il quarto livello di intervento è rappresentato dalla terapia di supporto o mantenimento. Questa fase è la più importante e delicata. La mancata adesione alle norme igieniche domiciliari e/o disattendere i controlli ed i trattamenti periodici (6, 4, 3 mesi) provocano ricorrenza della malattia con gravi conseguenze sul mantenimento degli elementi dentari. Conseguentemente, il protocollo terapeutico articolato in procedure non chirurgiche e chirurgiche (queste ultime di vario grado) è basato sull eliminazione meccanica della placca batterica allo scopo di rendere l igiene della bocca e dei denti facilmente mantenibile attraverso la semplice igiene domiciliare. In generale, obiettivo della terapia parodontale non chirurgica è quello di decontaminare i siti malati, favorendo i fenomeni di guarigione dei tessuti parodontali; per esempio la Full Mouth Disinfection è un approccio meccanicofarmacologico che si prefigge di decontaminare il sistema parodontale in 24 h associando alla rimozione meccanica della placca la somministrazione di Clorexidina +, spesso, farmaci tra cui Tetracicline, Metronidazolo, Minociclina, Doxiciclina, ecc. Questo trattamento, dopo un iniziale successo, oltre alla bassa compliance dei pazienti, produce esigui vantaggi rispetto alla metodica classica. La terapia parodontale chirurgica ha lo scopo di rendere i tessuti parodontali più facilmente detergibili e di riparare i danni causati dalla placca. 26

3 FIG. 3 Gengivite. Dall orientamento terapeutico è possibile desumere oggettivamente che la M.P. non riconosca altre cause oltre alla placca batterica (FIG. 5) e che l unica terapia consista nell eliminazione e prevenzione del suo deposito oltre che, naturalmente, nel tentativo chirurgico di riparazione dei difetti procurati. Siamo coscienti di vivere un epoca in cui la verità in Medicina passi attraverso le riviste scientifiche più accreditate. Dagli studi pubblicati scaturiscono le linee guida e si affermano i protocolli terapeutici; di fatto stabiliscono quale sia il corretto comportamento terapeutico. Il mondo accademico fa scuola e decide quale sia la giusta condotta a cui tutti gli specialisti, per convinzione o per obbligo, devono attenersi. Nell assoluta convinzione che tale stato di cose vada mantenuto e, necessariamente, rispettato e perpetuato ai fini del sapere medico, oltre che dell affidabilità e del rendimento dell atto terapeutico, analizziamo cosa emerge dalla Letteratura internazionale in campo parodontologico. Innanzitutto, la definizione ufficiale della causa della M.P. è più articolata e si individua nell aumento dei batteri anaerobi, uniti ad una sovraespressione dei meccanismi immunitari dell ospite (in alcuni testi viene usato il termine di: predisposizione o suscettibilità del paziente). Uno studio del 2003 (1) riporta che i microagenti patogeni della placca batterica, prevalentemente Gram -, non siano in grado di indurre lesioni tissutali: tali lesioni sono, infatti, conseguenza diretta dell infiammazione determinata dalla risposta immunitaria. Questo dato è noto da molti anni. Già nel 1981 (2), si è accertato che i batteri, pur fondamentali nell induzione della patologia, non sono gli unici agenti causali perché questa si sviluppi e progredisca poichè è necessario l intervento di fattori propri dell ospite (al tempo non meglio identificati). Nel corso degli anni tale aspetto è stato indagato e confermato da ulteriori ricerche, tanto che è attualmente appurato che la risposta dell ospite è la vera responsabile del processo patologico. Ai microrganismi della placca compete solo il ruolo di indicatori (3). Per esempio, in relazione al Porphyromonas gingivalis, uno dei batteri ritenuti maggiormente responsabili dell innesco della M.P., è stato individuato un antigene immunodominante, diverso dai comuni e ben conosciu- ti lipopolisaccaridi, che elicita una risposta linfocitaria specifica che non si verifica in pazienti resistenti alla parodontite (4). Inoltre, il 96,9% dei pazienti affetti da parodontite presenta un titolo anticorpale significativo verso Porphyromonas gingivalis, Actinobacillus actinomycetemcomitans e Prevotella intermedia. Tali agenti patogeni tuttavia sono stati ritrovati anche in individui sani che non presentano alcuna risposta anticorpale specifica (5). Questi risultati sembrano costituire un paradosso: coloro che sviluppano una risposta immunitaria, si ammalano? Coloro che senza anticorpi presentano solo i batteri, sono sani? La chiave di lettura risiede nella competenza immunitaria del paziente poichè questa è il vero fattore discriminante. L equazione: placca batterica + risposta immune = M.P. porta, anche alla luce di quanto sopra, a quella, del tutto inaspettata: placca batterica risposta immune = No M.P. che sottende come risultante, paradossale ma inappuntabile: placca batterica M.P. E bene sottolineare che per risposta immune non si indica in questa sede la fisiologica azione di difesa che l organismo mette in atto e che dovrebbe avere significato di protezione, ma una de- FIG. 4 Chirurgia Parodontale. A Parodonto sano con solco gengivale di minima profondità. B Parodonto malato con tasca parodontale (approfondimento patologico del solco), sanguinamento gengivale ed accumulo di placca e tartaro in sede sottogengivale. C Ripristino del solco gengivale normale e assenza di sanguinamento gengivale dopo Chirurgia Parodontale Resettiva. A B C 27

4 Correlazione dell indice di rischio di Malattia Parodontale con la concentrazione di germi fra cui principalmente Actinobacillus actinomycetemcomitans e Porphyromonas gingivalis. FIG. 5 Rappresentazione del Complesso CD4 + cellula T mentre lega la cellula presentante l antigene. FIG. 6 CD4 rale che si esplica con aumentata secrezione di cortisolo (FIG. 7), oltre che di altri neuro-immunomodulatori soppressivi. Il Sistema Immunitario, non potendo influenzare positivamente questa situazione deficitaria, deve ricorrere ad una parafunzione (la via Th2) lesiva (9). Pertanto, la dizione sovraespressione dei meccanismi immunitari andrebbe modificata in alterata espressione. Studi tra i più rilevanti per metodologia e dimensione del campione hanno dimostrato che la perdita di osso alveolare è in diretta correlazione con i livelli di cortisolo salivare e con gli stressori (10, 11). Tra gli stressori si includono anche quelli biologici (infezioni da microagenti). Questi, in una graduatoria dei fattori Antigene - cellula di presentazione CD4 + cellula T Molecola di istocompatibilità di classe II Peptide Recettore della cellula T viata reazione nociva perchè inappropriata. E in questo contesto che la competenza immunitaria assume significato in quanto è in base ad essa che si determina il tipo di reazione (6). L organismo normalmente reagisce con una risposta CD4+Th1 (FIG. 6) attivante l immunità cellulare protettiva per il parodonto mentre, in questi casi, l attività è di tipo CD4+Th2 che, avviando l immunità di tipo umorale, amplifica la risposta citochinica locale determinando il periodontal breakdown (7). Il dirottamento da Th1 a Th2 consegue ad un aumento cronico del cortisolo circolante dovuto primariamente a stress negativi (distress) prolungati (8). Tali stressori agiscono a livello dell asse HPA (Ipotalamo-Ipofisi- Surrene) alterandone l attività bio-umoche maggiormente alterano l asse HPA, sono alquanto retroposti. Gli stressori maggiormente responsabili sono quelli psicosociali o estrinseci (lutti, disoccupazione, separazioni, ecc.) (12) e quelli intrapsichici o intrinseci (conflitti endogeni, paure, ecc.) (13). Solo dopo depressione cronica, forti emozioni negative, alcolismo, bulimia e anoressia nervose, alterazioni dell insulinemia e dolore cronico, si collocano i batteri Gram - (14) che accentrano, in maniera del tutto inattesa, quasi tutta l attenzione delle procedure terapeutiche della parodontologia odierna. Sembra che anche il ricordo di episodi stressanti, pur lontanissimi nel tempo quali quelli neonatali, condizionino la salute del parodonto in età adulta; infatti, poiché il comportamento materno è fondamentale per la programmazione dell asse HPA nella prole, le esperienze infantili che provocano iperattivazione dell asse HPA aumenterebbero la predisposizione alle patologie parodontali (15). Studi su ratti indicano che la separazione materna nella prima fase postnatale può aumentare la gravità della parodontopatia in età adulta. L Ippocampo è la struttura cerebrale coinvolta nei processi di apprendimento e memorizzazione. Tale struttura interviene nella regolazione dell asse HPA e del Sistema Nervoso Autonomo, anche in risposta a stimoli infettivi, attraverso la produzione di ormoni immunomodulanti. Ciò ha importanza critica nella suscettibilità agli agenti patogeni, compresa la parodontite. E stato osservato che, nelle suddette evenienze, l iperattività dell Ippocampo favorisce la progressione della parodontite (16). Anche la componente ormonale femminile è stata ampiamente studiata. Esiste potenziale relazione tra parodontite e modificazioni ormonali nella donna, con particolare riferimento a pubertà, gravidanza e menopausa (17, 18, 19). E accertato che nelle condizioni di iperestrogenismo, anche dovute a supplementazione di ormoni a scopo anticoncezionale o terapeutico 28

5 (20), si instauri deficit immunitario con conseguente prevalenza della risposta Th2 (21). I topic riportati rappresentano solo una succinta sintesi di una vastissima Letteratura specifica sebbene, in contrasto con l enorme valore critico dell argomento, l indirizzo della terapia parodontale sia immodificato da oltre 30 anni. Sorge il dubbio che la ricerca considerata, quella del mondo accademico, su cui si costruiscono i protocolli terapeutici e le lezioni universitarie, riguardi solo l affinamento di metodiche e di tecnologie in un ambito stabilito che si basa unicamente su un certo tipo di pensiero che, oltretutto, sembra essere ben poco emendabile. Questo prodotto dell establishment scientifico trova verosimilmente radici stabilizzanti e di difficile estirpazione in convenzioni riduzionistiche e meccanicistiche, di stampo positivista, quali quella per cui l Odontoiatria deve comunque considerare solo ciò che sta in bocca, o quella per cui il primum movens patogenetico è sempre qualcosa distinto da noi, il batterio. Ci si dimentica, in tal modo, dell insegnamento Leonardiano secondo cui la specializzazione si allontana dalla conoscenza quanto più perde di vista l insieme privilegiando le teorie Kochiane e Pasteuriane, valide più nell eccezione che nella regola, in cui la determinanza e centralità del batterio sono state ridimensionate da molti Autori. Questo può ragionevolmente spiegare perché, nonostante i molti protocolli rigidi e ricercati, a tutt oggi non esista una sola forma di M.P. realmente guarita (22, 23). Solo questo può fornire risposta al perché, con estremo vigore e pragmatismo, si continui a procedere secondo una certa impostazione terapeutica benché tutte le verifiche (24, 25, 26, 27), anche confrontando le fasi ed i livelli specifici di approccio chirurgico o meno alle varie forme di patologia più o meno severa, evidenzino effetti parziali, transitori e sovrapponibili a breve distanza di tempo (28, 29, 30). E ancora, solo questo può chiarirci perchè, a tutt oggi, lo stress sia considerato solo un ulteriore fattore di rischio, Stress Ipotalamo Cortisolo (Glucocorticoide) CRH : Corticotropin Releasing Hormone (Ormone di liberazione della Corticotropina) ACTH: Adrenocorticotropin (Corticotropina) molto poco delineato nei contorni e nelle modalità d azione in parodontologia pratica, a cui si ricorre solo per fornire una pseudo-spiegazione o giustificazione alle recidive, alle parodontiti c.d. refrattarie..., alle guarigioni spontanee, senza interventi sulla placca. TAB. 1 AADRB, Asse HPA - Cortisolo Ipofisi anteriore CRH Corteccia surrenale ACTH FIG. 7 Stress, Asse HPA, Cortisolo. Inoltre, la scarsa considerazione per certe buone argomentazioni trova una chiave di lettura nell innegabile impossibilità, da parte della medicina accademica, di agire adeguatamente su questi versanti del complesso etiologico. La terapia d organo allopatica è, infat- Gravi reazioni avverse degli inibitori del TNF-alfa Australian Adverse Drug Reactions Bullettin, 2006 Infliximab (Remicade), Etanercept (Enbrel), Adalimumab (Humira) reazioni di ipersensibilità immediata o ritardata gravi infezioni, sepsi recrudescenza di tubercolosi e di altre malattie granulomatose riattivazione di epatite B insorgenza di tumori (tra cui linfomi) reazioni ematologiche (pancitopenia ed anemia aplastica) autoimmunità (es. lupus farmaco-indotto) reazioni al Sistema Nervoso Centrale (tra cui malattie demielinizzanti e convulsioni) insufficienza cardiaca di nuova insorgenza o peggioramento dell insufficienza cardiaca pregressa. ADRAC: 319 segnalazioni dal I più gravi: melanoma maligno (3), linfoma (5), tubercolosi (4), polmonite o infezione del tratto respiratorio inferiore (23), sepsi (10), lupus o sindrome lupus-simile (22), anafilassi (9). Il rischio neoplastico non è diverso dal placebo con i bassi dosaggi degli inibitori del TNF-alfa, ma superiore di 60 volte con gli alti dosaggi. 29

6 TAB. 2 OMTIA standardizzata inserita nel protocollo AMNCO Trial OMTIA OMTIA: TECNICA BASE Cocktail di base: Arnica comp.-heel Echinacea compositum S Parodontium compositum Strumenti e Metodo: Aghi 13 mm 30G Proiezione degli Agopunti all interno del cavo orale Iniezione di 0,5 ml di cocktail per punto Due sedute/settimana Punti di Agopuntura: ARCATA DENTALE SUPERIORE: 26 VG, 20 GI, 3 St, 18 IT, 7 St ARCATA DENTALE INFERIORE: 24 VC, 4 St, 5 St, 6 St ti, improponibile poichè sostitutiva e repressiva; provoca una serie di problemi che vanno dagli effetti collaterali dopo somministrazione ormonale, all azione sull'equilibrio omeostatico della ghiandola che, a fronte dell'apporto esogeno, non secerne più l ormone inducendo atrofia tissutale. Impossibile, per gli stessi motivi, anche agire a livello degli specifici ormoni neuro-immunomodulatori e delle citochine (TAB. 1). Si necessita di una terapia di modulazione-regolazione che non rientra nelle potenzialità della medicina allopatica (31). Sono pubblicati lavori, condotti mediante studi controllati, sull azione dell Agopuntura nell infiammazione e nel riassorbimento osseo; l Agopuntura agisce sulle citochine proinfiammatorie (32, 33) inibendone la produzione a livello ipotalamico e modulandone l azione a livello locale e sugli osteoclasti mielogeni (cellule osteodistruttive), riducendone la formazione (34). L Omeopatia opera su questi sistemi in maniera mirata, efficace e senza effetti indesiderati (35, 36, 37) in quanto, oltre a tutte le peculiarità d azione, si basa sugli stessi principi fondamentali che governano i sistemi di regolazione fra cui, in primis, quello delle citochine stesse. L Omotossicologia permette di intervenire a vari livelli sulle ghiandole endocrine sia attraverso un'azione di stimolo che di soppressione usando in maniera differenziata le alte o basse diluizioni di preparati organoterapici (38). Alcune formulazioni che prevedono l'associazione di diverse diluizioni sono ideali per riequilibrare globalmente una ghiandola sofferente. Grazie a questi presupposti, riferiti sommariamente in questa sede, l Associazione per Medicine Non Convenzionali in Odontoiatria (AMNCO) sta conducendo, in collaborazione con l Università di Verona e l Università Tor Vergata di Roma, uno studio multicen- FIG. 8 Esecuzione intraoperatoria dell OMTIA in alcuni punti dell arcata dentale superiore ed inferiore. 30

7 FIG. 9 Tre casi (prima e dopo) trattati con OMTIA. Si noti l ottimale neoformazione dell osso trico controllato di cui ho curato l oggetto, il protocollo e la raccolta dati, sulla prevenzione ed il trattamento della M.P. mediante OMTIA (39, 40), metodica combinata che prevede l impiego dell Agopuntura e dell Omotossicologia, confrontata e integrata con la terapia classica (TAB. 2) (FIGG. 8, 9). I risultati preliminari, di prossima pubblicazione, sembrano essere positivi ed incoraggianti. Concludendo, in questo lavoro non si vuole annullare il ruolo svolto dalla componente batterica in seno all etiopatogenesi della M.P., né ridimensionare la Parodontologia accademica, le cui conoscenze e meriti sono indubbi, bensì, basandosi su oggettività scientifiche, evidenziare quanto i concetti derivanti da culture mediche diverse, possano essere utili anche alla medicina accademica per affrancarsi da parossismi positivistici che trovano sempre meno razionale nelle acquisizioni della ricerca di base. La medicina è scienza e in quanto tale non può essere preconcetta e monooculare. Soprattutto, nell interesse del paziente e della conoscenza, deve poter prevedere anche l accostamento di diversi saperi della salute con l obiettivo di prospetto di una medicina unica; in tal modo si possono acquisire approcci diagnostici e schemi terapeutici altri che vanno ad arricchire e rinnovare quelli di cui già si dispone, aprendo orizzonti più ampi verso la guarigione. 31

8 Bibliografia 1. Van Dike T.E., Serhan C.N. Resolution of inflammation: a new paradigm for the pathogenesis of periodontal diseases. J Dent Res; 2003 Feb. 82(2): Page R., Schroeder H. Current status of the host response in chronic marginal periodontitis. J. Periodont.; : Greenstein G., Lamster I. Cambiamento dei modelli parodontali: implicazioni terapeutiche. Int. Jour. of period. and rest. dent.; 2003 Mar. 4(3): Kawai T. et Al. A novel approach in adult periodontitis: an immunodominant antigen of Porphyromonas gingivalis. Clin Diagn Lab Immunol; 1998 Jan. 5(1): Zafiropoulos G.G. et Al. Humoral antibody responses in periodontal disease. J Periodontal; 1992 Feb. 63(2): Houri Haddad Y. et Al. The effects of chronic emotional stress on the humoral immune response to Porphyromonas gingivalis in mice. J Periodontal Res; 2003 Apr. 38(2): Fleshner M., Watkins L.R., Lockwood L.L. et Al. Specific changes in lymphocyte subpopulations: a potential mechanism for stress-inducedimmunomodulation. J Neuroimmunol; (2): Pruett S.B. Quantitative aspects of stress-induced immunomodulation. Int Immunofarmacol; (3): Vettore M.V., Leao A.T., Monteiro da Silva A.M. et Al. The relationship of stress and anxiety with cronic periodontitis. J Periodontol; (5): Genco R.J., Ho A.W., Kopman J. et Al. Models to evaluate the role of stress In periodontal disease. Ann Periodontol; (1): Genco R.J., Ho A.W., Grossi S.G. et Al. Relationship of stress, distress and inadequate coping behaviours to periodontal disease. J Periodontol; (7): Croucher R., Marcenes W.S., Torres M.C. et Al. The relationship between life-events and periodontitis. A case control study. J Clin Periodontol; (1): Hugoson A., Ljungquist B., Breivik T. The relationship of some negative events and psychological factors to periodontal disease in an adult Swedish population 50 to 80 years of age. J Clin Periodontol; : Ballieux R.E. Bidirectional communication between the brain and the immune system. Eur J Clin Invest; (suppl 1): 6-9. Review. 15. Wimmer G., Janda M., Wieselmann-Penkner K. et Al. Coping with stress: its influence on periodontal disease. J Periodontol; (11): Breivik T. et Al. The effects of hippocampal activity on experimental periodontitis in Wistar rats. J Periodontal Res; 2002 Oct. 37(5): Hugoson A. Gingival inflammation and female sex hormones. J Periodontol Res; 1970 Mar. 5(1): Loesche W. Subgingival microbial flora during pregnancy. J Periodontol Res; 1980 Jun. 87(15): Bardaro S. Gingivitis: Analysis and placement in the table of homotoxicosis. Int J Integ Med; 1999 Jan. 17(1): Krejci C.B., Bissada N.F. Women s health issues and their relationship to periodontitis. J Am Dent Assoc; 2002 Mar. 133(3): Champagne C.M. et Al. Periodontal medicine: Emerging concepts in pregnancy outcomes. J Int Acad Periodontol; 2000 Jan. 2(1): Rosling B., Serino G., Hellstrom M.-K. et Al. Longitudinal periodontal tissue alterations during supportive therapy. Findings from subjects with normal and high susceptibility to periodontal disease. J Clin Periodontol; : Kaldahl W.B., Kalkwarf K.L., Patil K.D. et Al. Long-term evaluation of periodontal therapy: II. Incidence of sites breaking down. J periodont; : Lindhe J., Westfwelt E., Nyman S. et Al. Long term effect of surgical/non surgical treatment of periodontal disease. J Clin Periodontol; : Isidor F., Karring T. Long term effect of surgical and non surgical periodontal treatment. A 5-year clinical study. J Period Res; : Kaldahl W.B., Kalkwarf K.L., Patil K.D. et Al. Long-term evaluation of periodontal therapy: I. Response to 4 therapeutic modalities. J periodont; : Serino G., Rosling B., Ramberg P. et Al. The effect of systemic antibiotics in the treatment of patients with recurrent periodontitis. J Clin Periodontol; in press. 28. Ramfjord S.P., Caffesse R.G., Morrison E.C. et Al. 4 modalities of periodontal treatment compared over 5 years. J Clin Periodontol; : Antczak-Bouckoms A.A., Joshipura K., Burdick E. et Al. Meta-analysis of surgical versus nonsurgical methods of treatment for periodontal disease. J Clin Periodontol; (4): Forabosco A., Galetti R., Spinato S. et Al. A comparative study of a surgical method and scaling and root planing using the Odontoson. J Clin Periodontol; : Bellavite P. Biodinamica: basi fisiopatologiche e tracce di metodo per una Medicina Integrata. Tecniche Nuove Ed., Milano; : Jeong H.J., Hong S.H., Nam Y.C., Yang H.S. et Al. The effect of acupuncture on proinflammatory cytokine production in patients with chronic headache: a preliminary report. Am J Clin Med.; (6): Kasahara T., Sato T., Guo S.Y., Liu Y., Asano K., Hisamitsu T. Enhancement of splenic interferon-gamma, interleukin-2, and NK cytotoxicity by S36 acupoint acupuncture in F344 rats. Jpn J Physiol.; 1997 Apr. 47(2): Liu X., Shen L., Wu M., Wu B., Gao L., Hu W., Zhang A. Effects of acupuncture on myelogenic osteoclastogenesis and IL-6 mrna expression. J Tradit Chin Med.; 2004 Jun. 24(2): Julian A.O. Traité de micro immunothérapie dynamisée. Tome 1 et 2. Ed. Librairie Le Francois; Hervieux L. La pratique de l immunothérapie a doses infinitésimales. Ed. Roger Jollois; Conforti S., Bertani S., Metelmann H., Chirumbolo S., Lussignoli S., Bellavite P. Experimental studies on the anti-inflammatory activity of a homeopathic preparation. Biomed Ther 15; Tetau M. Organoterapia: nuovi studi clinici. Ed IPSA; Bardaro S. Omeomesoterapia in agopuntura (OMTIA) nelle parodontopatie. Prima parte. La Med. Biol., 2003/ Bardaro S. Omeomesoterapia in agopuntura (OMTIA) nelle parodontopatie. Seconda parte. La Med. Biol., 2003/ Le Foto di Figg. 3, 8, 9 sono dell Autore. Riferimento bibliografico BARDARO S. Il modello emergente della Malattia Parodontale: l OMTIA secondo i nuovi paradigmi. La Med. Biol., 2008/1; Indirizzo dell Autore Dr. Salvatore Bardaro Odontoiatra, Protesista dentale Presidente AMNCO Docente A.I.O.T. Via Mar della Cina, 304 I Roma 32

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE E LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE ORALI IN ETA ADULTA.

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE E LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE ORALI IN ETA ADULTA. MINISTERO DELLA SALUTE LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE E LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE ORALI IN ETA ADULTA. DICEMBRE 2009 Linee guida nazionali per la promozione della salute

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli