Restricted Siemens AG 20XX All rights reserved.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Restricted Siemens AG 20XX All rights reserved."

Transcript

1 Restricted Siemens AG 20XX All rights reserved. siemens.com/answers

2 Page 2

3 I requisiti di legge per le macchine industriali, vincoli tecnici, legislativi o opportunità? Cosa comportano per i costruttori di macchine? I requisiti sull efficienza energetica dei motori? Page 3

4 Controlli doganali Al momento dell installazione, messa in servizio In caso di incidente Page 4

5 Esportare nel Nord America Cosa cambia per i quadri elettrici e le macchine industriali in USA e Canada Restricted Siemens AG 20XX All rights reserved. siemens.com/answers

6 AC&E Laboratorio Accreditato AC&E è RTL per USA e CANADA e anche per and Mercato EU Page 6

7 Il nuovo servizio che AC&E può dare sui quadri elettrici in BT e MT, e sugli impianti industriali Nel 2014 AC&E ha ottenuto l accreditamento per il servizio di Field Evaluation degli impianti industriali in Ordinary e Hazardous Location Page 7

8 AC&E può fornire support tecnico e certificazione per i seguenti standard (ma non solo ): SPE-1000, Model Code for the Field Evaluation; CSA C22.2 n 14, Industrial Control Equipment; CSA C22.1, CEC, Canadian electrical Code, NFPA70, National Electrical Code NFPA79, Industrial Machinery; UL508A, Industrial Control Panels UL/CSA , Medical Electrical Equipment UL73, Motor-operated Appliance; UL891, Switchboard Page 8

9 Il servizio di FIELD EVALUATION / SPECIAL INSPECTION 1. La vera scelta per la ottenere la piena conformità delle macchine e impianti industriali secondo gli standard NA e locali applicabili; 2. Efficace per rapidità di intervento e costi di certificazione; 3. L ispezione può essere fatta nel sito finale di installazione, o dal fabbricante in Italia prima della spedizione Page 9

10 Il servizio di FIELD EVALUATION / SPECIAL INSPECTION 4. Risolutiva in condizioni di emergenza: Macchina finita pronta per la spedizione; Macchina già installata nel sito finale di installazione 5. Copre anche component non certificati un-listed components speciali (elettromandrini, collettori rotanti, resistenze, schede elettroniche customized) Page 10

11 2015: FOCUS USA Page 11

12 2014 / 2015: Standard elettrici di riferimento per le macchine industriali: Standard di riferimento Nuova edizione* NFPA 70, National Electrical Code 2014 NFPA 70E, Electrical Safety in the Workplace 2015 NFPA 79, Industrial Machinery 2015 UL 508A, Industrial Control Panels 2013 *ATTENZIONE: verificare sempre il recepimento corretto nel sito finale di installazione delle macchine ed eventuali leggi locali che possono apportare «deviations or amendaments» alla legge federale! Page 12

13 Page 13

14 «Local law» State Local Law Note Minnesota Minnesota Electrical Act (rule 3801) Il quadro elettrico deve essere listato ed etichettato da NRTL Macchina industriale secondo art. 670 del NEC Vermont Vermont state Law Il quadro elettrico (electrical panel, entire assembly) deve essere certificato da ente NRTL oppure approvato North Carolina North Carolina Building Code Council AHJ non accetta il marchio CE e impone («enforce») certificazione con NRTL Elenco non esaustivo Page 14

15 Case history Case history Page 15 15

16 Case history Page 16 16

17 Case history Page 17 17

18 Case history Page 18 18

19 Case history Case history Page 19 19

20 Case history Page 20 20

21 Case history Page 21 21

22 Case history Page 22 22

23 Case history Page 23 23

24 FOCUS USA: Il quadro elettrico Ø BT: quadri automazione fino a 1000V! Field Evaluation secondo NEC e leggi locali con QPS Page 24

25 FOCUS USA: Il quadro elettrico Ø BT: quadri di potenza fino a 1000V! ü MCC; ü Switchgear; ü Panel Board; Field Evaluation secondo NEC e UL891 con QPS Page 25

26 Field Evaluation secondo NEC e UL891 con QPS Con la procedura di Field Evaluation è possibile certificare quadri elettrici di potenza: a) utilizzando anche sistema a barre auto-costruito; tale sistema a barre deve essere valutato secondo la norma UL891, si deve fornire una relazione tecnica di progettazione secondo la UL891; b) Non è necessario effettuare i test al corto-circuito se i rating elettrici del sistema a barre NON sono superiori a: A a 480V, oppure A a 600V, allora è sufficiente fornire una relazione di calcolo dettagliata per la corrente di cortociruito. c) Il valore massimo dichiarabile del sistema a barre può essere 42, 50, 65 o 100kA rms a seconda delle distanze minime tra le parti di opposta polarità e delle distanze massime dei supporti; Page 26

27 Field Evaluation secondo NEC e UL891 con QPS Con la procedura di Field Evaluation è possibile certificare quadri elettrici di potenza: High Pot (test di dielettrico, UL891): in base alla analisi potrebbero essere applicabili anche i seguenti test secondo la UL891 che a priori non si possono escludere: a) Strength test of insulating base and support, b) Temperature test, c) Bonding resistance test, d) Mold stress relief test, e) Impact and pressure test Observation windows, and f) Ground fault protection test Page 27

28 FOCUS USA: Il quadro elettrico Ø MT: quadri di potenza fino a 46kV! Field Evaluation secondo NEC e leggi locali con QPS Page 28

29 FOCUS USA: Le macchine industriali Ø Macchine industriali e impianti complessi (NFPA ) Field Evaluation secondo NEC, NFPA79 e leggi locali con QPS Page 29

30 La nuova NFPA «Major Changes» Ø Continua allineamento con la IEC (condizioni di arresto di emergenza e interruzione di emergenza in categoria 1 e categoria 0); Ø Arc Flash: obbligo da parte del costruttore della macchina del solo pittogramma di sicurezza; Ø Nuovi requisiti per il sezionamento di fonti di energia separate; Ø Confermato l uso dei cavi AWM come Special Cables ; Ø Nuovi fattori di declassamento per la portata dei cavi Page 30

31 Arc Flash Warning 2012 edition: 2015 edition: Page 31

32 Cavi e fattori correttivi Vengono modificati i fattori correttivi delle portate dei conduttori in base alla temperatura ambiente introducendo i cavi con isolamento a 60 C o 90 C. (Art ) IMPORTANTE! Vengono confermati i cavi AWM per Special Application Page 32

33 IMPORTANTE! Vengono confermati i cavi AWM per Special Application ATTENZIONE al CORRETTO UTILIZZO degli AWM Page 33

34 2015: FOCUS CANADA Page 34

35 Ogni provincia adotta il C.E.C. con «deviations» Page 35

36 Autority Having Jurisdiction Provincia Bri%sh Columbia Alberta Saskatchewan Manitoba Ontario Quebec New Brunswick Nova Sco%a Newfoundland and Labrador Prince Edward Island Yukon Northwest Territories Nunavut AHJ City of Vancouver Province of Alberta Sask Power Manitoba Hydro / City of Winnipeg ESA (Electrical Safety Authority) RdB (Regie du Baitement) Province of New Brunswick Nova Sco%a Power Province of Newfoundland and Labrador Prince Edward Island Authority Territory government (autorità locale) Territory government (autorità locale) Territory government (autorità locale) Page 36

37 CE MARK IS NOT RECOGNIZED IN CANADA Page 37

38 Standard Descrip4on Who makes the inspec4on? AHJ S Where is mandatory? 1 CSA C22.1 N.1 Canadian Electrical Code and CSA C22.2 n 14, Industrial Control Equipment Electrical installa%on code and safety standards for electrical equipment In all Canadian provinces and territories. 2 SPE- 1000, Model Code for the field evalua8on of electrical equipment Evalua%on of construc%on requirements, marking and tes%ng of electrical equipment. The SPE is a code that contains the guidelines to be followed by those who make the inspec%on to be able to give final approval of the equipment. ESA (Electrical Safety Authority) Ontario Bri%sh Columbia Manitoba Page 38

39 Standard 3 PHSR (Pre- start Health and Safety Review), Ontario Regula%on TSSA (Technical Standard and Safety Authority) (CSA B51, ASME Sect VIII Div. 1) Descrip4on For each new machinery or new plant or expansion of an exis%ng line, an assessment is made of all that concerns the safety of the machine or system to the operator (risk assessment). Body that regulates and approves the hydraulic and pneuma%c circuits (piping) pressure higher than 15 psi (1 bar) Who makes the inspec4on? Local Professional Engineering (PE). Registra%on of equipment by the same TSSA Where is mandatory? Ontario Quebec (being transposed) Ontario 5 CRN Registra%on (CSA B51, ASME Sect VIII Div. 1) The Canadian Registration Number (CRN) is a number issued by each province and territory of Canada for the design of a pressure vessel. The CRN identifies that the design has been accepted and registered in order to be used in that province or territory. The CRN is printed on any pressure vessel or fitting constructed on the basis of a registered design. Registra%on of equipment under pressure by the province or territory In all the provinces and territories of Canada Page 39

40 ONTARIO: Case history Page 40

41 Page 41

42 Page 42

43 Other safety Standard for the Industrial Machinery: CSA Z Safeguarding of Machinery CSA Z Industrial Robots and Robot Systems - General Safety Requirements CSA Z Control of hazardous energy - Lockout and other methods CSA Z Code for Power Press. Operation: Health, Safety, and Guarding. Requirements Page 43

44 2014 / 2015: Standard elettrici di riferimento per le macchine industriali: Standard references Last edition* C22.1, Canadian Electrical Code 2015 (from 01/01/2015) CSA Z462, Workplace electrical safety 2012 SPE-1000, Model Code for the Field Evaluation of electrical equipment CSA C22.2 n 286 Industrial Control Panels and Assemblies CSA C22.2 n 14 Industrial Control Equipment 2013 *ATTENZIONE: verificare sempre il recepimento corretto nel sito finale di installazione delle macchine ed eventuali leggi locali che possono apportare «deviations or amendaments» alla legge federale! Page 44

45 CSA C22.2 n 286 Industrial Control Panels and Assemblies La nuova norma canadese per i quadri elettrici!! In pubblicazione entro fine anno! Page 45

46 CSA C22.2 n 286 Industrial Control Panels and Assemblies La nuova norma canadese per i quadri elettrici!! In pubblicazione entro fine anno! Page 46

47 FOCUS Canada: Il quadro elettrico STANDARD Ø BT: quadri automazione fino a 1500V! Ø BT: quadri di potenza fino a 1000V! ü MCC; ü Switchgear; ü Panel Board; MT: quadri di potenza fino a 46kV! CEC, CSA C22.2 n 14, SPE-1000, CSA C22.2 n 286 CEC, CSA C22.2 n 286, SPE-1000 CEC, SPE-1000 Page 47 Field Evaluation con QPS

48 FOCUS Canada: le macchine industriali STANDARD Ø Macchine e impianti complessi CEC, CSA C22.2 n 14, SPE-1000, CSA C22.2 n 286 Field Evaluation con QPS Page 48

49 Francesco Corraini A.C.&E. S.r.l Via Del Perlar 37/a Verona Page 49

50 Esportare in Brasile Restricted Siemens AG 20XX All rights reserved. siemens.com/answers

51 Rua Abelardo Benedicto Libório, 951 Uninorte CEP Piracicaba. SP. Brasil Tel. +55 (19) Page 51

52 Page 52

53 !0%01&' 2'-34'5/(*6'2'7/!)-+'2 $%($)*+,(/-!''&''&$.& Servizi erogati FABBRICANTI STRANIERI E IMPORTATORI 8!/-!''!#!$%!"! FABBRICANTI BRASILIANI DATORI DI LAVORO '&$.-$&&/-$. '!$".!"#!$%&"' %($)*+,-$ '&$.-$&&/-$. '!$".!"#!$%&"' %($)*+,-$ Page '!%&'#!"#!$%&"'%($)*+,-$.'!$"'&$.-$&&/-$.'/*

54 2 - QUADRO NORMATIVO E I FALSI MITI Page 54

55 CLT - Consolidacao das Leis do Trabalho Legge 6.514/1977 Sez. XI Macchine ed equipaggiamenti è vietata la fabbricazione, l importazione, la commercializzazione, la vendita all asta, il leasing, la cessione a qualsiasi titolo, l esposizione e l utilizzazione di macchine e di attrezzature che non siano conformi alla presente Norma. Restricted Siemens AG 20XX All rights reserved. siemens.com/answers

56 NORMAS REGULAMENTADORAS NR - NORMAS REGULAMENTADORAS VIGENTES NR-01 Disposições Gerais NR-02 Inspeção Prévia NR-03 Embargo ou Interdição NR-04 Serviços Especializados em Engenharia de Segurança e em Medicina do Trabalho NR-05 Comissão Interna de Prevenção de Acidentes NR-06 Equipamentos de Proteção Individual - EPI NR-07 Programas de Controle Médico de Saúde Ocupacional - PCMSO NR-08 Edificações NR-09 Programas de Prevenção de Riscos Ambientais NR-10 Segurança em Instalações e Serviços em Eletricidade NR-11 Transporte, Movimentação, Armazenagem e Manuseio de Materiais NR-12 Segurança no Trabalho em Máquinas e Equipamentos NR-13 Caldeiras, Vasos de Pressão e Tubulações Page 56

57 NORMAS REGULAMENTADORAS NR - NORMAS REGULAMENTADORAS VIGENTES NR-14 Fornos NR-15 Atividades e Operações Insalubres NR-16 Atividades e Operações Perigosas NR-17 Ergonomia NR-18 Condições e Meio Ambiente de Trabalho na Indústria da Construção NR-19 Explosivos NR-20 Segurança e Saúde no Trabalho com Inflamáveis e Combustíveis NR-21 Trabalho a Céu Aberto NR-22 Segurança e Saúde Ocupacional na Mineração NR-23 Proteção Contra Incêndios NR-24 Condições Sanitárias e de Conforto nos Locais de Trabalho NR-25 Resíduos Industriais NR-26 Sinalização de Segurança Page 57

58 NORMAS REGULAMENTADORAS NR - NORMAS REGULAMENTADORAS VIGENTES NR-27 Registro Profissional do Técnico de Segurança do Trabalho no MTB NR-28 Fiscalização e Penalidades NR-29 Norma Regulamentadora de Segurança e Saúde no Trabalho Portuário NR-30 Norma Regulamentadora de Segurança e Saúde no Trabalho Aquaviário NR-31 Norma Regulamentadora de Segurança e Saúde no Trabalho na Agricultura, Pecuária Silvicultura, Exploração Florestal e Aqüicultura NR-32 Segurança e Saúde no Trabalho em Estabelecimentos de Saúde NR-33 Segurança e Saúde no Trabalho em Espaços Confinados NR-34 Condições e Meio Ambiente de Trabalho na Indústria da Construção e Reparação Naval NR-35 Trabalho em Altura NR-36 Segurança e Saúde no Trabalho em Empresas de Abate e Processamento de Carnes e Derivados Page 58

59 Circa i costruttori di macchine, oltre alla NR 12- Máquinas e Equipamentos segnaliamo: NR 6 dispositivi di protezione individuale NR 10 aspetti elettrici NR 12 Macchine ed equipaggiamenti NR 13 recipienti in pressione NR 17 ergonomia NR 26 segnali di sicurezza NR 33 lavori in spazi confinati NR 35 lavori in quota NR 28 - contiene il quadro sanzionatorio Page 59

60 Cosa prevede la NR 12 Entrata in vigore e applicabilità La prima edizione risale al 1978 Pubblicazione della nuova regolamentazione: 24/12/2010. Entrata in vigore Macchine nuove: a seconda degli articoli La maggior parte delle disposizioni da giugno 2012, alcune (poche) da giugno 2013 Macchine in uso: a seconda degli articoli La maggior parte delle disposizioni da giugno 2013 Page 60

61 LA NR-12 DETERMINA I REQUISITI DI SICUREZZA CHE DEVONO ESSERE RISPETTATI NELLA COSTRUZIONE DI MACCHINARI ED IMPLEMENTATI NELLE MACCHINE GIA ESISTENTI. STRUTTURA IBRIDA mix tra direttiva macchine e d.lgs. 81/2008 TUTELA DEL LAVORATORE e riguarda sia il datore di lavoro che il fabbricante di macchine Page 61

62 E un documento complesso che talvolta appare troppo generico (ad es. in merito ai rischi non tipicamente di natura meccanica) ed altre volte troppo dettagliato (quando riprende i contenuti tipici delle norme tecniche). In questo secondo caso l introduzione diretta delle soluzioni tecniche irrigidisce notevolmente la regolamentazione. Page 62

63 LA NR 12 È APPLICABILE SIA ALLE MACCHINE NUOVE CHE ALLE MACCHINE USATE. TRA LE PROPOSTE DI REVISIONE di ABIMAQ: - Separare le disposizioni che riguardano gli obblighi dei fabbricanti da quelle che riguardano i datori di lavoro (ES. DIRETTIVA MACCHINE / TUSL) - Fare un appendice ad hoc per le macchine USATE Page 63

64 Verifiche in dogana, sorveglianza del mercato? I responsabili brasiliani hanno comunicato che i controlli sono prevalentemente effettuati, SOLITAMENTE, a seguito di infortuni, essendo pochi gli ispettori disponibili. L orientamento sarebbe quello di attuare controlli già in dogana, però ciò è fattibile solo per le macchine che devono essere provviste di marcature o dichiarazioni di conformità, il che significa, allo stato attuale, solo per le presse meccaniche eccentriche. Page 64

65 MESSA IN SERVIZIO. Attestazione, certificazione o marcatura? Che cosa devo fare? Restricted Siemens AG 20XX All rights reserved. siemens.com/answers

66 Solo un ente di certificazione, figura professionale prevista dalla NR 12, è in grado di attestare la conformità della macchina alla NR 12, NR 10, NR 17 in Brasile non è necessario porre in essere alcun adempimento per importare macchinari ed utilizzarli Page 66

67 PER IL COSTRUTTORE I sistemi di sicurezza devono essere selezionati e installati in modo da soddisfare i seguenti requisiti: a) avere la categoria di sicurezza conforme all analisi preliminare dei rischi prevista nelle vigenti norme tecniche ufficiali; b) essere sotto la responsabilità tecnica di un professionista legalmente qualificato; c) avere la conformità tecnica con il sistema di controllo cui sono integrati; d) essere installati in modo tale da non poter essere neutralizzati o aggirati; e) rimanere sotto sorveglianza automatica, ossia, monitoraggio, secondo la categoria di sicurezza richiesta, fatta eccezione per i dispositivi di sicurezza esclusivamente meccanici; f) permettere l arresto dei movimenti pericolosi e di altri rischi qualora si verifichino guasti o situazioni anomale di lavoro. PER I DATORI DI LAVORO Qualora la macchina non disponesse della documentazione tecnica richiesta, il suo proprietario deve procurarsela affidandosi alla responsabilità di un professionista legalmente qualificato e la documentazione deve riportare l Annotazione di Responsabilità Tecnica (ART) iscritto al CREA Page 67

68 PROFESSIONISTA LEGALMENTE QUALIFICATO Immissione sul mercato, messa in servizio e procedure di valutazione delle conformità. Ai sensi della NR 12 non è richiesta nessuna marcatura, nessuna dichiarazione o attestazione di conformità ai requisiti tecnici e/o legali della NR E però OBBLIGATORIA l individuazione di un professionista brasiliano legalmente qualificato iscritto al CREA che si assuma la responsabilità delle scelte tecniche di sicurezza adottate. Page 68

69 Secondo quanto previsto dal punto NR 12 Page 69

70 Page 70

71 ESEMPIO ART NR 12 Page 71

72 ART NR 17 Page 72

73 IL DATORE DI LAVORO DEVE AVERE UN INVENTARIO AGGIORNATO DEI MACCHINARI, CHE CONTENGA: - l identificazione del tipo di macchina - descrizione generale della macchina - report nr 12 - previsioni di adeguamento - layout (planimetria) ELABORATO DA UN PROFESSIONISTA QUALIFICATO O LEGALMENTE ABILITATO Page 73

74 FORMAZIONE La formazione deve: a. Essere effettuata prima che il dipendente assuma la sua funzione b. Essere realizzata da parte del datore di lavoro c. Avere una quantità di ore minime d. Avere un contenuto programmatico e. Essere impartita da lavoratori o professionisti qualificati a tale scopo, con supervisione di un professionista legalmente abilitato che si assuma la responsabilità per l adeguatezza dei contenuti, la forma, la quantità di ore, la qualificazione degli istruttori Page 74

75 La formazione sarà ritenuta valida per il datore di lavoro che la realizzerà nelle condizioni stabilite da un professionista legalmente abilitato responsabile della supervisione della formazione stessa.!! MOLTO IMPORTANTE LA REGOLAMENTAZIONE CONTRATTUALE DI QUESTO ASPETTO TRA FABBRICANTE E UTILIZZATORE Page 75

76 Page 76

77 PRINCIPAIS NORMAS DE SEGURANÇA NO BRASIL Normas tipo A Normas tipo B Normas tipo C NBR ISO Segurança de máquinas Princípios gerais de projeto Apreciação e Redução de riscos. Normas tipo B1 Aspectos gerais de segurança Normas tipo B2 Componentes utilizados na segurança NBR Transportadores contínuos - Requisitos de segurança para o projeto EN Segurança de máquinas Equipamento elétrico de máquinas Parte 1 Especificações para requisitos gerais. NBR Distâncias seguras para impedir acesso a zonas de perigo pelos membros superiores (EN 294) NBR Folgas mínimas para evitar esmagamento de partes do corpo humano (EN 349) NBR Equipamentos de parada de emergência, aspectos funcionais, princípios para projetos (EN 418) NBR NM 273 Dispositivos de intertravamento associados a proteções Princípios para projeto e seleção (EN 1088) NBR Cilindros de massas alimentícias - Requisitos v de segurança NBR Picadores de Carne - Requisitos de segurança v NBR Segurança de máquinas: Parte de sistemas de comando relacionadas à segurança, princípios gerais de projeto. (EN 954-1) NBR NM 272 Requisitos gerais para o projeto e construção de proteções (fixas e móveis) (pren 953) NBR Máquinas injetoras para plásticos e elastômeros. Requisitos técnicos v de segurança para o projeto, construção e utilização NBR Segurança em máquinas: Prevenção de partida inesperada (EN 1037) NBR Segurança em máquinas Dispositivos de comando bi-manuais Aspectos funcionais e princípios para projeto. (EN 574) NBR Prensas mecânicas - Requisitos de Segurança v NBR Distâncias seguras para impedir acesso a zonas de perigo pelos membros inferiores (pren 811) Page 77

78 SISTEMI DI SICUREZZA I sistemi di sicurezza devono essere selezionati e installati in modo da soddisfare i seguenti requisiti: a) avere la categoria di sicurezza conforme all analisi preliminare dei rischi prevista nelle vigenti norme tecniche ufficiali; b) essere sotto la responsabilità tecnica di un professionista legalmente qualificato; c) avere la conformità tecnica con il sistema di controllo cui sono integrati; d) essere installati in modo tale da non poter essere neutralizzati o aggirati; e) rimanere sotto sorveglianza automatica, ossia, monitoraggio, secondo la categoria di sicurezza richiesta, fatta eccezione per i dispositivi di sicurezza esclusivamente meccanici; f) permettere l arresto dei movimenti pericolosi e di altri rischi qualora si verifichino guasti o situazioni anomale di lavoro. Page 78

79 Alcuni principi fondamentali La progettazione della macchina deve soddisfare il principio di sicurezza intrinseca in caso di guasto Il circuito elettrico di comando d avviamento ed arresto di un motore elettrico delle macchine, deve avere almeno due contattori con contatti a guida forzata/positiva, collegati in serie, monitorati tramite interfaccia di sicurezza, oppure in conformità con gli standard stabiliti dalle norme tecniche nazionali esistenti o, in mancanza, da norme internazionali, qualora indicato dall'analisi del rischio, a seconda della gravità del danno e frequenza o durata dell'esposizione al rischio. Page 79

80 Page 80

81 Allegato IV Interruttori di sicurezza elettromeccanici: associati ad un componente di protezione usato per fermare il movimento di pericolo e mantenere la macchina spenta mentre la protezione o la porta sono aperte. Il loro funzionamento avviene attraverso il contatto fisico tra il corpo dell interruttore e l attuatore linguetta o per il contatto tra i suoi elementi - il corpo dell interruttore, come limite di sicurezza. Sono soggetti ad usura meccanica, dovendo essere utilizzati in modo ridondante, quando l'analisi del rischio cosi richiede per evitare che un guasto meccanico, come la rottura dell'attuatore all'interno dell interruttore porti al venir meno della condizione di sicurezza. Inoltre, deve essere controllato da un'interfaccia di sicurezza per il rilevamento di guasti elettrici e non deve consentire la sua manipolazione raggiro con mezzi semplici, come cacciaviti, chiodi, nastri, ecc. Deve essere installato utilizzando il principio d azione e di apertura obbligata, per assicurare l'interruzione del circuito elettrico di comando, mantenendo i suoi contatti normalmente chiusi - NF collegati rigidamente, quando la protezione è aperta Page 81

82 RIDONDANZA DIVERSITA Page 82

83 Page 83

84 Dispositivi arresto d emergenza I dispositivi di arresto di emergenza devono essere posizionati in zone di facile accesso e visualizzazione per gli operatori dalla loro postazione di lavoro e per altre persone presenti, e mantenuti liberi da ostruzioni. Page 84

85 Page 85

86 Devono essere adottati i seguenti colori di sicurezza dei macchinari e delle attrezzature, ad eccezione del caso in cui ci siano altre predisposizioni normative: a) giallo: 1. protezioni fisse e mobili - salvo quando i movimenti pericolosi sono chiusi nella loro carenatura o nella struttura della macchina o della attrezzature, oppure quando tecnicamente fattibile; 2. componenti meccanici di ritenzione, dispositivi e altri parti destinati alla sicurezza, e 3. gabbia delle scale, corrimani e sistemi di guardacorpo e zoccolino. b) blu: comunicazione di arresto e chiusura della sicurezza per manutenzione. Page 86

87 Page 87

88 Page 88

89 Page 89

90 Page 90

91 NONOSTANTE IL RICHIAMO A STANDARD INTERAZIONALI, IL RECEPIMENTO PUO VARIARE Page 91

92 Page 92

93 Page 93

94 Page 94

95 NR Per soddisfare le disposizioni del paragrafo 12.84, la forza esercitata nel percorso o circuito di sicurezza deve essere limitata a 150 N (centocinquanta Newton) e la pressione di contatto limitata a 50 N/ cm² (cinquanta Newton per centimetro quadrato) eccetto nei casi dove sono previsti altri valori nelle norme tecniche specifiche ufficialmente in vigore. Page 95

96 Serbatoi? NR-13 o Inmetro? Page 96

97 NBR Dicembre 2012 : Certificazione obbligatoria per motori direttamente collegati in rete ( senza inverter o drive) Page 97

98 Page 98

99 Esempio Targa Motore Page 99

100 Se la macchina risponde ai requisiti CE allora rispetta anche i requisiti della NR 12.. Page 100

101 MACCHINE EUROPEE TOP BLOCCATE IN BRASILE Page 101

102 tanto non ci sono tutti questi controlli sulla conformità delle macchine Page 102

103 SI APPLICA A TUTTE NE MACCHINE ESPOSTE IN FIERA Page 103

104 L IMPORTANZA DI UN BUON CONTRATTO DI VENDITA Brasile e NR12 Avv. Vania Vicentini Restricted Siemens AG 20XX All rights reserved. siemens.com/answers

105 ESEMPI DI CLAUSOLE CONTRATTUALI - "la macchina non risponde ad alcuna norma di sicurezza e il suo adeguamento a leggi e norme locali è a carico dell'acquirente - la macchina è conforme ai requisiti CE - Un contratto internazionale Page 105

106 Capire e definire i limiti di fornitura: la NR 12 si applica ai luoghi di lavoro quindi è nell interesse delle parti definire le rispettive competenze e l adempimento degli obblighi tra Committente e Cliente Page 106

107 Vendita di un macchinario a cliente brasiliano: - definire a priori tramite contratto i rispettivi obblighi relativi alla conformità, prima dell installazione della macchina: talune disposizioni addirittura richiedono un coordinamento al fine di ottemperare ai requisiti previsti. Pertanto la conformità alla NR 12 non può prescindere da un coordinamento tra il Committente ed il suo Cliente - Definire le modalità di accesso alle macchine, le operazioni di manutenzione, il layout dello stabilimento: aspetti molto critici Page 107

108 - definire in modo chiaro e puntuale le specifiche tecniche: con un contratto non chiaro si corre il rischio di doversi assumere i costi di adeguamento impianto, risarcimento danni in caso di contestazione della conformità es. per fermo produzione, etc - definire es. a chi spetta la nomina dell ing. CREA - Definire il layout della macchina in relazione al layout dello stabilimento - Regolamentare contrattualmente gli obblighi relativi alla formazione del personale per l uso della macchina Page 108

109 ESPORTARE MACCHINE nell Unione Doganale I nuovi Regolamenti Tecnici obbligatori in VIGORE DAL 15 FEBBRAIO 2013 Restricted Siemens AG 20XX All rights reserved. siemens.com/answers

110 TEMI TRATTATI 1 SCENARIO LEGISLATIVO 2 LE PRINCIPALI NOVITA Page 110

111 1- Scenario legislativo EAC Unione Doganale EAC - Periodo di transazione Sistema di certificazione nazionale Russia Bielorussia Kazakistan Gost R, Gost K, STB Gost R, Gost K, STB Periodo di transazione 15/02/ /03/2015 Page 111

112 Gli enti di certificazione oggi 09/09/2013 Chiusi 18 enti di certificazione Page 112

113 Regolamenti Tecnici dell unione doganale RT UD 004/2011 sulla sicurezza delle apparecchiature di bassa tensione; RT UD 010/2011 sulla sicurezza delle macchine e attrezzature RT UD 012/2011 sulla sicurezza della apparecchiature per atmosfere potenzialmente esplosive; RT UD 016/2011 sulla sicurezza delle apparecchiature funzionanti a combustibile gassoso; RT UD 020/2011 sulla compatibilità elettromagnetica (EMC). RT UD 032/2013 sulla sicurezza delle apparecchiature ad alta pressione (PED) Page 113

114 2- Principali novità - La figura del Rappresentante del Fabbricante: I fabbricanti stranieri non sono più gli unici intestatari dei certificati/ dichiarazioni di conformità necessari per l esportazione delle proprie macchine industriali in Russia Bielorussia e Kazakistan ma devono nominare un proprio Rappresentante di diritto Russo. NOVITA! - Procedura di certificazione EAC e dichiarazione di conformità EAC - Nuove regole per l esportazione delle macchine pericolose - armonizzazione delle norme tecniche dei singoli stati confluendo rilevantemente verso le normative europee ISO Page La fine dei certificati RTN, Permessi d USO

115 Chi può fare il Rappresentante del fabbricante? Importatore Cliente una società terza con propria sede ed autonomia di natura giuridica sul territorio russo che sia in grado di fare le veci del fabbricante straniero garantendo l ottemperamento da parte di quest ultimo alla normativa russa ed, al contempo, garantire la massima tutela e riservatezza dei dati di Know how dell azienda Page 115

116 Perché è nata la figura del mandatario? - Assistere il produttore nei rapporti con enti di certificazione e laboratori in fase di ottenimento dei certificati Detiene la documentazione tecnica relativa alla macchina pericolosa (ANCHE IL FASCICOLO TECNICO) - Risponde per quanto riguarda la conformità e la marcatura dei prodotti introdotti nell Unione Doganale OBIETTIVO della legislazione è di rendere più efficaci i controlli verso chi importa i prodotti potenzialmente pericolosi e dannosi Page 116

117 Procedure per l esportazione IMPORTAZIONE PRODOTTI NUOVI IMPORTAZIONE PRODOTTI USATI Soluzione originale SOLUZIONE N. 1 SOLUZIONE N. 2 SOLUZIONE N. 3 CERTIFICATO DI CONFORMITA / DICHIARAZIONE DI CONF. EAC SE IMPORTATI PER ESSERE RIVENDUTI E RICHIESTO IL CERTIFICATO DI CONFORMITA RT UD 010/2001 LETTERA DI ESENZIONE PER LA DOGANA In ottemperanza alla DECISIONE N. 294, ART. 5, COMMA A del 2011 CERTIFICAZIONE DI CONFORMITA NON RICHIESTA SE I PRODOTTI VENGONO IMPORTATI PER USO PROPRIO DELL IMPORTATORE E NON DESTINATE ALLA VENDITA, SE: 1) LA QUANTITA NON SUPERIORE A PEZZI N. 1 2) IMPORTATI NELL AMBITO DI UN UNICO CONTTATTO LETTERA DI ESENZIONE PER LA DOGANA COME MACCHINA USATA CERTIFICAZIONE NON RICHIESTA PER LE MACCHINE USATE, MESSE IN SERVIZIO PRIMA DELL ENTRATA IN VIGORE DEI RT UD 14 FEBBRAIO 2013 IN QUESTO CASO PU0 ESSERCI UNA CESSIONE DEL BENE A UNA TERZA PARTE Page 117

Excursus mondiale sulle normative e certificazioni inerenti le macchine e impianti

Excursus mondiale sulle normative e certificazioni inerenti le macchine e impianti Excursus mondiale sulle normative e certificazioni inerenti le macchine e impianti A.C. & E. S.r.l. Matteo Marconi A.C.&E. in the world USA New York ITALIA - Verona RUSSIA - Mosca BRASILE- Piracicaba

Dettagli

Safety day 2016. Sicurezza delle macchine e degli impianti. Ruoli e responsabilità di progettisti, costruttori e integratori di macchine: casi pratici

Safety day 2016. Sicurezza delle macchine e degli impianti. Ruoli e responsabilità di progettisti, costruttori e integratori di macchine: casi pratici Sicurezza delle macchine e degli impianti. Ruoli e responsabilità di progettisti, costruttori e integratori di macchine: casi pratici Safety day 2016 AC&E s.r.l. Avv. Vania Vicentini, Ing. Andrea Mazza

Dettagli

Termina il periodo di transizione per la certificazione della Unione doganale russa

Termina il periodo di transizione per la certificazione della Unione doganale russa Termina il periodo di transizione per la certificazione della Unione doganale russa Il 15 marzo 2015 ha rappresentato la data di passaggio effettivo dal regime certificativo a quello dichiarativo per la

Dettagli

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE. Inquadramento Generale, la Valutazione. dei Rischie il Fascicolo Tecnico

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE. Inquadramento Generale, la Valutazione. dei Rischie il Fascicolo Tecnico AZIENDA SPECIALE CISE Forlì 13 Ottobre 2010 La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE Inquadramento Generale, la Valutazione dei Rischie il Fascicolo Tecnico Ing. Enrico IPPOLITO 1 NUOVA DIRETTIVA MACCHINE

Dettagli

Machinery safety directives

Machinery safety directives Machinery safety directives General directives, national (Italy) Italian directives: D.Lgs. 81/2008, ha abrogato e sostituito, tra gli altri, il D.Lgs. 626/94. Direttiva macchine: Direttiva 98/37/CE recepita

Dettagli

IRIS International Railway Industry Standard

IRIS International Railway Industry Standard Italiano Appendice, 19 Giugno 2008 IRIS International Railway Industry Standard Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner

Dettagli

Sicurezza delle Macchine e marcatura CE

Sicurezza delle Macchine e marcatura CE Sicurezza delle Macchine e marcatura CE (direttiva 2006/42/CE) Reggio Emilia 16-23 - 29 Giugno 2015 Il corso affronta nel dettaglio e con taglio operativo, i principali standard (UNI, ISO, ecc) la cui

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS

Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS Adeguamento dei Prodotti per i mercati del CIS Milano 19 aprile 2011 1 Il mercato Il mercato della Federazione Russa e quelli dei paesi che costituiscono il CIS, da almeno 10 anni offrono ottime opportunità

Dettagli

LAGO DI GARDA 24 Ottobre 2013. MACCHINE ED IMPIANTI PER IL NORD AMERICA Novità sugli aspetti elettrici e meccanici. formazione

LAGO DI GARDA 24 Ottobre 2013. MACCHINE ED IMPIANTI PER IL NORD AMERICA Novità sugli aspetti elettrici e meccanici. formazione LAGO DI GARDA 24 Ottobre 2013 MACCHINE ED IMPIANTI PER IL NORD AMERICA Novità sugli aspetti elettrici e meccanici formazione PRESENTAZIONE Costruire un quadro elettrico, una macchina o un impianto destinati

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE Ing Lorenzo Peghin 1 LO SCOPO DELLE DIRETTIVE LO SCOPO DELLE DIRETTIVE CONSISTE NEL PERMETTERE LA LIBERA CIRCOLAZIONE IN EUROPA DIPRODOTTI CHE RISPETTINO

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA...

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... XIII XV GLOSSARIO... 1 ADDETTO Servizio Prevenzione e Protezione... 3 ADEMPIMENTO... 6 ADDESTRAMENTO... 8 AGENTI:... 9 Biologici... 9 Chimici... 9 Fisici... 10 Cancerogeni

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Cuneo, 8 Ottobre 2013 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Sviluppo della legislazione di prodotto

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

SPS Parma 22 Maggio 13

SPS Parma 22 Maggio 13 SPS Parma 22 Maggio 13 Sicurezza delle macchine: requisiti per l esportazione Relatori Ing. Zampieri, Marconi Per uso interno / Siemens AG 2012. All Rights Reserved. Russia Brasile USA Australia UE Molti

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 Dal 31 maggio 2001, gli impianti per cancelli automatici ad uso promiscuo (carrabile-pedonale)

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

COACERVO NORMATIVO. 1 Nel seguito si fa riferimento, per semplicità, ai cancelli, essendo

COACERVO NORMATIVO. 1 Nel seguito si fa riferimento, per semplicità, ai cancelli, essendo COACERVO RMATIVO CANCELLI MOTORIZZATI DIRETTIVE, MARCATURA, DICE, DICO E RESPONSABILITÀ Cancelli motorizzati. L installazione di cancelli e porte motorizzate è soggetta alle direttive europee (tra le quali

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on

1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on 1. Domanda di certificazione da riportare su carta intestata del fabbricante che richiede la certificazione / Certification request To report on LETTERHEAD PAPER of the applicant 2. Elenco documenti che

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 9 PER L INSTALLAZIONE DEI CANCELLI MOTORIZZATI A SCORRIMENTO VERTICALE DAL BASSO VERSO L ALTO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE

Dettagli

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO Installatore: GUIDA TAU PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN 12453, EN 12445 Con la

Dettagli

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine (Ordinanza relativa alle macchine, OMacch) del Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 e 16 capoverso 2 della legge federale del 19 marzo

Dettagli

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Torino 21-23 marzo 2006 ABAG SRL http:// www.abag.it 1 CONSIDERAZIONI GENERALI E DEFINIZIONI cos'è la marcatura ce chi ne va soggetto e quali direttive occorre

Dettagli

di impianti e macchinari sicuri

di impianti e macchinari sicuri La nuova direttiva macchine 2006/42/CE Un nuovo approccio metodologico alla progettazione e costruzione di impianti e macchinari sicuri 1 Recepimento e D.Lgs 27 gennaio 2010, n. 17-6 Marzo 2010: entrata

Dettagli

Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE. Traduzione italiana a cura di AssoAscensori

Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE. Traduzione italiana a cura di AssoAscensori Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE Traduzione italiana a cura di AssoAscensori Indice Introduzione................................................................. pag. 8 Preambolo

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. a cura di Norberto Canciani

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. a cura di Norberto Canciani TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE a cura di Norberto Canciani Capo I Uso delle attrezzature di lavoro Definizioni Aggiunte due nuove definizioni: Lavoratore

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

RK cover-7_copertina_7 08/09/10 12.50 Pagina 1. Differenze per il mercato canadese

RK cover-7_copertina_7 08/09/10 12.50 Pagina 1. Differenze per il mercato canadese RK cover-7_copertina_7 08/09/10 12.50 Pagina 1 7 Differenze per il mercato canadese FASCICOLO_7_INTERN_FASCICOLO_7_INTERNI 15/09/10 16.26 Pagina 1 Rockwell Automation ringrazia per la collaborazione i

Dettagli

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Con la presente pubblicazione

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete I dispositivi di interfaccia con la rete ENEL di distribuzione in bassa tensione devono essere sottoposti ad una procedura di approvazione.

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA

Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA LO STATO DELL ARTE NELLA GESTIONE DEI GAS MEDICALI IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dalla «Fabbricazione All accettazione» IDGM - SDEGA Durabilità e funzionalità Miglioramento normativo introduzione di nuovi

Dettagli

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO La marcatura CE UNI EN 1090-1. Il primo passo è il conseguimento dell Attestato di Denuncia Attività da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e l iscrizione

Dettagli

La nuova Unione Doganale

La nuova Unione Doganale SCHEDA CORCIULO La nuova Unione Doganale L Unione Doganale di Russia, Bielorussia e Kazakistan è uno spazio economico comune, creato nel 2010 ispirandosi all Unione Europea. Andamento export Italia verso

Dettagli

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager LA SICUREZZA DELLE MACCHINE Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager Le origini della Società CERMET è stato fondato nel 1985 per valorizzare l'immagine dell'azienda

Dettagli

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro 2.2 SICUREZZA generale delle macchine 2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro La principale normativa di riferimento per una corretta scelta e gestione delle macchine

Dettagli

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici.

L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. L importanza di una protezione antincendio certificata per gli archivi storici. Mario Mignacca Fire Engineering Manager impianti di spegnimento incendi 0 Estinzione incendi 150 anni fa. 1 Estinzione incendi

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO Installatore: GUIDA TAU PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN 12453, EN 12445 Con la presente

Dettagli

Il Punto di vista dell Organismo notificato

Il Punto di vista dell Organismo notificato Il Punto di vista dell Organismo notificato II Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici 17/19 Marzo 2008 - Villa Erba - Cernobbio Relatore: Gabriele Lualdi - Istituto di Ricerche e Collaudi M. Masini

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Rev 3.00 In conformità alla Direttiva Macchine 98/37/CE e alle parti applicabili delle norme EN 13241-1; EN 12453; EN 12445; EN 12635. 01/09/2007

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

D.Lgs. n 17 del 27/01/10

D.Lgs. n 17 del 27/01/10 D.Lgs. n 17 del 27/01/10 ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE, RELATIVA ALLE MACCHINE E CHE MODIFICA LA DIRETTIVA 95/16/CE RELATIVA AGLI ASCENSORI 1 SCOPO DIRETTIVA RIAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO. Catania, 25 febbraio 2012

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO. Catania, 25 febbraio 2012 LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO Catania, 25 febbraio 2012 LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO NEL QUADRO DEL DECRETO N. 81/08 Ing. Mario ALVINO

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5

SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5 SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5 Il presente documento è di proprietà intellettuale della società ENEL DISTRIBUZIONE S.p.A. ; ogni riproduzione o divulgazione dello stesso dovrà avvenire con la preventiva

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Scopo della tesi Questa tesi si propone di fornire una serie di procedure per l esecuzione IN SICUREZZA dei lavori elettrici,

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 25.11.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 310/29 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle

Dettagli

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine

Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine Ordinanza concernente la sicurezza delle macchine (Ordinanza sulle macchine, OMacch) 819.14 del 2 aprile 2008 (Stato 1 luglio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 4 della legge federale

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole. Lavori su impianti elettrici: le novità introdotte dalla IV edizione della norma CEI 11-27. Dr. Giuseppe Floriello

SEMINARIO. Le nuove regole. Lavori su impianti elettrici: le novità introdotte dalla IV edizione della norma CEI 11-27. Dr. Giuseppe Floriello SEMINARIO Le nuove regole Lavori su impianti elettrici: le novità introdotte dalla IV edizione della norma CEI 11-27 Dr. Giuseppe Floriello Segretario tecnico CEI ROMA, 11 MARZO 2014 1 Le novità della

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 6 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE SERRANDE E DEI PORTONI A SCORRIMENTO VERTICALE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI

Dettagli

"Frequenze e modalità di esecuzione dei controlli e della manutenzione. L'importanza del registro di controllo."

Frequenze e modalità di esecuzione dei controlli e della manutenzione. L'importanza del registro di controllo. Venerdì 02 ottobre 2015 - ore 14,00 GIS PIACENZA CONVEGNO La manutenzione e l aggiornamento dei requisiti di sicurezza: Indicazioni normative e obblighi giuridici. "Frequenze e modalità di esecuzione dei

Dettagli

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 RISCHIO ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 2 PANORAMA LEGISLATIVO NEL SETTORE ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 3 IMPIANTI E

Dettagli

GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME

GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 11 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE PEDONALI BATTENTI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME pren 12650-1* - pren 12650-2*

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli

Dettagli

GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME

GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 10 PER L INSTALLAZIONE DELLE PORTE PEDONALI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME pren 12650-1* - pren 12650-2*

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ (DEL FABBRICANTE)*

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ (DEL FABBRICANTE)* ISO 9001:2000 CROCI S.p.A. Via Emilia, 732 47032 Bertinoro (FC) ITALY Tel : (+39) 0543-448050 Fax : (+39) 0543-448229 E-Mail: info@croci.com http:// www.croci.com Cap.Soc. 4.000.000,00 i.v. C.C.I.A.A.

Dettagli

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010 Iscritto all'albo professionale del collegio dei Periti Industriali di PU al n 293 via Calamone, 1-61025 Montelabbate (PU) Tel. - Fax.: +39 0721 472036 Direttiva 89/106/CEE PRODOTTI DA COSTRUZIONE EN 14342:2005+A1:2008:

Dettagli

Automazione. sicurezza ed efficienza di sistemi, impianti e prodotti. TÜV Italia - Gruppo TÜV SÜD

Automazione. sicurezza ed efficienza di sistemi, impianti e prodotti. TÜV Italia - Gruppo TÜV SÜD Automazione sicurezza ed efficienza di sistemi, impianti e prodotti. TÜV Italia - Gruppo TÜV SÜD Il gruppo TÜV SÜD e TÜV Italia L impegno per la sicurezza nel rapporto uomomacchina e, più in generale,

Dettagli

LE REGOLE AEEG PER LA QUALITA DEL SERVIZIO E LE CONNESSIONI DELLE RETI

LE REGOLE AEEG PER LA QUALITA DEL SERVIZIO E LE CONNESSIONI DELLE RETI LE REGOLE AEEG PER LA QUALITA DEL SERVIZIO E LE CONNESSIONI DELLE RETI Stefano Ramponi AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Direzione vigilanza e controllo ROVERETO 23 maggio 2006 Autorità per l'energia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Rischio di atmosfera esplosiva e misuratori elettronici e meccanici di gas G4 in ambiente domestico

Rischio di atmosfera esplosiva e misuratori elettronici e meccanici di gas G4 in ambiente domestico Milano, 2 aprile 2013 Rischio di atmosfera esplosiva e misuratori elettronici e meccanici di gas G4 in ambiente domestico 1. Premessa 2. Norme cogenti e volontarie per l immissione di prodotti sul mercato

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

Esempio applicativo: Arresto d emergenza degli attuatori tramite pulsante d'emergenza. Siemens AG 2011. All Rights Reserved.

Esempio applicativo: Arresto d emergenza degli attuatori tramite pulsante d'emergenza. Siemens AG 2011. All Rights Reserved. Esempio applicativo: Arresto d emergenza degli attuatori tramite pulsante d'emergenza L aiuto di Siemens Cosa offre Siemens in supporto alla progettazione Supporto globale per l uso ottimale della Sicurezza

Dettagli

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione.

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione. INGEGNERIA CIVILE a cura di Ing. G. Andreani Ing. S. Bonomi Ing. R. Fioramonti Ing. G. Nalli commissione Ascensori e scale mobili visto da: Ing. M. Domenicucci REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17

DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17 DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17 attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori Ciardo Ing. Francesco Campo d'applicazione

Dettagli

Una Norma al mese. Rubrica di aggiornamento normativo. a cura di Antonello Greco

Una Norma al mese. Rubrica di aggiornamento normativo. a cura di Antonello Greco Una Norma al mese Rubrica di aggiornamento normativo a cura di Antonello Greco Questo mese vorrei parlarvi della Guida CEI 121-5:2015-07 dedicata alla normativa applicabile ai quadri elettrici di bassa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 5 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 OBBLIGHI DEL RICHIEDENTE...2 3.1 CONDIZIONI GENERALI... 2 3.2 CONDIZIONI DI SICUREZZA... 2 3.1 PRESENZA DI OSSERVATORI

Dettagli

Linee di interconnessione secondo le evoluzioni normative UNI - CEI

Linee di interconnessione secondo le evoluzioni normative UNI - CEI secondo le evoluzioni normative UNI - CEI Panorama normativo nei sistemi di rilevazione fumi ed EVAC Sistemi di rilevazione fumi rif. UNI 9795 : 2010* Sistemi EVAC rif. UNI ISO 7240-19* 1 UNI TC 72 Ing.Andrea

Dettagli

Le normative per esportare nel mondo

Le normative per esportare nel mondo Le normative per esportare nel mondo Il rispetto delle norme, sia globali, sia locali, sia di settore, è fondamentale per esportare senza sorprese macchine e impianti Per i costruttori di macchine e impianti

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi a pag. 3-11 II. Modulistica per la redazione del documento di valutazione

Dettagli

Titolo. Title. Sommario

Titolo. Title. Sommario Norma Italiana Data Pubblicazione Titolo Title Sommario Norma italiana Classificazione Edizione Nazionali Europei Internazionali Legislativi Legenda (IDT) - La Norma in oggetto è identica alle Norme indicate

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE

LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE Dott.ssa Marisa Testa Regulatory Affairs Specialist Bologna, 24 Maggio 2014 Exposanità Welcome Lounge Copyright 2014 1 Contenuti Informazioni

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 3 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN

Dettagli

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Seminario: Elementi strutturali in acciaio; I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Relatore: Ing. Filippo Lago Certification Product Manager Distretto Nord est RINA Services

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1 IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO Dal punto di consegna... 2 Il RISCHIO ELETTRICO è da intendersi come il rischio di infortunio CAUSATO da un impianto elettrico Il danno conseguente

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI BERGAMO, 20.12.2005 Relatore: dott. ing. Pier Alberto Frighi DIRETTIVE EUROPEE SETTORIALI Documenti promulgati dal Legislatore europeo per gamma di prodotti,

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 1 PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1,

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE La nuova direttiva macchine entrerà in vigore in tutta Europa il 29 dicembre del 2009. Le modifiche introdotte sono molteplici:

Dettagli