ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEOPODLO PIRELLI. Sede centrale: via Rocca di Papa, Roma. tel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEOPODLO PIRELLI. Sede centrale: via Rocca di Papa, 113 0179 Roma. tel. 0678398459 067842904."

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEOPODLO PIRELLI Sede centrale: via Rocca di Papa, Roma tel fax Test Center ECDL: tel CLASSE QUINTA SEZ C RAGIONIERI PROGRAMMATORI anno scolastico 2010/2011 Succursale: via Assisi, 44/ Roma tel fax

2 IL CONSIGLIO DI CLASSE DELLA VC RAG PROGR DIRIGENTE SCOLASTICO PROF.SSA FLAVIA DE VINCENZI RELIGIONE PROF. GUGLIELMO LORENZINI LINGUA ITAL./STORIA PROF.SSA ROSINA LIGUORI LINGUA INGLESE PROF.SSA RITA GATTI MATEMATICA PROF.SSA ROSSANA BENOTTI RAGIONERIA PROF.SSA M. TERESA BONUCCI TECNICA PROF.SSA M. A.NTONIETTA MASTRANTUONO DIRITTO/SC. FINANZE PROF. VINCENZO ODDI INFORMATICA PROF. ANTONIO MARTUCCI EDUCAZIONE FISICA PROF. LUIGI CEDRONE I.T.P. PROF.SSA EMANUELA DE MARCO I.T.P. PROF.SSA NADIA COSTANZI SOSTEGNO PROF.SSA FILOMENA CERBONE SOSTEGNO PROF. GIANLUCA PASQUALONI 2

3 Presentazione dell Istituto L'I.I.S. LEOPOLDO PIRELLI" nasce dalla aggregazione dell'i.t.g. "E. De Nicola" con l' I.T.C. "C. Levi" avvenuta nell'anno scolastico1997/98 e con il nuovo Liceo Linguistico Sperimentale, nato nell A.S. 2002/2003. L'Istituto, con sede centrale a Via Rocca di Papa n. 113, dispone anche di una succursale a via Assisi, fino al 1997 sede centrale della sezione commerciale, e ora sede anche del Liceo Linguistico. I suoi naturali bacini d'utenza sono il XVII (quartieri Appio - Tuscolano ) il XIV e il XVIII distretto (periferia sud-est della città : Torpignattara, Cinecittà, Cinecittà-Est, Morena, Capannelle, Statuario, Quarto Miglio, Borghesiana, ecc. ). La scuola è ubicata nel territorio del municipio IX che sta passando da semiperiferia a zona centrale, grazie alla posizione strategica che ricopre come ponte tra periferia e centro, e si caratterizza per la media condizione sociale, l alta vocazione imprenditoriale, la presenza di poli artigianali, una notevole concentrazione di terziario professionale. I settori con notevoli potenzialità di sviluppo sono il piccolo commercio, in corso di specializzazione con la vendita di prodotti di alta qualità o di nicchia, l artigianato che nella zona vanta un grande patrimonio professionale, il turismo grazie al ricco patrimonio archeologico e naturalistico. Sotto il profilo socio-economico il territorio municipale viene descritto come una zona di media condizione sociale, con la presenza di una forte percentuale di popolazione attiva (62,7%) e un tasso elevato di popolazione fluttuante per ragioni prevalentemente lavorative. L utenza della scuola non è legata solo al quartiere ma raccoglie studenti provenienti dai municipi vicini con una qualche percentuale di alunni pendolari. In crescita è anche il numero di alunni stranieri la cui componente è molto variegata e policentrica. La distribuzione degli immigrati sul territorio è diversamente ripartita; mediamente si raggiungono valori percentuali superiori al 10% della popolazione totale. L utenza è caratterizzata da un incastro di diversità socio-economiche e alcune situazioni di disagio di vario tipo; ciò impone un approccio pedagogico e didattico particolarmente attento alla dimensione transnazionale per far convivere positivamente le differenze sociali, culturali, linguistiche e religiose. Gli indirizzi attualmente attivi sono: Biennio I.G.E.A. Triennio Ragionieri programmatori; Biennio Sperimentale dell'autonomia dell'istruzione Tecnica (Ind. Commerciale); Liceo Linguistico Sperimentale per l Autonomia Triennio Sperimentale dell'autonomia dell'istruzione Tecnica (Ind. Commerciale); Geometri (con sperimentazione PNI per le discipline di matematica e fisica, in tutte le classi con prosecuzione della matematica fino al V anno; Biennio Sperimentale dell'autonomia dell'istruzione Tecnica (Ind. Geometri); Corso serale sperimentale SIRIO. Le sedi dell Istituto usufruiscono delle normali aule per le lezioni e dei seguenti spazi didattici: Biblioteche Palestre Laboratori di Informatica Laboratori di Chimica, Fisica e Scienze Laboratorio di Lingue Laboratorio Multimediale Aula Audiovisivi Sala di Progettazione Aula Conferenze L'Istituto è sede d'esami per il conseguimento della "Patente informatica europea" (ECDL) e centro di esperienze formative professionalizzanti. 3

4 SERVIZI OFFERTI Attività: Accoglienza Progetto G.I.O.C.O. Moduli di Orientamento e Riorientamento per il Biennio Orientamento allo Studio e al Lavoro Educazione alla Salute Corso di Italiano per Studenti Stranieri Stage linguistici Visite culturali e Lezioni differite Scambi culturali Attività Sportive Progetti di Educazione Finanziaria Progetto legalità Olimpiadi della matematica CERTIFICAZIONI E.C.D.L. LINGUE STRANIERE Attività integrative Invito al Cinema Laboratorio Teatrale Educazione Ambientale Gruppo sportivo Festa delle eccellenze Giornata della memoria-foibe Formazione ed intervento sul bullismo AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA Amministratore di condominio Organizzazione di Meeting e Convegni C.A.D. E.C.D.L. Lezioni differite professionalizzanti Stage nel corso dell anno scolastico e nel periodo estivo 4

5 PROFILO D INDIRIZZO Il ragioniere specializzato in informatica, deve saper assolvere i compiti specifici del ragioniere, in un ottica orientata al trattamento automatico dei dati; egli deve perciò, conoscere i processi che caratterizzano la gestione aziendale, ma deve avere anche una buona padronanza degli strumenti e delle tecniche informatiche. E quindi fondamentale un approccio interdisciplinare ai problemi gestionali, in modo da evidenziare i collegamenti tra discipline affini e per sviluppare un atteggiamento di collaborazione progettuale, nell analisi e nella ricerca delle soluzioni; l allievo, infatti, deve saper lavorare individualmente, ma anche e soprattutto in gruppo, e deve essere in grado di comunicare e di trasmettere le sue conoscenze e gli aspetti più rilevanti dei prodotti realizzati con il proprio lavoro. Egli, quindi, oltre a possedere una buona cultura generale, accompagnata da discrete capacità linguistico-espressive e logico-interpretative, deve avere conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale. La sua preparazione professionale può essere così schematizzata: CONOSCENZE 1 CAPACITA 2 COMPETENZE 3 Conosce i processi caratterizzanti la gestione aziendale sotto i profili : - Economico - Giuridico - Organizzativo - Contabile Conosce gli strumenti matematici e li usa nelle applicazioni; Conosce l informatica e progetta ed usa i programmi per le esigenze aziendali; Analizza situazioni e rappresentarle con modelli funzionali ai problemi da risolvere ed alle risorse disponibili; Opera per obiettivi e per progetti; Organizza il proprio lavoro con senso di responsabilità ed in modo autonomo; Individua strategie risolutive, ricercando le opportune informazioni; Valuta l efficacia delle soluzioni adottate ed individuare gli interventi necessari; Partecipa al lavoro organizzativo, individualmente o in gruppo accettando ed esercitando il coordinamento; Documenta adeguatamente il proprio lavoro, con linguaggio tecnico ed anche in lingua straniera; Affronta il cambiamento rivedendo le proprie conoscenze; Utilizza metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; Redige ed interpreta i documenti aziendali interagendo con il sistema di archiviazione; Coglie gli aspetti organizzativi delle funzioni aziendali e le procedure che le supportano; Colloca i fenomeni aziendali nella dinamica del sistema economico giuridico a livello nazionale ed internazionale; Interagisce in maniera appropriata con le componenti organizzative e strutturali del sistema azienda; Opera all interno del sistema informativo aziendale automatizzato per favorirne la gestione e svilupparne le modificazioni; Il profilo descritto è stato istituito nel 1981 per l indirizzo di Ragioniere, perito commerciale, programmatore. Sono passati molti anni da allora e l attività amministrativo-gestionale ed il trattamento automatico dei dati hanno subito molti e sostanziali cambiamenti, tali da richiedere un deciso adeguamento dell intervento formativo. In particolare si è passati dai grandi sistemi centralizzati per l elaborazione dei dati, alla enorme diffusione dei Personal computer ed allo sviluppo di una sempre più massiccia offerta di programmi applicativi e gestionali preconfezionati. Il ragioniere programmatore deve essere quindi, anche, in grado di padroneggiare il P.C., adattandosi al mutare delle tecnologie, di saper operare su programmi sviluppati da altri ed in un ambiente aperto, quale è quello delle reti. 1 Conoscenza: facoltà di ricordare, riconoscere o acquisire un contenuto, in forma sostanzialmente equivalente a quella nella quale esso è stato presentato originariamente. 2 Capacità: saper operare in un preciso contesto e in ambiti limitati; abilità nell esecuzione di compiti particolari e specifici. 3 Competenza: insieme di abilità e comportamenti direttamente osservabili; la capacità professionale richiesta per svolgere i compiti assegnati;. 5

6 LA CLASSE V C N COGNOME NOME DATA DI NASCITA LUOGO DI NASCITA 1 BASSETTA FRANCESCO 07/11/91 ROMA 2 CELSI ELISA 11/07/92 ROMA 3 CESARETTI CLAUDIO 20/11/92 ROMA 4 CICCARELLA LEONARDO 24/06/92 ROMA 5 D ANDRASSI GABRIELE 05/10/92 ANZIO 6 DE LUIGI DAVIDE 07/09/90 ROMA 7 DE MICHELI MARIA LUISA 19/02/92 ROMA 8 FAIELLA FARIZIO 08/07/91 L AQUILA 9 FORGETTA SIMONE 14/05/91 ROMA 10 FORINA MARA 23/08/91 ROMA 11 LETTERI MARCO 17/02/92 ROMA 12 LUISO PIER GIORGIO 04/09/92 VASTO 13 MA SIYUAN 04/02/92 ZHEJANG 14 PEDONE VALERIO 04/02/92 ROMA 15 RUZZINENTI LUCA 15/08/92 FRANCOFORTE SUL MENO 16 SALVUCCI LUIGI 15/03/91 ROMA 6

7 TESTI IN ADOZIONE E QUADRO ORARIO DISCIPLINA DOCENTE TESTI ADOTTATI ORE SETT N ORE ANN SVOLTE RELIGIONE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA GUGLIELMO LORENZINI ROSINA LIGUORI I VOLTI DELL ALTRO VOL II 1 STORIA DELLA LETTERATURA VOL III ZANICHELLI ARMELLINI COLOMBO STORIA LINGUA INGLESE MATEMATICA ROSINA LIGUORI RITA GATTI ROSSANA BENOTTI STORIA DI MILLE ANNI VOL.III SEI 2 TRAMILLO PANARELLI- PRANDI ONLINE FOR BUSINESS Students Book BENTINI DELMONT 3 LONGMAN MATEMATICA PER RAG. PROGR.- TRAMONTANA A. GAMBOTTO, MANZONE: 4 64** RAGIONERIA MARIA TERESA BONUCCI RAGIONERIA ED ECON. AZIENDAL ASTOLFI NEGRI TRAMONTANA 6 180* TECNICA DIRITTO SCIENZA DELLE FINANZE ANTONIETTA MASTRANTUONO VINCENZO ODDI VINCENZO ODDI TECNICA E ORGAN. AZIENDALE ASTOLFI & NEGRI: TRAMONTANA 5 150* DIRITTO PUBBLICO MERONI ANNUNZIATA ROCCHI 3 93** SCIENZA DELLE FINANZE ARDOLFI PALMISANO TRAMONTANA 2 60 INFORMATICA ANTONIO MARTUCCI CORSO DI SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI E RETI DI COMPUTER -THECNA I.T.P. EMANUELA DE MARCO I.T.P. NADIA COSTANZI 3 99 EDUCAZIONE FISICA LUIGI CEDRONE 2 56 * di cui un ora di compresenza in ragioneria e tecnica ** di cui un ora di compresenza in diritto e storia 7

8 PROFILO DELLA CLASSE La classe V C Ragionieri programmatori è costituita da sedici alunni (12 maschi e 4 femmine) di cui 3 provenienti dalla 5B Ragionieri ( non ammessi all esame di stato nell anno scolastico precedente). Nella classe è ben inserito un alunno seguito dagli insegnanti di sostegno di cui si allega dettagliata relazione. Gli alunni hanno dimostrato nel corso del triennio disponibilità a partecipare alle attività curriculari ed extracurriculari organizzate dalla scuola, impegnandosi a vari livelli. In particolare sono stati i fondatori dell azienda simulata Pirelli Social Company S.p.A (impresa sociale), hanno partecipato in modo collaborativo ed intenso al progetto di alternanza scuola-lavoro, ed hanno lavorato in modo eccellente per il progetto COMENIUS. Si riassumono di seguito le attività più significative: - Partecipazione allo stage estivo della durata di diverse settimane presso diverse aziende; - Partecipazione al corso di formazione professionale business english h 40 - Partecipazione al corso di formazione professionale comunicazione di 1 livello h 20, comunicazione di 2 livello h 8; - Partecipazione allo stage presso società ORIENTA sulla legge per la sicurezza con relativa certificazione; - Partecipazione al corso di formazione professionale di contabilità generale livello avanzato; - Partecipazione IFS con Pirelli Social Company S.p.A. - Partecipazione progetto ABI Patti Chiari; - Partecipazione progetto m imprendo Per quanto riguarda l attività didattica la classe ha subito un certo disagio nella disciplina dell informatica in quanto nei tre anni si sono alternati tre diversi insegnanti, ciò ha comportato un approccio verso la disciplina e metodologie didattiche diverse generando un certo disorientamento che si è tradotto in una preparazione non per tutti adeguata, ciò è attribuibile anche ad un impegno degli alunni non congruo alle difficoltà da superare. Inoltre nell ultimo anno hanno cambiato anche il docente di matematica. La preparazione raggiunta risulta differenziata in base all impegno, alla partecipazione attiva, alle attitudini e alle capacità di ciascuno. In particolare un gruppo di alunni ha dimostrato una costante applicazione nello studio delle varie discipline. Per altri l applicazione allo studio è risultata non sempre adeguata e discontinua causando alcune difficoltà, che in taluni casi sono state recuperate mentre in altri casi sono, sulla base dei risultati attuali, in via di definizione. Dal punto di vista comportamentale, gli alunni hanno rispettato le regole scolastiche e hanno evidenziato rapporti corretti con docenti, studenti e personale della scuola. Roma, 15 maggio

9 ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA RISPETTO AGLI OBIETTIVI FISSATI OBIETTIVI COMUNI PROGRAMMATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE Come risulta dal piano di lavoro elaborato in seno al primo consiglio di classe, tutti i docenti hanno concordato sulla necessità di conseguire i seguenti obiettivi comuni: OBIETTIVI AREA COGNITIVA Acquisizione e rafforzamento di un metodo di studio, sempre più autonomo e critico; Sviluppo delle capacità di rielaborazione critica e personale degli argomenti affrontati; Capacità di esporre i contenuti delle discipline con correttezza e proprietà di linguaggio e terminologia adeguata; Sviluppo e rafforzamento delle capacità di analisi, di sintesi e collegamento tra le varie discipline, e nell ambito di aree culturali affini; OBIETTIVI AREA SOCIO-AFFETTIVA sviluppo e rafforzamento del senso di responsabilità e di autocontrollo; rafforzamento la partecipazione democratica a dibattiti collettivi e ad assemblee; potenziamento della partecipazione attiva degli alunni e crescita della fiducia in se stessi, considerando la specificità individuale di apprendimento; crescita del senso civico, della trasparenza, del rispetto e della tolleranza verso gli altri in generale e verso i compagni in particolare; Ciascun docente ha inserito il conseguimento di tali obiettivi nello svolgimento delle attività curricolari. Nel corso dell anno scolastico, sono state svolte le seguenti attività : ATTIVITA COLLEGIALI Le attività di tipo collegiale si sono sviluppate in riunioni ed incontri secondo le seguenti tipologie: Consigli di classe Riunioni dipartimentali: Riunioni interdisciplinari attività di programmazione; definizione degli obiettivi minimi programmazion definizione degli obiettivi disciplinari e disciplinari; e e trasversali; coordinamento dei programmi; progettazione attività periodiche per l analisi dell andamento predisposizione delle tipologie e di attività didattico e disciplinare; della struttura del modello di interdisciplinari; predisposizione sia delle modalità di terza prova da somministrare alla applicazione dei criteri di valutazione della classe; terza prova d esame, sia di attività di simulazione; ATTIVITA CURRICOLARI Le attività curricolari e l organizzazione della didattica sono state sostanzialmente di tipo tradizionale; i metodi e le strategie adottati hanno fatto riferimento, di volta in volta, alle esigenze della classe, prevedendo accanto alle lezioni frontali, interventi individualizzati, lavori di recupero e sostegno o d approfondimento. ATTIVITA EXTRA-CURRICOLARI Le attività extra-curricolari svolte dalla classe hanno avuto per oggetto: - Partecipazione allo stage estivo della durata di diverse settimane presso diverse aziende; - Partecipazione al corso di formazione professionale business english h 40 - Partecipazione al corso di formazione professionale comunicazione di 1 livello h 20, comunicazione di 2 livello h 8; - Partecipazione allo stage presso società ORIENTA sulla legge per la sicurezza con relativa certificazione; 9

10 - Partecipazione al corso di formazione professionale di contabilità generale livello avanzato; - Partecipazione IFS con Pirelli Social Company S.p.A. - Partecipazione progetto ABI Patti Chiari; - Partecipazione progetto m imprendo Il consiglio di classe ha, inoltre, assunto i seguenti criteri generali di valutazione: DESCRITTORI DELL APPRENDIMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE ASSUNTI DAL CONSIGLIO DI CLASSE CONOSCENZE CAPACITA COMPETENZE VOTO Nessuna Nessuna Nessuna 1 2 Frammentarie e gravemente lacunose Comunica in modo scorretto ed improprio Applica le conoscenze minime, solo se guidato e con gravi errori 3 Superficiale e lacunosa Comunica in modo inadeguato, non compie Applica le conoscenze minime, se operazioni di analisi guidato, ma con errori anche 4 Superficiale ed incerta Essenziali, ma non approfondite Essenziale e con qualche approfondimento guidato Sostanzialmente complete con qualche approfondimento autonomo Complete, articolate e con approfondimenti autonomi Organiche, ed ampliate in modo autonomo e personale Comunica in modo non sempre coerente. Ha difficoltà a cogliere i nessi logici, compie analisi lacunose Comunica in modo semplice, ma adeguato. Incontra qualche difficoltà nell operazione di analisi e sintesi, pur individuando i principali nessi logici Comunica in modo abbastanza efficace e corretto. Effettua analisi, coglie gli aspetti fondamentali, incontra qualche difficoltà nella sintesi. Comunica in modo efficace ed appropriato. Compie analisi corrette ed individua collegamenti. Rielabora autonomamente e gestisce situazioni nuove non complesse. Comunica in modo efficace ed articolato. Documenta il proprio lavoro. in modo personale. Gestisce situazioni nuove e complesse. Comunica in modo efficace, articolato e critico fatti ed eventi, che documenta adeguatamente. Gestisce situazioni nuove e complesse, individuando soluzioni non prestabilite. nell esecuzione di compiti semplici Applica le conoscenze con imprecisione nell esecuzione di compiti semplici Esegue compiti semplici senza errori sostanziali, ma con alcune incertezze Esegue correttamente compiti semplici ed applica anche a problemi complessi, le conoscenze, ma con qualche imprecisione Applica autonomamente le conoscenze a problemi complessi in modo globalmente corretto Applica le conoscenze in modo corretto anche a problemi complessi Applica le conoscenze in modo corretto ed originale a problemi complessi

11 TABELLA DELLE ATTIVITÀ E DEI METODI PRIVILEGIATI DISCIPLINA LEZIONI FRONTALI LEZIONI INTERATTIVE LAVORO DI GRUPPO ESERCITAZIONI GUIDATE LEZIONI IN LABORATOR IO RELIGIONE X LINGUA E LETTERATURA ITALIANA X X STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA X X LINGUA INGLESE X X X LINGUA FRANCESE X X MATEMATICA X X X X RAGIONERIA ED EC. AZIENDALE X X X X X TECNICA COMM. E ORG. AZIENDALE X X X X SCIENZE DELLE FINANZE X X DIRITTO X X INFORMATICA X X X X X EDUCAZIONE FISICA X X X X 11

12 RELIGIONE CLASSE 5^ sez. C Ragionieri Docente: Prof. Guglielmo Lorenzini Anno Scolastico Le varie forme di politica: dittatura, monarchia, democrazia, gerarchia. La solidarietà con i Paesi poveri. La dimensione sociale del Cristianesimo. La struttura sociale della Chiesa Cattolica. Problemi di natura morale e sociale: famiglia, giustizia, politica, razzismo. Esperienze scolastiche degli alunni nel corso degli studi superiore. L uomo maturo di fronte alle scelte della vita (analisi di vari modelli antropologici e sociali nel mondo contemporaneo). Argomenti di attualità con riferimenti storici e antropologici. Argomenti di attualità tratti e commentati da articoli di quotidiani. Dialogo sull attualità del mondo giovanile Lezioni universitarie, mostre e spettacoli su problematiche storiche e attuali, in particolare del IL DOCENTE Guglielmo Lorenzini GLI ALUNNI 12

13 LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PROGRAMMA SVOLTO Crisi del Romanticismo La Scapigliatura Il Realismo-Verismo G. Verga: Vita, Opere, Idelogia Letture: da I Malavoglia La Famiglia Malavoglia Ora è tempo d andarsene da Mastro-don Gesualdo Morte di mastro-don Gesualdo da Vita dei campi Rosso Malpelo G. Carducci : Vita, Opere, Poetica Letture: da Rime nuove Il Decadentismo Pianto antico San Martino G. Pascoli: Vita, Opere, Poetica Letture: da Myricae Novembre Lavandare G.D Annunzio: Vita, Opere, Poetica Letture: da Il Piacere La vita come opera d arte Il verso è tutto da Le Vergini delle Rocce Pochi uomini superiori da Alcyone La pioggia nel pineto Il Crepuscolarismo Il Futurismo L.Pirandello: Vita, Opere, Ideoligia Letture: da L Umorismo da Il fu Mattia Pascal Il sentimento del contrario Un caso strano e diverso da Uno, nessuno e centomila Quel caro Gengè dalle Novelle per un anno La carriola 13

14 I.Svevo : Vita, Opere, Ideologia Lettura: da La coscienza di Zeno Il fumo Ermetismo G. Ungaretti: Vita, Opere, Poetica Lettura: da Sentimento del tempo La madre IL DOCENTE Rosina Liguori GLI ALUNNI 14

15 STORIA PROGRAMMA SVOLTO Economia e società nell età dell Imperialismo Operai, contadini e movimenti socialisti Il pontificato di Leone XIII e l Enciclica Rerum Novarum Il mondo delle grandi potenze La Sinistra storica al governo dell Italia L età di Crispi L età giolittiana La prima guerra mondiale I trattati di pace e la Società delle Nazioni L edificazione del regime comunista nell Unione Sovietica La Repubblica di Weimar Le democrazie occidentali dopo la guerra mondiale Il Fascismo in Italia Stalin e lo stalinismo nell Unione Sovietica La grande depressione e il New Deal negli Stati Uniti Il regime nazionalsocialista in Germania L Imperialismo del regime fascista La seconda guerra mondiale Il DOCENTE Rosina Liguori GLI ALUNNI 15

16 LINGUA INGLESE PROGRAMMA SVOLTO BUSINESS COMMUNICATION Enquiries by s, by telephone and by letters. Replies to enquiries. Offers by telephone, s and letters. Replies to offers. Orders by telephone. Orders by s and letters. Replies to orders. Complaining by telephone. Letters of complaints. Reminders and reples to reminders. BUSINESS THEORY Marketing: - Market research - Market segmentation - Marketing mix: product, price, promotion, place. - Advertising and Promotion - Promoting online Methods of payment - Export financing - Leasing - Cheque, credit card - Bank transfer, bill of exchange, open account - Cash with order, cash on delivery International trade - The European Union - Trading blocs - The Euro - Regulations, directives, decisions, reccommendations in the E.U. - WTO IMF World Bank - Globalisation IL DOCENTE Rita Gatti GLI ALUNNI 16

17 MATEMATICA CALCOLO DELLE PROBABILITA E STATISTICA PROGRAMMA SVOLTO FUNZIONI REALI DI DUE O PIU VARIABILI REALI - Elementi di geometria analitica nello spazio coordinate cartesiane di un punto distanza tra due punti punto medio di un segmento equazione del piano equazione della retta in forma cartesiana e parametrica equazione della superficie sferica Definizione di funzione reale di due o più variabili reali - Dominio delle funzioni dipendenti da due variabili Linee di livello: fasci di rette propri e impropri, fasci di parabole, fasci di circonferenze Derivate parziali, equazione del piano tangente - Derivate parziali di ordine superiore Massimi e minimi relativi Massimi e minimi vincolati.metodo dei moltiplicatori di Lagrange Metodo delle linee di livello e delle derivate- Massimi e minimi assoluti in uno spazio chiuso e limitato. APPLICAZIONE DELL ANALISI ALL ECONOMIA Massimo del profitto per un produttore che produce e vende due beni in regime di monopolio e in regime di concorrenza perfetta. Massimo dell utilità del consumatore con il vincolo del bilancio. RICERCA OPERATICA Scopi e metodi della ricerca operativa Fasi della ricerca operativa Modelli matematici Problemi di decisione in condizione di certezza con effetti immediati Il problema della scelta tra due o più alternative - il problema delle scorte con e senza sconti di quantità. Problemi in condizione di certezza con effetti differiti: metodo dell attualizzazione e del tasso effettivo di rendimento Problemi in condizioni di incertezza con effetti immediati: criterio del valor medio criterio del MAXIMIN e del MINIMAX. LA PROGRAMMAZIONE LINEARE Costruzione del modello matematico di un problema di P.L.- Problemi di P.L. in due variabili: metodo grafico- Problemi di P.L. in tre variabili riconducibili a due. IL DOCENTE Rossana Benotti GLI ALUNNI 17

18 RAGIONERIA ED ECONOMIA AZIENDALE PROGRAMMA SVOLTO Parte I LE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche strutturali-organizzative: Le imprese industriali, la localizzazione, l organizzazione, l organigramma, nuove tendenze organizzative; Gli aspetti economico-patrimoniali: il patrimonio nell aspetto qualitativo, il patrimonio nell aspetto quantitativo, la struttura del patrimonio, l analisi della struttura del patrimonio, la gestione, l analisi economica per funzioni aziendali; Il sistema informativo; Le immobilizzazioni: Classificazione delle immobilizzazioni, le immobilizzazioni immateriali, le immobilizzazioni materiali, l ammortamento delle immobilizzazioni materiali, ammortamento in caso di acquisti o dismissioni in corso d anno, aspetto fiscale dell ammortamento. Gli ammodernamenti, le manutenzioni e le riparazioni, le dismissioni delle immobilizzazioni materiali, le immobilizzazioni finanziarie; Il personale dipendente: la gestione del personale, il contratto di lavoro subordinato, i rapporti con l INAIL, i rapporti con l INPS, gli elementi della retribuzione periodica, la contabilità del personale, il trattamento di fine rapporto; Gli acquisti le vendite e il magazzino: la rilevazione degli acquisti di materie e di servizi, la rilevazione delle vendite di prodotti, il regolamento delle compravendite, la contabilità di magazzino, valorizzazione dei movimenti di magazzino, la contabilità fiscale di magazzino,le rimanenze di magazzino, i lavori in corso su ordinazione; I finanziamenti: il fabbisogno finanziario delle imprese, i versamenti dei soci, i finanziamenti di terzi creditori, la locazione finanziaria, lo smobilizzo dei crediti verso i clienti, il factoring, il sostegno pubblico alle imprese; Il bilancio d esercizio: La redazione del bilancio, i prospetti obbligatori del bilancio, il bilancio delle società di partecipazione industriale, il controllo contabile, la revisione contabile nelle società quotate, i giudizi sui bilanci; L analisi di bilancio per indici: l interpretazione dl bilancio, gli scopi della rielaborazione, la rielaborazione dello Stato Patrimoniale, la rielaborazione del Conto Economico, l analisi di bilancio, l analisi per indici, l analisi economica, l analisi patrimoniale, l analisi finanziaria, l analisi della produttività, il coordinamento 18

19 degli indici. Parte II FUNZIONI PROFESSIONALI La valutazione delle aziende La cessione di azienda (aspetti teorici) IL DOCENTE Maria Teresa Bonucci GLI ALUNNI 19

20 TECNICA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PROGRAMMA SVOLTO Processo evolutivo delle banche e legislazione bancaria: Il credito e il mercato dei capitali: concetto di credito-fiducia-rischio, credito diretto-indiretto, credito alla produzione e al consumo. Fasi storiche della legislazione bancaria: dal vecchio al nuovo sistema creditizio(legge 1936 e T.U. delle leggi in materia bancaria e creditizia 1994). Il moltiplicatore dei depositi. Nuovi modelli organizzativi: gruppi plurifunzionali e banche universali.. Funzioni e tecniche di gestione della banca: Definizione di banca e di attività bancaria, funzioni delle banche, Equilibrio della gestione bancaria (liquidità, solvibilità, redditività), Formazione del risultato economico, Norme tecniche di gestione bancaria(riserve di liquidità, concordanza di scadenze, frazionamento del rischio), I prezzi delle operazioni bancarie. Le Autorità Creditizie: Gli organi di vertice, La Banca d Italia e le sue funzioni, Vigilanza della Banca d Italia, Controlli, interventi e vincoli sull attività bancaria. Il sistema europeo di banche centrali e la BCE. L esercizio dell attività bancaria: Classificazione delle operazioni bancarie: operazioni di raccolta, di impiego, di investimento in valori mobiliari, complementari e collaterali. Operazioni di raccolta fondi: Il deposito bancario, depositi bancari liberi e vincolati, libretti di risparmio, terminologia relativa ai depositi, capitalizzazione degli interessi, certificati di deposito, raccolta pronti contro termine. I conti correnti di corrispondenza: 20

21 Definizione, classificazione e caratteri generali. I diversi saldi di un conto corrente di corrispondenza. Il conto corrente di corrispondenza passivo: Apertura, svolgimento delle operazioni, operazioni antergate e postergate, partite non liquide, liquidazione periodica degli interessi, calcolo delle competenze di c/c, estinzione del c/c. Estratto conto, riassunto scalare, prospetto competenze e spese. La moneta bancaria: Il sistema dei pagamenti,la moneta bancaria cartacea ed elettronica. Assegni bancari e assegni circolari. Le concessioni di fido: I finanziamenti alle imprese e i finanziamenti bancari. Il fido bancario. Classificazione dei fidi. Utilizzo e revisione dei fidi, La centrale dei rischi, Richiesta di fido e successiva istruttoria, Indagini storiche e prospettiche, Analisi di bilancio per indici: interpretazione del bilancio e rielaborazione del bilancio (criteri), principali indici di bilancio, Scopo, durata ed utilizzo del fido, prefinanziamento, debordi, contenzioso e sofferenze. Operazione di impiego fondi: Aperture di credito bancarie: Definizione e classificazione. Aperture di credito per cassa e per firma. Aperture di credito documentarie D/A e D/P. Portafoglio sconti: Definizione, Classificazione degli effetti e requisiti di bancabilità delle cambiali, Svolgimento dell operazione, Determinazione delle competenze bancarie e del netto ricavo,tasso effettivo di sconto. Portafoglio s.b.f. : smobilizzo di crediti rappresentati da RIBA, smaterializzazione delle RIBA e relative procedure elettroniche. Anticipi su fatture: smobilizzo di crediti rappresentati da fatture, la cessione del credito, confronto tra factoring e anticipi su fatture, clausole prosolvendo e prosoluto. Anticipazioni garantite: definizione di anticipazione e oggetto del pegno. Scarto e diminuzione della garanzia. I mutui ipotecari: definizione e caratteri generali. 21

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli