COMUNE DI AVERSA OGGETTO: PROGETTO PER OPERAZIONE COFINANZIATA DAL POR- LAVORI DI COMPLETAMENTO STATICO, RECUPERO E RELAZIONE GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI AVERSA OGGETTO: PROGETTO PER OPERAZIONE COFINANZIATA DAL POR- LAVORI DI COMPLETAMENTO STATICO, RECUPERO E RELAZIONE GENERALE"

Transcript

1 COMUNE DI AVERSA PROVINCIA DI CASERTA OGGETTO: PROGETTO PER OPERAZIONE COFINANZIATA DAL POR- FESR CAMPANIA 2007/ ASSE 6 OBIETTIVO OPERATIVO 6.1- CITTÀ MEDIE LAVORI DI COMPLETAMENTO STATICO, RECUPERO E RESTAURO CASA CIMAROSA RELAZIONE GENERALE 1

2 INDICE PREMESSA 1. SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI 1.1. INTRODUZIONE STORICA DELL IMMOBILE 1.2. BIOGRAFIA DI DOMENICO CIMAROSA 1.3. DESCRIZIONE GENERALE 1.4. INDAGINI CONOSCITIVE DELL IMPIANTO 1.5. LA SCELTA DELLE ALTERNATIVE 2. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2.1. INTRODUZIONE CON DESCRIZIONE GENERALE DEGLI INTERVENTI 2.2. DESCRIZIONE TECNICA DEGLI INTERVENTI E DEI MATERIALI PREVISTI 2.3. PREFATTIBILITÀ AMBIENTALE 2.4. VALUTAZIONE DEGLI ASPETTI GEOLOGICI 2.5. CRONOPROGRAMMA 2.6. INDICAZIONI PROGETTUALI 2.7. GEOLOGICA 2.8. ALTERNATIVE DI PROGETTO 2.9. SCELTA DI PROGETTO FUNZIONALITÀ DELL INTERVENTO ATTIVITÀ SVOLTE NEL CONTENITORE STRUTTURALE 2

3 PREMESSA Su incarico ricevuto dall Amministrazione Comunale di Aversa (CE), il sottoscritto dott. arch. R. Pizzi, residente alla Via Gallo, Aversa (CE), C.F.: PZZ RFL 73C09 F799I, iscritto all Ordine degli della Provincia di Caserta al n. 1405, in qualità di capogruppo della RTP, ha elaborato il progetto definitivo per i lavori di completamento statico recupero e restauro di Casa Cimarosa, nell ambito del progetto P.I.U. Europa operazione cofinanziata dal POR FESR Campania 2007/2013 Asse VI obiettivo 6.1 Città Medie. L intervento mira ad elevare la qualità-socioculturale della città, a rivitalizzare il territorio e promuovere l educazione intellettuale e morale dei cittadini, creando un attrattore sociale che riqualifichi l area del centro storico di Aversa (CE) oggetto di intervento. 3

4 1. SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI 1.1. INTRODUZIONE STORICA DELL IMMOBILE L edificio, dal pregevole valore architettonico, è la casa natale del grande musicista aversano Domenico Cimarosa, e ha accesso dalla via omonima. Si sviluppa lungo il terzo anello concentrico che racchiude il nucleo storico della città, e fa parte della zona A2 del P.R.G. (centro storico), che identifica l espansione svevo-angioina e la zona del Municipio. Si compone di un corpo di fabbrica principale, disposto lungo la strada, e da uno secondario, che affaccia sull attuale Piazza Principe Amedeo, entrambi erano collegati da un vecchia passerella crollata nel La tipologia si può ricondurre a quella caratteristica del palazzetto nobiliare, seppur di minore dimensione, con corte centrale, della seconda metà del Settecento, dalla tipica articolazione planovolumetrica che si conclude con una copertura con tetto a falde inclinate, che individua un grande spazio che fungeva da camera d aria, originariamente sfruttato come deposito di prodotti agricoli, ventilato da aperture arcuate, che conferiscono alla quinta stradale un impronta caratteristica. Il piano nobile, che si trova al di sotto del suddetto granile ventilato, in facciata è individuato da balconi incorniciati da profilature in stucco di chiara impronta tardobarocca, come del resto l intera facciata. Di epoca successiva è il corpo di fabbrica secondario, la cui facciata a bugnato nella parte inferiore, è prospiciente a Piazza Principe Amedeo. La tipologia e i materiali utilizzati si differenziano notevolmente dal corpo principale, facendo risalire la datazione al 4

5 periodo tardo-ottocentesco, pertanto il secondo corpo di fabbrica è stato realizzato per ottenere maggiori disponibilità di locali. L immobile secondo una ricostruzione storica, risultava intestato al sig. Raffaele Maresca, con testamento del 03/08/1884, rogito dal notaio Vincenzo Romano, nominava erede di tutti i suoi beni il Municipio di Aversa (CE). Il Comune di Aversa (CE), come condizione sostanziale della istituzione di erede, era tenuto a impiegare la intera rendita annuale di tutti i beni del testatore per il mantenimento delle fanciulle povere ed orfane di Aversa (CE) nel Conservatorio Moretti, Amministrato da speciale commissione di nomina comunale; il sig. Maresca faceva, inoltre, espresso divieto al Comune di Aversa di vendere, censire o ipotecare in tutto o in parte gli immobili suindicati, poiché era sua volontà che la rendita non venisse a mancare per lo scopo di beneficenza che intendeva raggiungere in perpetuità; Con Regio Decreto n. DLVI (556) del 6 luglio 1893 il Comune di Aversa (CE) veniva autorizzato ad accettare l eredità Maresca così come disposta ed inoltre la Fondazione dal Maresca medesimo ordinata a profitto delle fanciulle povere ed orfane di Aversa (CE) da mantenersi nel locale Conservatorio Moretti veniva costituita in Ente Morale e si approvava lo Statuto Organico in dat6a 28 Giugno 1892: - Per il mantenimento delle fanciulle povere ed orfane di Aversa (CE) nello istituto Moretti si doveva provvedere con l impiego della intera rendita annuale dei suddetti beni 5

6 immobili. La loro gestione fu tenuta direttamente dalla Commissione di nomina Comunale che amministrativa l Istituto; - I predetti immobili pur rimanendo di proprietà comunale, non furono nel corso del tempo riportati nel Patrimonio dell Ente per espresso divieto testamentario di non poterli censire, vendere o ipotecare in tutto o in parte al fine di perseguire lo scopo di beneficenza del Maresca; - Dal testamento del Maresca sono trascorsi degli anni e nel frattempo sono venuti a mancare i presupposti dello scopo di beneficenza, infatti già da diversi decenni non risultano ospitate presso l Istituto Moretti fanciulle orfane; - Gli immobili di che trattasi a causa dei danni subiti dagli eventi sismici del 1980 e della mancata manutenzione risultano disabitati ed in pessime condizioni di degrado BIOGRAFIA DI DOMENICO CIMAROSA Nacque ad Aversa il 17 dicembre del 1749, città che aveva dato i natali anche a Niccolò Jommelli, un altro grande compositore della scuola napoletana. Alla tenera età di quattro anni dovette lasciare la sua città natale per recarsi con la famiglia a Napoli. Andarono a vivere presso la chiesa di San Severo de' Padri Conventuali. Era figlio di Gennaro Cimarosa, un muratore occupato nella costruzione del Palazzo di Capodimonte, il quale durante la costruzione s'infortunò a morte a causa di una caduta. Sua madre invece era occupata come lavandaia nel monastero vicino alla chiesa. Fu proprio in questo ambiente che il giovane Domenico 6

7 ricevette i primi rudimenti musicali dall'organista del monastero padre Polcano. Dimostrò subito di avere molte doti per la musica tant'è che nel 1761 fu ammesso al Conservatorio di Santa Maria di Loreto, dove rimase undici anni. I suoi insegnanti furono Gennaro Manna (all'epoca ritenuto il miglior insegnante dopo Alessandro Scarlatti), Antonio Sacchini (fino al 1766) e Fedele Fenaroli (il quale diede a Cimarosa lezioni di contrappunto). In pochi anni divenne un abile violinista, clavicembalista e organista, nonché un talentoso cantante: i suoi compagni lo stimavano e lo ascoltavano con delizia mentre interpretava pezzi d'opera con bella voce, con grazia e con soavità; tra questi si ricordano Nicola Antonio Zingarelli e Giuseppe Giordani. Egli era caratterialmente mite e affabile, oltre che studioso e diligente. Dopo aver lasciato il conservatorio si perfezionò nel canto con il castrato Giuseppe Aprile e nella composizione con Niccolò Piccinni. Durante il periodo trascorso presso la scuola di Santa Maria di Loreto compose alcuni mottetti e messe. Nel carnevale del 1772 debuttò come operista con la commedia per musica Le stravaganze del conte, data nella capitale partenopea al Teatro dei Fiorentini e seguita dalla farsetta Le magie di Merlina e Zoroastro (lavoro che si rifà alla commedia dell'arte). Grazie a questo primo lavoro la sua fama di buon compositore iniziava a dilagare. Le sue opere diventarono subito popolari a Roma, dove i suoi intermezzi comici furono rappresentati soprattutto al Teatro Valle. L'anno seguente fu la volta de La finta parigina data al Teatro Nuovo, la quale riscosse un discreto successo. Nel 1776 rappresentò sempre al Nuovo la commedia I Sdegni e La Frascatana nobile o La finta Frascatana e 7

8 compose la farsa I matrimoni in ballo. L'anno seguente vide la nascita dell'intermezzo giocoso I tre amanti e qualche mese dopo Il fanatico per gli antichi romani andò in scena al Teatro dei Fiorentini; concluse l'anno con l'armida immaginaria rappresentata nello stesso palcoscenico. Tra il 1778 e il 1781 seguirono le messe in scena di diciotto opere, tra le quali le più note sono Il ritorno di Don Calandrino, L'italiana in Londra, Le donne rivali e Il pittore parigino. L'intermezzo L'italiana in Londra, data per la prima volta il 28 dicembre 1779 al Teatro Valle, fu subito molto applaudita; fu proprio grazie ai notevoli successi ottenuti dalle rappresentazioni di questo lavoro comico che la gloria di Cimarosa incremento notevolmente e si sparse in breve tempo per tutta l'europa: il 10 luglio 1780 fu la prima opera Cimarosiana ad essere eseguita a Milano al Teatro alla Scala e poco tempo dopo fu rappresentata anche a Dresda, dove nei primi anni ottanta furono presentate ben quattro sue opere tradotte in tedesco. Il 29 novembre 1779 fu nominato organista aggiunto della Cappella Reale Napoletana, posizione che mantenne fino al 28 marzo 1785, quando venne elevato a secondo organista. Poco si conosce sul soggiorno di Cimarosa in Russia a causa dell'assenza di documenti che riportino notizie dettagliate. Appena vi giunse fu presentato subito all'imperatrice, per la quale si esibì subito come cantante; riuscì a suscitare così tanto entusiasmo in lei che gli diede subito il compito di impartire lezioni di musica a due suoi nipoti. Fu attivo principalmente per il Teatro dell'hermitage, per il quale scrisse alcune opere e cantate. Il 12 dicembre 1787 fece eseguire la Messa di Requiem per il funerale della Duchessa di Serra 8

9 Capriola (moglie dell'inviato del Re di Napoli), nel gennaio 1788 diede l'opera seria La vergine del sole, il 24 febbraio la cantata La felicità inaspettata e il 29 giugno l' Atene edificata. Nell'aprile del 1789 furono rappresentate Le due fidanzate e I due baroni, il 27 settembre l'opera Cleopatra e in ottobre una replica de La vergine del sole. Lasciata la Russia, Cimarosa sostò a Varsavia, dove vi rimase tre mesi circa; qui mise in scena tre sue opere: Le trame deluse, Il credulo e L'impresario in angustie. Nel dicembre del 1791 giunse alla volta di Vienna (proprio nel mese in cui morì Wolfgang Amadeus Mozart), città che ben lo accolse, dato che già l'aveva conosciuto in passato come buon compositore; infatti da alcuni anni venivano date repliche di parecchie sue opere. Fu ricevuto festosamente anche dall'imperatore Leopoldo II, suo antico protettore, che aveva già incontrato quattro anni prima, quando era ancora Granduca di Toscana. Il sovrano austriaco fu molto generoso con Cimarosa: lo nominò maestro di cappella di corte, gli offrì subito un elevato stipendio di dodicimila ducati annui, un appartamento del palazzo imperiale e lo mise in rapporti con il librettista Giovanni Bertati, il quale era stato da poco nominato poeta di corte. Da questo collaborazione nacque il suo capolavoro più noto: Il matrimonio segreto. Questo lavoro, rappresentato al Burgtheater il 7 febbraio 1792, ebbe subito un successo immenso, tant'è che nella stessa sera della prima, per volere dell'imperatore in persona, l'opera fu interamente rimessa in scena! Durante il soggiorno viennese il compositore napoletano diede altre opere: La calamita dei cuori, 9

10 la quale fu un fiasco, e Amor rende segace. Cimarosa ritorno a Napoli presumibilmente durante la primavera del 1793, dopo un'assenza di sei anni. Fu accolto con calore e il matrimonio segreto che ridiede subito al Teatro dei Fiorentini suscitò così tanto entusiasmo che fu messo in scena per ben 110 sere di fila. In settembre compose un lavoro strumentale, ovvero un concerto per due flauti traversi e durante l'anno al Teatro Nuovo presentò il dramma giocoso I traci amanti su un testo di Giuseppe Palomba. L'ultimo periodo della sua vita fu reso amaro dagli intrighi di alcune persone invidiose e ostili, tra le quali figura il suo antico rivale Giovanni Paisiello. Durante la Repubblica Napoletana del 1799, Cimarosa entrò nel partito liberale e al ritorno dei Borbone, come molti altri suoi amici politici, fu arrestato e condannato a morte. Solo grazie all'intercessione di alcuni suoi influenti ammiratori la sentenza fu commutata in un esilio. Lasciò quindi l'amata Napoli con l'intenzione di recarsi nuovamente a San Pietroburgo, ma i suoi problemi di salute lo costrinsero a rinunciare. Si stabilì a Venezia, dove tra le mura di Palazzo Duodo morì l'11 gennaio 1801 per un'infiammazione intestinale. La natura della sua malattia portò alla formazione di alcune dicerie attraverso le quali si sosteneva che fosse stato avvelenato da dei sicari inviati dalla regina Maria Carolina; un'inchiesta formale provò che queste voci erano infondate. Fu sepolto nella Chiesa di San Michele Arcangelo, sul Canal Grande. Quando, nel 1836, l'edificio fu demolito, le spoglie del Compositore andarono disperse 10

11 1.3. DESCRIZIONE GENERALE Lo stabile in oggetto afferisce ad un complesso delimitato sui lati esterni, da via D. Cimarosa e da p.zza Principe Amedeo, e sui lati interni da finitimi fabbricati di altra proprietà. In particolare, di tale complesso, il corpo di maggiore pregio ed interesse è quello prospiciente via Cimarosa, articolato su piano terra, piano primo, sottotetto e copertura a falde in legno lamellare. Tale corpo di fabbrica, di impianto rettangolare sul fronte di via D. Cimarosa, presenta una corte interna delimitata dai due corpi di fabbrica principali. La composizione e l organizzazione planimetrica di quanto sopra descritto può meglio desumersi nei grafici del rilievo dello stato dei Luoghi. Le membrature verticali sono tutte costituite da paramenti murari tufacei di idoneo spessore. Gli orizzontamenti sono costituiti da solai piani in legno, talvolta rivestiti all intradosso con carta decorata. La copertura è a falde spioventi, realizzata con capriate ed elementi secondari in legno rivestiti con manto di coppi in laterizio. Le fondazioni sono di tipo diretto in muratura, senza allargamento della sezione al piede. 11

12 1.4. INDAGINI CONOSCITIVE DELL IMPIANTO La prima fase svolta nell ambito dell attività progettuale è consistita in una campagna di indagini conoscitive vertenti sui seguenti punti: - Rilievo dell articolazione geometrica dell immobile, del quadro materico, delle principali forme di degrado presenti; - Campagna di prospezioni geognostiche e geofisiche per la caratterizzazione geolitologica e meccanica dei terreni e per l individuazione delle cavità sotterranee in corrispondenza dell area di impianto del complesso (a cura della S.I.A. srl Servizi per Ingegneria e Ambiente commissionata dal Comune di Aversa (CE) nel 2007, di cui si riportano considerazioni conclusive al punto 2.4 della seguente relazione); - Saggi puntuali e rilevamenti fotografici a tutti i piani, sia per quanto concerne le membrature verticali, sia per gli orizzontamenti ed i prospetti. Le prospezioni di cui sopra hanno consentito di individuare dati di fatto obiettivi ai quali relazionare le scelte di progetto LA SCELTA DELLE ALTERNATIVE A seguito delle analisi precedentemente effettuate, così come descritto nel punto 1.3 le indagini conoscitive dell impianto, circa la conformazione dell edificio, le caratteristiche strutturali, ma soprattutto per l importantissima connotazione storica, essendo appunto identificato come dimora di Domenico Cimarosa illustre 12

13 compositore aversano, si sono venuti a delineare due possibili scenari caratterizzati da una genesi comune ovvero la musica in tutte le sue forme, da studiare, da conoscere, da interpretare; le alternative considerate dunque sono: Il Museo della Musica con annessa biblioteca e Il Liceo musicale. Man mano che si delineavano le linee guida del progetto sono emerse una serie di possibili iniziative da mettere in pratica al fine di trasformare un edificio, che versa tutt ora in un completo stato di abbandono, in polo attrattivo per la città ed elevarne la qualità socio-culturale, per questo motivo la scelta è ricaduta sulla struttura museale che ha il potere di convogliare in se le più ampie aspettative di utilizzo in termini di conoscenza e studio della musica e di configurarsi quindi non solo come mero contenitore di aule quale potrebbe essere un istituto scolastico ma come punto di riferimento per chiunque voglia apprezzare e comprendere tale arte. Mostre permanenti e multimediali ma anche spettacoli, forum, piccoli concerti, incontri con personalità di spicco dell ambiente musicale sono solo alcune delle possibili proposte da mettere in pratica all interno della struttura che potrà accogliere cimeli appartenuti al celebre compositore, strumenti musicali storici, immagini del passato e proiezioni che incentivino i fruitori a conoscere ed amare la musica insieme a laboratori didattici per studenti di tutte le età guidati da docenti esperti alla scoperta dell arte che accompagna da sempre la vita di ogni individuo. 13

14 2. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2.1. INTRODUZIONE CON DESCRIZIONE GENERALE DEGLI INTERVENTI In seguito alle indagini condotte per i precedenti interventi di recupero e restauro dell immobile, già posti all attenzione dalla Soprintendenza dei Beni Architettonici (vedi varie note e relazione di ricostruzione storica nella Tavola I-G01), fu evidenziato un quadro fessurativo alquanto diffuso e articolato, nonché il sostanziale stato di dissesto dei solai lignei di 1 piano e di sottotetto (in alcune zone in fase di crollo) e delle coperture, in uno stato tale, queste ultime, da non assicurare alcun riparo nei riguardi delle precipitazioni atmosferiche. Gli stessi problemi sono stati in parte, dal punto di vista strutturale, risanati, mancando però, come risulta allo stato dei luoghi, di interventi di restauro sulle cortine esterne ed interne, di recupero degli intonaci e tinteggiature di rilievo, risanamento dei solai lignei ed di restauro delle piattabande in legno; quest ultime si presentano allo stato dei luoghi in putrelle, tranne che per la faccia principale su via Domenico Cimarosa. Quindi, l intervento consisterà nel completamento del recupero della casa che ha dato i natali al famoso musicista Domenico Cimarosa. Si tratta sostanzialmente della realizzazione, all interno dell immobile dov è nato il compositore settecentesco Domenico Cimarosa, di un museo a lui dedicato, che restituisce la giusta importanza alla tradizione illustre di Aversa (CE), ma anche altri 14

15 due grandi compositori dell epoca, Niccolò Jommelli e Andreozzi, tanto che, da parte dell Amministrazione Comunale, si stanno definendo ulteriori importanti azioni, quali la creazione di una fondazione dedicata allo studio e conoscenza del patrimonio musicale storico e la possibile acquisizione al patrimonio comunale del Teatro Cimarosa in P.zza Principe Amedeo. Disporre di un contenitore museale è quindi fondante per configurare un polo attrattivo legato all arte musicale. Gli spazi saranno recuperati e restaurati in funzione della sicurezza e l accessibilità pubblica, attrezzati per accogliere collezioni documentali e cimeli storici, per svolgere attività divulgative, didattiche, ludiche e di studio, ma la finalità dell intervento è più ampia, contribuendo a restituire dignità all area con ricadute di carattere produttivo, urbano e sociale, invogliando i cittadini a riappropriarsi della propria storia e fruire dei luoghi simbolo della città. La localizzazione dell intervento è stata individuata non solo perché luogo che ha dato i natali al musicista, ma anche perché c è una disponibilità di attrezzature, allo stato di fatto e previste nei vari piani comunali, nel raggio di 700 m dai confini del lotto che possono facilitarne l impatto ambientale ed economico. L intervento in fase di esercizio, sarà un polo di attrazione pubblico, tendendo, quindi, ad attrarre visitatori. Un polo museale della musica in stretto contatto con le altre opere sul territorio nonché sul vicino Teatro Cimarosa, sita come l edificio su P.zza Principe Amedeo. Con tale intervento si ha lo scopo di elevare la qualitàsocioculturale, di rivitalizzare le utopie presenti sul territorio e 15

16 promuovere l educazione intellettuale e morale dei cittadini, così facendo si crea un attrattore sociale che riqualifica l area. Di seguito si evidenziano le problematiche affrontate nell intervento: Restauro Prospetti esterni ed interni; Restauro dei solai lignei; Restauro e ripristino delle piattabande in legno; Restauro delle Pareti interne; Restauro di infissi esterni in legno; Restauro della scala d ingresso; Ripristino passerella di collegamento; Posa in opera di Porte ed infissi interni ed esterni; Riempimento della cavità; Messa in opera di impianti tecnologici DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E DEI MATERIALI PREVISTI Pertanto vengo ora riportate le descrizione dei principali interventi previsti per il restauro di Casa Cimarosa : Restauro Prospetti esterni ed interni Il progetto prevede una serie di interventi sia sui prospetti interni che esterni, interessati da alterazioni e degradazioni di varia natura prevalentemente a danno degli intonaci e degli elementi decorativi in stucco dovuti a cause antropiche quali presenza di cavi passanti, atti di vandalismo e interventi eseguiti nel corso degli anni e cause naturali, alterazioni cromatiche dovute a depositi di polveri e smog, presenza di muschi e licheni ed erbe 16

17 infestanti in genere che ne hanno causato in gran parte il distacco totale, lesioni e perdita di parti. Per gli intonaci, lo stato di degrado è particolarmente accentuato in seguito al dilavamento operato dalle acque meteoriche, con parti soggette a sfarinamento, distacco, e perdita di materiale, sono presenti molte colonie di muschi e licheni nonché vegetazione di tipo superiore su parti esterne, inoltre il tipo di degrado è differenziato in relazione ad esposizione agli agenti atmosferici, presenza di umidità di risalita e da interventi manutentivi poco ortodossi effettuati nel corso degli anni. L intervento di restauro comporta le seguenti operazioni: - Spolveratura leggera con pennelli di setola morbida; - Disinfezione a mezzo di apposito composto lichenicida e dove necessario asportazione manuale di erbe infestanti; - Lavaggio con acqua demineralizzata di tutte le superfici; - Integrazione delle lacune mancanti; - Ricostruzione delle parti di intonaco mancante con malte di calce idraulica naturale con caratteristiche simili alle malte originali; - Rifacimento della finitura con pittura minerale a base di grassello di calce, per superfici murali esterne, del colore più prossimo all'originale (tipo alpha chalix Sikkens); L intervento sugli Elementi decorativi, invece consiste prevalentemente nel consolidamento degli elementi decorativi esistenti, previa pulitura degli stessi con spazzole morbide e rimozione di eventuali croste o presenza di muschi, integrazioni 17

18 con materiale della stessa composizione di quello esistente e finitura con pittura minerale a base di grassello di calce. Quindi un restauro e revisione di cornici marcapiani e mostre di finestre semplici, comprendente l'ispezione dell'intera superficie, la rimozione dei tratti fatiscenti o pericolanti, la formazione del modine o sagome con listelli di legno, la ripresa dell'ossatura muraria o con chiodature in acciaio e fili di metalli non ferrosi, la stesura degli strati di malta di calce additivata con resina acrilica, la preparazione dell'intera superficie con raschiatura, rasatura e carteggiatura, la finitura con colla di malta o a stucco romano. Restauro dei solai lignei Il degrado dei solai lignei preesistenti, sia la piano terra che al piano primo, ha condotto ad un intervento di consolidamento statico degli stessi attraverso l introduzione di un nuovo pacchetto solaio in travi in acciaio e soletta superiore in calcestruzzo con rete elettrosaldata, lo stesso prevede l ancoraggio ed il sollevamento delle travi lignee preesistenti attraverso la cerchiatura in ferro agganciata al solaio in acciaio superiore. La conservazione invece del solaio ligneo con rivestimento in carta dipinta, prevedrà invece il seguente intervento di conservazione: - Pulitura delle cavità presenti sulle travi lignee e stuccatura con colla e polvere di legno; - Trattamento con smalti sintetici a base di resine resistenti; - Trattamento disinfestante da insetti xilofagi attraverso iniezione di veleno antitarlo nei fori per la distruzione delle larve; 18

19 - Verniciatura finale protettiva; - Inoltre sulla carta dipinta presente sulle travi in legno e sul tavolato, si interverrà attraverso un trattamento protettivo con soluzione a base di paraloid 72 a bassa concentrazione. Restauro e ripristino delle piattabande in legno Per quanto riguarda l intervento sull architrave lignea ammalorata, che non può più rispondere alle sue funzioni statiche, si prevede: 1) Puntellatura architrave e della muratura sovrastante (vedi schema); 2) Rimozione dei pezzi ammalorati (vedi schema); 3) Scarnire e pulire i giunti (vedi schema); 4) Preparare la superficie di alloggiamento dei nuovi pezzi (vedi schema); 5) Quindi inserire gli elementi con malte a base di calce, e rimuovere i puntelli ad avvenuta presa della malta (vedi schema); 5bis) Nel caso in cui l'architrave risulti essere in parte e del tutto recuperabile attraverso interventi di restauro si interverrà con il restauro ed il consolidamento della stessa come per le travi dei solai lignei preesistenti (vedi voce di intervento di restauro su solai lignei, nella tavola grafica di analisi del degrado ed interventi su solai lignei del pianto terra e primo). Per l intervento di ripristino architrave lignea e sostituzione delle architravi in putrelle, invece si procederà attraverso: 1) Puntellatura architrave e della muratura sovrastante; 2) Rimozione delle putrelle in acciaio; 3) Scarnire e pulire i giunti; 4) Preparare la superficie di alloggiamento dei nuovi pezzi; 5) Quindi inserire gli elementi con malte a base di calce, e rimuovere i puntelli ad avvenuta presa della malta. 19

20 Restauro delle Pareti interne Le pareti interne site al Piano primo presentano un degrado relativo alla possibili umidità, alla presenza di condizioni termoigrometriche favorevoli alla formazione di Sali minerali presenti nei materiali, alla mancanza di manutenzione, alla umidità di risalita capillare e di infiltrazione, a cicli di gelo e disgelo, cause antropiche, azione meccanica e/o biologica, cristallizzazione salina a deposito superficiale di polveri. Tute problematiche che hanno portato sugli intonaci alla formazione di patina biologica e al distacco e presenza di fessurazioni, mentre sulla tinteggiatura e sulle decorazioni preesistenti ad una alterazione cromatica oltre che alla già su citata patina biologica. La suddetta analisi dello stato dei luoghi come si evince dalle foto, dovrà condurre ad interventi atti alla conservazione degli intonaci e tinteggiature preesistenti, attraverso: 1. Consolidamento dell'intonaco attraverso iniezioni di resine epossidiche al 5% e conglomerato di malta idraulica, con la riadesione dello stesso mediante puntellature; 2. Sigillatura del bordo, attraverso iniezioni di malta idraulica additivata con resina acrilica al 5% e polvere calcare; 3. Pulitura attraverso pennelli a setole rigide e applicazione del biocida in soluzione acquosa all'1-2% di ipoclorito di litio, attraverso impacchi; 4. Consolidamento puntuale di microlesioni con iniezioni di miscela adesiva a base di calce naturale; 20

21 5. Inoltre per la tinteggiatura, una pulitura attraverso pennelli a setole rigide e applicazione del biocida in soluzione acquosa all'1-2% di ipoclorito di litio, attraverso impacchi e protezione della pittura attraverso pittura silossanica di colore trasparente. 6. Integrazione delle parti completamente libere da intonaco, attraverso pulitura superficiale con spazzola a setole morbide, integrazione con intonaco tradizionale a base di calce e tinteggiatura finale di colore simile al preesistente attraverso prove del colore e prelievo di piccolo campione senza tener conto della patina temporale che ha invecchiato il preesistente. Intervento integrativo con Tinteggiatura Ogni tipo di integrazione, con integrazione della tinteggiatura preesistente verrà eseguita attraverso la posa in opera di pittura a calce, a seconda dei colori, condordati con la soprintendenza architettonica in fase esecutiva. Restauro di infissi esterni in legno Gli infissi preesistenti in legno, verranno recuperati e restaurati attraverso lo smontaggio e il rimontaggio dei vari elementi che compongono l'infisso, per l'eventuale sostituzione dei pezzi, nonché l'incollaggio, il rinzeppamento e l'incavicchiamento degli incastri con le parti lavorate ben rifinite. Comprensivo di impregnazione del manufatto con antisettici o solventi organici per eliminare attacchi in atto, rimozione della vernice con sverniciatura, levigatura con carta-vetro a grana fine, stuccatura applicazione di vernice protettiva e tinteggiatura. 21

22 Restauro delle soglie in pietra calcarea e scala d ingresso L intervento di restauro sulle soglie e sulla scala d ingresso in pietra calcarea preesistenti, verrà eseguito attraverso la pulitura iniziale con spazzola di saggina ed eventuali usi di aspiratori per polveri; intervento su mancanza con stuccatura attraverso inserimento di fibre di armature in polipropilene, integrati con malta di calce aerea e polvere di calcare additivata con resina acrilica al 5%; intervento su scagliatura attraverso la sigillatura del bordo, con operazione manuale di malta idraulica additivata con resina acrilica al 5% e polvere di calcare; intervento su macchia con pulitura ad impacchi di sepolite ed acqua distillata per uno spessore minimo di 2-3 cm. Impacco base per ogni litro di acqua distillata è di 100g di carbonato di ammonio, con la possibilità di aumento della percentuale di carbonato di ammonio fino ad un massimo di 200g (in riferimento alla campionatura di prova), il tutto con lavaggio finale con acqua distillata per asportare ogni residuo. Inoltre l'intervento finale consisterà nella protezione attraverso pittura silossonica di colore trasparente. Ripristino passerella di collegamento Realizzazione ed indagine esplorativa-archeologica, per la rilevazione delle fondazioni del vecchio corpo di collegamento ai due corpi di fabbrica, comprensiva di realizzazione di fondazioni o consolidamento delle stesse. Il tutto comprensivo di ogni strumentazione onere e quant'altro per dare l'opera finita a regola 22

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale RELAZIONE CON SCHEDE TECNICHE PER IL RESTAURO DI SUPERFICI DECORATE DI BENI ARCHITETTONICI

Dettagli

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia Relazione tecnica Elementi lapidei dell altare L'intervento eseguito é consistito in una prima pulitura delle superfici dell'altare rimuovendo le impurità

Dettagli

Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A RELAZIONE

Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A RELAZIONE Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A Intervento edilizio di: i n t e r v e n t o d i a d e g u a m e n t o d e l c e n t r o d i i n f o r m a z i o n e t u r i s t i c a Ubicato in: piazza San Niccolo

Dettagli

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Relazione Tecnica L intervento di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della Torre prevede prioritariamente i seguenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE - Premessa Il Peu n. 16 è costituito da un unico sottoprogetto e consta catastalmente di due unità immobiliari ubicate in via Borgo da Piedi: 1. Fg. 20, P.lla 1069, Piano S-T-1,

Dettagli

COMUNE DI MOTTOLA PROGETTO ESECUTIVO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Piano di manutenzione delle opere di calcestruzzo armato

COMUNE DI MOTTOLA PROGETTO ESECUTIVO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Piano di manutenzione delle opere di calcestruzzo armato COMUNE DI MOTTOLA Piano di Recupero per l intervento di ristrutturazione urbanistica consistente nella demolizione dell ex cinema Jonio, la realizzazione di un edificio con residenze ed attività culturali

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... 7 6. COMPETENZE TECNICHE PROFESSIONALI... 7 1 1. PREMESSA

Dettagli

R01 COMUNE DI PERUGIA

R01 COMUNE DI PERUGIA COMUNE DI PERUGIA COMMITTENTE FONDAZIONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI "PIETRO VANNUCCI" PERUGIA piazza San Francesco al Prato, 5 06123 Perugia C.F. 80054290541 Il Presidente Avv. Mario Rampini INTERVENTI DI

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli Programma Operativo Interregionale

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Trento, 97 UDINE (UD) 1 Allegato

Dettagli

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA

LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA Diocesi di Adria-Rovigo LAVORI DI STRAORDINARIA MANUTENZIONE DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI SARZANO PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA STRUTTURA restauro Committente: PARROCCHIA DI SANTA MARGHERITA V.M. SARZANO,

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO. ( intervento n 22 ). Relazione statico - strutturale

PROGETTO DEFINITIVO. ( intervento n 22 ). Relazione statico - strutturale Restauro e risanamento conservativo, compreso l adeguamento alle norme di sicurezza ed accessibilità di palazzo Morosini ex scuola media A. Vivaldi ora istituto tecnico A. Barbarigo, a Castello Venezia.

Dettagli

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO INDICAZIONI STORICHE: Nel 1706 Torino fronteggiò con successo un prolungato assedio da parte delle truppe francesi. Luogo simbolo della resistenza

Dettagli

RTP - Architetti Giorgio Rossi, Chiara Avagnina, Paolo Bovo Saluzzo (CN) Pag. 1

RTP - Architetti Giorgio Rossi, Chiara Avagnina, Paolo Bovo Saluzzo (CN) Pag. 1 Saluzzo (CN) Pag. 1 Saluzzo (CN) Pag. 2 La proposta di recupero della manica (o castello) di mezzo è destinata a completare i restauri conservativi avviati precedentemente sull edificio nel corso delle

Dettagli

pag. 2 unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE Num.Ord.

pag. 2 unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE Num.Ord. pag. 2 R I P O R T O LAVORI A MISURA CHIESA SAN GIUSEPPE (SpCat 1) 1 / 1 DISFACIMENTO DI RIVESTIMENTO ESTERNO IN COCCIO PESTO, applicato P.01 sull'estradosso delle volte, compreso l'onere delle cautele

Dettagli

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE

SCHEDA RESTAURO 01 PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE PARAMENTO LAPIDEO IN CONDIZIONI CONSERVATIVE CATTIVE 01 Materiale: marmo bianco di Carrara e pietra di Bellona (calcare bianco compatto proveniente dalle cave di Santo Iorio presso Capua denominato impropriamente

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE COMUNE DI BARLETTA Settore Manutenzioni Provincia di Barletta-Andria-Trani Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE OGGETTO: RECUPERO E RISTRUTTURAZIONE DELLA PALAZZINA COMUNALE DI VIA GALVANI DA DESTINARE

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA BIENN ANNU PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTUR DELL OPERA Il seguente PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTUR DELL OPERA contiene l elenco delle operazioni di manutenzione ordinaria da effettuare

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A ETS0148 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ETS0148 Via Rota, 9 TRIESTE

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA.

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. 00304260409 PROGETTO ESECUTIVO Relativo a: Intervento finalizzato al Miglioramento

Dettagli

Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenze sui setti controterra

Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenze sui setti controterra Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenzee sui setti controterra FARINA Gianluigi matr.. 776801 Sommario INTRODUZIONE... 3 ANALISI DELLA PATOLOGIA... 4 SOLUZIONI PROPOSTE...

Dettagli

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2 Verona 02/11/2007 OGGETTO: RELAZIONE FINALE SUL RESTAURO DI DUE SOFFITTI LIGNEI A CASSETTONI, E DI UN PICCOLO BRANO AFFRESCATO A GROTTESCHE, IN UN APPARTAMENTO IN VIA C.CATTANEO 4 A VERONA Chiameremo i

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

Disegno del fabbricato magazzino base

Disegno del fabbricato magazzino base RELAZIONE DESCRITTIVA DEL FABBRICATO Piazzola sul Brenta fu obiettivo militare a causa proprio del ponte ferroviario della linea OstigliaTreviso. Fu oggetto di numerose incursioni aeree avvenute tra la

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PROGETTISTA:

SCHEDA INFORMATIVA PROGETTISTA: SCHEDA INFORMATIVA 1) DATI RELATIVI AL PROGETTISTA: arch. Ilaria Venturi DIRETTORE DEI LAVORI ----------------------------------------------- ----------------------------------------------------- 2) ALTRE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

News. Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al "Corriere della Sera" ridà lustro a via Solferino

News. Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al Corriere della Sera ridà lustro a via Solferino Notizie ed articoli tecnici del gruppo 4 Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al "Corriere della Sera" ridà lustro a via Solferino Opera: edificio residenziale storico

Dettagli

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI

TIPOLOGIA, TECNICHE COSTRUTTIVE E MATERIALI RELAZIONE TECNICA La presente relazione riguarda la proposta di riparazione dei danni derivanti dal terremoto del 20, 29 maggio 2012 per i fabbricati posti in via Larga n. 43, località Malafitto, a Cento

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO -.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO Comune di (Borgata/Frazione) CRAVEGGIA VOCOGNO Classificazione dell intervento RISTRUTTURAZIONE Opere interne ed esterne

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI D I C O R I N A LD O PROGETTO DEFINITIVO N. ELAB. TITOLO

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2 Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo PIANO DI MANUTENZIONE PREMESSA: Il piano di manutenzione

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Città di Spinea BIBLIOTECA VILLA SIMION Sistemazione della recnzione, delle dipinture e delle porte interne Studio di fattibilità Elaborato UNICO Spinea, 21.01.2014

Dettagli

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO COMUNE DI NICHELINO SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICO-ARTISTICI E DEMOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE CNA - POLITECNICO DI TORINO IL

Dettagli

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE PRESENTE ALLE PARETI DECORATE DELLA CAPPELLA GENTILIZIA DI VILLA SIMONETTA.

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

SOMMARIO. 1. Premessa pag. 2. 2. Descrizione generale e localizzazione dell immobile pag. 2. 3. Problematiche da risolvere pag. 2

SOMMARIO. 1. Premessa pag. 2. 2. Descrizione generale e localizzazione dell immobile pag. 2. 3. Problematiche da risolvere pag. 2 SOMMARIO 1. Premessa pag. 2 2. Descrizione generale e localizzazione dell immobile pag. 2 3. Problematiche da risolvere pag. 2 4. Interventi in progetto pag. 3 5. Documentazione fotografica pag. 7 Pag.

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

TIPOLOGIA COSTRUTTIVA E MODALITA' ESECUTIVE DEI SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE, ISOLAMENTO E RISCALDAMENTO.

TIPOLOGIA COSTRUTTIVA E MODALITA' ESECUTIVE DEI SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE, ISOLAMENTO E RISCALDAMENTO. INDICE INDICE... 1 RELAZIONE SANITARIA... 2 INQUADRAMENTO.... 2 TIPOLOGIA COSTRUTTIVA E MODALITA' ESECUTIVE DEI SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE, ISOLAMENTO E RISCALDAMENTO.... 2 DESTINAZIONI D'USO....

Dettagli

RESTAURO COPERTURE. DIMENSIONI INTERVENTO (superficie complessiva 343 mq)

RESTAURO COPERTURE. DIMENSIONI INTERVENTO (superficie complessiva 343 mq) RESTAURO COPERTURE DIMENSIONI INTERVENTO (superficie complessiva 343 mq) copertura corpo in elevato copertura abside sinistra copertura abside centrale copertura abside destra copertura muro recinto 210

Dettagli

COMPUTO METRICO COMUNE DI NAPOLI. Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 06/03/2014 IL TECNICO. pag.

COMPUTO METRICO COMUNE DI NAPOLI. Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale OGGETTO: COMMITTENTE: Data, 06/03/2014 IL TECNICO. pag. COMUNE DI NAPOLI pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Restauro delle cappelle laterali e dell'altare centrale Data, 06/03/2014 IL TECNICO PriMus by Guido Cianciulli - copyright ACCA software S.p.A. pag. 2 R

Dettagli

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica Allegati alle NTA A - Allegati sulla qualità architettonica AGGIORNAMENTI: Variante n. 232 approvata con atto di C.C. n. 10 del 24.03.2015 A3 - Disciplinare tecnico per la conservazione e il recupero

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO N 06 RISTRUTTURAZIONE DI MURATURE ESISTENTI. Compreso il disserbamento e la soffiatura con acqua ed aria compressa, previa raschiatura e pulitura delle connessure e successiva

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

MANUALE D'USO. Strutture in fondazione. Strutture secondarie. Travi di fondazione. Solai in latero-cemento SOMMARIO

MANUALE D'USO. Strutture in fondazione. Strutture secondarie. Travi di fondazione. Solai in latero-cemento SOMMARIO SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Strutture in fondazione... 2... 2... 2... 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 Strutture in fondazione... 3... 3... 4... 4 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 6 Strutture in fondazione...

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1)

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1 - Premessa Il presente Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera è relativo dell intervento di ristrutturazione

Dettagli

Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02)

Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02) Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02) In Convenzione con l ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL'IDENTITA SICILIANA

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Perizia tecnica relazione integrativa

Perizia tecnica relazione integrativa Studio di Ingegneria Ing.Vincenzo Sanzone Via Palmerino n 42, Palermo Partita IVA : 05993070829 Email: ing.sanzone@libero.it Perizia tecnica relazione integrativa Condominio Via Selinunte n 9 Palermo,

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. 100 LAVORI DI RECUPERO ALLOGGI DI E.R.P. IN S.PANCRAZIO SAL. (BR)

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO 1 PREMESSA La A.S.P. San Domenico (altrimenti nota come Casa di Riposo San Domenico) intende procedere alla sistemazione della aree esterne dello stesso Istituto al fine di ricavarvi la strada interna

Dettagli

COMUNE. Piano di manutezione

COMUNE. Piano di manutezione COMUNE Piano di manutezione 1 Sommario 1 INTRODUZIONE pag. 2 2 ANAGRAFICA DELL OPERA pag. 3 3 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMMOBILE pag. 4 4 IL PIANO DI MANUTENZIONE pag. 5 5 INDIVIDUAZIONE CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Tullio, 24 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

LEZIONE 1 14 ottobre 2009

LEZIONE 1 14 ottobre 2009 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria DASTEC Dipartimento Arte Scienza e Tecnica del Costruire Facoltà di Architettura CORSO DI LAUREA IN ARCHITETTURA QUINQUENNALE LM-4 Laboratorio di

Dettagli

Aprì il 1781 al Teatro Valle con Il pittore parigino; in quest'anno si ebbe anche il primo libretto del Metastasio musicato da Cimarosa: si tratta

Aprì il 1781 al Teatro Valle con Il pittore parigino; in quest'anno si ebbe anche il primo libretto del Metastasio musicato da Cimarosa: si tratta CIMAROSA DOMENICO Aversa, 17 dicembre 1749 Venezia, 11 gennaio 1801 è stato un compositore italiano, uno degli ultimi grandi rappresentanti della Scuola musicale napoletana. Fu una delle figure centrali

Dettagli

Normativa rispettata. Unità tecnologiche ed elementi.

Normativa rispettata. Unità tecnologiche ed elementi. Normativa rispettata. Il seguente "Piano di Manutenzione", riguardante le strutture, è stato redatto in conformità alla normativa vigente in materia e riportata di seguito: 1. D.Lgs 163/2006, "Codice dei

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico N art. DESCRIZIONE Unità di Misura PREZZI UNITARI 1 2 3 4 5 6 Opere di installazione di cantiere

Dettagli

LA SICUREZZA NEL CONDOMINIO

LA SICUREZZA NEL CONDOMINIO ANACI CONVEGNO ORGANIZZATO NELL AMBITO DI ENERGYMED 2011 LA SICUREZZA NEL CONDOMINIO (nel rispetto della qualità dell ambiente ed all insegna del risparmio energetico) Napoli - Mostra d Oltremare 16 aprile

Dettagli

Relazione finale di Restauro

Relazione finale di Restauro Relazione finale di Restauro Lavori di restauro dei soffitti decorati Palazzo Pace Via Schioppettieri, n 11 Palermo Direttore Lavori Restauratori Anna Badagliacca Maria Teresa Caruso Daniela D Angelo Giorgia

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fa 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Manzoni, 18 - MANIAGO (PN) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via D Aronco, 9 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

versus strutture intelaiate in c.a.

versus strutture intelaiate in c.a. Costruire oggi: muratura portante versus strutture intelaiate in c.a. DI M. Boscolo Bielo Godega di S. Urbano (TV) L analisi dei costi per la realizzazione di un edificio per il terziario a Godega di S.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA PER IL PROGETTO DI RICOSTRUZIONE DEL TEATRO A. GALLI Relazione Illustrativa Progetto di ricostruzione Teatro A. Galli- pag. 1/9 RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DI RICOSTRUZIONE DEL

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE

ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI TURRIACO ADEGUAMENTO DEL COMPLESSO SCOLASTICO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE GENERALE Indice

Dettagli

Piano di Manutenzione SOMMARIO

Piano di Manutenzione SOMMARIO SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Travi in legno... 2 Travi in acciaio... 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 Travi in legno... 3 Travi in acciaio... 5 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 8 Travi in legno... 8 Travi in

Dettagli

Diocesi di Reggio Emilia Guastalla

Diocesi di Reggio Emilia Guastalla Diocesi di Reggio Emilia Guastalla Sisma maggio 2012 Edifici di Culto Scheda sintetica di valutazione dei danni oggetto: Quadro economico riassuntivo (da allegare alla relazione tecnica) Noi sottoscritti

Dettagli

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA

ORATORIO BIONDETTI VENEZIA ORATORIO BIONDETTI VENEZIA Restauro conservativo elementi lapidei facciate RELAZIONE DI INTERVENTO 1 Descrizione dell opera da restaurare L Oratorio Biondetti è sito in Campo San Vio a Venezia. La sua

Dettagli

Napoli - Museo e Certosa di san Martino RELAZIONE TECNICA E SPECIALISTICA DELLE OPERE ARCHITETTONICHE

Napoli - Museo e Certosa di san Martino RELAZIONE TECNICA E SPECIALISTICA DELLE OPERE ARCHITETTONICHE Napoli - Museo e Certosa di san Martino RELAZIONE TECNICA E SPECIALISTICA DELLE OPERE ARCHITETTONICHE FACCIATA MONUMENTALE SU LARGO SAN MARTINO E VIA TITO ANGELINI E CHIESA DELLE DONNE Il Largo san Martino,

Dettagli

REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona)

REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona) REGIONE VENETO Comune di Valeggio sul Mincio (Provincia di Verona) LAVORI DI RECUPERO DL SOTTOTETTO DELLA SCUOLA PRIMARIA C. COLLODI LOTTO 1 CODICE 08-2001/1 OPERE EDILI PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

LISTA DELLE CATEGORIE DI LAVORO E FORNITURE PREVISTE PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO

LISTA DELLE CATEGORIE DI LAVORO E FORNITURE PREVISTE PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO Via Provinciale, 4 52010 Ortignano tel. uff. 0575/539214. e-mail geometragrieco@casentino.toscana.it LISTA DELLE CATEGORIE DI LAVORO E FORNITURE PREVISTE PER OGGETTO: RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

Dettagli

Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali. e, p.c.

Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali. e, p.c. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione generale per la politica finanziaria

Dettagli

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature Ruredil Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature murature Ripristino Consolidamento DISSESTO Le strutture in muratura sono organismi complessi, i cui diversi componenti devono essere presi

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

Si è verificato che le coperture della chiesa appaiono in buone condizioni ad eccezione dei punti di deflusso e raccolta delle acque piovane foto 2.

Si è verificato che le coperture della chiesa appaiono in buone condizioni ad eccezione dei punti di deflusso e raccolta delle acque piovane foto 2. Presentazione 1. L oggetto della tesi è lo studio della parete sud della Basilica di Santa Maria Assunta in Carignano a Genova. 2. Abbiamo creato un contenitore di archiviazione in formato PDF di tutte

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

Edificio per abitazioni

Edificio per abitazioni R. Del Monaco Edificio per abitazioni Via Cavalieri del santo sepolcro 6, Milano 1962 1965 LUIGI CACCIA DOMINIONI I prospetti presi in oggetto sono a pianta rettangolare dell inizio degli anni sessanta,

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9 Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Frascati Roma PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Miglioramento sismico di edificio in muratura COMMITTENTE: Data, IL TECNICO Pagina 1 Manuale di

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Comune di Ancona Lavori di: Ristrutturazione e manutenzione di edificio in zona centrale Esecutore: Impresa Bianchi Costruzioni COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Il Progettista: Bianchi Mario Computo: Descrizione:

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.R.G. INTEGRAZIONE DELLA SCHEDATURA DEL CENTRO STORICO Redatto da: Zanolini arch. Paola Data: Prima Adozione: Adozione Definitiva:

Dettagli