L'USO DEI SOCIAL NETWORK NELLA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI INSEGNANTI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'USO DEI SOCIAL NETWORK NELLA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI INSEGNANTI."

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI FORMATIVI TESI DI LAUREA L'USO DEI SOCIAL NETWORK NELLA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI INSEGNANTI. IL CASO DI Relatore: Prof. GIUSEPPE TACCONI Correlatore: Prof. GIOVANNI MARCONATO Laureanda: MARICA PRENDIN ANNO ACCADEMICO

2 2

3 Indice Introduzione...5 Capitolo Web ed e-learning Dal web al web Dall'e-learning all'e-learning Risorse dell'e-learning Il blog Il wiki Il social networking Quali opportunità di apprendimento sono supportate dagli strumenti del web 2.0? L'apprendimento collaborativo Incidental e serendipitous learning E-learning 2.0 e formazione degli insegnanti La formazione degli insegnanti nell'epoca del web Social network per insegnanti: esempi applicativi Conclusione Capitolo Fare ricerca su ambienti di apprendimento La metrica e il computer data logging La social network analysis Il metodo netnografico L'analisi conversazionale e l'analisi del contenuto L'approccio fenomenologico ed il metodo grounded Conclusione Capitolo La ricerca: il caso di La Scuola Che Funziona Il contesto della ricerca Obiettivi della ricerca Cornice epistemologica e metodo della ricerca Le fasi della ricerca

4 Fase di esplorazione Fase di raccolta e di analisi dei dati I risultati Le caratteristiche del social network Il senso della partecipazione ad un social network Dubbi e visioni sfavorevoli Speranze Conclusione Conclusione generale...83 Allegati Bibliografia

5 Introduzione Introduzione Questo lavoro nasce in seguito alla mia esperienza di tirocinio di laurea specialistica nell'ambito del social network La Scuola Che Funziona, una piattaforma on-line di incontro, condivisione e scambio di esperienze connesse alla pratica di insegnamento col fine esplicito di migliorare la scuola e il fare scuola. Tale esperienza mi ha spinta a riflettere sul potenziale formativo dello strumento social network nell'ambito di quello che è stato definito, dall anno 2005 da Tim O Reilly, fondatore dell'o'reilly Media e sostenitore del movimento a favore del free software e open source, web 2.0, ovvero «un'evoluzione dei sistemi di comunicazione, informazione e scambio tra gli utenti della Rete, attraverso strumenti quali blog 1, wiki 2, social bookmarking 3 e social network 4» (O'Reilly, 2007, p.17). Quello tra web e web 2.0 è un passaggio fondamentale, che ha segnato lo spostamento dalla centratura sui contenuti alla centratura sull'utente della rete, non limitato nelle sue possibilità alla fruizione passiva delle risorse sul web, ma libero di catalogare e condividere risorse, partecipare spontaneamente a reti sociali e professionali, inserire contenuti e co-costruire artefatti e prodotti. A fronte di queste sollecitazioni, anche la formazione on-line si è interrogata sull utilizzo del web 2.0, provando a definire un nuovo modello didattico: il cosiddetto e-learning 2.0. Si tratta di una declinazione formativa del nuovo modo di concepire e fruire la rete, una forma di e-learning che meglio si coniuga con la natura intrinsecamente sociale di essa (Bonaiuti, 2006). 1 Un blog è un sito web, generalmente gestito da una persona o da un ente, in cui l'autore (blogger) pubblica più o meno periodicamente, come in una sorta di diario on-line, i propri pensieri, opinioni, riflessioni, considerazioni ed altro, assieme, eventualmente, ad altre tipologie di materiale elettronico come immagini o video. 2 Un Wiki è un sito web (o comunque una collezione di documenti ipertestuali) che viene aggiornato dai suoi utilizzatori e i cui contenuti sono sviluppati collaborativamente da tutti coloro che vi hanno accesso. La modifica dei contenuti è aperta, nel senso che il testo può essere modificato da tutti gli utenti (a volte soltanto se registrati, altre volte anche anonimi) contribuendo non solo per aggiunte, ma anche cambiando e cancellando ciò che hanno scritto gli autori precedenti. 3 Il social bookmarking è un servizio basato sul web, dove vengono resi disponibili elenchi di segnalibri (bookmark) creati dagli utenti. Questi elenchi sono liberamente consultabili e condivisibili con gli altri utenti appartenenti alla stessa comunità virtuale. 4 Una rete sociale (in inglese social network) consiste in un qualsiasi gruppo di persone connesse tra loro da diversi legami sociali. Si tratta di una rete fisica, nonostante il concetto più recentemente sia stato applicato al web. 5

6 Introduzione Da oltre due decenni si è assistito alla crescita esponenziale del fenomeno e-learning, termine riferito in senso ampio all'offerta di servizi di formazione fruibili attraverso le tecnologie. Grazie alla diversità e alla versatilità delle modalità disponibili, soprattutto da un punto di vista economico ed organizzativo, e grazie ai molteplici ambiti di applicazione, le aspettative di sviluppo sono state molto elevate. Da sempre gli aspetti economici e organizzativi sono considerati uno degli elementi chiave a favore della sostenibilità dell e-learning. E noto, tuttavia, che, per garantire apprezzabili livelli qualitativi, tali elementi non devono essere anteposti a quelli più specificatamente legati alla dimensione didattico-pedagogica (Marconato, 2003). Quando questo accade, la scelta dell approccio pedagogico finisce con l essere fortemente condizionata e convogliata verso un e-learning basato prevalentemente sullo studio individuale (e spesso passivo) di materiali didattici, modello prevalente fino all'inizio del XXI secolo. Tali soluzioni, benche ritenute generalmente più economiche (in termini sia di costi sia di tempo), quasi sempre limitano il livello qualitativo del processo di apprendimento in quanto lo privano dell altra sua dimensione chiave, quella sociale (Renzi, 2007). Si tratta di un aspetto particolarmente sentito in tutti quei contesti in cui la formazione non sia solo a carattere meramente addestrativo, quanto piuttosto finalizzata all acquisizione di conoscenze e competenze professionali di alto profilo. In questi casi, infatti, diventa strategico impostare il processo di apprendimento sia sull interazione verticale con esperti e specialisti di settore, sia su quella orizzontale fra gli stessi partecipanti all evento formativo, in modo da permettere uno sviluppo professionale basato sullo scambio di esperienze e buone pratiche. Favorire la dimensione sociale dell apprendimento anche nell e-learning significa pertanto vedere la rete non solo come veicolo per la distribuzione di e-content ma, soprattutto, come risorsa in grado di favorire l interazione a distanza fra tutti gli attori del processo formativo e, attraverso di essa, la condivisione e co-costruzione di conoscenza, intenti alla base dell'e-learning 2.0. Tema centrale di questa nuova declinazione dell'e-learning è quello delle comunità online, generate nell'ambito dei social media, applicazioni tipiche del web e dell'elearning di ultima generazione. 6

7 Introduzione Nel mondo fisico le comunità sono in genere gruppi di persone tenute insieme da una qualche identità comune o da qualche interesse; lo stesso vale per le comunità virtuali oppure on-line che, allo stesso modo, sono composte da persone con un'identità comune o unite da uno scopo o da interessi condivisi. Questo interesse o intento condiviso offre una forte base per i membri della comunità per costruire relazioni in cui essi possano imparare gli uni dagli altri, con un forte impatto sulla propria crescita, sulla società o la cultura che li circonda (Calvani, 2005). L'uso formativo dei social media, in particolare dei social network, è stato oggetto di approfondimento e di riflessione in diversi contributi scientifici (si vedano ad esempio Greenhow, 2011; Formiconi, 2011; Bruni, 2011); l'analisi approfondita della letteratura mette però il luce scarsi contributi riferiti nello specifico all'uso di tali strumenti nella formazione e nello sviluppo professionale, in particolare degli insegnanti, temi il cui approfondimento ho ritenuto essere particolarmente interessante, facendone oggetto di questo mio elaborato. A partire da tali premesse, il presente elaborato si propone di favorire alcune riflessioni sulle nuove applicazioni dell'e-learning 2.0 e sui possibili impieghi formativi dello strumento social network, cercando di dimostrarne l'adeguatezza nel favorire processi di autoapprendimento e apprendimento collaborativo, al fine di supportare lo sviluppo professionale dei docenti. A partire da alcune considerazioni sui possibili approcci di studio alle reti sociali online, sarà presentata un'analisi del social network La Scuola Che Funziona. L'elaborato, attraverso il metodo netnografico 5 e dell'analisi del discorso, guidati dal paradigma fenomenologico e della grounded theory, si propone principalmente di indagare dall'interno, partendo dall'osservazione delle interazioni, delle discussioni, dei contenuti e dei progetti attivati sulla piattaforma del network e analizzando le testimonianze dei soggetti membri della comunità di La Scuola Che Funziona, la percezione che essi hanno circa la propria partecipazione alle attività del network, riflettendo sulle caratteristiche che rendono formativa questa esperienza in relazione al proprio sviluppo professionale di docenti. 5 La netnografia, letteralmente etnografia dell'internet, è un metodo di ricerca qualitativa funzionale ai social media. Target privilegiato è la web tribe, intesa come aggregato conversazionale situato nel contesto digitale dei social media che si coaugula attorno a temi di interesse comune alla comunità. Per approfondimenti, si veda Kozinets 2010; 2010b. 7

8 8

9 Capitolo 1 Capitolo 1 Web ed e-learning 2.0 In questo capitolo verranno brevemente percorse le fasi principali che hanno caratterizzato il passaggio da web a web 2.0. L'attenzione sarà in secondo luogo focalizzata sullo sviluppo delle pratiche di e-learning, considerando il passaggio paradigmatico da una prospettiva basata su proposte formative standardizzate, all'idea di strumenti e ambienti di apprendimento centrati sul soggetto. Saranno descritti alcuni strumenti tipici del web di seconda generazione, come il blog, il wiki e il social networking, applicazioni social software (o social media) principalmente utilizzate per interagire, incontrarsi in ambienti virtuali e creare comunità on-line. Sarà condotta una riflessione sulle possibili opportunità di apprendimento supportate da questi strumenti social software, dal momento che essi sono possibili risorse per l'e-learning 2.0. Infine verranno considerate le applicazioni dell'e-learning 2.0 alla formazione degli insegnanti, indagando in particolar modo il campo dei social network specificatamente dedicati agli insegnanti Dal web al web 2.0 In questo paragrafo verranno brevemente analizzate le trasformazioni e gli sviluppi del web verso il web di seconda generazione, cercando di mettere in luce le principali linee di sviluppo e le criticità che hanno favorito questo passaggio. Il World Wide Web è un'applicazione relativamente recente nella storia della rete. Internet nacque il 29 ottobre 1969, giorno in cui venne sperimentata con successo la prima comunicazione in remoto tra computer appartenenti a due istituti universitari: la Stanton University di San Francisco e l'ucla di Los Angeles. Negli anni Settanta e Ottanta Internet fu una rete sperimentale, alla quale aveva accesso un gruppo ristretto di informatici e ricercatori universitari che svilupparono molteplici applicazioni inutilizzabili dalla maggior parte degli attuali utenti, dal momento che il loro utilizzo richiedeva la conoscenza di complicati formalismi. A partire dalla metà degli anni Novanta ci fu un importante cambiamento di rotta. La liberalizzazione della rete e la facilità di accesso a risorse informative e funzionalità 9

10 Capitolo 1 attraverso il Web, consentirono una rapida affermazione di Internet. Allo sviluppo di Internet contribuirono le sperimentazioni del CERN (Centro Europeo per la Ricerca Nucleare) che lo utilizzava per condividere documenti tecnici. La soluzione al problema dell'organizzazione della conoscenza scientifica in una comunità estesa e flessibile come quella del CERN venne trovata da Tim Berners Lee, un giovane programmatore che sviluppò un sistema di gestione e organizzazione dei documenti attraverso l'utilizzo di collegamenti (link) in grado di riprodurre il modo di associare idee e concetti tipico della mente umana (Bonaiuti, 2006, pp ). Il browser, programma ideato per navigare nell'insieme delle pagine Web attraverso i collegamenti ipertestuali, divenne ben presto il dispositivo principale per accedere ai servizi sul Web e, con l'aggiunta di plug-in (dispositivi che permettono al browser di estendere le proprie funzionalità), per visualizzare file di formati diversi, come animazioni, audio e video. Le potenzialità offerte dalla rete, assieme all'acquisita semplicità di utilizzo del Web, diedero ben presto luogo a una rapida diffusione dei servizi connessi a internet e a una crescita esponenziale degli utenti (figura 1.1). La fulminea diffusione della rete, in particolare nel biennio , sviluppò forti aspettative sia sul piano economico che su quello dello sviluppo e dell'innovazione. Le aziende operanti nel nuovo mercato catalizzarono gli interessi degli investitori, i quali si affidarono a congetture legate all'attesa di ritorni economici relazionati all'espansione esponenziale della rete. Le aspettative di aziende e investitori non vennero soddisfatte; al termine del 2001, assieme al crollo delle borse, e in particolare dei listini tecnologici, in molti hanno ritenuto prematuramente conclusa l'esperienza di internet (Bonaiuti, 2006, pp ). Successive analisi più approfondite si sono spinte alla ricerca delle caratteristiche distintive della rete e quindi dei motivi della crisi del web di prima generazione. In particolare, ci si è interrogati sulla specificità e le caratteristiche dei servizi di successo il quale, come evidenziato da O'reilly (2005), non è tanto determinato dall'efficacia delle campagne di marketing o da particolari sforzi finanziari, quanto dalla capacità dei servizi di interpretare correttamente le specificità della rete. Tali caratteristiche sono quelle che oggi vengono indicate come elementi di forza del web 2.0 (Bonaiuti, 2006). 10

11 Capitolo 1 Crescita degli utenti Internet Utenti (milioni) Anno Figura 1.1 Grafico elaborato sulla base di dati rilevati dall'international Telecommunication Union (ITU). Sono state date numerose definizione di web 2.0. Secondo Wikipedia il termine è associato ad «applicazioni che facilitano la condivisione partecipativa di informazioni, l'interoperabilità, il design centrato sull'utente e la collaborazione sul World Wide Web. Un sito web 2.0 consente agli utenti di interagire e collaborare tra loro in un dialogo [...] come creatori (prosumers) di contenuti in una comunità virtuale, in contrasto con siti web in cui gli utenti (consumatori) sono limitati alla visione passiva di contenuti» 6. Il web 2.0 nasce dalla constatazione di due elementi: il primo è che il valore della rete non sta tanto nella tecnologia, quanto nei contenuti e nei servizi; il secondo è che la forza della rete è rappresentata soprattutto dai suoi utenti, termine peraltro rivisitato in quanto rivelatore di una visione gerarchica, commerciale e asimmetrica. La rete è piuttosto costituita da soggetti, attori che partecipano e popolano uno spazio sociale paritetico (Bonaiuti, 2006, pp ). La valorizzazione della dimensione sociale della 6 Definizione recuperata da Wikipedia (http://en.wikipedia.org/wiki/web_2.0), l'enciclopedia libera versione inglese, il 12 ottobre

12 Capitolo 1 rete, attraverso strumenti in grado di facilitare l'interazione tra individui attivi, creatori di contenuti e servizi, è dunque l'idea caratterizzante la nuova generazione del web. Dal punto di vista tecnologico le applicazioni del web 2.0 non presentano innovazioni eclatanti; molte delle soluzioni, come i wiki e i blog, utilizzano tecniche già disponibili da almeno una decina di anni per la condivisione di informazioni e di applicazioni. La vera innovazione è rappresentata piuttosto dall'affermazione su larga scala di queste modalità; in altre parole, è stata recuperata l'idea che ha mosso sin dagli albori internet, restituendo a ciascuno la possibilità di essere al contempo fruitore e costruttore della rete (Bonaiuti, 2006, pp ). La riscoperta dell'importanza dell'accesso da parte di tutti alla costruzione della rete è uno dei capisaldi del web 2.0, il quale pone l'accento sui social media, o social software, cioè su tutte quelle applicazioni che consentono agli individui di incontrarsi, interagire e collaborare in rete e, in particolare, di creare comunità on-line. Oltre alla creazione condivisa di contenuti, tali applicazioni favoriscono la pubblicazione, classificazione e indicizzazione di informazioni, in maniera da renderle facilmente disponibili a beneficio della comunità Dall'e-learning all'e-learning 2.0 Questo paragrafo sarà dedicato all'analisi delle fasi che hanno caratterizzato la storia dell'e-learning, segnando il passaggio da esperienze caratterizzate dalla trasposizione di modelli didattici pensati per contesti tradizionali, a nuove soluzioni e modalità operative (il cosidetto e-learning 2.0) centrate sul soggetto e sul processo di apprendimento. Uno dei fenomeni più interessanti del web è stato, a partire dalla fine degli anni Novanta, l'e-learning. Il termine, abbreviazione di electronic learning, può essere tradotto letteralmente apprendimento elettronico ed indica in senso ampio l'offerta di servizi di formazione fruibili attraverso le tecnologie. In particolare l'e-learning sfrutta le potenzialità della rete per fornire, in modalità sincrona e/o asincrona, l'accesso a contenuti o relazioni formative in qualsiasi momento o in ogni luogo in cui esista una connessione. Il mercato mondiale dell'e-learning presenta tassi di crescita esponenziale 7. In Europa la 7 Il passaggio è da 6,6 mld di dollari investiti nel 2002 a 23,7 mld nel 2006 con valori, per il solo mercato europeo, di 3,9 miliardi di dollari nel 2004, più di dieci volte dall'inizio del 2000 (IDC, 2004). 12

13 Capitolo 1 diffusione dell'e-learning viene facilitata anche da specifici interventi dell'unione Europea che, ritenendolo un importante mezzo per favorire la democratizzazione e l'ampliamento delle opportunità di accesso all'istruzione, lo inserisce tra le azioni fondamentali per lo sviluppo dell'information Society (Commissione delle Comunità Europee, 2001). Accanto alle aspettative e ad alcuni importanti successi, si sono succeduti anche eventi di segno opposto. In sintesi, uno dei principali problemi della gran parte delle esperienze svolte nei primi anni di diffusione dell'e-learning è da ricercarsi principalmente nella distanza tra aspettative e risultati a causa di una sopravvalutazione degli aspetti tecnologici e, dall'altro lato, della scarsa efficacia delle strategie didattiche adottate. La gran parte delle proposte metodologiche, più in particolare, si sono di fatto limitate a riprodurre in rete dinamiche pensate per l'aula (Marconato, 2009). Sembra dunque esserci stata un'insufficiente comprensione delle specificità degli ambienti per la formazione in rete, il cui punto di forza risiede soprattutto nella possibilità di sviluppare la collaborazione tra individui (Bonaiuti, 2006). L'e-learning è stato concepito come un modo per erogare velocemente corsi on-line, con centralità posta sui contenuti, senza chiedere al soggetto di confrontarsi con attività formative articolate in cui fosse rilevante anche la dimensione della ricerca attiva e della partecipazione sociale. Ancora oggi l'utente si trova spesso a consultare materiali didattici preconfezionati mostrando così che il punto a cui siamo arrivati oggi nella formazione on-line non è troppo dissimile da ciò che era disponibile prima della rete. Naturalmente l'e-learning non si riduce ai modelli erogativi; si sono sviluppate anche esperienze centrate sull'interazione tra partecipanti e tra utenti e tutor, basate su modelli che prevedono la collaborazione tra pari, il coinvolgimento dei partecipanti e un conseguente spostamento del focus verso obiettivi operativi quali l'integrazione di conoscenza, la progettazione o la produzione di nuove soluzioni. Anche in questi casi però, è importante considerare le modalità con cui le esperienze vengono concepite e realizzate; spesso vengono impostati obiettivi, tempi, ruoli e risorse predefiniti e le piattaforme, anche se caratterizzate dalla presenza di funzioni per la comunicazione e la collaborazione, impongono la propria rigidità operativa (Bonaiuti, 2006). Uno dei fattori di successo per i servizi offerti in internet è la capacità di rispondere, in maniera flessibile ed efficace, alle esigenze dei soggetti. Ciò vale a maggior ragione per 13

14 Capitolo 1 l'e-learning, in riferimento al quale è importante comprendere l'atteggiamento e le abitudini operative degli utenti. L'interattività è la modalità prevalente con la quale ci si relaziona con i media e la consapevolezza di questo aspetto è alla base di quello che è stato recentemente definito e-learning 2.0 (cfr. Downes, 2005). La prima fase dell'e-learning, come abbiamo visto, è stata caratterizzata dall'uso di piattaforme tecnologiche sia per esperienze collaborative che per attività erogative, comunque prevedendo una netta demarcazione tra il momento e lo spazio della formazione e l'esterno e applicando modelli tipici della tradizionale formazione in presenza. Il problema, e quindi il limite di questo approccio, oltre all'imposizione di tempi, obiettivi e modalità operative, è quello della distanza imposta tra il setting artificiale della formazione elettronica e le situazioni della vita in cui si sviluppano forme spontanee di apprendimento (Bonaiuti, 2006). L'e-learning 2.0 si pone invece l'obiettivo di recuperare le potenzialità insite nelle modalità spontanee e informali di apprendimento; inoltre esso rappresenta l'occasione per ripensare la formazione in rete tornando alla natura della rete, per definizione aperta, non gerarchica e per sua essenza relazionale. Giovanni Bonaiuti, nel suo testo Elearning 2.0 sottolinea come un concetto chiave alla base delle esperienze di e- learning 2.0 sia quello di integrazione, non solo tra soggetti e tra diverse risorse formative, ma, in particolare con la riscoperta della rete come contesto naturale per lo sviluppo di social networking, tra sfera individuale e sociale e tra apprendimento formale ed informale. Questo obiettivo si realizza con il passaggio da una concezione della formazione di tipo statico, caratterizzata da un idea tradizionale di trasmissione della conoscenza, ad una concezione maggiormente centrata su due elementi fondamentali: l utente ed il gruppo (Penna et al., 2009). L utente viene ora visto come un progettista consapevole del proprio apprendimento, cioè colui che si confronta con i problemi della costruzione del percorso di conoscenza. Diventa pertanto strategica la capacità di vagliare la disponibilità e le opportunità di apprendimento in relazione alle proprie necessità formative, operando e selezionando in rapporto alle altre caratteristiche sulle quali l apprendimento va progettato: esigenze di studio, apprendimento e perfezionamento di capacità e competenze professionale, interessi culturali. 14

15 Capitolo 1 Il secondo elemento, la gruppalità, viene sempre più visto e inteso come l ambiente facilitatore e amplificatore del processo formativo, dove il singolo costruisce il percorso di senso nell interazione (Penna et al., 2009). Il passaggio da e-learning a e-learning 2.0 comporta un vero e proprio cambiamento di paradigma, ossia lo scostamento da una prospettiva basata sul paradigma razionalistainformazionista di ispirazione comportamentista (cfr. Laici, 2007), incentrato sul concetto di proposta formativa standardizzata e sulla trasmissione collettiva (da uno a molti) di contenuti codificati, all'idea di strumenti centrati sul soggetto, che concepiscano il web come uno spazio di apprendimento, di costruzione di identità e di ricomposizione dei diversi ambiti del sapere individuale, da quelli più marcatamente formali a quelli informali. In questo caso, i paradigmi di riferimento sono quello sistemico-interazionista di ispirazione cognitivista, che considera la conoscenza come processo di ricerca e costruzione di senso (ibidem) e, soprattutto, quello costruttivistasociale, al quale si ispirano modelli di e-learning in cui «si privilegia prevalentemente l'aspetto relazionale e collaborativo nella costruzione della conoscenza e si cercano di proporre percorsi in cui sia possibile sperimentare attività collaborative in comunità di apprendimento e in gruppi di apprendimento on-line» (idem, p. 39). L'approccio learner-centred produce un scostamento dalle esperienze basate sui virtual learning environment, ambienti di apprendimento caratterizzati da corsi con programma, modalità e contenuti specifici, verso esperienze che consentono ad ogni soggetto la costruzione attiva della propria formazione e del proprio ambiente di apprendimento (personal learning environment), del quale fanno parte sia esperienze e conoscenze già maturate, sia la fitta rete di connessioni che il soggetto intesse e ha intessuto con gli altri (Bonaiuti, 2006). A tale scopo essenziali sono diversi dispositivi, dai sistemi di produttività individuale, software che riproducono essenzialmente gli strumenti e le funzioni installate sul proprio computer, ai sistemi per la condivisione di risorse, fino a sistemi di comunicazione e per la costruzione di reti di conoscenza. Tra le applicazioni classiche per la condivisione di conoscenze troviamo i forum, affiancati recentemente dai blog e dai wiki, i quali nascono proprio con l'obiettivo di fornire supporto alla condivisione e co-costruzione di conoscenze (Bonaiuti, 2006). A questi prodotti si sono recentemente affiancate le tecnologie per il social networking, 15

16 Capitolo 1 il cui scopo principale è quello di interconnettere le persone attraverso una serie di legami. Un aspetto interessante riguarda la possibilità, attraverso queste interconnessioni, di aggregare comunità virtuali interessate a discutere e a lavorare sugli stessi temi, condividendo esperienze ed attività. Tali strumenti possono essere integrati negli ambienti di apprendimento on-line consentendo di condividere le proprie esperienze in comunità di collaborazione in cui si elaborano sia prodotti propri di conoscenza, sia prodotti costruiti in modo condiviso. Appare evidente la centralità della dimensione relazionale. Le relazioni tra gli utenti, la possibilità di discutere, condividere e costruire conoscenza in modo collaborativo sono le prospettive aperte dell e-learning 2.0. Pertanto, a caratterizzare l e-learning di seconda generazione è l importanza della partecipazione sociale che i nuovi strumenti del web permettono, in quanto consentono la comunicazione e permettono di far provare un apprendimento di natura sociale (Calvani, 2005). Centrale è il concetto di comunità (Calvani, 2005; Wenger, 2006), nella quale l apprendimento si configura come evento sociale che non cessa di realizzarsi perche non obbligato entro i limiti temporali della durata del corso. L accento è posto non solo sulla fruizione individuale quanto sulla collaborazione e condivisione, le quali modificano lo stesso processo di produzione e di attribuzione di senso in riferimento ai contenuti e alle informazioni. Da un punto di vista metodologico, l efficacia degli strumenti dell e-learning 2.0 si basa proprio sulla possibilità di sviluppare e sfruttare le comunità. La formazione della community, sulla quale si fonda l utilizzo del software sociale, si basa sul modello delle Bottom-Up Communities ossia quelle realtà dove i membri della comunità, avendo un'elevata facoltà decisionale e una forte autonomia progettuale, concordano gli obiettivi e l organizzazione dei contenuti (Penna et al., 2009). Questo modello si contrappone a quello delle Top-Down Communities, un sistema nel quale status e compiti sono decisi rigorosamente da un'autorità di controllo e regolamentati da propri dispositivi software, tendenza prevalente nella prima generazione di e-learning. Il modello del social software rinvia alla realizzazione e conduzione dinamica di contenuti da parte di tutti i membri partecipanti a processi formativi. Gli ambienti formativi divengono in questo modo social environment, strutture che sono sviluppate, 16

17 Capitolo 1 coordinate e trattate dalle comunità dei partecipanti. L elemento di successo sembra essere rappresentato dal coinvolgimento degli utenti mediante spazi collaborativi come le comunità virtuali di apprendimento, tramite le connessioni rese possibili dai social network Risorse dell'e-learning 2.0 Come già accennato sopra, esistono strumenti tipici del web 2.0 che possono essere considerati la base per sviluppare esperienze di e-learning di seconda generazione. Si tratta di strumenti i cui nomi sono ormai entrati a far parte del linguaggio comune, come blog, wiki, social network, file sharing, instant messaging e altri, chiamati generalmente social software, ossia applicazioni che consentono alle persone di interagire, incontrarsi, collaborare e creare comunità on-line (Laici, 2007). Sebbene tali applicazioni originariamente non siano state pensate specificatamente in riferimento ad esperienze di apprendimento elettronico, le loro caratteristiche le rendono possibili risorse per attività di e-learning di seconda generazione. Nei successivi paragrafi cercherò di descrivere brevemente alcuni di questi strumenti, riflettendo su come possano diventare risorse per l'e-learning Il blog Il termine blog deriva dalla contrazione di Web log, ossia traccia su rete, ed è stato utilizzato per la prima volta nel 1997 (Fini, 2006). Oggi quello del blog è diventato un fenomeno molto esteso (al mondo ne esistono più di settanta milioni) con diverse declinazioni; esistono infatti blog personali, politici, di attualità e tematici. I blog vengono usualmente definiti come una sorta di diari on-line che permettono di scrivere riflessioni, pensieri e testi in pagine web, senza dover possedere particolari conoscenze tecniche o informatiche (Laici, 2007). Si tratta di strumenti di facilitazione della scrittura la cui peculiarità è che il blogger, l'autore del blog, diventa prosumer, dalla contrazione di producer-consumer, ovvero al tempo stesso lettore e autore di contenuti. Secondo Fini (2006) il blog è l'applicazione che segna più di altre il passaggio dal web read only al web read-write, sottolineando la centralità della persona 17

18 Capitolo 1 utilizzatrice e creatrice degli strumenti e contenuti del web. Un'altra interessante caratteristica dei blog è l'apertura ai commenti di altre persone, le quali, connettendosi e commentandosi reciprocamente, entrano in una rete di connessioni, alla base del funzionamento del blog. La possibilità di entrare in relazione sui blog è facilitata da strumenti specifici, come la blogroll, ossia una sezione del blog in cui vengono segnalati altri blog preferiti o vengono inseriti link automatici ad altri blog attraverso il trackback, ovvero un sistema che segnala al blogger che un suo articolo è stato citato all'interno di un altro blog (Laici, 2007). In questo modo è possibile creare una rete di articoli legati ad argomenti affini, i quali permettono non solo di approfondire determinati temi di interesse, ma anche di assistere all'emersione di differenti punti di vista sul tema stesso, espressi da altri prosumers in differenti blog. Questo può essere considerato un esempio di intelligenza collettiva e connettiva (cfr. Sorrentino e Paganelli, 2006), la quale si espande, stimolando pensiero riflessivo, pensiero critico, capacità metacognitive e forme di creatività condivisa in rete, aprendo prospettive di sviluppo anche di comunità di apprendimento e di pratica (cfr. Wenger, 2006). I blog sono quindi un'importante risorsa per l'e-learning 2.0 in quanto in essi la persona è attiva e produttiva nell'utilizzo della rete; inoltre supportano l'integrazione degli aspetti formali e informali dell'apprendimento, che abbiamo visto essere uno dei requisiti fondamentali per proporre una formazione significativa per la persona. Nei blog, infatti, i diversi elementi della vita di una persona possono intrecciarsi, determinando una composizione tra momenti formali e informali, interessi privati e spazi di condivisione, contribuendo a rendere più naturale l'apprendimento (Bonaiuti, 2006). Dal punto di vista formativo è molto interessante anche indagare le potenzialità dei blog come strumenti di narrazione, di autobiografia, di scrittura di se condivisa; l'autore del blog è infatti impegnato in processi di autopresentazione riflessiva in un ambiente pubblico, incontrandosi con altri soggetti in reti sociali via via più estese Il wiki Nell'e-learning di seconda generazione un altro strumento di condivisione e collaborazione è il wiki, ovvero un particolare sito web che permette a più persone 18

19 Capitolo 1 contemporaneamente di modificarne le pagine, quindi di scrivere collaborativamente (Laici, 2007). Wiki wiki deriva da un termine di origine hawaiiana che significa molto veloce ; il termine talvolta è inoltre usato come acronimo dell'espressione inglese What I know is, che descrive la sua funzione di condivisione di conoscenza, oltre che di scambio e immagazzinamento. Il wiki è diventato ormai «l'emblema della modalità di scrittura collaborativa di ipertesti» (Fini, 2006, p.189), dal momento che uno dei suoi utilizzi più diffusi è proprio quello di consentire a più persone di lavorare contemporaneamente su uno stesso insieme di pagine, interconnesse attraverso link ipertestuali. Come per i blog, i wiki si caratterizzano per la facilità di scrittura delle pagine, a differenza dei primi, non hanno però un unico autore, ma molti autori-costruttori che creano i contenuti in modo collaborativo. Dal punto di vista dell'utilizzo formativo, il wiki può essere un valido strumento di condivisione e costruzione collaborativa di conoscenza. La possibilità di costruire collaborativamente un prodotto è infatti una delle attività che dovrebbero essere maggiormente sperimentate nell'e-learning, dal momento che permette di attivare discussioni significative e consente alle persone di confrontarsi e attivare pensiero critico, promuovendo inoltre la negoziazione di significati, la partecipazione e la reificazione, le quali sono, secondo Wenger (2006), tre elementi alla base dello sviluppo di comunità di pratica. Per Wenger l'apprendimento consiste infatti nel negoziare nuovi significati in un'interazione costante di partecipazione e di reificazione, ossia di produzione di entità che danno forma alla nostra esperienza (ibidem). Infine, i wiki sono interessanti anche per la realizzazione di project-work on-line (Laici, 2007). In tal caso, al wiki vero e proprio, vengono affiancati strumenti di comunicazione sincrona ed asincrona, rispettivamente chat e forum, promuovendo un progetto in cui si possano sperimentare la discussione, la negoziazione di significati e la partecipazione dei soggetti finalizzata alla realizzazione collaborativa di un prodotto Il social networking Il concetto di rete sociale affonda le sue radici negli studi di psicologia sociale, di sociologia e antropologia dei primi del Novecento (Si vedano, ad esempio, Simmel, 19

20 Capitolo ; Weber, 1922; Von Wiese, 1933). Una rete sociale consiste in «un qualsiasi gruppo di persone connesse tra loro da diversi legami sociali, dalla conoscenza casuale, ai rapporti di lavoro, ai vincoli familiari» (Wikipedia 8 ). La versione on-line delle reti sociali è quella nota oggi come social networking e si riferisce a una serie di tecnologie o servizi che consentono ai singoli di partecipare a comunità virtuali, basate prevalentemente sugli strumenti di interazione disponibili in rete. Si tratta di un fenomeno articolato, il quale si concretizza in applicazioni in ambito professionale, con la creazione di comunità di colleghi o comunità tematiche, e nell'ambito del tempo libero per scambio di relazioni informali (Fini, 2006 b). Uno dei primi servizi disponibili in rete fu Classmates, partito nel 1995 per consentire la ricerca dei vecchi compagni di scuola. La vera esplosione dei servizi di social networking si è avuta tuttavia dal 2001, quando hanno cominciato a svilupparsi siti come Friendster, Myspace, linkedin e, a partire dal 2004, Facebook (Fini, 2006 b) (figura 1.2). Figura 1.2 I siti che offrono servizi di social networking non utilizzano tecnologie particolarmente 8 Ultima consultazione il 14/10/

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo Quali strategie possono essere applicate con successo nel Life Long Learning, tenendo conto degli scenari attuali? Emerge

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Postscritto all edizione tascabile dell estate 2011 di The World Is Open: How Web Technology Is Revolutionizing Education C U R T I S J. B O N K, P R O F

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli