Rapporto per la Sostenibilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto per la Sostenibilità"

Transcript

1 Rapporto per la Sostenibilità 2007 Progettare il futuro nel rispetto dell ambiente, al servizio dei cittadini.

2

3 2007 RAPPORTO PER LA SOSTENIBILITÀ

4

5 LETTERA DEL PRESIDENTE CAPITOLO 1 IDENTITÀ DEL GRUPPO ATM CAPITOLO 2 SOSTENIBILITÀ ECONOMICO-FINANZIARIA CAPITOLO 3 IL VALORE DEL SERVIZIO CAPITOLO 4 SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE CAPITOLO 5 SOSTENIBILITÀ SOCIALE CAPITOLO 6 IL VALORE DELLE PERSONE 1.1 La Storia di ATM pag Chi è ATM pag I servizi per la mobilità sostenibile pag Il Gruppo ATM pag La necessità di una svolta e la sfida della sostenibilità pag La governance della sostenibilità pag Il sistema delle certificazioni pag Il dialogo con i portatori di interesse pag Andamento della gestione pag Investimenti pag Distribuzione del valore aggiunto pag ATM e le Istituzioni Pubbliche pag ATM e i fornitori pag ATM e i Clienti pag Puntualità e frequenza pag Sicurezza pag Comfort pag Informazione pag Rete di vendita pag Analisi e ricerche di mercato pag Reclami pag ATM e l ambiente pag Risparmio energetico pag Riduzione delle emissioni pag Inquinamento acustico pag Altri impatti ambientali pag L Ecopass pag Accessibilità del servizio pag Partnership tra ATM e Istituzioni pag ATM per la solidarietà pag La collaborazione con le scuole e l Università pag Le attività a sostegno della cultura pag ATM e le Istituzioni internazionali pag ATM e le sue persone pag Comunicazione interna pag Sicurezza sul lavoro pag Formazione e valorizzazione delle risorse umane pag Welfare aziendale pag Relazioni industriali pag. 93 NOTA METODOLOGICA pag. 96

6 ATM è un azienda con una lunga storia alle spalle, con radici profonde nel territorio dove opera, Milano e il suo hinterland, fatta di uomini e donne che lavorano per garantire, ogni giorno, gli spostamenti di oltre 2 milioni persone. Oggi, la sfida è consolidare ciò che è stato costruito in oltre 75 anni e, nello stesso tempo, disegnare un nuovo percorso, porre le basi per una nuova cultura di impresa che sostenga ATM nei suoi progetti di crescita e sviluppo. Il Piano di Impresa , il primo per ATM, è lo strumento che ci siamo dati per governare questo momento di passaggio, molto impegnativo per tutti. Era necessario, infatti, fare un progetto sul medio periodo, individuare obiettivi precisi, stimolare le persone a operare in modo nuovo, puntare sulle tecnologie e sull efficienza dei processi. Solo così potevano emergere le potenzialità che ATM aveva già in sé. Si trattava di valorizzare il know how interno e, nello stesso tempo, aprirsi al mondo, ribadire il nostro ruolo di azienda leader in Italia pronta a confrontarsi con i grandi gruppi europei.

7 La crescita è l elemento chiave del Piano di Impresa. Una crescita sostenibile dal punto di vista economico, finalizzata cioè a creare valore nel tempo, e sostenibile dal punto di vista ambientale, improntata all efficienza energetica e al contenimento delle emissioni. Soprattutto, un nuovo modo di interpretare la missione aziendale: ATM è al servizio dei cittadini, dei suoi clienti, sono loro che fissano le nostre priorità. Le analisi dei risultati delle indagini di customer satisfaction e dei reclami hanno fatto emergere quattro fattori critici della qualità del servizio, fattori che il cliente stesso chiede di presidiare: regolarità, sicurezza, comfort, informazione. Sono stati quindi avviati i progetti per migliorare la regolarità del servizio, aumentare la sicurezza sui mezzi e nelle stazioni, rendere il viaggio più confortevole, potenziare l informazione. Naturalmente, per dare una risposta adeguata ai bisogni del cittadino/cliente, è stato necessario presidiare e rendere efficienti quei processi operativi che impattano direttamente sui livelli di qualità: manutenzione, logistica, sicurezza. Ma non è più sufficiente, per le aziende del settore, coltivare l eccellenza nel solo ambito territoriale in cui operano. La nostra sopravvivenza è legata alla nostra capacità di crescita, intesa come capacità di formulare alleanze, razionalizzare risorse, ottimizzare investimenti, rivolgendosi a bacini più ampi, nazionali e internazionali, a una clientela sempre più vasta, attraverso processi di espansione sia interni che esterni. Al centro si pone l impegno che la città ha preso per l EXPO 2015: un occasione importante che vede di nuovo ATM protagonista del futuro di Milano. Il vero motore di ATM sono le persone, più di ottomila, che quotidianamente lavorano per muovere Milano: sono loro l asset primario del Gruppo. Ad esse il Piano di Impresa dedica particolare attenzione, puntando sullo sviluppo delle competenze, a tutti i livelli dell organizzazione, sulle politiche di crescita professionale, sul potenziamento degli strumenti di ascolto e condivisione delle informazioni. Con il Rapporto per la Sostenibilità abbiamo cercato di raccontare tutto questo, di fotografare la nuova ATM, le idee, i progetti, le azioni che nel 2007 sono state avviate, l inizio di una nuovo percorso per continuare una lunga storia.

8 ATM

9 1 IDENTITÀ DEL GRUPPO ATM

10 1.1 LA STORIA DI ATM Una lunga storia che si rinnova costantemente. Che prende avvio nell ormai lontano 1931, quando diviene azienda autonoma con oggetto l esercizio del servizio tranviario comunale di Milano tanto nell interno della città quanto tra la città e i centri che sono a essa collegati, come recita l articolo 1 del Regolamento comunale. E che prosegue spedita verso il futuro con l impegnativa e lungimirante sfida della sostenibilità, tema cardine anche di EXPO È la storia di ATM, l Azienda Trasporti Milanesi, di proprietà del Comune di Milano, che gestisce oggi il trasporto pubblico del capoluogo lombardo e in 72 Comuni della Provincia, al servizio di un territorio con una popolazione complessiva di 2,6 milioni di cittadini. Negli anni che vanno dal 1931 al 1964 sono principalmente due le tappe che scandiscono l attività di ATM, allora acronimo di Azienda Tranviaria Municipale: il progressivo incremento del trasporto su gomma, sia urbano che interurbano, 1931 ATM diventa azienda autonoma 1964 Inaugurata la linea 1 della Metropolitana 1969 Inaugurata la linea 2 della Metropolitana 1971 Inizia la sperimentazione del Jumbotram 1990 Inaugurata la linea 3 della Metropolitana 1999 ATM diventa Azienda Speciale e assume la nuova denominazione di Azienda Trasporti Milanesi 2000 Presentazione del primo Eurotram Nasce il Radiobus, nuovo servizio a chiamata 2001 ATM diventa Società per Azioni Inaugurato il nuovo spazio ATM POINT nella stazione di Duomo Siglato il contratto di servizio con il Comune di Milano Avvio del processo di certificazione del Sistema Qualità e Ambiente 10

11 IDENTITÀ DEL GRUPPO ATM per fronteggiare le nuove esigenze di mobilità dettate dal boom economico del dopoguerra e l inaugurazione nel 1964 della prima linea della metropolitana ( la rossa ) sul percorso Lotto-Sesto Marelli. Il primo gennaio 1965 ATM assume la denominazione di Azienda Trasporti Municipali e da lì a un lustro, nel dicembre 1969, inaugura anche la seconda linea della metropolitana ( la verde ), a cui presto seguirà l inserimento sugli itinerari più affollati dei cosiddetti Jumbotram, vetture che possono ospitare complessivamente oltre 250 passeggeri. Nel 1990 è la volta della terza linea della metropolitana ( la gialla ) e dopo aver assunto nel 1999 la denominazione di Azienda Trasporti Milanesi, ATM si trasforma nel 2001 da azienda speciale in società per azioni. Un passaggio, questo, che coincide anche con l avvio del processo di certificazione del sistema qualità e ambiente e di tutta una serie di iniziative a carattere socioambientale, prodromi di quella cultura della sostenibilità che oggi permea l intera attività di ATM Presentazione del Sirio, tram di ultima generazione Nasce il progetto Buon Samaritano, il servizio di accoglienza e aiuto per le persone senza fissa dimora 2003 Inaugurazione della stazione M3 di Maciachini e delle nuove Metrotranvie Nord e Sud 2005 ATM viene premiata da Legambiente per l introduzione di autobus EURO 2 e EURO 3 nella totalità del servizio di area urbana Entra in servizio il primo Cristalis, filobus di nuova generazione Apre il primo asilo nido aziendale 2006 Costituzione del Gruppo ATM ATM vince il Premio Impresa e Ambiente istituito dal Ministero dell Ambiente 2007 Il Gruppo presenta il Piano di Impresa

12 L AMBIZIONE DI ATM Essere un impresa ammirata per l eccellenza nei servizi di mobilità al Cliente, per la leadership nella sostenibilità ambientale ed energetica, per la dinamicità del suo modello operativo, per la qualità delle sue risorse professionali e la sua cultura di innovazione. I VALORI DEL GRUPPO ATM LA QUALITÀ DELLA VITA DELLA COMUNITÀ Nel nostro agire quotidiano dobbiamo sempre tenere presente l aspirazione al miglioramento della qualità della vita di chi vive e si muove all interno del nostro territorio. CRESCITA PROFESSIONALE Vogliamo che ogni persona all interno della nostra organizzazione abbia la possibilità di realizzare se stessa attraverso un percorso continuo di crescita professionale. ETICA, TRASPARENZA E LEALTÀ Vogliamo improntare la nostra attività interna ed esterna al rispetto dei principi di legalità, trasparenza, correttezza e lealtà. RICERCA CONTINUA DELL ECCELLENZA Vogliamo che ognuno di noi sia sempre aperto al cambiamento, sia pronto a mettersi in discussione e guardi sempre oltre, alla ricerca di migliori soluzioni. 12

13 IDENTITÀ DEL GRUPPO ATM 1.2 CHI È ATM Con quasi ottantanni di storia, ATM è oggi un gruppo di dieci società che gestisce i servizi di trasporto pubblico a Milano e in 72 Comuni della Provincia, con un raggio d azione che interessa 2,6 milioni di cittadini. Dal 1 gennaio 2008, inoltre, gestisce anche la metropolitana di Copenhagen sulla quale transitano circa 40 milioni di passeggeri all anno. Quattro sono le modalità di trasporto attraverso le quali si articola il servizio: metropolitana, autobus, tram e filobus. La rete metropolitana di Milano è la più estesa in Italia con oltre 74 chilometri di lunghezza e 3 linee sui cui viaggiano oltre 120 treni, trasportando 328 milioni di passeggeri l anno. La rete di superficie serve in modo capillare tutta la città di Milano, i Comuni di area urbana e una parte del territorio della Provincia. Le tre modalità di trasporto (autobus, tram e filobus) sono integrate con la rete metropolitana e quella ferroviaria, a completamento di un sistema intermodale che permette al cliente di spostarsi agevolmente con il mezzo pubblico. Le dimensioni dell impresa (dati al 31/12/07) 2007 Lunghezza rete (*) 1.349,7 km Parco veicoli Passeggeri trasportati (*) Chilometri percorsi (*) Personale (*) Compresi i dati relativi alla funicolare di Como - Brunate e al Collegamento Cascina Gobba - Ospedale San Raffaele Rete metropolitana 2007 Numero di linee 3 Lunghezza rete 74,1 km Parco veicoli 729 (motrici e carrozze) Rete di superficie 2007 Bus Numero di linee 84 Lunghezza rete 944,1 km Parco veicoli (di cui 81 Radiobus) Tram Numero di linee 20 Lunghezza rete 289,3 km Parco veicoli 527 Filobus Numero di linee 3 Lunghezza rete 40,4 km Parco veicoli

14 Passeggeri trasportati nel Alle tradizionali attività di trasporto metropolitano e di superficie si sono aggiunti negli anni il servizio Radiobus, il minimetrò dell Ospedale San Raffaele e la funicolare Como-Brunate. Il Radiobus è un servizio a chiamata, effettuato all interno del territorio del Comune di Milano, accessibile solo su prenotazione, che preleva direttamente il cliente e lo porta alla destinazione scelta. Si tratta di un servizio unico in Europa, effettuato da minibus dotati di aria condizionata e accessibili ai disabili. Il minimetrò collega l Ospedale San Raffaele con la stazione della linea M2 di Cascina Gobba. È un impianto automatico (quindi senza personale di bordo), simile ad una funicolare, che effettua un percorso di 682 metri su un binario sopraelevato e trasporta oltre un milione di persone all anno. 14 La funicolare che collega Como a Brunate è un servizio di particolare valenza storico-turistica che ATM, per conto del comune di Como, ha in gestione dal 1 luglio Copre in un quarto d ora un dislivello di circa 500 metri lungo un percorso di poco più di un chilometro.

15 IDENTITÀ DEL GRUPPO ATM Per valorizzare le proprie strutture e il proprio know how, ATM ha deciso di affiancare al suo core business alcune attività commerciali, realizzate talvolta in partnership con altre aziende. In particolare ATM offre: Altri servizi ATM: le attività commerciali una struttura dedicata per la gestione dei clienti business quali aziende, banche, università, enti, che si relaziona con i mobility manager per proporre soluzioni per la mobilità sostenibile dei dipendenti, tra cui servizi navetta e abbonamenti annuali a prezzi convenienti; l opportunità, per chi voglia intraprendere un attività commerciale, di poter contare sul grande traffico di passeggeri che transita in metropolitana. Attraverso la riqualificazione degli spazi delle stazioni, infatti, se ne migliora la qualità, per renderle non solo un punto di passaggio, ma anche luoghi fruibili, piacevoli e sicuri; la possibilità di veicolare messaggi pubblicitari sui mezzi di trasporto, sia all interno sia all esterno delle vetture; le strutture ATM (depositi, officine, parcheggi) come location per set fotografici, sfilate, serate a tema, eventi; il noleggio di vetture tranviarie storiche per organizzare feste in movimento, compleanni per i più piccoli (a loro è dedicata una vettura ad hoc, il Tramito) o rendere davvero speciale il giorno delle nozze con il Tram Bianco; ATMosfera, il tram ristorante. Due vetture carrelli, completamente rinnovate, sono state trasformate nelle officine ATM in veri e propri ristoranti dal gusto antico e raffinato. Il tram ristorante viene utilizzato anche da aziende e società come location per l organizzazione di cene di rappresentanza e di eventi; servizi turistici, grazie ad accordi di partnership con aziende leader del settore. In questo ambito opera MaTM, una joint venture tra ATM e altri operatori, in grado di offrire sia tour turistici della città, sia servizi navetta tra alberghi, aziende ed altre comunità con poli di interesse quali aeroporti, stazioni ferroviarie e metropolitane, poli fieristici, trasferimenti dedicati verso località nazionali e internazionali. 15

16 1.3 I SERVIZI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Obiettivo primario per ATM è la mobilità sostenibile, definita dall Associazione Internazionale del Trasporto Pubblico (UITP) come il trasporto delle persone economicamente abbordabile, accessibile e sostenibile nel suo impatto sull ambiente e sulla società. A tal fine ha messo in atto una serie di azioni volte a contenere l impatto ambientale della propria attività: costante rinnovo del parco mezzi, sperimentazione di soluzioni tecnologiche all avanguardia in campo di emissioni, promozione e diffusione di servizi a supporto della mobilità sostenibile quali il car sharing, il bike sharing, i parcheggi di corrispondenza, la sosta e City Plus. Car sharing: il servizio, gestito dalla società del gruppo ATM Guidami srl, permette di avere sempre a disposizione un auto, prenotandola con una semplice telefonata o tramite web, pagando in ragione dell utilizzo. Il vantaggio dal punto di vista ambientale è duplice: da un lato si incentiva l uso collettivo dell auto, diminuendo il numero dei mezzi privati in circolazione; dall altro si utilizzano veicoli dotati di motori a basso impatto ambientale e veicoli elettrici, contribuendo a limitare l inquinamento. Bike sharing: si tratta di un progetto sviluppato da ATM per conto del Comune di Milano che vedrà il completamento entro il Il bike sharing è concepito come una modalità di trasporto che andrà ad integrarsi con il sistema della mobilità pubblica della città (la rete di trasporto ATM e quella ferroviaria urbana). La prima fase del progetto prevede biciclette dislocate in 100 stazioni situate nei punti nevralgici della città. Il progressivo ampliamento del servizio porterà, nella primavera del 2009, a il numero delle biciclette distribuite su una rete di 300 stazioni. Parcheggi di corrispondenza: sono 18 le strutture in gestione ad ATM, poste in prossimità delle fermate della metropolitana e di alcune linee tranviarie di superficie, ai confini della città. Qui, a tariffe contenute e con un ampia copertura di orario, è possibile lasciare l auto e recarsi verso la propria destinazione con il mezzo pubblico (al 31/12/2007, posti auto e ingressi). ATM gestisce anche, per conto del Comune di Milano, il sistema SostaMilano ( posti auto a pagamento). City Plus: è la sezione logistica di ATM, nata con l obiettivo di offrire un servizio di trasporto merci in città, utilizzando mezzi con motorizzazioni a basso impatto ambientale. I mezzi impiegati per le consegne, infatti, sono tutti dotati di motorizzazione Euro 4 con filtro antiparticolato e atti a trasportare beni alimentari, capi appesi e valori. ATM City Plus ha iniziato a sperimentare l utilizzo di autovetture elettriche per effettuare consegne di piccolo volume nel centro di Milano. 16

17 IDENTITÀ DEL GRUPPO ATM 1.4 IL GRUPPO ATM ATM è un gruppo composto da dieci società che rispondono alla Capogruppo ATM SpA, controllata al 100% dal Comune di Milano. STRUTTURA DEL GRUPPO AL 30 GIUGNO 2008 Nel corso del 2007 sia l assetto istituzionale sia quello organizzativo hanno subito profonde modifiche per garantire da un lato la massima efficacia, trasparenza e controllo nell azione gestionale e, dall altro, una maggiore focalizzazione sul cliente e sui processi operativi, in un quadro di integrazione e lavoro di squadra. Assetto istituzionale e modello di governo Le cariche sociali Presidente e Amministratore Delegato Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale Elio Catania Francesco Tofoni Piero Ramponi Giuseppe Frattini Luciano Valaguzza Angelo Minoia Alessandro Danovi Stefano Sarubbi 17

18 Il Consiglio di Amministrazione, i cui membri sono nominati dal Comune di Milano, è l organo di governo principe e la sua attività è coadiuvata da quattro comitati: Comitato compensation Valida le politiche di retribuzione del Gruppo. Comitato di Audit Ha funzione di controllo interno sui processi aziendali. Team consultivo personale Effettua una prima valutazione in merito alle politiche organizzative. Team consultivo operazioni e investimenti Valuta, in misura preventiva rispetto alle decisioni del Consiglio di Amministrazione, la scelta di effettuare determinate operazioni anche in base ai relativi investimenti. La struttura direzionale si basa su un sistema di team di lavoro creati per garantire la massima condivisione e comunicazione all interno del Gruppo: Team Esecutivo Supporta l Amministratore Delegato nelle decisioni strategiche ed operative e nel monitoraggio dell andamento complessivo del Gruppo. Team Operazioni Ha l obiettivo di allineare tutti i responsabili di funzione sui principali progetti aziendali, di monitorare l andamento delle operazioni e di verificare lo stato di avanzamento dei progetti di innovazione. Team di Management Coinvolge i dirigenti e i loro primi riporti (quadri, funzionari, capi intermedi). Si riunisce due volte all anno e svolge una funzione informativa sull andamento del Gruppo e sulle principali questioni strategiche ed operative. La gestione del Gruppo è supportata da un sistema strutturato di reporting sull andamento del business e sull avanzamento dei progetti fondamentali. 18

19 IDENTITÀ DEL GRUPPO ATM Il gruppo ATM ha adottato un sistema organizzativo imperniato su alcuni imprescindibili punti cardine: focalizzazione sul cliente e sul business; lavoro per processi, con responsabilità chiare; semplificazione, velocità di esecuzione e monitoraggio costante; sistema di governo unitario. Assetto organizzativo 19

20 1.5 LA NECESSITÀ DI UNA SVOLTA E LA SFIDA DELLA SOSTENIBILITÀ ATM ha di fronte oggi una serie di sfide che, se da un lato necessitano di un deciso e impegnativo cambio di passo strategico per essere affrontate, dall altro sono vissute all interno del Gruppo come una grande opportunità per affermare e consolidare la leadership di settore cui ambisce. Il settore del trasporto pubblico locale, infatti, sta diventando sempre più competitivo. Sono in atto processi di crescita tramite fusioni e acquisizioni da parte di aziende concorrenti a livello europeo ed il mercato prospetta mutamenti di scenario. Il Gruppo ATM si sta quindi aprendo a nuovi mercati e ad alleanze a livello nazionale e internazionale, grazie anche alla straordinaria occasione di discontinuità rappresentata da due circostanze intervenute all inizio del 2008: l Ecopass e EXPO L introduzione dell Ecopass è finalizzata a disincentivare l uso dei veicoli privati più inquinanti attraverso il pagamento di un ticket di ingresso al centro città. Il ricavato servirà a finanziare progetti per la mobilità sostenibile. L assegnazione alla città di Milano dell organizzazione di EXPO 2015 attrarrà nel capoluogo lombardo milioni di visitatori da tutto il mondo e costituirà dunque un importante banco di prova per il Gruppo ATM che dovrà far muovere l EXPO. Entrambi gli eventi offrono ad ATM la possibilità di incrementare la quota di trasporto pubblico, di introdurre nuovi mezzi e tecnologie, di sperimentare un nuovo sistema integrato di mobilità sostenibile. Ma perché ciò avvenga è indispensabile un profondo cambiamento nella cultura d impresa che si traduca in un concreto orientamento strategico per la sostenibilità, sul quale il Gruppo ha sviluppato il Piano di Impresa Con il Piano, infatti, ATM mira a rinnovare la propria identità di azienda socialmente responsabile, garantendo con azioni sistematiche il rispetto degli impegni assunti nei confronti dei propri clienti, della città e dei cittadini, delle istituzioni, del territorio e dell ambiente. PIANO DI IMPRESA : ORIENTAMENTO STRATEGICO TECNOLOGIA ENERGIA INNOVAZIONE GOVERNANCE EFFICIENZA AMBIENTE SERVIZIO SOCIETA PERSONALE SVILUPPO SOSTENIBILE CRESCITA E MIGLIORAMENTO 20

21 IDENTITÀ DEL GRUPPO ATM Governance Il nuovo modello organizzativo è stato studiato per assicurare, attraverso un lavoro di team, la focalizzazione sul cliente e sui processi operativi, garantendo massima efficacia, trasparenza e controllo nella gestione. Efficienza L efficienza dei processi operativi riguarda: - l ingegneria dei mezzi e delle infrastrutture; - la logistica integrata; - la sicurezza di esercizio. Ambiente Il Piano di Impresa si pone come obiettivo di perseguire uno sviluppo sostenibile in termini di efficienza energetica e riduzione degli impatti ambientali (emissioni e rumore). Servizio Le azioni di miglioramento si concentrano su 4 fattori della qualità del servizio, emersi come fattori critici per la clientela dall analisi dei risultati delle indagini e dei reclami. Gran parte dei progetti del Piano di Impresa sono quindi finalizzati al miglioramento delle performance in tema di: - puntualità e frequenza; - sicurezza; - comfort; - informazione. Società Il Gruppo è consapevole dell importanza che riveste il corretto funzionamento del servizio di trasporto pubblico locale per lo sviluppo della città e per le sfide che Milano si appresta ad affrontare. Si impegna inoltre a contribuire alla crescita culturale e alla coesione sociale della città. Personale Il Gruppo ATM investe nella crescita del proprio personale per: - accrescerne le competenze professionali e tecniche; - sviluppare una cultura d impresa basata su valori di etica professionale. Il piano strategico prevede che entro il 2008 venga definita una dettagliata politica delle risorse umane e avviata una generale semplificazione dei livelli organizzativi con particolare accento sul lavoro in team come caratteristica essenziale di tutti i processi. 21

22 Il Gruppo intende rivolgersi a bacini di utenza sempre più ampi, nazionali e internazionali. Tra i progetti di espansione sono in corso: il processo di fusione con il Gruppo Torinese Trasporti (GTT); l acquisto, in società con le aziende di Bergamo e Brescia, di una quota dell Azienda Pubblici Autoservizi di Mantova (APAM); la partecipazione a gare per la progettazione e/o gestione del trasporto pubblico in alcune città italiane. A livello internazionale, attraverso la società INMETRO, controllata in partecipazione con Ansaldo STS, il Gruppo ATM gestisce dal 1 gennaio 2008 una parte fondamentale del trasporto pubblico di Copenhagen: una metropolitana completamente automatizzata, 21 chilometri di linea lungo cui si snodano 22 stazioni, di cui 13 in superficie, frequentata nel 2007 da 40 milioni di passeggeri. È prevista inoltre la partecipazione alle principali gare a livello internazionale.

23 IDENTITÀ DEL GRUPPO ATM 1.6 LA GOVERNANCE DELLA SOSTENIBILITÀ La sostenibilità è un orientamento culturale trasversale a tutti i comportamenti organizzativi. Per questo il Gruppo ATM ha individuato una serie di responsabilità diffuse al fine di potersi avvalere di un presidio coerente con i sistemi di gestione e le funzioni organizzative interessate. Un contributo costruttivo in questa direzione, volto all individuazione degli strumenti più idonei al governo della responsabilità d impresa, è costituito dallo sviluppo del modello organizzativo previsto dal Decreto Legislativo 231/2001. Si tratta di un presidio utile non solo alla prevenzione di illeciti e reati societari ma anche alla definizione dei comportamenti e al monitoraggio delle attività. Il Decreto Legislativo 231/2001 ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento il concetto di responsabilità amministrativa delle società a fronte di determinati reati commessi da persone nello svolgimento delle attività di competenza al loro interno. Diviene, quindi, necessario per le imprese dotarsi di strutture atte a contrastare l insorgere di tali reati attraverso la predisposizione di un modello organizzativo con la definizione di regole e procedure interne ben precise. Il processo di creazione del modello 231 per il Gruppo ATM ha avuto inizio nell ottobre 2007, attraverso l individuazione delle aree critiche per i reati previsti dal decreto ed è proseguito fino alla definizione dei modelli per le società ATM SpA, ATM Servizi, Gesam, Mipark e Perotti. Nella stessa direzione il Gruppo ATM ha previsto l introduzione di un Codice di Comportamento volto ad integrare i valori e le regole di comportamento contenuti nel Codice Etico ed evitare e prevenire la commissione dei reati previsti dal decreto. Il Consiglio di Amministrazione ha approvato il 19 luglio 2007 il Codice Etico del Gruppo ATM, strutturato in 5 sezioni: principi generali; rapporti con i terzi; personale; trattamento delle informazioni e riservatezza; controlli interni. Con l obiettivo di diffondere la nuova cultura d impresa, il codice è stato distribuito a tutti i dipendenti del Gruppo. Entro il 2008 è prevista la costituzione dell Organismo di Vigilanza per il controllo del Modello Organizzativo 231 e di un Comitato Etico il cui compito sarà quello di vigilare sul rispetto di tutti i principi etici che il Gruppo si è dato. Il Codice Etico 23

24 1.7 IL SISTEMA DELLE CERTIFICAZIONI Per essere coerente con i migliori standard di qualità, ATM si impegna al rispetto delle norme in tema di qualità e di gestione ambientale previste dagli standard di certificazione UNI EN ISO 9001 e UNI EN ISO 14001, sottoponendosi periodicamente al controllo di un ente esterno che verifica il rispetto di tali norme. ATM ha avviato il percorso verso la certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità e l Ambiente nel 2000, seguendo alcune linee guida nello svolgimento delle proprie attività: la centralità del cliente, per cui bisogni, esigenze e aspettative diventano vincolanti rispetto alle scelte del sistema; il monitoraggio costante dei processi aziendali che incidono e possono creare criticità alla qualità del servizio e all ambiente; la valorizzazione e il coinvolgimento del personale, affinché il raggiungimento degli obiettivi sia lo scopo comune e l impegno prioritario di ciascuno. Il processo che ha portato alla certificazione di tutti i settori coinvolti nella produzione di servizi di trasporto, degli asili nido e del Campus si è così articolato: Pubblicazione del primo Bilancio Sociale L alta Direzione formalizza le politiche e gli indirizzi per la qualità e l ambiente Conseguita la Certificazione Qualità e Ambiente per l esercizio di superficie urbano e interurbano Certificato rispetto alla ISO 9001 il Campus di ATM. Le attività di progettazione ed erogazione del trasporto pubblico locale e la manutenzione di deposito ottengono la Certificazione Conseguita la Certificazione per le attività di progettazione e manutenzione del materiale rotabile delle infrastrutture, degli impianti e fabbricati e per la Metropolitana Leggera Automatica (*) Certificazione secondo la ISO 9001 degli asili nido aziendali Certificazione estesa alla costruzione delle infrastrutture delle linee filo-ferro-tranviarie e dei sistemi di gestione del traffico (*) Collegamento fra Cascina Gobba e Ospedale San Raffaele Dal Sistema di Gestione della Qualità rimangono al momento esclusi i settori Sosta, Parcheggi, Vigilanza e alcuni servizi speciali come il Servizio Scuole e il Radiobus. 24

25 IDENTITÀ DEL GRUPPO ATM 1.8 IL DIALOGO CON I PORTATORI DI INTERESSE Nel corso del 2007 il Gruppo ATM ha aggiornato la mappatura degli stakeholder, o portatori di interesse, seguendo le indicazioni dello standard AA1000 nelle sue prime fasi. L attività ha portato all individuazione delle principali modalità con cui l azienda si relaziona con le varie categorie di stakeholder. Stakeholder Principali canali/strumenti di informazione e dialogo Stakeholder Principali canali/strumenti di informazione e dialogo Clienti - Numero verde Sito internet - Newsletter online ATM Informa e Info Viabilità - Passaggi redazionali sugli schermi video in metropolitana - Annunci sonori e visivi - ATM POINT - Pagina lineadiretta all interno del free press City - Carta della Mobilità - Indagini di customer satisfaction - Sistema di risposta ai reclami - Incontri di confronto con il difensore civico - Media relations Personale - Incontri di management - Focus group - Incontri con le organizzazioni sindacali - Premiazioni dei seniores - House organ - Intranet - Ordini di Servizio, Comunicati e Lettere - Manuale di identità - Welcome book - Pubblicazione ATM x ATM - Convenzioni a favore dei dipendenti - Fondazione ATM e rivista della Fondazione - Sportello amico Comune di Milano e altre Istituzioni - Assemblea degli azionisti - Incontri specifici - Accordi di regolazione - Contratti di servizio - Bilancio Consolidato - Rapporto per la Sostenibilità Fornitori - Area dedicata sul sito internet - Sistemi aperti di qualificazione per prodotto - Autopresentazione mediante questionario on-line - Gare tradizionali - Sistema di e-procurement (gare on-line) - Procedure di valutazione dei fornitori mediante monitoraggio delle performance Associazioni di categoria - Incontri periodici - Partecipazione a gruppi di lavoro, a conferenze e ricerche Ambiente - Dichiarazioni ISO - Carta della Mobilità 25

Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio

Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio 26 Marzo 2013-CCIA

Dettagli

ATM SPA MILANO BILANCI TRIENNIO 2008/2010. Analisi a cura di Sandro Potecchi

ATM SPA MILANO BILANCI TRIENNIO 2008/2010. Analisi a cura di Sandro Potecchi ATM SPA MILANO BILANCI TRIENNIO 2008/2010 Analisi a cura di Sandro Potecchi 2 ATM SPA Proprietà delle azioni Capitale Sociale: 700.000.000,00 Comune di Milano 100% 3 ATM SPA Organi societari Consiglio

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Gli stakeholder Fornitori

Gli stakeholder Fornitori Gli stakeholder Fornitori Fornitori Trasparenza, imparzialità, correttezza e presidio dei principi di sostenibilità sono alla base delle attività di approvvigionamento dei beni e dei servizi aziendali.

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano

Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Intervento Francesco Pierri Mobility Manager Provincia di Milano Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I PROGETTI PER LA COSTRUZIONE DELLA CITY LOGISTICS

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Programma triennale. per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A.

Programma triennale. per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A. Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A. 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data n. 28/09/2015 con determinazione dell Amministratore

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo CARTA DEI SERVIZI Premessa La procedura di appalto pubblico, ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, deve rispettare i principi di libera concorrenza,

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO

ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO Il presente allegato individua i contenuti che dovrà avere il Rapporto sui servizi, articolato in 2 parti principali:

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

DICEMBRE 2007. Caso ZETEMA

DICEMBRE 2007. Caso ZETEMA DICEMBRE 2007 Caso ZETEMA ZETEMA 100% DEL COMUNE DAL 2005 Acquisita nel 2005 da parte del Comune di Roma, Zètema Progetto Cultura opera dal 1998 per favorire e sviluppare una fruizione ottimale del patrimonio

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

Torino: servizio trasporti

Torino: servizio trasporti Torino: servizio trasporti Cruscotto di indicatori A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano Indice Cruscotto di sintesi pag. 3 Indicatori di efficienza pag.

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA. TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA. TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004 RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** Signori soci I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004 segnano il consolidamento del fatturato e

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

Area E Sito internet

Area E Sito internet W Sito internet ebarea E ( Bilancio Sociale 2007 2012 r Sezione 3. Risultati per Aree di attività r Area E. Sito internet 115 Sito internet Presentazione La Fondazione, da decenni impegnata nella promozione

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1 Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. 2012 Pagina 1 INDICE Sommario MISSION... 3 1. FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2. PRINCIPI DEL CODICE

Dettagli

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014

Il Circuito ICS. Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 Il Circuito ICS Our Street, our Choice - Settimana Europea della Mobilità Sostenibile Roma 17 settembre 2014 ICS e il car sharing Il Ministero dell Ambiente, in collaborazione con alcuni Comuni, costituisce

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

RetiPiù. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia.

RetiPiù. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia. Chi siamo 01 Progettiamo, costruiamo e gestiamo reti gas ed elettricità per portare energia sicura in case, imprese e istituzioni. Dietro

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

DOCUMENTO DELLA QUALITA

DOCUMENTO DELLA QUALITA DOCUMENTO DELLA QUALITA INTRODUZIONE Il Documento della Qualità di Share Training srl ha come obiettivo quello di rendere note le caratteristiche della propria attività secondo criteri di trasparenza,

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

Figure professionali «Mobilità sostenibile» MOBILITY MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure professionali «Mobilità sostenibile» MOBILITY MANAGER. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure professionali «Mobilità sostenibile» MOBILITY MANAGER GREEN JOBS Formazione e Orientamento MOBILITY MANAGER La figura del nasce nel 1998 grazie ad una normativa 1 dedicata al tema della mobilità

Dettagli

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA [CONFERENZA STAMPA] Udine - 27 Ottobre 2014 Assessorato Infrastrutture, Mobilità, Pianificazione

Dettagli

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo Carta dei Valori agriturismo Corte San Girolamo LA MISSION PRODUCIAMO VALORE ATTRAVERSO I VALORI L Agriturismo Corte San Girolamo, gestito con familiarità e cortesia, desidera offrirvi un soggiorno di

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Antonello Pellegrino Direttore del Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Cagliari, 26.06.2013 Riferimenti

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Un piano per il BIKE SHARING regionale

Un piano per il BIKE SHARING regionale Un piano per il BIKE SHARING regionale Paolo Ferrecchi Direttore generale Reti infrastutturali, logistica e sistemi di mobilità. Regione Emilia-Romagna Settimana di educazione allo sviluppo sostenibile

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Costruiamo insieme la città di domani Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Chi è SABA Il mondo del parcheggio, in mani esperte Siamo una grande realtà nel settore dei parcheggi pubblici

Dettagli