La tecnologia di produzione dei salami crudi e cotti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La tecnologia di produzione dei salami crudi e cotti"

Transcript

1 2 APRILE 2011 SEMINARIO TECNICO: La tecnologia di produzione dei salami crudi e cotti Come previsto dagli intenti statutari, scopo di CN.FOOD (Associazione dei Laureati in Tecnologie Alimentari di Cuneo) è fornire occasioni periodiche di aggiornamento e scambio di informazioni tecniche utili allo svolgimento della professione in ambito agroalimentare. Per questo, sabato 2 aprile 2011 presso la Sede della Facoltà di Agraria di Cuneo, l Associazione CN.FOOD ha organizzato un seminario di formazione tecnica dal titolo La tecnologia di produzione dei salami crudi e cotti. Il convegno è stato promosso in collaborazione con la Facoltà di Agraria dell Università di Torino, l Associazione Campus granda e con ONAS (Organizzazione nazionale assaggiatori salumi). Ad inizio della seduta, sono intervenuti il Sindaco della città di Cuneo, dr. Alberto Valmaggia, ed il Consigliere regionale dr. Mino Taricco per i saluti di rito.

2 Successivamente, il Presidente di CN.FOOD, dr. Massimo Prandi, dopo aver aggiornato i presenti sulle attività svolte dall associazione e su quelle in fase di organizzazione, ha dato avvio ai lavori della giornata. Il seminario tecnico, moderato dal segretario dell associazione dr. Marco Dogliani, è stato articolato secondo i seguenti interventi: ore 9,30: Tecnologia di produzione dei salami crudi e cotti dr.ssa. Bianca Piovano; ore 11,00: Controllo delle materie prime - dr.ssa Valentina Vottero; ore 11,30: Stagionatura dei salumi crudi - sig. Meo Dotta; ore 11,45: Le fermentazioni naturali ed il monitoraggio delle popolazioni microbiche con tecniche molecolari nei salami - prof. Luca Cocolin, Facoltà di Agraria dell Università di Torino;

3 ore 12,30: Degustazione guidata di salami crudi e cotti prodotti in Provincia di Cuneo - dr.ssa Alice Brignone. A conclusione dell attività il Presidente di CN.FOOD ha espresso un ringraziamento particolare ai relatori per la disponibilità accordata per la buona riuscita del seminario, alle autorità intervenute per l'attenzione costantemente dimostrata alle attività dell'associazione, nonché ai soci che hanno operato attivamente per l'organizzazione della giornata formativa. Relazione a cura di CN.FOOD.

4 I salami crudi e cotti Convegno CN.FOOD Cuneo, 2/4/2011 Dott.. Piovano Bianca Sinfonia di sapori

5 Cosa sono i salumi I salumi sono preparazioni a base di carne, grasso,, frattaglie, sangue, in pezzi singoli o sotto forma di miscuglio più o meno finemente triturato al quale sono stati incorporati sale, spezie, additivi,, altri ingredienti e spesso, microrganismi selezionati,, allo scopo di ottenere una conservazione più o meno lunga, una particolare aromatizzazione, una colorazione simile a quella della carne fresca, ma resistente alla cottura e all essiccamento. La carne Costituenti principali della carne sono il tessuto muscolare e il tessuto adiposo. Tessuto muscolare Esistono tre tipi diversi di tessuto muscolare liscio, striato e striato cardiaco.. In questa sede è stato preso in esame soltanto il tessuto striato volontario che è quello che volgarmente viene chiamato carne. I muscoli striati sono costituiti da tessuto connettivo, che li avvolge e penetra nell'interno portando con sés vasi e nervi, e da fibre muscolari.

6 1Testa - 2 Guanciale, gola - 3 Lardo - 4 Coppa - 5 Lombo o lonza - 6 Costine - 7 Spalla - 8 Zampa - 9 Zampino - 10 Filetto - 11 Culatello - 12 Pancetta - 13 Coscia, prosciutto.

7

8 Fibre muscolari striate Le fibre muscolari striate hanno la forma di lunghi cilindri con estremità più o meno assottigliale. La loro lunghezza varia dal tipo di muscolo interessato, nei muscoli corti possono essere lunghe quanto il muscolo, mentre nei muscoli più lunghi possono raggiungere anche alcune decine di centimetri. Di solito però nei muscoli lunghi le singole fibre partenti da un'estremità si interrompono lungo il ventre muscolare e si collegano alle fibre vicine tramite il connettivo. Sarcolemma e miofibrille Ogni fibra muscolare è costituita da una membrana (il sarcolemma), che contiene all interno il sarcoplasma, i nuclei e le miofibrille. Proprio quest ultime, ultime, se viste al microscopio, appaiono striate e a questo loro aspetto si deve il nome di tessuto muscolare striato. Le miofibrille sono costituite da due filamenti formati dalle proteine actina e miosina. Nel citoplasma delle fibre muscolari è inoltre contenuto un pigmento simile all emoglobina, la mioglobina,, il quale si lega instabilmente all ossigeno durante i periodi di riposo e lo cede durante la contrazione muscolare.

9 Rigor mortis I filamenti di actina e di miosina,, le due proteine alla base di tutta la struttura muscolare, interagiscono fra loro in presenza d ossigeno, d determinando la contrazione e la distensione muscolare. Dopo la macellazione l apporto l di ossigeno e di nutrienti al tessuto muscolare cessa. La cellula muscolare tuttavia continua le sue reazioni biochimiche fino all esaurimento delle scorte energetiche. Le riserve di glicogeno, fonte energetica per eccellenza della cellula, mancando l ossigeno, l vengono convertite in acido lattico e l accumularsi l di questo composto determina un abbassamento del ph. Rigidità cadaverica Nel rigor mortis si forma un legame irreversibile fra le due proteine per cui si forma un complesso rigido denominato actomiosina.. Il rigor mortis o rigidità cadaverica,, determina accorciamento del muscolo, perdita di elasticità e aumento della tensione muscolare. La rigidità cadaverica è un fenomeno biologico del tutto normale e fisiologico, la cui insorgenza è auspicabile nelle masse muscolari di un animale subito dopo la morte di questi. Se però essa si manifesta in tempi e con modalità inconsuete, sarà un indizio del fatto che l animale l è stato macellato in condizioni di salute non perfette.

10 Frollatura Se vengono sottoposte a cottura le carni di un animale appena macellato risultano particolarmente dure e asciutte. Esse diventano tenere e succose soltanto dopo un adeguato periodo di maturazione, chiamato frollatura. Questo fenomeno può essere definito come quell insieme di processi biochimici che intervengono nelle masse muscolari di un animale macellato, sotto il controllo di enzimi autoctoni. Questo processo trasforma il muscolo in carne: aumenta la succosità e determina la formazione dell aroma caratteristico. Maturazione Per poter utilizzare la carne è quindi necessario un processo di maturazione che raggiunge un optimum dopo gg a 0 C, 0 ne consegue un aumento del ph e della capacità di trattenere acqua della carne. La carne a questo punto può essere lavorata e trasformata in salumi: pezzi anatomici interi crudi e cotti, salami crudi e salami cotti, insaccati in vari tipi di budello.

11 Grasso Costituisce il tessuto adiposo, infatti il secondo costituente della carne è il tessuto adiposo formato quasi esclusivamente da grasso di deposito. Il grasso utilizzato nella produzione dei salumi è sempre di origine suina ed è necessario per conferire all impasto morbidezza, porosità e sapore. Esistono vari tipi di grasso.

12 Grasso dorsale, ventrale, guanciale Grasso dorsale: : utilizzato per la produzione di lardelli da addizionare ai salami nei quali è prevista l incorporazione l sotto forma di cubetti (Fabriano, toscano, soppressata) Grasso ventrale: : utilizzato in quegli impasti in cui si voglia equilibrare adeguatamente la presenza di grasso e di magro Grasso guanciale: : non fonde alle temperature di lavorazione e si separa facilmente (cotechino, zampone). Gola Grasso della gola: : taglio grasso per eccellenza, grazie alle sue doti di resistenza alla smelmatura apportata dalle operazioni di triturazione, impasto ed insacco. Questa sua caratteristica lo rende insostituibile nella preparazione degli impasti a macina fine, nei quali l estrema l sminuzzatura porterebbe alla liberazione di grasso fuso. E quindi una componente indispensabile nei salami Milano ed Ungherese.

13 Additivi e sostanze aggiunte nella produzione dei salumi Conservanti Antiossidanti Stabilizzanti Addensanti Gelificanti Aromatizzanti Glutammato monosodico Altri ingredienti: cloruro di sodio, zuccheri, polvere di latte, caseinati,, starter Rendere gli alimenti più desiderabili ed appetibili Antiossidanti Conservanti Stabilizzanti, addensanti, gelificanti Aromatizzanti Allungare il tempo di conservabilità Facilitare i processi dell industria alimentare Conservare la qualità nutrizionale Soddisfare le esigenze dei diversi gruppi di consumatori

14 Conservanti Nitrato di sodio (E251) e di potassio (E252) Nitrito di sodio (E249) ) e di potassio (E250) Funzione: Stabilizzante del colore Flavour Azione antiossidante Azione selettiva Azione antibatterica (Clostridi( Clostridi) Antiossidanti Acido ascorbico o vit. C (E300), sali di Na (E301), sali di Ca (E302) Funzione: Conservante inibisce/ritarda i processi di ossidazione di grassi, proteine e zuccheri Colore Inibisce la formazione delle nitrosammine Dose massima 0.2% Tocoferoli o vit. E (E306 a E309) Dose massima 0.01%

15 Stabilizzanti, addensanti, gelificanti Gelatine animali, polifosfati di Na e K (E ) 452) Funzione: Riducono le perdite di acqua durante la cottura migliorando il sapore e la succulenza Favoriscono l emulsione l dei grassi (limitando la trasudazione durante la cottura) Colore più vivo Favoriscono la peptizzazione delle proteine: flavour Dose massima consigliata 0.25%: prodotti sterilizzati (prosciutti, spalle) Dose massima consigliata 0.4%: insaccati cotti Aromatizzanti Funzione: Flavour Azione stimolante sui batteri lattici (pepe nero e bianco, aglio, noce moscata,, zenzero) Rallentano lo sviluppo batterico (chiodi di garofano, origano) Attenzione: è importante la sanificazione delle spezie dai batteri indesiderati, il totale di spezie consigliato è < 2% Come aromatizzanti si possono trovare le spezie e gli aromi.

16 Le spezie Le spezie maggiormente utilizzate in salumeria sono: Pepe - Peperoncino o Capsico Cannella - Finocchio - Anice Chiodi di garofano - Coriandolo Ginepro - Mirto - Noce moscata - Macis Basilico - Origano - Salvia Timo - Rosmarino Alloro - Aglio - Sesamo - Zenzero Altri ingredienti Polvere di latte magro (nelle mortadelle e nei salami) Potere legante Favorisce l acidificazionel Dose max 4% Caseinati,, proteine plasmatiche,, proteine di soia (spalle cotte, prosciutti cotti, insaccati cotti, carne in scatola) Potere legante: maggiore consistenza e omogeneità all impasto

17 Glutammato monosodico Si tratta di un esaltatore di sapidità. L uso risale all antica antica cucina orientale dove, per insaporire i cibi, veniva usata un alga il cui principio attivo risultò essere il glutammato monosodico. Viene utilizzato in preparati a base di carne e pesce, salse, preparati per gelati, purè,, gnocchi, crocchette, paste alimentari con ripieno. Dose max 0.25% Conferisce il classico sapore di brodo. Cloruro di sodio L uso della salagione si fa risalire ai Cinesi e agli Egiziani, che basavano proprio sull azione conservativa del sale la mummificazione dei cadaveri. Azione conservante: legata al processo di disidratazione con il quale si riduce la quantità di acqua libera, contrastando così l azione batterica ed enzimatica. Seleziona la flora tipica responsabile della maturazione. Conferisce sapidità. Azione legante: coesione dell impasto e la tenuta della fetta Dose 2.8% - 3.7%

18 Starter microbici: pro-tecnologici o utili Guidano la fermentazione, sono utili per: garantire la sicurezza igienica standardizzare le proprietà come l aroma l e il colore ridurre il periodo di stagionatura Questi fermenti, diversificati rispetto alle varie aree di produzione, sono fra gli elementi fondamentali in grado di differenziare e qualificare i vari tipi di salumi. Appartengono ai generi: Lactobacillus, Pediococcus, Micrococcus, Staphylococcus. Zuccheri Gli zuccheri favoriscono la conservabilità degli insaccati, in quanto costituiscono un substrato favorevole per lo sviluppo dei lattobacilli. Contribuiscono alla creazione del colore. Mascherano il sapore amaro di nitrati e nitriti. Vengono utilizzati i seguenti zuccheri: saccarosio, lattosio, fruttosio, destrosio, nella dose massima dell 1.5%; 0.7 % (prodotti a breve stagionatura), 0.5% (prodotti a media stagionatura), 0.3% (prodotti a lunga stagionatura).

19 Affumicamento L'affumicamento è uno dei primi metodi usati dall'uomo per la conservazione degli alimenti; esso consiste nell'esporre l'alimento all'azione dei fumi che si liberano dalla combustione di segatura di legni duri. Con l affumicamento si ottiene il risultato di inibire lo sviluppo dei microrganismi, di ritardare l'ossidazione dei grassi e di conferire il gusto al prodotto. Al riguardo va notato che l'affumicamento oggi interessa non tanto per la sua azione conservante (che è tuttavia notevole), quanto proprio per le caratteristiche di gusto e di aroma che il processo impartisce al prodotto trattato. Fermentazione dei salami crudi La carne, inizialmente sterile, va incontro, durante il processo di lavorazione, a tutta una serie di contaminazioni. Le fonti di contaminazione possono essere: ENDOGENE: microrganismi derivati dagli animali stessi (carico dei visceri dell'animale, condizioni fisiologiche dell'animale, abbattimento e dissanguamento, eviscerazione, velocità di refrigerazione). ESOGENE: microrganismi derivanti da fonti esterne (manipolazione del personale ed attrezzature).

20 Il salame come ecosistema microbico I microrganismi che si ritrovano, quindi, sono riferibili ai gruppi più differenti ed essendo la composizione chimica della carne molto squilibrata (predomina la frazione azotata proteica), senza l'aggiunta di alcun additivo non sarebbe assolutamente conservabile, ma destinata a subire un intenso processo putrefattivo.. Se nei salami e in altri prodotti similari tutto questo non accade, lo si deve all'aggiunta all'impasto degli additivi. La salagione, infatti, ha un'azione nettamente selettiva sui microbi, mentre l'aggiunta di zuccheri consente un maggior sviluppo dei microrganismi desiderati a scapito di quelli alteranti e nocivi. Microrganismi utili per la maturazione delle carni e degli insaccati Micrococcacee: : aerobi=micrococcus o anaerobi facoltativi=staphylococcus Staphylococcus, mesofili, alofili,, poco tolleranti ph acidi Batteri lattici: anaerobi, ossigeno tolleranti o microarefoli,, spesso psicrotrofi,, tolleranti NaCl,, bassa aw e valori acidi di ph Lieviti Muffe che colonizzano il budello

21 Micrococchi Il processo di fermentazione che porta alla trasformazione della carne tritata in salume è dovuto principalmente a due gruppi microbici. Micrococchi e batteri lattici I micrococchi, necessitando di ossigeno per il loro sviluppo, prendono il sopravvento subito dopo l'insacco, quando nell impasto rimane ancora una certa quantità di aria. Si tratta di batteri molto vigorosi presenti in buon numero nella carne, molto favoriti dalle condizioni ambientali. Questi microrganismi consumano rapidamente l'ossigeno presente nell'impasto e creano le condizioni idonee di anaerobiosi per lo sviluppo del secondo, e più importante, gruppo di microrganismi i batteri lattici. Batteri lattici Sono microrganismi molto esigenti in fatto di richieste nutrizionali, ma trovano nell'impasto tutto ciò di cui necessitano. Unico fattore limitante è la scarsa presenza di zuccheri fermentescibili,, carenza a cui si provvede normalmente mediante l'aggiunta di zuccheri in quantità adeguate all'impasto. I batteri lattici svolgono le più importanti funzioni nei processi di maturazione dei salami ed è alla loro attività che si deve principalmente la conservazione del prodotto.

22 Batteri lattici Essi sono gli agenti della fermentazione lattica degli zuccheri e sono fortemente acidogeni a causa della sola formazione di acido lattico o della formazione di acido lattico e acido acetico. Il loro sviluppo è molto rapido, già dopo giorni dall insacco del prodotto sono presenti in numero elevato, da 100 milioni a 500 milioni di cellule per grammo e tutti gli altri gruppi batterici, micrococchi compresi, risultano nettamente sopraffatti. La conseguenza di questo rapido sviluppo è costituito dall'esaurimento degli zuccheri fermentescibili e dal contemporaneo abbassamento del ph che si attesta sui valori finali di 5,3 o meno, in dipendenza dalle quantità di zuccheri aggiunti all'impasto. Abbassamento del ph L'abbassamento del ph determina la coagulazione proteica, il contributo positivo alla formazione del colore e, soprattutto, la stabilità del prodotto dal punto di vista microbiologico. Per effetto microbico, quindi, si è verificato l'esaurimento dell'ossigeno, la riduzione dei nitrati a nitriti, l'esaurimento degli zuccheri fermentescibili e il contemporaneo abbassamento del ph.. La carne assume il colore rosso ed i grassi sono sufficientemente protetti dall ossidazione. Parallelamente si verifica l'idrolisi delle proteine e dei grassi operata dagli enzimi propri della carne e in parte dagli enzimi di origine microbica. Il prodotto assume così le caratteristiche organolettiche che migliorano anche per effetto dell'azione svolta dei lieviti e delle muffe, presenti sul budello.

23 Successioni microbiche nei salumi Inibizione dei Gram aerobi e delle Enterobacteriaceae (microflora iniziale) Crescita di fermenti lattici (alotolleranti( alotolleranti, anaerobi facoltativi) e di microstafilococchi (alotolleranti,, anaerobi facoltativi e/o nitrato-riduttori) riduttori) Crescita di lieviti e muffe negli strati superficiali Microrganismi agenti di deterioramento nelle carni Enterobacteriaceae: mesofili o psicrotrofi, aerobi/anaerobi facoltativi, poco tolleranti NaCl, ph acidi e bassa aw Bacillaceae: mesofili o psicrotrofi,, aerobi o anaerobi facoltativi (Bacillus( Bacillus) ) o anaerobi (Clostridium( Clostridium), tolleranza variabile NaCl, ph bassi e bassa aw Psicrotrofi Gram aerobi: aerobi stretti, poco tolleranti NaCl, ph acidi e bassa aw Lieviti e muffe: aerobi stretti o anaerobi facoltativi, spesso psicrotrofi,, tolleranti NaCl,, bassa aw e bassi valori di ph

24 I patogeni più frequenti nelle carni Agenti di gastroenteriti: - Salmonella, E.coli enteropatogeni, Cl.perfringens perfringens,, Y.enterocolitica enterocolitica, Campylobacter jejuni Agenti di intossicazioni: - Staphylococcus aureus,, Cl.botulinum Altri: - Listeria monocytogenes Ecologia microbica Il salame va considerato come un vero e proprio ecosistema microbico. La moltiplicazione dei micrococchi prima, dei lattobacilli poi, inibisce lo sviluppo dei batteri alteranti e di quelli patogeni eventualmente presenti. Il prodotto diventa salubre e conservabile. Nel caso si utilizzino carni congelate è opportuno rafforzare il n. di microrganismi utili presenti con l aggiunta di starter. Nella maturazione intervengono anche lieviti e muffe superficiali.

25 Vari tipi di salame crudo

26 Il salame crudo: materie prime Spalla o prosciutto freschi o congelati: 60-70% Grasso di gola o lardello: 30-40% Queste materie prime possono essere in parte sostituite da pancette e/o trito suino. Ingredienti: sale 2,6-2,9%, 2,9%, saccarosio e/o destrosio e/o fruttosio, vino bianco o rosso, pepe nero, pepe bianco, noce moscata,, macis, aglio, cannella, sodio nitrito, potassio nitrato, acido ascorbico, ascorbato di sodio, starter PROCESSO PRODUTTIVO Disosso, Cernita e Raffreddamento Triturazione e Concia Miscelazione Insaccatura Legatura Asciugatura Stagionatura

27 Lavorazione Pesatura delle carni e degli ingredienti Tritatura in cutter e/o tritacarne Miscelazione in impastatrice Sosta in cella a +2-4 C Insacco Legatura con spago a mano o a macchina o immissione in rete elastica Ai salami viene messo il piombino o il sigillo e vengono appesi ai carrelli per essere inviati in asciugamento (paiola( paiola) Tipi di budello II budello naturale deve essere robusto per evitare di rompersi durante la fase di insacco, accuratamente lavato, sgrassato e disinfettato. Non devono essere presenti sacche di grasso all'interno, in quanto determinerebbero l'irrancidimento del prodotto. Per la disinfezione esistono in commercio numerosi disinfettanti, oltre alla tradizionale miscela di acqua ed aceto. Se vengono utilizzati prodotti disinfettanti occorre sempre risciacquare abbondantemente il budello prima dell'insacco, per evitare odori e/o sapori anomali del prodotto.

28 Budello naturale suino Il budello naturale di suino prende i seguenti nomi: Culare. Filzetta,, Punta, Crespone, Bondeana, Budellina e Vescica. Il diametro e la lunghezza danno origine ad insaccati diversi: il Culare viene utilizzato per insaccare salumi pregiati (Rosa ) di dimensioni di circa 1 kg. La punta di Rosa e la Filzetta si usano per insaccare salami di circa 400 g. Il Crespone viene utilizzato per salami di calibro più grande es. 100/120 mm e di peso superiore ai 3 kg. La Bondeana si usa per salami di calibro grande 100/120 mm ed in Toscana serve per insaccare il Salame al Finocchio, mentre in Piemonte si insacca il Salame cotto. Budello naturale bovino Il budello naturale di bovino prende i seguenti nomi: il Culare,, utilizzato per l'insacco delle coppe; la Vescica usata per la Mortadella; il Dritto ed il Torto in cui vengono insaccati bocconcini, cacciatorini e cotechini; la Bondeana bovina in Piemonte viene utilizzata per insaccare il Salame cotto. Vengono, inoltre, usati budelli di montone per insaccare le salsicce.

29 Budelli artificiali e sintetici I budelli artificiali sono ottenuti dalla lavorazione di budelli naturali trattati termicamente (es. fìbran o da collagene). I budelli sintetici sono composti a base di cellulosa o sono ottenuti da fibre varie. Al tipo di budello sono legati i parametri tecnologici dell'asciugamento e della stagionatura dei salumi in essi insaccati. Come già precedentemente detto, occorre, inoltre, tenere presente che la superficie dei budelli naturali ed in minor parte di quelli artificiali viene colonizzata da batteri, muffe e lieviti particolari che concorrono alla maturazione del prodotto ed allo sviluppo di aromi particolari. Vari tipi di salame cotto

30 Il salame cotto: materie prime Cutter

31 Stampi variabili Tritacarne Impastatrice

32 Salame cotto: tecnologia - impasto Tritatura del magro in cutter oppure in tritacarne Tritatura del grasso in cutter oppure con la macchina taglialardelli Impasto nell impastatrice, ove si aggiungono il sale e le droghe Scarico nei carrelli o in marne Sosta in cella per almeno 12 h per permettere al nitrito di sodio di legarsi alla mioglobina dei muscoli e di trasformare il colore dell impasto da rosso a scuro. Insaccatrice

33 Salame cotto: tecnologia - insacco e cottura La pasta del salame viene insaccata con le macchine insaccatrici sotto-vuoto, in budelli naturali od artificiali. La cottura avviene in vasche di acqua oppure in forni a vapore. La temperatura che deve essere raggiunta al cuore del prodotto è almeno uguale a 72 C, per distruggere Listeria monocytogenes. Salame cotto: raffreddamento Il salame cotto, terminata la cottura, deve essere sottoposto ad una docciatura di acqua fredda. Tale intervento tecnologico ha un duplice scopo: - determinare uno shock termico, per uccidere eventuali microbi stressati dal trattamento termico - raffreddare rapidamente la superficie del prodotto, in modo da far solidificare le parti gelatinose ed evitare ulteriori perdite di liquido da parte del salame cotto.

34 Forno cottura a vapore Salame cotto: toelettatura e confezione Il raffreddamento del salame cotto viene concluso in cella a +2 C. Successivamente vengono asportate le parti esterne gelatinose. La confezione può avvenire sottovuoto oppure in atmosfera modificata. Se il prodotto viene affettato, viene tolto il budello.

35 Assaggio dei salami Sia per il salame crudo che per quello cotto, nella valutazione sensoriale del prodotto vengono utilizzati gli organi di senso: Organi di senso Occhi: organo della vista per la valutazione visiva Naso: organo dell olfatto per apprezzare gli odori positivi e quelli negativi (intensità e persistenza) Bocca: organo del gusto per valutare i 4 sapori fondamentali dolce, salato, acido, amaro e l umami (5 sapore) Orecchie: organo dell udito (poco utilizzato nei salumi) Pelle: organo del tatto per la valutazione tattile che avviene anche a livello della mucosa boccale.

36 Il salame cotto: assaggio L assaggio del salame inizia con un esame visivo esterno, per la valutazione del budello, del tipo di legatura, della presenza di sacche di gelatina/grasso,seguito da un esame visivo interno, per la valutazione della fetta, e si conclude con un esame olfattivo, gustativo e tattile. Esame visivo esterno - BUDELLO= = deve essere uniformemente aderente al salame. Si valuta, inoltre, il tipo di budello naturale, artificiale, sintetico. -SACCHE di GRASSO/GELATINA= devono essere assenti. Se presenti stanno ad indicare che le caratteristiche fisico-chimiche chimiche (stabilità) dell impasto sono variate durante la cottura,con rilascio di grasso/gelatina.

37 Esame olfattivo - tattile esterno - ODORE= = si annusa due o tre volte il prodotto avvicinandolo al naso; l odore del salame deve essere di carne cotta, con un lieve sentore di brodo. Un forte odore di brodo sta ad indicare che nell impasto è stato aggiunto glutammato monosodico. - CONSISTENZA al TATTO= = si esegue una piccola pressione sul prodotto con le dita. Può essere compatta o elastica a seconda del tipo di budello e del grado di cottura dell impasto. Esame della fetta - PELABILITA = si allontana il budello che deve distaccarsi dall impasto in modo omogeneo e continuo, senza asportare piccole quantità di impasto. - COLORE = si valuta prima il colore della fetta, che deve presentarsi uniforme senza variazioni di colore periferiche (centro poco cotto), per passare, poi, alla valutazione del colore delle due componenti dell impasto: il grasso, che deve essere bianco latte, a volte leggermente rosato, e la componente magra, che deve essere di colore rosso-roseo, roseo, roseo.

38 Struttura della fetta e sua consistenza ASPETTO STRUTTURALE DELLA FETTA: viene presa in considerazione la grana dell impasto (che deve essere uniforme), l omogeneità di distribuzione della parte magra e di quella grassa sa (cioè la componente grassa, i lardelli non devono essere raggruppati in un unica zona) e, infine la coesione grasso e magro (cioè la fetta deve essere priva di cavità, di gelatina/grasso negli n interstizi magro/grasso e deve mantenersi integra anche quando la l si prende in mano). Un altro aspetto molto importante da considerare nell aspetto della fetta, che si ripercuote poi a livello dell esame gustativo, è l eventuale presenza di componenti connettivali (tendini), visibili ili come pezzetti bianchi traslucidi, che devono essere assenti o comunque in quantità limitata. CONSISTENZA: anche in questo caso si esegue una piccola pressione sul prodotto con il dito. Può risultare un utile indicatore del grado di cottura e del tipo di magro utilizzato. Esame olfattivo della fetta Si prende la fetta di salame e la si spezza in due parti che devono essere avvicinate alle due narici: questo è importante perché le due cavità nasali separate possono avere differente sensibilità. Si annusa il prodotto per qualche secondo e si definisce l odore, è inutile prolungare eccessivamente l annusata in quanto le terminazioni nervose responsabili della percezione dell odore si assuefanno dopo poco tempo. Meglio più annusate ma brevi, anche se si consiglia di non superare le due-tre volte. Per quanto riguarda gli odori,, è importante stimarne sia la qualità (o tipologia, in questo caso prendere come riferimento la ruota degli odori ONAS) e la quantità (o intensità). Non deve essere presente un eccessivo odore di brodo, né un odore acido.

39 Esame gustativo Per questa valutazione si porta alla bocca una parte di prodotto (non eccedere con la quantità) e si fanno due- tre masticate per favorire la volatilizzazione degli aromi e la solubilizzazione delle molecole responsabili dei sapori. Si valuta l intensità dei quattro sapori fondamentali,, nonché il loro equilibrio complessivo.. A questo punto si espira e si vanno a descrivere gli aromi: tipologia, intensità e rispondenza con gli odori percepiti nell esame precedente. Il prodotto non deve essere eccessivamente salato, né avere sapore di brodo. Dopo la deglutizione è possibile valutare l eventuale persistenza di sapori ed aromi, cioè il retrogusto. Al termine dell esame siamo in grado anche di dare un giudizio di armonia ed equilibrio, cioè una valutazione sull equilibrio di odore, sapore e aroma del prodotto. Esame tattile in bocca Percezione tattile rilevata dalle terminazioni nervose presenti in tutta la cavità orale e nei denti. Potremmo definirla come palatabilità, cioè la valutazione della sensazione che si prova durante la masticazione della fetta. Si prende quindi un'altra piccola porzione di prodotto, la si porta alla bocca e si effettuano due o tre masticate; in questo modo possiamo valutarne la consistenza: se la pasta è elastica, friabile, morbida e cotta al punto giusto, se sono presenti componenti connettivali (tendini), se il prodotto è scivoloso, fibroso o stopposo.

40 Rispondenza al Disciplinare di produzione E importante conoscere prima dell assaggio del prodotto il Disciplinare di produzione, in modo da ricercare la corrispondenza tra quanto in esso previsto e quanto è sensorialmente rilevabile durante l assaggio. Tale dato è particolarmente importante, in quanto i prodotti devono pur nella loro tipicità essere riconoscibili ed individuabili,, in modo che il consumatore ne memorizzi le caratteri- stiche per poi richiedere quel determinato prodotto e ne consenta l affermazione e la crescita sul mercato. Grazie dell attenzione e buon assaggio!

41 IL CONTROLLO DELLE MATERIE PRIME D.SSA VALENTINA VOTTERO Convegno CN-FOOD Cuneo, 2 aprile 2011 MATERIE PRIME CARNE AROMI/SPEZIE/STARTER ADDITIVI IMPASTO BUDELLI RETI/SPAGHI FILM PLASTICI ETICHETTE/FASCETTE MATERIALE ACCESSORIO SCATOLAME GAS ALIMENTARI

42 CARNE SPALLE, COSCE PANCETTE GOLE (congelate) PREREQUISITO: VISITE C/O FORNITORI PRIMA DI STIPULARE CONTRATTO (QUALITA CARNE, METODO DI LAVORAZIONE ES. IGIENE, ESAME SCHEDE TECNICHE DIVERSI TAGLI CARNEI, ESITI ANALISI MICROBIOLOGICHE E CHIMICHE) ST E RAPPORTI DI PROVA TAGLI PERIODICAMENTE! CARNEI IN ARCHIVIO, DA AGGIORNARE

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.)

Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.) Pollo013-2 1 Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.) 2 1 Fattori esogeni - Tipo di alimentazione (animale-vegetale) - Tecnologia di allevamento - Ambientale

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Salama da sugo

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Salama da sugo DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Salama da sugo Art. 1 Denominazione L Indicazione Geografica Protetta Salama da sugo è riservata esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti stabiliti

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna

SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna Sommario Il progetto Gli esperti 2 3 DOP e IGP: qualità certificata La normativa I Consorzi

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora...

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora... Impianti Carpigiani per Artigianale a Norme HACCP Tutte le macchine Carpigiani sono progettate e realizzate per rispettare appieno le norme internazionali di sicurezza ed igiene. Il Gelatiere professionista

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

People. Process. Product.

People. Process. Product. People. Process. Product. INTRODUZIONE Il programma StoreSafe è stato creato per identificare i prodotti Cambro che aiutano gli operatori nel settore della ristorazione collettiva a soddisfare i requisiti

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

SEPARARE PULIRE CUOCERE CONSERVARE. Dipartimento di Sanità Pubblica

SEPARARE PULIRE CUOCERE CONSERVARE. Dipartimento di Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica PULIRE SEPARARE CUOCERE CONSERVARE a cura di Maria Rita Fontana - Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Michele Pupillo - Servizio Igiene degli Alimenti e della

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA PREPARAZIONE DELLE CONSERVE ALIMENTARI IN AMBITO DOMESTICO

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA PREPARAZIONE DELLE CONSERVE ALIMENTARI IN AMBITO DOMESTICO Ministero della Salute Istituto Superiore di Sanità LINEE GUIDA PER LA CORRETTA PREPARAZIONE DELLE CONSERVE ALIMENTARI IN AMBITO DOMESTICO A CURA DI: Fabrizio Anniballi Bruna Auricchio Francesca Calvetti

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria 1 Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria Le proprietà tecnologiche della farina La farina, come abbiamo già detto, è un prodotto ricavato dalla macinazione e successivo abburattamento del grano.

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli