La tecnologia di produzione dei salami crudi e cotti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La tecnologia di produzione dei salami crudi e cotti"

Transcript

1 2 APRILE 2011 SEMINARIO TECNICO: La tecnologia di produzione dei salami crudi e cotti Come previsto dagli intenti statutari, scopo di CN.FOOD (Associazione dei Laureati in Tecnologie Alimentari di Cuneo) è fornire occasioni periodiche di aggiornamento e scambio di informazioni tecniche utili allo svolgimento della professione in ambito agroalimentare. Per questo, sabato 2 aprile 2011 presso la Sede della Facoltà di Agraria di Cuneo, l Associazione CN.FOOD ha organizzato un seminario di formazione tecnica dal titolo La tecnologia di produzione dei salami crudi e cotti. Il convegno è stato promosso in collaborazione con la Facoltà di Agraria dell Università di Torino, l Associazione Campus granda e con ONAS (Organizzazione nazionale assaggiatori salumi). Ad inizio della seduta, sono intervenuti il Sindaco della città di Cuneo, dr. Alberto Valmaggia, ed il Consigliere regionale dr. Mino Taricco per i saluti di rito.

2 Successivamente, il Presidente di CN.FOOD, dr. Massimo Prandi, dopo aver aggiornato i presenti sulle attività svolte dall associazione e su quelle in fase di organizzazione, ha dato avvio ai lavori della giornata. Il seminario tecnico, moderato dal segretario dell associazione dr. Marco Dogliani, è stato articolato secondo i seguenti interventi: ore 9,30: Tecnologia di produzione dei salami crudi e cotti dr.ssa. Bianca Piovano; ore 11,00: Controllo delle materie prime - dr.ssa Valentina Vottero; ore 11,30: Stagionatura dei salumi crudi - sig. Meo Dotta; ore 11,45: Le fermentazioni naturali ed il monitoraggio delle popolazioni microbiche con tecniche molecolari nei salami - prof. Luca Cocolin, Facoltà di Agraria dell Università di Torino;

3 ore 12,30: Degustazione guidata di salami crudi e cotti prodotti in Provincia di Cuneo - dr.ssa Alice Brignone. A conclusione dell attività il Presidente di CN.FOOD ha espresso un ringraziamento particolare ai relatori per la disponibilità accordata per la buona riuscita del seminario, alle autorità intervenute per l'attenzione costantemente dimostrata alle attività dell'associazione, nonché ai soci che hanno operato attivamente per l'organizzazione della giornata formativa. Relazione a cura di CN.FOOD.

4 I salami crudi e cotti Convegno CN.FOOD Cuneo, 2/4/2011 Dott.. Piovano Bianca Sinfonia di sapori

5 Cosa sono i salumi I salumi sono preparazioni a base di carne, grasso,, frattaglie, sangue, in pezzi singoli o sotto forma di miscuglio più o meno finemente triturato al quale sono stati incorporati sale, spezie, additivi,, altri ingredienti e spesso, microrganismi selezionati,, allo scopo di ottenere una conservazione più o meno lunga, una particolare aromatizzazione, una colorazione simile a quella della carne fresca, ma resistente alla cottura e all essiccamento. La carne Costituenti principali della carne sono il tessuto muscolare e il tessuto adiposo. Tessuto muscolare Esistono tre tipi diversi di tessuto muscolare liscio, striato e striato cardiaco.. In questa sede è stato preso in esame soltanto il tessuto striato volontario che è quello che volgarmente viene chiamato carne. I muscoli striati sono costituiti da tessuto connettivo, che li avvolge e penetra nell'interno portando con sés vasi e nervi, e da fibre muscolari.

6 1Testa - 2 Guanciale, gola - 3 Lardo - 4 Coppa - 5 Lombo o lonza - 6 Costine - 7 Spalla - 8 Zampa - 9 Zampino - 10 Filetto - 11 Culatello - 12 Pancetta - 13 Coscia, prosciutto.

7

8 Fibre muscolari striate Le fibre muscolari striate hanno la forma di lunghi cilindri con estremità più o meno assottigliale. La loro lunghezza varia dal tipo di muscolo interessato, nei muscoli corti possono essere lunghe quanto il muscolo, mentre nei muscoli più lunghi possono raggiungere anche alcune decine di centimetri. Di solito però nei muscoli lunghi le singole fibre partenti da un'estremità si interrompono lungo il ventre muscolare e si collegano alle fibre vicine tramite il connettivo. Sarcolemma e miofibrille Ogni fibra muscolare è costituita da una membrana (il sarcolemma), che contiene all interno il sarcoplasma, i nuclei e le miofibrille. Proprio quest ultime, ultime, se viste al microscopio, appaiono striate e a questo loro aspetto si deve il nome di tessuto muscolare striato. Le miofibrille sono costituite da due filamenti formati dalle proteine actina e miosina. Nel citoplasma delle fibre muscolari è inoltre contenuto un pigmento simile all emoglobina, la mioglobina,, il quale si lega instabilmente all ossigeno durante i periodi di riposo e lo cede durante la contrazione muscolare.

9 Rigor mortis I filamenti di actina e di miosina,, le due proteine alla base di tutta la struttura muscolare, interagiscono fra loro in presenza d ossigeno, d determinando la contrazione e la distensione muscolare. Dopo la macellazione l apporto l di ossigeno e di nutrienti al tessuto muscolare cessa. La cellula muscolare tuttavia continua le sue reazioni biochimiche fino all esaurimento delle scorte energetiche. Le riserve di glicogeno, fonte energetica per eccellenza della cellula, mancando l ossigeno, l vengono convertite in acido lattico e l accumularsi l di questo composto determina un abbassamento del ph. Rigidità cadaverica Nel rigor mortis si forma un legame irreversibile fra le due proteine per cui si forma un complesso rigido denominato actomiosina.. Il rigor mortis o rigidità cadaverica,, determina accorciamento del muscolo, perdita di elasticità e aumento della tensione muscolare. La rigidità cadaverica è un fenomeno biologico del tutto normale e fisiologico, la cui insorgenza è auspicabile nelle masse muscolari di un animale subito dopo la morte di questi. Se però essa si manifesta in tempi e con modalità inconsuete, sarà un indizio del fatto che l animale l è stato macellato in condizioni di salute non perfette.

10 Frollatura Se vengono sottoposte a cottura le carni di un animale appena macellato risultano particolarmente dure e asciutte. Esse diventano tenere e succose soltanto dopo un adeguato periodo di maturazione, chiamato frollatura. Questo fenomeno può essere definito come quell insieme di processi biochimici che intervengono nelle masse muscolari di un animale macellato, sotto il controllo di enzimi autoctoni. Questo processo trasforma il muscolo in carne: aumenta la succosità e determina la formazione dell aroma caratteristico. Maturazione Per poter utilizzare la carne è quindi necessario un processo di maturazione che raggiunge un optimum dopo gg a 0 C, 0 ne consegue un aumento del ph e della capacità di trattenere acqua della carne. La carne a questo punto può essere lavorata e trasformata in salumi: pezzi anatomici interi crudi e cotti, salami crudi e salami cotti, insaccati in vari tipi di budello.

11 Grasso Costituisce il tessuto adiposo, infatti il secondo costituente della carne è il tessuto adiposo formato quasi esclusivamente da grasso di deposito. Il grasso utilizzato nella produzione dei salumi è sempre di origine suina ed è necessario per conferire all impasto morbidezza, porosità e sapore. Esistono vari tipi di grasso.

12 Grasso dorsale, ventrale, guanciale Grasso dorsale: : utilizzato per la produzione di lardelli da addizionare ai salami nei quali è prevista l incorporazione l sotto forma di cubetti (Fabriano, toscano, soppressata) Grasso ventrale: : utilizzato in quegli impasti in cui si voglia equilibrare adeguatamente la presenza di grasso e di magro Grasso guanciale: : non fonde alle temperature di lavorazione e si separa facilmente (cotechino, zampone). Gola Grasso della gola: : taglio grasso per eccellenza, grazie alle sue doti di resistenza alla smelmatura apportata dalle operazioni di triturazione, impasto ed insacco. Questa sua caratteristica lo rende insostituibile nella preparazione degli impasti a macina fine, nei quali l estrema l sminuzzatura porterebbe alla liberazione di grasso fuso. E quindi una componente indispensabile nei salami Milano ed Ungherese.

13 Additivi e sostanze aggiunte nella produzione dei salumi Conservanti Antiossidanti Stabilizzanti Addensanti Gelificanti Aromatizzanti Glutammato monosodico Altri ingredienti: cloruro di sodio, zuccheri, polvere di latte, caseinati,, starter Rendere gli alimenti più desiderabili ed appetibili Antiossidanti Conservanti Stabilizzanti, addensanti, gelificanti Aromatizzanti Allungare il tempo di conservabilità Facilitare i processi dell industria alimentare Conservare la qualità nutrizionale Soddisfare le esigenze dei diversi gruppi di consumatori

14 Conservanti Nitrato di sodio (E251) e di potassio (E252) Nitrito di sodio (E249) ) e di potassio (E250) Funzione: Stabilizzante del colore Flavour Azione antiossidante Azione selettiva Azione antibatterica (Clostridi( Clostridi) Antiossidanti Acido ascorbico o vit. C (E300), sali di Na (E301), sali di Ca (E302) Funzione: Conservante inibisce/ritarda i processi di ossidazione di grassi, proteine e zuccheri Colore Inibisce la formazione delle nitrosammine Dose massima 0.2% Tocoferoli o vit. E (E306 a E309) Dose massima 0.01%

15 Stabilizzanti, addensanti, gelificanti Gelatine animali, polifosfati di Na e K (E ) 452) Funzione: Riducono le perdite di acqua durante la cottura migliorando il sapore e la succulenza Favoriscono l emulsione l dei grassi (limitando la trasudazione durante la cottura) Colore più vivo Favoriscono la peptizzazione delle proteine: flavour Dose massima consigliata 0.25%: prodotti sterilizzati (prosciutti, spalle) Dose massima consigliata 0.4%: insaccati cotti Aromatizzanti Funzione: Flavour Azione stimolante sui batteri lattici (pepe nero e bianco, aglio, noce moscata,, zenzero) Rallentano lo sviluppo batterico (chiodi di garofano, origano) Attenzione: è importante la sanificazione delle spezie dai batteri indesiderati, il totale di spezie consigliato è < 2% Come aromatizzanti si possono trovare le spezie e gli aromi.

16 Le spezie Le spezie maggiormente utilizzate in salumeria sono: Pepe - Peperoncino o Capsico Cannella - Finocchio - Anice Chiodi di garofano - Coriandolo Ginepro - Mirto - Noce moscata - Macis Basilico - Origano - Salvia Timo - Rosmarino Alloro - Aglio - Sesamo - Zenzero Altri ingredienti Polvere di latte magro (nelle mortadelle e nei salami) Potere legante Favorisce l acidificazionel Dose max 4% Caseinati,, proteine plasmatiche,, proteine di soia (spalle cotte, prosciutti cotti, insaccati cotti, carne in scatola) Potere legante: maggiore consistenza e omogeneità all impasto

17 Glutammato monosodico Si tratta di un esaltatore di sapidità. L uso risale all antica antica cucina orientale dove, per insaporire i cibi, veniva usata un alga il cui principio attivo risultò essere il glutammato monosodico. Viene utilizzato in preparati a base di carne e pesce, salse, preparati per gelati, purè,, gnocchi, crocchette, paste alimentari con ripieno. Dose max 0.25% Conferisce il classico sapore di brodo. Cloruro di sodio L uso della salagione si fa risalire ai Cinesi e agli Egiziani, che basavano proprio sull azione conservativa del sale la mummificazione dei cadaveri. Azione conservante: legata al processo di disidratazione con il quale si riduce la quantità di acqua libera, contrastando così l azione batterica ed enzimatica. Seleziona la flora tipica responsabile della maturazione. Conferisce sapidità. Azione legante: coesione dell impasto e la tenuta della fetta Dose 2.8% - 3.7%

18 Starter microbici: pro-tecnologici o utili Guidano la fermentazione, sono utili per: garantire la sicurezza igienica standardizzare le proprietà come l aroma l e il colore ridurre il periodo di stagionatura Questi fermenti, diversificati rispetto alle varie aree di produzione, sono fra gli elementi fondamentali in grado di differenziare e qualificare i vari tipi di salumi. Appartengono ai generi: Lactobacillus, Pediococcus, Micrococcus, Staphylococcus. Zuccheri Gli zuccheri favoriscono la conservabilità degli insaccati, in quanto costituiscono un substrato favorevole per lo sviluppo dei lattobacilli. Contribuiscono alla creazione del colore. Mascherano il sapore amaro di nitrati e nitriti. Vengono utilizzati i seguenti zuccheri: saccarosio, lattosio, fruttosio, destrosio, nella dose massima dell 1.5%; 0.7 % (prodotti a breve stagionatura), 0.5% (prodotti a media stagionatura), 0.3% (prodotti a lunga stagionatura).

19 Affumicamento L'affumicamento è uno dei primi metodi usati dall'uomo per la conservazione degli alimenti; esso consiste nell'esporre l'alimento all'azione dei fumi che si liberano dalla combustione di segatura di legni duri. Con l affumicamento si ottiene il risultato di inibire lo sviluppo dei microrganismi, di ritardare l'ossidazione dei grassi e di conferire il gusto al prodotto. Al riguardo va notato che l'affumicamento oggi interessa non tanto per la sua azione conservante (che è tuttavia notevole), quanto proprio per le caratteristiche di gusto e di aroma che il processo impartisce al prodotto trattato. Fermentazione dei salami crudi La carne, inizialmente sterile, va incontro, durante il processo di lavorazione, a tutta una serie di contaminazioni. Le fonti di contaminazione possono essere: ENDOGENE: microrganismi derivati dagli animali stessi (carico dei visceri dell'animale, condizioni fisiologiche dell'animale, abbattimento e dissanguamento, eviscerazione, velocità di refrigerazione). ESOGENE: microrganismi derivanti da fonti esterne (manipolazione del personale ed attrezzature).

20 Il salame come ecosistema microbico I microrganismi che si ritrovano, quindi, sono riferibili ai gruppi più differenti ed essendo la composizione chimica della carne molto squilibrata (predomina la frazione azotata proteica), senza l'aggiunta di alcun additivo non sarebbe assolutamente conservabile, ma destinata a subire un intenso processo putrefattivo.. Se nei salami e in altri prodotti similari tutto questo non accade, lo si deve all'aggiunta all'impasto degli additivi. La salagione, infatti, ha un'azione nettamente selettiva sui microbi, mentre l'aggiunta di zuccheri consente un maggior sviluppo dei microrganismi desiderati a scapito di quelli alteranti e nocivi. Microrganismi utili per la maturazione delle carni e degli insaccati Micrococcacee: : aerobi=micrococcus o anaerobi facoltativi=staphylococcus Staphylococcus, mesofili, alofili,, poco tolleranti ph acidi Batteri lattici: anaerobi, ossigeno tolleranti o microarefoli,, spesso psicrotrofi,, tolleranti NaCl,, bassa aw e valori acidi di ph Lieviti Muffe che colonizzano il budello

21 Micrococchi Il processo di fermentazione che porta alla trasformazione della carne tritata in salume è dovuto principalmente a due gruppi microbici. Micrococchi e batteri lattici I micrococchi, necessitando di ossigeno per il loro sviluppo, prendono il sopravvento subito dopo l'insacco, quando nell impasto rimane ancora una certa quantità di aria. Si tratta di batteri molto vigorosi presenti in buon numero nella carne, molto favoriti dalle condizioni ambientali. Questi microrganismi consumano rapidamente l'ossigeno presente nell'impasto e creano le condizioni idonee di anaerobiosi per lo sviluppo del secondo, e più importante, gruppo di microrganismi i batteri lattici. Batteri lattici Sono microrganismi molto esigenti in fatto di richieste nutrizionali, ma trovano nell'impasto tutto ciò di cui necessitano. Unico fattore limitante è la scarsa presenza di zuccheri fermentescibili,, carenza a cui si provvede normalmente mediante l'aggiunta di zuccheri in quantità adeguate all'impasto. I batteri lattici svolgono le più importanti funzioni nei processi di maturazione dei salami ed è alla loro attività che si deve principalmente la conservazione del prodotto.

22 Batteri lattici Essi sono gli agenti della fermentazione lattica degli zuccheri e sono fortemente acidogeni a causa della sola formazione di acido lattico o della formazione di acido lattico e acido acetico. Il loro sviluppo è molto rapido, già dopo giorni dall insacco del prodotto sono presenti in numero elevato, da 100 milioni a 500 milioni di cellule per grammo e tutti gli altri gruppi batterici, micrococchi compresi, risultano nettamente sopraffatti. La conseguenza di questo rapido sviluppo è costituito dall'esaurimento degli zuccheri fermentescibili e dal contemporaneo abbassamento del ph che si attesta sui valori finali di 5,3 o meno, in dipendenza dalle quantità di zuccheri aggiunti all'impasto. Abbassamento del ph L'abbassamento del ph determina la coagulazione proteica, il contributo positivo alla formazione del colore e, soprattutto, la stabilità del prodotto dal punto di vista microbiologico. Per effetto microbico, quindi, si è verificato l'esaurimento dell'ossigeno, la riduzione dei nitrati a nitriti, l'esaurimento degli zuccheri fermentescibili e il contemporaneo abbassamento del ph.. La carne assume il colore rosso ed i grassi sono sufficientemente protetti dall ossidazione. Parallelamente si verifica l'idrolisi delle proteine e dei grassi operata dagli enzimi propri della carne e in parte dagli enzimi di origine microbica. Il prodotto assume così le caratteristiche organolettiche che migliorano anche per effetto dell'azione svolta dei lieviti e delle muffe, presenti sul budello.

23 Successioni microbiche nei salumi Inibizione dei Gram aerobi e delle Enterobacteriaceae (microflora iniziale) Crescita di fermenti lattici (alotolleranti( alotolleranti, anaerobi facoltativi) e di microstafilococchi (alotolleranti,, anaerobi facoltativi e/o nitrato-riduttori) riduttori) Crescita di lieviti e muffe negli strati superficiali Microrganismi agenti di deterioramento nelle carni Enterobacteriaceae: mesofili o psicrotrofi, aerobi/anaerobi facoltativi, poco tolleranti NaCl, ph acidi e bassa aw Bacillaceae: mesofili o psicrotrofi,, aerobi o anaerobi facoltativi (Bacillus( Bacillus) ) o anaerobi (Clostridium( Clostridium), tolleranza variabile NaCl, ph bassi e bassa aw Psicrotrofi Gram aerobi: aerobi stretti, poco tolleranti NaCl, ph acidi e bassa aw Lieviti e muffe: aerobi stretti o anaerobi facoltativi, spesso psicrotrofi,, tolleranti NaCl,, bassa aw e bassi valori di ph

24 I patogeni più frequenti nelle carni Agenti di gastroenteriti: - Salmonella, E.coli enteropatogeni, Cl.perfringens perfringens,, Y.enterocolitica enterocolitica, Campylobacter jejuni Agenti di intossicazioni: - Staphylococcus aureus,, Cl.botulinum Altri: - Listeria monocytogenes Ecologia microbica Il salame va considerato come un vero e proprio ecosistema microbico. La moltiplicazione dei micrococchi prima, dei lattobacilli poi, inibisce lo sviluppo dei batteri alteranti e di quelli patogeni eventualmente presenti. Il prodotto diventa salubre e conservabile. Nel caso si utilizzino carni congelate è opportuno rafforzare il n. di microrganismi utili presenti con l aggiunta di starter. Nella maturazione intervengono anche lieviti e muffe superficiali.

25 Vari tipi di salame crudo

26 Il salame crudo: materie prime Spalla o prosciutto freschi o congelati: 60-70% Grasso di gola o lardello: 30-40% Queste materie prime possono essere in parte sostituite da pancette e/o trito suino. Ingredienti: sale 2,6-2,9%, 2,9%, saccarosio e/o destrosio e/o fruttosio, vino bianco o rosso, pepe nero, pepe bianco, noce moscata,, macis, aglio, cannella, sodio nitrito, potassio nitrato, acido ascorbico, ascorbato di sodio, starter PROCESSO PRODUTTIVO Disosso, Cernita e Raffreddamento Triturazione e Concia Miscelazione Insaccatura Legatura Asciugatura Stagionatura

27 Lavorazione Pesatura delle carni e degli ingredienti Tritatura in cutter e/o tritacarne Miscelazione in impastatrice Sosta in cella a +2-4 C Insacco Legatura con spago a mano o a macchina o immissione in rete elastica Ai salami viene messo il piombino o il sigillo e vengono appesi ai carrelli per essere inviati in asciugamento (paiola( paiola) Tipi di budello II budello naturale deve essere robusto per evitare di rompersi durante la fase di insacco, accuratamente lavato, sgrassato e disinfettato. Non devono essere presenti sacche di grasso all'interno, in quanto determinerebbero l'irrancidimento del prodotto. Per la disinfezione esistono in commercio numerosi disinfettanti, oltre alla tradizionale miscela di acqua ed aceto. Se vengono utilizzati prodotti disinfettanti occorre sempre risciacquare abbondantemente il budello prima dell'insacco, per evitare odori e/o sapori anomali del prodotto.

28 Budello naturale suino Il budello naturale di suino prende i seguenti nomi: Culare. Filzetta,, Punta, Crespone, Bondeana, Budellina e Vescica. Il diametro e la lunghezza danno origine ad insaccati diversi: il Culare viene utilizzato per insaccare salumi pregiati (Rosa ) di dimensioni di circa 1 kg. La punta di Rosa e la Filzetta si usano per insaccare salami di circa 400 g. Il Crespone viene utilizzato per salami di calibro più grande es. 100/120 mm e di peso superiore ai 3 kg. La Bondeana si usa per salami di calibro grande 100/120 mm ed in Toscana serve per insaccare il Salame al Finocchio, mentre in Piemonte si insacca il Salame cotto. Budello naturale bovino Il budello naturale di bovino prende i seguenti nomi: il Culare,, utilizzato per l'insacco delle coppe; la Vescica usata per la Mortadella; il Dritto ed il Torto in cui vengono insaccati bocconcini, cacciatorini e cotechini; la Bondeana bovina in Piemonte viene utilizzata per insaccare il Salame cotto. Vengono, inoltre, usati budelli di montone per insaccare le salsicce.

29 Budelli artificiali e sintetici I budelli artificiali sono ottenuti dalla lavorazione di budelli naturali trattati termicamente (es. fìbran o da collagene). I budelli sintetici sono composti a base di cellulosa o sono ottenuti da fibre varie. Al tipo di budello sono legati i parametri tecnologici dell'asciugamento e della stagionatura dei salumi in essi insaccati. Come già precedentemente detto, occorre, inoltre, tenere presente che la superficie dei budelli naturali ed in minor parte di quelli artificiali viene colonizzata da batteri, muffe e lieviti particolari che concorrono alla maturazione del prodotto ed allo sviluppo di aromi particolari. Vari tipi di salame cotto

30 Il salame cotto: materie prime Cutter

31 Stampi variabili Tritacarne Impastatrice

32 Salame cotto: tecnologia - impasto Tritatura del magro in cutter oppure in tritacarne Tritatura del grasso in cutter oppure con la macchina taglialardelli Impasto nell impastatrice, ove si aggiungono il sale e le droghe Scarico nei carrelli o in marne Sosta in cella per almeno 12 h per permettere al nitrito di sodio di legarsi alla mioglobina dei muscoli e di trasformare il colore dell impasto da rosso a scuro. Insaccatrice

33 Salame cotto: tecnologia - insacco e cottura La pasta del salame viene insaccata con le macchine insaccatrici sotto-vuoto, in budelli naturali od artificiali. La cottura avviene in vasche di acqua oppure in forni a vapore. La temperatura che deve essere raggiunta al cuore del prodotto è almeno uguale a 72 C, per distruggere Listeria monocytogenes. Salame cotto: raffreddamento Il salame cotto, terminata la cottura, deve essere sottoposto ad una docciatura di acqua fredda. Tale intervento tecnologico ha un duplice scopo: - determinare uno shock termico, per uccidere eventuali microbi stressati dal trattamento termico - raffreddare rapidamente la superficie del prodotto, in modo da far solidificare le parti gelatinose ed evitare ulteriori perdite di liquido da parte del salame cotto.

34 Forno cottura a vapore Salame cotto: toelettatura e confezione Il raffreddamento del salame cotto viene concluso in cella a +2 C. Successivamente vengono asportate le parti esterne gelatinose. La confezione può avvenire sottovuoto oppure in atmosfera modificata. Se il prodotto viene affettato, viene tolto il budello.

35 Assaggio dei salami Sia per il salame crudo che per quello cotto, nella valutazione sensoriale del prodotto vengono utilizzati gli organi di senso: Organi di senso Occhi: organo della vista per la valutazione visiva Naso: organo dell olfatto per apprezzare gli odori positivi e quelli negativi (intensità e persistenza) Bocca: organo del gusto per valutare i 4 sapori fondamentali dolce, salato, acido, amaro e l umami (5 sapore) Orecchie: organo dell udito (poco utilizzato nei salumi) Pelle: organo del tatto per la valutazione tattile che avviene anche a livello della mucosa boccale.

36 Il salame cotto: assaggio L assaggio del salame inizia con un esame visivo esterno, per la valutazione del budello, del tipo di legatura, della presenza di sacche di gelatina/grasso,seguito da un esame visivo interno, per la valutazione della fetta, e si conclude con un esame olfattivo, gustativo e tattile. Esame visivo esterno - BUDELLO= = deve essere uniformemente aderente al salame. Si valuta, inoltre, il tipo di budello naturale, artificiale, sintetico. -SACCHE di GRASSO/GELATINA= devono essere assenti. Se presenti stanno ad indicare che le caratteristiche fisico-chimiche chimiche (stabilità) dell impasto sono variate durante la cottura,con rilascio di grasso/gelatina.

37 Esame olfattivo - tattile esterno - ODORE= = si annusa due o tre volte il prodotto avvicinandolo al naso; l odore del salame deve essere di carne cotta, con un lieve sentore di brodo. Un forte odore di brodo sta ad indicare che nell impasto è stato aggiunto glutammato monosodico. - CONSISTENZA al TATTO= = si esegue una piccola pressione sul prodotto con le dita. Può essere compatta o elastica a seconda del tipo di budello e del grado di cottura dell impasto. Esame della fetta - PELABILITA = si allontana il budello che deve distaccarsi dall impasto in modo omogeneo e continuo, senza asportare piccole quantità di impasto. - COLORE = si valuta prima il colore della fetta, che deve presentarsi uniforme senza variazioni di colore periferiche (centro poco cotto), per passare, poi, alla valutazione del colore delle due componenti dell impasto: il grasso, che deve essere bianco latte, a volte leggermente rosato, e la componente magra, che deve essere di colore rosso-roseo, roseo, roseo.

38 Struttura della fetta e sua consistenza ASPETTO STRUTTURALE DELLA FETTA: viene presa in considerazione la grana dell impasto (che deve essere uniforme), l omogeneità di distribuzione della parte magra e di quella grassa sa (cioè la componente grassa, i lardelli non devono essere raggruppati in un unica zona) e, infine la coesione grasso e magro (cioè la fetta deve essere priva di cavità, di gelatina/grasso negli n interstizi magro/grasso e deve mantenersi integra anche quando la l si prende in mano). Un altro aspetto molto importante da considerare nell aspetto della fetta, che si ripercuote poi a livello dell esame gustativo, è l eventuale presenza di componenti connettivali (tendini), visibili ili come pezzetti bianchi traslucidi, che devono essere assenti o comunque in quantità limitata. CONSISTENZA: anche in questo caso si esegue una piccola pressione sul prodotto con il dito. Può risultare un utile indicatore del grado di cottura e del tipo di magro utilizzato. Esame olfattivo della fetta Si prende la fetta di salame e la si spezza in due parti che devono essere avvicinate alle due narici: questo è importante perché le due cavità nasali separate possono avere differente sensibilità. Si annusa il prodotto per qualche secondo e si definisce l odore, è inutile prolungare eccessivamente l annusata in quanto le terminazioni nervose responsabili della percezione dell odore si assuefanno dopo poco tempo. Meglio più annusate ma brevi, anche se si consiglia di non superare le due-tre volte. Per quanto riguarda gli odori,, è importante stimarne sia la qualità (o tipologia, in questo caso prendere come riferimento la ruota degli odori ONAS) e la quantità (o intensità). Non deve essere presente un eccessivo odore di brodo, né un odore acido.

39 Esame gustativo Per questa valutazione si porta alla bocca una parte di prodotto (non eccedere con la quantità) e si fanno due- tre masticate per favorire la volatilizzazione degli aromi e la solubilizzazione delle molecole responsabili dei sapori. Si valuta l intensità dei quattro sapori fondamentali,, nonché il loro equilibrio complessivo.. A questo punto si espira e si vanno a descrivere gli aromi: tipologia, intensità e rispondenza con gli odori percepiti nell esame precedente. Il prodotto non deve essere eccessivamente salato, né avere sapore di brodo. Dopo la deglutizione è possibile valutare l eventuale persistenza di sapori ed aromi, cioè il retrogusto. Al termine dell esame siamo in grado anche di dare un giudizio di armonia ed equilibrio, cioè una valutazione sull equilibrio di odore, sapore e aroma del prodotto. Esame tattile in bocca Percezione tattile rilevata dalle terminazioni nervose presenti in tutta la cavità orale e nei denti. Potremmo definirla come palatabilità, cioè la valutazione della sensazione che si prova durante la masticazione della fetta. Si prende quindi un'altra piccola porzione di prodotto, la si porta alla bocca e si effettuano due o tre masticate; in questo modo possiamo valutarne la consistenza: se la pasta è elastica, friabile, morbida e cotta al punto giusto, se sono presenti componenti connettivali (tendini), se il prodotto è scivoloso, fibroso o stopposo.

40 Rispondenza al Disciplinare di produzione E importante conoscere prima dell assaggio del prodotto il Disciplinare di produzione, in modo da ricercare la corrispondenza tra quanto in esso previsto e quanto è sensorialmente rilevabile durante l assaggio. Tale dato è particolarmente importante, in quanto i prodotti devono pur nella loro tipicità essere riconoscibili ed individuabili,, in modo che il consumatore ne memorizzi le caratteri- stiche per poi richiedere quel determinato prodotto e ne consenta l affermazione e la crescita sul mercato. Grazie dell attenzione e buon assaggio!

41 IL CONTROLLO DELLE MATERIE PRIME D.SSA VALENTINA VOTTERO Convegno CN-FOOD Cuneo, 2 aprile 2011 MATERIE PRIME CARNE AROMI/SPEZIE/STARTER ADDITIVI IMPASTO BUDELLI RETI/SPAGHI FILM PLASTICI ETICHETTE/FASCETTE MATERIALE ACCESSORIO SCATOLAME GAS ALIMENTARI

42 CARNE SPALLE, COSCE PANCETTE GOLE (congelate) PREREQUISITO: VISITE C/O FORNITORI PRIMA DI STIPULARE CONTRATTO (QUALITA CARNE, METODO DI LAVORAZIONE ES. IGIENE, ESAME SCHEDE TECNICHE DIVERSI TAGLI CARNEI, ESITI ANALISI MICROBIOLOGICHE E CHIMICHE) ST E RAPPORTI DI PROVA TAGLI PERIODICAMENTE! CARNEI IN ARCHIVIO, DA AGGIORNARE

Modificazioni microbiologiche negli insaccati. Dr. Mauro Conter

Modificazioni microbiologiche negli insaccati. Dr. Mauro Conter Modificazioni microbiologiche negli insaccati Dr. Mauro Conter 1 Salame: definizione 2 secondo il DM 21/09/2005 (MIPAF) il salame è: prodotto di salumeria costituito da carni ottenute da muscolatura striata

Dettagli

SCHEDA TECNICA PROSCIUTTO COTTO

SCHEDA TECNICA PROSCIUTTO COTTO PROSCIUTTO COTTO BEDOGNI Prosciutto di Alta Qualità ai sensi del D.M. 21/09/2005 SELEZIONE DELLE CARNI SCHEDA TECNICA PROSCIUTTO COTTO Coscia Nazionale fresca e selezionata: taglio sale da 13,5 kg a 14,5

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 21 SETTEMBRE 2005. Disciplina della produzione e della vendita di taluni prodotti di salumeria

DECRETO MINISTERIALE 21 SETTEMBRE 2005. Disciplina della produzione e della vendita di taluni prodotti di salumeria DECRETO MINISTERIALE 21 SETTEMBRE 2005 Disciplina della produzione e della vendita di taluni prodotti di salumeria IL MINISTRO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE e IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

Dettagli

Elenco degli obblighi

Elenco degli obblighi Dipartimento federale dell'economia DFE Ufficio federale dell agricoltura UFAG Settore Promozione della qualità e delle vendite Elenco degli obblighi Glarner Kalberwurst Registrato quale indicazione geografica

Dettagli

è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. "cularino"

è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. cularino è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. "cularino" salame s. angelo i.g.p. "cularino" È un insaccato di pura carne suina a grana grossa, tagliata a punta di coltello

Dettagli

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso PESCE CRUDO Istruzioni per l uso I RISCHI MICROBIOLOGICI nei prodotti della pesca Gestione del PRODOTTO FRESCO e PUNTI CRITICI Dr.ssa Priscilla D Amico Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

Dettagli

AGR - VET 13 - Impiego del sale nella conservazione degli alimenti docente Patrizia Cattaneo

AGR - VET 13 - Impiego del sale nella conservazione degli alimenti docente Patrizia Cattaneo AGR - VET 13 - Impiego del sale nella conservazione degli alimenti docente Patrizia Cattaneo Bibliografia: Meat and Meat products, A. Varnam e J. Sutherland, Chapman & Hall, London, 1995 (3/217); Alimenti,

Dettagli

Elenco degli obblighi

Elenco degli obblighi Dipartimento federale dell economia DFE Ufficio federale dell agricoltura UFAG Settore Promozione della qualità e delle vendite Elenco degli obblighi Longeole Registrata quale indicazione geografica protetta

Dettagli

Elenco degli obblighi

Elenco degli obblighi Dipartimento federale dell economia DFE Ufficio federale dell agricoltura UFAG Settore Promozione della qualità e delle vendite Elenco degli obblighi St. Galler Bratwurst / St. Galler Kalbsbratwurst Registrato

Dettagli

La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie?

La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie? La sicurezza alimentare e i salumi: quali garanzie? Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Silvana Barbuti Dipartimento Microbiologia SSICA Tel. 0521 795 262 Mail: silvana.barbuti@ssica.it

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

Composizione in macronutrienti di albume e tuorlo d'uovo

Composizione in macronutrienti di albume e tuorlo d'uovo Le uova Composizione in macronutrienti di albume e tuorlo d'uovo Acqua Proteine Lipidi Albume Tuorlo Albume Tuorlo Tuorlo Uovo da 60g 87.7 53.5 10.7 15.8 29.1 I lipidi del tuorlo sono costituiti da trigliceridi,

Dettagli

MARCA KM CIBO. delle tre sedi Territoriali. 1: entro 100 km da una QUANT. PRESUNTA TOTALE DICHIARA

MARCA KM CIBO. delle tre sedi Territoriali. 1: entro 100 km da una QUANT. PRESUNTA TOTALE DICHIARA SOTTOSCRITTO AUTORIZZATO A RAPPRESENTARE LEGALMENTE L IMPRESA/SOCIETA /ALTRO SOGGETTO denominazione o ragione sociale, forma giuridica e sede legale: in relazione Procedura Aperta finalizzata alla stipula

Dettagli

BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ

BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ Il salumificio Colombo Salvo & C. s.r.l., conta 80 anni di attività essendo stato fondato nel 1923. L'attuale sede sociale è in Crosio della Valle (VA) via Caregò n 21 tel.

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione di prodotti a base di carne e pesce Sequenza

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

GRANCRU' PROSCIUTTI PARMA DOP 3008 PR.PARMA RISERVA 16M KG.10 5136 PROSC.PARMA 16M DISOSS.PRESS.

GRANCRU' PROSCIUTTI PARMA DOP 3008 PR.PARMA RISERVA 16M KG.10 5136 PROSC.PARMA 16M DISOSS.PRESS. GRANCRU' 18 3007 PROSC. PARMA GRANCRU` 18 M KG. 10 5009 PR.PARMA GRANCRU` 18M DIS.TONDO Selezione speciale di cosce stagionate idonee alle lunghe Grancrù, Prosciutto di Parma a produzione limitata. stagionature.

Dettagli

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto.

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Tenuta del Varco La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Adagiata in posizione naturale particolarmente privilegiata, a circa

Dettagli

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI 1 SCHEDA DESCRITTIVA 1.1 DENOMINAZIONE DI VENDITA E una conserva alimentare costituita da peperoni grigliati, in vaschetta da 1900g con trattamento termico di pastorizzazione.

Dettagli

Salame Salame Felino

Salame Salame Felino Salame Felino Prodotto con carne di suini nati, allevati e macellati in Italia Salame Felino Prodotto preparato con cura artigianale utilizzando carni di suini nati ed allevati in Italia. Si utilizza la

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Che cosa è un CAPITOLATO?

Che cosa è un CAPITOLATO? Che cosa è un CAPITOLATO? 1 - è una parte di un contratto di fornitura di beni o servizi 2 - il capitolato contiene indicazioni specifiche in merito a: - tipologia del prodotto (quantità, qualità) - modalità

Dettagli

Rosa tipico, omogeneo, stabile Appropriata, poche perdite al taglio Non umido

Rosa tipico, omogeneo, stabile Appropriata, poche perdite al taglio Non umido AGR-VET 19-PROSCIUTTO COTTO docente Patrizia Cattaneo Rif. Bibliografici: Carlo Cantoni, Il prosciutto cotto, Eurocarni, 4/88 5/88 www.milioni.com/salumi/dati/13.htm Preparato dall arto posteriore del

Dettagli

I prodotti di Salumeria. di Stefano Continisio

I prodotti di Salumeria. di Stefano Continisio I prodotti di Salumeria di Stefano Continisio La selezione genetica L alimentazione ALIMENTAZIONE Trasporto Macellazione e tagli Classificazione e qualità FAT O - MEAT Controllo qualità e innovazione I

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL SALAM DE LA BERGAMASCA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL SALAM DE LA BERGAMASCA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL SALAM DE LA BERGAMASCA Art. 1 Denominazione Il nome Salame bergamasco, o il termine dialettale ol Salàm de la bergamasca, è attribuito esclusivamente al prodotto che risponde

Dettagli

Presentazione dell iniziativa

Presentazione dell iniziativa Presentazione dell iniziativa L istanza per il riconoscimento della Denominazione di Origine Protetta D.O.P. al prodotto Lonza delle Marche e della quale la presente relazione tecnica costituisce allegato,

Dettagli

1.0 REQUISITI GENERALI

1.0 REQUISITI GENERALI Tortellini con ripieno alla carne Tortellini con ripieno al prosciutto crudo e parmigiano reggiano Tortellini con ripieno ricotta e spinaci Tortellini con ripieno alla carne qualsiasi natura, non che da

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MARCHESINI IL SUINO DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE

AZIENDA AGRICOLA MARCHESINI IL SUINO DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE AZIENDA AGRICOLA MARCHESINI IL SUINO DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE Salame Bresciano Prodotto come tradizione, con tagli di parti nobili del maiale con aggiunta del 25% di pancetta macinata a temperatura

Dettagli

Il salumificio Fratelli Daturi è il risultato della vita del suo fondatore: Daturi Giancarlo.

Il salumificio Fratelli Daturi è il risultato della vita del suo fondatore: Daturi Giancarlo. SALUMI DATURI: LA STORIA: Il salumificio Fratelli Daturi è il risultato della vita del suo fondatore: Daturi Giancarlo. Una vita piena di sacrifici, passione, spirito d iniziativa, tenacia, volontà, amore

Dettagli

PROSCUTTI PARMA DOP REGIO

PROSCUTTI PARMA DOP REGIO PROSCUTTI PARMA DOP REGIO 0606 PROSC. PARMA REGIO 20 MESI C/OSSO 0608 PROSC. PARMA REGIO 18 MESI C/OSSO Regio è un Prosciutto di Parma di qualità superiore a Regio è un Prosciutto superiore a produzione

Dettagli

Disciplinare di produzione della Indicazione Geografica Protetta Salame Felino

Disciplinare di produzione della Indicazione Geografica Protetta Salame Felino Disciplinare di produzione della Indicazione Geografica Protetta Salame Felino Art. 1 Denominazione L Indicazione Geografica Protetta SALAME FELINO è riservata al prodotto di salumeria che risponde alle

Dettagli

CULTURA ARTIGIANA DA QUATTRO GENERAZIONI

CULTURA ARTIGIANA DA QUATTRO GENERAZIONI CULTURA ARTIGIANA DA QUATTRO GENERAZIONI la storia La tradizione della lavorazione delle carni suine è, per la famiglia Corsini, antica di quattro generazioni. La posizione collinare dello stabilimento,

Dettagli

Pancetta arrotolata senza cotenna

Pancetta arrotolata senza cotenna Scheda tecnica Pancetta arrotolata senza cotenna Prodotto a marchio: Descrizione prodotto: Salumificio Bonalumi snc Prodotto ottenuto dal pannicolo adiposo della parte ventrale della mezzena suina (pancetta),

Dettagli

Valutazione di alcuni aspetti con impatto sulla sicurezza alimentare dal punto di vista pratico

Valutazione di alcuni aspetti con impatto sulla sicurezza alimentare dal punto di vista pratico Sicurezza alimentare in macellerie di dimensione medio piccola Valutazione di alcuni aspetti con impatto sulla sicurezza alimentare dal punto di vista pratico (Sicurezza alimentare intesa nel senso più

Dettagli

DISCIPLINARE DI -PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA " SALUMI DI CALABRIA ; SOPPRESSATA, CAPOCOLLO, SALSICCIA E PANCETTA.

DISCIPLINARE DI -PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA  SALUMI DI CALABRIA ; SOPPRESSATA, CAPOCOLLO, SALSICCIA E PANCETTA. DISCIPLINARE DI -PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA " SALUMI DI CALABRIA ; SOPPRESSATA, CAPOCOLLO, SALSICCIA E PANCETTA."./'.'.XV" /..o 4 ART. 1 (Denominazione) La Denominazione di Origine

Dettagli

PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100%

PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100% PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100% Rubino (Coscia d'oca stagionata), Convivio (Salame tradizionale d'oca), Castellano (Cotto d'oca). Inoltre, tagli freschi e congelati d oca

Dettagli

Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici

Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici Il problema della conservazione degli alimenti è di enorme importanza per ragioni economiche, geografiche, politiche, climatiche, per l incremento

Dettagli

UNITà 11 la conservazione degli alimenti

UNITà 11 la conservazione degli alimenti unità La conservazione degli alimenti I termini e i concetti fondamentali 1 cause dell alterazione degli alimenti e metodi di conservazione Le trasformazioni a cui vanno incontro gli alimenti freschi li

Dettagli

La salsiccia Caratteristiche Confezione salsiccia sottile: Cod. S5000 salsiccia grossa: Cod. S5001 salsiccia sottile al cinghiale:

La salsiccia Caratteristiche Confezione salsiccia sottile: Cod. S5000 salsiccia grossa: Cod. S5001 salsiccia sottile al cinghiale: La salsiccia Caratteristiche: l'arte della salumeria sarda riesce a sorprenderci con i sapori e profumi diversi delle sue salsicce. Giocando con le spezie, i formati e la diversa grana delle carni riesce

Dettagli

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE 1 E fondamentale imparare a gestire correttamente le diverse temperature Tenere sempre conto della pezzatura dell alimento Evitare

Dettagli

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO.

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. A cura della Dott.ssa Simona Lauri: simona.lauri@nistriandrea.it Il discorso generico sui microrganismi contaminanti o utili, il loro sviluppo, i fattori che

Dettagli

Il packaging per il formaggio Parmigiano Reggiano

Il packaging per il formaggio Parmigiano Reggiano Il packaging per il formaggio Parmigiano Reggiano Incontro organizzato da Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano CPRA Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 29 giugno 2006 Dipartimento di

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA COME

COMMISSIONE EUROPEA COME COMMISSIONE EUROPEA Come leggere Fiocchi di riso e di grano integrale, arricchiti di vitamine (B1, B2, B3, B6, acido folico, B12, C) e ferro Peso netto: DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Cereal Lite

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Modifica del disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta «Salsiccia di Calabria» Art. 1 (Denominazione) La Denominazione di Origine Protetta Salsiccia di Calabria è riservata al

Dettagli

Unità 3. La Conservazione degli Alimenti. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello B1 Assistenza Familiare CHIAVI

Unità 3. La Conservazione degli Alimenti. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello B1 Assistenza Familiare CHIAVI Unità 3 La Conservazione degli Alimenti CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sul modo di conservare gli alimenti nuove parole relative ai prodotti alimentari a usare

Dettagli

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007 Il mantenimento della catena del freddo - Requisiti di legge riguardanti la temperatura durante la produzione, la conservazione, il trasporto e la vendita di derrate alimentari D estate, con l aumento

Dettagli

ANDAMENTO DELLA MICROFLORA PRESENTE NEI CAMPIONI IN ESAME NEI DIVERSI TEMPI DI PRODUZIONE

ANDAMENTO DELLA MICROFLORA PRESENTE NEI CAMPIONI IN ESAME NEI DIVERSI TEMPI DI PRODUZIONE ANDAMENTO DELLA MICROFLORA PRESENTE NEI CAMPIONI IN ESAME NEI DIVERSI TEMPI DI PRODUZIONE Partita di salame non inoculato 1.000.000.000 100.000.000 10.000.000 1.000.000 100.000 ufc/g 10.000 1.000 lattici

Dettagli

DATA inizio e fine BUDGET. Euro 2.454.414,00 01/07/2011 31/03/2015. COORDINATORE PROGETTO Roberta Davoli. CAPOFILA Università di Bologna, DIPROVAL

DATA inizio e fine BUDGET. Euro 2.454.414,00 01/07/2011 31/03/2015. COORDINATORE PROGETTO Roberta Davoli. CAPOFILA Università di Bologna, DIPROVAL SETTORE INTERVENTO: ZOOTECNIA (SUINO) TITOLO PROGETTO: Ricerca avanzata in genomica e innovazioni tecnologiche per la filiera produttiva del suino pesante italiano (HEPIGET) Advanced research in genomics

Dettagli

le eccellenze di salumeria

le eccellenze di salumeria indice PROSCIUTTO DI PARMA DOP GHIRARDI ONESTO PROSCIUTTO DI PARMA DOP GHIRARDI GOURMET PROSCIUTTO CRUDO DI LANGHIRANO GHIRARDI ONESTO BASSA SALINITÀ CULATELLO DI ZIBELLO DOP CULATELLO CON COTENNA DI LANGHIRANO

Dettagli

Specificazione del prodotto

Specificazione del prodotto Specificazione del prodotto Bigler AG Fleischwaren Industriestrasse 19 3294 Büren an der Aare Tel. 032 352 00 00 Fax 032 352 00 10 1. Dati di base Denominazione dell'articolo. dell'articolo Orello Carne

Dettagli

L ETICHETTA ALIMENTARE. Carta d identità del prodotto

L ETICHETTA ALIMENTARE. Carta d identità del prodotto L ETICHETTA ALIMENTARE Carta d identità del prodotto Alcune informazioni sono obbligatorie e regolamentate per legge e sono molto utili per la sicurezza alimentare Altre sono facoltative o complementari

Dettagli

CONSERVANTI CHIMICI- NATURALI ACETO

CONSERVANTI CHIMICI- NATURALI ACETO CONSERVANTI CHIMICI- NATURALI ACETO Viene utilizzato soprattutto per conservare gli ortaggi,grazie al suo contenuto in acido acetico,che non deve essere inferiore al 6%. L azione conservativa è dovuta

Dettagli

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA Art.1 Denominazione La Denominazione d'origine Protetta "Pancetta Piacentina" é riservata al prodotto di salumeria

Dettagli

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE ASL CITTA DI MILANO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Via Statuto n 5-MILANO LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE da: Linee Guida per una sana Alimentazione degli

Dettagli

Il sottovuoto non garantisce la conservazione illimitata, bensì solo un prolungamento della vita commerciale,

Il sottovuoto non garantisce la conservazione illimitata, bensì solo un prolungamento della vita commerciale, AGR -VET 15 - LUCIDI SOTTOVUOTO E ATMOSFERA PROTETTIVA docente Patrizia Cattaneo Riferimenti bibliografici Marenzi C., Zootecnica alimentare, maggio 1990, luglio 1990, settembre-ottobre 1990 L Enciclopedie

Dettagli

Tradizioni Italiane Conservate nel Tempo

Tradizioni Italiane Conservate nel Tempo Cenni Storici All inizio dell Ottocento era già nota l usanza calabrese di allevare i maiali. Lo dimostra uno scritto di Luigi Prato, scrittore e viaggiatore dell epoca, il quale, in un racconto che descrive

Dettagli

6. Il Sale? Meglio poco

6. Il Sale? Meglio poco 6. Il Sale? Meglio poco Di quanto sale abbiamo bisogno Sia il sapore che le proprietà biologiche del sale comune (cloruro di sodio) sono legate principalmente al sodio; ogni grammo di sale contiene circa

Dettagli

AM5 INDIVIDUAZIONE DEI CCP SEZIONAMENTO E CONSERVAZIONI CARNI

AM5 INDIVIDUAZIONE DEI CCP SEZIONAMENTO E CONSERVAZIONI CARNI AM5 INDIVIDUAZIONE DEI Pagina 1 di 21? SEZIONAMENTO E CONSERVAZIONI CARNI RICEVIMENTO CARNI FICI imballaggio Presenza corpi estranei metallici Enterobatteriacee, Listeria monocytogenes, campylobacter,

Dettagli

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma)

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) Prodotti in scatola o in vasetto (quarta gamma) CONSERVE PRODOTTI

Dettagli

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC

Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Principali difformità riscontrate in alimenti di origine animale prodotti in RPC Dr.ssa Paola Marconi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Il controllo sanitario nelle attività alimentari

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 11 CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI INDICE DI REVISIONE 1 Copia conforme all originale SCOPO Definire

Dettagli

CONSERVAZIONE E COTTURA DEGLI ALIMENTI:

CONSERVAZIONE E COTTURA DEGLI ALIMENTI: : NORME HACCP E NUTRIZIONE, IL DIFFICILE EQUILIBRIO TRA DIETE PERONALIZZATE, INTEGRAZIONE ALIMENTARE, PROBLEMI DI DEGLUTIZIONE E GESTIONE DEI PASTI IN STRUTTURA EMILIA REDA CIBO E INVECCIAMENTO Viterbo,

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

Il salumificio La coppa oltre a perpetuare l antica e consolidata tradizione dei Salumi Piacentini presenta una gamma di prodotti unica e di grande

Il salumificio La coppa oltre a perpetuare l antica e consolidata tradizione dei Salumi Piacentini presenta una gamma di prodotti unica e di grande Il salumificio La coppa oltre a perpetuare l antica e consolidata tradizione dei Salumi Piacentini presenta una gamma di prodotti unica e di grande qualità. L attenta selezione delle materie prime e delle

Dettagli

La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero

La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero L aggiunta dello zucchero ad un alimento altera la crescita batterica -a concentrazioni modeste (fino a circa 20%): substrato per la crescita

Dettagli

LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA

LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA D_025 Rev. 4:2011 07 novembre 2011 LIMITI DI CONTAMINAZIONE MICROBICA Questo documento contiene le tabelle dei limiti di contaminazione microbica, elaborate dal Laboratorio Chimico sulla base dei limiti

Dettagli

La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni. La prevenzione in ambiente domestico

La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni. La prevenzione in ambiente domestico La sicurezza alimentare in gravidanza: consigli e precauzioni La prevenzione in ambiente domestico NOVARA, 29 settembre 2012 BORGOMANERO, 13 ottobre 2012 Dott.ssa Silvana Pitrolo SIAN ASL NO Ricadute sulla

Dettagli

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Dettagli

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN

OSPEDALE DI CARITA Corso G. Marconi n. 30 12030 Sanfront CN PROVA SCRITTA CONCORSO PUBBLICO PER N. 1 POSTO DI ADDETTO ALLA CUCINA PROVA N. 2 (Crocettare la risposta esatta delle domande dalla n. 1 alla n. 20 e fornire una risposta sintetica ed esauriente alle domande

Dettagli

I PRINCIPALI NOMI DEI TAGLI DI CARNI SUINE

I PRINCIPALI NOMI DEI TAGLI DI CARNI SUINE I PRINCIPALI NOMI DEI TAGLI DI CARNI SUINE La carne di maiale ed i salumi: la mappa è orientativa, per cercare di capire più o meno di cosa stiamo parlando: da una regione all altra cambiano infatti i

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP

FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP Descrizione Formaggio semigrasso, a pasta dura, cotta ed a lenta maturazione, prodotto con coagulo ad acidità di fermentazione, dal latte crudo di vacca, proveniente da

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 PRATICHE ENOLOGICHE SPECIFICHE PER I VINI AROMATIZZATI, LE BEVANDE A BASE DI PRODOTTI VITIVINICOLI E LE BEVANDE A BASE DI VINO L'ASSEMBLEA GENERALE CONSIDERATA la risoluzione

Dettagli

Antica Norcineria F.lli Ansuini. Norcia

Antica Norcineria F.lli Ansuini. Norcia Antica Norcineria F.lli Ansuini Norcia A Norcia, nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, l Antica Norcineria Ansuini seleziona per voi i prodotti migliori. Dal 1940, grazie all esperienza tramandata da

Dettagli

AGR -VET 21 - PRODOTTI DI SALUMERIA - Budelli - Salame docente Patrizia Cattaneo

AGR -VET 21 - PRODOTTI DI SALUMERIA - Budelli - Salame docente Patrizia Cattaneo AGR -VET 21 - PRODOTTI DI SALUMERIA - Budelli - Salame docente Patrizia Cattaneo Riferimenti bibliografici budelli naturali e artificiali: www.insca.org www.wolfsoncasing.com Cantoni C., 1987 Eurocarni,

Dettagli

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP Modena, 28 Settembre 2011 La valutazione del 1 e 2 principio Codex Gli strumenti e i metodi a disposizione per il Controllo Ufficiale Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

SALUMERIA MERANESE SALUMERIA MERANESE SALUMERIA MERANESE SALUMERIA MERANESE SALUMERIA MERANESE

SALUMERIA MERANESE SALUMERIA MERANESE SALUMERIA MERANESE SALUMERIA MERANESE SALUMERIA MERANESE Cod.: 014 Nome: Würstel Ingredienti: Carne di suino, sale e aromi Peso: 250 gr. circa Cod.: 014 Nome: Servelade Ingredienti: Carne di suino, sale e aromi Peso: 350 gr. circa Cod.: 014 Nome: Weißwurst Ingredienti:

Dettagli

ALLEGATO 2) COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi

ALLEGATO 2) COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi ALLEGATO 2) COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi SERVIZIO ASII NIDO CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE ED IGIENICO- SANITARIE DI ALCUNI PRODOTTI FRESCHI DA FORNO IMPIEGATI, O DI POSSIBILE IMPIEGO, NEGLI

Dettagli

LA REAZIONE ALL'AMBIENTE: L'ATTIVITÀ MUSCOLARE TUTTI I MOVIMENTI NEL CORPO E DEL CORPO SONO LA CONSEGUENZA DI CONTRAZIONI E RILASCIAMENTI MUSCOLARI

LA REAZIONE ALL'AMBIENTE: L'ATTIVITÀ MUSCOLARE TUTTI I MOVIMENTI NEL CORPO E DEL CORPO SONO LA CONSEGUENZA DI CONTRAZIONI E RILASCIAMENTI MUSCOLARI LA REAZIONE ALL'AMBIENTE: L'ATTIVITÀ MUSCOLARE TUTTI I MOVIMENTI NEL CORPO E DEL CORPO SONO LA CONSEGUENZA DI CONTRAZIONI E RILASCIAMENTI MUSCOLARI CLASSIFICAZIONI DEI MUSCOLI: STRIATO SCHELETRICO STRATO

Dettagli

L.monocytogenes atcc_19115 wild_strain_izs_n _144664 wild_strain_izs_n _162061

L.monocytogenes atcc_19115 wild_strain_izs_n _144664 wild_strain_izs_n _162061 Ditta Comune Produzione Fumagalli Industria Alimentari S.p.A. Como Prosciutto cotto Festa Sperimentazione del // Patogeno L.monocytogenes atcc_ wild_strain_izs_n _ wild_strain_izs_n _ Modalità di contaminazione

Dettagli

Conservazione e trasformazione delle produzioni agricole. Muggia, 15 giugno 2015

Conservazione e trasformazione delle produzioni agricole. Muggia, 15 giugno 2015 Conservazione e trasformazione delle produzioni agricole Muggia, 15 giugno 2015 Perché? 1) per prevenire o rallentare i processi di alterazione dei prodotti ottenuti in campo 2) per prolungare nel tempo

Dettagli

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA

ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE NEGLI ALIMENTI DESTINATI ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ALLESTIMENTO E LA GESTIONE TEMPORANEA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLE MENSE UNIVERSITARIE DELL ERDISU DI TRIESTE (CIG N. 3218525AD7). ALLEGATO N. 5 LIMITI DI CARICHE MICROBICHE

Dettagli

Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna

Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna Lucia Rossi L attività di Ricerca Corrente svolta dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Da una valle incontaminata, incastonata. nell Oltrepò Pavese, il gusto autentico. di antiche tradizioni. prende forma. nel Salumificio Magrotti.

Da una valle incontaminata, incastonata. nell Oltrepò Pavese, il gusto autentico. di antiche tradizioni. prende forma. nel Salumificio Magrotti. ORGOGLIO D OLTREPò I prodotti De.Co. Logo riprodotto in quadricromia Da una valle incontaminata, incastonata nell Oltrepò Pavese, il gusto autentico di antiche tradizioni prende forma nel Salumificio Magrotti.

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI. Orario di ricevimento: lunedì 9-11, qualunque altro orario previo contatto telefonico Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: Scienze e Tecnologie Agroalimentari Curriculum: Tecnologie Agroalimentari Anno di Corso: 2 Semestre: 2 Insegnamento: Microbiologia degli alimenti CFU:

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

L analisi sensoriale applicata al miele

L analisi sensoriale applicata al miele L analisi sensoriale applicata al miele 1. Generalità sull analisi sensoriale L analisi sensoriale è un metodo per determinare le caratteristiche organolettiche dei prodotti alimentari attraverso il ricorso

Dettagli

L esigenza di nuovi spazi portò l azienda

L esigenza di nuovi spazi portò l azienda Gusto Valtellinese Gusto Valtellinese L esigenza di nuovi spazi portò l azienda a trasferirsi nell attuale sede di Montagna in Valtellina: ed è nel cuore delle alpi lombarde che Alberto, spinto dall entusiasmo

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Alterazioni dei formaggi Prof. Roberto Rosmini Alma Mater Studiorum-Università di Bologna 07/07/2005 1 Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Dettagli

Guarda che cosa ho nel piatto! a cura dell ONAS

Guarda che cosa ho nel piatto! a cura dell ONAS Guarda che cosa ho nel piatto! a cura dell ONAS 1 Guarda che cosa ho nel piatto! Pubblicazione non in vendita - a cura dell ONAS Stuzzicare la curiosità dei ragazzi con l osservazione di ciò che hanno

Dettagli

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise Pasta frolla Pari q.tà materia grassa e zucchero Pasta sable % maggiore di m. g. rispetto allo zucchero Pasta brise % di sale maggiore (0,80%) % di zucchero minore 2-3% Giambattista Montanari Farine Amidi

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

Dalla Spesa alla Tavola

Dalla Spesa alla Tavola Dalla Spesa alla Tavola L Igiene e la Salute in Cucina Dott.ssa M. Stella 1 L Acquisto attento dei Prodotti Alimentari Dott.ssa M. Stella 2 L Etichetta di un Prodotto Alimentare 1) denominazione di vendita

Dettagli

NUTRIZIONE MICROBICA. Riproduzione ed accrescimento CONDIZIONI AMBIENTALI PER CRESCERE TERRENO COLTURALE DEVONO TROVARE MICRORGANISMI RIPRODURSI

NUTRIZIONE MICROBICA. Riproduzione ed accrescimento CONDIZIONI AMBIENTALI PER CRESCERE TERRENO COLTURALE DEVONO TROVARE MICRORGANISMI RIPRODURSI NUTRIZIONE MICROBICA Riproduzione ed accrescimento PER CRESCERE CONDIZIONI AMBIENTALI MICRORGANISMI DEVONO TROVARE TERRENO COLTURALE RIPRODURSI NUTRILITI METABOLISMO NATURA Colture pure e caratteri colturali

Dettagli

Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura

Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne A.S. 2011/12 Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura Seminario biomedico e chimico farmacologico sulla Dieta mediterranea e i disordini alimentari 23 gennaio 2012 3 incontro

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

Non è ammessa l assenza alla precedente lezione sull autocontrollo HACCP 20.00-21.00 Il suino: dalle origini ai giorni nostri

Non è ammessa l assenza alla precedente lezione sull autocontrollo HACCP 20.00-21.00 Il suino: dalle origini ai giorni nostri Associazione Norcini Bresciani Via Cantine snc Rovato (BS) www.norcinibresciani.it XII Corso per la formazione di nuovi norcini Rovato (BS), ottobre 2014 febbraio 2015 Programma delle lezioni in aula Data

Dettagli